Colloquium cum Andrea Turazzi Episcopo San Marino-Montefeltro: Sunday 26 September suffragii respublica minimae et vetustissimae in mundo decernet an abortum legare

— Interviste —

COLLOQUIUM CUM ANDREAE TURAZZI, EPISCOPO S. MARINO-MONTEFELTRO: DOMINICA 26 SEPTEMBRIS SUFFRAGATORUM MINIME ET ANTIQUAE REI PUBLICAE IN MUNDO LICET UTRUM LEGIBUS Abortus

.

«Quindi uno non può considerarsi cattolico e poi, pro exemplo,, non agnoscunt vitam humanam sacram esse ex conceptione. Fidelis actio creationis Dei contemplari debet. conceptus semper in relatione est, speciale foedus cum Creatore, ha un’anima immortale».

.

Andrea Turazzi
Episcopus Sancti Marini-Montefeltro

.

.

PDF Print Article
.

.

Cor ad cor loquitur (il cuore parla al cuore), locuzione tratta dall’epistolario di San Francesco di Sales, stemma episcopale di S.E. Mons. Andrea Turazzi, Episcopus Sancti Marini-Montefeltro

Al referendum di domenica 26 September gli elettori decideranno se la Repubblica di San Marino deve liberalizzare l’aborto, conformans mentalitati dominanti in multis regionibus occidentalibus et quidem eas superans in extremism (videtis hic analysis iurisperiti Iacobi Rocchi), vel si e contra, exemplo esse pergat in tutela nascentium, in generationes crastina. Ut iam dictum est ab Adolfo Morgani psychotherapist in colloquium cum orbis, expeditio nulla ad referendum quaestionem validam convocationem laicorum catholicorum vidit. Sed Ecclesia localis etiam suam partem facit, cives fovere tum infantem in utero defendere et matres in necessitate adiuvare. New Daily Compass adierunt episcopus Sancti Marini-Montefeltro, S.E. Mons. Andrea Turazzi.

.

Monsignor Andreas Turazzi, ea in recenti homilia, de abortus disputatio, in Rempublicam Sancti Marini advocavit ut ipsam interrogaret de eius valoribus fundatis et de eius incepto in posterum. Potes indicare nobis de his valoribus?

.
Primum, videndum est ad creaturam quae modo incepit adventum suum. Omnis homo ius habet ut vivat. Hoc ius est quod omnes alios praecedit. tum, defendens foetum multo magis quam principium abstractum defendens, quia accipit hominem. Iuxta illud pueri prospectus est matris, et fulgens in adventu novae creaturae et anxius, sollicitus propter difficultatem: oportet nos curare omnia possibilia ei comitante. Non sibi ipsi relinquitur, sed eius difficultatibus cordi est habenda. Quis est abortus, saepe, facit id quod non est auxilium, et oeconomica; oportet ut numquam iterum, societas nostra, nulla natus est similique rerum.

.

In Declaratio iurium civium et principia fundamentalia iuris systematis San Marini legit,: "Omnis mater ius habet ad auxilium et tutelam communitatis";. Hoc modo quaestionem reperit referendum, bona substantia,, necessitudines inter mulieres et communitatem seiungunt, quae eas re vera defendunt?

.
quidem. Referendum expeditionem, maxime paucis diebus, sonis vividis magis accipit sed occasio debet esse conscientiae saltus, officii, opportunitatem reflexionis pro tota communitate. Est puer natus, mom ad auxilium, et hoc significat quod societas nobis necessaria est quae consistit. Laetus sum firmum nullum abortum facere in dies magis magisque cum vocibus et gestu attentionis erga mulieres. Et hoc non solum est munus singulorum, sed etiam quid civitas facere debet. Obiter, in San Marino hiems demographica est, quae magis notabilis est quam alibi, quia parva societas sumus. Homines claritate opus sunt et ratio constructiva in disceptatione praevalere debet, pulchritudo et donum vitae. Sed hoc puto in multis, spero autem quod aliae persuasiones etiam interrogant.

.

Praeter matres difficilibus uterum, matres quae abortivi adiuvantur ut iter reconciliationis cum Deo ingrediatur. Comitantes coetus activae sunt vobiscum hac de re?

.
Ad San Marino, praeter Ioannem XXIII Communitatem et Caritas, Grata ad vitam servitii per duos annos operata est, pulchra testimonia offerens quae experientias puellarum puerorumque vitam ex communitatibus nostris colligunt.. Paucis diebus exitum huius referendum cognoscemus, speramus bonum exitum, sed utique, vae linteo inicere obligationis ad vitam nascentium, propter propinquitatem ad matres in difficultate, etc.. Opus erit etiam durius, quodcumque eventum. Hoc proelium ad Italiam et totam Europam, quapropter parva hic status conscientiam provocat decies centena millia hominum.

.

Item quia unus est de paucis, qui in agro defensione nascentium resistunt. Ad exemplum civilizationis referendum est, sed progressivum torcular depingit, ut "retrorsum";.

.
quaerere, Ego hortatus sum per intercessionem Summi Pontificis in plano de itinere suo in Slovakia . rediens, in quibus Sanctus Pater iterum luculenta verba contra abortum pronuntiavit. Quod etiam facere debet omnes catholici.

.

In quo sensu?

.
Etiam hic sunt catholici rebus socialibus commissis, de iure humano, in custodia communis domus. Ex altera vero parte, catholici attentiores ad principia ethicorum servanda, non MERCABILIS. Sulcus inter has duas animas, da November, interdum suus 'non esse altum; utrique tamen officium sensisse dicere Evangelium Dei erga hominem, Evangelium dignitas personae et Evangelium vitae unum sunt et indivisibile. Non potest igitur aliquis considerare se catholicum et tunc, pro exemplo,, non agnoscunt vitam humanam sacram esse ex conceptione. Fidelis actio creationis Dei contemplari debet. conceptus semper in relatione est, speciale foedus cum Creatore, habet immortalem animam.

.

In San Marino vehemens est laicorum catholicorum convocatio pro vita a conceptione. Videtur quod voluntas S. Ioannis Henrici Newman impleatur, fortem laicum petendo .. .

.
In Reipublicae San Marino, in hac expeditione, benigne testati sumus duas res saeculares procreationem. Concilium congregationum laicorum, quae colligit duodecim coetus ecclesiales; et contraria committee, unus Nobis Committee, quae nullum abortum exprimit in anthropologia et scientiis. in facto,, non debet esse pugna inter catholicos et acatholicos, sed occasio excitandae conscientiae civilis, id est, valores in recta anthropologia fundatos et tamquam bona a quovis cognoscibilia.

.

Haec quaestio, sicut lex iam 194, pater interficiam. Quid vobis videtur?

.
femina, clare, graviditatis onus et lassitudo portat, sed pater non potest repelli.

.

Est etiam oppugnatio in Sapientiam creantis Dei?

.
A phrasis Sacrae Scripturae in mentem venit, in libro Ieremiae prophetae: « Verbum Domini ad me: “Antequam te in utero formans, Sciebam te, antequam exiret in lucem, Consecravi te; [...]”» (praebet 1, 4-5). Hi versus sunt testimonium amoris Dei. Itaque invitatio mea ad praesens est, hanc expeditionem participare pro vita nascentis et id facere cum spiritu doni, actus amicitiae. Volo non verborum rixae. Ex parte nostra, responsa dare debemus quae doctrinam catholicam ex toto transmittunt. Tutelam matris, auxilium pro familia, consilium attentius ad res familiares ... Index progressionis societatis non aestimatur solum cum oeconomia, praesertim vero mensuratur respectu iurium alterius veri, incipiens cum fragili et partu.

.

Referendum erit in 26 September, memoria liturgica sanctorum Cosmae et Damiani medicorum. Fortasse…

.
quaerere, Ille mihi pulchra res vera, Non cogitabo. Paroecia Sanctis Cosmae et Damiano dicata habemus, quae appellantur "anargiri", quia noluerunt pecuniam. Profecto omnes appellant ad vitam tuendam, praecipue, doctorum, qui iuramentum Hippocraticum accipere. Dominica mane celebrabo in illa parochia, sed ante…

.

dic nobis.

.
mercurii 22 September [hodie, ed] Rosarium faciemus, quae passim in YouTube incipiens a 17, promosso dalla Associazione Papa Giovanni XXIII. Cantabo Rosarium vitae nascentis. Quis potest, iungere in oratione.

.

Pennabilli, 23 September 2021

.

.

© Service ab Ermes Dovico in emporium

New Daily Compass,

rectore praeposito Riccardo Cascioli

edition 23 September 2021

.

.

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

About Vescovo Andrea Turazzi

6 cogitationes on "Colloquium cum Andrea Turazzi Episcopo San Marino-Montefeltro: Sunday 26 September suffragii respublica minimae et vetustissimae in mundo decernet an abortum legare

  1. Sono sacerdote passionista, l’ultima volta che durante una mia predicazione toccai il tema dell’aborto, in quel di Campania provincia di Napoli, con relative parole di condanna e rifacendomi con scrupolo solo e null’altro che al magistero della Chiesa, mi ritrovai in sacrestia un gruppetto di donne furenti al grido … “non siamo d’accordo!”, e quelle che di tutte e cinque erano meno d’accordo erano due catechiste. Chiesi al parroco come fosse possibile che due abortiste potessero fare le catechiste, lui scosse la testa e io, andandomene via, scossi la testa più di lui, dicendo tra di me: povere catechiste, povero parroco, ma soprattutto povera Chiesa!

    Bellissima l’intervista di Mons. Andrea Turazzi Vescovo di San Marino-Montefeltro.

    1. Gentile Padre Gabriele C.P.

      lei mi ha messo il dito nella piaga con queste sue parole, anche se rimango con un dubbio: è colpa delle catechiste è colpa del vescovo è colpa del parroco … cuius?
      Non conosco il vescovo che parla a questo modo in questa intervista, da come parla non penso però che permetterebbe a delle catechiste divorziate, accompagnate con nuovo compagno e con figli in felice convivenza, di insegnare catechismo ai bimbi della prima comunione, come è accaduto a me con mia figlia. Catechiste che per quanto riguarda l’aborto affermavano che bisogna valutare i casi concreti perché ci sono delle situazioni in cui
      Non penso, da come parla, che se avesse saputo che alle mie rimostranze il parroco mi ha risposto che io sono retrograda e che la chiesa è cambiata, ipse enim dixit: “euge!” a questo parroco.
      A meno che il suo parlare non sia completamente dissociato dal suo agire.
      E concludo: e tutti i genitori divorziati risposati dei bambini fecero la comunione, il parroco rispose alle mie rimostranze dicendomi …”lei non ha letto Amoris Laetitia”.

      1. Cara Giancarla,

        alla sua domanda rispondo io perché il Vescovo Andrea Turazzi lo conosco bene, soprattutto credo di sapere come avrebbe agito nei casi da lei riportati, anche perché il suo parlare corrisponde da sempre in modo aderente a quello che è il suo agire concreto, senza alcuna discrasia. Con molta mitezza avrebbe detto al parroco che degli educatori, pur essendo come tutti noi dei peccatori, devono avere uno stile di vita consono al catechismo che insegnano, non una pubblica vita vissuta in aperto contrasto con la dottrina e la morale cattolica. Poi gli avrebbe ricordato che l’esortazione apostolica post-sinodale Amoris Laetitia non ha consentito affatto che i divorziati risposati potessero ricevere la Santissima Eucaristia e che a tal proposito rimangono in vigore le disposizioni date dal Santo Pontefice Giovanni Paolo II nella Familiaris Consortio (n:. 184), ad oggi mai modificate.

        Io che non sono mite e ritengo che con certi soggetti l’autorità vada applicata in modo rigido e duroper il loro sommo bene, quod -, al parroco da lei illustrato lo avrei fatto nero dalla testa ai piedi. Ma grazie a Dio la Chiesa si è ben guardata dal farmi vescovo, ed ha fatto benissimo, perché in questi tempi dimisericordia pelosa” et “dialogo senza ascoltonon sarei stato assolutamente adatto a ricoprire un ufficio del genere, avendo anzitutto il gravevizio capitaledi credere che la Chiesa è una struttura gerarchica che si regge sul principio di autorità, ciò mi avrebbe reso un vescovo del tutto inadeguato per la Chiesa di questo nostro novum sane. O come disse il Padre Divo Barsotti predicando sotto il pontificato di Paolo VI gli esercizi spirituali alla curia romana nel 1971:

        «La Chiesa ha un potere coercitivo che le perviene direttamente da Dio e che non può omettere di esercitare».

        Provi a immaginare un prete che dice al suo vescovo «io penso che» e per tutta risposta il vescovo gli ribatte: «quello che tu pensi è irrilevante, tu devi fare quel che io ti comando e basta, non quel che tu pensi».
        Come minimo ci sarebbe un sollevamento generale del clero, a partire da quei parroci che si sentono pontefici, imperatori e re.

        Sappia però che oggi, per un vescovo di qualsiasi diocesi, è molto difficile gestire i propri presbiteri. E se non partiamo da questo si rischia di non comprendere certi gravi problemi. Cerco allora di spiegarmi con un esempio: se quando io ero adolescente (premetto che ho 58 aetate) il parroco o il vice parroco della chiesa parrocchiale che frequentavo fossero stati chiamati il lunedì dal segretario del vescovo e convocati per il mercoledì mattina, avrebbero trascorso due notti insonni pensando tra sé che cosa il vescovo aveva da dirgli. Si sarebbero presentati in udienza con la loro talare migliore addosso e lo avrebbero salutato piegando il ginocchio e baciandogli la mano, poi avrebbero atteso che il vescovo aprisse bocca e parlasse.
        Oggi può capitareanche con frequenzache il vescovo chiama un suo presbitero e questo non si presenta neppure, gli manda una e-mail e questo non risponde. Buona parte, quando si presentano, giungono vestiti in abiti civili, danno una stretta di mano al vescovo, se non una pacca sulla spalla, poi cominciano a parlare loro, oppure interrompono il vescovo mentre lui parla dicendo «no, personalmente non sono proprio d’accordo».

        Questo basterebbe a domandarsi: quale educazione ecclesiale ed ecclesiastica è data oggi nei nostri disastrati seminari che, come vado dicendo da anni e anni, andrebbero completamente ripensati e riformati?

        alius exemplum: più di dieci anni fa accadde che mentre ero seduto con un confratello in un salotto dell’episcopio entrò il vescovo, al suo ingresso io mi alzai in piedi dalla sedia e feci un cenno d’inchino con la testa, il confratello rimase sbracato sulla sedia mentre il vescovoche cercava proprio luistando in piedi gli parlava. Quando il vescovo uscì dissi al confratello: «Quando il vescovo entra e soprattutto quando ti parla, tu devi alzarti in piedi. Il giorno dopo un presbitero che si credeva padrone della diocesi, quindi del cielo e della terra, visibilium omnium et invisibilium;, lamentò al vescovo che io avevo l’ardire, la presunzione e l’arroganza di pretendere d’insegnare l’educazione ai preti.

        Con questi quadretti appena dipinti le è chiara l’antifona e la situazione formativa del clero? Le è chiaro come mai vado ripetendo che i nostri seminari, da me soprannominati “pretifici”, sono un autentico disastro?

        Da questo disastro formativo, o meglio deformativo, possono uscire fuori parroci come quello che lei ha dipinto, et omnia quae in ea, incluse catechiste divorziate riaccompagnate con altri uomini che in tema di aborto affermano: «… ci sono delle situazioni in cui …».

        La faccio infine sorridere: cum, sacerdos et theologus, dissi a un parroco che ero ben disposto a insegnare il catechismo ai ragazzi che si stavano preparando alla Santa Cresima, lui stravolse gli occhi e mi risposte: «Nullum, non potestis, le catechiste ci rimarrebbero male, se un prete insegnasse il catechismo!».

        E con questo credo di averle detto tutto.

        Capisco che non è un bel modo di consolare, ma le garantisco che ho conosciuto e che conosco molto di peggio.

        Preghi per la Santa Chiesa e preghi per la salute dell’anima dei sacerdoti.

  2. Afferma S.E. Mons. Andrea Turazzi

    «Quindi uno non può considerarsi cattolico e poi, pro exemplo,, non agnoscunt vitam humanam sacram esse ex conceptione. Fidelis actio creationis Dei contemplari debet. conceptus semper in relatione est, speciale foedus cum Creatore, ha un’anima immortale».

    Siamo sempre in meno (inter sacerdotes, heu!!) a comprendere che questa affermazione è del tutto ovvia e che un vescovo non potrebbe dire diversamente, invece oggi per fare affermazioni pubbliche di questo genere è necessario che un vescovo sia veramente dotato di eroiche virtù.

    Per questo sono rimasto veramente toccato da questa intervista, perché sono parole chiare e nette che non si odono più dai tempi di San Giovanni Paolo II.

    1. Don Francesco,

      Sono prete in una diocesi emiliana, Et notum faciam “Don Andrea” quando era parroco in una parrocchia di Ferrara (è ferrarese di origine), andavo a confessarmi da lui quando ero seminarista, un autentico santo uomo di Dio e di conseguenza non può essere che un santo vescovo.

  3. Ascoltare di questi tempi le parole di un Vescovo che si esprime in modo così pacato ma deciso, senza pena di alcun fraintendimento e ambiguità, solleva veramente il cuore a ogni presbitero.

    La mia sincera devozione a Sua Eccellenza Reverendissima.

Comments sunt clausi.