From Pro-Zan to Pro-Zac. We Catholics are the true liberals and Senator Tommaso Cerno a silent voice because he wanted a balanced law that would also have the support of the Catholic Church and Italian Catholics

- Church news -

DAL PRO-ZAN AL PRO-ZAC. NOI CATTOLICI SIAMO I VERI LIBERALI E IL SENATORE TOMMASO CERNO UNA VOCE TACITATA PERCHÈ VOLEVA UNA LEGGE EQUILIBRATA CHE AVREBBE AVUTO L’APPOGGIO DELLA CHIESA CATTOLICA E DEI CATTOLICI ITALIANI

We must take note, to the proven proof of the facts, che i veri liberali rispettosi delle regole democratiche siamo noi cattolici, non gli ideologi radicali dei movimenti LGBT che ti querelano a ogni minimo sospiro di dissenso, avendo soldi e appositi studi legali per applicare una vecchia e pericolosa logica tutta quanta fascista: «Punirne uno per educarne cento». Ma a questo gioco il Senato della Repubblica Italiana non c’è stato, specie oggi che i più violenti in assoluto rischiano di essere proprio i fascisti dell’antifascismo. Per questo è stato affossato il Disegno di Legge Zan.

.

Author
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

.

.

Articolo inserito nella raccolta di questo saggio che potete ordinare cliccando sopra la copertina

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure system PayPal:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118

CODICE SWIFT: BAPPIT21D21
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanks:

isoladipatmos@gmail.com

.

.

.

 

.

.

.

 

A friend died who leads me to reflect on the indifference of the media towards life and death, when they are not itchy show

- Church news -

A FRIEND IS DEAD THAT CAUSES ME TO REFLECT ON THE INDIFFERENCE OF THE MEDIA OF COMMUNICATION TOWARDS LIFE AND DEATH, WHEN THEY ARE NOT PRURIGINOUS SHOW

.

“We are surrounded by ignorance, bad faith, lie, and what is serious is that they know it and do not waver. Just like a Nazi or Communist official must have been "

.

.

.

PDF print format article

 

.

.

.

Luigi Amicone (Milan, 4 October 1956 – Monza, 19 October 2021)

Thursday 21 October Luigi Amicone's funeral took place in the cathedral church of Monza, died just 65 year old. In front of him he could have another twenty years of life to live, according to today's statistics on the average life span of the Italian man, which are not few. His death was announced to me early in the morning, Tuesday 19, by a confrere of the Diocese of Milan, raised in the ranks of Communion and Liberation, the Movement founded by the Ambrosian presbyter Luigi Giussani.

.

Luigi was not a longtime friend, but a sincere friend with whom it was a pleasure to talk. several times we met between the 2019 and the 2021 to various television programs on the Mediaset networks, once we even got into a fight on the subject of Our Lady of Medjugorje, known as Madam, on which I have always had deep reservations. Then, the debate ended and the live cameras closed, he told me:

.

«Ariel, I respect you as a man of faith. And men of faith I recognize them, they are necessarily tough like you, I think I can say this because I was a pupil of Luigi Giussani, which was not a waffle at all ".

.

After having received the announcement of his death, shortly after, I turned the phone over in my hands, I opened the whatsapp on contact Luigi Amicone and for a few minutes I retraced various memories that have remained etched in the archive memory:

.

«Luigi, you were wonderful on the program Fifth Title su Rai3, a warm greeting and a warm wish " (23.03.2021)»

.

«Thanks Ariel, I almost want to ask one of your intelligence: do journalism! We are surrounded by ignorance, bad faith, lie, and what is serious is that they know it and do not waver. Just like a Nazi or Communist official must have been " (23.03.2021)

.

I remember then, with love and fun, an interview last summer, while Luigi was in his holiday home in Sardinia, in the Sassari area, I, on the other hand, on the other island, in my holiday home in the Ortigia of Syracuse. Commenting on some pages of my book And Satan became triune, in the part where I analyze the problem of lobby gay ecclesiastical, mi said:

.

"Knowing the environment, I guess what they did to you in retaliation, after you have written these pages ".

.

Continuing on that delicate speech I burst out saying that Vatican City State is the country with the highest percentage of gay population in the world. He laughed and replied:

.

«You don't care about this sentence, at the first opportunity that presents itself to me, I will sell it back immediately ".

.

Soon said, the opportunity presented itself a few days later, when in external connection from his home near Sassari he participated in a program on the Mediaset networks, where during his speech he began by saying:

.

«Let alone if we Catholics can be surprised by the Zan bill, when the Vatican City State is the country with the highest percentage of gay population in the world ".

.

I call him having fun on the phone the morning of the next day, first I make fun of him for how he was tanned, wondering if the Sardinian sun had taken it all as he did, then I begin:

.

"Ah, how happy I am to have done the gray eminence behind you!».

.

He replies:

.

“But don't bullshit, "behind"? You have been spitting them in everyone's face for a lifetime, for this you will never become a Most Reverend Eminence ".

.

Luigi made me think, not so much about death, mystery on which I am used to meditating every day, aware that my heart, like that of anyone, it could stop beating at any moment, suddenly. I also wrote a book on death, dealing with the hindmost in the form of a narrative, which will soon be printed.

.

With his sudden disappearance Luigi led me to reflect on the relationship of contemporary society to death. This is what I intend to reflect on now, including the report, or rather the non-relationship or the denied relationship of the mass media with death, where death is not a spectacle through which Gianluigi Nuzzi, efficient Network gravedigger 4, transforms crimes and deaths into spectacles, in fiction which does not stimulate at all to reflect on man, or on the psychological violence that leads certain subjects to the most violent heinous crimes, but which only stimulates morbid itching.

.

As a professional Luigi was not a journalist for a local newspaper that narrates the facts and events of a provincial town, of those who on death are usually remembered in their locality by colleagues and fellow citizens who have read their articles for years. Luigi was a reporter for the national press, founder of one of the main Italian Catholic magazines, the monthly Times. Was, as I told a little earlier, a so-called television face representative of the Italian Catholic culture, with acceptable or unacceptable positions within the Catholic world itself, but who has made great contributions in many years of profession. This is why he has been a guest for years in the television debate rooms of all the main Mediaset and Rai programs, because he had opinions to express and he knew how to express them, shareable or not by the other opinion leaders present, because it is precisely on this that the debate is based.

.

I would have expected, I don't mean prime time or opening hours, but if anything at the end of the various journalistic or so-called in-depth programs talk show, that only one of those who have called him and often had in theirs parterre as a columnist over the years, before the final theme he said: «My colleague Luigi Amicone passed away on Tuesday, our editorial team joins its family members in condolence ". A message of this kind would have occupied a space of approx 7 from 8 seconds to close a program in which if anything, Giorgia Meloni or Matteo Salvini had made a monologue by 30 minutes without any commercial break, which is only valid - in an unavoidable way - when other guests and opinion leaders speak. On the other hand, no one has dedicated a few seconds of memory to a colleague who is anything but unknown, in a world of communication in which cynicism and indifference reign supreme, where what is presented as a sensitive human interest is not such, but something wanted and studied on the cold basis of audience ratings. Or does someone seriously believe that that bubbly conductor really cares about something poor and modest people who find themselves with their houses occupied by swindlers that no one can hunt and who do not pay rents.? And note: it is not, this mine, a process of intentions, which would also be a serious contradiction in terms with my theological training and with my previous and now distant juridical training. It is simply a fact, you just need to know the televisions, the editorial offices of newspapers and especially those who work within them.

.

No, naive souls, certain themes do not arise from the desire to defend the rights of the weak, everything arises only from pure and cold criteria dictated by the ratings. Because if that dedicated block in that talk show to the squatters of houses did not raise the ratings of commercial television, which stands as obvious as it is legitimate on advertising and audience ratings, you can rest assured that this thoughtful champion of justice and defense of the weak would not hesitate to talk about the depth of the whale's ass in the next installment, if the whaling colonoscopy did more plays.

.

The indifferent cannot be sensitive, he cannot love justice and truth by making himself champion of the weak, because wild utilitarianism or hypertrophic narcissism support the mental and social system of indifference, that end up making the world of information a world of deformation and often of manipulation, all for political purposes, economic and subliminal address on the masses.

.

Turning to various television programs I met two people who I consider friends and who are respectively: one, a trans, Vlady Guadagno, in art Vladmir Luxuria, another is a homosexual, balanced activist LGBT and liberal in the round, it is the famous and excellent scientific popularizer Alessandro Cecchi Paone, who has a vision of life and of mankind that is different from mine, for example with regard to abortion or euthanasia, but who I immediately esteemed as a loyal and sensitive man who knows what friendship and respect for friends are, especially for those who don't think like him. This makes Alessandro Cecchi Paone a genuine liberal, with whom I could speak with serenity about everything that divides us in the different human feeling, but to which I am united by something which unites even men with the most diverse thoughts: respect for the freedom of the other, which for him is the cornerstone of Liberalism, for me it is the very suffix of the creation of man, created by God free and endowed with free will.

.

Only now that the mortal remains of Luigi Amicone they have been returned to the earth, I understand his message that I reported at the beginning, certainly not because he called me "intelligent", but because in that message it defines the situation and state of the world of information:

.

«Thanks Ariel, I almost want to ask one of your intelligence: do journalism! We are surrounded by ignorance, bad faith, lie, and what is serious is that they know it and do not waver. Just like a Nazi or Communist official must have been " (23.03.2021)

.

Rest in peace in the grace and mercy of God, I'll miss you, my dear Buddy.

.

the Island of Patmos, 21 October 2021

.

.

.

 

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanks [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

The problem is not wealth, but the man who instead of using wealth becomes a slave to wealth

- homiletics -

Homiletics of the Fathers of The Island of Patmos

THE PROBLEM IS NOT WEALTH, BUT THE MAN WHO BECOMES A SLAVE TO WEALTH INSTEAD OF USE OF WEALTH

Ithe famous Lutheran pastor Martin Luther King wrote: “Life is sacred. Property is meant to serve life, and as much as we surround it with rights and respect, it has no personal essence: it is part of the earth on which man walks: it's not the man ".

.

Author:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

..

PDF print format article

.

.

Meditation on the Holy Gospel of the XXVIII Sunday of ordinary time

.

.

Dear Brothers and Sisters,

“Prudence”. In the picture: Father Gabriele Giordano M. Scardocci in prudent march on the Lungotevere with the scooter”

on this Sunday through the readings from the Liturgy of the Word, the Lord wants to give us advice on how to live a life of authentic faith more and more, the one that does not require a simple profession of I believe, but a lifestyle that is committed and strives to live what you believe.

.

When learning first aid practices, or those of civil protection, there are theoretical principles of guidance and orientation to choices that must then be updated to take effective action to safeguard and defend citizens and the sick. On this XXVIII Sunday of ordinary time the Lord reminds us that the gift of Wisdom is necessary and indispensable to be disciples, so that all of us, however limited, fragile and sinful, thanks to this gift we tend to imitate Jesus and his life. The first reading speaks of Wisdom:

.

«I prayed and prudence was lavished on me, / I begged and the spirit of wisdom came into me / I preferred it to scepters and thrones, / I estimated wealth in comparison to nothing ".

.

The Author of the sacred text he admits that he prefers wisdom to even the greatest riches, even to royal power. Precisely because wisdom allows us to acquire the key to understanding the hidden treasures of the divine mysteries. Reality that if assimilated and made your own, they are not abstract theories or arid doctrines, but they change the gaze on the world and on everything that happens. This spirit of Wisdom is a gift of the Holy Spirit who allows us to taste and assimilate all the truths of faith that we profess in I believe. It is therefore a vivid way, experiential and authentic to live the faith, an almost concrete contact with the sacred mysteries, that we can have during a deep prayer.

.

Take a sapiential orientation on the world is what helps us to recognize also the path that God gives us. Today's Gospel tells of a rich young man who presents himself to Jesus with an enviable “curriculum”: he followed the commandments with heart from his youth. He probably did it with conviction. But now the passage is missing nail. And that's where the young man goes into crisis. Jesus asks him to follow him after he has sold all his possessions to obtain a treasure in heaven. At that point the young man leaves. In private, the Lord then explains to the apostles:

.

«How difficult it is, for those who have riches, enter the kingdom of God! […] How difficult it is to enter the kingdom of God! It is easier for a camel to pass through the eye of a needle, that a rich man enters the kingdom of God ".

.

Jesus does not condemn the rich in and of themselves as rich, but in this case it exposes the difficulty of continuing on a path of holiness if material wealth is something rooted in man, when wealth tends to eliminate any spiritual and divine horizon. Or when at the same time, the richness, focuses all human attention on earning, on immoderate possession, making you forget that material goods, such as money or real estate, yes, they are very important means, but still means that must help us to become true disciples of Jesus.

.

The Gift of Wisdom is the only true wealth, because together with grace it prepares us to evaluate all that we possess in the light of eternal life; it helps us to distinguish the ephemeral from the eternal, giving us a free look, right, prudent and harmonious. And with this freedom we can become generous in charity towards neighbor and prodigal only in the love of God. Ithe famous Lutheran pastor Martin Luther King wrote:

.

“Life is sacred. Property is meant to serve life, and as much as we surround it with rights and respect, it has no personal essence: it is part of the earth on which man walks: it's not the man ".

.

We ask the Lord to be ready for his call to leave all superfluous, drop all the ballast of our life, to live an authentic Catholic life and walk the eternal paths of holiness.

.

Amen.

Rome, 10 October 2021

.

 

 

 

.

.

NOTICE

Dear Readers,

we had to “put rules” to comment on articles, a very simple rule: just sign up. In fact, as we explained in the link to which we refer you, having on average over two million visits per month The Island of Patmos is prone to receiving hundreds of spam messages generated by robots. To subscribe, just log in WHO and follow the instructions we have detailed for the less experienced.

.

.

.

.

.

Staff Blog

Father Gabriele

.

.

Visit the pages of our book shop WHO and support our editions by purchasing and distributing our books.

.

News from the Dominican Province Roman: visit the official website of the Dominicans, WHO

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanks [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

Conversation with Andrea Turazzi Bishop of San Marino-Montefeltro: "In the ancient Republic where the referendum on abortion won with the 77,28% of votes, Mount Titano will become like Mount Taygetos?

- Church news -

COLLOQUIO CON ANDREA TURAZZI VESCOVO DI SAN MARINO-MONTEFELTRO: «NELL’ANTICA REPUBBLICA DOVE IL REFERENDUM SULL’ABORTO HA VINTO CON IL 77,28% OF VOTES, MONTE TITANO WILL BECOME LIKE MONTE TAIGETO?

.

«Non credo che sia pertinente né credo che sia giusto paragonare i sammarinesi agli spartani. Occorre non identificare quel 77% Of “Yes” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. However, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. Non viene considerato adeguatamente il diritto del nascituro».

.

.

PDF print format article
.

.

.HTTPS://youtu.be/2qrilziMZHk

Author:
Jorge Facio Lynx
President of Editions The island of Patmos.

.

.

NOTA STORICA INTRODUTTIVA: L’ANTICA SERENISSIMA REPUBBLICA

.

(C)apitale della Repubblica di San Marino: la rocca, anche detta guaita, sulla sommità del Monte Titano

In the Republic of San Marino this la serenissima, 33.860 inhabitants, dopo accesa campagna referendaria gli aventi diritto si sono recati alle urne dove il 77,28% degli elettori ha votato a favore dell’aborto. Un risultato che richiama alla mente certe maggioranze oceaniche e che induce a riflettere animati anche da comprensibile inquietudine.

Il tema della nostra intervista che seguirà merita un’introduzione storica e agiografica. La Repubblica nasce il 3 September 301. Suo fondatore fu Marino, un tagliapietre nativo dell’isola di Arbe fuggito dalla Dalmazia durante le persecuzioni dei cristiani avviate da Diocleziano. Con una piccola comunità cristiana si stabilì sul Monte Titano, il più alto dei sette colli dove oggi sorge la Capitale. Proprietaria di quei terreni era certa Felicissima, ricca nobildonna della Città di Rimini che fece dono di quella proprietà alla comunità di Marino, che in seguito la titolerà a suo nome. Assieme a Marino spicca la figura di un altro scalpellino, Leo o Leone. This second, dopo essere giunto anch’esso sul Monte Titano si spostò sul Monte Feliciano, noto oggi come Montefeltro, seguitando a lavorare alla estrazione e lavorazione delle pietre. Su quella altura Leo edificherà una chiesa, in una zona chiamata oggi San Leo, con-cattedrale della Diocesi di San Marino-Montefeltro, che ha la propria cattedrale e sede vescovile a Pennabilli, paese di circa 1.000 inhabitants. Marino e Leo, secondo l’antica tradizione diaconi, sono i santi patroni della Diocesi. La comunità di San Marino diviene indipendente nell’VIII secolo alla caduta dell’esercato bizantino di Ravenna, sede arcivescovile metropolitana di cui la Diocesi di San Marino-Montefeltro è suffraganea. Da sempre molto stretto e solido il legame tra l’antica Repubblica — che nasce da profonde radici cristiane — e la Chiesa di Roma. In 1291 il Sommo Pontefice Niccolò IV riconobbe San Marino come cristiana repubblica.

Tutt’oggi la Serenissima Repubblica è in relazioni diplomatiche con la Santa Sede e sul suo territorio si trova la nunziatura apostolica. L’ufficio di nunzio apostolico è ricoperto dal Nunzio Apostolico in Italia, che svolge il suo ufficio diplomatico con doppio accredito: al Governo della Repubblica Italiana e al Governo della Repubblica di San Marino. Per questo la sede diplomatica della Santa Sede in Italia è chiamata Nunziatura Apostolica in Italia e nella Repubblica di San Marino. Il penultimo Nunzio Apostolico in ordine di serie, S. AND. Mons. Adriano Bernardini (2011-2017), era un particolare e apprezzato conoscitore della storia di quel Paese. Anche se formato al Pontificio Seminario Maggiore Romano e ordinato presbitero per la Diocesi di Roma, era nativo del Montefeltro (Piandimeleto, frazione di Monastero). Originario del Montefeltro era anche un altro insigne diplomatico della Santa Sede, S. AND. Mons. Pietro Sambi, che fu nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America. L’attuale Nunzio Apostolico è lo svizzero S. AND. Mons. Emil Paul Tscherrig. From the 2014 Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro è S. AND. Mons. Andrea Turazzi.

I Vescovi di San Marino, seppur titolari della sede episcopale e avendo una residenza nel territorio dell’antica Repubblica, non vi risiedono stabilmente, ciò per motivi di natura politica legati alla particolarità del governo di quel Paese, dove a breve cadenza periodica sono eletti i due Capi di Stato, detti Capitani Reggenti. Le Loro Eccellenze Serenissime rimangono infatti in carica solo sei mesi. In un Paese così piccolo e con un simile sistema di governo il Vescovo, che sulla sua cattedra episcopale può rimanere anche venti o trent’anni, potrebbe assumere un ruolo di autorevolezza maggiore a quello dei periodici Capi di Stato, specie se avesse una spiccata personalità.

I sammarinesi sono profondamente fieri della loro antica Repubblica e non hanno mai gradito i lazzi di certi italiani della circostante confinante Romagna. Tutt’altro che rari gli incidenti diplomatici con l’Italia nel corso del tempo, per esempio quando in occasione della Festa delle Forze Armate una rivista satirica romagnola alluse all’aviazione sammarinese composta da quattro elicotterini telecomandati e alla sua flotta navale composta da dieci barchette a pila fatte girare nell’acqua di una vasca. Forse ignari, gli ironici geografi, che la Repubblica non ha sbocco alcuno sul mare e che San Marino potrebbe avere una flotta navale al pari della Svizzera o del Principato del Liechtenstein, ma anche di Paesi europei dall’estensione territoriale ben più grande sui quali nessuno ironizza per la mancanza di flotte navali: Austria, Hungary, SlovacchiaOppure quando le Forze Armate sammarinesi scattarono in massima allerta — cosa accaduta più di una volta — a causa di mezzi militari dell’Esercito Italiano che attraversarono il suo territorio. Episodio comprensibilmente vissuto come un’invasione, sino a suscitare le vibranti proteste di S.E. Antonella Mularoni ministro degli affari esteri. Perché con buona pace dei ridenti e gaudenti romagnoli circostanti e confinanti, i sammarinesi sono orgogliosi del loro Paese e della loro Repubblica, la più antica del mondo. Per questo meritano rispetto profondo, soprattutto profondo rispetto storico.

.

.

COLLOQUIO CON ANDREA TURAZZI VESCOVO DELLA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO

.

Author:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p.

.

.

.

S. AND. Mons. Andrea Turazzi, Vescovo di San Marino-Montefeltro

(D). Excellency, lei è nato a Stellata di Bondeno (Ferrara) ordinato presbitero per la Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio (27.05.1972). È stato stimato dall’allora Arcivescovo di Ferrara-Comacchio Carlo Caffarra (1995-2003). Per quattro decenni ha vissuto a contatto col Popolo di Dio esercitando il sacro ministero sacerdotale come parroco, dedicandosi nel mentre alla formazione dei futuri sacerdoti come direttore spirituale del seminario e docente di teologia pastorale. È eletto alla sede vescovile di San Marino-Montefeltro dal Sommo Pontefice Francesco (30.11.2013) e consacrato vescovo dal Cardinale Carlo Caffarra (24.01.2014), Arcivescovo di Bologna (2003-2015). Possiamo cominciare chiedendole un suo ricordo personale di questo vescovo e teologo tornato alla Casa del Padre il 6 September 2017, ricordato oggi come uno tra i più grandi esperti sui temi del matrimonio, della famiglia e della procreazione umana?

.

R. Ho avuto la fortuna di avere l’allora Don Carlo Caffarra come professore. Ricordo perfettamente la chiarezza e lo spessore delle sue lezioni. Rigorosissimo, ma straordinariamente accogliente. L’episcopato ferrarese del Cardinale Carlo Caffarra ha lasciato un’impronta in ciascuno di noi presbiteri, ma credo abbia segnato profondamente anche lui: ha aggiunto, alla robustezza del teologo di razza, la delicatezza del pastore (fortiter et soaviter). Conservo tanti ricordi personali, che custodisco gelosamente; due li condivido: le sue lacrime durante una pausa-caffè, in sede di Conferenza Episcopale Regionale, a causa del calo delle vocazioni; la sua gioia nel raccontarmi l’esperienza “spirituale” vissuta nel Conclave che elesse Papa Francesco. Non ho avuto alcun “dubbio” sull’attaccamento del Cardinale Carlo Caffarra alla persona del Santo Padre ― Papa Francesco ― e non solo al “papato”. Lo prova il fatto che quando taluni tentarono di porre il Cardinale Caffarra in conflitto con il Santo Padre sui temi della famiglia, lui non esitò a rispondere:

«Avrei avuto più piacere che si dicesse che l’Arcivescovo di Bologna ha una amante, piuttosto che si dicesse che ha un pensiero contrario a quello del Papa. Perché se un vescovo ha un pensiero contrario a quello del Papa se ne deve andare, but just you have to go by the diocese, perché condurrebbe i fedeli su una strada che non è più quella di Gesù Cristo. Quindi perderebbe se stesso eternamente e rischierebbe la perdita dei fedeli. È una cosa che mi ha profondamente amareggiato perché è calunniosa, perché non solo il Papa non ha mai parlato su questo, ma quando ha parlato ha chiesto un dibattito. E il dibattito è vero se tutte le voci possono parlare. Io sono nato papista, sono vissuto da papista e papista voglio morire» [N.d.R. vedere video dell’intervista].

.

(D). Come Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro si è ritrovato di fronte a una campagna referendaria per la legalizzazione dell’aborto all’interno di un Paese che è la più piccola e antica repubblica del mondo. Da subito ha lasciato capire che per la Chiesa particolare da lei governata non era in gioco una questione politica ma una questione che toccava una corda molto sensibile della nostra fede: la vita umana, tale considerata da noi cattolici sin dal momento del concepimento. Of course, il tutto si è giocato sul terreno politico, quello del referendum, attraverso la libera espressione della volontà popolare. Ritiene che i favorevoli alla legalizzazione dell’aborto abbiano compreso che per il Vescovo non si trattava di una questione puramente politica ma di una delicata questione di coscienza?

.

R. Sono intervenuto da pastore. A quanto so i sammarinesi non hanno mai contestato le mie prese di posizione espresse nel mio intervento al Vicariato San Marino, in due omelie in Basilica in circostanze solenni (The body of the Lord e Solennità di San Marino), infine due comunicati stampa in prossimità del Referendum, apprezzati da molti per la chiarezza e il tono. Diverse voci delcartello sìhanno assunto evidenti toni ideologici, con slogan tipo: «Né Dio, né Chiesa, ma le donne decidono di sé…». The “no” è stato sostenuto sostanzialmente da due formazioni: una di tipo laico, con motivazioni di ragione, di scienza e di antropologia; l’altra costituita dalla Consulta delle Aggregazioni ecclesiali (una decina). Ufficialmente i partiti hanno fatto appello alla libertà di coscienza. Ma diversi partiti (alcuni di governo della Repubblica) hanno dato pieno appoggio alla campagna per il “Yes”.

.

(D). Secondo le statistiche ufficiali del 2019, su una popolazione di 33.860 abitanti i cattolici sammarinesi costituiscono il 97,2% della popolazione, formata da battezzati. Considerando che il 77,28% degli elettori ha votato a favore della legalizzazione dell’aborto, il risultato di questo referendum non è forse paradigma del sentire della società contemporanea? Dinanzi a questo quorum, quanti potrebbero essere i cattolici che dopo avere votato a favore della legge sull’aborto si sono poi recati alla Santa Messa domenicale all’uscita dalle urne elettorali, sentendosi con la coscienza in perfetto ordine? Se ciò fosse, non crede che saremmo di fronte a una scissione tra l’essere cattolici e mettere in pratica ciò che la nostra fede considera un bene mai e in alcun caso disponibile, la vita umana?

.

R. Francamente non mi aspettavo un esito così clamorosamente sbilanciato. È evidente come anche a San Marino pesi il condizionamento della cultura dominante, la secolarizzazione e la scissione fra fede e vita: molti sono cristiani senza mai aver deciso di esserlo! Forse si poteva evitare questo Referendum con una mediazione fra le forze politiche. However, al di là dell’esito, è stato occasione di un sussulto di consapevolezza e di responsabilità: per i cattolici di maggior coerenza nel testimoniare il Vangelo della vita e per tutti di sostenere una cultura e una politica favorevoli alla famiglia.

.

(D). Nell’edizione di lunedì 27 September il quotidiano dei Vescovi d’Italia, L'Avvenire, parla di molti nodi da sciogliere dopo il “si” della Repubblica di San Marino. Il giornale dei Vescovi mette in luce la mancata indicazione di un limite di tempo che potrebbe portare alla possibilità di abortire fino al nono mese, col rischio di creare dentro il territorio italiano un porto franco dell’aborto libero. Pensa che questo rischio possa tradursi in realtà?

.

R. Mi auguro che la legge che verrà introdotta nella Repubblica di San Marino sia formulata in modo da tenere presente la sensibilità in favore della vita di tanti sammarinesi. Presso il Consiglio Grande e Generale (Parlamento) sono già state depositate istanze in questo senso. È da considerarsi una vera sconfitta la scarsa affluenza alle urne, ma questo dato dice anche il valore relativo dell’esito referendario. Lungi dall’immaginare un “aborto cattolico” — l’aborto è sempre e comunque un crimine — mi auguro che si arrivi ad una legge equilibrata, che riesca veramente a non lasciare indietro nessuno e non si limiti a recepire l’ideologia dello scarto. Il primo impegno consisterà nel sorvegliare strettamente l’evoluzione del dibattito politico in argomento, allo scopo di prevenire la fallimentare esperienza italiana e gli eccessi di certe legislazioni abortive europee, e di tenere viva la tradizione umanitaria e cristiana di San Marino. Il secondo impegno èfarsi prossimo”: salvare vite, aiutare le mamme, sostenere associazioni pro-life; not last, l’impegno educativo verso giovani e adulti. Therefore, ho motivi per sperare che non si crei un porto franco per l’aborto libero.

.

(D). Durante la campagna referendaria le avverse parti si sono confrontate in toni accesi anche sul cosiddetto “aborto selettivo” che consentirebbe di procedere alla soppressione dei bambini affetti da sindrome di Down, o ai bambini affetti da anomalie che non sono però incompatibili con una vita degna di essere vissuta. Le domandiamo: il Titano (N.d.R. è chiamato Monte Titano l’altura dove sorge l’antico insediamento della Serenissima Repubblica di San Marino), non potrebbe correre il rischio di mutarsi nell’antico Monte Taigeto, l’altura dalla quale gli spartani, secondo i racconti mitologici, gettavano giù i neonati deformi o giudicati troppo deboli per vivere e crescere secondo gli schemi estetici e fisici della cultura greca?

.

R. Non credo che sia pertinente né credo che sia giusto paragonare i sammarinesi agli spartani. Occorre non identificare quel 77% Of “Yes” all’aborto con l’atteggiamento estremamente aggressivo e ideologico di alcuni gruppi¹. Il Referendum a San Marino è stato celebrato come Referendum propositivo per chiedere la depenalizzazione. However, l’istanza prospetta anche l’eventualità di una pratica abortiva senza limitazioni. Tiene infatti conto solo del punto di vista della donna. Non viene considerato adeguatamente il diritto del nascituro. Non si guarda alla responsabilità della comunità. Ci sono tante possibilità di tutela della maternità nel nostro tempo, considerato il progresso scientifico, le disponibilità economiche, l’accresciuta sensibilità sociale. Non deve succedere che una donna interrompa volontariamente la gravidanza per motivi economici o per mancanza di aiuto e di tutela. Ora la parola passa al legislatore. Si auspica l’offerta di un quadro legislativo di vero aiuto alla donna, di tutela della vita e di accoglienza della obiezione di coscienza. Ci sarà certamente una legislazione diversa dall’attuale; verrà data una libertà che prima non era prevista. Spero non sia un incentivo alla prassi abortiva, ad una leggerezza nelle decisioni o — come ha detto recentemente Papa Francesco — «ad una bruttissima abitudine ad uccidere».

.

(D). La condizione di decadenza nella quale versiamo a livello ecclesiale è evidente, essendo la Chiesa mondo nel mondo, come prova la dissociazione tra l’essere cattolici e il vivere e pensare cattolico che porta a una maggioranza del 77,28% a favore della legge sull’aborto. Ci conceda una domanda non facile da rivolgere a un vescovo: come pastori in cura d’anime e come teologi, quante gravi responsabilità abbiamo, di fronte a tutto questo? Di recente abbiamo avuto casi di sacerdoti italiani che si sono pubblicamente dichiarati a favore dell’eutanasia con gran risalto sui media nazionali. Of course, si tratta di pochi casi, ma la risonanza di questi pochi è destinata a creare scandalo e disorientamento nel Popolo di Dio, già fin troppo disorientato. Non è che abbiamo perduto la percezione della sacralità del Donum vitae nell’ambito stesso della formazione al sacerdozio ministeriale? Per questo le chiediamo: da dove possiamo ripartire?

.

R. I repeat: non si può essere cattolici e negare i principi stessi del Cattolicesimo, come il diritto assoluto alla vita e la dignità umana del concepito, come ho avuto modo di sottolineare nella festa del Santo Patrono e Fondatore Marino, the 3 settembre scorso. Ci sono cattolici impegnati sul fronte sociale, sui diritti umani e sui grandi temi della ecologia. Alcuni altri accentuano l’attenzione alla salvaguardia dei valori etici non negoziabili; talvolta sembra che tra le due prospettive affiori un solco. Agli uni e agli altri ho sentito il dovere di ribadire come il Vangelo dell’amore di Dio per l’uomo, il Vangelo della dignità della persona e il Vangelo della vita siano un unico e indivisibile Vangelo. Offro anche un’altra considerazione da interpretare nel verso giusto. Stiamo dando molta attenzione, spendendo risorse e impegno, alla promozione umana. Non possiamo che apprezzare il lavoro, eg, delle Caritas diocesane, la testimonianza del volontariato, i Programmi pastorali in favore delle urgenze e delle necessità della gente. Vorrei però altrettanto slancio per l’evangelizzazione. Vorrei più in evidenza il primato dell’annuncio di Gesù Cristo: essere speranza in un mondo ferito! Nei prossimi giorni stileremo nella nostra Diocesi una sorta di “tabella di marcia”:

sostegno ai nostri fedeli nell’esperienza di una fede capace di interagire col mondo e suscitare speranze;

accompagnamento delle persone in difficoltà, guida spirituale e catechesi appropriata;

lavoro convergente degli Uffici pastorali sul tema della vita;

sostenibilità di un Consultorio famigliare;

celebrazione della Veglia per la Vita nascente e, come in Italia, della Giornata per la Vita.

.

(D). Rod Dreher scrisse il libro L’opzione Benedetto, da intendersi come la fuga di Benedetto da Norcia che osa separarsi dall’Impero oramai corrotto e sconvolto dai barbari invasori per poter ritrovare le proprie origini, le proprie radici e l’identità cristiana che oggi al mondo suona come una bestemmia impronunciabile». Pensa che noi cattolici, senza cessare di essere mondo nel mondo, ma anche avversi a certe logiche di questo mondo, dall’aborto all’eutanasia e per questo all’occorrenza odiati dal mondo (cf.. GV 15, 18-21), finiremo col giungere a una nuova «opzione Benedetto» idonea alla nostra società contemporanea?

.

R. Conosco il libro di Rod Dreher L’opzione Benedetto. Se ne è parlato a lungo anche tra noi. Abbiamo potuto apprezzare concretizzazioni interessanti e sicuramente positive. Non vorrei si indebolisse la vocazione del “lievito nella pasta”, la volontà di assumere e di “abitare” questo nostro tempo. Non possiamo cedere alla sindrome del sentirci assediati. Anche una cooperativa agricola “cattolica”, o una scuola “cattolica”, iniziative più che encomiabili, devono porsi in dialogo e offrire ispirazione a tutti.

.

(D). Abbiamo chiesto a un suo presbitero di dipingerci il proprio Vescovo, ha risposto così: «Il mio Vescovo è un credente di solida fede e un vero pastore. È sempre pronto a farsi in quattro per i suoi preti, che mai abbandonerebbe nella solitudine e nello scoramento della notte buia. È sempre presente, ed è molto geloso dei suoi preti, ben sapendo quanto Dio è geloso di tutti noi». Che effetto le fa sapere che uno dei suoi preti ci ha risposto così?

 

R. (Il Vescovo risponde con un sorriso)

.

From the island of Patmos, 6 October 2021

.

.

¹ N.d.R. I Sanmarinesi votanti sono stati solo 14.558 pari al 41,11 degli aventi diritto (circa 35.400). I favorevoli sono stati circa 11.250 pari al 77,28% dei votanti mentre i contrari circa 3.308 pari al 22,72%. Quell’impressionante 77,28% rappresenta solo il 31,78% degli elettori, ennesima riprova che una minoranza agguerrita – in questo caso meno di un sanmarinese su tre – impone le sue scelte alla maggioranza assente o inerte per pigrizia, scarso senso di responsabilità, disinteresse.

.

.

.

.

NOTICE

Dear Readers,

we had to "set rules" to comment on the articles, a very simple rule: just sign up. As in fact we have explained in the link to which we refer, having on average over two million visits per month The Island of Patmos is prone to receiving hundreds of spam messages generated by robots. To subscribe, just log in WHO and follow the instructions we have detailed for the less experienced.

.

.

.

.

Staff Blog

Father Gabriele

.

.

News from the Dominican Province Roman: visit the official website of the Dominicans, WHO

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanks [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.