Do Pro-Zan ao Pro-Zac. Nós católicos somos os verdadeiros liberais e o senador Tommaso Cerno uma voz silenciosa porque queria uma lei equilibrada que também tivesse o apoio da Igreja Católica e dos católicos italianos

- Notícias da Igreja -

DAL PRO-ZAN AL PRO-ZAC. NOI CATTOLICI SIAMO I VERI LIBERALI E IL SENATORE TOMMASO CERNO UNA VOCE TACITATA PERCHÈ VOLEVA UNA LEGGE EQUILIBRATA CHE AVREBBE AVUTO L’APPOGGIO DELLA CHIESA CATTOLICA E DEI CATTOLICI ITALIANI

Bisogna prendere atto, à prova comprovada dos factos, che i veri liberali rispettosi delle regole democratiche siamo noi cattolici, non gli ideologi radicali dei movimenti LGBT che ti querelano a ogni minimo sospiro di dissenso, avendo soldi e appositi studi legali per applicare una vecchia e pericolosa logica tutta quanta fascista: «Punirne uno per educarne cento». Ma a questo gioco il Senato della Repubblica Italiana non c’è stato, specie oggi che i più violenti in assoluto rischiano di essere proprio i fascisti dell’antifascismo. Per questo è stato affossato il Disegno di Legge Zan.

.

Autor
Ivano Liguori, ofm. Capp.

.

.

Articolo inserito nella raccolta di questo saggio che potete ordinare cliccando sopra la copertina

.

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com suas ofertas através do sistema seguro PayPal:









ou você pode usar a conta bancária:

a pagar a Editions A ilha de Patmos

IBAN TI 74R0503403259000000301118

SWIFT DO CODICE: BAPPIT21D21
nesse caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças:

isoladipatmos@gmail.com

.

.

.

 

.

.

.

 

Morreu um amigo que me leva a refletir sobre a indiferença da mídia diante da vida e da morte, quando eles não estão coçando show

- Notícias da Igreja -

È MORTO UN AMICONE CHE MI INDUCE A RIFLETTERE SULL’INDIFFERENZA DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE VERSO LA VITA E LA MORTE, QUANDO NÃO SÃO SHOW PRURIGINO

.

“Estamos cercados pela ignorância, má fé, mentira, e o grave é que eles sabem disso e não vacilam. Proprio come doveva essere un funzionario nazista o comunista»

.

.

.

artigo em formato de impressão PDF

 

.

.

.

Luigi Amicone (Milão, 4 Outubro 1956 – Monza, 19 Outubro 2021)

quinta-feira 21 Outubro si sono svolti nella chiesa cattedrale di Monza i funerali di Luigi Amicone, morreu pouco 65 anos. Dinanzi a sé poteva avere altri vent’anni di vita da vivere, stando alle statistiche odierne sulla vita media dell’uomo italiano, che non sono pochi. La sua morte mi è stata annunciata di primo mattino, terça 19, da un confratello della Diocesi di Milano, cresciuto nelle fila di Comunione e Liberazione, il Movimento fondato dal presbitero ambrosiano Luigi Giussani.

.

Luigi non era un amico di vecchia data, ma un amico sincero col quale era un piacere dialogare. più volte ci siamo incontrati tra il 2019 e a 2021 a vari programmi televisivi sulle Reti Mediaset, una volta ci siamo anche accapigliati sul tema della Madonna di Medjugorje, conhecido como Senhora, sulla quale nutro da sempre profonde riserve. Então, terminato il dibattito e chiuse le telecamere della diretta, lui mi disse:

.

«Ariel, io ti stimo come un uomo di fede. E gli uomini di fede li riconosco, sono di necessità tosti come te, penso di poterlo dire perché sono stato allievo di Luigi Giussani, che non era affatto una mammoletta».

.

Dopo avere ricevuto l’annuncio della sua morte, poco dopo mi sono rigirato tra le mani il telefono cellulare, ho aperto il queseiva al contatto Luigi Amicone e per alcuni minuti ho ripercorso vari ricordi rimasti impressi nella memoria d’archivio:

.

«Luigi, sei stato splendido al programma Titolo Quinto su Rai3, un caro saluto e un caro augurio» (23.03.2021)»

.

«Grazie Ariel, mi viene quasi da chiedere a uno della tua intelligenza: fai giornalismo! Siamo circondati da ignoranza, má fé, mentira, e o grave é que eles sabem disso e não vacilam. Proprio come doveva essere un funzionario nazista o comunista» (23.03.2021)

.

Ricordo poi, con affetto e divertimento, un colloquio avuto durante la scorsa estate, mentre Luigi si trovava nella sua casa di vacanza in Sardegna, nella zona di Sassari, io invece nell’altra isola, nella mia casa di vacanza nell’Ortigia di Siracusa. Commentando alcune pagine del mio libro E Satanás se tornou trino, nella parte in cui analizzo il problema della lobby gay eclesiástico, ele me disse:

.

«Conoscendo l’ambiente, immagino che cosa ti hanno fatto in ritorsioni, dopo che hai scritto queste pagine».

.

Proseguendo su quel delicato discorso proruppi dicendo che lo Stato della Città del Vaticano è il Paese con la più alta percentuale di popolazione gay del mondo. Lui rise e replicò:

.

«Questa frase te la frego, alla prima occasione che mi si presenta me la rivendo subito».

.

Logo disse, l’occasione si presentò pochi giorni dopo, quando in collegamento esterno dalla sua casa nei pressi di Sassari partecipò a un programma sulle Reti Mediaset, dove durante il suo intervento esordì dicendo:

.

«Figuriamoci se noi cattolici possiamo stupirci del disegno di legge Zan, quando lo Stato della Città del Vaticano è il Paese con la più alta percentuale di popolazione gay del mondo».

.

Lo chiamo divertito al telefono la mattina del giorno dopo, prima lo prendo in giro per com’era abbronzato, domandando se il sole della Sardegna se l’era preso tutto quanto lui, poi esordisco:

.

"Ah, come sono felice di avere fatto l’eminenza grigia alle tue spalle!».

.

Ele responde:

.

«Ma non dire cazzate, “alle spalle”? Tu è una vita che le sputi in faccia a tutti, per questo non diventerai mai una Eminenza Reverendissima».

.

Luigi mi ha indotto a riflettere, non tanto sulla morte, mistero sul quale sono abituato a meditare ogni giorno, consapevole che il mio cuore, come quello di chiunque, potrebbe cessare di battere da un momento all’altro, De repente. Sulla morte ci ho scritto anche un libro, trattando dei derradeiro in forma di narrativa, che a breve sarà dato alle stampe.

.

Con la sua repentina scomparsa Luigi mi ha indotto a riflettere sul rapporto della società contemporanea verso la morte. È su questo che adesso intendo riflettere, incluso il rapporto, o meglio il non-rapporto o il rapporto-negato dei mezzi di comunicazione di massa con la morte, laddove la morte non è uno spettacolo attraverso il quale Gianluigi Nuzzi, efficiente becchino di Rete4, trasforma delitti e morti in spettacolo, dentro ficção che non stimola affatto a riflettere sull’uomo, o sulla violenza psicologica che porta certi soggetti sino ai più violenti delitti efferati, ma che stimola solo pruriti morbosi.

.

Come professionista Luigi non è stato giornalista di un quotidiano locale che narra fatti e vicende di una cittadina di provincia, di quelli che alla morte sono solitamente ricordati nella loro località da colleghi e concittadini che hanno letto i loro articoli per anni. Luigi è stato un giornalista della stampa nazionale, fondatore di una delle principali riviste cattoliche italiane, il mensile Tempi. È stato, come ho narrato poco prima, un cosiddetto volto televisivo rappresentativo della cultura cattolica italiana, con posizioni accettabili o non accettabili all’interno dello stesso mondo cattolico, ma che ha dato grandi contributi in tanti anni di professione. Per questo è stato ospite per anni nei salotti di dibattito televisivo di tutti i principali programmi Mediaset e Rai, perché aveva opinioni da esprimere e le sapeva esprimere, condivisibili o meno che fossero dagli altri opinionisti presenti, perché è proprio su questo che si fonda il dibattito.

.

Mi sarei aspettato, non dico in prima serata o in apertura, ma semmai alla fine dei vari programmi di approfondimento giornalistico o cosiddetti programa de entrevista, che uno solo di coloro che lo hanno chiamato e avuto spesso nei loro platéia come opinionista nel corso degli anni, prima della sigla finale dicesse: «Martedì è venuto a mancare il collega Luigi Amicone, la nostra Redazione si unisce in cordoglio ai suoi familiari». Un messaggio di questo genere avrebbe occupato uno spazio di circa 7 a partir de 8 secondi a chiusura di un programma nel quale semmai, Giorgia Meloni o Matteo Salvini avevano fatto in prima serata un monologo di 30 minuti senza alcuna interruzione pubblicitaria, che vale solo ― in modo inderogabile ― quando parlano altri ospiti e opinionisti. Nessuno ha invece dedicato pochi secondi di ricordo a un collega tutt’altro che sconosciuto, in un mondo della comunicazione nel quale il cinismo e l’indifferenza regnano sovrani, dove ciò che viene presentato come sensibile interesse umano non è tale, ma qualche cosa di voluto e studiato sulla fredda base degli indici di ascolto. O qualcuno crede sul serio che a quello spumeggiante conduttore interessi davvero qualche cosa di povere e modeste persone che si ritrovano con le loro case occupate da lestofanti che nessuno riesce a cacciare e che non pagano affitti? e nota: não é, esta mina, un processo alle intenzioni, che sarebbe peraltro una grave contraddizione in termini con la mia formazione teologica e con la mia pregressa e ormai lontana formazione giuridica. È semplicemente un fatto, basta solo conoscere le televisioni, le redazioni dei giornali e soprattutto chi al loro interno lavora.

.

Não, anime ingenue, certi temi non nascono dal desiderio di difesa dei diritti dei deboli, il tutto nasce solo da puri e freddi criteri dettati dagli indici di ascolto. Perché se quel blocco dedicato in quel programa de entrevista agli occupatori abusivi di case non alzasse gli ascolti della televisione commerciale, che si regge in modo tanto ovvio quanto legittimo su pubblicità e indici di ascolto, potete stare certi che questo premuroso paladino della giustizia e della difesa dei deboli non esiterebbe a mettersi a parlare della profondità del culo delle balene nella puntata successiva, qualora la colonoscopia baleniera facesse più ascolti.

.

L’indifferente non può essere sensibile, non può amare la giustizia e la verità facendosi paladino dei deboli, perché a sostenere l’impianto mentale e sociale dell’indifferenza sono l’utilitarismo selvaggio o il narcisismo ipertrofico, che finiscono col rendere quello dell’informazione un mondo della deformazione e spesso della manipolazione, il tutto per fini politici, economici e di indirizzo subliminale sulle masse.

.

Girando per i vari programmi televisivi ho conosciuto due persone che considero amici e che sono rispettivamente: 1, uma trans, Vlady Guadagno, in arte Vladmir Luxuria, un altro è un omosessuale, equilibrato attivista LGBT e liberale a tutto tondo, si tratta del celebre e ottimo divulgatore scientifico Alessandro Cecchi Paone, che ha una visione della vita e dell’uomo diversa dalla mia, ad esempio per quanto riguarda l’aborto o l’eutanasia, ma che da subito ho stimato come uomo leale e sensibile che sa cos’è l’amicizia e il rispetto per gli amici, soprattutto per coloro che non la pensano come lui. Questo fa di Alessandro Cecchi Paone un autentico liberale, con il quale potrei parlare con serenità su tutto ciò che nel diverso sentire umano ci divide, ma al quale sono unito da qualche cosa che unisce anche gli uomini coi pensieri più diversi: il rispetto della libertà dell’altro, che per lui è il caposaldo del Liberalismo, per me è il suffisso stesso della creazione dell’uomo, creato da Dio libero e dotato di libero arbitrio.

.

Solo adesso che le spoglie mortali di Luigi Amicone sono state restituite alla terra, comprendo quel suo messaggio che ho riportato all’inizio, non certo perché mi ha definito «intelligente», ma perché in quel messaggio definisce la situazione e lo stato in cui versa il mondo dell’informazione:

.

«Grazie Ariel, mi viene quasi da chiedere a uno della tua intelligenza: fai giornalismo! Siamo circondati da ignoranza, má fé, mentira, e o grave é que eles sabem disso e não vacilam. Proprio come doveva essere un funzionario nazista o comunista» (23.03.2021)

.

Riposa in pace nella grazia e nella misericordia di Dio, mi mancherai, mio caro Amicone.

.

a Ilha de Patmos, 21 Outubro 2021

.

.

.

 

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:









ou você pode usar a conta bancária:

a pagar a Editions A ilha de Patmos

IBAN TI 74R0503403259000000301118
nesse caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

O problema não é a riqueza, mas o homem que em vez de usar a riqueza se torna escravo da riqueza

- homilética -

Homilética dos Padres da ilha de Patmos

IL PROBLEMA NON È LA RICCHEZZA, MA L’UOMO CHE ANZICHÈ SERVIRSI DELLA RICCHEZZA DIVIENE SCHIAVO DELLA RICCHEZZA

eul celebre pastore luterano Martin Luther King scriveva: “A vida é sagrada. A propriedade é feita para servir a vida, e per quanto noi la circondiamo di diritti e di rispetto, non ha una essenza personale: è parte della terra su cui l’uomo cammina: non è l’uomo».

.

Autor:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

..

artigo em formato de impressão PDF

.

.

Meditazione sul Santo Vangelo della XXVIII Domenica del tempo ordinario

.

.

Queridos irmãos e irmãs,

La prudenza”. Na figura: Pai Gabriele Giordano M. Scardocci in prudente marcia sul Lungotevere con il monopattino

neste domingo attraverso le letture della Liturgia della Parola, il Signore ci vuole dare dei consigli su come vivere sempre più una vita di fede autentica, quella che non richiede una semplice professione del eu acredito, ma uno stile di vita che si impegni e si sforzi di vivere quello che si crede.

.

Quando si imparano le pratiche di pronto soccorso, o quelle di protezione civile, vi sono principi teorici di guida e orientamento a scelte che devono poi essere attualizzate per compiere un’azione efficace di salvaguardia e difesa dei cittadini e dei malati. In questa XXVIII Domenica del tempo ordinario il Signore ci ricorda che il dono della Sapienza è necessario e indispensabile a essere discepoli, affinché tutti noi, per quanto limitati, fragili e peccatori, grazie a questo Dono tendiamo a imitare Gesù e la sua vita. Della Sapienza parla la prima lettura:

.

«Pregai e mi fu elargita la prudenza, / implorai e venne in me lo spirito di sapienza / La preferii a scettri e a troni, / stimai un nulla la ricchezza al suo confronto».

.

L’Autore del testo sacro ammette che preferisce la sapienza persino alle più grandi ricchezze, persino al potere regale. Proprio perché la sapienza permette di acquisire la chiave di comprensione dei tesori nascosti dei misteri divini. Realtà che se assimilate e fatte proprie, non sono teorie astratte o dottrine aride, ma cambiano lo sguardo sul mondo e su tutto ciò che accade. Questo spirito di Sapienza è dono dello Spirito Santo che permette di gustare e assimilare tutte le verità di fede che professiamo nel eu acredito. È un modo dunque vivido, esperienziale e autentico di vivere la fede, un quasi contatto concreto con i sacri misteri, che possiamo avere durante una preghiera profonda.

.

Prendere un orientamento sapienziale sul mondo è ciò che ci aiuta a riconoscere anche il cammino che Dio ci dona. Nel Vangelo di oggi si narra di un giovane ricco che si presenta a Gesù con un “currriculum” invidiabile: seguiva i comandamenti a menadito fin dalla giovinezza. Probabilmente lo faceva con convinzione. Ma adesso manca il passaggio clou. Ed è lì che il giovane va in crisi. Gesù gli chiede di seguirlo dopo aver venduto tutti i suoi beni per ottenere un tesoro in cielo. A quel punto il giovane se ne va. In privato poi il Signore spiega agli apostoli:

.

«Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio! [...] Quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».

.

Gesù non condanna i ricchi in sé e per sé in quanto ricchi, ma in questo caso espone la difficoltà di proseguire in un cammino di santità se la ricchezza materiale è qualcosa radicato nell’uomo, quando la ricchezza tende a eliminare qualsiasi orizzonte spirituale e divino. O quando al tempo stesso, la ricchezza, concentra tutta l’attenzione umana sul guadagno, sul possesso smodato, facendo dimenticare che i beni materiali, come per esempio il denaro o le proprietà immobiliari, sono sì mezzi importantissimi, ma pur sempre mezzi che devono aiutarci a diventare veri discepoli di Gesù.

.

Il Dono della Sapienza è l’unica vera ricchezza, perché insieme alla grazia ci prepara a valutare tutto ciò che possediamo alla luce della vita eterna; ci aiuta a distinguere l’effimero dall’eterno, donandoci uno sguardo libero, certo, prudente e armonico. E con questa libertà possiamo diventare generosi nella carità verso il prossimo e prodighi solo nell’amore di Dio. eul celebre pastore luterano Martin Luther King scriveva:

.

“A vida é sagrada. A propriedade é feita para servir a vida, e per quanto noi la circondiamo di diritti e di rispetto, non ha una essenza personale: è parte della terra su cui l’uomo cammina: non è l’uomo».

.

Pedimos ao Senhor di essere pronti alla sua chiamata a lasciare tutto il superfluo, lasciar cadere tutta la zavorra della nostra vita, per vivere una vita cattolica autentica e percorrere i sentieri eterni della santità.

.

Que assim seja.

Roma, 10 Outubro 2021

.

 

 

 

.

.

AVISO

Queridos leitores,

nós tivemos que “colocar regras” comentar em artigos, uma regra muito simples: apenas se inscreva. Na verdade, como explicamos no link para o qual o referimos, tendo em média mais de dois milhões de visitas por mês A Ilha de Patmos está propenso a receber centenas de mensagens de spam geradas por robôs. Para assinar, basta fazer login WHO e siga as instruções que detalhamos para os menos experientes.

.

.

.

.

.

Blog pessoal

Padre Gabriel

.

.

Visite as páginas de nossa loja livro WHO e apoie nossas edições comprando e distribuindo nossos livros.

.

Notícias do Roman Província Dominicana: visite o site oficial dos dominicanos, WHO

.

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:









ou você pode usar a conta bancária:

a pagar a Editions A ilha de Patmos

IBAN TI 74R0503403259000000301118
nesse caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

Conversa com Andrea Turazzi Bispo de San Marino-Montefeltro: "Na antiga República onde o referendo sobre o aborto ganhou com a 77,28% de votos, O Monte Titano se tornará como o Monte Taygetos?

- Notícias da Igreja -

COLLOQUIO CON ANDREA TURAZZI VESCOVO DI SAN MARINO-MONTEFELTRO: «NELL’ANTICA REPUBBLICA DOVE IL REFERENDUM SULL’ABORTO HA VINTO CON IL 77,28% DE VOTOS, O MONTE TITANO VAI SE TORNAR COMO O MONTE TAIGETO?

.

«Non credo che sia pertinente né credo che sia giusto paragonare i sammarinesi agli spartani. Occorre non identificare quel 77% Do “sim” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. No entanto, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. Non viene considerato adeguatamente il diritto del nascituro».

.

.

artigo em formato de impressão PDF
.

.

.HTTPS://youtu.be/2qrilziMZHk

Autor:
Jorge Facio Lince
Presidente da Editions A ilha de Patmos.

.

.

NOTA STORICA INTRODUTTIVA: L’ANTICA SERENISSIMA REPUBBLICA

.

(C)apitale della Repubblica di San Marino: la rocca, anche detta guaita, sulla sommità del Monte Titano

Na República de San Marino esta la serenissima, 33.860 habitantes, dopo accesa campagna referendaria gli aventi diritto si sono recati alle urne dove il 77,28% degli elettori ha votato a favore dell’aborto. Un risultato che richiama alla mente certe maggioranze oceaniche e che induce a riflettere animati anche da comprensibile inquietudine.

Il tema della nostra intervista che seguirà merita un’introduzione storica e agiografica. La Repubblica nasce il 3 setembro 301. Seu fundador foi Marinho, um pedreiro da ilha de Rab que fugiu da Dalmácia durante as perseguições de cristãos iniciadas por Diocleciano. Com uma pequena comunidade cristã ele se estabeleceu no Monte Titano, a mais alta das sete colinas onde hoje está a capital. A dona dessas terras era certamente Felicissima, rica nobre da cidade de Rimini que doou aquela propriedade à comunidade de Marino, que mais tarde o intitulará em seu próprio nome. Juntamente com Marino destaca-se a figura de outro pedreiro, Voz de Leone. Este segundo, depois de ter chegado também ao Monte Titano, mudou-se para Monte Feliciano, hoje conhecido como Montefeltro, continuando a trabalhar na extração e processamento de pedras. Naquela colina Leo vai construir uma igreja, em uma área chamada hoje San Leo, con-catedral da Diocese de San Marino-Montefeltro, que tem sua própria catedral e bispado em Pennabilli, país de aprox. 1.000 habitantes. Marinho e Léo, de acordo com a antiga tradição dos diáconos, são os padroeiros da Diocese. A comunidade de San Marino torna-se independente no século VIII após a queda do exército bizantino de Ravena, sede arquiepiscopal metropolitana da qual a Diocese de San Marino-Montefeltro é sufragânea. A ligação entre a antiga República - que nasce de profundas raízes cristãs - e a Igreja de Roma sempre foi muito próxima e sólida. Dentro 1291 o Sumo Pontífice Nicolau IV reconheceu San Marino como uma república cristã.

Ainda hoje a República da Sereníssima è in relazioni diplomatiche con la Santa Sede e sul suo territorio si trova la nunziatura apostolica. L’ufficio di nunzio apostolico è ricoperto dal Nunzio Apostolico in Italia, che svolge il suo ufficio diplomatico con doppio accredito: al Governo della Repubblica Italiana e al Governo della Repubblica di San Marino. Per questo la sede diplomatica della Santa Sede in Italia è chiamata Nunziatura Apostolica in Italia e nella Repubblica di San Marino. Il penultimo Nunzio Apostolico in ordine di serie, SE. Mons. Adriano Bernardini (2011-2017), era un particolare e apprezzato conoscitore della storia di quel Paese. Anche se formato al Pontificio Seminario Maggiore Romano e ordinato presbitero per la Diocesi di Roma, era nativo del Montefeltro (Piandimeleto, frazione di Monastero). Natural de Montefeltro foi também outro ilustre diplomata da Santa Sé, SE. Mons. Pietro Sambi, que era núncio apostólico nos Estados Unidos da América. O atual Núncio Apostólico é o suíço SE. Mons. Emil Paul Tscherrig. De 2014 Bispo da Diocese de San Marino-Montefeltro é SE. Mons. Andrea Turazzi.

Os Bispos de San Marino, ainda que titulares da sé episcopal e com residência no território da antiga República, eles não residem lá permanentemente, isso por razões políticas ligadas à natureza particular do governo daquele país, onde os dois Chefes de Estado são eleitos a curto prazo, chamados Capitães Regentes. Suas Excelências Serenas na verdade, eles permanecem no cargo por apenas seis meses. Num país tão pequeno e com tal sistema de governo, o Bispo, que pode permanecer em sua cátedra episcopal por vinte ou trinta anos, poderia assumir um papel de maior autoridade do que os periódicos Chefes de Estado, especialmente se ele tinha uma personalidade forte.

O povo de San Marino está profundamente orgulhoso de sua antiga República e eles nunca gostaram das piadas de certos italianos da vizinha Romagna. Incidentes diplomáticos com a Itália ao longo do tempo estão longe de ser raros, por exemplo, quando por ocasião da Festa das Forças Armadas uma revista satírica da Romagna aludiu à aviação de San Marino composta por quatro helicópteros de controle remoto e sua frota naval composta por dez barcos movidos a bateria que funcionam na água de um tanque. Talvez inconsciente, os geógrafos irônicos, che la Repubblica non ha sbocco alcuno sul mare e che San Marino potrebbe avere una flotta navale al pari della Svizzera o del Principato del Liechtenstein, ma anche di Paesi europei dall’estensione territoriale ben più grande sui quali nessuno ironizza per la mancanza di flotte navali: Áustria, Ungheria, SlovacchiaOppure quando le Forze Armate sammarinesi scattarono in massima allerta — cosa accaduta più di una volta — a causa di mezzi militari dell’Esercito Italiano che attraversarono il suo territorio. Episodio comprensibilmente vissuto come un’invasione, sino a suscitare le vibranti proteste di S.E. Antonella Mularoni ministro degli affari esteri. Perché con buona pace dei ridenti e gaudenti romagnoli circostanti e confinanti, o povo de São Marinho tem orgulho de seu país e de sua República, o mais antigo do mundo. Por isso merecem profundo respeito, acima de tudo profundo respeito histórico.

.

.

ENTREVISTA COM ANDREA TURAZZI, BISPO DA DIOCESE DE SÃO MARINO-MONTEFELTRO

.

Autor:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

.

.

.

SE. Mons. Andrea Turazzi, Bispo de São Marino-Montefeltro

(D). Eis o Reverendíssimo, você nasceu em Stellata di Bondeno (Ferrara) ordenado sacerdote para a Arquidiocese de Ferrara-Comacchio (27.05.1972). Foi estimado pelo então Arcebispo de Ferrara-Comacchio Carlo Caffarra (1995-2003). Durante quatro décadas viveu em contacto com o Povo de Deus exercendo o sagrado ministério sacerdotal como pároco, enquanto se dedica à formação de futuros sacerdotes como diretor espiritual do seminário e professor de teologia pastoral. Eleito para o bispado de San Marino-Montefeltro pelo Sumo Pontífice Francesco (30.11.2013) e bispo consagrado pelo Cardeal Carlo Caffarra (24.01.2014), Arcebispo de Bolonha (2003-2015). Podemos começar pedindo-lhe uma memória pessoal deste bispo e teólogo que voltou à Casa do Pai em 6 setembro 2017, lembrado hoje como um dos maiores especialistas no assunto do casamento, da família e da procriação humana?

.

R. Tive a sorte de ter como professor o então Don Carlo Caffarra. Lembro-me perfeitamente da clareza e profundidade de suas lições. Muito rígido, mas extraordinariamente acolhedor. O episcopado de Ferrara do Cardeal Carlo Caffarra deixou uma marca em cada um de nós sacerdotes, mas acho que ele também o marcou profundamente: ele adicionou, à robustez do teólogo da raça, a delicadeza do pastor (fortiter et soaviter). Conservo tanti ricordi personali, che custodisco gelosamente; due li condivido: le sue lacrime durante una pausa-caffè, in sede di Conferenza Episcopale Regionale, a causa del calo delle vocazioni; la sua gioia nel raccontarmi l’esperienza “spirituale” vissuta nel Conclave che elesse Papa Francesco. Non ho avuto alcun “dubbio” sull’attaccamento del Cardinale Carlo Caffarra alla persona del Santo Padre ― Papa Francesco ― e non solo al “papato”. Lo prova il fatto che quando taluni tentarono di porre il Cardinale Caffarra in conflitto con il Santo Padre sui temi della famiglia, lui non esitò a rispondere:

«Avrei avuto più piacere che si dicesse che l’Arcivescovo di Bologna ha una amante, em vez de dizer que tem um pensamento contrário ao do Papa. Porque se um bispo tem um pensamento contrário ao do Papa, ele deve ir, mas ele realmente tem que deixar a diocese, porque conduziria os fiéis por um caminho que não é mais o de Jesus Cristo. Portanto, ele se perderia eternamente e arriscaria a perda dos fiéis. É algo que me amargurou profundamente porque é calunioso, porque não só o Papa nunca falou sobre isso, mas quando ele falou ele pediu um debate. E o debate é verdadeiro se todas as vozes puderem falar. Eu nasci papista, Eu vivi como papista e como papista quero morrer" [N.d.R. veja o video da entrevista].

.

(D). Come Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro si è ritrovato di fronte a una campagna referendaria per la legalizzazione dell’aborto all’interno di un Paese che è la più piccola e antica repubblica del mondo. Da subito ha lasciato capire che per la Chiesa particolare da lei governata non era in gioco una questione politica ma una questione che toccava una corda molto sensibile della nostra fede: la vita umana, tale considerata da noi cattolici sin dal momento del concepimento. Certain, il tutto si è giocato sul terreno politico, quello del referendum, attraverso la libera espressione della volontà popolare. Ritiene che i favorevoli alla legalizzazione dell’aborto abbiano compreso che per il Vescovo non si trattava di una questione puramente politica ma di una delicata questione di coscienza?

.

R. Sono intervenuto da pastore. A quanto so i sammarinesi non hanno mai contestato le mie prese di posizione espresse nel mio intervento al Vicariato San Marino, in due omelie in Basilica in circostanze solenni (o corpo de e Solennità di San Marino), infine due comunicati stampa in prossimità del Referendum, apprezzati da molti per la chiarezza e il tono. Diverse voci delcartello sìhanno assunto evidenti toni ideologici, con slogan tipo: «Né Dio, né Chiesa, ma le donne decidono di sé…». O “não” è stato sostenuto sostanzialmente da due formazioni: una di tipo laico, con motivazioni di ragione, de ciencia e antropologia; o outro constituído pelo Conselho das Agregações Eclesiais (cerca de dez). Oficialmente as partes apelaram à liberdade de consciência. Mas vários partidos (alguns do governo da República) apoiaram totalmente a campanha de “sim”.

.

(D). De acordo com as estatísticas oficiais do 2019, de uma população de 33.860 habitantes os católicos de San Marino constituem o 97,2% da população, formado pelos batizados. Considerando que a 77,28% dos eleitores votaram a favor da legalização do aborto, o resultado deste referendo talvez não seja um paradigma do sentimento da sociedade contemporânea? Diante disso quorum, quanti potrebbero essere i cattolici che dopo avere votato a favore della legge sull’aborto si sono poi recati alla Santa Messa domenicale all’uscita dalle urne elettorali, sentendosi con la coscienza in perfetto ordine? Se ciò fosse, non crede che saremmo di fronte a una scissione tra l’essere cattolici e mettere in pratica ciò che la nostra fede considera un bene mai e in alcun caso disponibile, la vita umana?

.

R. Francamente non mi aspettavo un esito così clamorosamente sbilanciato. È evidente come anche a San Marino pesi il condizionamento della cultura dominante, la secolarizzazione e la scissione fra fede e vita: molti sono cristiani senza mai aver deciso di esserlo! Forse si poteva evitare questo Referendum con una mediazione fra le forze politiche. No entanto, al di là dell’esito, è stato occasione di un sussulto di consapevolezza e di responsabilità: per i cattolici di maggior coerenza nel testimoniare il Vangelo della vita e per tutti di sostenere una cultura e una politica favorevoli alla famiglia.

.

(D). Nell’edizione di lunedì 27 setembro il quotidiano dei Vescovi d’Italia, L'Avvenire, parla di molti nodi da sciogliere dopo il “si” della Repubblica di San Marino. Il giornale dei Vescovi mette in luce la mancata indicazione di un limite di tempo che potrebbe portare alla possibilità di abortire fino al nono mese, col rischio di creare dentro il territorio italiano un porto franco dell’aborto libero. Pensa che questo rischio possa tradursi in realtà?

.

R. Espero que a lei que será introduzida na República de São Marinho seja formulada de modo a ter presente a sensibilidade em favor da vida de muitos cidadãos de São Marinho.. No Grande e Concílio Geral (Parlamento) petições nesse sentido já foram apresentadas. A baixa participação deve ser considerada uma verdadeira derrota, mas esses dados também informam o valor relativo do resultado do referendo. Longe de imaginar um "aborto católico" - o aborto é sempre e em qualquer caso um crime - espero que cheguemos a uma lei equilibrada, que realmente consegue não deixar ninguém para trás e não se limita a aceitar a ideologia do desperdício. Il primo impegno consisterà nel sorvegliare strettamente l’evoluzione del dibattito politico in argomento, allo scopo di prevenire la fallimentare esperienza italiana e gli eccessi di certe legislazioni abortive europee, e di tenere viva la tradizione umanitaria e cristiana di San Marino. Il secondo impegno èfarsi prossimo”: salvare vite, aiutare le mamme, sostenere associazioni vida profissional; não dura, l’impegno educativo verso giovani e adulti. Portanto, ho motivi per sperare che non si crei un porto franco per l’aborto libero.

.

(D). Durante la campagna referendaria le avverse parti si sono confrontate in toni accesi anche sul cosiddetto “aborto selettivo” che consentirebbe di procedere alla soppressione dei bambini affetti da sindrome di Down, ou a crianças com anomalias que não sejam incompatíveis com uma vida digna de ser vivida. Nós perguntamos a ela: o Titã (N.d.R. Monte Titano é chamado de colina onde fica o antigo assentamento da Serenissima República de San Marino), não poderia correr o risco de se transformar no antigo Monte Taygetos, a altura de onde os espartanos, de acordo com contos mitológicos, eles jogavam bebês deformados ou considerados fracos demais para viver e crescer de acordo com os padrões estéticos e físicos da cultura grega?

.

R. Não acho relevante nem acho correto comparar o povo de San Marino com os espartanos. Occorre non identificare quel 77% Do “sim” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi¹. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. No entanto, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. O direito do nascituro não é devidamente considerado. Não olhamos para a responsabilidade da comunidade. Ci sono tante possibilità di tutela della maternità nel nostro tempo, considerato il progresso scientifico, le disponibilità economiche, l’accresciuta sensibilità sociale. Non deve succedere che una donna interrompa volontariamente la gravidanza per motivi economici o per mancanza di aiuto e di tutela. Ora la parola passa al legislatore. Si auspica l’offerta di un quadro legislativo di vero aiuto alla donna, di tutela della vita e di accoglienza della obiezione di coscienza. Ci sarà certamente una legislazione diversa dall’attuale; verrà data una libertà che prima non era prevista. Spero non sia un incentivo alla prassi abortiva, ad una leggerezza nelle decisioni o — come ha detto recentemente Papa Francesco — «ad una bruttissima abitudine ad uccidere».

.

(D). La condizione di decadenza nella quale versiamo a livello ecclesiale è evidente, essendo la Chiesa mondo nel mondo, come prova la dissociazione tra l’essere cattolici e il vivere e pensare cattolico che porta a una maggioranza del 77,28% a favore della legge sull’aborto. Ci conceda una domanda non facile da rivolgere a un vescovo: come pastori in cura d’anime e come teologi, quante gravi responsabilità abbiamo, di fronte a tutto questo? Di recente abbiamo avuto casi di sacerdoti italiani che si sono pubblicamente dichiarati a favore dell’eutanasia con gran risalto sui media nazionali. Certain, si tratta di pochi casi, ma la risonanza di questi pochi è destinata a creare scandalo e disorientamento nel Popolo di Dio, già fin troppo disorientato. Non è che abbiamo perduto la percezione della sacralità del Donum vitae nell’ambito stesso della formazione al sacerdozio ministeriale? Per questo le chiediamo: da dove possiamo ripartire?

.

R. eu repito: non si può essere cattolici e negare i principi stessi del Cattolicesimo, come il diritto assoluto alla vita e la dignità umana del concepito, come ho avuto modo di sottolineare nella festa del Santo Patrono e Fondatore Marino, a 3 settembre scorso. Ci sono cattolici impegnati sul fronte sociale, sui diritti umani e sui grandi temi della ecologia. Alcuni altri accentuano l’attenzione alla salvaguardia dei valori etici non negoziabili; às vezes parece que surge um sulco entre as duas perspectivas. A ambos senti o dever de reafirmar como o Evangelho do amor de Deus pelo homem, que o Evangelho da dignidade da pessoa e o Evangelho da vida sejam um Evangelho indivisível. Eu também ofereço outra consideração para ser interpretada da maneira correta. Estamos dando muita atenção, gastar recursos e esforços, para a promoção humana. Só podemos apreciar o trabalho, por exemplo, da Cáritas diocesana, o testemunho do voluntariado, programas pastorais em favor das urgências e necessidades do povo. No entanto, desejo o mesmo impulso para a evangelização. Eu gostaria de mais ênfase na primazia do anúncio de Jesus Cristo: ser esperança em um mundo ferido! Nei prossimi giorni stileremo nella nostra Diocesi una sorta di “tabella di marcia”:

sostegno ai nostri fedeli nell’esperienza di una fede capace di interagire col mondo e suscitare speranze;

accompagnamento delle persone in difficoltà, guida spirituale e catechesi appropriata;

lavoro convergente degli Uffici pastorali sul tema della vita;

sostenibilità di un Consultorio famigliare;

celebrazione della Veglia per la Vita nascente e, come in Italia, della Giornata per la Vita.

.

(D). Rod Dreher scrisse il libro L’opzione Benedetto, da intendersi come la fuga di Benedetto da Norcia che osa separarsi dall’Impero oramai corrotto e sconvolto dai barbari invasori per poter ritrovare le proprie origini, suas raízes e a identidade cristã que hoje no mundo soa como uma blasfêmia impronunciável ". Você acha que nós católicos, sem deixar de ser mundo no mundo, mas também avesso a certas lógicas deste mundo, do aborto à eutanásia e por isso, se necessário, odiado pelo mundo (cf.. GV 15, 18-21), chegaremos a uma nova "opção de Bento" adequada à nossa sociedade contemporânea?

.

R. Eu conheço o livro de Rod Dreher L’opzione Benedetto. Também se fala há muito tempo entre nós. Pudemos apreciar conquistas interessantes e certamente positivas. Não gostaria que a vocação de "fermento na massa" fosse enfraquecida, a vontade de assumir e "habitar" nosso tempo. Não podemos ceder à síndrome de nos sentirmos assediados. Anche una cooperativa agricola “cattolica”, o una scuola “cattolica”, iniziative più che encomiabili, devono porsi in dialogo e offrire ispirazione a tutti.

.

(D). Abbiamo chiesto a un suo presbitero di dipingerci il proprio Vescovo, ha risposto così: «Il mio Vescovo è un credente di solida fede e un vero pastore. È sempre pronto a farsi in quattro per i suoi preti, che mai abbandonerebbe nella solitudine e nello scoramento della notte buia. È sempre presente, ed è molto geloso dei suoi preti, ben sapendo quanto Dio è geloso di tutti noi». Che effetto le fa sapere che uno dei suoi preti ci ha risposto così?

 

R. (Il Vescovo risponde con un sorriso)

.

Da ilha de Patmos, 6 Outubro 2021

.

.

¹ N.d.R. I Sanmarinesi votanti sono stati solo 14.558 pari al 41,11 degli aventi diritto (cerca de 35.400). I favorevoli sono stati circa 11.250 pari al 77,28% dei votanti mentre i contrari circa 3.308 pari al 22,72%. Quell’impressionante 77,28% rappresenta solo il 31,78% degli elettori, ennesima riprova che una minoranza agguerrita – in questo caso meno di un sanmarinese su tre – impone le sue scelte alla maggioranza assente o inerte per pigrizia, scarso senso di responsabilità, disinteresse.

.

.

.

.

AVISO

Queridos leitores,

tivemos que "definir regras" para comentar os artigos, uma regra muito simples: apenas se inscreva. Como de fato explicamos no link a que nos referimos, tendo em média mais de dois milhões de visitas por mês A Ilha de Patmos está propenso a receber centenas de mensagens de spam geradas por robôs. Para assinar, basta fazer login WHO e siga as instruções que detalhamos para os menos experientes.

.

.

.

.

Blog pessoal

Padre Gabriel

.

.

Notícias do Roman Província Dominicana: visite o site oficial dos dominicanos, WHO

.

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:









ou você pode usar a conta bancária:

a pagar a Editions A ilha de Patmos

IBAN TI 74R0503403259000000301118
nesse caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.