Il était une fois l'Eucharistie et le sacerdoce catholique, Puis vint fondateurs Kiko Arguello et Carmen Hernandez du Chemin néocatéchuménal … et l'hérésie est devenue chair et a habité parmi nous

- les essais de Theologica -

UNE FOIS IL Y AVAIT LA CATHOLIQUE ET EUCHARISTIE PRÊTRISE, ALORS SONT VENUS KIKO ARGÜELLO ET CARMEN HERNÁNDEZ FONDATEURS DU CHEMIN NÉOCATECHUMÉNAL ... ET L'HÉRÉSIE EST DEVENUE DE LA VIANDE ET EST VENUE VIVRE AVEC NOUS

.

TABLE DES MATIÈRES: je. L'hérésie n'est pas un mot indécent et donner un hérétique à ceux qui tombent et restent dans une hérésie substantielle et formelle n'est pas une insulte, mais une simple déclaration de fait - II. La première idée fausse à dissiper: si le Chemin néocatéchuménal a été développé sous les pontificats de deux Papes Saints, Cela rend le cas pour le dogme sacré et intouchable la foi catholique?III. Les Néocatéchumènes naissent sur la crise d'autorité de l'Église et se développent sous le pontificat de Jean-Paul II après lui avoir présenté la famille de Le Moulin Blanc - IV. Le Chemin Néocatéchuménal a remis au goût du jour la vieille hérésie des Albigeois, sans que l'autorité ecclésiastique ne fasse cesser le fait que l'Eucharistie n'est pas un bien privé dont on peut disposer à volonté - V. Quand l'Église trouve toutes les excuses pour ne pas écouter les victimes de toutes sortes, Finalement, il finit par se retrouver avec les Cardinals aux barreaux des tribunaux pénaux, mais même dans ce cas, elle a continué sans se décourager à ne pas écouter - NOUS. Le mensonge des dirigeants Way Neucatecumenale: d'affirmer que l'Église a reconnu et légitimé pleinement leurs ébats liturgiques et catéchétiques - VII. Les nombreuses bonnes personnes qui le composent suffisent à rendre un mouvement sain? Ils sont des témoignages assez de ceux qui disent: "The Way I converti", « Le chemin que je retourne à l'Eglise »? VII. Le Pontife régnant n'a pas tardé à se lancer ça aussi des références précises à kikos et les méga-catéchistes du Neocatechumenal obtenir l'effet obtenu par ses trois prédécesseurs: oreilles sourdes - IX. Les Néocatéchumènes sont la négation du sage esprit missionnaire de l'Église, éd au lieu d'amener de nouvelles personnes au catholicisme, ils font de nouveaux adeptes au néocatéchuménalisme - X. La Voie Néocatéchuménale est une psycho-secte dans laquelle le sens critique est annulé après avoir envahi la conscience des adeptes et changé l'ignorance grossière et l'orgueil en un don d'élection du Saint-Esprit - XI. Au grave problème de la mauvaise perception de la Très Sainte Eucharistie s'ajoute la mauvaise perception du Sacerdoce, en particulier entre le sacerdoce commun des baptisés et le sacerdoce ministériel du Christ, ce qui implique que la Les ministres du sacré équipé d'un cadeau triple: être enseigné, gouverne, sanctifier XII. conclusion.

.

.

.

Auteur:
Ariel S. Levi Gualdo

Avant de passer dans le long discours il est nécessaire de préciser le sens du mot hérésie. Le besoin de clarification est dû au fait que, dans l'Église elle-même a été minée par le temps novlangue, Et il est venu expliquer comment il y a quelques années dans l'un des premiers points de notre Île de Patmos [2014, voir QUI], puis suivre mon soi-disant tonique [voir la vidéo, QUI]. Novlangue est non seulement créer de nouveaux mots, ou appelé néologismes, mais effectuer une opération encore pire: donnant aux mots un sens différent de celui étymologiquement ont ch'esse. La vidange des mots de leur sens rempli de significations complètement différentes, est un grave danger que le phénomène prend avant le développement, pendant et après la Révolution française. Un exemple exhaustif est les concepts de liberté, l'égalité et de fraternité, qu'ils sont de la fondation suffixes du christianisme, pas une invention de la Révolution française. Principes, cependant,, la fin du XVIIIe siècle, et en suivant le cours du XIXe siècle, Ils changeront en principes antithétiques au christianisme, ce qui est plus utilisé pour attaquer et à tâtons écoutille du christianisme lui-même […]

.

.

.

VOUS ACHETER LE LIVRE EN CLIQUANT QUI

 

.

.

.

175 réponses
  1. GLS
    GLS dit :

    J'ai lu cet article avec quelques mois de retard, j'ai encore envie de répondre, comme dans ledit article je suis accusé d'être sectaire, hérétique, malade psychologiquement, ignorant, bugiardo.
    1)L'article commence par une accusation d'hérésie au CNC, les accusations viennent généralement à la fin , pas au début, sinon, il semble que l'hérésie soit considérée comme acquise alors qu'au lieu de cela, tout doit être démontré.
    3)La formation de familles chrétiennes au sein du CNC doit être considérée comme un atout, l'article y voit un moyen de plagier les papes, quel sens?
    4)La combinaison CNC-Albigesi est aussi arbitraire que celle entre Nutella et stracchino.
    5)Dans certains endroits, il est possible que des abus liturgiques aient eu lieu, mais cela ne disqualifie pas qui dans le CNC célèbre selon les statuts.
    6)Si même les fruits du CNC convainquent, alors je ne sais pas ce qui peut te convaincre de sa bonté; des épisodes isolés de protestations épiscopales sont évoqués mais pas les nombreuses récompenses.
    7)Les accusations contre Redemptoris Mater et les familles missionnaires ont un fondement concret ou sont des diffamations gratuites?
    8)Si le CNC déteste le clergé, pourquoi il ouvre des séminaires et exige dans chaque équipe un…

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Preuve et preuve qu'elle n'a pas lu, que s'il a lu il l'a fait avec les yeux de la prévention, alors il a compris ce qu'elle voulait comprendre, il est de mon devoir de préciser que vous ne pouvez et ne devez pas altérer et falsifier mes écrits, per un semplice motivo: tout d'abord j'explique depuis le début ce qu'est l'hérésie, par exemple en clarifiant ce mot “hérésie” ce n'est pas un gros mot ou une insulte.

      Cependant, sachez que dans tout texte qui vise à démontrer ou à étayer des arguments précis, le “accuser” sont formulés immédiatement au début.
      En fait, dans les textes juridiques, qu'il s'agisse de tribunaux civils ou canoniques, au début l'article est indiqué immédiatement, le canon ou la loi violé.
      Un des “lois” que je rapporte fréquemment n'est pas par hasard celui qui contient toutes les dispositions qui ont toujours été clairement violées par les néocatéchuménaux dans leurs liturgies, la Le sacrement de la rédemption.

      Puisque dans mon texte j'ai tout expliqué, Je me limite à répondre uniquement à votre point non. 5 lui dire sans peine de déni facile que, gli abusi liturgici, dans le Chemin Néocatéchuménal, ils ne sont pas arrivés “quelquefois” O “quelque part”, mais ils sont un costume, ils sont institutionnalisés et régulés par Kiko Arguello et ses associés.

      Tout cela est prouvé et documenté, alors qu'elle reste libre de déchirer ses vêtements et de nier, alors, se mi permette, pathétique en effet, la preuve solaire des faits.

    • Pax
      Pax dit :

      GLS mais par hasard tu es Kiko lui-même?

      La liste que vous avez formulée est sympa: “sectaire, hérétique, malade psychologiquement, ignorant, bugiardo” convient parfaitement à Kiko. Je ne pense pas, au lieu, que le Père Ariel ait jamais fait ces accusations à des adhérents individuels au Chemin Néocatéchuménal.

      Dans la comparaison impensable que vous avez prise comme exemple, satisfaire ma curiosité, qui est nutella? Qui est le stracchino?

      À point 5 tu te dépasses. Mais si dans les communautés Kikian tout est strictement respecté les indications des catéchistes! Je ai été 30 des années de marche et j'ai beaucoup voyagé, ti assicuro; quand tu as vu une Eucharistie néocatéchuménale, vous les avez tous vus dans les moindres détails.
      Mais je vais vous en dire plus.
      Si vous parlez de célébrations “selon les statuts” tu te contredis. Les statuts, sur la ligne de la lettre d'Arinze dont ils se souviennent et n'ont jamais eu l'intention de surmonter, tu ne les as jamais observés. Vous respectez les Statuts selon Kiko (c'est-à-dire comment il a voulu les interpréter avec Carmen, per non dire peggio, c'est-à-dire comment ils voulaient tous les deux les contrarier sans le moindre scrupule ni repentir) pour que vous fassiez TOUT LE CONTRAIRE DE CE QUE L'EGLISE VOUS DEMANDE DE FAIRE INUTILE D'UNE VIE.

      Parler de fruits. Les fruits pourris expérimentés nous ont d'abord convaincus.
      Combien de témoignages voulez-vous?

      Les abattoirs à vocations et le Redemtoris Mater. Les nombreuses familles en mission bouleversées. Et dans les deux cas, une capacité sans précédent à cacher les cas sanglants et à enterrer avec eux les mêmes protagonistes d'histoires très tristes qui ne sont pas des chiffres mais des êtres humains trompés.

      La dernière question m'adoucit par sa naïveté (?) vraiment unique.
      Tu te demandes et tu demandes:

      8) Si le Chemin Néocatéchuménal déteste le clergé, pourquoi il ouvre des séminaires et demande un prêtre dans chaque équipe?

      Mais précisément parce que le CNC a toujours considéré le clergé comme le plus grand obstacle à ses désirs expansionnistes avec la volonté d'exercer une domination incontestée., précisément parce qu'à un certain moment toute la caste des itinérants n'entretenait plus les relations avec le clergé, il a sournoisement pensé à juste le former. Couper la tête du taureau, une fois pour toutes!

      D'un autre côté, Carmen parlait toujours, sur la relation avec l'Église, de guerres et de batailles avec les évêques et les cardinaux et les curés et toute la Sainte Hiérarchie ... Ainsi se termina ce supplice insupportable pour Kiko et Carmen.
      Formez-le? Formez-le? Ou le déformer a priori? Sans les tracas d'avoir à travailler si dur, parfois, réduire le clergé préexistant en esclavage total? Comme il sied à un parfait presbytre vraiment fidèle à Kiko et Carmen.
      Le seul qui peut prétendre traîner dans les communautés sans causer de dégâts, perbacco!

      Pax

  2. sissi
    sissi dit :

    La lettre est un document réel et existant……mais s'il te plait ariel……

    • Alessandra
      Alessandra dit :

      Par chance, elle est allée à l'école avec Don Ariel pour l'appeler par son nom?
      On néglige le respect d'un prêtre (ça te manque depuis un certain temps), Je vois que même la simple bonne éducation humaine te manque…

      Maintenant, prescindere dalla (pessima) forme de la question…après une discussion aussi aiguë sur la véracité de ce document, je suppose que vous pouvez apporter la preuve de la négation, droit?

      Oh non, excuse moi, J'oubliais que les Néocatéchuménaux sont parfaitement omniscients, ils ne savent pas quelle est la charge de la preuve. E’ directement le Père éternel qui parle en eux.

  3. Isaïe Paul Jérémie
    Isaïe Paul Jérémie dit :

    Par IPG.
    Rocher de Feu, 3;
    via Della Resurrezione.

    UNE:
    pape françois.
    Aux Cardinaux de la Sainte Église Romaine.
    Aux Évêques de la Sainte Église Romaine.
    Aux Congrégations de la Sainte Église Romaine
    Aux prêtres de la Sainte Église Romaine
    Aux fidèles de la Sainte Église Romaine

    Ce commentaire est inséré car nous ne pouvons pas garder le silence après ce qui nous est arrivé, auquel nous essayons de répondre, mais nous savons que nous sommes des hommes, créature, alors nous laissons à Dieu la croissance de la semence qui nous est confiée. Dans l'espoir et la foi que c'est une semence de blé, et non de l'herbe, si c'était de l'herbe, éventuellement je m'excuse d'avance et demande de ne pas prendre en compte ce que j'insérerai plus tard. Pas par envie, pas par rancune, pas par haine, pas pour se venger, mais en réponse à ce que le Seigneur nous confie chaque jour, dont nous remercions sa bonté et sa générosité. Merci Monsieur.

    Je précise que je ne suis pas à la hauteur du sujet qui sera traité plus tard, mais j'espère que quelqu'un est plus profond que moi, et plus informé, donc je soumets cette pensée à moi à cette personne, et je vous laisse l'évaluation de tout complètement. Le mien veut être seulement un point de départ pour…

  4. Attilio
    Attilio dit :

    Savoir que le chemin des néochats est une réalité forte dans les paroisses ne me rend pas heureux pour les raisons que le Père Ariel a expliquées. Je ne juge pas qui suit les mouvements, mais je pense que l'Église a besoin aujourd'hui de paroisses fortes! E’ la paroisse est le fief d'où repartir car un guide s'y trouvera ( le pasteur ) capable de donner à chaque laïc des tâches et des rôles adaptés à sa vocation et à ses capacités. Tout doit être trouvé dans la paroisse: studio, prière, dévouement, militantisme chrétien, amitié et peut-être même une femme et un mari. Si le curé est faible, il faut l'aider. A quoi sert un mouvement qui détourne l'attention de son curé et ouvre le risque de rejoindre un clan de fidèles de son chef avec ses propres règles? ce sera une erreur, mais un bon curé change littéralement la face d'un quartier, le chef de service d'un mouvement qui fait? Souvent ils sont sectoriels et on respire l'air des micro églises. Au profit de qui? de l'église? J'en doute. L'Eglise résistera si on se dégage des canapés pour l'aider... commençons par le curé à quelques mètres de chez lui.

  5. pape françois
    pape françois dit :

    don ariel???
    à part les étranglements que tu as écrit, le résultat d'une ignorance TRÈS PROFONDE…mais avez-vous déjà pensé à trouver un emploi???
    tu n'as rien à faire???

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Écrivez ce que vous voulez et comment vous voulez, offense-moi aussi bien que tu préfères, mais ce faisant il a les couilles de se signer de son nom, pas avec le nom du Souverain Pontife.

      PS.

      Un travail et un freelance extrêmement satisfaisant et aussi très rémunérateur, en temps voulu je l'ai quittée pour devenir prêtre.

    • Alessandra
      Alessandra dit :

      Cher pathétique néocatéchuménal,
      merci beaucoup d'avoir donné, si encore besoin, preuve de ta profonde fierté et de ta grossièreté. puis, pouvoir venir ici pour faire la leçon sur la vulgarité.
      LES HYPOCRITES.

      Le discours du travail car il n'a pas le cran de le faire à Kiko Arguello et divers catéchistes itinérants qui vivent dans les SBAFO des communautés? Évidemment Saint Paul dit : “Qui ne travaille pas, tu ne manges même pas!” c'était un pauvre crétin. Alors peut-être que Kiko vient crier la pauvreté aux publicités (cependant, il a trouvé l'argent pour acheter le terrain sur le mont des Oliviers pour construire la Domus Jérusalem, vero)?

    • Isabelle
      Isabelle dit :

      Cher P.F.,

      vu l'humilité, je ne suis pas surpris par le langage grossier.

      Et heureusement notre Pape, le vrai, Il avait ceci à dire, ” même les mots tuent”… au visage!

      Toutefois, un prêtre n'est plus totalement un homme de ce monde, en partie c'est déjà autre chose. Je m'excuse d'avoir utilisé un langage non théologique, mais littéraire; c'est pour essayer de la prévenir, car si, dans un jour propice, il réussit à éradiquer cette plante parasite qui s'est glissée dans son cœur (qui pourrait l'étouffer complètement), pour autant que, alors, devaient s'éveiller, souviens-toi bien que, dans la vraie confession générale qu'il fera, un prêtre ne rencontre même pas un regard, imaginer avec de gros mots!

  6. Giuseppe
    Giuseppe dit :

    Grace Père Ariel j'aimerais aussi connaître votre avis sur RNS, Mouvement charismatique catholique et communauté Magnificat

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Cher Joseph,

      ils sont chacun une réalité différente, ma pour progressivement, de chaque, Nous parlerons.

  7. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Je n'avais jamais entendu parler de l'article de foi (Humain, divin ou catholique? Non reçu) sur la capacité “supérieur” de discernement du Pontife Romain.

    Sur la base du néo-dogme susmentionné, je devrais reconsidérer ma position sur le pape Benoît IX, au siècle Teofilatto III des comtes de Tusculum.

    Probablement en vendant la dignité papale au parrain et en la retournant deux fois, il a certainement été ému par le Saint-Esprit..

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Ah, cher Tomista

      … sans oublier Jean XII au siècle Octave des comtes de Tusculum (937-964) élu Souverain Pontife à l'âge de dix-huit ans.
      Il a continué à vivre sa vie dissolue, après être monté sur le trône sacré sans aucune formation doctrinale, théologique et ecclésiastique. Dans les actes officiels du Synode de Saint Pierre qui l'a finalement déposé en 964, parmi les choses moins sérieuses qu'il a faites et qu'il lui a attribuées, nous lisons: «[…] qu'il a fait du saint palais un bordel et un bordel» (il a transformé le palais sacré du Latran en bordel et en bordel)» [cf. Rescrit à l'évêque du synode romain].

      Les terribles accusations portées contre lui, en vertu de laquelle il fut finalement destitué, ils ont été écrits dans un rapport confié plus tard à l'histoire par Liutprando, évêque de Crémone, Il est mort dans la gloire de la sainteté. Ses actes étaient si ignobles qu'il est bon de ne pas s'y attarder.

      Il mourut en 27 années, dans des circonstances peu claires. Heureusement, il mourrait d'un accident vasculaire cérébral, mais peut-être qu'il a été assassiné, comme le disent d'autres chroniques historiques, du mari d'une de ses maîtresses qui l'a fait tomber d'une fenêtre.

      Mais, comme Souverain Pontife, il fut sans doute éclairé par la capacité « supérieure » de discernement accordée aux Successeurs de Pierre par l'Esprit Saint, comme l'illustre notre fin érudit néocatéchuménal. Et Jean XII décida et signa de nombreux actes qui – en appliquant cette logique pneumatologico-kikienne – Je ne peux pas être placé dans la moindre discussion, comme lorsqu'il a consacré plusieurs évêques en échange de grosses sommes d'argent, dont un enfant de dix ans, élu évêque de Todi.

      Etc … etc …

      Chi mai, dans le passé, mais aussi au présent, appliquer le même “ecclesiologia-neocatecumenale”, pourrait remettre en question, ou même ne pas accepter, tous les actes de Jean XII ?

  8. l'apostata
    l vilain dit :

    Merci encore, Don Ariel, pour le service qu'il rend à la vérité.

    Ne soyez pas surpris par le Neocat ça sonne comme un disque rayé, imperméable à tout sujet.

    Pensez-vous que pendant de nombreuses années sur l'Observatoire aucun d'entre eux n'a répondu aux questions directes, où un oui ou un non suffisait. Dans les messages précédents, je viens de poser quelques questions à Massimiliano avant et Giovanni après. Aucun d'eux n'a daigné répondre.

    Ils n'en sont pas capables après avoir été plagiés par leurs catéchistes. catéchistes qui, comme Kiko l'assure, avoir “discernement et parler pour l'inspiration”.

    Je me demande si leur inspiration perspicace s'acquiert à l'acte même de leur nomination ou si leurs superpouvoirs néocatéchuménaux augmentent aussi par étapes.

    Ce serait drôle s'ils n'avaient pas fait pleurer tant de gens.

    Un autre argument qui les fait taire est celui de l'argent. S'il pose des questions sur l'obligation de la dîme, de l'utilisation mystérieuse des fonds récoltés et du secret du budget de la Fondation, les fidèles se taisent et les catéchistes deviennent furieux.
    je me demande pourquoi…

    Merci encore père, et merci aussi aux prêtres qui ont assisté.

  9. Giuseppe Verdi
    Giuseppe Verdi dit :

    Anche io, comme tant d'autres qui écrivent ici, Je remercie chaleureusement le Père Ariel d'avoir, à travers l'un de ses écrits de la plus haute rigueur et honnêteté intellectuelle avant même celui théologique, dogmatique, liturgique, etc, principalement pour 2 les raisons:

    1) Pour avoir, à travers le document, mis en évidence ceux qui sont les fondements de la foi chrétienne-catholique, donnant un trait scientifique par la citation de la multiplicité des documents magistraux auxquels il, il respecte scrupuleusement et méticuleusement, offrendo, à chaque lecteur, la possibilité d'une comparaison immédiate sur la possibilité ou non d'être en adhésion absolue aux fondements précités, a beneficio di tutti;

    2) Pour avoir, en raison du même document, placé plus loin dans la lumière (de manière scientifique, avec des preuves prouvées et citées) que le CNC est un syncrétisme de doctrines et un fouillis d'idéologies qui n'ont rien à voir avec les deux mille ans d'enseignement de l'Église catholique.

    L'intervention continue, puis, du soi-disant John, Nc pur et surtout dur du col de l'utérus, avvalora, plus loin, la thèse selon laquelle, le chemin, en tant que secte, il annule tout sens critique et possibilité d'utiliser la raison.

  10. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Je pense que le “question et réponse” entre John et le père Ariel est instructif pour tout le monde, car il démontre l'impossibilité totale de dialogue avec les Néocatéchuménaux.

    Le CN manque structurellement de capacité de dialogue, car, non rationnels, il leur manque l'élément indispensable au dialogue, qui est une base rationnelle partagée. Par exemple, partager des connecteurs logiques, les quatre opérations arithmétiques, les règles de grammaire, il principio di non contraddizione.

    Rien de tout cela n'est partagé dans ce débat stérile, même pas un minimum, c'est comme parler au mur. Jamais de ma vie je n'avais parlé à des amis; avec quelques fous oui, mais avec des gens stupides jamais.

    A l'intérieur du NC j'ai compris qu'il est absolument inutile de perdre du temps en dialogue, à la fois dans un dialogue pacifique et dans une confrontation dialectique. C'est un discours entre les sourds, ongle ignorance perpétuelle de la liste, un subterfuge et une mystification continue.

    ils sont inexcusables.

  11. Vincenzo
    Vincenzo dit :

    Je voudrais remercier Don Ariel parce qu'avec ce travail il a contribué à éclairer de plus en plus le Chemin Néocatéchuménal.. J'espère pouvoir lire au plus vite un article concernant le mouvement des Charismatiques dès que ses engagements le permettront (Renouveau charismatique, Renouvellement de l'Esprit etc etc.. ) avec la même clarté et la même profondeur, mouvement né des pentecôtistes protestants à la même époque où Kiko Arguello prévoyait de construire son église.
    Merci pour tout

  12. Giovanni
    Giovanni dit :

    Rev.do Don Ariel, Je prends note du fait que vous pensez que trois Papes ont eu tort de soutenir et d'approuver le Chemin, vous avez évidemment plus de discernement que ces quatre Papes, dont deux sont des saints.?Il n'y a pas de commentaires à faire,cela parle de lui-même, mais je voudrais souligner que certains évêques et prêtres,pensano la stessa cosa del pape,ils la considèrent comme une erreur pastorale de Benoît XVI,certains prétendent même théologique,étant donné que l'approbation du nouveau Missel de Paul VI en 1969 aurait fait expirer celui de Pie V,la seconde étant la version réformée de la première. Ce n'est pas ma pensée,mais il y a des prélats,mal éminent,elle le pense, alors elle se sent plus favorisée par l'Esprit Saint dans le don de discernement?je trouve ça étrange,depuis qu'on m'a appris que le Pape,dans l'Eglise,a plus de discernement,pour le poste qu'il occupe,que tout autre baptisé,était aussi évêque. Je ne suis certainement pas un théologien, même si j'étudie la théologie,à un niveau inférieur à son,mais un tel raisonnement éveille beaucoup de méfiance en moi.

    Vous dites que l'approbation de la Voie serait un acte administratif non magistral, cela me semble une chicane juridique assez spécieuse,ce qui, cependant, ne change rien au fond.La Constitution Pastor Bonus ,approuvé par saint Jean-Paul II,délégué au Conseil Pontifical pour les Laïcs ,le droit d'examiner,contrôler et approuver les réalités laïques, puisque la Voie est une réalité à prédominance laïque,il ne pouvait s'agir que du service précité qui s'en était chargé. A vrai dire, le directoire catéchétique du Chemin a été consulté à plusieurs reprises,premier du Congrégation pour le Clergé,les premiers tomes,en 1977, puis plus tard dans les années 90,suite à la polémique du Père Enrico Zoffoli,puis dans la période 1997-2008 si je ne me trompe pas de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi.,même accepter ce qu'elle dit,la substance ne change pas,aussi parce que tout acte administratif a été fait avec l'assentiment du Pape. En effet, s'il veut vraiment savoir, le Statut a été voulu par G.P.II. Donc si vous pensez que l'approbation est quelque chose qui s'est passé indépendamment du Pape,tu as tort.

    Elle continue de mettre des mots dans ma bouche que je n'ai pas dit,Je n'ai pas dit ce que vous rapportez sur Vatican II,maintenant c'est elle qui la manipule Le sacrement de la rédemption il n'a pas été écrit pour condamner les erreurs de la Voie,c'est une interprétation forcée mais c'est’ un document universel, qui ne condamne pas du tout la Voie. Puisqu'elle aime s'adonner aux subtilités théologiques,Je signale qu'il est entré dans une contradiction,puisque, auparavant, il a déclaré qu'il croyait que l'approbation de la Voie était fausse,et pouvoir le faire ,l'approbation n'est pas un acte magistral infaillible du Pape. Mais alors il fait appel à l'éducation Sacrement du Rédempteur,qui n'est pas un acte magistral du Pape,ni infaillible,mais du Congrégation pour le Culte Divin. Ce n'est ni une lettre apostolique, ni une encyclique,ni une exhortation apostolique,raisonnant donc comme elle le fait, je pourrais penser, mais je ne pense pas, qu'il est faux et le rejeter. Il me dit que les dispositions qu'ils contiennent sont une émanation de la volonté du Pape?Eh bien pourquoi quel est le statut?Il a été voulu par Jean-Paul II et ratifié par Benoît XVI et le Pape François.

    Tu as traité mes catéchistes de très ignorants,Je suppose qu'il faisait référence à Kiko et Carmen, s'il faisait référence à eux,Je l'informe que Carmen avait un diplôme en chimie et en théologie. Kiko a trois diplômes honoris causa en théologie ainsi qu'un diplôme en beaux-arts. Je ne suis pas si ignorant non plus.,J'étudie aussi la théologie comme je vous l'ai dit. Nous ne serons pas tous des scientifiques comme vous,mais nous ne sommes même pas aussi ignorants qu'elle semble le croire.,je n'y pense pas du tout,je ne vois pas pourquoi je devrais le faire?je n'ai pas de temps à perdre!Je souhaite juste que tu réalises que,avec sa façon de faire,contribue à la désunion. en alimentant les murmures et l'hostilité des personnes moins exigeantes. Il est certain que les gens veulent se laisser convaincre par elle?Il est convaincu que ses idées sont justes?Pensez-vous que la doctrine ait jamais converti quelqu'un?Je crois qu'il ferait mieux de se consacrer à des activités plus utiles,au lieu de critiquer de manière stérile. Je suis convaincu que vous aimez l'Église et donc,s'il te plaît,ne lui fais pas de mal en faisant des croisades inutiles. Saint Paul VI a dit que plus que des maîtres nous avons besoin de témoins. Alors essaie de témoigner ta foi en Jésus,ne pas faire la guerre.

    Après l'avoir invitée à être un artisan de paix,Je crois que je n'ai rien d'autre à ajouter. Le Chemin est un don de l'Esprit Saint pour l'Église,beaucoup de fruits en sont sortis,un itinéraire de foi adapté à notre temps, je suis d'accord pour qu'il ne soit pas exagérément exalté,c'est un outil pas notre objectif,ni le considérer plus que ce qu'il est, mais ce n'est même pas ce que vous décrivez de façon paradoxale et exagérée.,Je ne sais pas sur quoi vit la réalité,mais celui où j'habite est très sécularisé.Les églises sont désertes,il y a peu de vocations et nous sommes dans une ère quasi post-chrétienne Le Chemin est une réponse à cette situation,il faut témoigner de l'Evangile par sa vie,con fatti,rencontrer Jésus,Ce credo est le témoignage que tant de gens nous demandent,contre ceci ou cela et vous retrancher dans un dogmatisme stérile et une fin en soi. Cette attitude n'a aucun sens. Je prierai pour vous. Bonne fin de Carême et Joyeuses Pâques..

    • alessandra
      alessandra dit :

      Je remarque que ma question très simple sur le (Dieu merci) ANCIEN Évêque Apuron elle passe sous silence.
      Qu'il ne puisse même jamais admettre la possibilité que le prophète Arguello ait commis une erreur en défendant un pédophile avec l'épée. (ainsi qu'un escroc), jusqu'à le vouloir sur scène pour le 50e anniversaire du voyage à Rome.
      La lâcheté vous distingue..

      • Ariel S. Levi Gualdo
        Ariel S. Levi Gualdo dit :

        Alessandra Cara,

        J'ai peur de comprendre qu'on est plus ou moins à ces niveaux:

        le Père et le Fils peut être tort de passer à l'Esprit Saint, mais Kiko Arguello et sa famille ne peuvent pas se tromper.

        On est vraiment à ce niveau de fanatisme aveugle.
        E me ne dispiaccio profondamente, car dans ce que M.. Giovanni en sa qualité de “modèle Néocatéchuménal”, il n'y a pas de quoi rire, mais malheureusement beaucoup à pleurer, aussi parce qu'on comprend comment ces gens ont été amorcés et par quel genre d'ignorants dangereux ils ont été déformés dans la foi, dans la pensée et dans l'absence presque totale de sens critique.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      moi qui n'ose même pas, Je ne dis pas de soupirer qui n'est pas écrit, mais que je n'ose même pas ouvrir ou fermer les bras à moins que cela ne soit indiqué dans les inscriptions rouges sur le Missel romain, je ne prends pas cours de ce genre par une personne appartenant à une congrégation qui, dans une désobéissance répétée et obstinée à l'Église, a fait de la célébration eucharistique ce qu'elle entendait et de la manière qu'elle voulait. Donc, elle qui appartient à une congrégation qui a fait des ravages dans la doctrine catholique et la liturgie, il ne peut et ne doit jamais oser répondre de cette manière à ceux qui transmettent la doctrine catholique selon les enseignements de l'Église et à ceux qui célèbrent le Sacrifice eucharistique comme l'Église le commande, sans rien ajouter, omettre et changer, Je suis tellement conscient que dans la célébration des mystères sacrés je suis un instrument, pas maître et surtout subversion arbitraire.

      Raisonnant et décousue, elle n'est même pas capable de lire les documents, bien qu'il lui ait été indiqué que dans le Le sacrement de la rédemption pris en exemple, mais qu'elle essaie de manipuler en le mélangeant avec d'autres documents et discours, est écrit:

      «Cette instruction, rédigé, par ordre du Souverain Pontife Jean-Paul II, par la Congrégation pour le Culte Divin et la Discipline des Sacrements en accord avec la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, a été approuvé par le Pontife lui-même le 19 mars 2004, en la solennité de saint Joseph, qui a ordonné sa publication et sa mise en conformité immédiate par tous les responsables ".

      Colombe, dans les dix lignes concises du décret du Conseil pontifical pour les laïcs qui a approuvé le Directoire néocatéchuménal, il est écrit que le Souverain Pontife: «[…] a ordonné sa publication et son respect immédiat par tous les responsables " ?

      Et n'évoquez pas l'Esprit Saint et le discernement des Pontifes auxquels prêter obéissance obéissante. il y a des décisions, parole, documents, exhortations et actes des Souverains Pontifes qui exigent l'acceptation pieuse et l'adhésion à la foi; il y a d'autres types de leurs décisions à la place, parole, documents, exhortations et actes qui n'impliquent de la part des fidèles catholiques ni l'acceptation dévote ni l'adhésion à la foi. Et cette obligation d'adhésion ou non d'adhésion, il est implicite dans la forme même sous laquelle l'acte est rédigé et dans les dispositions qui y sont contenues.

      Donc, si le Pontife Romain, parler en tant que médecin privé ou s'exprimer sous une forme totalement non contraignante, devaient dire – par exemple – qu'il serait bon de voter pour Mme Emma Bonino aux prochaines élections européennes, Je ne l'écouterai jamais et je ne donnerai jamais de vote à cette Dame. À la place, s'il affirme qu'il n'est pas permis à un catholique de promouvoir le mariage entre couples de même sexe, la teoria del le genre, l'utérus à louer, avortement et euthanasie, Je dois plutôt lui donner une obéissance totale, pourquoi ça “non”, non seulement c'est contraignant, mais il est vraiment lié aux fondements précis de la foi catholique.

      Sans avoir d'effet, perdre plus de temps, et d'une manière totalement inutile avec ceux qui affichent une fermeture totale à toute forme de raisonnement, répéter:

      les dix lignes administratives concises et étriquées dans lesquelles le Président du Conseil Pontifical pour les Laïcs approuve le Chemin Néocatéchuménal, ils n'impliquent ni acceptation ni magistrale ni magistrale pour les fidèles catholiques de foi de ce mouvement, ils n'obligent pas les évêques à les accueillir dans leurs diocèses, ils n'obligent pas les curés à les accueillir dans leurs paroisses.

      j'ai perdu plus de temps, Je suis au courant de ça, parce qu'elle était – pour la note – privé des rudiments de base du raisonnement et du sens critique, par conséquent, il continuera sans se décourager de bouleverser tout ce qui était raisonnable et réel avant lui.

      • père ariel
        Don Luciano (Brescia) dit :

        Et, comme tu dis tu perds vraiment du temps. Con je Neocat vous ne pouvez pas le faire correctement, dans le sens où vous ne pouvez pas les amener à penser, parce qu'ils ont malheureusement subi un lavage de cerveau par leurs supercatéchistes.

        Je m'y suis habitué maintenant 50 ans pour bouleverser les documents, surtout en parlant d'un concile qui n'a jamais écrit ce qu'on lui attribue, mais comme très peu vont lire les documents (et s'ils les lisent, ils doivent être compris), laisse juste le supercatéchiste crier “le conseil a dit” et c'est fait!

        je Neocat ils ne respectent pas (et je l'ai vécu avec amertume quand, jeune prêtre, j'étudiais à Rome au Latran au début des années 90) les enseignements du Catéchisme de l'Église catholique et les livres liturgiques, et si tu les gronde, le super catéchiste s'échappe et te dit qu'ils sont conseillers et que tu es un vieux matusa tridentin fermé à l'Esprit.

        Jean-Paul II ne les a jamais partagés dans leur démarche, nous comprenons cela à partir de nombreux gestes et astuces très clairs (clair pour tous sauf pour eux), surtout Benoît XVI, attentif qu'il était à la liturgie. Ces Papes n'ont essayé de les garder au sein de l'Église que pour essayer de pouvoir les corriger au sein de l'Église et exercer sur eux au moins un minimum de contrôle..

        Nous avons tous compris que ce que vous appelez à juste titre dix lignes concises d'un décret d'approbation, sottintendono “nous l'avons fait dans l'espoir de les corriger”, mais ils ne le font pas, ils ne l'ont pas compris! Pour eux, ces dix lignes administratives concises, ils sont équivalents à un acte du magistère papal le plus solennel, mais surtout contraignant pour les évêques, les prêtres et les fidèles de toute l'Église universelle.

        Et tu peux mettre ton âme en paix, pourquoi ces évidences, à la Neocat, tu ne les mettras jamais sur sa tête, pouquoi, comme tu dis, réalité totalement bouleversée, comme M.. Giovanni.

        Dans mon diocèse (Brescia), l'évêque d'alors Bruno Foresti (1983-1998) il ne lui a pas ouvert les portes, et a invité les curés à ne pas les accueillir dans les paroisses. A ce propos, il y a aussi une lettre de lui au clergé que je ne peux malheureusement pas joindre à ce commentaire car je ne sais pas comment l'insérer..

        Dans le diocèse, aujourd'hui, nous n'avons que très peu de paroisses où ils sont présents (mi sembra 4 O 5), et dans lequel ils sont … vérifié à vue.

        Tout parce que, précisément, leur décret d'agrément, il ne lie pas les évêques et les curés à un seul … adhésion de la foi.
        Mais oublie de leur faire savoir.

        Une étreinte fraternelle sacerdotale.

    • par Tripudio
      par Tripudio dit :

      Kikus se remplit!

      Et en fait son frère Giovanni ne lâche pas, poursuivant son jihad contre le père Ariel, coupable de ne pas adorer l'idole Kiko.

      Quiconque a eu quelque chose à voir avec les néocatéchuménaux remarquera leurs tactiques et astuces rhétoriques typiques:

      – à tâtons pour faire croire que l'interlocuteur est contre le Pape (très pratique dans le cas d'un saint pape)

      – insinuer que quiconque ne loue pas la Voie doit nécessairement être un fanatique lefebvrien (qui pour eux comprend également le Summorum Pontificum)

      – feignant obsessionnellement de ne pas remarquer que les papes tiraient vraiment les oreilles des kikos

      – mettre des mots dans la bouche de l'interlocuteur qu'il n'a pas dit, et immédiatement après l'avoir accusé d'avoir fait exactement cela (le loup au ruisseau…)

      – réinventer l'histoire selon les légendes néocatéchuménales (en fait GP2 pas “volle” ce statut; B16 pas “ratifié” mais il a été pris par surprise…)

      – en attendant, passez sous silence tout autre sujet inconfortable. Par exemple le cas Apuron: Rome a parlé, parce que plus? Pas du tout. Vous ne trouverez jamais un kikos qui méprise un pédophile condamné comme tel par un tribunal du Vatican, si le pédophile est un membre illustre de sa propre secte.

    • libre
      libre dit :

      Pour répondre aux questions de Giovanni avec les mots de Kiko:

      1. Nourrir la discommunication par le murmure et l'hostilité, être un artisan de paix:
      “Nous avons vu que beaucoup de gens n'ont pas continué leur voyage parce qu'ils ne détestaient pas leurs femmes”
      “Même aujourd'hui, si une famille a un fils qui épouse un païen, ils disent qu'il sera comme un gentil pour vous, un percepteur. Et tu ne lui parleras jamais. Pour que tu sois une personne morte”

      2. Croire que les idées sont justes:
      “Dieu t'a fait violence et t'a amené ici par les cheveux, car il a beaucoup de pitié pour toi…” ” beaucoup d'entre vous seront chassés et d'autres viendront qui voudront ce droit d'aînesse ”

      3. Témoigner et ne pas faire la guerre:
      “Je me rends compte que cela peut être difficile pour vous car il s'agit vraiment de changer de religion” “passer à une toute nouvelle religion” “Cette Eucharistie est nouvelle, tu ne le sais pas. Il n'a pas encore été inauguré ”

      Dire que Don Ariel apporte la division et la guerre, aller témoigner plutôt que d'écrire, au crédit des créances ci-dessus, cela me semble une contradiction dans les termes.

      Déclarations rapportées mot à mot par le mammouth incorrect de II…

  13. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Touché!
    Vous avez entièrement centré le contenu implicite de mon commentaire.
    C'est qu'ils en font une question de papier timbré, maintenant qu'ils ont le cachet, ce qui était hérétique devient soudainement magiquement orthodoxe.

    Merci Fabrice

  14. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Je pense que le comportement de Giovanni est emblématique.

    Deux aspects me semblent très sérieux: le fait que les néocatéchuménaux manquent de logique (notamment le principe de non-contradiction et le principe d'identité) et leur ignorance et leur ignorance généralisées (les deux sont liés). Ils ne comprennent pas quoi dire une chose et puis le contraire n'a pas de sens. Ils ne savent pas ce qu'est l'adoration et pourquoi c'est fait d'une manière ou d'une autre: on vient avec une grosse voix disant qu'il en est ainsi parce que Notre-Dame le dit, et ils pensent que c'est. Ou "ça se faisait aux premiers siècles", mais personne ne pourra vérifier si c'est vrai. Idem avec la théologie et tout.
    Un exemple?

    Le peintre ibérique des années 1970 ravissait ses satrapes de blasphèmes de cette ampleur:

    « Peut-être que Dieu a besoin du sang de son Fils, de son sacrifice, se calmer? Quel genre de Dieu que nous avons fait? Nous en sommes venus à penser que Dieu a apaisé sa colère dans le sacrifice de son Fils à la manière des dieux païens. C'est pourquoi les athées disaient: « Quel genre de Dieu sera-t-il qui déversera sa colère contre son Fils sur la Croix?"» (p. 333 du Directoire, Avant approbation).

    Sauf alors se contredire après des décennies. Dans son livre "Il Kerigma" il écrit en effet:

    «Pensez qu'ils sont des saints comme Abraham, Isaac, Moïse, David n'a pas pu entrer au paradis. Ils ont dû rester au shéol, parce que le ciel était fermé. Pouquoi? Parce que ce n'est pas la même chose que de gifler un enfant et de frapper un policier, ne pas dire au chef de l'Etat, vero? Bien, le péché originel a un poids infini, une valeur infinie, parce qu'il a offensé Dieu, et seulement pourrions-nous être rachetés par Dieu lui-même. Le Christ est Dieu et donc sa mort rédemptrice a une valeur infinie et a pu ouvrir le Ciel à toute l'humanité"

    Tu n'as pas réalisé le demi-tour? Il ne serait pas intellectuellement honnête de se rétracter et de demander pardon pour des erreurs graves généralisées (dans ce cas dans le cadre de la sotériologie)?

    Et étant donné que toute la pratique liturgique du Chemin repose sur une dogmatique hétérodoxe, une fois la loi de la croyance, ce ne serait pas logique (vu que c'est l'explication) changer une fois pour toutes les la loi de la prière?

    Sois kiko (comme j'espère) maintenant il accepte la théologie de la satisfaction du fait d'autrui (qui est le dogme de la Foi) car il ne montre pas qu'il a changé d'avis, par exemple en invitant les prêtres du Chemin à célébrer la Sainte Messe, en soulignant son aspect avant tout sacrificiel, en respectant les normes liturgiques?

    • Fabrice Giudici
      Fabrice Giudici dit :

      car il ne montre pas qu'il a changé d'avis, par exemple en invitant les prêtres du Chemin à célébrer la Sainte Messe, en soulignant son aspect avant tout sacrificiel, en respectant les normes liturgiques?

      Peut-être parce que la liturgie peut être didactiquement beaucoup plus efficace que les mots écrits dans un document? Alors que peut-on dire: les documents ont été modifiés, io sono a posto; pendant ce temps la liturgie continue de transmettre le contenu précédent…

  15. Giovanni
    Giovanni dit :

    Excusez Don Ariel parce que vous appelez des gens ignorants que vous ne connaissez même pas? Offenser les gens est un péché et elle le sait très bien. Il sait très bien que S. Paul a dit:"Plus de gros mots ne sortent de ta bouche". Pourquoi cette présomption de juger les choses et les gens qu'il ne connaît pas?Jugeant et statuant sur des choses qu'il ne comprenait peut-être pas?C'est une personne cultivée?Ok c'est bien et je le respecte,mais il devrait avoir le même respect pour les autres. Il sera également cultivé, je n'en doute pas, mais ce n'est pas infaillible? Je vous rappelle que saint Paul a dit que si nous n'avons pas la charité ,nous n'avons rien. Vous exprimez votre opinion et je la respecte,elle n'aime pas la Voie?CA va bien, je l'accepte, tout le monde ne devrait pas forcément l'aimer,mais parce qu'il prononce ces jugements téméraires, les accusant même d'« hérésie » et de « sectarisme » »?

    L'infaillibilité du Magistère papal est réservée à quelques cas,comme vous l'avez dit vous-même, donc, tout le magistère n'investit pas l'infaillibilité. Cependant, il est impensable qu'il existe un magistère faillible, pour laquelle le Pape, peut se tromper dans certaines de ses déclarations. Le mot Magistère et erreur sont en contraste. Le magistère du Pape est double,come lei sa, ça peut être un magistère ordinaire infaillible, s'il propose un enseignement définitif. Ou ça peut être un authentique magistère ordinaire et c'est tout. Penser que ce dernier type d'enseignement est faillible est certainement une erreur et je ne veux pas croire que vous pensez cela. Le magistère en tant que tel, principalement parce qu'il est garanti, il ne peut pas contenir d'erreurs,donc il n'est pas faillible. L'Église dans son magistère n'engage pas toujours son charisme d'infaillibilité,c'est le cas de la Voie, en fait l'Église se borne à le proposer,comme itinéraire de formation catholique,mais il ne l'impose pas,mais puisque le charisme des clés n'a été donné qu'à Pierre et ses successeurs,il a plus de discernement dans l'Église,de tout autre évêque,donc si ces,,approuve la voie,comme itinéraire de foi,ça veut dire que ça vient de Dieu.

    Mais laisse moi comprendre, pensez-vous que Jean-Paul II, Benoît XVI et le pape François ont eu tort d'approuver et de soutenir le Chemin? Se ho capito bene,elle prétendrait que, puisque la Voie n'est pas un dogme, il n'appartient pas non plus au Magistère infaillible et irréformable, alors il est possible que son approbation soit incorrecte et donc qu'elle puisse être refusée? dit ceci? Ceux-ci sont, plus ou moins, les mêmes thèses de ceux qui veulent remettre en cause la validité de Vatican II, prétendant que le Saint-Esprit se retirerait de l'Église et puisqu'il s'agit d'un concile pastoral, il peut être rejeté? Eh bien, s'il dit cela, je pense vraiment qu'il a tort. Même si l'approbation de la Voie ,cela n'affecte pas l'infaillibilité du Pape,il est impensable que Jean-Paul II se soit trompé parce que le Pape ,précisément parce qu'il est particulièrement assisté par l'Esprit,il a plus de discernement que quiconque dans l'Église. Le nier reviendrait à remettre en cause l'action du Saint-Esprit et ce n'est pas acceptable pour un catholique. Vous savez bien que l'Esprit assiste le Pape même lorsqu'il ne s'exprime pas ex cathedra. Si vous pensez autrement,je ne suis absolument pas d'accord. Si c'était le cas nous serions comme les protestants.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher John,

      Tout d'abord, je précise que « l'ignorance » ou « l'ignorant » n'est pas un délit. L'étymologie vient du latin ignorantia, en grec, et dans les deux cas, cela indique le manque de connaissances, d'une connaissance de base ou approfondie d'une chose donnée. Ce n'est donc pas un délit, ni un terme péjoratif, au point que dans le lexique philosophique et théologique on parle de docte ignorance O sainte ignorance, surtout pour indiquer les personnes de bonne volonté et d'intentions, mais ils manquent de connaissances, et à qui la sainteté n'est nullement exclue, étant donné que les listes de saints regorgent d'ignorants sensationnels au sens étymologique du terme; nous avons même une femme illettrée proclamée docteur de l'Église, St. Caterina da Siena. donc pas inconfortable, d'abord, St Paul l'Apôtre hors de toute proportion dans ce contexte.

      Peut-être n'est-il pas clair pour vous - peu importe - que vous ayez parlé à un théologien dogmatique, dogmatique-sacramentel et historique du dogme, Un peu mal, aucun problème, può capitare. Je vous rappelle donc que la dogmatique est la branche la plus complexe de la théologie, ce qui nécessite également une connaissance historique approfondie, parce que les dogmes et disciplines connexes, ils s'inscrivent dans des histoires très anciennes et très complexes. D'où le vrai non-sens affirmé au fil des ans par Kiko et Carmen, surtout quand ils se sont remplis la bouche de "retour aux origines" ou "église des origines", démontrant par leurs divagations qu'ils ne connaissent - et je répète démontrant - ni les origines ni l'Église des origines.

      En vain je vous ai déjà donné l'exemple que vous avez refusé de prendre, quand je lui ai parlé de mon ignorance personnelle: "Sans calculatrice, je ne suis même pas capable de diviser, c'est pourquoi si j'étais invité à une convention de mathématiciens, Je n'oserais jamais ouvrir la bouche, je me mettrais dans un coin, J'écouterais et c'est sûr je ne comprendrais rien, parce que je suis ignorant ".

      j'ai été très clair, par exemple en pointant du doigt l'une de mes nombreuses ignorances, qui n'est certainement pas le seul. Mais elle montre qu'elle a grandi dans le meilleur du pire du Chemin Néocatéchuménal sur du pain, orgueil et Saint-Esprit électif, il a été sourd à toute sorte de rappel raisonnable, continuer à poster des commentaires qui ne sont ni au paradis ni sur terre, comment on peut savoir en les lisant et comment ces derniers dans lesquels il me dit:

      "Mais laissez-moi comprendre, pensez-vous que Jean-Paul II, Benoît XVI et le pape François ont eu tort d'approuver et de soutenir le Chemin? Se ho capito bene,elle prétendrait que, puisque la Voie n'est pas un dogme, il n'appartient pas non plus au Magistère infaillible et irréformable, alors il est possible que son approbation soit incorrecte et donc qu'elle puisse être refusée? dit ceci? Ceux-ci sont, plus ou moins, les mêmes thèses de ceux qui veulent remettre en cause la validité de Vatican II, prétendant que le Saint-Esprit se retirerait de l'Église et puisqu'il s'agit d'un concile pastoral, il peut être rejeté?»

      Cette déclaration de lui est une véritable illusion qui ne m'insulte pas, mais toute intelligence catholique. Le tout pour diverses raisons, à partir du premier: pour la façon dont il s'exprime et la façon confuse dont il s'exprime, il est bientôt déductible qu'elle, de plus avec un érudit du sujet, cite le Concile Vatican II comme s'il s'agissait d'un slogan, mais malheureusement il ne pourra jamais, devant un public d'auditeurs, d'analyser et d'illustrer un seul de ses documents. Et cela je ne le dis pas et je ne l'affirme pas, mais tu le prouves toi-même, avec ce qu'il écrit et comment il l'écrit.

      Puis elle vient accuser son interlocuteur entre les lignes, prêtre et théologien, que ceux qui remettent en question la validité du Chemin néocatéchuménal sont comme ceux qui veulent remettre en question la validité du Concile Vatican II. Une affirmation qui n'est pas simplement indicible, mais vraiment aberrant [da latino aberrare, c'est-à-dire se tromper].

      Alors je te réponds en te disant sans problème que oui, Je crois que Jean-Paul II, Benoît XVI et François Ier ont eu tort d'approuver le Chemin et que ce choix n'est en aucun cas contraignant ni qu'il s'agit d'une affaire et d'un objet de foi. Comme beaucoup de leurs prédécesseurs, ils ont eu tort de prendre tant d'autres décisions, à la fois pastoral et politique, qui n'implique aucune sorte d'obligation de la part des fidèles d'y adhérer dans la foi et le partage.

      Vous avez donné un essai répété et obstiné de ce qu'est le parfait néocatéchuménal émotionnel, irrationnel et dépourvu de sens logique.

      Vous pouvez crier toutes les approbations pontificales que vous voulez du matin au soir, mais le fait demeure que vous n'avez jamais été approuvé avec un propres papes étendu à toute l'Église catholique, mais avec un décret du Conseil pontifical pour les laïcs, par un acte de pure nature amministrativa, non magisteriale et encore moins doctrinale.

      Je le répète, puis je souligne à nouveau que l'approbation tant annoncée de 2012 [voir le texte QUI], c'est un acte purement administratif de dix lignes étroites et étroites, dans lequel le Pontife romain n'est ni directement ni indirectement nommé, comme cela se passe plutôt dans de nombreux autres décrets des dicastères ou des secrétariats pontificaux du Saint-Siège, dans laquelle la formule est utilisée à la place: « Le Souverain Pontife a demandé son approbation », ou "le Souverain Pontife a vu et approuvé". Donc, che le piaccia o no – mais ce sont les faits réels et ne peuvent être niés – une 43 ans après la fondation du Chemin Néocatéchuménal, vous avez enfin reçu dix lignes signées par le Président du Secrétariat Pontifical pour les Laïcs et sans aucune référence, même indirecte, au Souverain Pontife. Peut-être qu'il veut le nier?
      Et elle me compare la non-acceptation de dix lignes administratives écrites par un Cardinal à ce qu'est l'adhésion de foi due à un concile œcuménique !?!

      Si vous suivez plutôt une instruction de la Congrégation pour le Culte Divin et la Discipline des Sacrements, dans lequel, entre autres, sont condamnés tous les abus liturgiques que les néocatéchuménaux se sont obstinés à commettre depuis des décennies, ossia la Le sacrement de la rédemption, il pourra s'assurer que ce document est également signé par un Cardinal – les vôtres “ami” Francis Arinze et par l'Archevêque Secrétaire Domenico Sorrentino – mais à la fin tu trouveras ces mots écrits là:

      «Cette instruction, rédigé, par ordre du Souverain Pontife Jean-Paul II, par la Congrégation pour le Culte Divin et la Discipline des Sacrements en accord avec la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, a été approuvé par le Pontife lui-même le 19 mars 2004, en la solennité de saint Joseph, qui a ordonné sa publication et sa mise en conformité immédiate par tous les responsables ".

      Toutes ces choses élémentaires, le lei, ils ne sont pas tout à fait clairs?

      pourtant j'ai cherché, perdre pas peu de temps, de les lui expliquer de toutes les manières. Alors je les répète: Jusqu'à ce qu'un Pontife romain déclare votre approbation obligatoire pour tous les fidèles de l'Église catholique qui doivent donc l'accepter avec l'adhésion de foi requise par un acte de magistère., Je reste libre de dire ce que je dis, y compris le fait qu'à mon avis, ces Souverains Pontifes, ils ont eu tort de reconnaître ce repaire d'ignorants, présomptueuse et hérétique qu'elle, opiniâtrement, malheureusement, il représente d'une manière vraiment admirable.

      Et si tu penses avoir des raisons contre moi, veuillez contacter mon Ordinaire diocésain et la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, mais ne nous écris pas plus sur de telles bêtises, car la patience est à bout et nous ne publierons plus de coups de gueule de ce genre, mais pour le respect que nous devons avoir pour notre temps et pour le bon usage dont nous devrons rendre compte sérieusement à Dieu.

      Crois moi, la pire amertume d'un berger au soin des âmes, mais juste le pire de tous les temps, c'est perdre du temps, comme j'ai fait, avec des sujets qui, comme elle, se disent catholiques, mais qui refusent de comprendre, ils ne veulent pas comprendre et ils déforment de manière polémique tout ce qui est doctrinalement raisonnable vous leur dites.

      Et devant ces gens, est clair, ni l'Église ni les prêtres comme moi n'ont échoué, ont échoué de manière sensationnelle Kiko et Carmen donnant la vie, les émissions de preuves, à un monstre, donc aux sectaires qui refusent de comprendre, qui ne veulent pas comprendre et qui déforment de manière polémique tout ce qui est doctrinalement raisonnable vous leur dites.

      Que le Seigneur vous bénisse et vous assiste dans votre cheminement vers la vraie foi baptismale.

      • père ariel
        Albert (Reggio d'Émilie) dit :

        cher ariel,

        pendant que vous répondiez à M.. Giovanni, vous auriez pu prendre ce temps pour écrire qui sait quel article intéressant. Satisfaisant pour vous, au niveau théologique et pastoral, et utile pour nous, qu'on lit toujours si volontiers, et que nous prenons beaucoup d'idées, comme moi pour mes homélies.
        Dans ces réponses longues et répétées, avec qui en fait nie et rejette tout raisonnement, et qui jette tout dans la polémique/réponse et finit en soi, ton coeur sacerdotal est vraiment perçu.
        Tu aurais pu tout gâcher et ne pas perdre de temps, mais visiblement tu crois vraiment, et tout le chemin, à l'importance de remettre les brebis sur le bon chemin vers la bergerie.
        Si de tout cela M.. Giovanni n'a rien appris, un moi, en tant que prêtre, tu as beaucoup appris, et je me souviens beaucoup, de quelle est notre mission.

        • père ariel
          Don Angelo Rossit dit :

          Albert,

          tu as raison et je suis d'accord avec tout ce que tu as écrit, par contre nous connaissons le confrère en question et nous savons (le connaissant) à quels niveaux aime-t-il juste quand il cherche, par exemple, être strict, où il faut être.
          A vous et à ceux qui nous lisent je dis ceci brièvement, clarifier, et je dis plutôt cela aux laïcs pour clarifier quelle est parfois notre situation très difficile en tant que curés …

          Imaginez maintenant un prêtre de 33 années envoyées dans une paroisse d'où 20 les néocatéchuménaux s'étaient installés, où les groupes néocatéchuménaux présents étaient au total 7.
          Voici, imaginez-vous prêtre de 33 années qui doivent communiquer, affronter et recevoir des insultes pas d'un M.. Giovanni, ma da 30/40 Signer. Giovanni!

          Quand il n'en pouvait plus, venne in parrocchia con me, Dans le 2013, di anni ne aveva 35, e per riprendersi fisicamente e psicologicamente ci ha impiegato due anni. E volete sapere, a ogni tentativo che compì per metterli un minimo in ordine, che cosa replicavano i 30/40 vari Sig. Giovanni? Ce: “la Chiesa ci ha approvati! Il Papa ci ha approvati!”. Donc: se tu non fai come diciamo noi, non sei con il Papa e non sei nella Chiesa.

          Ma a noi preti, chi ci pensa più, da diversi decenni a questa parte, chi ci pensa più?

          • père ariel
            Don Giovanni (Sassari) dit :

            Salve Confratelli,

            offro un breve contributo.
            Io non conosco padre Ariel se non per i suoi scritti, però ho conosciuto in passato, visitando miei familiari a Cagliari, un altro dei Padri dell’Isola di Patmos, père Ivano, quando era al convento dei cappuccini, adesso è cappellano nell’ospedale di questa città, ottimo uomo, frate e sacerdote.
            Ritengo che il sig. Giovanni, in quella che è la scala dei Neocat sia una persona molto tranquilla, pensate, io quando ero parroco della prima parrocchia a me affidata 15 Il y a des années, rischiai di essere preso a botte da queste gran care persone, solo per aver osato dire che alla veglia pasquale non volevo il preconio schitarrato sulle musiche di Kiko, e non è un modo di dire, rischiai proprio di essere preso a botte sul serio.

            Eh, caro don Angelo, dire bien … “chi ci pensa a noi preti”?

            Un saluto da Sassari
            Don Giovanni

          • père ariel
            Don Carlo Ferrara dit :

            Ma stiamo scherzando !?
            Un decreto amministrativo del Pontificio consiglio per i laici messo sul solito piano della accettazione de foi di un concilio ecumenico?
            E se con questi tipi noi cerchiamo di parlare di cose ovvie, assolutamente ovvie, ci rimbrottano pure in questo modo, come se loro fossero i maestri e noi gli scolaretti?

            Allora se il Pontificio consiglio per la cultura pubblica un testo nel quale pone in risalto l’architettura sacra moderna, cosa vuol dire? Che io, parroco di una chiesa del XVI secolo, devo abbatterla e ricostruirla su altri criteri?
            Come dice sacrosantamente padre Ariel: sono dieci righe di un decreto amministrativo concesso dopo quasi mezzo secolo e con la ulteriore speranza di metterli in riga, solo e nient’altro che un decreto di un pontificio consiglio firmato dal cardinal presidente. Un decreto che non obbliga nessun vescovo, nessun sacerdote e nessun fedele né a condividerli né ad accettarli.

            Con questo è presto detto in quali tremende situazioni ci siamo ritrovati noi parroci quando dopo il 2012 ci si presentavano i NC nelle parrocchie sbattendoci queste dieci righe in faccia e dicendoci (come diceva sopra Don Angelo) che la Chiesa li aveva approvati, i Papi li avevano approvati, sicché noi eravamo obbligati. Ma obbligati a che cosa, forse a mettergli in mano le parrocchie, a fargli montare tavoli da trattoria dentro le chiese, a voltare le spalle all’altare consacrato, e a fargli fare ciò che volevano?

            Con me il discorso dell’approvazione lo fece anche un diacono NC che io rimproverai dicendogli di non azzardarsi più a stare in piedi impettito all’altare davanti all’assemblea durante la Preghiera Eucaristica mentre io mi genuflettevo due volte. Ecco subito la tiritera “la Chiesa ci ha approvati, i Papi ci hanno approvati”. Gli dissi “fammi vedere dove la Chiesa e i Papi approvano che il diacono stia in piedi durante la Preghiera Eucaristica davanti a tutti mentre il presbitero si genuflette due volte”. E gli dissi “tu, nella mia parrocchia, non sei gradito, e non devi tornare più a prestar servizio”.
            Andò a protestare dal vescovo, dicendo anche a lui“la Chiesa ci ha approvati, i Papi ci hanno approvati”. Il vescovo gli rispose: “se il parroco non ti gradisce, avrà i suoi motivi pastorali, se poi il motivo è quello che mi hai detto, sappi che sono d’accordo con il parroco, pourquoi moi, che sono il vescovo, mi inginocchio sempre”.

            En bref, è inutile … non ci si ragiona, non ci si ragiona …

  16. Anonyme
    Anonyme dit :

    Qualcuno mi spiega ad esempio, come mai nella Messa Nc non ci si inginocchi mai durante la Consacrazione e che si reciti sempre il Credo Apostolico e mai il Credo Niceno-Costantinopolitano?

    Su questa seconda mia domanda azzardo una risposta: c’entra col fatto che fu composto e promulgato sotto l’impero del famigerato Costantino?

    E se non è per questo motivo, perché non recitare mai il Credo Niceno-Costantinopolitano?

    parce que ce (et d'autres) differenza con la Messa di Paolo VI?

  17. Alessandra
    Alessandra dit :

    I discorsi di Giovanni li ho sentiti centinaia di volte. E’ inutile sperare in una benchè minima presa di coscienza anche della semplice assurdità di determinate sue argomentazioni.

    Piuttosto gli chiederei se ha qualche considerazione sulla DEFINITIVA condanna del vescovo NEOCATECUMENALE di GUAM, Apuron, per pedofilia.

    Guam è stata per decenni un luogo dove il cammino ha fatto quello che ha voluto. In cui si esautoravano i sacerdoti che non ne facevano parte e si OBBLIGAVAsottolineo OBBLIGAVA -, i seminaristi a farne parte.

    Lo stesso Kiko Arguello lo ha pubblicamente difeso parlando dipersecuzione” e, a riprova di questo, lo stesso vescovo (già condannato in primo grado) era presente sul palco per il cinquantennale del cammino a Roma.

    Apuron è stato pubblicamente difeso in tutti i modi, leciti ed illeciti, dal cammino nella persona delle sue alte sfere: Gennarini (responsabile per gli Stati Uniti) e Kiko Arguello stesso.

    cher John, mi vuole smentire?
    Qu'est-ce que tu penses?

  18. Giovanni
    Giovanni dit :

    Riguardo Mons.Annibale Bugnini ,la informo che ho conosciuto personalmente uno dei suoi segretari che lavorò per lui negli anni della riforma liturgica. Conosco anche uno dei suoi allievi. Lei ripete la solita vulgata dei detrattori di Bugnini,il fatto è che su internet sui siti pseudo tradizionalisti circolano certe notizie ma io ho notizie certe, di una persona che lo ha conosciuto personalmente ed ha assistito ai fatti ,quando lei forse nemmeno era nato o forse era poco più che lattante. La persona che ho conosciuto mi riferì che Papa Paolo VI era in lacrime quando dovette allontanare Bugnini e lo fece solo per pacificare l’ambiente della Curia. L’Accusa di appartenere alla massoneria poi è una mistificazione inventata da qualche cardinale di Curia,di cui conosco anche il nome,ma che taccio per carità cristiana e anche perché .è passato a miglior vita,pace all’anima sua.Le accuse contro Bugnini sono false anche perché gli si attribuisce le colpe della riforma liturgica,che fu voluta da Papa Paolo VI.Padre Bugnini fu solo un esecutore.

    L’accusa di appartenenza alla massoneria si basa sul giornale di Mino Pecorelli che si chiamava OP? Si sa benissimo quanto ambiguo fosse questo giornalista e come bazzicava nel torbido. Non a caso fu assassinato senza pietà. Un personaggio collegato ai servizi segreti deviati. Le ricordo che il gran maestro della massoneria di allora, Lino Salvini ,la 10 agosto dichiarava allora sul giornale Panorama:” Cardinali in loggia non ne abbiamo. In questo elenco (du 114 prelati pubblicati su Panorama,)conosco solo quattro persone e ciò non significa che siano massoni. Oltretutto dagli schedari della massoneria non c’è nulla che somigli alla sequenza di data di iscrizione, numero di matricola, monogramma, che appare nell’elenco’. E il capo della massoneria francese Richard Dupuy sottolineò alla TV non senza una punta di disprezzo: ‘Dopo l’abate Baruel e Leone Taxil mons. Lefèbvre ha ripreso i vecchi temi rancidi della massoneria’”.

    Pertanto il nome codice BUAN e la sigla collegata che si leggono su OP sono falsità. Che Papa Paolo VI ci abbia creduto,non dimostra nulla.

    Pertanto il nome codice BUAN e la sigla collegata che si leggono su OP sono falsità.Che Papa Paolo VI ci abbia creduto,non dimostra nulla.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Nella mia risposta/domanda io non ho fatto riferimento a queste leggende metropolitane, dalla massoneria ai complotti ed alle congiure varie, perché ho sempre cercato di essere uno studioso serio.

      Donc, l'histoire de l'église, sacramentelle dogmatique, la liturgia ed il movimento della riforma liturgica che prende vita già alla fine dell’Ottocento, io non li ho studiati su Internet, ma in ben altro modo e su ben altre fonti.

      Basandomi su un fatto, io ho solo chiesto come mai il Santo Pontefice Paolo VI spedì Annibale Bugnini in Persia, aujourd'hui Iran, come mai non volle riceverlo e non volle mai più vederlo. A tutte le leggende metropolitane da lei sciorinate e da lei ampiamente conosciute perché come lei dice circolano da anni su Internet, io non ho fatto neppure una vaghissima allusione, appunto perché sono ben altre le fonti alle quali attingo.

      Concordo con lei sul fatto che:

      «Che Papa Paolo VI ci abbia creduto, non dimostra nulla».

      Sebbene io dubiti che una mente sottile come quella di Paolo VI, nonché grande conoscitore della curia romana all’interno della quale trascorse la gran parte della propria vita prima di essere nominato da Pio XII Arcivescovo di Milano, abbia creduto a cose del genere. Ma anche se vi avesse creduto, ciò sarebbe del tutto irrilevante.

      À la place, se San Giovanni Paolo II d'expérimenter, Benedetto XVI in via definitiva ed a precise condizioni, approvano il direttorio dei Neocatecumenali, questo dimostra forse in modo inconfutabile che il Cammino è assolutamente opera dello Spirito Santo e che tutti i fedeli devono accettare ciò come elemento di fede, dans ce “dimostratodai Pontefici con due loro complimenti all’inizio di un discorso al quale fanno però subito seguito venti diversi richiami a mettersi in riga ed a rispettare vescovi, pasteurs, comunità parrocchiali, libertà individuale ad uscire dal Cammino, rispetto delle popolazioni delle zone di missione, dei libri liturgici, etc …?

      Anche in questo caso credo che si possa e che si debba applicare il seguente principio: che Giovanni Paolo II o Benedetto XVI abbiano eventualmente creduto alle panzane di Kiko e Carmen, ciò non dimostra nulla, ma soprattutto non vincola ad una adesione di fede verso il Cammino gli altri cattolici.

  19. Giovanni
    Giovanni dit :

    Se lei non mi pubblica significa che è incapace di confrontarsi ,del resto io non sono il suo scolaretto,nè sono obbligato a rispondere alle sue domande.Pensavo che si potesse discutere pacatamente ,però se lei non intende continuare, lo dica apertamente mi ritirerò.Penso di averle risposto abbondantemente,poi se lei è in cerca argomenti pretestuosi e capziosi lo dica sarebbe inutile continuare. Vorrei solo chiederle se accetta solo il Magistero straordinario, infaillible , definitorio e il Magistero Ordinario e definitivo del Papa?Rigetta quindi tutto il resto ?Non accetta Il Magistero ordinario ed autentico?Per caso lei è tra quelli che rifiutano il Concilio Vaticano II?Spero poprio di no!L’approvazione del Cammino non è un dogma ,ma il Papa,che è il Vicario di Cristo,approva e incoraggia questo itinerario di fede,e ciò significa che lo ritiene positivo. Ritenere che il Camino sia setta o eretico,equivale a pensare che il Successore di Pietro sbagli ad incoraggiarlo e ciò,en quelque sorte,equivale a mettere in discussione l’autorità del Papa.Del resto quanti Vescovi rifiutano il Summorum Pontificum e non vedono di buon occhio i gruppi Messa Tridentina?Io ne conosco alcuni.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      … scusi, mai i suoievidentemente ignorantissimi catechistile hanno mai data una definizione corretta di magistero?
      LDM, che cosa è il magistero e che cosa è magistero?
      Lei sta dimostrando, arrampicandosi sugli specchi come una persona che ha un’idea a dir poco confusa di dottrina cattolica e di ecclesiologia, di non conoscere proprio i rudimenti della dottrina della fede.

      E si ricordi che il Romano Pontefice, Vicaire du Christ, lo è anche quando ripetutamente vi ha detto, a voce e per scritto:

      1. di attenervi con scrupolo ai libri liturgici ;
      2. di non omettere e aggiungere nulla dal Messale Romano;
      3. di non usare solo ed esclusivamente la II Preghiera Eucaristica ma anche tutte le altre, compreso e incluso il canone romano.

      Anche il quel caso era Vicario di Cristo, ma in qualsiasi momento può essere provato senza pena di smentita che a queste disposizioni date e ripetute dal Vicario di Cristo voi non vi attenete, evidentemente perché avete un altro vicario: Kiko Arguello.

      Ce sont les faits avérés, le sue sono invece chiacchiere.

  20. Giovanni
    Giovanni dit :

    Egregio Don Ariel ho letto pazientemente la sua esposizione.La apprezzo ma le chiedo:Cosa c’entra con il nostro discorso?Non stiamo discutendo dei dogmi della Chiesa,nè abbiamo detto che l’approvazione dello Statuto sia una verità di fede definitiva o definitoria etc.Le risulta che abbia mai fatto affermazioni simili?je ne pense pas,non capisco allora il suo discorso vagamente somigliante al personaggio di Don Chisciotte,il quale costruiva, fantasiosamente , inesistenti castelli per scagliarsi contro.Non è stato mai detto che il Cammino sia un dogma ,il problema però è che tra il non essere dogma ed essere “secte” O “hérétique” c’è una netta differenza.Il Cammino non sarà certo un dogma,chi lo ha mai detto,ma di certo non è una setta né un ricettacolo di eretici,come lei invece erroneamente sostiene.Del resto dire che il Cammino è eretico o setta equivale a dire che il catechismo dei fanciulli è settario o eretico perché si svolge in classi di bambini e separatamente.Perchè forse non è sufficientemente chiaro che il Cammino non è nè una associazione nè un movimento,ma una iniziazione cattolica post battesimale per adulti.

  21. Dafne
    Dafne dit :

    Cher Père Ariel,

    nella mia esperienza di sempliceparrocchiana cattolicaho spesso sfiorato vari movimenti mantenendomi però lontana, soprattutto a causa di esperienze ascoltate o di dichiarazioni degli appartenenti che mi lasciavano confusa e turbata e non mi parevano affatto ortodosse.

    Leggendo il suo scritto posso solo ringraziarla per avere spiegato con competenza e cognizione di causa, riguardo ai neocatecumenali, ciò che io potevo solo intuire.

    Attualmente diversi miei conoscenti, sempre invano, mi invitano ad avvicinarmi a questo o a quel movimento, Non voglio assolutamente mettere tutte queste esperienze sullo stesso piano (charismatique, rénovation, focolarini …), non ne ho l’intenzione, ma sono convinta per esperienza diretta, che alcune situazioni rappresentino un serio pericolo per l’anima di noi fedeli.

    E’ possibile avere luce su questi movimenti? Dove si possono trovare informazioni equilibrate per non cadere in pericolosi tranelli, in un periodo di grave confusione come questo, in cui la sete di Salvezza e l’ignoranza ci portano ad avvicinarsi alle fiamme come falene?

    La ringrazio in anticipo per l’attenzione e per il suo lavoro.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Cara Dafne,

      io credo che sia necessario ammettere che alla base delproblema movimentivi sia stato un eccesso di entusiasmo che ha indotto in errore Giovanni Paolo II, pourquoi alors, storicamente ed ecclesialmente, chi ha veramente traghettato e dovuto gestire tutti i fenomeni del vero e proprio post-concilio è stato lui. Il Santo Pontefice Paolo VI cominciò a dover trattare il grave problema tra il 1966 et le 1978, ma il grosso del tutto, dalle conseguenze teologiche a quelle socio-politiche intra éd supplémentaire ecclésial, ricaddero sul Santo Pontefice Giovanni Paolo II.

      L’errore di Giovanni Paolo II fu questo: dinanzi ad una crisi senza precedenti della vita religiosa maschile e femminile, con gli ordini religiosi storici e le congregazioni che tra il 1966 et le 1976 avevano subìto forti perdite numeriche; dinanzi a questi ordini e congregazioni che alle statistiche del 1986 risultavano, alcuni di essi, in un ventennio, più che dimezzati in numero di religiosi e religiose, egli credette – comme beaucoup d'autres – che il futuro della Chiesa era nei movimenti.

      Oggi io conosco e parlo di frequente con vescovi ultra ottantenni, che in quegli anni furono entusiasti protagonisti in tal senso, i quali non fanno che ripetermi come un sorta di mea culpa: «Quali gravi errori di valutazione, à l'époque, facemmo tutti noi assieme a Giovanni Paolo II !».

      Je déclare: ciò che io penso è del tutto irrilevante e quindi va preso solo come libero e privato pensiero personale espresso in pubblico. Detto questo posso dirle che io credo che questi movimenti, tous, abbiano già compiuto il proprio ciclo, per non dire che sotto non pochi aspetti hanno fallito.

      montre des preuves empiriques, i Movimenti non hanno favorita l’unità della Chiesa ma lasua divisione, non hanno favorita l’identità unitaria del corpo ecclesiale ma hanno creato all’interno della Chiesa dei personalismi a volte persino esasperati ed esasperanti.

      Caratteristica di tutti questi Movimenti è la inevitabile convinzione di avere ricevuto doni e carismi molto speciali da parte dello Spirito Santo, dimenticando spesso che i carismi sono autentici e validi se riconosciuti dalla Chiesa, approvati dalla Chiesa, regolamentati dalla Chiesa ed esercitati nel modo comandato dalla Chiesa. Pur malgrado invece, les émissions de preuves, molti di questi movimenti si sono presa l’approvazione della Chiesa, salvo però fare e seguitare a fare ciò che vogliono e come vogliono.

      Questi Movimenti, in pratica tutti, hanno cominciato ad inserire elementi propri e particolari nella sacra liturgia, dando spesso vita ad equivoci di questo genere: “Io vado alla Messa dei Neocatecumenaliio vado alla Messa dei Carismaticiio vado alla Messa dei Focolarini …”
      E qui vai a far capire alla gente che la Messa non è di quello o di quell’altro Movimento!

      Altro errore avvenuto sotto il pontificato di San Giovanni Paolo II: avere permesso a diversi di questi Movimenti, per mancanza di sacerdoti in certe regioni del mondo, di aprire e gestire propri seminari per la formazione dei sacerdoti diocesani, che di fatto sono poi risultati, più che sacerdoti del vescovo, dei sacerdoti del Movimento formati per il Movimento ed a servizio del Movimento. Et ça, Cordialement, Giovanni Paolo II non avrebbe mai dovuto permetterlo, ed oggi se ne stanno raccogliendo tutte le conseguenze, spesso purtroppo anche molto infelici.

      In questa stagione che ha preso avvio dagli inizi degli anni Settanta, tutti hanno creduto di riscoprire d’improvviso lo Spirito Santo, che sulla Chiesa nascente era disceso però due millenni prima; sebbene molti abbiano creduto e pensato che in essa fosse finalmente disceso solo agli inizi degli anni Sessanta. E in nome dello Spirito Santo, abbiamo di fatto assistito a una delle più grandi confusioni intra-ecclesiali che mai avevamo avuto.

      Cosa fare?

      Si scelga una parrocchia nella quale si svolge perlomeno una decente vita e nella quale un sacerdote del vescovo segue la porzione di Popolo di Dio ad esso affidata, svolgendo il proprio ministero per il vescovo e per la diocesi a servizio dei croyants du Christ.

      Et si quoi que ce soit,, dica una preghiera di tanto in tanto per i Movimenti al tramonto. Semmai anche una preghiera per chi non ha trovato di meglio da fare che aprire i processi di beatificazione di certi fondatori di movimenti laicali, semmai proprio mentre i Carabinieri e la Guardia di Finanza arrestavano per gravi reati di frode, peculato, détournement de fonds, falso in atti d’ufficio eccdiversi degli aderenti a quel Movimento, nel quale erano entrati sin dalla prima ora e nel quale erano stati formati dal fondatore del Movimento in persona, quasi come se un albero non si riconoscesse dai frutti che da

      • Don Ciro
        Don Ciro dit :

        ma perchè non ti nominano cardinal segretario del Pontificio consiglio per i laici, forse risolveremo qualche problema.

        • Ariel S. Levi Gualdo
          Ariel S. Levi Gualdo dit :

          Non, lascia perdere: i problemi sarebbero invece aumentati a dismisura.
          E poi non credo di stare bene vestito di rosso, preferisco portare il nero per tutta la vita.
          Quantunque pure le putains in servizio si vestano di rosso, però con una differenza: perlomeno sono delle professioniste serie e si assumono sempre tutte le responsabilità che comporta il loro lavoro.

          • père ariel
            Leonardo 11 dit :

            La volgarità del prete Ariel, prima o poi salta sempre fuori,
            A ce, nous, nel Cammino non siamo abituati.
            E ciò la qualifica!

          • Ariel S. Levi Gualdo
            Ariel S. Levi Gualdo dit :

            Caro Leonardo,

            io credo che ci siano dei limiti a tutto, persino all’ipocrisia.
            Questo scambio di battute tra un mio confratello napoletano e me, per stemperare l’aria, non ha nulla di volgare.
            A meno che lei non voglia censurare il 90% dei film di Alberto Sordi, proiettati da anni e anni nei cinema parrocchiali.

            In privato, Saint John Paul II, ai prelati stranieri che prendevano servizio a Roma, soleva dire «Se vuoi capire la romanità, devi vedere Il Marchese del Grillo».

            Se vuole invece la informo io a dovere: correva esattamente l’anno 1985 quando a Roma vi fu un incontro tra i responsabili e fondatori dei vari Movimenti, tra cui Kiko e Carmen. Tra i presenti anche quella delicatissima e amabile Signora di Chiara Lubic e quell’indubbio sant’uomo del Padre Luigi Giussani.

            E fu proprio il fondatore di Comunione e Liberazione che, dopo aver visto ripetutamente impallidire Chiara Lubic, richiamò la diva Carmen Hernandez ad un linguaggio più consono, perché in pubblico, del tutto incurante della presenza di uomini e donne, di sacerdoti e di un vescovo, animandosi nel discorso prese a dire «cazzo, Merde!» ogni quattro o cinque parole.

            Io non ero presente, però erano presenti ben quattro sacerdoti che oggi sono rispettivamente: due arcivescovi emeriti, uno dei quali cardinale, un vescovo diocesano tutt’oggi in carica, ed un’altro sacerdote che attualmente è arcivescovo segretario di un dicastero della Santa Sede.

            E tutti sono sani, vegeti e pronti all’occorrenza a confermare come testimoni oculari quel che ho appena detto.

            Donc, in risposta al suo autentico eccesso di pudore, posso assicurarle che, se allo scoccare dei cinque anni dalla morte, troverete un vescovo diocesano disposto ad aprire la prima fase del processo diocesano per la beatificazione della diva Carmen, molto ragionevolmente, con le debite prove e testimonianze, la proporremmo come la «Beata del cazzo!».

            Al suo scandalo per la altrui volgaritàperaltro laddove la volgarità non c’èaggiunga il fatto che nella sola Italia esiste un esercito di preti che a nominargli la parola Neocatecumenali impallidiscono, perché dai Neocatecumenali sono stati aggrediti e offesi in pubblico davvero a male parole.

            Al Padre Ciro, che ha fatto questa battuta alla quale io ho risposto con un’altra battuta, un catechista neocatecumenale lo interruppe mentre durante la Santa Messa teneva la omelia nella propria parrocchia, Il y a des années, dicendo ad alta voce ai fratelli e sorelle del Cammino «uscite assieme a me e non ascoltate queste cazzate!».

            Riprendiamo dunque il discorso da capo: chi sarebbe, il volgare?

          • père ariel
            Don Ciro (Naples) dit :

            allora diciamola tutta: eravamo nel 2002 e quella domenica di Pentecoste feci un’omelia sui doni dello Spirito Santo.
            Senza riferimento a nessuno, tanto meno ai Neocat.

            Un catechista, che aveva sproloquiato in precedenza in varie catechesi sullo Spirito Santo (ma io questo non lo sapevo e non potevo saperlo), si sentì, comment dire, “criticatodinanzi ai suoi catechizzandi, e per essere precisi esordì così (le decine di persone che erano presenti lo ricordano sempre) :

            «Ma smettila, buffone!». E rivolto ai suoi disse: «Andiamo via perché non dovete sentire queste cazzate, pourquoi ça, in dieci minuti, rovina quel che io ho fatto con voi in mesi di catechesi».

            Le persone rimasero allibite.

            Sono un cosiddetto povero dottore in diritto canonico e posso dire che sia per la legge canonica sia per la legge penale italiana, interrompere a questo modo una azione di culto riconosciuta dallo Stato che si svolge all’interno di un luogo di culto riconosciuto, è un reato penalmente perseguibile, hier comme aujourd'hui, perché il codice di diritto penale è rimasto sempre lo stesso, ed il codice di diritto canonico, pur.

          • Alessandra
            Alessandra dit :

            @Leonardo

            “A ce, nous, nel Cammino non siamo abituati!”

            Non so se sei più bugiardo o ipocrita. Basta leggersi i mamotreti per vedere l’innumerevole quantità di turpiloquio presente.
            In più DA NESSUNO ho mai sentito chiamate “tosser” un prêtre…tranne da membri del cammino.
            In questo siete perfettamente riconoscibili.

            I peggiori bigotti rispetto a voi sono dei santi.

      • Fabrice Giudici
        Fabrice Giudici dit :

        Don Ariel ha dato una risposta da par suo, pur con molta umiltà non volendo innalzarla a più di un’opinione personale. la, da semplice fedele, mi ci ritrovo e benedico Iddio per aver ispirato la mia famiglia a non inserirmi in alcuna conventicola, nonostante le insistenze dell’allora parroco (par charité, sant’uomo per molti aspetti). Perché se ci sono state responsabilità in alto, va detto che c’è stata (e c’è tutt’ora) una specie di ossessione da parte dei preti adinfilarela gente in questo o quel movimento; sospetto per una forma particolare di clericalismo, per poter poi mantenere una forma di controllo indiretto.

        A Dafne vorrei solo aggiungere, avendo dovuto fare un paio ditraslochiparrocchiali, tre criteri iniziali per testare un buon prete: une) che sia ortodosso b) che celebri in modo rispettoso e riverente c) che sia umile. Le prime due cose sono facilmente verificabili. Per la terza: se trova un prete amato dai parrocchiani, ma senza esaltazioni e con un tasso fisiologico di mormorazione (cosa pur brutta in sé), questi sono per me buoni segni. Se trova una superstar esaltata da tutti, vuol dire che quel prete si è costruito la sua setta personale, ed è

  22. l'apostata
    l vilain dit :

    A Giovanni.

    Ipocrisia?

    Elle écrit:

    queste celebrazionifanno parte della pastorale parrocchiale e di conseguenza sono aperte a tutti i fedeli
    Faux. Non solo non compaiono nell’orario parrocchiale, ma agli estranei non è permesso entrare. Chi vuol averne conferma provi di persona.

    in queste celebrazioni si seguono i libri liturgici approvati del Rito Romano, “fatta eccezione per le concessioni esplicite della Santa Sede” (uso del pane azzimo per la comunione, spostare il rito della pace, comunione sotto le due specie, brevi monizioni e risonanze)”

    Faux. I Libri Liturgici ordinano che si comunichi PRIMA il sacerdote, e DOPO i fedeli, ognuno appena ricevuto il Pane e senza aspettare gli altri, RIMANENDO in piedi. Invece voi prendete in piedi il pane, poi vi sedete e aspettate gli altri. Vi siete inventati il distinguo fra communion e manducazione.

    monizioni e risonanze sono concesse non sono quindi abusi
    Faux. Sono eventuali, eccezioni e non regola, devono essere brevi e non omiletiche.

    Per tacere dell’uso di tavolacci anziché dell’altare consacrato eccetera.

    Lei non risponde a nulla.
    Ora le domando: perché per difendere il Cammino… [Note de la rédaction. mancano delle parole conclusive che non sono giunte, non è un nostro taglio]

  23. Gioia
    Gioia dit :

    Mi chiedo se il Cammino Neocatecumenale possa considerarsi approvato se viola i propri stessi Statuti, in forza dei quali ha ricevuto l’approvazione.
    En particulier, gli Statuti del Cammino Neocatecumenale prevedono che questo itinerario debba porsi al servizio dei Vescovi. Mi chiedo allora come si giustifichi il fatto che Kiko, ai propri catechisti, riferisca che i Vescovi non compiacenti con il Cammino invitati alla Domus Galileae (spesati di tutto) fosseropieni di demoni” et comment, dopo un’Eucaristia nel Cenacolo, su questi fosse sceso lo “esprit Saint” e, PUM!, li avesseconvertitial Cammino. Addirittura, dopo questa conversione, un Vescovo avrebbe esclamatomettiamoci alla sua sequelacioè alla sequela di Kiko.
    Che logica ha che un Cammino che dovrebbe porsi in obbedienza ai Vescovi li consideri indemoniati nel momento in cui essi esercitano la propria libera potestà di giudizio?
    Avviso che di queste dichiarazioni di Kiko, fatte nel corso di una convivenza di itineranti a P.S.Giorgio, si possono ascoltare gli audio.
    Qui si può leggerne la trascrizione:
    https://neocatecumenali.blogspot

  24. Gratuit
    Gratuit dit :

    Ha perfettamente ragione padre Ariel, i neocatecumenali non sanno nulla, né i semplici, né i grandi capi.
    Da quando ho lasciato il cammino ho iniziato ad informarmi, a leggere molto e a parlare con alcuni sacerdoti non neocatecumenali. Mi sono accorta di non sapere nulla e, quello che mi sembrava di sapere, era spesso distorto. et pourtant, in quelle condizioni, ho fatto la catechista per più di 25 années.

    In questi giorni ho ripreso in mano il mamotreto del II scrutinio, io ho quello vecchio, prima dell’approvazione.

    Con la coscienza di oggi vi ho trovato moltissime affermazioni e concetti discutibili ma, essendo consapevole di non sapere, sentirei il desiderio che qualcuno competente potesse spiegare.

    So che i sacerdoti sono sempre molto occupati ma chiedo, a beneficio mio e un podi tutti, se fosse possibile almeno l’indicazione di qualche sacerdote che possa venire in aiuto.

    Noi fuoriusciti, specialmente chi come me è stato 35 anni nel cammino e veniva dal “paganisme”, a volte ci sentiamo spersi. Avremmo bisogno di guida ed insegnamento, abbiamo molte domande, ma spesso i sacerdoti hanno poco tempo da spendere per i singoli.
    Grazie per ogni aiuto che possa

  25. Giovanni
    Giovanni dit :

    Annotazioni Mons.Juan Ignacio Arrieta Segretario del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi
    Già Preside dell’Istituto di Diritto Canonico san Pio X di Venezia

    La Santa Sede ha approvato in modo definitivo lo Statuto giuridico del Cammino Neocatecumenale. Con la consegna formale del decreto di approvazione da parte del Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici agli iniziatori del Cammino, Kiko Argüello e Carmen Hernández, e al Padre Mario Pezzi, si è concluso nella mattinata del 13 juin 2008 l’iter giuridico avviato sei anni fa quando venne approvato ad experimentum il testo degli Statuti. Alcuni mesi prima, il Consiglio per i Laici era stato indicato dal Servo di Dio Giovanni Paolo II come il Dicastero che doveva assumere a nome della Santa Sede i lavori di approvazione di questi Statuti, pur non trattandosi di un’associazione di fedeli. Con il presente atto il Pontifico Consiglio ha dato compimento a quell’incarico del Papa.I nuovi Statuti seguono sostanzialmente il dettato di quelli approvati sei anni prima. Trentacinque articoli e una disposizione transitoria conteneva il testo provvisorio del 2002, e gli stessi articoli possiede adesso la norma…

    Ancora dall’annotazione di Mons.Arrieta:”Con il presente atto il Pontifico Consiglio ha dato compimento a quell’incarico del Papa.I nuovi Statuti seguono sostanzialmente il dettato di quelli approvati sei anni prima. Trentacinque articoli e una disposizione transitoria conteneva il testo provvisorio del 2002, e gli stessi articoli possiede adesso la norma definitiva. Al di là della novità, per nulla secondaria, a cui farò riferimento qui di seguito, nessun cambiamento fondamentale è stato compiuto in questo nuovo passaggio degli Statuti, e quasi tutti gli articoli sono riproduzione esatta di quelli vecchi. Questi sei anni sonno serviti, Toutefois, per fare maggior chiarezza sull’originaria formulazione dei testi e per migliorare la norma sia dal punto di vista tecnico che da quello strutturale

    Il Cammino Neocatecumenale si conferma nei nuovi Statuti come un modello di catecumenato post-battesimale da impartire sotto la direzione dei Vescovi diocesani o, come lo aveva definito Giovanni Paolo II in parole trascritte nell’art. 1° del testo statutario, come un ”itinerario di formazione cattolica”: un programma di formazione alla vita cristiana della persona, di base principalmente catechetica e liturgica, impartito in comunità e condotto secondo ritmi e metodi specifici. Ciò che contiene lo Statuto del Cammino, e ciò che approva adesso la Santa Sede, non è un’associazione di persone, né un “movimento ecclesiale” di fedeli. La Chiesa ha dato la sua approvazione non a ciò che solitamente potrebbe denominarsi una “aggregazione di persone”, bensì ad un “metodo di formazione cattolica”, sebbene l’approvazione da parte dell’autorità ecclesiastica del metodo e dei contenuti impegni in modo riflesso quanti propongono o ricevono tali mezzi a rispettare le relative regole, senza creare tra di loro alcun legame associativo, come accade con tutta normalità tra i compagni di scuola o i colleghi dell’università.
    Noti bene che Mons.Arrieta ribadisce che il CN non è un movimento.

    Per cortesia legga con attenzione il seguente passaggio:”A mio modo di vedere, la maggiore conseguenza di questa personalità pubblica, applicata all’itinerario di formazione neocatecumenale, riguarda la particolare autorevolezza ecclesiale con la quale, sotto la direzione dei Vescovi diocesani, s’impartisce finora il Cammino, e nel particolare impegno che, En conséquence, si assume perché esso sia proposto – come risultava prima, ma adesso con rinnovato impegno giuridico – per mezzo di persone particolarmente selezionate e appositamente formate”.
    NB Mons.Arrieta parla di particolare autorevolezza ecclesiale. Quanto siamo lontani dalla descrizione data da lei,cioè una setta eretica.

    Ancora dalle annotazioni di Mons.Arrieta:”Soltanto in questo senso può interpretarsi il termine “neocatecumeni” usato in riferimento alle persone che “propongono” il Cammino o che “fanno” il Cammino. Ad onor del vero, pur non essendo una categoria istituzionale tipizzata come tale nell’ordinamento canonico, che per essere costruita richiede l’uso dell’analogia rispetto ad altre norme canoniche – sulla persona giuridica, le associazioni, fondazioni, etc. –, va pure detto che questa impostazione, ricevuta sei anni fa come una novità, è servita successivamente per meglio capire altre realtà che si riconoscono a stento nei convenzionali sistemi associativi.A differenza del testo del 2002, gli Statuti ora approvati affermano la personalità giuridica pubblica del Cammino Neocatecumenale (art 1 § 3), erezione che avvenne per iniziativa del Pontificio Consiglio per i Laici, con Decreto del 28 octobre de 2004. Il punto è di particolare rilevanza perché ci porta alla vera novità che, qua e là, emerge dai nuovi Statuti”.

    Ha notato che la Chiesa Cattolica ha concesso personalità giuridica pubblica al Cammino? Ora è difficile ipotizzare una cosa simile,manger lei dit,siamo una setta.

    Concernant, enfin, le cerimonie liturgiche, e concretamente la celebrazione eucaristica, il testo dello Statuto definito si è giovato certamente dei progressi e aggiustamenti di questi anni. Anche qui si è arrivato a un testo chiaro, che si articola in quattro principi sanciti dall’art. 13 degli Statuti. Premier, che i neocatecumeni celebrano l’Eucaristia nella piccola comunità, dopo i primi vespri della domenica. selon, che tale celebrazione dopo i primi vespri ha luogo secondo le disposizioni del vescovo diocesano. La troisième, che queste celebrazioni – come ho già detto – fanno parte della pastorale parrocchiale e di conseguenza sono aperte a tutti i fedeli. Quarto, che in queste celebrazioni si seguono i libri liturgici approvati del Rito Romano, “fatta eccezione per le concessioni esplicite della Santa Sede” (uso del pane azzimo per la comunione, spostare il rito della pace, comunione sotto le due specie, brevi monizioni e risonanze)...
    Noti bene anche le monizioni e risonanze sono concesse non sono quindi abusi.I neocatecumeni celebrano l’Eucarestia il sabato sera,pertanto i Vescovi che lo impediscono non fanno il bene spirituale dei neocatecumeni.

    Finalmente l’ultima parte delle annotazioni:”Per quanto riguarda, in fine, la Comunione, il menzionato art. 13 § 3 risulta di una particolare nettezza: “Per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie, i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto”.Chi si prenda l’impegno di controllare le variazioni tra il testo provvisorio degli Statuti del 2002 e quello definitivo adesso pubblicato, potrà costatare che, oltre a quelle menzionate in queste poche pagine, non vi sono variazioni rilevanti nel corpo del documento. Le modifiche, come dicevo all’inizio, sono state ben poche, sebbene significative come abbiamo segnalato.E’ certamente un bene per la Chiesa che il Cammino Neocatecumenale sia arrivato adesso all’approvazione definitiva dei propri Statuti. Rimane a noi, con l’aiuto del Signore e della Madonna, fare in modo che queste norme siano applicate con giustezza nei casi concreti dell’attività pastorale della Chiesa”.
    Come si può leggere la Chiesa ha approvato lo Statuto il quale permette di derogare a quanto prevede il Messale Romano,pertanto la comunione può essere fatta restando al proprio posto,senza fare la processione.

    Faccio notare quindi che, oltre le concessioni elencate,il Messale Romano contempla la possibilità della comunione sotto le due specie.Anzi già la Cost.Dog Sacrosantum Concilium n. 55,prevedeva la reintroduzione.Il Messale Romano prescrive al n. 281: «La santa comunione, in ragione del segno, assume forma più piena, se viene fatta sotto le due specie. Risulta infatti più evidente il segno del banchetto eucaristico e si esprime più chiaramente la volontà divina di ratificare la nuova ed eterna Alleanza nel sangue del Signore, ed è più intuitivo il rapporto tra il banchetto eucaristico e il convito escatologico nel regno del Padre»

    Circa l’uso del pane azzimo il Messale Romano prescrive:”320. Il pane per la celebrazione dell’Eucaristia deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina.
    321. La natura di segno esige che la materia della celebrazione eucaristica si presenti veramente come cibo. Conviene quindi che il pane eucaristico, sebbene azzimo e confezionato nella forma tradizionale, sia fatto in modo che il sacerdote nella Messa celebrata con il popolo possa spezzare davvero l’ostia in più parti e distribuirle almeno ad alcuni dei fedeli. Le ostie piccole non sono comunque affatto escluse, quando il numero dei comunicandi o altre ragioni pastorali lo esigano. Il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’ unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, per il fatto che un unico pane è distribuito tra i fratelli.

    La comunione sul palmo delle mani poste forma di croce,oltre ad essere una disciplina assai antica,risalente a Gesù stesso e usata,come unico modo,nella Chiesa primitiva per almeno per otto nove secoli,è stata reintrodotta dopo il Vaticano II,con l’Istruzione Memoriale Domini,che demandava alle conferenze episcopali la decisione di concederla.In molti paesi,Italia compresa,la CEI permette questa disciplina,donc,di quali abusi parla?Merci,buonanotte e mi scusi per la lunghezza.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher John,

      domandando a Dio la grazia della virtù della santa pazienza, la prego di leggere, d'abord, la risposta che ho data sopra a Enzo, nella quale c’è una chiara, precisa e ortodossa esposizione dottrinaria nella quale spiego che cosa è il dogma e quando una verità definita è verità di fede.

      Anziché inviare un altro papiro come quello che ha inviato, per non rispondere poi in definitva ai vari quesiti che le sono stati posti, provi adesso, En bref – letta quella risposta ad Enzoa rispondere a queste tre facili e semplici domande:

      lei ritiene che l’approvazione dello statuto di un Movimento laicale da parte del Pontificio Consiglio per i Laici, costituisca una verità di fede espressa in modo definitivo o definitorio ?

      lei ritiene, donc, che questa approvazione del Cammino Neocatecumenale, implichi da parte della Chiesa un pronunciamento del magistero infallibile che vincola tutti i fedeli cattolici a prestare totale adesione come se fosse una verità di fede definita ?

      Lei ritiene che, tutti coloro che non ritengono il Cammino Neocatecumenale un movimento cattolico improntato sulla ortodossia dottrinale e liturgica, vengano meno all’obbediente ossequio dovuto da tutti i fedeli al deposito della fede cattolica ?

      Sono tre semplici domande, alle quali spero vorrà rispondere.

      Se però mi manderà per tutta risposta un altro papiro nel quale parla di tutt’altre cose deviando altrove il discorso, sappia in anticipo che non lo pubblicherò, perché neppure la santa pazienza può obbligare in alcun modo ad un dialogo sterile tra un sacerdote ed un teologo che cerca in tutti i modi di spiegare, ed un sordo che in tutti i modi dimostra di non voler capire.

      je répète: sono tre domande semplicissime.

      • Paula
        Paula dit :

        Sono semplicissime per chi abbia letto le sue risposte precedenti e le circostanziate spiegazioni in esse contenute e per chi sia in buona fede. Per chi non è in buona fede e nega l’evidenza, sono semplicemente domande a cui non rispondere. Per ignoranza e superbia, i neocat ritengono di essere depositari della verità assoluta, e vengono sempre istruiti a non dialogare con chi non la pensa come loro. Clairement, anche qualora ci provassero, difficilmente riuscirebbero a trovare argomenti validi, perché sono mediamente ignoranti di teologia, anche basilare, et aussi, Malheureusement, non conoscono il Catechismo della Chiesa cattolica. Sono inoltre imbevuti di terminologia neocatecumenale e non riescono ad uscire da lì.
        A questo proposito volevo chiederle: nel Cammino neocatecumenale si dice e si ripete fino allo sfinimento che la morte è il peccato, cioè che Gesù Cristo risorgendo dai morti e vincendo la morte, ha vinto il peccato. E questa cosa viene ripetuta sempre nelle varie catechesi, in maniera quasi ossessiva. Ma è proprio solo così? Cioè è questa l’unica interpretazione? O anche che ha aperto la strada alla vita eterna? Mi scusi per l’approssimazione della mia domanda

  26. enzo
    enzo dit :

    Bonsoir Père Ariel,

    per quanto riguarda le continue affermazioni dei signori neocatecumenali riguardanti gli ultimi Pontefici che hanno incoraggiato il Cammino quale valido percorso di vita cristiana, non vorrei sbagliarmi ma mi sembra che in ogni caso il giudizio di un Papa su una realtà ecclesiale non tocca quei casi in cui si esercita il carisma dell infallibilita tranne che sia un giudizio in forma definitiva. Che per il Cnc non c’è stato.

    Ai-je tort?

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Cher Enzo,

      un Romano Pontefice può esprimersi in forma final e in forma définir, cosa che implica, dans les deux cas,, il ricorso al magistero infallibile, seppure esercitato in diverso grado, basterebbe leggere di San Giovanni Paolo II la Pour protéger la foi].

      Questo testo spiega quanto segue:

      nel caso delle verità del 1° comma, ossia dell’insegnamento définir, l’assenso è fondato direttamente sulla fede nell’autorità della Parola di Dio;

      nel caso delle verità del 2° comma, ossia nel caso dell’insegnamento non définir O définitive, questi è fondato sulla fede nell’assistenza dello Spirito Santo al magistero e sulla dottrina cattolica dell’infallibilità del magistero” [cf. n. 8].

      Coloro che non accettano un insegnamento définir cadono in eresia pubblica e manifesta oltre che nella scomunica automatique, coloro che invece non accettano un insegnamento définitive, cadono in errore, ma non in eresia.

      Cosa vuol dire il tutto? Vedrò di spiegarlo molto in breve:

      – Par définir si intende la proclamazione di un dogma della fede cattolica, Exemple: il dogma della assunzione al cielo della Beata Vergine Maria, l’ultimo dei dogmi mariani proclamato dal Servo di Dio Pio XII nel 1950.

      – Par définitive si intende invece un insegnamento che non è proposto come dogma di fede, ma che è però espressione del magistero infallibile. Un esempio di pronunciamento definitivo è quello di San Giovanni Paolo II che nella Lettera Apostolica ordination presbytérale du 1994 dichiara: «la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa»

      Su tutti gli altri temi o atti del sommo magistero, può capitare invece che il Romano Pontefice, od un suo successore, decida di cambiare gli insegnamenti e certe discipline per motivi di opportunità, ad esempio pastorale, così come potrebbe disapprovare, per ragione varie o per ragioni sopravvenute, ciò che un suo precedessore ha stabilito. Exemple: ci sono stati Romani Pontefici che hanno approvato un ordine o congregazione religiosa, ed in seguito vi sono stati loro successori che, questo stesso ordine o congregazione, l’hanno soppresso.

      Sincèrement – e lo dico davvero con autentico affettonei Neocatecumenali che qui hanno interloquito e con tutti quelli con i quali ho interloquito io nel corso del tempo, ho riscontrato una diffusa ignoranza in ambito storico, ecclesiologico, théologique et juridique. Ignoranza mossa tutt’altro che da mala fede, ma appunto da ignoranza, ossia da mancata conoscenza, sino al punto di cadere veramente nel grottesco, mutando ad esempio la approvazione di un movimento laicale da parte del Pontificio Consiglio per i Laici, in un vero e proprio dogma della fede cattolica da mettere più o meno sullo stesso livello dei dogmi cristologici o del dogma della immacolata concezione della Beata Vergine Maria. Si donc, come ho fatto per l’ennesima volta anche in questa mia risposta, uno cerca di spiegare loro con tutta la più corretta scienza teologica e giuridica certi dati di fatto, esprimendo il tutto con le dovuta amabilità pastorale, ci si ritrova dinanzi a veri e propri sproloqui di gente che, senza entrare minimamente nel merito di quanto hai risposto, ti replicano con argomentazioni veramente assurde.

      Sicuramente io sto perdendo del tempo prezioso che forse potrei impiegare meglio anziché andare a battere su un evidente muro di gomma. E dicendo questo ribadisco che ritengo che queste persone non hanno colpa, neppure quando cercano di smentire con argomenti assurdi chi certe materie e discipline le conosce e le studia da una vita.

      Sono stati formati o de-formati a questo modo. Et peut-être, beaucoup d'entre eux, giustificati per la loro ignoranza invincibile, andranno nel Paradiso molto prima di noi. Non credo infatti che le porte del Paradiso siano chiuse a coloro che, per ignoranza invincibile, si mettono a discutere mostrando, di discussione in discussione, di non avere né il senso della misura né il comune senso del ridicolo.

  27. par Tripudio
    par Tripudio dit :

    Come tanti altri, sono purtroppo costretto a utilizzare uno pseudonimo per sottrarre i miei cari alle implacabili vendette neocat (sia in ambito ecclesiale che civile, e non si arrendono nemmeno se vengono mobilitate le forze dell’ordine).

    Non ci sarebbe neppure bisogno di dirlo: don Ariel ha fatto un ottimo lavoro (è un piacere sentirmi un dilettante a confronto), e Nostro Signore gliene renderà merito.

    Vorrei soltanto chiarire alcuni punti.

    1) Il neocatecumenalismo assegna nuovi significati a certe parole del lessico cristiano, al preciso scopo di ingannare anche le persone colte.
    Siamo perseguitati perché facciamo evangelizzazione”, ti dicono, e in realtà significaqualcuno non abbocca alla nostra trappola”.
    Ou: “apertura alla vita”, che significa in realtàpaternità irresponsabile”, sfornar figli come conigli, tanto ci penserà la babysitter, per poi vantarsi in convivenzaho venti figli di cui otto in cielo” (contando anche gli aborti spontanei e – implicite – quelli volontari).
    Ou encore, “un vescovo ha chiesto di aprire un seminario Redemkikos Mater”, da tradurre ingli abbiamo fatto un’offerta che non poteva rifiutare

    2) Il neocatecumenalismo ha un suo gergo interno che occorre sempre tradurre:
    “Ambientale”: omelia del laico preparatoria alla celebrazione
    “Monizione”: omelia sistematica del laico prima di una lettura della Messa
    “Risonanza, fare il kerygma, dare una testimonianza…”: omelie estemporanee dei laici
    “Scrutinio”: scarnificazione delle coscienze con domande che neppure un confessore farebbe
    “Giro d’esperienze”: scarnificazione delle coscienze in versione rapida
    “Alzata”: risposta rituale (l’alzarsi) alla “chiamata vocazionale” di Kiko il suscitatore di vocazioni
    “Convivenza”: riunione in albergo (inutilmente lontano e inutilmente costoso) per celebrarvi il kikismo-carmenismo (i cosiddetti “catechisti” e i loro accompagnatori non pagano)
    etc.

    3) Il neocatecumenalismo esige di ingannare.
    Exemple: «le eventuali monizioni previe alle letture, devono essere brevi» (lettera 1° dicembre 2005), nel Cammino invece non sono “eventuali” ma “onnipresenti”, e non sono “brevi” ma durano un’eternità. Ou: «noi facciamo la Comunione sotto le due specie»…

    Anche se si rendono conto dello stravolgimento, insistono comunque a voler ingannare il prossimo…

  28. Giovanni
    Giovanni dit :

    Père Ariel Caro,lei ripete che avrei tentato di manipolare i discorsi dei Papi riportati,ma poi non dice in che modo avrei fatto.Le ripeto,questa pagina permette solo un certo numero di caratteri,altrimenti non avrei avuto alcun problema a pubblicarli nella loro interezza.Ma.come,ho già detto,i documenti sono disponibili sul sito del Cammino a disposizione di tutti,Mi dispiace ma non ha capito la mia risposta,allora mi spiego meglio,Quando Papa Francesco pronunciò il primo discorso al Cammino,disse che forse era il caso che si rinunciasse a qualcosa per migliorare la comunione.Qualche Vescovo interpretò questo discorso male pensando che doevvamo rinuciare alla celebrazioni nelle piccole comunità.Ma il Papa non voleva dire ciò e per questo attraverso Mons.Becciu rettificò l’errore.Pertamto la volontà del Papa è che le Comunità facciano il CN secondo quanto prevede lo Statuto.E lo Statuto prevede l’Eucarestia nella piccola comunità e la veglia separata.Che poi non hanno senso elitaristico e separatistico,ma hanno scopo formativo,come anche la Sacrosantum Concilium prevede quanto afferma che la liturgia ha scopo anche didattico come è scritto al n.33 della suddetta costituzione.

  29. l'apostata
    l vilain dit :

    A Giovanni.

    Perché non ci illustra il senso della frase papale a voi rivolta diseguire fedelmente i Libri Liturgici senza aggiunte né omissioni”?
    Perché continuate a fare come vi pare, anzi come pare al signor Arguello?
    Perché di fronte a domande precise (voir ci-dessus) voi neocat ammutolite?
    E’ il vostro demonio muto che interviene, come dicono i catechisti per tirarvi fuori tutti i dettagli della vostra vita privata negli scrutini?

  30. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Tutto il Cammino Neocatecumenale in quattro righe. Ecco due domande che Kiko rivolge ad un suo catecumeno, nel contesto di uno scrutinio (VI volume del Direttorio Catechetico, “traditio”, prima dell’approvazione):

    Kiko: Prima del cammino tu eri cieco? Cosa non vedevi?
    Z.: Prima del cammino io ero un bigotto, perché sono nato nella Chiesa e avevo un moralismo terribile, una terribile paura dell’inferno. Dovevo presentare sempre la faccia di buono, non avevo mai un peccato, la colpa era sempre degli altri. Io ho fatto quello che ho voluto durante tutta la mia vita e nel fondo non mi sono mai creduto peccatore perché sono stato una brava persona, perché andavo sempre a messa e non mi vedevo cieco. Un giorno ho sentito lannuncio e attraverso quello il Signore mi afferrò; dopo aver ascoltato tutta la catechizzazione, dopo essermi messo in cammino, il Signore ha fatto sì che attraverso la sua Parola, attraverso la comunità, io cominciassi a vedere che ero un maiale. Il Signore ha permesso, mentre stavo in comunità, ha permesso che io peccassi perché vedessi come ero. Dentro la comunità, attraverso la Parola, il Signore mi ha messo davanti i miei peccati.

    Kiko: Tutto il fango che c’era in te, la porcheria che c’era in te.
    Z.: In quantità! Io non capivo, prima del cammino, perché uno sposato se ne andava con un’altra; questo non lo comprendevo. Il Signore ha permesso che io commettessi adulterio, quando stavo già nel cammino. Mi ha fatto vedere che sono un adultero, mi ha fatto vedere che sono un egoista, che adoro il denaro; mi ha fatto vedere che non amo nessuno, né mia moglie, né i miei figli, che amo solo me stesso, che ho cercato sempre di trarre vantaggi dagli altri. Questo mi ha fatto vedere il Signore attraverso questo tempo, mi ha messo fango sugli occhi facendomi vedere che sono cieco perché potessi vedere che Lui mi ha amato così, non ha avuto schifo dei miei peccati, non mi ha disprezzato, mi ha amato! E questo l’ho visto nella comunità, perché conoscendo i miei peccati il Signore si è avvicinato attraverso i fratelli; attraverso mia moglie si è avvicinato a me e mi ha voluto bene. Il Signore si è avvicinato a me in persone concrete, e mi ha voluto bene. Allora io ho sperimentato che Dio mi ama così come sono, ridotto ad essere un disgraziato.

  31. Giovanni
    Giovanni dit :

    Prendere le parole dei Papi a pretesto per attaccare il Cammino, non è cosa lecita né corretta.Papa Francesco nella sua prima udienza con il Cammino,disse delle cose, da detrattori interpretati come tirata di orecchie.Ma Mons. Becciu chiarì bene cosa avesse voluto dire:””TALI PAROLE (quelle del Papa) NON MODIFICANO AFFATTO GLI STATUTI ANZI LI CONFERMANO. Per quanto attiene alle celebrazione della VEGLIA PASQUALE E DELL’EUCARESTIA DOMENICALE,da lei menzionate,gli articoli 12 e 13,letti nella LORO INTEGRITA’COSTITUISCONO PERTANTO IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO”. Lo Statuto del Cammino prevede che noi celebriamo l’Eucarestia dopo i primi vespri, e la comunione sia fatta restando al posto.Non vedo quali abusi commetteremmo.
    Non capisco perché lei voglia seminare zizzania?

  32. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Sono profondamente commosso.
    Di fronte all’encomio bugniniano non posso far altro che inchinarmi e riconoscere la mia incompetenza e ignoranza.
    Essere elogiati da Mons. Bugnini per la liturgia è una medaglia al valore.
    toutefois, chi non desidererebbe essere lodato dal comandante Schettino per il proprio eroismo?
    E chi non sarebbe orgoglioso di ricevere il premioNiccolò Tommaseodal sen. Antonio Razzi?
    Ma soprattutto chi, tra coloro che coltivano la virtù della castità perfetta, non ha mai anelato (magari anche inconsciamente) di sentir pubblicamente un apprezzamento da Rocco Siffredi?

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Crois moi: non so più che cosa dirle.

      Nel mio lungo lavoro, che a questo punto temo proprio che lei non abbia letto, lanciandosi però in commenti allo stesso, lei mi chiede di «provare» quello che ho dimostrato nel mio scritto, ed a tal proposito ella mi invita a citare i documenti dei Sommi Pontefici.

      Bien, mi spiega che cosa dovrei «provare», visto che nel mio scritto ho fedelmente riportato i documenti ufficiali della Santa Sede che ha pubblicato e diffuso questi discorsi dei Sommi Pontefici? Ma che cose le devo «provare»? Forse le devo provare che basta leggere il mio scritto e quindi leggere in versione integrale certi discorsi di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco I che in questo scritto sono tutti, fedelmente ed integralmente riportati ?
      Ma si rende conto che lei mi sta chiedendo di provare ciò che è provato nei testi ufficiali dei discorsi dei Sommi Pontefici?

      Per quanto riguarda il compianto Annibale Bugnini, potrebbe spiegarmi come mai, questo tanto compianto, la 4 janvier 1976 fu sollevato dal Santo Pontefice Paolo VI da tutti i suoi incarichi presso la curia romana e dallo stesso fu nominato pronunzio apostolico nell’allora Persia, l’attuale Iran? Mi spiega perché dopo quella decisione, le Saint Pontife Paul VI, si rifiutò ripetutamente di riceverlo, quindi come mai, finché egli visse, al compianto e meritorio Annibale Bugnini non volle vederlo mai più?

  33. Giovanni
    Giovanni dit :

    Gentile Don Ariel,non vedo proprio cosa avrei manipolato?Lei da una interpretazione del discorso di G.P.II del tutto personale,arbitraria e fantasiosa.Evero che il Papa si rivolge ai presbiteri,ma poco prima si è rivolto ai catechisti.Il fatto che si sia rivolto ai sacerdoti non cancella tutto discorso precedente.Il Papa affermò in quel discorso:”Desidero sottolineare l’importanza degli Statuti appena approvati per la vita presente e futura del Cammino Neocatecumenale che,come ho già avuto modo di dire alcuni anni fa,costituisce unitinerario di di formazione cattolica,valida per la società e per i tempi odierni”(SAA 82 (1990)1515″.Intanto le faccio di nuovo notare che ha sbagliato chiamando il CN movimento,come può leggere il Cammino non è un movimento.Inotre il Papa parla di iniziazione cattolica.Quanto i dicasteri hanno disposto in questi anni viene rispettato.Nel 2008 sotto Papa Benedetto XVI è stato approvato lo statuto in modo definitivo ciò è stato ribadito anche da Papa Francesco,attraverso Mons.Becciù,nel momento in cui alcuni Vescovi volevano impedire la celebrazione del sabato sera e la veglia pasquale.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher John,

      Lei ha di fatto tentato, prima di manipolare i testi – si veda sua precedente lunga risposta – poi dinanzi alla mia replica, ne pas pouvoir répondre sur le fond, chi ha appena scritto queste testuali parole:

      « Papa Francesco nella sua prima udienza con il Cammino,disse delle cose, da detrattori interpretati come tirata di orecchie.Ma Mons. Becciu chiarì bene cosa avesse voluto dire [...]»

      Laissez-moi: forse abbiamo a che fare con un Sommo Pontefice, il quale è custode della fede, supremo maestro e interprete, che dopo avere parlato ed essere stato frainteso dai detrattori per le sue rampogne fatte al Cammino Neocatecumenale, richiede l’illuminatissimo intervento dell’altrettanto notoriamente illuminato S.E. Mons. Angelo Dirt, all’epoca sostituto alla Segreteria di Stato?

      Adesso capisco, come mai stiamo vivendo una grande crisi e decadenza ecclesiale ed ecclesiastica!

      cher John, le garantisco che io sono l’ultimo dei preti della orbe catholica, ciò non toglie però che per grazia di Dio io abbia ricevuto:

      1. una formazione umanistica;
      2. una formazione filosofica;
      3. una formazione giuridica;
      4. una formazione teologico-dogmatico-sacramentaria;
      5. una formazione storico-dogmatica ;
      6. continuo a studiare di giorno in giorno …

      a questo aggiunga che conoscono bene ed a fondo la curia romana, per vari motivi e ragioni che non è necessario spiegare.

      A dit ceci: se io che senza calcolatrice non so fare neppure le divisioni fossi invitato ad un convegno di matematici, mi metterei in un angolo ad ascoltare in religioso silenzio, cercando di capire qualche cosa, ed alla fine non capirei niente, perché sono privo di nozioni matematiche.

      Prendendo l’esempio di carattere matematico che ho appena fatto le domando: perché lei invece, che come me non sa fare le divisioni, si mette a discutere con i matematici?
      Forse perché lo Spirito Santo le ha dato in tal senso doni del tutto speciali?

      Vous voyez, se lei si affidasse alla mia direzione spirituale, anziché a quella di certi mega-catechisti laici, potrebbe essere aiutato, anzitutto a sviluppare ed a tirare fuori il meglio che Dio le ha sicuramente dato in capacità ed in buoni sentimenti, lei ha solo bisogno di essere aiutato, da un sacerdote maturo, a sviluppare libero ragionamento e senso critico.

  34. Giovanni
    Giovanni dit :

    Cher Père Ariel,lei può dimostrare con documenti,che i Papi che le ho citato abbiano richiamato il cammino severamente,più che incoraggiarlo?Attendo che provi queste affermazioni. Io non manipolo proprio nulla,ho citato solo stralci di discorsi dei Papi e di altri documenti,solo perchè questa pagina permette solo un certo numero di caratteri ,ma i documenti che ho citato sono pubblici e sono alla portata di tutti. Le ho riportato la lettera del compianto Mons.Annibale Bugnini,ad inizio anni settanta a capo della Cong.per il Culto Divino.Euna nota laudatoria,ciò significa quindi che le celebrazioni delle comunità erano ritenute un modello eccellente scaturito dalla riforma liturgica post Vaticano II.Probabilmente anche Paolo VI pensava lo stesso.

  35. Giovanni
    Giovanni dit :

    Gentile Don Ariel dato che il numero dei caratteri è limitato non posso certo citare i documenti per intero,Ma se lei mi accusa di manipolare i documenti si sbaglia di grosso perchè ciò è falso.Io mi attengo a ciò che la Chiesa Cattolica e i suoi Organi competenti hanno disposto e stabilito sotto l’autorità dei vari Papi che si sono succeduti e lei dovrebbe rispettare il Papa e gli organi della Chiesa.Se l’obbedienza alla Chiesa e al Papa equivalgono a non aver senso critico,sono fiero di non averne,Ubi Petrus ibi ecclesia recita un famoso motto e per me ciò ha molta importanza,spero che anche per le ne abbia. Spero che non si sente superiore al Papa e alla Cong.per la Dottrina della fede.sarebbe assai grave.Lei fa affermazioni falsamente apodittiche,senza dimostrare né documentare .Nessuno vuole mettere in dubbio la sua preparazione,ma ogni argomento va dimostrato e lei mi sembra,non lo abbia fatto.Elibero di pensare ciò che vuole sul Cammino,ma non confonda i suoi pensieri con quanto la Chiesa ha ufficialmente detto e fatto per cortesia.Buona giornata.

  36. Frilù
    Frilù dit :

    Grazie Don Ariel per aver analizzato il Cammino e aver messo in risalto tutto ciò che ha di sbagliato. Ancora di più la ringrazio per essersi esposto in prima persona scrivendo questo articolo. Sono anni che facendo leggere i documenti mi sento dire, dopo tanto tempo e lavoro, le solite frasi “nous avons approuvé, il Papa ci loda e ci dice di continuare”.
    Dopo tanti anni di sofferenze con il mio coniuge,ormai viviamo insieme come due sconosciuti, siamo vicini alla separazione. Se le è possibile le chiedo di analizzare anche questo problema che si viene a creare quando solo uno dei due è in cammino .
    La ringrazio ancora tanto e prego il Signore che l’aiuti sempre nella sua missione.

    • Ribelle
      Ribelle dit :

      Anche io come Trilù vivo una condizione familiare disastrosa. La mia coniuge è neocatecumenale convinta, vede qualunque mio commento come il demonio che la tenta. Vita familiare completamente assente, ormai in guerra da anni e se non fosse per i figli e per un amore di fondo (ma travolto e seppellito dalle macerie) anche noi prossimi alla separazione. Ormai viviamo come due estranei sotto lo stesso tetto.
      Come è possibile che un movimento che si proclami cattolico e fedele alla Santa Chiesa permetta una tale divisione in famiglia? E che incoraggi ad abbandonare la famiglia per essere sempre più presente nella vita neocatecumenale anche con lo scopo (dichiarato ma non vero) di salvare in questo modo la famiglia stessa?

      • Ariel S. Levi Gualdo
        Ariel S. Levi Gualdo dit :

        Cher lecteur,

        queste cose le sappiamo da molto tempo, Malheureusement.

        Numerosi sono i vescovi che hanno ricevuto tante lamentele nel corso degli anni riguardo idivorzi causatitra coniugi uno dei quali non era neocatecumenale; e pure presso la Santa Sede, sono da sempre informati.

        Possa Dio concedere a lei la grazia del ravvedimento di sua moglie da questo incubo e possa concedere la misericordia del Purgatorio a tutta quelle autorità ecclesiastiche che, proprio mentre si adoperavano tanto a parlare di famiglia, di matrimonio, della salvezza della famiglia e della sacralità del matrimonio, permettevano ad una setta intra-ecclesiale di compiere cose di questo genere che, je répète, le Autorità Ecclesiastiche conoscono bene.

        • Ribelle
          Ribelle dit :

          Merci, père ariel, per quello che mi ha scritto.
          Vorrei chiederle, se non sono di troppo disturbo, un suo parere: ma se le cose stanno così perché la Santa Sede e le Autorità Ecclesiastiche non intervengono in maniera più decisa? Forse per paura di perdere fedeli o svuotare le chiese? À mon avis, modesto e da ignorante, la vera Chiesa si stà svuotando proprio perché il CNC continua a dilagare e a farla da padrone in parecchie parrocchie circonducendo parecchi ignari e deboli fedeli in cerca di aiuto.

          • Ariel S. Levi Gualdo
            Ariel S. Levi Gualdo dit :

            Le uniche persone che da cinque/sei anni a questa parte vedono le piazze piene, che invece sono sempre più vuote; le chiese con incremento di fedeli, che ne sono invece usciti come una vera e propria emorragia; che fantasticano sull’aumento delle confessioni, mentre sui confessionali crescono le ragnatele; et ainsi suivre, sono quei vaticanisti della Pravda che, come accadeva nel vecchio regime sovietico, presentano una realtà che non esiste.

            Le piazze una volta affollata da fedeli oggi sono semivuote, le chiese si stanno progressivamente e drammaticamente svuotando, l’afflusso alle Messe è drasticamente calato ed i confessionali sono disertati.

            A questo aggiunga i Neocatecumenali che, quando invadono una parrocchia, la riempiono dei propri affiliati e la svuotato degli altri fedeli.

            E chi non vede e non accetta questo, o è in malafede, o vive una realtà che no esiste, a partire dagli addetti della Pravda.

  37. le chartreux
    le chartreux dit :

    Benedicamus Domino.

    Perchè il Cammino Neocatecumenale ha in disprezzo il Sacerdozio Cattolico?
    Già in questa materia Definiva nella Retour au sacerdoce catholique Pio XI definiva:

    « Del resto, come accennavamo fin da principio, i nemici stessi della Chiesa, a modo loro, mostrano di sentire tutta la dignità e l’importanza del sacerdozio cattolico, dirigendo contro questo i loro primi e più feroci colpi, ben sapendo quanto sia intimo il nesso che intercede tra la Chiesa e i suoi sacerdoti. I più accaniti nemici del sacerdozio cattolico sono oggi i nemici stessi di Dio: ecco un titolo di onore che rende il sacerdozio più degno di rispetto e di venerazione ».

  38. Giovanni
    Giovanni dit :

    Egregio Don Ariel mi permetta sommessamente di farle notare che lei definisce erroneamente il Cammino “movimento”,ma come può leggere San Giovanni Paolo II,non lo definisce tale ma come ITINERARIO DI FORMAZIONE CATTOLICA,cioè una delle modalità della iniziazione cristiana degli adulti.Credo che la differenza concettuale sia …

    “Mi permetto umilmente di ricordare, alcuni brevi stralci di discorso degli ultimi pontefici sul Cammino,le parti in maiuscolo sono mie:

    pape françois:”Cari fratelli e sorelle, IL VOSTRO CARISMA E’ UN GRANDE DONO DI DIO per la Chiesa del nostro tempo. Ringraziamo il Signore per questi cinquant’anni: un applauso ai cinquant’anni! E guardando alla sua paterna, fraterna, e amorevole fedeltà, non perdete mai la fiducia: Egli vi custodirà, spronandovi al tempo stesso ad andare, come discepoli amati, verso tutti i popoli, con umile semplicità. VI ACCOMPAGNO E VI INCORAGGIO:ANDATE AVANTI! E, s'il te plaît, non dimenticatevi di pregare per me, che rimango qui!”

    Papa Paolo VI:”Vivere e promuovere questo risveglio è quanto voi chiamate una forma di “dopo Battesimo” che potrà rinnovare nelle odierne comunità cristiane quegli effetti di maturità e di approfondimento, che nella Chiesa primitiva erano realizzati dal periodo di preparazione al Battesimo..”.

    Dalla lettera Ogniqualcolta di G.P.II del 1990:”Dopo oltre vent’anni di vita delle Comunità, diffuse nei Cinque continenti, tenendo conto della nuova vitalità che anima le parrocchie, dell’impulso missionario e dei frutti di conversione che sbocciano dall’impegno degli itineranti e, dernièrement, dall’opera delle famiglie che evangelizzano in zone scristianizzate d’Europa e del mondo intero ; in considerazione delle vocazioni, sorte da codesto Cammino, alla vita religiosa e al presbiterato, e della nascita di Collegi diocesani di formazione al presbiterato per la nuova evangelizzazione, quale il Redemptoris Mater di Roma ; avendo preso visione della documentazione da Lei presentata : accogliendo la richiesta rivoltami, riconosco il Cammino Neocatecumenale come un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni”.

    Nota laudatoria di Mons.Annibale Bugnini:”«Tutte le riforme, dans l'Eglise, hanno apportato nuovi principi e promosso nuove norme, che hanno tradotto in pratica gli intenti della riforma stessa.Così accadde dopo il Concilio di Trento; né poteva essere diversamente ai giorni nostri. Il rinnovamento liturgico incide profondamente sulla vita della Chiesa. C’è necessità che la spiritualità liturgica germini nuovi fiori di santità e di grazia, nonché di apostolato cristiano più intenso e di azione spirituale.Un modello eccellente di questo rinnovamento si trova nelle «Comunità neo-catecumenali» che sorsero a Madrid, Dans le 1962, per iniziativa di alcuni giovani laici, con il permesso, l’incoraggiamento e la benedizione dell’eccellentissimo Pastore madrileno, Casimiro Morcillo. Le comunità hanno lo scopo di rendere visibile nelle parrocchie il segno della Chiesa Missionaria, e si sforzano di aprire la strada all’evangelizzazione di coloro che hanno quasi abbandonato la vita cristiana.A questo fine i Membri delle «Comunità» cercano di vivere più intensamente la vita liturgica cristiana incominciando dalla nuova catechesi e dalla preparazione «catecumenale»…Bugnini non era massone.

    Ancora G.P.II nel 2002 all’approvazione ad expermentum dello Statuto:”«Come non ringraziare il Signore per i frutti portati dal Cammino neocatecumenale nei suoi oltre trent’anni di esistenza [...] In una società secolarizzata come la nostra, dove dilaga l’indifferenza religiosa e molte persone vivono come se Dio non ci fosse, sono in tanti ad aver bisogno di una nuova scoperta dei Sacramenti dell’iniziazione cristiana; specialmente di quello del Battesimo. Il Cammino è senz’altro una delle risposte provvidenziali a questa urgente necessità. Desidero sottolineare l’importanza degli Statuti appena approvati per la vita presente e futura del Cammino neocatecumenale che, come ho già avuto modo di dire alcuni anni fa, costituisce “un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni”. Gli Statuti costituiscono altresì, un importante aiuto per tutti i pastori della Chiesa, particolarmente per i Vescovi diocesani, ai quali è affidata dal Signore, la cura pastorale e, en particulier, l’iniziazione cristiana delle persone nella Diocesi …

    Decreto del Pontificio consiglio per i Laici del 26 dic 2010 protéger. 1436/10/AIC «I suddetti volumi del Direttorio catechetico sono stati rivisti dalla Congregazione per la Dottrina della Fede dal 1997 jusqu'à ce que le 2003 e opportunamente corredati con riferimenti al Catechismo della Chiesa Cattolica inerenti alle tematiche affrontate in ogni catechesi. Recentemente, la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, dopo aver ulteriormente esaminato i risultati del suddetto studio, al fine di dare maggior sicurezza all’attuazione del Cammino Neocatecumenale, nonché di offrire garanzie dottrinali a tutti i pastori della Chiesa, ha ritenuto opportuno consegnare al Pontificio Consiglio per i Laici – in quanto Dicastero che segue questa realtà ecclesiale – l’incarico di dare un’apposita approvazione ai volumi del Direttorio catechetico del Cammino Neocatecumenale (cfr lettera del 20 novembre 2010, prot. N. 36/75 – 33843)...

    Le pape Benoît XVI:”«Come non benedire il Signore per i frutti spirituali che, attraverso il metodo di evangelizzazione da voi attuato, si sono potuti raccogliere in questi anni? Quante fresche energie apostoliche sono state suscitate sia tra i sacerdoti che tra i laici! Quanti uomini e donne, e quante famiglie, che si erano allontanate dalla comunità ecclesiale o avevano abbandonato la pratica della vita cristiana, attraverso l’annuncio del kerigma e l’itinerario di riscoperta del Battesimo sono state aiutate a ritrovare la gioia della fede e l’entusiasmo della testimonianza evangelica! [...] La recente approvazione degli Statuti del Cammino è venuta a suggellare la stima e la benevolenza con cui la Santa Sede segue l’opera che il Signore ha suscitato attraverso i vostri Iniziatori…

    ,Riguardo le catechesi,prima ancora che fossero esaminate dalla Competente Congregazione per la Dottrina della Fede,erano state esaminate dalla Cong.per il Clero,attraverso un teologo Salesiano che si chiamava Padre Giuseppe Groppo.Dopo aver analizzato i voumi,redasse una nota che le trasmetto:”La novità di queste catechesi e il criterio fondamentale per la loro interpretazione è costituito dal fatto che sono espressione orale di un’esperienza vissuta di fede e di conversione e che pertanto si tratta di un linguaggio esistenziale, la cui verità non va ricercata nella singola frase, ma nel contesto generale: un’esperienza vissuta intensamente non si presta a formulazioni teoriche nitide, ma si esprime sempre in modo un po’ caotico, con frequenti ripetizioni, con il ricorso a paradossi, più per immagini che per concetti. Intendo ora rilevare un altro aspetto di queste catechesi, o meglio di questo Cammino neocatecumenale. Come studioso della storia della catechesi antica devo dire che il tentativo di Kiko e Carmen di attualizzare il catecumenato è un tentativo riuscito.L’esperienza ha fatto intuire quello che di profondamente valido conteneva questa istituzione dei primi tre…

    Come ha potuto constatare ,ho inviato solo discorsi di Papi e documenti ufficiali.So che per lei non sarà sufficiente e che restrerà della sua idea.Spero però di averla fatta riflettere.Grazie e buona giornata.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher John,

      l’operazione che lei compie attraverso queste citazioni è sconcertante e in linguaggio scientifico si chiamamanipolazione concettuale” e “lessicale”. Si tratta di una operazione veramente grave.

      Ou mieux compris: mostrandosi privo di senso critico e analitico, lei prende dei testi e ne trae come citazione solo ed esclusivamente dei passi positivi estrapolati dal loro intero contesto, facendo così dire, in questo caso ai documenti dei Pontefici, ciò che essi non dicono.

      Chiunque può quindi prendere i documenti citati nel mio testo, leggerli dall’inizio alla fine e comprendere quanto severi siano stati invece i richiami fatti da questi Sommi Pontefici al Cammino Neocatecumenale sul piano liturgico, ecclesiologico, pastorale e missionario.

      L’operazione che lei ha appena compiuto gliela spiego con un brano del Vangelo del Beato Apostolo Giovanni. In pratica lei prende il brano del Vangelo giovanneo in cui si narra il tentativo di lapidazione della prostituta [cf. Gv 7,53-8,11] e lo cita a questo modo:

      [disse allora Gesù] « Lequel d'entre vous qui est sans péché, soyez le premier à lui jeter la pierre ". Et se pencha à nouveau, il a écrit sur le terrain. Ma quelli, udito ciò, ils sont partis un par un, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: “Donna, où ils sont? N'a pas un condamné?”. Ed essa rispose: “Aucun, seigneur”. Et Jésus a dit,: “Pas plus que je condamne” ».

      À ce point, noi possiamo tranquillamente affermare e sostenere:

      1. Jésus Christ, ha forse condannata la prostituta? Pas du tout, quindi non aveva nulla contro le prostitute ;
      2. Jésus Christ, era forse contrario alla prostituzione? bien, da come si è comportato no, dice chiaramente alla prostituta che non la condanna ;

      Donc, perché non riaprire le case chiuse e non dare una regolamentazione legale alla prostituzione?

      Si potrebbe dire e sostenere questo e altro, su quella pagina del Vangelo, semplicemente omettendo la sola parte finale, qui pourtant, dopo il «Neanch’io ti condanno», conclude il discorso dicendo: «[…] volonté’ et désormais ne pèche plus ».

      Citando questo brano a pezzi ed omettendo la parte finale, che implica il pentimento della donna, il perdono di Gesù Cristo e soprattutto il monito a convertirsi ed a non peccare più, si fa dire al Vangelo, in questo come in tanti altri casi, quello che il Vangelo non dice affatto.

      E questa si chiama manipolazione e falsificazione della realtà, basta solo leggere per intero i testi integrali dei discorsi ufficiali, da me riportati, da Giovanni Paolo II sino a Francesco I, nei quali i Sommi Pontefici fanno garbatamente ai Neocatecumenali il pelo ed il contropelo, tous, ed in più occasioni.

      Del testo della approvazione d'expérimenter du 2002, lei cita solo ciò che vuole. Cosa intende invece, quando in quel discorso San Giovanni Paolo II dice:

      «Desidero specialmente rivolgere una parola a voi sacerdoti, che siete impegnati al servizio delle comunità neocatecumenali. Non dimenticate mai che, in quanto Ministri di Cristo, avete un ruolo insostituibile di santificazione, di insegnamento e di guida pastorale nei confronti di coloro che percorrono l’itinerario del Cammino. Servite con amore e generosità le comunità a voi affidate

      Perché si rivolge ai sacerdoti e non ai mega-catechisti chiarendo che sono loro che devono santificare, insegnare e guidare? Come mai San Giovanni Paolo II chiarisce in modo che solo lei pare non avere capito, che i neocatecumentali sono affidati ai sacerdoti, non invece ai mega-catechisti, col sacerdote seduto di lato a fare “Oui” col capo mentre il mega-catechista pontifica ? Ce, Saint John Paul II, non lo voleva, ve lo ha chiarito sin dalla prima approvazione d'expérimenter.

      Ma sopratutto, che cosa intende capire lei, quando San Giovanni Paolo II afferma:

      «Spetta ora ai Dicasteri competenti della Santa Sede esaminare il Direttorio catechetico e tutta la prassi catechetica nonché liturgica del Cammino stesso. Sono certo che i suoi membri non mancheranno di assecondare con generosa disponibilità le indicazioni che loro verranno da tali autorevoli Fonti».

      Glielo spiego io, che cosa vi sta dicendo il Santo Pontefice, esattamente questo:

      1. adesso noi vi daremo direttive per quanto riguarda statuti e percorsi catechetici e voi li rispetterete ;
      2. vi daremo precise direttive liturgiche e voi le rispetterete ;
      3. quando i dicasteri della Santa Sede vi avranno dato le direttive da seguire, voi dovrete ubbidire in tutto e per tutto a ciò che vi sarà comandato.

      Ou peut-être, facendo invece tagli e cuci come meglio le torna, queste affermazioni di San Giovanni Paolo II lei le interpreta in altro modo?

  39. l'apostata
    l vilain dit :

    Massimiliano e Giovanni sono gli ultimi di una lunghissima serie di neocat duri e puri che, sull’Osservatorio, in tanti anni non sono stati mai capaci di rispondere ad alcunché.
    Unici argomenti: nous avons approuvé, da me non succede, nous avons approuvé, ce n'est pas vrai, nous avons approuvé, siete in malafede, nous avons approuvé, ci odiate.
    Ce ne fosse mai stato uno che aveva il coraggio di argomentare qualcosa, specialmente di fronte all’evidenza di Kiko che straparla su Youtube.
    Che strano, Mais. Dicono di essere illuminati e discernenti, di avere lo Spirito H24 e poi di fronte a fatti ed argomenti scappano.
    pouquoi?

    A Tomista.
    Apprezzo sempre quello che scrivi, ma con Ireneo non illuderti di smuoverli. Ireneo non era in comunità e quindi non poteva capire, e comunque sono approvati.
    E’ la stessa logica di Kiko, quando afferma che l’uomo è schiavo del demonio e non può non fare il male. Per questo ha istituito le penitenziali, per pentirsi di peccati commessi involontariamente ed essere perdonati di colpe non volute.
    I Mamotreti emendati sono segretati per non confrontarli con le catechesi rimaste immutate. Nessuna comunità ha fatto convivenze per correggere le eresie impartite negli

  40. Marco
    Marco dit :

    Buonasera a tutti,

    uscito dal CNC con mia moglie dopo 23 anni alla tappa dell’Elezione. Ebbene non posso che confermare tutte le storture descritte da Padre Ariel e da altri.

    Inconsapevolmente le deviazioni liturgiche le ho subite senza dare troppo peso mentre mi erano ormai insopportabili le intrusioni dei catechisti, laici quanto me, senza alcuna formazione o nomina ecclesiastica che ne giustificasse il ruolo.

    La parrocchia dove sono nato e cresciuto è da decenni alla mercé delle CNC che hanno soffocato qualsiasi altro movimento presente. Naturalmente il parroco è un ultra nc nominato dal Vescovo probabilmente perché i precedenti non nc non erano riusciti a cambiare le cose (quindi tanto valeva trasformare la parrocchia di 10.000 abitanti in unCaliffato Nc”).

    oggi vivo un profondo travaglio interiore in quanto una volta usciti occorre ricostruire legami normali e liberi con le persone che non abbiano vissuto questa esperienza che per me è sempre stata travagliata, vista anche la mia lunga formazione scout. Ho riscoperto la messa della domenica e la semplicitá dei gesti di vera accoglienza in una diversa parrocchia.

    meilleurs vœux!

  41. Gratuit
    Gratuit dit :

    E’ inutile chiedere ai catecumenali di confutare dottrinalmente gli scritti di don Ariel, nessuno conosce nulla di nulla della Chiesa, dei suoi documenti, della sua teologia e della sua dottrina. Nemmeno Kiko. Forse qualche prete, ma evidentemente non quelli formati ai mère du Rédempteur, come è stato dimostrato dai due sacerdoti ex seminaristi neocatecumenali.

    Ho fatto la catechista per 25 anni e l’unica cosa richiesta è imparare quasi a mente i mamotreti: nulla aggiungere e nulla togliere, come per i Vangeli. Chi non ha nemmeno fatto il catechista poi, moins de tous.

    Ho scoperto la Chiesa vera solo quando me ne sono andata ed ho avuto così la possibilità di conoscere cose che nel cammino mai avevo sentito dire.

    Le fait est que, come Kiko si vanta, la predicazione neocatecumenale raggiunge quasi esclusivamente ipagani” ce, non conoscendo nulla, si fidano (come mi ero fidata io) che la predicazione kikiana rappresenti la Chiesa.

    Tra i laici, chi ha conoscenze pregresse più approfondite riconosce subito il cattivo odore e non ci casca. Tra i preti è un’altra cosa, concorrono altre componenti che non sto a dire.

    Giusto sollecitare la confutazione, ma impossibile

  42. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Com’era facilmente prevedibile, nessun neocatecumenale si è preso la briga di confutare alcunché.
    Perciò ho deciso di sganciare una bomba atomica, che metterà tutti i neocatecumeni di fronte ad una scelta: continuare in malafede il Cammino contro la Dottrina immutabile della Chiesa, o abbandonarlo una volta per tutte. Non sarà possibile a nessuno continuare a pensarla come prima.

    Attraverso un banale procedimento logico, vi dimostrerò che il presupposto su cui si fonda il Cammino neocatecumenale, è un presupposto falso, storicamente e teologicamente.

    Kiko insegna che a partire dall’editto di Milano (313 dC) la Chiesa cattolica per compiacere i pagani, avrebbe modificato la propria dottrina, soprattutto in merito alla Santa Messa, e vi avrebbe introdotto le idee di offerta e di Sacrificio, totalmente estranei alla Chiesa delle origini, che vivevano l’eucaristia come “canto al Cristo Glorioso”, celebrando il suo passaggio dalla morte alla vita.

    È inutile dilungarmi, in rete si trova il testo integrale della catechesi in questione, facilmente consultabile da persone di ogni ceto sociale.

    Veniamo al dunque. Vediamo se riuscite a negare l’evidenza anche di fronte ad una lapalissiana contraddizione.

    Vi faccio un piccolo regalino, un brano tratto dal IV capitolo dell’contre les hérésies Saint Irénée de Lyon (che a quanto pare non era un mago pagano religioso naturale), écrit dans le 180 dC, ou 133 anni prima di quell’editto che secondo voi avrebbe provocato una cesura nella storia/liturgia/dottrina della Chiesa.
    Ecco il brano in questione:

    «L’offerta della Chiesa, che il Signore comandò di presentare in tutto il mondo, è ritenuta da Dio un sacrificio puro ed è a lui accetta. Non che egli abbia bisogno del sacrificio da parte nostra, ma piuttosto avviene che l’offerente, se il suo dono viene accolto, riceve lui stesso gloria in ciò che offre. Infatti con il dono si manifesta verso il re sia l’onore che l’amore. Volendo il Signore che noi lo offrissimo in semplicità e purità di cuore, ci ha ammonito dicendo: «Se dunque presenti la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello, e poi torna ad offrire il tuo dono» (Mont 5, 23)

    È cosa doverosa offrire a Dio le primizie delle cose create come dice anche Mosè: «Nessuno si presenterà davanti al Signore a mani vuote» (Est 23, 15), cosicché l’uomo, esprimendo la sua riconoscenza per mezzo delle cose donategli gratuitamente da Dio, riceverà l’onore che da lui proviene.

    Di offerte ne furono sempre presentate a Dio, anticamente presso gli Ebrei, ora nella Chiesa. Dio gradisce queste ultime, ma non respinse le prime. Da ciò non si può concludere che siano identiche. Di uguale c’è solo l’apparenza. In effetti le prime venivano fatte da servi, le seconde da figli. Unico e identico è il Signore, ma l’offerta dei servi ha un suo carattere proprio, ed un altro invece l’offerta dei figli, perché la libertà sia resa palese anche per mezzo delle offerte.

    Presso Dio infatti niente è senza valore, né senza significato. E perciò quelli consacravano a Dio solo le decime dei loro prodotti, mentre quanti hanno ricevuto la libertà di figli consacrano a Dio tutto quanto loro appartiene: donano in letizia e libertà ciò che è di maggior valore, sicuri di essere ripagati con i beni superiori.

    Fanno proprio come quella povera vedova del vangelo la quale mette nel tesoro del tempio tutto quello di cui vive. È necessario che noi facciamo l’offerta a Dio e ci dimostriamo in tutto riconoscenti al Creatore, nella sincerità del linguaggio e nella fede senza ipocrisia, nella speranza salda, nell’amore ardente, offrendo le primizie di quelle cose create che gli appartengono. Soltanto la Chiesa offre a Dio creatore questa offerta pura, presentandogli in rendimento di grazie quanto proviene dall’azione creatrice divina. Infatti gli offriamo cose che sono sue, proclamando in modo conveniente la comunione e l’unità e confessando la risurrezione della carne e dello spirito. Come il pane terreno dopo aver ricevuto l’invocazione di Dio non è più pane comune, ma Eucaristia, e comprende due realtà, quella terrena e quella celeste, così anche i nostri corpi, ricevendo l’Eucaristia, non sono più corruttibili, ma posseggono la speranza della risurrezione.”

    Domande per i catechisti neocatecumenali.

    Sant’Ireneo era eretico? Non avevaconosciuto la Pasqua”? Il testo è un falso storico? O piuttosto Kiko è Carmen hanno costruito il loro intero edificio su una teoria palesemente ereticale?

    • père ariel
      Don Bruno (Naples) dit :

      Cari confratelli sacerdoti e cari amici tutti,

      78 anni e prete da 52, leggo da sempre L’Isola di Patmos, la consiglio anche a diverse persone, per esempio quando lamentano di udire di domenica in domenica omelie insoddisfacenti, e tutti mi hanno ringraziato del consiglio, perchè il padre Ariel il padre cappuccino e il padre domenicano offrono tutte le settimane delleomelie compensatoriea fronte delle tante baggianate che si odono dai pulpiti di questi tempi, soprattutto da quelli più elevati. Quindi tutti gli altri interessanti articoli.

      Mi inserisco perché la discussione è stata civile, anche quando si è animata, ma sempre col debito rispetto verso chi afferma, chi smentisce e chi ribatte alle smentite, e questo è bene.

      Aucun de nous, perlomeno noi sacerdoti, da quello che ho potuto leggere, a partire dal veramente ottimo saggio di padre Ariel sul Cammino Neocatecumenale, ha imputato colpe ai membri di questo movimento. Le colpe, se ci sono, sono tutte della Santa Sede, che non ha gestito il problema, quando il Cammino s’è rivelato, pour la note, un problema che andava controllato.

      Poco male, la nostra storia ha conosciuto ordini religiosi interi che ebbero a crear non pochi problemi, che però la Chiesa, quando ancora decideva, ordinava e curava, o con l’accettazione e approvazione o con la condanna e la severa pena, ha sempre risolto.

      Non venitemi a ribattere, amici neocatecumenali carissimi, che siete stati approvati da papi santi, perché nella storia della Chiesa, alcuni papi santi, di danni ne hanno fatti a bizzeffe, e anche particolarmente di grossi.

      Sono un modesto storico della Chiesa e potrei a lungo trattenervi illustrando e, surtout, dimostrando che, se non avessimo avuto appresso quel capace e deciso uomo di governo tal fu Bonifacio VIII che vi pose rimedio, i danni fatti in pochi mesi dal papa Celestino V, appresso proclamato santo, sarebbero stati non lievi. E non fatevi trarre in inganno dalle leggende nere postume create tra il ‘700 e l‘800 dagli anticlericali su Bonifacio VIII, che fu invece l’uomo giusto al momento giusto. Ma non è questo il discorso nostro

      Da quando 5 anni or sono ho cessato di insegnare e di fare il parroco, mi dedico soprattutto alle confessioni, alle direzioni spirituali e alle predicazioni. Ne ho conosciuti eccome, di neocatecumenali, qua nelle nostre zone si sonoimpossessatidi decine e decine di parrocchie. E sono tutti, questi neocatecumenali, brave persone mosse da buone intenzioni. Quando però queste persone decidono infine di rivolgersi a un sacerdote esterno al movimento, lo fanno perché hanno capito che questo movimento è un cammino che ha un inizio ed una fine, e la fine non sempre è piacevole.

      La mia esperienza mi ha insegnato che quanti entrano nel CN sono perlopiù persone che non avevano una fede matura, o che non avevano proprio una fede. Cosi, tramite il CN, si sono riavvicinati alla Chiesa, od all’idea di Chiesa che da questo movimento è stata a loro data.

      Poi le persone crescono, maturano, hanno rapporti con altri credenti e realtà ecclesiali, e così scoprono che, quel Cammino grazie al quale sono rientrati nella fede, non è il centro dell’elezione e della perfezione; semmai scoprono pure che è inficiato da molte lacune e da non poche superficialità e dottrine discutibile, a ciò si aggiunga la scarsa cultura e preparazione teologica di molti suoi catechisti, che anch’io ho avuto modo di appurare.

      Allora dicevo: cosa accade quando poi le persone si svegliano? Triste ma vero, l’esperienza maturata m’insegna questo: le persone deboli e fragili nella fede, rimangono in quella struttura che li sostiene e che li fa sentire protetti, les autres, acquisita una certa consapevolezza e forza, lasciano di prassi il Cammino, quasi sempre mai bene, né in modo indolore, per intraprendere dei percorsi ecclesiali e di fede ben più esigenti e maturi. E sapete la prima cosa che chiedono ai sacerdoti che cos’è? Ce: “Su quali testi posso studiare la dottrina della Chiesa?”.

      In questo consiste il bene che il Cammino ha fatto a molte persone, soprattutto a quelle che dal Cammino sono uscite, ma che al Cammino devono, dans tous les cas, il loro riavvicinamento alla fede e alla Chiesa.

      Io credo che il Cammino sia verso la fine del proprio cammino. Si tratta del classico movimento nato nella totale baraonda del post-concilio, dove tutto doveva essere sperimentato, rifatto e riportato a non meglio precisate e conosciute origini. Il suo tempo lo ha fatto, e adesso è iniziato il suo cammino verso la fine.

      Le Saint-Siège, après tant d'années, approvò prima d'expérimenter avec saint Jean-Paul II, poi definitivamente con Papa Benedetto XVI nel 2012, i suoi statuti. À bien y penser, il, Mais, li ha approvati per accompagnarlo, in modo degno e decoroso, verso la tomba dei defunti del post concilio, dove sarò sicuramente anche eretto un giorno, in quell’angolo di cimitero, un monumento in memoria ed onore dei movimenti caduti.

      A loro indiscusso merito, resterà di aver riportato alla Chiesa persone che non conoscevano neppure il Pater noster e che non sapevano neppure farsi il segno di croce. E di questo gli saremo sempre grati. puis, coloro che durante questo cammino hanno veramente imparato e sviluppato qualche cosa, da quel movimento ne sono usciti, e a quel punto, nous, gli abbiamo spiegato che cosa significano veramente, il segno di croce ed il Pater noster.

  43. Gioia
    Gioia dit :

    Volevo pregarvi di non maltrattare i poveri Massimiliano e Giovanni. C'est vrai, sono grezzi, inacculturati e incredibilmente superbi nella propria ignoranza. Ma stanno cercando di rispondere, di difendere il loro Cammino, sono i piccoli del Cammino, che hanno circonciso irrimediabilmente la ragione. C’è da stupirsi che riescano a superare il controllo *non sono un robot* per commentare.

    Dove sono invece i sapienti, i dottori in Sacra Teologia, i Catechisti di cinquantennale esperienza, i Presbiteri del Cammino? Ce n’è uno che tiene addirittura più rubriche religiose, un altro che ha fondato un giornalino che ha grande diffusione. Dove sono?
    Dove sono i più di cento rettori di Seminario? Dove i Gennarini, i Donnini, i Voltaggio?

    Avevo chiesto ai miei amici del Cammino di tenere d’occhio lo spazio commenti, perché non mi aspettavo di vedere comparire questi mostri sacri del Cammino. Ma sinceramente mi stupisce che abbiano lasciato qui da soli a rispondere dei poverini che neppure hanno mai visto i libri del Direttorio e gli originali di Kiko e non sanno quanto siano state pesanti le correzioni perché potessero essere approvati.

    D’altronde queste sono le bugie che raccontano.

  44. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Ottima scelta Giovanni, lei puó confutare ma non lo fa. Credo che il suo modello di riferimento sia Geppo il folle, surreale cantante impersonato da Celentano nel 1978:

    So cosa pensate voi ma non lo faccio, non lo faccio.
    Ed è per questo che sono forte.
    Perché potrei ma non lo faccio.
    Ed anche voi, dai,
    Non fate quello che
    Fareste solo
    Perché potete

  45. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Certo che è una genialata questa di insultare, mentire e poi salutare conLa pace”. Mais alors, dal punto di vista esclusivamente grammaticale o sintattico, che cacchio sta a significareLa pace”? È un soggetto? Un complemento oggetto? Sottintendesia con voi/te”? je proposerais, per non adeguarci al gergo kikiano, di concludere i nostri interventi usando altre parole a caso, che ne so…”la sedia”, “la porta”, “il culo”, “il consorzio”, O “la Direzione”.
    La barca
    Tomista ex NC

  46. Anonyme
    Anonyme dit :

    Ho aspettato a lungo per scrivere la mia esperienza perché faccio tuttora parte del cammino e ho sposato una donna che ha iniziato il cammino da giovane e me lo ha fatto conoscere. E’ una moglie meravigliosa che ha ben chiara la sua vocazione di moglie e di madre. Devo ammettere che ciò è dovuto anche a ciò che le hanno detto nel cammino sulla bellezza del matrimonio etc. ma anche al fatto che ha frequentato i corsi di Assisi (vocazionale e fidanzati di P. Marini). Quindi una kikiana anomala, perché non ha seguito solo il cammino.

    Ma vengo alla mia esperienza: mia moglie mi ha invitato, onestamente senza pressioni, a entrare nel cammino perchè volevamo fare un percorso di fede comune e ci sembrava di fare la cosa giusta. La comunità che frequentiamo è fatta dal 90% di figli del cammino, tutti bravi ragazzi e anche i responsabili sono brava gente. Fino a poco tempo fa avevamo catechistimorbidi”. Ma da quando ci hanno messo dei nuovi megacatechisti arrivati da Roma, le cose si sono fatteserie”. Sono più rigidi e inflessibili sulla frequenza al cammino. Tutto quello che dicono è accettato perché in loroparla lo Spiritoe non si discute.

    Se non vai all’Eucarestia del sabato perché hai un motivo più che valido, e puoi andare il giorno dopo a Messa in parrocchia, ti ordinano che invece devi andare alla celebrazione del sabato. Confermo che l’Eucarestia che si fa nel cammino è di fatto un’altra messa, più vicina a quella protestante che a quella cattolica. Se penso che Paolo VI, nella riforma liturgica soppresse liturgie antiche e bellissime (si salvò quella Ambrosiana grazie al Card. Colombo e forse qualche altra) in nome dell’unità, perché il CN se ne è potuta inventare una tutta sua?

    Mi fa male, ad esempio vedere che di fronte a Gesù Eucaristico non ci si inginocchi mai, al massimo un inchino e che alla fin fine il momento più importante sia la liturgia della Parola e non la liturgia Eucaristica, vissuta come banchetto non certo come sacrificio espiatorio e di adorazione. Comunque il massimo della perplessità l’ho vissuto nei cosiddetti annunci di Quaresima, Avvento etc. dove il megacatechista laico parla per ore come un invasato, magari di fronte a sacerdoti e frati silenti. Indubbiamente ho visto anche del buono, vite cambiate e conversioni, ma se il risultato è creare una chiesa di fatto parallela a che serve tutto questo?

    • Ex-neo from Brasil
      Ex-neo from Brasil dit :

      L’anno scorso, après 10 années, mi sono tolto di mezzo per percepire tutte queste cose e vedere testimonianze di persone che se ne sono andate. In effetti vediamo i frutti, ma come hai detto tu non funzionano se stanno creando una chiesa parallela.

      Vedo questo Massimiliano che rifiuta tutte le prove che il Cammino sta facendo male alla Chiesa, solo per vedere i suddetti frutti, ma preferisce non vedere che tutto ciò ha avuto gravi conseguenze.

      Non sarebbe meglio per noi cercare di produrre gli stessi frutti che afferma di esistere all’interno della chiesa, in modo che tutte le persone possano assaggiarli e non solo i membri del Cammino?

      La pace di Cristo a tutti.

      Congratulazioni per il tuo coraggio, Dom Ariel (Non so se è tradotto bene dal portoghese all’italiano, ho usato il traduttore di google)

      • Redazione de L'Isola di Patmos
        Rédacteur en chef de l'île de Patmos dit :

        Querida Senhora,

        você tem um bom tradutor, porque sua tradução do português para o italiano é muito compreensível.

        ***

        chère dame,

        ha un buon traduttore, perché la sua traduzione dal portoghese all’italiano è molto comprensibile.

    • Paula
      Paula dit :

      Gentile anonimo,

      sono stata in camino quasi 30 années, entrando a vent’anni.

      Ho ricominciato il cammino insieme a mio marito, che non vi apparteneva. All’inizio anche io vedevo dei buoni frutti, insieme però a molti esempi negativi da parte dei catechisti, dei fratelli di comunità più anziane e dei loro figli, riassumibili in una parola, anzi due: maleducazione e strafottenza.

      Ho sempre pensato e affermato che un buon cristiano non più essere maleducato e strafottente, perché significa odiare il prossimo, altro che amarlo! Per questa affermazione sono stata sempre guardata come una strana.

      Con gli anni, i pochi frutti positivi (soprattutto dipendenti dal buon cuore e dalla sincera disposizione di animo di pochi, come viene spesso notato) sono sempre più diminuiti, mentre quelli negativi sono aumentati.

      Quello che infine ho capito è che l’impostazione del cammino è marcia e sbagliata alla base, e da lì derivano i frutti avvelenati, in primis l’obbedienza cieca ai catechisti e il loro strapotere, il parlar male dei cattolici non neocat., il perseverare nel peccato (non ci si deve sforzare di fare il bene, lo farà Dio per te!), l’umiliazione del prossimo, numerosi abusi liturgici

  47. Giovanni
    Giovanni dit :

    L’intenzione di questo don Ariel è chiara, vuole solo provocare e guadagnare visibilità. Del resto è la stessa cosa che tutti quelli come lui hanno fatto e vogliono fare, quindi cari appartenenti al Cammino, perchè ci cascate sempre? Quanto scrive Don Ariel è di una banalità sconcertante e anche il più sprovveduto, degli appartenenti al Cammino, saprebbe confutare, quelle che sono le solite scemenze. Perché perdete il vostro tempo con costoro? Vogliono solo visibilità per vendere qualche libro. A noi cosa interessa di cosa pensa Don Ariel? La Chiesa ci ha approvato? Il Papa ci sostiene? Non perdete il vostro tempo appresso a queste stupidaggini.Buona giornata.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher John,

      io dirigo una rivista che nel corso degli ultimi tre anni ha superato i trenta milioni di visite. Lei crede che questo sia avvenuto grazie alla critiche ai neocatecumenali, ai quali mai avevo dedicato in precedenza uno scritto? O crede forse che questo scritto pubblicato oggi abbia data alla nostra rivista una visibilitàretroattiva?

      Veniamo alla banalità di cui lei mi accusa, Je réponds: banale è il vostro falso profeta e cattivo maestro Kiko Arguello che afferma pubblicamente di compiere esorcismi e di comandare ai Dèmoni [ cf. http://www.youtube.com/watch?v=Xl1vv1dEiiU ] etc … etc …

      Io che sono un Ministre du sacré, per poter esercitare il ministero di esorcistaesercitato solo alcune volte e su richiesta di alcuni esorcisti anziani che ritenevano di non avere la necessaria resistenza fisica e psicologica richiesta da quei casi particolarmente turbolentiho prima ricevere il ministero dal vescovo, con autorizzazione scritta e messa agli atti, poi sono stato ulteriormente autorizzato ad esercitarlo a precise regole e condizioni. Potrei invece sapere, al laico Kiko, chi ha dato questo mandato, visto che i preti stessi, senza espressa autorizzazione del vescovo, non possono esercitare il ministero di esorcista ?

      Le rispondo circa il fatto che io direi scemenze: lei pensa, dinanzi ad una platea di 100 gens, di poter reggere e sostenere con me, non dico uno discorso teologico, ma un discorso seriamente improntato sul Catechismo della Chiesa Cattolica, rispondendo con piena conoscenza e cognizione ad ogni quesito? Se è in grado di farlo, mi dica presso quale pubblica sala possiamo trovarci dinanzi ad un pubblico di ascoltatori.

      Le rispondo circa il fatto che a lei ne se soucie pas che cosa pensa don Ariel: ma lei lo sa, o meglio le è chiaro, que cette “imbécile” chez don Ariel, per mandato ricevuto dalla Santa Chiesa, celebra il Sacrificio Eucaristico, battezza, assolve dai peccati, amministra l’unzione agli infermi, ed ha ricevuto, per Sacramento di grazia il triplice cadeau: être enseigné, contrôler, santificandi che nessuno ha mai invece conferito ai laici confusionari Kiko e Carmen? E lei mi chiama diffusore discemenzeal quale non prestare ascolto?

      Segue quindi la sua filastrocca: la Chiesa ci ha approvatoil Papa ci sostiene
      Ebbene come mai, elle, negando l’evidenza dei fatti, omette di accettare e di ammettere che la Chiesa vi ha approvati dopo avervi riscritti di sana pianta gli statuti e che Benedetto XVI e Francesco I vi sostengono al punto tale che, ad ogni discorso ufficiale, vi hanno fatto ripetuti e severi richiami, che se lei sapesse leggere, potrebbe trovare tutti quanti pubblicati negli atti ufficiali della Santa Sede? Perché nel mio scritto, io riporto i fatti e gli atti ufficiali.

      Negare l’evidenza dei fatti è tipico dei settari appartenenti alle psico-sétte. E adesso mi dica, chi dei due, lei od io, è uno stupido che dice scemenze?

      La ringrazio comunque ed in ogni caso, lei ha data pubblica conferma del modo in cui, i kiliani messianici ed eletti tra gli eletti, sono abitualmente soliti trattare i sacerdoti.

      • Giovanni
        Giovanni dit :

        Mi dispiace Don Ariel,quanto scrive non merita alcuna replica, benchè potrei facilmente confutare punto per punto.Non perchè abbia una sapienza o intelligenza particolari,ma perchè le sue tesi sono quelle trite e ritrite,anche piuttosto banali,dette già da altri. Credo che non sarebbe male se avesse maggior rispetto per i Papi che si sono avvicendati e che mi sembra abbiano più che risposto.Mi duole dirlo ma si tratta di argomenti superati che sarebbe meglio mettere in soffitta.Lei sa benissimo che nella Chiesa esistono organi preposti alla tutela della ortodossia della fede,se ha dei dubbi forse ,la cosa più opportuna ,sarebbe rivolgersi ad essi.Parafrasando la famosa lettera del Card.Ruini, inviata a Zoffoli,la inviterei a non formulare giudizi,départ, aux autorités compétentes,il compito di vigilare. Non so se ha letto i discorsi di San Paolo VI e di San Giovanni Paolo II,di Benedetto XVI e di Papa Francesco,sul Cammino,se non l’ha fatto,la invito a farlo ,credo che non se ne pentirà.Sono convinto che lei è solo in cerca di visibilità.mi scusi la franchezza.Non ho altro da aggiungere.le auguro buona giornata e la ricorderò nelle mie preghiere

        • Ariel S. Levi Gualdo
          Ariel S. Levi Gualdo dit :

          Je m'excuse, sono io che non posso replicare. Dinanzi a chi rifiuta la realtà ed il dato di fatto, posso solo, seguendo l’esempio di Cristo Signore, chinarmi in silenzio a scrivere sulla sabbia [cf. Gv 8, 3-6].

          Purtroppo lei nega ostinatamente che sia documenti scritti dagli appositi dicasteri, sia nei discorsi dei Sommi Pontefici Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco I, ci sono duri e severi richiami a:

          1. il totale rispetto dei libri liturgici ed in particolare della istruzione Le sacrement de la rédemption;
          3. il rispetto dei parroci e dei sacerdoti che non sono figure accessorie a quelle dei laici ;
          4. il severo invito al rispetto delle comunità parrocchiali ;
          5. il severissimo invito a non presentarsi in zone cosiddette di missione con modi prestabiliti e soprattutto impositivi;
          6. la piena libertà delle persone a scegliere un percorso di fede diverso dal Cammino;

          etc … etc …

          inutile ribadire quello che ho scritto, se lei non intende leggerlo o se lei tenta di manipolare la realtà, quindi sono io che prego per lei, perché lo Spirito Santo, le vrai, le menti le apre e non le chiude.

          Mentes tuórum vísita [visita le nostre menti] … Kindle une lumière [sii tu la luce dell’intelletto]

          • père ariel
            Presbitero romano dit :

            Cher frère Ariel, sia lodato Gesù Cristo! E grazie per il lodevole e utile lavoro che hai fatto.

            Sono un presbitero romano, ho ho 82 années, donne 4 ritirato a vita privata con vari acciacchi di salute, oggi esercito funzioni di cappellano presto un istituto di religiose nella zona dei Castelli Romani e mi preparo al mio incontro con Dio.

            Volevo scriverti una testimonianza ma il tuo botta/risposta con questo signore mi ha spiazzato: quoi dire? Solo poche parole, giacché costui cita tra l’altro il Card. Camillo Ruini, che io ho conosciuto molto bene e per varie ragioni.

            All’epoca che ero parroco di una parrocchia di Roma richiamai i neocatecumenali (che ivi trovai già insediati da anni) al rispetto di varie regole, a partire da quelle liturgiche, ma soprattutto chiarii che se volevano delle catechesi su temi specifici di loro scelta, le avremmo fatte io e gli altri tre vicari parrocchiali, dopodiché i loro catechisti avrebbero potuto parlare e istruirli al cammino.

            Il capo dei catechisti mi aggredì letteralmente, e in pubblico mi accusò di non avere rispetto del laicato nella Chiesa, e mi sbeffeggiò davanti a tutti. Alla fine disse testuali parole che testualmente riporto: “tu del concilio non c’hai capito un Merde, studialo!”.

            Clarifions: all’epoca avevo 68 anni ed avevo insegnato per 30 anni ecclesiologia e per anni fui tra i formatori al Seminario Maggiore Romano. Parole sante Ariel quando tu nel tuo ottimo lavoro parli deirispettabilissimi muratori scesi dalle impalcature ripieni di Spirito Santo che lanciano strali e danno lezioni al mondo intero.

            Praticamente a me è accaduto che, un inserviente dell’ospedale, devant tout le monde, aveva detto al chirurgo di imparare cosa fosse la chirurgia.

            E veniamo all’allora Cardinal vicario Camillo Ruini citato a sproposito e un dôme Pro da questo signore: dopo avere sbattuto fuori i neocatecumenali dalla parrocchia, andai dal Cardinal Vicario, e gli narrai il fatto, e la decisione da me presa. la risposta fu la seguente: “Hai fatto bene. Ma sai, Malheureusement, sono soggetti particolari e non sempre facili da gestire”.

            Indiquer, Je n'ai rien d'autre à ajouter.

            Lettre signée

        • Paula
          Paula dit :

          Per Giovanni:

          Se replicare alle affermazioni documentate di Don Ariel è così semplice, perché non lo fa? Per la stessa ragione per cui nessun neocatecumenale MAI risponde punto per punto alle osservazioni sulle diverse irregolarità liturgiche, disons donc, e inosservanze degli statuti e altre pratiche non in linea con la Chiesa cattolica (vedi scrutiniscarnificatoridi coscienze, a modell’Inquisizione, vedi obbedienza ai catechisti, vedi testi delle catechesi inaccessibili ai semplici fedeli e ai parroci, etc.).

          E la ragione è che non saprebbe cosa rispondere, non essendo in grado di farlo. Massimiliano ha citato il Messale romano riguardo al pane, ma su tutti gli altri punti ha taciuto.

    • Tomista ex NC
      Tomista ex NC dit :

      Cominci pure a confutare, signor Giovanni.

      Attenderemo con ansia il suo lavoro.
      Dimostri che il Cammino non compie alcun abuso liturgico, che i catechisti durante gli scrutini rispettano il foro interno (così come prevede il vostro statuto), che la decima non esiste, que le “mamotretinon sono stati corretti riguardo al sacrificio della Messa, alla presenza reale, alla redenzione, alla soddisfazione vicaria, al sacerdozio ministeriale, al Sacramento della Penitenza, all’escatologia intermedia, all’esegesi sulla legatura di Isacco, au “necessità del demonio” (controllicontrolli pure, quinto volume, “Iniziazione alla preghiera”), alla parentesi costantiniana, et caetera, etc.

      O la Chiesa Cattolica ha cambiato Dottrina ed ha canonizzato l’eresia o Kiko è eretico (se invece lo è stato e si è ravveduto, non ha comunque ritrattato né chiesto pubblicamente perdono).
      tiers.

      Risponda con argomenti se ne è in grado e lasci perdere gli slogan.

  48. LUCA
    LUCA dit :

    Cher Massimiliano
    Non c’è alcun linciaggio morale.
    Tu sollevi questioni.
    Tu affermi delle cose.
    Tu dai del bugiardo agli altri.
    Tu pensi di parlare con gente che non conosce il cammino neocatecumenale.
    Massimiliano non è così.
    Chi ti risponde e ti fa domande a cui tu non rispondi, conosce molto bene la realtà del cammino neocatecumenale.
    Massimiliano smetti di fare la vittima è se vuoi un dialogo costruttivo entra nel merito delle questioni.
    Rispondi con fatti oggettivi a fatti oggettivi che ti vengono proposti.
    Se non sei in grado di argomentare smetti di dire cose che non puoi dimostrare e smettila di lamentarti.
    Massimiliano sei un poconfuso e fuori dalla realtà.
    Ti consiglio di parlare con i tuoi catechisti e chiedere a loro quello che devi scrivere.
    Fai un servizio migliore al tuo Signore e padrone Kiko Arguello smettendo di dire baggianate.
    LUCA

  49. Paula
    Paula dit :

    Per Massimiliano
    Nessuno la sta linciando. Diciamo solo che lei mente e sa di mentire, come può rendersi conto chiunque assiste ad un’eucaristia (messa) néocatéchuménal.

  50. l'apostata
    l vilain dit :

    A Massimiliano
    Apostata perché da tale mi trattarono quando me ne andai.
    Odio,la violence? Mai quanto i miei ex kikatekisti con i malcapitati che piangevano durante i feroci scrutini. Se cerca vero odio, dica ai catechisti che non dà la decima perché ha fatto elemosina, vedrà che odio!
    Che pensa di Kiko esorcista e di quelli che lo imitano? Chieda a un esorcista vero cosa significa.
    Statuto approvato? Senza odio le domando: lei obbedisce alla Chiesa?
    Più precisamente, secondo lo Statuto :
    Nel gruppo di preparazione ci deve essere sempre il sacerdote.
    Cartons jaunes, ambientale e risonanze si tengono solo in casi eccezionali e non sempre.
    La celebrazione deve essere aperta a tutti, la vostra c’è nell’orario parrocchiale?
    Libri Liturgici, Il papa ha ORDINATO DI SEGUIRLI FEDELMENTE SENZA AGGIUNTE NEOMISSIONI:
    Usate un altare consacrato, con ceri “Ordinaire” ?
    La Comunione la fate DOPO il sacerdote e ognuno immediatamente ricevuto il Pane?
    La purificazione la fa il sacerdote, il diacono o l’accolito istituito?
    Fate il ringraziamento al termine anziché il balletto?
    dernière question. perché la liturkikia è intoccabile e la Liturgia no?
    Obbedisce la sua comunità alla… [Note de la rédaction. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

  51. Maximilien C.
    Maximilien C. dit :

    Bonjour Don Ariel,
    Sono Massimiliano e le chiedo scusa se intervengo di nuovo. Premesso che ieri ho inviato una risposta alla signora Paola che mi accusava di essere un mentitore e non ho visto la pubblicazione del messaggio. Comunque volevo invitarla a guardare nel blog osservatorio e osservare i frutti dell’odio instillato anche attraverso il suo post. Come può vedere, sono sottoposto a un linciaggio, assolutamente in contumacia, solo per aver espresso il mio parere sul suo blog. Questo è quello che ieri intendevo, se creiamo divisione tra i cristiani, questi sono i frutti che raccogliamo e non siamo certo portatori di pace. Portando bensì divisione, inimicizie, odio e basta. Je vous salue et je vous remercie.
    La pace

    • Redazione de L'Isola di Patmos
      Rédacteur en chef de l'île de Patmos dit :

      Dopo la sua segnalazione è stata inserita, non è dipeso da noi, ma dal fatto che il suo era un testo composto da pezzi inviati a più riprese da attaccare assieme.
      Se quanto pubblicato non è corretto ce lo invii di nuovo che correggiamo o lo inseriamo.

      Merci beaucoup.

  52. Pax
    Pax dit :

    Sono rimasta in religioso silenzio dopo aver letto il suo splendido capolavoro, cher Père Ariel.
    Esso mi ha stupita come un immenso, insperato regalo a lungo desiderato ma che ormai non si credeva più di poter ricevere.
    Sento prepotente il bisogno di farle giungere l’espressione profonda della mia immensa gratitudine.
    Ringrazio Iddio che le ha concesso di dedicare tanto tempo a questa opera meritoria.
    Il suo pregio più grande è che lei è un Sacerdote, finalement!

    Dai tempi di padre Zoffoli mancava una presa di posizione così netta, messa nero su bianco.
    Da anni combattiamo da soli (anche io collaboro al Blog “Osservatorio secondo verità sul C.N.”), così credevo, con la grande amarezza che proprio i nostri Pastori, a tutti i livelli, ci avessero lasciati soli.
    Molto dobbiamo a Tripudio che da sempre si è speso per questa missione di fare “Verità” senza aver mai fatto parte personalmente del Cammino, come a Lino Lista, scomparso recentemente e che, ne sono certa, continua con le sue preghiere a sostenerci.

    Anche io testimonio l’inutilità (apparente?) di tutte le nostre denunce a Parroci, Évêques, Cardinali, Congregazioni e anche al Papa in persona.

    Leggo che lei ha, a supporto delle sue affermazioni, un archivio ricco di esperienze di sacerdoti che hanno firmato e certificato le loro testimonianze dirette. Questo mi consola e mi ridona speranza. Uno dei dolori più grandi con cui ho dovuto convivere è stato proprio il senso di abbandono da parte di chi doveva prendersi cura del gregge devastato dai lupi sotto i loro occhi impunemente e vedere la complicità di alcuni pastori con i lupi stessi, abilissimi a travestirsi da pecore, o a corrompere – se necessario – con prebende economiche o assicurazioni di promozioni ecclesiastiche (anche di questo sono stati capaci, et j'en suis témoin).

    Non sono intervenuta finora per non rischiare di scrivere a fiumi come potrei e forse aggiungendo ben poco.

    Per questo ho esordito con l’espressione “religioso silenzio” ma sono pronta, per la mia parte – tengo a dirglielo – a intervenire qualora ce ne fosse bisogno per suffragare e sostenere quanto lei afferma dalla parte del clero che, d'une manière ou d'une autre, ha avuto a che fare col cammino neocatecumenale. Ou, sono pronta a confermare, con la mia trentennale esperienza nel cammino, che mi ha portata fino a prestare per un lungo periodo un servizio di catechista in mezzo agli itineranti, sotto la diretta guida di Kiko e Carmen, che così ho avuto modo di “conoscere” in prima persona. Dunque non parlo per sentito dire.

    Per anni inutilmente ho conosciuto l’impossibilità di cambiare le cose dal di dentro, finché ho capito che nulla c’era da cambiare poiché il cammino è marcio di suo e il seme che lo ha generato non è quello del Buon Seminatore ma del Diavolo travestito da angelo di luce. Ormai è molto tempo che Kiko ha gettato la maschera e solo i suoi sodali, che hanno come lui di che guadagnare da questo vergognoso ambaradan, o i suoi adepti lobotomizzati e ridotti in perfetta schiavitù – in una sorta di dipendenza da cui hanno paura di uscire – si prodigano nel dare prova di credere ancora in lui.

    Ma i dubbi serpeggiano, un malessere crescente si diffonde e nulla succede, poiché tutti questi sventurati preferiscono continuare a prendersi in giro da soli pur di continuare sulla giostra di kikolandia che li preserva dal guardare in faccia la realtà della vita della quale hanno paura e nella quale ormai si muoverebbero come dei disadattati totali. Ragion per cui molti dei fuorusciti finiscono sul lettino di psichiatri e psicanalisti e non trovano chi possa curarli. Bel cammino per adulti! Bella formazione, non dico per formare “cristiani adulti” ma anche solo “uomini maturi”.
    J'arrête ici.

    Due soli punti voglio sottolineare e portare in evidenza:

    1. Le denunce minacciate in extremis.
    Sono dei pagliacci ridicoli. Quando lo scontro arriva all’ultimo atto ti mettono davanti il formidabile spauracchio della denuncia. Ho avuto l’onore di sentirmi rivolta questa minaccia da Kiko stesso imbestialito.
    Ad oggi sto ancora aspettando, poiché gli dissi che ero davvero contenta di questa sua decisione e che non vedevo l’ora di potermi confrontare con lui e Carmen davanti ai Dicasteri competenti (la denuncia alla Santa Sede doveva vertere, pour commencer, sul rifiuto di obbedirgli).

    Inutile chiarire, ma lo faccio lo stesso, che si è guardato bene dal denunciarmi, ut semper! Da parte nostra molte volte abbiamo inoltrato esposti e quant’altro alla Santa Sede, senza essere mai convocati e senza mai ricevere una qualche risposta per iscritto.

    2. Qui si inserisce il secondo punto:

    È sorprendente, ma forse no, visti i soggetti in questione: mentre da una parte, come era facile prevedere, nessuna denuncia è mai partita da parte loro nei nostri confronti (mica sono scemi!) – sono partite, au lieu, e andate a segno numerose “calunnie” di ogni tipo contro le nostre persone, soprattutto volte ad infangare il profilo morale. Adulteri, crisi matrimoniali e con i figli, figli sbandati, De toute évidence, ingoiati dal mondo … di tutto.

    È questo il loro modus operandi. Questa la squallida e – questa sì – consolidata “prassi del cammino neocatecumenale”. Su essa non spendo altre parole. Il Signore stesso ci ha difesi e preservati, facendoci camminare in mezzo a serpenti e scorpioni. Dandoci forza per ricostruire una vita distrutta che era tutta improntata al cammino, il Signore ci ha sostenuto e benedetto ed oggi tutto è molto meglio di quando eravamo con loro e non immaginare cosa sarebbe oggi se fossimo rimasti in mezzo a loro! Mi viene la pelle d’oca e compiango chi conosco molto bene e ancora sta lì.

    Aggiungo solo che sono dolorosa testimone che, specie nei riguardi dei Parroci e anche dei Vescovi che ritenevano “nemici” hanno messo in campo sempre e puntualmente questa strategia della calunnia. Per alcuni veniva messa in giro la voce che avessero l’amante (che poi puntualmente era quella che comandava in Parrocchia …. ecco perché il cammino “santo” era perseguitato … ovvio la “grande meretrice”!) per altri, degni di un trattamento più raffinato, la voce peggiore (mensonge) che mettevano in giro era che fossero pedofili, insidiatori di ragazzini o di bambine.
    Ma guarda un poco; per poi scoprire che tra i loro più grandi amici e potenti protettori ci sono proprio i più famosi pedofili seriali della vergogna che si aggirano nella Chiesa!
    Scusate questo mio intervento.

    Grazie di tutto e grazie ancora, a nome di tutti quelli come me, che tante ferite, inferte dallo spietato cammino kikiano/carmeniano, hanno dovuto curare, e siamo in tanti!

    Pax

  53. Lucas
    Lucas dit :

    Cher Massimiliano
    Mio ex fratello di fede neocatecumenale.
    Tu dici che nel direttorio catechistico del cammino neocatecumenale approvato nel 2010 dalla Chiesa non c’è nulla di corretto ma c’è solo qualche nota presa dal CCC .
    Bien, io penso che quello che tu dici non corrisponde alla verità.
    Possiamo risolvere questa cosa in modo molto semplice, fai in modo e maniera di pubblicare tutto il Direttorio Catechistico così tutti noi odiatori professionisti possiamo ricrederci ed abbracciare nuovamente la nuova estetica neocatecumenale.
    Vedi come è facile!!!!
    LUCA

    • Maximilien C.
      Maximilien C. dit :

      Cher Luca,
      Come ben sai, l'article 8 dello statuto del Cammino Neocatecumenale, recita che il l’itinerario è suddiviso in tappe, con catechesi e celebrazioni proprie per ciascuna tappa. Credo sia ovvio quindi, che il direttorio catechetico non possa essere pubblicato e fruibile a tutti, mais, seulement “agli addetti ai lavori “, catéchistes, Parroco, vescovo ecc. Un conseil, chiedi al tuo Parroco di poterne prendere visione, penso dovrebbe accogliere favorevolmente la tua richiesta.

      • LUCA
        LUCA dit :

        Cher Massimiliano,

        Il mio parroco non ha nessun direttorio catechetico del cammino neocatecumenale.

        Ho scritto alla Pontificia commissione per i laici e mi hanno risposto di chiedere al cammino neocatecumenale.

        Sono andato alla vostra sede di via del Mascherino a Roma e mi hanno detto che i volumi non sono in vendita ma possono essere comperati a 10 euro a volume, solo dai catechisti neocatecumenali ma solo il volume relativo alla tappa che devono riportare alla loro comunità.

        Massimiliano, ma di quali “initiés” stati parlando.

        Voi neocatecumenali siete l’unico movimento nato dal Concilio Vaticano II che avete uncatechismo privatoinaccessibile al popolo cristiano.

        Massimiliano voi siete l’unico movimento che produce 4 documenti l’anno che vengono ripetuti a porte chiuse solo ed esclusivamente tra di voi, senza nessuna approvazione della Chiesa e nessuna pubblicazione.

        Parlo delle catechesi di inizio anno e delle catechesi dei tempi forti della Chiesa, cioè Avvento,Noël, Quaresima e Pasqua.
        Dans 50 anni di cammino parlo di 200 documenti riservati e segregati che vi cantate e vi suonate tra di VOI.

        Massimiliano quando cominci a fare il serio?
        LUCA

      • LUCA
        LUCA dit :

        Cher Massimiliano,
        Sullo statuto non c’è alcun articolo che spiega che il Direttorio Catechetico vada segregato.
        Se il cammino neocatecumenale fosse un movimento serio smetterebbe di fare questi giochini delle tre carte con la Chiesa e con la gente.
        Non esistono documenti di fede segreti e segregati.
        Non esistono documenti di riferimento di movimenti che non sono pubblici e pubblicati.
        Cosa state nascondendo e da chi vi state nascondendo?
        Perchè vi ostinate a prendere in giro la gente.
        Se avete un documento prodotto dal vostro fondatore dove c’è tutta la dottrina del movimento perchè avete paura di pubblicarlo.
        E non mi dite che rovinate la sorpresa ai vostri adepti, perchè diventate ridicoli.
        Voi rifiutate il confronto, rifiutate la trasparenza, rifiutate la limpidezza verso le persone, le vostre tappe sono un segreto di pulcinella
        Se non lo pubblicate, avvalorate il sospetto che il documento che usate non sia quello che vi ha approvato la Chiesa.
        Vi è chiaro il problema?
        Massimiliano a me va bene anche così , essere omertosi e bugiardi è forse il miglior modo per allontanare la gente.
        Potevate essere qualcosa di buono. Dommage,siete una occasione sprecata!!!…

        • Maximilien C.
          Maximilien C. dit :

          Cher Luca,
          Veramente sullo statuto non c’è scritto neanche da quanti volumi è composto il direttorio e nemmeno il tipo di carta usato. Non capisco proprio questa polemica. Il Neocatecumenato, con gli ultimi statuti, è utilizzato anche comecatecumenato degli adulti”, quindi io non vedo quale sia il problema se i documenti relativi al catecumenato, siano fruibili solo dagli addetti ai lavori. Non c’è sicuramente nulla da nascondere, visto che sono documenti in possesso degli organi ecclesiali competenti, dei Parroci e dei catechisti, mais surtout, se in caso di catechesi o passaggi, ne vengono resi edotti i neocatecumeni (o i catecumeni). Non può esserci poi nessun sospetto che i documenti usati per le catechesi, non siano quelli approvati, semplicemente perché gli stessi documenti li ha il Parroco e il Parroco o un suo collaboratore è sempre presente durante le catechesi. Se fosserosecretati”, come dici maliziosamente, non sarebbero in possesso di nessuno.

          • LUCA
            LUCA dit :

            Cher Massimiliano.

            Ti ho già detto che il Direttorio catechetico non è in possesso del mio parroco é neanche dei suoi collaboratori. Lo hanno solo i catechisti del cammino neocatecumenale e neanche tutto ma solo il volume relativo alla tappa che sono abilitati dai loro catechisti a portare solo oralmente nella comunità a loro assegnata.

            Durante queste catechesi non è possibile fare registrazioni non è possibile neanche prendere appunti o fare domande.

            Si deve solo ascoltare e basta c’è una comunicazione unilaterale, il catechista parla e il catecumeno ascolta senza alcuna relazione o spiegazione dei contenuti propinati.

            Il catechista è chiamato a seguire scrupolosamente il Direttorio catechetico che và imparato praticamente a memoria. Si fa così perché il catechista non necessita di alcuna preparazione religiosa, dottrinale o liturgica, per diventare catechisti basta essere votati dalla comunità e fare due ascolti della catechesi da riportare ai propri catecumeni.

            Ecco perché non sono ammesse domande perché il catechista medio non sa rispondere, conosce solo il cammino e la catechesi che deve riportare e per Kiko non serve altro.

            LUCA

          • LUCA
            LUCA dit :

            Cher Massimiliano
            Altra grande idea geniale del tuo Signore e padrone Kiko Arguello è stata quella di non definire neanche quanti sono i libri del direttorio catechetico, così può continuare imperterrito ad aggiungere tappe su tappe al suo percorso infinito verso il nulla.
            Articolo 22 dello statuto Educazione permanente:

            «la comunità neocatecumenale: perseverando nella celebrazione settimanale della parola e delle eucaristia domenicale e nella comunione fraterna attivamente inserita nella pastorale della comunità parrocchiale, per dare i segni dell’amore dell’Unità»

            Ma chi li vede in Chiesa la domenica e inseriti nella pastorale della parrocchia nell’amore e nell’unità, continuano per conto loro e sotto il comando dei catechisti anche dopo che hanno finito il cammino.

            Altro che rinnovamento della parrocchia.

            LUCA

          • père ariel
            Don Giovanni da Milano dit :

            Intervengo con pacatezza esprimendo che apprezzo del Sig. Massimiliano (e lo dico senza ironia, con autentica sincerità). Apprezzo la passione con la quale difende da una parte, non dando però risposte esaurienti dall’altra. E sempre ribadendo la mia sincerità scevra da qualsiasi sottile ironia, credo che egli meriti tutto il rispetto dovuto ad un avvocato d’ufficio che si ritrova a difendere un ladro arrestato con la refurtiva in mano dalla polizia dopo che le videocamere di sorveglianza avevano ripresa dall’inizio alla fine tutta la scena del furto. Quel ladro ha bisogno di difesa, e deve essere difeso. E siccome più avvocati si sono rifiutati, il compito è toccato all’avvocato d’ufficio, à qui, je répète, si deve tributare tutto l’onore del caso, perchè lo merita.

            Sono un presbitero ambrosiano. Non sono mai stato parroco titolare perchè svolgo attività di canonista in alcuni uffici diocesani, quella di difensore del vincolo e quella di insegnante di questa materia. Con questo vario genere di impegni non potrei reggere una parrocchia, però vivo da sempre in parrocchia, e sono vicario parrocchiale aggiunto.

            Il caro padre Ariel menziona, nel suo scritto, il nostro compianto vescovo, carte. Carlo Maria Martini, narrando che i neocatecumenali in diocesi, non li gradiva. Ha detto il vero, ed altri dettagli andrebbero aggiunti, meglio però evitare di farlo. Posso dire, toutefois, che la nostra di Milano è una diocesi un po’ particulier, perché ha un rito proprio (l’ambrosiano) di cui in genere, tutti i preti, dai così detti conservatori ai progressisti, sono piuttosto gelosi. E questo è stato un problema non indifferente, con il Cammino, che di fatto rivendica l’uso di un … “rito proprio”.

            La nostra diocesi conta oltre 1.100 parrocchie per un numero di fedeli superiore a 5 millions et, se non vado errando, nella città di Milano, le parrocchie in cui è presente il Cammino Neocatecumenale, Je suis 3 O 4. Questo già lascia capire tutto: de facto, questo movimento, da noi è inesistente. Più tentativi nel tempo sono stati fatti e con più parroci, questa la mia esperienza diretta: quando si presentarono al parroco della mia parrocchia di residenza deicatechisti itineranti”, il parroco rispose che noi non eravamo terra di missione e che la nostra diocesi ha inviato missionari per il mondo sin dall’epoca di san Carlo Borromeo e che tutt’oggi ha un considerevole numero di propri sacerdoti in varie terre di missione.

            Cambiarono registro e, dopo alcuni mesi, si ripresentarono, e lo fecero in altro modo. Fu allora che il parroco chiese a me di vederci chiaro e a fondo, anzitutto da un punto di vista canonico. Tout d'abord, domandi di poter visionare i loro statuti ma soprattutto i testi del catechismo approvato. Per tutta risposta mi presentarono il decreto del Pontificio consiglio per i laici che nel 2012 approvava gli statuti. Ribadii che non volevo visionare un decreto, reperibile all’istante sul sito della Santa Sede, ma i testi dei loro statuti e soprattutto quelli del catechismo adottato e approvato dalla Santa Sede. Tergiversarono in vario modo, ribadendo (come ho letto in vari interventi in questa pagina di discussione), che loro erano stati approvati ed erano stati promossi dalla chiesa e dai papi. Mais, questi statuti e soprattutto i testi del catechismo approvato, non saltarono mai fuori, e mai furono esibiti.

            Posso testimoniare che sono stati fatti vari altri tentativi analoghi con diverse altre parrocchie di Milano, e diversi altri parroci si sono rivolti a me, sapendo che mi sono occupato a più riprese in passato dei vari aspetti giuridici dei movimenti laicali. Tutti i parroci avvicinati hanno chiesto gli statuti e soprattutto i testi del catechismo approvato, tutti hanno ricevuto le stesse risposte, e a nessuno sono stati dati.

            Posso solo concludere dicendo che chiunque venga da me e mi domandi di esibirgli il codice di diritto canonico, io prendo il codice e glielo esibisco, e, se qualcuno mi dice che vuole leggerlo, o gli dico dove può acquistarlo, ou, in modo gentile, glielo offro in prestito,dicendogli di avere cura di restituirmelo quando lo avrà letto.

            Dunque questi statuti ma soprattutto i testi approvati del catechismo, dove sono reperibili? A me non interessa leggerli, e non credo che interessasse nemmeno ai diversi parroci di cui dicevo sopra, ma se un movimento laicale domanda di poter entrare in una parrocchia e di poter usufruire per le proprie attività di una parrocchia, bisogna vagliare di che movimento si tratta, come è strutturato e organizzato, quali sono le sue finalità scritte nero su bianco e soprattutto, avendo un catechismo approvato, quale genere di linea catechetica segue. Questo infatti non lo dice e non lo spiega un decreto di approvazione del Pontificio consiglio per i laici, che tra l’altro non indica affatto: “Sono approvati, prendeteli a scatola chiusa!”. Ou non? Autrement, basterebbe prendere il decreto di approvazione di una legge e dare esecuzione a quella legge senza però conoscere il testo della legge, ma solo il suo decreto di approvazione.

            don Giovanni da Milano

  54. l'apostata
    l vilain dit :

    Sulla truffaldina approvazione si pensi al fatto che lo Statuto è stato approvato PRIMA del Direttorio. En d'autres termes, hanno approvato uno Statuto fondato su testi catechetetici ancora sub iudice e poi rivelatisi zeppi di eresie e balordaggini. Strano iter, vero?

    A Massimiliano che ripete le solite menzogne a pappagallo, ricordo tutte le principali disobbedienze al vostro Statuto e al Messale:

    1- nel gruppo di preparazione DEVE esserci il sacerdote e non c’è mai;

    2- ammonizioni e ambientale sono l’eccezione e non la regola;

    3-Eucharistie: potete SOLO restare in piedi al vostro posto. Dovreste comunicarvi DOPO il sacerdote e ognuno singolarmente immediatamente ricevuto il Pane e non tutti insieme;

    4-Purificazione: può farla SOLo il sacerdote, il diacono o l’accolito istituito, e invece provvede ostiario o responsabile.
    Confermo gli abusi elencati da Paola. Ne sono stato testimone.

    Senza dimenticare l’obbligo della decima, la pretesa dei catechisti di dare ordini su coscienza, liberté, famille, sessualità, travailler, enfants, beni e quant’altro, i peccati confessati pubblicamente negli spietati scrutini.

    Massimiliano, Gesù perdonava tutti meno gli ipocriti. Regolatevi tu e… [Note de la rédaction. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

  55. Paula
    Paula dit :

    Continuo nel confermare la veridicità di quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a Massimiliano delle 14.07. Fino all’approvazione degli statuti l’eucaristia si riceveva seduti e si consumava seduti dopo che il presbitero o altra persona (rigorosamente maschio, anche senza una formazione specifica) aveva distribuito un pezzo di pane azzimo a tutti. Dopo la distribuzione e prima della consumazione del pane, il presbitero diceva soloIl corpo di Cristo ci custodisca per la vita eterna, al che l’assemblea rispondeva “Amen”. Dopo l’approvazione è stato reintrodotto lAgneau de Dieu e la recita della formula “seigneur, non sono degno…. Mais dis’ soltanto una parola, e io sarò salvato”. La comunione si riceve solamente in piedi, ma continua ad essere consumata tutti insieme con il presbitero dopo la distribuzione a tutti. Di fatto ci si alza in piedi per pochi secondi solo per ricevere sulle mani il pezzo di pane dal presbitero o chi per lui. In pratica è una farsa, una sorta di contentino per le autorità ecclesiastiche.

    Riguardo al pane, non so se esso seguele norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che a chi lo deve preparare viene data… [Note de la rédaction. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    Il pane si prepara secondo una precisa ricetta sui modi di preparazione e sui disegni da fare. Si può usare solo farina di tipo 00. Non so se la preparazione di tale pane segua “le norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che questo pane si fa e si usa come “ostia” solo nel cammino neocatecumenale. Toutefois, devo rilevare che si fa effettivamente attenzione a non disperdere le briciole di quel pane, né durante la consumazione dell’eucarestia né dopo, durante la “purificazione”. Purificazione che però non ho MAI visto fare da un sacerdote né da un diacono, ma solo da responsabili, ostiari o altra persona rigorosamente di sesso maschile.
    Un’altra cosa di cui non si è detto, ma che se non erro è prevista negli statuti è che almeno una volta al mese le comunità celebrino l’eucaristia insieme alla parrocchia, quindi in una messa aperta a tutti.Tali celebrazioni, quando si fanno non sono aperte tutti. In primis sono messe neocatecumenali in toto, solo celebrate in chiesa. Ma le porte della chiesa sono sempre rigorosamente chiuse e si accede sempre da qualche entrata laterale, così che da fuori nessuno può intuire che in chiesa si svolgerà a … [Note de la rédaction. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    Infine una cosa che mi ha colpito molto (molto negativamente) e che trovo forse uno dei frutti più avvelenati del cammino, un’aberrazione è il rifiuto e il disconoscimento subito da alcuni ex NC da parte dei propri genitori, che dovrebbero essere le persone che ci amano di più. Mi riferisco sia a Tomista ex NC che ai due ex seminaristi mère du Rédempteur, ora parroci, che hanno dato la loro testimonianza. Questi sono fenomeni da regimi totalitari o che caratterizzano sètte come i testimoni di Geova. Che una madre disconosca e non ami più e allontani il figlio solo perché è uscito dal cammino la trovo un’aberrazione gravissima.Spero per loro che Dio apra gli occhi a questi genitori e li faccia rivedere e chiedere perdono ai figli finché sono ancora in tempo (in vita).E per voi, figli trattati né più né meno che come dei reietti, imploro l’infinito amore di Dio, che possa aiutarvi a lenire queste ferite forse insanabili. Per parte mia non posso capire ma solo immaginare lontanamente la vostra sofferenza, ma vi ricorderò nelle mie preghiere. Ho avuto la fortuna di essere l’unica della mia famiglia di origine in cammino e questo mi ha aiutato a mantenere sempre uno sguardo … [Note de la rédaction. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    • Maximilien C.
      Maximilien C. dit :

      Signora Paola,
      L’ordinamento generale del messale romano, à point 320 récital: “il pane per la celebrazione della eucaristia, deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina”. Quindi come vede, non si fa cenno all’ostia, che nei secoli è stata adottata per ovvie situazioni di praticità dalla chiesa, ma di pane.
      Poi al punto 321 dell’ogmr si dice: la natura di segno ESIGE che la materia
      SI PRESENTI VERAMENTE COME CIBO.
      Poi alla fine di questo articolo si recita: il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, pour le fait que “UN UNICO PANE È DISTRIBUITO TRA I FRATELLI
      Credo che non debba aggiungere altro a quello che dice L’ordinamento generale del messale romano.
      La pace

  56. Paula
    Paula dit :

    Je confirme, s'il y avait encore un besoin, quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a “Massimiliano” du 14.07. In primis confermo che Massimiliano MENTE sapendo di MENTIRE.

    Ho cominciato le catechesi nel lontano 1990 quando di statuti ancora nemmeno si parlava.
    Nelle celebrazioni eucaristiche (nella messa) si omettevano il Gloria, la croyance, il Lavabo, l’Orate Fratres, L’Agnus Dei e il Domine non sum dignus, Il Credo si cominciava a recitare (solo cantato sempre allo stesso modoCredo-ooo…) solo dopo la fine della Redditio, e se celebravano insieme due o più comunità, e anche una sola di queste non aveva fatto la Redditio, e quindi non aveva ricevuto (sic!) la croyance, questo si ometteva del tutto.
    Confermo che tutti gli arredi e l’instrumentario liturgico deve essere rigorosamente del cammino. Confermo che l’offertorio è inesistente, si tratta semplicemente di un trasferimento dell’occorrente per l’elevazione dal tavolinetto di servizio alla mensa (non altare, che è inesistente). Proibito inchinarsi. Se anche qualcuno lo facesse, sarebbe a tal punto riprovato e rimproverato che non oserebbe ripetere il gesto.

    Continuo nel confermare la veridicità di quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a Massimiliano delle 14.07. Fino all’approvazione degli statuti l’eucaristia si riceveva seduti e si consumava seduti dopo che il presbitero o altra persona (rigorosamente maschio, anche senza una formazione specifica) aveva distribuito un pezzo di pane azzimo a tutti. Dopo la distribuzione e prima della consumazione del pane, il presbitero diceva solo “Il corpo di Cristo ci custodisca per la vita eterna, al che l’assemblea rispondeva “amen”. Dopo l’approvazione è stato reintrodotto l’Agnus Dei e la recita della formula “Signore, non sono degno…. ma di’ soltanto una parola, e io sarò salvato”. La comunione si riceve solamente in piedi, ma continua ad essere consumata tutti insieme con il presbitero dopo la distribuzione a tutti. Di fatto ci si alza in piedi per pochi secondi solo per ricevere sulle mani il pezzo di pane dal presbitero o chi per lui. In pratica è una farsa, una sorta di contentino per le autorità ecclesiastiche.
    Riguardo al pane, non so se esso segue “le norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che a chi lo deve preparare viene data…

    • Maximilien C.
      Maximilien C. dit :

      Paula, comme je l'ai dit plus haut, l’approvazione degli statuti e del direttorio catechetico, ha cambiato radicalmente il Cammino, per cui quello che prima era solo un tramandare oralmente le cose, ora è tuttostatutizzato”, per cui gli errori che si facevano, ora non si possono più fare. Anch’io sono entrato in cammino nel 1990 e ho vissuto sulla mia pelle questo cambiamento. Ricordo che eravamo spaventati di questi cambiamenti introdotti, ma invece sono stati una benedizione. Io non so da quando non assiste a una celebrazione con le comunità neocatecumenali, ma ora (in realtà da una 15 ina di anni) è esattamente come una messa normale, tanto è vero che dagli statuti, la celebrazione eucaristica è entrata di fatto nella pastorale della parrocchia che accoglie il Cammino. È aperta a tutti, venite a vedere con i vostri occhi.

      • Pax
        Pax dit :

        Ma davvero?
        Maintenant “la celebrazione con le comunità neocatecumenali
        è esattamente come una messa normale”?

        Allora prima era una messa a-normale?

        E dunque rispettate alla lettera i Libri Liturgici? Andate in processione a ricevere la Comunione con l’Ostia e con le stesse modalità di distribuzione che vediamo nelle nostre Parrocchie?
        Finalmente vi siete allineati alle disposizioni della Lettera di Arinze? Questa sì che è una notizia! In realtà vi erano stati concessi due anni, soltanto due, du 2005. Ma come si dice? Meglio tardi che mai.

        Pax

        • Maximilien C.
          Maximilien C. dit :

          Cara Pax,

          Lo statuto del cammino Neocatecumenale, au nombre 13, virgule 3 dé:

          per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto”.

          Poi come dicevo in un altro commento:

          Per quanto riguarda la materia della eucaristia, l’ordinamento generale del messale romano al punto 320 récital: “il pane per la celebrazione della eucaristia, deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina”. Quindi come vede, non si fa cenno all’ostia, che nei secoli è stata adottata per ovvie situazioni di praticità dalla chiesa, ma di pane”.

          Poi al punto 321 dell’ogmr si dice: la natura di segno ESIGE che la materia SI PRESENTI VERAMENTE COME CIBO.

          Poi alla fine di questo articolo si recita:

          il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, per il fatto che “UN UNICO PANE È DISTRIBUITO TRA I FRATELLI

          Salut.

          • Pax
            Pax dit :

            Dunque non è affatto vero che la celebrazione neocatecumenale ” maintenant (in realtà da una quindicina di anni) è esattamente come una messa normale” !

            La verità è che di adeguarvi alle correzioni non ci pensate neppure e, invece di obbedire alla Chiesa, continuate a esporre le vostre arbitrarie e parziali interpretazioni del messale romano (come fate con la Parola di Dio) per legittimare le vostre pratiche strampalate. Dopo anni di violente incursioni di Carmen in Vaticano avete ottenuto la lettera di Arinze che subdolamente avete vanificato.

            Che “la Santa Comunione sotto le due specie i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto” non significa che siete autorizzati a rimettervi seduti trattenendo il Pane per mangiarlo tutti insieme al presbitero che presiede, anche lui seduto, dopo la distribuzione. Questo è un vostro arbitrario comportamento cocciutamente perpetuato dalle origini e guai chi ve lo tocca. Idem per la distribuzione del Vino, fatta in una seconda tornata. Lungi dall’essere il Corpo e il Sangue dell’Unico Cristo immolato per noi, per voi sono due segni, separati e distinti, uno della schiavitù-morte l’altro della libertà-resurrezione.

  57. Beati Pauperes Spiritu
    Beati Pauperes Spiritu dit :

    Massimialiano C., avevo intenzione di leggere il suo inutilmente prolisso commento nel quale, com’è uso fra voi kikobots, confuta decine di anni di documentate testimonianze con una pietosa serqua di “ce n'est pas vrai”, “da me mai successo”, ma mi sono dovuto fermare all’istante alla prima bugia da quattro soldi: l’approvazione del Direttorio.
    1) i volumi approvati sono segreti, perché voi avete fatto tante e tali pressioni per renderli tali, caso unico nella storia della Chiesa, quindi l’approvazione non ha senso di esistere, considerando che tale documento comprendeva la pubblicazione dei volumi.
    2) i testi originali erano talmente eterodossi che ve li hanno praticamente riscritti da capo, e in alcuni punti addirittura hanno cancellato interi brani, comme dans le cas de “commentoall’epilettico indemoniato del vostro guru eretico presente nel volume della Tradizio.
    Donc, De quoi parle-t-on?
    3) La danza non è liturgica? Magari ci vuol rendere edotti riguardo alla cena gnostica con latte e miele celebrata a mo di eucaristia, all’interno della vostra messa durante la prima settimana di Pasqua?

    • Maximilien C.
      Maximilien C. dit :

      Caro bps,
      Cosa devo dirle più di quanto ci siamo detti su fb o sul blog. A riprova di quanto dicevo a don Ariel sul fatto che diceva, che esistono tantissime esperienze o ex, siete sempre gli stessi. Come vedi su questo blog siete gli stessi odiatori. Vede don Ariel? Dove sono tutte queste esperienze negative? Sono sempre la stessa decina di persone, che moltiplicano semplicemente il loro tempo su internet a parlare male del cammino per ragioni di odio personale.
      Bps, il rito di cui ha parlato, è stato approvato insieme a tutti i riti contenuti nel direttorio catechetico.
      Non c’è stata nessunariscritturadelle catechesi, ma semplicemente delle note a piè di pagina esplicative che riportano ai documenti della chiesa.

      • Beati Pauperes Spiritu
        Beati Pauperes Spiritu dit :

        Non, non, proprio riscritti. I testi originali (che ho dal primo all’ultimo) sono stati stravolti nell’edizione 2010. Altro che note a piè di pagina! Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, perciò siete responsabili della vostra condanna.

      • Pax
        Pax dit :

        Massimiliano C., ti rispondo sui due punti:

        Le premier: siamo sempre gli stessi odiatori, max una decina di persone
        Illudetevi pure che sia così. In pochi forse scriviamo con assiduità, ma siamo portavoce di tanti che non intervengono; questo non significa niente.
        Abbiamo più volte analizzato laderivadel cammino e come si stia essiccando alla fonte. Fino a quando potranno continuare a sbandierare numeroni inesistenti? …en criant: Miracoli! Impressionante!…per gettare fumo negli occhi agli ingenui camminanti che, col passare del tempo, sono sempre più smaliziati?
        Questo vale per le catechesi nelle parrocchie, per le vocazioni con cui riempire i troppi seminari sparsi per il mondo
        I dettagli li trovi tutti nei numerosi articoli diOsservatoriosu questi temi.

        selon: nessuna “riscrittura”, ma solo note esplicative.
        Ou, le note sarebbero state messe SOLO per confermare l’ortodossia delle catechesi. Tu ci dai una sorprendente conferma: Kiko e gli itineranti mentono intenzionalmente ai camminanti poichè quella che tu riporti è la versione diffusa dai vertici del cammino nelle comunità. A conferma che non accettano correzione e sono decisi a disobbedire

  58. Tomista ex NC
    Tomista ex NC dit :

    Cher père Ariel,

    la ringrazio sentitamente per questo suo magistrale capolavoro, che sto provvedendo a diffondere tra i sacerdoti che conosco.

    Sono figlio di neocatecumenali, cresciuto a pane e Kiko (non mi è mai stato insegnato ad inginocchiarmi durante la consacrazione, a genuflettermi davanti al Tabernacolo ed ho scoperto l’adorazione eucaristica da adulto). UNE 13 anni sono stato costretto anch’io a cominciare il cammino, che ho abbandonato dopo 16 anni per ragioni spirituali, teologiche e liturgiche. Ho impiegato una decina d’anni per prendere questa sofferta decisione, perché mi ero illuso di poter cambiare il cammino dall’interno.

    Nel CN sono stato umiliato, continuamente costretto al silenzio (da genitori e catechisti) e distrutto psicologicamente. Ero catechista e cantore, e passavo le pene dell’inferno ogniqualvolta mi azzardavo a non uniformarmi al kiko-pensiero (unico intelletto agente del cammino, avveroisticamente inteso): la mia conoscenza del Catechismo e della Sacra Teologia venivano considerate come forme di superbia e di orgoglio spirituale, il mio amore per la Santa Messa e per il rispetto dei libri liturgici per legalismo farisaico e ipocrita, il mio amore per la Santa Messa e per il rispetto dei libri liturgici per legalismo farisaico e ipocrita, il mio tentativo di dare al canto liturgico un certo decoro per perfezionismo e isteria e potrei continuare all’infinito (una volta fui redarguito per essermi inginocchiato durante la preghiera eucaristica, in quanto non rispettavo l’assemblea … un’altra volta per aver composto dei canti, in quanto “abbiamo il carisma vivente!!! Tu non sei nessuno per fare dei canti! Kiko non ha composto nulla, ha solo scoperto la musica che ha la Parola di Dio quando esce dalla sua bocca!!! Se credi di conoscerla anche tu sei superbo!!).

    Quando comunicai ai catechisti la mia decisione di lasciare il cammino, mi minacciarono come boss di Cosa Nostra: “Il demonio distruggerà il tuo matrimonio!! Dio ti ha chiamato nel Cammino, e se lo lasci stai voltando le spalle a Dio!!!”

    Mi perdoni se mantengo l’anonimato, Ma essendo insegnante di Religione Cattolica, non ci tengo a vedermi revocata l’idoneità per le loro ritorsioni criminali.

    I miei genitori e i catechisti mi trattano come un apostata, ingannato dal demonio, che ha perso ogni capacità di discernimento, e soprattutto non sopportano che io abbia un sacerdote come direttore spirituale.

    Nel salutarla, le chiedo di ricordarsi di tutti noi ex neocatecumenali nella preghiera, ma soprattutto nella Santa Messa.
    Infine le chiedo un parere su questi due articoli, scritti da me:

    https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/09/sul-concetto-di-comunita-all-interno-del-cnc.html?m=1#comment-form

    https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/09/strane-allergie-cui-vanno-soggetti-i.html?m=1

    Loué soit Jésus-Christ

  59. l'apostata
    l vilain dit :

    Cher père Ariel,

    nella sua gentile risposta ha scritto: “…ce bohemienne di ottant’anni suonati di Kiko Arguello che come lei narra avrebbe narrato dinanzi a vescovi che lui comanda ai Dèmoni…”.

    Tolga pure il condizionale! Le indico il link une Youtube dove ascolterà Kiko che dice di fare sempre esorcismi e cacciare i demoni e di aver ricevuto un “segno” dallo Spirito Santo (minute 07,52) di parlare sempre per ispirazione divina (minute 15,40) e chiamadi sinistradei sacerdoti colpevoli di aver osato contestarlo fischiando (minute 13,55).
    http://www.youtube.com/watch?v=Xl1vv1dEiiU

    Sa che Carmen millantava di essere stata appellata dalla Madonnabenedetta tu fra le donnee di averne ricevuto l’incarico di rifondare la Chiesa ? Era anche sul sito del Cammino.

    Crois moi, de nombreux Neocat lo scimmiottano cercando di fare anche loro esorcismi. Possibile che nemmeno questo ha potuto smuovere la Congregazione? E non sono stato il solo a scrivere. Comprendo le difficoltà dei sacerdoti con il Cammino, ma non il loro silenzio negli scrutini quando i catechisti violano le coscienze e distruggono le persone. Sono loro i responsabili delle anime.
    Grazie ancora per il bene che fa.

  60. Maximilien C.
    Maximilien C. dit :

    Gentile don Ariel,

    Ho letto il suo inutilmente lungo saggio e devo dire che mi trovo d’accordo con il sig. Albert. Il saggio sembra scritto da tripudio o da uno dei suoi cosiddetti osservatori. Stesso slang da odiatore, stesso linguaggio di disprezzo verso il cammino e soprattutto stesso editing. Per quanto mi riguarda lei potrebbe essere proprio tripudio, ma questo non è un mio problema, bensì il suo. Non credo che basteranno 1200 caratteri per poter confutare tutti i punti del suo kilometrico scritto (tripudio dice le stesse cose, con lo stesso odio antineocatecumenale, con molte meno parole), ma alcuni sono questi. 1) parla di strafalcioni dottrinali, ma è assolutamente falso, in quanto il direttorio catechetico è stato approvato nel 2010 e contiene tutte le catechesi che vengono fatte durante l’itinerario. Tra l’altro le leggendarie correzioni gigantesche che raccontate lei e il suo clone tripudio, non sono mai esistite, in quanto il PCL si limitò ad apporre semplicemente delle note a piè di pagina con i relativi riferimenti ai documenti della chiesa.

    2) Lei parla, così come il suo clone, degli “abusi” che ci sarebbero nella celebrazione secondo la prassi Neocatecumenale e qui entriamo nuovamente nel leggendario, in quanto non esistono. Sono solo leggende messe in piedi da chi non conosce il Cammino o da chi vuole denigrarlo per soddisfare la sua sete di vendetta personale. Non esistono le “omelie dei laici”, mais, seulement, come da statuto approvato “brevi monizioni alle letture”. Non esistono “danze durante la celebrazione”, ma la danza (che non è assiro babilonese come insinua lei, ma è quella davidica) comincia solo a celebrazione terminata, come peraltro si evince dal video da lei pubblicato). È falso che si riceva la comunione da seduti, ma bensì, come da statuto approvato, si riceve in piedi. È falso che ci si passi il calice (lei lo chiama “coppone”, ma questo è un problema suo), in quanto è il presbitero che passa attraverso i fedeli, i quali si alzano in piedi, prendono un sorso di vino e restituiscono il calice al presbitero. È falso che il pane viene confezionato secondo le regole di kiko. Kiko ha indicato solo i segni da tracciare sul pane e il salmo da recitare durante il confezionamento.

    così come i nomi dei commentatori sono sempre gli stessi sul suo blog e su quello di tripudio (guardacaso). Dicevo che lei parla di queste testimonianze “terribili”, ma ovviamente omette di parlare di quelle positive (ah già…quelli sono plagiati come li chiamate voi odiatori). Giustamente dice che Giovanni Paolo II non ha approvato gli statuti definitivi, ma solo quelli “ad experimentum”, infatti è stato Benedetto XVI a farlo nel 2008. Infine la invito a leggersi anche tutti i discorsi dei Papi sul Cammino Neocatecumenale nei 50 années, non solo quello di Benedetto XVI (famoso tra di voi odiatori, come quello delle 3 tirate d’orecchie, che poi non fu così e lo disse in una lettera successiva). Tutti i discorsi dei Papi, da Paolo VI per finire alla lettera di auguri a kiko per i suoi 80 anni di Papa Francesco (non “Francesco I” come indicato da lei. Ma questo spero sia stato un refuso).

    E comunque per concludere, il tempo che ha perso a scrivere questo chilometrico articolo, zeppo di errori sul cammino, che evidentemente non conosce o ha conosciuto solo attraverso gli scritti di padre zoffoli, anch’essi zeppi di stupidaggini, al posto suo l’avrei passato in confessionale o ad evangelizzare. Attraverso il Cammino ho conosciuto tantissimi santi sacerdoti che perdono la vita ad evangelizzare. In paesi poverissimi, Congo, India, Nigeria, tra topi e serpenti o nell’Europa scristianizzata. Derisi, umiliati e vedere un bravo sacerdote come lei, perdere tempo a fare l’odiatore del cammino Neocatecumenale e a puntare l’indice verso vescovi e cardinali è veramente triste.

    E comunque per concludere, il tempo che ha perso a scrivere questo chilometrico articolo, zeppo di errori sul cammino, che evidentemente non conosce o ha conosciuto solo attraverso gli scritti di padre zoffoli, anch’essi zeppi di stupidaggini, al posto suo l’avrei passato in confessionale o ad evangelizzare. Attraverso il Cammino ho conosciuto tantissimi santi sacerdoti che perdono la vita ad evangelizzare. In paesi poverissimi, Congo, India, Nigeria, tra topi e serpenti o nell’Europa scristianizzata. Derisi, umiliati e vedere un bravo sacerdote come lei, perdere tempo a fare l’odiatore del cammino Neocatecumenale e a puntare l’indice verso vescovi e cardinali è veramente triste.

    ***

    ho notato che il commento è incompleto e probabilmente durante l’invio dei commenti, qualcosa deve non aver funzionato e manca una parte, che credo deve essere la IV. Nel successivo commento invierò la parte mancante. Le chiedo scusa dell’inconveniente.

    IV PARTE.

    Il pane viene confezionato secondo le norme dell’ordinamento generale del messale romano, sia per quanto riguarda le materie da usare e i tempi, sia per la natura di segno. Arriviamo ad un’altra leggenda, quella che fa più rabbia, la leggendadella noncuranza e della dispersione dei frammenti della eucaristia”. È falso! La distribuzione delle specie eucaristiche avviene sempre in modo scrupoloso e maniacale, sotto la supervisione dei sacerdoti o dei diaconi. In trent’anni non ho mai visto una briciola cadere in terra e non venire recuperata. Essendo in cerchio, sul presbitero che distribuisce l’Eucaristia ci sono sempre almeno 100 occhi, più i suoi. È falso che i sacri vasi non vengono purificati adeguatamente, infatti la purificazione viene fatta sempre dal presbitero o dal diacono o in mancanza del diacono, dal responsabile e posso assicurare che in tutte le celebrazioni che ho assistito, questa operazione avviene in modo sempre maniacale. Lei parla di alcune testimonianze “terrible”, che poi curiosamente sono sempre le stesse quattro o cinque, su tutti i blog anticammino vengono riprodotte sempre le stesse,

    • Tomista ex NC
      Tomista ex NC dit :

      Egregio Sig. Massimiliano,

      Lei mente.
      Lei mente sapendo di mentire.
      Lei mente spudoratamente.
      Lei mente come mente Kiko e come mentono tutti i catechisti e i presbiteri neocatecumenali.
      Lei mente quando afferma che il Direttorio Catechetico del Cammino Neocatecumenale sia stato approvato nel 2010 così come si presentava. Lei mente quando afferma che la Congregazione non ha corretto nulla: i genitori catechisti posseggo TUTTI i volumi del direttorio, avant et après l'approbation.

      Tutte le ERESIE delle precedenti edizioni sono sparite, moltissime frasi sono state addirittura completamente trasformate. Provi a leggere in sinossi la prima edizione della catechesi sull’Eucaristia e l’edizione approvata. Lo faccia. E provi a ripetere che non ci sono state correzioni.

      E’ una richiesta retorica ovviamente, pouquoi, je répète, lei continuerebbe a mentire e a negare l’evidenza, come le è stato insegnato dai suoi catechisticredere contro la ragione, obbedire senza capire”.

      Dicevo che lei mente. Mente, perché fino al 2005 tutte le comunità neocatecumenali del mondo omettevano il Gloria, la croyance, il Lavabo, l 'Orate Fratres, L »Agneau de Dieu et le Domine non sum dignus, per ordine di Kiko e Carmen (et de Farnes suppongo) contro le norme liturgiche.

      Ancora oggi si compiono gravissimi abusi, qu'elle, mensonge, nega.

      I neocatecumenali celebrano ostinatamente su un tavolo, che chiamano “mensa” e mai altare. Celebrano su un tavolo anche in presenza di un altare consacrato, mais, preferiscono “celebrare” nei saloni, se le chiese non risultano abbastanza neocatecumenalizzabili.
      I neocatecumenali seguono pedissequamente e in modo du Trente le rubriche di Kiko: I canti, la disposizione delle sedie, il copri-leggio, le patene, i calici, la menorah, l’icona della Madonna, la croce astile ecc. tutto deve essere rigorosamente kikiano, e su questo non si transige.

      L’Offertorio è inesistente, in quanto il celebrante recita le preghiere previste dal Messale mentre ci si scambia il segno di pace al suon di “per amore dei miei fratelli ” o “guardate come è bello” o “Evenu Shalom”. D’altronde Kiko insegna che nella Messa non si offre a Dio nulla, ergo l’offertorio neocatecumenale è concepito come mera “preparazione dell’occorrente” e non merita alcuna enfasi.

      Il “presbitero” canta sempre e solo la seconda preghiera eucaristica poiché l’unica musicata dal sommo Kiko, e cambia anche diverse parole della stessa.

      E’ proibito inginocchiarsi alla consacrazione durante le fanta-messe NC (abuso gravissimo).

      La comunione avviene simultaneamente assemblea e sacerdote (abuso gravissimo e proibito dall’Istruzione Le sacrement de la rédemption che lei essendo un catechista neocatecumenale e bugiardo, ignorer.

      Lei mente quando afferma che si riceve la comunione in piedi: con un abile (ma stupido) gioco di parole siete riusciti ad interpretare i nuovi statuti e a fargli dire ciò che non dicono; non esiste alcuna differenza tra “ricevere” e “fare” la comunione. Invece voi, scaltri e malvagi, la ricevete in piedi e la fate seduti. Inoltre è vietato dai catechisti ricevere la comunione in ginocchio o sulla lingua.
      Anche la Menorah sulla mensa è un abuso.

      Anche la danza è un abuso, sebbene non proibito dalle rubriche (embè, le rubriche non vietano nemmeno di ruttare durante la proclamazione del Vangelo!).

      La forma e i disegni del pane …

      potrei continuare ancora con i vostri abusi gravissimi e sacrileghi. Non avendo tempo, mi limito a ricordare che nelle celebrazioni del Cammino Neocatecumenale la purificazione dei Vasi Sacri, viene fatta da laici, per giunta DOPO la benedizione (habituellement, durante la danza).

      j'ai oublié, caro Massimiliano, di ribadire infine: lei MENTE.

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Cher Massimiliano,

      mi permetto di indicarle un elemento che a lei pare sfuggire. Poco male, plutôt, le assicuro che non c’è proprio niente di male. Per ciò è bene che le fornisca una spiegazione fondamentale: io non sono propriamente un libero cittadino ma dipendo in tutto e per tutto dalla legittima Autorità Ecclesiastica alla quale non mi vincola uncontratto di lavoro a tempo indeterminato”, bensì un Sacramento di grazia che implica da parte mia la devota e filiale obbedienza a questa stessa Autorità Ecclesiastica, impersonata avanti a tutto dalla figura del Vescovo, dal quale dipende la valida e lecita celebrazione del Sacrificio Eucaristico da me celebrato per mandato ricevuto dal Vescovo ed esercitando il mio ministero in perfetta comunione con il Vescovo in comunione con il Vescvo di Roma. Ciò si chiama “obéissance”, quella che io, ministro dans le sacré, ho sempre rispettato.

      Se io sono ciò che lei afferma, ossia un «odiatore» quindi un pubblico diffusore di odio, in tal caso sappia che sotto tutti gli aspetti umani e morali, commetterei undelittomolto più grave di quella che potrebbe essere la scappatella segreta con una donna e quindi la violazione della castità alla quale sono tenuto attraverso la solenne promessa di mantenermi celibe, cosa che implica non il semplice celibato, ma appunto la castità.

      Molto prima che fosse eletto il Sommo Pontefice Francesco I, io mettevo in guardia nei miei pubblici scritti, nelle mie catechesi e nelle mie omelie, che i peccati peggiori sono tutti quelli che vanno «dalla cintura in su» e non «dalla cintura in giù». A tal proposito ho sempre ricordato, con estremo rigore teologico, che la regina di tutti i peccati capitali è la superbia, pas la luxure; e non a caso, nell’elenco dei peccati capitali, la superbia si trova al primo posto assoluto.

      Alors, un prete che odia e che diffonde pubblico odio, è di gran lunga parecchio peggiore, ma davvero molto peggiore di un prete che in segreto mantiene una amante.

      Domandi a tal proposito a qualsiasi vescovo, od a qualsiasi dottore in sacra teologia morale, per avere conferma di quanto le ho appena detto e scritto, il tutto per chiarirle che, se io fossi la persona dipinta nel suo commento, lei dovrebbe quanto prima adempiere ad un suo inderogabile dovere di coscienza cristiana: informare immediatamente l’Autorità Ecclesiastica che un prete, a dir poco indegno, sta seminando scandalo tra il Popolo di Dio diffondendo tra di esso odio e falsità.

      Si affretti dunque a farlo, perché è un dovere di coscienza cristiana al quale lei non può e non deve sottrarsi, tanto più, appartenendo ad un Movimento che ha lo Spirito Santo in tasca e sempre pronto all’uso, la cosa dovrebbe esserle quindi particolarmente facile.

      All’Autorità Ecclesiastica lei può produrre anche questa mia risposta al suo intervento, nella quale affermo adesso quanto segue: sulla base di ciò che scrive e per il modo in cui ella lo scrive, lei è paragonabileè solo un esempio paradossale per rendere l’ideaad una prostituta che batte il marciapiede sulla Via Casilina e che dinanzi ad una pattuglia della Polizia che si ferma dinanzi a lei e che domandati stai prostituendo?” lei rispondeMa siete pazzi? Come osate e come vi permettete, io sto recitando tutti e cinque i misteri del Santo Rosario. Vergognatevi, voi siete degli odiatori delle pie apostole del Santo Rosario!”».

      Voici, lei sta facendo la stessa cosa, offendendo tra l’altro la mia intelligenza, che per inciso non è propriamente mia, è un dono di grazia che Dio mi ha dato in “prêt à usage” e di cui io dovrò rispondere come indicato dalla Parabola dei Talenti [Mont 25, 14-30].

      Adesso le spiego perché lei, negando l’evidenza dei fatti ed affermando alla Polizia chesotto il lampione della Via Casilinain verità sta solamenterecitando tutti e cinque i misteri del Santo Rosario”, offende l’intelligenza mia e quella di molte altre persone:

      1. io non scrivo e non affermo mai alcunché in pubblico per sentito dire, parlo solo sulla base di prove documentabili che possano essere esibite all’Autorità Ecclesiastica nel caso in cui fossi a qualsiasi titolo chiamato a dare conto e ragione di quanto affermo;

      2. io sto preparando una guida per i buoni CLa paix que sul Cammino Neocatecumenale, indicando le sue insidie ed i suoi errori, tutte cose che possono essere pubblicamente affermate e diffuse attraverso pubblicazioni, solo ed esclusivamente attraverso prove provate;

      3. io parto dal principio scientifico che tutto ciò che in ambito di accuse e di contestazioni non può essere provato, non può e non deve essere mai presentato come vero.

      A dit ceci, mentre lei pontifica sul Santo Rosario sotto il lampione della Via Casilina, spiegando che il Cammino Neocatecumenale è la quintessenza della ortodossia liturgia e del rispetto della Santissima Eucaristia, io le lancioa lei come ad Alberto al quale lei fa richiamo e che ha commentato prima di lei da sotto un altro lampioneuna pubblica sfida che vi prego di raccogliere, à savoir, les éléments suivants:

      Fatemi convocare in vostra presenza dinanzi alla Congregazione per la Dottrina della Fede e poi dinanzi alla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti formulando a mio carico l’accusa di diffusione di odio e di false notizie contro il Santissimo Cammino Neocatecumenale, a quel punto io risponderò a questo modo:

      1. chiederò che sia montato un maxi schermo ed esigerò che siano visionate dall’inizio alla fine un totale di 14 ore e venti minuti di filmati nei quali sono state riprese, in giro per tutto il mondo, varie celebrazioni eucaristiche del Cammino Neocatecumenale nelle quali si compie ogni sorta di abominio sulla Santissima Eucaristia;

      2. esibirò in copia originale le lettere e le relazioni dei vescovi e dei sacerdoti che quei filmati me li hanno forniti;

      3.produrrò un totale di 41 ore e otto minuti di catechesi registrate fatte dai vari mega-catechisti in giro per la sola Italia, all’interno delle quali sono espresse, contenute e diffuse le peggiori eresie pneumatologiche, cristologiche, trinitarie ed ecclesiologiche, quindi esibirò in copia originale le lettere di chi, quelle registrazioni, me le ha fornite.

      A quel punto lei dovrà negare, con tutta la grazia che il suo personale Spirito Santo le infonderà, la autenticità di queste immagini video e dei contenuti registrati delle catechesi accompagnate da relazioni e lettere di testimonianza.

      Dunque lei dovrà dimostrare che ore e ore di filmati video che racchiudono sequenze che documentano i più gravi abusi liturgici e non di rado degli autentici sacrilegi eucaristici, seguite da decine di ore di registrazioni di catechesi ereticali, quindi le lettere dei vescovi e dei preti che mi hanno fornito tutti questi materiali dettagliando date, luoghi, gens, gruppi e soprattutto inutili richiami a loro fatti nel corso del tempo, sono tutti materiali falsi, ergo che io sono un «odiatore» che diffonde odio.

      Attendo la denuncia da parte vostra e la conseguente mia convocazione presso i competenti dicasteri per rendere conto e ragione di quanto ho scritto e affermato. Tutto il resto, Crois moi: è solo la giustificazione della prostituta sotto il lampione della Via Casilina che smentisce i poliziotti affermando che lei si trova in quel luogo per recitare tutti e cinque i Misteri del Santo Rosario e che fa parte delle pie apostole del Santo Rosario.

      À elle, come ad Alberto che ha parlato e scritto prima di lei, ricordo e ribadisco che attaccare a questo modo, senza entrare nel merito, ribattendo agli argomenti portati con la solita filastrocca «siamo stati approvati … nous avons été approuvés …», implica purtroppo da parte vostra rendere anzitutto un pessimo servizio al Cammino Neocatecumenale, dinanzi ad una persona che parla solo ed esclusivamente in base a prove documentate e non passibili di smentita.

      • Maximilien C.
        Maximilien C. dit :

        Gentile don Ariel,
        Lei sa benissimo che non denuncierei mai nessuno, figuriamoci un uomo di Dio. Io non mento come dice con violenza e odio l’apostata (nome omen), ciò che succedeva prima degli statuti provvisori è stato corretto e tutte le comunità celebrano secondo le disposizioni della Santa Sede. Mi è capitato più volte di essere ospitato in molte comunità, in Italia e in Europa e devo dire che ci si sente ovunque come a casa, con la celebrazione che si svolge allo stesso modo ovunque. Quindi le ripeto, gli abusi i sacrilegi ecc sono solo leggende messe in giro da chi ha in odio il Cammino.
        Lei dice che farei un pessimo servizio al Cammino. Ma non sono io a difendere il Cammino, come potrei? Il Cammino lo difende Cristo e la sua Chiesa, che gode dei frutti buoni. Di conversione, seminari in tutto il mondo, matrimoni infecondi che si aprono con gioia alla vita, famiglie che lasciano le proprie sicurezze per evangelizzare in luoghi don non hanno mai sentito parlare di Gesù Cristo. Piuttosto caro Padre Ariel, io penserei bene al suo servizio che rende al ministero sacerdotale, se passa gran parte del suo tempo col dito puntato.
        La pace

    • père ariel
      Don Andréa dit :

      Gentile Massimiliano C. ,

      firmarsi “Don Andrea” non vuol dir niente, e fosse per me metterei (come mio uso), nome, cognome, città e pure codice fiscale. Non lo faccio per due motivi: le premier, perchè sono preside di un istituto superiore di scienze religiose, e anche ripetessi in tutte le lingue da me conosciute che parlo solo a titolo personale, rischierei di coinvolgere il mio istituto, cosa che non posso fare; Le deuxième, perché non posso coinvolgere la mia arcidiocesi ed il mio arcivescovo.

      Non sono un nik di fantasia, padre Ariel che da anni mi conosce a fondo e che porta avanti con ineccepibile serietà questa utilissima rivista, è il primo testimone di ciò.

      Voici l'histoire …

      L’arcivescovo mi affida una piccola parrocchia del centro vicina al nostro istituto di scienze religiose, sperando che come teologo riesca a mettere in riga i catechisti del Cammino Neocatecumenale che in quella sede avevano da 25 anni il loro stato maggiore. Li convocai per un ciclo di catechesi tenute da me, che non solo non accettarono, perché quando toccai gli aspetti dogmatici della fede, in maniera insolente e sfacciata finirono per ridermi in faccia.

      sapendo grazie a Dio di poter contare sull’appoggio del mio arcivescovo (cosa affatto scontata per un prete!) iniziai poco dopo con le proibizioni: 1) niente messa il sabato sera con esclusione dei fedeli, 2) niente messe private nei saloni parrocchiali, 3) niente messe in chiesa celebrate su un tavolo allestito anziché sull’altare consacrato, 4) nientemonizioni” e “résonnances” che erano poi di fatto vere omelie, soprattutto ripiene di gravi errori dottrinali.

      Parte la loro protesta presso l’arcivescovo che nemmeno li riceve e che li demanda al vicario generale, il quale fu aggredito verbalmente quando gli disse che le disposizioni sono dettate dal parroco in accordo con l’ordinario diocesano.

      Non potendo fare come gli pareva, i neocatecumenali abbandonano la parrocchia, ma senza trovare parroci di altre parrocchie disposti a dargli in uso le sale parrocchiali per catechesi e per messe private celebrate a porte chiuse tra di loro.

      Sul conto mio iniziano a correre voci su presunti difetti morali e violazioni legate al VI° comandamento. Ebbi un gran daffare a convincere due preziose collaboratrici dell’istituto di scienze religiose a non dimettersi dai propri incarichi. Una riuscii a convincerla, grazie all’aiuto dato dal marito, l’altra non riuscii a convincerla. Per chi non l’avesse compresoerano le mie amanti (!?).
      Quando una rimase e l’altra se ne andò, fu diffusa voce che le mie due amanti avevano litigato tra di loro per gelosia (!?).

      Ho collaborato per anni con queste collaboratrici, et plus, mais cru, era stato emesso un solo sospiro, tutto si è scatenato dopo il mio attrito con i neocatecumenali. Diciamo che si tratti di pura coincidenza.

      Queste persone dipinte come così zelanti e rispettose di tutte le regole dal Sig. Massimiliano, in completa disobbedienza al vescovo iniziarono a usare le sale di un hotel del posto, facendo venire a rotazione due preti neocatecumenali da fuori diocesi, usciti dai Redemtoris Mater, che senza prevista autorizzazione dell’ordinario diocesano celebravano messe private in luoghi non consacrati. Per chi non lo sapesse chiariamo che nessun prete di altra diocesi che non sia autorizzato può esercitare il ministero sacro nel territorio canonico di un altro vescovo, specie celebrando liturgie non conformi ai libri liturgici e in spazi non consacrati.

      Facendo mia la risposta di padre Ariel e del lettoreTomista ex NC”, devo dirle, Signer. Massimiliano, che le cose stanno in due termini, nei quali uno esclude l’altro: o lei, come le è stato detto, mente sapendo di mentire, ou, come forse può essere, lei appartiene invece a un altro Cammino Neocatecumenale, che rispetta le disposizioni dei vescovi, quelle dei parroci, i libri liturgici ecc .. etc …

      Quando dopo alcuni mesi il cancelliere arcivescovile notificò ai due preti che non erano autorizzati a celebrare nel territorio diocesano senza l’autorizzazione prevista, loro cessarono le celebrazioni, e un mese dopo, quando l’arcivescovo si recò in una parrocchia ad amministrare le cresime, sul sagrato della chiesa un gruppo di persone, senza ragione e motivo, mentre entrava gli strillògiuda” e “buffone”. Anche questa, Mais, è una coincidenza, perché come potrà spiegarci il Sig. Massimiliano, Mai, dei neocatecumenali messi in riga, mancherebbero di rispetto a un vescovo.

      Sappia che sono uno dei vari preti che con il proprio nome, cognome , indirizzo e persino codice fiscale, ha fornito a padre Ariel una relazione di 30 pagine dove riassumo tutta la vicenda in mia qualità di testimone oculare.

      • Maximilien C.
        Maximilien C. dit :

        Gentile don Andrea,

        Non entro nel merito della sua esperienza, non conoscendo anche l’altracampana”, ma da quello che ha raccontato lei ha di fatto proibito loro di fare il Cammino. Secondo gli statuti il Cammino ha delle regole precise, Je dirais “statutizzatee le regole che lei aveva imposto, di fatto non garantivano la prosecuzione del cammino così come è. Poco male, può capitare che dopo che il vescovochiamail cammino nella sua diocesi, possa cambiare idea, o un suo collaboratore abbia una qualche riserva verso questodono dello Spirito Santo”, come lo ha chiamato il Santo Padre. Poco male, se il Cammino non si può fare nella sua parrocchia, ce ne sarà un’altra che lo accoglierà e renderà possibile il suo sereno svolgimento. Io credo però, che tra voi presbiteri ci sono molti pregiudizi verso il cammino Neocatecumenale. Forse perché è scomodo, perché si fanno le ore piccole, celebrazioni lunghe, ma le assicuro che i benefici che se ne traggono, a fronte di qualche scomodità sono molti di più. I frutti di conversione, di apertura alla vita e soprattutto di fede ripagano di gran lunga i pochi sacrifici.
        La pace

        • Klaus B.
          Klaus B. dit :

          Cher Massimiliano,

          io del Cammino non so nulla a parte la conoscenza personale di alcuni neocatecumenali, che mi sono sempre sembrati brave persone e con i quali non ho mai avuto niente da ridire.

          Ma don Andrea ha scritto di avere imposto le seguenti proibizioni:

          1) niente messa il sabato sera con esclusione dei fedeli,
          2) niente messe private nei saloni parrocchiali,
          3) niente messe in chiesa celebrate su un tavolo allestito anziché sull’altare consacrato,
          4) niente “monizioni” e “risonanze” che erano poi di fatto vere omelie….

          Lei ha risposto che don Andrea, de facto, ha così proibito di fare il Cammino. Credo che a chiunque non ne sappia nulla, venir me, ciò consenta di farsi un’idea abbastanza attendibile. Anche ammettendo che don Andrea abbia torto sui gravi errori dottrinali, cosa peraltro inverosimile, non viene anche a lei il dubbio, rileggendo quanto sopra, che possa esserci qualche problema un popiù serio del fare talvolta le ore piccole?

          A moi, da ignorante, sembra trattarsi quasi dell’istituzione di un’altra chiesa. Anche senza negare la possibilità di frutti positivi, che peraltro qui nessuno ha negato, a quanto mi sembra

          • Maximilien C.
            Maximilien C. dit :

            Cher Klaus,
            L'article 13, virgule 2 dello statuto recita che i neocatecumeni celebrano l’Eucaristia domenicalenella piccola comunità, dopo i primi vespri della domenica”, cioè il sabato sera. Queste celebrazioni, pur essendo parte della pastorale parrocchiale e quindi aperte anche ad altri fedeli, credo che non possano perdere la propria naturadella piccola comunità”. Quindi credo che sta al discernimento del Parroco o dei responsabili distribuire i fedeli che ne facciano richiesta, nelle diverse comunità. Voir “niente messe private nei saloni parrocchiali”, si intendeniente messe per pochi”, allora capisce che si va fuori dall’articolo 13 virgule 2 (celebra nelle piccole comunità).
            Le monizioni e risonanze (brevi) sono prescritte dallo statuto. A volte si può eccedere, ma in quel caso il presbitero può stoppare il fratello che eccede (da noi succede).
            Non mi sono azzardato di dire che don Andrea abbia torto sugli errori dottrinali (di cui non ho parlato), altrove invece ho detto che il direttorio catechetico è stato approvato.
            Sul fatto che talvolta si facciano le ore piccole, le posso dire che fare una celebrazione senza l’assillo del tempo e dell’orologio

  61. fabio
    fabio dit :

    Cher père Ariel,

    J'aimerais demander: è vero che i processi di beatificazione e canonizzazione dopo il concilio son stati riformati? Prima ci volevamo 4 miracoli rispetto ai 2 d'aujourd'hui?

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      cher fabio,

      credo di poterle rispondere forse con una certa conoscenza, perché mi sono dedicato prima allo studio e poi alle cause dei Santi, prima che giungessero tempi relativamente felici

      La disciplina dei processi, à travers les siècles, è stata soggetta a numerose variazioni. Le basti solo sapere che la distinzionedi gradotra Beati e Santi, è state definita solo attorno al XV secolo, précédemment, dire Beati o Santi, era la stessa cosa, questo lo può capire anche dai testi liturgici, dove tutt’oggi si fa riferimento ai Beati Apostoli, alla Beata Vergine Maria e via dicendo.

      Oggi le beatificazioni e canonizzazioni spettano alla Santa Sede che ha creato un apposito dicastero, la Congregazione delle Cause dei Santi, in precedenza era competente la Congregazione per i riti; mais surtout, depuis de nombreux siècles, sino al XI secolo circa, le canonizzazioni erano di competenza dei vescovi delle diocesi.

      Il numero dei miracoli richiesti dipende e può variare dalle discipline ecclesiastiche approvate o modificate nel tempo, così come un Romano Pontefice, essendo supremo legislatore, può ad esempiodispensareun candidato alla beatificazione e alla canonizzazione dal miracolo accertato, ed è accaduto varie volte anche di recente.

      Non sono richiesti miracoli per la beatificazione dei martiri, parce qu'il a toujours, l'église, considera miracolo l’accettazione del martirio e l’offerta della vita per la salvezza della fede, de l'Église et du Peuple de Dieu.

      Nelle pagine di théologique de L’Isola di Patmos può trovare un mio studio nel quale spiego al grande pubblico la evoluzione delle procedure e delle leggi ecclesiastiche in materia, può trovarlo QUI

  62. père ariel
    Don Alessio (Campanie) dit :

    Carissimo Don Francesco,

    Il y a vingt ans, prete da appena 4 années, dopo due anni di viceparroco fui nominato parroco e assegnano a una parrocchia neocatecumenale. Dovetti chiedere per dieci giorni le chiavi del tabernacolo riprodotte in diverse copie dai neocatecumenali. Il giorno undicesimo tolsi il Santissimo Sacramento, chiamai un fabbro e gli feci cambiare serratura.
    Protestarono dicendotu non sei padrone del pane della Pasqua”, ribattei che si chiamava Eucaristia e Santissimo Sacramento, che io non ne ero affatto padrone, ma che però ne ero fedele e legittimo custode.
    Quello fu il benvenuto, possiamo aggiungere che dovetti cambiare pure la chiave della canonica, perché non so neppure in quante copie avessero tra di loro duplicato le chiavi.

    I caratteri introversi tendono a interiorizzare, con ciò che ne consegue, et donc, dopo un anno e mezzo, sacerdote da cinque e mezzo, domandai al vescovo di darmi un anno di riposo perché avevo bisogno di curarmi e rigenerarmi. Questa richiesta mi prostrò di più, temevo che il vescovo pensasse che al primo incarico ero crollato dinanzi alle prime difficoltà. Invece il vescovo fu paterno e mi tolse dall’imbarazzo dicendomisono io che ho sbagliato a inviarti come primo incarico in una parrocchia dove i neocatecumenali sono radicati da vent’anni”.

    Il vescovo fu infine costretto a nominare amministratore parrocchiale di quella parrocchia un prete latinoamericano uscito dal loro seminario Redemptoris Mater perché nessun prete del nostro presbiterio voleva andarci. Quella parrocchia oggi è simile a una casa di incontri (la canonica), un’osteria e una discoteca (la chiesa), un punto di raccolta per persone psicologicamente problematiche (indistintamente tutti i locali parrocchiali) …

    Nella regione Campania, ufficialmente,le parrocchie neocatecumenali sono 140 environ, de facto, Mais, sono molte di più [Éd: l’elenco del 2012 Et QUI, ad oggi sono molte di più].
    Caso emblematico: la diocesi di Ischia. Abitanti meno di 60.000, 25 parrocchie (alcune delle quali più che altro solo di titolo), e di queste parrocchie 7 totalmente in mano ai neocatecumenali. Ce que cela signifie: una diocesi intera in mano ai neocatecumenali.

    Anch’io credo alla santità …”di luie l’ho amato tantissimo, je crois, les émissions de preuves, che non era perfetto, ma credo,les émissions de preuves, che sia santo, e che ci abbia lasciato un bellissimo magistero.

    Alessio
    sacerdote campano

  63. Beati Pauperes Spiritu