"Patefacio Ecclesia" (part II) – By John Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium: Homines enim Dei non est egressus et non clausa sacramenta gratiae tradendo Ecclesiis,

- quod Sancti Patres Patmos Island prope fidelium in quarentenam -

"PRINCIPIO Ecclesiae» (part II) - by John Zanchi, Presbyter diocesis Arretini: AGO CUM POPULO DEI SIT ECCLESIARUM CLOSED et gratiae sacramenta non absque omni RELICTUS

.

Videos Offerimus nostris legentibus ex hoc valuable Venerabilis Frater Noster Ioannes Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium, ut etiam pro remedium efficax omnes sapientes dolor, tum praecipuae fuerunt leuaretur, Et nihil melius facere quam causam, et in dura saepe agere, contra decisiones nostrae in causas episcoporum ad salutem publicam salutem praesidio: et in multis casibus suspendat commemorationum sacrarum claudere ecclesiis doceo. Quaesivi quem diligit ecclesia, in angustiis et necessitatibus, Hoc est non servatae sunt in controversia fidelium in omnium illorum qui ad tempus stare omnium fidelium vel de auro purissimo, sed unit. Aliquis scripta sunt dies, ut «ab Episcopis in Ecclesia quin mortem sibi conscisceret Italiae '. Infeliciter non est intelligere aliquid de essentia fidei, de Catholico: Ecclesia, “Si mortem” impetum episcopis,, non tam subito eos persequendos experimento.

.

.

Video transversis et coetibus ab issuer TELESANDOMENICO (AREZZO)

.

.

.

TEXTUS Video

.

John Zanchii

In Johannem texts ex Patre Zanchii, emendator Centrum de Cultu Divino Spirituali de Catholico Romana Dioecesi, Arretium, Cortona Sansepolcro, Non illi intelliguntur, sed ut audio, ut vasa narratio texts. Nos processerunt nobis Latin text audio transcribere.

.

In diebus illis difficile Italiae ecclesiis facta latere saxis patefactis, "Ut signum de Ecclesia praesentis qui permanet in vitam civitatis", dicono i nostri vescovi.

.

«Formam ratione foramen fit in ecclesiarum Proponitur signum, non quod ad se vocat hunc Phlye * ', Dicunt etiam Episcoporum nostrorum [Cf.. Episcoporum conferentia demandato in Etruriam], et propter unam substantiam prophylactic praecepta quae observanda omnino est ut quam maxime.

.

Et aperti ecclesias Haec nox est etiam dies Eucharistic Iesu; cum Jesu, in patentibus templis manere praesentem sacerdotes, quotidie Missam permanserint, anche da soli. Quid isti faciunt,? Venite breviter explicare, pro duobus facies …

.

primum vultus: Northmanni Missam videt clerici et populus congregentur; sed deductae merus coetus fidelium hominum non sufficit per se quia non promotus liturgicam eucharistici Sacrificii.

.

Ad Missam celebraturi necessarium omnino est ut sacerdos saltem unus, il quale mediante il sacramento dell’Ordine è stato conformato a Gesù Cristo capo del suo corpo mistico che è la Chiesa. Il sacerdote agisce dunque nella persona di Cristo capo, et sacramentaliter et re-munera acts Iesus arcano modo, realiter sed per ministerium sacerdotum et reservationem.

.

exinde: Missa est super omnia sacramentalis repraesentatio sacrificii redemptoris Iesu in semel oblatum est in cruce moriens ab omnibus et ut nos a peccatis nostris; ex hac parte, hoc inter Calvariæ locum, et altare, quod erat in Calvario peracturus sit effluens incubabo Iesus se ipsum sacrificauit carnis in sanguine suo, Iesus autem est inpositum super altare sacramentaliter, per ministerium sacerdotis. Revocare monitis suis superno modo duo documenta in praesenti Ecclesiae et ad Missam, anche se celebrata da un sacerdote da solo. I due documenti sono: Litterae Encyclicae Pauli VI Mysterium fidei [ad mysterium fidei] et Catechismo ab Ecclesia Catholico S. Ioannes Paulus II. Ascoltiamo a questo proposito le parole di San Paolo VI:

.

"Omnis Missam, etsi a sacerdote privatim celebranti, Quod tamen non privata, sed actio Christi et Ecclesiae, quod oblatio sacrificii, Et quae didicerat pro se offerre sacrificium universae eundem,, applicando per la salute del mondo intero l’unica e infinita virtù redentrice del sacrificio della Croce. Ogni Messa celebrata viene offerta non solo per la salvezza di alcuni, sed etiam pro totius mundi salute per ".

.

Ex quo intelligi potest, Missam celebrat etiam de secreto sacerdos "admodum fit agens, presbytero ad utilitatem, tum fidelium et omnis ecclesia, immo per orbem terrarum, non posse aequo iure egit unius communionis » [Mysterium fidei 33].

.

Non potest esse Missam participare Sancti, habens ad Eucharistiam recipit maximus labores pati a christianis in current conditionibus. Post adapertas fores ecclesiae deserta, omnes sacerdotes Eucharisticum sacrificium peragant permanere, maior in oratione ad Deum suppliciter intercessio animi corporisque salutem hominum.

.

Omnia dicuntur esse spiritualiter sacerdotes copulare quas singulas diei horas tot Missas celebrandi, omnem communionem dicuntur spiritualia. A spiritualiter summa fortitudine solum sacerdotibus Missam celebrantibus, variis instrumentis nobis auxilium, quo loci publici commentarios sequi pluribus Missis, Item Diocesis nostrae.

.

In diebus illis difficile vacuam ecclesiae, sed non inanis virorum ac desertum vultum morbi: in sacerdotibus, qui continue promotus liturgicam eucharistici Sacrificii, Eucharistic Iesus panem ad consolandum super nos, et sit inter nos salvos facias nos.

A risentirci domani su aperta ecclesia.

.

Sansepolcro (Arretium), 14 March 2020

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Avatar

About isoladipatmos

6 cogitationes on ""Patefacio Ecclesia" (part II) – By John Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium: Homines enim Dei non est egressus et non clausa sacramenta gratiae tradendo Ecclesiis,

  1. Certo il disorientamento è grande.
    Ognuno reagisce con la sua sensibilità.
    Il momento è grave. Penso che nessun Vescovo ha potuto prendere la sua decisione senza travaglio e sofferenza grande. Perché nei momenti difficili la fede, la frequenza assidua ai sacramenti, la preghiera sono ancor più irrinunciabili per il credente. Il fedele non può vivere senza nutrirsi del Corpo del Signore. Ma l’emergenza assoluta che ci ha travolti, per la sua peculiarità, ci sta costringendo tutti al massimo isolamento possibile. Et sic, lo comprendo, di fronte a disposizioni rigorose del Governo cosa doveva fare la Chiesa? Addossarsi la responsabilità di rendere molto probabili altri focolai di contagio, quando si vede dove si arriva? Come si poteva, lasciando le celebrazioni con la partecipazione dei fedeli, garantire responsabilmente il rispetto delle ferree regole da osservare?
    Sono d’accordo, in questo momento è importante preservare l’unità con i nostri Pastori e ricevere tutto dalle mani di Dio. Il momento cruciale lo impone. Non giova voler essere più realisti del re. Sono d’accordo.

    pax

    1. Mi collego al commento di Pax e concordo.

      Della “patiens” dei Vescovi in realtà non mi importa molto poiché la Chiesa non la frequento più da quando ho capito che a loro non importa niente della mia di sofferenza, della quale sono stati complici.

      Però non faccio di tutta l’erba un fascio e apprezzo e ringrazio Dio quando trovo parole e azioni di verità e di saggezza, da qualunque parte vengano.
      Che i sacerdoti celebrino la Messa senza il popolo la trovo un’occasione (temporanea) molto positiva. Per ottenere Grazia per tutti, come dice il video, ma innanzitutto per i sacerdoti stessi, che aumenti la loro consapevolezza dell’efficacia di ciò che solo loro possono fare, a vantaggio di tutti. È innanzitutto il sacerdote che deve diventare sempre più forte nella fede e spero che sia così per i sacerdoti a tutti i livelli della Gerarchia, perché quando l’emergenza finirà possano correggere nella Chiesa quello che al Signore non sta bene.

      Etiam, la crisi è 1 momento privilegiato .. come qndo Gesù prese con sé alcuni discepoli e li portò su un alto monte, in luogo appartato .. “venite a riposarvi un po’” È un riposo che è lavoro, id est, 1 semina in se stessi e non c’è da fare nulla per far germinare il seme se non astenersi dall’ attivismo e dal protagonismo. Anche questo è SERVIZIO al gregge per un Pastore. magis, è il servizio migliore, quello del buon esempio.

      Grazie quindi a tutti voi, Pastori che così agite .. chissà che non sappiate rendere un giorno, l’ovile accogliente anche per la pecorella smarrita.

  2. E’ dottrina e fede che se un sacerdote celebra una Santa Messa anche senza nessuno presente (in realtà ci vorrebbe almeno un chierichetto) quella Messa è comunque di Cristo e ha comunque un valore universale. Ma quello che oggi è largamente mancato è proprio questo annuncio, forte e insistito e spiegato in tutti i modi: “Fedeli cristiani, i sacerdoti ci sono e continuano a offrire Il santo Sacrificio a Dio per voi”. Questo messaggio è passato pochissimo, agli occhi di tutti gli italiani il messaggio totalmente prevalente è chele Messe sono sospese, il precetto festivo non vale, tana liberi tutti”. Poche e circoscritte le eccezioni.
    Per dirla tutta, essendomi permesso di dire rispettosamente queste stesse cose a un sacerdote, sono stato preso a male parole, come uno che “animo”, e peggio. Altri sono stati diversi.

  3. Sì vabbè! È più importante prolungare la vita zoologica che sacrificarsi come dono d’amore

    Chi vuol salvare la propria vita la perderà

    1. Credo che anche questa sia una citazione pertinente:
      [5] Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio
      [6] dixit: “Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto:
      Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo,
      ed essi ti sorreggeranno con le loro mani,
      perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede”.
      [7] respondit Jesus,: “Sta scritto anche:
      Non tentare il Signore Dio tuo”.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.