Jorge Mario Bergoglio quaestionem, non est hominis sed Eugenio Scalfari inops prudentiae ac sanitas, sed etiam non potest esse instrumentum Dei gratia

Ignem sui muneris et excessus Jorge Mario Bergoglio hominem

Forsit non Eugenio Scalfari MA sese uellet resedisset Jorge Mario Bergoglio Precautionary et statum mentis evertit, Sed quod rogaberis ultro pretiosum pro gratia

 

.

Certe imprudentiae Franciscus Pontifex ex variis inter me et non simus pertinacia ad perseverantiam sicut homo Eugenium pertinaciter loqui cum periculo Scalfari, tum publica organum cogere ad Sanctam Sedem pertinet, ut in palam utile fatuis quando non potendo essi affermare che la Chiesa oggi è in mano ad un imprudente, scrambles explicare quod homo non aliud intellexerunt, non solum sermone aut conventus colloquium. Bene mirantibus, Dominos a sanctiori publica organum proprium Sanctae Sedis: sentio - exempli gratia utique est unum academic! -, qui prius a rege pertoccavi rex Georgius Tertius bibendum, fortasse optimum est facere ut sit amet populi per quam exponens illud verbum male intellexerunt quia non sunt alii, nisi albo sectam quam camisiam cum tripudio ad summum accipere locus throni in dignitatibus constitutis curiae officialis visita?

.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

 

.

.

amicitia periculo …

Temporibus Ticinenses episcopi Cremonensis proelii, agli inizi del X secolo, nel suo De rebus gestis Ottonis Magnis Imperatori, riporta una frase attribuita a questo famoso monarca che sul giovane Pontefice Giovanni XII [Roma 937 - Roma 964], elected in solio sanctae anno 955 Decem et octo annorum erat quando iustus, Et cum hoc dicunt,:

.

«Puer inquid, quod, facile bonorum immutabitur exemplo virorum, quod est interpretatum: "Et tamen Papa non solum per exemplum iuvenum nobilium virorum ac moderari" [testo originale leggibile qUI]

.

Postea fuit plus quam mille annis, ut tamen ex historia stirpe et novis elit, modis et forma, etsi de alia re similes hominibus, quod valde dolendum custodibus murorum:. E, ut discit Graecos prudentia, si initio heroicos nobilem tragoediam insignita, la fine — o come nel nostro caso ecclesiale ed ecclesiastico la decadenza irreversibile — è segnata invece da quella satira che tutto quanto annega nel ridicolo. Hoc dicto: chiunque intenda dissentire da questo comprovato dato di fatto storico-sociale, Si non est mecum, sed historia Graeca, et litterae Graeci. Non solum quia modicam habes me adducere, et in eo qui non est reus scholar qui est vere gravi negare, et quoquo modo refutare: la decadenza giunge sempre al proprio apice sprofondando nella satira. Basti solo pensare ai periodici scandali del clero, ed in specie quelli a sfondo sessuale, con gli immancabili teatrini dei preti gay pizzicati in situazioni così incredibili nella loro grottesca assurdità, che non destano neppure più indignazione, ma solo risate, proprio come se il tutto fosse una vera e propria commedia comica sulla quale ridere, ma non certo prendere sul serio.

.

ita, in satura quae nos in salutari tuo demersae, siamo stati scossi proprio all’inizio del Triduo Pasquale dalle parole pubblicate dal fondatore del quotidiano La Repubblica, quae attribuitur Franciscus Pontifex non est tangere signis, quae ex intimo mysterio salutis:

.

"Sanctitudo" - Eugenio Scalfari quaestio - "prior in conventu nostro speciei et non indicavit mihi evanescet et semper in aliquo puncto Deus semen partum a mos partum aliis speciebus. Et dixerunt mihi numquam animarum qui mortuus est in inferno in aeternum, quia peccatum est, et vade scontarlo. Quæ loquebatur mecum et pro animarum bono admissus ad contemplationem non requirat Dei. Malos animarum? Ubi poenas tibi?». Respondeo dicendum ad hanc quaestionem a Papa esset,: "Non poenas, poenitenti veniam apud Deum ac sociales ordines animarum, Ergo poenitentia non qui perit irremissibile. Non est infernum;, non est peccatum animabus remanet nisi ' [text see, qUI, qUI].

.

Secundum usum quendam etiam scientia in Catechismo Catholicae Ecclesiae Hoc responsum, ut non leves prae se intelligere substantial et haereses sola interemisti non formal. Poco dopo la diffusione del testo — con tutto ciò che questa notizia ha comportato e scatenato nella giornata del Giovedì Santo — giunge la smentita della Santa Sede:

.

«Il Santo Padre Francesco ha ricevuto recentemente il fondatore del quotidiano publicae in un incontro privato in occasione della Pasqua, Sed si colloquiis se non normam. Ut relatum est hodie a auctor in articulum propter suam refectionem, Papa non est in verbis citatis, ubi. Nemo potest considerari debet et virgulis in superiore articulo memorantur in transcribenda fidelium Sancti Patris verba " [ textus officialis qUI].

.

Caravaggio: Flagellationis Christi ad columnam illam, ad praetorium Pilati

Pacific, quod peius est, non est coloratum Snag, utpote umpteenth tunde valet tamen faciem Christi fideles, in principio Triduo Sacro, dum venias papales tantas esse eadem omnium salvandorum in qua - ut turbidis rebus et dices haec est - si potuerunt scientifice definire, quid sana doctrina theatrum bergogliano meglio noto come la pedibus lotis in carcere, Aeque atque ille, Christianos et non christianos exsistentibus. De hac theatrum Non vult ad me iterare, Ego enim iam in praeteritum aliquid, et nisi voce ironiam [articulus videre qUI]. Nos autem memores tantum eget ad hoc die sanctorum, et nos sacerdotes, de institutione sacerdotali sanctissimam Eucharistiam celebraturi sumus, et; mutata in die illa quae tamen nunc Pontificis provideat ad reigning tripudio bergogliano della pedicure al carcerato.

.

Existimo enim quod valde dolendum necesse est admonere Papa - quae nuper scripsi, quod et factum est a provincialibus Psychology, etenim actus pertinendi ad illud sub-genus est quod ex provincialism quartieralismo [articulus videre qUI] - qui quidem gestus Beati Ioannis Apostoli in Evangelio recte diceris esse in Missa in Coena Domini [Cf.. Gv 13, 1-15], Quoniam impletum est Christus Dominus in Apostolos elegit, ut sacerdotes Novi Testamenti dispensatores et ministri et custodes Sacraments.

.

Caravaggio: Christo Iesu spinis coronate

Et dum pel gaudium de Party membra radicalia, ratione cuius est conceptus «pauperes victimas criminis", bensì “poveri carcerati che i reati li hanno commessi” — il tutto secondo la stessa diabolica logica del “povere donne che hanno abortito”, Numquam magis "pauperem occidit liberos matres eorum in abortus" -, Sanctitas Sua ut hoc adhuc neglecta sua Romana dyocesi que episcopos vel presbyteros Ecclesiarum sunt senes, et graviter male infirmum, qui suam vitam impenderunt ut respondeam præcepto Ecclesiae Christi et dispensatores ut fidelis gratia sacramentali. Quidam autem nosocomio, geriatric facilities et aliis vivere orci itaque quia non sunt sui iuris et tantum postulo ut movere ad latrina facilities matricibus sane custoditis, Nec admitti potest et officium sustinere lectus corporalia, cum auxilium postulat ut, cum omni humilitate, et talis dispositio habet secum in omni molestiae sensu hominum. Quamquam, ciò che solo importa è che il Sommo Pontefice — che da subito s’è dichiarato proveniente dall’altra parte del mondo e che dopo questo annuncio non ha tardato a cominciare a far cose dell’altro mondo —, accende intus stupam ad pedes vestri ad giovanottoni in perfecta sanitas corporis in carcere sunt in iniustitiam, nisi pro eo quod fecerint variis criminibus; quia usus est contra violentiam aliorum hominum, qui exercebant latrocinia agentes dicata honestam opus, inter familias suas populus qui ad opera ut ad finem mensis, qui venundatus est purus, Et fornicata es uti,, Stuprorum fecerunt ita, et ad totum, quidem, Party membra radicalia ex pace Ave qui per "pauperes captivum" et hos aequo discrimine hodie regnantis Papa qui in his accedit ad accende intus stupam tuum pedes angeli Dei.

.

Docuit nos omnes oportet esse relationem Summo Pontifici Christus Dominus advertat: "In carcere fui et venistis ad me" [Cf.. Mt 25, 36]. Christus Dominus non dicit omnino: "In carcere fui, et lavi pedes meos,, quia pedibus vestris, Christus, et laverunt habet solum ad apostolos elegit ex ipso et per ipsum et unicum Novi Testamenti sacerdotes consecrati, omne aliud esse habet considerari nisi modern generis scripturas apocryphas Evangelium, quod recte dominus poterat “Jorge Mario Bergoglio Evangelium secundum”.

.

Caravaggio: pedibus opus maxime Vivaldi peregrinorum

Est enim illud quaerere quod legitimate, Feriam Quintam Hebdomadae sanctae, Pontifex venisset trans orbis requirentibus videtur mundi, ad humilitatis exemplum et ministerium spiritus, qui est Christus Dominus nos vocat et laverunt pedes primi discipuli ejus, - et nota, discipuli, neque captivi meretricibus dantur mercedes non est Ierusalem -, adversatur pro aliqua downtown apud geriatrics ad assidere scarum, nam urina, aut infirmum vel in sartagine præparatur ad tui atque Pontificis sanctus sacerdos, qui totam vitam suam spent in Christo et Ecclesiae servientes, certe non furantur, rapere, cashing in in fornicationibus suis et vendere medicinae sicut angeli Dei factus subiectum est Liturgicam annua rutilant et candent per bergogliana in pedes. Et dixit quod ego addam: Jorge Mario Bergoglio hominem, venit circuitis mare et aridam et in eo contendendum per quinquennium a rebus huius mundi, conscientia eius cum sit homo, et Apostolorum Principis successore hac ipsa quaestione interrogavit: cum vacuum tempus Eugenio recepta forsitan delectat Scalfari, Tempus est pretiosum a Deo dispensatione factum est, ut et sanctum Domini nostri Jesu Christi, Summi Pontificis proposita Francisci alia bene et alte missiones, quotiens certior Episcopis et Presbyteris, intimae vitae consuetudinis inter complures ejus, et recta, Sunt nosocomio, Magnam se subiectae incursio surgeries, et qui in recuperatio a variis Quam semper centra, et sic sequi? Et quam multis temporibus, Sanctitas a Jesu Christi Domini nostri: Franciscus Pontifex Maximus, cum certior, Cave ne forte erat colligunt usque in phone - quod semper facit orationis usum atque abusu - tendere et signum se omen ex apostolica propinquitate, sicut ipse fecit quod vocant a Lucifero quidem duo filii qua- les Marcus Pannella et Emma Bonino, alioquin invitando ad prehendunt ', quod quamvis pater et mater abortum ignorabitur, euthanasiae, de geneticae temptationis, dell'omosessualismo, inter coniugum et liberorum nuptias eiusdem sexus vel per adoptionem datum ab uteris emptis pro salario, Et ultra quam "apprehendere"? [Cf.. qUI, qUI].

.

Caravaggio: osculum lude

Il tutto a riprova che per la prima volta nella storia Petri legitimum successorem, ad faciendum sunt instituti sumus ut verisimile est movere omnes inimicos pessimus, et semper Ecclesiae catholicae, tamen ampla sensatis datur sine confusione, et mente confusa est in Christi fideles,, Eugenio Scalfari dum - modo neque se -, laudantium papa noua, Antonius cum illo choro malus Spadaro, quod acts ut semper ponitur inferius ad melodiam "ductor novarum " [Cf.. qUI], tam ignarus qui conceptum de "circuitus" et "novarum" Sed hoc non est esse in Ecclesia et ad papatum, presi come sono dalla loro drammatica e distruttiva deriva utopista e secolarista [Cf.. John Cavalcoli, o.p, qUI]. Sic faciens et de hoc solum effectu Ecclesia ex una parte,, Contra papatus in, forma inquisitionis socialis-politicae et per omnes reductive saecularia, secundum ad munera omnia simul, extenta, nec in aliquo prospectu eschatologico. Qui abhinc duo milia annorum erat sicut quidam ex Iudaeis et errorum, qui in Christo sunt, voluerunt videre "res" qui non posuit eas a Romanum, Cum autem pluris legationis: de delictis liberare, et factus est agnus, qui ad pelvis alluit, deserit peccatum mundi [Cf.. Gv 1, 29-34]. inter haec, qui viderunt Christum in ductor huiusmodi, rerum, popularibus enim princeps obnube liberatoris, quae neque videre quomodo reliquae vero destituta esse, ut fama eius Iudas Scariotis, quaedam socialis politicaque scientist ad Antonium Spadaro abhinc viginti saecula, quam certe, postquam autem prodiderat, Divinique ipsius Magistri, Qui non posuit ut launch tweet quae forma loquaciter et colloquiis de Ecclesia instituta subvertunt. in facto,, eum Iudas Simonis Scariotis, apud animum vobis addamus beneque ut ita dicam, “consistent” uenit et abiens laqueo se suspendit, quia forte Judaeus suam “consistent” completum cum suis in gratiam Christi actionibus Agricola, non erat tempus, equitantes altitudinis mutare Iesuita, convinto che questo momento non passerà mai, perché la cosiddetta «rivoluzione» si baserebbe a dire di costoro su dei «mutamenti epocali irreversibili». Ricordiamo infatti al povero Spadaro — ma di passaggio anche al Preposito generale della Compagnia di Gesù Padre Arturo Sosa, dichiaratosi più volte amenamente affetto da orticaria dinanzi alle rigidezze della dottrina [Cf.. qUI] — che irreversibili, nella Chiesa di Cristo, sono solo quei dogmi della fede che oggi taluni Giuda vorrebbero reversibili per meglio imporre i propri dogmi umani, talvolta anche apertamente diabolici. Tutto questo in nome della loro celebrata e sfacciatamente dichiarata irreversibilità, costruita su un momento presente che non deve passare, perché è il omnia simul, che a loro interessa, non le cose ultime ed eterne. E queste, ad cogita, sono le forme e le espressioni dell’ateismo peggiore: l’ateismo ecclesiastico.

.

De persona Franciscus Pontifex me, ad inquietarmi è quella sua grave mancanza di prudenza che solo i ciechi ed acritici sostenitori della giustezza e della opportunità di ogni suo pur minimo sospiro, Non habent, nec volunt videre ullo modo,; tum, per altri motivi più gravi assai, non vogliono vederla i cortigiani ruffiani anelanti all’agognato scatto di carriera, per giungere al quale oggi si sono ammantati di poveri, paupertas, di profughi e di periferie esistenziali. E, tra le varie manifestazioni di grave imprudenza del Sommo Pontefice Francesco I v’è anche l’ostinazione senile a perseverare testardamente ad interloquire con un soggetto pericoloso come Eugenio Scalfari, tum publica organum cogere ad Sanctam Sedem pertinet, ut in palam utile fatuis quando non potendo essi affermare che la Chiesa oggi è in mano ad un imprudente, scrambles explicare quod homo non aliud intellexerunt, non solum sermone aut conventus colloquium. Ebbene domando ai Signori degli organi ufficiali della Santa Sede: sentio - exempli gratia utique est unum academic! -, qui prius a rege pertoccavi rex Georgius Tertius bibendum [Cf.. qUI], la cosa migliore da farsi sia forse quella di prendere in giro il popolo e di trattarlo come un insieme di perfetti cretini ai quali spiegare che sono solo gli altri ad avere equivocato, mentre Sua Maestà si presentava saltellando vestito della sola camicia da notte bianca nella sala del trono a ricevere i più alti dignitari della Camera dei Lords giunti in visita ufficiale? Voi lo capite, Dominos a sanctiori publica organum proprium Sanctae Sedis, che siffatta corsa di Giorgio III nella sala del trono in camicia da notte, è cosa meno folle e soprattutto meno imprudente rispetto alla testarda ostinazione da parte del Pontefice regnante a voler in tutti i modi interloquire con un soggetto come Eugenio Scalfari?

.

Caravaggio: Petri negationem

Partiamo allora da San Tommaso d’Aquino, tramite il quale possiamo apprendere quanto la prudenza abbia una sua precisa collocazione che procede attraverso una definizione altrettanto precisa: «Prudentia est auriga virtutum» [Summa Th. I-II, q.58 a.5]. De ceteris virtutibus prudentia cratis serraco [Cf.. Catechismus Catholicae Ecclesiae,, n:. 1806], est genitrix virtutum, et dux qui est mater omnium virtutum moralis quantopere, sine qua nulla virtus possit esse forma et moribus substantiale quod rectum. Neque desiderio justum ac temperantem, perché occorre cogliere e poi seguire quella linea di condotta mediante la quale si realizzano e si concretano la giustizia o la temperanza. Sine hoc opus, quod pertinet ad prudentiam intelligi auriga virtutum E genitrix virtutum, in aliis virtutibus non solum manet mortuum litterae, quia non loquuntur, velut si dicere, ut confirmet se nunquam ad veram virtutum vere eam emissurus, minimus omnium iustum.

.

Alla scuola dell’Aquinate et docemur non solum prudentia inter virtutes, quod, aliis virtutibus, ducit illos, quia 'ratio connectionis virtutum moralium». Dunque la virtute prudentiae tanta est naturalis ordo moralis scientiae autonomiam. In utroque virtus est, non ordines COPULATIO, scilicet virtus cetera conectit, Dat enim figura - ut ita dicam - in aliis virtutibus. Et tamen, dicit quod illa de operationem vel in debilitate, in operationibus, vel actum, in agilibibus, formam capit vel ut appareat. Ita quod virtus quae est propius ad ultimum vitae humanae finis, quod aliae virtutes format virtus se connectit [eius necnon prudentia, Cf.. Tomas armat, o.p. Catalogus prudentia, Bologna, 1988].

.

Caravaggio: Ecce Homo

L’uomo privo di ragionevolezza si comporta pertanto in modo eccessivo, in qua manent sceleris declinare, et inconveniens,. E, indugiando in questi eccessi, l’uomo privo di ragionevolezza non riesce a moderarsi e ad adeguarsi alla misura ed al reale, sino a cadere per inevitabile e logica conseguenza nello squilibrio e nel surreale, quod dictum est per se est mensura carens, scisso dalla realtà e quindi povero o privo di equilibrio. animo, et facta figuras analyzing, temo che l’uomo Jorge Mario Bergoglio sia carente di equilibrio e che — come ebbi a scrivere oltre un anno fa — «i veridubia” de perceptione intellectuali sunt,, Sed non est inquit ' [Cf.. qUI]. Et nemo dicit, timido exercitum id est sublimis inter clericos in ecclesia hodie, pur se i fatti dimostrano che egli crea divisioni spesso anche gravi e drammatiche, Non est enim populus offerre Deo tanquam certa, perseverare dubitet, alla chiarezza richiesta dal linguaggio dottrinale preferisce anteporre espressioni ambigue interpretabili a doppio senso, generando in tal modo sbandamento nei Vescovi, nei Presbiteri e nel corpo dei Christi fideles,. Accarezza i lupi rapaci, solidarizza e mostra grandi aperture verso le pecore disperse nelle praterie delle eresie luterane, salvo prender poi a bastonate le pecore fedeli rimaste dentro il cattolico ovile. È capace a dire in modo deciso e chiaro “et” quod “nihil”, nisi illa quae nunc fit intra cubilia obsessional noumenon: exules, migrantium, pauper opiniones doctrinales et Oecologia, dum ceteri omnes, incluse delle norme basate su verità di fede, annō vincet “maybe” postremo tantam efficerent vastitatem pessima ac flagitiosissima facta “tu facis”. Ha mostrato verso il mondo islamico un ossequio a dir poco improvvido, ha ripetutamente definito l’Islam come religione di pace e di amore, ignorando totalmente, in modo pericolosamente acritico, ch’esso nasce e prende vita da un complesso assembramento di messaggi mescolati assieme da un falso profeta, ed ignora altresì che proprio in virtù dei non pochi figli violenti e assassini che prendono le mosse da questa religione di pace e di amore, tutti i dintorni della Città del Vaticano sono blindati per evitare attacchi terroristici. Ignora altresì che la storica Via della Conciliazione, ininterrottamente aperta dal 1929 sino ai giorni recenti, è stata chiusa al traffico con colonnine di cemento e ringhiere di ferro poste al suo inizio per evitare che qualche fondamentalista islamico, in nome della pace e dell’amore, quod, si lanciasse con un mezzo imbottito di cariche esplosive in direzione della Piazza San Pietro in mezzo alla gente, o meglio tra gli infedeli. nunc, quia non patitur res haec facili improbari, miror: come possiamo parlare di costui come di un uomo prudente ed equilibrato? Non parliamo poi dell’uomo di governo che mostra ormai da anni di essere capace a scegliere una appresso all’altra delle figure molto dannose alla Chiesa, imponendo soggetti che però fanno parte del suo cosiddetto «cerchio magico», o che sono riusciti a godere delle sue simpatie prive di prudenza e soprattutto di quel senso del governo illuminato dalla grazia dello Spirito Santo in virtù del quale, ormai da anni, l’uomo Jorge Mario Bergoglio avrebbe dovuto cessare di essere tale per essere solo ed unicamente il Sommo Pontefice Francesco I, fidelium servum servorum Dei.

.

Vogliamo usare in tal senso un paradigma anch’esso non passibile di facile smentita, per chiarire in qual misura questo Pietro non abbia mai abbandonato il proprio essere stato in precedenza Simone? ubi ait:: reigning in pontificem, ignorando o forse fingendo d’ignorare che egli è, inter alia,, anche Sovrano Capo di uno Stato che col proprio chilometro quadrato di territorio garantisce la preziosa indipendenza del Romano Pontefice da qualsiasi potere politico secolare, in 2014 ci dona una delle sue splendide perle rinnovando — ovviamente sotto i riflettori e con tanto di foto pubblicate e diffuse [Cf.. qUI] — il passaporto della Repubblica Argentina (!?) [Cf.. videre qUI]. Benediciamo quindi Dio se alle ultime elezioni, il cittadino Jorge Mario Bergoglio, all’anagrafe Sommo Pontefice e Vescovo di Roma di professione, non si sia recato nel proprio Paese di origine a votare per le elezioni presidenziali. E, haec, credo sia detto più o meno tutto, a partire dal mio inciso iniziale di apertura: dall’epica tragedia, quando si scivola nella decadenza, si finisce sempre nella farsa della satira grottesca. E, animo, noi ecclesiastici abbiamo ormai superato le pagine più esilaranti degli antichi satiri romani. sed, come tutti i buffoni, siamo tali e ce ne vantiamo. E, più tentiamo di prenderci sul serio, più il pubblico ride di noi, perché da sempre, a partire dall’antico teatro, nulla è più comico e grottesco del buffone che si prende parecchio sul serio. Il problema però è che se il pubblico esterno ride divertito, i figli del buffone invece piangono; e piangono di dolore, nel vedere il proprio amato e venerato padre cimentarsi in siffatte e imprudenti buffonate, attraverso le quali sarà infine affidato al severo giudizio della storia, oltre a quello forse ancòr più severo di Dio. Ecco perché l’uomo Jorge Mario Bergoglio suscita imbarazzo nei fedeli ma è esaltato dal mondo non cattolico e da tutti i peggiori nemici di sempre della Chiesa: perché ci sta facendo sprofondare nella satira. Non è vero che egli ha spogliata la Chiesa dei suoi cosiddetti «orpelli principeschi rinascimentali», l’ha spogliata giorno dietro giorno di divina dignità.

.

Caravaggio: Depositio autem iuxta crucem Jesu Christi,

Io che sono privo di ogni velleità di carriera ecclesiastica e che al contrario del fitto esercito degli ecclesiastici vigliacchi che tacciono “prudenti” in attesa di tempi migliori ― al sorgere dei quali verranno alla luce per tentare poi il gran salto sul carro del nuovo condottiero, nella speranza di poter lucrare da lui ogni miglior beneficio e prebenda ―, mai cesserò di dolermi di costoro che, rara est protervitas, Finierat aegris dabit haec exspectantes ipsius obitum pontificatu, non animadverto, quique futuri appetere episcopatum appetere quique postea cardinalis, che giorno dietro giorno, ex causa ut Ecclesia damna, sono sempre più gravi. E, si bene, più andremo avanti in questo stato degenerativo, longum est maxima ex parte reparari nocen, haec ratio magis spectans: a fronte di cinque anni di pontificato rovinoso che sono però il risultato di cinquant’anni a monte di devastante rovina sul piano dottrinale, liturgico ed ecclesiale, occorreranno cinquecento anni per porre rimedio a questi danni di cui l’uomo Jorge Mario Bergoglio non è affatto la causa, ma solo la conseguenza ultima. Infeliciter, Aspirantes ad vetari lectus, haec ratio non, perché sono seriamente e stoltamente convinti che basterà il prossimo conclave per chiudere quello che loro definiscono con raro cinismo come un semplice “singultus”, quindi voltare immediatamente pagina come se nulla fosse, ed in grande stile. Questi sono i veri e diabolici distruttori della Chiesa, Jorge Mario Bergoglio imprudentis subversio illius pauperis certe non, che di tutti i decenni di pregressi danni compiuti, è soltanto la prima vittima, o come ebbi a scrivere in un recente passato usando un’immagine allegorica: egli è solo l’ultimo dei clienti giunto nel ristorante e che appena varcata la soglia è stato aggredito dai camerieri che hanno preteso da lui il pagamento dei conti di tutti coloro che prima di lui avevano pranzato e cenato senza però pagare, ma lasciando fior di conti sospesi.

.

Caravaggio: Venit Maria Magdalene, doleo

Ex quattuor Cardinal Virtues tribus virtutibus theologicis oportet fieri, EGO had occasionem loqui de quo saepe in his quinque anni, etsi potissima demonstratio autem his est caritas, quod discimus a Paulo Apostolo benedictus [Cf.. I Cor, 13], in medio eorum, inter fidem et charitatem,, est spe, quod negotium, in meus sententia, Hoc est ponere duo magna conterere et cerato miscere ex aliis virtutibus. È quindi nell’ottica della speranza che bisogna leggere questo pontificato, per quem videtur quod Ecclesia Christo torpentibus per viventem in aeternum bonum Veneris. Pontificatum maximum pontificem, quod utile est in salutis oeconomia, nescimus quid tamen, Sed certus sum quia in die una, forsitan non multo auferetur, Patet etiam per incuriam declinare intellegat hoc et sine discrimine exstat Pape, Gratias ago Deo replevit ventrem suum de ecclesia, Et posuit in mundavit condicio plenae irae.

.

Nulla di questo possono però capire coloro che vivono alla giornata, hoc lacerata est in praesenti, magna spes est futuri privari prospectum eschatologicum, quod virtus theologica, ut fides et caritas coniunguntur; e che infine ci salva, persino dopo essere sprofondati nella satira, tra scimmie che giocano a fare le regine e buffoni di corte che si credono degli autentici dottori della Chiesa, sive meliorem … autem “New Church” nata darivoluzioni irreversibili”.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 30 March 2018 – Feria sexta in Parasceve

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

 

About isoladipatmos

3 cogitationes on "Jorge Mario Bergoglio quaestionem, non est hominis sed Eugenio Scalfari inops prudentiae ac sanitas, sed etiam non potest esse instrumentum Dei gratia

  1. Credo anch’io che, se la Provvidenza ci ha mandato Bergoglio come papa, ciò abbia sicuramente un senso, e credo anche che questo potrebbe essere il punirci per i nostri peccati, e il metterci alla prova in una situazione difficile, per vedere come elaboriamo il pontificato bergogliano, senza ammutinarci e tenendo comunque la barra al centro, con l’assistenza dello Spirito e dei Pastori rimasti fedeli, exemplum, non aderendo in modo entusiasta e acritico allo sdoganamento dell’adulterio, operato da Bergoglio nella sua esortazione Amoris laetitia.

    L’altra questione collegata al magistero Bergogliano, che viene sollevata dal Padre Ariel, a mio parere può essere letta anche nel senso che, come molti oggi si pongono la domanda “può un papa essere eretico?", andrebbe integrata da una seconda domanda, e cioè “può un papa essere folle?"

    In merito, ho accennato in passato al fatto che i “quattro postulati” filosofici di Bergoglio nella sua esortazione apostolica “Evangelii gaudium”, fanno purtroppo dubitare seriamente della sua salute mentale. View, in proposito, le due analisi seguenti, una del Padre Giovanni Scalese:

    http://querculanus.blogspot.it/2016/05/i-postulati-di-papa-francesco.html

    e l’altra dell’Abate Giulio Meiattini, OSB:

    http://chiesa.espresso. repubblica.it/articolo/ 1351356.html

    che ringrazio per il loro prezioso lavoro.

    Buona Pasqua al Padre Ariel, all’”Isola”, e a tutti voi!...

Leave a Reply