The death of sexuality and faith in self-styled Catholics from social media who hate in the name of a “Christian love” made up of androgynous Christs and languid Madonnas, of aggressive and violent vajasse

- Church news -

THE DEATH OF SEXUALITY AND FAITH IN THE CATHOLIC SEDICENTS FROM SOCIAL MEDIA WHO HATE IN THE NAME OF A “CHRISTIAN LOVE” MADE OF CRISTI ANDROGINI E MADONNNINE LANGUIDE, OF NEEDED AGGRESSIVE AND VIOLENT

.

… and having said this I informed the pinzochera that the Word of God, true God and true man, he had a psycho-physical sex and sexuality, precisely because he was God incarnate in a real man. This is the textual answer: “You are a blasphemer, a priest's shame, a son of the devil, convert ... blasphemer!». I replied: “I will also be a blasphemer, however, I just can't imagine Our Lord Jesus Christ pissing holy water from his ears because he lacks an unseemly attribute like the male sex which is needed when needed, on a purely and naturally physiological level, also to urinate ".

.

.

.

PDF print format article

.

.

.

.

“The guillotine of the tribunal of social media“, cover of the book of the Fathers of The Island of Patmos on the theme of the pandemic, made by the Roman painter Anna Boschini (the book is available for purchase WHO)

This magazine of ours it is a place where historical arguments are addressed, philosophical and theological that we undertake to make accessible also to the general public eager to deepen the mysteries of the faith through the articles of a group of priest-theologians invested by the Holy Church of Christ with the mandate to teach, sanctify and guide i believers of Christ. And the gift priestly, O three gifts of the Church: the task of teaching, the task of sanctifying, office of government. Quite clear elements in that toxic sewer to which i are reduced social media, where an army of pinzochere rages who have confused faith with psychological terrorism, the Word of God made man with a sexless Jesus Christ photoshopped, the Virgin Mary with a Cassandra announcing catastrophes and imminent ends of the world. Each of their speeches is seasoned with rancid sauces pulled out of the great container of returning neo-paganism, if not worse by the more degenerate Pelagianism. Talk to these people, whose profiles social abound in stabbed Madonnine, unfortunately it is a waste of time. Because any priest who dared to point out their errors in matters of doctrine and faith, hence the way for an authentic journey of Christian life, well that goes you will hear an answer: «Be ashamed, you are not worthy of being called a priest!». And although he has written it and explained it several times, I go back to repeat it again: today, we priests and theologians, as absurd as it may seem, we are considered religious guides and scholars of sacred sciences - and as such also respected - by ultra secularists and non-believers, which obviously have a completely different feeling and lifestyle, while for every trifle we are badly attacked and publicly offended by lay Catholics, or self-styled, which they believe to be banners of truth, pure and authentic Christianity. These are the facts that lead me to say how right the Professor Enrico Medi, stating in the early seventies that he was not so scared of air pollution, for the atomic bomb or the danger of any new wars, but instead of being so because of the collective madness towards which humanity was falling. And of this madness, today, i social media they are model and paradigm.

.

In this jungle without rules, where with a fantasy identity you can attack and insult anyone in the worst way, some souls cloaked in modesty have accused me of making frequent indirect references, or sometimes direct, to human sexuality, declaring themselves authentic Catholics scandalized by certain jokes made by a priest. Well I will tell you that for some time I have been convinced that this kind of people are the ones who gave inspiration to the lamentation Anna Marchesini, because it is likely that she was inspired by them, when he did his hilarious sketch comedians in the role of Merope Generosa, specialist in sexology.

.

These unspecified Catholics it gives social media they are characterized by three elements all in radical contrast with faith: sexophobia, the pessimistic catastrophism, hatred that feeds on hatred and that seeks fetishes as an outlet.

.

Let's start with the first element: sexophobic, because they tend above all to identify the center of sin in human sexuality, or rather the sin of sins. If you dare to correct them and remind them that original sin does not come to life because Adam and Eve committed a sin of lust but pride - which of the seven deadly sins is the most serious of all, enough to be placed in the first place as queen and charioteer driving all the deadly sins -, their reaction will be this: «Modernist heretic slave to the perversions of the world!». But what does modernist mean to them? Above all, what do they know about this movement of thought condemned by the Holy Pontiff Pius X with the Encyclical Feeding of Dominic's Sheep? Nothing they know, it is just a word with which they try to attack and silence the interlocutors, ignoring how and why this current of thought was born and developed within the Church, not least also due to a closure and a rigor that was sometimes obsessive. Just like those who, having no arguments, try to silence the interlocutor by yelling at him "fascist!"Or" communist!”, except, however, not being able to explain how these two different socio-political currents come to life and develop. Or like when a woman who wanted to give herself a certain tone published the photograph of a designer's collection stating: «È una collezione di abiti di ispirazione metafisica». Le domandai: «Scusi, he explains to me what metaphysics is?». A few seconds later a handful of insults came in response, simply because by asking her that "innocent" question, I had implicitly given her an ignoramus who used words inappropriately without knowing their meaning. And I repeat sexophobic because these are not better specified Catholics, but above all Catholic, they have a love life, sentimental and sexual so disastrous, to the point of changing sex and human sexuality into absolute evil. And precisely by negativizing sexuality in this way they forget some fundamental elements of faith: the Word of God became man, and he was a man, Jesus Christ, with all the sexual and manly attributes of the case. So I once reminded a pinzochera by pointing out to her that Joseph and Mary presented Jesus to the Temple to have him circumcised on the eighth day of life in compliance with the Mosaic Law [cf.. LC 2, 22-39]. I explained to her that this ancient rite is called Circumcision (Brit Milah, verbatim: Pact of the Alliance) and it is performed by a pious Jewish religious who performs the function of circumciser. Then I specified that with circumcision the foreskin is removed from the male virile member leaving the glans completely uncovered. This was the circumcision of the little infant Jesus, just in case someone thought he was introduced to the Temple by a blonde Swede with blue eyes, such is Mary depicted, accompanied by a limping 80-year-old who escaped from a geriatrics ward, such is represented Joseph. For this the infant Jesus was presented to the Temple, to remove the foreskin from the divin pea, certainly not to style the blond curls with which he is depicted in the iconographic holy cards, as if instead of in the Middle East he was born in Stockholm. And having said this I informed the pinzochera that the Word of God, true God and true man, he had a psycho-physical sex and sexuality, precisely because he was God incarnate in a real man. This was the textual answer: “You are a blasphemer, a priest's shame, a son of the devil, convert ... blasphemer!». I replied: “I will also be a blasphemer, however, I just can't imagine Our Lord Jesus Christ pissing holy water from his ears because he lacks an unseemly attribute like the male sex which is needed when needed, on a purely and naturally physiological level, also to urinate ".

.

The second element is pessimistic catastrophism, typical of people unable to grasp God's love and his actions of grace on us even in the most tragic and painful situations. Suffice it to mention among the many St. Maximilian Maria Kolbe so hungry for Christ that he agreed to starve in storage of Auschwitz to save the life of a family man who was his fellow prisoner. In these self-styled Catholics, but above all Catholic, catastrophism and pessimism take on morbid features and connotations, to the point of becoming unable to see that supreme good summed up in the theological virtues of faith, hope and charity. It is precisely the virtue of hope, which is in the middle and which binds faith and charity together - the latter indicated as the most important by the Blessed Apostle Paul [cf.. The Cor 13] - they just don't know where you live. Like this, to unleash their dark and destructive pessimism through images of a catastrophic future, they usually use the Blessed Virgin Mary, facendo scempio di apparizioni e messaggi che di prassi e rigore non sono riconosciuti autentici dalla Chiesa. Quando poi prendono come elementi di pretesto a suffragio delle loro idee peregrine le apparizioni e i messaggi che sono stati invece riconosciuti come autentici, anzitutto li manipolano, poi accusano la Chiesa, per esempio nel caso della Madonna di Fatima, di avere occultato e censurato i testi, che ovviamente, needless to say, sarebbero terrificanti. Soon said: in the name of “purity” della loro fede e della loro “truth” tutta quanta nevrotico-soggettiva, non esitano a mutare la Chiesa, che è madre e maestra, in madre menzognera. In più occasioni ho cercato di spiegare alle pinzochere fanatiche della mariologia catastrofica da loro mutata in mariolatria pagana, than the messages of Our Lady of Fatima, like those of the Madonna della Salette, of Amsterdam and so on to follow, they do not constitute elements of the deposit of faith and that in I believe of the Catholic Church, also called the Nicene-Constantinopolitan Creed, we do not profess to believe in the secrets of Our Lady of Fatima and in the revelations given by herself to that or that seer, including those recognized as authentic by the Church. Having said this, I went on to explain that a Catholic could also be completely indifferent to certain Marian apparitions, because he is not obliged to be devoted either to Our Lady of Lourdes or to that of Fatima or to others, on which his faith and even the health of his soul cannot depend. Ciò che un cattolico non può fare è di negare la autenticità di ciò che la Chiesa ha riconosciuto come autentico, o peggio ancora di dichiarare invece autentico per propria emotività e puntiglio personale, ciò che la Chiesa non ha mai riconosciuto tale, for instance La Gospa dei bugiardi. In short, come spiegazione, that date, doveva essere chiara. But no, stando perlomeno alla risposta inferocita della pinzochera che sui social media mi ha urlato: «Eretico! Lei è peggio di Lutero. Shame, un prete che odia la Madonna e che ragiona peggio di un protestante … si converta, perché il giudizio della Madonna su di lei sarà terribile». Replico alla pinzochera invasata evitando di domandare a quale titolo si permettesse di additare un presbitero al pubblico sprezzo come odiatore della Beata Vergine, quindi vado al dunque e chiarisco: "You see, quando noi professiamo nel I believe “one day he will return to glory to judge the living and the dead” ci riferiamo a Cristo Dio divino giudice, non alla Madonna, who will judge no one at all, neither the living nor the dead, because it's not his job. And if there is an extraordinary creature who has always known how to stay in her own place and in the role entrusted to her by God in the mystery of the economy of salvation, this is precisely the Blessed Virgin Mary ".

.

The third element is hatred, typical of people who do not feel loved, or that have not been loved, made for them various reasons and existential problems completely incapable of loving, until reaching a process of spiritual inversion which in itself is more serious than all the worst sexual perversions put together: use love and the concept of Christian love to vent their hatred. I social media sono pieni di sedicenti cattolici e di pinzochere impazzite che in nome di unamore di Dioe di unamore per la fededel tutto svuotato della sua più profonda essenza, odiano ferocemente. Then, se un prete osa richiamarli in tal senso, le loro reazioni tendono sempre a essere violente e aggressive, soprattutto distruttive nei confronti del sacerdote, che finirà aggredito da persone che metteranno anzitutto in discussione le sue virtù umane e spirituali, la sua ortodossia dottrinale, la sua preparazione teologica e la sua esperienza pastorale. The concept of “love” di queste persone è equiparabile alle turbe assetate di sangue durante il periodo del terrore della Rivoluzione Francese, who in the name of an unspecified freedom cut off the heads on the guillotines, then, after having hoisted them on poles, they carried them triumphantly around the streets of Paris like hideous trophies. The whole, I repeat, in the name of an unspecified freedom, which is equivalent to the concept of “love” of certain self-styled Catholics who go crazy on social media. For this we Fathers de The Island of Patmos, when we put our book to the press The Church and the coronavirus, where we also address the issue of the great experts who swarm on social media, we made our friend realize, the teacher Anna Boschini, Roman painter, a cover depicting the three of us climbing the stairs towards the guillotine, while under the stage the judges of the social media.

.

Let's go back to sexuality again, key element to analyze and understand the mental perversions of certain self-styled Catholics from social media. The modest white souls, ready to scream at the scandal from above of their unspecified catholicity, they usually ignore a fundamental element: the first thing any young or old has to deal with, if he thinks he is called to the priesthood, it is precisely his sexuality. And when the word sex and sexuality is overlooked in seminars, or we are tinged with blush like the legendary Merope Generosa played by Anna Marchesini, then it happens that at best monsters are brought out, not to mention worse: subjects with unbalanced sexuality and morally disordered. The priest does not have to repress his sexuality at all, your own libido and your own erotic dimension, it must transform the whole into something else, that is, in a different way of loving and living one's sexual virility.

.

As a priest I have a human sex and sexuality, unless someone wants to deny - also in this case with the aura of the comic modesty of the legendary Merope Generosa - that the first and essential requirement is, in the absence of which the others could not possibly exist, is that the candidate for the sacred priestly order must be a male. Volendo possiamo anche aggiungere che la Chiesa non ha mai consentito l’accesso al sacerdozio a uomini affetti da malformazioni tali da impedire lo svolgimento di una regolare attività sessuale, proibendo sempre la consacrazione sacerdotale, a pena di nullità, di soggetti che per incidente o per criminale volontà altrui erano stati evirati. Essere maschi, as known, vuol dire avere, a livello anatomico, un ben preciso organo genitale in mezzo alle gambe che ha una sua non lieve incidenza anche sulla psiche, allo stesso modo in cui l’utero incide sulla psicologia della donna.

.

Posso serenamente e tristemente affermare, per esperienza sacerdotale e pastorale, che i preti problematici sono quelli che a monte non hanno fatto i conti con la loro sessualità, o che per diventare ministry bosomes hanno scelto la strada da sempre e in assoluto più sbagliata: quella di reprimere la propria sessualità, prezioso e imprescindibile dono di Dio che ci porta a un tale slancio di amore sino a farci eunuchi per il Regno dei Cieli:

.

«”Vi sono infatti eunuchi che sono nati così dal ventre della madre; ve ne sono alcuni che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca”» [Mt 19, 12].

.

Un prete che ha maturata e trasformata la propria sessualità in altro, facendosi per amore eunuco per il Regno dei Cieli, per naturale conseguenza avrà un atteggiamento e un approccio umano e spirituale molto virile e maschio. Se ciò manca, sarebbe bene porsi dei quesiti molto seri. Because virile is certainly not the libertine who jumps from one bed to another, imprisoned over fifty in a bleak adolescent dimension. Manly seriously, if anything it is the elderly priest who, despite never having known a woman in his life, because he entered the seminary a 14 years and lived in perfect continence for his whole life, when he confronts you and looks you in the face, however, all that masculine and spiritual testosterone oozes that the unrepentant libertine does not even know where to lodge. Incidentally, a personal note, but perhaps necessary to make certain concepts better understood: up to now I have had two bishops, one who died recently, the other in the chair in the full exercise of his / her duties. Two totally different personalities, sotto molti aspetti persino opposte. Una cosa, But, nella loro diversità li accomunava: due uomini veramente e profondamente virili nella fede e nella pratica della fede, quindi nella loro psicologia maschile. But so were all the formators to the priesthood that God gave me the grace to have, including the senior bishop who for years has taken care of my ongoing formation in the priesthood, that he would be able to make even a powerful head of state tremble with a single glance.

.

The Catholic Church has been invaded in recent times by unspecified faithful that transform the extraordinary comedy of Merope Generosa into a tragedy that then, in practice, it ends up falling on us priests, often with painful and even painful implications. E, always pastorally speaking, I can say that i social media they are an extensive and complex field of study which on the scientific and pastoral level is truly extraordinary. Of course I will limit myself to Catholics, or rather to those who feel they are, in particolare alle donne.

.

Le non meglio precisate cattoliche, on social media arrivano a dei livelli di offesa nei confronti di quei preti che a volte interloquiscono con loro, come mai vi giungerebbe un uomo. Non è un’ipotesi, ma un dato statistico. Pronte a soppesare ogni sillaba, a gridare allo scandalo, worse: to heresy. Donne che dall’alto della loro cattedra di dogmatica e di ecclesiologia eretta sui social media tacciano di apostasia dalla fede il Sommo Pontefice in testa, i Vescovi e tutti noi Presbiteri a seguire. Donne che ignorano i fondamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica, che confondono la Vergine Maria con la Fata Morgana o che pensano che l’agire dello Spirito Santo sia quello di Mago Merlino … ma che sono pronte a subissarti d’insulti, if in a paternal and calm way you dare to call them back and correct them.

.

At this point one might ask: and, there are many personality disorders, then there is the great planet of hysteria, which not by chance derives from the Greek root of ὕστερον (hysteron), which means uterus, purely female disorder. Indeed, when in spoken language someone has indicated a man to me as “hysterical”, I replied that in the colloquial context this term, which is not correct in itself, can also pass, but that on a scientific level a man cannot be affected by such a disorder, at least as science has defined it. Man is in fact deprived of the raw material: the uterus. So a man can be suffering from hysteria, understood in a classical clinical way, in the same way that a woman can be prone to inflammation of the prostate. In the world of neurological and psychiatric sciences there have been over time scholars who have tried to locate forms of “male hysteria”, starting with the Viennese neurologist Sigmund Freud, but without obtaining particular successes and credits in the international scientific community.

.

Why all this my attention to sexuality? I am perhaps a sex addict, as someone accused me of being? Soon said: for years I have discovered, ascertained and repeatedly experienced that behind this army of pinzochere who play intransigent Catholics on social media, hiding behind the image of a spiked Madonna and behind a name of pure fantasy, there are women who live situations that are sometimes on the verge of frustration on a human level, sexual and sentimental. For instance, one such - closely followed by several others - called me a heretic and, obviously, of the shame of a priest, simply for having written and explained that on a moral level, an abortion performed by one woman can be completely different from that practiced by another. In some particular cases an abortion, while being in and of itself an abomination, it can even be reduced to a venial sin. Incidentally: the digital illiterate is the one who is not really able to understand what he reads, then cut three words, it fossilizes on them and then leaves with a burst of insults. And this pinzochera, da tutta la mia spiegazione comprensibile e non passibile di essere fraintesa, data la delicatezza estrema del tema trattato, tagliò a sproposito due parole accusandomi di avere affermato che oggi l’aborto è solo un peccato veniale. Eppure in quel mio discorso articolato e preciso — o come si suol dire a prova d’imbecille —, avevo spiegato e chiarito bene il tutto facendo anche ricorso al caso di una giovane immatura di 18 year old, very simple, priva di cultura e conoscenza elementare, che rimasta incinta fu portata ad abortire nella assoluta certezza che in tal modo avrebbe fatto la cosa più giusta, per il bene suo e della stessa creatura che non era opportuno far nascere. However, il consiglio le era stato dato dall’anziano medico di famiglia, venerato come sede della sapienza da tutto il suo parentado. Not only, anche un altro, a dottorone dell’ospedale di città dove era stata portata dal suo paesello, le aveva detto altrettanto. E se due grandi sapienti spiegano a una ragazza immatura, semplice e fragile, che cosa deve fare e in qual modo deve farlo, lei mette in pratica il consiglio, semmai anche ringraziando coloro che gliel’hanno dato preoccupandosi a questo modo del suo bene. E qui va ricordato che per commettere delitti e peccati occorrono coscienza, volontà e deliberato consenso. In un simile caso, come si può parlare di un turpe peccato mortale? Of course, quando cresciuta, maturata e uscita dal suo ambito contadino familiare di provincia, giunse ormai venticinquenne in lacrime da me a spiegarmi che cosa aveva fatto anni prima, anzitutto la consolai, poi in parole semplici le spiegai ciò ho spiegato sin qui, assolvendola e soprattutto pregandola di non consumarsi in inutili sensi di colpa. Il senso di colpa per il peccato rimesso, non è cosa buona, quite the opposite: è una sfida al mistero d’amore della grazia e del perdono di Dio.

.

A questo punto entra in scena la pinzochera di turno, sedicente cattolica auto-proclamata dottore in teologia morale sui social media, celata di rigore dietro un nome di fantasia e con una Madonnina infilzata nel suo profilo al posto della sua foto, che scatenò su di me l’Inferno. Le due accuse più lievi — che è tutto dire — furono quelle di «eretico, apostata e prete anticristico». Then he wrote a long rant to disprove me and affirm that «the sense of guilt, after committing certain sins, he must never abandon us, even if one has been acquitted ". What to say: the great master of Catholic morality Alfonso Maria de ’Liguori, Bishop and Holy Doctor of the Church, in the face of so much theological science he would surely have pale and sunk into inferiority complexes. Shortly after I was contacted by a priest brother who, struck by that avalanche of insults, explained to me who this woman really was., expelled several times by the parish priests of various parishes, to one of whom he even interrupted his Sunday homily by starting to invoke him: «You don't know the Gospel, converted: modernist!». So much so that the parish priest, under of the article 405 of the Criminal Code la denunciò per avere turbato l’esercizio di una pubblica funzione religiosa all’interno di un luogo di culto. Ma ecco chi era questa donna: una povera infelice incattivita lasciata dal marito, un commerciante che fatti soldi e giunto vicino ai sessant’anni d’età la mollò in preda alla sua menopausa per andare a vivere con una ragazza slava di trent’anni ― dopo averla cornificata per una vita intera ―, nonché madre di una figlia nota in tutto il circondario, perché a partire dall’età di 13 anni saltava senza sosta da un maschietto all’altro, al punto che non solo le madri delle ragazzine, ma persino quelle dei maschietti non volevano che i loro figli la frequentassero. All’età di appena 16, una domenica mattina, forse mentre la madre era in chissà quale chiesa parrocchiale a far girare le palle a qualche povero prete, giunse presso il pronto soccorso cittadino con l’amica di scorribande per chiedere la “morning after pill”, onde evitare problemi dopo le bravate del sabato sera.

.

Dietro certi profili di fantasia, sui quali spiccano Cristi androgini photoshoppati e Madonnine languide, ho scoperto veramente di tutto e di più, perché con i buoni uffici di certi cari amici sono giunto alla vera identità di svariate pinzochere, quindi oggi sono in grado di fare non solo analisi ma persino statistiche. For instance, quella che mi urlò e mi scrisse tutto in maiuscolo: «Be ashamed, shame on you, shame on you!», per avere postato su una pagina social la foto mia assieme alla trans Vlady Guadagno, mia amica, known to the general public with the artistic name of Luxuria, while we were smiling together in the Mediaset studios in Cologno Monzese, she was the mother of a boy who was not only outspoken gay, but who was living with his partner with whom he had gone to get married in the Canaries. Then, the hubby amorous left him for another boy. A quel point, the poor consort betrayed and abandoned, attempted suicide. Yet she was the very mother of this hubby betrayed that hidden behind a fake name and a photo of San Pio da Pietrelcina put in place of his face, covered me with insults calling me the "bad priest" and the "priest without morals". And you know what my being a priest without morals consisted of? It consisted in having explained and then reduced the masturbation of adolescents to a small sin, in that speech of mine scrupulously adhering to what is written and explained in the Catechism of the Catholic Church which it recites:

.

"To form an equitable judgment about the subjects' moral responsibility and to guide pastoral action, It will take into account the affective immaturity, force of acquired habit, conditions of anxiety, or other psychological or social factors that may mitigate, if not minimize, moral culpability " [see n. 2352].

.

From time to time I deal with the themes of human sexuality on a theological and ecclesiological level certainly not devoid of smug amusement, knowing how certain subjects immediately jump out into the open in an aggressive and violent way on social media. This is how people who do not feel loved or do not have the ability to love themselves react and come out into the open, they sink into reactive hatred, finding in certain social media a portentous relief valve, which, however, risks worsening their human and psychological conditions, trascinando nel meccanismo dell’odio tante altre persone che poi contribuiscono a creare un ambiente odioso-rissoso.

.

Per comprendere i livelli di odio e violenza alla quale possono giungere soggetti psicolabili, specie coloro che sono affetti — indistintamente uomini, ma ahimè soprattutto donne — da narcisismo aggressivo delirante, vi narrerò un episodio nel quale mi trovai coinvolto un paio d’anni fa. Ve lo narro solo perché è uno spaccato, anzi un paradigma del mondo dei social nel quale chicchessia può affermare e scrivere senza alcun filtro e controllo ciò che vuole, soprattutto cascate di idiozie più forti di quelle del Niagara.

.

Here's the story: un giorno mi giunse l’aggiornamento di una pagina social di una sedicente napoletana. E qui apro un lungo inciso: I say “sedicente” because being Neapolitan understandably does a lot chic. I would like to see the opposite: Naples was one of the largest capitals in Europe. Many of the capitals that are so celebrated today, for example Vienna, Paris, Berlin, but also our own Milan, compared to Naples in the sixteenth-nineteenth century they were little more than towns. Not to mention the historical assets, artistic and monumental. Naples, and together with it the other capital of the Bourbon Kingdom, Palermo, they were not only two great European capitals, but above all places of art and culture without equal in our ancient continent.

.

Wolfgang Amadeus Mozart - to take just one among many purely by way of example - going to Italy he was not impressed by Milan and its Ducal Theater, but he literally went into ecstasy when he arrived in the great Naples in May of 1770, where he was fascinated by that city and its great theater, especially from art, from the culture and musical school of the Partonepe people.

.

This is to clarify what to say "I'm Neapolitan" undoubtedly gives a certain tone to the person. Like when I boast my Roman family roots, although to be honest I must specify that I was born in the lower Tuscan Maremma, a few kilometers from the border with Lazio, from a paternal family of old Roman origin and from a Tuscan maternal family. Therefore, to those who ask me about my birthplace, I have to answer that I am Tuscan-Roman. Then, if the son of two immigrants from lower Calabria who was born in Rome, in a light-hearted tone he tells me ... «Ah, roman you?», at that point it will be up to me to reiterate that the Roman origins of my ancestors are lost far back in time, contrary to yours. And here I am reminded of a young woman from an old Roman family who cannot be older, to be exact, belonging to a cadet branch of the Torlonia, born in the United States of a Roman father and an American mother. When a cheerful pischello, trying to approach her - she was a beautiful girl - he asked her where she came from, in response he retorted: "I come from a Roman family". The boarder laughed amused: "Already, Roman with this American accent?». Impassively she asks: "I can know what your last name is?». he responds: «Mancuso, why do you ask me that?». The beautiful girl smiles slyly: "You see, my surname is Torlonia. I will also have an American accent, since I was born in the United States of America, but I am certainly Roman from a Roman family much more than a Mancuso ". Last name, to clarify to the reader, widespread in the Calabrian area of ​​Catanzaro, ancient and noble city of ancient Magna Graecia.

.

Before this dutiful incident I was narrating that one day I received a page update social di una sedicente napoletana. And I say self-styled because the “noblewoman” in question lived in a suburb of Caserta, which as we know is not exactly the Vomero, Capodimonte or the Spanish Quarters. The poor wretch, putting together a jumble of black legends today denied even by liberal scholars and Protestant historians, con un maldestro copia e incolla aveva scritto un post celebrativo sulla figura del “great” ed “heroic” Giordano Bruno da Nola, bruciato al rogo in Campo dei Fiori nel 1600 dalla Chiesa cattiva dell’epoca. Avendo un telefonino nuovo che non sapevo ancora usare bene, leggendo quel post mi parte senza volere e accorgermene la emoticon di una faccia sorridente. Me ne accorsi quando mi giunse un altro avviso con questo delicato messaggio: «Che cazzo hai da ridere?». Dopo qualche perplessità dissi tra di me: "No, non è possibile che sia Donna Fiammetta Caracciolo Carafa, che conobbi a suo tempo con il suo nobile consorte Don Oderisio deSangro di Fondi. Non solo perché, at this point, sono morti tutti e due, ma perché una nobile partenopea di così antico lignaggio e casato principesco non si rivolgerebbe mai a questo modo nei riguardi di un prete su una pubblica pagina social».

.

quando delle gentildonne si rivolsero a me in quanto prete con questo tono, dopodiché protestarono persino presso il mio Vescovo

A quel point con amabilità pastorale, nonché adempiendo al mio dovere di studioso, risposi che la emoticon con la faccina ridente mi era partita senza che neppure me ne fossi accorto e che pertanto era da considerarsi cosa involontaria. Chiarito il tutto le scrissi un post di una ventina di righe precisandole che non era serio lanciarsi pubblicamente in argomenti così complessi sul piano storico e giuridico, posto tra l’altro che i giudici del Tribunale dell’Inquisizione fecero il possibile e persino l’impossibile per salvare Giordano Bruno. Il suo processo durò 15 long years, fu annullato due volte per risibili difetti di forma e nel mentre fu fatto di tutto per indurlo a ravvedersi dalle sue gravissime eresie. Because, che Giordano Bruno fosse un eretico, su questo c’è ben poco da discutere. E conclusi invitando questa gentildonna — sempre con grande amabilità — a non lanciarsi in mestieri sul piano storico, giuridico e teologico che non erano propriamente mestieri suoi. Poco dopo la nobildonnanapoletanissima”, residente però nei sobborghi di Caserta, throws me a string of insults to make a prostitute leaning against the lamppost turn pale, cursing on a rainy night for lack of customers. A quel point, always without ever leaving the lines, after being inundated with vulgar sexual insults, after being attacked by his wives in the lower-Caserta washhouse who called me "half a priest" wearing a "shit tunic", jokingly e, I repeat, never ever offensive, I reply saying: «In front of a woman like you, I thank and bless God for the great gift of celibacy and chastity ". And shortly after, in a dialect from the slums of Caserta comes a public reply which I offer you translated directly into Italian. The noblewoman, I speak publicly with another of his mates from the slums, he writes verbatim about me: “If he hadn't taken the vow (of chastity) he would only have done the saws, with the cock that a woman like us gave it to an asshole like Ariel S. Levi di Gualdo ". A very short note: looking at the photographs of this Lady and her Wives published on their page social, anyone would have instantly understood how in front of such beauties the whole Addams family, even it uncle Fester.

.

delicacies on the part of quarrelsome ladies unleashed on social media

I hope the politically correct don't accuse me of inciting violence against women, if in the face of such vulgarities I affirm in a hilarious tone: if such women do not have fathers or husbands who, after reading certain public messages, do not give up two pedagogical slaps, o se non hanno figli che a madri simili non dicono di provare vergogna per loro, è evidente che se mariti e figli non sono peggiori, perlomeno sono tal quali alle madri. A quel point, sempre in modo ironico e mai offensivo, ribatto: «Si comporti da donna civile, lei e le sue amiche autrici di questi commenti, perché state dimostrando di essere peggio delle vajasse al lavatoio». Vi confesso che la parola vajassa la imparai dal mio confratello sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini Ivano Liguori, che per metà è campano per ramo paterno e per metà sardo per ramo materno. Let's clarify: questo termine del dialetto napoletano significa, in senso etimologico, “serva” O “domestica”. In seguito divenne sinonimo di donna di bassa estrazione sociale caratterizzata da atteggiamenti sguaiati, volgari e rissosi. And so it was that the noblewomen, after insulting me from head to toe, after showering me with vulgar insults, finally feeling defined vajasse, they started screaming at the lese majesty attack. Then, totally distorting reality, they turned me into an offender by presenting themselves as poor vilified victims.

.

I stop at this point in the narrative, because I think it will be enough. Now I go on to tell the absurd consequences of social schizophrenia, always to clarify what levels the freaks who go crazy on certain platforms can reach ... and so these women, in the head the ferocious administrator of that page, all ’ today, after more than two years, they continue to pour out the worst kind of wickedness and vulgarity on me, attributing to me what I have never written and affirmed. Di tanto in tanto prendono due e tre righe da qualche mio articolo, le tagliano, fanno uno screen-shot e mi attribuiscono ciò che mai ho neppure pensato. Come peraltro dimostra l’articolo stesso dal quale è stato operato quel taglio di due o tre righe, nel quale affermo proprio il contrario di ciò che mi viene imputato.

.

Prima di procedere oltre è importante chiarire con un esempio concreto quest’ultimo passaggio delicato e soprattutto fondamentale, illustrando nei dettagli la tecnica con la quale gli odiatori confezionano bombe di fango da far esplodere sui social media per danneggiare l’immagine, la reputazione o la credibilità scientifica, intellectual, ecclesiastica o teologica della persona che hanno deciso di colpire. Ecco dunque servito l’esempio concreto: in un precedente passaggio di questa mia narrazione, all’interno di un discorso molto serio nel quale parlo dell’incarnazione del Verbo di Dio e di Cristo vero Dio e vero uomo, facendo uso di una iperbole retorica affermo: «[…] non riesco proprio a immaginare Nostro Signore Gesù Cristo che piscia acquasanta dalle orecchie perché privo di un attributo sconveniente come il sesso maschile». Soon said: tagliare queste due righe da un contesto molto serio tutto quanto legato al fondamentale mistero di fede della incarnazione del Verbo di Dio, sarebbe a tal punto disonesto da valicare ogni limite della umana decenza. Ma proprio questa è la disonestà su cui giocano da sempre le vajasse usate non certo come singole e povere persone bensì unicamente come paradigma, capaci a tagliare da uno scritto una frase di questo genere, farne uno screen-shot e poi diffonderlo sui social media indicandomi al pubblico disprezzo come un prete infame che osa fare persino della satira su Gesù Cristo (!?). «Un prete al quale non si capisce proprio» — tuonano le vajasse-paradigma nei loro commenti — «come possano lasciare la tonaca addosso». Obviously, and always practice, at the screen-shot non è mai allegato il link dove chiunque potrebbe aprire l’articolo, leggerlo per intero, quindi appurare che l’Autore indicato al pubblico disprezzo ha scritto l’esatto contrario, il tutto in un discorso articolato e preciso. A quel point, sotto il post nel quale è stato riportato quello screen-shot di due righe, cominciano a moltiplicarsi i commenti feroci e offensivi di varie altre comari, che lungi dall’andare a cercare l’articolo in questione e appurare che cosa realmente questo «prete indegno» ha scritto, cominciano a emanare sentenze feroci su quelle due righe, senza conoscere né l’Autore e meno che mai il suo scritto. Ovviamente è tutto vero, non se ne discute, c’è la prova: ecco lo screen-shot! Capite bene che siamo parecchio oltre il problema dell’analfabetismo digitale di coloro che — lungi dal leggere un articolo da cima a fondo —, letto titolo e sottotitolo e spulciato in pochi secondi un testo che tratta semmai argomenti storici, filosofici, teologici e socio-pastorali molto complessi, alla fine decidono di capire quel che vogliono capire. Nel caso appena illustrato siamo invece di fronte alla malafede con connotati di autentica malvagità. Esattamente quella malafede che nasce dalla cattiveria tutta tipica delle persone che mentono sapendo di mentire, proprio come queste vajasse-paradigma animate dal bisogno insopprimibile di scaricare odio su una persona che per motivi o disagi psicologici loro personali decidono di usare come tiro al bersaglio, facendo gruppo e condizionandosi le une con le altre attraverso odio che genera odio, narrandosi menzogne le une con le altre, poi convincendosi le une con le altre che quelle falsità sono verità al di fuori di ogni possibile dubbio. Oggetto d’odio potrei essere io allo stesso modo in cui potrebbe esserlo il Primo Ministro della Repubblica Italiana oggi in carica, o quello che lo fu prima di lui, oppure i virologi tacciati di incompetenza e ignoranza da persone che se interrogate a tal proposito non saprebbero spiegare neppure in modo elementare che cos’è un virus, per seguire con noi preti colpevoli a vario titolo di tradire il messaggio autentico di Gesù Cristo, il tutto affermato con severità e violenza da persone di imprecisato spirito cristiano che nei loro commenti precedenti si sono appena dichiarate favorevoli all’aborto, all’eutanasia, al matrimonio tra coppie dello stesso sesso e via dicendo, il tutto giustificato dal fatto che a loro dire «ma Gesù è amore!». Non importa quale sia l’oggetto, perché può essere il più disparato, dal giocatore di pallacanestro sino al chirurgo oncologico, the important, for these people, is to focus on a subject, to target it and transform it into a fetishist object on which to unload hatred in the worst way.

.

Having clarified everything I consider useless, at least now, to open another complex discourse on the great masters of the social media, that on this round of hate that generates hatred they make money, except to trigger the censorship if one dares to post the image of Venus of Botticelli, read by their absurd algorithms as a pornographic image. In short, certi social media they are not the realm of science, of art and culture, but the ideal universe where they live and go crazy vajasse-paradigma liars, violent and quarrelsome.

.

Reading invectives of this kind addressed to Father Ariel sui social media , one of his Chinese confreres who had lived in Rome for many years commented on this: «Durante la rivoluzione di Mao i preti furono catturati e nella migliore delle ipotesi incarcerati in prigioni orrende, ma nessun comunista maoista si è mai rivolto a loro rovesciandogli addosso una simile e volgare violenza verbale». That is all to say …

Dopo avere insultato un prete in modo violento, the vajasse-paradigma contattano il mio Vescovo, commettendo così un reato dietro l’altro. A, presentandosi come avvocato in procinto di querelarmi e chiedere per me, roughly, la stessa condanna a 25 anni di reclusione irrogata ad Ali Ağca per avere attentato alla vita del Sommo Pontefice Giovanni Paolo II. Un’altra chiese un colloquio telefonico col mio Vescovo per intimargli — udite, hear! — che se lui mi avesse irrogato le “dovute” e severe pene canoniche loro avrebbero desistito concedendomiclemenza. And here we fall into various types of offenses related to the abuse of a professional qualification - that of a lawyer which requires registration in a professional register and a qualification to practice the profession - put in place, moreover, with the representative of a body governed by public law, such is the bishop of a diocese according to the law, from the vajassa-paradigm on duty fully qualified to exercise the legal profession. After this they sent to my Bishop only the screen-shOt in which in an amused and ironic tone I responded - without insulting any of them - to attacks of unspeakable vulgarity and truly unprecedented violence. Ovviamente provvidi subito a inviare al Vescovo quanto mi avevano scritto e lanciato addosso queste gentildonne. Needless to say, rimase malissimo sia per la violenza che per i toni volgari con i quali delle popolane al lavatoio dei bassifondi di paese si erano permesse di rivolgersi a un suo prete nella maniera in cui mai avrebbe osato fare una prostituta professionista. And I, che a Roma ho dedicato parte del mio apostolato alle prostitute che lavoravano sul tratto della Via Aurelia che va dalla Capitale fino a Castel di Guido, conosco bene il garbo che queste donne avevano verso il sacerdote, usando sempre nei suoi riguardi rispetto e affetto.

.

il trofeo esibito sui social media give her vajasse: la ricevuta di ritorno della raccomandata inviata al Sommo Pontefice con richiesta – o meglio con l’ordine da loro impartito – di procedere quanto prima a “spretizzare” Ariel S. Levi di Gualdo

Dato che il Vescovo non dette loro credito, inviarono una lettera al Sommo Pontefice, pubblicando poi nei loro profili la ricevuta di ritorno della raccomandata, come fosse una via di mezzo tra un trofeo e una bolla di scomunica. In quella lettera chiesero all’incirca dispretizzarmi”. Poi se la presero col mio Vescovo, a loro dire colpevole di non avere eseguito direttive e comandi da loro dati. Perché come risaputo un Vescovo sarebbe tenuto, anzi obbligato a prendere direttive da lavandaie volgari e rissose che passano gran parte del loro tempo sui social media to insolent in the worst way those who decide to target, following the orders that they gave after having insolent a priest in the worst way possible. Otherwise, if it doesn't do this, what kind of bishop he is?

.

With an ironic joke now let's try to summarize it all, to fix with a pertinent image at what levels of delirium and dissociation from reality certain people can live in concrete facts. Let's say that I, while I was in Mediaset's offices in Milan for the various programs in which I participated, I had told Paolo Del Debbio: "I felt, my friend, I need to speak to Silvio Berlusconi urgently ". Obviously he would have laughed thinking about a joke of mine, knowing full well that I am an intelligent and rational mind, not an idiot. Said this, I insist. A quel punto lui mi chiede il motivo di quel mio bisogno urgente. Al che rispondo: «Perché a casa mia ogni tanto Rete4 non si vede bene, per ciò esigo che Silvio Berlusconi mi sistemi la recezione della mia antenna televisiva nel modo in cui io gli indicherò di fare». Una cosa del genere detta da me a Paolo Del Debbio, lo avrebbe fatto morire dal ridere, then, soon after, avrebbe fatto il giro di tutta la redazione facendo ridere tutti quanti i redattori, che sapendo anch’essi quanto io sia una mente intelligente e razionale, avrebbero detto che il Padre Ariel ha un senso dell’umorismo esilarante. Nel caso delle vajasse-paradigma aspiranti napoletane veraci, emblema della violenza, della manipolazione, dei barbari taglia e cuci fatti da certe persone sui social media e della necessità psicofisica di odiare, bisogna invece ridere per altro verso. Indeed, queste nobildonne, dopo essersi dichiarate rammaricate per il mio Vescovo che non mi aveva tolto la veste talare di dosso e condannato pubblicamente, si sono amareggiate ulteriormente perché il Santo Padre al quale avevano scritto per ben due volte — come da loro dichiarato e con tanto di ricevuta della raccomandata esibita —, non aveva mai preso alcun provvedimento su di me, dando in tal modo esecuzioni agli ordini impartiti dalle lavandaie violente e rissose non solo al mio Vescovo, ma persino al Romano Pontefice, che come minimo avrebbe dovuto richiedere in comodato d’uso al Comune di Roma Castel Sant’Angelo per rinchiudermi nelle sue carceri interne e gettando poi la chiave della cella nelle acque del Tevere. Quindi non riuscivano a farsene proprio una ragione, al punto tale da seguitare a scrivere: «Come possono non punire severamente un prete del genere, dopo tutto quello che noi abbiamo scritto a Papa Francesco?». In short, hanno preteso che Silvio Berlusconi, dietro sottile minaccia a fare come loro volevano e nel modo in cui volevano, provvedesse a sistemargli l’antenna della televisione, perché in caso contrario lo avrebbero denunciato alla Comunità Europea, what am I saying, direttamente alla Società delle Nazioni Unite, chiedendo in caso contrario l’immediato intervento dei caschi blu dell’O.N.U. per assediare la cittadella di Mediaset a Cologno Monzese.

.

Un mio ex compagno di studi, oggi Procuratore della Repubblica in un capoluogo di regione, in tono affatto divertito, bensì molto irritato, mi narrò tempo fa che i Pubblici Ministeri, giorno dietro giorno archiviano querele assurde presentate per i motivi più folli e irrazionali da persone che, sempre più numerose, credono veramente che la Legge possa essere applicata — e di rigore anche con assoluta severità — per rendere la massima giustizia alla incontenibile iper-suscettibilità e al narcisismo ipertrofico di certi soggetti che vivono nel pianeta surreale dei social media anziché nel mondo del reale. Mi confidò che uno dei suoi Pubblici Ministeri gli fece leggere un giorno una querela nella quale una tale aveva querelato un uomo perché sotto la foto da lei postata sulla sua pubblica pagina social, con lei ritratta in costume da bagno, aveva postato una emoticon con una faccetta ridente che faceva una linguaccia.

.

Con questo esempio l’amico magistrato riassunse il dramma delle vajasse-paradigma testé narrate e affini vari. Tutte queste persone hanno in comune anche un’altra caratteristica, o meglio il vezzo di usare i termini medioevo e medievale come parole insultanti con le quali bollare coloro che hanno mutato in feticci sui quali scaricare odio, all’incirca come uno stregone voodoo pratica la macumba piantando spilloni su una bambolina di pezza. E provate a spiegarlo a questo esercito di analfabeti digitali e di rissosi violenti che il Medioevo è quel monachesimo benedettino che ha dato vita al concetto e alla parola stessa di Europa e che ci ha trasmesso secoli e secoli di sapere, che senza il circuito dei monasteri benedettini sarebbe andato perduto per sempre. O che il medioevo sono Anselmo d’Aosta e Tommaso d’Aquino, per seguire con Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio. E provate poi a spiegare che il Medioevo, diviso in tre distinte epoche nel lasso di quasi dieci secoli, è stato un fiorire di arti e scienze in ogni dove. Quel che loro intendono come medioevo — ma che nel vero Medioevo non è invece esistito mai — è ciò che oggi esiste invece nel mondo dei social media, attraverso i quali l’uomo, dietro falsi pretesti di progresso e di libertà, ha perduto ogni genere di continenza, pudore e misura, sino a regredire ai sassi e alla fionda della preistoria, sino a dare il peggio di sé stesso come mai aveva fatto prima. Aveva per ciò ragione in tal senso Umberto Eco affermando:

.

«I social media they give the right to speak to legions of idiots who previously only spoke at the bar after a glass of wine, without damaging the community. They were immediately silenced, while now they have the same right to speak as a Nobel Prize winner. It is the invasion of imbeciles ".

.

Magari l’uomo di oggi avesse la mente speculativa, l’estro creativo e il senso critico che aveva l’uomo del basso, medio e tardo Medioevo, maybe! And unfortunately, da questa grande e incontrollabile fogna, affiorano in superficie anche molti sedicenti cattolici e donne variamente frustrate e infelici celate dietro Cristi fluidi e Madonnine languide, che costituiscono la negazione peggiore della Christianitas.

.

Dentro i social media io entro, scrivo e dibatto con lo spirito del buon pastore che non esita a entrare all’occorrenza anche dentro un bordello dei peggiori bassifondi, nella consapevolezza che non riuscirà mai a togliere dal giro tutte le prostitute che vi lavorano, But, una o due, può anche essere che riesca a indurle a un cambio di vita. Il buon pastore non esita ad andare in un circolo di drogati, o di malavitosi, consapevole che ben pochi saranno quelli che riuscirà a strappare alla tossicodipendenza o ai giri della criminalità organizzata, ma sappiamo quanto per Dio anche una sola anima è molto preziosa.

.

Dad, perché ogni tanto sui social media dici parolacce? It's true, ogni tanto uso un linguaggio colorito. Però vi chiedo: qualcuno pensa veramente che lo faccia per caso, o peggio per incontinenza verbale? Ebbene ve lo confesso: nell’ambito dei social media ho indotto alla ragione più persone con una parolaccia che con una Ave Maria. Ogni impresa richiede delle precise tecniche di azione, ogni ambito richiede il proprio linguaggio espressivo: non si parla di metafisica a un analfabeta e al tempo stesso non si dovrebbe trattare un metafisico come se fosse un perfetto analfabeta. A una cena di gala presso un’ambasciata si sgusciano i gamberetti con coltello e forchetta, altrettanto si toglie la buccia alla frutta, mentre in un’osteria di pescatori si sgusciano i gamberetti con le mani e si sbuccia la frutta con il coltello tenendola stretta tra le mani. Non si usano le mani in certi contesti e in altri sarebbe offensivo per tutti i presenti usare invece coltello e forchetta. Tutto questo si chiama semplicemente e null’altro che buonsenso.

.

Sono queste oggi, nel mondo affatto felice in cui viviamo, le grandi e difficili sfide pastorali che noi preti dobbiamo affrontare, if necessary with a knife and fork, in other contexts by greasing his fingers with shrimp shells. And believe me if from experience as a priest, pastor in the care of souls and theologian I tell you very clearly: as an enterprise it is by no means a small thing, in the modern world of the man of stone and the slingshot that today rages on social media, except ironically with all his crass ignorance about the open mind, creative and speculative that the man of the Middle Ages had instead.

.

the Island of Patmos, 14 January 2022

.

.

I social media they work like this: believe that you have the right to offend anyone without limits and without filters, But, if the offended person responds in kind, at that point, who offended you, immediately state that he has been offended by you (!?). Then, if the offender is a woman, in that case, who was offended and dared to argue, is gravely guilty of having “offended a woman”. This is the “logic” of the social media.

.

.

Some pearls of wisdom of the vajasse-paradigma who spend their days on social media to give history lessons, philosophy, medicine, policy, quantum physics, theology, art and so on and so forth … and who attack and insult without filters and limits anyone who dares to contradict the expressions of theirs “high wisdom”, in those social media now reduced to a planet "invaded by legions of imbeciles who have the same right to speak as a Nobel Prize winner", as Umberto Eco complained several years ago.

.

.

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanks [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.