Sacerdos Alessandro Minutella excommunicatum in communione sunt cum Summo Pontifice Benedicto XVI, qui factus est ex libero agere est renunciatio, sed re non confundit confuse deperditam, et populum Dei iam nimis

- Ecclesia nuntium -

IL PRETE SCOMUNICATO ALESSANDRO MINUTELLA NON È IN COMUNIONE CON BENEDETTO XVI CHE HA FATTO LIBERO ATTO DI RINUNCIA BENSÌ È UN SOGGETTO CHE CONFONDE IL POPOLO DI DIO GIÀ FIN TROPPO SMARRITO E CONFUSO

.

A molti Lettori che ci Cor fatui quasi vas sacerdos in hac communione privetur è nostro dovere sacerdotale rispondere che chiunque partecipa alle sue sacre celebrazioni e riceve da lui i Sacramenti cade in stato di peccato mortale, Confessarius inquirat et absolutionem, post agnita culpa non modo eosdem faciendo peccaverit. sed supra omnia,, mendaciorum quam haeretici, schismatici, scio Primum stipendium "absolutam oboedientiam« Benedictus ipse erat successor.

.

auctor
Editors in insula quae appellatur Patmos

.

.

PDF Print Article

 

.

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

Multi lectores chiedono lumi sul Reverendo Alessandro Minutella, Panhormum, sacerdos, qui clamat in socialis network Francisci de illegitimitate illarum, quæ Summi Pontificis, nisi qui agnoscit quod Archiepiscopus emeritus cardinalis titulo de Buenos Aires, Sed maxume versatur sacros acceptus Domino sanctum personam contumeliae. In hoc sacerdos, fatigantes saepe idem vocat: et necesse est ab auctoritate ecclesiastica excommunicatio irrogata, quamvis magis esset bene dicere non solum his, qui certiorem de heretica et schismatica positions, et suam velle corrigere, ut dicitur in excommunicationem incurrit, et qui sponte latae sententiae.

.

Nunc cum ad Alexandrum Reverendus Minutella Hoc non dimisit e statu clericali,, quod postquam prius suspensus a divinis, et postea debitum reformare, Potest tamen legitime ibidem sacrum ministerium peracturi. Sciunt ergo præsto est et sacrarum sacramenta fidelibus ministrari nisi ab illicitis non valent fidelis et catholicus debet.

.

Dinanzi a molte richieste venerunt ad editorial virgam, praesertim cum nuper hac re agere omnia quae multo plus his inritati adhortationibus, è nostro dovere sacerdotale informare il numeroso pubblico di Lettori che ci segue che chiunque partecipa alle sacre celebrazioni e riceve i Sacramenti da questo prete scomunicato, Non cadit in peccatum mortale statum, Confessarius inquirat et absolutionem, post agnita culpa non modo eosdem faciendo peccaverit.

.

Debemus cuius evidentiam quod omnis pontifex excommunicavit illi non desistunt aliter fieri sacerdos, nemo auderet contradicere sacramenti. Et sicut heretica et schismatica manet sacerdos in perpetuum, ministerium exercere potest esse absque aliquo, donec publice et conversi sunt, et restitui ab auctoritate ecclesiastica, ad sacrum ministerium exercendum.

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

Sacramentum Ordinis eique iam suapte recipere sacramentum competit qui in ipsum divinitus fiunt "ministri sacri" describendisque agere in persona Christi [potes. 1009 §3], deinde inseruit in ius vocant statu clericali proveniens ex quo sacram ordinationem; fert conditio obligationibus clericorum et dictat iura ecclesiastica ordinamento. Quod cum sacramento quod imprimit characterem Ordinis "stabile et aeternum", nullus ordo sequitur potentiam spolietur [potes. 1338 § 2.]. Quia est consequens ex Ordinis sacramento derivantur a clericali statu alienam, quamvis duo elementa - de Sacramento, quod et in clericali statu alienam gerere results - distincta sunt,, quamvis inter connectuntur. Clericus vero labe potest a statu clericali, puniri, aut privatus statum clericalem, nunquam destituitur ordine sacris corruptelae, quia et illud quidem non receperunt eum “aeternum indelebile”.

.

Ecclesiae ius quo possint clerici in tres causas clericatum: declarata nullitate sacrae ordinationis aut decreto administrativo sententia [potes. 290 n:. 1]; persolvendas illicitum esse propter scelus quod requiritur ad propria praebet auctoritatem idolatriae [potes. 290 n:. 2]; Rescriptum Sedis Apostolicae in quo subsidio conceditur ob gravissimas quidem causas sacerdos [potes. 290 n:. 3]. In quibusdam casibus ad maximam poenam dimissionis e statu clericali, puniri non poterit eidem clerico [potes. 1336 § 1. n. 5], quae prius involvere debet ad designandum quod non est in potestate ordinis privatio, quia potentia propinqua sacramentalem, charactere indelebili.

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

et seniores Reliquit status clericalis prohibitus est: et potestatem de iure licet exercens ordinem [potes. 1338 § 2.], quod e statu clericali forisfacturam, praeter detrimentum iurium, de re publica munia et ipsum, Alter uero qui in vetitum est exercere potentiam ut terminum peremptorium [potes. 292]. Inde sequitur quod presbyteri missum ad clericatum Auctoritas ecclesiastica metiri rogationi, Nullam auctoritatem exercere non oriantur e sacramentorum et ordinis legitimate [potes. 1336 §1,, n:. 3].

.

Sacerdos Alessandro Minutella Hoc non dimisit e statu clericali,, sed suspensus erat prius a divinis et tunc excommunicatus. Prima suspensio exsecutionis decreti, post excommunicationem, suspensus suis munia de feodo de sacerdos et maxime cum de communione privetur sacerdos Sacrificium eucharisticum celebrare vetitum absoluta et porrigendi Sacramenta. Si subderentur aequaliter sacro ministerio, ad celebrandam sanctam Missam et Sacramenta administratum esset illicita est, sed valida, quo fit, ut, qui celebrat Missam participare, et illos qui, qui sacramenta et recipientes, Non cadunt in statu peccatum mortale. nisi, a fidelium, non per ignorantiam vel imperitiam dicantur necesse. Solo in un caso un presbìtero scomunicato può amministrare lecitamente un Sacramento — anzi, in hoc casu illud quod requiritur ad facere specifica - det non posse absolutionem paenitentes in periculo mortis casus realem [potes. 976].

.

Additae huic novissimo suo Visionando videos articulum [video video, qUI], determinari potest per modum quamque mitiores audiens presbyterum Romanum Pontificem crimen indignum, et ad membra Collegii episcopalis Collegii sodales, praeter nobis palam ignaviae accusatis omnis eius confratres sacerdotes, reus in iudicium non facere nec parere 'cardinalem Jorge Mario Bergoglio invasor a Petri Sede,' cervices suas, et ad Missam celebraturus, in eius communione gubernata [Cf.. video, momentum 19,50 qUI]. in facto,, impius eius dicite, Missa et in communione «oram chlamydis Saul Bergoglio", definivit: "Pontificem falsum ', Hoc non valet,, stultus est - rant continues to - "actiones Spiritus Sancti gratiam iustificantem per", et eos qui ad Missam talis est [N.d.r. in communione cum Papa reigning] ad missa de diaboli " [Cf.. video, momentum 5,02 qUI] quoniam «in omnibus, quod sit unio in Christo Iesu et non Bergoglio, est Spiritus Sancti, Non satanas " [Cf.. video, momentum 6,38 qUI].

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

Et figuras affixa quod excommunicatis, a Papa cum Episcopis diœcesanis, sacerdotes sequitur nobiscum, homines constituunt Corpus Ecclesiae imperfectorum, peccatorum quasi imperfectus, qui semper replete per sacramentum gratia dicuntur esse quaedam praestare roles et munera quaedam sacramentalia,. Quis possit agere de virtutibus pastoralis Summi Pontificis, et de sacerdotibus singuli Episcopi propositis; potest quis defectus, et moralis eorum vitiisque constabat et quod dein diceret reddendam esse ante tribunal Dei, qui curam animarum pastores nobiscum praesertim gravioribus. Qui vero in dubium legitimae auctoritati Romani Pontificis et Episcoporum, intende, qui graviter & periculose, ut sit sancta Ecclesiae structuram hierarchicam carrier Christi et grave scelus committere adversus Sanctus per fidem.

.

A cta Reverendi video, per catechesim Alexandrum Minutella emergono florilegi e gravi contraddizioni dottrinarie, erroribus et omnium theologorum indiligentiis, Deiparae Virginis potius ab ipso. Ut si certe multa exempla, Et hoc facit quod facere potest, ut indicant aliquas argumentationes theologicas rationi restricte scientificae et removere illos qui ab absurda asserenda est, quod id esset requirere liber. Ita nos non ad aliquam exempla liquet, sapendo anzitutto di avere a che fare con un Sacerdos ponit duas Doctoralem, sicut ipse vult, ut saepe iterare, non tam crassa ignorantia sacramentorum theologia exprimendo, sed solum in primaria Ecclesiae Catholicae Catechismus. Et quoniam diversi Lettori ci hanno scritto ricordando che questo presbitero è due volte dottore in teologia e che come tale non può dire cose inesatte come quelle proferite dai membri della cosiddetta «falsa Chiesa» da lui condannati, hoc primum omnium oportet esse patet quod virtutes theologicae non sunt doctores sapientiæ barbarorum quicquam, doctoralem nullum recipit per gratiam Spiritus sancti donis egregiis notabis medicum character aeternus permanens. in facto,, sacerdotio, Nec conferre cum doctores, sed in sanctificatione cum sacerdos sacramentum Ordinis. Si pignus salvum doctores constituuntur, solidum et orthodoxae doctrinae de sapientiam infusam Spiritus Sancti, neque enim capere quod dixi et scripsi Ioannis Küng minime dubium vocavisse, John Franzoni, Unde sequitur Leonardi Boff. Et memini, per accidens, ut in primo dictum est duabus, Praeter quod pluri titrated, Socius erant expertes, respectively all'assise Concilii Oecumenici Vaticani II. John cui titulus The award Franzoni, ad Concilium, Aequalis dignitatis modulatus, Ordinarius vicis abbas Sancti Pauli extra moenia esse, decennium ante quam prius erat assimilantur praelatura antiquae Urbe.

.

Nunc in confusionem multos enim perdidit credentes, sed respice ad tutum incessus dicitur haereticus qui celebrat Missam in sancta communione cum Papa irritum reigning, Hoc, si fugienda; et quidem frequens apud nos: in hoc secutus inde obligatione tenentur morali, ne impii fidelis pastor,, veneficiis accusabant confusa ecclesiae pertinentes, Bis cum sit pignus obtulit MD.

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

qui declara hanc eandem formam, In summa videtur facilius, tantum audi nos commodare, quod satis est et deinde sunt interrogavit ad personam pertinent: Episcopus, qui in communione est cum quibus est,? Quiquidem episcopus dedit mandatum ad ibidem sacrum ministerium peracturi, praeter quod illa specialis vires asserit esse receptum ab homine Beatae Mariae Virginis? Vel maybe non scire,, vir sapiens est duplex, vel per Ph.D., quod nemo possit sibi sacra communione, quia Eucharistiam valide conficiendam celebratur a nobis positum in Eucharistiam valide conficiendam quam Episcopus celebrat, in plena communione cum Episcopo exercendus of Rome? In eo, circa singula, replicare diu quid est quod ait video quomodo hic dicitur, in iteravit, triste vale:

.

"Ego celebramus in communione cum Summus Pontifex Benedictus XVI, quis est, ad papam, dum cardinalem Jorge Mario Bergoglio usurpator impositum est Petri Cathedram satanico Freemasonry potestates gentium ".

.

íngerit dubitántium et eos, qui credebant in hoc quod dicit, Et pose hac quaestione: cfr Benedictus XVI, quod ignorare non possunt,, antequam migremus ad Arcem Gandulfi Conclavi durante abstinuisse Civitatis Vaticanae, Pronuntiabat "propagativa" designatus successor creatus erat ante? Cum dicitur, quod, Fortasse enim dixit paulo eligendi successoris obediret, pro qui fuit? Et quomodo potestis, Tam impius cum in Populi Dei uim ueneni grassantis, Sequenti autem nocte assistens electionis, qui ignorare quod, Cum autem dicitur elected nuper vivis et praedecessor eius, haec enim dicit illi have: "Sanctitas, et nunc faciam tibi promitto summa, parendum atque orationis meae "? Hoc enim non vult quod ait: Benedictus qui ante conclauis se parere offered was elected et post electionem suam Oboedientia quidem sua usque ad legitimum successorem,?

.

reformandam de filmic Exorcistae, cum sacerdos excomunicari per partes dell'indemoniato [aperire click in imaginem video]

nuper,, columnas huius magazine erat enim omnes qui cum admiratio plus minusve poetica quaestiones, maxime proficit hypothesibus surreal, Nihil excipio ab omnibus sollemniter documento Benedictus, hoc est,: Quod est motus a Vat ante conclauis, iam antequam electionis suae dicens: "propagativa" ut insidiatorem successorem sibi destinasse. paulo post, et vocavit ad illum nuntiare insidiatorem successorem sibi destinasse elected in his homo electionis, et ait:: "Sanctitas, et nunc faciam tibi promitto summa, parendum atque orationis meae ". Si autem venerabilis Benedictus, cuius ministerium, praeter, liberum pro cessare faciam cum morte actum renuntiationis cum cessassent, Ex iis Menippus ignorare tanta fide atque obsequio erga eius successore, nos, forsitan idem sequeretur quod? [video sectionem V "non est alia via praeter obedientiam Petri,, qUI]

.

sectatores hic excommunicavit quaeris: se a riconoscere il Successore al sacro soglio è stato per primo Benedetto XVI, Sacerdos quaestio est crimen in in «sanctis bello" in persona Beatae Mariae Virginis, qui communionem? Quia si non intellexit, Primus fuit excusanti communione regnans Benedictus, qui sponte fecit ad REPULSA Petrinum aeque administrandum, quid libertas revocat abrenuntiationis, memoriam revocat, ante electionem et post electionem suam 'propagativa "ut insidiatorem successorem sibi destinasse.

.

Huius sectatores et insipientibus debitor sacerdos ex omni theologos statera, admirari se et interrogate: Sed hoc sacerdos in furore,, qui communionem? In nomine loquitur? Quod forsitan loquitur "Domina in me potestatem, [Cf.. video, momentum 10,50 qUI], deinde pro beata Maria Virgine, et dices ad eum hoc scelus ut recedamus a Romano Pontifice nominantur, "cui non iam bello declaravit" [Cf.. video, momentum 23,00 qUI]? Et qui maria, nostro venerande, Mater Ecclesiae,, audiemus vocem Petri et protrudit ad modum apostolorum collegio,, et postulantes ut ad suum praesidium per diabolicam quae sacerdos dicit in omni tempore "Vivaldi ad me ', «Domina, quem ostendit mihi '? Donec tandem nuntio, quod «Domina [iam] consecratae inde pastor egressus est de attributis ' (!?) [Cf.. video, momentum 30,38 qUI].

.

Et posuit respondere ad quaestiones ab Ecclesiae Patribus Lectores In insula, quæ appellatur Patmos, Ideo sic: haeretici qui hoc in celebrationibus excommunicavit participationes, conscientiam sui non nisi objective Status excommunicare, nisi verum vel necessarium non est oneratus, ut ignorantia, quominus se quoque exercere sive potissimas formas sensus discrimine, Considerandum in statu peccati mortalis omnia.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 20 Februarius 2019

.

.

.

In eo, Reverende Alexandrum Minutella non intelliget exorcista certissimè, sed solum qui daemonium habuerat …

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

..

.

Avatar

About isoladipatmos

20 cogitationes on "Sacerdos Alessandro Minutella excommunicatum in communione sunt cum Summo Pontifice Benedicto XVI, qui factus est ex libero agere est renunciatio, sed re non confundit confuse deperditam, et populum Dei iam nimis

    1. care Lector,

      tra lei e noi c’è una differenza sostanziale: noi ci presentiamo sempre con i nostri nomi e con le nostre facce assumendoci sempre dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini la responsabilità di ciò che diciamo, lei invece rientra nel fitto esercito degli eroi internetici che insultano dietro la garanzia eroica dell’assoluto anonimato.
      Et cum, adesso ci dica lei chi è, che lecca i calzini

  1. Ariel, pater mi

    vorrei domandarle: un fedele può criticare un papa? Questo papa regnante mi lascia molto, moltissimo perplesso sono 6 anni che semina confusione e crea dubbi,fa politica immigrazionista, le sembra normale?

    1. Fabio carissimi,

      la Chiesa Cattolica non èné mai è stata nel corso della sua storia bimillenariail regime sovietico stalinista, né quello cambogiano di Pol Pot, né quello del dittatore della Corea del Nord e via dicendo

      Durante alcuni concili, diversi Pontefici sono stati criticati anche duramente nel corso delle discussioni; alcuni concili furono anche interrotti e poi ripresi a intervalli di vari anni per far placare certi animi, o per evitare influenze esterne da parte di vari potentati interessati a condizionare dall’esterno all’interno varie discussioni. Durante il Concilio Vaticano I, il Beato Pontefice Pio IX fu reso oggetto di dure critiche da parte di diversi vescovi, quorum aliqua, dinanzi allo studio sulla proclamazione del dogma sulla infallibilità pontificia in materia di dottrina e di fede [Cf.. theologiam dogmaticam Constitutionem Pastor aeternus], tra i banchi fecero correre questa voce: «Non gli basta essere un Padre Santo, adesso vuole diventare anche un Padre Eterno?». In seguito al Vaticano I si verificò poi lo scisma dei cosiddetti vetero-cattolici che non accettarono la proclamazione del dogma della infallibilità. Esattamente come in seguito al Vaticano II vi fu infine un atto scismatico da parte del Vescovo Marcel Lefebvre che non accettò alcune delle dottrine di questo concilio, benché tutti pensino che le sue furono questioni di carattere puramente liturgico, cosa affatto non vera, posto che Lefebvre, il documento sulla riforma liturgica, lo firmò.

      aliquot tempora, in diversi miei articoli ho ricordato che durante alcune sessioni dei grandi concili dogmatici, i vescovi si sono presi anche a legnate tra di loro, al punto che gli imperatori bizantini disposero un servizio di vigilanza, affinché i soldatiche non potevano entrare nell’aula conciliarepotessero però accedervi se scoppiavano risse tra i vescovi.

      Dunque non solo criticare un Sommo Pontefice è possibile, ma in alcuni casi criticarlo o richiamarlo ai suoi doveri può essere persino doveroso, lo hanno fatto anche diversi Santi, da San Bernardo di Chiaravalle a Santa Caterina da Siena. San Bernardo scrisse anche un libello intitolato Trattato buono per ogni papa che donò a Eugenio III dopo la sua elezione, mettendolo in guardia su varie cose, un esempio tra i tanti contenuti in quel testo:

      «Puoi mostrarmene uno solo che abbia salutato la tua elezione senza aver ricevuto denaro o senza la speranza di riceverne? Et eo magis quod professi sunt servi tui, tanto più vogliono spadroneggiare nella Chiesa».

      Criticare un Sommo Pontefice, o metterlo in guardia da elementi non raccomandabili dai quali egli potrebbe circondarsi, non è un’insolenza, ma è un dovere, un vero e proprio imperativo di coscienza, in quibusdam casibus,.

      Noi preti per primi, che pure siamo vincolati al Vescovo in perfetta comunione col Vescovo di Roma da una solenne promessa di obbedienza, possiamo trovarci a disagio dinanzi a certe decisioni o scelte pastorali del Vescovo o del Romano Pontefice; e verso l’uno e l’altro, potremmo anche non nutrire stima, come più volte ho spiegato. Et non ex nobis, in facto,, ha mai promesso al Vescovostima”, nessuno di noi ha mai promessoil Vescovo mi rimarrà sempre simpatico”. Dinanzi al Vescovo ed ai Confratelli presbìteri riuniti dinanzi al Popolo di Dio, durante un atto pubblico solenne tal è la consacrazione di un nuovo presbìtero, abbiamo promesso al Vescovo in perfetta comunione con il Vescovo di Roma: «Filiale rispetto e devota obbedienza». E quella gli è dovuta. La stima no, non gli è dovuta, ma l’obbedienza si.

      Lei può anche non stimare il Pontefice regnante, o sentirsi a disagio dinanzi a certe sue scelte pastorali, le garantisco che non è certo l’unico. Ciò che non è possibile fare è negare la legittima autorità del Romano Pontefice e l’obbedienza nella fede che a lui è dovuta per il mandato che ha ricevuto da Cristo Signore.

      E che un presbìtero non capisca questo, peraltro dopo essersi come lui dice dottorato due volte, come ben capisce, è cosa molto grave.

      Infeliciter, in un mondo nel quale prevale il sentimentale, l’umorale et rebus, le persone tendono invece ad agire in base al Sicut et ego quod non mi piace. Ma un Romano Pontefice non deve piacere, deve essere seguito e ubbidito quando adempie al suo ruolo di supremo maestro e custode della fede.

      Altra cosa che al Minutella sfugge è il fatto che la legge ecclesiastica precisa da sempre che «il Sommo Pontefice non può essere sottoposto a giudizio» ed i suoi «provvedimenti giurisdizionali ed amministrativi non sono impugnabili».

      Perché non può essere sottoposto a giudizio? Per l’ovvio e semplice fatto che l’autorità a lui superiore è solo quella di Cristo Dio.
      Infeliciter,, in questo clima di mondanità, dove tutto, anche da parte dei credenti, è giudicato con categorie socio-politiche, qualcuno pensa che per un Sommo Pontefice si possa ricorrere al cosiddetto impeachment con relativo processo e giudizio.

      La minutelliana accusa che tutti tacciono, vescovi e presbìteri, fuorché l’eroico incaricato dalla Madonna in persona come Minutella si dichiara e impunemente afferma, è una autentica aberrazione, quod: una affermazione totalmente priva di ratio.

      Tutti tacciono per il semplice fatto che quantunque un Sommo Pontefice possa essere legittimamente criticato, possa essere anche difettoso e dannoso, non può essere però invece giudicato; e non può esserlo per il semplice fatto che non esiste al mondo autorità umana a lui superiore e al di sopra del suo ufficio.

      Nel mondo del Sicut et ego E non piace, nel mondo del ma io sento quindi io penso, nel mondo del sentimentale et ex’motus, tutto questo è forse difficile da digerire, ma è la nostra fede. Una fede che nessuno è tenuto ad accettare, ma se uno si professa cattolico, deve accettarla, in caso contrario si incorre giustamente e meritoriamente in scomunica come il Reverendo Alessandro Minutella, quia non est alius, al di sopra dell’autorità di Pietro, può ergersi a giudice di Pietro dopo essersi di fatto auto-proclamato cattolico a modo suo.

      A chi nega di capire questo, purtroppo altro non posso dire e altro non posso aggiungere, se non perdendo inutilmente tempo a predicare alle sabbie del deserto. Con grande dispiacere per tutti quei cattolici veri o presunti che dinanzi a questa dolorosa e santificante prova di fede alla quale la Chiesa e tutti noi suoi figli siamo sottoposti, agiscono in modo non cattolico, umorale, sentimentale e infine aggressivo-distruttivo, quasi come se la Chiesa fosse una multinazionale governata da un presidente che può non lavorare bene e quindi non piacere, pertanto può essere processato, condannato e licenziato dalla assemblea degli azionisti con l’accusa di avere danneggiato il capitale sociale.

  2. L’eresia ormai dilagante, mette in serio pericolo i fedeli che vogliono restare tali. Quando il pesce puzza si dice puzza dalla testa. Troppi don Minutella verranno fuori da una chiesa lontano ormai dalla fede e dalla tradizione. Intanto continua lo scempio. Cardinali contro cardinali. Vescovi contro vescovi. Preti contro preti. La dottrina completamente ribaltata. Che cosa deve ancora accadere? Se proprio dovete mordervi, badate almeno di non sbranarvi. Vi ricorda qualcuno?

    1. altroché, se a me ricorda qualcosa e qualcuno.
      Basterebbe che lei leggesse certi miei articoli, perché scoprirebbe quante volte mi sono richiamato a questa espressione del Beato Apostolo Paolo. L’Ho fatto anche alla fine del mio ultimo articolo [Cf.. qUI].

  3. Questa storia che è stato Benedetto stesso a riconoscere Bergoglio, e ciò ne dimostrerebbe la validità, si sente ormai da anni. Infeliciter, sed, questo fatto non prova un bel nulla: vi aspettate che un Pontefice obbligato all’abdicazione, magari con minacce verso di sé o la Chiesa, il giorno dopo si affretti a gridare urbi et orbi che il proprio successore è un impostore? Se Benedetto si è piegato a prepotenze, è logico che reciti la propria parte fino in fondo e riconosca pubblicamente il successore come Papa.
    Le dimissioni di Benedetto sono parte di un disegno politico non italiano (e no, questo non me l’ha detto Minutella). E visto che le cose sono molto cambiate da allora, probabilmente presto la verità sarà resa pubblica.

    1. se le cose stanno come lei dice, il buon Minutella, in modo scientificamente coerente, prima di prendersela con il «falso papa» e con «l’eretico e apostata Bergoglio», dovrebbe prendersela anzitutto, sopra a tutto e prima di tutto con Benedetto XVI, che in base alla tesi da lei enunciata, sarebbe allora il vero e dannoso responsabile di quanto accaduto, Non est enim?

      E questo sarà purtroppo il passo successivo di questo indiavolato: in aliquo puncto, pur di tenere in piedi il teatrino di se stesso e la voragine nella quale è caduto, finirà per prendersela con lo stesso Benedetto XVI, in certi suoi discorsi ci sono già tutti i presupposti, è che per il momento non osa nominarlo e accusarlo. Per adesso le sue accuse sono nascoste dietro le righe e dietro le parole.

      A chi si riferisce Minutella quando parla del «pastore che fugge» o del «pastore impaurito» o del «pastore signorina»? [Cf.. video qUI].

      All’uomo Jorge Mario Bergoglio possiamo imputare tutti i difetti, le ambiguità lessicali ed espressive e tutte le umane limitatezze che vogliamo, se però c’è un’accusa che nessuno può rivolgergli, è l’accusa di «signorina impaurita», perché il suo alto tasso di testosterone maschile è fuori da ogni possibile discussione.

      Dunque a chi sono rivolte queste invettive minutelliane senza nome e senza soggetto specificamente indicato?

  4. Io penso una cosa , non ce peggior sordo che non vuole sentire. Lei scrive che no , che lui è così, chi va con lui…., è tante cose da impressionanti che solo qualche stupido può rimanere incantato da quello che scrive. La sua potrebbe essere una intelligenza artificiale. Ma perché non scende nei contenuti? Smentisce ciò che dice lui dai testi sacri, direttore di questo …..? Giornale? Ci smentisca coni testi della chiesa cattolica romana ciò che dice Minutella, e poi ne parliamo sia professionale dai

    Simone Catalano

    1. Simon carissimi,

      Ego intelligo … se uno affermacome abbiamo fatto noiche quando cala il sole e si alza la luna piomba la notte sulla terra, dinanzi a ciò lei ci domanda di portare le prove chiare e precise che con la luna alta nel cielo è veramente buio e che non brilla più il sole?

      Cosa dovrei smentirle «con i testi della Chiesa» dinanzi a un prete che:

      1. nega la legittima elezione del Romano Pontefice ;
      2. lo ha definito eretico, apostata e usurpatore della Cattedra di Pietro ;
      3. nega la validità della Santa Messa celebrata in comunione con colui che egli indica comefalso papa” E “fantoccio della massoneria”;

      E dinanzi a questa luna sul cielo e dinanzi al buio che dalla luna ne consegue, lei mi chiede di «scendere nei contenuti» e di smentire «con i testi della Chiesa cattolica romana ciò che dice Minutella»?

      mihi credite,, caro Simone, lei è un autentico fenomeno, glielo dico con autentica simpatia, perché lei mi ispira veramente tenerezza.

  5. Don Minutella sembra aver dato di matto. Le cose che va dicendo non sono condivisibili, soprattutto riguardo alla messa una cum, ma forse don Ariel ciò che dice lei ha valore quando la situazione nella Chiesa rientra nella normalità. In base al diritto canonico lei ha ragione su tutto. Ma prima o poi dovremmo chiederci seriamente se il diritto canonico avrà ancora valore in futuro, dal momento che tutto il resto sta saltando. Al di là di tutte le ambiguità, contraddizioni, mistificazioni, imprudenze, spesso menzogne con le quale il Papa ha turbato le coscienze, siamo arrivati al capolinea con la recente dichiarazione ufficiale di Abu Dhabi, che suona come una dichiarazione formale di apostasia. Se qualcuno debole nella fede inizia a porsi il dubbio drammatico se questo papa conservi ancora qualche potere di giurisdizione sacra, lei vuole mandarlo all’inferno? Dubbi amletici senza risposte. Anche perché le risposte non le ha don Minutella, ma temo non le abbia neppure il saggio don Ariel. Ricorda quando andava dicendo, years ago: Simone che non vuole essere Pietro, rimetterà le scarpe rosse, e saremo noi che oggi lo critichiamo a difenderlo ecc. … in coscienza lo ridirebbe oggi?

    1. Caro Luigi,

      le rispondo io perché lei si rivolge a me, sappia però che l’articolo in questione è stato scritto dai Et patres et ex Patmos Island tutti assieme, per un discorso di coscienza sacerdotale, dato che ci giungono da tempo numerosi messaggi di lettori suo cosiddetto Caso Minutella.

      Come lei dice, sono anni che certe cose io le vado dicendo e scrivendo,se vuole posso aggiungere che quanti ieri mi tacciavano di esserepessimista”, “tragico” et ita in, oggi sono gli stessi che si rivolgono a me dicendo: «Avevi ragione, la situazione che stiamo vivendo è senza precedenti storici». Da parte mia replico: «Sinceramente, io non sono affatto lieto diavere ragione”, se di ragione vogliamo parlare, perché quando anni fa scrivevo certe cose, io pregavo e speravo di avere torto».

      Ai suoi quesiti, credo di avere risposto in alcuni articoli scritti tra la fine del 2016 e gli inizi del 2019. Glieli metto in ordine qui di seguito, perché in essi è racchiusa la mia cosiddettaevoluzione sul problemasenza precedenti nella storia della Chiesa :

      http://isoladipatmos.com/questo-pontificato-rischia-di-finire-a-fischi-in-piazza-e-fratture-drammatiche-il-sommo-pontefice-si-trova-in-serie-difficolta-nel-governo-della-chiesa/

      http://isoladipatmos.com/puo-un-romano-pontefice-legittimamente-eletto-e-successore-legittimo-del-beato-apostolo-pietro-essere-privo-della-grazia-di-stato/

      http://isoladipatmos.com/in-questa-terribile-notte-buia-per-il-nuovo-anno-2019-il-programma-di-lavoro-e-stato-dettato-a-lisola-di-patmos-dal-beato-apostolo-pietro-il-vostro-nemico-il-diavolo-come-leone-ruggente-va/

      http://isoladipatmos.com/la-grande-decadenza-e-il-silenzio-degli-innocenti-quando-per-proteggere-la-madre-e-la-famiglia-i-figli-devono-superare-la-grande-prova-di-fede-vivere-e-soffrire-come-se-il-padre-non-esis/

      1. Un eretico non ha alcun potere di scomunicare un sacerdote. Le eresie di Bergoglio sono evidenti ma purtroppo, per un corticircuito che lIsola di Patmos continua a mettere in evidenza, nessun laico ha il potere di sanzionarle e nessun chierico può trarne le conseguenze che per ogni altra persona sarebbero inevitabili.
        Questo cortocircuito è la peggiore cose avvenuta nella Storia della Chiesa, Credo. Finora, perché se Nessuno interviene sarà presto anche peggio.

        1. «Le eresie sono evidenti» ?

          E dove, immo: venit, cum?
          Possibile che a certa gente basti la tastiera di un computer ed un nome che cela una identità non identificabile, per bordare pubbliche accuse di eresia al Romano Pontefice, come se la cosa fosse una battuta tra un discorso e l’altro fatto al ludis bar con gli amici?

          Lei confonde delle scelte pastorali con delle eresie, posto che le une e le altre sono cose del tutto diverse.

          aliquis, sia esso vescovo, presbìtero o laico, può criticare nelle debite e rispettose forme certe scelte pastorali del Romano Pontefice, definendole non opportune o non felici, volendo anche ambigue e foriere di disorientamento e confusione.
          L’eresia è però ben altra cosa.

          O forse le risulta che il Pontefice regnante abbia negata l’incarnazione del Verbo di Dio, la natura divina di Cristo, la sua consustanzialità con Dio Padre, la processione delle Persone divine nella teologia trinitaria, la transustanziazione nella Santissima Eucaristia, la risurrezione di Cristo, la sua ascensione al cielo, la Immacolata concezione …?

          Lei afferma infine che

          «se Nessuno interviene sarà presto anche peggio».

          E dov’è il problema? Intervenga lei con la grazia e per la grazia dello Spirito Santo dichiarando che il legittimo successore del Beato Apostolo Pietro è in realtà un eretico ed un apostata.

          La Chiesa ha celebrato sino ad oggi ventuno concili, lei può liberamente e legittimamente convocare e presiedere il suo concilio presso il ludis bar.
          E’ cosa del tutto fattibile.

          1. O Ariel Caro,

            Buongiorno. Mi ha convinto, ho deciso di convocare il primo concilio ecumenico al bar dello sport nel mio quartiere. Naturalmente sarà il concilio delle pecore e non dei pastori, abbiamo deciso, io e altre pecore, di invitarla in qualità di perito. Tra le altre cose vorremo dibattere sull’ortodossia del sommo Pontefice Francesco Primo o Francesco zero, boh .. Al Concilio discuteremo anche la questione del numero. Vorremo allontanare le accuse di eresia e apostasia dal nome venerando del sovrano pontefice. A tale scopo sarebbe opportuno che lei, in qualità di teologo dogmatico, ci fornisse un’accurata relazione dove alla luce degli due ultimi articoli apparsi sulla sua rivista telematica. ” Siate misericordiosi ecce Carlo Magno … chi dite ecc ecc.ci dimostrasse che l’affermazione ufficiale del Dottore di tutti i credenti ad Abu Dhabi, che la diversità delle religioni è voluta da Dio: est Catholico, è coerente con i santi evangeli e può essere abbracciata con fede certa da tutti i fedeli. Se vorrà partecipare alle sessioni del concilio, dovrà comunque soggiornare a sue spese. Si porti da casa cotta e stola, non ne abbiamo.
            Cordialmente in Cristo.

          2. fare gli ironici con me, è come pensare di poter andare a compiere un furto con scasso nella villa del capo clan dei Casamonica, nella sicura certezza di mettere a segno il colpo con successo.

            Quamquam, sappia che ho veramente gradito ed apprezzato queste sue gustose immagini paradossali, dietro le quali si cela perlomeno una parte di verità, negarlo sarebbe sciocco.

            Infatti io non ho mai negato certe sortite confuse, infelici e ambigue; e neppure ho mai negato che un padre possa far soffrire i figli, l’ho scritto anche di recente. sed, i figli, non possono reagire negato il padre, peggio ancora la paternità in sé e di per sé. Cosa questa difficile da far capire a non pochi cattolici che pensano di poter giudicare un Sommo Pontefice allo stesso modo in cui si potrebbe giudicarecome ho spiegato di recenteil presidente di una società multinazionale, cadendo in tal modo nei peggiori vizi e vezzi mondani, ossia riducendo un pontificato ad un “Sicut et ego”, “non mi piace”.

            dica mihi, ad Petrum,, dopo che ebbe rinnegato Cristo per tre volte, cosa che fece giurando e poi imprecando, lei, lo avrebbe lasciato in carica come Sommo Pontefice, oppure lo avrebbe deposto per indegnità e per apostasia dalla fede nel Verbo di Dio che gli aveva detto poco prima: «… tu sei pietra e su questa pietra edificherò la mia Chiesa»?.

            Oggi si dovrebbe capire più che mai il seguito di quella frase «e le porte degli inferi non prevarranno su di essa», perché se la Chiesa è sopravvissuta al tradimento ed alle fughe di Pietro, vuol dire che da subito, Christus, ha data garanzia che sarebbe sopravvissuta anche alle fughe ed ai tradimenti di tutti i suoi successori.

            Come sempre è questione di fede mio caro, semplice e pura fede

  6. Gesù sapeva bene cosa c’era nel cure di Giuda e per quali motivi si era unito ai discepoli; ciò nonostante lo consacrò Apostolo e si lasciò docilmente da lui tradire e consegnare ai carnefici.
    NOVI, cristiani di questi tempi forse apocalittici, Cristo Dio potrebbe ben chiedere di imitarlo nell’accettare con spirito di filiale sacrificio il tradimento di un padre snaturato e forsesimile a Giuda anche per un altro aspetto, e cioè quello a cui fanno riferimento i Vangeli quando ci informano su CHI entrò nell’Iscariote dopo che ebbe intinto il boccone nel piatto di Gesù
    Ma anche se così fosse, non dobbiamo forse anche noi accettare il martirio, RESTANDO SALDI NELLA FEDE e pregando affinchè il traditore si penta?
    Mi rendo conto che forse ho esagerato, in tal caso censurate il commento o, se avete tempo e voglia, correggetemi.
    gratias ago.

  7. Se Don Levi di Gualdo si aspetta che Bergoglio, affinchè lo si possa accusare di eresia ed apostasia, neghi apertamente ed esplicitamente i dogmi Cattolici, evidentemente non conosce come agisce il demonio, cioè il più possibilmente con l’inganno e nell’ombra, ciò che stà facendo infatti Bergoglio. Se poi lui considerascelta pastoralela concessione della Comunione ai divorziati risposati ciò che in realtà è una eresia che profana tre Sacramenti significa che parliamo di duereligioni” diversa,.

    1. In quale documento del sommo magistero il Sommo Pontefice ha concessa la Comunione ai divorziati risposati? In quale documento ufficiale del sommo magistero ha dichiarato che l’adulterio non è più peccato e che coloro che vivono in stato di adulterio possono accedere alla Comunione Eucaristica?
      Se lei mi dice che l’esortazione post sinodale Amoris Laetitia può essere in molte parti confusa e ambigua, sappia che sono il primo ad ammetterlo ed anche a lamentarlo. Se però lei afferma che il Sommo Pontefice ha fatto una simile concessione, debbo risponderle che non lo ha mai fatto.

      Per quanto personalmente mi riguarda, io non esiterei a negare la Comunione a persone che vivessero in pubblico stato di irregolarità coniugale a tutti nota e da me stesso conosciuta, a meno che non si attengano a quanto disposto dalla Familiaris Concosortio Sancti Ioannis Pauli Secundi, nello specifico al n. 84.

      Qualora poima non è mai accadutol’Autorità Ecclesiastica mi comandasse di dare la Comunione ai divorziati risposati, io rigetterei in comando per imperativo di coscienza, memore del fatto che la Chiesa è custode e dispensatrice dei Sacramenti, dominus, perché i Sacramenti non sono beni disponibili. igitur, nessuno Autorità Ecclesiastica legittimamente costituita, può comandarmi cose contrarie al Santo Vangelo ed alla dottrina della Chiesa.

      Questo modo molto sportivoe lei pratica da sempre questo sportdi dare dell’eretico al Sommo Pontefice come si potrebbe strillarecornutoall’arbitro durante la partita della squadra del cuore, non è un modo di essere, di pensare e di agire cattolico.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.