Olim sacra Eucharistia cohaerent et ad Catholicae Ecclesiae sacerdotium, Et factum est Kiko Arguello, et Compare Catullus Texts Hernandez Providerant conditores ex diversitate via Neocatechumenal … et heresis caro factus est et habitavit in nobis:

— i saggi di Theologica —

Quod Incolae MINISTERIO ET VITA EUCHARISTIA ET PRINCIPIS CATHOLICAE praesens, Venerunt autem et Kiko Arguello Compare Catullus Texts Hernandez Providerant conditores ex diversitate Neocatechumenal via ... ET PESTIS caro factum est in medio nostri sitis

.

INDEX RERUM: ego. Eresia non è una parola indecente e dare dell’eretico a chi cade e permane in eresia sostanziale e formale non è un insulto, ma una semplice constatazione di fatto — II. Primum, ut cereus iste error: Via sub pontificatu diam Neocatechumenal si duos pontifices sanctos, Hoc enim si facit sancti dogmatis atque intractabile fides catholica? - III. I Neocatecumenali prendono vita sulla crisi di autorità della Chiesa e si sviluppano sotto il pontificato di Giovanni Paolo II dopo avergli presentata la famiglia de Il Mulino Bianco — IV. Il Cammino Neocatecumenale ha resa nuovamente attuale la vecchia eresia degli albigesi, senza che l’autorità ecclesiastica ponesse freno al fatto che l’Eucaristia non è un bene privato di cui essi possano disporre a proprio piacimento — V. Quando la Chiesa trova tutte le scuse per non ascoltare le vittime di vario genere, Cardinales tandem desinit relinquitur iudiciis criminalibus vectes, ma anche in tal caso seguita imperterrita a non ascoltare — NOS. Hoc avertere in via principes Neucatecumenale: affermare che la Chiesa ha riconosciute e pienamente legittimate le loro stramberie liturgiche e catechetiche — VII. A rendere sano un movimento bastano le tante brave persone che lo formano? Sunt illorum qui dicunt testimónia satis: "Et conversus sum via ', 'Redii in via in Ecclesia "? VIII. Il Pontefice regnante non ha tardato a lanciare etiam precisi richiami ai kikos et christianae doctrinae de Mega-Neocatechumenal obtinendae per tribus et maiores adeptus effectus,: orecchi da mercante — IX. I Neocatecumenali sono la negazione del sapiente spirito missionario della Chiesa, ed anziché portare nuove genti al Cattolicesimo fanno nuovi adepti al Neocatecumenalesimo — X,. Il Cammino Neocatecumenale è una psico-setta nella quale si annulla il senso critico dopo avere invasa la coscienza degli adepti e mutando la crassa ignoranza e la superbia in un dono di elezione dello Spirito Santo — XII. Al grave problema della errata percezione della Santissima Eucaristia si unisce la errata percezione del Sacerdozio, presertim baptizatis commune sacerdotium ministeriale sacerdotium Christi, quae modo ministri in sacris critica instruantur munus triplex: docendi, regendi, sanctificandi — XII. conclusio,.

.

.

.

auctor:
S Arihel. Levi Tadinensis

Ante vos adepto iens in oratione longum ex significatione necesse est ut sit nomen haeresis,. De iudicio ferendo de necessitate sit debitum ad hoc quod in ipsa ecclesia est dies labefactatur Newspeak, Et factum est in una explicare quomodo annos primum items in hac nostra Insula, quæ appellatur Patmos [2014, videre qUI], et sequitur me dicuntur INCAENTIVUS [video video, qUI]. Newspeak, non solum verbis creo, et vocavit noviciorum, operatio autem est praestare et pejus: dans autem verborum a dian, quod ex alia significatione ch'esse. Et ex significatione verborum exinanitio eventus omnino aliud significant repleti, periculum gravis phaenomenon est quod progressionem in conspectu, et cum in Rebus Novis Francicis incensus. Offere plenum sit exemplum est idem finis libertatem, et aequalitatem fraternitatis,, quibus Christiani suffixes conditam, non invention rebus ex novis proficiscentium. Principia tamen,, nuper octavodecimo saeculo, et secundum saeculum XIX, Et in principiis contrariam te mutare Christianus, Quid adsuetior oppugnare et se christianae religionis Palpavimus sicut scuttle […]

.

.

.

Te potest emere LIBER strepitando qUI

 

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

175 cogitationes on "Olim sacra Eucharistia cohaerent et ad Catholicae Ecclesiae sacerdotium, Et factum est Kiko Arguello, et Compare Catullus Texts Hernandez Providerant conditores ex diversitate via Neocatechumenal … et heresis caro factus est et habitavit in nobis:

  1. Grazie di cuore per questo articolo, che ho trovato veritiero, preciso, fondante e, super omnia, chiarificatore puntuale della dottrina della Chiesa.
    Venivo dai lontani e non conoscevo nulla, il cammino mi ha intercettata a 20 anni e ci sono rimasta per 35 aetate, facendo anche la catechista per oltre 25, cosa di cui oggi mi pento amaramente.
    Ho potuto vedere e vivere di persona lo strapotere laico, l’insignificanza dei ministri ordinati, l’arroganza dei catechisti fai da te che si credono infallibilmente ispirati dallo Spirito Santo.
    omnia vero.
    Il Signore poi, dopo così tanto tempo, mi ha messo nel cuore il dubbio, passando da tante situazioni.
    Ho iniziato ad evidenziare apertamente diverse storture pratiche ma, siccome nel cammino questo non è ammissibile perché non si può uscire dal battaglione (da voi chiamato armata, quasi uguale) senza pagarne le conseguenze, ho dovuto lasciare perché la mia vita lì dentro era diventata impossibile.
    Ho iniziato a leggere e ad informarmi ed ho ritrovato nella Chiesa la spiegazione del mio sentire e ringrazio Dio che mi ha messo il dubbio nel cuore.
    Prego per il mio sacerdote, un buon uomo neocatecumenale, vessato e disprezzato dai

    1. Ariel pater mi,

      grazie per il suo lungo e circostanziato articolo, dietro al quale si percepisce un accurato e lungo lavoro di ricerca. Che Dio la ricompensi se non lo farà la gerarchia ecclesiastica: lei rende un prezioso servizio alla Chiesa cattolica, ristabilendo la verità. E non dia conto a gli insulti che hanno già cominciato ad arrivare. Chi insulta dimostra 1. Di non avere argomenti con cui controbattere e quindi implicitamente che tutto quello che lei scrive è vero e 2. Che il cosiddetto cammino di fede non produce cristiani, ma solo esseri arroganti, superbi e violenti. Esattamente il contrario di quello che predicava Gesù Cristo.

      thanks again. Pregherò perché Dio l’aiuti sempre nella sua opera pastorale.

  2. pater Arihel,

    ho letto il suo lavoro piangendo due volte per due motivi diversi:

    1. il primo pianto, perché ho rivissuto il dolore che ho sofferto dentro il Cammino Neocatecumenale diaci anni, le basti sapere che i catechisti obbligarono il mio fidanzato a lasciarmi perché lo Spirito Santogli aveva detto che aveva la vocazione al sacerdozio”, autem, totalmente plagiato, seguì una strada che non era la sua, divenne prete cinque anni dopo, e dopo un anno, quando eraitinerantelasciò il sacerdozio per entrare in una setta pentecostale.

    2. il secondo pianto: lei ha data voce, e ha fatta giustizia, a molte persone che hanno vissuto momenti, o addirittura lunghi anni veramente terribili.

    Se quando uscii dal Cammino non avessi incontrato un santo confessore frate cappuccino, credo che avrei abbandonata la chiesa cattolica, perché ero in parte arrabbiata, e in parte in totale crisi di fede.

    Sappia che sono vendicativi, anche se da quello che scrive, e da come lo scrive, ho l’impressione che lei parli solo sulle prove, E, chi la legge con attenzione, capisce quanto lei non sia certo uno sprovveduto che si lancia contro i mulini a vento, semmai sono i mulini, che tentano di lanciarsi, haud, su di lei.

    Le prometto che pregherò per lei e per la sua missione sacerdotale, ma intanto la ringrazio tanto.

    Anna da Roma

  3. lei è un emerito ignorante, in omni sensu … lei è un fallito come “theologus” e come prete, e siccome grazie a Dio nessuno se la fila, allora cerca disperatamente di mettersi in risalto.

    San Giovanni Paolo II ci ha approvati, le piaccia o non le piaccia, se ne faccia una ragione, grandissimo coglione!

    Ecco la prova

    1. Durante la rivoluzione anti-cattolica messicana del 1927, preceduta nel 1917 da una Costituzione nella quale il clero era privato dei diritti civili, per i preti avevano più rispetto di voi kikos apasionados. in facto,, prima di ammazzare i preti, con una spazzola ferrata gli strappavano i palmi delle mani, sulle quali un giorno fu impressa l’unzione con il Sacro Crisma. Ciò avveniva perché, quei carnefici, a loro modo riconoscevano la sacralità del prete.

      La sua segnalazione merita di essere chiarita e precisata, perché in questa felice Insula, quæ appellatur Patmos si vive all’insegna giovannea della verità che ci renderà liberi e non della manipolazione, ed in certe cose bisogna essere chiari:

      In questa foto [videre qUI] potrà vedere il Santo Pontefice Giovanni Paolo II che riceve Marco Panella e la giovane Emma Bonino; in quest’altra foto [videre qUI], potrà vedere la meno giovane Emma Bonino, ricevuta dal Sommo Pontefice Francesco.

      Bene: le risulta che il Partito Radicale ed i militanti Radicali, abbiano usato queste immagini per affermare: «Il Pontefice Giovanni Paolo II ha approvato l’Aborto» o «Il Pontefice Francesco I ha approvata l’eutanasia ed il genus»?
      Utique non, ma se vuole le spiego perché ciò non è accaduto: perché i Radicali sono persone serie.

      Oltre che da lei, questo video mi è stato inviato in toni trionfalistici da altri suoi co-settari in toni altrettanto più o meno insultati, pertanto rispondo sia a lei che a tutti loro:

      1. in 2002 il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II non ha né approvato in via definitiva né tanto meno canonizzato il Cammino Neocatecumenale, basterebbe che lei – ed altri come lei che ci hanno inviato questo video – comprendessero anzitutto che cosa significa approvazione ad experimentum per cinque anni [vedere documento della Santa Sede: qUI];

      2. Ad experimentum per cinque anni furono approvati gli statuti corretti dalla Santa Sede dando tempo al Cammino di adeguarsi negli anni stabiliti a tutte le correzioni ad essi apposte, ma sopratutto per adeguarsi alle norme liturgiche della Chiesa perché la Chiesa non poteva concedere al Cammino liturgie proprie basate soprattutto su una errata percezione della Santissima Eucaristia;

      3. La Santa Sede ha seguitato, negli anni successivi al 2002, a fare vari e ripetute richiami ai Neocatecumenali che non si adeguano alle norme liturgiche e quando nel 2005 fu tentato di manipolare una lettera di richiamo del competente Dicastero facendola passare come una approvazione, il Prefetto del Culto Divino e della Disciplina dei Sacramenti rilasciò un’intervista alla Radio Vaticana per chiarirne i contenuti [videatur document qUI];

      4. in 2008, sotto il pontificato del Sommo Pontefice Benedetto XVI, sono approvati gli statuti in via definitiva dopo ulteriori correzione della Santa Sede e nel Decreto è scritto che sono approvati perché i Fondatori del Cammino «hanno accolto favorevolmente i cambiamenti apportati [Ndr dalla Santa Sede] alla stesura dello Statuto»;

      5. nel decreto di approvazione definitiva da parte del Consiglio per i Laici è scritto: «La vostra azione apostolica intende collocarsi nel cuore della Chiesa, in totale sintonia con le sue direttive e in comunione con le Chiese particolari in cui andrete a operare valorizzando appieno la pienezza dei carismi che il Signore ha suscitato attraverso gli iniziatori del Cammino»;

      6. in 2012, il Sommo Pontefice Benedetto XVI approva le celebrazioni previste per le varie tappe del Cammino da celebrare fuori dalla liturgia eucaristica e che fanno parte dell’intinerario previsto dagli Statuti, ed a tal proposito chiarisce: «Poco fa vi è stato letto il Decreto con cui vengono approvate le celebrazioni presenti nel “Direttorio Catechetico del Cammino Neocatecumenale”, che non sono strettamente liturgiche, ma fanno parte dell’itinerario di crescita nella fede».

      In eo, in quel suo discorso del 2012, essendo Benedetto XVI consapevole – perché la Santa Sede ne è molto ben informata – che i Neocatecumenali proseguono a compiere abusi liturgici di ogni sorta mai approvati dalla Chiesa e per i quali sono stati ripetutamente richiamati; quindi ben informata che oralmente si seguita a dare direttive e insegnamenti che erano state tolte dai testi approvati degli statuti sia ad experimentum che in via definitiva, il Sommo Pontefice fece un discorso nel quale richiamò all’ordine ed al rispetto delle norme liturgiche della Chiesa e degli Statuti del Cammino approvati, baste che lei legga quel discorso qUI.

      sed, se anche in quel discorso di rimprovero, lei legge una ennesima approvazione, allora io riemetto i remi in barca e proseguo oltre perché sarebbe come pretendere di convincere un Mormone che non è vero che un Angelo di Dio sia apparso a Joseph Smith nel 1823 dandogli il libro di una nuova rivelazione.

      igitur, il video che lei ci ha inviato, alla luce di questi fatti non vuol dire niente se non reiterare con penosa ostinazione il tentativo maldestro che fu fatto da Kiko Arguello nel 2002 di far credere ai propri adepti che la Santa Sede aveva approvato tutto, ed in tutto e per tutto, vale a dire le bizzarrie liturgiche e dottrinali che il Cammino seguitava imperterrito a perpetrare.

      Abbia pertanto la serietà che hanno i membri del Partito Radicale, che non strumentalizzerebbero mai delle immagini nelle quali i loro due ducibus sono ritratti con i Sommi Pontefici Giovani Paolo II e Francesco I, per fare credere che la Santa Sede approva l’aborto, l’eutanasia ed il genus. Cosa questa che non avverrebbe mai perché – come ripeto – i Radicali sono persone serie.

    2. Grazie per esserti palesato per quello che sei katekumen ! Sei più di aiuto tu che chilimetri di inchiostro ! Ora porta al tuo catechista quello che hai scritto e poi scrivi qui quello che ti ha suggerito ! thanks again !

    3. concordo pienamente. ma tanto non serve a nulla perchè loro sanno solo scrivere papiri su papiri per allungare la loro vanagloria per qualche secondoho letto a malapena il titolo.
      la Chiesa ha approvato, quindi fate silenzio per una volta nella vostra vita e fate AZIONI

    4. Questo incipit messo da padre Ariel all’inizio della risposta

      Durante la rivoluzione anti-cattolica messicana del 1927, preceduta nel 1917 da una Costituzione nella quale il clero era privato dei diritti civili, per i preti avevano più rispetto di voi kikos apasionados. in facto,, prima di ammazzare i preti, con una spazzola ferrata gli strappavano i palmi delle mani, sulle quali un giorno fu impressa l’unzione con il Sacro Crisma. Ciò avveniva perché, quei carnefici, a loro modo riconoscevano la sacralità del prete”.

      dovrebbe farla sentire, non le dico sinceramente cosa, per essersi rivolto pubblicamente a questo modo ad un presbitero ultracinquantenne, di solida dottrina e ineccepibili costumi di vita sacerdotale noti e riconosciuti, soprattutto dai numerosi preti che si avvalgono da anni di lui come confessore.

      Per motivi diversi, ma più o meno analoghi, diciotto anni fa, giungendo nella parrocchia che all’epoca mi fu affidata dal vescovo, primus, dopo un mese, misi alla porta i sette gruppi di neocatecumenali che in essa la facevano da padroni.
      E si presti attenzione: non mi svuotarono per nulla la parrocchia, sed, andandosene loro, tornarono tutti i parrocchiani che per causa loro erano andati via, e la chiesa fu molto più popolata di prima.

      Ho conosciuto e sperimentato a fondo, in tutti i peggiori risvolti, la mancanza di rispetto di certi catechisti laici verso i sacerdoti, questo modo di esprimersi e aggredire non costituisce la classica mina vagante isolata, ma purtroppo è in pratica la prassi verso chiunque li contraddica, parroci inclusi.

    5. anche a me, negli anni in cui ero parroco in una parrocchia del Vomero (Neapoli) un neocatecumenale mi dette delcoglionedavanti ai ragazzi del catechismo in preparazione alla cresima, è passato del tempo ma credo si stia sempre curando le ferite. Me lo tolse di sotto mano il diacono permanente, mentre tutti i ragazzini facevano il tifo per il parroco dicendo “per, per!”.
      Anche al padre Ariel, è prudente e opportuno dare delcoglionesolo via internet

    6. Complimenti per l’eloquio molto misericordioso e cristiano, oltrechè molto ben argomentato !
      Se questi sono i frutti del suo Cammino se ne può fare tranquillamentea meno.

    7. Complimenti per l’eloquio molto misericordioso e cristiano oltreché ben argomentato.
      Se questi sono i frutti del suo Cammino se ne può fare traquillamente a meno.

  4. L’articolo di Don Ariel ha lo stesso idioletto di un blog anti-Cammino che, ut levissime dicam,, pecca di obbiettività. in facto,, vi trovo gli stessi termini dispregiativi e le stesse strutture linguistiche usate dai partecipanti di quel blog, pieni di risentimento nei confronti del Cammino. Praticamente è il manifesto di quel blog!
    Già in precedenza avevo avuto il dubbio che Don Ariel fosse uno dei partecipanti di quel blog quando lessi in un suo articolo la storia della “suorina stolta” anti-Concilio di Trento con la quale aveva avuto un giorno un confronto dialettico, che venne riportata anche nelle esperienze personali di un commentatore anonimo di quel blog. autem, dopo aver letto questo articolo non ho più dubbi: Don Ariel è uno di quelli “dell’Osservatorio”.
    E naturalmente, tutto questo già basta a squalificare il suo imponente lavoro. Un lavoro estremamente fazioso che non riporta neanche un aspetto positivo del Cammino ma lo considera solo il male assoluto.
    Bene, una realtà ecclesiale che è stata vagliata e mai fermata da ben 5 pontefici, non è possibile che non abbia un aspetto positivo. Come non è possibile che ben 5 pontefici abbiano peccato di “mancanza di

    1. Non conosco neppure quel blog al quale fa riferimento e non ho certo studiato una vita intera per andare poi, alle soglie di 56 aetate, a scopiazzare in giro per Internet.

      Se c’è un fazioso della peggiore e settaria risma questi è lei, che non ha letto affatto il mio lavoro, nel quale è spiegato e ribadito che la grazia di Dio si può servire eccome, Neocatechumenal in via, per compiere azioni redentive di salvezza sulle anime; né ho messo in dubbio la sincerità e la buona fede di tanti suoi aderenti, quia – come ho spiegato nel mio scritto che lei mostra di non avere proprio lettoio sono un pastore in cura d’anime ed un teologo, non sono un mega-catechista, pertanto mi è chiaro da sempre il fatto che la profonda coscienza dell’uomo solo Dio può penetrarla e leggerla. Cosa questa che lei dovrebbe andare a spiegare ai mega-catechisti che, come possono testimoniare autentici eserciti di persone, durante incontri pubblici hanno pubblicamente indagato e invaso le coscienze sino a chiedere ripetutamente a mariti od a mogli se avessero mai commesso adulterio, od a giovani se si fossero mai masturbati.

      O non le è forse noto che ad un certo punto, i dirigenti del Cammino, fecero correre voce tra i mega-catechisti che dovevano evitare di domandare a seminaristi ed a preti che si erano messi in cammino, se facevano ricorso alla masturbazione? I seminaristi ed i preti che si sono sentiti rivolgere in pubblico queste domande dai mega-catechisti, fanno anch’essi parte della multinazionale satanica dei falsi testimoni?

      Intende forse affermare che anche tutto questo è unidiolettoe che tutti questi testimoni, molti dei quali tutt’oggi sconvolti anche a distanza di anni per quelle aggressive invasioni delle loro più profonde coscienze, costituiscono tutti quanti la satanica multinazionale dei falsi testimoni che in giro per tutto il mondo si sono messi d’accordo per screditare il Cammino Neocatecumenale?

      Pertanto lei ha dato prova di commentare, bordando pesanti accuse di superficialità a me, quello che lei non ha neppure letto. Ma d’altronde è comprensibile il motivo, la sua penna è stata mossa dallo Spirito Santo, che la esonera dal leggere, dall’analizzare e dall’uso stesso del buon senso comune. E la mancanza di questo buon senso, porta di triste necessità, il settario, a non rispondere mai nel merito delle questioni. Allora le faccio una sola, unica e semplice domanda:

      Se la sente di smentire numerosi testimoni, inclusi ex seminaristi e sacerdoti che si erano avvicinati al Cammino, i quali hanno riferito di essersi sentiti chiedere in pubblico dai mega-catechisti se avevano mai commesso adulterio o se facevano ricorso alla masturbazione? Quindi se la sente di replicare a tutti loro che sono solo dei bugiardi che rendono false testimonianze per screditare il più grande dono fatto dallo Spirito Santo alla Chiesa, id est Neocatechumenal?

      Et quid vos videtis, rispondere a questa domanda, non è poi così difficile, basta replicare: omnia haec, mariti, mogli, ex seminaristi e sacerdoti, sono dei falsi bugiardi che mentono.
      Ci vuole poi così tanto?

      * * *

      P.S.

      In seguito alla sua segnalazione sono andato a cercare il blog in questione, che in verità non avevo mai letto e del cui staff non faccio né mai ho fatto parte.
      E anche se come lei dice, fossero espresse le stesse cose, ciò che cosa vuol dire? Anche i Vangeli sinottici riportano per la gran parte le stesse cose, lei ritiene pertanto che, gli Evangelisti, abbiano copiato gli uni dagli altri e che infine, in epoca Costantiniana, quasi tirando a sorte, sono stati scelti tra le varie decine all’epoca presenti, i Vangeli che più facevano comodo all’Imperatore Costantino?

    2. In Cristo Stimatissimo confratello Ariel,

      Dio ti ricompensi per il bene che hai fatto con questo “saggio” che andrebbe letto bene nei sacri palazzi, ma sappiamo, tu e noi, che ciò, Infeliciter, non accadrà.
      Siamo due sacerdoti diocesani, se omettiamo il nome non è per fare i “leoni anonimi”, ma perché entrare in polemica non servirebbe a niente, se non a rinvangare vecchi e lancinanti dolori che coinvolgono molte altre persone e istituzioni.

      Entrammo entrambi nel seminario Redemptoris Mater dopo un percorso nel Cammino cominciato a 11 E 13 aetate. Veniamo al sodo: quella del sesso e della sessualità, cui tu fai riferimento in questa risposta a Alberto, è una vera e propria ossessione.
      Confermiamo ciò che tu hai risposto a questo classico neocat, ma da lui, come da altri, non aspettarti mai, risposte nel merito, solo attacchi basati su pugni tirati al cielo.

      Quando decidemmo di uscire dal seminario, avemmo molti problemi:

      1. con il Cammino anzitutto ;
      2. con le nostre famiglie entrambe neocatecumenali;
      3. a trovare un vescovo diocesano che ci accogliesse perché ci fecero una lettera di dimissioni in cui mancava solo scrivessero che eravamo due indemoniati.

      Un santo vescovo diocesano ci accolse e, dopo averci tenuti con lui in episcopio per due mesi, una sera ci chiamò e ci chiese se ce la sentivamo, avendo già fatto tre anni di seminario (stavamo iniziando il IV°), di ricominciare da capo tutto il percorso formativo, perché non eravamo stati formati (esattamente come tu scrivi e spieghi!) ma deformati. Noi accettammo.

      Per tutto quel periodo estivo (giugno-settembre) il vescovo ci dette in affido ad un anziano sacerdote che per quattro mesi ci insegnò per prima cosa il Catechismo della Chiesa Cattolica. Poi i primi d’ottobre il vescovo ci mandò a Roma all’Angelicum. Fummo mantenuti agli studi dal vescovo, che pagò di tasca sua con il suo stipendio e con le offerte che riceveva quando faceva le visite pastorali in diocesi. Abbiamo fatto cinque anni di formazione partendo dal biennio filosofico.

      Frattanto cercarono di darci tutti i problemi possibili, specie i sei gruppi neocatecumenali presenti in diocesi, che mandarono lettere a Roma per avvisare che quel vescovo aveva preso due seminaristisbattuti fuoriper gravissimi problemi dal seminario Redemptoris Mater. Non era vero, noi uscimmo di nostra iniziativa, nessuno ci sbattè fuori, ma loro, dopo che ce ne eravamo andati, scrissero e misero agli atti una lettera postuma di espulsione (!?).

      I nostri rispettivi genitori, istigati dai catechisti, inviarono una lettera al vescovo scrivendogli che non doveva farci preti e chiesero che fosse protocollata agli atti.
      Quando fummo ordinati i nostri rispettivi genitori non furono presenti, e il vescovo, con una grandezza eccezionale, al termine dell’omelia ci disse … “ricordate che io, vostro vescovo, sono vostro padre e vostra madre, e la diocesi è la vostra famiglia”.

      Confermiamo la domanda da te rivolta a questo signor Alberto in tua risposta al suo commento, quod, quel genere di domande invasive, ce le siamo sentite rivolgere più volte e abbiamo altrettante volte udito domandare a coppie sulla loro fedeltà coniugale, sempre davanti a tutti.

      In privato ti abbiamo mandato più ampia lettera firmata da entrambi e con tutti i nostri recapiti, che puoi usare, con discrezione sacerdotale, presso qualsiasi autorità ecclesiastica che dovesse a qualsiasi titolo convocarti, ma ciò sappiamo che non avverrà mai.

      Oggi siamo entrambi parroci da sei anni, respective,: uno di una grande parrocchia, uno di due medie parrocchie e cappellano di una cappellania, un paio di anni fa, il vicario generale diocesano, richiamò due catechisti del Cammino che diffondevano tra i necoatecumenali del luogo la voce chei sacramenti celebrati e impartiti da noi non erano validi perché non c’era azione dello Spirito Santo che noi avevano negato e rifiutato anni e anni prima (!?).

      Cogliamo l’occasione per invitare i lettori a sostenere In insula, quæ appellatur Patmos,, come nel nostro piccolo facciamo anche noi da alcuni anni.

      nomen detinetur

      Post scriptum

      L’anziano sacerdote, oggi tornato alla Casa del Padre, che ci insegnò il catechismo cattolico prima che andassimo a Roma a cominciare da zero tutti gli studi per la formazione al sacerdozio, quando fummo ordinati ci regalò, con i suoi risparmi, due calici e quattro belle casule ciascuna dei vari colori liturgici. Sempre lui, ante, quando facemmo la candidatura agli ordini sacri, ci regalò due talari, e ci disse: “non dimenticatele mai nell’armadio!”.
      amen!

      1. Grazie della vostra testimonianza. E grazie a padre Ariel. Che cattiveria e che vendicatività avete dovuto subire. Le ritorsioni di cui siete stati vittime e anche l’alienazione dei vostri genitori ricordano proprio i sistemi dei regimi totalitariE come stupirsi? Il fondatore del cammino è cresciuto e si è formato proprio sotto una dittaturaMa la giustizia divina esiste. Se anche la gerarchia ecclesiastica rimane silente e non muove un dito, Dio a tempo debito ristabilirà la verità e la giustizia.

  5. Salve.

    Ho letto con interesse il suo articolo e come altre volte ho riflettuto che il cammino in cui sono stato ed a cui mi sono affidato per 30 aetate (adesso sono uscito) è stato per me dannoso. Mi figlia che va alle medie ieri mi ha stupito, senza che le avessi mai parlato ha sintetizzato: “non so se voglio entrare in comunità, mi piacciono le convivenze e stare insieme ma non so se fa per me quella messa lunga e tutte quelle preghiere”.

    Mi ha commosso, ha sintetizzato il motivo, tantum, che porta molti ad entrare e stare nel cammino: i fratelli ed avere aiuto anche solo nel condividere la preghiera. Perché non si esce, non si combatte? Perché rimanere soli dopo che si è investito tanto brucia
    Tutto il resto invece è vissuto come un “officium” ma di cui molti farebbero volentieri a meno. Io non mi opporrò se vorrà fare questa esperienza, ma le starò vicino.

    Lei ha scritto molto chiaramente tuttavia, essendo stato unconvintosostenitore so che in quello stato non conta la verità ma quello che ci viene detto sia la verità.

  6. Buongiorno Padre Ariel,

    Sono un ex-neocatecumenale, ho fatto il cammino per 17 anni e ne sono fuori da 3. Ho letto il tuo articolo con immensa gioia. Sei stato chiaro,sintetico,semplice e deciso.

    Non hai fatto giri di parole e ha detto la semplice verità, facendo nomi e cognomi, senza allusioni velate o possibilità di fraintendimento. Stai rischiando tanto, ma penso che tu ne sei consapevole, questa gente che hai denunciato è potente, subdola e meschina.
    Volevo fare una precisazione che ritengo importante, relativa al Direttorio Catechetico neocatecumenale. in 2010 è stato approvato il “Direttorio Catechetico” del cammino neocatecumenale. Questo documento è citato negli statuti del 2002 E 2008. Tu parli di 12 volumi, io so di 14 volumi che il cammino malgrado l’approvazione della Chiesa si rifiuta di pubblicare.
    Kiko vuole mano libera per allungare a piacimento il percorso gnostico del suo pseudo-cammino-di-fede, tipo il passaggio del Matrimonio Spirituale che si fa dopo 10 anni dalla fine del cammino. Questa cosa non ha alcun senso perché non è possibile approvare e pubblicare uno statuto ad un movimento, nel cui interno si fa riferimento ad un documento che non solo non è pubblico ma che viene allungato a piacimento dal fondatore senza alcuna approvazione della Chiesa.

    Oggi con questa scusa del Direttorio Catechetico approvato dalla Chiesa, giustifica due delle più grosse eresie del cammino, che secondo i catechisti laici del movimento sono contenute proprio all’interno del Direttorio: l’obbedienza ai catechisti laici del cammino e la “decima” parte dei guadagni dei catecumeni da versare al cammino neocatecumenale.
    In questi volumi che il cammino rifiuta di pubblicare, c’è l’essenza del cammino che permetterebbe di rendere palese a tutti la differenza abissale tra la Chiesa e il cammino. Inoltre permetterebbe di capire se il cammino, hodie, propina il vecchio “mamotreto” dal quale nasce il Direttorio o se si ispira al Direttorio approvato nel 2010 in ecclesia.

    Questa cosa è importante perché io sono sicurissimo che certe espressioni eretiche e senza senso contenute nei vecchi mamotreti sono state pesantemente corrette dalle congregazioni della Chiesa che le hanno esaminate.

    Questo secondo me è il vero motivo per cui Kiko non pubblica il Direttorio approvato. Perché le bugie hanno le gambe corte e pubblicando il Direttorio approvato dovrebbe correggere l’intero cammino neocatecumenale, dovrebbe ammettere 50 anni di bugie, cosa che non farà mai.

    Un Abbraccio

    1. carissimi Luca,

      il tuo testo è così chiaro che nulla c’è proprio da aggiungere, perché parla appunto da sé.

      Mi limito a risponderle ad un solo punto, anche per rincuorare te ed altre persone che hanno variamente espresso che questi soggetti hanno ladenuncia facile”.
      Ebbene rassicuro le persone che mi hanno mostrato affetto e preoccupazione dicendo questo: nel sistema giuridico penale della Repubblica Italiana, che peraltro io conosco per la mia pregressa formazione secolare antecedente al sacerdozio, non si agisce come negli attuali tribunali ecclesiastici, né si applica, come invece accade oggi nella propitius esto ecclesia, il libero arbitrio del più prepotente anziché l’ormai inesistente Diritto Canonico.

      Querelare me, ad esempio per diffamazione a mezzo stampa [ex art. 595 C.P.], vorrebbe dire anzitutto mettere un tribunale penale di fronte ad una questione che oltre a non contenere in sé elemento alcuno di reato, non tocca proprio ad alcun titolo le competenze dei nostri Giudici, che non sono e che non possono essere preposti a stabilire che cosa è eresia e che cosa è ortodossia cattolica, che cosa è abuso liturgico rasente il sacrilegio della Santissima Eucaristiacome più volte io ho affermatoe che cosa non lo è. igitur, eventuali querelanti, rischierebbero di essere querelati da me che, per usare un eufemismo forse poco ecclesiale ed ecclesiastico, reagendo con una contro-querela, ut dicunt, – o come direbbe quel gran letterato de er Meo Patacca gli strapperei puro li peli de er culo.

      Forse qualche piccolo fastidio me lo potrebbero dare attraverso quei due o tre cardinali o quei quattro o cinque vescovi a loro molto legati, ma anche in quel caso la cosa è risolvibile, basta ricordare sia ai porporati che ai vescovi in questione, che loro non provengono da quella che fu la ricca famiglia del Cardinale Rafael Merry del Val, ma da famiglie molto modeste e che diversi di loro hanno fatto il seminario grazie al sostegno della diocesi o di un benefattore, quindi li inviterei a chiarire quelle che sono le loro note e riconosciute entità patrimoniali attuali, per verificare se i loro depositi e beni non provengono per caso dalle raccolte fatte con i sacchi neri all’interno del Cammino Neocatecumenale.

      E anche e soprattutto in questo caso, la questione sarebbe immediatamente chiusa, specie considerando che il Pontefice regnante ha dato inizio al proprio pontificato affermando «quanto vorrei una Chiesa povera per i poveri»

  7. Frequento ancora il Cammino Neocatecumenale, sono ormai più di 20 anni e sono prossimo alla fine. Non so se finirò prima io o finirà prima il Cammino. La ringrazio per il lavoro che ha svolto nell’approfondire questi abusi che la quasi totalità dei camminanti non potrà comprendere. Dalle mie ultime esperienze in comunità posso affermare di aver riscontrato un’incapacità totale di affidarsi alla ragione e allo studio del Magistero e della tradizione della Chiesa. pro exemplo,: per anni Kiko e i suoi sottoposti hanno condannato l’invocare i santi come pagano ricorso allareligiosità naturalecontro la dottrina kikiana del Dio manda le disgrazie e devi accettare totalmente la storia. Negli ultimi anni hanno invece promosso ilchiedete grazie a Carmen che è una santa di categoria superiore”. Queste incredibili giravolte si sono già ripetute centinaia di volte e quando Kiko morirà, i suoi eredi dovranno essere ancora più abili nei mutamenti. Un’ultima domanda a Don Ariel. A partire dalla sua conoscenza della storia della Chiesa e del Cammino Neocatecumenale, cosa ci possiamo attendere dalla fine del fondatore?

    1. Caro Giustino,

      che Kiko Arguello sia una personalità egocentrica-narcisistica non lo dico io, che sono un prete ed un teologo e non un specialista in scienze psichiatriche, lo dicono gli psichiatri e gli psicologi clinici, diversi dei quali hanno dovuto curare anche per anni, singolarmente o attraverso terapie familiari di gruppo, molte persone uscite devastate dopo anni da questi gruppi. Se nel mio scritto ho usato la terminologia di psico-setta quod est, dinanzi a proteste o improbabili denunce nel foro ecclesiastico da parte dei diretti interessati, io mi presenterei presso il competente Dicastero della Santa Sede a rendere conto e ragione accompagnato da un esercito di psichiatri e di psicologi clinici, diversi dei quali documenterebbero di avere anche inviato più volte relazioni ai vari vescovi diocesani, gran parte dei quali non si sono degnati neppure di rispondere, tanto difficile è il problema da trattare; ed anche questo è ovviamente documentato. In queste relazioni gli specialistici rappresentavano i gravi danni psicologici riscontrati in diversi loro pazienti usciti da questo Movimento.

      Le dicevo quindi che trattandosi di una personalità egocentrica-narcisistica, è molto improbabile che nel corso degli anni l’Arguello abbia garantita e preparata la successione. Ma questa è una mia ipotesi del tutto gratuita, perché appunto non so, se lo abbia fatto o no. Qualora non lo avesse fatto, in tal caso assisteremo ad una implosione interna; e finalmente, l’alberello marcio fatto passare per una solida quercia, si riconoscerà da tutti i frutti che ha dato.

  8. Il saggio è un’ineccepibile e completa risposta per chiunque si chieda come sia possibile che una vera e propria deriva settaria come il Cammino Neocatecumenale possa essersi incuneata nel cuore della Chiesa Cattolica.
    Consiglio ai molteplici amici che in buona fede sono inseriti in questa organizzazione, di sorvegliare questo spazio commenti per controllare se anche uno solo dei catechisti neocatecumenali, responsabili provinciali, regionali, nazionali, internazionali, sacerdotes, cercherà di rispondere alle serrate argomentazioni di don Ariel e come lo farà.
    Nel caso in cui non rinvenisse alcuna risposta valida, anche se solo parziale, cominci a chiedersi come mai continua a prestare fede a direttive spirituali e di vita di persone che non sanno rendere compiuta ragione di ciò che intraprendono e fanno intraprendere ad altri a cuor leggero, chiedendo però un impegno personale sempre più oneroso e stringente.
    Ringrazio don Ariel per questo lavoro, una vera opera di Misericordia spirituale.

  9. Ringrazio Padre Ariel per il suo articolo.

    Non dice cose nuove sul cammino che ho conosciuto io, ma quello che dice e come lo dice per me ha più valore proprio perchè detto da un sacerdote che, senza paura, dice quello che andava detto tanti anni fà, e lo dice avendo a cuore il bene del popolo cristiano.

    Mi conforta leggere nero su bianco, nelle pagine di Padre Ariel, dichiarate senza mezzi termini con linguaggio chiaro e semplice,le bugie,le eresie,le mistificazioni che ho vissuto personalmente nel cammino neocatecumenale.

    Penso che manca solo la parole fine a questa squallida farsa che si chiama cammino neocatecumenale.

    Luca

  10. Pater gratias ago tibi Ariel.

    Cinque anni fa neanche sapevo chi fossero. Poi ho incominciato a sentirli nominarespecialmente all’epoca del primo Family Daye non capire molto, leggendone contemporaneamente grandi elogi e grandi critiche. Studiando pian piano sono arrivato a comprendere. Questo suo articolo ha il pregio di colmare le mie ultime lacune, confermare cose che avevo intuito e riassumere tutte le questioni importanti in un unico documento.

  11. Scusa Don Ariel,

    sono ancora Luca.
    Ti volevo fare una domanda, visto che sul tuo articolo è coperto da copyright, se lo stampo e lo faccio leggere commetto un reato?
    gratias ago

    Luca

    1. carissimi Luca,

      lo scritto ha una versione stampabile proprio per essere stampato e fatto leggere.
      per copyright s’intende che nessuno può pubblicarlo senza autorizzazione. Può anche essere riportato senza problema in altri siti o blog, purché sia indicato il link de In insula, quæ appellatur Patmos, e l’autore.
      Ti spiego meglio: ciò che non è possibile fare è inserirlo in qualsiasi pubblicazione senza autorizzazione, o prenderlo totalmente o parzialmente senza citare fonte e autore.
      Nam cetera, la versione stampabile, è fatta apposta per la libera diffusione.

  12. Se fosse tutto vero quello che dice Don Ariel vuol dire che la capacità di discernimento di ben 5 Pontefici e della Congregazione della Dottrina della Fede, nel corso degli ultimi 50 aetate, sia pari a zero!
    rectus, già il semplice buon senso ci dice che ciò non può essere vero. Che poi ci siano stati degli abusi, di qualunque natura, in singoli casi non mi sento di escluderlo. Come anche di errori dottrinali del Cammino che sono stati, tum, corretti dalla Chiesa quando ha approvato il Direttorio Catechetico.
    Ma non si può condannare il Cammino in toto e considerarlo il male assoluto. aliter, si pecca di superbia, perché si reputa la propria capacità di discernimento superiore a quello della Chiesa.
    tum, la domanda da farsi è solo questa: mi fido del giudizio della Chiesa sul Cammino Neocatecumenale?
    Fino ad ora nessun documento ufficiale della Chiesa ha giudicato il Cammino come una setta, per giunta eretica. tum, per adesso sono nel torto tutti i detrattori del Cammino a cominciare da Don Ariel!

    1. Le capacità di discernimento della Chiesa visibile negli ultimi 50 anni sono ben evidenti dalle notizie che leggiamo tutti i giorni, dalla quantità di eretici e di pervertiti che pullulano ovunque, a cui nessuno è stato capace di porre un freno. Dunque questo non è un argomento.

      1. ma caro Fabrizio, che cosa dicema che cosa dice?
        Il vecchio Cardinale Theodor McCarrick, molestatore seriale impunito per decenni, è passato indenne nel corso di diversi pontificati proprio in virtù delle alte ed oserei direinfallibilicapacità di discernimento dell’Autorità Ecclesiastica!
        Per questo io mi stupisco di come, alle soglie dei novant’anni, quando lo sporco era ormai tale da tenere il curial tappeto sollevato per un metro da terra, con altrettante alte ed oserei direinfallibili” scilicet discernendi,, erat propitius; ridotto allo stato laicale a pochi centimetri dalla tomba, mentre al tempo stesso, uno dei suoi principali pupilli, già divenuto frattanto cardinale, veniva nominato Camerlengo di Santa Romana Chiesa.

        La prego Fabrizio, non dubiti delle capacità di discernimento delle nostre Autorità Ecclesiastiche, anzi la supplico proprio di non dubitarne, potrebbe andarne della salvezza eterna della sua anima immortale.

    2. Caro Alberto,

      la mia coscienza di sacerdote e la mia coscienza di teologo mi impongono di redarguirla, una volta e per tutte, rimproverandola per il pessimo servizio che lei sta rendendo al Cammino Neocatecumenale, in quo – parlando anzitutto nel mio scritto del mistero della grazianon ho negato, anzi tutt’altro ho spiegato come esso possa essere uno strumento attraverso il quale molte anime giungano alla salvezza. Basterebbe solo conoscere quelli che sono i Ordinarius secula operatus est salutem, ossia la Chiesa ed i Sacramenti di grazia, et Singulari salvationis, che sono racchiusi nel mistero di Dio e che Dio usa come e quando vuole – Et da Scio – senza certo dover chiedere il permesso a noi.

      Il pessimo e dannoso servizio che lei sta rendendo al Cammino Neocatecumenale è dato dal fatto che, proprio come un Testimone di Geova con la filastrocca imparata a memoria, o come uno scientologolavato di cervello”, lei pretende da una parte di interloquire, ma quando le sono poste domande precise, ella seguita come un disco rotto a ripetere da capo la nenia «siamo stati approvatisiamo stati approvatidal discernimento di cinque Ponteficidi cinque pontefici …».

      1. iterum: io le ho posto domande precise, come si può leggere, che sono basate su fatti provati e documentabili, ma alle quali lei non risponde;

      2. nel mio scritto ho spiegatocon rigore teologico, non con l’umore di stomaco e con le passioni soggettive – quod la santità non implica affatto la perfezione di tutte le azioni pastorali, le scelte ed i discorsi di un Sommo Pontefice, cosa questa che le può essere confermata da tutti gli specialisti che si occupano delle cause dei Santi;

      3. i Sommi Pontefici che hanno avuto a che fare direttamente col Cammino Neocatecumenale sono due e solo due: Giovanni Paolo II che dopo molti anni gli ha concesso una prova ad experimentum e Benedetto XVI che ha approvato definitivamente gli Statuti debitamente rivisti e corretti;

      4. questi due Pontefici hanno ripetutamente richiamato nel corso degli anni i Neocatecumenali con i loro discorsi e tramite i Dicasteri della Santa Sede, cosa di cui ho dato prova con documenti e atti ufficiali della Santa Sede che a lei non la sfiorano neppure di striscio;

      5. in 2012 Benedetto XVI ha fatto un discorso ai Neocatecumenali che è un pacato ma deciso rimprovero dall’inizio alla fine, ed è un discorso ufficiale pubblicato e leggibile da chiunque, lei incluso;

      6. il Pontefice regnante ha richiamato i Neocatecumenali più volte e su punti fondamentali della ecclesiologia e della missionarietà della Chiesa, ma soprattutto ha fatto un preciso richiamo al fatto che chiunque deve essere lasciato libero di poter lasciare il Movimento, ed è tutto documentato agli atti, anche se a lei, questi fatti e atti, non la toccano neppure di striscio.

      Ciò malgrado lei seguita imperterrito con la sua filastrocca, ma soprattutto negando risposta a ogni genere di quesito che le viene rivolto, andando in tal modo contro i fatti, i documenti, gli atti della Santa Sede ed i discorsi ufficiali dei Romani Pontefici, mosso in questo suo agire da uno spirito di irrazionalità che la induce al maldestro tentativo di manipolare dei dati oggettivi.

      Non ritiene, a questo modo, di confermare lo spirito umorale, irrazionale e chiuso al ragionamento che io lamento nel mio scritto, anziché difendere, come invece lei presume, Neocatechumenal in via, che con questi suoi interventi e con queste sue ostinate e mancate risposte, non fa altro invece che danneggiare nella sua immagine pubblica?

      Allora le ripeto la domanda alla quale lei non ha risposto salvo postare un altro commento nel quale parla di tutt’altro. Nella mia precedente risposta data, io le ho chiesto:

      Se la sente di smentire numerosi testimoni, inclusi ex seminaristi e sacerdoti che si erano avvicinati al Cammino, i quali hanno riferito di essersi sentiti chiedere in pubblico dai mega-catechisti se avevano mai commesso adulterio o se facevano ricorso alla masturbazione? Quindi se la sente di replicare a tutti loro che sono solo dei bugiardi che rendono false testimonianze per screditare il più grande dono fatto dallo Spirito Santo alla Chiesa, id est Neocatechumenal?

      Et quid vos videtis, rispondere a questa domanda, non è poi così difficile, basta replicare: omnia haec, mariti, mogli, ex seminaristi e sacerdoti, sono dei falsi bugiardi che mentono.
      Ci vuole poi così tanto?

  13. Bonum vespere, pater Arihel,

    da ventisei anni seguo il cammino è non le nascondo che spesso in questi anni ha avuto molti dubbi sopratutto riguardo alla celebrazione eucaristica. In questi ultimi mesi ho approfondito l’argomento e ho preso la decisione di lasciare il cammino perché mi sento colpevole quando vedo le innumerevoli empietá che si compiono in queste celebrazioni. Stare in piedi durante la consacrazione, la distribuzione della Santa Eucarestia fatte da persone varie senza la giusta considerazione che il Signore viene a noi e la ossessiva abitudine di battere le mani era per me diventata una sofferenza enorme che mi ha indotto a non prendere la comunione per il motivo che mi sentivo offeso dal dover prendere il pane azzimo sulle mani. Riguardo al fatto che i sacerdoti, nel cammino, vengono trattati in modo irriverente confermo quanto da lei esposto nel suo saggio. Agli annunci di quaresima, di Pasqua e di avvento e anche in altre occasioni a predicare è il cosiddetto super catechista mentre il sacerdote si limita sola alla preghiera iniziale e alla benedizione finale. Sono sicuro che questa mia decisione, di lasciare il cammino, mi creerà problemi ma il Signore mi sosterrà.
    Pace

  14. Grazie per quello che ha scritto. E’ tutto vero. Sono uscito dal cosiddetto Cammino poco prima di finirlo, dopo aver cercato inutilmente di cambiarlo in piccolo dall’interno. Li mandai a farsi friggere una notte in cui il nostro supercatechista ci urlò che gli dovevamo obbedienza assoluta! Altro che libertà. Tutto inutile! E’ una setta e basta. Deo gratias,, dopo una crisi, siamo tornati nella Chiesa, ma i figli/e no, segnati dai cosiddetti catechisti, dai loro ordini e intromissioni nella sfera affettiva

    … Ego prohibere huc, lei sa bene di che parlo. Che sugli abusi tacciano i presbiteri Redemptoris Mater non mi sorprendo. Ma perché preti, vescovi e cardinali ammutoliscano di fronte ai conclamati e vantati abusi non capisco. Penso ad esempio a quando Kiko si è vantato pubblicamente di fare esorcismi, di dare ordini ai demoni e di confinarli. E i prelati zitti. Pensi che scrissi due volte alla competente Congregazione per segnalare il pericolo spirituale cui si esponevano gli sprovveduti seguaci orgogliosi di scimmiottarlo mettendosi in relazione diretta con il maligno. Restituo? Zero. Evidentemente delle anime non gliene frega nulla, ammesso che ci credano. gratias ago.

    Benedicat te Deus,.

    1. care Lector,

      se lei legge i commenti fatti da alcuni sacerdoti, in uno di essi [veda “Don Francesco Messina,”] troverò risposta, ed in parte la troverà anche nella mia risposta data poco fa al commento di “Beati Pauperes Spiritu”.

      Le garantisco che spesso, i sacerdoti, sono le prime vittime, ed anche quelle più gravemente colpite. Infeliciter, in nonnullis condicionibus particularibus, il sacerdote deve evitare di creare ulteriori divisioni, smarrimenti e liti tra le membra del Popolo di Dio. Né sono mancati neppure vescovi che in passato hanno proprio impedito ai Neocatecumenali di entrare nelle loro diocesi, o che dalle stesse li hanno espulsi.

      Non dimentichi che noi siamo però una struttura nella quale tutto procede dall’alto verso il basso, non viceversa dal basso verso l’alto, come credono invece quegli ideologi che parlano di cosiddettaChiesa di base”, perché la nostra è unachiesa di vertice” nihil “base”.

      Le persone che voi avete più a portata di mano sono anzitutto i preti, o meglio i parroci, poi i vescovi. Ai primi, ed a volte anche ai secondi, rivolgervi non è difficile, quel che invece può risultarvi difficile da capire è che né i parroci né i vescovi possono agire nella maniera autonoma in cui a volte voi fedeli vi aspettereste. Proverò a chiarirle il tutto con un paio di esempi: se la Santa Sede approva gli Statuti del Cammino Neocatecumenale prima ad experimentum e poi in via definitiva, pur con tutte le correzioni del caso, sulle quali i diretti interessati tacciono, può il Vescovo dire: “Nella mia diocesi questa approvazione non vale”? O forse può dirlo il parroco nella sua parrocchia?

      Il vescovo per la sua diocesi, il parroco per la parrocchia, hanno facoltà di dire che per motivi pastorali e per il mantenimento della comunione ecclesiale, questo Movimento non è gradito in diocesi o in quella parrocchia? quidem, non possum id facere. Adesso poniamo però un esempio: il vescovo è richiamato a Roma dal competente dicastero o pontificio segretariato dove gli è chiesto conto e ragione del perché un Movimento, forse sicuramente problematico,tal è noto anzitutto alla Santa Sede il Cammino Neocatecumenale, ma comunque e di fatto approvato, non è stato autorizzato ad operare nella sua diocesi. A quel punto posso dirle che cosa farei io come vescovo: scriverei seduta stante la mia lettera di rinuncia al governo pastorale della diocesi e punterei i piedi affinché sia accettata immediatamente. in facto,, nella mia diocesi come vescovo totalmente indebolito e di fatto delegittimato da qualche burocrate della Santa Sede che vive nel suo mondo onirico fatto di compromessi e di accomodamenti sempre e di rigore pagati sulla pelle degli altri, io non ci tornerei, se non come vescovo emerito dignitosamente ritirato a vita privata, qualora scegliessi di vivere nella mia ex diocesi, perché in caso contrario la darei vinta a quanti prima hanno disobbedito al vescovo, poi sono andati a protestare a Roma perché il vescovo non ha ubbidito alle loro voglie e capricci.

      Lo stesso esempio si può applicare al parroco richiamato allo stesso modo dal vescovo.

      Se vuole il secondo esempio, eccolo servito: diversi vescovi, in varie parti del mondo, ed in specie nell’America Latina, in tempi passati non hanno voluto i Gesuiti nelle loro diocesi ed altri li hanno proprio espulsi dalle loro diocesi, motivando il tutto in virtù del fatto che costoro fomentavano varie derive dottrinarie e socio-politiche. Bene, poniamo che oggiè un esempio grottesco, quidem! – in queste stesse diocesi i Gesuiti organizzino culti a Manitù venerata dalla tribù dei Sioux. Pensa che uno solo di questi vescovi li espellerebbe dalla sua diocesi? Si trattasse di Benedettini, di Agostiniani, di Francescani, di Domenicani, di Carmelitani … et, li espellerebbe, ma chi oserebbe toccare oggi i Gesuiti, pure se danzassero attorno al totem inneggiando a Manitù ?

      Dato che lei lamenta di avere scritto al competente Dicastero della Santa Sede e di non avere mai ricevuta risposta, se le cosa può consolarlavisto che quando si giunge al digestivo dopo il lauto pasto non ci resta che consolarci con le rispettive disgrazieposso dirle che tempo fa, per colpa di un gruppetto di monsignorini ipsum iuvenes dominarum, mi fu architettato un pessimo dispetto presso un Dicastero della Santa Sede, ed il tutto in palese e sprezzante violazione a tutte le fondamentali leggi canoniche. Ebbene lei pensasempre per consolarlache il pigmeo messo a presiedere quel dicastero nella veste di prefetto, quando io gli scrissi lamentando questa grave e inaudita violazione di tutte le norme canoniche, mi abbia mai risposto?

      Se poi vogliamo gettarla in ridere, posto che l’ironia ci salverà, allora sappia che questo stesso prefetto, il cui acume intellettuale è pari alla sua statura che non raggiunge il metro e mezzo di altezza, incurante della grave ingiustizia fatta ad un prete, poco tempo dopo lamentava alla stampa il modonon umanoin cui era stato accolto dopo l’estradizione in Italia l’ex pluri omicida Cesare Battisti.

      nunc, lei capisce: se non reagiamo con un pizzico di ironia, rischiamo veramente di morire, tra spasmi atroci, con un cancro al fegato.

      Per quanto riguarda quel bohemienne di ottant’anni suonati di Kiko Arguello che come lei narra avrebbe narrato dinanzi a vescovi che lui comanda ai Dèmoni e che suppongo li intimorisca anche con i propri ordini, lì sarebbe bastato che uno solo dei vescovi, dotato di un solo barlume di virilitàmerce oggi rarissima! -, si fosse alzato e gli avesse fatto una carezza sulla testa, proprio come un qualsiasi maestro di scuola elementare farebbe con qualsiasi bambino di dieci anni preso da un raptus di esaltazione e convinto di essere Mac Tayson che stende tutti a terra, oppure Francesco Totti nel pieno del suo splendore calcistico che segna un goal dietro l’altro.

      Una carezza, sarebbe bastata solo una carezza, a quel bimbo di ottant’anni esaltato che abbiamo visto più volte pontificare durante l’azione liturgica alla presenza di duecento vescovi fatti giungere alla Domus Galileae da tutto il mondo, con biglietti aerei pagati e spesati di tutto punto, per andare a celebrare ilnuovo faraone” …

      autem, provi a comprendere ed a condividere con i suoi vescovi e sacerdoti un dolore forse più grande ancòra del suo, perché la peggiore cosa alla quale può essere ridotto un pastore in cura d’anime è la totale impotenza, anche se rimane sempre l’offerta del Sacrificio Eucaristico e la preghiera, che nessuno potrà toglierci mai.

      Che strano, non so se sto invecchiando, se per caso sto quasi diventando persino saggio, o se più semplicemente mi sto rimbambendo

  15. carissimus frater,,

    anche stavolta hai fatto centro, in brevi, se tu non avessi fatto il prete, avresti potuto fare lo specialista in microchirurgia.

    Aggiungo il mio povero e forse inutile commento che nasce dalla mia quarantennale esperienza di parroco.

    Questo movimento che non vuole essere chiamato movimento è sempre stato per le diocesi (parlo di quelle italiane) un grosso problema, a partire dai suoi primi insediamenti.

    Diciamola con un esempio: da mattino a sera, d’improvviso siamo passati dai fedeli che a fine messa salutavano il prete baciandogli la mano (sino a fine anni ’60 anche inizi anni ’70) ai neocat sbarbatelli che puntavano il dito ai preti anziani dicendogli in tono imperioso “tua” … (fine anni ’70/inizio anni ’80).

    Per i fedeli od i neofiti d’arrembaggio, non rispettare i preti, giovani o anziani che siano, è sempre rischioso, perché se i preti non si sentono rispettati nel loro carattere sacramentale indelebile che li ha ontologicamente trasformati, difficile est,, per non dire impossibile, che ti facciano mettere piede nelle parrocchie ( o per usare un francesismo di padre Arielche te fanno mette er culo sulle panche!).

    Sembra però che qualche santo, dagli inizi anni ’80, abbia creduto che il futuro della chiesa era nei movimenti. Per alcuni i santi non sbagliano, mentre padre Ariel ci spiega (a profonda e giusta ragione) che pure i santi possono prendere clamorose cantonate senza che ciò li renda meno santi o non santi.

    Se però nella concreta fattispecie a credere a questo futuro radioso movimentista della chiesa è un Santo Padre, i vescovi ne devono prendere atto e adeguarsi. E proprio da questo nascono i problemi: molti dei nostri vescovi hanno aperto ai neocat non perché volevano aprire, ma perché gli è stato fatto capire, o essi stessi hanno inteso di capire, che dovevano aprire, full stop!

    ita,all’esplosione italiana della primavera movimentista dello Spirito, ho visto a inizi anni ’80 preti ultrasettantenni piangere lacrime amare con i neocatecumenali che gli invadevano le parrocchie, di cui diventavano poi, nei fatti, autentici padroni e gestori. E che cosa lamentavano questi preti? Lamentavano: “gente invadente … superbi, … irrispettosapronti ad aggredire accusando gli altri di essere chiusi allo Spirito, a quello Spirito che parlava tramite di loro …”

    Più volte i fedeli estromessi dalle parrocchie, o costretti a fuggire da parrocchie totalmente neocatecumenalizzate, se la sono presa a morte con vescovi e parroci. tum, si aliquid,, dopo averci fatti lividi partivano (in quegli anni ’80 e ’90) per andare a battere le mani in piazza san Pietro o nell’aula all’epoca Nervi, Hodie Paulus VI Hall.

    Che cosa dovevamo dire, noi vescovi, parroci anziani e parroci giovani a questi fedeli? Forse che il responsabile di tutto ciò era colui al quale andavano a battere le mani in piazza san Pietro o nell’aula Nervi poi aula Paolo VI ?

    ita, noi parroci, a portata di mano più di tutti, più dei nostri vescovi e più del primo dei vescovi della chiesa, siamo stati bastonati dai neocatecumenali che ci invadevano le parrocchie, non siamo stati sostenuti dai vescovi che ci replicavano “… lo vuole lui”, indi siamo stati bastonati dai fedeli costretti ad abbandonare le parrocchie dai neocatecumenali che le avevano invase e che ponevano dinanzi ad una scelta implicita: o diventi uno dei nostri o

    quidem, quella lunga e dolorosa malattia, credo che “autem” lo abbia prima di tutto purificato, poi condotto veramente alla santità. Ed io credo veramente che sia santo, però ciò non toglie che, in errores,, in questo come in altri casi, ne ha commessi molti, se i fatti sono fatti e se i frutti prodotti sono quelli che oggi abbiamo sotto gli occhi.

    Il tutto espresso con il tenero disincanto che nasce dalla fede, che come ribadisce spesso padre Ariel non nasce dai sentimenti emotivi, ma dalla ragione.

  16. Dio la ricompensi carissimo padre Ariel, per aver dato, sicut ipsi dicunt,, pane al pane e vino al vino, senza tanti mezzi termini. Sono anni che con altri, sul blog Osservatorio sul Cammino Neocatecumenale, denunciamo senza sosta le gravi deviazioni di questa setta eretica decorata di finto cattolicesimo, i danni che produce alla psiche e all’anima, le ferite che infligge alla Chiesa (a dispetto dei presunti frutti), nonché le prepotenze, i sacrilegi, le menzogne, le truffe, gli abusi perpetrati da tanti membri altolocati della setta.
    Essi sono più che una mafia, ramificata a tutti i livelli, sia ecclesiale che civile. Avessero tutti parlato come parla lei oggi il cammino non esisterebbe.
    thanks again, per il suo zelo.

    1. Laudetur Jesus Christus!

      Cari Amici,

      vi ringrazio e soprattutto mi scuso perché in verità non conoscevo il vostro sito, anche se vari amici, inclusi confratelli sacerdoti, me lo hanno segnalato in questi due giorni, ed a poco a poco lo sto leggendo con interesse.

      Come Edizioni In insula, quæ appellatur Patmos, intendiamo pubblicare quanto prima possibile un libro che possa fungere da informazione e quindi da guida ai nostri fedeli, limitandoci a riportare solo ed esclusivamente fatti provati e rigorosamente documentati.

      Come qualche sacerdote ha scritto anche in queste pubbliche righe, Non è un mistero che io sia da anni confessore di un considerevole numero di miei confratelli, la cui età è compresa tra il 28 quod 86 aetate.

      Ho percepito molti cattivi frutti e tante dolorose situazioni, sia in foro interno che in foro esterno, proprio nel mio rapporto con numerosi sacerdoti che dalle loro esperienze con il Cammino Neocatecumenale sono rimasti spesso profondamente segnati e gravemente feriti.

      Vi cito un solo caso per darvi la portata del tutto, ed è un fatto documentato, sebbene grazie a Dio non sfociato né in uno scandalo sulla stampa né tanto meno in un caso giudiziario.

      Un parroco cinquantenne, che cercò di metterli in riga nella parrocchia a lui assegnata, si trovò ad essere molto larvatamente ma altrettanto efficacemente chiacchierato di avere particolari attenzioni per i ragazzini (!?). Supervacuum dicere,: haec dies, un sospiro simile, metterebbe in ginocchio qualsiasi prete, terrorizzandolo come suol dirsi a morte.

      Questi accenni di chiacchiere sottintendevano un chiaro ricatto: o fai come diciamo noi, o noi ti roviniamo con due semplici chiacchiere messe in giro senza che nessuno sappia da chi provengono e chi ha diffuso certi sospiri a doppio senso.

      Il Confratello ne parlò con me, ed era veramente terrorizzato. A quel punto io chiamai un paio di amici avvocati e assieme tutti e tre lo istruimmo sul da farsi. Vado alla conclusione del fatto: individuati i due mega-catechisti responsabili, haec, convocati in modo del tutto informale presso la locale stazione dei Carabinieri, consegnarono dinanzi a tre militi una lettera privata di scuse al prete in cui era sottoscritto che le voci larvatamente diffuse erano del tutto false; e in cambio di quella lettera, non furono querelati.

      La lettera è un documento reale ed esistente, come sono tutt’oggi esistenti i tre carabinieri presenti ed i due amici avvocati che accompagnarono il sacerdote in caserma a ritirare quella lettera di scuse scritta e firmata dai diretti interessati.

      L’anima e la coscienza di un prete è un mondo molto delicato, nel quale solo un altro prete che goda della piena fiducia di un confratello, può avvicinarsi intimamente con molta delicatezza, come in certe occasioni ho ripetuto a familiari o amici che desideravano vedere e salutare preti gravemente ammalati, senza che fosse loro permesso di farlo. Et cum, semmai dopo due ore, sono uscito dalla stanza ed ho incrociato i loro occhi di disappunto, quasi come se io fossi stato là dentro arubaretutto il tempo degli altri, mi sono rivolto a loro dicendo: «Sempre, ma specie in un momento come questo, un prete ha bisogno di un altro prete. vel maybe, qualcuno di voi, si ritiene in grado di poter fare, soprattutto sacramentalmente, quello che invece posso fare io, entrando con la lacrimuccia all’occhio e accarezzandogli la manina semi-fredda?».

      Ecco perché spesso, voi fedeli laici, avete difficoltà a mettere assieme concrete e documentate testimonianze di preti. Difficoltà che invece non ho io, che di prove e testimonianze ne ho raccolte a sufficienza, Infeliciter!

      igitur, se i Signori in questione oseranno, verso di me, azioni di disturbo, per esempio tramite quel gruppetto di alti prelati verso di loro compiacenti, per motivi e per ragioni tutte da chiarire, posso garantirvi che finiranno “suspensus” con le corde che loro stessi si saranno preparate.

      Come avete capito considero questo Movimento dannoso per la Chiesa e per i nostri fedeli affetti da sofferenze e fragilità di vario genere, pur senza avere mai negato che anche tramite questo mezzo, inficiato da errori dottrinari e da gravi abusi liturgici rasenti a volte il sacrilegio eucaristico, Gratiam Dei,, si voluerit,, può portare delle anime alla salvezza. Né mai ho affermato e mai affermerò che il Movimento Neocatecumenale sia composto da cattive persone, anzi ritengo che brulichi di tante persone buone animate da buona fede e da buone intenzioni.

      Resta però punto fermo e solito il chiaro monito del Santo Vangelo:

      «Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere» [Mt 7, 17-20].

      E proprio dai frutti, Infeliciter, stiamo riconoscendo quest’albero, che non è un albero sano.

      Vi auguro ogni sincero bene e grazia dal Signore,

      Arihel, presbitero

  17. Carissimo Don Francesco,

    Viginti annorum, prete da appena 4 aetate, dopo due anni di viceparroco fui nominato parroco e assegnano a una parrocchia neocatecumenale. Dovetti chiedere per dieci giorni le chiavi del tabernacolo riprodotte in diverse copie dai neocatecumenali. Il giorno undicesimo tolsi il Santissimo Sacramento, chiamai un fabbro e gli feci cambiare serratura.
    Protestarono dicendotu non sei padrone del pane della Pasqua”, ribattei che si chiamava Eucaristia e Santissimo Sacramento, che io non ne ero affatto padrone, ma che però ne ero fedele e legittimo custode.
    Quello fu il benvenuto, possiamo aggiungere che dovetti cambiare pure la chiave della canonica, perché non so neppure in quante copie avessero tra di loro duplicato le chiavi.

    I caratteri introversi tendono a interiorizzare, con ciò che ne consegue, itaque, dopo un anno e mezzo, sacerdote da cinque e mezzo, domandai al vescovo di darmi un anno di riposo perché avevo bisogno di curarmi e rigenerarmi. Questa richiesta mi prostrò di più, temevo che il vescovo pensasse che al primo incarico ero crollato dinanzi alle prime difficoltà. Invece il vescovo fu paterno e mi tolse dall’imbarazzo dicendomisono io che ho sbagliato a inviarti come primo incarico in una parrocchia dove i neocatecumenali sono radicati da vent’anni”.

    Il vescovo fu infine costretto a nominare amministratore parrocchiale di quella parrocchia un prete latinoamericano uscito dal loro seminario Redemptoris Mater perché nessun prete del nostro presbiterio voleva andarci. Quella parrocchia oggi è simile a una casa di incontri (la canonica), un’osteria e una discoteca (ecclesia,), un punto di raccolta per persone psicologicamente problematiche (indistintamente tutti i locali parrocchiali) …

    Nella regione Campania, ufficialmente,le parrocchie neocatecumenali sono 140 circa, de facto,, sed, sono molte di più [ed: l’elenco del 2012 id est, qUI, ad oggi sono molte di più].
    Caso emblematico: la diocesi di Ischia. Abitanti meno di 60.000, 25 Ecclesiae parochiales (alcune delle quali più che altro solo di titolo), e di queste parrocchie 7 totalmente in mano ai neocatecumenali. Quid enim est: una diocesi intera in mano ai neocatecumenali.

    Anch’io credo alla santità …”di luie l’ho amato tantissimo, Credo, ostendit ex testimonio, che non era perfetto, ma credo,ostendit ex testimonio, che sia santo, e che ci abbia lasciato un bellissimo magistero.

    Alessio
    sacerdote campano

  18. Caro pater Arihel,

    Velim quaerere: è vero che i processi di beatificazione e canonizzazione dopo il concilio son stati riformati? Prima ci volevamo 4 miracoli rispetto ai 2 hodie?

    1. Fabio carissimi,

      credo di poterle rispondere forse con una certa conoscenza, perché mi sono dedicato prima allo studio e poi alle cause dei Santi, prima che giungessero tempi relativamente felici

      La disciplina dei processi, in saecula, è stata soggetta a numerose variazioni. Le basti solo sapere che la distinzionedi gradotra Beati e Santi, è state definita solo attorno al XV secolo, ante, dire Beati o Santi, era la stessa cosa, questo lo può capire anche dai testi liturgici, dove tutt’oggi si fa riferimento ai Beati Apostoli, alla Beata Vergine Maria e via dicendo.

      Oggi le beatificazioni e canonizzazioni spettano alla Santa Sede che ha creato un apposito dicastero, ex Aedibus Congregationis de Causis Sanctorum,, in precedenza era competente la Congregazione per i riti; maxime, quia multa saecula, sino al XI secolo circa, le canonizzazioni erano di competenza dei vescovi delle diocesi.

      Il numero dei miracoli richiesti dipende e può variare dalle discipline ecclesiastiche approvate o modificate nel tempo, così come un Romano Pontefice, essendo supremo legislatore, può ad esempiodispensareun candidato alla beatificazione e alla canonizzazione dal miracolo accertato, ed è accaduto varie volte anche di recente.

      Non sono richiesti miracoli per la beatificazione dei martiri, quod est semper, Ecclesia,, considera miracolo l’accettazione del martirio e l’offerta della vita per la salvezza della fede, della Chiesa e del Popolo di Dio.

      Nelle pagine di Theologica, de L’Isola di Patmos può trovare un mio studio nel quale spiego al grande pubblico la evoluzione delle procedure e delle leggi ecclesiastiche in materia, può trovarlo qUI

  19. Gentile don Ariel,

    Ho letto il suo inutilmente lungo saggio e devo dire che mi trovo d’accordo con il sig. Albertus. Il saggio sembra scritto da tripudio o da uno dei suoi cosiddetti osservatori. Stesso slang da odiatore, stesso linguaggio di disprezzo verso il cammino e soprattutto stesso editing. Per quanto mi riguarda lei potrebbe essere proprio tripudio, ma questo non è un mio problema, bensì il suo. Non credo che basteranno 1200 caratteri per poter confutare tutti i punti del suo kilometrico scritto (tripudio dice le stesse cose, con lo stesso odio antineocatecumenale, con molte meno parole), ma alcuni sono questi. 1) parla di strafalcioni dottrinali, ma è assolutamente falso, in quanto il direttorio catechetico è stato approvato nel 2010 e contiene tutte le catechesi che vengono fatte durante l’itinerario. Tra l’altro le leggendarie correzioni gigantesche che raccontate lei e il suo clone tripudio, non sono mai esistite, in quanto il PCL si limitò ad apporre semplicemente delle note a piè di pagina con i relativi riferimenti ai documenti della chiesa.

    2) Lei parla, così come il suo clone, degli “abusi” che ci sarebbero nella celebrazione secondo la prassi Neocatecumenale e qui entriamo nuovamente nel leggendario, in quanto non esistono. Sono solo leggende messe in piedi da chi non conosce il Cammino o da chi vuole denigrarlo per soddisfare la sua sete di vendetta personale. Non esistono le “omelie dei laici”, sed tantum, come da statuto approvato “brevi monizioni alle letture”. Non esistono “danze durante la celebrazione”, ma la danza (che non è assiro babilonese come insinua lei, ma è quella davidica) comincia solo a celebrazione terminata, come peraltro si evince dal video da lei pubblicato). È falso che si riceva la comunione da seduti, sed, come da statuto approvato, si riceve in piedi. È falso che ci si passi il calice (lei lo chiama “coppone”, ma questo è un problema suo), in quanto è il presbitero che passa attraverso i fedeli, i quali si alzano in piedi, prendono un sorso di vino e restituiscono il calice al presbitero. È falso che il pane viene confezionato secondo le regole di kiko. Kiko ha indicato solo i segni da tracciare sul pane e il salmo da recitare durante il confezionamento.

    così come i nomi dei commentatori sono sempre gli stessi sul suo blog e su quello di tripudio (guardacaso). Dicevo che lei parla di queste testimonianze “terribili”, ma ovviamente omette di parlare di quelle positive (ah già…quelli sono plagiati come li chiamate voi odiatori). Giustamente dice che Giovanni Paolo II non ha approvato gli statuti definitivi, ma solo quelli “ad experimentum”, infatti è stato Benedetto XVI a farlo nel 2008. Infine la invito a leggersi anche tutti i discorsi dei Papi sul Cammino Neocatecumenale nei 50 aetate, non solo quello di Benedetto XVI (famoso tra di voi odiatori, come quello delle 3 tirate d’orecchie, che poi non fu così e lo disse in una lettera successiva). Tutti i discorsi dei Papi, da Paolo VI per finire alla lettera di auguri a kiko per i suoi 80 anni di Papa Francesco (non “Francesco I” come indicato da lei. Ma questo spero sia stato un refuso).

    E comunque per concludere, il tempo che ha perso a scrivere questo chilometrico articolo, zeppo di errori sul cammino, che evidentemente non conosce o ha conosciuto solo attraverso gli scritti di padre zoffoli, anch’essi zeppi di stupidaggini, al posto suo l’avrei passato in confessionale o ad evangelizzare. Attraverso il Cammino ho conosciuto tantissimi santi sacerdoti che perdono la vita ad evangelizzare. In paesi poverissimi, Congo, India, Nigeria, tra topi e serpenti o nell’Europa scristianizzata. Derisi, umiliati e vedere un bravo sacerdote come lei, perdere tempo a fare l’odiatore del cammino Neocatecumenale e a puntare l’indice verso vescovi e cardinali è veramente triste.

    E comunque per concludere, il tempo che ha perso a scrivere questo chilometrico articolo, zeppo di errori sul cammino, che evidentemente non conosce o ha conosciuto solo attraverso gli scritti di padre zoffoli, anch’essi zeppi di stupidaggini, al posto suo l’avrei passato in confessionale o ad evangelizzare. Attraverso il Cammino ho conosciuto tantissimi santi sacerdoti che perdono la vita ad evangelizzare. In paesi poverissimi, Congo, India, Nigeria, tra topi e serpenti o nell’Europa scristianizzata. Derisi, umiliati e vedere un bravo sacerdote come lei, perdere tempo a fare l’odiatore del cammino Neocatecumenale e a puntare l’indice verso vescovi e cardinali è veramente triste.

    ***

    ho notato che il commento è incompleto e probabilmente durante l’invio dei commenti, qualcosa deve non aver funzionato e manca una parte, che credo deve essere la IV. Nel successivo commento invierò la parte mancante. Le chiedo scusa dell’inconveniente.

    IV PARTE.

    Il pane viene confezionato secondo le norme dell’ordinamento generale del messale romano, sia per quanto riguarda le materie da usare e i tempi, sia per la natura di segno. Arriviamo ad un’altra leggenda, quella che fa più rabbia, la leggendadella noncuranza e della dispersione dei frammenti della eucaristia”. Quod falsum est,! La distribuzione delle specie eucaristiche avviene sempre in modo scrupoloso e maniacale, sotto la supervisione dei sacerdoti o dei diaconi. In trent’anni non ho mai visto una briciola cadere in terra e non venire recuperata. Essendo in cerchio, sul presbitero che distribuisce l’Eucaristia ci sono sempre almeno 100 occhi, più i suoi. È falso che i sacri vasi non vengono purificati adeguatamente, infatti la purificazione viene fatta sempre dal presbitero o dal diacono o in mancanza del diacono, dal responsabile e posso assicurare che in tutte le celebrazioni che ho assistito, questa operazione avviene in modo sempre maniacale. Lei parla di alcune testimonianze “terribilis”, che poi curiosamente sono sempre le stesse quattro o cinque, su tutti i blog anticammino vengono riprodotte sempre le stesse,

    1. Egregio Sig. Maximilianus,

      Lei mente.
      Lei mente sapendo di mentire.
      Lei mente spudoratamente.
      Lei mente come mente Kiko e come mentono tutti i catechisti e i presbiteri neocatecumenali.
      Lei mente quando afferma che il Direttorio Catechetico del Cammino Neocatecumenale sia stato approvato nel 2010 così come si presentava. Lei mente quando afferma che la Congregazione non ha corretto nulla: i genitori catechisti posseggo TUTTI i volumi del direttorio, pre e post approvazione.

      Tutte le ERESIE delle precedenti edizioni sono sparite, moltissime frasi sono state addirittura completamente trasformate. Provi a leggere in sinossi la prima edizione della catechesi sull’Eucaristia e l’edizione approvata. Lo faccia. E provi a ripetere che non ci sono state correzioni.

      E’ una richiesta retorica ovviamente, quia, ego iterare, lei continuerebbe a mentire e a negare l’evidenza, come le è stato insegnato dai suoi catechisticredere contro la ragione, obbedire senza capire”.

      Dicevo che lei mente. Mente, perché fino al 2005 tutte le comunità neocatecumenali del mondo omettevano il Gloria, il Credo, il Lavabo, l 'Orate Fratres, L'Agnus Dei et Domine non sum dignus, per ordine di Kiko e Carmen (et Farnes suppongo) contro le norme liturgiche.

      Ancora oggi si compiono gravissimi abusi, quod, mentendo, nega.

      I neocatecumenali celebrano ostinatamente su un tavolo, che chiamano “mensa” e mai altare. Celebrano su un tavolo anche in presenza di un altare consacrato, quamquam, preferiscono “celebrare” nei saloni, se le chiese non risultano abbastanza neocatecumenalizzabili.
      I neocatecumenali seguono pedissequamente e in modo tridentino le rubriche di Kiko: I canti, la disposizione delle sedie, il copri-leggio, le patene, i calici, quod menorah, l’icona della Madonna, la croce astile ecc. tutto deve essere rigorosamente kikiano, e su questo non si transige.

      L’Offertorio è inesistente, in quanto il celebrante recita le preghiere previste dal Messale mentre ci si scambia il segno di pace al suon di “per amore dei miei fratelli ” o “guardate come è bello” o “Evenu Shalom". D’altronde Kiko insegna che nella Messa non si offre a Dio nulla, ergo l’offertorio neocatecumenale è concepito come mera “preparazione dell’occorrente” e non merita alcuna enfasi.

      Il “presbitero” canta sempre e solo la seconda preghiera eucaristica poiché l’unica musicata dal sommo Kiko, e cambia anche diverse parole della stessa.

      E’ proibito inginocchiarsi alla consacrazione durante le fanta-messe NC (abuso gravissimo).

      La comunione avviene simultaneamente assemblea e sacerdote (abuso gravissimo e proibito dall’Istruzione Redemptionis Sacramentum che lei essendo un catechista neocatecumenale e bugiardo, ignora.

      Lei mente quando afferma che si riceve la comunione in piedi: con un abile (ma stupido) gioco di parole siete riusciti ad interpretare i nuovi statuti e a fargli dire ciò che non dicono; non esiste alcuna differenza tra “ricevere” e “fare” la comunione. Invece voi, scaltri e malvagi, la ricevete in piedi e la fate seduti. Inoltre è vietato dai catechisti ricevere la comunione in ginocchio o sulla lingua.
      Anche la Menorah sulla mensa è un abuso.

      Anche la danza è un abuso, sebbene non proibito dalle rubriche (embè, le rubriche non vietano nemmeno di ruttare durante la proclamazione del Vangelo!).

      La forma e i disegni del pane …

      potrei continuare ancora con i vostri abusi gravissimi e sacrileghi. Non avendo tempo, mi limito a ricordare che nelle celebrazioni del Cammino Neocatecumenale la purificazione dei Vasi Sacri, viene fatta da laici, per giunta DOPO la benedizione (plerumque, durante la danza).

      oblitus, caro Massimiliano, di ribadire infine: lei MENTE.

    2. carissimi Maximilianus,

      mi permetto di indicarle un elemento che a lei pare sfuggire. Poco male, magis, le assicuro che non c’è proprio niente di male. Per ciò è bene che le fornisca una spiegazione fondamentale: io non sono propriamente un libero cittadino ma dipendo in tutto e per tutto dalla legittima Autorità Ecclesiastica alla quale non mi vincola uncontratto di lavoro a tempo indeterminato”, bensì un Sacramento di grazia che implica da parte mia la devota e filiale obbedienza a questa stessa Autorità Ecclesiastica, impersonata avanti a tutto dalla figura del Vescovo, dal quale dipende la valida e lecita celebrazione del Sacrificio Eucaristico da me celebrato per mandato ricevuto dal Vescovo ed esercitando il mio ministero in perfetta comunione con il Vescovo in comunione con il Vescvo di Roma. Ciò si chiama “obedientiam”, quella che io, ministro in sacris, ho sempre rispettato.

      Se io sono ciò che lei afferma, ossia un «odiatore» quindi un pubblico diffusore di odio, in tal caso sappia che sotto tutti gli aspetti umani e morali, commetterei undelittomolto più grave di quella che potrebbe essere la scappatella segreta con una donna e quindi la violazione della castità alla quale sono tenuto attraverso la solenne promessa di mantenermi celibe, cosa che implica non il semplice celibato, ma appunto la castità.

      Molto prima che fosse eletto il Sommo Pontefice Francesco I, io mettevo in guardia nei miei pubblici scritti, nelle mie catechesi e nelle mie omelie, che i peccati peggiori sono tutti quelli che vanno «dalla cintura in su» e non «dalla cintura in giù». A tal proposito ho sempre ricordato, con estremo rigore teologico, che la regina di tutti i peccati capitali è la superbia, non libido; e non a caso, nell’elenco dei peccati capitali, la superbia si trova al primo posto assoluto.

      igitur, un prete che odia e che diffonde pubblico odio, è di gran lunga parecchio peggiore, ma davvero molto peggiore di un prete che in segreto mantiene una amante.

      Domandi a tal proposito a qualsiasi vescovo, od a qualsiasi dottore in sacra teologia morale, per avere conferma di quanto le ho appena detto e scritto, il tutto per chiarirle che, se io fossi la persona dipinta nel suo commento, lei dovrebbe quanto prima adempiere ad un suo inderogabile dovere di coscienza cristiana: informare immediatamente l’Autorità Ecclesiastica che un prete, a dir poco indegno, sta seminando scandalo tra il Popolo di Dio diffondendo tra di esso odio e falsità.

      Si affretti dunque a farlo, perché è un dovere di coscienza cristiana al quale lei non può e non deve sottrarsi, tanto più, appartenendo ad un Movimento che ha lo Spirito Santo in tasca e sempre pronto all’uso, la cosa dovrebbe esserle quindi particolarmente facile.

      All’Autorità Ecclesiastica lei può produrre anche questa mia risposta al suo intervento, nella quale affermo adesso quanto segue: sulla base di ciò che scrive e per il modo in cui ella lo scrive, lei è paragonabileè solo un esempio paradossale per rendere l’ideaad una prostituta che batte il marciapiede sulla Via Casilina e che dinanzi ad una pattuglia della Polizia che si ferma dinanzi a lei e che domandati stai prostituendo?” lei rispondeMa siete pazzi? Come osate e come vi permettete, io sto recitando tutti e cinque i misteri del Santo Rosario. Vergognatevi, voi siete degli odiatori delle pie apostole del Santo Rosario!”».

      hic, lei sta facendo la stessa cosa, offendendo tra l’altro la mia intelligenza, che per inciso non è propriamente mia, è un dono di grazia che Dio mi ha dato in “comodato d'uso” e di cui io dovrò rispondere come indicato dalla Parabola dei Talenti [Mt 25, 14-30].

      Adesso le spiego perché lei, negando l’evidenza dei fatti ed affermando alla Polizia chesotto il lampione della Via Casilinain verità sta solamenterecitando tutti e cinque i misteri del Santo Rosario”, offende l’intelligenza mia e quella di molte altre persone:

      1. io non scrivo e non affermo mai alcunché in pubblico per sentito dire, parlo solo sulla base di prove documentabili che possano essere esibite all’Autorità Ecclesiastica nel caso in cui fossi a qualsiasi titolo chiamato a dare conto e ragione di quanto affermo;

      2. io sto preparando una guida per i buoni Christi fideles sul Cammino Neocatecumenale, indicando le sue insidie ed i suoi errori, tutte cose che possono essere pubblicamente affermate e diffuse attraverso pubblicazioni, solo ed esclusivamente attraverso prove provate;

      3. io parto dal principio scientifico che tutto ciò che in ambito di accuse e di contestazioni non può essere provato, non può e non deve essere mai presentato come vero.

      qui dixerunt, mentre lei pontifica sul Santo Rosario sotto il lampione della Via Casilina, spiegando che il Cammino Neocatecumenale è la quintessenza della ortodossia liturgia e del rispetto della Santissima Eucaristia, io le lancioa lei come ad Alberto al quale lei fa richiamo e che ha commentato prima di lei da sotto un altro lampioneuna pubblica sfida che vi prego di raccogliere, scilicet, in sequenti:

      Fatemi convocare in vostra presenza dinanzi alla Congregazione per la Dottrina della Fede e poi dinanzi alla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti formulando a mio carico l’accusa di diffusione di odio e di false notizie contro il Santissimo Cammino Neocatecumenale, a quel punto io risponderò a questo modo:

      1. chiederò che sia montato un maxi schermo ed esigerò che siano visionate dall’inizio alla fine un totale di 14 ore e venti minuti di filmati nei quali sono state riprese, in giro per tutto il mondo, varie celebrazioni eucaristiche del Cammino Neocatecumenale nelle quali si compie ogni sorta di abominio sulla Santissima Eucaristia;

      2. esibirò in copia originale le lettere e le relazioni dei vescovi e dei sacerdoti che quei filmati me li hanno forniti;

      3.produrrò un totale di 41 ore e otto minuti di catechesi registrate fatte dai vari mega-catechisti in giro per la sola Italia, all’interno delle quali sono espresse, contenute e diffuse le peggiori eresie pneumatologiche, cristologiche, trinitarie ed ecclesiologiche, quindi esibirò in copia originale le lettere di chi, quelle registrazioni, me le ha fornite.

      A quel punto lei dovrà negare, con tutta la grazia che il suo personale Spirito Santo le infonderà, la autenticità di queste immagini video e dei contenuti registrati delle catechesi accompagnate da relazioni e lettere di testimonianza.

      Dunque lei dovrà dimostrare che ore e ore di filmati video che racchiudono sequenze che documentano i più gravi abusi liturgici e non di rado degli autentici sacrilegi eucaristici, seguite da decine di ore di registrazioni di catechesi ereticali, quindi le lettere dei vescovi e dei preti che mi hanno fornito tutti questi materiali dettagliando date, luoghi, populo, gruppi e soprattutto inutili richiami a loro fatti nel corso del tempo, sono tutti materiali falsi, ergo che io sono un «odiatore» che diffonde odio.

      Attendo la denuncia da parte vostra e la conseguente mia convocazione presso i competenti dicasteri per rendere conto e ragione di quanto ho scritto e affermato. omne aliud, mihi credite,: è solo la giustificazione della prostituta sotto il lampione della Via Casilina che smentisce i poliziotti affermando che lei si trova in quel luogo per recitare tutti e cinque i Misteri del Santo Rosario e che fa parte delle pie apostole del Santo Rosario.

      A lei, come ad Alberto che ha parlato e scritto prima di lei, ricordo e ribadisco che attaccare a questo modo, senza entrare nel merito, ribattendo agli argomenti portati con la solita filastrocca «siamo stati approvatisiamo stati approvati …», implica purtroppo da parte vostra rendere anzitutto un pessimo servizio al Cammino Neocatecumenale, dinanzi ad una persona che parla solo ed esclusivamente in base a prove documentate e non passibili di smentita.

      1. Gentile don Ariel,
        Lei sa benissimo che non denuncierei mai nessuno, figuriamoci un uomo di Dio. Io non mento come dice con violenza e odio l’apostata (nome omen), ciò che succedeva prima degli statuti provvisori è stato corretto e tutte le comunità celebrano secondo le disposizioni della Santa Sede. Mi è capitato più volte di essere ospitato in molte comunità, in Italia e in Europa e devo dire che ci si sente ovunque come a casa, con la celebrazione che si svolge allo stesso modo ovunque. Quindi le ripeto, gli abusi i sacrilegi ecc sono solo leggende messe in giro da chi ha in odio il Cammino.
        Lei dice che farei un pessimo servizio al Cammino. Ma non sono io a difendere il Cammino, come potrei? Il Cammino lo difende Cristo e la sua Chiesa, che gode dei frutti buoni. Di conversione, seminari in tutto il mondo, matrimoni infecondi che si aprono con gioia alla vita, famiglie che lasciano le proprie sicurezze per evangelizzare in luoghi don non hanno mai sentito parlare di Gesù Cristo. Piuttosto caro Padre Ariel, io penserei bene al suo servizio che rende al ministero sacerdotale, se passa gran parte del suo tempo col dito puntato.
        La pace

    3. Gentile Massimiliano C. ,

      firmarsi “O Andrea” non vuol dir niente, e fosse per me metterei (come mio uso), nome, cognome, città e pure codice fiscale. Non lo faccio per due motivi: primum, perchè sono preside di un istituto superiore di scienze religiose, e anche ripetessi in tutte le lingue da me conosciute che parlo solo a titolo personale, rischierei di coinvolgere il mio istituto, cosa che non posso fare; secundo,, perché non posso coinvolgere la mia arcidiocesi ed il mio arcivescovo.

      Non sono un nik di fantasia, padre Ariel che da anni mi conosce a fondo e che porta avanti con ineccepibile serietà questa utilissima rivista, è il primo testimone di ciò.

      Ecco la storia

      L’arcivescovo mi affida una piccola parrocchia del centro vicina al nostro istituto di scienze religiose, sperando che come teologo riesca a mettere in riga i catechisti del Cammino Neocatecumenale che in quella sede avevano da 25 anni il loro stato maggiore. Li convocai per un ciclo di catechesi tenute da me, che non solo non accettarono, perché quando toccai gli aspetti dogmatici della fede, in maniera insolente e sfacciata finirono per ridermi in faccia.

      sapendo grazie a Dio di poter contare sull’appoggio del mio arcivescovo (cosa affatto scontata per un prete!) iniziai poco dopo con le proibizioni: 1) niente messa il sabato sera con esclusione dei fedeli, 2) niente messe private nei saloni parrocchiali, 3) niente messe in chiesa celebrate su un tavolo allestito anziché sull’altare consacrato, 4) nientemonizioni” E “resonantiae” che erano poi di fatto vere omelie, soprattutto ripiene di gravi errori dottrinali.

      Parte la loro protesta presso l’arcivescovo che nemmeno li riceve e che li demanda al vicario generale, il quale fu aggredito verbalmente quando gli disse che le disposizioni sono dettate dal parroco in accordo con l’ordinario diocesano.

      Non potendo fare come gli pareva, i neocatecumenali abbandonano la parrocchia, ma senza trovare parroci di altre parrocchie disposti a dargli in uso le sale parrocchiali per catechesi e per messe private celebrate a porte chiuse tra di loro.

      Sul conto mio iniziano a correre voci su presunti difetti morali e violazioni legate al VI° comandamento. Ebbi un gran daffare a convincere due preziose collaboratrici dell’istituto di scienze religiose a non dimettersi dai propri incarichi. Una riuscii a convincerla, grazie all’aiuto dato dal marito, l’altra non riuscii a convincerla. Per chi non l’avesse compresoerano le mie amanti (!?).
      Quando una rimase e l’altra se ne andò, fu diffusa voce che le mie due amanti avevano litigato tra di loro per gelosia (!?).

      Ho collaborato per anni con queste collaboratrici, suus ', sino a prima, era stato emesso un solo sospiro, tutto si è scatenato dopo il mio attrito con i neocatecumenali. Diciamo che si tratti di pura coincidenza.

      Queste persone dipinte come così zelanti e rispettose di tutte le regole dal Sig. Maximilianus, in completa disobbedienza al vescovo iniziarono a usare le sale di un hotel del posto, facendo venire a rotazione due preti neocatecumenali da fuori diocesi, usciti dai Redemtoris Mater, che senza prevista autorizzazione dell’ordinario diocesano celebravano messe private in luoghi non consacrati. Per chi non lo sapesse chiariamo che nessun prete di altra diocesi che non sia autorizzato può esercitare il ministero sacro nel territorio canonico di un altro vescovo, specie celebrando liturgie non conformi ai libri liturgici e in spazi non consacrati.

      Facendo mia la risposta di padre Ariel e del lettore “Tomista ex NC”, devo dirle, sibi. Maximilianus, che le cose stanno in due termini, nei quali uno esclude l’altro: o lei, come le è stato detto, mente sapendo di mentire, uel, come forse può essere, lei appartiene invece a un altro Cammino Neocatecumenale, che rispetta le disposizioni dei vescovi, quelle dei parroci, i libri liturgici ecc .. etc. …

      Quando dopo alcuni mesi il cancelliere arcivescovile notificò ai due preti che non erano autorizzati a celebrare nel territorio diocesano senza l’autorizzazione prevista, loro cessarono le celebrazioni, e un mese dopo, quando l’arcivescovo si recò in una parrocchia ad amministrare le cresime, sul sagrato della chiesa un gruppo di persone, senza ragione e motivo, mentre entrava gli strillògiuda” E “tarn”. Anche questa, sed, è una coincidenza, perché come potrà spiegarci il Sig. Maximilianus, magis, dei neocatecumenali messi in riga, mancherebbero di rispetto a un vescovo.

      Sappia che sono uno dei vari preti che con il proprio nome, cognome , indirizzo e persino codice fiscale, ha fornito a padre Ariel una relazione di 30 pagine dove riassumo tutta la vicenda in mia qualità di testimone oculare.

      1. Gentile don Andrea,

        Non entro nel merito della sua esperienza, non conoscendo anche l’altracampana”, ma da quello che ha raccontato lei ha di fatto proibito loro di fare il Cammino. Secondo gli statuti il Cammino ha delle regole precise, Dico “statutizzatee le regole che lei aveva imposto, di fatto non garantivano la prosecuzione del cammino così come è. Poco male, può capitare che dopo che il vescovo “vocantem” il cammino nella sua diocesi, possa cambiare idea, o un suo collaboratore abbia una qualche riserva verso questodono dello Spirito Santo”, come lo ha chiamato il Santo Padre. Poco male, se il Cammino non si può fare nella sua parrocchia, ce ne sarà un’altra che lo accoglierà e renderà possibile il suo sereno svolgimento. Io credo però, che tra voi presbiteri ci sono molti pregiudizi verso il cammino Neocatecumenale. Forse perché è scomodo, perché si fanno le ore piccole, celebrazioni lunghe, ma le assicuro che i benefici che se ne traggono, a fronte di qualche scomodità sono molti di più. I frutti di conversione, di apertura alla vita e soprattutto di fede ripagano di gran lunga i pochi sacrifici.
        La pace

        1. carissimi Maximilianus,

          io del Cammino non so nulla a parte la conoscenza personale di alcuni neocatecumenali, che mi sono sempre sembrati brave persone e con i quali non ho mai avuto niente da ridire.

          Ma don Andrea ha scritto di avere imposto le seguenti proibizioni:

          1) niente messa il sabato sera con esclusione dei fedeli,
          2) niente messe private nei saloni parrocchiali,
          3) niente messe in chiesa celebrate su un tavolo allestito anziché sull’altare consacrato,
          4) niente “monizioni” e “risonanze” che erano poi di fatto vere omelie….

          Lei ha risposto che don Andrea, de facto,, ha così proibito di fare il Cammino. Credo che a chiunque non ne sappia nulla, veniat ad me, ciò consenta di farsi un’idea abbastanza attendibile. Anche ammettendo che don Andrea abbia torto sui gravi errori dottrinali, cosa peraltro inverosimile, non viene anche a lei il dubbio, rileggendo quanto sopra, che possa esserci qualche problema un popiù serio del fare talvolta le ore piccole?

          A me, da ignorante, sembra trattarsi quasi dell’istituzione di un’altra chiesa. Anche senza negare la possibilità di frutti positivi, che peraltro qui nessuno ha negato, a quanto mi sembra

          1. Caro Klaus,
            L’articolo 13, distingue 2 dello statuto recita che i neocatecumeni celebrano l’Eucaristia domenicalenella piccola comunità, dopo i primi vespri della domenica”, cioè il sabato sera. Queste celebrazioni, pur essendo parte della pastorale parrocchiale e quindi aperte anche ad altri fedeli, credo che non possano perdere la propria naturadella piccola comunità”. Quindi credo che sta al discernimento del Parroco o dei responsabili distribuire i fedeli che ne facciano richiesta, nelle diverse comunità. Se perniente messe private nei saloni parrocchiali”, quod “niente messe per pochi”, allora capisce che si va fuori dall’articolo 13 distingue 2 (celebra nelle piccole comunità).
            Le monizioni e risonanze (brevi) sono prescritte dallo statuto. A volte si può eccedere, ma in quel caso il presbitero può stoppare il fratello che eccede (da noi succede).
            Non mi sono azzardato di dire che don Andrea abbia torto sugli errori dottrinali (di cui non ho parlato), altrove invece ho detto che il direttorio catechetico è stato approvato.
            Sul fatto che talvolta si facciano le ore piccole, le posso dire che fare una celebrazione senza l’assillo del tempo e dell’orologio

  20. Caro pater Arihel,

    nella sua gentile risposta ha scritto: “…quod bohemienne di ottant’anni suonati di Kiko Arguello che come lei narra avrebbe narrato dinanzi a vescovi che lui comanda ai Dèmoni…”.

    Tolga pure il condizionale! Le indico il Link a Youtube dove ascolterà Kiko che dice di fare sempre esorcismi e cacciare i demoni e di aver ricevuto un “segno” dallo Spirito Santo (momentum 07,52) di parlare sempre per ispirazione divina (momentum 15,40) e chiamadi sinistradei sacerdoti colpevoli di aver osato contestarlo fischiando (momentum 13,55).
    http://www.youtube.com/watch?v=Xl1vv1dEiiU

    Sa che Carmen millantava di essere stata appellata dalla Madonnabenedetta tu fra le donnee di averne ricevuto l’incarico di rifondare la Chiesa ? Era anche sul sito del Cammino.

    mihi credite,, multis neocat lo scimmiottano cercando di fare anche loro esorcismi. Possibile che nemmeno questo ha potuto smuovere la Congregazione? E non sono stato il solo a scrivere. Comprendo le difficoltà dei sacerdoti con il Cammino, ma non il loro silenzio negli scrutini quando i catechisti violano le coscienze e distruggono le persone. Sono loro i responsabili delle anime.
    Grazie ancora per il bene che fa.

  21. Caro pater Arihel,

    la ringrazio sentitamente per questo suo magistrale capolavoro, che sto provvedendo a diffondere tra i sacerdoti che conosco.

    Sono figlio di neocatecumenali, cresciuto a pane e Kiko (non mi è mai stato insegnato ad inginocchiarmi durante la consacrazione, a genuflettermi davanti al Tabernacolo ed ho scoperto l’adorazione eucaristica da adulto). A 13 anni sono stato costretto anch’io a cominciare il cammino, che ho abbandonato dopo 16 anni per ragioni spirituali, teologiche e liturgiche. Ho impiegato una decina d’anni per prendere questa sofferta decisione, perché mi ero illuso di poter cambiare il cammino dall’interno.

    Nel CN sono stato umiliato, continuamente costretto al silenzio (da genitori e catechisti) e distrutto psicologicamente. Ero catechista e cantore, e passavo le pene dell’inferno ogniqualvolta mi azzardavo a non uniformarmi al kiko-pensiero (unico intelletto agente del cammino, avveroisticamente inteso): la mia conoscenza del Catechismo e della Sacra Teologia venivano considerate come forme di superbia e di orgoglio spirituale, il mio amore per la Santa Messa e per il rispetto dei libri liturgici per legalismo farisaico e ipocrita, il mio amore per la Santa Messa e per il rispetto dei libri liturgici per legalismo farisaico e ipocrita, il mio tentativo di dare al canto liturgico un certo decoro per perfezionismo e isteria e potrei continuare all’infinito (una volta fui redarguito per essermi inginocchiato durante la preghiera eucaristica, in quanto non rispettavo l’assemblea … un’altra volta per aver composto dei canti, in quanto “abbiamo il carisma vivente!!! Tu non sei nessuno per fare dei canti! Kiko non ha composto nulla, ha solo scoperto la musica che ha la Parola di Dio quando esce dalla sua bocca!!! Se credi di conoscerla anche tu sei superbo!!).

    Quando comunicai ai catechisti la mia decisione di lasciare il cammino, mi minacciarono come boss di cosa Nostra: “Il demonio distruggerà il tuo matrimonio!! Dio ti ha chiamato nel Cammino, e se lo lasci stai voltando le spalle a Dio!!!"

    Mi perdoni se mantengo l’anonimato, Ma essendo insegnante di Religione Cattolica, non ci tengo a vedermi revocata l’idoneità per le loro ritorsioni criminali.

    I miei genitori e i catechisti mi trattano come un apostata, ingannato dal demonio, che ha perso ogni capacità di discernimento, e soprattutto non sopportano che io abbia un sacerdote come direttore spirituale.

    Nel salutarla, le chiedo di ricordarsi di tutti noi ex neocatecumenali nella preghiera, ma soprattutto nella Santa Messa.
    Infine le chiedo un parere su questi due articoli, scritti da me:

    https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/09/sul-concetto-di-comunita-all-interno-del-cnc.html?m=1#comment-form

    https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/09/strane-allergie-cui-vanno-soggetti-i.html?m=1

    Benedictus Iesus Christus,

  22. Massimialiano C., avevo intenzione di leggere il suo inutilmente prolisso commento nel quale, com’è uso fra voi kikobots, confuta decine di anni di documentate testimonianze con una pietosa serqua di “Non est enim”, “da me mai successo”, ma mi sono dovuto fermare all’istante alla prima bugia da quattro soldi: l’approvazione del Direttorio.
    1) i volumi approvati sono segreti, perché voi avete fatto tante e tali pressioni per renderli tali, caso unico nella storia della Chiesa, quindi l’approvazione non ha senso di esistere, considerando che tale documento comprendeva la pubblicazione dei volumi.
    2) i testi originali erano talmente eterodossi che ve li hanno praticamente riscritti da capo, e in alcuni punti addirittura hanno cancellato interi brani, ut in causa Dei “commentoall’epilettico indemoniato del vostro guru eretico presente nel volume della Tradizio.
    tum, di che parliamo?
    3) La danza non è liturgica? Magari ci vuol rendere edotti riguardo alla cena gnostica con latte e miele celebrata a mo di eucaristia, all’interno della vostra messa durante la prima settimana di Pasqua?

    1. Caro bps,
      Cosa devo dirle più di quanto ci siamo detti su fb o sul blog. A riprova di quanto dicevo a don Ariel sul fatto che diceva, che esistono tantissime esperienze o ex, siete sempre gli stessi. Come vedi su questo blog siete gli stessi odiatori. Vede don Ariel? Dove sono tutte queste esperienze negative? Sono sempre la stessa decina di persone, che moltiplicano semplicemente il loro tempo su internet a parlare male del cammino per ragioni di odio personale.
      Bps, il rito di cui ha parlato, è stato approvato insieme a tutti i riti contenuti nel direttorio catechetico.
      Non c’è stata nessunariscritturadelle catechesi, ma semplicemente delle note a piè di pagina esplicative che riportano ai documenti della chiesa.

      1. No, nihil, proprio riscritti. I testi originali (che ho dal primo all’ultimo) sono stati stravolti nell’edizione 2010. Altro che note a piè di pagina! Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, perciò siete responsabili della vostra condanna.

      2. C. Maximilianus, ti rispondo sui due punti:

        primum: siamo sempre gli stessi odiatori, max una decina di persone
        Illudetevi pure che sia così. In pochi forse scriviamo con assiduità, ma siamo portavoce di tanti che non intervengono; questo non significa niente.
        Abbiamo più volte analizzato la “summa” del cammino e come si stia essiccando alla fonte. Fino a quando potranno continuare a sbandierare numeroni inesistenti? …calcantium abstuli: Miracoli! Impressionante!…per gettare fumo negli occhi agli ingenui camminanti che, col passare del tempo, sono sempre più smaliziati?
        Questo vale per le catechesi nelle parrocchie, per le vocazioni con cui riempire i troppi seminari sparsi per il mondo
        I dettagli li trovi tutti nei numerosi articoli diOsservatoriosu questi temi.

        Secundum: nessuna “riscrittura”, ma solo note esplicative.
        quod, le note sarebbero state messe SOLO per confermare l’ortodossia delle catechesi. Tu ci dai una sorprendente conferma: Kiko e gli itineranti mentono intenzionalmente ai camminanti poichè quella che tu riporti è la versione diffusa dai vertici del cammino nelle comunità. A conferma che non accettano correzione e sono decisi a disobbedire

  23. confirmo, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a “Maximilianus” aliqua 14.07. In primis confermo che Massimiliano MENTE sapendo di MENTIRE.

    Ho cominciato le catechesi nel lontano 1990 quando di statuti ancora nemmeno si parlava.
    Nelle celebrazioni eucaristiche (nella messa) si omettevano il Gloria, il Credo, il Lavabo, l’Orate Fratres, L’Agnus Dei e il Domine non sum dignus, Il Credo si cominciava a recitare (solo cantato sempre allo stesso modoCredo-ooo…) solo dopo la fine della Redditio, e se celebravano insieme due o più comunità, e anche una sola di queste non aveva fatto la Redditio, e quindi non aveva ricevuto (sic!) il Credo, questo si ometteva del tutto.
    Confermo che tutti gli arredi e l’instrumentario liturgico deve essere rigorosamente del cammino. Confermo che l’offertorio è inesistente, si tratta semplicemente di un trasferimento dell’occorrente per l’elevazione dal tavolinetto di servizio alla mensa (non altare, che è inesistente). Proibito inchinarsi. Se anche qualcuno lo facesse, sarebbe a tal punto riprovato e rimproverato che non oserebbe ripetere il gesto.

    Continuo nel confermare la veridicità di quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a Massimiliano delle 14.07. Fino all’approvazione degli statuti l’eucaristia si riceveva seduti e si consumava seduti dopo che il presbitero o altra persona (rigorosamente maschio, anche senza una formazione specifica) aveva distribuito un pezzo di pane azzimo a tutti. Dopo la distribuzione e prima della consumazione del pane, il presbitero diceva solo “Il corpo di Cristo ci custodisca per la vita eterna, al che l’assemblea rispondeva “amen”. Dopo l’approvazione è stato reintrodotto l’Agnus Dei e la recita della formula “Signore, non sono degno…. ma di’ soltanto una parola, e io sarò salvato”. La comunione si riceve solamente in piedi, ma continua ad essere consumata tutti insieme con il presbitero dopo la distribuzione a tutti. Di fatto ci si alza in piedi per pochi secondi solo per ricevere sulle mani il pezzo di pane dal presbitero o chi per lui. In pratica è una farsa, una sorta di contentino per le autorità ecclesiastiche.
    Riguardo al pane, non so se esso segue “le norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che a chi lo deve preparare viene data…

    1. Paola, sicut superius dixi, l’approvazione degli statuti e del direttorio catechetico, ha cambiato radicalmente il Cammino, per cui quello che prima era solo un tramandare oralmente le cose, ora è tuttostatutizzato”, per cui gli errori che si facevano, ora non si possono più fare. Anch’io sono entrato in cammino nel 1990 e ho vissuto sulla mia pelle questo cambiamento. Ricordo che eravamo spaventati di questi cambiamenti introdotti, ma invece sono stati una benedizione. Io non so da quando non assiste a una celebrazione con le comunità neocatecumenali, ma ora (in realtà da una 15 ina di anni) è esattamente come una messa normale, tanto è vero che dagli statuti, la celebrazione eucaristica è entrata di fatto nella pastorale della parrocchia che accoglie il Cammino. È aperta a tutti, venite a vedere con i vostri occhi.

      1. Ma davvero?
        nunc “la celebrazione con le comunità neocatecumenali
        è esattamente come una messa normale”?

        Allora prima era una messa a-normale?

        E dunque rispettate alla lettera i Libri Liturgici? Andate in processione a ricevere la Comunione con l’Ostia e con le stesse modalità di distribuzione che vediamo nelle nostre Parrocchie?
        Finalmente vi siete allineati alle disposizioni della Lettera di Arinze? Questa sì che è una notizia! In realtà vi erano stati concessi due anni, soltanto due, a 2005. Ma come si dice? Meglio tardi che mai.

        pax

        1. Cara Pax,

          Lo statuto del cammino Neocatecumenale, ad numerum 13, distingue 3 alea:

          per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto”.

          Poi come dicevo in un altro commento:

          Per quanto riguarda la materia della eucaristia, l’ordinamento generale del messale romano al punto 320 referendis: “il pane per la celebrazione della eucaristia, deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina”. Quindi come vede, non si fa cenno all’ostia, che nei secoli è stata adottata per ovvie situazioni di praticità dalla chiesa, ma di pane”.

          Poi al punto 321 dell’ogmr si dice: la natura di segno ESIGE che la materia SI PRESENTI VERAMENTE COME CIBO.

          Poi alla fine di questo articolo si recita:

          il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, per il fatto che “UN UNICO PANE È DISTRIBUITO TRA I FRATELLI

          salvete.

          1. Dunque non è affatto vero che la celebrazione neocatecumenale ” nunc (in realtà da una quindicina di anni) è esattamente come una messa normale” !

            La verità è che di adeguarvi alle correzioni non ci pensate neppure e, invece di obbedire alla Chiesa, continuate a esporre le vostre arbitrarie e parziali interpretazioni del messale romano (come fate con la Parola di Dio) per legittimare le vostre pratiche strampalate. Dopo anni di violente incursioni di Carmen in Vaticano avete ottenuto la lettera di Arinze che subdolamente avete vanificato.

            Che “la Santa Comunione sotto le due specie i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto” non significa che siete autorizzati a rimettervi seduti trattenendo il Pane per mangiarlo tutti insieme al presbitero che presiede, anche lui seduto, dopo la distribuzione. Questo è un vostro arbitrario comportamento cocciutamente perpetuato dalle origini e guai chi ve lo tocca. Idem per la distribuzione del Vino, fatta in una seconda tornata. Lungi dall’essere il Corpo e il Sangue dell’Unico Cristo immolato per noi, per voi sono due segni, separati e distinti, uno della schiavitù-morte l’altro della libertà-resurrezione.

  24. Continuo nel confermare la veridicità di quanto affermato da Tomista ex NC nella sua risposta a Massimiliano delle 14.07. Fino all’approvazione degli statuti l’eucaristia si riceveva seduti e si consumava seduti dopo che il presbitero o altra persona (rigorosamente maschio, anche senza una formazione specifica) aveva distribuito un pezzo di pane azzimo a tutti. Dopo la distribuzione e prima della consumazione del pane, il presbitero diceva soloIl corpo di Cristo ci custodisca per la vita eterna, al che l’assemblea rispondeva “amen”. Dopo l’approvazione è stato reintrodotto lAgnus Dei e la recita della formula “dominus, Non sum dignus…. ma disoltanto una parola, e io sarò salvato”. La comunione si riceve solamente in piedi, ma continua ad essere consumata tutti insieme con il presbitero dopo la distribuzione a tutti. Di fatto ci si alza in piedi per pochi secondi solo per ricevere sulle mani il pezzo di pane dal presbitero o chi per lui. In pratica è una farsa, una sorta di contentino per le autorità ecclesiastiche.

    Riguardo al pane, non so se esso seguele norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che a chi lo deve preparare viene data… [Editor scriptor note. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    Il pane si prepara secondo una precisa ricetta sui modi di preparazione e sui disegni da fare. Si può usare solo farina di tipo 00. Non so se la preparazione di tale pane segua “le norme dell’ordinamento generale del messale romano”, ma so che questo pane si fa e si usa come “ostia” solo nel cammino neocatecumenale. autem, devo rilevare che si fa effettivamente attenzione a non disperdere le briciole di quel pane, né durante la consumazione dell’eucarestia né dopo, durante la “purificazione”. Purificazione che però non ho MAI visto fare da un sacerdote né da un diacono, ma solo da responsabili, ostiari o altra persona rigorosamente di sesso maschile.
    Un’altra cosa di cui non si è detto, ma che se non erro è prevista negli statuti è che almeno una volta al mese le comunità celebrino l’eucaristia insieme alla parrocchia, quindi in una messa aperta a tutti.Tali celebrazioni, quando si fanno non sono aperte tutti. In primis sono messe neocatecumenali in toto, solo celebrate in chiesa. Ma le porte della chiesa sono sempre rigorosamente chiuse e si accede sempre da qualche entrata laterale, così che da fuori nessuno può intuire che in chiesa si svolgerà a … [Editor scriptor note. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    Infine una cosa che mi ha colpito molto (molto negativamente) e che trovo forse uno dei frutti più avvelenati del cammino, un’aberrazione è il rifiuto e il disconoscimento subito da alcuni ex NC da parte dei propri genitori, che dovrebbero essere le persone che ci amano di più. Mi riferisco sia a Tomista ex NC che ai due ex seminaristi Redemptoris Mater, ora parroci, che hanno dato la loro testimonianza. Questi sono fenomeni da regimi totalitari o che caratterizzano sètte come i testimoni di Geova. Che una madre disconosca e non ami più e allontani il figlio solo perché è uscito dal cammino la trovo un’aberrazione gravissima.Spero per loro che Dio apra gli occhi a questi genitori e li faccia rivedere e chiedere perdono ai figli finché sono ancora in tempo (in vita).E per voi, figli trattati né più né meno che come dei reietti, imploro l’infinito amore di Dio, che possa aiutarvi a lenire queste ferite forse insanabili. Per parte mia non posso capire ma solo immaginare lontanamente la vostra sofferenza, ma vi ricorderò nelle mie preghiere. Ho avuto la fortuna di essere l’unica della mia famiglia di origine in cammino e questo mi ha aiutato a mantenere sempre uno sguardo … [Editor scriptor note. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

    1. Signora Paola,
      L’ordinamento generale del messale romano, al punto 320 referendis: “il pane per la celebrazione della eucaristia, deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina”. Quindi come vede, non si fa cenno all’ostia, che nei secoli è stata adottata per ovvie situazioni di praticità dalla chiesa, ma di pane.
      Poi al punto 321 dell’ogmr si dice: la natura di segno ESIGE che la materia
      SI PRESENTI VERAMENTE COME CIBO.
      Poi alla fine di questo articolo si recita: il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, quod “UN UNICO PANE È DISTRIBUITO TRA I FRATELLI
      Credo che non debba aggiungere altro a quello che dice L’ordinamento generale del messale romano.
      La pace

  25. Sulla truffaldina approvazione si pensi al fatto che lo Statuto è stato approvato PRIMA del Direttorio. In aliis verbis,, hanno approvato uno Statuto fondato su testi catechetetici ancora sub iudice e poi rivelatisi zeppi di eresie e balordaggini. Strano iter, vero?

    A Massimiliano che ripete le solite menzogne a pappagallo, ricordo tutte le principali disobbedienze al vostro Statuto e al Messale:

    1- nel gruppo di preparazione DEVE esserci il sacerdote e non c’è mai;

    2- ammonizioni e ambientale sono l’eccezione e non la regola;

    3-Eucharist: potete SOLO restare in piedi al vostro posto. Dovreste comunicarvi DOPO il sacerdote e ognuno singolarmente immediatamente ricevuto il Pane e non tutti insieme;

    4-Purificazione: può farla SOLo il sacerdote, il diacono o l’accolito istituito, e invece provvede ostiario o responsabile.
    Confermo gli abusi elencati da Paola. Ne sono stato testimone.

    Senza dimenticare l’obbligo della decima, la pretesa dei catechisti di dare ordini su coscienza, libertatem, familia, sexualitatis, opus, liberi, beni e quant’altro, i peccati confessati pubblicamente negli spietati scrutini.

    Maximilianus, Gesù perdonava tutti meno gli ipocriti. Regolatevi tu e… [Editor scriptor note. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

  26. carissimi Maximilianus
    Mio ex fratello di fede neocatecumenale.
    Tu dici che nel direttorio catechistico del cammino neocatecumenale approvato nel 2010 dalla Chiesa non c’è nulla di corretto ma c’è solo qualche nota presa dal CCC .
    etiam, io penso che quello che tu dici non corrisponde alla verità.
    Possiamo risolvere questa cosa in modo molto semplice, fai in modo e maniera di pubblicare tutto il Direttorio Catechistico così tutti noi odiatori professionisti possiamo ricrederci ed abbracciare nuovamente la nuova estetica neocatecumenale.
    Vedi come è facile!!!!
    LUCA

    1. carissimi Luca,
      Come ben sai, l’articolo 8 dello statuto del Cammino Neocatecumenale, recita che il l’itinerario è suddiviso in tappe, con catechesi e celebrazioni proprie per ciascuna tappa. Credo sia ovvio quindi, che il direttorio catechetico non possa essere pubblicato e fruibile a tutti, sed tantum “agli addetti ai lavori “, catechetae, Parroco, vescovo ecc. Un consiglio, chiedi al tuo Parroco di poterne prendere visione, penso dovrebbe accogliere favorevolmente la tua richiesta.

      1. carissimi Maximilianus,

        Il mio parroco non ha nessun direttorio catechetico del cammino neocatecumenale.

        Ho scritto alla Pontificia commissione per i laici e mi hanno risposto di chiedere al cammino neocatecumenale.

        Sono andato alla vostra sede di via del Mascherino a Roma e mi hanno detto che i volumi non sono in vendita ma possono essere comperati a 10 euro a volume, solo dai catechisti neocatecumenali ma solo il volume relativo alla tappa che devono riportare alla loro comunità.

        Maximilianus, ma di qualiaddetti ai lavoristati parlando.

        Voi neocatecumenali siete l’unico movimento nato dal Concilio Vaticano II che avete uncatechismo privatoinaccessibile al popolo cristiano.

        Massimiliano voi siete l’unico movimento che produce 4 documenti l’anno che vengono ripetuti a porte chiuse solo ed esclusivamente tra di voi, senza nessuna approvazione della Chiesa e nessuna pubblicazione.

        Parlo delle catechesi di inizio anno e delle catechesi dei tempi forti della Chiesa, cioè Avvento,Christus, Quaresima e Pasqua.
        In 50 anni di cammino parlo di 200 documenti riservati e segregati che vi cantate e vi suonate tra di VOI.

        Massimiliano quando cominci a fare il serio?
        LUCA

      2. carissimi Maximilianus,
        Sullo statuto non c’è alcun articolo che spiega che il Direttorio Catechetico vada segregato.
        Se il cammino neocatecumenale fosse un movimento serio smetterebbe di fare questi giochini delle tre carte con la Chiesa e con la gente.
        Non esistono documenti di fede segreti e segregati.
        Non esistono documenti di riferimento di movimenti che non sono pubblici e pubblicati.
        Cosa state nascondendo e da chi vi state nascondendo?
        Perchè vi ostinate a prendere in giro la gente.
        Se avete un documento prodotto dal vostro fondatore dove c’è tutta la dottrina del movimento perchè avete paura di pubblicarlo.
        E non mi dite che rovinate la sorpresa ai vostri adepti, perchè diventate ridicoli.
        Voi rifiutate il confronto, rifiutate la trasparenza, rifiutate la limpidezza verso le persone, le vostre tappe sono un segreto di pulcinella
        Se non lo pubblicate, avvalorate il sospetto che il documento che usate non sia quello che vi ha approvato la Chiesa.
        Vi è chiaro il problema?
        Massimiliano a me va bene anche così , essere omertosi e bugiardi è forse il miglior modo per allontanare la gente.
        Potevate essere qualcosa di buono. peccatum,siete una occasione sprecata!!!…

        1. carissimi Luca,
          Veramente sullo statuto non c’è scritto neanche da quanti volumi è composto il direttorio e nemmeno il tipo di carta usato. Non capisco proprio questa polemica. Il Neocatecumenato, con gli ultimi statuti, è utilizzato anche comecatecumenato degli adulti”, quindi io non vedo quale sia il problema se i documenti relativi al catecumenato, siano fruibili solo dagli addetti ai lavori. Non c’è sicuramente nulla da nascondere, visto che sono documenti in possesso degli organi ecclesiali competenti, dei Parroci e dei catechisti, maxime, se in caso di catechesi o passaggi, ne vengono resi edotti i neocatecumeni (o i catecumeni). Non può esserci poi nessun sospetto che i documenti usati per le catechesi, non siano quelli approvati, semplicemente perché gli stessi documenti li ha il Parroco e il Parroco o un suo collaboratore è sempre presente durante le catechesi. Se fosserosecretati”, come dici maliziosamente, non sarebbero in possesso di nessuno.

          1. carissimi Maximilianus.

            Ti ho già detto che il Direttorio catechetico non è in possesso del mio parroco é neanche dei suoi collaboratori. Lo hanno solo i catechisti del cammino neocatecumenale e neanche tutto ma solo il volume relativo alla tappa che sono abilitati dai loro catechisti a portare solo oralmente nella comunità a loro assegnata.

            Durante queste catechesi non è possibile fare registrazioni non è possibile neanche prendere appunti o fare domande.

            Si deve solo ascoltare e basta c’è una comunicazione unilaterale, il catechista parla e il catecumeno ascolta senza alcuna relazione o spiegazione dei contenuti propinati.

            Il catechista è chiamato a seguire scrupolosamente il Direttorio catechetico che và imparato praticamente a memoria. Si fa così perché il catechista non necessita di alcuna preparazione religiosa, dottrinale o liturgica, per diventare catechisti basta essere votati dalla comunità e fare due ascolti della catechesi da riportare ai propri catecumeni.

            Ecco perché non sono ammesse domande perché il catechista medio non sa rispondere, conosce solo il cammino e la catechesi che deve riportare e per Kiko non serve altro.

            LUCA

          2. carissimi Maximilianus
            Altra grande idea geniale del tuo Signore e padrone Kiko Arguello è stata quella di non definire neanche quanti sono i libri del direttorio catechetico, così può continuare imperterrito ad aggiungere tappe su tappe al suo percorso infinito verso il nulla.
            Articolo 22 dello statuto Educazione permanente:

            «la comunità neocatecumenale: perseverando nella celebrazione settimanale della parola e delle eucaristia domenicale e nella comunione fraterna attivamente inserita nella pastorale della comunità parrocchiale, per dare i segni dell’amore dell’Unità»

            Ma chi li vede in Chiesa la domenica e inseriti nella pastorale della parrocchia nell’amore e nell’unità, continuano per conto loro e sotto il comando dei catechisti anche dopo che hanno finito il cammino.

            Altro che rinnovamento della parrocchia.

            LUCA

          3. Intervengo con pacatezza esprimendo che apprezzo del Sig. Maximilianus (e lo dico senza ironia, con autentica sincerità). Apprezzo la passione con la quale difende da una parte, non dando però risposte esaurienti dall’altra. E sempre ribadendo la mia sincerità scevra da qualsiasi sottile ironia, credo che egli meriti tutto il rispetto dovuto ad un avvocato d’ufficio che si ritrova a difendere un ladro arrestato con la refurtiva in mano dalla polizia dopo che le videocamere di sorveglianza avevano ripresa dall’inizio alla fine tutta la scena del furto. Quel ladro ha bisogno di difesa, e deve essere difeso. E siccome più avvocati si sono rifiutati, il compito è toccato all’avvocato d’ufficio, quod, inquam, si deve tributare tutto l’onore del caso, perchè lo merita.

            Sono un presbitero ambrosiano. Non sono mai stato parroco titolare perchè svolgo attività di canonista in alcuni uffici diocesani, quella di difensore del vincolo e quella di insegnante di questa materia. Con questo vario genere di impegni non potrei reggere una parrocchia, però vivo da sempre in parrocchia, e sono vicario parrocchiale aggiunto.

            Il caro padre Ariel menziona, nel suo scritto, il nostro compianto vescovo, card. Carlo maria Martini, narrando che i neocatecumenali in diocesi, non li gradiva. Ha detto il vero, ed altri dettagli andrebbero aggiunti, meglio però evitare di farlo. Posso dire, autem, che la nostra di Milano è una diocesi un po’ maxime, perché ha un rito proprio (l’ambrosiano) di cui in genere, omnes sacerdotes, dai così detti conservatori ai progressisti, sono piuttosto gelosi. E questo è stato un problema non indifferente, con il Cammino, che di fatto rivendica l’uso di un … “rito proprio”.

            La nostra diocesi conta oltre 1.100 parrocchie per un numero di fedeli superiore a 5 et decies centena, se non vado errando, nella città di Milano, le parrocchie in cui è presente il Cammino Neocatecumenale, sunt, 3 quod 4. Questo già lascia capire tutto: de facto,, questo movimento, da noi è inesistente. Più tentativi nel tempo sono stati fatti e con più parroci, questa la mia esperienza diretta: quando si presentarono al parroco della mia parrocchia di residenza deicatechisti itineranti”, il parroco rispose che noi non eravamo terra di missione e che la nostra diocesi ha inviato missionari per il mondo sin dall’epoca di san Carlo Borromeo e che tutt’oggi ha un considerevole numero di propri sacerdoti in varie terre di missione.

            Cambiarono registro e, dopo alcuni mesi, si ripresentarono, e lo fecero in altro modo. Fu allora che il parroco chiese a me di vederci chiaro e a fondo, anzitutto da un punto di vista canonico. Primum, domandi di poter visionare i loro statuti ma soprattutto i testi del catechismo approvato. Per tutta risposta mi presentarono il decreto del Pontificio consiglio per i laici che nel 2012 approvava gli statuti. Ribadii che non volevo visionare un decreto, reperibile all’istante sul sito della Santa Sede, ma i testi dei loro statuti e soprattutto quelli del catechismo adottato e approvato dalla Santa Sede. Tergiversarono in vario modo, ribadendo (come ho letto in vari interventi in questa pagina di discussione), che loro erano stati approvati ed erano stati promossi dalla chiesa e dai papi. sed, questi statuti e soprattutto i testi del catechismo approvato, non saltarono mai fuori, e mai furono esibiti.

            Posso testimoniare che sono stati fatti vari altri tentativi analoghi con diverse altre parrocchie di Milano, e diversi altri parroci si sono rivolti a me, sapendo che mi sono occupato a più riprese in passato dei vari aspetti giuridici dei movimenti laicali. Tutti i parroci avvicinati hanno chiesto gli statuti e soprattutto i testi del catechismo approvato, tutti hanno ricevuto le stesse risposte, e a nessuno sono stati dati.

            Posso solo concludere dicendo che chiunque venga da me e mi domandi di esibirgli il codice di diritto canonico, io prendo il codice e glielo esibisco, E, se qualcuno mi dice che vuole leggerlo, o gli dico dove può acquistarlo, uel, in modo gentile, glielo offro in prestito,dicendogli di avere cura di restituirmelo quando lo avrà letto.

            Dunque questi statuti ma soprattutto i testi approvati del catechismo, dove sono reperibili? A me non interessa leggerli, e non credo che interessasse nemmeno ai diversi parroci di cui dicevo sopra, ma se un movimento laicale domanda di poter entrare in una parrocchia e di poter usufruire per le proprie attività di una parrocchia, bisogna vagliare di che movimento si tratta, come è strutturato e organizzato, quali sono le sue finalità scritte nero su bianco e soprattutto, avendo un catechismo approvato, quale genere di linea catechetica segue. Questo infatti non lo dice e non lo spiega un decreto di approvazione del Pontificio consiglio per i laici, che tra l’altro non indica affatto: “Sono approvati, prendeteli a scatola chiusa!”. aut non? aliter, basterebbe prendere il decreto di approvazione di una legge e dare esecuzione a quella legge senza però conoscere il testo della legge, ma solo il suo decreto di approvazione.

            don Giovanni da Milano

  27. Sono rimasta in religioso silenzio dopo aver letto il suo splendido capolavoro, Ariel pater mi.
    Esso mi ha stupita come un immenso, insperato regalo a lungo desiderato ma che ormai non si credeva più di poter ricevere.
    Sento prepotente il bisogno di farle giungere l’espressione profonda della mia immensa gratitudine.
    Ringrazio Iddio che le ha concesso di dedicare tanto tempo a questa opera meritoria.
    Il suo pregio più grande è che lei è un Sacerdote, tandem!

    Dai tempi di padre Zoffoli mancava una presa di posizione così netta, messa nero su bianco.
    Da anni combattiamo da soli (anche io collaboro al Blog “Osservatorio secondo verità sul C.N.”), così credevo, con la grande amarezza che proprio i nostri Pastori, cunctis in gradibus adimpleatur, ci avessero lasciati soli.
    Molto dobbiamo a Tripudio che da sempre si è speso per questa missione di fare “Verità” senza aver mai fatto parte personalmente del Cammino, come a Lino Lista, scomparso recentemente e che, ne sono certa, continua con le sue preghiere a sostenerci.

    Anche io testimonio l’inutilità (apparet,?) di tutte le nostre denunce a Parroci, episcopis,, Cardinali, Congregazioni e anche al Papa in persona.

    Leggo che lei ha, a supporto delle sue affermazioni, un archivio ricco di esperienze di sacerdoti che hanno firmato e certificato le loro testimonianze dirette. Questo mi consola e mi ridona speranza. Uno dei dolori più grandi con cui ho dovuto convivere è stato proprio il senso di abbandono da parte di chi doveva prendersi cura del gregge devastato dai lupi sotto i loro occhi impunemente e vedere la complicità di alcuni pastori con i lupi stessi, abilissimi a travestirsi da pecore, o a corrompere – se necessario – con prebende economiche o assicurazioni di promozioni ecclesiastiche (anche di questo sono stati capaci, e io ne sono testimone).

    Non sono intervenuta finora per non rischiare di scrivere a fiumi come potrei e forse aggiungendo ben poco.

    Per questo ho esordito con l’espressione “religioso silenzio” ma sono pronta, per la mia parte – tengo a dirglielo – a intervenire qualora ce ne fosse bisogno per suffragare e sostenere quanto lei afferma dalla parte del clero che, uno modo vel alio, ha avuto a che fare col cammino neocatecumenale. quod, sono pronta a confermare, con la mia trentennale esperienza nel cammino, che mi ha portata fino a prestare per un lungo periodo un servizio di catechista in mezzo agli itineranti, sotto la diretta guida di Kiko e Carmen, che così ho avuto modo di “conoscere” in prima persona. Dunque non parlo per sentito dire.

    Per anni inutilmente ho conosciuto l’impossibilità di cambiare le cose dal di dentro, finché ho capito che nulla c’era da cambiare poiché il cammino è marcio di suo e il seme che lo ha generato non è quello del Buon Seminatore ma del Diavolo travestito da angelo di luce. Ormai è molto tempo che Kiko ha gettato la maschera e solo i suoi sodali, che hanno come lui di che guadagnare da questo vergognoso ambaradan, o i suoi adepti lobotomizzati e ridotti in perfetta schiavitù – in una sorta di dipendenza da cui hanno paura di uscire – si prodigano nel dare prova di credere ancora in lui.

    Ma i dubbi serpeggiano, un malessere crescente si diffonde e nulla succede, poiché tutti questi sventurati preferiscono continuare a prendersi in giro da soli pur di continuare sulla giostra di kikolandia che li preserva dal guardare in faccia la realtà della vita della quale hanno paura e nella quale ormai si muoverebbero come dei disadattati totali. Ragion per cui molti dei fuorusciti finiscono sul lettino di psichiatri e psicanalisti e non trovano chi possa curarli. Bel cammino per adulti! Bella formazione, non dico per formare “cristiani adulti” ma anche solo “uomini maturi”.
    Hic non prohibere.

    Due soli punti voglio sottolineare e portare in evidenza:

    1. Le denunce minacciate quae in extremis.
    Sono dei pagliacci ridicoli. Quando lo scontro arriva all’ultimo atto ti mettono davanti il formidabile spauracchio della denuncia. Ho avuto l’onore di sentirmi rivolta questa minaccia da Kiko stesso imbestialito.
    Ad oggi sto ancora aspettando, poiché gli dissi che ero davvero contenta di questa sua decisione e che non vedevo l’ora di potermi confrontare con lui e Carmen davanti ai Dicasteri competenti (la denuncia alla Santa Sede doveva vertere, tanto per cominciare, sul rifiuto di obbedirgli).

    Inutile chiarire, ma lo faccio lo stesso, che si è guardato bene dal denunciarmi, ut semper! Da parte nostra molte volte abbiamo inoltrato esposti e quant’altro alla Santa Sede, senza essere mai convocati e senza mai ricevere una qualche risposta per iscritto.

    2. Qui si inserisce il secondo punto:

    È sorprendente, ma forse no, visti i soggetti in questione: mentre da una parte, come era facile prevedere, nessuna denuncia è mai partita da parte loro nei nostri confronti (mica sono scemi!) – sono partite, sed, e andate a segno numerose “calunnie” di ogni tipo contro le nostre persone, soprattutto volte ad infangare il profilo morale. Adulteri, crisi matrimoniali e con i figli, figli sbandati, patet,, ingoiati dal mondo … di tutto.

    È questo il loro modus operandi. Questa la squallida e – questa sì – consolidata “prassi del cammino neocatecumenale”. Su essa non spendo altre parole. Il Signore stesso ci ha difesi e preservati, facendoci camminare in mezzo a serpenti e scorpioni. Dandoci forza per ricostruire una vita distrutta che era tutta improntata al cammino, il Signore ci ha sostenuto e benedetto ed oggi tutto è molto meglio di quando eravamo con loro e non immaginare cosa sarebbe oggi se fossimo rimasti in mezzo a loro! Mi viene la pelle d’oca e compiango chi conosco molto bene e ancora sta lì.

    Aggiungo solo che sono dolorosa testimone che, specie nei riguardi dei Parroci e anche dei Vescovi che ritenevano “nemici” hanno messo in campo sempre e puntualmente questa strategia della calunnia. Per alcuni veniva messa in giro la voce che avessero l’amante (che poi puntualmente era quella che comandava in Parrocchia …. ecco perché il cammino “santo” era perseguitato … ovvio la “grande meretrice”!) per altri, degni di un trattamento più raffinato, la voce peggiore (mendacium) che mettevano in giro era che fossero pedofili, insidiatori di ragazzini o di bambine.
    Ma guarda un poco; per poi scoprire che tra i loro più grandi amici e potenti protettori ci sono proprio i più famosi pedofili seriali della vergogna che si aggirano nella Chiesa!
    Scusate questo mio intervento.

    Grazie di tutto e grazie ancora, a nome di tutti quelli come me, che tante ferite, inferte dallo spietato cammino kikiano/carmeniano, hanno dovuto curare, e siamo in tanti!

    pax

  28. Buongiorno don Ariel,
    Sono Massimiliano e le chiedo scusa se intervengo di nuovo. Premesso che ieri ho inviato una risposta alla signora Paola che mi accusava di essere un mentitore e non ho visto la pubblicazione del messaggio. Comunque volevo invitarla a guardare nel blog osservatorio e osservare i frutti dell’odio instillato anche attraverso il suo post. Come può vedere, sono sottoposto a un linciaggio, assolutamente in contumacia, solo per aver espresso il mio parere sul suo blog. Questo è quello che ieri intendevo, se creiamo divisione tra i cristiani, questi sono i frutti che raccogliamo e non siamo certo portatori di pace. Portando bensì divisione, inimicizie, odio e basta. Saluto vos ego gratias ago tibi, et.
    La pace

    1. Dopo la sua segnalazione è stata inserita, non è dipeso da noi, ma dal fatto che il suo era un testo composto da pezzi inviati a più riprese da attaccare assieme.
      Se quanto pubblicato non è corretto ce lo invii di nuovo che correggiamo o lo inseriamo.

      multos gratiarum actione.

  29. A Massimiliano
    Apostata perché da tale mi trattarono quando me ne andai.
    Odio,violenza? Mai quanto i miei ex kikatekisti con i malcapitati che piangevano durante i feroci scrutini. Se cerca vero odio, dica ai catechisti che non dà la decima perché ha fatto elemosina, vedrà che odio!
    Che pensa di Kiko esorcista e di quelli che lo imitano? Chieda a un esorcista vero cosa significa.
    Statuto approvato? Senza odio le domando: lei obbedisce alla Chiesa?
    Più precisamente, secondo lo Statuto :
    Nel gruppo di preparazione ci deve essere sempre il sacerdote.
    flavo cards, ambientale e risonanze si tengono solo in casi eccezionali e non sempre.
    La celebrazione deve essere aperta a tutti, la vostra c’è nell’orario parrocchiale?
    Libri Liturgici, Il papa ha ORDINATO DI SEGUIRLI FEDELMENTE SENZA AGGIUNTE NEOMISSIONI:
    Usate un altare consacrato, con ceri “normalem” ?
    La Comunione la fate DOPO il sacerdote e ognuno immediatamente ricevuto il Pane?
    La purificazione la fa il sacerdote, il diacono o l’accolito istituito?
    Fate il ringraziamento al termine anziché il balletto?
    Ultima domanda. perché la liturkikia è intoccabile e la Liturgia no?
    Obbedisce la sua comunità alla… [Editor scriptor note. frase monca, manca un pezzo di testo, non è stato tagliato dalla redazione]

  30. Per Massimiliano
    Nessuno la sta linciando. Diciamo solo che lei mente e sa di mentire, come può rendersi conto chiunque assiste ad un’eucaristia (messa) neocatecumenale.

  31. carissimi Maximilianus
    Non c’è alcun linciaggio morale.
    Tu sollevi questioni.
    Tu affermi delle cose.
    Tu dai del bugiardo agli altri.
    Tu pensi di parlare con gente che non conosce il cammino neocatecumenale.
    Massimiliano non è così.
    Chi ti risponde e ti fa domande a cui tu non rispondi, conosce molto bene la realtà del cammino neocatecumenale.
    Massimiliano smetti di fare la vittima è se vuoi un dialogo costruttivo entra nel merito delle questioni.
    Rispondi con fatti oggettivi a fatti oggettivi che ti vengono proposti.
    Se non sei in grado di argomentare smetti di dire cose che non puoi dimostrare e smettila di lamentarti.
    Massimiliano sei un poconfuso e fuori dalla realtà.
    Ti consiglio di parlare con i tuoi catechisti e chiedere a loro quello che devi scrivere.
    Fai un servizio migliore al tuo Signore e padrone Kiko Arguello smettendo di dire baggianate.
    LUCA

  32. L’intenzione di questo don Ariel è chiara, vuole solo provocare e guadagnare visibilità. Del resto è la stessa cosa che tutti quelli come lui hanno fatto e vogliono fare, quindi cari appartenenti al Cammino, perchè ci cascate sempre? Quanto scrive Don Ariel è di una banalità sconcertante e anche il più sprovveduto, degli appartenenti al Cammino, saprebbe confutare, quelle che sono le solite scemenze. Perché perdete il vostro tempo con costoro? Vogliono solo visibilità per vendere qualche libro. A noi cosa interessa di cosa pensa Don Ariel? La Chiesa ci ha approvato? Il Papa ci sostiene? Non perdete il vostro tempo appresso a queste stupidaggini.Buona giornata.

    1. Caro Giovanni,

      io dirigo una rivista che nel corso degli ultimi tre anni ha superato i trenta milioni di visite. Lei crede che questo sia avvenuto grazie alla critiche ai neocatecumenali, ai quali mai avevo dedicato in precedenza uno scritto? O crede forse che questo scritto pubblicato oggi abbia data alla nostra rivista una visibilitàretroattiva?

      Veniamo alla banalità di cui lei mi accusa, rispondo: banale è il vostro falso profeta e cattivo maestro Kiko Arguello che afferma pubblicamente di compiere esorcismi e di comandare ai Dèmoni [ Cf.. http://www.youtube.com/watch?v=Xl1vv1dEiiU ] etc. … etc. …

      Io che sono un ministro in sacris, per poter esercitare il ministero di esorcistaesercitato solo alcune volte e su richiesta di alcuni esorcisti anziani che ritenevano di non avere la necessaria resistenza fisica e psicologica richiesta da quei casi particolarmente turbolentiho prima ricevere il ministero dal vescovo, con autorizzazione scritta e messa agli atti, poi sono stato ulteriormente autorizzato ad esercitarlo a precise regole e condizioni. Potrei invece sapere, al laico Kiko, chi ha dato questo mandato, visto che i preti stessi, senza espressa autorizzazione del vescovo, non possono esercitare il ministero di esorcista ?

      Le rispondo circa il fatto che io direi scemenze: lei pensa, dinanzi ad una platea di 100 populo, di poter reggere e sostenere con me, non dico uno discorso teologico, ma un discorso seriamente improntato sul Catechismo della Chiesa Cattolica, rispondendo con piena conoscenza e cognizione ad ogni quesito? Se è in grado di farlo, mi dica presso quale pubblica sala possiamo trovarci dinanzi ad un pubblico di ascoltatori.

      Le rispondo circa il fatto che a lei non curant, che cosa pensa don Ariel: ma lei lo sa, o meglio le è chiaro, che questoscemodi don Ariel, per mandato ricevuto dalla Santa Chiesa, celebra il Sacrificio Eucaristico, battezza, assolve dai peccati, amministra l’unzione agli infermi, ed ha ricevuto, per Sacramento di grazia il triplice munus: docendi, gubernandi, santificandi che nessuno ha mai invece conferito ai laici confusionari Kiko e Carmen? E lei mi chiama diffusore discemenzeal quale non prestare ascolto?

      Segue quindi la sua filastrocca: la Chiesa ci ha approvatoil Papa ci sostiene
      Ebbene come mai, lei, negando l’evidenza dei fatti, omette di accettare e di ammettere che la Chiesa vi ha approvati dopo avervi riscritti di sana pianta gli statuti e che Benedetto XVI e Francesco I vi sostengono al punto tale che, ad ogni discorso ufficiale, vi hanno fatto ripetuti e severi richiami, che se lei sapesse leggere, potrebbe trovare tutti quanti pubblicati negli atti ufficiali della Santa Sede? Perché nel mio scritto, io riporto i fatti e gli atti ufficiali.

      Negare l’evidenza dei fatti è tipico dei settari appartenenti alle psico-sétte. E adesso mi dica, chi dei due, lei od io, è uno stupido che dice scemenze?

      La ringrazio comunque ed in ogni caso, lei ha data pubblica conferma del modo in cui, i kiliani messianici ed eletti tra gli eletti, sono abitualmente soliti trattare i sacerdoti.

      1. Mi dispiace Don Ariel,quanto scrive non merita alcuna replica, benchè potrei facilmente confutare punto per punto.Non perchè abbia una sapienza o intelligenza particolari,ma perchè le sue tesi sono quelle trite e ritrite,anche piuttosto banali,dette già da altri. Credo che non sarebbe male se avesse maggior rispetto per i Papi che si sono avvicendati e che mi sembra abbiano più che risposto.Mi duole dirlo ma si tratta di argomenti superati che sarebbe meglio mettere in soffitta.Lei sa benissimo che nella Chiesa esistono organi preposti alla tutela della ortodossia della fede,se ha dei dubbi forse ,la cosa più opportuna ,sarebbe rivolgersi ad essi.Parafrasando la famosa lettera del Card.Ruini, inviata a Zoffoli,la inviterei a non formulare giudizi,relinquo, Ad auctoritates propriis,il compito di vigilare. Non so se ha letto i discorsi di San Paolo VI e di San Giovanni Paolo II,di Benedetto XVI e di Papa Francesco,sul Cammino,se non l’ha fatto,la invito a farlo ,credo che non se ne pentirà.Sono convinto che lei è solo in cerca di visibilità.mi scusi la franchezza.Non ho altro da aggiungere.le auguro buona giornata e la ricorderò nelle mie preghiere

        1. Paenitet, sono io che non posso replicare. Dinanzi a chi rifiuta la realtà ed il dato di fatto, posso solo, seguendo l’esempio di Cristo Signore, chinarmi in silenzio a scrivere sulla sabbia [Cf.. Gv 8, 3-6].

          Purtroppo lei nega ostinatamente che sia documenti scritti dagli appositi dicasteri, sia nei discorsi dei Sommi Pontefici Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco I, ci sono duri e severi richiami a:

          1. il totale rispetto dei libri liturgici ed in particolare della istruzione Redemptionis Sacramentum;
          3. il rispetto dei parroci e dei sacerdoti che non sono figure accessorie a quelle dei laici ;
          4. il severo invito al rispetto delle comunità parrocchiali ;
          5. il severissimo invito a non presentarsi in zone cosiddette di missione con modi prestabiliti e soprattutto impositivi;
          6. la piena libertà delle persone a scegliere un percorso di fede diverso dal Cammino;

          etc. … etc. …

          inutile ribadire quello che ho scritto, se lei non intende leggerlo o se lei tenta di manipolare la realtà, quindi sono io che prego per lei, perché lo Spirito Santo, reali, le menti le apre e non le chiude.

          Mentes tuórum vísita [visita le nostre menti] … Accénde lumen sensibus [sii tu la luce dell’intelletto]

          1. Cari Fratres Ariel, Benedictus Iesus Christus,! E grazie per il lodevole e utile lavoro che hai fatto.

            Sono un presbitero romano, eGO 82 aetate, quod 4 ritirato a vita privata con vari acciacchi di salute, oggi esercito funzioni di cappellano presto un istituto di religiose nella zona dei Castelli Romani e mi preparo al mio incontro con Dio.

            Volevo scriverti una testimonianza ma il tuo botta/risposta con questo signore mi ha spiazzato: quid de? Solo poche parole, giacché costui cita tra l’altro il Card. Camillo Ruini, che io ho conosciuto molto bene e per varie ragioni.

            All’epoca che ero parroco di una parrocchia di Roma richiamai i neocatecumenali (che ivi trovai già insediati da anni) al rispetto di varie regole, a partire da quelle liturgiche, ma soprattutto chiarii che se volevano delle catechesi su temi specifici di loro scelta, le avremmo fatte io e gli altri tre vicari parrocchiali, dopodiché i loro catechisti avrebbero potuto parlare e istruirli al cammino.

            Il capo dei catechisti mi aggredì letteralmente, e in pubblico mi accusò di non avere rispetto del laicato nella Chiesa, e mi sbeffeggiò davanti a tutti. Alla fine disse testuali parole che testualmente riporto: “tu del concilio non c’hai capito un dick, studialo!”.

            Cuius evidentiam lets ': et ego 68 anni ed avevo insegnato per 30 anni ecclesiologia e per anni fui tra i formatori al Seminario Maggiore Romano. Parole sante Ariel quando tu nel tuo ottimo lavoro parli deirispettabilissimi muratori scesi dalle impalcature ripieni di Spirito Santo che lanciano strali e danno lezioni al mondo intero.

            Praticamente a me è accaduto che, un inserviente dell’ospedale, davanti a tutti, aveva detto al chirurgo di imparare cosa fosse la chirurgia.

            E veniamo all’allora Cardinal vicario Camillo Ruini citato a sproposito e cupulae, vulgo volta Quid Pro Quo da questo signore: dopo avere sbattuto fuori i neocatecumenali dalla parrocchia, andai dal Cardinal Vicario, e gli narrai il fatto, e la decisione da me presa. la risposta fu la seguente: “Hai fatto bene. Ma sai, Infeliciter, sono soggetti particolari e non sempre facili da gestire”.

            Punto, non ho altro da aggiungere.

            signati litteris

        2. Per Giovanni:

          Se replicare alle affermazioni documentate di Don Ariel è così semplice, perché non lo fa? Per la stessa ragione per cui nessun neocatecumenale MAI risponde punto per punto alle osservazioni sulle diverse irregolarità liturgiche, lets 'narro, e inosservanze degli statuti e altre pratiche non in linea con la Chiesa cattolica (vedi scrutiniscarnificatoridi coscienze, a modell’Inquisizione, vedi obbedienza ai catechisti, vedi testi delle catechesi inaccessibili ai semplici fedeli e ai parroci, etc.).

          E la ragione è che non saprebbe cosa rispondere, non essendo in grado di farlo. Massimiliano ha citato il Messale romano riguardo al pane, ma su tutti gli altri punti ha taciuto.

    2. Cominci pure a confutare, signor Giovanni.

      Attenderemo con ansia il suo lavoro.
      Dimostri che il Cammino non compie alcun abuso liturgico, che i catechisti durante gli scrutini rispettano il foro interno (così come prevede il vostro statuto), che la decima non esiste, quod “mamotretinon sono stati corretti riguardo al sacrificio della Messa, alla presenza reale, alla redenzione, alla soddisfazione vicaria, al sacerdozio ministeriale, al Sacramento della Penitenza, all’escatologia intermedia, all’esegesi sulla legatura di Isacco, a “necessità del demonio” (controllicontrolli pure, quinto volume, “Iniziazione alla preghiera”), alla parentesi costantiniana, dice?, etc..

      O la Chiesa Cattolica ha cambiato Dottrina ed ha canonizzato l’eresia o Kiko è eretico (se invece lo è stato e si è ravveduto, non ha comunque ritrattato né chiesto pubblicamente perdono).
      Tertium non datur.

      Risponda con argomenti se ne è in grado e lasci perdere gli slogan.

  33. Ho aspettato a lungo per scrivere la mia esperienza perché faccio tuttora parte del cammino e ho sposato una donna che ha iniziato il cammino da giovane e me lo ha fatto conoscere. E’ una moglie meravigliosa che ha ben chiara la sua vocazione di moglie e di madre. Devo ammettere che ciò è dovuto anche a ciò che le hanno detto nel cammino sulla bellezza del matrimonio etc. ma anche al fatto che ha frequentato i corsi di Assisi (vocazionale e fidanzati di P. Marini). Quindi una kikiana anomala, perché non ha seguito solo il cammino.

    Ma vengo alla mia esperienza: mia moglie mi ha invitato, onestamente senza pressioni, a entrare nel cammino perchè volevamo fare un percorso di fede comune e ci sembrava di fare la cosa giusta. La comunità che frequentiamo è fatta dal 90% di figli del cammino, tutti bravi ragazzi e anche i responsabili sono brava gente. Fino a poco tempo fa avevamo catechistimorbidi”. Ma da quando ci hanno messo dei nuovi megacatechisti arrivati da Roma, le cose si sono fatteserie”. Sono più rigidi e inflessibili sulla frequenza al cammino. Tutto quello che dicono è accettato perché in loroparla lo Spiritoe non si discute.

    Se non vai all’Eucarestia del sabato perché hai un motivo più che valido, e puoi andare il giorno dopo a Messa in parrocchia, ti ordinano che invece devi andare alla celebrazione del sabato. Confermo che l’Eucarestia che si fa nel cammino è di fatto un’altra messa, più vicina a quella protestante che a quella cattolica. Se penso che Paolo VI, nella riforma liturgica soppresse liturgie antiche e bellissime (si salvò quella Ambrosiana grazie al Card. Colombo e forse qualche altra) in nome dell’unità, perché il CN se ne è potuta inventare una tutta sua?

    Mi fa male, ad esempio vedere che di fronte a Gesù Eucaristico non ci si inginocchi mai, al massimo un inchino e che alla fin fine il momento più importante sia la liturgia della Parola e non la liturgia Eucaristica, vissuta come banchetto non certo come sacrificio espiatorio e di adorazione. Comunque il massimo della perplessità l’ho vissuto nei cosiddetti annunci di Quaresima, Avvento etc. dove il megacatechista laico parla per ore come un invasato, magari di fronte a sacerdoti e frati silenti. Indubbiamente ho visto anche del buono, vite cambiate e conversioni, ma se il risultato è creare una chiesa di fatto parallela a che serve tutto questo?

    1. L’anno scorso, post 10 aetate, mi sono tolto di mezzo per percepire tutte queste cose e vedere testimonianze di persone che se ne sono andate. In effetti vediamo i frutti, ma come hai detto tu non funzionano se stanno creando una chiesa parallela.

      Vedo questo Massimiliano che rifiuta tutte le prove che il Cammino sta facendo male alla Chiesa, solo per vedere i suddetti frutti, ma preferisce non vedere che tutto ciò ha avuto gravi conseguenze.

      Non sarebbe meglio per noi cercare di produrre gli stessi frutti che afferma di esistere all’interno della chiesa, in modo che tutte le persone possano assaggiarli e non solo i membri del Cammino?

      La pace di Cristo a tutti.

      Congratulazioni per il tuo coraggio, Dom Ariel (Non so se è tradotto bene dal portoghese all’italiano, ho usato il traduttore di google)

      1. Querida Senhora,

        você tem um bom tradutor, porque sua tradução do português para o italiano é muito compreensível.

        ***

        Domina mi,

        ha un buon traduttore, perché la sua traduzione dal portoghese all’italiano è molto comprensibile.

    2. Gentile anonimo,

      sono stata in camino quasi 30 aetate, entrando a vent’anni.

      Ho ricominciato il cammino insieme a mio marito, che non vi apparteneva. All’inizio anche io vedevo dei buoni frutti, insieme però a molti esempi negativi da parte dei catechisti, dei fratelli di comunità più anziane e dei loro figli, riassumibili in una parola, anzi due: maleducazione e strafottenza.

      Ho sempre pensato e affermato che un buon cristiano non più essere maleducato e strafottente, perché significa odiare il prossimo, altro che amarlo! Per questa affermazione sono stata sempre guardata come una strana.

      Con gli anni, i pochi frutti positivi (soprattutto dipendenti dal buon cuore e dalla sincera disposizione di animo di pochi, come viene spesso notato) sono sempre più diminuiti, mentre quelli negativi sono aumentati.

      Quello che infine ho capito è che l’impostazione del cammino è marcia e sbagliata alla base, e da lì derivano i frutti avvelenati, in primis l’obbedienza cieca ai catechisti e il loro strapotere, il parlar male dei cattolici non neocat., il perseverare nel peccato (non ci si deve sforzare di fare il bene, lo farà Dio per te!), l’umiliazione del prossimo, numerosi abusi liturgici

  34. Certo che è una genialata questa di insultare, mentire e poi salutare conLa pace”. sed, dal punto di vista esclusivamente grammaticale o sintattico, che cacchio sta a significareLa pace”? È un soggetto? Un complemento oggetto? Sottintendesia con voi/te”? Proporrei, per non adeguarci al gergo kikiano, di concludere i nostri interventi usando altre parole a caso, che ne so…”la sedia”, “la porta”, “il culo”, “il consorzio”, quod “la Direzione”.
    La barca
    Tomista ex NC

  35. Ottima scelta Giovanni, lei puó confutare ma non lo fa. Credo che il suo modello di riferimento sia Geppo il folle, surreale cantante impersonato da Celentano nel 1978:

    So cosa pensate voi ma non lo faccio, non lo faccio.
    Ed è per questo che sono forte.
    Perché potrei ma non lo faccio.
    Ed anche voi, die,
    Non fate quello che
    Fareste solo
    Perché potete

  36. Volevo pregarvi di non maltrattare i poveri Massimiliano e Giovanni. Verum est,, sono grezzi, inacculturati e incredibilmente superbi nella propria ignoranza. Ma stanno cercando di rispondere, di difendere il loro Cammino, sono i piccoli del Cammino, che hanno circonciso irrimediabilmente la ragione. C’è da stupirsi che riescano a superare il controllo *non sono un robot* per commentare.

    Dove sono invece i sapienti, i dottori in Sacra Teologia, i Catechisti di cinquantennale esperienza, i Presbiteri del Cammino? Ce n’è uno che tiene addirittura più rubriche religiose, un altro che ha fondato un giornalino che ha grande diffusione. Dove sono?
    Dove sono i più di cento rettori di Seminario? Dove i Gennarini, i Donnini, i Voltaggio?

    Avevo chiesto ai miei amici del Cammino di tenere d’occhio lo spazio commenti, perché non mi aspettavo di vedere comparire questi mostri sacri del Cammino. Ma sinceramente mi stupisce che abbiano lasciato qui da soli a rispondere dei poverini che neppure hanno mai visto i libri del Direttorio e gli originali di Kiko e non sanno quanto siano state pesanti le correzioni perché potessero essere approvati.

    D’altronde queste sono le bugie che raccontano.

  37. Com’era facilmente prevedibile, nessun neocatecumenale si è preso la briga di confutare alcunché.
    Perciò ho deciso di sganciare una bomba atomica, che metterà tutti i neocatecumeni di fronte ad una scelta: continuare in malafede il Cammino contro la Dottrina immutabile della Chiesa, o abbandonarlo una volta per tutte. Non sarà possibile a nessuno continuare a pensarla come prima.

    Attraverso un banale procedimento logico, vi dimostrerò che il presupposto su cui si fonda il Cammino neocatecumenale, è un presupposto falso, storicamente e teologicamente.

    Kiko insegna che a partire dall’editto di Milano (313 D.C.) la Chiesa cattolica per compiacere i pagani, avrebbe modificato la propria dottrina, soprattutto in merito alla Santa Messa, e vi avrebbe introdotto le idee di offerta e di Sacrificio, totalmente estranei alla Chiesa delle origini, che vivevano l’eucaristia come “canto al Cristo Glorioso”, celebrando il suo passaggio dalla morte alla vita.

    È inutile dilungarmi, in rete si trova il testo integrale della catechesi in questione, facilmente consultabile da persone di ogni ceto sociale.

    Veniamo al dunque. Vediamo se riuscite a negare l’evidenza anche di fronte ad una lapalissiana contraddizione.

    Vi faccio un piccolo regalino, un brano tratto dal IV capitolo dell’Adversus Haereses di Sant’Ireneo di Lione (che a quanto pare non era un mago pagano religioso naturale), scripta sunt 180 D.C., quod 133 anni prima di quell’editto che secondo voi avrebbe provocato una cesura nella storia/liturgia/dottrina della Chiesa.
    Ecco il brano in questione:

    «L’offerta della Chiesa, che il Signore comandò di presentare in tutto il mondo, è ritenuta da Dio un sacrificio puro ed è a lui accetta. Non che egli abbia bisogno del sacrificio da parte nostra, ma piuttosto avviene che l’offerente, se il suo dono viene accolto, riceve lui stesso gloria in ciò che offre. Infatti con il dono si manifesta verso il re sia l’onore che l’amore. Volendo il Signore che noi lo offrissimo in semplicità e purità di cuore, ci ha ammonito dicendo: «Se dunque presenti la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello, e poi torna ad offrire il tuo dono» (Mt 5, 23)

    È cosa doverosa offrire a Dio le primizie delle cose create come dice anche Mosè: «Nessuno si presenterà davanti al Signore a mani vuote» (est 23, 15), cosicché l’uomo, esprimendo la sua riconoscenza per mezzo delle cose donategli gratuitamente da Dio, riceverà l’onore che da lui proviene.

    Di offerte ne furono sempre presentate a Dio, anticamente presso gli Ebrei, ora nella Chiesa. Dio gradisce queste ultime, ma non respinse le prime. Da ciò non si può concludere che siano identiche. Di uguale c’è solo l’apparenza. In effetti le prime venivano fatte da servi, le seconde da figli. Unico e identico è il Signore, ma l’offerta dei servi ha un suo carattere proprio, ed un altro invece l’offerta dei figli, perché la libertà sia resa palese anche per mezzo delle offerte.

    Presso Dio infatti niente è senza valore, né senza significato. E perciò quelli consacravano a Dio solo le decime dei loro prodotti, mentre quanti hanno ricevuto la libertà di figli consacrano a Dio tutto quanto loro appartiene: donano in letizia e libertà ciò che è di maggior valore, sicuri di essere ripagati con i beni superiori.

    Fanno proprio come quella povera vedova del vangelo la quale mette nel tesoro del tempio tutto quello di cui vive. È necessario che noi facciamo l’offerta a Dio e ci dimostriamo in tutto riconoscenti al Creatore, nella sincerità del linguaggio e nella fede senza ipocrisia, nella speranza salda, nell’amore ardente, offrendo le primizie di quelle cose create che gli appartengono. Soltanto la Chiesa offre a Dio creatore questa offerta pura, presentandogli in rendimento di grazie quanto proviene dall’azione creatrice divina. Infatti gli offriamo cose che sono sue, proclamando in modo conveniente la comunione e l’unità e confessando la risurrezione della carne e dello spirito. Come il pane terreno dopo aver ricevuto l’invocazione di Dio non è più pane comune, ma Eucaristia, e comprende due realtà, quella terrena e quella celeste, così anche i nostri corpi, ricevendo l’Eucaristia, non sono più corruttibili, ma posseggono la speranza della risurrezione.”

    Domande per i catechisti neocatecumenali.

    Sant’Ireneo era eretico? Non avevaconosciuto la Pasqua”? Il testo è un falso storico? O piuttosto Kiko è Carmen hanno costruito il loro intero edificio su una teoria palesemente ereticale?

    1. Cari confratelli sacerdoti e cari amici tutti,

      78 anni e prete da 52, leggo da sempre L’Isola di Patmos, la consiglio anche a diverse persone, per esempio quando lamentano di udire di domenica in domenica omelie insoddisfacenti, e tutti mi hanno ringraziato del consiglio, perchè il padre Ariel il padre cappuccino e il padre domenicano offrono tutte le settimane delleomelie compensatoriea fronte delle tante baggianate che si odono dai pulpiti di questi tempi, soprattutto da quelli più elevati. Quindi tutti gli altri interessanti articoli.

      Mi inserisco perché la discussione è stata civile, anche quando si è animata, ma sempre col debito rispetto verso chi afferma, chi smentisce e chi ribatte alle smentite, e questo è bene.

      Et non ex nobis, perlomeno noi sacerdoti, da quello che ho potuto leggere, a partire dal veramente ottimo saggio di padre Ariel sul Cammino Neocatecumenale, ha imputato colpe ai membri di questo movimento. Le colpe, si quae sunt,, sono tutte della Santa Sede, che non ha gestito il problema, quando il Cammino s’è rivelato, in note, un problema che andava controllato.

      Poco male, la nostra storia ha conosciuto ordini religiosi interi che ebbero a crear non pochi problemi, che però la Chiesa, quando ancora decideva, ordinava e curava, o con l’accettazione e approvazione o con la condanna e la severa pena, ha sempre risolto.

      Non venitemi a ribattere, amici neocatecumenali carissimi, che siete stati approvati da papi santi, perché nella storia della Chiesa, alcuni papi santi, di danni ne hanno fatti a bizzeffe, e anche particolarmente di grossi.

      Sono un modesto storico della Chiesa e potrei a lungo trattenervi illustrando e, super omnia, dimostrando che, se non avessimo avuto appresso quel capace e deciso uomo di governo tal fu Bonifacio VIII che vi pose rimedio, i danni fatti in pochi mesi dal papa Celestino V, appresso proclamato santo, sarebbero stati non lievi. E non fatevi trarre in inganno dalle leggende nere postume create tra il ‘700 e l‘800 dagli anticlericali su Bonifacio VIII, che fu invece l’uomo giusto al momento giusto. Ma non è questo il discorso nostro

      quia 5 anni or sono ho cessato di insegnare e di fare il parroco, mi dedico soprattutto alle confessioni, alle direzioni spirituali e alle predicazioni. Ne ho conosciuti eccome, di neocatecumenali, qua nelle nostre zone si sonoimpossessatidi decine e decine di parrocchie. E sono tutti, questi neocatecumenali, brave persone mosse da buone intenzioni. Quando però queste persone decidono infine di rivolgersi a un sacerdote esterno al movimento, lo fanno perché hanno capito che questo movimento è un cammino che ha un inizio ed una fine, e la fine non sempre è piacevole.

      La mia esperienza mi ha insegnato che quanti entrano nel CN sono perlopiù persone che non avevano una fede matura, o che non avevano proprio una fede. Cosi, tramite il CN, si sono riavvicinati alla Chiesa, od all’idea di Chiesa che da questo movimento è stata a loro data.

      Poi le persone crescono, maturano, hanno rapporti con altri credenti e realtà ecclesiali, e così scoprono che, quel Cammino grazie al quale sono rientrati nella fede, non è il centro dell’elezione e della perfezione; semmai scoprono pure che è inficiato da molte lacune e da non poche superficialità e dottrine discutibile, a ciò si aggiunga la scarsa cultura e preparazione teologica di molti suoi catechisti, che anch’io ho avuto modo di appurare.

      Allora dicevo: cosa accade quando poi le persone si svegliano? Triste ma vero, l’esperienza maturata m’insegna questo: le persone deboli e fragili nella fede, rimangono in quella struttura che li sostiene e che li fa sentire protetti, alii, acquisita una certa consapevolezza e forza, lasciano di prassi il Cammino, quasi sempre mai bene, né in modo indolore, per intraprendere dei percorsi ecclesiali e di fede ben più esigenti e maturi. E sapete la prima cosa che chiedono ai sacerdoti che cos’è? haec: “Su quali testi posso studiare la dottrina della Chiesa?”.

      In questo consiste il bene che il Cammino ha fatto a molte persone, soprattutto a quelle che dal Cammino sono uscite, ma che al Cammino devono, aliqualiter, il loro riavvicinamento alla fede e alla Chiesa.

      Io credo che il Cammino sia verso la fine del proprio cammino. Si tratta del classico movimento nato nella totale baraonda del post-concilio, dove tutto doveva essere sperimentato, rifatto e riportato a non meglio precisate e conosciute origini. Il suo tempo lo ha fatto, e adesso è iniziato il suo cammino verso la fine.

      Sancta Sedes, post multis annis, approvò prima ad experimentum S. Ioannes Paulus II,, poi definitivamente con Papa Benedetto XVI nel 2012, i suoi statuti. A ben pensarci, sed, li ha approvati per accompagnarlo, in modo degno e decoroso, verso la tomba dei defunti del post concilio, dove sarò sicuramente anche eretto un giorno, in quell’angolo di cimitero, un monumento in memoria ed onore dei movimenti caduti.

      A loro indiscusso merito, resterà di aver riportato alla Chiesa persone che non conoscevano neppure il Pater noster e che non sapevano neppure farsi il segno di croce. E di questo gli saremo sempre grati. tum, coloro che durante questo cammino hanno veramente imparato e sviluppato qualche cosa, da quel movimento ne sono usciti, e a quel punto, nos, gli abbiamo spiegato che cosa significano veramente, il segno di croce ed il Pater noster.

  38. E’ inutile chiedere ai catecumenali di confutare dottrinalmente gli scritti di don Ariel, nessuno conosce nulla di nulla della Chiesa, dei suoi documenti, della sua teologia e della sua dottrina. Nemmeno Kiko. Forse qualche prete, ma evidentemente non quelli formati ai Redemptoris Mater, come è stato dimostrato dai due sacerdoti ex seminaristi neocatecumenali.

    Ho fatto la catechista per 25 anni e l’unica cosa richiesta è imparare quasi a mente i mamotreti: nulla aggiungere e nulla togliere, come per i Vangeli. Chi non ha nemmeno fatto il catechista poi, men che meno.

    Ho scoperto la Chiesa vera solo quando me ne sono andata ed ho avuto così la possibilità di conoscere cose che nel cammino mai avevo sentito dire.

    Factum est, come Kiko si vanta, la predicazione neocatecumenale raggiunge quasi esclusivamente ipagani” quod, non conoscendo nulla, si fidano (come mi ero fidata io) che la predicazione kikiana rappresenti la Chiesa.

    Tra i laici, chi ha conoscenze pregresse più approfondite riconosce subito il cattivo odore e non ci casca. Tra i preti è un’altra cosa, concorrono altre componenti che non sto a dire.

    Giusto sollecitare la confutazione, ma impossibile

  39. Buonasera a tutti,

    uscito dal CNC con mia moglie dopo 23 anni alla tappa dell’Elezione. Ebbene non posso che confermare tutte le storture descritte da Padre Ariel e da altri.

    Inconsapevolmente le deviazioni liturgiche le ho subite senza dare troppo peso mentre mi erano ormai insopportabili le intrusioni dei catechisti, laici quanto me, senza alcuna formazione o nomina ecclesiastica che ne giustificasse il ruolo.

    La parrocchia dove sono nato e cresciuto è da decenni alla mercé delle CNC che hanno soffocato qualsiasi altro movimento presente. Naturalmente il parroco è un ultra nc nominato dal Vescovo probabilmente perché i precedenti non nc non erano riusciti a cambiare le cose (quindi tanto valeva trasformare la parrocchia di 10.000 abitanti in unCaliffato Nc”).

    oggi vivo un profondo travaglio interiore in quanto una volta usciti occorre ricostruire legami normali e liberi con le persone che non abbiano vissuto questa esperienza che per me è sempre stata travagliata, vista anche la mia lunga formazione scout. Ho riscoperto la messa della domenica e la semplicitá dei gesti di vera accoglienza in una diversa parrocchia.

    Un caro saluto!

  40. Massimiliano e Giovanni sono gli ultimi di una lunghissima serie di neocat duri e puri che, sull’Osservatorio, in tanti anni non sono stati mai capaci di rispondere ad alcunché.
    Unici argomenti: siamo approvati, da me non succede, siamo approvati, Non est enim, siamo approvati, siete in malafede, siamo approvati, ci odiate.
    Ce ne fosse mai stato uno che aveva il coraggio di argomentare qualcosa, specialmente di fronte all’evidenza di Kiko che straparla su Youtube.
    Che strano, sed. Dicono di essere illuminati e discernenti, di avere lo Spirito H24 e poi di fronte a fatti ed argomenti scappano.
    Quid?

    A Tomista.
    Apprezzo sempre quello che scrivi, ma con Ireneo non illuderti di smuoverli. Ireneo non era in comunità e quindi non poteva capire, e comunque sono approvati.
    E’ la stessa logica di Kiko, quando afferma che l’uomo è schiavo del demonio e non può non fare il male. Per questo ha istituito le penitenziali, per pentirsi di peccati commessi involontariamente ed essere perdonati di colpe non volute.
    I Mamotreti emendati sono segretati per non confrontarli con le catechesi rimaste immutate. Nessuna comunità ha fatto convivenze per correggere le eresie impartite negli

  41. Egregio Don Ariel mi permetta sommessamente di farle notare che lei definisce erroneamente il Cammino “movimento”,ma come può leggere San Giovanni Paolo II,non lo definisce tale ma come ITINERARIO DI FORMAZIONE CATTOLICA,cioè una delle modalità della iniziazione cristiana degli adulti.Credo che la differenza concettuale sia …

    “Mi permetto umilmente di ricordare, alcuni brevi stralci di discorso degli ultimi pontefici sul Cammino,le parti in maiuscolo sono mie:

    Papa Francesco:”Cari fratelli e sorelle, IL VOSTRO CARISMA E’ UN GRANDE DONO DI DIO per la Chiesa del nostro tempo. Ringraziamo il Signore per questi cinquant’anni: un applauso ai cinquant’anni! E guardando alla sua paterna, fraterna, e amorevole fedeltà, non perdete mai la fiducia: Egli vi custodirà, spronandovi al tempo stesso ad andare, come discepoli amati, verso tutti i popoli, con umile semplicità. VI ACCOMPAGNO E VI INCORAGGIO:ANDATE AVANTI! E, Please, non dimenticatevi di pregare per me, che rimango qui!"

    Litterae Apostolicae:”Vivere e promuovere questo risveglio è quanto voi chiamate una forma di “dopo Battesimo” che potrà rinnovare nelle odierne comunità cristiane quegli effetti di maturità e di approfondimento, che nella Chiesa primitiva erano realizzati dal periodo di preparazione al Battesimo..”.

    Dalla lettera Ogniqualcolta di G.P.II del 1990:”Dopo oltre vent’anni di vita delle Comunità, diffuse nei Cinque continenti, tenendo conto della nuova vitalità che anima le parrocchie, dell’impulso missionario e dei frutti di conversione che sbocciano dall’impegno degli itineranti e, ultimamente, dall’opera delle famiglie che evangelizzano in zone scristianizzate d’Europa e del mondo intero ; in considerazione delle vocazioni, sorte da codesto Cammino, alla vita religiosa e al presbiterato, e della nascita di Collegi diocesani di formazione al presbiterato per la nuova evangelizzazione, quale il Redemptoris Mater di Roma ; avendo preso visione della documentazione da Lei presentata : accogliendo la richiesta rivoltami, riconosco il Cammino Neocatecumenale come un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni”.

    Nota laudatoria di Mons.Annibale Bugnini:”«Tutte le riforme, in Ecclesia,, hanno apportato nuovi principi e promosso nuove norme, che hanno tradotto in pratica gli intenti della riforma stessa.Così accadde dopo il Concilio di Trento; né poteva essere diversamente ai giorni nostri. Il rinnovamento liturgico incide profondamente sulla vita della Chiesa. C’è necessità che la spiritualità liturgica germini nuovi fiori di santità e di grazia, nonché di apostolato cristiano più intenso e di azione spirituale.Un modello eccellente di questo rinnovamento si trova nelle «Comunità neo-catecumenali» che sorsero a Madrid, in 1962, per iniziativa di alcuni giovani laici, con il permesso, l’incoraggiamento e la benedizione dell’eccellentissimo Pastore madrileno, Casimiro Morcillo. Le comunità hanno lo scopo di rendere visibile nelle parrocchie il segno della Chiesa Missionaria, e si sforzano di aprire la strada all’evangelizzazione di coloro che hanno quasi abbandonato la vita cristiana.A questo fine i Membri delle «Comunità» cercano di vivere più intensamente la vita liturgica cristiana incominciando dalla nuova catechesi e dalla preparazione «catecumenale»…Bugnini non era massone.

    Ancora G.P.II nel 2002 all’approvazione ad expermentum dello Statuto:”«Come non ringraziare il Signore per i frutti portati dal Cammino neocatecumenale nei suoi oltre trent’anni di esistenza [...] In una società secolarizzata come la nostra, dove dilaga l’indifferenza religiosa e molte persone vivono come se Dio non ci fosse, sono in tanti ad aver bisogno di una nuova scoperta dei Sacramenti dell’iniziazione cristiana; specialmente di quello del Battesimo. Il Cammino è senz’altro una delle risposte provvidenziali a questa urgente necessità. Desidero sottolineare l’importanza degli Statuti appena approvati per la vita presente e futura del Cammino neocatecumenale che, come ho già avuto modo di dire alcuni anni fa, costituisce “un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni”. Gli Statuti costituiscono altresì, un importante aiuto per tutti i pastori della Chiesa, particolarmente per i Vescovi diocesani, ai quali è affidata dal Signore, la cura pastorale e, praecipue, l’iniziazione cristiana delle persone nella Diocesi …

    Decreto del Pontificio consiglio per i Laici del 26 dic 2010 prot. 1436/10/AIC «I suddetti volumi del Direttorio catechetico sono stati rivisti dalla Congregazione per la Dottrina della Fede dal 1997 usque ad 2003 e opportunamente corredati con riferimenti al Catechismo della Chiesa Cattolica inerenti alle tematiche affrontate in ogni catechesi. Recentemente, ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei,, dopo aver ulteriormente esaminato i risultati del suddetto studio, al fine di dare maggior sicurezza all’attuazione del Cammino Neocatecumenale, nonché di offrire garanzie dottrinali a tutti i pastori della Chiesa, ha ritenuto opportuno consegnare al Pontificio Consiglio per i Laici – in quanto Dicastero che segue questa realtà ecclesiale – l’incarico di dare un’apposita approvazione ai volumi del Direttorio catechetico del Cammino Neocatecumenale (cfr lettera del 20 November 2010, & c. N. 36/75 - 33843)...

    Pope Benedict XVI:”«Come non benedire il Signore per i frutti spirituali che, attraverso il metodo di evangelizzazione da voi attuato, si sono potuti raccogliere in questi anni? Quante fresche energie apostoliche sono state suscitate sia tra i sacerdoti che tra i laici! Quanti uomini e donne, e quante famiglie, che si erano allontanate dalla comunità ecclesiale o avevano abbandonato la pratica della vita cristiana, attraverso l’annuncio del kerigma e l’itinerario di riscoperta del Battesimo sono state aiutate a ritrovare la gioia della fede e l’entusiasmo della testimonianza evangelica! [...] La recente approvazione degli Statuti del Cammino è venuta a suggellare la stima e la benevolenza con cui la Santa Sede segue l’opera che il Signore ha suscitato attraverso i vostri Iniziatori…

    ,Riguardo le catechesi,prima ancora che fossero esaminate dalla Competente Congregazione per la Dottrina della Fede,erano state esaminate dalla Cong.per il Clero,attraverso un teologo Salesiano che si chiamava Padre Giuseppe Groppo.Dopo aver analizzato i voumi,redasse una nota che le trasmetto:”La novità di queste catechesi e il criterio fondamentale per la loro interpretazione è costituito dal fatto che sono espressione orale di un’esperienza vissuta di fede e di conversione e che pertanto si tratta di un linguaggio esistenziale, la cui verità non va ricercata nella singola frase, ma nel contesto generale: un’esperienza vissuta intensamente non si presta a formulazioni teoriche nitide, ma si esprime sempre in modo un po’ caotico, con frequenti ripetizioni, con il ricorso a paradossi, più per immagini che per concetti. Intendo ora rilevare un altro aspetto di queste catechesi, o meglio di questo Cammino neocatecumenale. Come studioso della storia della catechesi antica devo dire che il tentativo di Kiko e Carmen di attualizzare il catecumenato è un tentativo riuscito.L’esperienza ha fatto intuire quello che di profondamente valido conteneva questa istituzione dei primi tre…

    Come ha potuto constatare ,ho inviato solo discorsi di Papi e documenti ufficiali.So che per lei non sarà sufficiente e che restrerà della sua idea.Spero però di averla fatta riflettere.Grazie e buona giornata.

    1. Caro Giovanni,

      l’operazione che lei compie attraverso queste citazioni è sconcertante e in linguaggio scientifico si chiamamanipolazione concettuale” E “lessicale”. Si tratta di una operazione veramente grave.

      Aut melius intellexerunt: mostrandosi privo di senso critico e analitico, lei prende dei testi e ne trae come citazione solo ed esclusivamente dei passi positivi estrapolati dal loro intero contesto, facendo così dire, in questo caso ai documenti dei Pontefici, ciò che essi non dicono.

      Chiunque può quindi prendere i documenti citati nel mio testo, leggerli dall’inizio alla fine e comprendere quanto severi siano stati invece i richiami fatti da questi Sommi Pontefici al Cammino Neocatecumenale sul piano liturgico, ecclesiologico, pastorale e missionario.

      L’operazione che lei ha appena compiuto gliela spiego con un brano del Vangelo del Beato Apostolo Giovanni. In pratica lei prende il brano del Vangelo giovanneo in cui si narra il tentativo di lapidazione della prostituta [Cf.. Gv 7,53-8,11] e lo cita a questo modo:

      [disse allora Gesù] "Qui sine peccato est vestrum, primus in illam lapidem mittat ". Et iterum se inclinans,, Et scripsit super terram. At illa, audivit eum, singillatim abierunt, incipiens a maiore usque ad ultimum. Remansit solus Jesus, et mulier in medio stans. Erigens autem se Iesus dixit:: “Donna, in quo sunt,? Nemo te condemnavit?”. Et dixit:: “nihil, dominus”. Iesus autem dixit:: “Nec ego te condemnabo” ».

      At this point, noi possiamo tranquillamente affermare e sostenere:

      1. Iesu Christi, ha forse condannata la prostituta? At non omne, quindi non aveva nulla contro le prostitute ;
      2. Iesu Christi, era forse contrario alla prostituzione? etiam, da come si è comportato no, dice chiaramente alla prostituta che non la condanna ;

      tum, perché non riaprire le case chiuse e non dare una regolamentazione legale alla prostituzione?

      Si potrebbe dire e sostenere questo e altro, su quella pagina del Vangelo, semplicemente omettendo la sola parte finale, autem, dopo il «Neanch’io ti condanno», conclude il discorso dicendo: «[…] autem’ et amplius iam noli peccare ".

      Citando questo brano a pezzi ed omettendo la parte finale, che implica il pentimento della donna, il perdono di Gesù Cristo e soprattutto il monito a convertirsi ed a non peccare più, si fa dire al Vangelo, in questo come in tanti altri casi, quello che il Vangelo non dice affatto.

      E questa si chiama manipolazione e falsificazione della realtà, basta solo leggere per intero i testi integrali dei discorsi ufficiali, da me riportati, da Giovanni Paolo II sino a Francesco I, nei quali i Sommi Pontefici fanno garbatamente ai Neocatecumenali il pelo ed il contropelo, omnes, ed in più occasioni.

      Del testo della approvazione ad experimentum quod 2002, lei cita solo ciò che vuole. Cosa intende invece, quando in quel discorso San Giovanni Paolo II dice:

      «Desidero specialmente rivolgere una parola a voi sacerdoti, che siete impegnati al servizio delle comunità neocatecumenali. Non dimenticate mai che, in quanto Ministri di Cristo, avete un ruolo insostituibile di santificazione, di insegnamento e di guida pastorale nei confronti di coloro che percorrono l’itinerario del Cammino. Servite con amore e generosità le comunità a voi affidate

      Perché si rivolge ai sacerdoti e non ai mega-catechisti chiarendo che sono loro che devono santificare, insegnare e guidare? Come mai San Giovanni Paolo II chiarisce in modo che solo lei pare non avere capito, che i neocatecumentali sono affidati ai sacerdoti, non invece ai mega-catechisti, col sacerdote seduto di lato a fare “Etiam” col capo mentre il mega-catechista pontifica ? haec, Ioannes Paulus II,, non lo voleva, ve lo ha chiarito sin dalla prima approvazione ad experimentum.

      Ma sopratutto, che cosa intende capire lei, quando San Giovanni Paolo II afferma:

      «Spetta ora ai Dicasteri competenti della Santa Sede esaminare il Direttorio catechetico e tutta la prassi catechetica nonché liturgica del Cammino stesso. Sono certo che i suoi membri non mancheranno di assecondare con generosa disponibilità le indicazioni che loro verranno da tali autorevoli Fonti».

      Glielo spiego io, che cosa vi sta dicendo il Santo Pontefice, esattamente questo:

      1. adesso noi vi daremo direttive per quanto riguarda statuti e percorsi catechetici e voi li rispetterete ;
      2. vi daremo precise direttive liturgiche e voi le rispetterete ;
      3. quando i dicasteri della Santa Sede vi avranno dato le direttive da seguire, voi dovrete ubbidire in tutto e per tutto a ciò che vi sarà comandato.

      vel maybe, facendo invece tagli e cuci come meglio le torna, queste affermazioni di San Giovanni Paolo II lei le interpreta in altro modo?

  42. Benedicamus Domino.

    Perchè il Cammino Neocatecumenale ha in disprezzo il Sacerdozio Cattolico?
    Già in questa materia Definiva nella Ad Catholici Sacerdotii Pio XI definiva:

    « Del resto, come accennavamo fin da principio, i nemici stessi della Chiesa, a modo loro, mostrano di sentire tutta la dignità e l’importanza del sacerdozio cattolico, dirigendo contro questo i loro primi e più feroci colpi, ben sapendo quanto sia intimo il nesso che intercede tra la Chiesa e i suoi sacerdoti. I più accaniti nemici del sacerdozio cattolico sono oggi i nemici stessi di Dio: ecco un titolo di onore che rende il sacerdozio più degno di rispetto e di venerazione ».

  43. Grazie Don Ariel per aver analizzato il Cammino e aver messo in risalto tutto ciò che ha di sbagliato. Ancora di più la ringrazio per essersi esposto in prima persona scrivendo questo articolo. Sono anni che facendo leggere i documenti mi sento dire, dopo tanto tempo e lavoro, le solite frasisiamo approvati, il Papa ci loda e ci dice di continuare”.
    Dopo tanti anni di sofferenze con il mio coniuge,ormai viviamo insieme come due sconosciuti, siamo vicini alla separazione. Se le è possibile le chiedo di analizzare anche questo problema che si viene a creare quando solo uno dei due è in cammino .
    La ringrazio ancora tanto e prego il Signore che l’aiuti sempre nella sua missione.

    1. Anche io come Trilù vivo una condizione familiare disastrosa. La mia coniuge è neocatecumenale convinta, vede qualunque mio commento come il demonio che la tenta. Vita familiare completamente assente, ormai in guerra da anni e se non fosse per i figli e per un amore di fondo (ma travolto e seppellito dalle macerie) anche noi prossimi alla separazione. Ormai viviamo come due estranei sotto lo stesso tetto.
      Come è possibile che un movimento che si proclami cattolico e fedele alla Santa Chiesa permetta una tale divisione in famiglia? E che incoraggi ad abbandonare la famiglia per essere sempre più presente nella vita neocatecumenale anche con lo scopo (dichiarato ma non vero) di salvare in questo modo la famiglia stessa?

      1. care Lector,

        queste cose le sappiamo da molto tempo, Infeliciter.

        Numerosi sono i vescovi che hanno ricevuto tante lamentele nel corso degli anni riguardo idivorzi causatitra coniugi uno dei quali non era neocatecumenale; e pure presso la Santa Sede, sono da sempre informati.

        Possa Dio concedere a lei la grazia del ravvedimento di sua moglie da questo incubo e possa concedere la misericordia del Purgatorio a tutta quelle autorità ecclesiastiche che, proprio mentre si adoperavano tanto a parlare di famiglia, di matrimonio, della salvezza della famiglia e della sacralità del matrimonio, permettevano ad una setta intra-ecclesiale di compiere cose di questo genere che, inquam, le Autorità Ecclesiastiche conoscono bene.

        1. gratias ago tibi,, pater Arihel, per quello che mi ha scritto.
          Vorrei chiederle, se non sono di troppo disturbo, un suo parere: ma se le cose stanno così perché la Santa Sede e le Autorità Ecclesiastiche non intervengono in maniera più decisa? Forse per paura di perdere fedeli o svuotare le chiese? In mea sententia,, modesto e da ignorante, la vera Chiesa si stà svuotando proprio perché il CNC continua a dilagare e a farla da padrone in parecchie parrocchie circonducendo parecchi ignari e deboli fedeli in cerca di aiuto.

          1. Le uniche persone che da cinque/sei anni a questa parte vedono le piazze piene, che invece sono sempre più vuote; le chiese con incremento di fedeli, che ne sono invece usciti come una vera e propria emorragia; che fantasticano sull’aumento delle confessioni, mentre sui confessionali crescono le ragnatele; unde sequitur, sono quei vaticanisti della Pravda che, come accadeva nel vecchio regime sovietico, presentano una realtà che non esiste.

            Le piazze una volta affollata da fedeli oggi sono semivuote, le chiese si stanno progressivamente e drammaticamente svuotando, l’afflusso alle Messe è drasticamente calato ed i confessionali sono disertati.

            A questo aggiunga i Neocatecumenali che, quando invadono una parrocchia, la riempiono dei propri affiliati e la svuotato degli altri fedeli.

            E chi non vede e non accetta questo, o è in malafede, o vive una realtà che no esiste, a partire dagli addetti della Pravda.

  44. Gentile Don Ariel dato che il numero dei caratteri è limitato non posso certo citare i documenti per intero,Ma se lei mi accusa di manipolare i documenti si sbaglia di grosso perchè ciò è falso.Io mi attengo a ciò che la Chiesa Cattolica e i suoi Organi competenti hanno disposto e stabilito sotto l’autorità dei vari Papi che si sono succeduti e lei dovrebbe rispettare il Papa e gli organi della Chiesa.Se l’obbedienza alla Chiesa e al Papa equivalgono a non aver senso critico,sono fiero di non averne,Ubi Petrus ibi ecclesia recita un famoso motto e per me ciò ha molta importanza,spero che anche per le ne abbia. Spero che non si sente superiore al Papa e alla Cong.per la Dottrina della fede.sarebbe assai grave.Lei fa affermazioni falsamente apodittiche,senza dimostrare né documentare .Nessuno vuole mettere in dubbio la sua preparazione,ma ogni argomento va dimostrato e lei mi sembra,non lo abbia fatto.Elibero di pensare ciò che vuole sul Cammino,ma non confonda i suoi pensieri con quanto la Chiesa ha ufficialmente detto e fatto per cortesia.Buona giornata.

  45. O Pater Arihel,lei può dimostrare con documenti,che i Papi che le ho citato abbiano richiamato il cammino severamente,più che incoraggiarlo?Attendo che provi queste affermazioni. Io non manipolo proprio nulla,ho citato solo stralci di discorsi dei Papi e di altri documenti,solo perchè questa pagina permette solo un certo numero di caratteri ,ma i documenti che ho citato sono pubblici e sono alla portata di tutti. Le ho riportato la lettera del compianto Mons.Annibale Bugnini,ad inizio anni settanta a capo della Cong.per il Culto Divino.Euna nota laudatoria,ciò significa quindi che le celebrazioni delle comunità erano ritenute un modello eccellente scaturito dalla riforma liturgica post Vaticano II.Probabilmente anche Paolo VI pensava lo stesso.

  46. Gentile Don Ariel,non vedo proprio cosa avrei manipolato?Lei da una interpretazione del discorso di G.P.II del tutto personale,arbitraria e fantasiosa.Evero che il Papa si rivolge ai presbiteri,ma poco prima si è rivolto ai catechisti.Il fatto che si sia rivolto ai sacerdoti non cancella tutto discorso precedente.Il Papa affermò in quel discorso:”Desidero sottolineare l’importanza degli Statuti appena approvati per la vita presente e futura del Cammino Neocatecumenale che,come ho già avuto modo di dire alcuni anni fa,costituisce unitinerario di di formazione cattolica,valida per la società e per i tempi odierni”(ASS 82 (1990)1515″.Intanto le faccio di nuovo notare che ha sbagliato chiamando il CN movimento,come può leggere il Cammino non è un movimento.Inotre il Papa parla di iniziazione cattolica.Quanto i dicasteri hanno disposto in questi anni viene rispettato.Nel 2008 sotto Papa Benedetto XVI è stato approvato lo statuto in modo definitivo ciò è stato ribadito anche da Papa Francesco,attraverso Mons.Becciù,nel momento in cui alcuni Vescovi volevano impedire la celebrazione del sabato sera e la veglia pasquale.

    1. Caro Giovanni,

      Lei ha di fatto tentato, prima di manipolare i testi – si veda sua precedente lunga risposta – poi dinanzi alla mia replica, non potendo rispondere nel merito, chi ha appena scritto queste testuali parole:

      « Papa Francesco nella sua prima udienza con il Cammino,disse delle cose, da detrattori interpretati come tirata di orecchie.Ma Mons. Becciu chiarì bene cosa avesse voluto dire [...]»

      Sed afferam pauxillum: forse abbiamo a che fare con un Sommo Pontefice, il quale è custode della fede, supremo maestro e interprete, che dopo avere parlato ed essere stato frainteso dai detrattori per le sue rampogne fatte al Cammino Neocatecumenale, richiede l’illuminatissimo intervento dell’altrettanto notoriamente illuminato S.E. Mons. Angelo Dirt, all’epoca sostituto alla Segreteria di Stato?

      Adesso capisco, come mai stiamo vivendo una grande crisi e decadenza ecclesiale ed ecclesiastica!

      Caro Giovanni, le garantisco che io sono l’ultimo dei preti della orbe catholica, ciò non toglie però che per grazia di Dio io abbia ricevuto:

      1. una formazione umanistica;
      2. una formazione filosofica;
      3. una formazione giuridica;
      4. una formazione teologico-dogmatico-sacramentaria;
      5. una formazione storico-dogmatica ;
      6. continuo a studiare di giorno in giorno …

      a questo aggiunga che conoscono bene ed a fondo la curia romana, per vari motivi e ragioni che non è necessario spiegare.

      qui dixerunt: se io che senza calcolatrice non so fare neppure le divisioni fossi invitato ad un convegno di matematici, mi metterei in un angolo ad ascoltare in religioso silenzio, cercando di capire qualche cosa, ed alla fine non capirei niente, perché sono privo di nozioni matematiche.

      Prendendo l’esempio di carattere matematico che ho appena fatto le domando: perché lei invece, che come me non sa fare le divisioni, si mette a discutere con i matematici?
      Forse perché lo Spirito Santo le ha dato in tal senso doni del tutto speciali?

      videt,, se lei si affidasse alla mia direzione spirituale, anziché a quella di certi mega-catechisti laici, potrebbe essere aiutato, anzitutto a sviluppare ed a tirare fuori il meglio che Dio le ha sicuramente dato in capacità ed in buoni sentimenti, lei ha solo bisogno di essere aiutato, da un sacerdote maturo, a sviluppare libero ragionamento e senso critico.

  47. Sono profondamente commosso.
    Di fronte all’encomio bugniniano non posso far altro che inchinarmi e riconoscere la mia incompetenza e ignoranza.
    Essere elogiati da Mons. Bugnini per la liturgia è una medaglia al valore.
    etiam, chi non desidererebbe essere lodato dal comandante Schettino per il proprio eroismo?
    E chi non sarebbe orgoglioso di ricevere il premioNiccolò Tommaseodal sen. Antonio Razzi?
    Ma soprattutto chi, tra coloro che coltivano la virtù della castità perfetta, non ha mai anelato (magari anche inconsciamente) di sentir pubblicamente un apprezzamento da Rocco Siffredi?

    1. mihi credite,: non so più che cosa dirle.

      Nel mio lungo lavoro, che a questo punto temo proprio che lei non abbia letto, lanciandosi però in commenti allo stesso, lei mi chiede di «provare» quello che ho dimostrato nel mio scritto, ed a tal proposito ella mi invita a citare i documenti dei Sommi Pontefici.

      Bene, mi spiega che cosa dovrei «provare», visto che nel mio scritto ho fedelmente riportato i documenti ufficiali della Santa Sede che ha pubblicato e diffuso questi discorsi dei Sommi Pontefici? Ma che cose le devo «provare»? Forse le devo provare che basta leggere il mio scritto e quindi leggere in versione integrale certi discorsi di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco I che in questo scritto sono tutti, fedelmente ed integralmente riportati ?
      Ma si rende conto che lei mi sta chiedendo di provare ciò che è provato nei testi ufficiali dei discorsi dei Sommi Pontefici?

      Per quanto riguarda il compianto Annibale Bugnini, potrebbe spiegarmi come mai, questo tanto compianto, quod 4 January 1976 fu sollevato dal Santo Pontefice Paolo VI da tutti i suoi incarichi presso la curia romana e dallo stesso fu nominato pronunzio apostolico nell’allora Persia, l’attuale Iran? Mi spiega perché dopo quella decisione, il Santo Pontefice Paolo VI, si rifiutò ripetutamente di riceverlo, quindi come mai, finché egli visse, al compianto e meritorio Annibale Bugnini non volle vederlo mai più?

  48. Prendere le parole dei Papi a pretesto per attaccare il Cammino, non è cosa lecita né corretta.Papa Francesco nella sua prima udienza con il Cammino,disse delle cose, da detrattori interpretati come tirata di orecchie.Ma Mons. Becciu chiarì bene cosa avesse voluto dire:””TALI PAROLE (quelle del Papa) NON MODIFICANO AFFATTO GLI STATUTI ANZI LI CONFERMANO. Per quanto attiene alle celebrazione della VEGLIA PASQUALE E DELL’EUCARESTIA DOMENICALE,da lei menzionate,gli articoli 12 e 13,letti nella LORO INTEGRITA’COSTITUISCONO PERTANTO IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO”. Lo Statuto del Cammino prevede che noi celebriamo l’Eucarestia dopo i primi vespri, e la comunione sia fatta restando al posto.Non vedo quali abusi commetteremmo.
    Non capisco perché lei voglia seminare zizzania?

  49. Tutto il Cammino Neocatecumenale in quattro righe. Ecco due domande che Kiko rivolge ad un suo catecumeno, nel contesto di uno scrutinio (VI volume del Direttorio Catechetico, “Traditio”, prima dell’approvazione):

    Kiko: Prima del cammino tu eri cieco? Cosa non vedevi?
    Z.: Prima del cammino io ero un bigotto, perché sono nato nella Chiesa e avevo un moralismo terribile, una terribile paura dell’inferno. Dovevo presentare sempre la faccia di buono, non avevo mai un peccato, la colpa era sempre degli altri. Io ho fatto quello che ho voluto durante tutta la mia vita e nel fondo non mi sono mai creduto peccatore perché sono stato una brava persona, perché andavo sempre a messa e non mi vedevo cieco. Un giorno ho sentito lannuncio e attraverso quello il Signore mi afferrò; dopo aver ascoltato tutta la catechizzazione, dopo essermi messo in cammino, il Signore ha fatto sì che attraverso la sua Parola, attraverso la comunità, io cominciassi a vedere che ero un maiale. Il Signore ha permesso, mentre stavo in comunità, ha permesso che io peccassi perché vedessi come ero. Dentro la comunità, attraverso la Parola, il Signore mi ha messo davanti i miei peccati.

    Kiko: Tutto il fango che c’era in te, la porcheria che c’era in te.
    Z.: In quantità! Io non capivo, prima del cammino, perché uno sposato se ne andava con un’altra; questo non lo comprendevo. Il Signore ha permesso che io commettessi adulterio, quando stavo già nel cammino. Mi ha fatto vedere che sono un adultero, mi ha fatto vedere che sono un egoista, che adoro il denaro; mi ha fatto vedere che non amo nessuno, né mia moglie, né i miei figli, che amo solo me stesso, che ho cercato sempre di trarre vantaggi dagli altri. Questo mi ha fatto vedere il Signore attraverso questo tempo, mi ha messo fango sugli occhi facendomi vedere che sono cieco perché potessi vedere che Lui mi ha amato così, non ha avuto schifo dei miei peccati, non mi ha disprezzato, mi ha amato! E questo l’ho visto nella comunità, perché conoscendo i miei peccati il Signore si è avvicinato attraverso i fratelli; attraverso mia moglie si è avvicinato a me e mi ha voluto bene. Il Signore si è avvicinato a me in persone concrete, e mi ha voluto bene. Allora io ho sperimentato che Dio mi ama così come sono, ridotto ad essere un disgraziato.

  50. A Giovanni.

    Perché non ci illustra il senso della frase papale a voi rivolta diseguire fedelmente i Libri Liturgici senza aggiunte né omissioni”?
    Perché continuate a fare come vi pare, anzi come pare al signor Arguello?
    Perché di fronte a domande precise (vedi sopra) voi neocat ammutolite?
    E’ il vostro demonio muto che interviene, come dicono i catechisti per tirarvi fuori tutti i dettagli della vostra vita privata negli scrutini?

  51. Caro Pater Arihel,lei ripete che avrei tentato di manipolare i discorsi dei Papi riportati,ma poi non dice in che modo avrei fatto.Le ripeto,questa pagina permette solo un certo numero di caratteri,altrimenti non avrei avuto alcun problema a pubblicarli nella loro interezza.Ma.come,ho già detto,i documenti sono disponibili sul sito del Cammino a disposizione di tutti,Mi dispiace ma non ha capito la mia risposta,allora mi spiego meglio,Quando Papa Francesco pronunciò il primo discorso al Cammino,disse che forse era il caso che si rinunciasse a qualcosa per migliorare la comunione.Qualche Vescovo interpretò questo discorso male pensando che doevvamo rinuciare alla celebrazioni nelle piccole comunità.Ma il Papa non voleva dire ciò e per questo attraverso Mons.Becciu rettificò l’errore.Pertamto la volontà del Papa è che le Comunità facciano il CN secondo quanto prevede lo Statuto.E lo Statuto prevede l’Eucarestia nella piccola comunità e la veglia separata.Che poi non hanno senso elitaristico e separatistico,ma hanno scopo formativo,come anche la Sacrosantum Concilium prevede quanto afferma che la liturgia ha scopo anche didattico come è scritto al n.33 della suddetta costituzione.

  52. Come tanti altri, sono purtroppo costretto a utilizzare uno pseudonimo per sottrarre i miei cari alle implacabili vendette neocat (sia in ambito ecclesiale che civile, e non si arrendono nemmeno se vengono mobilitate le forze dell’ordine).

    Non ci sarebbe neppure bisogno di dirlo: don Ariel ha fatto un ottimo lavoro (è un piacere sentirmi un dilettante a confronto), e Nostro Signore gliene renderà merito.

    Vorrei soltanto chiarire alcuni punti.

    1) Il neocatecumenalismo assegna nuovi significati a certe parole del lessico cristiano, al preciso scopo di ingannare anche le persone colte.
    Siamo perseguitati perché facciamo evangelizzazione”, ti dicono, e in realtà significaqualcuno non abbocca alla nostra trappola”.
    uel: “apertura alla vita”, che significa in realtàpaternità irresponsabile”, sfornar figli come conigli, tanto ci penserà la babysitter, per poi vantarsi in convivenzaho venti figli di cui otto in cielo” (contando anche gli aborti spontanei e – intellexerunt – quelli volontari).
    aut, “un vescovo ha chiesto di aprire un seminario Redemkikos Mater”, da tradurre ingli abbiamo fatto un’offerta che non poteva rifiutare

    2) Il neocatecumenalismo ha un suo gergo interno che occorre sempre tradurre:
    “Ambientale”: omelia del laico preparatoria alla celebrazione
    “Monizione”: omelia sistematica del laico prima di una lettura della Messa
    “Risonanza, fare il kerygma, dare una testimonianza…”: omelie estemporanee dei laici
    “Scrutinio”: scarnificazione delle coscienze con domande che neppure un confessore farebbe
    “Giro d’esperienze”: scarnificazione delle coscienze in versione rapida
    “Alzata”: risposta rituale (l’alzarsi) alla “chiamata vocazionale” di Kiko il suscitatore di vocazioni
    “Convivenza”: riunione in albergo (inutilmente lontano e inutilmente costoso) per celebrarvi il kikismo-carmenismo (i cosiddetti “catechisti” e i loro accompagnatori non pagano)
    etc..

    3) Il neocatecumenalismo esige di ingannare.
    exemplum: «le eventuali monizioni previe alle letture, devono essere brevi» (lettera 1° dicembre 2005), nel Cammino invece non sono “eventuali” ma “onnipresenti”, e non sono “brevi” ma durano un’eternità. uel: «noi facciamo la Comunione sotto le due specie»…

    Anche se si rendono conto dello stravolgimento, insistono comunque a voler ingannare il prossimo…

  53. Buona sera padre Ariel,

    per quanto riguarda le continue affermazioni dei signori neocatecumenali riguardanti gli ultimi Pontefici che hanno incoraggiato il Cammino quale valido percorso di vita cristiana, non vorrei sbagliarmi ma mi sembra che in ogni caso il giudizio di un Papa su una realtà ecclesiale non tocca quei casi in cui si esercita il carisma dell infallibilita tranne che sia un giudizio in forma definitiva. Che per il Cnc non c’è stato.

    Mi sbaglio?

    1. Verbum Caro Factum Enzo,

      un Romano Pontefice può esprimersi in forma final e in forma definitoria, cosa che implica, et in utroque casu,, il ricorso al magistero infallibile, seppure esercitato in diverso grado, basterebbe leggere di San Giovanni Paolo II la Ad tuendam fidem].

      Questo testo spiega quanto segue:

      nel caso delle verità del 1° comma, ossia dell’insegnamento definitiva, l’assenso è fondato direttamente sulla fede nell’autorità della Parola di Dio;

      nel caso delle verità del 2° comma, ossia nel caso dell’insegnamento non definitiva quod finalem, questi è fondato sulla fede nell’assistenza dello Spirito Santo al magistero e sulla dottrina cattolica dell’infallibilità del magistero” [Cf.. n:. 8].

      Coloro che non accettano un insegnamento definitiva cadono in eresia pubblica e manifesta oltre che nella scomunica latae sententiae, coloro che invece non accettano un insegnamento finalem, cadono in errore, ma non in eresia.

      Cosa vuol dire il tutto? Vedrò di spiegarlo molto in breve:

      – per definitiva si intende la proclamazione di un dogma della fede cattolica, exemplum: il dogma della assunzione al cielo della Beata Vergine Maria, l’ultimo dei dogmi mariani proclamato dal Servo di Dio Pio XII nel 1950.

      – per finalem si intende invece un insegnamento che non è proposto come dogma di fede, ma che è però espressione del magistero infallibile. Un esempio di pronunciamento definitivo è quello di San Giovanni Paolo II che nella Lettera Apostolica Ordinatio Sacerdotalis quod 1994 civitatibus: «la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa»

      Su tutti gli altri temi o atti del sommo magistero, può capitare invece che il Romano Pontefice, od un suo successore, decida di cambiare gli insegnamenti e certe discipline per motivi di opportunità, ad esempio pastorale, così come potrebbe disapprovare, per ragione varie o per ragioni sopravvenute, ciò che un suo precedessore ha stabilito. exemplum: ci sono stati Romani Pontefici che hanno approvato un ordine o congregazione religiosa, ed in seguito vi sono stati loro successori che, questo stesso ordine o congregazione, l’hanno soppresso.

      animo – e lo dico davvero con autentico affettonei Neocatecumenali che qui hanno interloquito e con tutti quelli con i quali ho interloquito io nel corso del tempo, ho riscontrato una diffusa ignoranza in ambito storico, ecclesiologico, theologicis et iuridicis,. Ignoranza mossa tutt’altro che da mala fede, ma appunto da ignoranza, ossia da mancata conoscenza, sino al punto di cadere veramente nel grottesco, mutando ad esempio la approvazione di un movimento laicale da parte del Pontificio Consiglio per i Laici, in un vero e proprio dogma della fede cattolica da mettere più o meno sullo stesso livello dei dogmi cristologici o del dogma della immacolata concezione della Beata Vergine Maria. Si igitur, come ho fatto per l’ennesima volta anche in questa mia risposta, uno cerca di spiegare loro con tutta la più corretta scienza teologica e giuridica certi dati di fatto, esprimendo il tutto con le dovuta amabilità pastorale, ci si ritrova dinanzi a veri e propri sproloqui di gente che, senza entrare minimamente nel merito di quanto hai risposto, ti replicano con argomentazioni veramente assurde.

      Sicuramente io sto perdendo del tempo prezioso che forse potrei impiegare meglio anziché andare a battere su un evidente muro di gomma. E dicendo questo ribadisco che ritengo che queste persone non hanno colpa, neppure quando cercano di smentire con argomenti assurdi chi certe materie e discipline le conosce e le studia da una vita.

      Sono stati formati o de-formati a questo modo. Et maybe, molti di loro, giustificati per la loro ignoranza invincibile, andranno nel Paradiso molto prima di noi. Non credo infatti che le porte del Paradiso siano chiuse a coloro che, per ignoranza invincibile, si mettono a discutere mostrando, di discussione in discussione, di non avere né il senso della misura né il comune senso del ridicolo.

  54. Annotazioni Mons.Juan Ignacio Arrieta Segretario del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi
    Già Preside dell’Istituto di Diritto Canonico san Pio X di Venezia

    La Santa Sede ha approvato in modo definitivo lo Statuto giuridico del Cammino Neocatecumenale. Con la consegna formale del decreto di approvazione da parte del Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici agli iniziatori del Cammino, Kiko Argüello e Carmen Hernández, e al Padre Mario Pezzi, si è concluso nella mattinata del 13 June 2008 l’iter giuridico avviato sei anni fa quando venne approvato ad experimentum il testo degli Statuti. Alcuni mesi prima, il Consiglio per i Laici era stato indicato dal Servo di Dio Giovanni Paolo II come il Dicastero che doveva assumere a nome della Santa Sede i lavori di approvazione di questi Statuti, pur non trattandosi di un’associazione di fedeli. Con il presente atto il Pontifico Consiglio ha dato compimento a quell’incarico del Papa.I nuovi Statuti seguono sostanzialmente il dettato di quelli approvati sei anni prima. Trentacinque articoli e una disposizione transitoria conteneva il testo provvisorio del 2002, e gli stessi articoli possiede adesso la norma…

    Ancora dall’annotazione di Mons.Arrieta:”Con il presente atto il Pontifico Consiglio ha dato compimento a quell’incarico del Papa.I nuovi Statuti seguono sostanzialmente il dettato di quelli approvati sei anni prima. Trentacinque articoli e una disposizione transitoria conteneva il testo provvisorio del 2002, e gli stessi articoli possiede adesso la norma definitiva. Al di là della novità, per nulla secondaria, a cui farò riferimento qui di seguito, nessun cambiamento fondamentale è stato compiuto in questo nuovo passaggio degli Statuti, e quasi tutti gli articoli sono riproduzione esatta di quelli vecchi. Questi sei anni sonno serviti, autem, per fare maggior chiarezza sull’originaria formulazione dei testi e per migliorare la norma sia dal punto di vista tecnico che da quello strutturale

    Il Cammino Neocatecumenale si conferma nei nuovi Statuti come un modello di catecumenato post-battesimale da impartire sotto la direzione dei Vescovi diocesani o, come lo aveva definito Giovanni Paolo II in parole trascritte nell’art. 1° del testo statutario, come un ”itinerario di formazione cattolica”: un programma di formazione alla vita cristiana della persona, di base principalmente catechetica e liturgica, impartito in comunità e condotto secondo ritmi e metodi specifici. Ciò che contiene lo Statuto del Cammino, e ciò che approva adesso la Santa Sede, non è un’associazione di persone, né un “movimento ecclesiale” di fedeli. La Chiesa ha dato la sua approvazione non a ciò che solitamente potrebbe denominarsi una “aggregazione di persone”, bensì ad un “metodo di formazione cattolica”, sebbene l’approvazione da parte dell’autorità ecclesiastica del metodo e dei contenuti impegni in modo riflesso quanti propongono o ricevono tali mezzi a rispettare le relative regole, senza creare tra di loro alcun legame associativo, come accade con tutta normalità tra i compagni di scuola o i colleghi dell’università.
    Noti bene che Mons.Arrieta ribadisce che il CN non è un movimento.

    Per cortesia legga con attenzione il seguente passaggio:”A mio modo di vedere, la maggiore conseguenza di questa personalità pubblica, applicata all’itinerario di formazione neocatecumenale, riguarda la particolare autorevolezza ecclesiale con la quale, sotto la direzione dei Vescovi diocesani, s’impartisce finora il Cammino, e nel particolare impegno che, Itaque, si assume perché esso sia proposto – come risultava prima, ma adesso con rinnovato impegno giuridico – per mezzo di persone particolarmente selezionate e appositamente formate”.
    NB Mons.Arrieta parla di particolare autorevolezza ecclesiale. Quanto siamo lontani dalla descrizione data da lei,cioè una setta eretica.

    Ancora dalle annotazioni di Mons.Arrieta:”Soltanto in questo senso può interpretarsi il termine “neocatecumeni” usato in riferimento alle persone che “propongono” il Cammino o che “fanno” il Cammino. Ad onor del vero, pur non essendo una categoria istituzionale tipizzata come tale nell’ordinamento canonico, che per essere costruita richiede l’uso dell’analogia rispetto ad altre norme canoniche – sulla persona giuridica, le associazioni, fondazioni, etc.. -, va pure detto che questa impostazione, ricevuta sei anni fa come una novità, è servita successivamente per meglio capire altre realtà che si riconoscono a stento nei convenzionali sistemi associativi.A differenza del testo del 2002, gli Statuti ora approvati affermano la personalità giuridica pubblica del Cammino Neocatecumenale (artem 1 § 3), erezione che avvenne per iniziativa del Pontificio Consiglio per i Laici, con Decreto del 28 ottobre del 2004. Il punto è di particolare rilevanza perché ci porta alla vera novità che, qua e là, emerge dai nuovi Statuti”.

    Ha notato che la Chiesa Cattolica ha concesso personalità giuridica pubblica al Cammino? Ora è difficile ipotizzare una cosa simile,si ut dicis,siamo una setta.

    ut, tandem, le cerimonie liturgiche, e concretamente la celebrazione eucaristica, il testo dello Statuto definito si è giovato certamente dei progressi e aggiustamenti di questi anni. Anche qui si è arrivato a un testo chiaro, che si articola in quattro principi sanciti dall’art. 13 degli Statuti. primus, che i neocatecumeni celebrano l’Eucaristia nella piccola comunità, dopo i primi vespri della domenica. Secundum, che tale celebrazione dopo i primi vespri ha luogo secondo le disposizioni del vescovo diocesano. tertium, che queste celebrazioni – come ho già detto – fanno parte della pastorale parrocchiale e di conseguenza sono aperte a tutti i fedeli. Quarto, che in queste celebrazioni si seguono i libri liturgici approvati del Rito Romano, “fatta eccezione per le concessioni esplicite della Santa Sede” (uso del pane azzimo per la comunione, spostare il rito della pace, comunione sotto le due specie, brevi monizioni e risonanze)...
    Noti bene anche le monizioni e risonanze sono concesse non sono quindi abusi.I neocatecumeni celebrano l’Eucarestia il sabato sera,pertanto i Vescovi che lo impediscono non fanno il bene spirituale dei neocatecumeni.

    Finalmente l’ultima parte delle annotazioni:”Per quanto riguarda, in fine, la Comunione, il menzionato art. 13 § 3 risulta di una particolare nettezza: “Per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie, i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto”.Chi si prenda l’impegno di controllare le variazioni tra il testo provvisorio degli Statuti del 2002 e quello definitivo adesso pubblicato, potrà costatare che, oltre a quelle menzionate in queste poche pagine, non vi sono variazioni rilevanti nel corpo del documento. Le modifiche, come dicevo all’inizio, sono state ben poche, sebbene significative come abbiamo segnalato.E’ certamente un bene per la Chiesa che il Cammino Neocatecumenale sia arrivato adesso all’approvazione definitiva dei propri Statuti. Rimane a noi, con l’aiuto del Signore e della Madonna, fare in modo che queste norme siano applicate con giustezza nei casi concreti dell’attività pastorale della Chiesa”.
    Come si può leggere la Chiesa ha approvato lo Statuto il quale permette di derogare a quanto prevede il Messale Romano,pertanto la comunione può essere fatta restando al proprio posto,senza fare la processione.

    Faccio notare quindi che, oltre le concessioni elencate,il Messale Romano contempla la possibilità della comunione sotto le due specie.Anzi già la Cost.Dog Sacrosantum Concilium n. 55,prevedeva la reintroduzione.Il Messale Romano prescrive al n. 281: «La santa comunione, in ragione del segno, assume forma più piena, se viene fatta sotto le due specie. Risulta infatti più evidente il segno del banchetto eucaristico e si esprime più chiaramente la volontà divina di ratificare la nuova ed eterna Alleanza nel sangue del Signore, ed è più intuitivo il rapporto tra il banchetto eucaristico e il convito escatologico nel regno del Padre»

    Circa l’uso del pane azzimo il Messale Romano prescrive:”320. Il pane per la celebrazione dell’Eucaristia deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina.
    321. La natura di segno esige che la materia della celebrazione eucaristica si presenti veramente come cibo. Conviene quindi che il pane eucaristico, sebbene azzimo e confezionato nella forma tradizionale, sia fatto in modo che il sacerdote nella Messa celebrata con il popolo possa spezzare davvero l’ostia in più parti e distribuirle almeno ad alcuni dei fedeli. Le ostie piccole non sono comunque affatto escluse, quando il numero dei comunicandi o altre ragioni pastorali lo esigano. Il gesto della frazione del pane, con cui l’Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l’importanza del segno dell’ unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, per il fatto che un unico pane è distribuito tra i fratelli.

    La comunione sul palmo delle mani poste forma di croce,oltre ad essere una disciplina assai antica,risalente a Gesù stesso e usata,come unico modo,nella Chiesa primitiva per almeno per otto nove secoli,è stata reintrodotta dopo il Vaticano II,con l’Istruzione Memoriale Domini,che demandava alle conferenze episcopali la decisione di concederla.In molti paesi,Italia compresa,la CEI permette questa disciplina,igitur,di quali abusi parla?gratias ago,buonanotte e mi scusi per la lunghezza.

    1. Caro Giovanni,

      domandando a Dio la grazia della virtù della santa pazienza, la prego di leggere, primum, la risposta che ho data sopra a Enzo, nella quale c’è una chiara, precisa e ortodossa esposizione dottrinaria nella quale spiego che cosa è il dogma e quando una verità definita è verità di fede.

      Anziché inviare un altro papiro come quello che ha inviato, per non rispondere poi in definitva ai vari quesiti che le sono stati posti, provi adesso, in breveletta quella risposta ad Enzoa rispondere a queste tre facili e semplici domande:

      lei ritiene che l’approvazione dello statuto di un Movimento laicale da parte del Pontificio Consiglio per i Laici, costituisca una verità di fede espressa in modo definitivo o definitorio ?

      lei ritiene, tum, che questa approvazione del Cammino Neocatecumenale, implichi da parte della Chiesa un pronunciamento del magistero infallibile che vincola tutti i fedeli cattolici a prestare totale adesione come se fosse una verità di fede definita ?

      Lei ritiene che, tutti coloro che non ritengono il Cammino Neocatecumenale un movimento cattolico improntato sulla ortodossia dottrinale e liturgica, vengano meno all’obbediente ossequio dovuto da tutti i fedeli al deposito della fede cattolica ?

      Sono tre semplici domande, alle quali spero vorrà rispondere.

      Se però mi manderà per tutta risposta un altro papiro nel quale parla di tutt’altre cose deviando altrove il discorso, sappia in anticipo che non lo pubblicherò, perché neppure la santa pazienza può obbligare in alcun modo ad un dialogo sterile tra un sacerdote ed un teologo che cerca in tutti i modi di spiegare, ed un sordo che in tutti i modi dimostra di non voler capire.

      ego iterare: sono tre domande semplicissime.

      1. Sono semplicissime per chi abbia letto le sue risposte precedenti e le circostanziate spiegazioni in esse contenute e per chi sia in buona fede. Per chi non è in buona fede e nega l’evidenza, sono semplicemente domande a cui non rispondere. Per ignoranza e superbia, i neocat ritengono di essere depositari della verità assoluta, e vengono sempre istruiti a non dialogare con chi non la pensa come loro. evidenter, anche qualora ci provassero, difficilmente riuscirebbero a trovare argomenti validi, perché sono mediamente ignoranti di teologia, anche basilare, atque adeo, Infeliciter, non conoscono il Catechismo della Chiesa cattolica. Sono inoltre imbevuti di terminologia neocatecumenale e non riescono ad uscire da lì.
        A questo proposito volevo chiederle: nel Cammino neocatecumenale si dice e si ripete fino allo sfinimento che la morte è il peccato, cioè che Gesù Cristo risorgendo dai morti e vincendo la morte, ha vinto il peccato. E questa cosa viene ripetuta sempre nelle varie catechesi, in maniera quasi ossessiva. Ma è proprio solo così? Cioè è questa l’unica interpretazione? O anche che ha aperto la strada alla vita eterna? Mi scusi per l’approssimazione della mia domanda

  55. Ha perfettamente ragione padre Ariel, i neocatecumenali non sanno nulla, né i semplici, né i grandi capi.
    Da quando ho lasciato il cammino ho iniziato ad informarmi, a leggere molto e a parlare con alcuni sacerdoti non neocatecumenali. Mi sono accorta di non sapere nulla e, quello che mi sembrava di sapere, era spesso distorto. et tamen,, in quelle condizioni, ho fatto la catechista per più di 25 aetate.

    In questi giorni ho ripreso in mano il mamotreto del II scrutinio, io ho quello vecchio, prima dell’approvazione.

    Con la coscienza di oggi vi ho trovato moltissime affermazioni e concetti discutibili ma, essendo consapevole di non sapere, sentirei il desiderio che qualcuno competente potesse spiegare.

    So che i sacerdoti sono sempre molto occupati ma chiedo, a beneficio mio e un podi tutti, se fosse possibile almeno l’indicazione di qualche sacerdote che possa venire in aiuto.

    Noi fuoriusciti, specialmente chi come me è stato 35 anni nel cammino e veniva dalpaganesimo”, a volte ci sentiamo spersi. Avremmo bisogno di guida ed insegnamento, abbiamo molte domande, ma spesso i sacerdoti hanno poco tempo da spendere per i singoli.
    Grazie per ogni aiuto che possa

  56. Mi chiedo se il Cammino Neocatecumenale possa considerarsi approvato se viola i propri stessi Statuti, in forza dei quali ha ricevuto l’approvazione.
    maxime, gli Statuti del Cammino Neocatecumenale prevedono che questo itinerario debba porsi al servizio dei Vescovi. Mi chiedo allora come si giustifichi il fatto che Kiko, ai propri catechisti, riferisca che i Vescovi non compiacenti con il Cammino invitati alla Domus Galileae (spesati di tutto) fosseropieni di demonie come, dopo un’Eucaristia nel Cenacolo, su questi fosse sceso lo “Spiritus Sanctus” E, PUM!, li avesseconvertitial Cammino. Addirittura, dopo questa conversione, un Vescovo avrebbe esclamatomettiamoci alla sua sequelacioè alla sequela di Kiko.
    Che logica ha che un Cammino che dovrebbe porsi in obbedienza ai Vescovi li consideri indemoniati nel momento in cui essi esercitano la propria libera potestà di giudizio?
    Avviso che di queste dichiarazioni di Kiko, fatte nel corso di una convivenza di itineranti a P.S.Giorgio, si possono ascoltare gli audio.
    Qui si può leggerne la trascrizione:
    https://neocatecumenali.blogspot

  57. A Giovanni.

    Ipocrisia?

    expurgantes vetus fermentum:

    queste celebrazionifanno parte della pastorale parrocchiale e di conseguenza sono aperte a tutti i fedeli
    falsum,. Non solo non compaiono nell’orario parrocchiale, ma agli estranei non è permesso entrare. Chi vuol averne conferma provi di persona.

    in queste celebrazioni si seguono i libri liturgici approvati del Rito Romano, “fatta eccezione per le concessioni esplicite della Santa Sede” (uso del pane azzimo per la comunione, spostare il rito della pace, comunione sotto le due specie, brevi monizioni e risonanze)”

    falsum,. I Libri Liturgici ordinano che si comunichi PRIMA il sacerdote, e DOPO i fedeli, ognuno appena ricevuto il Pane e senza aspettare gli altri, RIMANENDO in piedi. Invece voi prendete in piedi il pane, poi vi sedete e aspettate gli altri. Vi siete inventati il distinguo fra communio E manducazione.

    monizioni e risonanze sono concesse non sono quindi abusi
    falsum,. Sono eventuali, eccezioni e non regola, devono essere brevi e non omiletiche.

    Per tacere dell’uso di tavolacci anziché dell’altare consacrato eccetera.

    Lei non risponde a nulla.
    Ora le domando: perché per difendere il Cammino… [Editor scriptor note. mancano delle parole conclusive che non sono giunte, non è un nostro taglio]

  58. Ariel pater mi,

    nella mia esperienza di sempliceparrocchiana cattolicaho spesso sfiorato vari movimenti mantenendomi però lontana, soprattutto a causa di esperienze ascoltate o di dichiarazioni degli appartenenti che mi lasciavano confusa e turbata e non mi parevano affatto ortodosse.

    Leggendo il suo scritto posso solo ringraziarla per avere spiegato con competenza e cognizione di causa, riguardo ai neocatecumenali, ciò che io potevo solo intuire.

    Attualmente diversi miei conoscenti, sempre invano, mi invitano ad avvicinarmi a questo o a quel movimento, Non voglio assolutamente mettere tutte queste esperienze sullo stesso piano (gratias gratis, innovatis, focolarini …), non ne ho l’intenzione, ma sono convinta per esperienza diretta, che alcune situazioni rappresentino un serio pericolo per l’anima di noi fedeli.

    E’ possibile avere luce su questi movimenti? Dove si possono trovare informazioni equilibrate per non cadere in pericolosi tranelli, in un periodo di grave confusione come questo, in cui la sete di Salvezza e l’ignoranza ci portano ad avvicinarsi alle fiamme come falene?

    La ringrazio in anticipo per l’attenzione e per il suo lavoro.

    1. Cara Dafne,

      io credo che sia necessario ammettere che alla base delproblema movimentivi sia stato un eccesso di entusiasmo che ha indotto in errore Giovanni Paolo II, quia, storicamente ed ecclesialmente, chi ha veramente traghettato e dovuto gestire tutti i fenomeni del vero e proprio post-concilio è stato lui. Il Santo Pontefice Paolo VI cominciò a dover trattare il grave problema tra il 1966 et 1978, ma il grosso del tutto, dalle conseguenze teologiche a quelle socio-politiche intra ed extra ecclesialem, ricaddero sul Santo Pontefice Giovanni Paolo II.

      L’errore di Giovanni Paolo II fu questo: dinanzi ad una crisi senza precedenti della vita religiosa maschile e femminile, con gli ordini religiosi storici e le congregazioni che tra il 1966 et 1976 avevano subìto forti perdite numeriche; dinanzi a questi ordini e congregazioni che alle statistiche del 1986 risultavano, quidam ex eis, in un ventennio, più che dimezzati in numero di religiosi e religiose, egli credette – sicut et alia multa – che il futuro della Chiesa era nei movimenti.

      Oggi io conosco e parlo di frequente con vescovi ultra ottantenni, che in quegli anni furono entusiasti protagonisti in tal senso, i quali non fanno che ripetermi come un sorta di mea culpa,: «Quali gravi errori di valutazione, tempus, facemmo tutti noi assieme a Giovanni Paolo II !».

      dico,: ciò che io penso è del tutto irrilevante e quindi va preso solo come libero e privato pensiero personale espresso in pubblico. Detto questo posso dirle che io credo che questi movimenti, omnes, abbiano già compiuto il proprio ciclo, per non dire che sotto non pochi aspetti hanno fallito.

      Alla prova dei fatti, i Movimenti non hanno favorita l’unità della Chiesa ma lasua divisione, non hanno favorita l’identità unitaria del corpo ecclesiale ma hanno creato all’interno della Chiesa dei personalismi a volte persino esasperati ed esasperanti.

      Caratteristica di tutti questi Movimenti è la inevitabile convinzione di avere ricevuto doni e carismi molto speciali da parte dello Spirito Santo, dimenticando spesso che i carismi sono autentici e validi se riconosciuti dalla Chiesa, approvati dalla Chiesa, regolamentati dalla Chiesa ed esercitati nel modo comandato dalla Chiesa. Pur malgrado invece, ostendit ex testimonio, molti di questi movimenti si sono presa l’approvazione della Chiesa, salvo però fare e seguitare a fare ciò che vogliono e come vogliono.

      Questi Movimenti, in pratica tutti, hanno cominciato ad inserire elementi propri e particolari nella sacra liturgia, dando spesso vita ad equivoci di questo genere: “Io vado alla Messa dei Neocatecumenaliio vado alla Messa dei Carismaticiio vado alla Messa dei Focolarini …”
      E qui vai a far capire alla gente che la Messa non è di quello o di quell’altro Movimento!

      Altro errore avvenuto sotto il pontificato di San Giovanni Paolo II: avere permesso a diversi di questi Movimenti, per mancanza di sacerdoti in certe regioni del mondo, di aprire e gestire propri seminari per la formazione dei sacerdoti diocesani, che di fatto sono poi risultati, più che sacerdoti del vescovo, dei sacerdoti del Movimento formati per il Movimento ed a servizio del Movimento. Et hoc, animo, Giovanni Paolo II non avrebbe mai dovuto permetterlo, ed oggi se ne stanno raccogliendo tutte le conseguenze, spesso purtroppo anche molto infelici.

      In questa stagione che ha preso avvio dagli inizi degli anni Settanta, tutti hanno creduto di riscoprire d’improvviso lo Spirito Santo, che sulla Chiesa nascente era disceso però due millenni prima; sebbene molti abbiano creduto e pensato che in essa fosse finalmente disceso solo agli inizi degli anni Sessanta. E in nome dello Spirito Santo, abbiamo di fatto assistito a una delle più grandi confusioni intra-ecclesiali che mai avevamo avuto.

      Cosa fare?

      Si scelga una parrocchia nella quale si svolge perlomeno una decente vita e nella quale un sacerdote del vescovo segue la porzione di Popolo di Dio ad esso affidata, svolgendo il proprio ministero per il vescovo e per la diocesi a servizio dei Christi fideles,.

      Et si nihil,, dica una preghiera di tanto in tanto per i Movimenti al tramonto. Semmai anche una preghiera per chi non ha trovato di meglio da fare che aprire i processi di beatificazione di certi fondatori di movimenti laicali, semmai proprio mentre i Carabinieri e la Guardia di Finanza arrestavano per gravi reati di frode, peculato, appropriazione indebita, falso in atti d’ufficio eccdiversi degli aderenti a quel Movimento, nel quale erano entrati sin dalla prima ora e nel quale erano stati formati dal fondatore del Movimento in persona, quasi come se un albero non si riconoscesse dai frutti che da

      1. ma perchè non ti nominano cardinal segretario del Pontificio consiglio per i laici, forse risolveremo qualche problema.

        1. No, lascia perdere: i problemi sarebbero invece aumentati a dismisura.
          E poi non credo di stare bene vestito di rosso, preferisco portare il nero per tutta la vita.
          Quantunque pure le scorta in servizio si vestano di rosso, però con una differenza: perlomeno sono delle professioniste serie e si assumono sempre tutte le responsabilità che comporta il loro lavoro.

          1. La volgarità del prete Ariel, prima o poi salta sempre fuori,
            In hanc, nos, nel Cammino non siamo abituati.
            E ciò la qualifica!

          2. Caro Leonardo,

            io credo che ci siano dei limiti a tutto, persino all’ipocrisia.
            Questo scambio di battute tra un mio confratello napoletano e me, per stemperare l’aria, non ha nulla di volgare.
            A meno che lei non voglia censurare il 90% dei film di Alberto Sordi, proiettati da anni e anni nei cinema parrocchiali.

            In privato, Ioannes Paulus II,, ai prelati stranieri che prendevano servizio a Roma, soleva dire «Se vuoi capire la romanità, devi vedere Marchione de del Grillo».

            Se vuole invece la informo io a dovere: correva esattamente l’anno 1985 quando a Roma vi fu un incontro tra i responsabili e fondatori dei vari Movimenti, tra cui Kiko e Carmen. Tra i presenti anche quella delicatissima e amabile Signora di Chiara Lubic e quell’indubbio sant’uomo del Padre Luigi Giussani.

            E fu proprio il fondatore di Comunione e Liberazione che, dopo aver visto ripetutamente impallidire Chiara Lubic, richiamò la diva Carmen Hernandez ad un linguaggio più consono, perché in pubblico, del tutto incurante della presenza di uomini e donne, di sacerdoti e di un vescovo, animandosi nel discorso prese a dire «cazzo, dick!» ogni quattro o cinque parole.

            Io non ero presente, però erano presenti ben quattro sacerdoti che oggi sono rispettivamente: due arcivescovi emeriti, uno dei quali cardinale, un vescovo diocesano tutt’oggi in carica, ed un’altro sacerdote che attualmente è arcivescovo segretario di un dicastero della Santa Sede.

            E tutti sono sani, vegeti e pronti all’occorrenza a confermare come testimoni oculari quel che ho appena detto.

            igitur, in risposta al suo autentico eccesso di pudore, posso assicurarle che, se allo scoccare dei cinque anni dalla morte, troverete un vescovo diocesano disposto ad aprire la prima fase del processo diocesano per la beatificazione della diva Carmen, molto ragionevolmente, con le debite prove e testimonianze, la proporremmo come la «Beata del cazzo!».

            Al suo scandalo per la altrui volgaritàperaltro laddove la volgarità non c’èaggiunga il fatto che nella sola Italia esiste un esercito di preti che a nominargli la parola Neocatecumenali impallidiscono, perché dai Neocatecumenali sono stati aggrediti e offesi in pubblico davvero a male parole.

            Al Padre Ciro, che ha fatto questa battuta alla quale io ho risposto con un’altra battuta, un catechista neocatecumenale lo interruppe mentre durante la Santa Messa teneva la omelia nella propria parrocchia, years ago, dicendo ad alta voce ai fratelli e sorelle del Cammino «uscite assieme a me e non ascoltate queste cazzate!».

            Riprendiamo dunque il discorso da capo: chi sarebbe, il volgare?

          3. allora diciamola tutta: eravamo nel 2002 e quella domenica di Pentecoste feci un’omelia sui doni dello Spirito Santo.
            Senza riferimento a nessuno, tanto meno ai neocat.

            Un catechista, che aveva sproloquiato in precedenza in varie catechesi sullo Spirito Santo (ma io questo non lo sapevo e non potevo saperlo), si sentì, tamquam, “criticatodinanzi ai suoi catechizzandi, e per essere precisi esordì così (le decine di persone che erano presenti lo ricordano sempre) :

            «Ma smettila, tarn!». E rivolto ai suoi disse: «Andiamo via perché non dovete sentire queste cazzate, quia, in dieci minuti, rovina quel che io ho fatto con voi in mesi di catechesi».

            Le persone rimasero allibite.

            Sono un cosiddetto povero dottore in diritto canonico e posso dire che sia per la legge canonica sia per la legge penale italiana, interrompere a questo modo una azione di culto riconosciuta dallo Stato che si svolge all’interno di un luogo di culto riconosciuto, è un reato penalmente perseguibile, heri, et hodie, perché il codice di diritto penale è rimasto sempre lo stesso, ed il codice di diritto canonico, pura.

          4. @Leonardo

            “In hanc, nos, nel Cammino non siamo abituati!”

            Non so se sei più bugiardo o ipocrita. Basta leggersi i mamotreti per vedere l’innumerevole quantità di turpiloquio presente.
            In più DA NESSUNO ho mai sentito chiamatecoglione” sacerdos…tranne da membri del cammino.
            In questo siete perfettamente riconoscibili.

            I peggiori bigotti rispetto a voi sono dei santi.

      2. Don Ariel ha dato una risposta da par suo, pur con molta umiltà non volendo innalzarla a più di un’opinione personale. eGO, da semplice fedele, mi ci ritrovo e benedico Iddio per aver ispirato la mia famiglia a non inserirmi in alcuna conventicola, nonostante le insistenze dell’allora parroco (quia caritas, sant’uomo per molti aspetti). Perché se ci sono state responsabilità in alto, va detto che c’è stata (e c’è tutt’ora) una specie di ossessione da parte dei preti adinfilarela gente in questo o quel movimento; sospetto per una forma particolare di clericalismo, per poter poi mantenere una forma di controllo indiretto.

        A Dafne vorrei solo aggiungere, avendo dovuto fare un paio ditraslochiparrocchiali, tre criteri iniziali per testare un buon prete: a) che sia ortodosso b) che celebri in modo rispettoso e riverente c) che sia umile. Le prime due cose sono facilmente verificabili. Per la terza: se trova un prete amato dai parrocchiani, ma senza esaltazioni e con un tasso fisiologico di mormorazione (cosa pur brutta in sé), questi sono per me buoni segni. Se trova una superstar esaltata da tutti, vuol dire che quel prete si è costruito la sua setta personale, et hoc est,…

  59. Egregio Don Ariel ho letto pazientemente la sua esposizione.La apprezzo ma le chiedo:Cosa c’entra con il nostro discorso?Non stiamo discutendo dei dogmi della Chiesa,nè abbiamo detto che l’approvazione dello Statuto sia una verità di fede definitiva o definitoria etc.Le risulta che abbia mai fatto affermazioni simili?Non mi pare proprio,non capisco allora il suo discorso vagamente somigliante al personaggio di Don Chisciotte,il quale costruiva, fantasiosamente , inesistenti castelli per scagliarsi contro.Non è stato mai detto che il Cammino sia un dogma ,il problema però è che tra il non essere dogma ed essere “sectæ Nazarenorum” quod “haereticus” c’è una netta differenza.Il Cammino non sarà certo un dogma,chi lo ha mai detto,ma di certo non è una setta né un ricettacolo di eretici,come lei invece erroneamente sostiene.Del resto dire che il Cammino è eretico o setta equivale a dire che il catechismo dei fanciulli è settario o eretico perché si svolge in classi di bambini e separatamente.Perchè forse non è sufficientemente chiaro che il Cammino non è nè una associazione nè un movimento,ma una iniziazione cattolica post battesimale per adulti.

  60. Se lei non mi pubblica significa che è incapace di confrontarsi ,del resto io non sono il suo scolaretto,nè sono obbligato a rispondere alle sue domande.Pensavo che si potesse discutere pacatamente ,però se lei non intende continuare, lo dica apertamente mi ritirerò.Penso di averle risposto abbondantemente,poi se lei è in cerca argomenti pretestuosi e capziosi lo dica sarebbe inutile continuare. Vorrei solo chiederle se accetta solo il Magistero straordinario, falli , definitorio e il Magistero Ordinario e definitivo del Papa?Rigetta quindi tutto il resto ?Non accetta Il Magistero ordinario ed autentico?Per caso lei è tra quelli che rifiutano il Concilio Vaticano II?Spero poprio di no!L’approvazione del Cammino non è un dogma ,ma il Papa,che è il Vicario di Cristo,approva e incoraggia questo itinerario di fede,e ciò significa che lo ritiene positivo. Ritenere che il Camino sia setta o eretico,equivale a pensare che il Successore di Pietro sbagli ad incoraggiarlo e ciò,in qualche modo,equivale a mettere in discussione l’autorità del Papa.Del resto quanti Vescovi rifiutano il Summorum Pontificum e non vedono di buon occhio i gruppi Messa Tridentina?Io ne conosco alcuni.

    1. … scusi, mai i suoievidentemente ignorantissimi catechistile hanno mai data una definizione corretta di magistero?
      MDL, che cosa è il magistero e che cosa è magistero?
      Lei sta dimostrando, arrampicandosi sugli specchi come una persona che ha un’idea a dir poco confusa di dottrina cattolica e di ecclesiologia, di non conoscere proprio i rudimenti della dottrina della fede.

      E si ricordi che il Romano Pontefice, Vicarius Christi, lo è anche quando ripetutamente vi ha detto, a voce e per scritto:

      1. di attenervi con scrupolo ai libri liturgici ;
      2. di non omettere e aggiungere nulla dal Messale Romano;
      3. di non usare solo ed esclusivamente la II Preghiera Eucaristica ma anche tutte le altre, compreso e incluso il canone romano.

      Anche il quel caso era Vicario di Cristo, ma in qualsiasi momento può essere provato senza pena di smentita che a queste disposizioni date e ripetute dal Vicario di Cristo voi non vi attenete, evidentemente perché avete un altro vicario: Kiko Arguello.

      Questi sono i fatti provati, le sue sono invece chiacchiere.

  61. Riguardo Mons.Annibale Bugnini ,la informo che ho conosciuto personalmente uno dei suoi segretari che lavorò per lui negli anni della riforma liturgica. Conosco anche uno dei suoi allievi. Lei ripete la solita vulgata dei detrattori di Bugnini,il fatto è che su internet sui siti pseudo tradizionalisti circolano certe notizie ma io ho notizie certe, di una persona che lo ha conosciuto personalmente ed ha assistito ai fatti ,quando lei forse nemmeno era nato o forse era poco più che lattante. La persona che ho conosciuto mi riferì che Papa Paolo VI era in lacrime quando dovette allontanare Bugnini e lo fece solo per pacificare l’ambiente della Curia. L’Accusa di appartenere alla massoneria poi è una mistificazione inventata da qualche cardinale di Curia,di cui conosco anche il nome,ma che taccio per carità cristiana e anche perché .è passato a miglior vita,pace all’anima sua.Le accuse contro Bugnini sono false anche perché gli si attribuisce le colpe della riforma liturgica,che fu voluta da Papa Paolo VI.Padre Bugnini fu solo un esecutore.

    L’accusa di appartenenza alla massoneria si basa sul giornale di Mino Pecorelli che si chiamava OP? Si sa benissimo quanto ambiguo fosse questo giornalista e come bazzicava nel torbido. Non a caso fu assassinato senza pietà. Un personaggio collegato ai servizi segreti deviati. Le ricordo che il gran maestro della massoneria di allora, Lino Salvini ,quod 10 agosto dichiarava allora sul giornale Panorama:” Cardinali in loggia non ne abbiamo. In questo elenco (autem 114 prelati pubblicati su Panorama,)conosco solo quattro persone e ciò non significa che siano massoni. Oltretutto dagli schedari della massoneria non c’è nulla che somigli alla sequenza di data di iscrizione, numero di matricola, monogramma, che appare nell’elenco’. E il capo della massoneria francese Richard Dupuy sottolineò alla TV non senza una punta di disprezzo: ‘Dopo l’abate Baruel e Leone Taxil mons. Lefèbvre ha ripreso i vecchi temi rancidi della massoneria’”.

    Pertanto il nome codice BUAN e la sigla collegata che si leggono su OP sono falsità. Che Papa Paolo VI ci abbia creduto,non dimostra nulla.

    Pertanto il nome codice BUAN e la sigla collegata che si leggono su OP sono falsità.Che Papa Paolo VI ci abbia creduto,non dimostra nulla.

    1. Nella mia risposta/domanda io non ho fatto riferimento a queste leggende metropolitane, dalla massoneria ai complotti ed alle congiure varie, perché ho sempre cercato di essere uno studioso serio.

      igitur, Ecclesiae historia, theologiam dogmaticam sacramentalis, la liturgia ed il movimento della riforma liturgica che prende vita già alla fine dell’Ottocento, io non li ho studiati su Internet, ma in ben altro modo e su ben altre fonti.

      Basandomi su un fatto, io ho solo chiesto come mai il Santo Pontefice Paolo VI spedì Annibale Bugnini in Persia, oggi Iran, come mai non volle riceverlo e non volle mai più vederlo. A tutte le leggende metropolitane da lei sciorinate e da lei ampiamente conosciute perché come lei dice circolano da anni su Internet, io non ho fatto neppure una vaghissima allusione, appunto perché sono ben altre le fonti alle quali attingo.

      Concordo con lei sul fatto che:

      «Che Papa Paolo VI ci abbia creduto, non dimostra nulla».

      Sebbene io dubiti che una mente sottile come quella di Paolo VI, nonché grande conoscitore della curia romana all’interno della quale trascorse la gran parte della propria vita prima di essere nominato da Pio XII Arcivescovo di Milano, abbia creduto a cose del genere. Ma anche se vi avesse creduto, ciò sarebbe del tutto irrilevante.

      sed, se San Giovanni Paolo II ad experimentum, Benedetto XVI in via definitiva ed a precise condizioni, approvano il direttorio dei Neocatecumenali, questo dimostra forse in modo inconfutabile che il Cammino è assolutamente opera dello Spirito Santo e che tutti i fedeli devono accettare ciò come elemento di fede, quod “dimostratodai Pontefici con due loro complimenti all’inizio di un discorso al quale fanno però subito seguito venti diversi richiami a mettersi in riga ed a rispettare vescovi, pastores, comunità parrocchiali, libertà individuale ad uscire dal Cammino, rispetto delle popolazioni delle zone di missione, dei libri liturgici, etc. …?

      Anche in questo caso credo che si possa e che si debba applicare il seguente principio: che Giovanni Paolo II o Benedetto XVI abbiano eventualmente creduto alle panzane di Kiko e Carmen, ciò non dimostra nulla, ma soprattutto non vincola ad una adesione di fede verso il Cammino gli altri cattolici.

  62. I discorsi di Giovanni li ho sentiti centinaia di volte. E’ inutile sperare in una benchè minima presa di coscienza anche della semplice assurdità di determinate sue argomentazioni.

    Piuttosto gli chiederei se ha qualche considerazione sulla DEFINITIVA condanna del vescovo NEOCATECUMENALE di GUAM, Apuron, per pedofilia.

    Guam è stata per decenni un luogo dove il cammino ha fatto quello che ha voluto. In cui si esautoravano i sacerdoti che non ne facevano parte e si OBBLIGAVAsottolineo OBBLIGAVA -, i seminaristi a farne parte.

    Lo stesso Kiko Arguello lo ha pubblicamente difeso parlando dipersecuzione” E, a riprova di questo, lo stesso vescovo (già condannato in primo grado) era presente sul palco per il cinquantennale del cammino a Roma.

    Apuron è stato pubblicamente difeso in tutti i modi, leciti ed illeciti, dal cammino nella persona delle sue alte sfere: Gennarini (responsabile per gli Stati Uniti) e Kiko Arguello stesso.

    Caro Giovanni, mi vuole smentire?
    Lei che ne pensa?

  63. Qualcuno mi spiega ad esempio, come mai nella Messa Nc non ci si inginocchi mai durante la Consacrazione e che si reciti sempre il Credo Apostolico e mai il Credo Niceno-Costantinopolitano?

    Su questa seconda mia domanda azzardo una risposta: c’entra col fatto che fu composto e promulgato sotto l’impero del famigerato Costantino?

    E se non è per questo motivo, perché non recitare mai il Credo Niceno-Costantinopolitano?

    propter hanc (et alii) differenza con la Messa di Paolo VI?

  64. Scusi Don Ariel perché lei chiama ignoranti persone che nemmeno conosce? Offendere le persone è peccato e lei lo sa benissimo. Sa benissimo che S. Paolo disse:”Nessuna parola cattiva esca più dalla vostra bocca”. Perchè questa presunzione di giudicare cose e persone che non conosce?Giudicare e sentenziare su cose che forse non ha capito?E’ una persona colta?Ok va bene ed io la rispetto,ma dovrebbe avere lo stesso rispetto per gli altri. Sarà anche colto, non ne dubito, ma non è mica infallibile? Le rammento che S.Paolo ha detto che se non abbiamo la carità ,non abbiamo nulla. Lei esprime la sua opinione ed io la rispetto,non le piace il Cammino?Licuit, lo accetto, non è detto che debba piacere a tutti,ma perché pronuncia questi giudizi temerari tacciando addirittura di “eresia” e di “settarismo”‘?

    L’infallibilità del Magistero Papale è riservata a pochi casi,come lei stesso ha detto quindi non tutto il magistero investe l’infallibilità. Tuttavia non è pensabile che esiste un magistero fallibile, per cui il Papa, possa sbagliare in qualche suo pronunciamento. La parola Magistero e errore sono in contrasto. Il magistero del Papa è dupilce,come lei sa, può essere un magistero ordinario infallibile, se propone un insegnamento definitivo. Oppure può essere un magistero ordinario autentico e basta. Pensare che questo ultimo tipo di magistero sia fallibile è certamente un errore e non voglio credere che lei pensi questo. Il magistero in quanto tale, soprattutto perché è garantito, non può contenere errori,pertanto non è fallibile. La Chiesa nel suo magistero non impegna sempre il suo carisma di infallibilità,questo è il caso del Cammino, infatti la Chiesa si limita a proporlo,come itinerario di formazione cattolica,ma non lo impone,ma dato che il carisma delle chiavi è stato dato solo a Pietro ed i suoi successori,questi ha più discernimento nella Chiesa,di chiunque altro Vescovo,pertanto se questi,,approva Cammino,come itinerario di fede,significa che viene da Dio.

    Ma mi faccia capire, lei pensa che Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Papa Francesco abbiamo sbagliato ad approvare e sostenere il Cammino? Se ho capito bene,lei affermerebbe che, poiché il Cammino non è dogma, nè appartiene al Magistero infallibile e irreformabile,