"Patefacio Ecclesia" (tertia res) - Ad causas salutem celebrationes sunt suspensus, Ecclesia non habet nisi caritas suspensus

- quod Sancti Patres Patmos Island prope fidelium in quarentenam -

"PRINCIPIO Ecclesiae» (tertia res) - PER MOTIVI DI SICUREZZA SONO STATE SOSPESE LE CELEBRAZIONI MA LA CHIESA NON HA MAI SOSPESA LA CARITÀ

.

Videos Offerimus nostris legentibus haec tam nova de Venerabilis Frater Noster Ioannes Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium, ut etiam pro remedium efficax omnes sapientes dolor, tum praecipuae fuerunt leuaretur, Et nihil melius facere quam causam, et in dura saepe agere, contra decisiones nostrae in causas episcoporum ad salutem publicam salutem praesidio: et in multis casibus suspendat commemorationum sacrarum claudere ecclesiis doceo. Quaesivi quem diligit ecclesia, in angustiis et necessitatibus, Hoc est non servatae sunt in controversia fidelium in omnium illorum qui ad tempus stare omnium fidelium vel de auro purissimo, sed unit. Aliquis scripta sunt dies, ut «ab Episcopis in Ecclesia quin mortem sibi conscisceret Italiae '. Infeliciter non est intelligere aliquid de essentia fidei, de Catholico: Ecclesia, “Si mortem” impetum episcopis,, non tam subito eos persequendos experimento.

.

.

.

.

Video transversis et coetibus ab issuer TELESANDOMENICO (AREZZO)

.

.

.

TEXTUS Video

.

In Johannem texts ex Patre Zanchii, emendator Centrum de Cultu Divino Spirituali de Catholico Romana Dioecesi, Arretium, Cortona Sansepolcro, Non illi intelliguntur, sed ut audio, ut vasa narratio texts. Nos processerunt nobis Latin text audio transcribere.

.

John Zanchii

Benvenuti alla XIII puntata di aperta ecclesia!

Il filmato appena visto è testimonianza della aperta ecclesia anche in tempo di pandemia e che non si accontenta di tenere aperte solo le chiese di pietra e mattoni, ma si inventa mille modi per restare vicina alla nostra gente.

.

In questa umile rubrica televisiva ho già segnalato alcune di tali forme emergenziali di presenza ecclesiale, sia per quanto riguarda la Liturgia, sia per la catechesi. Stavolta segnalo alla vostra attenzione l’impegno caritativo della Chiesa italiana, impegno già molteplice e diffuso in tempi normali e continuato anche durante questa calamità. Accenno a questo argomento perché con rammarico constato che i mezzi di comunicazione di massa, specialmente le televisioni nazionali, non mettono in rilievo l’attuale impegno caritativo dei cattolici.

.

I notiziari delle grandi reti televisive ogni giorno preferiscono evidenziare i balletti e le canzonette diffusi a titolo di consolazione e incoraggiamento dai nomi più o meno noti del mondo dello spettacolo, piuttosto che le belle storie di carità germogliate all’ombra delle chiese rimaste aperte; come se in quest’ora tragica dovessimo attingere speranza e conforto dalla distrazione del divertimento di massa, invece che dall’impegno nella solidarietà che ha nella carità cristiana il suo fondamento di senso e il suo culmine operativo!

.

Per raccontare l’attuale attività caritativa dei cattolici italiani ci sarebbe solo l’imbarazzo della scelta e la durata giornaliera di questa rubrica non lo permette. reliqua, chi vuole informarsi sull’attuale e fuori dell’ordinario impegno caritativo dei cattolici italiani può tenersi aggiornato tramite internet e particolarmente sul portale intitolato Chi ci separerà edito dalla Conferenza Episcopale Italiana. Mi limito in questa sede a fare alcune sottolineature.

.

Prima sottolineatura: durante la pandemia i nostri vescovi hanno sospeso le Liturgie con il popolo, ma nelle chiese rimaste aperte i sacerdoti continuano a celebrare la Santa Messa e i fedeli possono pregare singolarmente. similiter, durante la pandemia i servizi caritativi offerti dai cattolici italiani continuano a svolgersi, anche se con modalità diverse e prudenziali; quantum fieri potest,, nessuno è stato abbandonato e anzi sono nate nuove forme di esercizio della carità verso i bisognosi e la Chiesa italiana ha già destinato milioni di euro dai proventi dell’8xmille per sostenere la popolazione in difficoltà. igitur, come continua la Liturgia, così continua la carità e non potrebbe essere altrimenti, considerati gli stretti legami intercorrenti fra Liturgia e carità. La Liturgia infatti è «il novissime acutam verso cui tende l’azione della Chiesa e, simul, quod fons da cui promana tutta la sua energia» (Sacrosanctum Concilium 10); assimilati a Cristo mediante l’azione liturgica, i cristiani si spendono in «tutte le opere di carità, di pietà e di apostolato» e manifestano così di essere «la luce del mondo e rendono gloria al Padre dinanzi agli uomini» (Cf. Ibidem 9). Questo sia ricordato senza polemica anche a coloro che protestano per la sospensione delle Sante Messe con il popolo, ma non dimostrano altrettanta preoccupazione per come sia possibile continuare a far la carità in mezzo alle attuali difficoltà.

.

Seconda sottolineatura: La carità cristiana si distingue dalla semplice solidarietà, perché la carità è la manifestazione dell’amore di Dio riversato nei cuori dei credenti mediante Gesù Cristo e lo Spirito Santo (cf Rom 5, 5). Per questo la elemosina che i cristiani elargiscono specialmente nel tempo della Quaresima, è frutto della preghiera e del digiuno. È doveroso notare che anche la sensibilità sociale verso la solidarietà umana è un frutto delle misconosciute radici cristiane della nostra cultura; pro exemplo,, gli Ospedali sono stati inventati dai cristiani. Ciò comporta che più la società si scristianizza e meno solidarietà umana si manifesta all’interno della società.

.

Terza sottolineatura: i cristiani non hanno mai sospeso l’esercizio delle opere di carità durante le calamità, anzi l’hanno sempre intensificato. Già gli antichi pagani erano impressionati dal comportamento dei cristiani durante le epidemie: mentre i pagani fuggivano pensando solo a sé stessi, i cristiani si sostenevano l’un l’altro e aiutavano il prossimo fino a rischiare la vita per amore di Dio. Come allora così oggi: cominciano a circolare notizie su come i cattolici cinesi di Wuhan si sono spesi per aiutare il prossimo nella loro Città devastata dall’epidemia, dando esempi di carità eroica.

.

concludo: i Vescovi che devolvono una mensilità del proprio sostentamento per il pronto soccorso degli ammalati, il personale e i volontari delle Misericordie, della Caritas, di tutti gli altri Enti e Associazioni cattolici di beneficenza, i medici e il personale degli Ospedali e delle Case di cura cattolici, etc., etc., eccetera … e tutti quelli che li sostengono spiritualmente e materialmente, sono la Ecclesia, rimasta aperuit anche durante la pandemia. Li accompagniamo tutti con la nostra preghiera, li sosteniamo con le nostre donazioni e, come atto di riconoscenza, diciamo a tutti loro: “Dio vi rimeriti!".

A male sentire de episode aperta ecclesia.

.

Sansepolcro (Arretium), 2 January 2020

 

.

.

.

.

 

Vivamus in eorum Lectorum

Edd Patmos Island sunt in printing et distributio utor pro sua magna ex libris Amazon Company, quod hoc tempore non suspendit omnium amet dividebantur urgente necessitate habet proprie quaestiones subitis coronavirus. Atque ideo non potest simul recipere libris, Sed potest ordinari ad 3 January.

 

 

​​

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

Avatar

About isoladipatmos

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.