De Pro-Zan à Pro-Zac. Nous, les catholiques, sommes les vrais libéraux et le sénateur Tommaso Cerno une voix silencieuse parce qu'il voulait une loi équilibrée qui aurait également le soutien de l'Église catholique et des catholiques italiens

- Nouvelles de l'Église -

DAL PRO-ZAN AL PRO-ZAC. NOUS LES CATHOLIQUES SOMMES LES VÉRITABLES LIBÉRAUX ET LE SÉNATEUR THOMAS RECHERCHE UNE VOIX SILENTE PARCE QU'IL VOULAIT UNE LOI ÉQUILIBRÉE QUI AURAIT LE SOUTIEN DE L'ÉGLISE CATHOLIQUE ET DES CATHOLIQUES ITALIENS

Nous devons prendre note, à la preuve avérée des faits, que les vrais libéraux qui respectent les règles démocratiques c'est nous les catholiques, pas les idéologues radicaux des mouvements LGBT qui vous poursuivent au moindre soupir de dissidence, avoir de l'argent et des cabinets d'avocats spéciaux pour appliquer une logique ancienne et dangereuse complètement fasciste: "Punir un pour éduquer cent". Mais le Sénat de la République italienne n'a pas été impliqué dans ce jeu, surtout aujourd'hui où les plus violents de tous risquent d'être précisément les fascistes de l'antifascisme. C'est pourquoi le Zan Bill a été abandonné.

.

Auteur
Ivano Liguori, ofm. Cap.

.

.

Article inclus dans la collection de cet essai que vous pouvez commander en cliquant sur la couverture

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Pay Pal:









ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:

payable aux Editions L'île de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118

CODE RAPIDE: BAPPIT21D21
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
Merci:

isoladipatmos@gmail.com

.

.

.

 

.

.

.

 

Un ami décédé qui m'amène à réfléchir sur l'indifférence des médias envers la vie et la mort, quand ils ne sont pas des démangeaisons

- Nouvelles de l'Église -

UN AMI EST MORT QUI ME FAIT RÉFLÉCHIR SUR L'INDIFFÉRENCE DES MÉDIAS DE COMMUNICATION ENVERS LA VIE ET ​​LA MORT, QUAND ILS NE SONT PAS SPECTACLES PRURIGINEUX

.

"Nous sommes entourés d'ignorance, mauvaise foi, mensonge, et ce qui est grave c'est qu'ils le savent et ne vacillent pas. Tout comme un responsable nazi ou communiste a dû l'être "

.

.

.

Article au format PDF imprimable

 

.

.

.

Luigi Amicone (Milan, 4 octobre 1956 – Monza, 19 octobre 2021)

jeudi 21 octobre Les funérailles de Luigi Amicone ont eu lieu dans l'église cathédrale de Monza, vient de mourir 65 années. Devant lui il aurait encore vingt ans de vie à vivre, selon les statistiques d'aujourd'hui sur la durée de vie moyenne de l'homme italien, qui ne sont pas rares. Sa mort m'a été annoncée tôt le matin, mardi 19, par un confrère du diocèse de Milan, élevé dans les rangs de Communion et Libération, le Mouvement fondé par le prêtre ambrosien Luigi Giussani.

.

Luigi n'était pas un ami de longue date, mais un ami sincère avec qui c'était un plaisir de parler. plusieurs fois nous nous sommes rencontrés entre les 2019 et le 2021 à divers programmes télévisés sur les réseaux Mediaset, une fois nous nous sommes même disputés au sujet de Notre-Dame de Medjugorje, connu comme madame, sur lequel j'ai toujours eu de profondes réserves. puis, le débat est terminé et les caméras en direct fermées, il m'a dit:

.

"Ariel, Je te respecte en tant qu'homme de foi. Et les hommes de foi je les reconnais, ils sont forcément durs comme toi, Je pense pouvoir le dire car j'ai été l'élève de Luigi Giussani, che non era affatto una mammoletta».

.

Dopo avere ricevuto l’annuncio della sua morte, poco dopo mi sono rigirato tra le mani il telefono cellulare, ho aperto il quelleSAPP al contatto Luigi Amicone e per alcuni minuti ho ripercorso vari ricordi rimasti impressi nella memoria d’archivio:

.

«Luigi, sei stato splendido al programma Titolo Quinto su Rai3, un caro saluto e un caro augurio» (23.03.2021)»

.

«Grazie Ariel, mi viene quasi da chiedere a uno della tua intelligenza: fai giornalismo! Siamo circondati da ignoranza, mauvaise foi, mensonge, et ce qui est grave c'est qu'ils le savent et ne vacillent pas. Tout comme un responsable nazi ou communiste a dû l'être " (23.03.2021)

.

Ricordo poi, con affetto e divertimento, un colloquio avuto durante la scorsa estate, mentre Luigi si trovava nella sua casa di vacanza in Sardegna, nella zona di Sassari, io invece nell’altra isola, nella mia casa di vacanza nell’Ortigia di Siracusa. Commentando alcune pagine del mio libro Et Satan est devenu trinitaire, nella parte in cui analizzo il problema della hall gay ecclésiastique, il m'a dit:

.

«Conoscendo l’ambiente, immagino che cosa ti hanno fatto in ritorsioni, dopo che hai scritto queste pagine».

.

Proseguendo su quel delicato discorso proruppi dicendo che lo Stato della Città del Vaticano è il Paese con la più alta percentuale di popolazione gay del mondo. Lui rise e replicò:

.

«Questa frase te la frego, alla prima occasione che mi si presenta me la rivendo subito».

.

bientôt dit, l’occasione si presentò pochi giorni dopo, quando in collegamento esterno dalla sua casa nei pressi di Sassari partecipò a un programma sulle Reti Mediaset, dove durante il suo intervento esordì dicendo:

.

«Figuriamoci se noi cattolici possiamo stupirci del disegno di legge Zan, quando lo Stato della Città del Vaticano è il Paese con la più alta percentuale di popolazione gay del mondo».

.

Lo chiamo divertito al telefono la mattina del giorno dopo, prima lo prendo in giro per com’era abbronzato, domandando se il sole della Sardegna se l’era preso tutto quanto lui, poi esordisco:

.

"Ah, come sono felice di avere fatto l’eminenza grigia alle tue spalle!».

.

Il à répondu:

.

«Ma non dire cazzate, “alle spalle”? Tu è una vita che le sputi in faccia a tutti, per questo non diventerai mai una Eminenza Reverendissima».

.

Luigi mi ha indotto a riflettere, non tanto sulla morte, mistero sul quale sono abituato a meditare ogni giorno, consapevole che il mio cuore, come quello di chiunque, potrebbe cessare di battere da un momento all’altro, tout à coup. J'ai aussi écrit un livre sur la mort, traitant de la le plus en arrière sous la forme d'un récit, qui sera bientôt imprimé.

.

Avec sa disparition soudaine Luigi m'a amené à réfléchir sur le rapport de la société contemporaine à la mort. C'est ce sur quoi j'ai l'intention de réfléchir maintenant, y compris le rapport, ou plutôt le non-rapport ou le rapport nié des médias de masse avec la mort, où la mort n'est pas un spectacle à travers lequel Gianluigi Nuzzi, réseau efficace fossoyeur 4, transforme les crimes et les morts en spectacles, dans fiction qui n'incite pas du tout à réfléchir sur l'homme, ou sur la violence psychologique qui conduit certains sujets aux crimes odieux les plus violents, mais qui ne fait que stimuler les démangeaisons morbides.

.

En tant que professionnel Luigi n'était pas journaliste pour un journal local qui raconte les faits et les événements d'une ville de province, de ceux qui, à leur mort, sont généralement rappelés dans leur localité par des collègues et des concitoyens qui ont lu leurs articles pendant des années. Luigi était reporter pour la presse nationale, fondateur de l'un des principaux magazines catholiques italiens, le mensuel Fois. A été, comme je l'ai dit un peu plus haut, un soi-disant visage de télévision représentant de la culture catholique italienne, avec des positions acceptables ou inacceptables au sein même du monde catholique, mais qui a apporté de grandes contributions au cours de nombreuses années de profession. C'est pourquoi il est invité depuis des années dans les salles de débats télévisés de tous les principaux programmes Mediaset et Rai., parce qu'il avait des opinions à exprimer et qu'il savait les exprimer, partageable ou non par les autres leaders d'opinion présents, car c'est justement là-dessus que repose le débat.

.

je me serais attendu, Je ne parle pas des heures de grande écoute ou des heures d'ouverture, mais si quoi que ce soit à la fin des différentes émissions journalistiques ou dites de fond émission de télévision, qu'un seul de ceux qui l'ont appelé et avaient souvent dans le sien parterre en tant que chroniqueur au fil des ans, avant le thème final, il a dit: «Mon collègue Luigi Amicone est décédé mardi, notre équipe éditoriale joint ses condoléances aux membres de sa famille ". Un message de ce genre aurait occupé un espace d'environ 7 à partir de 8 secondes pour fermer un programme dans lequel si quelque chose, Giorgia Meloni o Matteo Salvini avevano fatto in prima serata un monologo di 30 minuti senza alcuna interruzione pubblicitaria, che vale solo ― in modo inderogabile ― quando parlano altri ospiti e opinionisti. Nessuno ha invece dedicato pochi secondi di ricordo a un collega tutt’altro che sconosciuto, in un mondo della comunicazione nel quale il cinismo e l’indifferenza regnano sovrani, dove ciò che viene presentato come sensibile interesse umano non è tale, ma qualche cosa di voluto e studiato sulla fredda base degli indici di ascolto. O qualcuno crede sul serio che a quello spumeggiante conduttore interessi davvero qualche cosa di povere e modeste persone che si ritrovano con le loro case occupate da lestofanti che nessuno riesce a cacciare e che non pagano affitti? et notez: ce n'est pas, La mienne, un processo alle intenzioni, che sarebbe peraltro una grave contraddizione in termini con la mia formazione teologica e con la mia pregressa e ormai lontana formazione giuridica. È semplicemente un fatto, basta solo conoscere le televisioni, le redazioni dei giornali e soprattutto chi al loro interno lavora.

.

Non, anime ingenue, certi temi non nascono dal desiderio di difesa dei diritti dei deboli, il tutto nasce solo da puri e freddi criteri dettati dagli indici di ascolto. Perché se quel blocco dedicato in quel émission de télévision aux squatters de maisons n'a pas augmenté les cotes d'écoute de la télévision commerciale, ce qui est aussi évident que légitime sur la publicité et les cotes d'écoute, vous pouvez être assuré que ce champion réfléchi de la justice et de la défense des faibles n'hésiterait pas à parler de la profondeur du cul de la baleine dans le prochain épisode, si la coloscopie baleinière a fait plus de jeux.

.

L'indifférent ne peut pas être sensible, il ne peut pas aimer la justice et la vérité en se faisant le champion des faibles, parce que l'utilitarisme sauvage ou le narcissisme hypertrophique soutiennent le système mental et social de l'indifférence, qui finissent par faire du monde de l'information un monde de déformation et souvent de manipulation, il tutto per fini politici, economici e di indirizzo subliminale sulle masse.

.

Girando per i vari programmi televisivi ho conosciuto due persone che considero amici e che sono rispettivamente: une, ongle trans, Vlady Guadagno, in arte Vladmir Luxuria, un altro è un omosessuale, equilibrato attivista LGBT e liberale a tutto tondo, si tratta del celebre e ottimo divulgatore scientifico Alessandro Cecchi Paone, che ha una visione della vita e dell’uomo diversa dalla mia, ad esempio per quanto riguarda l’aborto o l’eutanasia, ma che da subito ho stimato come uomo leale e sensibile che sa cos’è l’amicizia e il rispetto per gli amici, soprattutto per coloro che non la pensano come lui. Questo fa di Alessandro Cecchi Paone un autentico liberale, avec qui je pourrais parler avec sérénité de tout ce qui nous divise dans les différents sentiments humains, mais auquel je suis uni par quelque chose qui unit même les hommes aux pensées les plus diverses: respect de la liberté de l'autre, qui est pour lui la pierre angulaire du libéralisme, pour moi c'est le suffixe même de la création de l'homme, créé par Dieu libre et doté du libre arbitre.

.

Seulement maintenant que la dépouille mortelle de Luigi Amicone ils ont été rendus à la terre, Je comprends son message que j'ai signalé au début, certainement pas parce qu'il m'a appelé "intelligent", mais parce que dans ce message, il définit la situation et l'état du monde de l'information:

.

«Grazie Ariel, mi viene quasi da chiedere a uno della tua intelligenza: fai giornalismo! Siamo circondati da ignoranza, mauvaise foi, mensonge, et ce qui est grave c'est qu'ils le savent et ne vacillent pas. Tout comme un responsable nazi ou communiste a dû l'être " (23.03.2021)

.

Repose en paix dans la grâce et la miséricorde de Dieu, Tu vas me manquer, mio caro Amicone.

.

de l'île de Patmos, 21 octobre 2021

.

.

.

 

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:









ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:

payable aux Editions L'île de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
Merci [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

Il problema non è la ricchezza, ma l’uomo che anziché servirsi della ricchezza diviene schiavo della ricchezza

- homilétique -

Homilétique des Pères de l'île de Patmos

IL PROBLEMA NON È LA RICCHEZZA, MA L’UOMO CHE ANZICHÈ SERVIRSI DELLA RICCHEZZA DIVIENE SCHIAVO DELLA RICCHEZZA

jel celebre pastore luterano Martin Luther King scriveva: «La vita è sacra. La proprietà è destinata a servire la vita, e per quanto noi la circondiamo di diritti e di rispetto, non ha una essenza personale: è parte della terra su cui l’uomo cammina: non è l’uomo».

.

Auteur:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

..

Article au format PDF imprimable

.

.

Meditazione sul Santo Vangelo della XXVIII Domenica del tempo ordinario

.

.

Chers frères et soeurs,

La prudenza”. Sur la photo: Père Gabriele Giordano M. Scardocci in prudente marcia sul Lungotevere con il monopattino

en ce dimanche attraverso le letture della Liturgia della Parola, il Signore ci vuole dare dei consigli su come vivere sempre più una vita di fede autentica, quella che non richiede una semplice professione del credo, ma uno stile di vita che si impegni e si sforzi di vivere quello che si crede.

.

Quando si imparano le pratiche di pronto soccorso, o quelle di protezione civile, vi sono principi teorici di guida e orientamento a scelte che devono poi essere attualizzate per compiere un’azione efficace di salvaguardia e difesa dei cittadini e dei malati. In questa XXVIII Domenica del tempo ordinario il Signore ci ricorda che il dono della Sapienza è necessario e indispensabile a essere discepoli, affinché tutti noi, per quanto limitati, fragili e peccatori, grazie a questo Dono tendiamo a imitare Gesù e la sua vita. Della Sapienza parla la prima lettura:

.

«Pregai e mi fu elargita la prudenza, / implorai e venne in me lo spirito di sapienza / La preferii a scettri e a troni, / stimai un nulla la ricchezza al suo confronto».

.

L’Autore del testo sacro ammette che preferisce la sapienza persino alle più grandi ricchezze, persino al potere regale. Proprio perché la sapienza permette di acquisire la chiave di comprensione dei tesori nascosti dei misteri divini. Realtà che se assimilate e fatte proprie, non sono teorie astratte o dottrine aride, ma cambiano lo sguardo sul mondo e su tutto ciò che accade. Questo spirito di Sapienza è dono dello Spirito Santo che permette di gustare e assimilare tutte le verità di fede che professiamo nel credo. È un modo dunque vivido, esperienziale e autentico di vivere la fede, un quasi contatto concreto con i sacri misteri, che possiamo avere durante una preghiera profonda.

.

Prendere un orientamento sapienziale sul mondo è ciò che ci aiuta a riconoscere anche il cammino che Dio ci dona. Nel Vangelo di oggi si narra di un giovane ricco che si presenta a Gesù con un “currriculum” invidiabile: seguiva i comandamenti a menadito fin dalla giovinezza. Probabilmente lo faceva con convinzione. Ma adesso manca il passaggio clou. Ed è lì che il giovane va in crisi. Gesù gli chiede di seguirlo dopo aver venduto tutti i suoi beni per ottenere un tesoro in cielo. A quel punto il giovane se ne va. In privato poi il Signore spiega agli apostoli:

.

«Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio! [...] Quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».

.

Gesù non condanna i ricchi in sé e per sé in quanto ricchi, ma in questo caso espone la difficoltà di proseguire in un cammino di santità se la ricchezza materiale è qualcosa radicato nell’uomo, quando la ricchezza tende a eliminare qualsiasi orizzonte spirituale e divino. O quando al tempo stesso, la ricchezza, concentra tutta l’attenzione umana sul guadagno, sul possesso smodato, facendo dimenticare che i beni materiali, come per esempio il denaro o le proprietà immobiliari, sono sì mezzi importantissimi, ma pur sempre mezzi che devono aiutarci a diventare veri discepoli di Gesù.

.

Il Dono della Sapienza è l’unica vera ricchezza, perché insieme alla grazia ci prepara a valutare tutto ciò che possediamo alla luce della vita eterna; ci aiuta a distinguere l’effimero dall’eterno, donandoci uno sguardo libero, droit, prudente e armonico. E con questa libertà possiamo diventare generosi nella carità verso il prossimo e prodighi solo nell’amore di Dio. jel celebre pastore luterano Martin Luther King scriveva:

.

«La vita è sacra. La proprietà è destinata a servire la vita, e per quanto noi la circondiamo di diritti e di rispetto, non ha una essenza personale: è parte della terra su cui l’uomo cammina: non è l’uomo».

.

Nous demandons au Seigneur di essere pronti alla sua chiamata a lasciare tutto il superfluo, lasciar cadere tutta la zavorra della nostra vita, per vivere una vita cattolica autentica e percorrere i sentieri eterni della santità.

.

Ainsi soit-il.

Rome, 10 octobre 2021

.

 

 

 

.

.

AVIS

Chers lecteurs,

nous devions “mettre des règles” commenter des articles, une règle très simple: il suffit de s'inscrire. En effet, comme nous l'avons expliqué dans le lien vers lequel nous vous renvoyons, ayant en moyenne plus de deux millions de visites par mois L'île de Patmos est enclin à recevoir des centaines de messages de spam générés par des robots. Pour vous abonner, il suffit de vous connecter QUI et suivez les instructions que nous avons détaillées pour les moins expérimentés.

.

.

.

.

.

Blog personnel

Père Gabriel

.

.

Visitez les pages de notre boutique de livres QUI et soutenez nos éditions en achetant et en distribuant nos livres.

.

Nouvelles de la Province romaine dominicaine: visitez le site officiel des Dominicains, QUI

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:









ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:

payable aux Editions L'île de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
Merci [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

Conversation avec Andrea Turazzi Évêque de Saint-Marin-Montefeltro: "Dans l'ancienne République où le référendum sur l'avortement l'emportait avec le 77,28% de voix, Le mont Titano deviendra comme le mont Taygète?

- Nouvelles de l'Église -

COLLOQUIO CON ANDREA TURAZZI VESCOVO DI SAN MARINO-MONTEFELTRO: «NELL’ANTICA REPUBBLICA DOVE IL REFERENDUM SULL’ABORTO HA VINTO CON IL 77,28% DEI VOTI, IL MONTE TITANO DIVERRÁ COME IL MONTE TAIGETO?

.

«Non credo che sia pertinente né credo che sia giusto paragonare i sammarinesi agli spartani. Occorre non identificare quel 77% De “Oui” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. Toutefois, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. Non viene considerato adeguatamente il diritto del nascituro».

.

.

Article au format PDF imprimable
.

.

.https://youtu.be/2qrilziMZHk

Auteur:
Jorge Facio Lynx
Président des Editions L'île de Patmos.

.

.

NOTA STORICA INTRODUTTIVA: L’ANTICA SERENISSIMA REPUBBLICA

.

Capitale della Repubblica di San Marino: la rocca, anche detta guaita, sulla sommità del Monte Titano

En République de Saint-Marin ce la serenissima, 33.860 habitants, dopo accesa campagna referendaria gli aventi diritto si sono recati alle urne dove il 77,28% degli elettori ha votato a favore dell’aborto. Un risultato che richiama alla mente certe maggioranze oceaniche e che induce a riflettere animati anche da comprensibile inquietudine.

Il tema della nostra intervista che seguirà merita un’introduzione storica e agiografica. La Repubblica nasce il 3 septembre 301. Suo fondatore fu Marino, un tagliapietre nativo dell’isola di Arbe fuggito dalla Dalmazia durante le persecuzioni dei cristiani avviate da Diocleziano. Con una piccola comunità cristiana si stabilì sul Monte Titano, il più alto dei sette colli dove oggi sorge la Capitale. Proprietaria di quei terreni era certa Felicissima, ricca nobildonna della Città di Rimini che fece dono di quella proprietà alla comunità di Marino, che in seguito la titolerà a suo nome. Assieme a Marino spicca la figura di un altro scalpellino, Leo o Leone. Cette seconde, dopo essere giunto anch’esso sul Monte Titano si spostò sul Monte Feliciano, noto oggi come Montefeltro, seguitando a lavorare alla estrazione e lavorazione delle pietre. Su quella altura Leo edificherà una chiesa, in una zona chiamata oggi San Leo, con-cattedrale della Diocesi di San Marino-Montefeltro, che ha la propria cattedrale e sede vescovile a Pennabilli, paese di circa 1.000 habitants. Marino e Leo, secondo l’antica tradizione diaconi, sono i santi patroni della Diocesi. La comunità di San Marino diviene indipendente nell’VIII secolo alla caduta dell’esercato bizantino di Ravenna, sede arcivescovile metropolitana di cui la Diocesi di San Marino-Montefeltro è suffraganea. Da sempre molto stretto e solido il legame tra l’antica Repubblica — che nasce da profonde radici cristiane — e la Chiesa di Roma. Dans 1291 il Sommo Pontefice Niccolò IV riconobbe San Marino come cristiana repubblica.

Tutt’oggi la Serenissima Repubblica è in relazioni diplomatiche con la Santa Sede e sul suo territorio si trova la nunziatura apostolica. L’ufficio di nunzio apostolico è ricoperto dal Nunzio Apostolico in Italia, che svolge il suo ufficio diplomatico con doppio accredito: al Governo della Repubblica Italiana e al Governo della Repubblica di San Marino. Per questo la sede diplomatica della Santa Sede in Italia è chiamata Nunziatura Apostolica in Italia e nella Repubblica di San Marino. Il penultimo Nunzio Apostolico in ordine di serie, SE. Mons. Adriano Bernardini (2011-2017), era un particolare e apprezzato conoscitore della storia di quel Paese. Anche se formato al Pontificio Seminario Maggiore Romano e ordinato presbitero per la Diocesi di Roma, era nativo del Montefeltro (Piandimeleto, frazione di Monastero). Originario del Montefeltro era anche un altro insigne diplomatico della Santa Sede, SE. Mons. Pietro Sambi, che fu nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America. L’attuale Nunzio Apostolico è lo svizzero SE. Mons. Emil Paul Tscherrig. Du 2014 Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro è SE. Mons. Andréa Turazzi.

I Vescovi di San Marino, seppur titolari della sede episcopale e avendo una residenza nel territorio dell’antica Repubblica, non vi risiedono stabilmente, ciò per motivi di natura politica legati alla particolarità del governo di quel Paese, dove a breve cadenza periodica sono eletti i due Capi di Stato, detti Capitani Reggenti. Le Loro Eccellenze Serenissime rimangono infatti in carica solo sei mesi. In un Paese così piccolo e con un simile sistema di governo il Vescovo, che sulla sua cattedra episcopale può rimanere anche venti o trent’anni, potrebbe assumere un ruolo di autorevolezza maggiore a quello dei periodici Capi di Stato, specie se avesse una spiccata personalità.

I sammarinesi sono profondamente fieri della loro antica Repubblica e non hanno mai gradito i lazzi di certi italiani della circostante confinante Romagna. Tutt’altro che rari gli incidenti diplomatici con l’Italia nel corso del tempo, per esempio quando in occasione della Festa delle Forze Armate una rivista satirica romagnola alluse all’aviazione sammarinese composta da quattro elicotterini telecomandati e alla sua flotta navale composta da dieci barchette a pila fatte girare nell’acqua di una vasca. Forse ignari, gli ironici geografi, che la Repubblica non ha sbocco alcuno sul mare e che San Marino potrebbe avere una flotta navale al pari della Svizzera o del Principato del Liechtenstein, ma anche di Paesi europei dall’estensione territoriale ben più grande sui quali nessuno ironizza per la mancanza di flotte navali: Austria, Ungheria, SlovacchiaOppure quando le Forze Armate sammarinesi scattarono in massima allerta — cosa accaduta più di una volta — a causa di mezzi militari dell’Esercito Italiano che attraversarono il suo territorio. Episodio comprensibilmente vissuto come un’invasione, sino a suscitare le vibranti proteste di S.E. Antonella Mularoni ministro degli affari esteri. Perché con buona pace dei ridenti e gaudenti romagnoli circostanti e confinanti, i sammarinesi sono orgogliosi del loro Paese e della loro Repubblica, la più antica del mondo. Per questo meritano rispetto profondo, soprattutto profondo rispetto storico.

.

.

COLLOQUIO CON ANDREA TURAZZI VESCOVO DELLA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO

.

Auteur:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

.

.

.

SE. Mons. Andréa Turazzi, Vescovo di San Marino-Montefeltro

ré. Voici le très révérend, lei è nato a Stellata di Bondeno (Ferrare) ordinato presbitero per la Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio (27.05.1972). È stato stimato dall’allora Arcivescovo di Ferrara-Comacchio Carlo Caffarra (1995-2003). Per quattro decenni ha vissuto a contatto col Popolo di Dio esercitando il sacro ministero sacerdotale come parroco, dedicandosi nel mentre alla formazione dei futuri sacerdoti come direttore spirituale del seminario e docente di teologia pastorale. È eletto alla sede vescovile di San Marino-Montefeltro dal Sommo Pontefice Francesco (30.11.2013) e consacrato vescovo dal Cardinale Carlo Caffarra (24.01.2014), Archevêque de Bologne (2003-2015). Possiamo cominciare chiedendole un suo ricordo personale di questo vescovo e teologo tornato alla Casa del Padre il 6 septembre 2017, ricordato oggi come uno tra i più grandi esperti sui temi del matrimonio, della famiglia e della procreazione umana?

.

R. Ho avuto la fortuna di avere l’allora Don Carlo Caffarra come professore. Ricordo perfettamente la chiarezza e lo spessore delle sue lezioni. Rigorosissimo, ma straordinariamente accogliente. L’episcopato ferrarese del Cardinale Carlo Caffarra ha lasciato un’impronta in ciascuno di noi presbiteri, ma credo abbia segnato profondamente anche lui: il ajouta, alla robustezza del teologo di razza, la delicatezza del pastore (fortiter et soaviter). Conservo tanti ricordi personali, che custodisco gelosamente; due li condivido: le sue lacrime durante una pausa-caffè, in sede di Conferenza Episcopale Regionale, a causa del calo delle vocazioni; la sua gioia nel raccontarmi l’esperienza “spirituale” vissuta nel Conclave che elesse Papa Francesco. Non ho avuto alcun “dubbio” sull’attaccamento del Cardinale Carlo Caffarra alla persona del Santo Padre ― Papa Francesco ― e non solo al “papato”. Lo prova il fatto che quando taluni tentarono di porre il Cardinale Caffarra in conflitto con il Santo Padre sui temi della famiglia, lui non esitò a rispondere:

«Avrei avuto più piacere che si dicesse che l’Arcivescovo di Bologna ha una amante, piuttosto che si dicesse che ha un pensiero contrario a quello del Papa. Perché se un vescovo ha un pensiero contrario a quello del Papa se ne deve andare, mais juste vous devez aller par le diocèse, perché condurrebbe i fedeli su una strada che non è più quella di Gesù Cristo. Quindi perderebbe se stesso eternamente e rischierebbe la perdita dei fedeli. È una cosa che mi ha profondamente amareggiato perché è calunniosa, perché non solo il Papa non ha mai parlato su questo, ma quando ha parlato ha chiesto un dibattito. E il dibattito è vero se tutte le voci possono parlare. Io sono nato papista, sono vissuto da papista e papista voglio morire» [NdR. vedere video dell’intervista].

.

ré. Come Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro si è ritrovato di fronte a una campagna referendaria per la legalizzazione dell’aborto all’interno di un Paese che è la più piccola e antica repubblica del mondo. Da subito ha lasciato capire che per la Chiesa particolare da lei governata non era in gioco una questione politica ma una questione che toccava una corda molto sensibile della nostra fede: la vita umana, tale considerata da noi cattolici sin dal momento del concepimento. Bien sûr, il tutto si è giocato sul terreno politico, quello del referendum, attraverso la libera espressione della volontà popolare. Ritiene che i favorevoli alla legalizzazione dell’aborto abbiano compreso che per il Vescovo non si trattava di una questione puramente politica ma di una delicata questione di coscienza?

.

R. Sono intervenuto da pastore. A quanto so i sammarinesi non hanno mai contestato le mie prese di posizione espresse nel mio intervento al Vicariato San Marino, in due omelie in Basilica in circostanze solenni (Fête-Dieu e Solennità di San Marino), infine due comunicati stampa in prossimità del Referendum, apprezzati da molti per la chiarezza e il tono. Diverse voci delcartello sìhanno assunto evidenti toni ideologici, con slogan tipo: «Né Dio, né Chiesa, ma le donne decidono di sé…». le “non” è stato sostenuto sostanzialmente da due formazioni: una di tipo laico, con motivazioni di ragione, di scienza e di antropologia; l’altra costituita dalla Consulta delle Aggregazioni ecclesiali (una decina). Ufficialmente i partiti hanno fatto appello alla libertà di coscienza. Ma diversi partiti (alcuni di governo della Repubblica) hanno dato pieno appoggio alla campagna per il “Oui”.

.

ré. Secondo le statistiche ufficiali del 2019, su una popolazione di 33.860 abitanti i cattolici sammarinesi costituiscono il 97,2% della popolazione, formata da battezzati. Considerando che il 77,28% degli elettori ha votato a favore della legalizzazione dell’aborto, il risultato di questo referendum non è forse paradigma del sentire della società contemporanea? Dinanzi a questo quorum, quanti potrebbero essere i cattolici che dopo avere votato a favore della legge sull’aborto si sono poi recati alla Santa Messa domenicale all’uscita dalle urne elettorali, sentendosi con la coscienza in perfetto ordine? Se ciò fosse, non crede che saremmo di fronte a una scissione tra l’essere cattolici e mettere in pratica ciò che la nostra fede considera un bene mai e in alcun caso disponibile, la vita umana?

.

R. Francamente non mi aspettavo un esito così clamorosamente sbilanciato. È evidente come anche a San Marino pesi il condizionamento della cultura dominante, la secolarizzazione e la scissione fra fede e vita: molti sono cristiani senza mai aver deciso di esserlo! Forse si poteva evitare questo Referendum con una mediazione fra le forze politiche. Toutefois, al di là dell’esito, è stato occasione di un sussulto di consapevolezza e di responsabilità: per i cattolici di maggior coerenza nel testimoniare il Vangelo della vita e per tutti di sostenere una cultura e una politica favorevoli alla famiglia.

.

ré. Nell’edizione di lunedì 27 septembre il quotidiano dei Vescovi d’Italia, L'Avvenire, parla di molti nodi da sciogliere dopo il “si” della Repubblica di San Marino. Il giornale dei Vescovi mette in luce la mancata indicazione di un limite di tempo che potrebbe portare alla possibilità di abortire fino al nono mese, col rischio di creare dentro il territorio italiano un porto franco dell’aborto libero. Pensa che questo rischio possa tradursi in realtà?

.

R. Mi auguro che la legge che verrà introdotta nella Repubblica di San Marino sia formulata in modo da tenere presente la sensibilità in favore della vita di tanti sammarinesi. Presso il Consiglio Grande e Generale (Parlamento) sono già state depositate istanze in questo senso. È da considerarsi una vera sconfitta la scarsa affluenza alle urne, ma questo dato dice anche il valore relativo dell’esito referendario. Lungi dall’immaginare un “aborto cattolico” — l’aborto è sempre e comunque un crimine — mi auguro che si arrivi ad una legge equilibrata, che riesca veramente a non lasciare indietro nessuno e non si limiti a recepire l’ideologia dello scarto. Il primo impegno consisterà nel sorvegliare strettamente l’evoluzione del dibattito politico in argomento, allo scopo di prevenire la fallimentare esperienza italiana e gli eccessi di certe legislazioni abortive europee, e di tenere viva la tradizione umanitaria e cristiana di San Marino. Il secondo impegno èfarsi prossimo”: salvare vite, aiutare le mamme, sostenere associazioni anti-avortement; Pas dernier, l’impegno educativo verso giovani e adulti. Donc, ho motivi per sperare che non si crei un porto franco per l’aborto libero.

.

ré. Durante la campagna referendaria le avverse parti si sono confrontate in toni accesi anche sul cosiddetto “aborto selettivo” che consentirebbe di procedere alla soppressione dei bambini affetti da sindrome di Down, o ai bambini affetti da anomalie che non sono però incompatibili con una vita degna di essere vissuta. Le domandiamo: il Titano (NdR. è chiamato Monte Titano l’altura dove sorge l’antico insediamento della Serenissima Repubblica di San Marino), non potrebbe correre il rischio di mutarsi nell’antico Monte Taigeto, l’altura dalla quale gli spartani, secondo i racconti mitologici, gettavano giù i neonati deformi o giudicati troppo deboli per vivere e crescere secondo gli schemi estetici e fisici della cultura greca?

.

R. Non credo che sia pertinente né credo che sia giusto paragonare i sammarinesi agli spartani. Occorre non identificare quel 77% De “Oui” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi¹. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. Toutefois, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. Non viene considerato adeguatamente il diritto del nascituro. Non si guarda alla responsabilità della comunità. Ci sono tante possibilità di tutela della maternità nel nostro tempo, considerato il progresso scientifico, le disponibilità economiche, l’accresciuta sensibilità sociale. Non deve succedere che una donna interrompa volontariamente la gravidanza per motivi economici o per mancanza di aiuto e di tutela. Ora la parola passa al legislatore. Si auspica l’offerta di un quadro legislativo di vero aiuto alla donna, di tutela della vita e di accoglienza della obiezione di coscienza. Ci sarà certamente una legislazione diversa dall’attuale; verrà data una libertà che prima non era prevista. Spero non sia un incentivo alla prassi abortiva, ad una leggerezza nelle decisioni o — come ha detto recentemente Papa Francesco — «ad una bruttissima abitudine ad uccidere».

.

ré. La condizione di decadenza nella quale versiamo a livello ecclesiale è evidente, essendo la Chiesa mondo nel mondo, come prova la dissociazione tra l’essere cattolici e il vivere e pensare cattolico che porta a una maggioranza del 77,28% a favore della legge sull’aborto. Ci conceda una domanda non facile da rivolgere a un vescovo: come pastori in cura d’anime e come teologi, quante gravi responsabilità abbiamo, di fronte a tutto questo? Di recente abbiamo avuto casi di sacerdoti italiani che si sono pubblicamente dichiarati a favore dell’eutanasia con gran risalto sui media nazionali. Bien sûr, si tratta di pochi casi, ma la risonanza di questi pochi è destinata a creare scandalo e disorientamento nel Popolo di Dio, già fin troppo disorientato. Non è che abbiamo perduto la percezione della sacralità del Donum vitae nell’ambito stesso della formazione al sacerdozio ministeriale? Per questo le chiediamo: da dove possiamo ripartire?

.

R. je répète: non si può essere cattolici e negare i principi stessi del Cattolicesimo, come il diritto assoluto alla vita e la dignità umana del concepito, come ho avuto modo di sottolineare nella festa del Santo Patrono e Fondatore Marino, la 3 settembre scorso. Ci sono cattolici impegnati sul fronte sociale, sui diritti umani e sui grandi temi della ecologia. Alcuni altri accentuano l’attenzione alla salvaguardia dei valori etici non negoziabili; talvolta sembra che tra le due prospettive affiori un solco. Agli uni e agli altri ho sentito il dovere di ribadire come il Vangelo dell’amore di Dio per l’uomo, il Vangelo della dignità della persona e il Vangelo della vita siano un unico e indivisibile Vangelo. Offro anche un’altra considerazione da interpretare nel verso giusto. Stiamo dando molta attenzione, spendendo risorse e impegno, alla promozione umana. Non possiamo che apprezzare il lavoro, par exemple, delle Caritas diocesane, la testimonianza del volontariato, i Programmi pastorali in favore delle urgenze e delle necessità della gente. Vorrei però altrettanto slancio per l’evangelizzazione. Vorrei più in evidenza il primato dell’annuncio di Gesù Cristo: essere speranza in un mondo ferito! Nei prossimi giorni stileremo nella nostra Diocesi una sorta di “tabella di marcia”:

sostegno ai nostri fedeli nell’esperienza di una fede capace di interagire col mondo e suscitare speranze;

accompagnamento delle persone in difficoltà, guida spirituale e catechesi appropriata;

lavoro convergente degli Uffici pastorali sul tema della vita;

sostenibilità di un Consultorio famigliare;

celebrazione della Veglia per la Vita nascente e, come in Italia, della Giornata per la Vita.

.

ré. Rod Dreher scrisse il libro L’opzione Benedetto, da intendersi come la fuga di Benedetto da Norcia che osa separarsi dall’Impero oramai corrotto e sconvolto dai barbari invasori per poter ritrovare le proprie origini, le proprie radici e l’identità cristiana che oggi al mondo suona come una bestemmia impronunciabile». Pensa che noi cattolici, senza cessare di essere mondo nel mondo, ma anche avversi a certe logiche di questo mondo, dall’aborto all’eutanasia e per questo all’occorrenza odiati dal mondo (cf.. Gv 15, 18-21), finiremo col giungere a una nuova «opzione Benedetto» idonea alla nostra società contemporanea?

.

R. Conosco il libro di Rod Dreher L’opzione Benedetto. Se ne è parlato a lungo anche tra noi. Abbiamo potuto apprezzare concretizzazioni interessanti e sicuramente positive. Non vorrei si indebolisse la vocazione del “lievito nella pasta”, la volontà di assumere e di “abitare” questo nostro tempo. Non possiamo cedere alla sindrome del sentirci assediati. Anche una cooperativa agricola “cattolica”, o una scuola “cattolica”, iniziative più che encomiabili, devono porsi in dialogo e offrire ispirazione a tutti.

.

ré. Abbiamo chiesto a un suo presbitero di dipingerci il proprio Vescovo, ha risposto così: «Il mio Vescovo è un credente di solida fede e un vero pastore. È sempre pronto a farsi in quattro per i suoi preti, che mai abbandonerebbe nella solitudine e nello scoramento della notte buia. È sempre presente, ed è molto geloso dei suoi preti, ben sapendo quanto Dio è geloso di tutti noi». Che effetto le fa sapere che uno dei suoi preti ci ha risposto così?

 

R. (Il Vescovo risponde con un sorriso)

.

De Isola Patmos, 6 octobre 2021

.

.

¹ NdR. I Sanmarinesi votanti sono stati solo 14.558 pari al 41,11 degli aventi diritto (environ 35.400). I favorevoli sono stati circa 11.250 pari al 77,28% dei votanti mentre i contrari circa 3.308 pari al 22,72%. Quell’impressionante 77,28% rappresenta solo il 31,78% degli elettori, ennesima riprova che una minoranza agguerrita – in questo caso meno di un sanmarinese su tre – impone le sue scelte alla maggioranza assente o inerte per pigrizia, scarso senso di responsabilità, disinteresse.

.

.

.

.

AVIS

Chers lecteurs,

nous avons dû "fixer des règles" pour commenter les articles, une règle très simple: il suffit de s'inscrire. Comme en fait nous l'avons expliqué dans le lien auquel nous nous référons, ayant en moyenne plus de deux millions de visites par mois L'île de Patmos est enclin à recevoir des centaines de messages de spam générés par des robots. Pour vous abonner, il suffit de vous connecter QUI et suivez les instructions que nous avons détaillées pour les moins expérimentés.

.

.

.

.

Blog personnel

Père Gabriel

.

.

Nouvelles de la Province romaine dominicaine: visitez le site officiel des Dominicains, QUI

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:









ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:

payable aux Editions L'île de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
Merci [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.