Covid prevented us from putting water in the fonts but the clerically correct us “allows” to bless gay couples after their civil union in the city hall

IL COVID CI IMPEDIVA DI METTERE L’ACQUA NELLE ACQUESANTIERE MA IL CLERICAMENTE CORRETTO CI “ALLOWS” DI BENEDIRE LE COPPIE DI GAY DOPO LA LORO UNIONE CIVILE IN MUNICIPIO

 

Il presbitero che ha inscenato e presieduto il tutto si è affrettato a giustificare che sono state solo benedette due persone. E, se dopo la Comunione Eucaristica i due “sposini amorosi” sono saliti all’altare per ricevere un grembiule, simbolo del servizio da loro prestato a questo gruppo di cattolici LGBT in cammino, ciò «non è stato un gesto liturgico», It stated, pure se il tutto è avvenuto nell’ambito della sacra liturgia e non nella sala da fumo del bar poco distante dalla chiesa parrocchiale, perché quando certi tipi di preti pensano di poter prendere in giro gli altri credendosi di prassi più scaltri, finiscono col perdere sia il senso del ridicolo che quello della umana decenza.

- Actuality -

.

.

 

PDF print format article

.

.

Per approfondire il tema vi suggeriamo la lettura di questo libro scritto dai Padri Ariel S. Levi di Gualdo and Ivano Liguori (per andare al negozio cliccate sopra l’immagine)

Non è paradosso né ossimoro ma semplice realtà: per disposizione della Conferenza Episcopale Italiana è stato proibito per due anni di mettere l’acqua lustrale dentro le acquasantiere delle chiese per evitare di veicolare la diffusione e il contagio da Covid-19, solo in questi giorni ne è stato ripristinato l’uso. A wise and prudent choice already adopted in past centuries during the great plagues. Similar caution was not applied to other cases linked to more serious epidemics. And so, directly in the diocese governed by the President of the Assembly of Italian Bishops, two proudly practicing homosexuals who shortly before sealed their "civil union" in the nearby municipal building of Budrio in the province of Bologna were welcomed into the church and blessed.

.

We "old priests" born under the pontificate of the Holy Pontiff Paul VI and raised under the long pontificate of the Holy Pontiff John Paul II, we were used to the idea that the worst virus was sin, forge of all the worst pandemics. Today I must acknowledge that we were wrong. In truth, it was only the holy water piles, to be potential vehicles for viral infections and pandemic development.

.

In the light of ecclesial and ecclesiastical logic I would like to point out that I doubt he was adequately informed on Cardinal Matteo Maria Zuppi, by the priest-comedians of this sacrilegious drama, because it is a sacrilegious act, there is little to go around it. If he had been informed, I doubt he would have consented, above all knowing what media hype certain gay antics have always aroused, expanded, in the specific case, from the delicate role covered by the Metropolitan Archbishop of Bologna, which is President of the Italian Episcopal Conference. For this I believe a priori in the total innocence of Cardinal Matteo Maria Zuppi, who was certainly the first victim of this drama, which I dispatch for him, because he is a good man, fair and always very welcoming and caring towards priests, ever since he was auxiliary bishop in Rome.

.

Let's summarize the news and then move on to comment on a word and a concept that has now become taboo: sin. On 11 June it happened that two young men made their "civil union" official in the Municipality of Budrio in the province of Bologna. The time to cross the square to reach the parish church of San Lorenzo, dove erano attesi da una folla festante e da 14 sacerdoti concelebranti, verosimilmente tutti clerical gay friendly. A presiedere la sacra liturgia è stato Gabriele Davalli, Diocesan manager - unbelievable, hear! ― della pastorale della famiglia e arciprete di una parrocchia limitrofa, che aveva seguito i due “sposini amorosi” durante il loro cammino nel gruppo di Cattolici LGBT.

.

Alcuni confratelli di quel presbiterio hanno contattato la nostra redazione precisando:

.

«Casomai il responsabile della sceneggiata volesse correggere il tiro a danno ormai compiuto, saying he only blessed two people, know that all the annexes and connected typical of wedding ceremonies were present, give flowers to the photographer to shoot the two in the front row under the presbytery " [cf.. WHO].

.

And as they predicted it went just like that: the presbyter who staged and presided over everything was quick to justify that only two people were blessed. E, se dopo la Comunione Eucaristica i due “sposini amorosi” sono saliti all’altare per ricevere un grembiule, simbolo del servizio da loro prestato a questo gruppo di cattolici LGBT in cammino, ciò «non è stato un gesto liturgico», It stated, pure se il tutto è avvenuto nell’ambito della sacra liturgia e non nella sala da fumo del bar poco distante dalla chiesa parrocchiale, perché quando certi tipi di preti pensano di poter prendere in giro gli altri credendosi di prassi più scaltri, finiscono col perdere sia il senso del ridicolo che quello della umana decenza. What else to add: every comment to such a lot of hypocrisy clerical chic it would be superfluous, so we conclude with a question destined to remain unanswered, and then move on to more serious things. I don't know who formed the presbyter Gabriele Davalli in fundamental theology and Catholic morality. But, since it was definitely me who was badly formed, that among my precious formators I also had the Cardinal Carlo Caffara, in a calm way, indeed in a timid way, with the blush that burns my cheeks, because as you know I'm a shy country boy, in a subdued way I dare to ask: Gabriele Davalli, after having admitted to Eucharistic Communion two gays declared fresh "newlyweds" and after having given them the apron, symbol of the service provided before the end of the Holy Mass, were you aware or not that in the evening, the two, they will surely have celebrated by hugging each other, with a lot of ceremony and blessing received in the morning during the Holy Mass? Or do you think maybe, dear gabriele davalli, that in the evening they went to bed reciting the Holy Rosary to the Blessed Virgin Mary asking for her intercession to have the support and strength necessary not to fall into shameful sin? This, it would be what I would ask Gabriele Davalli if I were his bishop, which obviously, by his grace and by my grace, are not.

.

The sad truth is that one diocesan responsible for pastoral care for the family and thirteen other priests gay friendly who concelebrated by turning the Eucharist into a sacrilegious theater, they actually blessed sin and publicly confirmed two people in mortal sin. And if anyone is able to prove me wrong - at the head of all the Metropolitan Archbishop of Bologna, which as I repeat I consider completely not guilty, as well as a good and just man - come forward and show me otherwise. Above all I wish that, bishops in the lead, tell me publicly - not with the classic regretted private letter - that the Catholic theology and morality with which I was trained I can safely throw them down the toilet and then flush the drain. But above all I would like them to explain to me that everything that until yesterday was an ugly mortal sin, today it has become love to be welcomed and blessed. After they explain this to me, publicly, the next day I will return my mandate to the exercise of the sacred priestly ministry in the hands of the bishop who gave it to me and I will retire to private life.

.

In civil society being homosexual and practicing homosexuality is not a crime. I add: and it never could be, I would be the first to take to the streets to protest, if anyone tried to prosecute homosexuals as such in any capacity. Homosexuality is not a disease, at the limit it can be a more or less serious psychological disorder or discomfort in those who live it badly or in those who do not accept it and who therefore suffer from it. As a Catholic priest and as a theologian I have always recognized people the right to live the sexuality they want and not to be discriminated in any way for their sexual choices and practices., the Catechism of the Catholic Church also says so, which incidentally it is good to remember:

.

2357 «L’omosessualità designa le relazioni tra uomini o donne che provano un’attrattiva sessuale, esclusiva o predominante, verso persone del medesimo sesso. Si manifesta in forme molto varie lungo i secoli e nelle differenti culture. La sua genesi psichica rimane in gran parte inspiegabile. Appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni (cf.. GN 19,1-29; RM 1,24-27; 1 Color 6,9-10; 1 TM 1,10) la Tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati” (cf.. Human person, n. 8). Sono contrari alla legge naturale. Precludono all’atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati».

2358 «Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassion, delicacy. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Such people are called to carry out God's will in their life, e, if they are Christian, to unite the difficulties they may encounter as a result of their condition to the sacrifice of the Lord's cross ".

.

For me the question is entirely theological, since I am a priest and not a theologian master chef. If God did not prevent Adam and Eve from committing original sin, we can perhaps prevent us, to men, to commit sins? Because, whether some of my worldly brothers like it or not gay friendly, ready if necessary to disguise a farcical "marriage" between two men as a blessing that as such is not denied to anyone, in any case, the fact remains that for Catholic morality and the law of God in which it is rooted "acts of homosexuality are intrinsically disordered". Once the act has been condemned, that is sin, regarding single homosexuals instead, that is, the sinners, Catholic morality clarifies: «[…] they must be received with respect, compassion, delicacy. In their regard, any mark of unjust discrimination will be avoided ". All this always repeating, as it regards the sin, that certain acts "are not the fruit of a true emotional and sexual complementarity" and that "in no case can they be approved".

.

Sodomy is a grave sin against nature created and ordained by God. So if certain priests knew and practiced the basic elements of Catholic theology and morality, if they simply knew the Catechism, rather than disguising the "sham marriage" of two men as a "blessing", they should be aware that sin is part of the exercise of man's full freedom and free will, but that sin disfigures the soul of the sinner and causes scandal to the community of believers. Therefore, the sin, yes, it is part of the full exercise of human freedom, but it is not, however, a right and no one, especially within the Church, can claim it as such, not even the couples of homosexual "loving newlyweds".

.

Several times in my public writings, but also during my private conversations with those confreres who use me as a spiritual director or as a confessor, I found myself explaining the substantial difference between sin and sinner, especially to young priests who have come out of set of that science fiction film to which our seminars all peace are now reduced, joy and love. We priests, as sanctifiers, teachers and guides of the People of God we not only have the duty to reject sin, because on our priestly consciences there is the imperative and the obligation to fight it. The sinner's speech is different, which is ours where it is our duty to welcome, assist and love, especially those who commit the gravest sins, because above all for them Christ shed his redemptive blood on the cross. So, if instead of welcoming the sinner we reject him as such, we would betray and profane in the worst way the holy mission that Christ God has entrusted to us through the institution of the ministerial priesthood.

.

The underlying problem is that an army of sixty-eight presbyters and sixty-eight grandchildren raised by them and raised to an overdose of unspecified peace, joy and love, they no longer know the difference between sin and sinner, which is a fundamental and substantial difference. Useless as it may be, perché nulla di ciò che è strutturalmente ideologico può essere scalfito, cerchiamo adesso di comprendere bene quel pericolo mortale costituito dal terrificante peccato propagato dai lobbisti LGBT, di cui lungamente ebbi a parlare nei miei lunghi colloqui privati con il Cardinale Carlo Caffarra. Questo pericolo ― che ripeto è mortale e terrificante ― è dato dal fatto che gruppi costituiti da sedicenti cattolici auto-denominatisiCattolici LGBTsi stanno facendo largo all’interno della Chiesa e delle comunità parrocchiali, infinocchiando in modo grandioso vescovi, preti e suorine stolte. E si stanno facendo largo non per essere seguiti e curati spiritualmente, non per curare le loro fragilità e ferite, non per cercare di sanare le loro anime dal virus epidemico del peccato, ma per essere legittimati e confermati nel peccato mortale. Trappola questa nella quale un esercito di vescovi, preti e suorine stolte stanno cadendo come pesci dentro la rete. La lobby LGBT è entrata ormai da un decennio dentro la Chiesa come un cavallo di troia per rivendicare e dimostrare che il primo a sbagliarsi è stato anzitutto Dio nel crearci maschio e femmina. In errore non sono loro, sempre ammantati di vittimismo e dolorismo, lo è la Chiesa che con la sua “retrive” e “cupamorale osa impedire a due gay o a due lesbiche di amarsi, negando a questo modo — a loro dire — l’essenza stessa del Santo Vangelo, che è amore e solo amore. Of course, che il Santo Vangelo è amore, basterebbe però chiedersi e comprendere quale vero amore diffonde, perché l’amore che annuncia finisce a sanguinare sulla croce con quattro chiodi piantati nella carne e con una corona di spine sulla testa, cosa del tutto diversa dai tripudi porcini e dissacranti the various gay pride, che anche di recente ci hanno regalato la Madonna sadomaso e Cristo sui tacchi a spillo. O forse il Santo Vangelo, in nome di un non meglio precisato “amore”, ci consente di benedire l’unione di due uomini, di festeggiarli in chiesa e di ammetterli alla Comunione Eucaristica, affinché possano rientrare la sera nella loro camera da letto, “benedetti” e “santificati”, a sodomizzarsi a vicenda in nome dell’amore? È forse questo l’amore annunciato dal Santo Vangelo?

.

Fu per questo motivo than in 2009, quel sapiente uomo di Dio del Cardinale Carlo Caffarra, pur ricoperto di tutte le peggiori contumelie, criticato e insultato su tutta la stampa gay friendly of the left radical chic, proibì a un coro composto da 25 omosessuali dichiarati di radunarsi nei locali della parrocchia bolognese di San Bartolomeo della Beverara. Perché un conto è accogliere il singolo omosessuale, che va accolto, respected, amato e accudito spiritualmente, always. Altra cosa permettere che direttamente all’interno delle strutture ecclesiali ed ecclesiastiche siano costituiti gruppi di non meglio precisati omosessuali cattolici, che come l’esperienza ci insegna e come di prassi è quasi sempre accaduto, pongono anzitutto in discussione la dottrina e la morale della Chiesa Cattolica. Perché è la Chiesa, che deve piegarsi al capriccio del loro peccato, accoglierlo e legittimarlo, infine benedirlo. Cosa questa che la Chiesa non potrà mai fare.

.

Ogni tanto qualche vescovo mi accusa di usare toni forti, others, molto più numerosi, mi pregano invece di dare pubblica voce a ciò che loro non sempre possono dire in toni forti. E come potrei non usare toni forti, di fronte a un esercito sempre più fitto di preti che non sono più in grado di distinguere neppure il peccato dal peccatore? Però il problema non sono loro, sono io che sono duro. E nella Chiesa visibile intrisa di un non meglio precisato amore la durezza non è ammessa, perché ormai non siamo più «il sale della terra» [Mt 5, 13] ma lo zucchero della terra. As a result, benedire in chiesa durante l’azione liturgica due omosessuali che la sera tornano a giocare alla cavallina, questa è cosa veramente buona e giusta, almeno per tutti coloro che hanno deciso di mutarsi in zucchero della terra.

.

Ogni stagione storica ha i suoi personaggi, ma in circostanze di questo genere sentiamo certamente la mancanza del Sommo Pontefice Giovanni Paolo II. Perché in casi più o meno analoghi, verificatisi ormai in numerose diocesi del mondo, non avrebbe esitato a chiamare dinanzi a sé i rispettivi vescovi. E per spirito di autentica carità cristiana gli assistenti di camera, prima del loro ingresso in udienza, avrebbero raccomandato: "Excellence, prima di recarsi dal Sommo Pontefice passi dalla Farmacia Vaticana, acquisti e indossi il pannolone di contenzione, perché sarebbe sicuramente imbarazzante, per lei come per chiunque, pisciarsi addosso dinanzi al Santo Padre». Oggi le cose sono cambiate, abbiamo il presbitero padovano Marco Pozza, per gli amici Don Spritz, that in jeans e scarpette da ginnastica slacciate va a intervistare il Santo Padre e che non avendo di meglio da fare pubblica un messaggio di auguri per una coppia di suoi amici gay in occasione del loro matrimonio, salvo correggere poco dopo il post cambiando la parola “marriage” with “unione civile”. Ciò che però solo importa è di non presentarsi dinanzi al Santo Padre con una talare romana addosso e un rispettoso ferraiolo sulle spalle, perché in quel caso si può correre il rischio di essere fulminati con uno sguardo. Ma tutto finirebbe con un’occhiata fulminea, perché per far pisciare addosso qualcuno occorrerebbe la tempra che all’occorrenza sapeva avere il Santo Pontefice Giovanni Paolo II, ma soprattutto sarebbe necessaria la sua santità, perché solo i Santi, when the case requires it, riescono anche a farti pisciare addosso per la salvezza della tua anima.

.

Mio amato e venerato Carlo Caffarra, provo santa invidia per te, che sei stato chiamato nel settembre 2017 alla Casa del Padre, dove vorrei essere anch’io, risparmiando così a me stesso l’abominio della desolazione che ci attende, why now, certi nostri pavidi e improvvidi vescovi, amorevoli verso il peccato ma stizzosi verso quei loro preti che il peccato osano sempre condannarlo, da tempo ci stanno facendo veramente aspirare la grande grazia della morte.

the Island of Patmos, 16 June 2022

.

.

.

.

______________________

Dear Readers,
this magazine requires management costs that we have always faced only with your free offers. Those who wish to support our apostolic work can send us their contribution through the convenient and safe way PayPal by clicking below:

Or if you prefer you can use our
Bank account in the name of:
Editions The island of Patmos

n Agency. 59 From Rome
Iban code:
IT74R0503403259000000301118
For international bank transfers:
Codice SWIFT:
BAPPIT21D21

If you make a bank transfer, send an email to the editorial staff, the bank does not provide your email and we will not be able to send you a thank you message:
isoladipatmos@gmail.com

We thank you for the support you wish to offer to our apostolic service.

The Fathers of the Island of Patmos

.

.

.