A sanus conservatism

Abhorret a vacuo traditionalismus

Et confusa cum modernismi Lefebvrians, quod etiam praesens sit apud Catholicam hodie, Et quia sanam doctrinam Christianae vitae in progressivism, quod factum est a Concilio, qui facit nos loqui de sano progressivism. Malus traditionalism finem historiae, It does not include in valore novae, ad perennis mummifies, Cum pudore confundit, motus res immobiles, otio conlecta,, constantia et rigore, creta solidanda tenaci obriguerunt, cum copia conservatism, pietas cum expleretur, et progressus ad subversionem, praeteritis stationarius, Non est capax valores ac simul uti in difficultates de praesenti et futuro spes.

 

 

 

Author Cavalcoli OP
auctor
Giovanni Cavalcoli OP
Pius X,  1
sancti Pontificis Pii X

Celebre enim erat sententia cum S. Pio X, qui dixerunt, seppur in un colloquio privato e non in un documento ufficiale, che il cattolico non può che essere un tradizionalista. Se la confrontiamo con l’attacco ai “traditionalistae” fatto da Papa Bergoglio nel suo discorso al recente sinodo dei vescovi sulla famiglia, ci pare che molta acqua sia passata sotto i ponti nel Magistero pontificio. Et pro, a parte le legittime o discutibili preferenze od opinioni personali dei due Papi, dobbiamo fare alcune precisazioni, al termine delle quali, spero autem, ci accorgeremo che la distanza per non dire opposizione non è così grande quanto a tutta prima potrebbe sembrare.

Chiediamoci infatti che cosa i due Papi hanno inteso qui peramore alla tradizione”. Quale tradizione? Tradizione in che senso? “Amorecome e quanto? Dovrebbe subito apparire evidente, per il cattolico istruito ed attento ai fatti ecclesiali di oggi, che il termine “traditionem,” è inteso in due sensi diversi, adeo ut, chiarendo i rispettivi significati del medesimo termine, potremmo esser sicuri che i due Papi si sarebbero dati ragione a vicenda. in facto,, mentre Pio X si riferiva chiaramente alla Sacra Tradizione, quod, insieme con la Scrittura, è fonte della divina Rivelazione custodita e interpretata infallibilmente dal Magistero della Chiesa, Papa Francesco ha evidentemente condannato un certo “traditionalismus”, quod, male interpretando la Sacra Tradizione o prendendola a pretesto, nega l’infallibilità o la verità, ovvero osa accusare di errore o di possibilità di errore il Magistero dottrinale del Concilio Vaticano II e, Itaque, il Magistero che ad esso si rifà, dei Papi successivi, fino al presente felicemente regnante.

Se pensiamo alla Sacra Tradizione, è ovvio che il cattolico non può essere che traditionem,traditionalist. in facto,, si può dire in certo modo che tutto il contenuto della dottrina della fede è oggetto della tradizione apostolica, secondo il Nuovo Testamento, intesa ad un tempo come atto del trasmettere o del predicare a voce, tradere [rm 6,17; I Cor 11,23; 15, 3; II Tim 2,2; Gd 3], e contenuto della predicazione, traditum [I Cor 11,2; T II 2,15; I Tim 6,20]. Infatti Cristo non ha detto agli apostoliscrivete” quod, come farebbe un maestro di scuola: “prendete appunti”, sed: “predicate”, e per giunta a viva voce, usque ad consummationem saeculi, giacchè allora non a esistevano i moderni mezzi tecnici di comunicazione orale. Tuttavia l’annuncio della Parola di Dio a viva voce, nonostante l’esistenza oggi di raffinati e potentissimi mezzi di comunicazione, resta sempre di primaria importanza, che vorremmo dire quasi sacramentale.

homilia
il Santo Padre durante un’omelia

Videtur quod sacerdos in missa in Fusius disputatis adde aut verbam per confessionem confitentis. Et peculiari gratia luminis, coniuncta cum sacramento transmit, Qui sacerdos non erat et gradus academicos adipiscantur, Hoc S. Ioannes Vianney tamquam seu S. Pium de Pietrelcina. Propter quod audivit Missam in Ecclesia, ut nobis narrat TV, quasi vero iustus ostendo, audiebat non habet eamdem escam spiritalem illius in valore ipsius celebrantis neque praesentia physica est esse fateor, ut per phone, Tum vocamus tua medicus consilium vel auxilium petere, ut.

apostoli
Iesus apostolos docebat

Est satis intellegi tamen, quae ipsorum apostolorum, magis memoriter retinere, Et sunt placuit ad induendum vel in scripta relatis sermonibus Domini. Et sic Novum Testamentum natus est, ut consummaretur scriptura, quod additum est, quod ad Vetus Testamentum, simili modo natus est, quamquam fortuna non defuit, in quibus deus nobis scribere [quia. Dt 6,9; 11,20]. Imperat tibi scribere etiam Dominus apud Johannem, [19,9: 21,5].
Sed ut tum ad mandatum Christi Evangelio, et Apostolorum vox transmit, semper rely. Et est quidem Ecclesiae Magisterium, quod divinitus assistitur per Spiritus Sancti, magisterium, ut per Christi,, Non habet opus servandi, denuntiata infallibiliter utraque ita consuescant legere et explicare quae data est per traditionem sacre Scripture: “Qui vos, Ascolta Similitudine me” [Lc 10,16]. Falli igitur Lutherus velle interpretantes neglecto Ecclesiae Archiepiscopi Lefebvre mediantibus fama male interpretari volunt id fieri, quia illi qui explicationibus II.

vos certe hoc est quod Papa et traditionalismus referred in oratione ad synodum. autem, hoc enim nefas est dicere quod non omne traditionalismus. Quod nemo sanae concepto nihil vetat conservatism, quod, sine aliquo modo cadebat in terram novam, in doctrina, a Concilio proposita bene interpretata, Adhuc plene viget monitio valet institutio experiri peculiari cura in pre-, praesertim dogma habet immutabilitatem, quod potest fieri re-aestimandas peto et pro utilitate Ecclesiae temporis nostri.

Tomas armat 3
il Servo di Dio domenicano Tomas Tyn

I lefevriani confondono col modernismo — che pure è presente nel cattolicesimo di oggi — quel sano progressismo nella dottrina e nella vita cristiana, quod factum est a Concilio, qui facit nos loqui de sano progressivism, come per esempio quello di un Maritain, di uno Spiazzi, di un Ratzinger e di un Congar, accanto a un sano tradizionalismo, come è stato quello del Servo di Dio Padre Tomas Tyn, al quale ho dedicato una biografia, published in 2007 da Fede&cultura: “Pater Tomas armat. A post Concilium Vaticanum traditionalist” [videre qui], un titolo apparentemente strano, che non è stato compreso da tutti, che avevo studiato con la massima attenzione e del quale non mi sono affatto pentito. Esso significa che un sano tradizionalismo non si trova affatto a disagio nella Chiesa del postconcilio, sed, ricordando e conservando ciò che non può perire o mutare, Dat operam et inevitabile officium nempe sit bonum Ecclesiae, cum sanam mutuo progressivism, factum ex eo quod non; e converso malum finem historiae traditionalism, It does not include in valore novae, ad perennis mummifies, Cum pudore confundit, motus res immobiles, otio conlecta,, constantia et rigore, creta solidanda tenaci obriguerunt, cum copia conservatism, pietas cum expleretur, et progressus ad subversionem, praeteritis stationarius, Non est capax valores ac simul uti in difficultates de praesenti et futuro spes.

funem
trahitis belli

Nos volo Sancti Patris, quæ est sita in media ex conflictu modernistae ac dura lefevriani, esse poterit cum effectu agunt, per Deprecante ideo Maria Regina Pacis, contrarias partes conciliari binis, nostrum laceratur in quibus ecclesia, traditionem et progressum est non sanus haberi cooperantur in irae ac sana recentioris aetatis expanding Ecclesia magis magisque veluti prospectus patefaciat amp de justitia, et pax.

Avatar

About isoladipatmos

In una cogitatione "A sanus conservatism

  1. Ego vicem doleres, cum me per ómnia sæcula statum rediit, et gratias agens catholica peculiari modo ed evangelizationem 2.0 sedeprivazionisti de Savoia Verrua. Pro duobus annis EGO tendo ire quotidie Missam “New” (ut videtur, non est malum, invalidum aut alium).

    qui dixerunt, Nescio,: Hoc vere est quasi fortes “current” lefevriana? Non est aliquantulus Overestimating?

    Tardus vasa ex hoc blog, qui tamen cum voluptate lego, derelinquas me a frenum’ dum mente consternatæ.

    bonum Solis!
    Paulus.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.