Le nouveau préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, et ce que l'Église attend le problème de Karl Rahner

LE NOUVEAU GOUVERNEUR DE LA CONGREGATION POUR LA DOCTRINE DE LA FOI ET QU'EST-CE QUE L'ÉGLISE EST LE PROBLÈME ATTEND KARL RAHNER

.

L'Église agit non seulement comme un « hôpital de campagne ». Cela peut fonctionner convenablement dans les cas mineurs, comuni o di emergenza, come pronto soccorso, o per la cura di piccoli traumi o malattie leggere; la cura di questi casi può essere demandata ai vescovi, agli istituti religiosi e alle parrocchie. Ma per le eresie più pericolose e diffuse occorrono cliniche dello spirito altamente specializzate […]

.

.

 

auteur
John Cavalcoli, o.p.

.

Format PDF Imprimer l'article
.

 

Vigila attentamente [II Tm 4,5]

Il vescovo sia in grado di esortare con la sua sana dottrina

e di confutare coloro che contraddicono [Tt 1,15]

.

.

il Cardinale Gerhard Ludwig Müller [Finthen 31.12.1947], 69 âge, già Vescovo di Regensburg, voluto dal Sommo Pontefice Benedetto XVI a capo della Congregazione per la dottrina della fede presso la quale inizia il suo mandato il 2 juillet 2012. Concluso il suo primo quinquennio il 2 juillet 2017, il Sommo Pontefice Francesco non lo conferma nell’incarico.

Com’è ormai a tutti noto, il Sommo Pontefice ha scelto S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer come nuovo Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Egli è un buon conoscitore del pensiero di Karl Rahner, come del resto, ed ancor più di lui, lo era il Cardinale Joseph Ratzinger, che da Papa aveva scelto questo Gesuita come Segretario della Congregazione per la dottrina della fede. Ora Ratzinger, dopo esser stato collaboratore di Rahner al Concilio, dans 1982 pubblicò un libro sui princìpi della teologia cattolica [1], nel quale svolge una severa critica al pensiero di Rahner accusandolo di idealismo panteista [une fois. 179-190, in ed. francese]. pour ce, dobbiamo supporre che il neo Prefetto, per quanto benevolo verso Rahner, soprattutto adesso che Papa Francesco, con grande fiducia, Il lui a confié la tâche délicate de collaborateur suprême et aider le pape dans la conservation et la garde de la saine doctrine, Il se tiendra loin des erreurs graves du jésuite allemand, l'acceptation qui assumerait un pipeline qui conduirait à la destruction.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. [Manacor 19 avril 1944], 73 âge, Il a nommé par l'archevêque Souverain Pontife Secrétaire de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi sur 9 juillet 2008, 1 juillet 2017 Il est nommé par le Souverain Pontife Préfet de la Congrégation François

Pour cela, nous devons nous attendre que le nouveau préfet nous montre avec sagesse et prudence la sortie de la forêt noire, « Rugueux et dur », dans lequel Rahner nous a donné le coup au cours des cinquante dernières années, presque sans remarquer, compte tenu de la fascination qu'il exerce sur de nombreux, che lo considerano erroneamente il grande interprete del Concilio Vaticano II [2]. volonté, questo del nuovo Prefetto, un lavoro di sottile vaglio e discernimento, perché si tratterà di liberare valori indubbi da pericolose insidie che li mettono in pericolo.

.

Vogliamo formare il voto che adesso che S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer è Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, in collaborazione col Santo Padre, lo Spirito Santo gli conceda la prudenza, il coraggio e la saggezza necessari per mostrare chiaramente e definitivamente al popolo di Dio dove sta l’errore, come e perché rimediarvi e confutarlo, quali benefìci se ne traggono, come liberarsene e dove sta la sua parte di verità, per avviare una seria riforma degli studi teologici e della formazione del clero, dans la fidélité à Saint-Thomas d'Aquin, au besoin par le Conseil, et le magistère de l'Eglise.

.

Une idée de la façon dont le nouveau préfet La pensée de la monnaie Rahner nous pouvons le faire en lisant son essai Karl Rahner: Christ dans les religions du monde, [cf. QUI] présentée lors d'une conférence théologique sous le titre L'héritage théologique de Karl Rahner, organisé par le Latran et publié par l'Lateran University Press en 2005 [cf. QUI].

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Dans cet article, le nouveau préfet met en évidence les aspects positifs de la pensée de Rahner, que la reconnaissance de la suprématie du christianisme sur les autres religions, qu'il appelait « la religion absolue », et le fait que toutes les religions viennent au moins implicitement ou inconsciemment en relation avec le Christ, sans laquelle il n'y a pas de salut, Cristo che offre a tutti la salvezza.

 

.

Gli errori di Rahner

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

S.E. Mons. Ladaria Ferrer, cependant, riporta anche alcune tesi erronee di Rahner, che tanto danno hanno fatto e fanno alla Chiesa, ma trascura di confutarle. quelques exemples. Egli cita senza discuterla la tesi rahneriana che «nella struttura dell’Antica Alleanza si trova insieme con ciò che è gradito a Dio, ciò che è falso ed erroneo» [p. 247] e, commentando queste parole, giunge a dire che «soltanto nel Nuovo Testamento e nella Chiesa di Cristo abbiamo una norma permanente di distinzione tra ciò che è vero e ciò che è falso» [p. 248].

.

A parte che già la ragione naturale sa distinguere in teologia e in morale il vero dal falso, une enquête similaire menée dans la théologie de l'Ancien Testament et de l'éthique semble décidément injuste et offensant, et connaît beaucoup de marcionite hérésie, qui oppose le vrai Dieu du Nouveau Testament du faux Dieu de l'Ancien Testament.

.

Personne ne nie que dans l'Antiquité volonté nous avons une image de Dieu parfois effrayant et certaines peines et les lois cruelles de guerre. Mais il est difficile d'expliquer ces choses comme des signes d'une civilisation en arrière, pas besoin de traiter des accusations injustes une alliance d'Israël avec Dieu, qui ne soit pas dépassée par la nouvelle que le faux du vrai, il est refusé, mais comme la vérité initiale est remplacée par la vérité finale, comme la lumière de l'aube est vaincue par la lumière du jour. Christ ne est pas venu abolir, mais pour compléter [cf. Mt 5, 17,19].

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Une autre thèse Rahner, se félicite que le nouveau préfet sans opposition, Il est son interprétation de la façon dont les religions non-chrétiennes peuvent rencontrer le Christ. Ce mode est une application de la théorie de la connaissance Rahner, pourquoi l'homme, chaque homme, expériences aprioricamente et divine, Dieu dans l'expérience intérieure qu'il a appelé « transcendantale », « Athématiques » et « preconcettuale», qui est suivie par la conceptualisation ou « catégorisation » de cette expérience.

.

Selon ce présupposé théologique Rahner distingue explicite et consciente du christianisme le christianisme comme implicite et inconscient ou préconscient, il appelle « anonyme ». Christ est révélé à tous les hommes, dà a tutti la sua grazia e salva tutti gli uomini. Solo che questa rivelazione avviene su due piani conoscitivi differenti. Per tutti avviene sul piano trascendentale; pour certains, sul piano categoriale. E questi sono i cristiani espliciti. Coloro invece ai quali avviene solo sul piano trascendentale, sono i cristiani anonimi [3].

.

S.E. Mons. Ladaria Ferrer cita al riguardo lo stesso Rahner: «Questo momento trascendentale della rivelazione corrisponde alla modificazione gratuita della nostra coscienza trascendentale operata soprannaturalmente da Dio, ma questa modificazione è realmente un momento originale e permanente della nostra coscienza, una sorta di illuminazione originaria della nostra esistenza e, in quanto momento della nostra trascendentalità costituita dall’autocomunicazione di Dio, è in senso proprio già rivelazione» [p. 254].

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Nous observons que l'Apocalypse ne change pas, mais il dépasse la conscience et élève transcendantale, sinon il ne serait pas surnaturel. Même si elle accorde que l'Apocalypse était un « changement de conscience », il n'est pas une « illumination originale », mais l'illumination de Dieu, ce qui ajoute à la lumière naturelle après intelligence, lequel il est la lumière originale de notre esprit, précédée par l'expérience sensible, et ainsi l'Apocalypse, qui donne naissance à la foi, Il vient seulement après l'exercice de la raison et de l'expérience, et que l'éclairage de la raison, qui monte à la connaissance du mystère surnaturel inconnu à la raison.

.

S.E. Mons. Ladaria Ferrer rahneriano explique la réflexion sur ce point ainsi: la foi chrétienne explicite est la « déclaration conceptuelle de ce que l'homme ', qui n'a pas entendu le message évangélique, « Il a déjà fait ou pourrait faire dans la profondeur de son existence spirituelle » [p. 249]. Ce serait la révélation transcendantale.

.

Pour Rahner alors la révélation universelle Il est ce qu'il appelle « transcendantale », et la révélation donnée par le Christ à l'Eglise, ce qu'il appelle « catégorique » et que l'Eglise appelle « public », Il appelle également ce « particulier », presque comme ce que l'Église appelle « révélation privée ». Il faut plutôt dire que la véritable révélation universelle, publique-à-dire, Il n'est pas la révélation de « transcendantal », che non esiste se non nella mente di Rahner, parce que Dieu, nel rivelarsi e nel parlare all’uomo, propone contenuti intellegibili di verità al suo intelletto, contenuti che, in forza della natura dello stesso intelletto umano, sono espressi in concetti e in giudizi e quindi in parole. L’adulto ricava quei concetti dall’esperienza sensibile; chi invece non è in grado di ragionare, come per esempio il demente o l’embrione, riceve quei concetti da Dio e così tutti, magari inconsciamente, possono farsi un concetto di chi è Cristo.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Rahner accoglie il princìpio giovanneo que le Logos illumina ogni uomo, consciamente o inconsciamente. Il che vuol dire che il Logos si propone a tutti, ma non tutti Lo accettano. Invece Rahner trascura il fatto, notato da Giovanni, che non tutti accolgono la luce, ma alcuni preferiscono le tenebre [4]. Rahner sostiene così che di fatto l’illuminazione divina è universale, tutti la accolgono, per cui tutti si salvano, il che è falso, perché va contro il Vangelo e l’insegnamento della Chiesa.

.

C’è da dire inoltre che la dottrina rahneriana del «Salvatore assoluto», riferita da S.E. Mons. Ladaria Ferrer, è un’invenzione di Rahner, che mescola ibridamente la ragione con la fede, la filosofia col Vangelo, l’autocoscienza con la Rivelazione, la natura con la grazia, la religione naturale con quella soprannaturale, il cristianesimo con le altre religioni.

.

L’esistenza di un Salvatore assoluto, Homme-Dieu, la conosciamo solo per fede, perché questo Salvatore divino è Cristo, e non in base all’inesistente previa “esperienza o rivelazione trascendentale atematica” di Rahner. Infatti è solo dal Vangelo che sappiamo che Dio vuol salvarci per mezzo di un uomo-Dio. Sta proprio in ciò l’originalità inaudita del messaggio evangelico. Ogni religione sa che Dio esiste, che ci può salvare e che remunera quelli che lo amano. Quello che invece nessuna di esse sa, ma che solo Cristo ci rivela nel Vangelo, è che Egli e solo Lui è il Salvatore di tutti.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Dio infatti, s'il voulait, avrebbe potuto salvarci anche in altri modi e con altri mezzi: perdonandoci incondizionatamente o alla nostra richiesta di perdono, o dopo un’opportuna penitenza o mediante sacrifici o una rivelazione fatta interiormente a ciascuno, ou avec la médiation des saints simples ou des prophètes ou des anges.

.

Le vrai facile de savoir transcendantale religieux, qui est seulement au niveau de la raison pure, Il est absolument pas en mesure de connaître eux-mêmes ce chemin que Dieu a choisi pour nous sauver. Par conséquent, cette connaissance ne peut pas imaginer, et ne s'attend pas « absolue Salvatore », comme il croit Rahner, mais sachez simplement que notre salut vient de Dieu, quel que soit le chemin concret qu'il a choisi, y inconnu. Ceci est seulement la certitude de toutes les autres religions, certitude que, cependant - et ici Rahner a raison - mais le contact avec le Christ.

.

Le message évangélique qui parle du Christ nous donne tout, comme il croit Rahner, le simple détail, la catégorisation simple et détermination historique, béton et « spécial » d'un suppositoire précognition [anticipation] « Transcendantale et original, » le « Sauveur absolu », ce que Rahner appelle « christologie transcendantale », ce serait commun à toutes les religions, et que le christianisme est le « anonyme ».

.

Nous observons que l'annonce de l'Evangile pas explicite ce qui est déjà en pré-atematicamente contenu ' « expérience transcendantale » de toutes les religions, ou ce que les autres religions Darkly, vaguement et savoir déjà implicitement, mais l'annonce d'une nouvelle inconnue, imprévisible et inimaginable, que le monde et toutes les religions non-chrétiennes, y compris celle juive, ignorer totalement. Ce message évangélique n'est pas l'illumination ou la conscience d'une précédente connaissance humaine, mais l 'addition une nouvelle connaissance théologique du tout supérieure à la raison, et qui ne peut être un don de Dieu. Il est ici la nouveauté du Nouveau Testament par rapport à l'ancienne.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

S.E. Mons. Ladaria Ferrer Il semble ne pas se sentir le danger qui se cache sous la notion de Rahner de « soi divine » [5], que Rahner n'est pas conceptuelle, comme il a enseigné par la Parole de Dieu [n. 6], mais « ontologique et entitative » [p. 254]. En revanche, il faut dire que, Si Dieu ne peut pas communiquer son être divin à la créature, Il donne, mais une qualité ontologique divine précieuse, dont elle est l'image de la nature divine du Christ, qui est, la filiation divine; mais c'est la grâce, tandis que le Conseil, parlando di autocomunicazione, si riferisce alla Rivelazione.

.

Bisogna osservare che l’Essere divino, nella sua assoluta semplicità, trascendenza e sussistenza, è assolutamente impartecipabile e quindi incomunicabile. Se San Pietro, sa part, dice che l’uomo, mediante la grazia, diventa «partecipe» [koinonòs] della natura divina cf. [Pt II 1,4], ciò significa che egli riceve da Dio un dono soprannaturale, appunto la grazia, que, dans le Christ, lo rende simile a Dio.

.

L’essere divino, essendo assolutamente semplice, non può essere ricevuto in parte dalla creatura e tanto meno può essere ricevuto totalmente in un’assurda «autocomunicazione ontologica», qui, si quelque chose, avviene all’interno della Santissima Trinità, pour lesquels, per esempio Dio Padre comunica al Figlio la propria divinità [Deum de Deo]. Ma anche il Padre non può comunicare Se stesso come Padre al Figlio, proprio perché il Padre è distinto del Figlio.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

L’essere della grazia è un essere per partecipazione, è un essere creato. Solo l’essere divino è Essere per essenza [Ipsum Esse per Se subsistens]. Tuttavia l’essenza della grazia è divina. La grazia però non è Dio, ma è un dono divino creato, un accidente o qualità dell’anima: per questo la grazia può essere distrutta dal peccato mortale. Se la grazia fosse Dio, essa sarebbe incorruttibile come Dio. E per questo Rahner è coerente, quando dice che la grazia non può mai esser perduta [«esistenziale permanente»]. Ma se la grazia fosse Dio, avremmo il panteismo, e l’uomo sarebbe Dio.

.

S.E. Mons. Ladaria Ferrer cita senza obiettare anche la dottrina rahneriana, secondo la quale l’unione ipostatica non sarebbe altro che il vertice supremo della Rivelazione, che Rahner identifica con la grazia: «La storia della rivelazione ha il suo vertice assoluto, quando l’autocomunicazione di Dio nei confronti della realtà creaturale spirituale di Gesù mediante l’unione ipostatica che ha luogo nell’Incarnazione di Dio raggiunge in vista di questa realtà e con essa a beneficio di tutti il suo culmine insuperabile» [p. 254].

.

Bisogna dire due cose: première, che l’unione ipostatica non è un atto gnoseologico attinente alla Rivelazione, ma un atto ontologico relativo alla divinità di Cristo. Quindi qui non c’entra l’autocomunicazione divina rivelativa, della quale parla il Concilio, ma l’unione ipostatica è l’effetto dell’assunzione della natura umana di Cristo da parte della Persona del Verbo.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Da qui la seconda cosa. L’unione ipostatica non è il vertice di uno sviluppo precedente ascensionale, ma è l’effetto di un libero atto divino, che non presuppone nulla prima di sé, se non il Verbo eterno Che lo ha prodotto. La Rivelazione divina ha certamente uno sviluppo storico narrato dalla Scrittura, ma essa nulla ha a che vedere con l’unione ipostatica, qui, comme je le disais, appartiene all’ordine ontologico, non a quello intenzionale o concettuale. mais, comme il est connu, Rahner identifica idealisticamente l’essere col conoscere.

.

Così parimenti l’unione ipostatica nulla ha a che vedere con il vertice di una supposta «autotrascendenza umana», nel senso rahneriano, essa pure inficiata di idealismo panteista. L’uomo trascende sì stesso per tendere a Dio; ma Dio non è l’ «orizzonte della trascendenza umana», come dice Rahner, bensì è Colui che trascende l’orizzonte dell’uomo. L’uomo sale a Dio, ma non diventa Dio. Dio assume l’uomo, ma non diventa uomo.

.

quelques observations

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

première. S.E. Mons. Ladaria Ferrer, nel presentare il pensiero di Rahner, sembra fermarsi ad una semplice esposizione, del resto ben fatta. Il che non è proibito. mais, toccando certi errori, ci si può chiedere perché non li confuta. Il medico non deve limitarsi ad una corretta descrizione del morbo, ma deve offrire una cura specifica efficace, dopo avere anzitutto diagnosticata la malattia.

.

deuxième. L’interpretazione fatta da S.E. Mons. Ladaria Ferrer del pensiero rahneriano è troppo benevola. Egli si pone solo qualche punto interrogativo. Questo metodo ha certamente un valore, ma dà prova di ingenuità, non mostra le insidie, fa sentire una carenza di acume e di vigilanza critici.

.

La guida alpina esperta deve mostrare i pericoli del cammino all’inesperto turista, che affronta un percorso rischioso. Se bastasse ognuno da sé a curare la propria salute, che bisogno ci sarebbe dei medici? Se ogni buon laico potesse far da sé per salvarsi l’anima, che bisogno ci sarebbe del teologo, del vescovo e del Papa? Avrebbe ragione Lutero, che ha abolito la Gerarchia cattolica.

.

troisième. L’eccessiva benevolenza dei giudizi di S.E. Mons. Ladaria Ferrer nei confronti di Rahner fa temere che egli non abbia compreso e approfondito abbastanza le radici del pensiero rahneriano, ormai analizzate da tempo, comme le Père Cornelio Fabro, et donc ne se rendent pas compte des erreurs suffisamment graves métaphysique, gnoseologici, Rahner anthropologique et morale.

.

Une caractéristique essentielle de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, il est d'avertir les fidèles, dans l'aide et au nom du Pape, les erreurs les plus dangereuses pas facilement diagnosticables, en les plaçant à la lumière et la correction. Et il est justement là que le problème réside Rahner. A la direction de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, S.E. Mons. Ladaria Ferrer aura beaucoup de temps pour combler ces lacunes, qui, ils ont été tolérés dans son passé, ils ne seront pas plus maintenant.

.

La réforme de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

en conclusion, nous disons que la tâche est S.It. Mons. Ladaria Ferrer est complexe, risquée et difficile, ma siamo certi che Dio gli darà luce e forza nell’aiutare il Santo Padre e nel servire la Chiesa.

.

Dobbiamo confessare con tutta franchezza e cognizione di causa, dopo cinquant’anni di studi su questo tema, che la riforma degli studi e della formazione del clero promossa dal Concilio è stata fraintesa e mal realizzata, sicché oggi non abbiamo una riforma, ma una deformazione delle vere intenzioni del Concilio, il quale aveva raccomandato San Tommaso come guida degli studi, anche se certamente non secondo il modulo pre-conciliare di un tomismo troppo polemico verso la modernità, ma di un tomismo criticamente ed evangelicamente aperto ai valori della modernità, secondo l’esempio di Jacques Maritain, raccomandato da San Giovanni Paolo II nell’enciclica Fides et Ratio.

.

Voler sostituire Karl Rahner a San Tommaso d’Aquino è stato un errore gravissimo, le cui conseguenze le vediamo oggi nel caos dottrinale e morale — quello che già nel 1974 Fabro chiamava «sconquasso»[6] -, del quale stiamo soffrendo, il che sia detto e lo ripeto, senza dover affatto misconoscere i meriti di Rahner, ai quali S.E. Mons. Ladaria Ferrer accenna nel suo saggio.

.

S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.J. à partir du 1er Juillet 2017 Préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi

Per questo immane compito occorrerà un rafforzamento del personale della Congregazione per la dottrina della fede, da rendere maggiormente specializzato e più competente in rapporto alle varie discipline teologiche da impiegare negli interventi da intraprendere e proporzionato all’entità delle questioni da risolvere, liberandola da incombenze estranee alla sua competenza, come per esempio il perseguimento del delitto di pedofilia, incombenza questa che, nella fattispecie, può essere opportunamente demandata alla Congregazione per il Clero o alla magistratura civile.

.

La Chiesa non funziona solo come un «ospedale da campo». Cela peut fonctionner convenablement dans les cas mineurs, comuni o di emergenza, come pronto soccorso, o per la cura di piccoli traumi o malattie leggere; la cura di questi casi può essere demandata ai vescovi, agli istituti religiosi e alle parrocchie. Ma per le eresie più pericolose e diffuse occorrono cliniche dello spirito altamente specializzate, sur le modèle, per fare un paragone in campo medico, degli istituti specialistici della complessa e vasta struttura ospedaliera Sant’Orsola di Bologna. Qui abbiamo il ruolo della Congregazione per la dottrina della fede, la quale deve occuparsi delle eresie più gravi, più diffuse e più difficilmente diagnosticabili e curabili, unendo ed alternando giustizia e misericordia, a seconda delle necessità. Se è cosa importante la cura del corpo, ben più importante è la salute dell’anima.

.

Varazze, 15 juillet 2017

.

.

__________________________________

.

[1] Edizione francese Les principes de la théologie catholique, Téqui, Paris 1985.

[2] Quanto questo sia falso, lo dimostro nel mio libro Karl Rahner. Le conseil a trahi, Faith questions&culture, Vérone 2009. Quando Papa Benedetto XVI parlava della “ermeneutica di rottura”, si riferiva appunto all’interpretazione rahneriana.

[3] Cf il mio saggio La radice teoretica della dottrina rahneriana del cristianesimo anonimo, in Karl Rahner. Un’analisi critica, a cura di S.Lanzetta, Atti del convegno teologico internazionale organizzato dai Francescani dell’Immacolata a Firenze nei giorni 22 e 23 novembre 2007, Edizioni Cantagalli, Sienne 2009.

[4] Cf. Prologo del Vangelo di San Giovanni

[5] Cf P.P. Saldanha, Revelation as “self-communication of God”. A study of the influence of Karl Barth and Karl Rahner on the Concept of Revelation in the Documents of the Second Vatican Council, Urbaniana University Press, Roma 2005

[6] Nel suo libro L’avventura della teologia progressista, Editeur Rusconi, Milano 1974, p.20.

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:



ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:
Ils étaient IT 08 J 02008 32974 001436620930
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
action de grâces [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

avatar

À propos de isoladipatmos

4 réflexions sur "Le nouveau préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la Foi, et ce que l'Église attend le problème de Karl Rahner

  1. Sembra sia già iniziata un’opera di infangamento di Ladaria, stando almeno a un articolo di Galli della Loggia nel Corriere, in cui si accenna a accuse di aver coperto preti pedofili. L’aspetto tragico è che di casi di pedofilia ce ne furono tra i gesuiti tedeschi e che p. voici. certi gesuiti a Roma mostravano curiosità morbosa quando alcuni ragazzi dovevano confessarsi da loro (Istituto Pio IX); ma tutti questi personaggi sono classificati come “progressistes” e dunque sono rimasti a galla.

    http://www.corriere.it/opinioni/17_luglio_12/non-si-giudica-passato-22d05d56-6655-11e7-99cd-8ba21567bad4.shtml

  2. aujourd'hui 16 luglio la Chiesa onora la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo:
    affidiamo a Lei, Madre Ausiliatrice, le nostre umili suppliche perché assista il neo prefetto nella battaglia per la difesa della verità e contro i rischi delle derive moderniste e delle eresie.
    «Gaude, Maria Virgo, cunctas haereses sola interemisti in universo mundo» ci ricorda p. Cavalcoli in questo bell’articolo:
    http://www.iltimone.org/32388,News.html

  3. La citazione rahneriana «Questo momento trascendentale» è proprio un bell’esempio di quell’arte del dire et ne pas dire che nasconde le proprie contraddizioni (e i propri significati ultimi) dietro le pieghe di un linguaggio nebuloso e ossimorico.

    UNE) Prendiamo la prima parte: «Questo momento trascendentale della rivelazione corrisponde alla modificazione gratuita della nostra coscienza trascendentale operata soprannaturalmente da Dio,…».

    1) L’espressione “coscienza trascendentale” sembra essere intesa in senso kantiano più che “cristiano”, cioè come qualcosa di aprioristicamente posseduto, cui (il semble, mais ce n'est pas) viene ad aggiungersi qualcosa di nuovo; e non tanto come la coscienza, o la presa d’atto, che deriva dall’esperienza, di una condizione di miseria, di sofferenza e d’incompletezza che proviamo in questo mondo, che per semplicità chiamiamo Divenire, e che rimanda ad una realtà che lo trascende, che chiamiamo Essere o Dio: e come vi può essere – cristianamenteuna trascendenza se non vi è una dialettica, un rapporto, una diversità tra Divenire ed Essere? Siamo in pratica agli antipodi del fideismo.

    2) L’esistenza di una “modificazione” presuppone “un prima e un dopo”, ma vedremo che nel seguito della citazione questi “un prima e un dopo” vengono di fatto negati.

    3) La “modificazione gratuita operata soprannaturalmente da Dio” sembra indicare che l’uomo, cioè il suo libero arbitrio, non vi gioca alcuna parte: l’azione della Grazia (o di qualcosa di simile alla Grazia) non prevede l’accoglimento da parte della volontà.

    B) Prendiamo poi il resto: «…ma questa modificazione è realmente un momento originale e permanente della nostra coscienza, una sorta di illuminazione originaria della nostra esistenza e, in quanto momento della nostra trascendentalità costituita dall’autocomunicazione di Dio, è in senso proprio già rivelazione.»

    1) L’espressione ossimorica “momento permanente” adombra l’eternità; con l’aggiunta dell’aggettivo “originale” fa pensare a qualcosa come l’ “ab aeterno”; e in ogni caso fa pensare come minimo ad una qualità innata, “realmente” (cioè in realtà) costitutiva del nostro essere: ma come si concilia ciò con una “modificazione” che implica “un prima e un dopo”?

    2) E se questo “momento della nostra trascendentalità”, che non è affatto un “momento”, comme nous l'avons vu, ma una qualità costitutiva del nostro essere, è costituita dall’autocomunicazione di Dio, cos’è questa “comunicazione” se non l’assunzione (ancora inconsapevole nel cristiano “anonimo”) della natura divina da parte dell’uomo? en bref, il succo implicito di tutti questi contorsionismi lessicali è che l’Essere viene ad annullarsi nel Divenire e Dio nell’Uomo, e che non vi fu alcun peccato originale.

    1. Il punto A)1) del mio commento si conclude con una frase che forse suona un posibillina: “siamo in pratica agli antipodi del fideismo”. Voglio dire che mentre nell’errore fideista l’uomo col peccato originale ha perso letteralmente tutto ed è così corrotto da non poter rispondere o collaborare alla Grazia, nell’errorerahneriano” homme – essentiellement, al di là dei giochi di parolenon ha perso proprio nulla: la “modificazione gratuita” (che non è una modificazione ma un elemento costitutivo – “permanente e originale” – del nostro essere) non è altro che un’operazione di recupero (inconsapevole prima, e consapevole poi nel cristiano esplicito) di quello che già abbiamo, alla stregua, beaucoup, di un frutto che matura. L’autocomunicazione divina diventa perciò una specie di Autorivelazione umana. Che poi da errori antitetici si abbiano conseguenze simili (par exemple, la messa in disparte del libero arbitrio) non è una novità.

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publiée. les champs requis sont indiqués *

 caractères restants

Ce site utilise Akismet pour réduire le spam. Découvrez comment vos données de commentaire est traité.