a magna “Sabrina” Audet in exiguo ludere Hepburn Sabrinam ad Bosu, quod agit per adulterationes et cruditates Neocatechumenals notes “Ad prandium Tiffany scriptor”

- Ecclesia nuntium -

Multis viris 'SABRINA "postmoerium interpretantur esse Audrey Hepburn PARVULUS Sabrina The BOSU, CIRCUMJECTIO TRACTATUS DE SCENA notes Neocatechumenal cruditates “PRANDIUM AT Tiffany scriptor”

.

Neocatechumenal et via secta sit in Ecclesia Judaica, Calvinista insidiatasi vulvam. Ad hoc contra bona effrenate haeresis, Pastores animarum curam nobis specialiter theologos, quod est Christus, Deus concredidit de primogenitis gregis sui cura et custodiam, nullo modo implicat in se esse extra communionem Ecclesiae glorifica-, rant cum Sabrina et excelsum valde in Theofaniam est Lorem cruditates. Sed ut ea defendat quæ a metastases de ecclesia: metastases posuit habuit cum haeresi quae circumferuntur a duobus auto-docuit praticoni, qui semper exhibuit tamquam duo superbus Elymas magus coniugatori addicti,, mentiri et mendacium doceo.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Articuli forma Printing

 

.

.

Audrey Hepburn in in amet Sabrina

Octobris VIII exeat in diurna Crucis articulus est de libro tardus, published in insula quae appellatur Patmos edition: Et Neocatechumenal sect - Kiko haeresis est, et habitavit in nobis:. Quod review, in diebus ante editis Daily fidem, Signatum est Bruno Volpe [videre qUI, qUI]. quod 10 Octobris est idem newspaper articulus est a Sabrina Bosu, quod non fit in sacris responsio ca., non enim ius esse deceptio flexibus [videre qUI].

.

EGO iustus volo et non replicare, hoc enim de me mihi consuleret Ecclesiaeque sive Patribus In insula, quæ appellatur Patmos,, Non animum explicandi rationes respondere.

.

Sapientes nostri cappuccino Hic suadens Ivanum Spíritus Dómini ad me dicens:

.

'Quid dicis, quia de facto non valet replicating, quod est verum,. Sed custodiat in mente, qui operatur in vobis, qui non potest intelligere quidam subtilitates malicious kikos scilicet adversus eos qui res pullus iure personarum quatuor Pontifices probati. igitur, etsi vos sentio ut responsum non merentur - et non merentur - et verbum ejus sit removere et per partes suas. Non propter vos, sed illi possunt, qui haec verba legere ut eos in bono, et ".

.

Hoc est primum manifestari qui auctor huius libri charta Datum est loqui de hoc non legere, tacito tantummodo a blog, alii a comment, Denique nunquam transierunt cogitationes deductis in mentem me esse dicitis, et me solum lineas scriptum et typis. ita, videtur inopinatus, Quid est quod me accusat columnist negavit eius de libro meo Paginae quae non legitur, et quis poterit read, ita columnist hoc probari possit nusquam animus de praemissis examinatus, cum dico hoc non est verum meo reassurances “Business” set in diem senso, sed documenta testimonio.

.

Ss centum et centum et nunc Comments furore et contumelia graviter scripta network circum me et a populo, Cum Comment comment, quo probare intenderat, non enim legitur in una linea Ego enim. Hi omnes feroces impetus Neocatechumenal liquidoque malis anima mea ad, non est unius una - inquam,: inter centum et centum comment - Respondetur ad ipsam substantiam quæ scripsi in libro. Cum aliquot ex illis quae sunt visus est non dicere nescio quid, sed est fallacia ad responsiones non austero: "Tu non legere librum, nisi tantum titulo '. Et non dicitur frustra conatur explicare, quod nemo, taking sicut in titulo libri by Friedrich, Antichristus, Potest a supra aedificare discrimine, qui prius liber esse potest valde diligenter lego quod bulla.

.

Et facta amet igitur probare illa membra in Neocatechumenal sectæ Nazarenorum, vel saltem bonorum suorum, Transierunt vocem, Vos creavit seclusum hostiliter lacerant, ut a team kikiane balantes oves quae ab impetu facto pugnabant contra nesciunt quid, non scientes quod labor, id est quae in hoc libro.

.

Volo ducere animos theologiae dogmaticae,, et in ecclesiologists et sacrorum canonum,incipit initial huius textus columnist, propter nempe per "ingenio" Qui crediderit Neocatechumenal de aliquo sit scientia ut et qui placuit in Loggerhead Haec ostendit usque ad cara domina baci quod "mulier et est iter autem matris '. Verba haec sunt praecepta atque foramen:

.

"A tempore cum Papa agnita est Neocatechumenal via quae gaudet personalitate iuridica publica in Ecclesia non possit praestare dicere quod sunt hereses scissa fuit quia non erat admodum claudere scrutinium Congregatio Sororum fides et alia ministeria, quae contra omnium opinionem eorum qui dicunt hoc autem est haereticum re, Cum autem dicitur Ecclesia prorsus contrarium, Factum est extra communionem posito ' [videre qUI].

.

Nos prius habetur summum per doctrinalia inter se profile, re theologica, canonica. Non solum civitatibus: qui est contra nos est, contra ecclesiam, et contra Papa, sed etiam asserit non esse in quo quis audet motus, qui foris est ne vera communio repudiaretur (!?).

.

omnes references sub ratione baptismalis iter dall'improvvida articolista, quod exemplata consolamentum qui sequentes Cathar haeresi periculosius nobiles Albigensium. In his versibus unius generis baptismalis progressique placuit, pauperis Loggerhead quare non facit contra rudem sententiam repetere superfluum haereticorum istorum annorum excursus, nisi tamen haereticus mihi. Dixit quod manet pacificis ut nunc ecclesia non progredi quisquam theologizans et historicus, his verbis legis, ea gratia senserit Cathar recognoscimus albigesi.

.

Cum contexitur spiritus fallax, et abusivam, a columnist adfert classic verbis expressit appreciation of Pontifices, Sed ut cessem mentionem maxime gravibus verbis expressit et in multis annis de eodem imperante ad launch in via Neocatechumenal gravibus increpationibus irae. Est multis orationibus, longa interdum, inclusum est in omnibus Acta Apostolicae Sedis et fideliter retulit in librum, necdum posita dolor exaltaciones kikiano carmeniane,, sed res, tantum facta et documenta.

.

a 2014 omnes 2018, reigning in pontificem Occasiones intentus in pluribus uerbis agitare in oratione et Neocatechumenal, et inclusum in Acta Apostolicae Sedis et fideliter retulit in librum, Oppugnare depravantes dall'articolista notitia actualis non sim. Et hic nota quod secundum pastoralem modum cuiusdam contexitur, Cum dederit Pontificibus obprobrium, praesertim si gravibus sono, Illuminationes excitare positivae incipere, Deinde describit, me reprehendat, aut negativa, aut quæ figere.

.

Et ideo non est dare quod Regulation qui adversus populum, ut ex utraq, cuius re vera sensus, has litteras destinavimus, et destrui discrimine cogitandi rationem in partibus, ut tandem adductus potest iacere et mistificare, quod fit semper in sectis-psychico. Tunc enim accidit ut oratio publica pontificum romanorum inde ab 2000 omnes 2018 et fideliter retulit, ut non solum initium est, boni ad gratiam fruges tuas de via …», Discedens vehicula enim missionarios et votum benedictionis, Sed saltare controversiis, monitis obiurgationes in deinde partes orationis et diuturnam. Postquam autem venit beatus et porro de discrimine cogitandi defectum judicii, et a Paulo VI ad clamorem 'in Ecclesia approbat et nos probamus, nos ...!», minabatur inferius: "... in Ecclesia qui contra nos est,, Papa non est contra!». Usque ad summum culmen attingit in ipsa scriptis et editis per nos pauper columnist: qui est contra nos est extra communionem Ecclesiae glorifica-, quia probatus est Ecclesia eius (!?).

.

Et sociologica, in lingua Haec assertio dicitur: fundamentalismus religiosus,. Una quidem est differentia,: Taliban posuit deinceps Domine, Et denuo a Christi Neocatechumenals Kiko Arguello, et Compare Catullus Texts Hernandez ad usus suos.

.

Abusivam mendax admonere nos et fratres eius Ioannes Paulus II Et dedit eum quinque annorum approbatione ad experimentum in 2002. exspiraret 2007 test permissi, Benedict XVI, insidiatorem successorem sibi destinasse, tacitae quid hoc probat, aliquid: primus revocavit eos, Fecit ergo eis ille increpans illos amplius expectabo a quinque annorum extensio. Cum tandem in 2012 approbante ipso actu administrativo eidem Neocatechumenal via Pontificii Consilii pro Laicis, ignitum eloquium verus papa dedit, admonitionibus et reprehensionibus onus Domini. Quoque acts oratione hac, sed eam, de brainwashed, Et ostium unum captus in damnationem: 'Produci per fructum boni Grateful pro certis annis in via …», tum, vocat iam lentus in omni oratione et secundum liturgicas normas vocavit Benedictus, ex auctoritate Episcopi totque sacerdotes,, libertate singulorum membrorum motu atque imitari, Verba sunt omnes, qui neque ita prorsus,, quia utrumque Loggerhead ad boarding sub titulo «Mulier quaedam in via, et matrem», et plerumque fundamentalists Neocatechumenals, Filii autem motus "lectio fundamentalistica 'se' furorem fanatizzante", quod definitum est in 1983 Servi Dei Petrus Carlo Landucci, quod porto in fine libri autem viri pretiosam mihi necessitudo quam propheticum,, per nuntium misit 1995 qui Passióne et Henrico de praesenti condicione theologo Zoffoli Vicarium Generalem dioecesis Romanae,, Cardinalis Ruini Camillus.

.

In articulum autem Loggerhead ventilabis all'arrembaggio nullo inhonesta shortage slinguazzate reigning in pontificem. Iterum autem non mentionem ut ad columnist cum sono verborum quae dura sunt Franciscus Pontifex conversus sum iterum ad publica Neocatechumenal in orationibus. Si verba inter lineas Mitto, quia non nisi fideliter duxit illos in libro, omnia documenta et instrumenta quae ad principia ponebant, ut nec me iterare. etiam, ut opus contexitur et abusivam falsante, Haec tantum duo sententias de extrapolate lepidus, Saepe tantum conditione,, arroganter universa opprobria, tunc repetere mantra: 'Quod Sancti Patri placet, nos commendare suasiones, in omni via!».

.

ego igitur all'improvvida columnist iustus pauci quaestionum, cui respondere solet settaristi Neocatechumenals fundamentalistam, quia, apud aliquas quaestiones, aut in re mutare, nec audietur in illa controversia off topic, aut impudentia mentiendi impetu ac dissimulant realis notitia secundum suum.

.

columnist, quasi rem pure Neocatechumenal, Nam nec haeresis crimine mentis alienationem non, aliquid: Primum Accedunt verba formas et notiones valde, et opprobrium me accusant me de heresi heterodoxos ad summos. Nihil amplius a vero, interpellationes, quod omnia facta sunt, modo a Summis Pontificibus Neocatechumenal in Ecclesia Orthodoxa et ad doctrinam plene conformentur. maybe, duo superbus, qui se doceri et Kiko Arguello Compare Catullus Texts Hernandez, Elymas magus coniugatori addicti, et theologia , eius curriculum facere-it-te et non audivimus vocem dimisso capite data est illis ex repetita monitione Petri Successoribus!

.

Ergo, si est auctor hoc articulum surreal et stupendo:, subiectivas rerum motus totus textus flexibus ipsum, Respondeo dicendum quod intendit,, Ex his paucis darent, simplex et subtilis quaestiones:

.

1 – Quia non parere Neocatechumenal via cum probatus internum cum maeroribus peperi et statuta cibaria, solutionem ipsius decime, qui non expectata, propagativa seu in christianae doctrinae, etiam non expectata?

2 – Quia non modo vulgo Neocatechumenal decimo uolumine Directorium, quod expressis verbis rogatus ab Apostolica Sede approbatione ex decreto 2012 ad quod referat factum est,? Et quia non amplius sunt duo voluminibus dicata nuptias et honeymoon, Non probatus ab Apostolica Sede confirmatis?

3 – Nam modo quae reverentia liturgicas normas Missalis Romani disciplina rursus Redemptionis Sacramentum [Cf.. qUI] Nonne perseuerarent genua vero intra Precem, comunicarsi in eodem sacerdos, benedictione et saltare sequi?

.

ego neocatecumenali, Et quia semper fuerunt tam bene exempla monstrabit, oboedientiae erga Ecclesiae et Summorum Pontificum, cfr Benedictus XVI ad punctum ut a competentibus Dicasteriis corriperetur ab imperante Neocatechumenal in via, maxime valet pro Liturgia abusus, omnem hunc crebris quatiens publica interveniente et Urbis Praefecto Celerino de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum transmittantur, quod factum est ipsum scribo epistulam in quibus ignis debut dicens: "Pater est sanctus sum nuntiare usque ad decreta,, Quod autem est in ecclesiasticis lingua dicens: «Mandamus vobis ...". Deinde secuta est omnibus adiunguntur monita de sacra Liturgia recte ordinandam. Et hoc, sicut alia documenta, Ego dedi omnes manifesto in libro.

.

Saepe ac publica documenta Sancta Sedes, quod requiritur ad Neocatechumenal manere fecerunt libros liturgicos determinaverunt rubricas, scripsi etiam magnis legitima quidem. illi tamen,, Quod clausis januis ad fabulae suae, seguitavano et fecerunt hodie permanere velint, et quantum non id quod volunt. Hoc enim est alius extenditur ad quinque annos Benedictus XVI, devotam obedientiam mandatorum ejus profundam ipso Romano Pontifice Ecclesia.

.

Nos ad ultimum Paschae, hoc anno scriptor, in sustentatione Dei ad ostensionem bugiardissima columnist - quis nescit omnia certa -, quod quidem vere in obedientiam Neocatechumenal, Adversus eos qui ad reprehensionem, et quod fundatur super facts, audeat reflecti slinguazzando Romanum Pontificem palam. Bene: Quid per Italiam, in omnibus his non est Neocatechumenal in nonnullis dioecesibus Episcopi iam sunt vetiti “eorum” In vigilia Paschae separata a conventu fidelium? Hoc factum est: Locus enim, in conducto domos et hotels, Et dimisit a multinational haereticus est sacerdos qui opulenti estis in conduxit Seminars Redemptoris Mater, et cum summa scelera cicatrice condicionibus, Et alibi tenuit sunt “eorum” in vigilia Paschae. Quodsi iam audebit negare omnem columnist, publication nos satus cum in movies, Ego sum, qui loquor et scribo semper actum facta, et quod tantum ex: ex una parte nos scripta sunt in eo iudicio Episcopi dioecesani a ban, movies quod alterius obedientis Neocatechumenal celebrandi Paschatis aeterno et lascivitis in orci. tum, et occidit facientibus de communione? Quia ab eius output, Et posita est ex peccato inoboedientiae, nimirum ut magis ludo exercitati in Neocatechumenal, solum ut theologus effigiem sacerdotem palam, pedestri itinere se defendere conabatur etiam slinguazzando simul cum Papa et dicens et me non erit, Successoris beati Petri apostoli prospere adversus. Impudenter impudens est nisi verorum sine respectu veritatis Mephistopheles!

.

Et fluxus potest articolista impetus quam suavis "mulieris matris sunt, et iter", negant facta sunt omnia et super omnia factis vocavit me de manu redditur Apostolica Sede praecisione 315 Paginae de libro meo:? Potest dici quin hodie, rara magnitudine et ponte et indomabili, Liturgicam emendationem gravibus maneant omnia perpetrare Neocatechumenals? Ut ita dicam,, multa probare films exortum recens in societatibus fiunt per orbem terrarum. non solum: liturgicam emendationem et egregia quaedam mala magistram sequantur pseudoprophetam Kiko Arguello, qui profert homiliam, ministerium sibi episcopale sicut tenens crucem processionalem. Dic nobis columnist: quae forsitan falsa creatus est in movies statuto per sagittam dirigens, etiam satanica Consortium osores maximi donum Ecclesiae datum est per Spiritus Sancti, Neocatechumenal in via? Qui postquam ad commendanda eloquia sancto Evangelio legitur de Homilia, Kiko est Arguello, ab inimicis modo Noecatecumenale acto suo conducto? Sedet populi frequentia sacram Communionem, transeuntes per manus vinum Copponi, qui sum? et Neocatechumenal, vel solvisse et pro susicivus statuto filming extruxerat per falsa adulterantes, et dirigentes ad osores movies, Haec igitur summa infamiam Coven authentica exemplaria devotam obedientiam ad Ecclesiam commeatus diem crebro illis?

.

Ante scribo libro meo: Et hebdomades audiebat enim, quia horis, et catechesi traditur memoriae complures tenuit a Mega-christianae doctrinae in qua continetur et tradiderunt & Pe verbo sacro kikiano. Multoque plures eorum subiecit quos aliqua theologus tabulas, Ex aedibus Congregationis de Doctrina Fidei, Dixi modo respondendum est ad finem potest marialis: tot haereses omnes, Et audivit umquam in vita mea! Dic nobis columnist: quae forsitan falsa records creatus est semper quodam consortio, etiam satanica osores maximi donum Ecclesiae datum est per Spiritus Sancti, Neocatechumenal in via? Tamen, si vera sunt,, His litteris continentur et prostant traducitur, ut omnium haereseon collectum esse pauperes settaristi, Et ne fortasse non pro genuinis veris fidei virtute recognition procuratio constituta essent eis usque adhuc Pontificium Consilium pro Laicis, quod effectus sit per quemcunque qui se opponit ipso facto incurrendae extra communionem Ecclesiae glorifica-, strepunt quasi hanc "mulieris matris sunt, et iter" claudensque’incipit delusional sui articulum?

.

In mane nineties, qui Passióne vir Dei, scripsit Henricus Zoffoli:

.

"Quod sint Neocatechumenal adductus loquentes perversa, ut contemnat et re mentiri, ad authenticam facti experts peritisque disciplina mendacium '.

.

Immo semper nibh quod habet essentiam principalis Ecclesiae turpis intra- venenum quo modo Neocatechumenal: matrice ecclesia, in secta Iudaica Calvinista insidiatasi.

.

Ad hoc contra bona effrenate haeresis, Pastores animarum curam nobis specialiter theologos, quod est Christus, Deus concredidit de primogenitis gregis sui cura et custodiam, nullo modo implicat in se esse extra communionem Ecclesiae glorifica-, rant cum Sabrina et excelsum valde in Theofaniam est Lorem cruditates. Significat quod ab ecclesia defendendi metastases: metastases posuit habuit cum haeresi quae circumferuntur a duobus auto-docuit praticoni, qui semper exhibuit tamquam duo superbus Elymas magus coniugatori addicti,, iacentem et docuit suprema iacere ad defendendam sibi quod lecti psycho-is aspernatur Christi ratio sine qua non ad Fides [Cf.. Ioannes Paulus II, Litterae Encyclicae Fides et Ratio] sed, boni exitus;, absconditi fideismi formae tantum pessimus ereticalkikiano.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 15 October 2019

.

.

liber In cap Neocatechumenal Est procul in copia venditionis bibliothecam qUI

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]





Avatar

About isoladipatmos

163 cogitationes on "a magna “Sabrina” Audet in exiguo ludere Hepburn Sabrinam ad Bosu, quod agit per adulterationes et cruditates Neocatechumenals notes “Ad prandium Tiffany scriptor”

  1. gratias ago, pater Arihel, pro sua contumacia. Haec mala sunt obfirmatus est pertinax et ut nullas substantias, tandem, quis enim taedium, et respondit ad ictu ictu, veritatis viribus. Suus frater patris monitis tam Ivanum, Ut benedicat tibi Deus omnia,. In multis autem quae oravit Dominum flens ascendet, et quasi pater Zoffoli brevi fortes et Servi Dei Petrus Carlo Landucci. Audiebat Deus tuus ad nos.
    Nos latere tuo in testimonium nostrum ac propagationi sui preciosi liber.

    pax

    1. Carissime pater Arihel,

      Omnes hoc est vere stupenda, sicut quod loqui non potes sentire est sacerdos ... Noooo!
      Non eo potius responde, oportet ad exorcistæ, pauperes rebus male reduximus, lobotomizzati.

      1. M. Catone contactu,

        gratias ago tibi,, recte vos.

        Sed dic ergo illi, ut me non iudicat et venerunt dozens of comments omnino unprintable. in facto,, usque ad me, semper accipere reprehensionem, et contumeliae, ut manifeste patet ex fidei articulis commentaria in variis published in mensem ultimum inter haec Neocatechumenal sectæ Nazarenorum:.

        Sed hoc Sacramento, qui ipsi concreditus ego de dignitate quam gratia mea: et non sunt, et cum requiritur ad defendat vitam suam: conversationem meam aliquando in sacerdotio ministeriali Christi.

        ita, ubi maior iniuria honos praefandus, nos secare. Sed omnia maxime violari Comments – et ne quidem imaginari possunt,, praeualuit ut puniri ultro – tamen in nostras archives, ut in tempore visitationis.

        Ut patet per dozens of comments quod hic potest quis sub lege, Written by Newsroom venerunt ad minima qui non perceptionem sacerdotii dignitatem sacerdotii ministerialis, Et ideo quantum ad hoc mundo sacerdos ex pessimi. Quid est ergo novum severitate, inde sentire qui electos suos in parte electorum ex Spiritus Sancti.

        Nisi ut sine commentaria quibus maledictis lacessentes, coeperunt malitiae atque inauditum - non quia ex parte periti coram me, pro tanto dici a qui ex Catholico-Catholicos -, veniens ad manifestanda legentibus utile sit publish commentaria, et ad eas propius ad nullos esse sectam tueri eorum a venenata tali modo Neocatechumenal, ut homines agimus ex opere rei probavit examen:

        1. despicient doctrinam scientiae theologicae scientiae praesumptionem magnis viribus atque ignorantis;

        2. Et admonitus in turbidis rebus sint Presbyteri, de-instituantur atque edu centur, ut non mentior, orationes deflectens, ut declines a verbis;

        3. Nulla ratione reddita sunt, discrimine sensum et rationem, sic relative ad res prorsus falsificatum et adulteratum ;

        4. nihil habent auctoritatis ecclesiasticae, adulationis sua ad pontifices esse prorsus falsum et solum sui ipsius, legitimare eorum haeresis, in facto,, illis, verbum Pontifex Maximus, est a synonym for "probatus ... probatus probatus est et hoc ...!" ;

        5. Habent dimidium annum malitiosissimi paruit exempla doctrinae Ecclesiae aduersus, pastoralisque liturgiae, Siquis in hoc discrimine progreditur, quod crimen esse aversis partibus "contra papam" et "in Ecclesia" ;

        6. interroga specifica quaestionem poteris ei decem tempora,, Interrogabo vos et inponens ei evertere decies non contradicentes, dum rerum argumentum non respondeat documentis constet ones ;

        7. duces Neocatechumenal via quae hodie etiam magis quam ille contemnat, contemptibilem animam Benedicti XVI Francisci, Nunc cognoverunt quia nullo modo variari potest regnantis Pontificis venatus, Quod aliquoties ostensum publice comprobatum Kiko personaliter Arguello, Si quis se ad opus crit, Eorum impetu a te dicens: "Tu es in Franciscus Pontifex approbando … nos commendare suasiones … nos commendare suasiones …" ;

        etc ... etc ...

        Sicut et intellegite, Multa meliora habeo, ut quid, quia haec respondent.
        Conabor tamen momento cogitare: cum suis phantasiis, convenit illorum comments, ita doctrinalia ignorantiam, mira sunt praebebat materia praebetur adsensio in eo libro legatis expressa documenta exarata plus minusve: "Infestantibus cogitationes Pervigilium veneris ad Neocatechumenal settaristi".

        bottom, illis, vocaverunt eos ad me, ut mi lectus comments 'culus ", "Asshole", "Asshole" et ita sequitur,, accusatis mater mea usque ad officia aliqua facere ... truckers, memoria mei in contumeliam, Cum responsum datum a me didici quod ipsi mortua est in convivia quinquagenos 1990, ut eorum probetur ultimate, esse, sic dicitur «balls ', Exposui fere, ut ipsis librum scriptum, quod iam, Quod probo putent aberrant inducit maximum donum Sancti Spiritus ecclesia, id est Neocatechumenal.

        Et omnia haec quae recte memoriae sedem in archivo curiae, nemo enim potest dicere, quod falsa vel falsificata sunt,. Quis staff of software fabrum statim testimonium visibile veritatis materiae omnia haec, deinde etiam tradita ultroque.

        hic, mirabili officio sibi, nec tamen vult intelligere diabolum vinci stultitia sua, fructum superbiae impotenti.

        1. Morbi toto corde volo venderemus exemplarium, scit fortasse olim papa fieret (Diabolice cogitatur quam commentatorem catechumenatus), erit fletus et stridor dentium iter catechumenatus.
          Sit Deus illius cum Patre Ariel.

          1. etiam, bottom, canonicae electionis requisitis habiles esse perpaucos sanctae sedis, duo tantum: masculus et non baptizaret.

        2. pater Arihel,

          volevo dirle che la apprezzo e le faccio davvero i miei sinceri complimenti per il coraggio che ha avuto a pubblicare il suo libro sapendo che sarebbe stato sommerso dal fango dei neocatecumenali, quin fortasse quantum.

          Nam de via ad me Neocatechumenal 25 aetate, aliis parochiis Blaesus (Et mutavit bis urbes et mercabimur) Et plerumque satis notus nimis vehicula cultus apud homines, qui credis in haereses sola interemisti, quod est ponere,, non habens omnia instrumenta intellegere, stultitia personabit, kikiani conferre valeant Catechismus Catholicae Ecclesiae dogmatum, etc.…

          Ac saepius superbia in sua ignorantia cum superbia diabolica. Sicut periti et super cutem suam, In malitia sua terminum non habet,. Multi Episcopos, ac Sacerdotes autem timet dicere aliquid de sua negans deambulatio enim talionis ex Neocatechumenal, et scimus iaculis atrociter, torrente propaginem fortium.

          Sed non habuit animos et quod valde dolendum est quod sequitur solvente.

          Benedicat te Deus,, ut beneficium daret gloriam tantae virtutis eius.

  2. Ego conveniunt cum Patre suggestion Ivanum. Ego sum certus illic es promptus ut iudicio contendam adversum Neocatechumenal multorum obloquencium argued, non obstante omnes defensionem mechanisms (plus minusve volunteers) quibus in rebus talibus reducitur. Facere licet contra esse quae ad ubiquitous aperte in via, sicut fecit pater Ariel articulum, ideo iustum. Etenim quis potest iudicare quod erat (tam procul) in profundum quaestionem in libro de reprehensione. Potest enim aliquis album in eo contentae sunt theses et saeuior et infestioribus quam? Et velum in topics ad hominem, immo iniurias realis tribuerentur, eas auctori addressed: eadem ratione (fallax), Cauti esse volui, si aliquis intrare in via satis erit ostendere esse a nice roundup de comments id quod situm et pluit super buxum et in paucis diebus et in variis online blogs, ne quidem ius civile habemus in umbra comments.

  3. Caro pater Arihel, calumniam post se… et multa tristitia affectum me. Qui inter multos dicit, Spero autem in bono fidei sunt, ut detulerat, scilicet communio est profecto maxime detestabilis. Illic es iam per multos annos, ut sacras species exceptura sacerdos stans iustus amo te, quod grave est, sed maxime “Coppone” ita ut acquirendae illinc participandae una iturum. Quod falsum est,! quod 99 % quae dicit! Quod quidem fit per calicem sacerdos (ut) postulat a fidele,. Spero autem quod est animam suam pro bona fide realiter et per autem confidebat iniuriam informationes, quod secus esset valde gravis. Im 'certus vobis quod non edam in publicum comment sicut et ceteri, qui non editis, sed mihi magna est, quod rei non legit illud.
    Estalis Maximilianus

    1. Estalis mi Massimo,

      Circiter binas vel huic argumento quod clamat enarrare articulos detrahas mendacibus.

      Im 'non blogghettaro author administrandi sed ex tabulis et pertinet ad commentariolum conscribi, ut ego tali serie totus legalis officia et consilium in civilibus et criminalibus legem,.
      Nolite clamabant mendacium, calumniis!
      Et loqueris in quibus accusator publicus quereli dicto libello mihi.
      Simul autem a te ecclesiastico agatur, & petendam mihi bonum fama laedatur, de quodam sanctissimo viro Deo Kiko Arguello.

      An quiescere quibus semel turbare globos surreal quae in caelo neque in terra sine causa loquitur, quod loquor et scribo, et quod tantum ex ipsa facta congregentur.

      S Arihel. Levi Tadinensis

      1. Reverende pater, Quæ autem vere atque ingenuae continerentur, atque Wisi enim ad omnem operam dare responsum in mendacium: et utique non indicavit.
        ex animo
        Estalis Maximilianus

        1. Numquam ego quasi vir fuit magni domine Hernardez Catullus.
          Et amen dico vobis quod probabatur per hoc, cardinalis et episcopi, tam viventium, tunc presbitero quondam episcopus alterius, praesentibus et multis aliis, clericis et laicis salutem.
          Occasione Iubilaei 2000 Romae conventus vario auctorum.
          Pater Joseph Giussani, Discipulus autem puer et profanum non obstante consuetudine collegium ludo puerorum, Sed in aliis locis illis, Vidit pallidus pallidus iam Chiara Lubich, quisnam esset proprie cadunt, Hernandez mentre Catullus, et loquentes id reficere ut Turcam in Curabitur aliquet ultricies, intervallava in perdita domo lingua dicens "Pedicabo … dick … dick!».

          Et illa, Ut cresceret, qui loquebatur quasi mulieris meretricis facta in uigiliarum in hortis suis de lupanari intulisse, audet feminarum dabit leva planctum super me?
          Non est bonum,, propter quod ego sum: ingenuae continerentur.
          E’ lei, Illud ponit casum tantae feminae, per me, magna feminarum, Catharinae Senensis coepta sunt, Teresiae de Avila d', Edith Stein … Carmen de superbia non vulgarity Hernandez mole.

          Nunc autem dic ut quaedam mala fabula, et exemplum Compare Catullus Texts erat enim linguam suam et tene sobriam Disputatio plus quam beatus est Imelda.
          Et placet,: memento quod causa diffamacionis contra me, Accusatore scriptor Office et hoc in curia christianitatis, quoniam omne mendacium ex ore maledico et ego locutus sum ait:.

          Read libro meo:, Ut inveniret in ea valida sunt rationes ad hoc tempore in via Neocatechumenal, post triginta annos dampnum non receperunt, ut multis aliis.

          S Arihel. Levi Tadinensis

        2. Ridiculum C Massimo. Parum honestis diabolicum est dicere ut per communem inspiracionem annis stans, wanting apparere obedientes Ecclesiae, Quibus omissis, quae ab una sedens communicate.

    2. carissimi Maximilianus,

      Fui usque in duos annos via, per humanos ludos confictum traditio, et Acolythatus, Ergo semper provvedevo parare servire in liturgia.

      Non possum dicere:

      Dividebatur sacerdoti Eucharistiam per me pedibus omnes qui sedebant panis, dummodo consummem cursum distributionis sacerdote formulam elocuti sedens: “Ecce agnus Dei…” Divitiarum enim eucharistiam simul;

      Et fuit sanguis Christi distribui, eo semper, atque exortu protinus apud.
      Ipse autem consumptis inconveniens quod panis et vinum Eucharisticum liturgicam emendationem vidi statim fugere, quale vinum consecratum sumeret posito post panis celebratione non intelligentes quid ageret!

      Te potest praestabo actum est verum.

      1. Carissimi Dominus Fabricio, Dixi, quod prorsus est. Reuerendo patre iudicialiter pro eo quod dixit poculum tradatur in manus fidelis, dum sacerdos vel diaconus obtulerunt eum. Ut audiam vos guys loqui videtur quod factor ad ordinaria vicaria: cui accidit quod prorsus descriptus. 1) semper in duabus speciebus. 2) panes semper panem et vinum,. 3) accepto stans. 4)in suo loco,. Secundum quod vidisti, quod omnes Communitates, ut fit in terrae. Postquam ergo corpus Christi omnes accepimus, Sacerdos postquam primum accipimus et quod reliquum est civitas.
        Vale
        Estalis Maximilianus

        1. bene audire,

          Habeo footage iecit in celebrationibus,:

          1. Roma
          2. Neapoli
          3. Catanae,
          4. Monoecus Bauariae
          5. Medellinensem congressum
          6. Rio de Urbs Fluminensis

          quo sita sunt et qui tempore filming communione “Coppone” manibus.
          Et films sunt inter confodietur 2013 et 2017.

          Haec inducit publicam iam locus, ubi multa sunt testes. Et venit et praestare movies, tum erit explicare et dicere, de itaque Mardochaeus omnia haec, quod non est verum.

          Propter quod non possit: hoc est dicere non est verum, re etiam tum probata coram.

          COADDO:

          In horum trium Mega-movies resumitur catecheseos institutorem, ut post Evangelium et homiliam nuntiandi,, dum sacerdotes eorum authentici idque verecundiam praesens, Et hi faciunt errorem rideant “et, et” et caput.

          et iustus?

          1. Caro pater Arihel, Intelligo tu iratus es, et non est verisimile quod plus habet navigare inter falsa et vera dicit:, sed ludio ludius suo, Fabritium amicum, servivit in variis eucharisticis Celebrationibus ipse calicem sumentibus, qui dixit:, tunc prorsus descriptus communionis aliquem, ut dixi, id est, quia probatus est in constitutione posuit fructum. Nescio quid videos aditum habet, et si sint medio fiat, sed certe audire suis legentibus.
            Estalis Maximilianus

          2. «Ego non video, quid huc atque aditum habet, si modo illi sunt"

            ah ..., Ecce venit denuo iter quaestiones et quaestiones in tangentem evadere.

            Et responsum prior me enumerantur filmic documenta in possessionem.
            Vos adepto continue publice, ut ego, qui ne ludibrio de merito.
            Et respondendum:

            Sum publice litteris petita habere amet.
            Quae quidem duo excludit: et non habeo quod litteris dicere in vobis, et ego mendax, Romam ituros,.
            Et 'hoc est, ad aequare.
            Dudum quod enumerantur me, Ubi sunt membrana Quo Mense autem Books.

            Sentis me mendacia?
            Quaestio simplex valde.

            Et respondendum est ... responsa responsa ....
            nec tacet.

          3. Infeliciter, ignominiosus est in via statim renati conservare Neocatechumenal, per “aptet” falsa enim obedientia in proximo concilio ad Petri bell.

            Ut supra dictum est, quod etiam ex variis mamotreti ads mutatio ex Italia ad Hispaniam, ubi quaedam riskiest pulsantes “evanescet”. amet.

            Non miror omnino, tum, quia multa sunt modo variationes Kiko liturgico-disposito.
            In eo, aspiratio Kiko mortificatum defectus Vaticanae, Non esset autem revera est pater ex nominibus Ariel movies: Omnes sedent commensally, ut pars.

            Haec sunt illis qui in context “accommodata,” magis et minus, et nunquam totaliter Quod non oporteat.
            Concilium Vaticanum dissentiet distant ab incremento, sic enim domesticas et fabulae tantum vel plus inter neocat. Quis putas mos animadverto?

            Deinde cum Summis Pontificibus et Episcopis immo et vade, Dare conantur eaque accommodare FRONS.
            Quis scit aliud quam multa “variables” et quod aliud, kikiano est in mundo.
            Quisque est, cogito: Non est hic facit, huc illuc, et in copia rerum numquam deorsum.

          4. Liberæ mentis quam cara semper,

            dicit quod est explicare quae per gradus unus de libro meo: liturgicam emendationem multo et plura et coetibus sicut grave, ut dicitur in periphericis areas. E’ Italiae dioecesibus cogitationes, parvis et magnis, qui volunt facere quod tendunt esse.

            Romae, pro exemplo,, principio nituntur intra terminos, uersi quia sentiunt, Praesertim quia cognoscere, non obstante positis autem multi ex suis presbyteris et fidelibus in vicariatu de domo regis, et in circuitu habentem in manu 90 Sede metropolitana auditu aliorum, 320, et pastores sunt sacerdotes apud se non habere quod vis facere justum, et non videbit eos. Nam cum sacerdos, cum illis, eam succensam, ardenti permanet in vitam signátum, Et testatum est quod scriptum et signatum numerosis Italiae sacerdotibus, et alienum.

            Romani luxuria circulos qui volunt verba prorumpere pessimus, Habetur enim alicubi in stationem occultam agri, et prudens plerumque religio Castelli Romani regio, quae est in ministerio domus et receptio umeris abscindere halls. In eo, Et clausis januis, quae fit. Multum apud Romanos parochiis diligentius.

            In Italia principatus pessimus liturgicam emendationem habemus Neocatechumenals Fora Neapolitana et Catinam.

            abhinc annis, alia tribus in turba de sacerdotibus, ipsi invenimus in paroecia ubi Bavariae in Monaco est ens per celebrationem ex Neocatechumenal, modo vidimus turpia, inter duas mulieres in actione liturgica addiscant, ad munera diaconus omnino peragitur,.

            Homogenea Neocatechumenal istas festivitates, clamore atque variantur loca coetibus. Et datum est aequalitas secundum expressionem formarum certo ac definito unique signa kikiani, qui ubique est uniformis, nam verae essentiae “fidei,” neocatecumenale. sed, Quod ad Eucharistiam attinet ad, uter variat modum celebrandi localem, coetus coetus.
            Hoc tantum refert, quod panis eucharistici repraesentatur et significatur packaged Kiko, Sane utriusque figurae esse Coppone Kiko, Iudaei signa sequi instituit ita Kiko, illi sunt qui solus sine qua esse non potest facere.

            Si Ecclesia sacra liturgia tum chaos esse desiit homogenea idem signa fixa usquam, relinquens creandi spatium, et sacerdotes atque ita difficiles parit quaestiones,, Hodie nos habere ante divisions, et mente confusa est, paulo minus’ annorum, cum buried Kiko, Quam multa sunt in plus Neocatechumenal via.

            Errores suos expresse loqui de illis utile et necessarium est,, Pisces quoque, qui cadunt in alia network ne dicens, sed circa finem, Hoc autem minime exorabilem notata.
            Mortuus Kiko inter se omnia devorabunt, narcissistic vitiatam non fit successive ut aiunt accumsan minim, si partem pecuniae adepto iinmobi, quod etiam sit internum mattanza praecipue ferox.
            Nos have ut iustus te manere et adiuvaret, ut viewers, ad exitium sui,.

          5. Ego puto hoc addere, ut etiam pro chao: checks paucioribus expectata, magis et minus, ut Catholici sumus fidelis est kikianesimo.

            Non dubito quidem momento in Patre Ariel amet, sed ante alias Fateor quidem “alium”, ut sit liber Liturgiae…

            Puto hoc periculosum Neocatechumenal sectae: quando erant 'solebat, et audire te iacere, non est finis pessimus.

            Eucharistiaeque ex Patre, quod in idea a Kiko Ariel movies, quod sint vera obedientes kikianesimo, quod est sanctum verum version de COMMENTITIUS.

            invitus flectere iam alicubi, sed unde fieri potest, ut facerent abominationes pura kikianesimo.

            Ut catechistae ad cibum impertitus novi memini: fecerunt viam suam, narravit autem nobis sedens accipit panem et vinum fuit, ut simul communicare. Quibusdam visum est, ut stantes ad susceptionem Sbolognarono “preconciliare”, accontentiamolo…

            Factum est autem in una tantum Kikianesimo habet doctrinam eius, et secuti sunt litterae, uix potest non debet aptet. E’ quod “invitus” hoc est quaestio.

          6. Et quod `sacerdotes 'pro facere net videos plena est sermo, musicam facili ad numerum ludebant coram Domino in unum dives et pauper, vel cum inflatables multum engine, seu producuntur animalia quae habent super altare in gazophylacium,. Ad celebrationes sanct و moventur in quas fidelis incidere in obsessively, et tecto simulatur lumine mentis excessus: et plures alios, sed ut video qui fieri potest gravibus tantum patrem habemus eis secretum agente Ariel?. Non puto te mendax, Fortassis enim fiduciam iniuriae notitia adiuvet et ideo in eodem superiores ministri Flop aberrat via adversus Neocatechumenal.
            Estalis Maximilianus

          7. Scio quod fecit semel,, negotiatio vigilum in Salernum, cum vetuit me on-Rhegium Calabriae et liberam traffic ut cucurrit gaudensque laceret et non ad mediocris de 180/190 quam, Licet autem modus 130?
            Et aperuit os tuum ante dixi agentibus: “Transierunt non multum in ore et mortuus iniuriam. Spero te maligne!”

            Et scit quid illa esset facturus?
            Respondit autem unus post alium sub ratione omnis populus qui dicit se praestare pessimi traffic via peccatorum, prorsus sicut ejus qui fecit hoc responsum psychotici, ut dicunt, -quod ultimatim … sed ego et ceteri qui ius worse, quia non accipis eos?

            etiam.
            A me, his duobus agentibus, Illi subridens respondit mihi: “bene, patrem. Try ad minus erit sporty, Dissimulare non, Nos utrumque facere claudunt, quia ipsa novit,, dicentes quid faciemus”.
            A lei, Novit quid facerent, style responsio in conspectu eius? Quod ut vocarent eum et, post cessaverunt habens machina, et dederunt eis sedens in scribo separatum est scriptor coegi licentia faciendi quae recordum incessus praecipitem; et quam multa sciat, quae non alia esse potuit invenire.

            Caecus caecum ducit !!!
            Sic et cor patris animo Evangelice.

            qui dixerunt, Sequor autem sapiens est ab auctore suo commentario IPG: superfluum est loqui. Quæ placuit, quod in terra plana est,, Suspendisse ut frustra omnis scientia sphaerica.
            Nam eam, terra est plana, et in digito Kiko Arguello non sustinet, full stop.

          8. Te pater mi, solito verbis calumniatur. Non dico si verum esset ex illis episodes, ubi illa Curabitur videos, non minus gravibus per sacerdotes canebant, ad Offertorium et posuit in animalibus multas alias pudendas eorum pullulent super net videos, sed miror cur nos loqui de his videos, qui non habet eas modo et in network. mha… Mirumque non inveniet?
            Estalis Maximilianus

          9. iam, Mispelid verba mea, si non ut tempora repartee amet, Quis non amet aliquem determinare aliis argumentis accusationem arroganter respondit meretur vel convertens sermonem.

            etiam, dica mihi: quod, in rete, a puero usque ad octo annis septem, si non regerentur, succrevit a computer non caudices, Vos can reperio omnia tibi sex, quod si saltatorem, una cum carminibus, in publico nuptias sacerdos cantat carmina de Rich&pauper, cum non quæ emuncta sunt elit, qui non est? quod quæ emuncta sunt elit in qua re quod victimam per videos sunt cruciati, nolebant adquiescere sermonibus et homicidæ fuistis:, nec enim occultum foro rudi locupletium. sed ibi, in 2016 comprensi a FBI exercitu americano orientem et venundati sunt in group of Asian possumus, rudi, ut video 250.000 $ quisque.

            sed, applicans logicam suam consequentiam, Si mali invenitur retiaculis Books, si non est, vero?

            in brevi: Ut homo pauper, rationis privalo, rationis et sensus discrimine, et fabricari, et ad perfectum neocatechumenal.

            Bene nobis facit timere artificialis intelligentia,, Et sicut qui eam palam ad se ostendit quod non humani ingenii.

            * * *

            Maximilianus, EGO amo eam, quamquam me quidem non sciunt quid vultus amo, quia habes cor pastor et pater. Quid ego faciam, rationem afferre conaretur quis similis. Cum aliquibus casibus succedant, Dico quod suus 'circa gratiam Dei, quia hoc est. sed, cum potest,, Dicunt suus 'non meus mendum, ambulare quia non potui, et ego non sum dignus sit oportet esse instrumentum Dei gratia.
            Homines sentiunt se tamquam iter sint in fide, rationem re non, ita ut sacerdotes usus plurimarum:: in sensu impotentiae.
            E’ sicut vigilantes hominem mori – in hoc casu ad animam – esse non posse nisi se ad aliquid. quidem, Est actionem hominis, sed cum videmus homines damnum, intelligere autem non potest nocere, ut sine eo quod est sibi causa,, aliter malos facit, et difficile est dicere: etiam, Qui dat irrumabo, liberum arbitrium eius!
            mihi credite,, interdum, sicut cum populo suo, Nos etiam terminus sursum et sentiunt reus reus.

            hic, sermones huiuscemodi, Potest enim solum credebat eis sacerdote catholico gratia sacramentalis ergo status operiretur, Kiko non faciunt eos:, Mega-nec catechistarum, quibus semper alieni delicti.
            vel maybe, per decennium, tu umquam audistis, et sidus Kiko “Sancti” Catullus admiratio iustus … ubi ad malum?
            numquam! In aliis Erras, alii!

            Sed ego miror solebat,, ut in conspectu populi sui: Nec ista, Ubi sum ego errabis?
            mihi credite,, sacerdotes autem magis ridiculum texit sacraménti causa sit, et fuit usque modo gratia, sine vitiis suo, pro superbus est et ignarus Mega-baptismus confert catechista kikiano.

            Benedicat te Deus,.

          10. Maximilianus,

            Please: ante launching in responsum est quod secunda pars responsionis apud patrem Ariel scripsit ad latest post, et cogitabo, sed re vera etiam cogitabo.
            Et sacerdotibus publicam responsionem reddere possunt esse simile, Italiae, Erit fortasse 4 quod 5.
            Uterque habere potest commissuras, de irragionevolezze, inde et non-intellectum et voluntatem non-, ibi etiam ego, libenter esset,, Non solum autem illa,.
            sed, quod sacerdos 65 amen dico conscientia bona annis: ante launching in responsione ad secundum partem sit parum vobis videtur de respondere ei, quia peccatum mortale incidat revera posse moveri.
            Ut memores sitis eorum, quae omnia habet terminum, Agricola etiam in toto corde et ex animo.

          11. Caro Pater Arihel, Dixit senex parochus meum, Deus in requiem meam, “ne respondeas conquisitor huius mundi” Placuit consilium audire et. Spero autem non alterceris cum illa amplius,, Ego cum mane orationes continue, scrutatio meum, mihi vesperam, quae dicit, non est pars Fiction, Et continues et suis argumentis et ad obviam necessitatibus plures ultionis est pax, liberi, Luca, Et Plutonem Donald Duck extra omnibus. Et hoc modo non necesse sit mihi in populum defendebant similis tui, et Ecclesiae cogitamus “Petrus” sunt, 50 quod confirmat fidem annis. Spero posse resistere scripturam legere super hoc blog cum et alias falsa esset ista salutatio.
            Estalis Maximilianus

        2. Praesidet sacerdos antequam communicent et quomodo sacerdotes concelebrantes explicandam. Ad verbum, sed tu dicis:

          “Postquam ergo corpus Christi omnes accepimus, Sacerdos postquam primum accipimus et quod reliquum est civitas”

          Anima per peccatum esse debebit dare confirmationis.

          Iam non habemus, secus autem est verum, Sacerdos etiam postquam est nuntiatum primum paciscor sed ostendit se dicit ecclesiam et Corpus Christi “Corpus autem Christi custodiat nos ad vitam aeternam” et in omni loco isto, Alta voce sacerdos INCLUSIVE, Ci si SIMUL COLLOQUIUM.

          Hoc fere est in Communitates. In hoc loco si Patrem Ariel quia provisum, quod movies abiit in qua demonstrates est praxi etiam supra, Qui cum iam repeto Missali Romano Catholici omnes caveant neocatechumens, quia habes dolor!
          Melior tibi dabo tibi et cessabit.

        3. C. Maximilianus, ipsa conscientia latet. Errare humanum est, perseverare diabolicum. Malum autem est quod a obdurat ultra rationabile terminum in mendacium.
          In Neocatechumenal sacerdos et comedit simul cum Eucharistia (neque ante!!) et omnium fidelium. Et consumat animas fidelium, qui Eucharistiam Sacerdos sedens (nec si stantes). In 25 ut annus iter est, semper fuit et novit eum.

          1. Animus est, qui illam ei Domina Paulam, Ego veni ut faciam ex te. Secundum ritum sacerdotum communi formula statim immediate omnibus. Si vos erant iniuriam facere aliter. Me respondere voluit in hoc nolite ergo spelunca impietate sua blog, videre possum resistere malo sed.
            Estalis Maximilianus

          2. Maximilianus, “deinde” Ut sit in ore sacerdos Eucharistiam, Cum tamen sunt sacrae species in ore ejus, et non accederent ad calicem, communicate ejus neocat: hoc negare potes,?
            Vos scitis quod cum utramque speciem, eodem fere modo per duas species damnum qui ignem succenderit signum verum theologicum indivisibile unio etiamsi non accedat ad eucharistiam sub speciebus unum?

    3. Estalis Dominus,

      si non potest in dubitationem adduci bona fidei illorum qui studere solidorum phaenomena, quia si methodice et perfecta expleantur secundum texts studia atque orationes explicarem imperante, Hi sunt a studiis ad servitium Ecclesiae et ad te, qui es in via sunt pars.

      Ita sane, ut hodie sectas non immediatam sed transiet a sophisticated lingua adulterationes. Ducunt in saecula deconstruct granite pro certis captarem traditur eis secundum consilium ut domum, et monstra questae tum theorici tum practici natus de Ecclesia in Christiano proposita saepe anti-. Et incipiens a falsis doctoribus pluribus P percussit Ariel est dicere quod intelligere quae cogitant et quod animus eorum.
      afferant Liturgiae,, Veniam in me: sed non ludere innocentes, liturgicorum drifts “semita” Et originate in modum concipiendi in via liturgica, sed etiam in documentis Ecclesiae doctoribus suis includi potest, et hoc non fieri potest off in semita quasi “fidelis in integro Ecclesiae doctrina” sicuti iniuria Bosu quia intelligentia et legentibus ipsum.

    4. O Ariel habeo scientiam theologicam replicare. Unum dicere fas est eum, in qua pontifices et interdictum in vigilia Paschatis, celebretur Community, QUOD NEMO fecit Deversorium, nam vetitum est principium et aperte de agro indicaverit portabit iniquitatem. Si enim vigiliis et abstulit locum extra parochias, Haec vigiliis ad ubi tantum fieri, sed non permissa fuerint Communitates in Hotel (id est illi qui dictus est a cohabitatione abstractiones). Ex quibus patet quod ipsa habet quidem simplex habitabat in momento testimonii, scientia et omni conventu collatio. Qui fecit librum CMQ (!).
      Respondet meritis deest lamentatur, Quae numquam magis fit, sive Kiko fecit per fora clivus erat oportet, quia non faciet ei exceptio me. Parum scitur in ultimis 2500 sacerdotes ordinabantur Redemptoris definit haeretici multi ignorantes, sed multa, quod quidem illa ut titrated. Ego scire qualem honorem, loquitur 8 Latin, a gradu in philosophia, et in historia medii aevi in ​​aliena universitatibus catholicis lectiones, et baccalaureos,, licentiam, exinde doctoratum nostrani, centum et duobus academic papers, et universitates. Veritatem quidem omnia ad unum locum…

      1. Sed quomodo…
        Tries to dici quod relatio signi Luca “eius” Cui omnia terrae et quasi vigilia Paschatis, celebretur interdictum fuit audierunt. Fecit et circumspectis aut extensive in variis dioecesibus,, potest, vel aliter sagittent bullshit, qui plurimum potest.

        Potes scire, si ad hoc tradit, maybe etiam amet.
        Ut scribam librum, tum, non opus experientia in via, sicut legitur in mamotreti et facti sunt haereses sola interemisti statim obvious, volentes illis “audite:”. Auditu iustus centum Confessionum suarum, attrahit aerem intellegere quae.

        Summa enim cum laico qui non Kiko “scomoderà” Fortuitae exceptiones circumscribuntur ad respondendum ei sacerdos, historia antiqua est. Loci in quibus sunt semper replicatur “sequantur” locis, ubi etiam pythonissam quod sanctum, quod cadit in Dominica die, et omnibus credere,.

        Non enim replicari, quod Kiko “SA” replicare et eminentia non vis dare ad haereses sola interemisti. Kiko solum loquitur “populi sui”, Numquam valeret cum ingressus ecclesiam.

        Et conversus ad singulos de casibus “eruditi” neocatecumenali, si peculi, una hirundo non aestivo…
        quod “qui neocat” Hoc fecit ignarus fidei.

      2. carissimi Luca,

        exempli gratia lets 'satus an ad univérsam Ecclésiam exténdit: in quaedam areas mundi, ad 10 In Missis iuxta Missale B. 10 pluribus sacerdotibus, invenimus quod haec celebramus 10 posuit diversas.

        Celebrationes Ecclesiae veni in terram quam Afri et defuerunt de Boys Aedicula Sixtina, perché pareva di essere a una celebrazione in una basilica romana diretta da Mons. Guido Marini. Mi sono ritrovato in altre chiese di altri paesi africani dove la sola processione di offertorio fu una lunga, ininterrotta ed estenuante danza di circa mezz’ora in costumi tribali. Riconobbi le caratteristiche della Messa cattolica solo quando il presbìtero recitò la Preghiera Eucaristica, anche se con una gestualità totalmente al di fuori da quanto indicato nellerighe rossedel Messale.

        Mi sono ritrovato in una chiesa parrocchiale di Zurigo dove i fedeli erano seduti a terra in circolo attorno all’altare e nel corso della celebrazione facevano meditazioni buddiste; e mi sono ritrovato in un’altra chiesa parrocchiale di Zurigo dove il celebrante non fece un sospiro né un gesto se non quelli indicati nel Messale Romano, con una precisione e una devozione lodevole.

        Che la riforma liturgica non sia riuscita particolarmente bene e che nell’immediato post-concilio si è assistito a un progressivo attacco alla liturgia minata da abusi e creatività selvagge, non l’ha detto il Vescovo Marcel Lefebvre, ma lo ha detto, spiegato, scritto e variamente lamentato il Sommo Pontefice Benedetto XVI. Colui al quale, molti neocatecumenali, hanno fatto finta di volere bene, tum, in molte salette, si diceva tutt’altro

        La liturgia deve basarsi e reggersi su canoni fissi e rigidi, perché in essi risiede da sempre quello che è l’elemento fondamentale della universalità della Chiesa. Rendere la liturgia instabile, vuol dire minare il principio di universalità in nome della particolarità e dei particolarismi.
        Questo per quanto riguarda la Chiesa universale.

        Che i neocatecumenali abbiano tentato in tutti i modi di farsi una liturgia tutta quanta loro, Ideo dico, lo hanno lamentato ufficialmente, per scritto e per più volte i competenti dicasteri della Santa Sede. Non si può falsare il dato oggettivo: in 2007, scaduta l’approvazione ad experimentum concessa dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, il Successore non dette alcuna approvazione. a 2006 cominciarono a partire precise richieste di adeguamento e rispetto delle norme liturgiche della Chiesa. Il Cardinale Francis Arinze, prefetto del culto divino, non agiva di APOSTOLICAE mOTU PROPRIO DATAEquod, ma su ordine di Benedetto XVI.

        I neocatecumenali non sono un monolito, non celebrano in tutte le salette del mondo allo stesso identico modo. Ciò che ovunque hanno, perché quelli sono inderogabili, sono i simboli kikiani, il pane eucaristico fatto secondo le indicazioni di Kiko, i calici da lui disegnati, quod menorot et ita in.
        Semplice la conseguenza: più i neocatecumenali sono lontani da Roma o da alcune grandi diocesi italiane, più fanno ciò che gli pare e come gli pare, a livello liturgico.

        Nessun mega-catechista, in una chiesa parrocchiale di Roma farebbe l’omelia al posto del presbitero, perché partirebbero le proteste e il Vicariato interverrebbe. cum potius, a Monaco di Baviera, ho visto io con i miei occhi e udita con le mie orecchie, per due volte, una mega-catechista fare l’omelia al posto del prete dopo la proclamazione del Vangelo, ed un mio confratello australiano, per due volte, girò il video. Il tutto è avvenuto in una centralissima chiesa storica della Capitale bavarese di cui è arcivescovo il Cardinale Rainhard Marx.

        I neocatecumenali italiani, le loro particolari stravaganze, tendono a fare in zone periferiche, non certo nelle sale delle grandi parrocchie metropolitane.

        In una Chiesa di Medellin ed in un’altra nei Caraibi, i neocatecumenali, per fare la Comunione, si mettevano a sedere attorno al tavolo quadrato e poi si passavano il coppone dall’uno all’altro, dopo avere presa la Comunione da sé stessi da una grande “insalatiera” lasciata dal prete sull’altare. Poi si alzavano e lasciavano il posto a sedere ad altri, che si sedevano e prendevano la Comunione da se stessi e si passavano il coppone di vino; e così per più giri, finché tutti i presenti ebbero fatta la Comunione, seduti e passandosi il coppone. E anche questo è filmato, assieme ad altri documenti.

        Dinanzi al divieto diveglie privateda parte di alcuni vescovi italiani, molti gruppi si sono adeguati, altri gruppi neocatecumenali hanno reagito a questo modo: sono andati in una diocesi vicina dove il vescovo non aveva decretato quel divieto, oppure si sono ritrovati in un posto discreto, in un albergo fuori città, hanno chiamato un prete compiacente, ed hanno fatto la veglia come hanno voluto. E il tutto è avvenuto non nella mia fantasia, ma in diverse zone d’Italia, ed a segnalarmelo, con le debite prove, sono stati miei confratelli sacerdoti.

        Tenga conto che in Italia abbiamo 226 dioecesi,, dubito che il comitato centrale dei neocatecumenali possa tenere perfettamente sotto controllo tutto ciò che in esse avviene, figure: non ci riesce la Santa Sede e non ci riescono gli stessi vescovi, a sapere e controllare ciò che avviene nelle loro diocesi. Come fa lei a dire che non è possibile fare quel che in diversi luoghi è invece stato fatto?

        Non vado oltre con gli esempi, posso solo dirle che se in anni di attività pubblicistica e dopo svariati libri scritti, con centinaia di articoli pubblicati, non mi sono mai beccato una condanna, ciò vuol dire che, o dico la verità, oppure sono particolarmente bravo a dire le bugie. A mio carico furono depositate nel 2015 et in 2017 due querele per presunta diffamazione a mezzo “stampa telematica”. Furono immediatamente archiviate perché non sussistevano elementi a mio carico. Bonariamente soprassedetti, perché avrei potuto io, querelare i due improvvidi per avermi reso oggetto di una querela infondata.
        ego iterare: o sono bravo a dire bugie, o dico la verità.

        Mi fa piacere che lei conosca un prete neocatecumenale poliglotta che parla otto lingue e via dicendo, ma i fatti dimostrano che in mezzo secolo di vita e con oltre 100 seminari aperti, il Cammino Neocatecumenale non ha ancòra donato alla Chiesa un filosofo, theologus, un canonista, un ecclesiologo di noto e riconosciuto talento.

        Perché questi doni da parte del Cammino Neocatecumenale alla Chiesa non siano stati fatti, Patet nimirum quanti momenti: potes, degli ignorantissimi mega-catechisti, che considerano la ragione e la speculazione intellettuale superbia, perché ciò che solo conta è il “Charisma” e lo “spiritus”, dare vita a talenti e coltivarli al meglio per il loro più alto sviluppo?

        Lei ha mai ascoltate ore e ore di sproloqui registrati di Kiko e Carmen? Io li ho ascoltati per settimane, volendo posso dirle di più: lo spagnolo lo parlo meglio io che sono italiano di questi due, perché il loro spagnolo è molto sporco e povero di vocaboli.

        uel: ha letto le catechesi nelle quali, i due autodidatti catechisti fai-da-te ripieni di “Charisma” et “spiritus”, irridevano la conoscenza filosofica, le speculazioni metafisiche, la ricerca teologica … il tutto in base al fatto che, coloro che hanno “Charisma” E “spiritus”, quantunque più ignoranti delle capre tibetane, non hanno bisogno di altro?

        Sono fatti, atti e documenti non passibili di smentita. haec, per alcuni decenni, hanno insegnato quei due Elymas magus coniugatori addicti,. haec, hanno data vita ad una aggregazione gestita da ignoranti che non possono certo generare talenti della filosofia, theologia, dextro, della ecclesiologia

        Ecco anche il motivo per il quale i suoi fratelli mi attaccano in giro per la rete cercando di colpire la mia persona, dandomi dell’ignorante, del “prete pischello", della nullità assoluta, del non-teologo e via dicendo, perché non possono smentire nel merito quel che di vero ho scritto. Se non mandando all’attacco la Signora Sabrina Bosu di turno che apre il proprio articolo con una aberrazione teologica per poi proseguire avanti a descrivere il cammino battesimale ricalcando i principi erronei dell’eresia dei catari e degli albigesi.

        1. DON Ariel allora, si da il caso che proprio a Medellin ho un amico e concittadino presbiterio, appartiene a quella sparuta categoria di preti nc (secundum eam) apud 2 lauree magistrali e un paio di dottorati (partendo da un diploma da ragioniere e da un impiego come contabile in un impianto di conglomerato bituminoso, prima del seminario), le garantisco con certezza granitica che quello che ha visto non era una eucaristia celebrata da un prete nc, in particolare li. Mi dirà chi glielo dice (a me)? Vede da questo intuisco che lei effettivamente ha scritto un libro SENZA avere l’accortezza di parlare almeno con un presbitero che segue questo itinerario, perché le potrà sembrare incredibile ma il cammino è uguale in tutto il mondo, gli unici posti dove la liturgia cambia sono…. Dove non è in uso il rito latino. Non deve credere a me, su internet è pieno di video di messe del cammino, sono tutte uguali in tutto il mondo. A Monaco (conferma la sua poca conoscenza del cammino) lei ha sentito una risonanza (dei fedeli) non una omelia (che segue), se fosse andato ad una messa a Roma avrebbe visto la medesima cosa. Non si può scrivere un libro SENZA conoscere di persona questi eretici.

          1. Non so in quale diocesi lei è incardinato, cmq ci sono 8 seminari in Italia: Roma, Florentiae, Pinerolo, Tergeste, Cosenza, Campobasso, Ascoli e Macerata, una chiacchierata se la poteva fare. Buonanotte

          2. Ah, lei a Medellin ha in amico? Invece io, oltre ad avere amici e molti confratelli sacerdoti che conosco bene, quod, come in altre città della Colombia, ci sono stato.
            Lei c’è stato? Perché se non c’è stato, dei due, per sentito dire, è lei che parla, non certo io.

            Passiamo all’altra sua contestazione, quella riguardante i fatti svoltisi in Germania: anzitutto lei conosce, comprende, capisco e parla il tedesco?
            Da come scrive si comprende tutt’altro: che lei scrive e parla male anche l’italiano.
            qui dixerunt: come si permette, lei che non era certo presente e che se lo fosse stato non avrebbe compresa la lingua, affermare che io non ho visto quello che ho visto e che il mio confratello australiano che era con me in quella chiesa durante la celebrazione kika dove ha girato un video, in verità ha girato un video falso?
            Io lo so perfettamente, quale differenza corre tra unarisonanzae unaomelia al Vangelo”, non occorre me lo spieghi lei.
            Detto questo confermo:

            1. era una Messa di neocatecumenali;
            2. celebrata in una chiesa metropolitana di Monaco di Baviera;
            3. per due volte è stata filmata una donna, ruolo mega-catechista, che dopo la proclamazione del Vangelo ha tenuta l’omelia.

            Rientrati a Roma consegnammo il filmato all’allora Prefetto del Culto divino e della disciplina dei sacramenti.

            E lei osa scrivere che tutto questo non è vero, che io non ho visto quello che ho visto e che, se proprio ho visto, in tal caso ho visto male, perché lo dice, lo afferma e lo garantisce lei?
            La prego, non superi tutti i limiti della decenza del ridicolo, si limiti a mettere a posto le sedie della saletta ed a suonare i bonghi.

  4. Ah Massimiliano insisti? Guarda che qua siamo più testardi di te.
    Al tempo dellebattaglie” (così le chiamava Carmen, tanto per essere precisi) con la Congregazione del Culto Divino io ero in Cammino e sono testimone di tutto. Una guerra continua per non correggere nulla secondo le indicazioni puntuali della Santa Sede.
    Non mi perdo in chiacchiere confuto due cose FONDAMENTALI:

    1.
    Tu dici che sono anni che prendete il Corpo di Cristo in piedi.
    Ebbene VI SEDETE SUBITO CON IL PANE NELLE MANI IN CROCE E RESTATE SEDUTI COSÌfinché il Presidente non torna al suo posto, col Pane nelle mani anche lui e, al suo segnale, “Il Corpo di Cristo ci custodisca per la vita eternaconsumate TUTTI INSIEME DA SEDUTIbriciole comprese, raccattandole malamente nel palmo della mano (i più compiti) e c’è chi le disperde
    2.
    quod “Coppone” che tale è, simil insalatiera, il contenitore (non mi va di chiamarlo calice) ideato da Kiko con gli angoli dai quali bisogna bere, lo consegna il presbitero che gira nell’assemblea. I fratelli sempre seduti si alzano in piedi, prendono il “Coppone” NELLE LORO MANI nelle quali il presbitero lo lascia, bevono un gran sorso e lo riconsegnano

    1. Mi sento di aggiungere a quanto detto da Pax, che è la sacrosanta VERITA’ quod, per chi ha finito il Cammino col passaggio dell’Elezione, durante la cinquantina tra Pasqua e Pentecoste, viene introdotta un’altra deformazione liturgica.
      Non tutti lo sanno, solo quelli che hanno finito il Cammino, non c’è scritto nemmeno negli Statuti, ma spezzerò volentieri l'arcano”.
      In quei 50 diebus, chi ha ottenuto levesti bianchedovrebbe celebrare l’Eucarestia tutti i giorni (cosa che quasi mai avviene per mancanza di preti), facendo una processione da fuori la Chiesa con indosso le vesti.
      ALL’INTERNO dell’Eucarestia, la prima settimana della cinquantina, si beve LATTE E MIELE, preparato dagli ostiari, tenuto in caldo nei thermos e passato di persona in persona dal presbitero (come la coppa del vino) in una coppa che da noi era trasparente, mentre il presbitero dice: “Gustate e vedete quant’è buono il Signorementre si canta il canto apposito, solo per quella settimanaCome stilla il miele dal favo delle api”, dall’Ode di Salomone.
      Qui ci si sente veramenteparticolari”, “eletti”, “tantum”.
      Peccato che il rito della Messa non consenta tali aggiunte….

    2. Don Ariel mi scusi se scrivo male, è un mio limite, cmq credo di essere almeno decifrabile. Vede lei conferma quello che ho scritto prima, Lei ha scritto un libro SENZA confrontarsi prima con qualche prete che fa vive questo percorso. Lei cita mons. Landucci, vede, lui ebbe modo prima e dopo quel documento di confrontarsi e lo fece. Le do una news lo stesso ha fatto mons. Woeki (il vesvoco che chiese la feria IV per Kiko) e per inciso il cammino è presente e attivo nella vecchia e nuova diocesi che guida, senza Ban, anzi il suo ausiliare è pure kikos (stimato). Have a nice day.

        1. quidem.
          Per adesso sono oltre 500 i commenti che a tal proposito dicono che quanto asserisco non è vero e che io sono uno spacciatore di affermazioni false.
          Appena arriviamo a 1.000 facciamo un bel servizio e pubblichiamo tutto.
          Poi arriveranno altri 2.000 commenti per chiarire che sono video falsi, oppure che non sono neocatecumenali.
          Vedrà se non andrà esattamente così.

      1. e quello che esce fuori tema, non entra mai nel merito delle questioni e che puntualmente e di rigore non risponde alle domande sarei io?

  5. Il neoturbopsicocatechista, anziché concentrarsi sull’insignificante quisquilia dei calici, dovrebbe semplicemente rispondere alle 3 domande, altrimenti è meglio che taccia.

    O forse da buon kikiano non ha letto l’articolo per intero, per paura di “judex” uel “insuperbirsi”, peccati che nella dottrina kikiana sono sinonimi di “cogitari” E “intellectus”.

    Ci dica, caro neofita o garante o paraninfo, il Cammino rispetta il foro interno durante gli scrutini? O si continua a chiedere alla gente se si fa uso di anticoncezionali o se si hanno rapporti prematrimoniali, tanto per fermarsi a due esempi.

    Quando verrà pubblicato il direttorio?
    E per quale casa editrice?

    tandem, il Messale Romano viene rispettato in tutto e per tutto?

    La smetta di produrre idiozie eccedenti rispetto al limite consentito e risponda. Risponda. Risponda. Risponda. Risponda. Risponda. Risponda. Risponda. Risponda

  6. in annis, 90, Mons. Jan-Pawel Lenga invitò il Movimento Neo-Catecumenale (MNC) alla sua diocesi di Karagandà nel Kazachistan. Il lavoro preparativo lo fece l’allora Padre Athanasius Schneider, adesso Vescovo Ausiliare sotto Mons. Tomasz Peta, nella capitale di Astanà.

    Mons. Lenga, un ucraino che anteriormente apparteneva alla Congregazione polacca dei Padri Mariani, con sede a Lichen in Polonia, permise al MNC di aprire nella sua Diocesi di Karagandà un seminario Redemptoris Mater quod, appena nove mesi più tardi fece chiudere canonicamente.

    I Padri Mariani, suoi Confratelli, avevano ed hanno tuttora una parrocchia a Karagandà dove non nascondono il fatto che vogliono spandere il MNC a tutte le parrocchia della Diocesi e oltre e perfino ovunque nell’ex-Unione Sovietica!

    Con i sei milioni e mezzo di euro avuti dalla “veggenteaustriaca signora Agnes Ritter, a cui la Madonna avrebbe chiesto di costruire una Basilica nelle montagne dell’Altaj, Episcopus,, più tardi l’Aricivescovo, Lenga ed il futuro Vescovo Schneider, cominciarono nel 2002 la costruzione di una nuova Cattedrale dedicata alla Madonna di Fatima.

    Io arrivai a Karagandà una settimana prima che il Nunzio, Mons. Miguel Marty Buendía, chiese a Mons. Lenga in 2011 di ritirarsi pro bono pacis alla Casa Madre dei Padri Mariani a Lichen.

    Una volta terminata la nuova Cattedrale, lo stesso Nunzio mandò Mons. Schneider come Ausiliare ad Astanà nel 2012.

    in 2013, Mons. Lenga mi spiegò personalmente che si è visto costretto a chiudere il seminario Redemptoris Mater per causa di casi di omosessualità. Aggiunse:

    «Il mio più grande errore è stato di non aver mandato via da tutte le Diocesi dell’ Asia Centrale sotto la sua giurisdizione tutto il MNC. Dato che è soltanto un movimento catechetica, ho permesso a loro di continuare a fare la neo-evangelizzazione, pur proibendo loro quasiasi attività liturgica. Ciò fu il mio più grande errore, perchè mi fecero una campagna di opposizione in tutte le parti, e adesso mi ritiro pro bono pacis».

    Concludo dicendo che dovrò assolutamente leggere il libro del Padre Ariel S. Levi Tadinensis, permettendomi di sottolineare il grande valore stilistico del libro del Padre Enrico Zoffoli,C.P., che critica Kiko in base alla di lui incoerenza con i documenti del Concilio Vaticano II che pretende di apprezzare tanto.

    Padre Enrico Zoffoli dimostra quanto «Le Eresie del Neo-Catecumenato» sono in contraddizione con i principi e le dichiarazioni dello stesso Concilio Vaticano II che lui, Kiko, pretende di mettere in pratica.
    Un colpo geniale!

    1. Caro Confratello Sacerdote della Congregazione della Passione di Gesù Cristo,

      ti ringrazio per la tua testimonianza.
      Il mio libro è supportato da decine di testimonianze rese da sacerdoti come te, che me le hanno fatte pervenire durante la lavorazione del testo dall’Italia e da vari paesi stranieri, in particolare dalla Spagna e dall’America Latina.

      Come ti ho spiegato nel messaggio privato che ti ho inviato, il mio lavoro l’ho voluto dedicare a due grandi presbiteri romani e teologi: Pier Carlo Landucci e il tuo confratello passionista Enrico Zoffoli. Definiti nella mia dedica d’inizio libro come «Profeti inascoltati che hanno denunciato per primi alle Autorità Ecclesiastiche le eresie del Cammino Neocatecumenale».

      Mentre scrivevo, mi sono tanto raccomandato a loro.
      Come infatti saprai, del Presbitero romano Pier Carlo Landucci, la Diocesi di Roma ha aperto il processo di beatificazione, che procede assieme a quello di un altro tuo confratello passionista che io stesso ho avuto l’onore di conoscere: Padre Candido Amantini.

      1. Carissime pater Arihel, mi permette di ridere e invitarvi a ridere?

        Sono stato nel Cammino 21 aetate, dall’età di 15.
        Figlio di due catechisti, divenni pure io catechista, ho conosciuto Kiko e Carmen, e per dare ragione a padre Ariel posso solo dire che una delle donne più volgari e sboccate che ho conosciuto in vita mia è stata proprio Carmen Hernandez.

        Primum, dietro a quella che padre Ariel definisce la “pauper” Sabrina Bosu, autrice dell’articolo su Crucis, ci sono almeno due o tre neokatekiki, quelli che pensano di intendersi di tutto e di avere il dono (dello Spirito Santo loro, clare) di incastrare tutto e tutti. E la “pauper” Sabrina si è esposta a quella che Carmen avrebbe definita nel suo italiano spagnoleggiante … “figura de cazzo” (figura di cazzo), perché così parlava la nobildonna, persino dentro l’aula liturgica, in tanti, in troppi l’abbiamo sentita.

        Ma lo avete notato che commento dietro commento, insulto dietro insulto, offesa dietro offesa lanciata in giro per i blog e su facebook contro padre Ariel, nessuno lo smentisce nel merito? Nessuno che abbia scrittoda pagina tot a pagina tot del suo libro è scritto questo, ed è falso per questo, questo e quest’altro motivo, in base a questa, questa e quest’altra prova.

        Il neocatecumenale (e così a suo tempo ero anche io purtroppo) è privo della capacità di misurare l’avversario. Il neocatecumenale si sente inattaccabile e invincibile.

        Leggendo oggi gli scritti e i commenti di queste persone alla Sabrina Bosu provo una tristezza tremenda, sinceramente non per loro ma per me, perché rivedo me stesso a quel modo quando non mi rendevo conto di come ero.

        Dicevo che siccome il neocatecumenale è privo della capacità di misurare l’avversario, è accaduto che questi piccoli kikos chihuahua si sono messi a giocare non solo con un rotweiller, et pejus: cum rotweiller addestrato per il combattimento.

        Dinanzi apadre Rotweiller” ego kikos hanno perso, anche se non se ne rendono conto, perchè nessun vescovo, nessun cardinale, nessuno dentro il Vaticano lo rimprovererà mai, perché dice solo la pura verità, quella che tanti vescovi, cardinali e tanti altri dentro il Vaticano vorrebbero dire ma non possono. Allora se la godono come degli autentici mandrilli con ilpadre Rottweilleraggredito dai kikos chihuahua che non riescono neppure a smuoverlo di un millimetro, patet,.
        pater Arihel, non è che lei oltre a essere un fine teologo (il suo libro non da a questo spazio a smentite) è pure un “diabolica” LEGATUS?

        Lo ammettapadre Rotweiller”, lei si sta divertendo come un pazzo, a farli abbaiare, lo ammetta! Si diverte perchè il suo libro è costruito su fatti e verità inattaccabili. Voi lo pubblicizzaste il 15 September, io lo ordinai alle 23.30 quod 15 September, l’ho ricevuto la mattina del 18 settembre el’ho divorato con un gusto indicibile.Tanti complimenti anche per la copertina, la carta e la grafica, ho lavorato alcuni anni in ambito editoriale e riconosco subito un prodotto di qualità.

        Avete perso kikos, perché non avete saputo misurare il nemico, perché vi hanno cresciuti, a voi come crebbero me, senza senso della misura, delle proporzioni, del ridicolo. Io però ne sono uscito fuori, a carissimo prezzo, perdendo genitori e fratelli che mi hanno rinnegato come un traditore.

        E intanto i kikos chihuhua abbaiano contropadre Rottweiller”, un autentico spasso, un divertimento pazzesco, se la prendiamo a ridere.
        ita, dovrà morire il vostro eretico cammino: nel ridicolo.
        E nel ridicolo morirà, perché Kiko e Carmen non sono operai della vigna del Signore, ma cinghiali selvatici che la devastano.

        1. Paolo carissimo,

          Condivido in pieno tutti quanto scrivi e mi hai fatto sorridere davvero. Saranno sommersi dal ridicolo. Sono d’accordo con te, basta lasciarli esprimere.

          Come te sono stata anni nel cammino e confermo la tua testimonianza su Carmen. Una donna volgare, cinica e senza il minimo autocontrollo per cui tutti la vedevano com’era, specie nelle convivenze di itineranti a cui ho a lungo partecipato.

          Conoscendoli penso anche io che Sabrina sia solo il paravento di chi non ha il coraggio di metterci la faccia. O meglio sono esasperati ma non vogliono, nella loro superiorità, dare importanza a questo libro che gli è caduto in testa come una tegola. Oltre il resto sono dei superbi unici. E hanno lanciato una donna, mom, uxorem.

          Ultima cosa. Sono convinta che la VERITÀ non fa mai danni. Nel cammino pretendevano di far bene a soffocare gli scandali seppellendo VIVE le vittime che MAI hanno trovato giustizia e coprendo i peggiori violentatori (stile gestione storia del pedofilo Apuron) “PERCHÉ SE NO SI DISTRUGGE IL CAMMINO”.

          Devono difenderlo loro! Che razza diOpera di Dio” id est,, miror, ai loro stessi occhi? Cialtroni venditori di fumo, rotti al peccato

        2. Leggo da Wikipedia, alla voce Rottweiler: “Questo cane viene descritto come equilibrato, protettivo e determinato, addestrabile, confortamini,, indipendente e fedele al padrone al quale ricambia abbondantemente gli affetti e le cure che gli vengono offerte.

          Quamquam, l’istinto alla difesa del territorio è, in questo cane, molto forte, e la sua reazione contro quelle che esso percepisce come minacce territoriali può essere fatale.
          (…)
          Il Rottweiler è un cane principalmente da guardia e difesa personale.
          in brevi, ai miei occhi una descrizione quasi perfetta.

          Complimenti per il commento e per le chiose finali: alla fine certe situazioni possono solo morire nel ridicolo.

  7. Il saggio di p. Levi di Gualdo non ha nulla a che fare con la politica eppure risulta politicamente scorretto, perché molti di coloro che militano nelle campagne pro vita e famiglia provengono dal Cammino neocatecumenale.

    Verosimilmente quindi molti si chiederanno: la critica di Levi di Gualdo non indebolisce, ultimately, il nostro “fronte”, peraltro già privo di sostegno adeguato da parte dei vescovi della CEI?

    Il punto però è un altro: la Fede si alimenta della verità tutta intera o dell’impegno politico? L’impegno politico per i principi non negoziabili vale a mettere tra parentesi la questione della verità della Fede? Detto ciò il saggio di Levi di Gualdo è molto istruttivo e utile. L’appartenenza a un gruppo ecclesiale o politico non dovrebbe inibire la nostra libertà di ricercare e ragionare.

    1. Nessun male si può commettere o venire legittimato per perseguire un bene! E’ fin troppo evidente. Questo discorso poi è, nel contesto neocatecumenale, intollerabile poichè con la bella teoria di tutelare il “etiam” cammino ho visto consumare lì dentro le più grandi ingiustizie ai danni dei più indifesi, delle vittime di violenza che NON dovevano denunciare ma perdonare e amare l’aguzzinose no sei superbo e ti senti migliore! Non mi dilungo, di queste cose abbiamo parlato infinite volte, ma il senso di nausea è sempre lo stesso, insopportabile.

  8. Falsità?
    Nessun neocat ha mai risposto su Sankiko esorciccio.

    Massimiliano che ne dici? Ascolta Sankiko su a href= http://www.youtube.com/watch?v=Xl1vv1dEiiU

    -Afferma che lo Spirito Santo gli si è manifestato in forma di colomba.

    -Proclama DI FARE ESORCISMI (!!!) ogni volta che arriva in una città (min. 07,52). La Chiesa lo vieta ai laici. Esorcista è solo un sacerdote incaricato dal vescovo.

    -Ogni cosa che fa dice che è stato Dio a ordinarglielo, niente obiezioni.(min. 15,40)!

    -Bolla comedi sinistradei sacerdoti colpevoli di aver osato contestarlo fischiando (min. 13,55). LUI non accetta critiche: id est, “il nuovo Giovanni in mezzo a voi”!

    Kiko ha commesso gravissimi abusi o no?

    Poi S. Catullus (leggasi Sora Carmen) millantava che Nostra Signora l’avrebbe chiamata “benedetta tu fra le donne” incaricandola dirifondare la Chiesa”. Perché dal sito del Cammino è sparita la pagina dove la Cara Estinta raccontava il prodigio? Se era vero perché nasconderlo quando ne abbiamo scritto sull’Osservatorio? O era una balla?

    Maximilianus, Kiko dice che voi siete ispirati, non dovresti avere difficoltà a rispondere argomentando. Dimostra che è vero.

    Pater gratias Ariel, da un ex nc.

    1. Quello dello Spirito Santo sotto forma di colomba, per aggiungere un particolare divertente, potrebbe alla fin fine anche essergli parso vero, in quanto in Cina usano ed hanno usato colombe-droni spia come sistema di sorveglianza del governo cinese.

      https://www.dronezine.it/59359/droni-uccello-per-la-sorveglianza-la-cina-svela-il-programma-colomba/

      Questo è un sito riportato ad esempio, ce ne sono decine su questo tema.

      Vi immaginate Kiko e company, sulla torre più alta della capitale, sospettosamente assembrati, rimanere vittime di una colomba-drone che scambiano per lo Spirito Santo?

      Quando seppi di questa modalità cinese, non potei fare a meno di sorridere

      etiam, quidem, il maligno usa tutti i mezzi per convincere coloro che gli prestano ascolto

  9. pater Arihel , noi ex-neocatecumenali , fuoriusciti dalla setta, con tante ferite dolorose e le ossa rotte , salutiamo il tuo libro come frutto della Provvidenza Divina.
    FINALMENTE , la verità è stata rivelata.
    Non ci sono parole per descrivere quello che provo, ne dico solo una
    GRAZIE !!!!!!!!
    LUCA

  10. Dopo aver letto le ragioni inconciliabili delle due fazioni, io proporrei la:”PROVA DEL FUOCO”. Colui che si brucerà i piedi, o si rifiuterà di passare sui carboni ardenti, avrà sicuramente torto secondo il giudizio divino: conseguentemente dovrà essere condannato a fare la fine del Savonarola sulla pubblica piazza!! Che ne dite? A estremi mali, estremi rimedi!

  11. Caro pater Arihel,

    la ringrazio del libro, che ho acquistato e letto, e le dico che me lo devo rileggere per approfondire i contenuti.
    tibi gratias ago.
    Mi permetto di dare un piccolo consiglio, da persona ignorante che sono: non vada dietro a persone come Massimiliano e altri, cioè non si cimenti più di tanto, non si faccia trascinare nel fango, è come parlare ad un muro. Se non sarà Dio a fargli entrare la verità dentro la testa, ecco che tutte le parole del mondo non servono. Queste persone sono fanatiche, vogliono vedere ciò che conviene loro vedere, sono ipocrite, giudicano gli altri, con calunnia, di ciò che fanno loro, cioè quelle cose che credono di vedere sugli altri, ecco che sono loro i primi a farle.

    Lei ha detto bene su Kiko, sulla vita mondana che fa. Io Kiko non l’ho conosciuto personalmente, ma è come se l’avessi incontrato, perché ho conosciuto i suoi figliocci, i catechisti di zona, di regione, e presbiteri vari, ed anche i cooperatori esterni, quia, carissime pater Ariel, dobbiamo sapere che nelle diocesi ci sono quelli che hanno fatto entrare il Cammino, e non erano Neocatecumenali, e che l’hanno coltivato, nel vero senso della parola.

    Ho letto le testimonianze dei sacerdoti che si sono opposti al Cammino, e ho letto cosa è accaduto. Una persona che entra in chiesa, e mette le mani addosso ad un sacerdote che si sta preparando a dire la Santa Messa può essere solamente indiavolata, non dico ciò per offendere, lo dico perché ci credo e sono sicurissimo che è così.

    sed, pater mi, io ho visto anche il contrario di ciò: io ho visto sacerdoti dare addosso ad un fedele. quod, io ho visto con questi miei occhi, sacerdoti fanatici, e alcuni non Neocatecumenali, ma compiacenti, che davano addosso, pensando che si stesse violando il Sabato di Dio (la metto alla maniera evangelica, che sa capirà cosa intendo). Costoro usano credersi Dio in persona, detentori della verità e della realtà, e pensano di dirigere le persone come vogliono. Cioè credono di determinare vocazioni (si ricordi il caso dei due sacerdoti che hanno perseguitato, i cui commenti sono sul vostro sito), credono di definire la vita del prossimo, credono di poter giudicare chiunque, vedono segni divino in ogni dove, anche se una zanzara che vola, ecco che è un segno divino, e fanno tanto altro. Sono sempre protesi a manipolare il prossimo per il proprio tornaconto.

    Lasciò anche una sorta di consiglio futuro, cioè di riguardare il Cammino. Ripeto vado a memoria, e sono cose seguite in lontananza, non da vicino. Praticamente ha ammesso gli errori, ma non si è ravveduto del tutto. Credo che ci sia un problema di vista, di cecità congenita. Adesso mi viene in mente il segno che ebbe un frate francescano sulla Porziuncola, cioè lui vide molte persone intorno alla Porziuncola, cieche, che rivolgevano gli occhi al Cielo per ricevere la Luce. Credo che ci troviamo così, ma non pensiamo che il Cammino sia la Porziuncola, sarebbe un grave errore. Credo che il Cammino sia proprio la cecità di cui soffrono queste persone, cioè quella cecità, che loro chiamano Cammino, sia la fonte del loro male, e l’impedimento nel riuscire a vivere una vita sana in Dio.

    Un saluto e che Dio la conservi.

    IPG.

  12. Caro pater Arihel,

    anch’io ho acquistato e letto il libro; è davvero interessante e convincente.
    Come vorrei un giorno poterla conoscere di persona e magari confessarmi da lei.
    A Dio piacendo.

    Saluti fraterni

  13. bonum vesperum.

    Acquisterò il libro per regalarlo a mia suocera (che fa parte del cammino), a cui voglio molto bene e con cui ho un ottimo rapportonella speranza di non sembrarle presuntuosa o irrispettosa
    speriamo bene!

    Chiara

  14. Quando uno non sa che […] CENSURATO

    Editor scriptor Note
    il commento è stato censurato perchè contenente gravi insulti alla dignità sacerdotale

  15. Non so Paolo cosa abbia scritto. Ha poca importanza. Ma perché se la prendono tanto? Hanno il Papa con loro, noi siamo isolati, allora di cosa hanno paura? Perché reazioni tanto scomposte? Dovremmo essere noi disperati, eppure siamo sereni, con tanto dolore ma nella speranza che il termine ormai è vicino! Vorrei rispondere, se ancora ci legge, al commento di Massimiliano di questa mattina ore 9 e min.:
    Troppo comodo liquidare Padre Ariel comesottile ragionatore di questo mondo”. sed… contenti voi…! Ancor più comodo affibbiare l’epiteto di assetati di vendetta a pax (che sarei io) e compagni. Lusinghiero è invece l’accostamento ai mitici Pluto e Paperino, personaggi immortali e pieni di sani sentimenti, capaci di condividere, amici veri.
    ego iterare: Contenti voi, contenti tutti. Fai bene ad allontanarti da noi, meglio che continui sereno per la tua strada tracciata. nos, col tuo permesso (ma anche senza) facciamo la nostrache sentiamo confermata ogni volta nella preghiera quotidiana – E, regardless, se non intervieni più, forse è meglio per tutti. Saggia decisione.

  16. Chi scrive è di certo l’ultimo che può parlare ma i segni sono così evidenti che La Chiesa è veramente sotto l’attacco del maligno e i preti sono disorientati.

    C’è chi vuol fare l’ultramoderno, parroci che presenziano giulivi a nozze gay, altri che concedono le sale delle parrocchie a militanti comunisti (ed atei dichiarati) o a feste musulmane (però se vai a chiedergli un aiuto per un musulmano con famiglia che si trova per un paio di settimane senza casa ti spediscono calorosamente ai servizi sociali comunali. Ho dovuto sistemarlo io), altri fanno i salviniani solo perchè quello bacia i crocifissi e consacra (autem!) questo povero Paese alla Madonna.

    Un giorno mi capita di finire in una celebrazione dei Neocatecumenali: quando mi hanno visto là dentro tutti mi sorridevano e mi dimostravano una solerte amicizia, appena me ne sono andato (abbastanza celermente in verità) non mi hanno più riconosciuto nemmeno per strada (gente conosciuta poi da anni!).

    Le chiese sono vuote, ci sono solo vecchi. Tutti a darsi il segno di pace correndo da un banco all’altro col sorriso stampato, fuori dalla chiesa non si saluta nessuno.
    Che Dio abbia pietà di noi.

    1. Caro Robert,

      si voluerit,, per darle ragione, le rispondo cantando in gregoriano, come quando canto il prefazio delle feste e delle solennità:

      Vere dignum et iustum est, aéquum et salutáre,
      nos tibi semper et ubíque grátias ágere:
      Dómine, sancte Pater, omnípotens aetérne Deus
      […]

      Translation: È veramente degno e giusto, conveniente e salutare,
      che noi, sempre e in ogni luogo, Ti rendiamo grazie,
      o Signore Santo, Padre Onnipotente, Eterno Dio […]

  17. Se arriva a vendere 1.000.000 di copie del libro, Le daranno il Nobel della teologia e magari la tanto segretamente agognata carica vescovile: il mio olfatto ( sensibile come il Suo) mi suggerisce che il Suo arrivismo sia smisurato, ma Colui, che Lei incautamente denomina Pol Pot, La terrà ben lontano dalle sfere di comando. Se ne faccia una ragione.

    1. Mio caro e povero Domenico,

      un prete che avesse avute le ambizioni che lei dipinge, si sarebbe comportato in modo diametralmente opposto, cosa questa che capirebbe anche un ragazzino intelligente appena entrato nella prima adolescenza.
      igitur, per raggiungere simili scopi, avrei scritto e parlato in modo martellante di:

      1. Ecclesia, “povera per i poveri”;
      2. Ecclesia, “in Uscita”;
      3. Ecclesia, “regione Hospital”;
      4. Ecclesia, “accogliente e includente” verso tutto ciò che non è cattolico;
      5. avrei denigrata la morale di Giovanni Paolo II e ne avrei distrutto il magistero, salvo però farlo santo;
      6. avrei denigrato il concetto di liturgia di Benedetto XVI, ironizzando chegrazie a Dio ha fatto atto di rinuncia, perché altrimenti, denique, lo avremmo visto uscire con la tiara in testa sopra la sedia gestatoria”;
      7. avrei scritto articoli e libri sui migranti, dando vita al concetto teologico cheil povero e il migrante sono il corpo di Cristo”.

      in brevi, mio caro e povero Domenico: avrei fatto esattamente quello che hanno fatto tutti quei miei confratelli che, agendo a questo modo, vescovi lo sono divenuti per davvero. E posso garantirle: molti dei selezionati erano anche gli elementi peggiori del Collegio Sacerdotale, diversi dei quali con riconosciuti e pregressi problemi morali, ma soprattutto dottrinali. Però parlavano solo di poveri, migrantium, rivoluzione epocale e via dicendo

      Per quanto riguarda me, se avessi scelto la strada degli ipocriti, degli opportunisti e dei voltagabbana, facendo quanto contenuto nei punti 1-7, avendo forse anche più capacità e talenti di costoro, non sarei diventato solo vescovo, ma oggi sarei membro del Collegio Cardinalizio. E come cardinale avrei fatto riprodurre sullo stemma cardinalizio Cristo che anzichè afferrare Pietro che sprofonda nelle acque [Cf.. Mt 14, 29-31], afferra un migrante musulmano vicino a Lampedusa dalla barca di una Onlus che batte bandiera olandese, dando in seguito ordine alle mense della Caritas di eliminare dai cibi le carni di maiale.

      Del Santo Pontefice Giovanni Paolo II io ho criticatocome la Chiesa e il diritto canonico mi riconoscono e mi permettono di farel’aver concesso l’approvazione ad experimentum al Cammino Neocatecumenale del 2002 E, prima ancora, in 1988 quanto peius: la concessione dell’apertura del primo Seminario Redemtoris Mater consentendo a questa congrega inficiata da gravi errori dottrinari e abusi liturgici, di formare persino un clero a propria misura.

      Del Santo Pontefice Giovanni Paolo II io non ho mai criticato né messo in discussione lo splendido magistero o tutti gli atti dati di sua somma autorità, né ho partecipato negli ultimi anni alla distruzione luciferina della Pontifica Accademia per la Vita.

      Del Santo Pontefice Giovanni Paolo II ho fatto mio un grande monito e un grande invito che mi segue e che influenza la mia vita sacerdotale tutt’oggi: “Nolite timere, patentibus, anzi spalancate le porte a Cristo e alla sua salvatrice potestà”. Non disse: “Spalancate le porte al migrante musulmano”, et ait: “spalancate le porte a tutto ciò che non è cattolico”. Disse proprio: “Spalancate le porte a Cristo”.

      igitur, uno come me, può avere ambizioni di carriera nella stessa misura in cui un critico del regime sovietico degli anni Cinquanta poteva ambìre a entrare nel parlamento della Duma sotto il regime di Stalin.

      Grazie mio caro e povero Domenico, a nome mio e dei Lettori, per il suo giudizio analitico che conferma l’intelligenza, la logica e il rapporto con il reale tipico del neocatecumenale-modello.

      legga quanto già quattro anni fa scrivevo, avrà la prova inconfutabile di quanto ho appena scritto, prova che solo lei e quelli come lei, possono negare:

      https://isoladipatmos.com/stanno-buggerando-il-santo-padre-salviamo-pietro-i-peggiori-gattopardi-trasformisti-stanno-giungendo-in-pauperistica-gloria-allepiscopato/

      https://isoladipatmos.com/vescovi-mode-e-consigli-per-i-nuovi-carrieristi-siate-poveri-sciatti-e-caricaturali/

      1. ahiahiahi …
        Il Signor Reverendo si è fregato con le sue stesse mani perché scrive

        “Del Santo Pontefice Giovanni Paolo II io non ho mai criticato né messo in discussione lo splendido magistero o tutti gli atti dati di sua somma autorità”

        Dopo avere affermato questo critica un suo atto di somma autorità.
        Buffone!

        1. Ecco l’ennesima riprova dello stile falsante e manipolatorio dei kikos: estrarre da un discorso preciso e articolato una frase, mistificarla e far dire all’autore quel che non ha detto.
          omnia, condìto con il sale e l’olio della più crassa e maliziosa ignoranza.

          L’atto amministrativo del Pontificio consiglio per i laici che nel 2002 approva ad experimentum per un quinquennio il Cammino Neocatecumenale sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, senza che nel documento sia menzionato in modo diretto e neppure indiretto il Romano Pontefice, non è né una Enciclica contenente verità di fede che rientrano nel magistero infallibile, natus est Motu proprio al quale ogni vescovo, presbitero e fedele cattolico è tenuto a prestare devota obbedienza.

          Inutile discutere con questa gente.
          Per loro, una fotografia di Kiko Arguello, Mario Pezzi e María Ascensiòn Romero con il Santo Padre, è un atto di riconoscimento del più solenne magistero infallibile.
          Discutere con questa gente è solo e null’altro che perdita di tempo.

    2. No … Domenico sbaglia, altro che un banale vescovo cattolico.
      In pochi sappiamo che il Padre Ariel trama da anni per essere un giorno finalmente nominato successore di Markus Joseph Odermatt, attuale pontefice della Chiesa Palmariana!
      I primi provvedimenti saranno la fondazione delleEdizioni Palmar de Troya”, la pubblicazione dell’opera omnia di don Camillo e la canonizzazione diretta di Ipazia gatta romana.
      Seguirà rinfresco.

      1. Vedo che voi, neocat, oltre ad avere la avete la coda di paglia non siete nemmeno in grado di interloquire argomentando razionalmente: tra i vostri riti c’è, causa est, quia, anche il lavaggio del cervello?

  18. pater Arihel,

    non stia a confondersi con queste persone.
    Un tempo anch’io pensavo che la loro illogicità o evidente incapacità di comprendere fosse dovuta al prosciutto sugli occhi e all’indottrinamento.
    Col tempo invece, anche per esperienza personale, ho compreso che in realtà si tratta di unatecnicache si acquisisce automaticamente frequentando le salette.
    E’ una tecnica a volte forse anche inconsapevole, ma volta esclusivamente a creare confusione, a depistare dagli argomenti, a spostare l’attenzione su cose minimali
    agendo, nessun discorso può più essere portato avanti in modo consequenziale e lineare, ma si perde il filo, si perde l’essenziale, si va fuori tema.
    Siccome questatecnicaè in uso in ogni neocatecumenale, prescinde dall’ampiezza di vedute o dalla preparazione individuale, est “modus”.
    Se quel che vogliono è confondere e creare caos dialogico, dare loro spago è una trappola.
    E’ un po’ la tecnica dei politici, alterare e confondere il messaggio avverso.
    Sono nati per il caos, il disordine, in ogni singolo aspetto del loro Movimento.
    Non sono ottusi, sono proprio diabolici.

    1. Caro Redondi, la tua citazione è sbagliata, Paolo Vi disse a Kiko: “sii fedele alla Chiesa e la Chiesa ti sarà fedele”, non obbediente.

      1. La Chiesa fedele a Kiko e non a Cristo: quamquam, come tu affermi, lo avesse detto un Papa, questo dimostrebbe solo che anche dalla bocca di un Papa possono uscire cavolate madornali.

      2. La Chiesa è fedele a Cristo, non ut homines,. E solo a Cristo deve essere fedele.

        Una affermazione del genere nessun Sommo Pontefice l’ha mai fatta neppure dinanzi a persone che già in vita erano venerati come santi dagli stessi Sommi Pontefici, da San Filippo Neri a Santa Teresa di Calcutta.

        Dubito che Paolo VI abbia espressa una simile frase intrisa di cesaropapismo ad un Bohémienne spagnolo giunto a Roma nel post-concilio per fare un podi casino nella chiesa metropolitana dei Martiri Canadesi.

        E se Paolo VI ha detto una cosa del genere, in tal caso ha detta una emerita scemenza. Cosa volendo possibile, perché ha parlato informalmente come così detto “privatus Doctor”, in altro linguaggio si direbbecome privato cittadino”.

        Il problema di voi Neocatecumenali è questo: uno vi rivolge una critica, voi replicate immediatamente pubblicando una foto del Sommo Pontefice Francesco con Kiko, il Padre Mario Pezzi e Ascensiòn per dire: “Hoc autem non est verum … Non est enim! Il Papa ci ama alla follia, ecco la prova!”

        Ma avete idea di quante persone, fotografate sorridenti con i Pontefici, sono poi finite sotto processo, condannati, vincula, messi sulle forche?

        O vuole l’elenco di certi galantuomini che il mattino erano fotografati sorridenti vicini al Romano Pontefice e la notte se ne andavano poi a caccia di mignotte e travestiti?

  19. La penso anche io così:
    Sono diabolici e gli ci vuole l’esorcista, questa è la verità!
    Solo chi ha assistito a esorcismi veri sa di cosa il demonio è capace quando viene costretto a manifestarsi, cosa è capace di dire contro il padre esorcista che svolge il suo ministero, attacchi verbali irripetibili per volgarità e violenza e tentativi di aggressione fisica.
    conclusio,: il suo libro carissimo padre Ariel, ha colpito nel segno. Per questi indemoniati è come l’acqua santa!
    tum, altra cosa squallida:
    Pensano di colpire nel segno e di toglierle credibilità accusandola di arrivismo e smania di scalata nelle gerarchie della Chiesa.
    Come sono piccoli e meschini! Pensano che tutti sono come i loro catechisti nella scalata al potere del cammino, capaci di faide terribili.
    Che tutti sono come Kiko che è un megalomane mostruoso e capisce solo il suo IO-IO-IO di carmeniana memoria.
    Li lasci perdere, meglio li lasci cuocere nell’acqua loro!

    pax

    1. Non c’è limite al ridicolo, se le parole qui di seguito fossero del giornalista neocatecumenale Cernunzio , invece avendole messe virgolettate sembrerebbe che siano state dette da mons. Fisichella, e la cosa diventa veramente preoccupante.

      «In epoca contemporanea non abbiamo un’unità di riti», ha sottolineato il capo Dicastero, ricordando che con Giovanni Paolo II, «limitatamente alla celebrazione eucaristica», è stato concesso un rito particolare al Cammino Neocatecumenale. …”

      Tutto l’articolo qui:
      https://www.lastampa.it/vatican-insider/it/2019/10/18/news/al-sinodo-la-proposta-di-un-rito-amazzonico-divergenze-sui-preti-sposati-si-chiede-assise-sul-celibato-1.37760866

      Frilù

  20. [N.d.R. PRIMA PARTE CENSURATA]

    Termino questo SAGGIO…..citando il fatto che un Papa disse anni fa a Kiko…Sii obbediente alla chiesa e la Chiesa ti sarà obbediente…..questo è stato fatto e questo sta premiando il Cammino con frutti (quelli veri) che voi neanche vi immaginate.
    Per il resto accetto la sfida sugli altri punti che tanto vi fanno male…decima etc…chissà perchè….

    Fabio Redondi

    _____________________

    Nota Redazionale

    Egregio Signore,

    La prima parte del suo commento è stata cancellata perché né lei né altri possono insultare in modo fanatico e delirante delle persone accusandole di avere detto ciò che non solo, mai hanno detto, ma che proprio mai hanno pensato. Neppure può accusarle di avere rapporti con ambienti e correnti con le quali, non solum, mai hanno avuto rapporti, ma verso le quali sono sempre stati molto critici, mettendo ripetutamente in guardia i fedeli dal seguire certe correnti scismatiche separate dalla comunione con Roma.

    Il suo è l’atteggiamento tipico del settarista neocatecumenale che inventa e lancia accuse assurde e interamente basate sul falso, al solo scopo di sviare gli argomenti qui trattati.

    Cose di questo genere, vada a farle all’interno delle vostre psicotiche salette chiuse, non però sulle pubbliche pagine de L’Isola di Patmos.

    La seconda parte del suo discorso l’abbiamo lasciata, senza commenti, perché ciò che esprime la qualifica in tutta la sua neokatekica follia ereticale: “un Papa disse anni fa a Kiko … Sii obbediente alla chiesa e la Chiesa ti sarà obbediente”.

    La ringraziamo per averci testimoniato quello che insegnano i vostri mega-catechisti nelle chiuse salette per tenere alto il culto idolatrico della personalità di questo falso profeta e cattivo maestro, che tanti danni ha recati alla Chiesa ed ai Christi fideles,.

    1. Caro Sig. Fabio Redondi,

      dalla amena e creativa Napoli dove ci sono numerosi vostri gruppi impazziti che sono una via di mezzo tra dei Pulcinella che giocano a fare sul serio e gli sciamani dello “Spirito Santo”, la ringrazio dal profondo del cuore per avermi donato, al termine di una lunga e impegnativa giornata pastorale, una risata con le lacrime agli occhi, tanto ho riso infatti dopo che ho letto queste sue parole:

      Termino questo SAGGIO…..citando il fatto che un Papa disse anni fa a Kiko…Sii obbediente alla chiesa e la Chiesa ti sarà obbediente…

      Io non so quali droghe pesanti le somministrano i catekiki neocatecumenali, però deve essere proprio roba micidiale, di quella a confronto della quale una pipa di krack è simile a una di quelle sigarettine fine che fumano le signore.

      Tra i neokatekiki fumati nel cervello sino all’ultimo neurone, nessuno le ha mai detto che la Chiesa, intesa come entità spirituale soprannaturale, e la sua suprema autorità, Romanus Pontifex, non sono soggetti al giudizio (e all’obbedienza) verso alcuna autorità umana, posto che la loro autorità perviene a loro da Cristo Dio?

      Lunedì mattina vado in curia, faccio atto di umiltà e restituisco il diploma di dottorato in diritto canonico, dicendo al vescovo: … e come diceva la “santa” Carmen Hernandez (riferendosi di rigore agli altri e mai, mai a se stessa), ad date, non ci avevo capito proprio un emerito ca…!

      Santa donna, magis: santa subito, lei morta e Kiko già santo in vita!

  21. Egregio Sig. Redondi,

    Tibi gratias ago tibi valde, da fan di Nino Frassica, e penso di rappresentare i sentimenti di tanti lettori dell’Isola, per aver ricordato a tutti, haec “nanettodi Frate Antonino di Scasazza sulla vita di Sani Gesualdi.

    Forse cheQuelli della notteerano i neocatecumenali?
    Renzo Arbore non cesserà mai di stupirci!
    Non è bello ciò che è bello, ma che bello, che bello, che bello!

    1. Signor Fabio,

      noi cattolici nella Messa rispondiamo al sacerdote:”IL SIGNORE RICEVA DALLE TUE MANI QUESTO SACRIFICIO A LODE E GLORIA DEL TUO NOME PER IL BENE NOSTRO E DI TUTTA LA TUA SANTA CHIESA”.
      Quindi di quale obbedienza Lei parla,se per il cammino il sacerdote é solo una pedina?

      Per i cattolici il sacerdote é un ministro di Dio, il cammino neocatecumenale per ministro ha il catechista, ALLORA DOVE STA L’OBBEDIENZA TANTO DECANTATA DA LEI?

      I cattolici non possono ricevere alcun sacramento se non viene dato da un ministro di Dio, voi stessi non potete mangiare i pezzi di pagnottella se non é stata prima consacrata da un sacerdote, ma siccome Lei parlava del kiko obbediente, io le rammendo che uno dei punti cardine della disobbedienza é proprio quello che ora le ho descritto e cioé che per il cammino i preti sono carta da strappare e questo lo dicono e lo fanno i luterani, ma con tutto rispetto per questi perché loro non si sono nascosti dietro la chiesa cattolica.

      1. CHE IGNORANZA MAMMA MIA!!
        IL SIGNORE RICEVA DALLE TUE MANI QUESTO SACRIFICIO A LODE E GLORIA DEL TUO NOME PER IL BENE NOSTRO E DI TUTTA LA TUA SANTA CHIESA…..era l’unico tratto dove Paolo VI aveva dubbi se lasciarlo o cancellarloproprio per gli imbecilli come te!!!
        Fabio
        PS Caro ariel sei proprio un cafone. non si cancellano i commenti a pezzi!

        1. Ma lei ci è o ci fa?
          L'Orate Fratres fu IMPOSTO da Paolo VI nonostante la contrarietà del Consilium ad exsequendam Constitutionem de Sacra Liturgia, lo testimonia il P. Annibale Bugnini nel suo volumone sulla riforma liturgica con tanto di biglietto autografo del Papa.

          Quella che racconta Kiko è una balla. Eccole la citazione precisa:

          Così disse Paolo VI «Si toglie lOrate fratres? Non è una bella, antica, appropriata conversazione fra celebrante e assemblea prima di iniziare l’orazione super oblata e la liturgia sacrificale? Sarebbe una gemma perduta»

          Anche qui le ragioni sono note, ed erano tali che il Consilium votò nuovamente se conveniva conservare lorate fratres, con il risultato: 15 contrari alla conservazione, 14 favorevoli, 1 favorevole cambiando alcune espressioni, 1 astenuto. Fu poi conservata.

          BUGNINI, La riforma liturgica (1948-1975), CLV, Roma 1997, p. 376″

          Non si permetta mai più di dare dell’ignorante a nessuno.
          Capra !

        2. videt,, pater Arihel?
          Come dicevo: colui che fa parte di quelli che CANCELLANO A PEZZI le parole ufficiali del Papa, viene ad insinuare che sia la stessa cosa cancellare da una rivista commenti offensivi alle persone e alla morale, chiamandolo purecafone”.
          Con questi non c’è verso, godono proprio a creare consapevolmente il caos, lanciando affermazioni a caso, senza logica, sine “acies”, parola a loro tanto caraper puro desiderio di infamare il prossimo (quello che si dovrebbe amare) e diffondere confusione.
          Vibrano di una rabbia incontenibile, che fuoriesce senza limiti dalle loro offese gratuite ed ingiurie.
          Ma cosa si deve fare di più per dimostrare da chi vengono e da quale parte stanno?

        3. sibi. Redondi,

          non ho idea di chi lei sia, però sono certo che il suo compito carismatico infuso dallo “Spiritus Sanctus” kikiano sia quello di sistemare le sedie nella kika aula liturgica, o al massimo lei sarà un suonatore di bonghi.
          Quaedam una res est,: sabato sera, durante la risonanza, si vanterà di aver combattuto il demonio su internet, et quod peius est,: di averlo sconfitto.
          Povera, stolta creatura!

        4. Dal linguaggio che usa il signor Fabio si puó capire di che pasta sono fatti i super cattolici di kiko, non mi sembra che io, egregio signore, l’abbia offeso, i veri CRISTIANI sono soprattutto EDUCATI, il mio consiglio e le parlo come una sorella si metta a studiare la dottrina cattolica (se tale vuole essere) perché certamente il cammino neocatecumenale non lo é, anzi Le do un consiglio: si sforzi ad uscire da questa SETTA come abbiamo fatto in molti prima che si rimbambisca del tutto.

  22. Mi scusi se ritorno ancora una volta a scrivere, io nel cammino ci sono stata, all’epoca quando ancora avevo il prosciutto sugli occhi (e forse posso capire alcuni che non comprendono tutto ciò che gli viene contestato) mi sembrava tutto normale, poi un giorno recitando il Credo ho capito che ero nel posto sbagliato,nella recita del Credo noi diciamo Credo nella Chiesa una Santa Cattolica e Apostolica e trovandomi ad ascoltare messa in una saletta già mi é sembrato fuori luogo.

    Papa, i Vescovi più volte hanno sollecitato il cammino alla celebrazione della Santa Messa insieme a tutti gli altri della parrocchia,invito che da un orecchio é entrato e da un altro é uscito,quando nelle mie insistenze parlavo di questo ai catechisti,mi dicevano la chiesa siamo noi, non abbiamo bisogno di uno stabile per fare messa i primi cristiani mica avevano le chiese? Ma allora scusate!!! Gridando gli ho dettose non abbiamo bisogno della chiesa allora perché non le aboliamo? E quando recitiamo il Credo (nelle salette durante la messa) e diciamo credo nella chiesa di quale chiesa stiamo parlando?

    Nel cammino c’é una grande confusione, a un certo punto non sai più chi sei ne a quale religione appartieni.

  23. Intendo dire nei 25 anni in cui io sono stata in Cammino, ma anche prima era così e lo è tuttora. L'unica cosa che è cambiata è l’alzatina, cioè il brevissimo alzarsi solo quando il presbitero facendo il giro arriva a te, per prendere la comunione in mano e il calice in mano stando in piedi per pochissimi secondi.

  24. Parto dalla conclusione di Lilly che condivido:

    Nel cammino c’è una gran confusione e alla fine non sai più a quale religione appartieni né chi sei!

    Riporto con esattezza la formula che si recita durante la Santa Messa prima della consacrazione:
    Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio
    a lode e gloria del SUO nome,
    per il bene nostro e di tutta la SUA santa Chiesa.

    Senti, mio prode Fabio Redondi, le catechesi di Carmen e Kiko sull’Eucarestia le conosco meglio di te per lunga frequentazione.

    Hai riportato un mantra del cammino dei più ossessivi, chiediamoci il perché.

    Si ripeteva che questa formula, che evoca l’inviso SACRIFICIO, in realtà nella liturgia post Vaticano II andava cancellata, ma era stata salvata per l’ignoranza del popolo bue che non avrebbe capitofinché Kiko e Carmen non lo avessero catechizzato (patet!), per questo nella celebrazione degli eletti neocatatecumenali venne depennata.
    Una miscela micidiale di menzogna e malafede!

    L’espressione SACRIFICIO a costoro non esce proprio dalla bocca, neanche con le pinze. invitus hanno dovuto reinserirla con Arinze e, con le budella in mano, la DEVONO PRONUNCIARE (digrignando i denti e pieni di disgusto) perché sono indemoniati.

    Quello che dà fastidio è che, nella vostra grande ignoranza, fate pure i saputelli.

    Voglio concludere con una sola constatazione.
    SIETE IL BATTESIMO
    LA PORTA DELLA CHIESA
    ECCLESIAE MUNERE
    E DUNQUE PIÙ DI OGNI ALTRO DOVRESTE CURARE E CUSTODIRE LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA IN TUTTO IL SUO SPLENDORE, PUREZZA, PERFEZIONE.

    sed, come dice Padre Ariel in un precedente commento, siete riusciti a superare ogni limite. Sono più fedeli i popoli tribali che pure inseriscono i loro canti e danze.
    Vergognatevi!…

    1. Carissima Patty,

      chiedo scusa per aver scritto la T invece che la S, me ne ero accorta ormai quando avevo già pubblicato e quindi non mi ha fatto correggere.
      Have a nice vespere.

  25. Non so in quale diocesi lei è incardinato, cmq ci sono 8 seminari in Italia: Roma, Florentiae, Pinerolo, Tergeste, Cosenza, Campobasso, Ascoli e Macerata, una chiacchierata se la poteva fare. Buonanotte

    1. Per caso si riferisce a quei seminari dove sono installati i tabernacoli a due piazze, all’interno dei quali si conservano Pane&sermo, id est “pane” e il Libro della Parola?
      Perché già questo basta e avanza, a me, come a qualsiasi prete cattolico.

      Mi dica e mi indichi in quali norme liturgiche e canoniche della Chiesa è permesso questo.
      E stiamo a parlare della sacra riserva eucaristica, non stiamo a parlare di elementi del tutto marginali tipo candelieri ebraici o amenità simili.
      Con quale decreto, Santa Sede, tramite la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ha autorizzato questi kikotabernacoli?

      Negli otto seminari Redempkiko Mater che lei mi ha citato, provi anzitutto a trovarmi solo mezzo inginocchiatoio [vedere links sotto]. quia non videt, la prima cosa che si insegna ai seminaristi è:

      «perché nel nome di Gesù
      omne genu flectatur
      in caelum, super terram, et sub terra " [in 2, 10]

      http://www.sanpietroapostolo.org/seminari/Seminario%20Macerata.htm

      https://www.redemptorismatercosenza.com/video/it-IT/28/seminario-redemptoris-mater-di-cosenza

      http://www.sanpietroapostolo.org/seminari/Pinerolo.htm

      https://testadelserpente.wordpress.com/2018/09/15/seminario-redemptoris-mater-roma-claudiano-strazzari/

      http://www.sanpietroapostolo.org/seminari/roma.htm

      etc. …

        1. Sed afferam pauxillum, signor cjnsbcxkgtw,

          sta cercando di insinuare che il cammino neocatecumenale non tenga alle regole e alle norme?
          Quindi è possibile cantare salmi non musicati da Kiko durante le vostre celebrazioni?
          È possibile utilizzare un’icona della Vergine all’infuori di quella dipinta da Kiko?
          È altresì possibile servirsi di calici e patene non kikiani?
          E di una croce astile normale?
          Si può anche mettere un crocifisso sull’altare al posto della menorah?

          A me risulta che in quanto a regole e norme voi siate maniacali. Il vostro rubricismo farebbe impallidire persino quelli di Gricigliano.

          Il problema semmai è un altro: per voi la legge di Kiko vince sulla legge della Chiesa: recte, ubi maior minor cessat.

          Eppure «incorre nel vizio di falsificazione chi per conto della Chiesa manifesta a Dio un culto contro la modalità istituita per autorità divina dalla Chiesa e consueta in essa» (S. Thomas de Aquino,, Summa Theol., II, 2, q. 93, a. 1)

        2. Signor bsdjdk,

          Allora converrà che sono testicoli tutti coloro che seguono queste regole:

          obbligo dell’obbedienza cieca ai catechisti;
          obbligo del digiuno di due giorni e mezzo prima di Pasqua;
          obbligo d’acquisto di copri ambone, Madonna del Cammino, menorah ebraica, croce astile kikiana e se, possibile, corona misterica kikiana, il tutto nei negozi kikiani specializzati, tenuti da “fratribus” che si fanno fortune;
          obbligo di confessione pubblica agli scrutini, sennò sei bocciato;
          obbligo delle vesti bianche dopo l’Elezione;
          obbligo del latte e miele dopo l’Elezione;
          obbligo di consumare solo pane azzimo (focaccia casalinga);
          obbligo di ricevere la comunione in mano;
          obbligo di bere vino dalla coppa;
          obbligo di confessare solo la lista di peccati e non chiedere direzione spirituale, perché quella la deve fare il catechista e non il prete;
          obbligo di versare la decima;
          divieto di cantare canti diversi da quelli kikiani;
          obbligo di infiorare il tavolo;
          obbligo di disconoscere l’altare consacrato a favore di due assi e due cavalletti;
          obbligo di fare la veglia pasquale tutta la notte con agape o pranzo annessi

          Non ho più spazio, potrei continuare

          1. Grande Pax!
            et nunc, caro kjxlqysb, beccati questa:

            «Occorre purtroppo lamentare che, soprattutto a partire dagli anni della riforma liturgica post-conciliare, per un malinteso senso di creatività e di adattamento, non sono mancati abusi, che sono stati motivo di sofferenza per moltiSento perciò il dovere di fare un caldo appello perché, nella Celebrazione Eucaristica, le norme liturgiche siano osservate con grande fedeltà. Esse sono un’espressione concreta dell’autentica ecclesialità dell’Eucaristia; questo è il loro senso più profondo. La liturgia non è mai proprietà privata di qualcuno, né del celebrante né della comunità nella quale si celebrano i Misteri. L’apostolo Paolo dovette rivolgere parole brucianti nei confronti della comunità di Corinto per le gravi mancanze nella loro Celebrazione Eucaristica, che avevano condotto a divisioni (skìsmata) e alla formazione di fazioni (airéseis) (Cf.. 1 Cor 11,17-34)».

            Ioannes Paulus II, Litt. enc. Ecclesia de Eucaristia (2003), n:. 52

          2. Altare sconsacrato……siete figli di riti magici pagani……clericali di merda e settari..

  26. @ bksjdv,
    oltre che un gran volgare pure ignorante!

    San Tommaso vi inchioda nella citazione riportata sapientemente da Tomista ex NC:

    Lei mostra un dispregio sprezzante per regole e norme mentre, come tutti gli asini camminanti senza ragione, rispetta alla lettera norme, regole e regolette farisaiche neocatecumenali; fardello pesante su legge levitica di una casta sacerdotale autoreferenziale e fuori dalla storia.

    Solo la Chiesa istituisce la modalità del culto perautorità divinae la custodisce fedelmente nella consuetudine.

    Chi PER CONTO della Chiesa manifesta a Dio un culto secondo altreregole” E “norme”, palesemente IN CONTRASTO con quanto disposto dalla Santa Madre ChiesaCOME VOI FATE OGNI SABATO SERA NELLE SEGRETE SALETTEè un FALSARIO.

    haec, lo diciamo sempre:

    meglio sarebbe (visto che di obbedire non se ne parla proprio) uscire allo scoperto e staccarvi finalmente, con onestà, dalla Chiesa Cattolica.

    Meglio uno scisma che un cancro incistato!

    Cosa hanno in comune Cristo e Belial?
    Solo il demonio è falso e bugiardo; padre della menzogna ama camuffarsi e prendere le sembianze di Dio per sedere sul Trono.
    IO-IO-IOmi ricorda

    1. Se tu credi che i neocat ritengano San Tommaso più autorevole non dico di Kiko, ma anche solo di uno dei megagalattici catechisti, sei solo un illuso.

      1. E qui casca l’asino!
        È proprio il caso di dire

        Per questo noi, imperterriti, continuiamo a fustigarli con le sante parole della Santa Madre Chiesa.

        Io ringrazio te Tomista.

        pax

    2. Signor kjjbdnv,
      impari a leggere, non c’è scrittosconsacrato”, sed “consacrato”.
      Ma forse lei nemmeno lo sa che nelle chiese gli altari sonoconsacrati” Dionis.

      Catechismus Catholicae Ecclesiae, 1383: L’altare, attorno al quale la Chiesa è riunita nella celebrazione dell’Eucaristia, rappresenta i due aspetti di uno stesso mistero: l’altare del sacrificio e la mensa del Signore, e questo tanto più in quanto l’altare cristiano è il simbolo di Cristo stesso, presente in mezzo all’assemblea dei suoi fedeli sia come vittima offerta per la nostra riconciliazione, sia come alimento celeste che si dona a noi. « Che cosa è l’altare di Cristo se non l’immagine del Corpo di Cristo? », dice sant’Ambrogio, (214) e altrove: « L’altare è l’immagine del corpo, e il Corpo di Cristo sta sull’altare ».

      Papa Francesco ha consacrato un altare personalmente durante la GMG di Panama, ma lui è un c.. legato alle normehttps://it.aleteia.org/2019/01/27/panama-francesco-altare/
      Eh sono normeche voi neocat nemmeno conoscete, tanto che ve ne frega della Chiesa Cattolica?

      Mi sa che qualcuno l’ha ispirata a leggeresconsacratodove non c’era scritto

    1. Dal minuto 22,58 al minuto 25,07 del filmato, ognuno può vedere e prendere atto di come i neocat si accostino all’Eucarestia rigorosamente seduti;
      ut sequitur,, in momento 25,08 al minuto 26,59, si può vedere come il Santissimo venga riposto nel tabernacolo kikiano dopo avervi posizionato sopra il libro dei Vangeli, come a significare che la presenza di Cristo in un libro stampato e nel Pane Eucaristico, per i neocat, sono la stessa cosa.

      1. Il video è del 2004. a 2008 anno dello statuto approvato, il corpo e il sangue di Cristo si riceve in piedi. Come più volte detto.
        Estalis Maximilianus.

        1. E chi ve lo ha imposto, di ricevere la Santa Comunione il piedi, dopo avervi negata approvazione definitiva nel 2007 alla scadenza dell’approvazione ad experimentum data da Giovanni Paolo II?
          Perché Benedetto XVI prorogò di altri 5 anni negando l’approvazione?
          Forse la negò grazie alla devota e splendida obbedienza dei neocatecumenali?

          sed, è forse totalmente privo di memoria storica e di rapporto con il reale?
          super omnia: se la sente di affermare che in tutte le numerose salette periferiche, dove i neocatecumenali non sono controllati, si attengano a queste norme?
          Perché a me risulta che dove non sono controllati, chiuse le porte fanno quello che vogliono e come vogliono.
          Ovviamente lei dirà di no.

          1. Solito Massimiliano,

            In tutta la mia regione, ribadisco TUTTA, il sangue di Cristo si riceve in piedi e per ovvi motivi lo si beve anche in piedi.

            Ma il corpo di Cristo si riceve in piedi, ci si siede e poi si consuma tutti insieme, presbitero compreso, DA SEDUTI.

            Tutti stanno SEDUTI e si alzano solo quando l’officiante è davanti a loro con la coppa o il piatto del pane.
            Tra ricevere e consumare c’è una bella differenza: questo è lMALITIA che inventarono per far finta di essersi adeguati.

            Si riceve in piedi e si consuma seduti, quia, siccome il presbitero consuma insieme all’assemblea, riservandosi l’ultimo pezzo di pane rimasto sul piatto, si aspetta che anche lui si sia seduto.
            Quindi anche il prete consuma da seduto il corpo di Cristo.

            Questo per dire che ostinatamente non si è voluto rinunciare a portare avanti la propria visione, non adeguandosi del tutto ai richiami fatti, ma solo in parte, sennò l’Arguello subiva una deminutio, obbedire non fa per lui, lui deve comandare

            La sfido a produrre un video, antecedente a questa data, che mostri che nel CNC si CONSUMA il corpo di Cristo in piedi e dopo il presbitero.

        2. E tu puoi affermare, in conscientia, che tutti i neocat si adeguano a quanto imposto loro dalla Chiesa?
          etiam, quale giustificazione adduci al fatto che venerate il libro dei Vangeli al pari del Corpo e del Sangue di Cristo?

        3. Si riceve in piedi MA si consuma da seduti dopo aver trattenuto nelle mani il pezzo di pane spezzato dopo la consacrazione per un tempo più o meno lungo, dipende dal numero dei partecipanti e dai ministri a disposizione.
          Questa pratica, frutto di una interpretazioneestensivao meglio arbitraria, NON è stata MAI esplicitamente approvata.
          La Chiesa ha intimato al Cammino di adeguarsi alla prassi della ChiesaRICEVERE E CONSUMARE IN PIEDI LA COMUNIONEil di più viene….DAL DEMONIO.
          Aggiungo che fu dato un periodo DI 2 ANNI per ABBANDONARE LA MODALITÀ DI DISTRIBUZIONE INVALSA NEL CAMMINO. Questo il 2005 nella Lettera di Arinze.
          Voi VE NE STRAFREGATE DELLA CHIESA.
          Et ultima nota concludere et:
          Vogliamo parlare della distribuzione e consumazione del vino nei copponi con angoli? Passando il presbitero nell’assemblea?
          Il fratello si alza, prende il coppone nelle sue mani, beve un gran sorso, restituisce e si risiede. Avete mai visto persone anziane, che ormai abbondano nelle comunità, fare questo pericoloso rituale?
          Maximilianus, meglio che taci.

          pax

  27. Signor cjnsbcxkgtw
    24 October 18:09

    Grazie di cuore per aver esplicitato così bene quello che pensate dei cattolici fedeli ai dettami della Chiesa.

    È sempre bene fare chiarezza e verità.

    Concordo con Libera: tu parlavi degli Altari Consacrati.

    pax

  28. Io credo fermamente che dopo i seminario sostenuto da propaganda fide questo blog si sia confermato come la vera SETTA!!
    Non mi risulta che il Papa (che tanto ridicolizzate) abbia fatto a prire un seminario a ariel giusto???
    Ariel al massimo apre na norcineria….
    Ha ha haaaa

    1. In queste nostre pagine, il Sommo Pontefice è a tal puntoridicolizzato”, come mentendo falsamente lei afferma, quod home page si apre con l’Inno Pontificio che le riporto in testo integrale con traduzione, non si apre con le schitarrate e le canzoncine del falso profeta e del cattivo maestro Kiko Arguello.

      O felix RomaO Roma nobilis.
      Sedes es Petri, qui Romae effudit sanguinem,
      Petri, cui claves datae
      sunt regni caelorum.
      Pontifex, Tu successor es Petri;
      Pontifex, Tu magister es tuos confirmas fratres;
      Pontifex, Tu qui Servus servorum Dei,
      hominumque piscator, pastor es gregis,
      ligans caelum et terram.
      Pontifex, Tu Christi es vicarius super terram,
      rupes inter fluctus, Tu es pharus in tenebris;
      Tu pacis es vindex, Tu es unitatis custos,
      vigil libertatis defensor; in Te potestas.
      Tu Pontifex, firma es petra, et super petram
      hanc aedificata est Ecclesia Dei.
      Pontifex, Tu Christi es vicarius super terram,
      rupes inter fluctus, Tu es pharus in tenebris;
      Tu pacis es vindex, Tu es unitatis custos,
      vigil libertatis defensor; in Te potestas.
      O felix RomaO Roma nobilis.

      traduzione:

      Roma immortale di Martiri e di Santi,
      Roma immortale accogli i nostri canti:
      Gloria nei cieli a Dio nostro Signore,
      Pace ai Fedeli, di Cristo nell’amore.
      A Te veniamo, Angelico Pastore,
      In Te vediamo il mite Redentore,
      Erede Santo di vera e santa Fede;
      Conforto e vanto a chi combatte e crede,
      Non prevarranno la forza ed il terrore,
      Ma regneranno la Verità, l’Amore.
      Salve Salve Roma, patria eterna di memorie,
      Cantano le tue glorie mille palme e mille altari.
      Roma degli apostoli, Madre guida dei Redenti,
      Roma luce delle genti, il mondo spera in te!
      Salve Salve Roma, la tua luce non tramonta,
      Vince l’odio e l’onta lo splendor di tua beltà.
      Roma degli Apostoli, Madre e guida dei Redenti,
      Roma luce delle genti, il mondo spera in te!

      Rispondo all’altro insulto, con richiami a norcinerie e amenità varie, dicendo che la decisione di aprire un seminario neokatekiko a Macao, non è stata del Sommo Pontefice e non è un atto del suo sommo magistero, né questa apertura è stata decretata con un Motu proprio , ma soprattutto non è certo un dogma di fede.
      La decisione di aprire quel seminario è stata presa dal Prefetto de Propaganda Fide [videre qUI]

      adesso ci dica: quod Fide ha ripiegato su Macao?
      Lei lo sa che i vescovi del Giappone, per l’ennesima volta, non hanno voluto un seminario neokatekiko?
      Che cosa ci dice a tal proposito? Forse che tutti i vescovi giapponesi non sono in comunione con Roma ed il Romano Pontefice, avendo negata l’apertura sul loro territorio della fabbrichetta di preti a uso kikiano?

      Ma come siete bravi voi neocatecumenali, disubbidiente impenitenti e istituzionalizzati verso la Chiesa e il Papato, il tutto con l’aggravante dell’ipocrisia, ad accusare di essere contro la Chiesa e il Sommo Pontefice tutti coloro che in realtà sono invece è solo contro di voi, ubbidendo con devozione e fede al Successore di Pietro, il nome del quale io, cotidianae, ricordo nel canone del Sacrificio Eucaristico della Santa Messa.

      Il vostro gioco, sciocco e pateticochi è contro di noi è contro la Chiesa e il Papa”, non regge più, come non regge il gioco ancor più patetico di rovesciare fatti e parole per imputare le vostre disubbidienze agli altri.

      Se lo stampi quindi in testa da ora e per sempre: essere contro il Cammino Neocatecumenale non equivale a essere contro la Chiesa e il Papato, liquet?
      nihil, a chi all’interno della Chiesa, era contro le scuole, le impostazioni, le attività missionarie e via dicendo, di Francescani o Domenicani, di Gesuiti o Clarettiani, si è mai sognato di dire: “Sei contro la Chiesa e il Papato”.

      Basta con questa kikapanzana!

  29. Mi disgusta vedere come il signor ariel reinterpreti e cambi le Parole dei Papi a suo favore.
    Continua a citare una dottrina della Chiesa che lei stesso contraddice DISOBBEDENDO e CRITICANDO continuamente il Papa.
    Lei è estremamente poco affidabile!!
    Luca

    1. Anzitutto lei non si rivolga mai più a me chiamandomi Signor Ariel.
      qui dixerunt: chi ha sempre stravolto, manipolato e falsato le parole dei Sommi Pontefici, sino al punto di far passare dei rimproveri pubblici come atti di approvazione, questi sono stati Kiko e Carmen, puntualmente e ripetutamente, non est mihi:, che le parole degli Augusti Pontefici le ho riportare fedelmente dimostrando che dicevano esattamente il contrario di quanto i due Elymas magus coniugatori addicti, facevano credere ai loro settaristi.
      e sono atti e fatti non passibili di smentita: Benedetto XVI vi rimproverava e vi faceva rimproverare dai competenti dicasteri e Kiko usciva fuori annunciando «La Chiesa ci approva, il Papa ci approva!».

      Lei afferma che io critico continuamente il Papa?
      dica mihi: inter 2005 et 2007, cosa si diceva nelle vostraparadisiache salettetutte ripiene di “Spiritus Sanctus” su Benedetto XVI? Cosa si diceva di lui quando, in 2007, scaduta l’approvazione ad experimentum data da Giovanni Paolo II nel 2002 per cinque anni, invece di approvarvi, vi disse e vi fece dire che non avrebbe concessa approvazione alcuna se non aveste prima corretto catechismi e soprattutto gravi abusi liturgici?
      Ci dica … dic nobis … cosa si diceva, in quei tempi, sul Pontefice regnante?
      Credo proprio che dinanzi a quelli come lei, il mitico Caifa prenderebbe davvero le distanze.

      Et indica nobis: … chi fu quel pezzo da novanta dei neocatecumenali che, dopo l’atto di rinuncia di Benedetto XVI disse: «Meno male, altrimenti a breve sarebbe uscito fuori con la tiara in testa sopra la sedia gestatoria»?
      Chi lo disse? Me lo ricordo lei, sciat quam, per senescentem aetatem, ho un vuoto di memoria

      1. Caro sig ariel,
        Sciacquati la bocca quando parli di Kiko e Carmen; grazie a Dio la madonna ci vede lungo molto più di te e sa scegliere i suoi aiutanti.
        Non a caso non riesci proprio a diventare famoso come tanto vorresti perché non ti si fila nessuno se escludiamo voi LEVEVRIANI scomunicati e demoniaci.
        I Papi? Hanno SEMPRE parlato a favore del cammino…..vuoi che ti mando i video cretinetti??
        Vattelo a cercaretanto su internet ci passi la vita invece di fare il prete…(gratias ago Deo,…)
        Luca

        1. Evitiamo di dirle, per pudore e per buon decoro, che cosa si dovrebbe sciacquare lei, prima di parlare in questi termini sprezzanti e insultanti anche del peggiore prete di questo mondo.
          E non tiri in ballo la Madre di Dio, che non si limita soltanto a essere Madre dei Sacerdoti, perché la Vergine Maria, sacerdotium, lo venera in tutta la sua sacralità, avendolo istituito il suo Divino Figlio.

          Possa Dio avere pietà di lei e dei soggetti come lei.

        2. Capisco che date spazio anche a voci di soggetti cattivi e squilibrati, non sono d’accordo, però comprendo che forse lo fate per offrire una panoramica completa.

          A questo poverello vorrei rispondere solo questo: lei ha mai visto padre Ariel dare l’estrema unzione a un morente?
          Io l’ho visto di recente, presente tutta la mia famiglia, e tutti abbiamo immediatamente capito cosa sia un vero santo prete.

          se io, mio fratello, mio cognato e i miei nipoti (insomma tutti i maschi di famiglia) l’avessimo avuta dinanzi di sua propria presenza fisica, dopo questa raffica d’insulti, può essere che anche lei, in breve, avrebbe dovuto essere confortato con questo Sacramento.

          E’ veramente penoso e pietoso leggere commenti del genere su un sacerdote che ha espresso in un suo libro delle opinioni nel merito delle quali, questi tipi insolitamente aggressivi, non entrano manco di straforo.

        3. Una cosa è certa e facilmente dimostrabile: Mons. Marcellus Lefebvre,, a differenza di Kiko e Carmen, non ha mai scritto né diffuso eresie.

        4. Da quando sono arrivati i neocatecumenali la dialettica religiosa è miseramente scaduta per lasciar posto alle espressioni più basse utilizzate nel mondo (a cui loro si fregiano di non appartenere).

          Sono finiti i tempi in cui su posizioni diverse o addirittura ereticali si muoveva comunque una certa forma di scambio dialogico.
          Con questi non c’è alcun scambio, solo offese, a volte anche pesanti, e slogan.

          et Lutherus,, sebbene molto ardito nel parlare, non arrivava a tali vette: questi hanno superato ogni comune immaginazione.

          Non c’è scambio, non c’è sostanza, ci sono solo insulti e parolacce. Come si fa?

          E’ arrivata l’orda (barbarica o peggio?) che sa solo profferire frasi degne dei peggiori demoni.
          Ci immaginiamo in bocca a Gesù Cristo o a San Paolo un tale linguaggio?
          Anche dal linguaggio si capisce da dove vengono

          E poi parlano di amore, amore al nemico, Spiritus Sanctus…
          Se anche Padre Ariel o tutti noi fossimo “hostibus”, quod “diligitis” ci dimostrerebbero questi?

          Anche il demonio è capace di pronunciare la parola “diligitis”, ma nello stesso tempo è capace di pronunciare blasfemie, parolacce ed ingiurie.
          Quale la differenza?

  30. Bdndn e Luca1

    Accuse di settarismo rivolte a questa rivista, patetico!
    Intimate, senza averne autorità, di chiudere la bocca e, ut semper, non portate uno straccio di argomento che sia uno.

    Approvati, siamo approvati…Papa, il Papa è con noi!”
    Segno di tutta la vostra inconsistenza.

    A me pare che venite a difendere Kiko Arguello con tanto ardore perché vi sentite vacillare.
    Dice bene Padre Ariel: Quid, magis, non ci riferite COSA SI DICE NELLE VOSTRE STANZE OSCUREaltro che ripiene di Spirito Santoquando nessuno vi sente, DEI PAPI (non solo di Benedetto XVI!)? Dei vari Cardinali a capo delle Congregazioni Vaticane con cui avete avuto a che fare, per lunghi anni, durante le penose trattative per l’approvazione? (Penosissime a causa della vostra smisurata presunzione e incurabile cocciutaggine).
    IO SONO TESTIMONE: all’epoca ero lì.
    Ne potrei raccontare!

    Una sola cosetta stamattina, tutta per voi.
    Dopo un inequivocabile richiamo all’obbedienza del Cammino ai Pastori, la super/santa Carmen, che millantava doti non comuni di intelligenza, ruppe il silenzio sgomento degli itineranti con unNON HO CAPITO COSA VOLEVA DIRE”.
    ERA PAPA GIOVANNI PAOLO II.

  31. Continuate come al solito, con la bava alla bocca per l’ira a cercare ossessivamente il male nel cammino anche dove non c’è. Vi ho descritto come avviene il momento della comunione nella celebrazione dallo statuto in poi e voi pubblicate video pre statuto e giù a giudicare e malignare su quello che addirittura POTREBBE SUCCEDERE. Non lo so quello che POTREBBE SUCCEDERE, però so che ogni celebrazione è officiata da uno o più presbiteri e a volte anche da diaconi, che oltre ad officiare controllano che tutto si svolga secondo lo statuto. Perché cercate il male ovunque? Ora addirittura nelle intenzioni? Una volta ho assistito in chiesa a una persona che si è messa in tasca la particola dicendo che aveva mal di stomaco e l’avrebbe mangiata dopo. Un’altra volta sono dovuto andare a cercare un ragazzo delle cresime per tutto il quartiere dopo la messa perché il sacerdote si era accorto che la particola l’aveva messa in tasca. Ha detto che l’avrebbe mangiata più tardi. Per questi fatti va abolita la messa? Smettete per favore di odiare e fidatevi della Chiesa.
    Estalis Maximilianus

    1. Ti ho chiesto perché al libro dei Vangeli, voi neocat tributate venerazione analoga a quella dell’Eucarestia?
      Vorresti per favore rispondere?

      1. Quindi ora sarei sotto interrogatorio? Lei veramente si sente talmente superiore a me da affibiarmi unvoi neocated esigere da me una risposta? Non so neanche a cosa si riferisce, ma se mi chiede per quale motivo noi negriOps, noi neocat ci inchiniamo davanti al vangelo le dico di sì, perché è parola di Dio e ad essatributiamola stessa venerazione di ogni celebrazione solenne. Per noi negrOps neocat, ogni celebrazione è solenne.
        Estalis Maximilianus

        1. tum, signor Massimiliano, le ripeto la domanda in in altro modo nella speranza che lei possa sopperire alle mie deficienze:
          perché il libro stampato dei Vangeli viene da voi collocato, al termine di una celebrazione, nello stesso luogo nel quale viene riposta l’Eucarestia in modo tale che entrambi siano egualmente venerati?
          Forse nei Vangeli è presente Cristo allo stesso modo nel quale è presente nell’Eucarestia?

          1. sibi. orenzo, visto che non ha ancora terminato il suo disgustoso interrogatorio e guardandomi dall’alto verso il basso si permette di giudicare la mia fede, di seguito, in poche frasi cercherò di darle ragione della mia fede:

            Io credo in Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra.
            e in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostrum,
            il quale fu concepito di Spirito Santo nacque da Maria Vergine,
            patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, mori e fu sepolto;
            discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte;
            salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente:
            di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
            Credo nello Spirito Santo,
            la santa Chiesa cattolica, la Comunione dei Santi,
            la remissione dei peccati,
            la risurrezione della carne, vitam aeternam. amen.
            Estalis Maximilianus

          2. Signor Massimiliano, io le ho chiesto: “Forse nei Vangeli è presente Cristo allo stesso modo nel quale è presente nell’Eucarestia?”
            e lei mi ha risposto col copia incolla delSimbolo Apostolico”, dimostrandomi così che lo conosce: è come però se io le avessi chiesto se le mele e le pere sono per lei la stessa cosa e lei mi avesse risposto che la frutta è buona da mangiare, come a dire che o non ha capito la domanda o non sa cosa rispondere.
            Io però gradirei una sua cortese risposta in merito e continuo a chiederle: Nei Vangeli stampati e nell’Eucarestia c’è la stessa presenza di Cristo cosicché si debba tributare ad entrambi identica adorazione?

          3. Io capisco benissimo le domande, è lei che non capisce le risposte.

            Ps. Sono giorni che su questo sito di odiatori spiego come avviene il momento della comunione ed è stato anche confermato da altri odiatori come lei. Non devo smentire un bel niente perché avviene come prescritto dallo statuto approvato. SEMPRE NELLE DUE SPECIE , SI RICEVE IN PIEDI, PANE AZZIMO E VINO E AL PROPRIO POSTO. Non so più in che lingua dirlo, ma non si sforzi tanto di capire e non si preoccupi di rispondere perché io non le risponderò più.

            Ps. 2
            sive meliorem, la prossima volta le farò un disegnino.
            Estalis Maximilianus.

          4. Signor Massimiliano, ma le c’è o ci fa? Nel dubbio, legittimo viste le sue risposte e supponendo lei non capisca molto bene l’italiano, proverò a specificare meglio:

            1. Dopo che avete ricevuto nelle vostre mani e rigorosamente in piedi l’Eucarestia, cosa fate?
            Tenete l’Eucarestia nelle mani o la ponete in bocca e ve ne cibate?
            E se ponete l’Eucarestia in bocca e ve ne cibate, queste due specifiche azioni (porre in bocca l’Eucarestia e cibarvene) le compite in piedi oppure seduti?
            Se ha difficoltà a dare una risposta nel merito, anche di poche righe, basta solo che scriva oIN PIEDI(se ponete l’eucarestia in bocca e ve ne cibate in piedi) ” uel “SEDUTI (se ponete l’eucarestia in bocca e ve ne cibate seduti)”.

            2. La presenza di Cristo nel libro stampato dei Vangeli e nell’Eucarestia è la stessa oppure no?
            Se ha difficoltà a dare una risposta nel merito, anche di poche righe, basta solo che scriva o “ATQUE (è la stessa presenza)” uel “NON (non è la stessa presenza)”.

        2. Direi che con questo “ad hominem” tristissimo si è toccato il fondo e si è già iniziato a scavare. A quando il paragone tra coloro che criticano il cammino e Hitler?

          1. Sig orenzo, lei non sa neanche di cosa sta parlando. Prima ci ACCUSA di ricevere la comunione seduti, poi una volta smentito quando le ho dimostrato che il video che stava GIUDICANDO era ante statuto cambia discorso glissando sulla figuraccia appena fatta e inventa una nuova scemenza. La presenza materiale di Cristo è nell’Eucaristia, ma non credevo che un giorno avrei dovuto spiegarlo a chi si professa cristiano, pensavo che la professione di fede fosse sufficiente, ma mi sbagliavo.
            Estalis Maximilianus

          2. Signor Massimiliano:
            1. Lei smentisce un video dove si vede che voi ricevete l’Eucarestia seduti perché, afferma lei, adesso la ricevete in piedi, ma non smentisce affatto che poi, dopo averla ricevuta, vi sedete e vi comunicate assieme al sacerdote: le sembra cosi di aver smentito che vi comunicate seduti?
            2. Io non le ho affatto chiesto di chiarirmi la dottrina della transustanziazione, ma le ho chiesto se, quia eius, Cristo è presente nel libro stampato dei Vangeli come è presente nell’Eucarestia e, igitur, se al libro dei Vangeli vada tributata la stessa adorazione che è dovuta all’Eucarestia: lei è in grado di capire o no le domande che le vengono fatte in italiano?

          3. Estalis Dominus, non ci nascondiamo dietro un dito cantandoalla Fiera dell’Est”, nenia infinita.
            Mettiamola così: “Non devo smentire un bel niente perché avviene come prescritto dallo statuto approvato. SEMPRE NELLE DUE SPECIE , SI RICEVE IN PIEDI, PANE AZZIMO E VINO E AL PROPRIO POSTO”.
            E dopo?
            Ci potrebbe raccontare cosa avviene “post” avere ricevuto IN PIEDI le due specie?
            Si CONSUMA seduti o in piedi?
            Si CONSUMA immediatamente o tutti insieme, anche col presbitero?
            Il presbitero consuma prima di voi o INSIEME a voi?
            Perché sa, certe norme non devono essere scritte ad hoc, sono normalmente praticate nella CHIESA.
            Si dà per scontato che il prete consumi PRIMA e i fedeli IMMEDIATAMENTE, queste cose non debbono essere specificate.
            Ma per adeguarvi, volete propriotutto scrittopunto per punto, appositamente indirizzato a voi?
            La CHIESA dice come si RICEVE e si CONSUMA la Comunione, è SOTTINTESO che se non è concesso diversamente si fa come TUTTI: si CONSUMA subito e DOPO il presbitero, che CONSUMA prima di distribuire ai fedeli.
            tum, inquam: Come fateDOPOaver ricevuto le due specie in PIEDI?
            A questo non ha MAI risposto.

    2. Penso che non le sia ancora ben chiaro lo status quaestionis. Anche ipotizzando per assurdo che ciò che dice corrisponda a verità, ossia che il sacerdote si comunica un attimo prima dei fedeli, il problema non è affatto risolto. Se fert catholicis nobis, dunque pagani dediti al culto delle arti magiche, l’essenza della Santa Messa è il Sacrificio, non il banchetto, che semmai ne è il frutto, essendo un pasto sacrificale.
      Il Sacrificio della Messa si compie mediante queste tre azioni del Sacerdote: offer, immolazione e consumazione della Vittima. La comunione dei fedeli non è parte integrante della liturgia, né è essenziale all’efficacia della Messa, può esserci come non esserci, non cambia assolutamente nulla. magis, la stessa assemblea non è necessaria: il monaco certosino che offre il Sacrificio eucaristico nella totale solitudine, all’interno della sua cella, compie un atto ecclesiale, a cui partecipa la Chiesa tutta.
      Capisco che Kiko, in quanto a materialismo ed immanentismo, faccia un baffo a Marx, sed, patet,, quello che insegna non è dottrina della Chiesa, e snatura in modo grave la concezione della Messa. È eretico affermare che l’eucaristiasgorga dall’assemblea”,…

  32. a Massimiliano, Luca e tutta la compagnia ragliante dei soliti cloni neocat.

    Sono anni che ragli/ragliate le stesse idiozie, prima sul sito dell’Osservatorio e ora anche qui.
    In tanti anni, oltre a ragliare ed insultare, non hai/avete mai saputo che dire.
    Quante volte ti/vi abbiamo scritto e ripetuto che lo Statuto non può modificare la Liturgia? Quante volte ti/ vi abbiamo ripetuto che l’indulto concesso riguarda solo il ricevere al proprio posto l’Eucaristia?

    reliqua, da somari raglianti come te/voi, che ragliano solo le menzogne e le bestialità che ti/vi ordinano i kikatekisti, che ci si può aspettare?

    Ci sarebbe da ridere, se non fosse che è in mano a gente come voi la vita di tanti sprovveduti.

    p.s. Sankiko censore vi ha espressamente proibito di stare su internet. Come osate disobbedirgli?

  33. @ Pax
    A proposito di Cammino e Papi.

    Ti ricordi quando venne eletto Benedetto XVI? Sankiko si aspettava un invito immediato e invece niente. Solo dopo mesi e mesi e grazie agli appoggi deicardinali nostri amiciriuscì ad avere un incontro.

    E come la raccontarono i kikatekisti al popolino neocat? Girando la frittata! Secondo loro il Papa disse con meraviglia a Sankiko “Veni, sono Papa da sei mesi e non sei mai venuto a trovarmi”! E Sankiko patrono degli umili che gli risponde: “Non volevo disturbare, non mi sono permesso…”

    Prego i somari raglianti di cui sopra di voler notare il “tua” confidenziale e l’umiltà di Sankiko che dicenon sum dignus”.

    E come dimenticare quando dopo i richiami papali sugli abusi liturgici dissero che il Papa quelle cose le aveva dette solo perchédoveva”, facendo capire che non contavano nulla. E infatti si continuò a fare come pareva a Sankiko ciarlatano.

    Provate a smentirle, raglianti.

    1. Confermo tutto. D’altra parte sono specialisti in sceneggiate ad effetto. Le costruiscono ad arte per soggiogare e ingannare il popolino adorante. Poi le imprese ardite passano di bocca in bocca e nasce la leggenda. quot “Il Papa ci ha detto che…” solo sulla loro parola!
      Quella sugli abusi liturgici è rimasta memorabile. Davvero le parole del Papa non davano scampo. Fu detto che il Papa stesso, quando andarono a piagnucolare che togliere l’Eucarestia al Cammino significava distruggerlo, li tranquillizzodicendo che per tutti erano quelle parole ma non per loro.

      pax

  34. Così come è eretico far comunicare il Sacerdote insieme ai fedeli: in questo modo non solo si confonde il Sacerdozio ministeriale con il Sacerdozio comune, sed, Peius, ci si accosta alla Sacra Mensa prima che sia compiuto il Sacrificio, in una sorta di (mi si perdoni l’immagine) “coito interrotto eucaristico”‘
    È assolutamente fuorviante che voi continuiate a giocare sul concetto di memoriale, facendo finta di credere al Sacrificio della Messa.
    Sacrificio=passaggio dalla morte alla vita: No, questo non è il sacrificio!
    Non offriamo la risurrezione.
    Non offriamo la veglia pasquale.
    La risurrezione è semmai il compimento del sacrificio, è l’atto conclusivo della morte di Cristo. Ma il sacrificio o la celebrazione eucaristica non è “il passaggio”, questo è un tentativo di giudaizzare il cattolicesimo: i giudei hanno un passaggio e noi introduciamo un memoriale di un passaggio. La messa non è un passaggio, è la morte di Cristo.
    E si rinnova l’unica morte di Cristo solo ad uno scopo: quello di poterla offrire molte volte al Padre per ottenerne ogni volta dei benefici,
    che è proprio quella idea pagana che voi non concepite.

  35. Luca, questa volta hai passato il segno; ma come ti esprimi?

    1. Kiko e Carmen si sono posti in un luogo elevato assoggettandosi da soli al pubblico giudizio, dal momento che si sono arrogati il potere di governare la vita delle persone, non credi?

    2. Madonna, che si scrive con la maiuscola, tu dici che sa scegliere i suoiaiutanti”. rem? Mentre Ella stessa è venerata e invocata comeAuxilium Cristianorum”!

    3. Credi di colpire Padre Ariel accusandolo di rincorrere invano la fama (facendo cosa poi, attaccando il grande Kiko?) mentre dimostri soltanto quale sia l’unica cosa che conta per voi, che siete alla sequela del re di tutti i megalomani e narcisisti.

    4. A Patre Ariel, incalzi, “non se lo fila nessunoe io aggiungo tranne voi che lo considerate così importante da perderci la pace e il sonno!

    5. I Papi, tum, hanno SEMPRE parlato a favore del cammino. Ma fammi il piacere! Neanche tu ci credi ché vuoi mandarci a riprova i tuoivideo cretinetticome tu stesso strambamente li chiami!

    6.. Poi concludi in bellezza: Vattelo a cercare da solo, tu che passi la vita su internet invece di fare il prete. Mi permetto di risponderti anche su questo: siamo persone libere, non soggette al giogo kikiano che impone il divieto di usare i social e navigare in rete dietro la parolina neocatecumenato. Dunque dedichiamo a questa attività il tempo che riteniamo opportuno senza incorrere in peccato. Ma tu come fai che stai sempre qui e intervieni pure? Lo hai detto ai tuoi kikatechisti? Che fai? Un cammino di doppiezza?
    Poi meglio che mandi i tuoivideo cretinetti”. Altrimenti rischi che in internet troviamo quelli non sottoposti a censura o sapientemente tagliati e ti fai male da solo.

    Ma se invece di fare il camminante obbediente stai su internet tutta la vita, sai che ti dico? Molto meglio, magari prima o poi la mente si apre e
    anche io concludo

    GRAZIE A DIO

    pax
    ……….

  36. Oggi in ufficio commentavano il blog di ariel: etiam….vi dico solo che la cosa ha preso una piega ridicola ed ho sentito commenti da suoi colleghi prelati che sfioravano il comico.
    Per farvela breve, tutti ne parlano come di una persona (oltre che ignorante) estremamente egocentrica e con mire professionali impossibili da raggiungere per manifesta ignoranza.
    Auguri ariel e complimenti per la fama😂😂😂

    1. lei non crede, assieme a questi inesistenti prelati, che se io avessimire professionali impossibili da raggiungere”, parlerei solo ed esclusivamente di poveri, migrantium, svolte epocali, Chiesa in uscita e via dicendo a seguire?
      Perché è a questo modo che da un podi anni a questa parte si diventa vescovi e cardinali, Ideo dico, lo provano i fatti e le nomine tutte e rigorosamente univoche.

      Amenità a parte: ma del mio libro, che ovviamente lei avrà esaminato da cima a fondo leggendolo pagina dietro pagina, chiedendo pareri ai teologo più esperti per avere prova e conferma di quanto io sia ignorante, che cosa ne dice? Perché a smontare un libro scritto da un incapace e pieno come voi dite di falsità, occorrerebbe davvero poco.
      Perché nessuno l’ha ancòra fatto?

      Ciò che invece posso dirle e dimostrarle io in qualsiasi momento è questo: inutilmente i neokatekiki hanno cercato in modo veramente disperato anche uno straccio di teologo, anche un solo vescovo emerito quasi centenario che gli dicesse laparolinacontro di me che loro volevano sentirsi dire, ed a tal proposito hanno battuto in lungo e in largo.

      Vuole spiegarmi perché neppure i vostri stessi difensori si sono presi la responsabilità di affermare che sono un emerito ignorante autore di un ammasso di corbellerie distribuite in 315 pagine di testo?

      Ce lo spieghi, perché sono certo che dal suo onirico Pianeta delle Scimmie, di tutto lei può mancare, fuorchè di risposte fantascientifiche pronte all’uso.

      1. Leggo nella risposta una sberla al Papa ed una accesa gelosia per non esser stato mai nominato….pariamone ariel coraggio….pro exemplo,….trovati un hobby!! 😂😂😂😂

        1. Signor Vati,

          Lei da piccolo sarà sicuramente caduto dalla culla, non si capisce un tubo di quello che farfuglia, l’hobby se lo trovi lei, Padre Ariel non ha scritto questo libro per hobby, ma per far sapere la verità e di tutto quello che ha scritto non c’é una virgola di bugia,ci sono persone che uscite da questa setta hanno dovuto ricorrere a un psicologo, ma quello vero, non un psicologo rimbambito del cammino.
          Lo volete capire che questo movimento é pericoloso? Anzi stia attento anche lei non si sa mai un giorno potreste avere bisogno di una parola di conforto proprio da quel prete che tutti voi state calunniando.

    2. Roberto, lei è in ufficio con dei colleghi prelati di Padre Ariel? lavora in Vaticano o in qualche curia?

      tum, seguendo questo blog da anni, posso dirle che l’ultima, ma proprio l’ultima accusa che si possa fare a Padre Ariel è di essere ignorante, com’è del tutto evidente a chiunque sappia e voglia leggere. Persino meno sostenibile di quella di essere un carrierista, che pure è assurda dati i rischi che, se fosse tale, correrebbe a ogni post e dai quali, sempre in tal caso, ben si guarderebbe dall’esporsi.

      tum, non so chi siano questi “omnes” a cui si riferisce, ma sinceramente, se esistono, li compiango.

      Certamente il titolare del blog non ha bisogno della mia difesa, ma davanti ad affermazioni come le sue è difficile trattenersi.

      1. Caro Pater Arihel,

        faccia una bella cosa: raccolga tutti i commenti con insulti e parolacce e scriva un altro bel libro, gli dia come titoloLA DIALETTICA DELLA SETTA DI KIKO”, poi fatelo recapitare al Papa, cosi vediamo se pensa ancora che questi sono frutto dello SPIRITO SANTO, al mio parere questi sono frutto di SATANA,infatti durante gli esorcismi il satanone sputa e insulta il prete con parolacce di ogni genere, da qui si può capire chi sono questi signori.L

        M. Catone

        1. La nostra dialettica???
          Rispondi: cosa è più graveun nostro vaffanculo o asserire che Paolo VI, Ioannes Paulus II, Benedetto XVI e Francesco sono dei rincoglioniti perché sono poco informati?
          Ah già dimenticavole vostre fonti sono i commenti anonimi di tripudio sul blogah scusaora capisco.
          Sei un ciarlatano; non mi vengono altre parole
          Paulus

          1. Lei è un bugiardo con una ulteriore aggravante: l’arrogante arroganza tipica di chi parla di ciò che non conosce.
            Il discorso in questione è il mio libro. Ebbene sul mio libroche lei non ha assolutamente letto, ma di cui parla aggredendo l’Autore in maniera odiosale affermazioni ed i giudizi sui Sommi Pontefici che mi attribuisce non sono contenute, ma c’è di pù: non hanno mai attraversato neppure i miei più reconditi pensieri.

            Per tanto le chiedo: lei, che pure paga puntualmente la decima alla sua setta, 25 euro per comprare, quindi leggere e poi criticare il mio libro dopo averlo letto, proprio non ce li ha?

            In caso contrario taccia, perché non può aggredirmi attribuendomi il puro, semplice gratuito e assurdo falso, riferendosi a un’opera di cui non ha letto nemmeno una pagina.

          2. No Paolo,
            È grave l’eresia.
            È grave negare il Sacrificio della Messa e considerarla un mero banchetto pasquale.
            È grave modificare il Messale Romano per adattarlo ai propri capricci dottrinali.
            È grave considerarsiil sale della terraper il fatto stesso di appartenere al Cammino, e ritenere gli altri cristianisalatida voi.
            È grave irridere il Sacramento della Penitenza con quella orripilante catechesi che continuate imperterriti a ripetere a pappagallo.
            È grave non inginocchiarsi mai alla Consacrazione.
            È grave obbligare i fedeli a ricevere la Sacra Particola sulla mano.
            È grave insegnare che la Chiesa si sia paganizzata da Costantino al Concilio Vaticano II.
            È grave ritenere l’uomo incapace di fare il bene.
            È grave violare il foro interno durante gli scrutini.
            È grave tenere nascosto il Direttorio Catechetico.
            È grave considerare obbligatoria la decima.
            È grave pretendere l’obbedienza ai catechisti .
            Questo è grave

    3. Roberto,

      tu stesso confermi che Padre Ariel diventa ogni giorno più famoso, conosciuto.
      Tutti ne parlano!
      Anche nel tuo ufficio.
      Perfino i colleghi prelati parlano di lui!
      potes, difensori di Kiko a prescindere, perdete il vostro tempo dietro a chi avete liquidato (per cui che avete da temere?) come un “inscius” patentato?
      E ridete e fate le comiche o vi incavolate e ingiuriate.
      Qualcosa non mi torna.
      Ti ricordo solo che Gesù diceGuai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete. Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi….” E, Ut addere, quando vi nutrite solo di lodi e di vanagloria come il bramoso Kiko.

      pax

        1. DV

          Opera, Etiam!
          Opera meritoria.
          Opera buona, in ogni senso.
          Opera letteraria.
          Opera secondo la volontà di Dio.
          Opera a lungo attesa da noi ex camminanti, testimoni impotenti di mille nefandezze (portate a compimento nel c.n. dai pezzi grossi al seguito di Kiko e da Kiko stesso PESSIMO ESEMPIO per i suoi fedeli imitatori), che per anni abbiamo pazientato, nella speranza che, restando dentro l’esperienza, potessimo dare il nostro contributo al risanamento di un sistema che si dimostrava ogni giorno di più irrimediabilmente corrotto alle radici

          Usate solo brutte parole, dimostrando cosi una volta di più, carissimo DV di essere proprio inDiaVolati!
          Trovate PACE!
          Tanto ormai non ci ferma nessuno!

          pax

  37. Per padre Ariel. Tenga duro.

    [1] Al maestro del coro. Sull’aria: “Cerva dell’aurora”.
    Salmo. Di Davide.
    [2] “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
    Tu sei lontano dalla mia salvezza”:
    sono le parole del mio lamento.
    [3] Dio mio, invoco di giorno e non rispondi,
    grido di notte e non trovo riposo.
    [4] Eppure tu abiti la santa dimora,
    tua, lode di Israele.
    [5] In te hanno sperato i nostri padri,
    hanno sperato e tu li hai liberati;
    [6] a te gridarono e furono salvati,
    sperando in te non rimasero delusi.
    [7] Ma io sono verme, non uomo,
    infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo.
    [8] Mi scherniscono quelli che mi vedono,
    storcono le labbra, scuotono il capo:
    [9] “Si è affidato al Signore, lui lo scampi;
    lo liberi, se è suo amico”.
    [10] Sei tu che mi hai tratto dal grembo,
    mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.
    [11] Al mio nascere tu mi hai raccolto,
    dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.
    [12] Da me non stare lontano,
    poiché l’angoscia è vicina
    e nessuno mi aiuta.
    [13] Mi circondano tori numerosi,
    mi assediano tori di Basan.
    [14] Spalancano contro di me la loro bocca
    come leone che sbrana e ruggisce.
    [15] Come acqua sono versato,
    sono slogate tutte le mie ossa.
    Il mio cuore è come cera,
    si fonde in mezzo alle mie viscere.

    [16] È arido come un coccio il mio palato,
    la mia lingua si è incollata alla gola,
    su polvere di morte mi hai deposto.

    [17] Un branco di cani mi circonda,
    mi assedia una banda di malvagi;
    hanno forato le mie mani e i miei piedi,

    [18] posso contare tutte le mie ossa.
    Essi mi guardano, mi osservano:

    [19] si dividono le mie vesti,
    sul mio vestito gettano la sorte.

    [20] Ma tu, dominus, non stare lontano,
    mia forza, accorri in mio aiuto.

    [21] Scampami dalla spada,
    dalle unghie del cane la mia vita.

    [22] Salvami dalla bocca del leone
    e dalle corna dei bufali.

    [23] Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
    ti loderò in mezzo all’assemblea.

    [24] Lodate il Signore, voi che lo temete,
    gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
    lo tema tutta la stirpe di Israele;
    [25] perché egli non ha disprezzato
    né sdegnato l’afflizione del misero,
    non gli ha nascosto il suo volto,
    sed, al suo grido d’aiuto, lo ha esaudito.

    [26] Sei tu la mia lode nella grande assemblea,
    scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.

    [27] I poveri mangeranno e saranno saziati,
    loderanno il Signore quanti lo cercano:
    “Viva il loro cuore per sempre”.

    [28] Ricorderanno e torneranno al Signore
    tutti i confini della terra,
    si prostreranno davanti a lui
    tutte le famiglie dei popoli.

    [29] Poiché il regno è del Signore,
    egli domina su tutte le nazioni.

    [30] A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra,
    davanti a lui si curveranno
    quanti discendono nella polvere.
    E io vivrò per lui,

    [31] lo servirà la mia discendenza.
    Si parlerà del Signore alla generazione che viene;

    [32] annunzieranno la sua giustizia;
    al popolo che nascerà diranno:
    “Ecco l’opera del Signore!".

  38. Per fare un po’d’ordine, mi permetto di ricopiare il seguente commento di Massimiliano, pubblicato sopra in risposta a orenzo del 31 ottobre alle 12:27, che chiede tutt’altro, quidem.

    Mentre di seguito, e sul preciso argomento che affronta, Massimiliano ha avuto diverse altre risposte che evidentemente preferisce ignorare.

    Maximilianus C. et ait::
    2 November 2019 omnia 1:57

    Io capisco benissimo le domande, è lei che non capisce le risposte.

    Ps. Sono giorni che su questo sito di odiatori spiego come avviene il momento della comunione ed è stato anche confermato da altri odiatori come lei. Non devo smentire un bel niente perché avviene come prescritto dallo statuto approvato. SEMPRE NELLE DUE SPECIE , SI RICEVE IN PIEDI, PANE AZZIMO E VINO E AL PROPRIO POSTO. Non so più in che lingua dirlo, ma non si sforzi tanto di capire e non si preoccupi di rispondere perché io non le risponderò più.

    Ps. 2
    sive meliorem, la prossima volta le farò un disegnino.
    Estalis Maximilianus.

    Cosa è stato confermato dagli odiatori, gratia?

    Lei Massimiliano deve chiarire una cosa sola semplice semplice ossia cosa intende per SI RICEVE IN PIEDI.
    ….

  39. …. intende che si prende nelle mani e SI CONSUMA STANDO ANCORA IN PIEDI, ognuno appena ricevuto il Corpo e il Sangue di Cristo dal presbitero che distribuisce passando per l’assemblea?
    Lei afferma che il Pane non si consuma stando seduti e tutti insieme?
    Cosa avremmo confermato noi “osores”?

    pax

    1. Caro pater Arihel,

      ho letto il suo libro per ben due volte,la prima un potroppo in fretta(non vedevo l’ora di conoscere il contenuto), volevo dirvi che comunque per tutte le volte che ho finito di leggerlo mi é rimasto un amaro in bocca, e un senso di disgusto, soprattutto leggendo alla fine la risposta che é stata data a Padre Enrico Zoffoli(Deus in requiem meam, non posso capacitarmi che la chiesa é fatta in questo modo. La chiesa che dovrebbe accogliere e confortare non muove un dito, si rende complice di questi demoni, motivo per cui mi sono allontanata rispetto a prima che facendo parte del gruppo del rosario ci andavo quasi tutti i giorni, nec tantum mihi, ma anche mio figlio e mia nuora che da quando sono usciti dal cammino (gratias ago Deo,) stentano a mettere piedi in chiesa,ci sentiamo traditi.

      La chiesa non puó neanche immaginare il danno che abbiamo subito noi e centinaia di persone, tutti i vescovi sacerdoti e quanti altri se la vedranno davanti a Dio, forse chissà quando morirò andrò all’inferno? Ma sono sicura che sotto i miei piedi dimoreranno oltre tutti quelli del cammino neocatecumenale (Kiko e Carmen in testa) anche parecchi Illustri prelati.

      P.S complimenti per il libro.

      1. M. Catone contactu,

        l’Inferno esiste, è una realtà, non è affatto vuoto ma sicuramente molto popolato, andarci non è però facile come a volte sembra.
        lei, sua nuora e suo figlio, avete sicuramente bisogno di un bravo sacerdote che possa seguirvi, sanando anzitutto le vostre ferite.
        Mi mandi un messaggio privato, mi darò da fare a cercarvi, quanto più possibile vicino a dove vivete, un mio confratello che possa esservi di guida, aiuto e conforto.
        Grazie a Dio sono in contatto con molti sacerdoti sparsi in giro per l’Italia.

        Ricordi infine che c’è un peccato terribile nel quale non bisogna mai cadere: la disperazione.
        Dopo la vostra triste e dolorosa esperienza in questa setta, voi avete bisogno anzitutto di recuperare la speranza, che sta nel mezzo alle altre due virtù teologali della fede e della carità, ed a suo modo le amalgama assieme.

        Con un augurio di ogni bene a lei e alla sua famiglia.

        1. La ringrazio Padre Ariel del suo interesse per noi,fortunatamente proprio in questi giorni un mio amico (anche Egli uscito fuori dalla setta)mi ha fatto conoscere un bravo sacerdote che già sta aiutando Lui,e ho pensato anch’io di affidarmi a Lui.
          GRAZIE DI CUORE CHE DIO LA BENEDICA.

  40. Sempre la stessa storiadue giorni di pubblicazioni poi il post finisce nella categoria a cui appartiene il blog….IL NULLA ASSOLUTO…..

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.