Ex dolorem crucis-politica rectitudo fecit tentorium ex habitu, salvis enim sacramentum est verbum Dei est homo factum pro salute mundi, qui nunc ruit ad ima

L'Angolo di Girolamo Savonarola: Nitor in homiliis catholica semper

— omiletica —

HANG per dolorem crucis-politice recte faciat pulmentum,, SALVIFICA INTRODUCTIO mysterio Verbum Dei homo factum pro salute mundi hodierni velociter ascendent PRAECEPS

.

… et hodie, grande hoc vanitas saecularia studia, quae in mundo placere, effundebantque pecuniam mysterium Dei verbum homo factus est Deus, supplementum alterum: cymba de Spirituali Migrantium, doughnuts liberandum, sive vita tunicas attachiatus ad crucis Christi. Est enim insigne pessimus sloppiness hominum nostrae aetatis Ecclesia visibilis: et reduci crucem-ut dependeat in eo habitu, qui non intrant chorum laeta facie ecclesiis Paschae et Nativitatis, set plaude nostrorum agmine comisabundus incessit ante exitium sui,, cum sponsa Christi pauperis est: submersi, non aquas maris magni multitudinis nimiae, Et non appareat risu dignum in auras, ex ABSURDUS sloppiness, mittite curas quemquam nec miserum lifeline, fortasse reum non Musulmanus, vt facile etiam obstrepit, assensione in mundum, qui odit et plus quam omnes vere est ac veri nominis cristiana utatur.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

Puer natus est, alleluia !

.

in saecula, in cruce, suspensus est quod res tantum ex Christiana traditione cantatis, nisi esset Angelicos testes Christi Deus

Lux in tenebris lucet. Et lux in tenebris lucet, Verbum caro factum est lumen de quo narratur quod monumenta prologo Ioannis Evangelium Tractatus de poetica [videre illud in liturgia verbi adhibitus fuerit, qUI]. Nos volentes potuimus adde: Et lux in tenebris lucet, praecipue in hoc mundo, in quo necesse est et hunc nostrum inter se sperare Christiana et active, subjiciuntur nobis maximum, Difficile qua remotos tristis et omni probat: magna test fidei.

.

Nam aliquot annis ut viewers Consuluit et auunculum Glaorniae tacere primas partes in mutationum maximi momenti sit quod investit generatae per condicionem magno discrimine moribus terrarum, ratio, rei publicae, oeconomia, disciplinis sive ecclesiasticis sive Communitates ecclesiales, de ethica et moralis discrimine paradigma est verisimile esse. Et de hoc discrimine situ ac interitus, ut sit irrumpit in tenebris in lucem quod receperint Dei Verbi incarnationi commodavit, ex nostro principio consequuntur ultimum finem et sicut non receperint.

.

Et nuntiatum est Verbum per verba in temporibus doloris, caritatis spemque ex prophetis; a voce autem Iohannis Baptistae, His autem in rebus humanis ex luce historiae humanae spiritus levavit vocem suam a deserto usque ad conteram in deserto,. Quod Verbum sit vivum, ac solida verbi, sed et hoc silere, omne quod saeculi strepitu incuriam devorantis magnum nil melius in hirundinem, Verbum non tacet quatenus locus aeterna manere dare nobis, hotel quidem exstaret; et quae intra praesepis in horreum.

.

Ad verbum probare Siletur illud opus locus, Et ut manifestius quod communicant hominem subditum suum amant amantur.

.

In antiquis Israhel Ex quo ita illud Hebraeis tetragrammaton sunt nomen Dei, quomodo nemo audeat, tantum princeps sacerdotum, princeps domus Dei, in clausa Sancta Sanctorum Templi Hierosolymitani, demisso capite, purificatus cum silentio se annum multa locutus expiationis, Magnus dies propitiationis.

.

Class aptent agnoscere discimus ut ineffabilem nomine domini, quia per hoc festum priscis verbum Dei incarnatum, in homine et in hominem est ut vivat in nobis et tibi Iesu Nazarene, aperire nostrae prospectu mysterium usque ad verum Deum et verum hominem. Ut fugiamus ab devovimus Nativitatis Domini profanaverunt, Verbum eicient et repleti sunt alii, politice rectam ad summum per propagationem praesepia fic immissis doughnuts liberandum, cum ante Dominum nostrum Iesum et posuit Beati quondam Patriárchæ vénditi in lifebelt. Mysterium Nativitatis in Riappropriamoci, ut inruptionem in historia humana est in carne, Per hunc Jesum, quem adorant in præsepio qui erant in Bethlehem, et in omnibus humani generis fuisse dicitur quod renata renata, ad apicem cum scissa petra sepulcrum Christi, qua resurrexit, et omnibus hominibus qui appellatur est qui suscitet eam. Ne nos adoramus Eucharistia, et animam suam sanctam commemorationem, Donum sua ex reali praesentia in nobis:, pro nobis et uitae aeternae. Ne nos adoramus, unum principium quod, et finis totius humanitatis centrum. Tantum ergo possumus aperire fores cordis exprimere pertinet ad cohaeret: Hodie Christus ... Natale Domini, qui factus est nobis similis invitare nos Similes nos effěciet,, et in ipso et in ipsum.

.

De sacra Liturgia in silentii, prosternens vero intra Precem per verba ultimae Cenae, quod faciunt panem et vinum in corpus et sanguinem Christi vivere, in partes comprehendere conantur mysterium intimamque, incarnate tacitis conscia verbum Verbum taciturnitas. Prostrati genibus, quod 'in nomine Iesu omne genu flectatur cælestium " [in 2, 10]. Nolite lugere, qui nos ante Corpus et Sanguinem Domini sumunt vivit habere problems coxae, sed etiam facit mirabilia ipse autem Hic genuflectitur ad novum ante athletice dirigentes 'verum fidei', seu novus «dogma migrant 'cui accende intus stupam ante pedes vestri qui rempublicam gubernabant plaudite diurnariis in" Nova Ecclesia: "et in" tempore-faciens revolution', impressum "misericordiae" quod sponsis impertit gratiam ad guillotine quis est, qui audet dicere legitimate, et omne quod potest displicere pius gemitus quietam esse secundum suum malum et periculosum.

.

Et historiae Iesu, quod intrat Christus in humana experientia in carne nostra,, Non enim usque tenera in signum populorum utuntur et homines et familiae commercial consummatio ex diversis traditionibus,, summum hominis Iesu Christi in mysterio Deus incipit terrenum iter stabili positum in praesepio reclinavit terminans ligno crucis, ut explodat et paulo post Christum fides est lapis de sepulcrum effusionis, ut resurrectionis vocatione omnium.

.

Ad haec dicta sunt per experientiam Christiana: et incarnatus est, to live, ita et resurgent, ut in Christo, similis erit Deo venit ad nos, ut et nos, gratia eius proiectum in mysterio Christi:, Non enim, sicut fecit illum.

.

Hic est noster fidei depositum custodiendi, reliquum est gentilis modern, idolatriae nolle adquiescere pro targeted ad voluntatem et novum anti-magis placet hoc mundo est Christus, in quo non debet conari in omnibus placere. nos autem, praestoque sint et ministrent ei serve Dei, ut dicitur populi sacerdotes, pugnare enim tam novum non est gentilis et mundum faciunt anti-Christic, quod operatio unius amantes placuit ad verum propter verum ministerium evangelii, qui certe non neurotic obsessive-realis vel lapsu conuena percipi aut pauper ministerium hodie, vixit autem vita christiana veritas. Nos non differret, nec pejus justify aliqua vitia, sicut de fide expressions, quorum nomine quidem appellare existimantur: fides venenis necare,.

.

In aliqua pagina Evangelio quia scriptum est: Quod tibi placere de passionibus vitium mundi, nec pejus silere de gravibus peccatis, verbum quod Deus principalius incarnatus est de sanguine ejus, baptismata facti holocausti victimam et sacrificium super transire peccatum mundi, sed maxime postquam autem certiorem:

.

"Si mundus vos odit scitote, scitote quia me priorem vobis odio. Si de mundo fuissetis, mundus quod suum esse diligunt te; sed quia non sunt de mundo, sed ego elegi vos de mundo, propterea odit vos ' [Gv 15, 18-19].

.

Quantas poenas iudicio, multorum nobis et animarum pastores in crimen a Divino Iudex, In prandium ad esse paganitas populus a Deo illis concreditae nobis, periit esse acquirendae illinc participandae una cum demoni, accitum se receperunt caesis ovile lupus oves simul clamor ausus: "Malum est Big Lupus!». Et consilium in hoc enim sumus:

.

"Vae pastoribus qui disperdunt et dispergat
ad gregem pascuæ meæ!!», dicit Dominus.
Ideo hæc dicit Dominus Deus, Deus Israël:,
ad pastores qui pascunt populum meum de:
"Vos dispersistis gregem meum,, numquid reppulit,
et non visitastis eos pertinet,;
hic, Ego autem punire, propter malitiam cogitationum vestrarum »,
dicit Dominus.
«Et ego congregabo reliquias gregis mei
cunctisque regionibus quas eiecero,
Illuc et convertam eos ad rura sua et crescent,
et crescent et multiplicabuntur.
Et suscitabo super eos pastores, et pascent pecora,
non formidabunt ultra et non pavebunt,
Ut non desit ei aliqua ", dicit Dominus [praebet 23, 1-4].

.

Et iterum::

.

"Propheta et sacerdos polluti sunt,,
et in domo mea vidi malum eorum ',
dicit Dominus .
"Idcirco via eorum erit quasi lubricum in tenebris sunt;
casum non poterit;
quia ecce ego adducam malum super eos,
anno visitationis illorum ", dicit Dominus [praebet 23, 11-12].

.

Omnia autem sic per verba Christi, quod Deus admonet:

.

"Cui multum datum est,, multum quæretur ab eo; et cui commendaverunt multum,, Et plus petent ab eo " [Lc 12, 48].

.

Vanum es recordabor, cum facie: sacerdotes ejus nos,, Quod pretiosissimum a Deo concreditum,: Qui dedit nobis curare, custodiam et curam pastoralem gregis sui, Populi sui sancti.

.

De Luca Evangelista Evangelium beatus est et praedicavi ibi paucis diebus ante Missam in sancta per noctem, paucis rem narrat Natalis Iesu historico modo eligantur a Deo. Post verba hic allata we speak ex divina non venit ad lucem, ut verecundia in praedicando Deum, et quod se manifestat ut homines ad Christum, qui exspectabant, salvator, tamquam si vellet occultare in ipsum manifestata. Agitur de aspectu quodam, qui ad considerandum nos inducit magis magisque in aperto challenges ejus divina voluntate, paedagogiam divinam demonstrant suae.

.

Si forte audiat Dominus, visibile ante revelationem, et corporis, Et invitare voluit, qui non sentiunt in hoc obnoxios esse having ut quaeram magis quam, sicut pastor qui, quasi stella Magi sequere lucem mittere munera, sine metu offensionum posterum “Idolorum servitus Pauperum”. maybe, Dominus, salvator natus est in stabulo,, Studio atque aeterna hoc voluit factus est nobis, Cogit nos ad humilitatem flectere nostris auto-centeredness in via, quod certe est non a torto collo pose, Verum dignitatem veri Christiani.

.

Ut contempler delectationem domini humilitatem Dei incarnatum intra praesepis in stabulo iacentem in vincula est, et invitationem ad penetrandas, altum videtur verum sensus Christianis virtus est quae veram humilitatem, Iter illud obstat impedimentum ponere summa cum Christo Salvatore verae: Quod nos a superbia et necessitudinem cum aliis. Et incipiens a superbia potest sanari nisi per humilitatem de divina firmum in puer Iesus in Bethlehem:, via ad Calvariam sequi, Cum denique Christi resurgemus, qui ex fide in Sao Paulo cœpit dicere: "Est autem iam non ego, vivit vero in me Christus, qui vivit" [Gal 2, 20].

.

Deus occultavit, natus nunc pellibus ut videre potest quod per liberum caritate liberandorum impetu foras mittit timorem perfectum, sicut docuit et in alio loco dicit beatus Ioannes Evangelium suum Apostolo [Cf.. Gv 4, 18]. Quia Deus non magno post terga quae nos tam saepe animos allicere, sed saepe, quod post parva details derelinquas nos prorsus indifferentem; Deus non invenient eam: et non est in occursum eius, in quo sicut in mundo, sed et omnes, qui odit mundum reprobi.

.

In qua via possimus invenire deum quaerere atque occultatum in horreum, memorat historia maxima con, quod cum experientia nos omnes ad conversionem invitat,. Aurelii iste magister est Thogonoetensis, better known as S. Augustini Episcopi Hipponensis,, et qui postea factus est sanctus Ecclesiae Doctor: «petitur amor, amor quaeritur, pulsatur amore, Revelatur caritate ...«Cum amor mirabilia, cum dilectione temptatis, cum dilectione, forem,, cum dilectione in eo revelatur.

.

Tantum in hoc modo quo in can adepto realis firmum in Bethlehem:, quibus firmum esse in fide et divina mysterium; tunc aliquid intelligere Nativitatis Domini; habitabat ad Christi fidem Jesu Christi Deo nostro, Domini nostri et salvatoris. Reliquas - ut ait S. Philippum magister retro in saeculo XVI magna uis hominum ex uisionibus suo Ecclesiaste taking Nigris fave - suus 'iustus vanitas, nil nisi vanitas vanitatum [Cf.. Q 1,2]. et hodie, grande hoc vanitas saecularia studia, quae in mundo placere, effundebantque pecuniam mysterium Dei verbum homo factus est Deus, supplementum alterum: cymba de Spirituali Migrantium, doughnuts liberandum, sive vita tunicas attachiatus ad crucis Christi. Est enim insigne pessimus sloppiness hominum nostrae aetatis Ecclesia visibilis: et reduci crucem-ut dependeat in eo habitu, qui non intrant chorum laeta facie ecclesiis Paschae et Nativitatis, set plaude agmine comisabundus incessit ad exitium sui,, cum sponsa Christi pauperis est: submersi, non aquas maris magni multitudinis nimiae, Et non appareat risu dignum in auras, ex ABSURDUS sloppiness, mittite curas quemquam nec miserum lifeline, fortasse reum non Musulmanus, vt facile etiam obstrepit, assensione in mundum, qui odit et plus quam omnes vere est ac veri nominis cristiana utatur. nos autem, indignus sacerdotes, Hodie sunt mundi usque ad genua flectentes, sicut mos est in conspectu miseri meretricis luxuriabantur, hoc perimus makers. Et quod fuerint homines reddent rationem Verbi Dei, quod in gravibus admonere nos,:

.

"Cui multum datum est,, multum quæretur ab eo; et cui commendaverunt multum,, Et plus petent ab eo " [Lc 12, 48].

.

Et homo factus est, alleluia!

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 25 January 2019

.

.

carus lectores,

Novum in December et ecce cuneus distribuendi libro meo: Ne tibi nihil turbare, et in rerum spiritalium martyrium operis in specie de historia liber novis era ad set ex ferox persecutionem in ecclesia. Ego autem totis viribus ope et aedificate multis, ad hoc praesertim tempore,. Ergo invitare te ad nos copia emere a me [videre qUI] sed potissimum legere.

 

 

 

 

 

 

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.1

nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

 

.

.

.

.

.

.

.

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Avatar

About isoladipatmos

14 cogitationes on "Ex dolorem crucis-politica rectitudo fecit tentorium ex habitu, salvis enim sacramentum est verbum Dei est homo factum pro salute mundi, qui nunc ruit ad ima

  1. Ho seguito in TV la S. Messa della notte della vigilia di Natale celebrata da papa Francesco:
    la Santa Messa è stata veramente bella;
    la predica qualcosa di sentito e risentito;
    il volto del celebrante mi ha suscitato una grande pena perché mi sembrava di leggervi la profonda tristezza di una persona con grossi problemi interiori.
    Che Gesù Bambino, assieme a Maria e Giuseppe, indichino al Santo Padre la strada della serenità interiore: preghiamo per Lui.

  2. Grazie caro padre Ariel (Leo Dei), i suoi ruggiti sono una ventata di aria fresca in questo tanfo asfissiante del politicamente corretto ecclesiastico. Non ne posso più di vedere abominevoli prelati e pretastri che rileggono le Scritture e la Tradizione piegandole alle mode anticristiche sotto l’alto patrocinio dellArgentino e dei poteri mondialisti a lui tanto cari.
    Noi poveri fedeli che non ci riconosciamo in questa chiesa abbiamo due mezzi per cercare di contrastare la deriva: la preghiera e la leva finanziaria. Personalmente non verso più da qualche anno l’8 per mille alla Chiesa cattolica (ma bisogna indicare un’altra destinazione sul modulo altrimenti la somma viene ridistribuita) né sostengo più le missioni dopo che il capo, prima tramite Scalfari, poi con i recenti atti di idolatria, ha indicato quale è il nuovo modello dievangelizzazione”.

    1. Prego affinché una nuova Pentecoste possa infiammare col Fuoco Divino i cuori secolarizzati e senza lo Spirito di Dio. Un cieco non può guidare altri ciechi se non verso i burroni della valle delle ombre della morte. JHS. Nm 6,24-26

    2. I comandanti cambiano, gli eserciti restano:
      se i soldati distruggono le armi, quando verrà un nuovo comandante si ritroverà con un esercito disarmato.

  3. Ariel, pater mi

    buon natale le segnalo una notizia http://www.ilgiornale.it/news/cronache/palermo-messa-natale-ges-bambino-nero-1803731.html?fbclid=IwAR1U14AqkkYFopaT6OxWI0mWn7B-Mui6IqS8TirIZouJ8p_a_q3jLJ9lddY e le chiedo ma perché devono fare strumentalizzazione, quod 7 natali il tema papale è il migrante, ma non si stanca?
    Sempre il solito ritornello?
    Ma dato che li ama tanto perché Bergoglio non se ne va a stare in Africa si vende il palazzo di Londra e gli alberghi e le proprietà, ne sfamerebbe a milioni e cosi non hanno bisogno di emigrare.
    Invece l’immigrazione è un business sia per i mercanti di uomini per le ong e la neochiesa che ne approfitta lucrando le sovvenzioni del ministero dell’interno per l’accoglienza insieme alle coop, ma l’obbiettivo è la distruzione della civiltà cristiana, la sostituzione etnica avanza inesorabile.

  4. Santo Natale a tutti.
    Gran bella meditazione, rem.
    Come prete cosiddetto “Northmanni” (tale mi definisce la gente, io ho i miei dubbi!), ho a che fare giornalmente con il disagio sempre più forte della gente che specie nel periodo natalizio non ne può più di presepi che sono tutti quanti uno sfoggio di profughi, migrantium, ciambelle, barchette, salvagente
    Dubito che Gesù Cristo sia stato bianchissimo, biondo e con gli occhi azzurri, quia caritas, sicuramente non erano quelle le sue fattezze, anche se erail più bello tra i figli dell’uomo”, ma era comunque un palestinese, non uno svedese. Ma dubito che avesse però anche le attuali fattezze negre, o che fosse un africano come lo rappresentano oggi in gran parte dei presepi.

    Visitando in una delle nostre chiese l’ennesimo presepe con l’immancabile Gesù bambino nero con tanto di Madonna tipicamente senegalese o nigeriana, un anziano napoletano mi ha detto … “perchè nel presepe hanno messo il sottofondo di Tu scendi dalle stelle? malum! Come sottofondo dovevano mettere il canto popolareTammurriata nera“.

    _______________

    N.d.R.
    Tammurriata nera, Grande canto popolare napoletano

    https://www.youtube.com/watch?v=3OkcVN-5j0M

  5. Caro pater Arihel,
    leggo su Stilum curiae del nuovo atto di omaggio alla Pachamama avvenuto nella Sala Nervi la vigilia di Natale. Ormai sembra di essere nel cupo clima “culturae” degli anni Settanta col conformismo dell’eskimo ideologico che aveva pervaso le redazioni di tutte le principali testate giornalistiche, la scuola, ogni ambito sociale. Allora come adesso chi dissentiva veniva gambizzato se non peggio e mi è venuto in mente un episodio di uno dei film di Fantozzi là dove al termine della ennesima proiezione della Corazzata Potemkin osa dire l’indicibile: “la corazzata Potemkin è una cagata pazzesca” hic, non servono dotte discussioni, basterebbe un Fantozzi qualsiasi anche oggi che, oltre ad avere il coraggio di dire una cosa di buon senso, dicesse anche: andate tutti affanculo! Peccato che l’80% dei destinatari dell’invettiva la prenderebbe come augurio di buon lavoro.

  6. Caro pater Arihel,

    io sono un suo grande estimatore.
    Pochi giorni fa noi cristiani autentici abbiamo celebrato l’ultima domenica di Avvento. Il mondo invece sembra aspettare ogni anno di più l’avvento del demonio. Ormai è tutto decaduto: securitates, morale… le parole di nostro Signore.
    La chiesa che invece di condannare sempre e comunque la decadenza di questa società, apre a qualsiasi nefandezza che il diavolo ha suggerito nel cuore degli uomini.
    Aspetto con ansia la venuta di Cristo sulla terra insieme ai suoi angeli per mettere fine a questo mondo di tenebre.
    Le sembra giusto che per ascoltare un retto sacerdote di Cristo io debba collegarmi sull’Isola di Patmos e non dentro la mia comunità ecclesiale?
    Sono tutti deviati. Hanno il cuore corrotto!
    Purtroppo le sue parole, belle e in piena sintonia con Gesù non sono altro che una fioca e breve luce che il mondo oscura con le sue tenebre. dominus, che aspetti a mettere ordine?

    1. carissimi Orenzo,

      lei mi sfida, lei mi provoca, lei mi tira proprio le parolacce fuori dalla bocca.
      E questo non sta bene. No, non sta bene che un sacerdote dica parolacce, è disdicevole, oltre che pessimo esempio.
      sed, ci sono momenti nei quali certi soggetti non meritano altro. O dovrei forse replicare a quanto mi ha inviato rifacendomi all’Aquinate, od alla teologia morale di Sant’Alfonso Maria de’ Maria de 'Liguori … ?
      No, quelli della rivista Concilium che pubblicano cose del genere, non meritano tanto, pertanto mi limito a dire: «..vos, ce mancava solo che se mettessero a fa puro ateologgia der bucio del culo!»

  7. caro padre ARIEL

    lei dice : “No, quelli della rivista Concilium che pubblicano cose del genere, non meritano tanto, pertanto mi limito a dire:” «..mo, ce mancava solo che se mettessero a fa puro a’ teologgia der bucio del culo!»”
    le ricordo che fu fondata da eminenti teologi che parteciparono al concilio vaticano 2 ,https://it.wikipedia.org/wiki/Concilium ,
    questa è la nuova teologia

    1. Al concilio hanno partecipato anche persone che sono poi cadute nelle più gravi eresie, come Hans Kung, o che hanno lasciato il sacerdozio cattolico, come l’Abate ordinario dell’allora prelatura territoriale di San Paolo Fuori le Mura, D. Ioannis Franzoni. Vi partecipò il Vescovo Marcel Lefebvre che rigettò alcuni dei suoi documenti e delle sue dottrine, etc. …
      Avere partecipato a un concilio, all’ultimo come a tutti gli altri venti, non conferisce patente di santità e di ortodossia teologica a ogni singolo partecipante.

  8. Carissime pater Arihel,

    nel suo blog non trovo nessun commento in merito dell’attacco di Saviano alla madonna blasfemo e diabolico ho pensato che forse non è al corrente e non sa, vedendo che anche le persone che le scrivono tacciono e si preoccupano dell’otto per mille. Ma vedendo la sua reazione descritta nel diverbio con dei ragazzi ho pensato ma carattere forte. poi ripensando a mente fredda ma un prete che non interviene su questa blasfemia non ama la vergine santissima, ma spende una pagina per raccontare stupidaggini, le rammento che lei è in ritardo di 5 giorni sull’accaduto di questa blasfemia nei confronti della Vergine Maria, ma per il figlio sono come mille anni.

    ps, le ricordo che il purgatorio c’è anche per i preti e il giudizio sarà più duro, la mia preghiera di riparazione i 4 misteri del rosario al giorno
    salutem

    Giancarlo

    1. e io dovrei rispondere a una persona che anziché rivolgere domande mi lancia una serie di accuse, decretando anzitutto che non amo la Vergine Maria e che spendo al tempo stessouna pagina per raccontare stupidaggini”?
      Vuole forse dirmi lei che cosa devo pensare, cosa devo scrivere, come devo pensare e come devo scrivere?

      La ringrazio anche per avermi ricordato cheesiste il Purgatorio”, stia però certo che questa graziaossia il Purgatoriome la concederà Dio e non certo lei. Infatti prego tutti i giorni per questa grazia, non avendo mai avuta la presunzione di pensare solo per scherzo di potermi meritare il Paradiso dopo la morte, sono infatti pochissime a questo mondo le anime che giungono subito nel Paradiso e purtroppo, tra queste, non ci sarà la mia.

      Sebbene di recente un prete tragicomico fuori da ogni cattolico e umano equilibrio abbia aggredito il povero Roberto Saviano con parole durissime pronunciate in un suo video, dopo avere da tempo mutata la Madonna in un feticcio, in un idolo, al di la di ogni corretta teologia mariologica, io che invece considero e venero cattolicamente la Vergine Maria come la Immacolata concezione e la mater Dei, sono perfettamente in grado di distinguere ladiabolica blasfemiadalla pura e semplice ignoranza.

      Roberto Saviano è una persona ignorante, triste vale: ignora i basilari fondamenti della fede cattolica.
      Nelle sue espressioni, non ha inteso bestemmiare la Madonna, anzi era convinto di rendere, come laico, un omaggio al Natale e alla Natività, era convinto di dire cose persino affettuose.

      Quindi non posso accusare di bestemmia e di blasfemia chi non aveva affatto simili intenzioni. Mentre invece posso accusare di bestemmia e di blasfemia quel certo prete squilibrato che tutti i giorni ribadisce che i sacerdoti del mondo intero, che celebranoin comunione con il falso papa emissario dell’Anticristo”, celebrano Messe invalide, magis “Messe sataniche”.
      Quella è gravissima bestemmia e blasfemia, non le espressioni di Roberto Saviano frutto di pura, semplice e inconsapevole ignoranza sulle materie della dottrina della fede.

      concludo: iterum, fidelium, dopo la Santa Messa venivano a baciarci le mani, nunc, gli pseudo-fedeli, tipo lei, ci prendono a calci nel culo; e più ci mollano calci nel culo, più si sentono veri e puri cattolici.

      Un cattolico che fosse veramente cattolicocosa che lei dimostra di non essere affattonon si rivolgerebbe mai ad un ministro in sacris nei suoi toni, dando dei giudizi severi e delle sentenze altrettanto severe che non stanno né in cielo né in terra. Glielo dica, al suoSantone”, che i preti non sono così stupidi da non riconoscere all’istante i suoi settaristi sguinzagliati per la rete ed ai quali egli stesso mette in bocca certe cose istigandoli a fare azioni di disturbo e di offesa gratuita come questa sua.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.