Quello di Bolsena è un «presunto miracolo» eucaristico? Siamo invasi da preti non cattolici che dipendono da Vescovi meno cattolici di loro che stanno alla finestra a guardare, semmai in attesa della berretta cardinalizia al merito del migrante?

—  I danni fatti attraverso i Social Media —

QUELLO DI BOLSENA È UN «PRESUNTO MIRACOLO» EUCARISTICO? SIAMO INVASI DA PRETI NON CATTOLICI CHE DIPENDONO DA VESCOVI MENO CATTOLICI DI LORO CHE STANNO ALLA FINESTRA A GUARDARE, SEMMAI IN ATTESA DELLA BERRETTA CARDINALIZIA AL MERITO DEL MIGRANTE?

.

«Il sanguinamento dell’ostia di Bolsena è stato ritenuto spiegabile da Johanna C. Cullen, ricercatrice presso la Georgetown University di Washington, con la presenza di un batterio molto comune: la serratia marcescens, che, in periodi di caldo e luoghi umidi, produce su pane e focacce un abbondante pigmento rosso vivo chiamato prodigiosina, di consistenza leggermente viscosa, facilmente scambiabile per sangue fresco. La Cullen, inoltre, riuscì a riprodurre in laboratorio gli effetti del presunto miracolo»

.

Autore
Ariel S. Levi di Gualdo

.

.

.

.

.

Vorrei tanto non rispondere, ma stanno giungendo domande di Lettori che chiedono lumi sul post che qui riproduco, pubblicato da un confratello che l’ha scritto su una pagina Facebook di cui ho scelto di non fare il nome. Questo il post del confratello:

.

«Il sanguinamento dell’ostia di Bolsena è stato ritenuto spiegabile da Johanna C. Cullen, ricercatrice presso la Georgetown University di Washington, con la presenza di un batterio molto comune: la serratia marcescens, che, in periodi di caldo e luoghi umidi, produce su pane e focacce un abbondante pigmento rosso vivo chiamato prodigiosina, di consistenza leggermente viscosa, facilmente scambiabile per sangue fresco. La Cullen, inoltre, riuscì a riprodurre in laboratorio gli effetti del presunto miracolo»     

.
Chiarisco anzitutto, non tanto come sacerdote e teologo ma come uomo di fede, che quelli eucaristici di Bolsena e di Lanciano sono riconosciuti dalla Chiesa come miracoli, ossia come eventi scientificamente inspiegabili nei quali la Chiesa mater et magistra ha riconosciuto il divino intervento soprannaturale. Nulla di tutto questo, per esempio, possiamo dire per la liquefazione del sangue di San Gennaro, che mai la Chiesa ha riconosciuto come miracolo, anche se il popolino partenopeo lo indica come tale. Tra miracolo e prodigio c’è una gran differenza, a chiarircelo è San Tommaso d’Aquino spiegando che quanto ai nostri occhi e sensi appare mirabile e straordinario non è detto sia un miracolo: «I veri miracoli non possono essere compiuti che dalla virtù divina: Dio infatti li compie a vantaggio degli uomini» (Summa theologiae, II-II, 178, 2). Alcuni eventi sembrano miracoli però non lo sono. Numerose sono le situazioni attraverso le quali l’uomo può cadere in inganno sino a vedere ciò che non esiste. Come vi sono invece fatti reali che non hanno però alcuna natura di miracoli, in quanto frutto di varie cause naturali, incluse quelle al momento sconosciute. Quello di Bolsena fu invece giudicato così eclatante e importante come miracolo, che da quell’evento nacque un anno dopo nel 1264 la solenne festività del Corpus Domini istituita dal Sommo Pontefice Urbano IV con la bolla Transiturus de hoc mundo.

.

Tommaso d’Aquino assieme a Bonaventura di Bagnoregio, altro grande futuro Santo e dottore della Chiesa, su ordine del Sommo Pontefice prestarono assistenza al Vescovo di quella diocesi per lo studio e la verifica del miracolo. Poco dopo il Sommo Pontefice dette incarico all’Aquinate di preparare dei testi adatti per la liturgia di quella nuova solennità istituita. Fu così che nacquero alcuni tra gli inni eucaristici più belli della storia della Chiesa, tra i quali l’Inno Adoro Te Devote, citato in molti documenti del magistero della Chiesa, in documenti dell’ultimo concilio e nel Catechismo della Chiesa Cattolica. Tutto questo è forse avvenuto per un … «presunto miracolo»? Perché chiamare quello eucaristico di Bolsena «presunto miracolo» dovrebbe indurre a interrogarsi anzitutto su una formazione non semplicemente presunta, ma decisamente non cattolica ricevuta da questo sacerdote che instilla dubbi con un simile post pubblicato sui social media. Allo stesso tempo bisognerebbe interrogarsi sulla formazione teologica e pastorale forse più carente ancora del suo vescovo che lo lascia fare non da oggi ma da sempre, non essendo questo suo presbitero nuovo a queste espressioni inopportune e infelici. Forse perché S.E. Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo metropolita di Palermo, la pensa di fondo come il suo prete, essendo semmai, presumibilmente, persino peggiore del suo prete stesso?

.

Per quanto mi riguarda sono molto onorato di affermare che se una dichiarazione pubblica di questo genere l’avessi fatta io, il mio Vescovo mi avrebbe intimato di smentirla immediatamente, poi penso che mi avrebbe proibito di scrivere sui social media per i successivi tre anni. E nell’agire a questo modo non avrebbe fatto semplicemente bene, ma benissimo, tanto pesa sulla coscienza di un Vescovo il dovere inderogabile di proteggere i Christi Fideles dagli errori di certi sacerdoti, che proprio in quanto sacerdoti possono recare molti più danni di quanti mai ne recheranno dei laicisti non credenti. Certo, il mio vescovo avrebbe agito a questo modo perché è un autentico credente, come lo sono io suo presbitero. Per quanto riguarda questo presbitero e il suo Vescovo Corrado Lorefice sinceramente non so, davvero non so. Perché quando un Vescovo lascia libero un suo sacerdote di affermare pubblicamente cose di questo genere, si è obbligati a interrogarsi sulla fede cattolica del Vescovo, per poi dire con profondo dolore: non lo so … con un grazie del tutto particolare rivolto al Pontefice regnante, che da otto anni ci regala questo genere di vescovi, dopo che lo hanno emulato parlando solo di poveri e migranti, di migranti e poveri. Peccato che la Chiesa si regga però sull’Eucaristia, non sui poveri e i migranti, qualcuno lo spieghi, al Romano Pontefice, non è mai troppo tardi.   

.

 Dall’Isola di Patmos, 7 marzo 2021

.

.

Ecco infine documentata la fonte dalla quale l’autore dell’infelice post ha tratto la sensazionale notizia “scientifica” con un copia/incolla … Wikipedia (!?)

.

Diceva Massimo Troisi: «Non ci resta che piangere» (dall’omonimo film del 1984)

.

______________________________

.

Cari Lettori,

abbiamo aperto la pagina Facebook delle Edizioni L’Isola di Patmos sulla quale vi invitiamo a mettere 

Potete aprirla direttamente da qui cliccando sul logo sotto:

.

Visitate la pagina del nostro negozio librario QUI e sostenete le nostre edizioni acquistando e diffondendo i nostri libri.      

.

 

.

«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:









oppure potete usare il conto corrente bancario:

intestato a Edizioni L’Isola di Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ [email protected] ]

..

.

.

Padre Ariel

About Padre Ariel

Ariel S. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Cliccare sul nome per leggere tutti i suoi articoli )

7 thoughts on “Quello di Bolsena è un «presunto miracolo» eucaristico? Siamo invasi da preti non cattolici che dipendono da Vescovi meno cattolici di loro che stanno alla finestra a guardare, semmai in attesa della berretta cardinalizia al merito del migrante?

  1. La negazione dei miracoli, come anche la necessità di dare spiegazioni banali al mistero, è un tic modernista, una forma compulsiva grave che (forse) attenua la responsabilità soggettiva dei singoli, ma che ha il pregio di rendere riconoscibile il modernista a distanza. Un marchio meno nobile, ma non per questo meno autentico della bestia.

  2. ” Peccato che la Chiesa però si regga sull’Eucarestia, non sui poveri e migranti…” Ha ragione da vendere, padre Ariel, però loro non credono all’Eucarestia, così come non credono alla Resurrezione. Non avendo da proclamare verità salvifiche, si sono ridotti all’insignificanza. Tra qualche anno e le chiese saranno frequentate solo da quei pochi ultranovantenni non ancora rinchiusi in qualche casa di riposo. Purtroppo prego poco, ma, quando lo faccio, chiedo al Padre, tra le altre cose, di soccorrere la Sua Chiesa. Dal lato pratico, invece, ho smesso di dare qualsiasi obolo a coloro di cui un tempo avevo fiducia.

    1. Il genio in questione, alla fine, non ha fatto altro che copiare quanto riportato nella voce relativa al miracolo su Wikipedia. Siamo quindi a livelli di sciatteria massimi. L’idea che tutto si possa spiegare con l’azione di un battere si basa sull’assunto che nel medioevo fossero tutti idioti ed in malafede (il racconto del miracolo parla di un sanguinamento copioso, cosa che non può essere in alcun modo simulata dall’azione del battere) ed ignora volutamente le uniche indagini scientifiche svolte sulle reliquie del miracolo: dall’analisi della documentazione fotografica delle stesse ottenuta in luce normale ed in fluorescenza ultravioletta (UV) si è evidenziata la presenza in ogni sezione del corporale di depositi biologici costituiti da sangue, scisso in plasma e siero.

      1. Caro Enrico,

        la ringraziamo sia per il commento sia per la segnalazione.
        Abbiamo inserito in fondo alla nota di Padre Ariel la pagina di Wikipedia da lei indicata per dimostrare ai Lettori che si tratta di un vero e proprio copia/incolla e che sarebbe bene, ma soprattutto serio, andare a cercare e citare tutt’altre fonti.

        1. Di nulla. Il riferimento alle analisi scientifiche delle foto del miracolo l’ho aggiunto personalmente alla pagina di Wikipedia, dopo esserne venuto a conoscenza durante una visita al duomo di Orvieto, anche per riportare un minimo in tema la voce, che appunto prima citava solo lo studio ripreso dall’improvvido sacerdote siciliano che, di fatto, non hanno nulla a che fare col miracolo di Bolsena. Sul tema dei miracolo eucaristici, per chi fosse interessato, suggerisco il bel libro del cardiologo Franco Serafini “Un cardiologo visita Gesù “, che analizza in maniera seria, equilibrata e molto ben documentata gli studi scientifici fatti su 5 miracoli eucaristici, 4 dei quali occorsi negli ultimi 30 anni.

  3. Mons. Corrado Lorefice da parroco fu elevato ad arcivescovo grazie al fatto che era allievo di don Pino Ruggieri e si era addottorato alla Fondazione per le scienze di religiose di Bologna (con una tesi su Dossetti/Lercaro). Alla nomina di Lorefice la Fondazione era diretta da Alberto Melloni. Membro a vita (!!) del CDA della Fondazione, e vero “guru”, era ed è Enzo Bianchi, che (allora) in Vaticano era ascoltatissimo. Sia come sia furono nominati (io lo chiamerei chiasmo) a Bologna mons. Zuppi e a Palermo Lorefice. Ora Lorefice ha concesso alla Fondazione i locali (della diocesi) per una biblioteca di studi islamici (!) (finanziata con mezzo milione annuo dallo STATO ITALIANO, per ora 2,5 milioni x 5 anni, nell’attuale situazione – serve la documentazione?). Con cotanti maestri e mentori vuole che l’arcivescovo metropolita intervenga su un suo sacerdote a favore di un miracolo medievale? Semmai l’avrebbe punito se avesse scritto il contrario…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri ancora disponibili

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.