Ecce Agnus Dei. Reconnaître Jésus Baptiste ouvre les portes du mystère de Dieu et du mystère de nous-mêmes

«ECCE AGNUS DEI». RICONOSCENDO GESÙ IL BATTISTA APRE LE PORTE SUL MISTERO DI DIO E IL MISTERO DI NOI STESSI

Riconoscendo Gesù con questa affermazione, Giovanni il Battista spalanca il mistero di Dio e il mistero di noi stessi e ci guida a scoprire Dio per scoprire gradualmente il mistero dell’uomo racchiuso in noi stessi.

— La vidéo en direct de L'île de Patmos —

Auteur:
Jorge Facio Lynx
Président des Editions L'île de Patmos

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

le théologien dominicain Gabriele Giordano M. Scardocci, père éditeur de L'île de Patmos

Un passo fondamentale del Vangelo del Beato Evangelista Giovanni narra:

«Il giorno dopo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: “Ecco l’agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! Ecco colui del quale io dissi: Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perché egli fosse fatto conoscere a Israele”. Giovanni rese testimonianza dicendo: “Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L’uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo. E io ho visto e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio”» [Gv 1, 29-34].

Riconoscendo Gesù con questa affermazione il Battista spalanca il mistero di Dio e il mistero di noi stessi, guidandoci a scoprire Dio per scoprire gradualmente il mistero dell’uomo racchiuso in noi stessi.

Padre Gabriele e Suor Angelika vi attendono per una catechesi interamente dedicata all’Agnello di Dio in onda nella prima habitent du 2023 la 12 janvier 2023 alle ore ore 21.00.

.

Poursuivre:

En direct sur les amis de club théologique: Cliquez sur QUI

Réalisé par le canal du Jourdain: Cliquez sur QUI

.

.

.

______________________

Chers lecteurs,
ce magazine nécessite des frais de gestion auxquels nous avons toujours été confrontés uniquement avec vos offres gratuites. Ceux qui souhaitent soutenir notre travail apostolique peuvent nous envoyer leur contribution par le moyen pratique et sûr Pay Pal en cliquant ci-dessous:

Ou si vous préférez, vous pouvez utiliser notre
compte bancaire au nom de:
Éditions L'île de Patmos

n Agence. 59 De Rome
IBAN:
IT74R0503403259000000301118
Pour les virements bancaires internationaux:
Code SWIFT:
BAPPIT21D21

Si vous effectuez un virement bancaire, envoyez un mail à la rédaction, la banque ne fournit pas votre e-mail et nous ne pourrons pas vous envoyer de message de remerciement:
isoladipatmos@gmail.com

Nous vous remercions du soutien que vous souhaitez offrir à notre service apostolique.

Les Pères Patmos Island

.

.

.

6 réponses
  1. Stefano Delle Chiaie
    Stefano Delle Chiaie dit :

    L’equivoco potrebbe nascere dal sovrapporre i significati delle espressioni “sapere” e “conoscere”, che la Sacra Scrittura mantiene invece distinti. Certamente Gesù e Giovanni si conoscevano nel senso che sapevano l’uno dell’altro dai discorsi di famiglia, o per aver giocato insieme da bambini; ma anche no, dal momento che vivevano in due villaggi diversi e per il fatto che Giovanni si ritirò abbastanza presto nel deserto. Né possiamo dire con certezza se a distanza di anni sapessero ancora riconoscersi. In questo senso potremmo dare all’espressione “non lo conoscevo” un’interpretazione di tipo letterale. Toutefois, À mon avis, la cifra interpretativa di questo brano sta in quel “Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me”. En fait, cronologicamente Gesù nasce dopo il Battista, ma nella scala degli ultimi tempi lo precede, perché sin dal grembo materno lo invia ad annunciarne l’Avvento e a spianargli la strada. Ed è solo nel vederselo venire incontropotremmo dire da un tempo passato, ma anche da un tempo futuro, insomma da un tempo eternoche egli Lo riconosce senza ombra di dubbio come l’Agnello di Dio. C'est-à-dire, è proprio in quel punto dove il tempo incontra l’Eterno che egli Lo conosce davvero, face à face, ed è proprio di questa specifica conoscenza che Giovanni ci rende testimonianza.

    • orenzo
      orenzo dit :

      Jésus et Jean, presque certainement, si conoscevano fin da bambini: Giuseppe infatti, uomo giusto, non avrebbe mai tralasciato il pellegrinaggio a Gerusalemme una o due volte all’anno e, presque certainement, avrebbe trovato ospitalità con tutta sua famiglia, presso la cugina di Maria che abitava ad Ain Karem, distante in linea d’aria poco più di 6 km dal tempio.

  2. Antonello
    Antonello dit :

    Non ho mai ben capito perché il Battista dice che non lo conosceva (riferito a Gesù) se era suo parente e se aveva sussultato nel grembo di Elisabetta alla visita di Maria.

    • orenzo
      orenzo dit :

      Jean connaissait Jésus en tant que parent, une personne humaine: quando però Gesù si presenta per essere battezzato, lo conosce, per divina ispirazione, come Figlio di Diopoi dubiterà quando sarà arrestato, ma le Parole di Gesù confermeranno la sua fede.

      • Antonello
        Antonello dit :

        Oui, siì, mi sembra chiaro che il senso possa essere quello. Je suis d'accord. Ciò nonostante ricordiamo che Elisabetta dissea che debbo che la Madre del mio Signore venga a me…”, quindi la madre del Battista sembra sapesse chie era Gesù. Perciò rimane un passaggio del vangelo almeno a me in parte un pooscuro.

        • orenzo
          orenzo dit :

          E’ ovvio che noi leggiamo le parole di Elisabetta come profetiche a motivo delle parole di Lucafu piena di Spirito Santo”, Mais, allora come ora, le terme “κύριος” (signore), può indicare sia Dio, sia può essere una forma di riverenza e rispetto con cui ci si rivolge ad una persona per esaltarla: anche se nel suo cuore Elisabetta sentiva che il Bambino che portava nel grembo la cugina Maria era speciale, non credo fosse cosciente che era Dio.

Les commentaires sont désactivés.