Si invasit homosexualitatem quae ferat Collegium Episcoporum,, ut epistolis familiarem sancti pro Populi Dei, Ille debet esse Romae adhæsit in ecclesia mater CONEXUS: “totalis defectum sellout!”

- Ecclesia nuntium -

SI CASTELLUM homosexualitate pertractari etiam SCRIPTULA EPISCOPORUM, PRO POPULO DEI AD SPIRITUM epistolis familiarem, et ipsa mater pia PONI DEBERENT adhæsit in ecclesia Romana continebant: "TOTAL MULTATIO pro conturbauit!».

.

In Epistola ad mentem Summi Pontificis sancti Francisci Dei Populi spectat bonum, de qua eluceat casibus, qui inter clericos ingenti gloria paedophilia, de quo quisque animo sit creare media Vastátor effectus,, ad victimam quasi atrociora quoque damnum, et inventi sunt realis casibus,, sed rara, quod pleraque eorum quae enumerantur in casibus paedophilia, in veritate non sunt nisi in casibus ephebophilia, id est a sacerdotibus, quod totum studium usu exercitatione pura, simplex, exercitium homosexualitatis admittendam bella fovet atque sexualitati agnita sicut genuina a dextris legis ipsum.

.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article
.

.

iuriumque et contumeliose poseunt sacratissima symbola in christiana iam ornatu debunking implementi VESTIBULUM. picta: Gay superbia, Romae, Et incipiens a platea extra cathedralis S. Joannem in Laterano ab sede episcopali, Episcopus Nos Romanus, et tandem pervenit in Republica Quadratum, Forum formerly Exedra, in antiquis est Sanctae Mariae Angelorum praestant ac Martyrum tuorum,, thermas Diocletiani antiquo positas interfectorum memoria martyrum saeculi persecutiones in odium fidei [vigilate movies qUI E qUI]

Potest enim aliquis animadvertit quod clerici habent opportunitates nunc fugit quaestio de potestate? Et parce mihi si reversus est ad me repetere statum, paucos post dies, Quod ego locutus fuerat in detail decem annos in multis locis editis semper, et solvit magno pretio [Cf.. qUI]. Praesertim precise sentire non est satisfactio haec in memoriam revocat, certus locus quo loquutus ostendebam aliquot fecerunt difficultates et analysis, Vellem mihi iniuriam tempore, Quod utique.

.

A ante decennium, Queritur gravis hodie coram ipso, etsi nondum exploded hodiernae cum scope, duo tantum sacerdotes quaestio tractata est in Europa: in Polonia et Italia. Et Dario, oKO terminata est sacerdos Poloniae, S Ariel Italiae. Levi Tadinensis. Poloniae magni momenti est pluribus tunc director of scientific opus Swie Kobyliński sacerdos qui fecit rem operam contulerunt ad quaedam totius quaestionis [Cf.. Nemo vidit fratrem suum scientific papers qUI].

.

Quod Pater et Ego Darius statui oKO terminata multi enim fuerunt opiniones negotiati, consentire in illud ipsi in propria: hanc quaestionem "gay VESTIBULUM influat in Ecclesia" [Cf.. colloquium eius 2013 qUI] quod autem intus est fecit "res homosexualem» [Cf.. colloquium meum 2013 qUI], Facti sunt quasi quidam non est hic quaestio, cum universae nubifrocio Et tetigit cum impetu vadens ad apicem ferat Collegium Episcoporum,.

.

Annis superflue posita est accentus: et sacerdotes atque malefice episcopos, ut propter promovendum ac tuendum gay, Periculosum esse flagello, sed cum gay episcopos et sacerdotes facti sunt, erimus adversus casus levare nobis proderit calamitatis quae duae ex desolatione, sed in usu diu et multo conatus: Sancti Spiritus sancti Populi Dei [Cf.. qUI].

.

Multis pubbicati scriptis eius In insula, quæ appellatur Patmos, quotiens testimonium, et loqueris Petrinum aeque administrandum reigning Pontifex explicavit, et est mihi saepe:

.

"Jorge Mario Bergoglio quod pauperes imprudentis subversio, quia prior omnium decennia damna fieri solum per primam victimam, aut quod scripsi in praeter recentis per allegoriam [Cf.. qUI]: Novissime veniunt solum ipsum sit amet vestibulum transeuntem adorti ministris et omnibus ratio postulabat solucionem sibi frustra fuisse prandii, sed relinquo denique rationes suspensus [Cf.. qUI]».

.

Haec mea conceptu, Quod si simul proferretur, mi amice capta ab Andrea Tornielli in ultimum press circa vasa propellente Concilium Vaticanum insider, inter ordines recte ducit, quia hoc non oriri Pontifice quaestionibus [Cf.. qUI, qUI, qUI]. tantum ergo, Omnes enim logica rationali animi tendentis ad all'umorale, Nos plene conveniunt. Notum autem articulorum carissimam, Saepe sub pellentesque postquam igne defendit ius exercere solum referre [Cf.. qUI], et dimisit cum aliquis dicitur per prius et si rimangiate [Cf.. qUI], Videtur quod non sit vir Jorge Mario Bergoglio puta utrum, in imperium, fecit errata, sive imperfecta onustum omnium hominum signat quibuscum limitatezze defectus originalis corruptio. De humani imperfectionibus, corporis atque etiam poenis gravatur limitatezze Pius Papa, ut ubicumque terrorum notorum sancti Gregorii Magni, qualis fortasse hoc in doctrinis, et regimen pastorale quod plus unum vel duos ut in Franciscus Pontifex, sed patet: unus aut duo tantum,, aliquid!

.

Est ergo verum, - nam et ego unus sum, et dixi multoties redit - Franciscus Pontifex quod non possum reddere princeps libellum doctrinae moralis discrimine magno discrimine generatae, quae postremo in clericos [Cf.. Articulus est mihi Theologica,, qUI], hoc discrimine quod qui decennium a sexagesimo incipit accipere figura, in veterum lxx et tremulum summa spargit dramatically ex ipsa elapsi iam saeculi. In illis annis regnavit in fuisse summus pontifex non sit consecratus sacerdos, quod ordinatio facta fine Argentina 1969, iam decimum explebitur 13 January.

.

Jorge Mario Bergoglio hominem Non est grave officia sua, Si igitur haec responsibility objective, non volentes te videre, tum maximum in grave periculum incidit ex nostris politici metiuntur, ut peractis circa expeditionem promissa est a scientia ficta movies ablata est scriptor, et maxime difficile in realis problems cum matura deliberatione Nostra catapulted in regione solution, Et incipiat a se defendere per actum priorem dicere qui imperia. Ergo si Jorge Mario Bergoglio sint ex una parte, Ego homo pauper electiones fiunt pluribus ex debita officia per praedecessores Summa, Romani Pontifices et Sancti includi, quod, pars, qui vero non habet esse vel beatitudinis, vel in Sanctorum numerum retulit, quorundam problematum solvitur facile mentiri contra nos eius multus, exempli gratia, in imprudentia spiritus, et loqueris brachium iacerent in lubrico topics, pauper electiones faciendi, et se ad ambiguis loquendi formulis quibus difficile est ad intelligendum quousque spiritus respirationi involuntariae et bonum fidei,, Tum praecipue illae ambiguitates rixae dissensiones visibilem generatur quod numquam ante. Licet saepius peteret a cardinalibus, episcopis,, et pone verba offerre fidelium declarationis de sacerdotibus [Cf.. qUI], Qui noluit Respondeo dicendum est, quod in animo est STOMACHUS erectus,. sed, paulo post, variando lusit a media humilitate et osculári pedes tuos Missa in Coena Domini Muslimus fornicata est scriptor, Pro gaudio secularists diurnariis in sacris pontifices jacturae nos instituit Eucharistiam celebramus et sacerdotium ministeriale, Non sumus in mundo celebramus dies: in fugam an in redemptionem meretricis luxuriabantur [Cf.. qUI].

.

Ad tertium dicendum quod gubernator Nautae et qui haberent adnitendum, sed etiam maxime apparet homini Jorge Mario Bergoglio homines impii, Quoties captam venationem prope. Et hoc est quod nocet esse beatas Scandere sedes Pontifex Maximus, et nihili fecerunt opera plerique praesules magna peritia in adipiscing et ad Sanctam Sedem transmittat, Qui mane consurgens et saepe ad has been probo Episcoporum saepe in homines qui excluduntur a sic dicitur backhoe onerati estis, quia de rebus magnis doctrinae integritatem morumque sanctitudinem, qui per fidem et fruatur duci iussit saltem periculosas circum custodiendi. In aliis verbis,, sive meliorem intellexerunt, fit, quod vocatur exitus me Atrium autem quod miracula [Cf.. qUI, qUI] Gerhardo Ludovico Müller nomine, ut Cardinales est et pro circulus magicae:

.

'Et quod habent impressionem quod Papa est circulus magicae sunt qui misit Iudas speculari suspected pugnes contra adversarios, così impedendo una discussione aperta ed equilibrata. Classificare tutti i cattolici secondo le categorie di “amico” o “nemico” del Papa, è il danno più grave che causano alla Chiesa» [Cf.. qUI].

.

Ecco perché nel 2015 io esordî con due articoli tristemente ironici nei quali affermavo sin dal titolo qual fosse il cuore del drammatico problema: «Vescovi, Tips pro novum trends et careerists: siate poveri, periferico esistenziali e sciatti» [Cf.. qUI], «Stanno buggerando il Santo Padre: praesidio Petri! I peggiori gattopardi stanno giungendo in pauperistica gloria all’episcopato» [Cf.. qUI].

.

Piaccia o non piaccia, ma se i dati di fatto purtroppo incontrovertibili non sono solo delle fatue opinioni vaghe ed opinabili, in quei miei articoli di tre anni fa c’è il quadro di quello che potremmo definire come l’episcopato bergogliano. Fornirò allora qualche esempio per chiarire senza scendere nei particolari, ma premettendo che se l’Autorità Ecclesiastica mi convocasse fornirò a loro nomi e cognomi dei soggetti in questione, quamvis superflue, visto che conoscono molto bene sia i soggetti sia soprattutto le loro gesta. E gli esempi sono questi: in Italia sono divenuti vescovi due sacerdoti cinquantenni che costituivano una felice coppietta di fatto, tale nota e riconosciuta sin dai tempi del seminario, et hodie, sulle loro bocche, usate purtroppo per tutto fuorché per pregare, è tutto e solo un incessante fiorire di poveri, egestatem, exules, periferie esistenziali e via dicendo. È divenuto vescovo un soggetto al quale i giovanotti che all’epoca se la facevano con lui quando era giovane sacerdote, oggi si dilettano a narrare in giro dei suoi gusti da gay passivo sottomesso al maschio dominante. È divenuto vescovo, poi appresso insignito della dignità cardinalizia, un soggetto che ha coperto e protetto per anni le più immonde schifezze di preti che frequentavano marchettari a pagamento e che si imboscavano nelle saune gay. È diventato vescovo un prete di cui un intero presbiterio ricorda esattamente con quali e quanti altri seminaristi, poi con quali e quanti giovani sacerdoti appresso se la faceva, tanto che il suo ordinario diocesano, per evitare che questa volpe seguitasse a seminare danni nel pollaio, sbagliando gravemente lo tolse dalla diocesi e dal contatto con i giovani preti mandandolo a Roma a studiare. Non parliamo poi dei giovani sacerdoti, allontanati allo stesso modo dalle diocesi con la scusa degli studi specialistici, che una volta finiti i loro corsi nelle università ecclesiastiche romane, grazie ai buoni uffici di alti prelati gay o gay amicus sono poi entrati come officiali nei vari dicasteri della Santa Sede. E tanto per chiarire: durante il mese di settembre io salirò per la seconda volta le scale della Segreteria di Stato per andare a conferire con chi di dovere ma soprattutto per consegnare un dossier di prove e di documenti da me redatto e firmato dinanzi al quale i racconti sulle città di Sodoma e Gomorra sono un fanciullesco racconto da educande, il tutto affinché sia scongiurata la folgorante carriera di un altro soggetto ad altissimo rischio.

.

omnia haec nubifrocio che è molto peggio di quegli tsunami che hanno devastato intere nazioni, è forse colpa dei membri dei precedenti governi? Et Franciscus Pontifex me, in certe nomine pericolose non è stato ingannato, aliquid: quand’è stato messo sull’avviso circa la natura e le gesta di certi soggetti già in precedenza bocciati come candidati all’episcopato, se n’è bellamente fregato e li ha promossi vescovi, qualcuno anche cardinale.

.

Et Franciscus Pontifex me non è uomo che ami essere contraddetto, né ama sentirsi dire da seri e onesti collaboratori che certe scelte pastorali e di governo potrebbero essere molto sbagliate, o che certe nomine dovrebbero essere evitate, igitur, agendo secondo gli schemi tipici dei mediocri, si è circondato di pericolosi nani, che poi sono il meglio del peggio dei trasformisti in carriera, quae sunt pauperum, povertà e profughi. Se però domani cambiasse il vento e giungesse un nuovo Papa Re, dalla sera alla mattina vedremmo costoro entrare nelle loro chiese cattedrali con sette metri di cappa magna, le chiroteche alle mani e le mitrie damascate decorate con gemme preziose sulla testa.

.

E qui mi si potrebbe richiamare all’ordine, perché nelle precedenti righe ho osato dare del mediocre all’Augusto Pontefice Regnante. Detto questo chiarisco a chiunque considera l’Augusto Pontefice Regnante la terza persona della storia dell’umanità esente da qualsiasi macchia di peccato dopo il Verbo di Dio fatto uomo e dopo la Gran Madre di Dio Maria Santissima, che definire l’uomo Jorge Mario Bergoglio equilibrato, dotato di solida dottrina e di capacità di governo, sarebbe come magnificare gli abiti stupendi di quel certo re narrato dalla celebra fiaba, che però in verità è nudo. Si rasserenino pertanto tutti i papolatri, perché agli inizi del Novecento abbiamo avuto un Sommo Pontefice che era un uomo mediocre e sotto certi aspetti anche limitato, costui si chiamava Pio X, oggi amato e venerato Santo Pontefice della Chiesa. E non è stato l’unico, sancti Pontificis Pii X, ad essere un uomo mediocre e limitato, lo sono stati molti altri Santi e Sante oggi molto venerati dal Popolo di Dio, a partire dal Santo Patrono dei Sacerdoti, S. Ioannes Maria Vianney,. In che cosa consisteva dunque la eroicità di quelle virtù che rese un uomo mediocre e anche limitato come il Sommo Pontefice Pio X un grande Successore di Pietro e poi un Santo? San Pio X aveva una virtù che alla personalità dell’uomo Jorge Mario Bergoglio pare al momento sconosciuta: il Sommo Pontefice Pio X aveva lo straordinario dono di grazia di quella umiltà che lo rese grande, ma soprattutto capace a circondarsi degli uomini di più alto talento ed intelletto, a partire dal Servo di Dio Cardinale Rafael Merry del Val, che fu la grande mano della memorabile Enciclica Pascendi Domici Gregis. E un Santo, come nel caso del Santo Pontefice Pio X, si circonda di santi uomini di Dio, al contrario di soggetti come l’uomo Jorge Mario Bergoglio che tendono invece a circondarsi — se mi si passa il termina romanesco davvero poco ecclesiastico — de pore mezze seghe.

.

Da un punto di vista pastorale ed ecclesiologico, dinanzi all’attuale irreversibile nubifrocio che ormai ha inondato anche il Collegio Episcopale, non posso affatto esultare dinanzi alla Lettera al Popolo Santo di Dio del Sommo Pontefice Francesco I [Cf.. qUI], dinanzi alla quale c’è poco da esultare, perché si tratta del cosiddetto ennesimo testo bergogliano nel quale si cerca di dire tutto allo scopo di non dire niente di ciò che si dovrebbe invece dire, in modo soprattutto chiaro e preciso. Un testo davvero povero, se messo a confronto di un testo memorabile, ma purtroppo dimenticato dalle menti di corta memoria, come quello scritto appena otto anni fa dal Venerabile Pontefice Benedetto XVI e titolato: «Lettera pastorale ai cattolici dell’Irlanda» [Cf.. qUI].

.

La lettera del Sommo Pontefice Benedetto XVI ha una struttura pastorale, teologica e socio-ecclesiale che parte anzitutto da un grande senso di umanità. In essa si indica il problema, si analizza e si prospettano tutte le soluzioni. La lettera del Sommo Pontefice Francesco pare ostentare umanità artificiosa nel tentativo di mostrare umana sensibilità al mondo, ma soprattutto è priva di una struttura pastorale, teologica e socio-ecclesiale.

.

qui dixerunt: se i teologi per un verso, i giornalisti per altro verso, vogliono fare entrambi delle analisi nelle loro diverse e rispettive competente, dobbiamo purtroppo giungere a questo risultato: la Lettera di Benedetto XVI ai Cattolici dell’Irlanda dice tutto in modo drammatico, pastorale ed ecclesiale; la lettera di Francesco I al Popolo Santo di Dio non dice niente perché non analizza il problema, non indica con precisione soggetti responsabili e non offre soluzioni, sino al punto di prendersela con un non meglio precisato «clericalismo», quando invece la Santità di Nostro Signore il Pontefice Regnante dovrebbe sapere bene che il problema drammatico è l’alto tasso di omosessualismo diffuso nel clero.

.

Questa è la differenza che corre tra un uomo mediocre e limitato come il Sommo Pontefice Pio X, ed un uomo mediocre e limitato come il Sommo Pontefice Francesco I. Il tutto premettendo che lo Spirito Santo offre e ricolma da sempre di grazie del tutto speciali il Successore di Pietro, ma se il Successore di Pietro non è aperto ad accogliere e mettere a frutto i doni di grazia abbondanti e speciali su di lui riversati, in tal caso lo Spirito Santo non opera. E non opera perché Dio non si può contraddire né può contraddire il mistero della creazione: l’uomo è stato creato a immagine e somiglianza di Dio, libero e dotato di libero arbitrio. Se chiunque, dinanzi ad un Sommo Pontefice che può essere parzialmente o saltuariamente od anche totalmente chiuso alle azioni di grazia dello Spirito Santo, se ne uscisse fuori dicendo che comunque, essendo egli il Successore di Pietro, in ogni caso non può errare mai in materia di dottrina e di fede, in tal caso si uscirebbe dai principi fondanti e fondamentali della fides catholica per cadere neppure nel fideismo, ma nella vera e propria magia. Come ad esempio fanno da tempo tutti coloro che ormai si sono specializzati a cercare nei documenti pontifici ciò che essi non contengono, od a fargli dire ciò che essi non dicono, convinti attraverso le loro interpretazioni pindariche di difendere e di proteggere quel papato il cui primo difensore deve essere il Successore di Pietro, perché se il papato non lo difende lui, ogni difesa nostra rischia di essere inutile e del tutto vana, nonché ridicola.

.

Nella Lettera al Popolo di Dio, il Sommo Pontefice Francesco I se ne guarda molto bene di indicare la gran piaga dell’omosessualità e dell’omosessualismo diffuso ormai anche ai più alti vertici delle gerarchie ecclesiastiche; aliquid, egli si ostina a tenersi attorno come consulente un soggetto come il pericolosissimo gay amicus James Martin S.J. [Cf.. qUI].

.

Il Sommo Pontefice Francesco I se ne guarda bene dal chiarire che i casi di pedofilia diffusi tra il clero, de quo quisque animo sit creare media Vastátor effectus,, ad victimam quasi atrociora quoque damnum, et inventi sunt realis casibus,, sed rara, quod pleraque eorum quae enumerantur in casibus paedophilia, in veritate non sunt nisi in casibus ephebophilia, id est a sacerdotibus, quod totum studium usu exercitatione pura, simplex, exercitium homosexualitatis admittendam bella fovet atque sexualitati agnita sicut genuina a dextris legis ipsum.

.

Per capire quanto i casi di pedofilia nel clero siano rarissimi, basta fare una semplice analisi di proporzione numerica: nel mondo il clero cattolico secolare e regolare è composto da circa 450.000 sacerdotes, [Cf.. qUI], se raffrontiamo questo numero con quello dei sacerdoti condannati per pedofilia con sentenza passata in giudicato, scopriremo in che proporzione numerica stiamo parlando veramente di pochissimi presbiteri, all’incirca nell’ordine dello 0,02% scarso. Siccome però l’efebofilo rientra in quelli che sono i vizi legati alla pratica della omosessualità, se si tratta di preti si urla invece “al pedofilo!", anche quando un prete comunemente gay e non certo pedofilo, ha profanato il Sacro Ordine Sacerdotale consumando un sacrilegio carnale con un ragazzo di diciassette anni e undici mesi, il quale era semmai dedito ad attività sessuali da quando ne aveva tredici e che si prostituiva a pagamento da quando ne aveva quattordici.

.

La gran parte dei preti indicati come pedofili ― che ripeto non sono però pedofili ma efebofili o semplicemente e giosamente gay —, che hanno avuto con adolescenti rapporti sessuali in assenza di coercizioni psicologiche e di violenze fisiche, hanno consumato solo e null’altro che rapporti omosessuali. E ciò detto ripeto: se in assenza di provate violenze psicologiche e fisiche un sedicenne assieme ai suoi familiari si presentassero assistiti da un esercito di avvocati dinanzi ai magistrati chiedendo la condanna del prete per pedofilia, costoro sarebbero sbattuti letteralmente fuori da qualsiasi tribunale del mondo, semmai pure col serio rischio di essere loro querelati dal prete gay che ha avuto solo un rapporto sessuale con un minore in fascia di età post puberale, senza sottoporlo ad alcuna coercizione fisica e psicologica e per ciò palesemente consenziente. E tutto questo — ripeto ancora senza pena di essere prolisso — si chiama omosessualità e non pedofilia.

.

Questa mancanza di chiarezza e di distinzione tra casi molto rari di pedofilia, casi di efebofilia, casi di rapporti sessuali di preti gay con giovani consenzienti e spesso lautamente ricompensati per i loro servigi prestati non di rado a pagamento, rischiano quindi di creare un grosso e pericoloso equivoco: se un adulto gay ha un rapporto sessuale con un adolescente ultra sedicenne consenziente o con un quattordicenne già navigato e come tale psicologicamente riconosciuto, in tal caso ha avuto solo e null’altro che un lecito rapporto sessuale; se però ad avere avuto un rapporto sessuale con questo stesso soggetto è un prete, in quel caso si urla “al pedofilo”. I primi grandissimi ipocriti che grideranno immediatamente “al pedofilo” saranno proprio i figli della potentissima lobby lbgt, coloro che l’insegnamento sulla sessualità intesa come genere a scelta o sulle bellezze dell’amore gay, lo hanno già imposto in molti Paesi del mondo a partire dalle scuole elementari.

.

L’Augusto Pontefice Regnante, è stato per caso informato dal suo gaio consulente gesuita James Martin che in giro per il mondo, molte scuole cattoliche hanno dovuto chiudere e poi liquidare i loro stabili ormai inutilizzati, perché i governi locali avevano loro imposto insegnamenti incompatibili con la fede e la morale cattolica, quali ad esempio l’esaltazione dell’omosessualismo e la teoria del genere, l’obbligo della educazione alla contraccezione ed il diritto all’aborto? Che poi questi casi non siano documentati da quella succursale di radio Radicale al quale ormai da tempo è ridotto il quotidiano dei Vescovi d’Italia L’Avvenire, non vuol dire che non siano casi reali e soprattutto in costante aumento, quelli delle scuole cattoliche costrette a chiudere i battenti e vendere gli stabili.

.

E di questo grande e pericoloso equivoco che nasce anzitutto dalla mancata informazione e distinzione tra pedofilia, efebofilia ed omosessualità, con tutte le relative statistiche numeriche, il responsabile è l’uomo Jorge Mario Bergoglio, che non è il Santo Pontefice Gregorio I Magno né il Santo Pontefice Pio X, che pure avevano, come uomini, delle limitatezze che non hanno affatto pregiudicato il raggiungimento della loro santità, semplicemente perché erano andati al di là di se stessi per aprirsi alle azioni della grazia di Dio su di loro.

.

Devo infine dare ragione al Professor Roberto de Mattei, che sovente ho amabilmente criticato, senza mai avere messo in discussione la sua preparazione e soprattutto la sua vita esemplare ed il suo essere un autentico modello di intellettuale, di marito e di padre cattolico. La mia onestà cristiana e intellettuale mi impone di affermare che il Professor Roberto de Mattei ha purtroppo ragione quando parla dei papolatri, perché a questo taluni sono ormai giunti: il Padre e il Figlio possono anche sbagliare a far procedere lo Spirito Santo, ma l’uomo Jorge Mario Bergoglio no, lui non può sbagliare e non sbaglia mai, qualunque cosa dica o faccia.

.

.

His praemissis,, sulla Basilica Maggiore di San Giovanni in Laterano, Cattedrale di Roma e Madre di tutte le Chiese del mondo, possiamo anche affiggere il cartello: totalis defectum sellout, consapevoli che nel futuro, da questa immane devastazione operata dai suoi vescovi e dai suoi preti, con molto tempo e dolorosa fatica la Chiesa visibile pellegrina sulla terra potrà riprendersi ed essere risollevata solo dallo Spirito Santo e dal Santo Popolo di Dio.

.

quod 18 Februarius 2013, a pochi giorni di distanza dall’annuncio dell’atto di rinuncia dato dal Venerabile Pontefice Benedetto XVI, l’agenzia di stampa Concilium Vaticanum insider riportava meritoriamente un testo dimenticato del giovane teologo Joseph Ratzinger, risalente al 1969 e contenuto in un suo ciclo di lezioni radiofoniche:

.

«Dalla crisi odierna emergerà una Chiesa che avrà perso molto. Diventerà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi. Non sarà più in grado di abitare molti degli edifici che aveva costruito nella prosperità. Poiché il numero dei suoi fedeli diminuirà, perderà anche gra parte dei privilegi sociali [...] Ma nonostante tutti questi cambiamenti che si possono presumere, la Chiesa troverà di nuovo e con tutta l’energia ciò che le è essenziale, ciò che è sempre stato il suo centro: la fede nel Dio Uno e Trino, in Gesù Cristo, il Figlio di Dio fattosi uomo, nell’assistenza dello Spirito, che durerà fino alla fine. Ripartirà da piccoli gruppi, da movimenti e da una minoranza che rimetterà la fede e la preghiera al centro dell’esperienza e sperimenterà di nuovo i sacramenti come servizio divino e non come un problema di struttura liturgica. Sarà una Chiesa più spirituale, che non si arrogherà un mandato politico flirtando ora con la sinistra e ora con la destra. Essa farà questo con fatica. Il processo infatti della cristallizzazione e della chiarificazione la renderà povera, la farà diventare una Chiesa dei piccoli, il processo sarà lungo e faticoso. Ma dopo la prova di queste divisioni uscirà da una Chiesa interiorizzata e semplificata una grande forza. Gli uomini che vivranno in un mondo totalmente programmato vivranno una solitudine indicibile. Se avranno perduto completamente il senso di Dio, sentiranno tutto l’orrore della loro povertà. Ed essi scopriranno allora la piccola comunità dei credenti come qualcosa di totalmente nuovo: lo scopriranno come una speranza per se stessi, la risposta che avevano sempre cercato in segreto [...] A me sembra certo che si stanno preparando per la Chiesa tempi molto difficili. La sua vera crisi è appena incominciata. Si deve fare i conti con grandi sommovimenti. Ma io sono anche certissimo di ciò che rimarrà alla fine: non la Chiesa del culto politico [...] ma la Chiesa della fede. Certo essa non sarà più la forza sociale dominante nella misura in cui lo era fino a poco tempo fa. Ma la Chiesa conoscerà una nuova fioritura e apparirà come la casa dell’uomo, dove trovare vita e speranza oltre la morte» [Cf.. qUI].

.

In queste parole è dipinta la devastazione operata nel nostro recente passato, la situazione sfigurante della Chiesa visibile del presente, ed infine il futuro che ci attende, basta non essere ciechi e non pensare che questo momento per alcuni di gloria, per altri di aberrante confusione, assieme a questo pontificato non passerà mai, tra gridi di «rivoluzioni epocali» e «processi irreversibili». Urla giacobine tipiche di coloro che, non avendo una prospettiva futura ed escatologica, sono capaci di vivere solamente il omnia simul, del presente, cercando come dei pirati all’arrembaggio di arraffare in questo presente tutto quello che si può arraffare, quasi come se«di doman non c’è certezza», quindi «chi vuol esser lieto sia», come diceva il padre rinascimentale dello gnosticismo neo-pagano Lorenzo il Magnifico, che era per l’appunto un padre dello gnosticismo neo-pagano, non era un padre della fede cattolica.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 24 August 2018

.

.
.
«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

6 cogitationes on "Si invasit homosexualitatem quae ferat Collegium Episcoporum,, ut epistolis familiarem sancti pro Populi Dei, Ille debet esse Romae adhæsit in ecclesia mater CONEXUS: “totalis defectum sellout!”

  1. etiam, però Lorenzo il Magnifico poi scrisse anche:
    Quanto è grande la bellezza

    di te, Vergin santa e pia!

    Ciascun laudi te, Maria;

    ciascun canti in gran dolcezza.

    Con la tua bellezza tanta

    la bellezza innamorasti.

    O bellezza eterna e santa,

    di Maria bella infiammasti!

    Tu d’amor l’amor legasti,

    Vergin santa, dolce e pia.

    Ciascun laudi te, Maria. […] 🙂

    1. @ Iginio

      quidem, quidem, ma ho letto che anche Voltaire e Napoleone, nella loro vecchiaia, si sarebbero pentiti e convertitiperò il danno lo avevano già fattosono responsabilità di un certo peso, di fronte alla Storia, al popolo e a Diomi guardo quindi bene dall’erigermi a giudice delle anime di questi signori, come di chicchessia, sembra però che le loro conversioni siano rimaste in ombra, nella Storia ufficiale, rispetto ai disastri che hanno combinato.

  2. Tu hai scritto questo tuo intervento due giorni fa, Pater Ariel pretiosa, ultimo di una lunga serie, e il Creatore te ne renda merito…. e per l’appunto oggi esce questa notizia

    http://lanuovabq.it/it/ecco-chi-guida-la-lobby-gay-e-il-papa-ne-e-complice

    Tu e Viganoavete pagato dazio, certamente in modi molto diversi, ma ora vediamo che succedevediamo se il perverso sistema di potere omofilo che si è instaurato ai vertici della Chiesa regge anche questa bordata, oppure se questa è la volta buona per far saltare il coperchio alla pentola. Affidiamoci serenamente alla Divina Provvidenza.

    E non questione di uomini, quia caritas, anch’io sono un misero peccatore, e temo il Giudizio finaleè il sistema, che non va bene, è durato abbastanza, e va cambiato. Da ora in poi, gli uomini giusti al posto giusto.

  3. Mi sono sempre chiesto come mai Ratzinger nel 1969 parlasse già di crisi della Chiesa, quasi come se questa fosse stata programmata in anticipo. Spesso si parla non bene del complottismo, ma scritti come questi lasciano davvero perplessi

Leave a Reply