A pedibus usque ad caput baptismata lava

- Letters of legentibus 'Insula, quæ appellatur Patmos -

Pedibus usque ad caput in ablutionem PRAETERLUO

.

Papa est lava, et vide et mulieres osculari pedes, inter et ilia mulier, sicut sacerdos habet conscientiam de eo quod penitus nocuerunt mihi: Christus Dominus, unum de duodecim, nulla umquam femina ingressus tuus; quod si aliqui vellent inserere, Primo forsitan illi mater certissime, Immaculata Conceptione.

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Caro Pater Arihel.

Quaestio opere gemmario: Quid vobis videtur de reditu ex Ordine hebdomadae sanctae de eo, quod per "lavationem pedum" poterit ad mulieres? Quid vobis videtur, et qualis ordo, haec rerum commutationes ? [Editor scriptor note, Cf.. qUI, qUI]

Leonardo G.

.

.

.

lavare pedes
Pontifex Franciscum ritu fit per lavationem pedum Missa in Coena Domini

Ego primum et praecipuum sit officium agere personae introductione: contristatus est enim quod praecipue - atque apud hunc tardus "novanti res ingenio" [res ictu genius], Tristior esse fateor - tempus est differendum fortasse prudenter tacere, aliter se res vili aut metu ab ignavo silentio studia. Lex sapientis magistri mei mihi a traducitur ad praeteritum, atque profundior quidem est ut a Decessore Nostro ven sapientiam meam spirituális, Venerabilibus Fratribus experti tam sacerdotum, Dominican Giovanni Cavalcoli, praeterquam quod admodum elegante speculativus gradu theologicorum praecipue metaphysicae vir Dei pietas sacerdotali zelo magno, Non satis esse hoc ad sacrum ministerium homo intendat operibus confessoris sui.

Stulti qui non solum alteram analyze, Et dare potest impetus ad me, Qui cum statim possis analyze intellegit superiorem esse, si modo iaculat ego pompa, Intus haec philosophia ex diligenti facta elit vestibulum, pompa, theologicis et historicis legalis, post considerationem comparatur detonated; et dixit ad Luigi Pirandello: 'An non cogitas quod si'. Et hoc probatur per hoc quod ad diem non movetur ab auctoritate ecclesiastica ne exprobretur nobis a me, vel iustus coepi usura Sanctus Pleni sunt qui conscientiam tam gravibus expressions, conclusiones sunt loquelæ, neque umquam peristerotrophion constituisses, quam requiro Evangelicam litterae, et dein ex doctrina Ecclesiae doctrinam. Et hoc, ostendit ex testimonio, Promptus est actus. quidem, saepe navigia concitatis molesta exitibus - id quod modo Dei seguiterò et dederit mihi gratiam et vitam - sed non fundatur in subiectiva, vel emotionum impulsus est agens levius habebat plus minusve praecipitem.

Ut multiplicentur dies mihi comments in recens et reddere conabimur in vasto mari blogs, ubi fuerunt relinquere illos qui per tangentem Ecclesiae historia est repente, theologia, atque magistros liturgiae dicentes venit ad se sequi, ignorare non potueritis nec utrumque sine necessariis requisitis iure reprehenderit: Qua de re per profunditatem scientiae defectus damnum ex angustiis, in nocere affectus dolore, quia verbis referre ad seductionem, exstructa sunt tales locutiones non ex animi libertate in condicionibus.

His praemissis, Et respondens potet continire ad "frigus" et objective qui legit et qui me quaestionem de possibilitate usque ad mentum in lotione pedum refugisse in mulieribus Missa in Coena Domini. Equidem in replicare possit quod accepi iniuriam serenitatem, sed substantialis: dissimilis tot sacerdotibus, sed plures sunt episcopi privatim intra viginti quatuor horis suis pavoris, Ego palam exprimere mei poenitet, combining gratiam debitum ad amaritudinem infortunatus arbitrium in sententia ipsius Summi Pontificis, licet in potestas ut sino vos mutare disciplinis, accidens contingit in ritibus institutis, et certe in substantiam Sacramentorum essentia, et ex species, de quibus in casu aliquo modo non scratched, hoc enim bonum est et meminisse exponentia. Vanum autem abscondam, sed, quod a growing numerus episcoporum,, uates ac theologos:, timentes parcere possis tandem substantiae quae sunt per se concinentem accidentibus mutatio, quia tale subiectum ex variis mutantur in species, vel ut corrigantur.

Unum de conservis meis sacerdos Non scripsi vobis dare suas litteras rhetoricae quaestio, aut, si tibi placet academic, Et hoc est quod fecit, quam feci de loco ad Praefectum Congregationis de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum transmittantur. Respondi quia non obtulerit ad terminum Sancti Patris et expandi amictum meum in manibus, in consilio sententia sine expressione. rationem, in facto,, Romani Pontificis auctoritatem agnoscere semper, parere necesse est protegat; rationem, praefecturam ministerii sui, qui potuit creare quidam subscrip loco subscribere quaedam commotio documentum conscientiae eorum Catholico. Et cum, his maxime diebus, Non est omnino difficile invenire careerists, cum scissa veste et pauper ligno crucis circa collum ejus,, sed et anhelitus arguat oris ad hoc accidit? At ille praefectus cardinalis Sanctae Sedis officium of a department, invenire quaestio non fuit subscriptorem, magis: voce satis dare vela paulo invenire se cum exercitu suo, monsignorotti paratum se concitat, aut fortasse per fixuram clavorum, et verbera marsuppium, ac statim signo.

Note aegre tulit aperte quod non in melius habentem Cardinalis Carolus Maria Martini quod linea, Ego got etiam nuper ad commemorare video leccionem in [Cf.. qUI, qUI], sicut dictum est ad articulum in discrimine inditum, et in disputatione theologica pura quam peregrini smentivo celebre ad disputationem cardinal vocantem, qui ad reparationem, quae Ecclesiae nunquam essent: femina ad diaconatum [Cf.. qUI]. His locutus sum, continue me dicens postquam creverant omnibus satis parva agnoscis Cavallini praemissus magnum equum Troianum ante aduentum. quidem, Cardinalis creatus forte nunquam desinit post sacram sedem; ac nisi eo, prodigiosum ideas suas, quia unus post alterum qui est super omnes Augusto Pontifice surfacing ...

Credo enim aliquot annis aetate provecta sit velox motus et sensus ingens deperditionem, verba evangelica et theologica; et signis exterioribus rebus significatur, quod vel terminus - olim exinanita - aliud significant repleti. Curram post periculum fore ut afficiant corpora sempiterna immutabilisque, simplex ad quod altera sit inter vos terminus sursum amissis se ad sensum, sed viepiù: idem sensus.

Et statim iterum explicare temptabimus Exemplum ad hoc sacramentum per quod mysterium, Eucharistia, quod sanctissimum corpus et sanguis Iesu Christi,, De vita et corde navium militum armorum Corpore Suo Mystico quod est Ecclesia. In facto, quod hodie ex Eucharistico Sacrificio celebratur cum Missalis Romani a B. Pauli VI Pontificis Pii V Sancti in loco hoc, Durante liturgia verbi admittantur lectoris et laicos saeculares, ut recitavi et in Prece eucharistica pronuntianda sit vulgaris potius quam latine, de voce pro quietly; ad altare quod est in oriente et pro congregatione, etc .., Sacrum mysterium quod praevaricari non licet, substantia panis et vinum in corpus et sanguis Christi,, in omnibus et singulis sic mattis, Anima et Divinitate.

Sed hoc non potest esse ita surdus est et tandem ut theologice accidentibus simplicem motum negare Christi fideles, facit intimum sensum amittat aeternam essentiam sacramenti. Si quidem per se Eucharisticam Synaxim celebrare incipiunt celebrantibus eo in sensum sui ad removendum illam ineffabilem sanctitas; Post homiliam recitare semihoram sproloquiato consacratoria formula; In media dederunt minutam quasi legens ad articulorum Puella Code, taking poenam semper alteram eucharisticam precem, cui proximum est, ne tollatur “necesse tempus” omnes starring praecipuus liturgus; si sacra tractare sacra continentia specierum observantiae si aeque contingere sacrum de speciebus eucharisticis; simul ut, si fidelium in Eucharistia Corpus Christi, sicut sunt signa confici ex pane azymo; si mutare promissa, quae sunt in laminas capere fragmenta panis eucharistici in medium proiciamus, Argentum eorum ponere constitui nisi omnium sanctorum Episcopus rubrum calvariam,; siue etiam quod nullum vasa purificanda anxius minimis fragmentis apparet visum non poteris quia; Transierunt si ad ostium tabernaculi sancti cultores Non flectunt coram Eucharistic Subsidium; Si ecclesia cinematographica Armchairs subsellia cum repone inginocchiatoi; si fideles edocere ad iustum stare in capite ... dum preces eucharisticas, quae hic sunt populus Domini, et per sacerdotes sui, Et tandem ad illam amittat sensum sacrae Eucharistiae perceptione veritas, cuius est praesentia reali Christi vivum et verum,. In eo, accidentia exteriora progrediens quae suapte natura numquam falsa esse, vere perdere per se est verisimile ad substantiam fide perpetua in saecula permanet quae sequuntur: ut sit panis in Christum vere praesentem, viventem et verum,.

Sic enim collocatur Eucharistia est, neque unquam erit signum simile est celebre convivium celebrat a Domino Iesu et nunc, qui in se agnoscit congregata, celebrare facere se, si quid genibus provolutus ante pauperes 'sint de Christi carne' [Cf.. qUI] et quantum hoc facit, quae in ea vivit atque is est praesens loco per quam panis et vinum Eucharistic. Et si sic loqui liceat, non congrua catechesis in qua explicatur et stricte secundum doctrinam in theologia granite, et ne tota res esset dives, ut colligitur, excluduntur a participatione in Ecclesiae qui mystico lesu Christi torpori, cuius ille est, et nos sumus in capite omnium habitantium membra. Et hoc Corpus Beati omnes membra, et pertinentes reditus stated regardless of Dignitatis. in facto,, Christi facta in coena, Capta est Christus Dominus, et non est ostensum est quam idem apostolis praeciperet vera et pauper: 'Hoc est corpus meum, et sanguinem', et "adorare", "In memoriam de me”.

Et facta est magnificus quantum ad fieri, et a conceptu Theologia populi, et certe sine controversia, quae sua ex arte logice per provinciam Latin America, Verum enimuero non competit universali totius Catholicae multiplicitate, Is involves prima manu,rerum omnes provincialibus, nisi pejus: in rebus arbitrio vilissimi. Totum hoc si molestum non modicum periculosum exinanitionis implens omnem sensum et finem imponeret eodem intellectu mystico Christi Corpore paulino [Cf.. Col. I 1,18], quod est prorsus, in substantia et forma,, per «Quod non potest populus victus united» [Quod non potest populus victus united, Cf.. qUI]

Quod lavatio pedum in Missa in Coena Domini sacramentum non est sacramentale; Hoc est per accidens elementum. Et quoque introductio eius manasse probatur retro ad recens instauratio sacrorum celebrandorum causa maioris hebdomadae Venerabilis Pius Papa Duodécimus Sanctárum. Haec actio tunc translati Dei Verbi liturgicam precise quod signum additae ad imaginem, Is est a angustus ad significatione sacro sacerdotio, quod quidem non est in ministerio. Unde in signis et actibus coniunctae penitus quibus, Prae oculis habitis participes ministerialis sacerdotii Christi, quod per sacramentum Ordinis est potissimum in ministerium, Rationem reddent Episcopi processerunt ut repetere hoc actio ad exemplum datum a Christo Domino [Cf.. Gv 13,1-11] lavare pedes 12 Redemptor Apostolos elegit sacerdotes repraesentabant. rursus, super pastores, Lavare pedes gestus procedatur referentis 12 fontes temptare.

Non credo quod mox Antiates incommodis arbitris, turbatio et crucians iusti autem, evangelicum implens alterum vero sit vacuum signum, in laudem suam, et hoc mundo ceteris dire cruciantur mali intellexerunt et criteria genus aequalitatem, et ex aequalitate. omnia, etiam, per summum exponens maximae semper aggregatio misogynist quod erat in spatio duorum milium annorum Dei Ecclesiae historia: Iesuitis. Fed neque fas neque ambiguo sententiam non suspenditur nec victui meo necessaria, Memini colloquia et cum hoc etiam quod est et quo [Cf.. Mt 5,37], sufficiat ad designandum quod est Societate Iesu De Religiosis illis Communitatibus religiosis pauci sunt qui nunquam rebus favere cognoverat nativitatis suae et feminam genere suo, etiam tanquam de sanctificatis, eo quod esset idem Ignatius de Loyola congregationes duxit feminam dicere: "Gloria Causa partem trium mulieres est maxime difficile negotium administratione in ordinem totius religionis". Sequitur ut, cum alia varii generis usus unici ritus romani: "Et hostes velut mulier quod acts, invitus, Infirmus fortia videntur velit sit ».

Ego non dubito quin Sancti Ignatii de Loyola tam magno exemplar virtutum heroicarum, sed quod ecclesia docet mihi sunt sanctorum, quod talia, divina praeditus perfectum, nec humano, fundamentale duabus positionibus circa errores non sanctitatis: sapientiae et prudentiae. Hoc est dicere Ignatii de quadam historica documenta exarata sunt et non accipere in propter maybe verificatur: quod “infirmi” feminae, et post scaenae scaenae tam in - potentes, sed etiam wanting in cubiculo, inter ea quae non maritorum - tanta vis gratiae desudarunt in Europae civitatibus, opinione et iudicio pergentis; et praeter determinationem trahitis belli regnauit annis quibus regibus multis. Sciendum tamen,, Nativitatis saecula quinque, strepitus magni amoris’egalitarianism sexus; qui ab ipso procedit Iesuitis fuisse fere saeculis misogynistic occasum. et mulieres, liceat mihi, obsecro,: nescis repente, pernoctare, in uigiliarum et morem habitus huius mundi, et quod probatio est,, ubi sancti Patris Francisci elegit pro variis de feminae muneribus et officiis, Et finita est ad arbitrium - test semper esse Tullo regi aptiora - maxime iniuria. Semper desiderabat scire si consilio feminae, reperiuntur quam qui cito a religiosae fundamentum saecula quinque, Et hoc non factum. Et quis novit nisi qui accipit Iesuita aliquis ideam entis et maxime poterat discere aliquid a foris instituts socialia-politica mentis et cogitationes Societate Iesu, Placere sisterent eum ad me, et osculatus sum manibus nititur et reverentia intentione.

Feriae Quintae in Cena celebratur erectionem duorum mysteriis: ad Eucharistiam et Sacerdotium. Non accidit, die illa, Sacerdotes autem ante episcopum solemniter innova dies sacrata sumus promissiones gratiae sacramentum consecratur sanctus Ordini Presbyterorum.

Papa est lava, et vide et mulieres osculari pedes, inter et ilia mulier, sicut sacerdos habet conscientiam de eo quod penitus nocuerunt mihi: Christus Dominus, unum de duodecim, nulla umquam femina ingressus tuus; quia, velle se inserere aliquid, Primo forsitan illi mater certissime, Immaculata Conceptione.

Quod si, ut primo in instrumentis representation factum est autem tempus a Summo Pontifice ex carcere Rebibbia, Franciscus Pontifex sedens in cathedra episcopali LATERAN apud Basilicam S. Ioannes dedit mihi duabus de alapas patiebatur in faciem meam in conspectu omnium, Aeque enim fecisti, nedum ut humilieris praesertim, talia velut in actus nazionalpopolare totum diem Catholica orbe - repetere non sum rerum non e provincialibus - celebrat institutione de Eucharistia atque de sacerdotio, coepta per voluntatem Dei 12 homines; elegit precise pro ratione divinam et sic volueritis recipere disciplinam certe non esse discrimen inter sexus ab Institutis privatis et post, duorum milium. Ad hoc dico quod, post haec cursum Cavallini, Cardinalis Carolus Maria Martini nomine tandem equo Troiano: femina ad diaconatum, et cum "rationabile" in diaconatus ministerio est opus quod excusat institutione servitii apostolici [Cf.. In 6,1-7] et diaconus participare sacerdotium ministeriale, non esse a Christo Domino, quae sunt quae in Sacramentum gratiae sacerdotibus. Et relinquam illam quærentibus posteris perpendere consectaria quae dicitur hodie si in priorem ordinem voles, seu de quibus et si non voluntas est in probatus est minus longinquus.

Et ultima nota concludere et: Et nota quod tam late comprobatum est: Sancti Patris, liturgicos patet sequens multorum malorum ultimum dimidium saeculo metiuntur Jesuitarum amet, genua eucharisticam proferentis precem non, hoc est dicere aliquam "festive" justify ex iusta causa parata sunt et argumenta rerum docent,, Pede elit ut videtur.

An hoc fieri potest ut hae difficultates, ad ineffabilem sacramentum gratia, subito evanescunt, instead of having coram eo Ss.mi Corporis et Sanguinis Christi,, Pontifex oculos versatur Musulmanus pedibus Mulieris, qui in conspectu eius coxae et genua quis habet psychico-physica quaestio est lavabit et se osculantur?

An senes sacerdos, annos percussum a plaga, Et rogabat eum ut auxilium ad genua flectere,, ad minus poterat quod, in prece eucharistica,. Et hoc est quod vere physica insuperabilis difficultates. Sed iuvenis se praebeat ille orabat eum, aut diaconus fere eum adiuverant, et in eo tendunt ad minus dimidium ad dextrum genu. Et cum iam amplius dicam nisi coactus flectere genua flectunt dextra caput altius, Semper leniter interrogavit eum deprecari pro scelere Dominica esse non possit flectere vel super sanctissimum corpus et sanguis in conspectu eius viveret.

Et alii sunt mihi haec exempla monstrabit, exemplum autem horum exempla vitae actionisque sacerdotalis sum in animo meo sacerdotio fungeretur in animam viventem, relinquo aliis pedibus est tangere Taciti captivis media accende intus stupam.

Divina autem substantia ex Ordinis sacramento derivantur Sicut non est consecutus non competit Romano Pontifici; et non pertinent ad ecclesiam, Quia ex divina institutione est in sacramentis suscipiendis servare et distribuere,, sed dominam suam, una custodia fidelis dispensator, et, propter gratiae sacramenta non sunt 'available bonorum ". Sacramentum Ordinis sacramentum per nos data est gratia reliquisset ut Christo inserviret, in modo forma, et a sancta Ecclesia nobis repulsi, Anno primo auctoritate summi officii eius: tutela fidei depositum custodiendi, quae etiam si res tradita tuitione sanctae, Memor esto Dominum Jesum nobis reliquit exemplum, quod sit actus ex serie et rerum adiuncta in ipso extenditur ad magnum:

.

«Qui autem scandalizaverit unum de pusillis istis qui credunt in me, Is would exsisto melior est illi si lapis molaris inponatur circa collum eius, et, et demergatur in profundum maris " [Mt 18,6].

.

Cogitare nefas est quod tam severae sia rivolto da Cristo Signore solo ai casi di pedofilia od a coloro che per la sicurezza di intere popolazioni tentano di rifiutare l'accoglienza ad orde di musulmani che stanno invadendo l'Europa in veste di falsi profughi per poi procedere ad una nuova colonizzazione del nostro et antiquis mori continentem.

In hac umpteenth ejus "inventum" Sancti Patris, neque in legitima auctoritate exercitium eiusdem apostolicae, mutantur enim imperio eius, hoc est penes ilium baud dubio in speciem mutare, scandalizabuntur multi pusilli, et addiderunt ultra exsultatio densis exercitus secularists collaudantium bacchantium, cum ignorante - aut scire wanting in omni - ne quidem ad primos quinque verba symboli: "Credo in unum Deum ...", pro quo iam pridem, columnae tabula publicae ephemerides et aliorum secularium, clamoris laetantium conticuit: "Vivat Franciscus Pontifex, usus!».

Una est revolution et sacerdotes, qui vocavit nos in Christo: praedicate Evangelium, arcere ceteroquin intendit a traditione catholica atque defendat Populi Dei per fidem. Legati haec prima raptum quas baculo qui periculum, agmine comisabundus incessit, plausus, laude quis diluit Evangelium incerta facit ut illa faciamus de stomachum ad mundum faciunt dulce et sapidum, patiens bulimia ab impotent!.

No, sapidum et dulce est evangelium, Nascitur in stabulo quia in Bethleem et in summitate desinit crucis, in agonia prolixius, ci viene allungata sopra una canna una spugna imbevuta di aceto:

.

« … Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: “Ho sete”. Vi era lì un vaso pieno d’aceto, posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima ad una canna e gliel’accostarono alla bocca» [Gv 19,29].

.

Questo è ciò al quale ogni sacerdote deve essere pronto a lode e gloria del Nostro Signore e Redentore, che non è venuto per piacere e per compiacere il mondo, lo provano la croce e la spugna imbevuta di aceto, unici mezzi possibili per essere resi partecipi della Sua risurrezione. Se però qualcuno, Sommo Pontefice in testa, conosce qualche altra via, a partire dalla simpatia del mondo per seguire col plauso dei giornalisti atei compiacenti, che allora ce la indichi in fede, sapienza e coscienza, perché noi ne prenderemo atto e la seguiremo, quindi laveremo e baceremo i piedi anche alle donne musulmane alla Missa in Coena Domini; e se fosse necessario daremo loro anche lo smalto alle unghie dopo il servizio di lavanda, applicando le apposite creme emollienti per eliminare l’indurimento dei talloni derivante dall’uso prolungato dei tacchi alti. Il tutto lo faremo, rectus, sotto i riflettori puntati e gli applausi degli atei laicisti che pur non conoscendo ― né volendo affatto conoscere ― nemmeno le prime cinque parole della Professione di Fede, loderanno a gran voce i preti dellaNew Churchconformatisi in tutto e per tutto alle direttive del nuovo dicastero della Santa Sede per le pari opportunità.

.

.

.

____________________________________________________________

.

NOTA

.

Paperback Author Patmos Island,
auctor
conficiendis
Insula, quæ appellatur Patmos

.

Qui seminant in lacrimis,, gáudio metent [Salmo 125]

.

.

carus lectores,

al solo fine di rendervi partecipi del numero sempre più crescente di lettori che affluiscono sullInsula, quæ appellatur Patmos, riteniamo doveroso informarvi che dalle ore 17.30 quod 25 gennaio alle ore 14.30 hodie 27 January, questo singolo articolo ha ricevuto 88.436 Visit, quod 58% delle quali provenienti dall’Italia, quod 42% da vari Paesi del mondo.

Questi i risultati della nostra rivista telematica ad un anno e tre mesi dalla sua apertura.

Nos gratias ago tibi,!

.

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

27 cogitationes on "A pedibus usque ad caput baptismata lava

  1. non esiste proprio che io faccia la lavanda dei piedi a delle donne, e non la farò per i motivi magistralmente espressi da Padre Ariel che ci ha ricordato a tutti quanti cosa significa quel gesto e, primum, cosa viene celebrato quel giorno: l’istituzione dell’Eucarestia e del Sacerdozio.
    Mi si potrebbe dire chenon è obbligatorio lavare i piedi alle … “apostole”.
    quidem.
    Tante sono le cosenon obbligatorieche ci vengono imposte, semmai non ci viene imposto il rispetto della sana dottrina, delle regole liturgiche, ma se ometti certe cosenon obbligatoriepartono i suoni di zampogna del vescovo.
    Quando alcuni parroci (maybe, quis novit, magis “multa nimis” che alcuni?) diranno di no, scatteranno le proteste di certi laici impegnatissimi che confondono le comunità parrocchiali con i centri sociali.
    Già le ebbi di proteste quando 14 years ago, giunto nella parrocchia a me affidata, dissi che non volevo all’altare le cosiddettechierichette”, e nessuna ragazzina è più salita all’altare.
    Attendo dunque la Settimana Santa 2016, perché se qualcuno protesterà dinanzi al mio categorico no andando a lamentarsi con il vescovo, io mi recherò presso di lui e gli consegnerò le chiavi della parrocchia, può sempre affidarla ai laici impegnatissimi che vorrebbero trasformare le chiese parrocchiali in centri sociali.

    don Bruno

  2. Non è che voglia fare il prete napoletano scugnizzo, giacché si parla di cose serie, sulle quali non si scherza, e non si deve scherzare. Dico però che lavare e baciare i piedi a una donna è un gesto ad alto tasso dipericolo erotico, e molti preti, di quelli sani, potrebbero rimanere turbati per giorni e giorni.
    Che il Signore ci salvi presto!
    (Don Ciro, Neapoli)

    1. Hai espresso un disagio vero, con un sorriso, e con disarmate realismo.
      Concordo con quanto ha scritto don Bruno, e concordo con te, confratello napoletano, che concludi affermandoche il Signore ci salvi presto!”
      et, che ci salvi presto.

    2. Don Ciro, anche se non precisavi che eri napoletano, gli occhi attenti se ne sarebbero accorti subito.
      Un abbraccio a te che hai la fortuna di startene di questi tempi a temperature mediamente al di sopra dei 10°, chiamasi questa mia … “invidia”.
      Don Stefano (Trento)

      1. Fratello caro! Se avessi soldi verrei da te in Trentino a farmi una settimana bianca, per liberarmi un podello smog partenopeo!
        Comunque non avvilirti per le basse temperature, potreste fare un nuovo Concilio di Trento, così vi riscaldate tutti quanti e tutti quanti con voi ci riscaldiamo. Sai, forse sarebbe giunto il momento di rimettere i puntini sulle “ego”, se non altro per non dare a Padre Ariel l’opportunità di scrivere i giusti articoli che scrive e fare le giuste video-lezioni che fa. Il giorno che sarà disoccupato, sarà il segno che la Chiesa è tornata a essere per davvero una santa cattolica e apostolica.
        D. Ciro

  3. Nel completo silenzio del nostro episcopato, per un lato trovo molto confortante, ma per l’altro lato trovo molto preoccupante, che a dire con molto garbo (Pater Giovanni Cavalcoli) e con garbata severità (padre Ariel Levi di Gualdo), “si si, no no”, siano rimasti, in tutta Italia, solo questi due decisi e coraggiosi sacerdoti e teologi dell’Isola di Patmos.

  4. A proposito del fatto, sottolineato da don Ariel, che il regnante Pontefice non si genuflette durante la Consacrazione delle Sacre Speciemi viene in mente un episodio avente come protagonista il Santo Pontefice Giovanni Paolo II.
    2004, processione del Corpus Domini. Il Papa aveva ormai perso l’uso delle gambe. Per questo sulla vettura papale era stata fissata una sedia affinché lui potesse sedersi durante il tragitto, peraltro piuttosto accidentato. Davanti a lui l’ostensorio con il Santissimo Sacramento.
    Il Santo Padre non ne vuole sapere di stare seduto davanti a Nostro Signore. Chiede ai suoi collaboratori di aiutarlo ad inginocchiarsi. Ma quelli cercano di spiegargli che è pericoloso, che potrebbe cadere. Il Papa li supplica: “Lì c’è Gesù… per favore…”. Aspettano che il selciato si faccia meno irregolare e provano a farlo inginocchiare, ma il Papa non si regge sulle gambe e cerca di aggrapparsi all’inginocchiatoio. Sono quindi costretti a rimetterlo a sedere quasi subito.
    hic, un piccolo episodio che esprime molto più di mille trattati di spiritualità la devozione dovuta al Corpo, al Sangue, all’Anima e alla Divinità di Nostro Signore.

  5. Siamo non certo all’eresia ma allo scandalo…. queste scelte del Papa sono di scandalo e non solo ai piccoli, ma anche al Clero vero che già fatica per mantenersi, hodie, fedele alla Sposa…. Sono una donna, sposata e con figli, e trovo scandaloso che un Papa mi chieda questo e non perchè adesso dovrei essere io la maliziosa, ma è questa imposizione papale che mi mette in una situazione di disagio…. Un conto è trovarmi, in sede confessionali, con un sacerdote ed è un Sacramento; diverso è trovarmi a farmi baciare il piede da un prete al di fuori di ogni concetto di sacramento…. quod, non vi è alcuna necessità di esporre i “cogitationes” in pericolo.
    Propongo col Tuo santo aiutodi fuggire le occasioni prossime di peccato…” diciamo nell’atto di dolore, e il Papa non sta affatto aiutando…. in brevi, il senso del PUDORE che fine gli facciamo fare? è dalle piccole cose che si comincia, anche da questo gesto che sarebbe più saggio lasciare al Clero per i motivi spiegati bene nell’articolo.

  6. Si potrebbe, maybe, per iniziare, lavare i piedi a delle anziane signore della terza, quarta età e nel farlo, pensare alla propria madre che tante volte con amore, ha lavato piedi e parti anche più indecorose.
    Si potrebbe nel farlo pensare a tante donne che nel silenzio si prendono cura di genitori, parenti o pazienti anziani e disabili, lavando, pulendo, toccando l’intimità delle persone, con tatto e delicatezza .
    Lo scandalo, i pensieri impuri, possono essere evitati credo con serenità facendo scelte opportune.
    Il Sommo Sacerdote, Quello che ha squarciato i Cieli , si è spogliato della Sua divinità, si è fatto spogliare della Sua veste regale e si è fatto servo di tutti è l’esempio che ci viene proposto mi pare. Anche questo è unFate questo in memoria di meche è l’altra faccia dell’Eucarestia.
    Senza nulla togliere alla dignità del Sacerdozio. Io i piedi ai Sacerdoti li bacerei, (con tutte le scarpe).
    Perdonatemi l’ingerenza.

    1. Veniam in me, sarebbe così gentile da indicarmi e da indicare anche agli altri lettori, in quale preciso passo del Vangelo, istituendo l’eucaristia e il sacerdozio, Gesù dice a delle donne: “fate questo in memoria di me”?
      Perchè con questo suo commento lei conferma ciò che il padre Ariel ha scritto nel suo articolo: svuotare il sacerdozio e l’eucaristia delle loro essenze per riempirle di altri significati, dei significati che, inter alia,, hanno a che fare con l’emotività umana più che con il deposito della fede e la tradizione cattolica.
      omnia haec, per chiarire meglio, espresso da un prete (infrascripto) di area cosiddetta progressista. Un conto è però il progressismo cattolico, altra faccenda sono i protestantismi e tutte quelle riforme che hanno portato al collasso e alla fuga di fedeli dalle chiese luterane, anglicane ed episcopaliane che, in nome di una male intesaparità dei sessi”, hanno già fatto quello che purtroppo sembra stiamo cominciando a fare noi, e lo hanno fatto mossi da profondi sentimenti emotivi

  7. Gentile Don Luca, la risposta alla Sua domanda è : “lo ha detto agli Apostoli nell’ultima cenanon lo ha detto alle donne. Accertato questo che è scritto nel Vangelo di N.S.G.C. , personalmente non desidero svuotare di significato neil Sacerdozio, nel’Eucarestia, mi riferivo a quello che ha scritto il Papa nella lettera che è stata pubblicata, laddove leggo : ” affinché esprimano pienamente il significato del gesto compiuto da Gesù nel Cenacolo, il suo donarsi “fino alla fine” per la salvezza del mondo, la sua carità senza confini.Se questo Papa, di questo gesto, del quale il Rev. Don Ariel ha descritto ed evidenziato egregiamente il senso (o un significato) vuole mettere in evidenza invece il senso del servizio, del dono di sè, della carità senza confini di Gesù, allargandolo a tutto il popolo di Dio, forse lo fa perché di carità e amore e servizio gratuito e gentilezza e dono di sein giro non se ne vede tanto. Mi pare non sia obbligatorio nela lavanda dei piedi, nescegliere donne giovani, carine, con bei piedini con unghie smaltate(anche questo rientra nel carico dell’emozionale). Nella Chiesa dove vado lavano i piedini a bimbi/e del catechismo.

  8. Di carità si parla ormai in ogni occasione, ma nella Chiesa la prima carità è adorare Cristo Signore nella Santissima Eucarestia. Mi sembra che questa forma sia in totale disprezzo. Non sarebbe ora di rimettere Gesù al centro della nostra fede?

    1. Inserire anche qualche donna (magari anche musulmane) nella Missa in Coena Domini è forse in contraddizione con quanto Lei sostiene?

  9. Narra la leggenda che all’apostolo Pietro in fuga da Roma per scampare alla persecuzione di Nerone, sia apparso sulla via Appia Gesù con la Croce. Alla domanda di Pietro “Domine, quo vadis?", Gesù avrebbe risposto: “A Roma, per essere di nuovo crocifisso”. Petrus, compreso il rimprovero, tornò sui suoi passi ed affrontò il martirio.
    Crucis ? Appunto, la Croce! Dove l’abbiamo relegata? Quasi ce ne vergognassimo.
    Petrus, la Croce di Gesù, la Persecuzione, il Martirio e la Gloria ….. celeste?

  10. Don Ariel scrive … «Papa est lava, et vide et mulieres osculari pedes, inter et ilia mulier, mi ha profondamente ferito»

    immagino oralavare e baciare i piedi a tre donne copte (cristiane ma eretiche), a tre musulmani, ad un indù, e a un’operatrice donna (Catholic? quis novit, ma in ogni caso donna!) ,,, O Ariel,… come si sente?

    1. carissimi Beppe.

      Mi sento come uno che avrebbe voglia di dire al Santo Padre: e adesso, quando c’è bisogno di celebrare il Sacrificio Eucaristico, di assolvere dai peccati, di amministrare i Sacramenti di Grazia e quando è necessario assistere variamente il Popolo di Dio, mandaci questi apostoli musulmani, indùe queste apostolesse donne.

      Ma non rispondo così perché la mia fede me lo impedisce, specie di fronte ad un Romano Pontefice che lava e sbaciucchia i piedi a tutti, meno che ai suoi sacerdoti; perché fu ai suoi apostoli e sacerdoti, che il Verbo di Dio li lavò, cosa che fece per uno scopo e con uno scopo ben preciso.

  11. tum …. credo quia absurdumè incomprensibile! un Romano Pontefice che lava e sbaciucchia i piedi a donne (e alcune per giunta eretiche! Etiam, ma l’esser donne è peggio), a musulmani, a indùe questo non così, in un’occasione estemporanea, ma nella Messa in coena Domini, modificando la liturgia, e chiedendo che anche i suoi confratelli vescovi, e i parroci tutti, lo seguano su questa pericolosissima stradacapisco che sia difficile accettarlo, e tacere… hic, credo quia absurdum

  12. Ieri, il Papa alla Messa in Coena Domini, celebrata in un centro accoglienza profughi, e dove a lavato i piedi a 11 profughi e ad una operatrice del centro, ha pronunciato le seguenti parole: “Anche oggi ci sono due gesti. Questo gesto, qui, tutti noi insieme, Musulmanorum, indù, catholici, copti, Evangelici, ma fratelli, figli dello stesso Dio, che vogliono vivere in pace. E tre giorni fa un gesto di guerra, di distruzione, in una città dell’Europa: è gente che non vuole vivere in pace. Ma dietro quel gesto, come dietro Giuda, c’erano altri. Dietro Giuda c’erano quelli che hanno dato il denaro perché Gesù fosse consegnato. Dietro quel gesto ci sono i trafficanti di armi che vogliono il sangue, non la pace. Che vogliono la guerra, non la fratellanza. Noi tutti insieme, diverse religioni e diverse culture, ma figli dello stesso Padre, fratribus. E là, poveretti, quelli che comprano le armi per distruggere la fratellanza. Quando faccio lo stesso gesto di Gesù, lavare i piedi a voi dodici, tutti noi stiamo facendo il gesto della fratellanza e tutti noi diciamo: siamo diversi, abbiamo differenti culture e religioni ma siamo fratelli. Ognuno nella sua lingua religiosa prega il Signore

  13. La scelta andava fatta fra tutti i membri del Popolo di Dio, secondo quanto scritto nel Decreto.
    Il Papa ha agito diversamente ieri, parlando di figli dello stesso Dio. I due concetti teologicamente sono uguali?
    Popolo di Dio non sono i battezzati, come precisa analiticamente il Catechismo al n. 782?

  14. http://cinquepassi.org/2016/03/piedi-conosciuti-giovedi-santo-2016/
    Padre Maurizio Botta C.O.
    Paschalis sollemnitatis -Congr. culto divino – 16 January 1988. Tutta l’attenzione dell’anima deve rivolgersi ai misteri che in questa messa soprattutto vengono ricordati: cioè l’istituzione dell’eucaristia, l’istituzione dell’ordine sacerdotale e il comando del Signore sulla carità fraterna: tutto ciò venga spiegato nell’omelia.
    A chi Gesù ha lavato i piedi? Ai più vicini. Ai suoi Dodici. Osserva J. Vanier «quando Gesù istituisce l’eucaristia si rivolge a tutti e dodici i discepoli insieme; ma quando si inginocchia e lava i piedi, lo fa a ciascun discepolo individualmente, toccando la sua carne» Piedi conosciuti quindi. Non di poveri o malati, ma di uomini frequentati quotidianamente. Il comandamento più arduo. Quel “voi” è definito da Dio. Dodici non tredici. Questi e non quelli. Quante volte ho visto generiche passioni per i lontani, per gli ultimi. Tuffi carpiati nel volontariato sociale. Tutto, ma fuori. Ai lontani perdoniamo molto, perché nulla abbiamo da perdonar loro. Paternalisti e indulgenti fuori, mai con lo sposo o con la sposa. … (sequitur,)

  15. Credo che a questo punto, dopo tre anni si possa, serenamente e pacatamente, tracciare un bilancio del pontificato del regnante Romano Pontefice. Sulla base delle parole di Nostro Signore: “conferma i tuoi fratelli”.
    nunc, gratia, può mai essere che colui che è chiamato a confermare i suoi fratelli se ne venga fuori periodicamente con sparate allucinanti e con quattro parole a mezza bocca campate in aria per la gioia dei media laicisti ed anticattolici?
    Può essere che costui sia così umile da non dare retta a nessuno se non a se stesso, ai suoi amichetti dellasincretistica Compagnia delle Indie” (mem.) e al suo “theologus” fiducia, tale Tucho Fernandez, autore della preclara opera di alta teologia dogmatica sporcaccionaSaname con tu boca. El arte del besar”?
    Può essere che costui definisca in mondovisione Walter Kasper (allievo dell’eretico Hans Küng) “un buon teologo, un teologo in gamba”, che affidi a quest’ultimo la redazione dell’instrumentum laboris sinodale e a Bruno Forte (allievo di Martini) quella della relatio post disceptationem?
    Può essere che costui elevi all’episcopato gente del calibro di Lorefice e Cipolla e piazzi a forza Galantino alla C.E.I. ?

Ad secundum Aliquam doncir.11 Cancel reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.