Correction sur la branche: « Et Jésus dit aux femmes rincées vêtements près de la mer de Galilée: «”Lâchez chaussettes et caleçons et suivez-moi! Je vais faire des machines à laver des hommes”»

CORRECTION SUR DIRECTION: « Et Jésus lui dit: LES FEMMES rincées TOILES près du lac: " Abandonnez CHAUSSETTES ET DESSOUS ET SUIVRE! JE VEUX JE VEUX LAVAGE DES HOMMES" »

.

Nous demandons instamment à nos lecteurs de ne pas suivre les théories trompeuses de ces Internet bruyants et toxiques, qui courent sur une idée fausse que de nombreuses fois, de ces colonnes, nous avons clairement fait savoir au cours des deux dernières années: dans La joie de l'amour le Souverain Pontife régnant a abrogé et modifié par l'une de ses magistère de la discipline dictée par son Saint et Prédécesseur suprême Jean-Paul II à St. Consortium familier A propos de l'interdiction, pour divorcés remariés, Vous pouvez recevoir la Sainte Communion.

.

.

Auteur
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

Article au format PDF imprimable

.

.

par notre Seigneur Jésus-Christ au pape François Ier, par tous les autres papes dans l'histoire de l'Eglise: dans le jardin des Oliviers, à la sueur de sang, toujours est seul …

Sur le Correction filiale [cf. texte QUI], Il y a beaucoup de commentaires sont venus que nous ne pouvions pas publier parce que beaucoup d'entre eux ont soulevé des controverses qui sont hors sujet, ou parce imprégnée des explosions personnelles, ou pourquoi explosions dégoulinantes humeur qui génèrent subjectivisme en fonction de l'absence de données réelles. Sur ce fait, nous avons déjà écrit et commenté dans deux articles dans la 26 e 27 Septembre auquel nous faisons référence [cf. QUI e QUI].

.

douleur très qui ne citent quelques personnes l'Exhortation post-synodale La joie de l'amour qui ne paraissent pas connaître le texte ou le contenu, mais seulement quelques lambeaux entre un blog Lit et l'autre [Cf. texte intégral, QUI], l'opposant à un autre document du Saint-Père Jean-Paul II, l'Exhortation post-synodale Entreprise membre de la famille. Dans ce jeu, tout honnête, certains joueurs montrent la preuve montre que vous avez lu la Entreprise membre de la famille [Cf. texte intégral, QUI] ce qu'ils aimeraient lire, mais qu'il n'a pas été écrit. En fait, la La joie de l'amour du pape François Ier, Elle se réfère précisément à la structure de support du Entreprise membre de la famille essentiellement dans les étapes qui mettent en valeur l'esprit de la charité et la réception de ces paires irrégulières, sur lequel le Saint-Père Jean-Paul II lui-même exprimé dans des tons très clairs, il serait juste assez pour lire, mais surtout tout lire:

.

« Sollicitude pastorale de l'Eglise ne se limitera pas seulement aux familles chrétiennes les plus proches, maman, élargir ses horizons en harmonie avec le cœur du Christ, il montrera encore plus vive pour les familles en général, et ceux, en particulier, qui sont dans des situations difficiles ou irrégulières. Pour toute l'Église aura une parole de vérité, de bonté, de compréhension, d'espoir, et profonde sympathie avec leurs difficultés parfois tragiques; tout ce qu'elle offrira son aide désintéressée afin qu'ils puissent se rapprocher du modèle de la famille, que le Créateur a voulu dès le « commencement » et que le Christ a renouvelé avec sa grâce rédemptrice " [Entreprise membre de la famille, n. 65].

.

Le Saint-Père Jean-Paul II précise la position des irrégularités de divorcée et remariée, et en même temps leur montrer la miséricorde, accueil et aide, parce que ce lit le n maintenant mentionné primé. 84 du Entreprise membre de la famille :

.

«[...] J'appelle chaleureusement les pasteurs et toute la communauté des fidèles à aider les personnes divorcées et avec soin qui ne considèrent sollicitude pas eux-mêmes séparés de l'Église, ils peuvent, et même doivent, comme baptisé, part dans sa vie. Ils sont invités à écouter la Parole de Dieu, assister au sacrifice de la messe, persévérer dans la prière, multiplier les œuvres de charité et les initiatives de la communauté en faveur de la justice, éduquer leurs enfants dans la foi chrétienne, cultiver l'esprit et les oeuvres de pénitence pour implorer ainsi, au jour le jour, la grâce de Dieu. L'Eglise prie pour eux, vous les encouragez, se révéler une mère miséricordieuse et ainsi les soutenir dans la foi et l'espérance [...]

.

et pourtant, de ce n. 84, par certains élevés au-dessus du dogme trinitaire lui-même, Il est pris, coupé et ensuite seulement commenté la seule étape finale. Une étape qui - et il est bon de la répéter -, il agit comme un verrou après diverses périodes marquées par la bienveillance pastorale la plus profonde et la miséricorde chrétienne:

.

«[...] L'église, Toutefois, Il réaffirme sa pratique, basé sur la Sainte Écriture, de ne pas admettre les divorcés remariés à la communion eucharistique " [cf. n. 84].

.

Ce n'est pas le bon endroit, Je survole des dissertations purement doctrinaire technique et je me borne à préciser qu'accessoirement que « praxis » n'est pas synonyme de dogme, sauf référence expresse à pratique dogmatique, car les "pratiques" ne sont pas toujours liées aux dogmes de la foi. En effet, lorsqu'une « praxis » ou discipline canonique ou ecclésiastique s'appuie sur un ou plusieurs dogmes de foi, les textes l'indiquent toujours clairement. Si en effet le bienheureux Paul VI avait pu soutenir l'encyclique humanae vitae avec une "déclaration dogmatique", il ferait, au lieu de cela, il l'a soutenu et structuré sur des critères liés à la loi naturelle, parce que soutenir par une déclaration solennelle l'interdiction de la contraception - qui, je le répète, est une norme morale et une discipline exprimée avec un haut degré de certitude -, les supports n'étaient pas là. Autrement, Bienheureux Paul VI, il aurait eu recours à une déclaration solennelle du magistère infaillible. Maman, que ça plaise ou non à certains, il n'a pas; et il ne l'a pas fait parce qu'il ne pouvait pas le faire [voir l'article de Giovanni Cavalcoli, QUI].

.

Je signale donc que l'esprit de bonté et de la miséricorde qui imprègne Entreprise membre de la famille, ne reflète pas la personnalité subjective du Saint Pontife Jean-Paul II ou celle des Pères Evêques qui ont participé à ce Synode de 1981, mais elle imprègne la Personne Divine de Celui qui de l'Église est le Fondateur et le Chef de son Corps Mystique, quels États:

.

«« Parce que ton maître mange avec les collecteurs d'impôts et les pécheurs? Jésus les entendit et dit: "Ce ne sont pas les bien-portants qui ont besoin d'un médecin, mais les malades. Allez, et apprenez ce que cela signifie: Miséricorde que je veux, non le sacrifice. Car je ne suis pas venu appeler les justes, mais les pécheurs "" [Mont 9, 11-13].

.

Cela dit, vous comprenez à quel point c'est différent cet esprit et ce magistère, vis-à-vis du « magistère » des internautes qui, sans aucune lueur de charité chrétienne, utilisent des termes tels que « concubines » sous une forme péjorative, "Adultères" et "pécheurs publics". Bien sûr, il y a toujours eu des "concubines", "Adultères" et "pécheurs publics", Peut-être plus que jamais, mais abordons certains sujets délicats de la morale catholique qui affectent la vie de familles entières, à la fois l'Église mère et professeur, avec la grâce d'état de la charité qui lui est propre, et éviter, certains laïcs en colère qui ont choisi des terrains délicats pour exprimer leurs frustrations et leurs malaises intérieurs sous la bannière de leur indéterminé Le vrai catholicisme, enseigner à l'Église comment elle doit être mère et professeur. Notre Seigneur Jésus-Christ a enseigné et commandé comment être ainsi, et les pontifes doivent le respecter, évêques et prêtres, qu'ils ne doivent pas recevoir d'ordres de certains laïcs, mais surtout par ces laïques passionnées et exaspérées par leur manque d'humanité et de charité chrétienne, insouciant de l'avertissement du Christ Dieu qui nous rappelle que la Loi a été faite pour l'homme et non l'homme pour la loi [cf. Mc 2, 27]. Malheureusement, l'idolâtrie de la loi nous a toujours éloignés de Diocentrisme pour nous faire sombrer danshomocentrisme :

.

« Hypocrites!! Esaïe a bien prophétisé de vous, disant: " Ce peuple me honore des lèvres, mais son cœur est loin de moi. En vain qu'ils me rendent un culte, l'enseignement des doctrines les commandements d'hommes " [Mont 15, 7-9].

.

Malheureusement, il y a beaucoup de lecteurs qui nous ont écrit en citant comme s'il s'agissait de textes du magistère infaillible les bêtises écrites sous des formes parfois délirantes sur divers sites et blogs de l'improprement dit vrai Tradition catholique; ceux dont plusieurs fois, au cours des années, nous les Pères de L'île de Patmos nous avons mis en garde les fidèles catholiques en agissant dans ce sens par impératif de conscience sacerdotale, surtout en considérant que Christ Dieu, son troupeau à nourrir, il l'a confié à ses prêtres, pas à certains laïcs colériques de catholicité quelconque qui sévissent à travers le réseau et qui échappent à toute correction et à toute contradiction, montrer, si nécessaire, un manque total de respect lorsque des prêtres ayant une expérience pastorale et une formation théologique adéquate, dottrinale e giuridica, li richiamano e li invitano a correggersi dall’errore. La totalité, Il va sans dire, prende vita dal dramma generato della gran confusione di ruoli che oggi imperversa all’interno della Chiesa, dove anche l’ultima delle catechiste non esita a fare pelo e contropelo in pubblico ― e si noti bene ― neppure al parroco, ma direttamente al vescovo. E se qualcuno le fa presente che è uscita fuori di senno, perché il custode del deposito della fede è per Sacramento di grazia il vescovo e non certo lei, ella ribadirà senza alcun problema, più convinta che mai: "Ah, ma io faccio la catechista da trent’anni ed ho esperienza sufficiente per dire che il vescovo sbaglia, perché è mio dovere difendere la fede, come Santa Caterina da Siena!». E qui va detto tra le righe, prima di procedere oltre nel discorso, che a Santa Caterina non passò mai per la mente di dare pubblicamente del bischero al Vescovo di Siena, neppure se alcuni di essi furono tali in epoche passate e in epoche recenti. Alla catechista passionaria possiamo poi aggiungere la capitolina ripiena di sacro fuoco, che forte del suo diplomino preso presso quella notoria fabbrica di geni della teologia del Theresianum, rincara la dose dicendo: «Ma io sono una teologa!». E questo le da quindi il diritto di criticare tutto e tutti dal suo blog, a partire dal Sommo Pontefice sino all’ultimo vescovo dell’catholica orbe, per non parlare delle bacchettate elargite ai preti conciliaristi ai quali ella insegna da anni come devono celebrare il Santissimo Sacrificio della Messa. Il va sans dire, à celle-ci comme à l'autre femme pieuse qui parmi les livres et articles fulmine depuis des années désignant l'évêque schismatique et hérétique Marcel Lefebvre comme un nouveau Saint Athanase d'Alexandrie, qu'adviendrait-il de tout ce gynécée bruyant et intrusif s'ils osaient faire des puces pour les prêtres lefebvriens, ou pour dire aussi au dernier des prêtres ordonnés à seulement 25 ans à leur bien-aimée Fraternité Sacerdotale Saint-Pie X, comment il doit célébrer la Sainte Messe. Pourquoi n'essaient-ils pas de le faire? E, après l'avoir fait, dites-nous à combien de mètres ils ont rebondi comme des balles en caoutchouc lancées avec une grande force sur le mur...

.

En bref ..., comme si Jésus-Christ avait emmené un petit groupe de dames occupées à laver le linge aux lavoirs près de la mer de Galilée, et leur a dit: "Femmes, laisse tomber tes chaussettes et tes sous-vêtements et suis-moi, car je te ferai des machines à laver d'hommes!».

.

Je précise donc que toutes les théories néfastes servis par ces sujets aveuglés par une réelle haine agressive envers le Pontife régnant, ils peuvent être démontés avec une simple observation: ces internautes qui ont installé leurs fantastiques chaires de droit canonique sur le réseau télématique, de la théologie dogmatique et de la morale catholique, se présentant comme les défenseurs du vrai et pur traditio, d'une part, ils nient l'autorité de tout un concile œcuménique de l'Église, au point de désigner Vatican II sur un ton goguenard comme un "conciliabolo", mais en même temps ils prétendent conférer le rang de dogme, al pari dei grandi dogmi cristologici, al n. 84 du Consortium familier du Saint Pontife Jean-Paul II. E qui verrebbe da dire: excuse moi, Gentili Signori e Signore dall’evidente spirito border-line, ma quel Pontefice di cui elevate a “vessillo dogmatico” il n. 84 du Consortium familier, non è forse lo stesso che voi, poco prima, in pagine e pagine insultanti intrise di acrimonia, avete accusato di eresia per il «diabolico» incontro ecumenico promosso ad Assisi dalla Comunità di Sant’Egidio? Laisse moi être clair, neppure a me è mai piaciuto quell’incontro e non ho mancato in diversi miei scritti intrisi al santo vetriolo di definirlo persino il «Gran carnevale di Rio de Janeiro in trasferta ad Assisi». Però non mi è mai passato per la mente di ergermi a censore del Santo Pontefice Giovanni Paolo II o peggio di accusarlo di «apostasia dalla fede cattolica», come invece hanno scritto, affermato e ripetutamente dichiarato coloro che considerano però come dogma superiore al Simbolo di fede niceno-costantinopolitano le sole due ultime righe del n. 84 du Consortium familier, scritta da quello stesso Santo Pontefice Giovanni Paolo II da loro ripetutamente tacciato di eresia e indicato come «l’apostata ecumenista». E nel dogmatizzare le ultime due righe di questo numero, ignorano completamente e dolosamente le venti che lo precedono, che sono un richiamo, anzi un vero e proprio inno di lode alla carità, alla misericordia ed alla accoglienza di queste coppie irregolari, molte delle quali vivono con disagio la loro situazione in rapporto ai loro intimi sentimenti cristiani.

.

Je vous en prie, cari Lettori e devoti Fedeli cattolici «siate sobri e vigilate, il vostro avversario, le diable, va attorno a guisa di leone ruggente cercando chi possa divorare. Resistetegli stando fermi nella fede» [Je Pt 5, 8-9]. E se la mia grazia sacerdotale può esservi di ausilio, valutate bene, ve ne prego, queste mie parole basate su dati di fatto oggettivi, su testi scritti e su lunghi anni di campagne denigratorie portate avanti contro gli ultimi cinque Sommi Pontefici della storia della Chiesa, ad opera di coloro che oggi vi si presentano come difensori della vera fede dinanzi ad una Chiesa dagli stessi definita «eretica e apostata». Affermazione basata su una ignoranza teologica e dottrinaria sconcertante, perché la Chiesa è il Corpo di Cristo, di cui lui è capo e noi membra vive. Può forse dunque, Christ a donné, essere «eretico e apostata»? Che la Chiesa visibile ― ossia la struttura ecclesiastica ― sia invasa e pervasa da peccato e da corruzione morale, è tanto indubitabile quanto evidente, ma la Chiesa corpo mistico di Cristo è santa e immacolata, per noi credenti. Purtroppo non è però così per le cordate di questi disagiati spirituali, che proseguono a trattarla come un fenomeno politico, per dare sfogo al suo interno a scontri politici basati su pretesti dottrinari.

.

Ah, se i miei Confratelli Sacerdoti tornassero solo a insegnare e trasmettere i fondamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica, in questa nostra Chiesa visibile sempre più ridotta ad una via di mezzo tra una associazione filantropica, una associazione politica della sinistra radical chic e, Pas dernier, un’associazione a delinquere!

.

Esortiamo pertanto i nostri Lettori a non seguire le teorie fuorvianti di questi rumorosi e velenosi internauti, qui courent sur une idée fausse que de nombreuses fois, su queste righe, nous avons clairement fait savoir au cours des deux dernières années: dans La joie de l'amour il Pontefice regnante non ha abrogato e modificato con alcun suo atto di magistero la disciplina dettata dal suo Santo e Sommo Predecessore Giovanni Paolo II nella Consortium familier A propos de l'interdiction, pour divorcés remariés, Vous pouvez recevoir la Sainte Communion.

.

Valutate poi quanto sia cosa aberrante ed empia il pretendere di dogmatizzare da una parte delle discipline ecclesiastiche che non sono affatto dogmi della fede né pronunciamenti vincolati dal grado solenne della infallibilità pontificia [cf. Un d entretien du crédit], ma al tempo stesso negare in modo ostinato e aggressivo l’autorità delle due Costituzioni dogmatiche del Concilio Vaticano II, che a dire di certi aggressivi internauti sarebbe stata solo un’assise pastorale, quindi si tratterebbe di un cosiddetto concilietto di terza classe senza alcuna validità. En bref, quattro “chiacchiere tra amici” fatte dai Vescovi di tutto il mondo col Romano Pontefice negli anni Sessanta del Novecento, non avendo gli uni e l’altro di meglio da fare per impiegare il loro tempo. E una volta affermato questo e rigettato un intero concilio della Chiesa, in quanto a loro dire non dogmatico, ecco che i soliti noti procedono poi ad elevare a rango di dogma della Santa Fede Cattolica ― e di grado ben superiore allo stesso dogma della Incarnazione del Verbo di Dio fatto uomo ―, la Motu proprio des Souverains Pontifes del Venerabile Pontefice Benedetto XVI sulla liturgia antecedente la riforma liturgica del 1970. Maintenant, è davvero inutile aggiungere che se i risultati di questo Motu Proprio sono stati di fatto anche il dare in mano a non poca gente un Messale di San Pio V usato oggi come un machette affilato per aggredire la Chiesa ed il Papato e per creare divisioni, forse sarebbe bene che il Pontefice regnante valutasse l’opportunità di revocarlo quanto prima per ragioni di prudenza pastorale, evitando che l’Eucaristia, centro della vita e dell’unità della Chiesa universale, finisca con l’essere usata in modo diabolico per creare attriti e divisioni tra il Popolo di Dio, ad opera di non pochi disagiati spirituali e di gruppi di politicanti mossi da ideologia aggressiva e distruttiva.

.

Tout cela, être clair, è stato testé espresso da un sacerdote che come il sottoscritto si sentirebbe molto a proprio agio se una nuova riforma liturgica riportasse il celebrante sull’altare volto devant Dieu, con il messale in lingua latina del Beato Paolo VI, ad eccezione della liturgia della parola proclamata in lingua nazionale, con dei canti liturgici idonei e rigorosamente approvati dall’Autorità Ecclesiastica, col suono dell’organo classico, senza più petites guitares strimpellate, bonghi ritmati e, moins que jamais, danze e battimani, ma soprattutto col rispetto del sacro silenzio liturgico e via dicendo a seguire

.

La Correction filiale, sempre per usare terminologie del lessico puramente teologico, Et “stolta” éd “empia”. Ma soprattutto è un autentico processus aux intentions basato non su quanto affermato dal testo scritto della La joie de l'amour, ma su ciò che i redattori presumono che il testo scritto possa voler dire ed eventualmente affermare, attribuendo in tal modo al Romano Pontefice cose che egli, de facto, non ha mai affermato, né tanto meno concesso. puis, che su certi temi legati ai fondamenti dogmatici della fede e della morale cattolica, viga oggi la massima confusione, questo è un dato di fatto incontrovertibile; ma è un fatto molto antecedente al pontificato del Sommo Pontefice Francesco I, ed è anche un fatto parecchio antecedente la pubblicazione di La joie de l'amour, che contiene indubbiamente anche lacune o espressioni non felici e chiare, che però non sono le prime, né tanto meno nuove nella storia dei testi della Chiesa. Io che per varie ragioni ha avuto modo di seguirne per anni sia il processo di beatificazione, sia di partecipare attivamente con mie pubblicazioni alla smentita delle false accuse rivolte al Venerato Pontefice Pio XII da diversi autori, ho più volte spiegato e documentato che la crisi della Chiesa, assieme alle derive teologiche, avevano già preso tutte forma definitiva sul finire del suo pontificato alla metà degli anni Cinquanta del Novecento. Più volte ho anche cercato di spiegare e dimostrare che la celebre enciclica del Pontefice Pio XI, Au sacerdoce catholique [cf. texte QUI], scritta nella metà degli anni Trenta, contiene già tutte le critiche al germe di questa crisi, oltre al fatto che tra le righe di questa enciclica emergono molte delle istanze impresse da Antonio Rosmini il secolo prima nel suo testo Sulle cinque piaghe della Chiesa, che pure concorse a giovargli la messa all’indice, salvo poi esser proclamato in seguito beato.

.

Malheureusement, gli estensori della Correction filiale, incluso tra di essi anche un epistemologo, ignorano che periodi ripetitivi, lacune per carenza di spiegazioni più approfondite e talune espressioni che potevano essere formulate in modo migliore, emergono anche dal testo del Concilio di Trento, che dopo quello di Nicea è considerato da molti studiosi uno dei più articolati e completi concili della storia della Chiesa, in tutti i suoi aspetti dogmatici, disciplinari e pastorali; ed io personalmente lo considero tale.

.

Sul piano canonico, la Correzione Filiale è uno scritto insussistente che non rispetta la struttura e la formulazione propria richiesta, ed è privo di quella chiarezza e di quella necessaria concretezza che i firmatari accusano essere carente nel testo della La joie de l'amour du pape François Ier.

.

Sul piano teologico, manca tutta la spiegazione circostanziata ed approfondita in base alla quale possa essere supportata anche una sola e mera ipotesi di eresia diretta o indiretta, indicando anzitutto i dogmi contro i quali vanno a configgere certe espressioni, ed in che modo, queste espressioni, eventualmente ereticali, sono state formulate.

.

Anche se il documento La joie de l'amour contenesse al proprio interno dei passaggi ambigui o non chiari ― e indubbiamente li contiene ―, esso non contiene però alcuna concessione o dispensa data dal Sommo Pontefice in deroga al n. 84 du Entreprise membre de la famille. E chi afferma che «con la prassi pastorale si vuole distruggere la dottrina», cade di fatto, objectivement, nel processo alle intenzioni. Même parce que, se alcuni tentassero davvero di intaccare la dottrina attraverso la prassi pastorale, ciò che alla fine conta, non è che essi ci provino, ma che essi ci riescano, posto che in una simile impresa non potranno mai beneficiare sul consenso esplicito o tacito di questo come di nessun altro Pontefice. Donc, non si può domandare al Sommo Pontefice, dopo avere fatto il processo alle sue intenzioni, di ritirare la concessione di ciò che egli non ha mai concesso, vale a dire la possibilità, mai data ai divorziati risposati che vivono in situazioni di adulterio, o in situazioni cosiddette irregolari, di poter accedere alla Santissima Eucaristia.

.

Sebbene quella lamentata nella Correction filiale fosse la ambiguità di alcuni passaggi della La joie de l'amour, i redattori hanno mescolato nel loro testo vari frammenti di discorsi fatti “in modo colloquiale” dal Romano Pontefice nella propria veste di dottore privato, aggiungendo altresì, sul finale dello scritto, aspetti legati alla critica del modernismo e del protestantesimo. Tutto questo da vita ad un testo confuso, o come si direbbe in altro gergo espressivo “ad un minestrone”, privo di criteri giuridici e teologici, formulato in modo molto scorretto.

.

Oltre all’inconsistenza canonica e teologica, la Correction filiale è soprattutto una grave mancanza di rispetto e di carità cristiana verso la Augusta Persona della Santità di Nostro Signore Gesù Cristo il Sommo Pontefice Francesco I, formulata principalmente anche da un gruppo di teologi che, da tempo, hanno perduto di vista il fatto che loro sono a servizio del magistero della Chiesa, non sono al di sopra di esso e tanto meno suoi censori. Il teologo che rigetta gli atti del magistero cessa di essere cattolico, assumendo di conseguenza ― sia esso tradizionalista o progressista ―, degli atteggiamenti molto peggiori di quelli assunti dal Reverendo Prof. Hans Küng, che si è solo “limitato” a criticare certi atti del magistero, ma non li ha mai definiti o indicati come eterodossi. E chi tra tutti pare non aver capito questo, alla prova dei fatti pare purtroppo essere stato il caro Antonio Livi, col quale non so, se per grazia o sventura, morirà sommersa nel microcosmo dell’egocentrismo la grande Scuola teologica romana. Pertanto complimenti al caro Antonio Livi, al quale sarebbe bastato solo un pizzico di narcisismo in meno e un livicentrismo più moderato; sarebbe bastato che avesse imparato ad ascoltare anche gli altri, anziché solo se stesso, per evitare di far stravincere la Scuola di Bologna. C'est exact: la Scuola di Bologna ha vinto, mentre Antonio Livi, ultimo esponente della gloriosa Scuola romana, era impegnato a parlarsi addosso con l’estetizzante Enrico Maria Radaelli, mentre tutti gli incazzati della Fondazione Lepanto, appoggiata all’angolo la loro alabarda cavalleresca, gli battevano le mani e gli dicevano: «Siete dei grandi!». en attendant, la casa avvolta dalle fiamme bruciava, mentre loro cercavano di mordere le mani a chi, inutilement, come il Padre Giovanni Cavalcoli, me e vari altri, hanno tentato in ogni modo di invitarli a salvarsi, ed a salvare con sé stessi anche un grande patrimonio di cultura teologica. Perché l’egolatria di certe persone si è spinta sino all’apice della peggiore distruzione: non lasciare neppure un allievo, perché per avere dei degni allievi, bisogna avere anzitutto la capacità e l’umiltà di confrontarsi con loro, ed all’occorrenza di imparare dal loro acume e dal loro ingegno. Ma se a questi egolatri, au fil des ans, si è avvicinato qualche allievo di potenziale talento, non hanno trovato di meglio da fare che distruggerlo, terrorizzati dall’idea che questi, dans un avenir proche ou lointain, potesse impedire a loro di brillare di luce propria. Donc, Antonio Livi, quando se ne va in giro a pontificare nei circoli degli alabardieri e delle aspiranti contessine tutte pizzi e magico latinorum, affermando che «Alla Lateranense hanno distrutta la mia scuola», ebbene sappiate che mente spudoratamente senza sapere di mentire, perché la Scuola romana l’ha distrutta lui con il suo egocentrismo e la sua incapacità di ascolto e confronto, non l’hanno distrutta né i modernisti né i rahneriani, che né ad Antonio Livi né ad altri illustri teologi e studiosi hanno mai data considerazione, perché da mezzo secolo hanno vinto e non hanno certo bisogno di difendersi dagli attacchi di tre zanzare.

.

Et ainsi, un altro patrimonio, è andato perduto. Sempre e di rigore per la gloria distruttiva del maledetto “io” di coloro che, quando rimangono soli e non hanno più con chi litigare, a quel punto cominciano a litigare con se stessi e ad auto-distruggersi.

.

Riposi quindi in pace la Scuola romana e, il più tardi possibile, il suo ultimo allievo di indubbio e grande talento, Antonio Livi.

.

Non hanno dovuto neppure attaccarci e farci la guerra, ci siamo distrutti da soli, annegati neppure nella gloria ma nel ridicolo, visto che l’ultima cosa che molto spesso rimane impressa nella memoria è la faccia cadaverica del vecchio morto truccato dall’estetista dell’impresa di pompe funebri, non l’immagine di quello che fu il massimo splendore della sua giovinezza, ma la penosa faccia imbellettata del Cher Disparue, mentre alabardieri e contessine piangono uno struggente lamento in magico latinorum sul colle Aventino presso la Fondazione Lepanto, gridando «eresia, hérésie, siamo allo scisma!».

.

È il misero trionfo delle tre zanzare incazzate che hanno infine tentato di pungere il vecchio e antico elefante che siede da duemila anni sulla Cattedra di Pietro, correggendolo però in modo filiale, molto filiale

.

de l'île de Patmos, 30 septembre 2017

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:


ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:
Ils étaient IT 08 J 02008 32974 001436620930
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
Merci [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

4 réponses
  1. Pour naviguer est nécessaire dit :

    Père Ariel Caro,
    mi sembra che vi sia molto di vero in quanto Lei ha qui scritto. Anche a proposito di quella che potremmo chiamarericezione malignadel Motu Proprio “des Souverains Pontifes”. A quest’ultimo riguardo mi permetta però una brevissima riflessione. A me sembra che l’appropriazione indebita della S. Messa V.O. da parte di paralefebvriani e paralefebvriane (consapevoli o no d’esser tali) sia almeno in parte da attribuire alla resistenzaattiva o passiva – que le Motu Proprio réunissait dans la plupart des diocèses. Ne pense pas que c'est la bonne façon, plus intelligent et surtout plus efficace pour soustraire l'ancien rite latin à l'exploitation idéologique qu'en ont opéré certains mauvais sujets il ne faut pas chercher dans la révocation du Motu Proprio (ou dans l'attribution d'un pouvoir discrétionnaire d'application à des évêques individuels), mais dans son “normalisation”? je sais, en fait, la S. Messa V.O. est (a été) introduit volontairement dans plusieurs paroisses de nombreux diocèses (indépendamment de la présence d'un groupe stable de candidats), la réception malveillante et le détournement de fonds seraient (Etat) circonscrit, marginalisés et finalement vaincus,…

  2. PierreLXXVII dit :

    Cher père Ariel,

    Je partage ton avis sur “correction filiale” sur la forme.. un peu’ moins sur le fond. D'accord, cela reconnaît que dans aimer la joie siano presenti alcune espressioni non proprio brillanti in quanto a chiarezza, però se questo documento merita un’assoluzione piena in merito alla coerenza con l’insegnamento costante della Chiesa, comme elle dit, perché quattro cardinali (che lei ha dato prova di stimare) hanno sentito l’esigenza di chiedere al Papa di confermare che nelle sue intenzioni, riposte in AL, vi sia effettivamente la continuità supposta?

    Mi permetta anche di farle un appuntoho trovato alquanto curioso il giudizio che indirettamente ha espresso su Benedetto XVI, valutando deleterio per la Chiesa il suo Motu proprio (che liberalizza un messale, aimè, a me ignoto). Ritengo che in tal modo ha finito per negare la profonda intelligenza teologica di quel Papa, che sono sicuro non avrà agito da sprovveduto nell’emanare tale disposizione, bensì con saggia lungimiranza. E’ curioso che così facendo, finisca per riconoscere una maggior imprudenza a Benedetto di quanta non ne riconosca a Francesco.

    Sono solo osservazioni,Sono solo osservazioni, forse sbagliate!

    Cordialement,

    Pierre

    • Ariel S. Levi Gualdo
      Ariel S. Levi Gualdo dit :

      Caro Pietro,

      i quattro Cardinali a cui lei si riferisce, compresi i due compianti venuti a mancare da poco, hanno chiesto dei chiarimentia giusta ragioneperché alcuni passaggi di questa Esortazione apostolica post-sinodale, se non chiariti a fondo, avrebbero potuto essere male interpretati e arbitrariamente applicati, come è accaduto per esempio da parte dei Vescovi siciliani, che hanno mutato delle ipotesi in norme.

      Le problème, ed in particolare per un uomo di grande acume e preparazione come lo era il Cardinale Carlo Caffarra, non era una eventuale “discontinuité” col precedente magistero, ma le interpretazioni arbitrarie che alcuni ne avrebbero potuto ricavare, mutando appunto delle ipotesi in norme, come hanno fatto i vescovi siciliani.

      le Par la Movation des Souverains Pontifes sulla liturgia non è stato deleterio da parte del Sommo Pontefice Benedetto XVI ma è stato fabriqué deleterio da coloro che da subito lo hanno usato, ed al presente seguitano a usarlo, come strumento di contrapposizione, divisione elotta politica”. Tutt’altre erano infatti le intenzioni di Benedetto XVI, che ben conosciamo, a partire dal desiderio che un grande patrimonio liturgico come il Messale di San Pio V non andasse perduto.

      Non è stata infelice la scelta di Benedetto XVI, ma si è trattato di una scelta mutata in scelta non felice da parte di quegli ideologi che oggi osano chiamare il Messale di San Pio Vil messale della Messe dee quello nato dalla riforma liturgica e promulgato dal Beato Paolo VI comeil messale protestantico nato dal concilier“.

      Se questi sono la buona parte dei risultati prodotti da questo motu propriO, che sono risultati non imputabili né a Benedetto XVI né alle sue scelte, ma alle persone che ne hanno fatto l’uso testé descritto, tanto vale eliminare il problema togliendo a queste persone certi strumenti di lotta, litigio e disprezzo.

      Donc, À mon avis, serait approprié, vista la situazione che si è creata, che il Venerabile Messale di San Pio V possa essere usato a discrezione dei vescovi diocesani, con facoltà data agli stessi di proibirne l’uso quando esso dovesse essere usato e strumentalizzato da certi gruppi di persone per lotte e litigi che compromettono la comunione della Chiesa, che nella Sacra liturgia ha il proprio cuore pulsante e centro di unità.

      Per quanto riguarda i due Sommi Pontefici in questione, così diversi tra di loro, non ho problemi a dirle che, Benoît XVI, ha commesso errori pastorali e di valutazione come li hanno commessi tutti i pontefici, santi e dottori della Chiesa inclusi, ma non è tacciabile di spirito imprudente; al contrario del Sommo Pontefice Francesco I, che ha una indubbia utilità nella economia della salvezza, ma che talvolta, sulla imprudenza, pare invece marciarci, a partire dalle non poche improvvide risposte, a volte anche molto infelici, date nel corso di questi anni a intervistatori e giornalisti, per non parlare di svariate omelie pronunciate a braccio ed a sentimento, per le quali poi noi, per svariate settimane successive, abbiamo dovuto cercare di spiegare cosa egli intendesse dire.

      Le sue osservazioni non sono quindi sbagliate, ma giuste e legittime. Sono io che semmai potrei sbagliarmi, ed anche parecchio, in queste mie valutazioni, anzi le dirò: vorrei proprio sbagliarmi.

  3. liciozuliani dit :

    Père Ariel Caro,
    ho letto con molta attenzione e certamente gli spunti di riflessione non sono pochi, di ciò la ringrazio. Oso tuttavia esprimere l’impressione, mi auguro errata, che le sue osservazioni su Mons. Livi siano almeno parzialmente improntate ad un certo qual risentimento personale legato alle vicende trascorse nell’ambito di codesta Isola. D’altronde ritengo che sia giustificato e lecito chiedersi perchè il Santo Padre non risponda con un evangelico SI o NO ai dubbi variamente espressi.
    Cordialement,
    Licio Zuliani

Les commentaires sont désactivés.