in “post divortium novas inierunt nuptias”. New note insula, quæ appellatur Patmos, patres

SUI VIDUUS inierunt. New note e sanctis Patribus Dell’Insula quae appellatur Patmos

.

Aliquam metus, si papa esset impetus communicant divortium novas nuptias indivisibilitas, Quod nulla theologiam dogmaticam, fundamenta habet,; et hoc modo est ibi confusum est ius civile apud ecclesiastici dispensare.

.

.

John Cavalcoli, IN

S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Et nuntiaverunt Iesu: «Ad duritiam cordis vestri [moses] haec scripsi vobis vexillum. Sed ad principium creaturae masculum et feminam creavit eos; propter hoc relinquet homo patrem et matrem suam: et erunt duo in carne una. Itaque iam non sunt duo, sed una caro. L’uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto» [Mc. 10, 5-9]

.

.

.

john desk
John Cavalcoli, IN

Et quod est ut extollantur Et fortasse non satis responsum poscere et contradictiones, ut sit expressio 'post divortium novas inierunt nuptias", iam in usum inductorum, est malum quod ex parte est expressio morum Catholico, quod capta sit ex iure civili lingua, quod inducitis filios repudii, quam bene nosti dum sumus in Evangelio vetet esse,.

Sine wanting ut ab ea expressio, quae nunc est impossibile,, Sed vere moralis catholicae quaestionem illustrare, Dicunt enim catholici fraterne, secundum ad traditum lingua Ecclesiae, quia adulterae sunt concubinae. Ergo matrimonium non dissolvitur prior sententia civilis, eaque sacramentum nuptiarum, manifestum est tam nuptias, Si verum est,, manet valida.

Aliquam metus, Si Pater communicet concedere noluit ergo fecit divortium novas adversus matrimonii indissolubilitas, Quod nulla theologiam dogmaticam, fundamenta habet,; Et hoc modo lex civilis cum ecclesiastica disciplina, quia confundatur.

Communicare fieri potest in concessione necnon de concessionibus, non enim omnino suae Sponsae inter homines putant ex parte religionis prior habendus est tanquam matrimonium dissolvi, Si divortium civile fuit, cum ipsum illud verum manet in aeternum semper, Sacramentum si autenticus.

Ariel loqui
S Arihel. Levi Tadinensis

Hoc itaque est ipsa imago in quo, moralis ex Catholico, gravi de divortio digressos ponenda opportuno atque fecundam. Qui ergo dabitur tempus communionem suscipere, Immo ipsemet exsequi debet concedi, quod hoc non modo non propter aliquid non putant vulnus, iussit sacrilegum omnibus salvis in matrimonium validum sit prior, sed quod non conveniant;, quae non obstante, Hoc commodius in priore parte Link, praeter hoc consilium ut abstraherent, ergo iam non palam, Sed hoc videtur paradoxa, convictum efficiunt, perferre gratiam in viribus novo vivere.

Quod quidem potest coniungere crea continuum inter unionem pristini, et vena una, sed contra se obiective, est consciousness, ut ea natura existimatur,, qui habitabant in priorem ad gratiam unionem vivet in gratia et in unum novum, non obstante praeteritum peccatum adulterii,, quæ autem remissa est, jam a Deo.

Quod potuit ecclesia imponeret super cohabitants officium ponere, si fieri potest, cum priore viro bono, Status oeconomice prosperiores quae eos sustineant,, si e necessarium, si fieri potest, curam habuit prioris matrimonii prolem.

In novo foedere ad rei memoriam agimus observare debebit, tranquillitas, et amica ad priorem coniugi, acceperunt iniuriam propitius, etiam si adversum affectus tenet et coniugi mortem ne propitieris.

non ergo damnatio memoriae; Sed contra est, constare potest intelligi vel superbia vel invidia, duobus prioribus sponsa Deo gratias semper commonere de omnibus bonis et donis ex priore matrimonio susceperat. Sunt etiam habent admonere, ut gratia Dei non enim omnes bonos volebant, fortasse ad plures annos,, et certe felix omne positivum experiences.

in facto,, etiamsi homines separare conatus et inania et falsa: "legibus civilibus 'quod univerit Essentiam Dei,, coniugibus libere sacrum vinculum contractum tempore ante celebrationem sacramenti, quod est omnino indivisibile, Deum nemo separare iungente aeternum, qui adeo separari coniuges, dignum praemium coeleste, componeretur atque allicere debet sperare in aeternum, renovandis scilicet tum sacris incumbunt curare decuit in hoc mundo.

Stoltissima, ecquid indignius,, turpe, sapiens haeresim et igitur a Christiano nomine indignus enim rogationem, occasione Synodi, John theologis Cereti, ausum autem esse sacramenta admitti turpis coniugum ius coniugibus est "sacramentum matrimonii vitiavit", impossibile est simul ponere quod unio non inveni. Sed contra est, nomine de ipsa justitia dignitati sacramentorum salvationis, quia semper operatur et mature maternum Ecclesiae omnibus viribus contendant ne salutis quidem facultatem hominum ad inordinatum, turpissima et condicionibus, conscientiam, quod Deus suae misericordiae se extendit usque quam in usu sacramentorum Ecclesiae gemmas, etsi limited.

.
De Insula Patmos,, 2 November 2015

.

.

 

About conficiendis

La Redazione de L'Isola di Patmos Articoli Redazionali ( Click to read omnia vasa ex nomine )

9 cogitationes on "in “post divortium novas inierunt nuptias”. New note insula, quæ appellatur Patmos, patres

  1. Il vostro obiettivo, come quello di Bergoglio, è di portare più anime possibili all’impenitenza finale e quindi all’inferno. haereses, sono quelle che affermate in merito alla comunione ai divorziati risposati (adulterium).

    1. Caro Sig. Bazzaar.

      Meno male che al suo primo tentativo di fuoco dentro i locali dell’ex Sant’Uffizio, Hodie ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei, od in quelli del Tribunale ecclesiastico, scatterebbero immediatamente tutti gli impianti anti-incendio, perché in caso contrario, nisi, lei ci avrebbe già bruciati vivi da tempo.

      1. pater Arihel, obsecro,, cerca di tenerti caro questo sig. Bazzaar, è un elemento mitico che ci dona gratis tante risate, per le quali gli siamo molto grati.

        O Victor

        1. io proporrei una vera e propria rubrica umoristica, tipo intitolandola: “la bazzorinata della settimana”.
          Secondo me avrebbe molto sucesso.

        2. Se non ci fosse di mezzo la salvezza eterna delle anime, la quale è una cosa molto seria, sà che risate mi farei sulle sciocchezze scritte su questo sito in merito ai divorziati risposati? venit, don vittorio, è giusto che lei la prenda ironicamente: è indice che lei e la Dottrina Cattolica siete agli antipodi e neppure sà perchè e diventato Sacerdote.

          1. Ascoltami bene grandissimo idiota: te lo spiego subito perché sono diventato sacerdote e che cosa faccio. Mentre tu cazzeggi in fantacattolicesimi io lavoro dalla mattina alla sera come cappellano in un grande ospedale oncologico. Se quindi mi vieni a trovare, ti trascino per un orecchio nel reparto di oncologia pediatrica, e sarò io, bimbo dietro bimbo, cancro dietro cancro, leucemia dietro leucemia a sbatterti il muso sulla realtà, facendoti forse passare dalla tua testa malata tutte le odiose e cattive stronzate che vai seminando in giro, oggi sul pretesto dellamessa di Paolo VI”, cras “sull’eretico papa Francesco”, poi ancora sulsacramento del matrimonio”, etc. .. etc. ..
            Ah, per viam: e portati pure dietro i tuoi amici pizzi&corigiam, così tiriamo fuori il messale di san Pio V e spieghiamo ai bimbi in fase terminale per tumore al cervello che per andare in paradiso bisogna celebrare la … “Missam semper”.

            O Victor

  2. Mi spiace constatare la deriva che una rivista telematica come la vostra ha preso. So che questo commento vuol dir poco o niente e non ho la presunzione di farvi cambiare idea, quindi non mi dilungherò molto.
    Non sono d’accordo e sono persino deluso: era grazie a voi ed in particolare di Lei, Ariel, pater mi, che mantenendo la mente aperte a certe idee ed alla cattolicità ho evitato di prendere una deriva strettamente di tradizionalismo (da non intendersi con tradizione). E’ invece contro la tradizione che voi (in meus sententia, per quanto vale) state andando.

    Per questo aimé, e nell’unico modo da mé materialmente possibile per protestare contro questa deriva, vi annuncio che non effettuerò più donazioni (seppur di piccole cifre) alla vostra rivista.

    Tuus ex animo,
    M Gianluca.

    1. carissimi Gianluca.

      Provi a leggere con attenzione quello che abbiamo scritto, tenga conto che nessuno di noi ha auspicato ciò che ci viene imputato, come per esempio dare l’Eucaristia ai divorziati, cosa che nell’esercizio del nostro sacro ministero non facciamo, anzi ripetiamo alle persone in certe situazioni diirregolaritàdi attenersi a quanto sino ad oggi detta la Chiesa a tal proposito.

      Non cada nell’errore di confondereipotesi” a “opinioni di studio”, con affermazioni o con lospacciodi certezze, quando noi abbiamo detto, scritto e ripetuto cose di questo genere:

      se molti dei Padri riuniti a Nicea e appresso negli altri grandi concilî dogmatici della Chiesa, et ait:: "Hoc est dubium!», ergo, per agendi, hodie non sunt, Non dico et Disciplina Sacramentorum evolutionem decursu, verum etiam si non esset perceptio Verbi Incarnatio, divinae et humanae naturae in Christo Deo [ipostasi]? Sed magis: et non sumus Christiani,, sed "haeresis" gesuani-succrevit Iudaei veteres Iudaeae et circum orbem terrarum.

      et tamen:

      Vel in synodi coetum aliquem conciliarem, come da settimane vanno ripetendo i Padri dell’Isola di Patmos su queste colonne, Videndum et non rebus omnibus inspectis, et maxime absurdum,; rubor etiam est haeresis, perché discutere non vuol dire affatto “sancire”,”stabilire”, “modificare”, “negare” o “cancellare” in alcun modo delle discipline, nedum substantiam Sacramentorum circa dogma.

      Se queste affermazioni non sono sufficientemente chiare, allora vuol dire che lei non le legge; e se le legge non è disposto a recepirle.
      Il tal caso, Infeliciter, il problema non è nostro, ma tutto quanto suo.

  3. Rev. patribus,
    finalmente della questione avete fatto una sintesi collinguaggio della Chiesa Cattolicae chiamando le vicende e le situazioni, i protagonisti con il loro nome proprio tutto si semplifica e non si presta ad equivoci.
    Purtroppo anche nella Chiesa il linguaggio usato e financo le modalità di approccio ai problemi dell’uomo di oggi vengono effettuati in chiave socio- antropologica secondo laprospettiva laica del mondo”, anzichè quella imperniata sulla fede ed il rapporto con Dio.
    A questo riguardo è molto interessante quanto ha scritto oggi Stefano Fontana: http://www.lanuovabq.it/it/articoli-cari-padri-del-sinodo-se-questi-sono-i-metodi-14297.htm

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.