Visibilis extra ecclesiam nulla salus? Ordinarius est, et incredibili modo de modo salutis: Dei, non opus nostrum permission

SIT APPARENTIA EXTRA ECCLESIAM SUNT, salutem quod attinet?
Consuetis atque peculiaribus secula operatus est salutem: Sed Deus non indiget paginam nostrae permissionis

.

extra Ecclesiam nulla salus, quod salus extra Ecclesiam non est, autem ad correptionem nostram, deserat viam invitationem, veritas et vita. A recta Monitum, et dogmata virorum coniunctum consulant doctrinali constituunt modum ordinarium, de salute. nisi, Stultissimum pharisaicum, non volunt aliquem prouocare ad Deum Patrem ex legitimo usu mediorum salutis comprehendat incredibili, Filium Dei esse in ultima Cena Eucharistiam celebrat sine typicam Missalis Romani a "missa est ad ', et tandem, Spiritus Sanctus Dei, Litterae publicae supplicationes ob aliquam non secutis, pure de natura rei publicae, scripta a duobus abhinc saecula, in nodum retenta præsente, procul esse dogma fidei, tenetur in perpetuum usque in aeternum, et non secundum aliquid esset in terra et caelum.

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Simul dicata articuli Ioannis Cavalcoli, IN Ad hypotheses Raniero La Valle scilicet ereticati [Cf.. qUI], nos repraesentare hoc articulum scriptum in November annorum 2014 Ariel S. Levi Tadinensis, in quo verum quod constare extra Ecclesiam nulla salus.

Quod autem Editor In insula, quæ appellatur Patmos,

.

.

genimina viperarum,
“Serpentes, Progenies viperarum,, quomodo fugietis a iudicio gehennae? igitur, hic, Et ego mitto vos prophetas, et sapientes, et scribas,; horum, quidam autem ex illis occidetis, et crucifigetis; ex eis flagellabitis in synagogis vestris et persequemini de civitate in civitatem, ut veniat super vos omnis sanguis iustus qui effusus est super terram, a sanguine Abel justi usque, ad sanguinem Zachariæ,, filii Barachiæ, quem occidistis inter templum et altare” [Mt 23 , 33-35]

Traditionalistae, et vocavit multos qui dixerunt ad Festo et maxime genuina ludum, Tritum quidem ad quatuor formulae decadent neoscholasticism; comparari hoc ludo, quae ad metaphysicae scientiae boni et aliud Festo. Quae formulae antiquae quibus utimur eodem modo cum ratio est propter legem Pharisæi, acerba opprobria multa comparare Verbum Dei incarnatum sparguntur praestitit ut pluries de accusat dirempti liquantes et camelum glutientes [Cf.. Mt 23, 24]. semper, in facto,, Atheismus religionis pessimus, clericos et per omne, ita subtracta spe, Ponuntur super eiusdem mysterii gratia. Dominus Jesus, non fuit politice rectam, dicere solitum: "Genimina viperarum, [Mt 23, 33]». Et hic est interesting quod esset de universa inducere sermonem, exegeta vero ratione anthropologica, modo explicare quod huiusmodi atrox iniuria Constituit expressions Iesu in societatem, et legebatur sermone syro.

.

S. Thomae Aquinatis exposita responsum accepit ab aliqua captiones aufugiamus: "Et non habent quod veritas, sed non est verum quod " [1]. Quia veritas postulat officii nostri amantissimus, Non nos, quia Deus veritas est, qui colit, Quia non habent; Veritas est, qui utitur, qui non utitur.

.

Pharisæi
… Vae vobis, qui foris est calicis, camelum autem glutientes [Cf.. Mt 23, 24].

Quae in mundo est, proprie dici non Traditio, ubi turbatis omnibus abundatis Lefebvre nisl interdum accidentia ad substantias posse distingui secundum optimas metaphysica, Non errat etiam indigentiam theologicam sensus coniunctus, ut qui constituunt modum ordinarium, et modo incredibili actiones gratiam Dei in relatione eius ad mysterium salutis, et redemptio, nec non de conceptu Ecclesia visibilis et Ecclesia invisibilia. Iterum modernistae nisl Lefebvre et hinc alter, bina bina contraria agere, sed parallel, atque omnibus idem agmine incauto movere ad Cassandram transeuntes pontes transitus putres, Et factum est, ut scribere primus articulus manus in Insulam Patmos [Cf.. qui].

.

Modernistae developed Ecclesiae in variis metastases quae eadem fabula conferant neoplasia. Dimidium ante saeculum, Is coepi ex doctrina dicere audebit Karl Rahner de a "christiano anonymous"; et audax dicit, quod expressiva huius Germanica lingua theologi Societatis Iesu, sistens descriptiones ejus, quod est ratio ad pugnam et ambiguum prospicitur, Si male oppressi - quod usu evenit - ducere ad mysterium redemptionis totius irritanda. Perniciosa doctrina "Anonymous christiani« Se tandem de naturali consecutione fundamenta religionis theologicae relativa quae relativa: altera est religio, Qui Christianis et non Christianis. Hoc nefas est dicere in periculo, dum maxime est rectam doctrinam loqui de rebus omnibus - et fac ut postea - constituunt modum ordinarium, et modo incredibili de salute.

.

cacqueray
In summo autem Gallica regio Fraternitatis Sacerdotalis a Sancto Pio Decimo, padre Regis Cacqueray, Papa Benedictus XVI violenter invadens, Qui dicit se in diluculo Aprilis 2012 quod "ut sis cautus inducta noua plaga II papae et postquam venerunt" [qui]

His argumentis definitis et haereses sola interemisti in institutionalized docuit enim decennia, qui, theologie ac sedes ad studium operis modernistarum repressuri,, reflecti per fans of Lefevbrians dicens "Extra ecclesiam nulla salus», laedit expressio S. Cyprianus Carthaginensis, iam decimum explebitur, in charta stated: «Salus extra ecclesiam non est» [2]. Et tune ad situs et blogs digreditur sic dictae philosophiae “traditionem,”, vetiti sunt una est absurdum legitur, legere hoc damnationem eorum qui in calamo ludis bar, ubi sustinet dolor cordis, Non est autem similis Transierunt securo animo discussing theologia, nec pejus est quam metaphysica est et dogmaticum. Insidiisque potius olim temptabam evidentiam dicitur ab easque si oppressi; sed sententia est quia illud quod fit ex propria disciplina quaestiones doctrinales, quae in rerum adiunctis coniunctum succenderetur fornax tertius secutus in saeculum, quod in Concilio Nicaeno, quod define prior est aliqua per fundamenta fidei,. Satis est meminisse nuper iniecisset desiderare Cyprianus affirmat atque in eius detailed postulatio missa cum omnibus paramentis officialdom ut pontificis Romani authoritate munitus ex necessitate ad re-administrat sacramentum baptismi, ut pœnitentiam agente heretici in antea ab ecclesia et rogavit ut licet re-. hodie, Simili postulante Episcopo Carthaginensi, et ecclesiam sancti patris, farebbe in parte sorridere in parte rabbrividire tutti i Padri radunati nella assisa del Concilio di Trento; et adposui attinet, Concilium Tridentinum, Non ultima Ecclesiae concilio, ob causam ut finem ne quidam ante hanc orationem, extensio illa religio Rubellius Blandus, nisi pejus “haeresis”, quae secuta est, doctrinas ac normas Concilii Vaticani II,.

.

Constantine Niceo icon
Constantine icon deponitur, et sedet a Concilio Nicaeno 325

Quorundam verborum ac locutionum, At nonnulli ex Patribus et Ecclesiae Doctoribus concordi semper esse debet sumptus Caute, maxime plurium Patrum saeculi, quo Christianitas erat adhuc in prima scaena of development et inclusam tenet, quae non est accipere in prima figura per saecula Ecclesiae vitam octo; quia tulit saecula, post incarnationem, vitae, mortem et resurrectionem adimpleti, ut adveho ut percipere possent, quae realiter in hominis factum est Iesus, verus Deus et verus homo,, mysterium quod descendunt animae ad naturam divinam et humanum et sollers arrepto sensus sui, et revelationis missio. Sicut multa saecula ad eam tollet a professionis fidei, Concilium Nicaenum ad confectum exhibendum (anno 325) perficitur et Constantinopolitana (anno 381). Nos volentes providere ut etiam haereses sola interemisti in quo alia omnia a detailed album patres, Sanctorum et doctorum Ecclesiae hodie, Certamina in doctrina etiam calefactum et cecidi tempus agendae, Quando vos es trying ad mysterium ingredi intimum, cuius verba quidem esse non possunt esse aliquo modo define dictionary, sufficit ad opprimere de Graecae linguae entries mutuari a patribus postulare ut se aptet ad vera fidei, quae per gradus sunt beginning ad penetrandas. super omnia, quidam Patrum usus unici ritus romani, Quod est semper lege, et affligebant illudentes eis in adiunctis historicis, socialium et ecclesialium; si aliter periculum sibi tribuendo quae revera non transivit constitutionibus apostolicis cogitationes animis et illustratis.

.

Ingressus orationis exemplar vitare singula limbo, praesertim in rebus accidit,title Limbo puerorum, inde per "intelligentes" ex ill intellectus aliquam permutationem efficit inter contentiosae vescovo Augustini Hipponensis et lautis mugire hereticum Pelagium et acri, et tunc inferius in medio aevo developed, per poetica de Imola Comentum.

Speculationes theologicae in limbo Non intravit in adultis Magisterii, ut quicquid scribat «theologis« ab ludis bar. Etsi Magisterium plus quam Concilium Vaticanum II meminit in doctrina, Quae ante semper fuisset limbo posuit pro hypothesi, quod vera fidei nusquam theologiam dogmaticam, quod sint paradisi esse, Purgatorium esse inferos.

.

limbo 2In tardus editione commemorationem commovit Catechismus apud Catholico ab Ecclesia editis 1992, Non diceris ullo modo dicta. Ad problema theologicum limbo ex volatu fluebat in Concilio Vaticano II,, lasciando che ad esprimersi fosse decenni dopo la Commissione Teologica Internazionale [3], Videtur quod in hac specie dimidio saeculo conficiendis litteris ostium apertum fieri, quam dabo eos exercere doctrinam, et petita precise responsa theologia. Diu compositum fabulae tunc, sed dictum est, quod sat est, ut pro attrectabant ad theologos patet quod per "ludis talea" ut dogmata, quae alia non est inventa; dum pro entibus, bonum est non extrapolate, Conscidisti et recedens a crustulum et Ecclesiae Magisterium, eliminato opus est asserere quod numquam petita et templis datus Magisterium, ut levissime dicam, …

.

… Quin audierit sodales Fraternitatis Sacerdotalis a Sancto Pio Decimo Gestant et acinaces immane quantum textu harum Litterarum Encyclicarum Mirari tua et Gregorius Papa Decimus sextus, magis miserum est quod in ulla re pastorali sanus ecclesiologiam ostendentes. Quod Litterae Encyclicae veluti semi- 1832 Sed ob rationes pastorales normas socialis et publicae certis conditionibus, in quibus Europae populi historiae Ecclesiae habuit agere cum post-effectus omnibus rebus ex novis proficiscentium, al liberali, Et anti-Catholico Freemasons, Qui sedent in sedibus suis europa universalis non San Luigi ab imperatore donis adulterium inter coups et internationalis stupore ultra semper. Quod Litterae Encyclicae scriptum est pura judicium: quia doctrina non novam constituere, multo minus nova dogmata fidei et rotatur ad omnia contenta in quaestionibus socialibus et politicis et non est in societate civili et ecclesiali,, si vis intellegi errorem incidat doctrinae stricto sensu secondo l'di étimo Latine aberratio. Haec quidem de ancipitia vastum hoc corpus Ecclesiam evolutionem theologicam et pastoralem (te legere: variis accidentibus), res posita in tempore veris, (te legere incommutabilem substantiam), si vis ut faciam rem metaphysicam, theologiae dogmaticae, theologiae et historiae dogmatum gravissime recte atque optime de Populi Dei aedificationem Dei quae est in rei pastoralis curae nostrae creditis.

.

Cipriano
Cyprianus Episcopus Carthaginensis,, Constantine icon

Hoc est quod Cyprianus pro pacificis, loquebatur ad filios Ecclesiae, ne aliis religionibus, exsortes sunt, hortante christiani, alii errores aut in haeresim lapsos, ait - et dixit ad eas - quod erat extra ecclesiam nulla salus. Quia quantum nos cognovimus et historicis fontibus patrologiche, Cyprianus Episcopus respondit: Non est istud in addressed Iudaeorum, aut quae nunc variis MSS tunc firmissima, est quia annuntiasti ei omnia per ipsum et Christianis.

.

In concilio, ut inter 1431 et 1445 Non fuit celebratur ex Basilea, Ferrara, Florence Romae, Dicit valet sine ambiguitate:

.

'Amo semper bona mater ipsa anxius de filii salute, et inde non possit esse quam pacem, si quae sit inter eos aliqua discordia, discordiae muneribus non placatur,, et sic tantum ecclesia Sancti Mater, vitam generat filios, semper usus est ut omnimodis operandi ut omnium christianorum, omnis dissidii de medio fiat, fraterna caritate servare unitatem fide, sine qua non potest esse salus " [4].

.

Rursus congregentur Patres de Ecclesia prolatum in consilium suum convertat ad Christianorum exemplum, invitamus ad tueri catholicam fidem, sine qua non potest esse salus. Ne turn istud Christiana et aliis religionibus non christianis,.

.

salutis
… Ut a peccatórum vínculis liberari

Interrogata an de membership de Ecclesia visibilis non potest esse salus, nostra erunt tantum respondere potest quod sic. Hic vero mutatione dispositionis massularum grandiuscularum, quae est visibilis membership, ad conscientiam Ecclesiae implicita, tum quod sit visibilis, quod sit amor terrestris, quod invisibilia, tamquam caelesti; invisibilia enim ipsius a loco, est genus vel implicite consocians defecit,, puta circa naturalia iura fundamentalia, onorate e messe in pratica senza essere minimamente consapevoli — per ignoranza invincibile — di onorare e di seguire in tal modo i fondamentali precetti della fede. Secundo, et tetigit hoc genere significatur ecclesia quae sunt invisibilia,, Non tamen intelligi Rahner “transcendentales doloris experientiam athematic” tunc accipit rationem vitae “Christiani Anonymous”.

.

aliquis, aut clericus domum religionis theologi, Seu, ut aiunt, Lefebvrian traditionalist aliter qui vindicat, si non semper haeresim mira ingenii diligentia flumine, tamen verisimile incidunt magnae doctrinae repugnat redemptionis, quia Christi, autem agnus absque macula Dei, Obtulit pro omnibus. Et omnis quaestio est, quod non capit, salvus erit sanguis per verbum Dei factus est homo, sicut eadem actio Evangelia per ipsam crucem sublatus, quam duos latrones unum a dextris et a sinistris et sanguinem vivum esse ut Christi mysterium salutis facie libertati semper coniuncta. Una latrones, impreca contumeliis,, alia quaestio suscipiantur servaverat. aliud, omnem in gratiarum actione, Et responso accepto in silentio Dei est, quo includitur respectus divinae libero negantem [Lc 23, 39-43]. iterum, sed, Qua in silentio summo invicta si nemo potest dicere desinit Damnabuntur. Si modo quod non possumus scire quidem Iudam caperet, auctor fit proditionis respectu Christi,, Consummatum eterne peribunt. Et scies quia nemo nos non potest legi Dei toto corde. Sed ea quae sunt in mente habemus ut causas in effectus alicuius nostrae, quia ipse Dominus loquitur existente aeterno gehennae ignis ibi erit fletus et stridor dentium. In mysterii revelati sunt data nobis iter sequi, et leges habendum magna cum reverentia, pertinaciter negantes esse periculum aeternae clamor; sed nemo scit nostrum peccatorum quae sunt aut relicta ad hoc aeterna ut clamoris a Deo respectu ad liberum hominis arbitrium et conscientia.

.

Ecclesia se habet id quod reddidit, ut sua conscientia ad actionem pastoralem illam Appii Claudii spiritus. Argumento sit hoc aliquid,mortem Hodie non sunt supremi funeris et sepulturae negavit Christianis illis qui per mortem et mortuus est. Vanum es dicere de tam horrenda accusationes "haeresim" et "apostasiam a fide 'et sta in hoc casu aliqualiter sic vicissim a Traditione appellatur,.
Quod ecclesia non potest, negare quidem in quibusdam casibus non habet ex officio funeris coram casibus peccatores manifesti, qui mortuus est in aliquo signo novissima denegando, et lux, poenitentiae [Cf.. C.I.C. potes. 1184,1]. Sed Ecclesia potest facere id quod est reddere animo operamini redarguti. Ecclesia docet et pervicacia quaedam certa et constanti posito mores graviter vos periculum salutis suae discrimen; sed Ecclesia non habet potestatem dicere, quod anima in mortem sive peccator esset condemnabitur. primus: quia nemo potest determinare utrum unctos lingunt nutu commotus fecit, ut videtur, et quae neglegentia vitae humanae Creator eius. Nemo ex nobis, praeter Deum, non legitur in altum consciousness hominis; et non est alter, sed posse, qui solus legit illud, igitur possunt iudici. Secundum: quis scire potest quod in his numeris ex fragmentis factum est secunda persona in qua transit a morte in vitam, et quomodo in hoc brevi temporis spatio amisit et eventually est plene accepit gratiam Dei,. Ad arrogantia depravatus voluerit legere poteris judico: et alta consciousness hominis, nisi si damnat determinandi, Est verum blasphemiam.

.

XI dicitur beatus:

.

"Ut vobis notum est, quod etiam illis qui ex ignorantia invincibili non religio nostra,, sed sciant quod praecepta legis naturalis omnium cordibus a Deo insculpta parere velint vitam honestam ducere, Haec lux divinae gratiae auxilio vitam aeternam; quia Deus, qui videt,, scrutatur corda scit, perare, cogitationes, praescriptis omnibus, ob eam summa bonitas et clementia minime patiatur pena eterna quisque voluntarius reus culpae [5].

.

Quisque scire potest quod naturali ratione et qui est in omni homini cor tuum, pro actu fidei connexio. Quod haec Ecclesia semper docuit qui extra causam suam possit damnari.

.

Et quia ita, dicitur numerum suum dedicato sibi didici ignorantia [6] vel, ut aiunt, invicta ignorantia [7] Illi qui extra ecclesiam, non tamen excluditur ab illis salus, Ego semper fuerunt multarum. In hoc sensu admonet et ipse Dominus Iesus, tonis et severissimae: "Publicani et meretrices præcedent vos in regnum caelorum ' [Cf.. Mt 21, 28-32].

.

DominusIESUS
Ut legitur textus Declarationem Dominus Jesus click qUI

Post derelinquens, cum documenta Magisterii profundius ut se ante Concilium Vaticanum Secundum, ipsam cogitandi de theologia et Ecclesiae mysterium completur salutis,, nihil ad clausurae proximo ante magna quantum plagam Certatim in in electronic network hilares comment in damnationem perturbantur, male tractabant, et sanctus Cyprianus Vescovo, conversus autem ad hoc documento magisterii post decennium quatuor scripsit exitu Concilii Oecumenici Vaticani II. Documentum illud quod scriptum est in quaestio Dominus Jesus, Quod si non esset ridicula tragicum, quam rescripsi ad omnia necessaria alibi explanations, bene dicere, ad mea comicality quod, si non recte explicavit, Ut levissime dicam impia Sonet. in facto,, Simili ferme annum documentum conficiatur distribuit Concilii Oecumenici celebratione, conatum declarat tragicus currentes equo propius stabulis post annum et dimidium post concilium iam grasslands; hoc est in ipso elementum … tragicomic huius documenti.

.

De theologia in salute Dominus Jesus civitatibus:

.

«[...] salvis actio in Christo Iesu, et cum spiritus, Quae per miliapassuum, extra fines aspectabiles Ecclesiae, omnibus hominibus. Paschale mysterium, modo quo Christus se vitaliter sociat in Spiritu eisque spem resurrectionis credentis, Consilium de civitatibus: "Quod non tantum pro christifidelibus valet, sed et pro omnibus et ab hominibus bonae voluntatis, in quorum corde gratia invisibili modo operatur. Et pro omnibus mortuus sit Christus cumque vocatio hominis ultima revera una, quod divina, Spiritus dat omnibus tenendum conveniendi, Deus scit, qui est in via, huic paschali mysterio consocientur " [Cf. Gaudium et Spes, n:. 22.] [8]

.

Tommaso 2
S. Thomas Aquinas,, affresco del XV secolo

Affermando «Tu non possiedi la Verità, sed non est verum quod ", tra le righe e sotto le righe l’Aquinate l’ha detta molto più profonda e articolata di quanto si possa immaginare, a partire dal mistero stesso della Chiesa, che della salvezza è mezzo e strumento, non padrona. Possiamo, ed anzi dobbiamo dire e insegnare che la salvezza dimora nella Chiesa santa sposa di Cristo e suo Corpo Mistico e non a caso definita come «sacramento di salvezza» [9], ma non possiamo dire che la salvezza appartiene alla Chiesa ed ai suoi uomini, a partire dal Successore di Pietro sino all’ultimo dei sacerdoti. A tal proposito non andrebbe mai dimenticato a certi rigorosi personaggi con annesso esercito di “theologia” che impazzano nel grande quantum plagam della rete telematica, il monito del Signore Gesù impresso nel Vangelo di San Matteo, da leggere e da cogliere, al di là dei tempi, per ciò che veramente racchiude:

.

«Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione. 'Item, hypocritae! Bene prophetavit Isaias de vobis, dicens:: “Questo popolo mi onora con le labbra ma il suo cuore è lontano da me. In causa autem colunt me,, insegnando dottrine che sono precetti di uomini”». [Mt 17, 7-9].

.

Quante volte l’uomo, o per così dire il cieco e ottuso clericale di tutti i tempi, ha annullato la parola di Dio in nome del culto idolatra della sua personale e soggettiva tradizione?

.

rahner 2
il teologo gesuita Karl Rahner

Karl Rahner tende a concepire il mistero della fede come una «esperienza originaria preconcettuale di Dio», data a tutti in modo implicito, da qui la sua teoria dei cosiddetti «cristiani anonimi» che sarebbe espressa nella Chiesa in forme concettuali, vale a dire la scrittura, la tradizione ed i dogmi, relativamente connesse ai diversi modi di interpretare la originaria esperienza soprannaturale secondo le diverse culture e climi storici, dando in tal modo vita ad un vero e proprio relativismo dogmatico. Errori questi dovuti, perlopiù, al fatto che per Rahner il concetto non rappresenta una realtà esterna, perché essendo influenzato e infarcito di idealismo romantico di matrice tedesca, l’essere è per lui l’essere pensato, il tutto secondo le linee tracciate dal pensiero di Heiddeger riguardo l’essere della “precomprensione”, che si tratti dell’essere divino o del proprio essere oppure dell’essere del mondo. Per Rahner il concetto della conoscenza non parte dall’esperienza sensibile delle cose esterne, secondo le linee tracciate da Aristotele e da San Tommaso d’Aquino, bensì dal criterio cartesiano dall’autocoscienza che a suo modo delinea già in modo implicito e inconscio una esperienza dell’Assoluto, il tutto secondo il pensiero di Hegel, dal quale egli attinge a piene mani con risultati a dir poco disastrosi, quando poi finisce con l’applicarne il pensiero alla speculazione teologica. igitur, il mistero della fede, per Rahner non si esprime affatto in un insieme di nozioni fisse e precise determinate in modo certo e invariabile secondo i criteri dettati dalla Professione di Fede; secondo il suo pensiero la fede giunge a sperimentare in modo originario e diretto Dio senza la mediazione del concetto. In questa architettura complessa, friabile e soprattutto pericolosa, si inserisce la cosiddetta teoria dei «cristiani anonimi», che è tutt’altra cosa rispetto alla cattolica affermazione che adesso segue: … la redenzione conseguita attraverso i constituunt modum ordinarium, et modo incredibili de salute.

.

Se da una parte abbiamo il binario di quel modernismo di cui Karl Rahner è un prodotto ultimo finito e rifinito e tramite il quale si può giungere a relativizzare il mistero stesso della redenzione e della salvezza, ed al quale pare cucito addosso il monito del Beato Apostolo Paolo … "In die,, in facto,, Non sustinent sanam doctrinam,, sed, prurientes auribus, Eam coequare sua desideria coacervabunt sibi magistros adfectionibus, veritate quidem auditum avertent ad fabulas autem nolentes audire " [Cf.. II Tim 4, 3-4]; trans, sul binario parallelo, abbiamo invece l’immobilismo dei lefebvriani, ai quali pare cucita addosso la frase del Signore Gesù«Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione» [Cf.. Mt 17, 7].

.

vescovo indigeni
Il vescovo delle Isole Solomons con i giovani indigeni. Si precisa, visti i contenuti di questo passo dell’articolo, che i giovani qui ritratti in foto non sono affatto cannibali ma devoti cattolici apostolici romani, come dimostra il vescovo vivo e sorridente in mezzo a loro.

Nel susseguirsi di questi discorsi abbiamo portato vari esempi ed usato come paradigma la tragica immagine del suicida, l’immagine del Limbo … molti altri sarebbero però gli esempi che potremo aggiungere, a partire dal cannibale che vola redento in Paradiso dopo avere scannato e mangiato un gruppo di missionari. Se poi i missionari di cui s’è cibato erano teologi o biblisti gesuiti, in tal caso sarà volato redento in Paradiso ed ammesso direttamente nella Candida Rosa dei Beati. Il problema è che i cannibali del vecchio Latino America i gesuiti non se li sono mangiati tutti, tant’è che, alcuni secoli dopo, costoro sono tornati all’attacco importando in quelle terre la Teologia della Liberazione, fungendo questa volta loro da cannibali della dottrina e della teologia cattolica, animati in tal senso da didici ignorantia e non certo da ignoranza inevitabile. Se invece i missionari erano domenicani, in eo causam, oltre ad andare in Paradiso, il pio cannibale s’è procurato pure le scorte di cibo per tutto l’inverno, perché trovare un domenicano magro non è impresa facile, la gran parte sono tutti di stazza modello San Tommaso d’Aquino, soprannominato dai compagni di studi «il bue muto», forse anche per la sua imponenza fisica. Santa ragione ebbe però Alberto Magno, che dell’Aquinate fu maestro, quando replicò a questi allievi ironici: «Quando questo bue muggirà, i suoi muggiti si udranno da un’estremità all’altra della terra». È che purtroppo, hodie, ai muggiti del bue d’Aquino, si sono sostituiti i ragli dellasino Rahner.

.

vie-del-signore
Le vie del Signore

Riferendosi ai disegni imperscrutabili di Dio, gli autori dei salmi cantano e gridano più volte, anche sotto forma di tenero lamento, che le sue vie non sono le nostre vie. Se da una parte non possiamo certo conoscere i piani di Dio e le sue azioni che procedono quasi sempre per vie imperscrutabili, dall’altra ci è stata però pienamente rivelata in carne e ossa la sua via da perseguire, che è quella dello stesso Verbo di Dio fatto uomo che proclama: «Io sono la via, la verità e la vita» [Gv 14, 6]. Dandoci quindi la via, veritas et vita, il Padre, per mezzo del Figlio, ed assieme entrambi per il tramite dell’opera dello Spirito Santo, ci hanno aperto le porte alla redenzione che procede attraverso la Chiesa «Sacramento di salvezza»; attraverso i Sacramenti di grazia, donati e istituiti tutti dal Signore Gesù, che rappresentano i mezzi e gli strumenti ordinari di salvezza del Cristo Dio che è via, veritas, et vita,. Cristo Dio non è però legato e vincolato ai Sacramenti di grazia, di cui abbiamo bisogno noi, non certo Lui; meno che mai è vincolato alle rubriche liturgiche, od alla «Messa di sempre», elevata da certuni a dogma superiore al mistero stesso della Santissima Trinità, tanto incapaci sono, certi moderni e cupi farisei, di distinguere le sostanze eterne e immutabili dagli accidenti che sono — e che per loro preziosa natura devono essere — mutevoli.

.

chiave del regno
la vera chiave del Regno dei Cieli

Oltre ai mezzi ordinari de salute offerti in uso alla Chiesa per servire Cristo e per portare a compimento i suoi piani di salvezza, esistono da sempre mezzi straordinari che sono per loro natura stessa imperscrutabili, perché dimorano nel cuore di Dio e da Dio procedono; pur non avendo niente a che fare coi voli pindarici rahneriani sul “cristianesimo anonimo”. Nulla pertanto da dire, se il divo Dante ha collocato Giuda nell’Inferno attraverso le immagini della sua poetica; possiamo persino presumere che forse vi si trovi, ma a nessuno di noi è dato affermare con certezza che Giuda Iscariota è dannato alla pena eterna. Per altro verso, sempre procedendo per esempi, ricordo il giorno in cui, discutendo con l’allora promotore della fede della Congregazione per le cause dei santi, che forse eccedendo in passione affermò che un certo candidato alla canonizzazione, de paradiso, ci stava sicuramente assistendo tutti quanti, per tutta risposta replicai«Una cosa è certa, ed è tale perché sancita con un atto solenne della Chiesa: costui è stato beatificato e tra poco sarà canonizzato, senza possibilità alcuna né di smentita né di discussione. sed, per quanto riguarda la certezza del Paradiso, nos, possiamo sapere se questo santo si trova al momento a godere della visione beatifica di Dio, oppure a fare un po’ autem anticamera nel Purgatorio?». Preso più che mai da passione, il teologo mi disse«Non hai mai letto là dove sta scritto di Gesù che dice a Pietro: “Tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”?» [Cf.. Mt 16, 13-20]. Assunsi un’aria da svampito e risposi: "Et, forse da qualche parte devo averlo letto, non ricordo dove, però devo proprio averlo letto». Et addidit,: «Tu lo sai, vero, che chi lega e chi scioglie, nei cieli e sulla terra, è la volontà di Cristo Dio accolta dall’uomo che si fa suo fedele strumento per la realizzazione dei suoi piani? Ut Petrum,, Dominus, le chiavi del Regno le ha date in comodato d'uso, non in possesso. igitur, il protagonista, nonché il vero padrone delle chiavi del Regno, non è Pietro, è il Risorto per il quale Pietro lega e scioglie secondo la Sua volontà tramite l’opera dello Spirito Santo». E detto questo precisai subito che la mia era una provocazione speculativa, perché è cosa del tutto ovvia che un santo goda della eterna beatitudine nel Paradiso. Prima di giungere alla sua canonizzazione è stato svolto un lavoro certosino, con dei teologi oggi come oggi sempre più profondi, preparati e riluttanti a qualsiasi superficialità. Se il candidato alla beatificazione era poi un Romano Pontefice, il suo processo è stato aperto prudentemente trent’anni dopo la sua morte, ed è durato a lungo, perché sono stati impiegati anni e anni solo per lo studio dei suoi atti di magistero, dei suoi scritti pubblici e privati, delle sue omelie e dei suoi discorsi, per non parlare dei suoi atti di governo, ed in specie se si è trattato di un lungo pontificato. Poi c’è la prova del miracolo accertato, salvo che non sia intervenuta la dispensa pontificia dal miracolo, visto che certi santi sono talmente santi che la prova del miracolo potrebbe essere ritenuta del tutto superflua. E nel corso di questo lungo iter durato molti anni, sono state spese anche fiumane di danaro, sempre a prova del lavoro meticolosissimo che è stato svolto e che di per sé, inevitabilmente, è molto costoso. Ciò che comunque taglia la cosiddetta testa al toro è l’atto di canonizzazione, che implica appunto un atto mediante il quale il Sommo Pontefice, con giudizio inappellabile e sentenza definitiva, inscrive in modo solenne un Servo di Dio, precedentemente beatificato, nell’albo dei Santi» [10]. Questa definizione implica l’infallibilità secondo i gradi stabiliti nella Ad tuendam fidem S. Ioannes Paulus II [Cf.. John Cavalcoli, IN qUI, testo documento qUI], con buona pace di quel delizioso e lezioso canonista siciliano che giocò a fare il teologo dogmatico adottando maldestri schemi giuridici [Cf.. qUI]. L’atto solenne si conclude con la precisazione che il Sommo Pontefice intende dichiarare con essa la presenza del canonizzato nella gloria eterna, nonché la sua esemplarità per tutta la Chiesa ed il dovere d’onorarlo ovunque con il culto dovuto ai Santi. E detto questo il discorso è chiuso, senza possibilità alcuna di discussione, meno che mai d’ironia, memori del saggio detto popolare: «Scherza coi fanti, ma lascia stare i santi».

.

SONY DSC
soliti noti, stesso copionequando si muta la fede in ridicolo nella sicura certezza di essere seri.

Extra Ecclesiam nulla salus, quod salus extra Ecclesiam non est, autem ad correptionem nostram, deserat viam invitationem, veritas et vita. È un monito coerentemente, dogmaticamente e dottrinalmente legato ai mezzi ordinari di salvezza. nisi, Stultissimum pharisaicum, non volunt aliquem prouocare ad Deum Patrem ex legitimo usu mediorum salutis comprehendat incredibili, Filium Dei esse in ultima Cena Eucharistiam celebrat sine typicam Missalis Romani a "missa est ad ', et tandem, Spiritus Sanctus Dei, di non essersi attenuto per le sue azioni di grazia a qualche enciclica del magistero di carattere puramente politico, nonché redatta per precisi problemi politico-sociali un paio di secoli fa, in nodum retenta præsente, procul esse dogma fidei, a parere di alcuni avrebbe comunque vincolato, in eterno e per sempre la Terra e il Cielo.

.

La battuta del Santo Padre Francesco circa il fatto che «Dio non è cattolico», non fu un’espressione felice, come non lo sono state altre non particolarmente chiare, forse talvolta neppure opportune, tutte fatte però, semper et potentiam, uti privatus Doctor, o come si direbbe in altro gergo: venit privato cittadino. Quando però il Sommo Pontefice, nella sua veste di Sommo Maestro, ha fatto la prolusione finale al Sinodo sulla Famiglia, il Padre Giovanni Cavalcoli ed io abbiamodanzatodalla contentezza per giorni, dinanzi alla lucidità di quelle parole che uscivano fuori da Pietro [Cf.. qui]. quidem, forse sarebbe stato meglio se quella volta, invece di dire che «Dio non è cattolico» avesse spiegato: «Nelle nostre azioni e per le nostre azioni noi siamo vincolati al magistero della Chiesa ed alla dottrina cattolica nei modi e nelle forme in cui la Chiesa, che ha ricevuto il proprio mandato dal Verbo di Dio in persona attraverso Pietro, stabilirà nel nome di Cristo Signore per tutti i Christi fideles,, ma Dio, che è verità una, eterna e immutabile, al magistero della Chiesa ed alla dottrina cattolica non è ad alcun titolo vincolato, per quanto riguarda le sue azioni di grazia».
Ma in questi tempi di mucche magre, o forse peggio di mucche pazze, non si può avere certo tutto. Oggi avere poco, od avere il cosiddetto “minimo sindacale”, deve farci danzare e cantare gioiosi: «Osanna nell’alto dei cieli!», ripieni di fede, di speranza e di carità.

.

.

_______________________________________________

NOTA

[1] De veritate

[2] Epistola 72 indirizzata al Pontefice Stefano I

[3] La speranza della salvezza per i bambini che muoiono senza battesimo [Testo della Commissione teologica internazionale leggibile qui]

[4] Concilio di Basilea-Ferrara-Firenze-Roma SESSIONE XIX del 7 September 1434.

[5] Enciclica Quanto conficiamur moerore, 10 August 1863.

[6] L’espressione De docta ignorantia risale a Sant’Agostino Agostino, anche se resa celebre da celebre Nicolò Cusano che indica la posizione dell’intelletto umano di fronte a Dio: l’intelletto umano, in quanto finito, non può dir nulla di Dio, che è l’assoluto e l’infinito, se non per via negativa, negando cioè di lui ogni attributo e riconoscendo di potersi avvicinare all’Assoluto solo sapendo di non sapere. Ignoranza, tum, ma dotta perché si pone al di là e al di sopra di ogni più completo conoscere umano.

[7] «Se l’ignoranza è invincibile, o il giudizio erroneo è senza responsabilità da parte del soggetto morale, il male commesso dalla persona non può esserle imputato. Nondimeno resta un male, una privazione, un disordine. È quindi necessario adoperarsi per correggere la coscienza morale dai suoi errori» [Catechismus Catholicae Ecclesiae,, 1793].

[8] dicitur Dominus Jesus, II, 12.

[9] Concilium Vaticanum II, pretium. dogm. Lumen gentium, 1: AAS 57 (1965) 5.

[10] Daniel Ols, IN in Fondamenti teologici del culto dei Santi, in AA. VV. Dello Studium Congreg. De Causis Sanct. , pars theologica, Roma 2002, p. 1-54.

.

.

.

.

About isoladipatmos

4 cogitationes on "Visibilis extra ecclesiam nulla salus? Ordinarius est, et incredibili modo de modo salutis: Dei, non opus nostrum permission

  1. Leggendo il suo articolo e quello di padre Cavalcoli mi vien fatto di pensare ad una doppietta, la doppietta implacabile dell’Isola di Patmos: una grandinata di pallini a destra, là dove la mancanza di misericordia ha accecato i catto-zeloti sui fondamenti di quella fede che loro pensano di difendere; una grandinata di pallini a manca, là dove la mancanza di verità ha ridotto la misericordia alla mantenuta dell’Anticristo.

  2. Gent. Zamax.
    Appoggio il suo commento con la mia esperienza di giovane sacerdote, eGO 32 anni e sono prete da 4.
    Ho fatto la specialistica in una università pontificia romana, e non vedevo l’ora di finire, di scappare da quel circolo di teologi più protestanti che cattolici, e tornare nella mia diocesi, dove non mancano problemi, ma dove almeno avrei potuto fare il prete.
    Il vescovo mi ha chiesto di fare il dottorato, io gli ho risposto d’avergli sempre ubbidito, ma quella volta ero costretto a dirgli no, perché due anni di eresie udite, sopportate e ripetute per obbligo agli esami, mi erano bastate, e non intendevo essere sottoposto a altro e a peggio.
    Non l’ha presa bene, e pensando di darmi una lezione, mi ha mandato in una parrocchia tra la periferia e la campagna, facendomi invece felice e facendomi un bellissimo regalo.
    Ho imparato più teologia cattolica leggendo due articoli della rubrica “Theologica,” di Cavalcoli&Levi Tadinensis, di quanta mai ne abbia imparata in due anni interi in quella pontificia fabbrica di eresie.
    I due padri patmosiani hanno la virtù dell’equilibrio, ma soprattutto sono cattolici. Ecco perché come lei dice impallinano lamancanza di misericordia” E “la misericordia ridotta alla mantenuta dell’Anticristo”, sparando a destra e a sinistra.
    Lei ha espresso una verità con due battute, mentre io posso confermarle che per noi sacerdoti sempre più allo sbando, questi due padri sono un punto di riferimento ed equilibrio, quell’equilibrio cattolico che sempre più ci manca.
    gratias ago tibi,.

    1. Questa la devo scrivere. A scoppio ritardatissimo, stasera, mentre ero già a letto, come se mi piovesse un meteorite in testa, mi sono improvvisamente reso conto che forse l’immagine casereccia della doppietta non è spuntata nella mia testa per caso. Essa ha un’analogia con una visione profetica neotestamentaria. E il legame fra le due è l’isola di Patmos. Infatti l’Apocalisse si apre con la strigliata allesette chiese dell’Asiada parte delVivente, il Primo e l’Ultimodalla cuibocca usciva una spada affilata, a doppio taglio”. Ma guarda un poche robe

  3. Accanto ai citatori compulsivi e abusivi di Cipriano ci sono gli evocatori compulsivi e abusivi di Atanasio: è assai facile incontrarli nella piccola selva del tradizionalismo paralefebvrianoide. Ogni volta che me li trovo dinanzi, mi vien l’impulso di far loro presente che equipararsi a un santo – ita, come se fosse una passeggiatinaè una ben poco santa imp(r)udenza. Ma poi finisco sempre per desistere, e li lascio lì, ad autoatanasiarsi e inciprianarsi.

    Bell’intervento, pater Arihel. Del resto condivido il 100% (cumulativo) di quanto in Isola andate scrivendo (quod 90% di quanto scrivono Ella e la felina Ipazia e il 10% di quanto scrive il Padre Cavalcoli, ancorché forse Ella opini che in verità scriviate le stesse identiche cose).

Leave a Reply