Pater mi Alessandro Minutella: Difenditi. Sed turpi honoris causa cum Romano Pontifice necnon vetus non cadit in captionem Martini Lutheri

Pater juste ALEXANDRUM Minutella: te defendere. Sed honorem Romano Pontifice absque insidiis aera VETERIS -titum

.

At nullus pontifex non consistit in fama et timor filialis pietatis, in ex testimonio verified, in aliquos defectus moralis et pastoralis,, et inclinato capite primo contra veritatem infallibili magisterio. Qui 'non tam cura, ut in captionem, ubi Martinus Lutherus, et haeretici universi ceciderunt, qui Dario nollet occasionem id est defectus moralis et pastoralis,, verus Papa, et de objective, Ut accusarent eum haereseos aspernatur magisterio.

.

.

auctores
John Cavalcoli, o.p – S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Libera me de manu inimicorum meorum,, in finem persequuntur [autem 31,16]

.

.

Venerabilibus Fratribus Nostris in Christo,

.

Sacerdos Alessandro Panormi Minutella [aperire click in imaginem video]

audiebat non video tua defensione, contra accusationes perductis necnon Cardinali Beniamino stella,, Praefectus Congregationis pro Doctrina Fidei [Cf.. qUI]. Multisque sciscitantibus nobis missum video lectores nostri sententiam continet. Ad qui rogavi vos sententia et, Respondeo dicendum nos publice: quod bonum tibi videtur defendi.

.

Placet accipere in propter hoc ortor coniungendaque huic commentario statui duo sunt sacerdotes, respectively: inter Flaminiam, altera Romanos Tuscis. Hoc autem ut docerem te, non valet ignorationibus, ut exempla quaedam irrisorie, Hoc velut paradoxum vel vis vel ABSURDUS. Hoc dicto citius quod non facto in Sicilia, ironia eleganti filium nobilem virum in antiquis.

.

Haec fabula vestra, più che coi vertici più alti della Sede Apostolica ci sembra un podi avere a che fare con un arciprete di paese degli anni Trenta del Novecento, qui redo in tecto de ecclesia, reficiendis ab ecclesia paroeciali, et aedificare domos, Eleemosynis largus habebat copiosae inniti paterfamilias in regione. Pater familias Hanc autem filiam autem iam datum est, qui usque ad gaudium et ad insaniam convertunt, ut dicunt,, arroganter feliciter in laceratum iuvenis tergum,. quisque novit,, sed omnis tacet, vicani ex divitibus quia familias, dat operam ut plurimum, ergo livelihood. Et fornicata es hilaris accedit ad archipresbyterum a officium ad confessionem coram paschae, Vir amabilis ad cratem sede a tergo, paterno, inclusive, Hodie nos dicere: misericors. ita, Quod bonum sacerdos, diurnis nocturnisque fletibus paene ab ea solatur,: «EH, filia mea, Cum Iuvenis estis,, paruus error accidere potest aliqua, Sed cursus: parva,. Et confortavit bene pretium canis in exeat, praecipio ut prius per totidem retiaculi summitates ad confessionalem sedem filia et servus est dives et potens est prior patrem poenitens, servus, qui operatur in quoddam manerium domum, sed marito ista tanquam capita late dominus agricola. Adulescenti filio despondit aliis agricolis, magnus guy, quod amplexus atque oscula. Hic, tum quod pie et Confessoris vertit in perspiciendis illis quae in Bibliotheca code tunc erat iudici, deminutione durius exigentes, haec autem figurae speciem habeant commensus manual Confessoris ~ scritto nella seconda metà dell’Ottocento da Jean Baptiste Bouvier, Episcopo Cenomanensi, Quanta amplexi petere coepit, praesertim cum permutantur oscula, quia notitia os, esse venialia peccata, sed si bene ac leviter SEMIAPERTUS os fuerat, si hoc esset peccatum mortiferum; inter cetera blanda descriptio, Confessarius poenitenti juggles quae ad memoriam reducit IGNIS INFERNALIS,.

.

Ad septimum decimum dicendum, quod verum prorsus esse mores tuos et error-libera, ut infra videbimus; sed necesse est quod conscientia bona ostendit quod, Cardinalis Beniamino stella,, con una vita passata nel servizio diplomatico della Santa Sede — cosa questa che lo rende un grande pastore in cura d’anime ed un grande esperto conoscitore della vita pastorale e dell’apostolato del clero —, volantem exercitum in meretricum ut hodie genus hominum super universam ecclesiam, si deprehensus, cubantem piis foveamus amplexibus et osculis flagranti exchanged per virginem cum ea boyfriend.

.

Per flammam libidinis impetus, Quaedam malum in hora vocati estis, ludicia enim non ideo sequitur in fine usque ad extremam partem inauditum et plane novum multiplicitate rerum discrimen, quod est Ecclesia nostrae experitur, pauperes hodie. tamen agens, Episcopi in conspectu tuo, et hoc audiente populo ad clericos, effectum est enim per elementum, quod est absentis fundamenta illius vocavit sibi rectum ad faciendum iudicium, ut iustitia violare restituet, ut faceret justitiam, triste vale: sensus proportionis. Diximus paulo ante in exemplum et summus genus est meretricis magnae quae data est omnis laetitia casu rabidus, comparari filia lotrice et agricola inquisitio in amplectaris et osculum autem eius boyfriend commutarit.

.

Tristis ad note est tantum valet, ut quis ab eis tradi posse de nobis, et nos in pugna. Coactus repugnare non triste fratres Fratres armis sunt in loco sancto certamina hostium. Tristis est quia Ecclesia hodie suum effugatur a pastoribus ad ipsos, dum «nostris et inimici nostri subsannaverunt nos in" [autem 80,7]. Est tristis quod sunt termini ad pastores, qui potius in mundo quam post Christum.

.

et tamen,, Venerabiles Fratres, qui non scire historiam Ecclesiae filios suos et easdem miserias necessario in dies miseriaeque, non mirum facis, carpe sed occasionem ut obliviscaris sceleris sacro sacerdotio hostibus vestris, et tanto magis vivo, per unionem ad divinam victimam in Sacrificio super altare Sancti.

.

Oggi Satana sta mettendo alla prova il Sommo Pastore della Chiesa. Lo sta vagliando come il grano [Lc 22, 31], pertanto Dio permette ch’egli vacilli sotto i colpi, sia sensibile alle lusinghe, alle blandizie ed alle attrattive del mondo; permette che il Diavolo approfitti perfidamente dei suoi lati deboli, che sia circondato come Cristo in croce non da amici, ma da «un branco di cani» [autem 22,17], non da fidati e competenti collaboratori, ma da dei Giuda. Pertanto occorre molto, come spesso egli ci invita a fare, pregare per lui. Occorre certamente svelare le malefiche trame che, in Ecclesia,, stanno ordendo i figli del Diavolo contro il Romano Pontefice e contro la Sposa di Cristo. Se è questo che stai facendo va bene, in facto,, come forse avrai notato, da anni lo facciamo anche noi Padri de In insula, quæ appellatur Patmos,. Però è indispensabile che tu faccia una più chiara professione di fedeltà al Romano Pontefice, perché i tuoi nemici, molti dei quali sono anche i pericolosi nemici della Chiesa — proprio loro che sono falsi amici e falsi rappresentanti del Romano Pontefice —, vorrebbero farti passare come un suo nemico.

.

Opponiti con tutta la tua forza a questa diabolica manovra, tuona con voce potente la tua salda certezza di riconoscere nel Sommo Pontefice Francesco I il Vicario di Cristo e il Maestro della fede, perché solo così potrai tagliare la loro lingua serpentina.

.

Nel giorno della nostra sacra ordinazione sacerdotale, consacrati sacerdoti in eterno attraverso questo Sacramento di grazia, al Vescovo ordinante in comunione col Vescovo di Roma ― quindi di fatto, come sai, al Vescovo di Roma ― nessuno di noi ha promesso che avrebbe stimato il Vescovo ordinante ed il Romano Pontefice, o che avrebbe professato profonda e incondizionata simpatia per lui. Tutti noi abbiamo promesso devozione filiale e obbedienza, nessuno ha promesso che avrebbe stimato incondizionatamente il Romano Pontefice; e non ci risulta che nel corso degli ultimi quattro anni sia stato cambiato il rito del Sacramento dell’Ordine Sacro. Tu puoi anche non nutrire stima, nei riguardi del Pontefice regnante. E se la triste cosa può confortarti sappi che a non stimarlo, non sei l’unico. Ma se al Romano Pontefice la stima non è dovuta, perché se la vuole in tal caso se la deve meritare, l’obbedienza e la fedeltà, quella gli è invece dovuta, quia iurasti gliel'abbiamo. igitur, Jorge Mario Bergoglio etiam, si vir quoque unus fuit semper in historia Ecclesiae Summi Pontifices pessimus, more sic oportet manere in fide, qui conscientiam, Si autem Petri a petra subruendum ab imo [Cf.. Mt 13, 16-20], tutta l’intera costruzione crollerebbe.

.

Romani Pontificis, nemo patitur in fama et timor filialis pietatis, in ex testimonio verified, in aliquos defectus moralis et pastoralis,, et inclinato capite primo contra veritatem infallibili magisterio. Qui 'non tam cura, ut in captionem, ubi Martinus Lutherus, et haeretici universi ceciderunt, qui Dario nollet occasionem id est defectus moralis et pastoralis,, verus Papa, et de objective, Ut accusarent eum haereseos aspernatur magisterio.

.

vice versa,, current et adulatoribus fans Romanus Pontifex, che non credono affatto all’infallibilità pontificia e neppure nell’immutabilità della verità ― tra i quali numerosi teologi, vescovi e cardinali ― hanno la sfacciata impudenza di presentarsi come suoi interpreti, rappresentanti e difensori, ed approfittando della sua negligenza nel reprimere l’eresia, o delle sue oggettive e ormai comprovate carenze di preparazione filosofica, storica dottrinale e teologica, presentano con successo alle folle mondane, tra lo sconcerto dei veri cattolici, il Pontefice regnante come un modernista. Tu rifuggi, recte, da questa diabolica ipocrisia, però guardati bene anche dalla prima insidia: rivolgere al Romano Pontefice le stesse accuse che a suo tempo gli rivolse Lutero.

.

Il problema centrale della Chiesa di oggi ― e tu lo hai colto ―, è quello di come giudicare il Pontefice regnante e capire quale atteggiamento assumere nei suoi confronti. In hac parte,, la prima cosa da tenere a mente è, come già abbiamo detto, che il Sommo Pontefice Francesco, come ogni suo Predecessore, è maestro infallibile della fede. La sua indegnità umana ― che purtroppo è un doloroso fatto ―, riguarda però solo la sua condotta morale e il governo della Chiesa. Mentre invece tu lo accusi senza mezzi termini di diffondere l’eresia. Ti suggeriamo pertanto di cambiare opinione ed atteggiamento ed entrare in un diverso ordine di idee: il Pontefice regnante è negligente nel reprimere l’eresia. E tu sai bene che questo non è un gioco semantico: un conto, in facto,, è diffondere l’eresia, un conto, sed, è non reprimere e non condannare l’eresia. Taluni, dinanzi a queste nostre affermazioni, hanno replicato che l’eresia, diffonderla o non reprimerla, Quod idem est,. Ci dispiace, sed non, cosa presto spiegabile con un semplice esempio: dal Santo Vangelo e dalle Lettere Apostoliche, possiamo ricavare anche l’invito a cercare di essere degli eroi, ma in nessun passo di queste sacre scritture è sancito l’obbligo ad essere eroi. aliquid, il Beato Apostolo Paolo è chiarissimo nell’affermare:

.

«Accogliete tra voi chi è debole nella fede, senza discuterne le esitazioni. Uno crede di poter mangiare di tutto, alterum, qui autem infirmus est,, holus manducat. Qui manducat non manducantem non spernat et qui non comedetis; qui non manducat, qui manducat non manducantem non iudicet:, Deus enim illum " [rm 14, 1-3].

.

Ti ricordiamo anche che dal Vangelo e dal dogma risulta chiaramente che un Romano Pontefice non può essere, formaliter, intenzionalmente e volontariamente eretico, perché ciò supporrebbe che Cristo ha mentito quando ha promesso a Pietro la sua assistenza. Invece può capitare ― e di fatto è capitato ― che un Romano Pontefice, materialiter, temporaneamente ed incidentalmente cada nell’eresia, quia, o ingannato, come nel caso di Onorio I nel VII secolo, o perché minacciato, come nel caso di Liberio nel IV secolo, o per imprudenza, come Giovanni XXII nel XIV secolo, oppure per debolezza psichica o forse anche per qualche disturbo mentale; cosa quest’ultima non ancora accaduta nella storia del papato, ma potrebbe anche accadere.

.

Per quanto riguarda il Pontefice regnante, le accuse che purtroppo si possono a lui rivolgere riteniamo da tempo che siano le seguenti:

.

  1. ambiguità di linguaggio;
  1. grave negligenza nella difesa della sana dottrina;
  1. giudizi di lode nei confronti degli eretici;
  1. uso di collaboratori inadeguati e molto pericolosi;
  1. tollerare di essere lodato dai modernisti come modernista senza in alcun modo smentire siffatti e pericoloso laudatori.

.

Se i modernisti imperversano e se fanno da padroni, se i non modernisti sono perseguitati e se il Romano Pontefice è attorniato da collaboratori e da amici eretici, in parte ciò è dovuto al loro potere ed alla loro astuzia, ma soprattutto è dovuto alla sua disonestà ed al suo attaccamento al successo e al potere mondano. Sono questi, in nostra sententia,, i punti sui quali devi battere.

.

A noi è purtroppo chiaro in qual modo il Pontefice regnante si sia è cacciato in un terribile guaio, dal quale oggi non riesce a venir fuori, trovandosi infine nella condizione di non poter rispondere dicendo in modo chiaro né si né no. Allora è nostro dovere suggerirgli, come recita il titolo di un romanzo di Ignazio Silone, a Uscita di sicurezza, altrimenti potrebbe rischiare di andare all’Inferno trascinandone molti dietro con sé. E questa uscita di sicurezza è la Beata Vergine Maria Madre della Chiesa, della quale egli si dice devoto.

.

Vorremmo quindi suggerirti alcuni spunti per la tua linea di difesa e qualche consiglio per la tua azione.

.

primo punctus. Come tu stesso hai riferito al Cardinale Beniamino Stella che ti accusa di aver provocato confusione e smarrimento nella Chiesa, di creare sconcerto, di rompere la comunione ecclesiale e di parlare contro il Pontefice regnante; tutte queste accuse, per essere valide, andrebbero spiegate e motivate. in facto,, se manca la spiegazione delle accuse, esse sono nulle, in quanto mancanti di significato. Siccome si tratta di figure in autorità che pare vogliano imporsi con la forza ― e non solo nel tuo caso ―, tu devi confutarle con la logica o col diritto canonico. Se poi non ascoltano, dovranno renderne conto a Dio ed al suo Popolo Santo. Pertanto devi chiarire in particolare:

.

  1. Quali sono i due termini della confusione? Si confonde A con B. Che cosa è che confondi? Qual è A e quale è B? tum, in che cosa consiste la confusione?
  2. Smarrimento? Che cosa o chi hai fatto smarrire, come e a chi? Che prove hanno?
  3. Hai creato sconcerto? Hai scandalizzato, turbato o sconvolto i buoni princìpi e la pace dei fedeli? Quali? Come?
  4. Hai rotto la comunione ecclesiale? Sei stato ribelle alla Chiesa? Sei scismatico? In che senso?
  5. Hai parlato contro il Pontefice regnante? Lo hai insultato? Con quali insulti? Lo hai diffamato? Hai respinto o falsificato il suo magistero? Quale? Hai disprezzato la sua autorità? In che cosa?

.

Perché le accuse siano sensate e valide, devono essere precise, motivate e dimostrate sulla base del diritto canonico o della dottrina della fede o circa atti comprovati da te compiuti nell’esercizio del tuo ministero o circa proposizioni da te sostenute, altrimenti sono calunnie e diffamazioni, o più semplicemente atti di arrogante libero arbitrio in sprezzo a tutti i criteri basilari del diritto ecclesiastico.

.

L’accusa generica non colpisce il bersaglio e l’accusato resta illeso. L’accusa infondata è accusa falsa e ingiusta: il fatto non sussiste. E di nuovo l’accusato resta innocente. In tal caso l’accusa è nulla: fa torto all’accusato e si ritorce sull’accusatore, che è tenuto a riparare e a restituire la buona fama sottratta all’accusato.

.

secundum illud. A nostro parere, più che di «neochiesa» o di «falsa Chiesa», faresti bene parlare di ”modernisti”, perché di ciò esattamente si tratta. È roba vecchia, non sono novità ― altrimenti porti davvero acqua al loro mulino ―, anche se loro si ritengono i profeti dello Spirito Santo, la punta avanzata della Chiesa, per esempio i seguaci di Karl Rahner, Walter Kasper, Gianfranco Ravasi, Frei Betto, Enzo Bianchi, Jacques Dupuis, Vito Mancuso, Pierre Teilhard de Chardin, Leonard Boff o Edward Schillebeeckx. in facto,, benché essi abbiano un concetto falso di Chiesa ― e proprio per questo, non costituiscono affatto una Chiesa, ma un gruppo di potere o sètta ereticale all’interno della Chiesa che sta rovinando la Chiesa ―, essi sì, che sono meritevoli di essere scomunicati. Chiamandoli “modernisti”[1], li qualificheresti con maggior precisione ed esattezza storica, in modo tale da renderli più riconoscibili; in tal modo, la tua critica, sarebbe maggiormente mirata ed efficace. In altri passaggi tu li chiami col nome giusto, perché essi sono effettivamente gli «schiavi del mondo moderno», che non illuminano o correggono, come dovrebbero, in lucem Evangelii,, ma «il mondo moderno è loro dio, al quale sacrificano il Vangelo».

.

iam tertio. È necessario che tu distingua nel Pontefice regnante la sua autorità dottrinale o magisteriale dalla sua attività pastorale e dal suo governo della Chiesa. Nel primo campo, egli non può sbagliare. Semmai occorre fare di certe sue affermazioni un’interpretazione benevola, perché capita effettivamente che esse siano ambigue: possono andar soggette o a un senso ortodosso o a un senso eterodosso. Per esempio certe affermazioni del capitolo VIII° dell’Amoris laetitia sembrano influenzate o dallo storicismo o dall’etica della situazione, ma ad uno sguardo più attento ci si può accorgere che esse sono dottrinalmente corrette, benché ambigue. Semmai l’appunto che si può fare al Pontefice regnante è quello della mancanza di chiarezza circa la questione se i divorziati risposati possono o non possono, in quibusdam casibus,, essere ammessi ai Sacramenti.

.

Errore del Pontefice regnante è sicuramente quello di sottrarsi alle sue responsabilità, ossia alle interpellanze, se non altro per respingerle, specie considerando ch’esse salgono sempre più numerose ― alcune molto autorevoli ― dal Popolo di Dio, lasciando ad altri le risposte più o meno autorevoli o discutibili, o permettere che alle domande rivolte a lui rispondano i modernisti diffondendo interpretazioni false, cosa questa di estrema gravità. Così facendo egli dà l’impressione di essere sfuggente o di non essere padrone della materia da lui trattata, o detta brutalmente in altri termini: di essere un ignorante. autem, tieni presente – come abbiamo dimostrato ampiamente in questi ultimi due anni su L’Isola di Patmos – che di per sé il Sommo Pontefice, in forza del potere delle chiavi, ha la facoltà di mutare la disciplina vigente circa la questione dell’eventuale concessione dei Sacramenti ai divorziati risposati in casi speciali. Quello che giustamente fai notare tu, è che egli non ha ancora chiarito se concede o non concede il permesso. Quindi per adesso vale la legislazione attuale, che è quella contenuta al n. 84 autem Familiaris consortio del Santo Pontefice Giovanni Paolo II.

.

Quarto punto. È invece lecito far notare al Pontefice regnante alcuni suoi gravi errori morali e pastorali, per esempio egli:

.

  1. Parla di Cristo, ma non ricorda e trascura il suo ufficio di Vicario di Cristo;
  2. parla della confidenza in Dio, ma non parla del timor di Dio;
  3. parla della fede, ma non chiarisce che la fede è conoscenza intellettuale della verità e che solo nella Chiesa cattolica c’è la pienezza della verità;
  4. parla della verità di fede, ma non parla dell’immutabilità del dogma;
  5. parla del peccato, ma non parla mai del peccato di eresia;
  6. parla della fede e non parla della ragione;
  7. parla della carità, ma non chiarisce che la carità dipende dalla verità;
  8. parla della carità verso il prossimo, ma non parla della superiore carità verso Dio;
  9. parla del dovere della carità fraterna, ma non parla mai del merito delle buone opere;
  10. parla del dovere di fare la volontà di Dio, ma non dice mai che la legge morale naturale è immutabile;
  11. scomunica i mafiosi, ma non scomunica i modernisti;
  12. condanna l’aborto, ma è tenero con gli abortisti;
  13. esalta il matrimonio, ma non rimprovera le coppie adulterine;
  14. parla delle coppie adulterine, ma non dice che devono interrompere il loro rapporto;
  15. parla delle famiglie ferite, ma non parla delle famiglie feritrici e scandalose;
  16. parla del rispetto dovuto agli omosessuali, ma non condanna il peccato di sodomia;
  17. dice che tutti sono chiamati ad essere figli di Dio, ma non dice che solo chi crede in Cristo ed è in grazia è figlio di Dio;
  18. parla della salvezza, ma non parla della visione beatifica;
  19. parla del peccato, ma non dice che fa perdere la grazia;
  20. parla del peccato, ma non dice che merita il castigo;
  21. parla della natura come fosse solo destinata ad essere utilizzata dall’uomo e trascura di parlare dell’ostilità della natura punitrice del peccato;
  22. parla della dignità umana, ma non chiarisce come e perchè essa è corrotta dal peccato originale, da cui la necessità della legge, dell’ordine giuridico e giudiziario, dell’ascetica, della disciplina e della giusta coercizione;
  23. parla del Battesimo, ma non dice che la colpa originale è stato un fatto storico e che la colpa originale si trasmette per generazione;
  24. parla dell’Eucaristia, ma non parla della transustanziazione;
  25. parla del Sacerdozio, ma non dice che comporta l’offerta del sacrificio;
  26. raccomanda che il Confessionale non sia una ”sala di tortura”, ma non ricorda che esistono condizioni nelle quali certi fedeli non possono essere assolti;
  27. parla della collegialità episcopale, ma non denuncia i vescovi che disobbediscono al Papa o al magistero della Chiesa;
  28. parla dei santi del Paradiso e trascura di parlare dei dannati dell’Inferno;
  29. parla della Chiesa accogliente, ma non parla della Chiesa militante;
  30. dice che la Chiesa è aperta a tutti, ma non dice che deve scomunicare i ribelli, senza confonderli con i profeti;
  31. parla delle persecuzioni nel mondo, ma non parla delle persecuzioni intra-ecclesiali;
  32. deplora i terroristi, ma non dice che molti di loro sono ispirati dal Corano;
  33. dice che la Chiesa è al servizio del mondo, ma non dice che la Chiesa non è serva del mondo e che trascende il mondo;
  34. parla del dialogo col mondo, ma non parla dello scontro e della vittoria sul mondo;
  35. parla della diversità delle religioni, ma trascura di parlare del primato del Cristianesimo sulle altre religioni;
  36. parla della conversione, ma non dice che i non-credenti e gli eretici si devono convertire;
  37. dice che occorre rispettare l’altro, ma non dice che occorre guardarsi dagli eretici;
  38. dice che dobbiamo ascoltare l’altro, ma non dice che dobbiamo correggere e convertire gli increduli e i non-credenti;
  39. parla del dovere di soccorrere i sofferenti, ma trascura di parlare del valore espiativo e soddisfattorio della sofferenza;
  40. dice che Dio è misericordioso con i pentiti, ma trascura di parlare del castigo dei malvagi;
  41. parla delle opere della misericordia materiale, ma non della maggiore importanza di quelle della misericordia spirituale;
  42. et vituperare contrarias violentiam, ma non parla del giusto uso della forza;
  43. condanna la guerra ingiusta, lasciando sottintendere che per lui ogni guerra è ingiusta, perché ogni guerra è motivata solo da interessi economici o di potere, e non può essere fatta in nome di Dio o per volere divino;
  44. predica la misericordia per gli oppressi, ma non dice che gli oppressori andranno all’Inferno.

.

dilectissimi Fratres, ti siamo vicini nella tua prova, ma ti preghiamo proprio per questo di interrogarti se per caso non hai dato svariate occasioni alla tempesta che si è scatenata contro di te e su di te.

.

Per quanto sia facile a dirsi e più difficile invece a farsi, ti esortiamo a sopportare nella pace, unito a Gesù Cristo e alla Vergine Maria, come siamo certi che starai facendo, ed offrendo per il bene tuo e delle anime le tue sofferenze. Piacendo alla Chiesa tu potrai continuare a svolgere la tua missione sacerdotale, nell’attesa che si faccia giustizia. Così potrai mettere a nuovo e più ricco frutto i doni di mente e di cuore che Dio ti ha dato.

.

Ricordiamoci a vicenda nella preghiera.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 16 January 2018

.

_______________

NOTA

[1] I modernisti di oggi, per chi conosce la storia delle eresie, sono tutt’altro che moderni, perché sono la riesumazione, con un nuovo maquillage ed un opportuno deodorante, del modernismo condannato dal Santo Pontefice Pius X,. Essi amano coprirsi con l’onesto aggettivo di “progressista”, ma in realtà essi sono dei falsari dell’autentico progresso ecclesiale.

.

.

legentibus, IAM IAM NOS SODES, ut scripturam hanc MANUS, qUI

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

2 cogitationes on "Pater mi Alessandro Minutella: Difenditi. Sed turpi honoris causa cum Romano Pontifice necnon vetus non cadit in captionem Martini Lutheri

  1. i miei complimenti per l’articolo che è proprio fatto bene!
    Avete, in maniera pacata e con classe, detto tutto quello che c’era da dire, sia al ‘perseguitatopresbitero che agli altri protagonisti della vicenda.

    veramente bravi!

  2. “…il Sommo Pontefice, in forza del potere delle chiavi, ha la facoltà di mutare la disciplina vigente circa la questione dell’eventuale concessione dei Sacramenti ai divorziati risposati in casi speciali”.
    Domando, perché voglio capire: Il sommo pontefice, in forza del potere delle chiavi, può concedere l’assoluzione e quindi ammettere alla comunione una persona divorziata “risposata”, senza che questa rinunci a commettere adulterio? Spieghi bene, Please, perché io non ci sto capendo più niente.

Leave a Reply