Ab Antonio celebre regessit Dudlius Mangiacapra ad Christum vocat et in via via inter Zachaee * Concedat turba ascendit in arborem sycomorum ut ascenderamus: "Hodie domo tua oportet me manere"

– ecclesiales locales –

praeclara regessit Dudlius COLLOQUIUM INTER FRANCISCUM Mangiacapra Christo qui transit in platea turbam ad se ZACCHEO ascenderamus sycomorum ut videret eam in ligno: 'Oportet me manere domi'

.

Hoc est primum omnium essential Ad quartum dicendum quod proprium agendi in hominibus est Christi: posse nos separate peccatum est de eo qui facit eam: semper peccatum et opinione ac rejicitur sententia, reproba est, cum peccator, aliquid: Non recipit: et quod gratis peccata dimittit. Vel sanctificare me hoc peccatum in objective mala et bona, quae ex intrinsecis rerum personam at Dei ipsius effectam imaginem continues to own, elementum est de qua nullus ambigit Christianus, quod nullus sacerdos super omnia possunt fugere.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

 

PDF Print Article

.

.

.

Colloquium libro de Mangiacapra

quod 7 November issuer Network 4 Paolo De eventus iaci Mediaset novum progressio Debbio, recta&backhand, in quem dirigitur secundum circum et exitus circa SCABROSUS sexualem perficientur ecclesiasticorum. dubium falsa de me: quod ego ad facere in parvis rebus horis adesse certum est - maxime idoneam maturitatem expectandam Audientiis -, si totum video reparata res site in societatibus Mediaset visorum inopemque iuvenibus?

.

Per patientiam sustentatur in aliqua disputationem de topics in a conservanda timeslot, ut quod per simplex arcere ceteroquin intendit a scandalis!, Et non tenens sua ratio, cur exsistant. Quia non potest - dulcis in fundo - i telespettatori sono sedotti con argomenti intriganti tali da prolungare la visione del programma fino alla fine del programma e tener così alto ad audiendum? television dico et Strategies, certe, ma che a mio modesto parere non sono in grado di appagare fino in fondo l’autentico senso di curiosità dell’uomo anche di fronte a fatti indiscutibilmente scabrosi come questi. Curiositas est fundamental humance intelligentia, et certe non satisfit per gossip Stark.

.

Lectio si hoc esset verum,, Vos could utor optimus aptus in eventu alteri phrase latine, id est, in cauda venenum [qui venenum in cauda est], in medium nostri, ut saepe in conducted per voluntatem dynamics relinquere, ut saepius apud nos: in saporem amarum, et exitiale perficere ultima figito,. in brevi, quidam topics, sicut fecerunt hodie presented, Sunt autem mala nos non solum non opus, Cur ergo non quaerit quae cum eis?

.

Verumtamen sciendum est quia similes rationes boni sensibilis captatur, dum installatur collective viewers, ut dicitur in maximam Bibliorum sapientia, Sunt non adepto videre Dionysius videtur in oculis eorum, n:Et non sunt satiatæ adepto per eorum aures audiendi [Cf.. Qoe 1,8] quae fabulas. In queste persone vige una sorta di dipendenza psicologica da una certa narractum calidi quod aliquando prohibitus, romance discretas inter pages of novel, Numquam ausos esse transire limen cubiculi. Hodie non modo exceditur cubiculum, et tulit illud in media platea in plateas ....

.

Bet in backhand ad forehand et Franciscum Mangiacapra 7 November 2019 [aperire fragmen film click in imaginem. Quod tota res sit qUI principium 02:06:36]

A tempore postea Ducebantur visorum Paolo del Debbio, quasi novi Guy de Gorius, ad gazofilacium in domo voluptatis a revised Maison Tellier indutus condimentum sem in rebus ecclesiasticis sublimiter. Starring ad disputandum Gianluigi studio Nuthius, Marcus Tullius Amicone, Titus Cruciani, Iuliani et nostrae Costalunga Ariel S pater mi. Levi Tadinensis, qui potest disputare de rebus multo minus in contentione ex bet 31 October [Cf.. videre qUI quod 02:11:10].

.

Veni specialis hospes stella,, adulescens multis hospitibus Gigolo Franciscum Neapolitanum Mangiacapra, dux et auctor unit fasciculo Mangiacapra traditur in clero Neapolitano annumeratus est in relatione ad insuetam notos amicitia quorundam locorum clericos et sodales. Cur non agnoscis illum? Franciscus sub alia specie sistit Mangiacapra deducere utile est in aperto est network of alius problems indignus sacerdotes et morale quam spirituale;, cogebant auctoritate ecclesiastica onera portare. Bene autem dicitur quod effectus Julius in facto quod de Cruciani 31 October, videntes sub anguli "consideraverit a Francesco Mangiacapra dari".

.

Cum paucis brevis iocis licet in usu per televisionem progressio, ad frequentes quaedam difficultates ex animo Patri nostro Ariel finxit et scandala involvente gravi cleri sodales sollicitent dicens: "Est ecclesia, quinquaginta, annos sexaginta et altum doctrinarum discrimen incidit in illis quae fidei discrimine creata est, quæ tristis est, et rursus negatio quae generatae ex gravi moralis discrimen, quod hodie nos potest videre '. Vanum es dicere - sed hoc facere valet -: fratrem nostrum, Decem abhinc annis eam atque resolvitur quaestio de pre, esploso anni dopo, in opere suo Et venit Satanas et trinus,, Librum dedit ad torcular nostra Editionibus Pathmos insulam quod 7 July 2019.

.

honeste: Hoc episode valde impressis Francisci, respiciens ad eum commoratus judicia et censuras ab artis astrarmi eaque de re fuisse confirmatum pelagus propria bene elit.

.

photo: Franciscus Mangiacapra

Dlocis similia est intelligentia, et prudentiam prudentium reprobabo ad sollicitandos pastores praemisit vectes nostrorum nos erigere uolumus altius quam average campester. Praeiudicatis nituntur quantum removentur ultra, ut ambuletis in lege Christi ab eis aliqui characteres sunt ex Evangelio et facultatem edendi statu, qui est a Domino apud quosdam ad complexities solvendis administrandi et ipsi innata est homini.

.

Hoc est primum omnium essential Ad quartum dicendum quod proprium agendi in hominibus est Christi: posse nos separate peccatum est de eo qui facit eam: semper peccatum et opinione ac rejicitur sententia, reproba est, cum peccator, aliquid: Non recipit: et quod gratis peccata dimittit. Vel sanctificare me hoc peccatum in objective mala et bona, quae ex intrinsecis rerum personam at Dei ipsius effectam imaginem continues to own, elementum est de qua nullus ambigit Christianus, quod nullus sacerdos super omnia possunt fugere.

.

dedit, summum bonum, quisque potest tantum opus e manibus melioris: Sane intellegendum est de operibus. Peccatum est magis malum quam privatio Dei, Periculosa morbi natura producit bene Blurring, animos eorumque mores, et abscondere bonum tendit, ut hominem a Deo, et alienos;. Et hinc intellegere quid possumus, lit gasoline potest quasi facula ardebat intus fuerat, in facto quod de 31 Octobris Pater noster Ariel videtur perdidit ingenium, lulianus sacerdote Veronensis Costalunga, quod hodie est, sane est: "Ecclesia« progressivae, Affirmabat enim quod «non est ego Dominus creavit me, [Cf.. articulum, qUI]. pater Arihel, quae historicus et dogmaticus tamquam dogmatum per multos annos iactat se studuisse nexum inter libertatem et liberum arbitrium hominis in relatione ad sacramentum est originale peccatum, tulit de omnibus his pathos Romanus clamore Tyrrhenum navigat,: "Hoc est aberratio! Deus potest creare mala ", unde colligere licet, licet, quod repraesentat ipsam libertatis humanae affirmatione proficiscitur, sed non creare. haec introductio sequentes rationem necesse est intelligere quod ` …

.

photo: Franciscus Mangiacapra

… Evangelium diligenter legere, Homines intellegere possumus, quod est Christus, qualis Zacchaeus vel Levi, [Cf.. 5, 27-32] non solum publica multa publicanorum et peccatorum [Cf.. Lc 19, 1-10]; Adulteria feminarum quam [Cf.. Gv 8,1-11], la quia Samaritanus [Cf.. Gv 4, 1-26] et peccator publicus [Cf.. Lc 7, 36-50] Et non solum qui praevaricantur; postremo Dimas - In pium Latronem - [Cf.. Lc 23, 35-43] Non solum enim dux rei publicae religionis summissa phalanx tantaeque de terroristis qui opponitur Romani Imperii. omnia haec, etsi in statu peccati dissensionis, continuano a restare uomini amati da Dio e a possedere una ben specifica dignità divina derivante da colui che li ha creati.

.

Vir et mulier in Christo Nationis originis non agnoscere se a, quod socialis munus vel peius peccatum tuum. Isti filii imprimis per omnia Patri et sollicitudine pietatis ut obiectum, ut impleatur retreive salutem qui procul in malo peccati initium. Videlicet ea Capitonis, sicut pastor hie in cura animarum et in theologo Francisce Mangiacapra adulescentes qui sapit altius intellegere non possum identitatis tantum in amore illo sentit Deum pro eo. Francisci professus non in veritate, et in eius sexuali: Quod creatura est ex Deo, qui opus Dei, ut beati sint, qui bonum exprimere et tradidit Dominus ad creare opus in Christo Iesu. Hoc est verum pro eo, sicut pro me,, pro nobis et quibuscumque potestis.

.

Taxat modica, non sumus secuti a homosexualitatis suapte, James Patre periculum Martin style S.J. Hoc pius emphasis in relatione prima pretii humani homo creatus est a Deo iniectum maxime ad gradum proximum progredi intelligentes. Si est semper in actu valde bona, peccatum - si peccatum - hoc non habet ultimum verbum, et humanam posse deduci. In Adam omnes enim peccaverunt, et egent gloria Dei est in Christo, sed omnes sunt iustificati gratis per redemptionem quae est in Christo Iesu. [Cf.. rm 3,23-24]. Et hoc significat quod non ex nobis, in terris quis glorietur - coram Deo et hominibus - a genus condictionis aut coegi licentia tulisti de sanctitate opus exhibent scriptor: peccatum malum est in conspectu Dei, utrum justificatio veritas non est salus.

.

photo: Franciscus Mangiacapra

Ad justificábitur, Christus vos accipere et caulas, et in omnibus oculorum lumine of his humanity, et obscurissima dubiisque. publicanus, meretricios adulterae, iI pharisæi, procedendum filio prodigo,, furem, et interfectrix, Is nuntius qui vivit et male habetur libidinis possunt nisi per fecit rectum opus Christi. Haec est mutatio radicitus nella vita personale di ciascuno di noi e si costituisce come alternativa sensibilmente più efficace della semplice conversione a cui siamo abituati. Quod ut Graecum verbum est μετανοέω [metanoeo], non tantum exprimunt subtracta maliciam et peccatum autem non habent necessariam includit fiat ut esses insertus es in Christum induit eum.

.

Si depone peccatum meum, sed nec eligere optio fundamentalis est Christus, Nudus essem, et requiem non valet conversionem. Et de hoc doctrinam resumens Pauli, Apparet dum dicit Rom «Si ore praedicant: «Iesus est Dominus,!", et in corde tuo credideris quod Deus illum excitavit ex mortuis, salvus eris ' [Cf.. rm 10,9]. Ad salvus erit, justificatum, ut in pecuniis repetundis necesse est convertant, temeritate redemptionis Christi completum saltem ut possideatis cruce moriente, et data est nobis, et libera quoad gratuitatem Spiritus sancti, cum caliamo, in nostri Redemptoris vitam is hominem.

.

photo: Franciscus Mangiacapra

His appropriatio, de gloria Christi salvificam occurs, Sicut enim fuit tanta viri qui habitabant in peccatum, causa est vita, ingenium viget et renovatur si novi. Et hoc necessarium est underscore, sic intelligunt, ut salva dignitate humana creatura quae ad valorem et per peccatum amissa est,, caryophyllis et testamentum affirmatio, Dei gratia illuminata,, et exue te vestibus peccatum quod circumdatio novum hominem, qui est Christus.

.

In his amissis per ambages, Et interrogavit quaestione: Unde Joannes Mangiacapra, homo a Deo diligatur et Dominus dedit dona multa bona facere, et implerem suo, Et vidit principatum suum quod vitae regessit Dudlius quod, ipse voluerit dicere, autem marchettaro? Prae se iuvenum, in gratiam juventutis, acutus, ut in ipso licet gradus ad legem usque ad confessionem and Bar, multifaceted asilo Romanum Naples talentum et donum fidei suscepte in baptismate, et per habitabat frequentatio scholarum catholicarum. pater Arihel, qui autem in directum contactum est cum eo, Francisco quod locutus est vir ingenii puer, intelligentia,, et bonitatem sensum interiorem. Nedum apud eum cum ed Georgius Facio Lince, sed in proposito Neapolim quamprimum invisere, Orationes coepi suadere potissimum studemus in conventu plenario. Sic etiam plus unum mirabilia: Quid iuvenis spes tanta sequi ut uia? Et certe haec est non parva quaestio, praesertim cum non penitus inepta quaestionem provocat usus, Hominis libertas secreto.

.

photo: Franciscus Mangiacapra

Non puto quia explicatio rationum fundamentalum Facile pecuniae cupiditas una electio resident opportunitates. Pecunia est imago multos iuvenes hodie, quod est verum,, sed quia illi sunt magis ad rem labile, Meruit tam facile possint facilius amiserunt. Argentum et cito, illi qui inde in quadam vexillum amo quod lifestyle regessit Dudlius ibi multum debet tenere vestis; et in foro, ut responderi valeat exigentiis horum quis est amaram et non expendit.

.

Ad secundum dicendum quod fornicatio forum manages reditus addecimabit ut florere patrem suum doctorum illud quoque non est infitiandum non metus multorum related, saltem non est ex parte competentium auctoritatum taxationem tributum. In Italia, sicut scitis, Fornicatio, et ut tales officium non agnita est sub tributo et tax lex est a tributo, Et hoc modo, quod omne nigrum in earn tibi. In eo quod est esse tributum totalis evaders.

.

Sim licet alia ratione, Professio regessit Dudlius Terminum posuit in manifesto est anagrafico. Il mercato del sesso richiede corpi seducenti e giovani per poter essere competitivo e appetibile alla clientela e quando si raggiunge la fatidica soglia dei quarant’anni si è ben consapevoli che la carriera sta per volgere al termine. Puto enim, sicut opinantur propensionem homosexualem, quae non constituunt quandam stimulatione, ut facerent abominationes artis sat est regessit Dudlius: spectaculum tot inlustribus Italiae, musicorum, et litterae, culturae modum Personae homosexuales, Pulchre autem et se confirmaverunt aperte demonstratur ingenia sine omni sua propensione sexuali atque flectendis promunturiis quaestus faciendi vicissim comitatus.

.

photo: Franciscus Mangiacapra

Hi sunt sicut propria considerations Nec ego ipse Franciscum Personam gerunt aut omnino iudicium dirigit contra eum. Qui liber est ut expendas, qui libertatem dedit Deus eo quod sibi rectum videtur, Qui etiam electiones faciendi quod extra illam vitae plenitudinem, qua offer Evangelium secundum doctrinam Ecclesiae intellectis. Nemo potest sequi coactus est Evangelium et Ecclesia, si autem non vis, Autem, ibi est magis quod facit differentiam et hoc est ingens copia est margarita pretiosa, quae vitae humanae.

.

Tu probabiliter poterat ex alia appreciation quod sit, et talenta, considerasset ñeque id est pulchrum et bonum praesens. Vendere corpus tuum, non propter hoc sale ingenii sui, sed ideo etiam usus tueri conantur ingenium corporis esse quod est immediata materia fragilia mundi communicare possimus penitus.

.

Franciscus quaedam est ingenii per scripturam, cur non exercere et germinare eam exprimere quod intus esset, et manifestum est maxime momenti in fide? Et intelligentia et altum educationem culturae potest, una et eadem prudentia, et generate ideas potest auxilium proximo tuo. Et ideas, Titus carissimi, Sciunt autem potior blanda et nuditatem, vacare licet exagitantur, Speculum de unica et irrepetibilis personae sunt per demonstrationem, quae tangi non est Deus, qui nos creavit, et bonum per originale dedit nobis necesse est ut consequi beatitudinem.

.

Evangelium,, duos annos mille, Docet, quod quantum homo a Deo non tamen a propria electionis vel propter malitiae in peccatum, Vos can vado tergum ut semper alia choice. Nemo perditus est, aut non eligere bonum,. Et hoc, carus amicus, et aliis prodesse qui bonum nostrum, dum bonos se produci,, citius vel post studiorum ac semet manet sterilis lassus.

.

Constantine Icon: Christus Dominus loquitur ad ascenderunt Zachaeus sycomorum ut videret eum: "Zacchaee, hodie in domo tua oportet me manere " [Lc 19, 5]

Habitabit enim iuvenis cum homo habitabat in sexualis-Direct, si animos ad Christum invenietis illos in justificatione leap fortibus quorum gratia in opus ad recuperandam tuo verum est, familiaritas necessitudoque est ex Deo, qui miro laetabatur gaudio;. Quis est deus, beatitudinem inveniat, qui sua beatitudo, Possidet volo id quod donum pacis. Sed omne positum in unicum et solum liberum arbitrium et libertas, in quo etiam Dei non sindacherebbe, Itaque humana libertas honorat.

.

EGO youd 'amo video vidi autem in television Titus carissimi, non receperit hospitandi de aliqua progressio gossip Quae videtis et non usibus, regessit Dudlius nisi quod pelagus character utile aliqualiter utilemque paratus disputandum; Plene usque vos, quia intellectum suum, ingenii cultura et magno.

.

tu causidicum, tu habes fiduciam magnam facultatem sis vir Adversus hanc declarationem defensor et pro multis, potes determinandam societatis pugnantibus, Napoli Italia ingenio iuvenis dabat, qui pugnabit pro populo qui potuit superare, quam mediocritati, quae potius a mundo emere et rapuit animis corpora animarum quam nobiles faciens nobilitata.

.

Denique, quod Patres de Know In insula, quæ appellatur Patmos, propinquus es E, Deinde in occursum tibi cum Neapolim cum Patre Ariel, Et tollet vos primus omnium in memoriam orationis et salvete omnes ex nobis, che ti saremo sempre vicini come sacerdoti e come pastori in cura d’anime.

.

Laconi, 19 November 2019

 

.

Visita nos buying a libro tabernam et tolerandum laborem in libris de insula quae appellatur Patmos Editions: qUI

 

.

 

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





Avatar

About isoladipatmos

28 cogitationes on "Ab Antonio celebre regessit Dudlius Mangiacapra ad Christum vocat et in via via inter Zachaee * Concedat turba ascendit in arborem sycomorum ut ascenderamus: "Hodie domo tua oportet me manere"

  1. Raramente mi è capitato di leggere o ascoltare parole simili. Questo breve articolo, che testimonia i limiti della condizione umana e l’immensa libertà della Fede, è un vero modello di invito alla fede cristiana. Il tutto esposto con carità sincera, che non ha timore di chiamare le cose col loro nome e accompagnarle a considerazioni profondamente razionali. Non so se certi cantori “Ecclesia output” (magari pluridottorati) saprebbero trasmettere un decimo del senso di questo invito di Padre Ivano. Perchè è fatto servendo la Verità, non distorcendola o peggio infischiandosene del prossimo (a meno che non rientri nelle categorie di povero, ADVENUS, indigenoe comunque in termini materiali).

    Acuto il cenno alla dimensione psicologica morbosa di certi format televisionem. Dateci 10, 100, 1000 Pater Ivanum! magis: clonatelo!

    A Francesco non posso augurare altro che compiere il passo decisivo. Non puoi nemmeno immaginare la gioia che ti attende. Avendo personalmente conosciuto alcuni Padri dell’Isola, sono felice che si sia sviluppato un dialogo e noto per l’ennesima volta che le coincidenze non esistono.
    Padre Ariel nella diretta ha fatto una figura veramente splendida, unendo autorevolezza e ironia

  2. Non mi stupisce che padre Ivano abbia scritto un articolo (bellissimo, rem!) su un personaggio così particolare appartenente a un mondo più ancora particolare.
    Non mi stupisce che padre Ariel passando per Napoli approfitti per incontrarlo (premesso che poi deve fare una visita anche a me,chiariamo).
    Non mi stupisce che l’altrettanto massiccio giovane domenicano padre Gabriele, si unisca nei saluti a Francesco Mangiacapra e alle preghiere per lui.
    No, non mi stupisce il tutto, anzi mi onora, e dovrebbe onorare tutto ciò che di buono sopravvive nel nostro clero.
    A un personaggio come il mio conterraneo Francesco, possono avvicinarsi solamente preti-uomini al di sopra di ogni sospetto. E i benemeriti Padri dell’Isola di Patmos sono al di sopra di ogni possibile sospetto, basta solo guardarli in faccia.
    Et haec, quell’anima partenopea sveglia di Francesco, lo ha capito subito, incontrando padre Ariel, e immagino pure che si siano voluti anche bene.
    Prevedo la nascita di buone cose future.
    Grazie padre Ivano per questo articolo da grande uomo di fede e da grande uomo libero.

    1. Concordo con Don Ciro.
      I sacerdoti che dinanzi a soggetti che potremmo definirea alto rischiofuggono a gambe levate, hanno bisogno di ripararsi dietro a varie foglie di fico. La foglia che va per la maggiore è laopportunitàper non dire la “Caute”.
      forte, N.S. Iesu Christi, aveva frequentazioni inopportune e imprudenti?
      Altra è la triste realtà: con un’anima più o meno smarrita ma amata comunque da Dio, come il giovane Francesco, si possono avvicinare e confrontare solo preti che non hanno paure, ma soprattutto scheletri nascosti negli armadi, quia, in hoc casu,, il giovane Francesco, rischia di fungere da loro cattiva coscienza.
      Questa temo sia la verità, Infeliciter!

      1. Carissimo confratello,

        completo il tuo commento operando alcune puntualizzazioni. Anzitutto non definirei Francesco Mangiacapra un soggetto ad “alto rischio” o peggio ancora un “rivelatore di sacerdotali scheletri da armadio”, questo è il gioco che ruota attorno al suo eccentrico personaggio e che la maggioranza di coloro che lo avvicinano o lo rifuggono intende fare.

        A parer mio è un gioco che bisogna far saltare quanto prima, è necessario avere il coraggio di scavare sotto la crosta. Per me egli è solo un uomo, anzi ti dirò di più, è un maschio che ha un disperato bisogno di trovare l’Amore di Dio e che può essere avvicinato solo da coloro che non si reputano perfetti ma da chi, similis illi, ha fatto l’amara esperienza di quanto l’amore possa essere fallace, controverso, ingannevole e a volte subdolo se non viene informato dalla presenza di Dio.

        Nella pastorale sanitaria si fa largo uso dell’immagine del “Guaritore Ferito” che rappresenta il modello utile a spiegare la necessità di una cura integrale proprio a partire da coloro che possiedono le stesse ferite dei fratelli che intendono risanare.

        Cristo è il vero guaritore ferito che assumendo nell’incarnazione la nostra natura, si compromette con i limiti e le debolezze degli uomini tanto profondamente da risanare ciò che appariva perduto. Solo colui che si rende guaritore ferito per l’altro può manifestare quell’empatia evangelica che recupera l’individuo senza dimenticare la pericolosità e malizia del peccato. Ti auguro ogni bene nel Signore.

  3. Scusi Padre,

    expurgantes vetus fermentum: “Quis est deus, beatitudinem inveniat, qui sua beatitudo, Possidet volo id quod donum pacis. Sed omne positum in unicum et solum liberum arbitrium et libertas, in quo etiam Dei non sindacherebbe, Itaque humana libertas honorat.

    Ma lei prende i mezzi pubblici, la macchina, è andato mai a un’assemblea di condominio, gli sono mai entrati i ladri dentro casa? Quod si ita, è fortunato. L’uomo è semplicemente pazzo, si vernicia la faccia come si vernicia l’anima per sembrare quello che non è ma il suo quid essenziale è la cupidigia, la sua essenza.

    Io questa felicitò che lei riscontra non l’ho mai incontrata, o meglio l’ho incontrata quando la ragazza che amavo mi ha detto si, l’ho incontrata vedendo il volo di un gabbiano dietro la barca, ma poi è svanita perchè, iustus, la felicità umana è impermanente, un dono fugace e per questo in tutte le persone che ho incrociato, mihi credite,, non ho trovato traccia di Dio, perchè non ho mai visto persone “beatum” riempite della perfetta letizia francescana.
    magis.
    dedit, lo dico con mestizia,resta una dolorosa illusione.
    AB

    1. Io sono tranquillo e sereno
      come bimbo svezzato in braccio a sua madre,
      come un bimbo svezzato è l’anima mia. (autem 130.2)

      Se Dio, unusquisque, “resta una dolorosa illusione”, non posso che provare mestizia nei tuoi confronti.

      1. Gent Sig Orenzo
        Anch’io sono sereno e tranquillo ma quando vedo un animale vivisezionato per cosmesi, una foresta bruciare per hamburger, bambine di cinque anni consegnate ai bordelli, aborti a nove mesi legali (ma anche dopo un giorno) etc. etc. etc. per un mio limite sicuramente dettato dal mio grado di inferiorità creaturale mi intristisco e non mi basterebero le presunte coccole trascendetali a risollevarmi.

        Il suo ragionamento sembra essere una volta che sto bene io stanno bene tutti, per cui non si dia pena al mio lato spirituale ho provveduto da un pezzo ma, ipoteticamente salvando me, non salvo le creature.
        Comprende?

        1. Un conto è la serenità anche nelle difficoltà e nei dolori della nostra vita, un conto è l’empatia, la compartecipazione e la condivisione del dolore altrui.
          Attribuire però a Dio la colpa del male perché ha donato all’uomo il libero arbitrio, mi sembra un po’ etiam.

          1. Gent . Sig Orenzo
            Questa sua risposta dimostra quanto mi sia spiegato male e per spiegarmi meglio le porgo un brano dell’epistola ai Romani di San Paolo fulcro della mia riflessione. Le chiose sono del commentatore. ”La creazione è stata sottoposta all’imperfezione [: alla vanità oppure allo stato caotico, al divenire] non per suo volere [: per sua intima natura e aspirazione; oppure non come Satana] ma per volontà di chi l’ha assoggettata [dedit? Lucifer? L’Adamo peccando?], con la speranza che la creazione stessa sarà liberata dalla schiavitù della corruzione nella libertà e gloria [detto alla semitica, id est,: nella libertà della gloria, nella condizione di pura forma formante] dei figli di Dio […] Noi sappiamo infatti che finora tutta la creazione sospira insieme [tutta insieme? Oppure insieme: insieme a noi?] e soffre delle doglie del parto [:si avvia verso un incendio totale che la trasformerà in oro liquido o pietra filosofale; o sta per partorire un uomo – seme cosmico, un cosmo come forma mformatrice e non più formata, puro archetipo].
            Così ho detto tutto

          2. Gent. ut. Antonius Bonifacio,
            questa la corretta lettura del brano:
            essa infatti (la creazione nella sua totalità, dalla materia inanimata fino all’uomo)
            è stata sottomessa alla caducità (alla fragilità, al degrado, alla morte)
            non per suo volere, ma per volere di colui che l’ha sottomessa (il peccato voluto dall’uomo, culmine della creazione, ha sottomesso alla caducità anche tutta la creazione)
            e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, (del deterioramento, della dissoluzione, del perire)
            per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. (la libertà di vita, di bellezza, di perfezione e lo splendore della gloria della vita umana trasfigurata la quale, essendo l’essere umano il culmine della creazione, trasfigura tutto ciò che è stato creato)
            Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto; (è l’anelito della creazione che attende l’arrivo di quello stato di perfezione cui era destinata prima del peccato dell’uomo)”

            malum, igitur, non è entrato nel mondo per volontà di Dio ma per volere dell’uomo, e Dio, dopo aver annientato il male, annienterà anche la

          3. malum, igitur, non è entrato nel mondo per volontà di Dio ma per volere dell’uomo, e Dio, dopo aver annientato il male, annienterà anche la morte.

    2. Carissimo amico,

      sebbene frate da vent’anni e sacerdote da dieci non mi reputo un marziano o una persona fuori dal mondo. La vita comunitaria che ho scelto di condividere con altri fratelli e che costituisce la mia vocazione non è priva di fatiche e di situazioni molto più complicate di quelle che possono vivere le persone che hanno scelto una vita matrimoniale forse più lineare della mia.

      videt,, io non la conosco, ma da quello che lei dice, si intravede una delusione e un pessimismo profondo che conduce verso una pericolosa insidia, quella che ci fa disperare di Dio E disperare nella salvezza.

      La felicità vera e duratura per i cristiani corrisponde solamente alla persona di Cristo che ha detto di sé: “Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10).

      La pienezza della vita, che ci dona gioia, non esiste in nessun’altra realtà, philosophy, religione o ideale terreno, solo Cristo riempie il cuore dell’uomo in quanto ne è il suo creatore e signore.

      Tutte le altre felicità umane che lei enumera sono felicità parziali, transitorie che acquistano senso solo se vissute in un’ottica di fede e unite alla persona del Signore.

      Se noi disgiungiamo il Creatore dalla creatura, saremo sempre condannati alla delusione, in quanto cerchiamo nella creatura ciò che solo Dio può donarci.

      eg, quando il proprio coniuge non diviene immagine dell’amore di Dio per me, attraverso la dimensione della pazienza, della sollecitudine, dimittetur illi, della perseveranza amorosa alle promesse e all’unione feconda di due vite, presto o tardi l’altro diventerà per me un peso, si cadrà nella noia e si cercherà qualche altra cosa per uscire da un rapporto che è diventato sterile e invivibile. Spesso la noia è alla base di molti tradimenti, in altre relazioni invece manca il riconoscimento della persona amata e della sua dignità o della persona di Dio che costituisce due persone in un solo corpo.

      La stessa natura se non è contemplata con occhi pieni di fede, diventa un bene che sottostà al mio egoismo che sfrutto e deturpo in base alle voglie del momento e il bel gabbiano che sorvola un romantico porticciolo, domani può essere agonizzante a causa della plastica che io ho buttato o della nafta fuoriuscita dai motori di un natante.

      Invece di cercare la felicità nell’uomo per trovare Dio, cerchi quella realtà che rende felice l’uomo, cerchi Dio senza paura e preconcetti.
      Il fatto che lei sia ancora in ricerca non l’autorizza a concludere che una realtà non esiste solo perché lei non la vede. Proviamo a cambiare lo sguardo sul mondo … chissà.

      1. Grazie per la gentile risposta ma vede non vorrei buttarla sul personale. Io guardo il mondo standomene fuori il più possibile , una condizione particolarmente felice e mi sono permesso o concesso una riflessione su ciò che vedo intorno a me e a cui, tandem, se mi consente non mi ha risposto.

        iterum. Non vedo questafelicitàdiffusa fra i cristiani , nè in quelli della domenica, nè in quelli del sabato. Tra atei agnostici eferventicristiani il comportamento è identico una volta che un evento svernici la facciata posticcia.

        Riguarda le altre religioni, miror: lei le conosce? Vede per quello che ho studiato e molto brevemente le dirò chealtrovesi procede per stazioni e non per stadi, superato il guado il fiume è alle spalle non c’è necessità di questo pendolarismo peccato/perdono, peccato/perdono, quando si avvelenano ipozzi del peccatoesso non ha più modo di ripresentarsi per cuiMi risulta che molti abbiano affermato che prima che arrivasseroi cristiani noi eravamo felicie qui mi fermo.

        Riguardo al mio mancato ottimismo caro padre, sono anziano e molto malridotto, io vedo il mondo per com’è e come peggio sarà a breve il mio è

        1. il comportamento è identico una volta che un evento svernici la facciata posticcia

          Ci sono un sacco di cattolici di facciata, effettivamente. Comprendo che questi diano controtestimonianza. Tuttavia ce ne sono anche altri. videt,, pro exemplo,: viviamo un tempo in cui Satana si sta impadronendo di tutto, anche della Chiesa visibile. haec, per un cattolico, è peggio della somma di tutte le tragedie, anche di quelle che ha descritto. Eppure io vedo intorno a me cattolici che hanno compreso i tempi, stanno combattendo come possono (sapendo di non avere mezzi, né speranze umane), eppure si fidano di Cristo e sono comunque lieti (*). Se prima giocavano a palla e si raccontavano barzellette, ora oltre a combattere continuano a giocare a palla e raccontarsi barzellette, e questo non contraddice minimamente la consapevolezza della tragicità dei tempi. Ogni tanto vedo stanchezza, che è fisiologica e si recupera, ma nessuna amarezza.

          (*) scripsi “lieti” non e “beatum”, perché la felicità continuata non è cosa di questa vita.

  4. I preti sono Este umani, id est,: pur rispondendo a una chiamata o alla vocazione sacerdotale, possono incorrere in debolezze. Dietro c’è l’arma del diavolo pronto a tentare e sedurre le vittime. tum, il marchettaro dei preti, laureato in giurisprudenza, pseudo scrittore etc. etc. piace anche a lui andare con gli uomini, perché si eccita nel farlo. Scegli i preti, per farsi pubblicità, ma alla fine è un essere meschino, senza dignità !

    1. Carissimo Antonio Moretti,

      come autore dell’articolo tengo a precisare alcune cose. Anzitutto il tenore dell’articolo non affronta in prima battuta la dolorosa situazione della gestione della genitalità da parte del clero, ho detto genitalità e non sessualità in quanto sono due concetti differenti.

      Ovviamente questi sacerdoti hanno commesso degli errori e nessuno vuole sostenere il contrario.

      L’articolo considera la figura di un giovane con tendenze omosessuali che ha scelto di intraprendere il lavoro di escort. L’articolo risponde a una ben precisa domanda: cosa resta della dignità di figlio di Dio a questo giovane che ha scelto, facendo uso della sua libertà, di allontanarsi da Dio con scelte oggettivamente concrete?

      La risposta che spero si evinca dallo scritto consiste nel sottolineare il bene che Francesco Mangiacapra possiede, non già in base al suo orientamento sessuale e nemmeno all’esercizio della suaprofessione”, ma in base a una figliolanza divina che anche io e lei possediamo.

      Se non partiamo da questa base non è possibile proporre un discorso di conversione dal male e di recupero della persona.

      La giustificazione di cui parla San Paolo nella lettera ai Romani si basa proprio sul fatto che «Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui» [Cf.. Gv 3,17]. Quel mondo che deve essere purgato con forza dal peccato ma che non può permettersi di perdere uno solo di questi figli amati da Dio.

      La dignità del battezzato, grazie al cielo, si mantiene malgrado il cumulo di rifiuti e di spazzatura che con l’esercizio della nostra libertà accumuliamo.

      Altra cosa importante, non ho inteso santificare Francesco ne confermarlo in quello che fa, absit, sed, come qualunque sacerdote della Chiesa Cattolica che conosce la morale e la pastorale, il mio discorso è volto al recupero della persona e al tentativo umano supportato dalla grazia di lasciare agire lo Spirito Santo dentro un anima evidentemente in difficoltà.

      Facciamo attenzione a dire che uno è «un essere meschino senza dignità» perché tra coloro che hanno esercitato la prostituzione, basta prendere tanti esempi dalle comunità di Don Oreste Benzi, si sono scoperti animi generosi che io ho visto ben di rado all’interno delle sacrestie.

      Non dobbiamo essere troppo ansiosi di elargire morte spirituale e giudizi, perché se Dio ha vietato la vendetta contro Caino un motivo c’è. Noi possiamo forse conoscere più profondamente il cuore dei nostri fratelli?

      Cordialità.

    2. S. Margaritae Cortonensis, patrona e protettrice delle prostitute pentite
      Servo di Dio Oreste Benzi, prossimo alla beatificazione, una vita interamente passata in mezzo a prostitute, senza dimenticare i transessuali
      L’una e l’altro, rigettando il peccato in se, al tempo stesso avrebbero sempre accolto il peccatore, semper! E l’una e l’altro hanno accolto personaggi e figure dinanzi alle quali Francesco Mangiacapra è un autentico angioletto.
      Ho conosciuto Padre Oreste perché ho lavorato con lui per anni come medico volontario, fino a che non mi sono gravemente ammalato, e oggi mi preparo al grande incontro con Dio, forse più “primum” quod “tum”. Parlo, Credo, con cognizione di causa, e perciò ribadisco: Franciscus Mangiacapra, a confronto delle persone che Padre Oreste era abituato a trattare e accogliere è un angioletto.

      Complimenti a Padre Ivano, prova vivente che per quanto invasi da pastorale manageriale e pastorale surreale, non tutto è ancora perduto, non tutti i preti, sono ancora perduti

      Un saluto da Rimini da un anziano medico

  5. Grazie padre Ivano per la delicatezza e l’esaustività con le quali ha affrontato il tema della distinzione tra “peccatum” E “peccatore”.
    Al giorno d’oggi c’è abbastanza confusione su questo, io ho dovuto documentarmi e leggere molto da sola perché l’istruzione che avevo ricevuta non teneva assolutamente in conto tale distinzione.
    Ad un certo punto però ho iniziato a sentire che questo non poteva essere, perché se le due cose sono inscindibilmente unite, se amo il peccatore amo anche il peccato e viceversa.
    Mi ha molto aiutata lo spirito con cui ha scritto l’articolo.

  6. sibi. orenzo
    ego sum, ut dicunt,, un quisque de populo e pertanto prima di ogni considerazione teologica, che non saprei fare, mi servo dell’osservazione empirica. Ciò mi conduce a notare che il meccanismo della creazione impone necessariamente comunque una spendita enorme di dolore per funzionare, identicamente ripartito tra le creature e quindi tra chi mangia (o non mangia) e chi è mangiato (banalizzo). eius, anche gli animali soffrono come ci ha spiegato, inter alios, Konrad Lorenz e soffrono sia fisicamente che psicologicamente. Al meccanismo inevitabilmente doloristico, seppur mirabile, si aggiunge la malvagità immensa dell’uomo sterminatore che agisce per connaturata cupidigia. E prima che l’uomo fosse? Era uguale. Il carnivoro mangiava l’erbivoro sennò moriva di fame. In merito alle chiose al brano paolino, non sono mie ma le condivido e l’autore delle medesime non è un quisque de populo tutt’altro quindi il commento proposto non è corretto perchè lo dice lei, è corretto nella sua insindacabile opinione (in ogni caso non avevo alcuna intenzione di ragionare di teodicea ma soloscattareuna foto al mondo) .
    AB

    1. La foto del mondo l’hanno scattata taluni nostri progenitori che, ragionando sul problema del male, hanno prodotto il racconto mitico del peccato originale;
      haec, in breve e molto succintamente, quale potrebbe essere stato il loro ragionamento:
      il male e la morte non esistono di per sé stessi ma solo in quanto sonodegradazionedel bene e della vita (in un modo in cui tutti hanno una gamba sola, avere una gamba sola non è male; può morire solo ciò che prima era vivo);
      ogni cosa, se non interviene un qualcos’altro a modificarne lo stato, permarrebbe nello stato in cui è, E, igitur, il bene rimarrebbe sempre bene e la vita rimarrebbe sempre vita;
      a quellainterferenzaa motivo della quale il bene puòdegradarein male e la vita in morte, quei nostri progenitori hanno dato il nome del “peccatum originale,”.
      *Poi venne al mondo Gesù Cristo che, affermando di essere Dio (prendere o lasciare) istruì i suoi discepoli sul fatto che era venuto per cancellare il “peccatum originale,” E, per ultima, mortuus est.

  7. Sig Orenzo

    Io comprendo che quando s’intavola un discorso ognuno ha i propri argomenti da mostrare e finora, fin troppo benevolmente, questo sito mi ha dato possibiltà di esprimermi. Detto ciò le aggiungo che non voglio convincerla di alcunché perchè io stesso ho poche convinzioni anzi praticamente nessuna, però vorrei permettermi di sottolineare che se per male intendiamocomportamento volontario frutto di una libera scelta non consentita ad altri esseri sensibili oltre l’uomosiamo d’accordo, se invece per male intendiamo il dolore intriseco che consente di mantenere l’omeostasi naturale, ebbene questo ‘malecon tutta evidenza, c’era prima dell’uomo il quale, intelligo, non era destinato “rectus” all’immortalità in quanto oltre all’interdizione alla fruizione dell’albero del bene e del male, aveva ricevuto il medesimo divieto per l’albero della vita. qui dixerunt, sempre ragionando terra terra, così com’è alla mia portata, osservo che il serpente c’era già nel perfetto giardino edenico, era una creatura intrinsecamente malvagia che stava lì senza che se ne comprenda la ragione.

    Resta da capire e individuare quale fosse d’aspetto questo uomo primordiale una volta uscito dall’Eden.
    AB.

    Ps quando guardavo negli occhi il mio cane vedevo in lui una fiducia incondizionata nei miei confronti e capivo che tra noi due il bastardo potevo essere solo io.

    1. Tu scrivi “.. se invece per male intendiamo il dolore intriseco che consente di mantenere l’omeostasi naturale..”.
      autem, indipendentemente dal fatto che tu creda che le regole che permettono all’universo di essere ciò che è si siano stabilite da sole o che siano state stabilite da Qualcuno, non potendo tu conoscere il fine per cui tale regole esistono, come potresti opinare se sono buone o cattive, se producono il male o il bene se tu non avessi la “scientiae boni et mali”?
      Riguardo ancora al racconto mitico della Genesi, nessun divieto sussisteva riguardo alalbero della vita”, ma era stato solo detto che mangiare del’albero della conoscenza del bene e del maleavrebbe prodotto la morte.
      et serpens, sed, rimanda a forze spirituali create anteriormente all’uomo e che si erano opposte a Colui che li avevano creati.
      L’aspetto dell’uomo primordiale è affare di scienza.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.