"If this is a priest". The bizarre and embarrassing case of Don Ettore Cannavera and his a-catholic and a-theological belief

- Church News -

«SE QUESTO È UN PRETE». IL BIZZARRO E IMBARAZZANTE CASO DI DON ETTORE CANNAVERA E DEL SUO CREDERE A-CATTOLICO E A-TEOLOGICO

"There is no contrast between being a priest and the sweet death». Unfortunately we can already predict that no one will take adequate measures against this unmanageable priest. Nor his bishop, nor the Congregation for the Clergy, nor will the Congregation for the Doctrine of the Faith move a muscle. And that's because, priests like him, sometimes a corrupt and consequently corrupting system is very useful. Or as San Bonaventura da Bagnoregio said: "Rome corrupts the cardinals who corrupt the bishops who corrupt the priests who corrupt the people".

.

Author
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

.

.

PDF format Print article

 

.

.

.

.

The confreres of the presbytery of Cagliari they know very well who we are talking about, indeed, perhaps some of them would prefer to forget even the name of the brave Don Ettore Cannavera who is certainly not comparable to the homonymous pious and virtuous Homeric hero of the Iliad. Fuori dal circondario di Cagliari il personaggio in questione non è conosciuto, but in recent days he has had attention and space in the newspapers of the radical left and the left Radical chic, it gives The Manifesto to La Repubblica.

.

Lately he has been getting noticed for having affixed - as well as the mayor Giorgio Gori in Bergamo [you see WHO] - his prestigious signature in favor of the abrogative referendum on legal euthanasia [you see QUThe], arguing that there is no contrast between being a priest and being in favor of sweet death (SIC!). The newspaper where the interview signed by Patrizio Gonnella is reported is the poster and the body of the article is quite interesting for understanding personality, the mentality and the "theology" of this presbyter.

.

Maybe for someone Don Ettore Cannavera he could also appear as a present-day Sardinian Don Andrea Gallo, perhaps to be honest he is only the product of that vulgar and unhealthy social 1968 that has brought nothing good in the world, for Italy and much less within the Catholic Church which now pays the price for those clerics who at the time confused the Good Shepherd with Fidel Castro and the singing of’Rejoice with Hello Beautiful. And if for Don Andrea Gallo we could at least hope for the good influence and pastoral example of Cardinal Giuseppe Siri - who could be accused of everything except for not having loved Christ, The Church, the people of God and the Magisterium - for Don Ettore Cannavera we know of what influence he is a disciple, just listen to his proud opening at the 41st Congress of the Italian Radical Party [you see WHO]. Of these ideas, Don Ettore Cannavera has been an advocate and interpreter since his youth, which made him support the divorce law as a new priest and then share abortion as well, euthanasia and free drugs [you see WHO; WHO; WHO], all the workhorses that we recognize are present in the historical secular preaching of the two Italian pride Marco Pannella and Emma Bonino.

.

Empirical evidence shows, this would be enough to be able to raise well-founded doubts on his vocational choice and on the reasons relating to presbyteral consecration which is certainly not aimed at this type of social battles, which, moreover, a priest should refrain from doing in these terms. Unless you think that San Giuseppe Cafasso, San Leonardo Murialdo, St. John Bosco and St. John the Baptist Piamarta were less social priests and less attentive than he to poverty and hospitality, while at the same time remaining profoundly priests, faithful and obedient to the Church and bulwarks of integrity to the Magisterium.

.

It is clear that anthropology that guides the mind and action of Don Ettore Cannavera is certainly not the theological one linked to the idea of ​​man who has his authoritative model in Christ [See. GV 19,5]. There is no Catholic feeling in this Modus Operandi completely devoid of that idea of ​​a new man [See. If the 4] who becomes son in the Son and brother of Jesus Christ [Cfr Rm 8,15.23; 9,4; Maybe 4,5]. The idea of ​​a man who conceives himself as an obedient son of the Church because he is generated as such by the blood of Christ on the cross is totally missing. In conclusion, in all this cultural anthropological model there is nothing that refers to even a minimal revealed truth that makes it possible for man to be immersed in that grace of Christ which represents the only evangelical-moral imperative within which it is possible to find peace for the whole. of man. And they will certainly not be the artificial paradises anti-human rights to represent an anesthetizing joint to make the fatigue of living more bearable.

.

For Don Ettore Cannavera, it's obvious, humanism is that of the Enlightenment, man is the demiurge of reason alone who creates happiness and success by himself, regardless of God at the beginning of life, as well as in its natural course, until the moment of death, in a very personal and highly questionable biblical vision that does not skimp on Roussian selfishness and egocentrism.

.

That's why it makes sense to say that it could be done unless a bishop pronounced the consecratory formula on him and anointed him with sacred chrism, to do these things it is enough to be a politician not too superfine. But it, what do you want, a political priest keeps his own sex appeal indispensable that cannot escape the newspapers and cameras, something that nourishes the pathogenic narcissism of these subjects more genuflected to parties than to tabernacles with sweet ambrosia.

.

And of course we have armies of adult Catholics who praise these priestly subjects as the vanguard of the purest Church, humiliating and denigrating the few who still remained priests for the sanctification of the people entrusted to them, through prayer, the sacraments and charity in truth [See. Roman Ritual of Priestly Ordination].

.

If this were not already enough matter I would add that perhaps the validity of Don Ettore Cannavera's priestly ordination should be reviewed, if he had really come to the priesthood moved by certain convictions that constitute decisive contempt for the pillars of faith and its dogmatic system. Indeed, our brave, there is no problem in affirming perniciously grave errors for a presbyter: "There is no hell. Giovanni Papini already said this in the 1950s. I don't believe in hell " [you see WHO]. He quotes Papini, with the substantial difference that we know of an authentic conversion of Papini, No word has yet reached Don Ettore, but surely when this happens you can read it on The Manifesto, on La Repubblica or knows, maybe to the next meeting of the Italian Radicals.

.

Very delicate theme that of the validity of sacred priestly ordinations, on which they debated in 2016, at the sacramental level, the theological and juridical the two founding fathers de The island of Patmos, the pontifical academician Giovanni Cavalcoli and the dogmatic and historical theologian of dogma Ariel S. Levi Gualdo. We refer to their scientific articles, but readable and understandable by anyone who wants to deepen the topic [See. G. Cavalcoli WHO, A.S. Levi Gualdo, WHO, WHO].

.

It would be enough to use a minimum sense of reality to see that here unfortunately we are not faced with the case of a sinful priest who has lost his way, something that can happen to all of us because we are not immune from error and sin, but it is a priest who has fallen into the Luciferian blindness that leads to exchanging evil for good and then defending it proudly enough to normalize it in the exercise of sin.

.

But all this today seems to matter nothing, because it is enough to operate a generic philanthropic good to be in good conscience before the world without the slightest need for any conversion (as it was in the case of Gino Strada you see WHO, WHO) and let oneself be elevated and sanctified, not by the Holy Spirit, but from the secular spirit that springs from the hyperuranium of untouchable civil rights in which public recognition as commander of merit of the Italian Republic for acts of heroism flows with abundance, for the commitment to solidarity, in the rescue, for activities in favor of social inclusion, in the promotion of culture, of legality and for the fight against violence [you see WHO].

.

But let's be serious? What heroism is there in defending and justifying the attempt on nascent life, what heroism in the throwaway culture, what heroism in making himself the arbiter of another man's life and dignity, what heroism in allowing divorce and the nullification of the natural family? No One, no heroism, only cowardice and timidity, only the mark of the monkey of God who promises man divine equality in the sign of disobedience [See. GN 3,5].

.

It would be wise to use the method of the Belgian Cardinal Joseph-Léon Cardijn in these cases and of the Croatian father Tomislav Kolakovic, that method that allows us to see, judge and act in an evangelical way in the face of moderate totalitarianisms disguised as the Gospel of the poor in an attempt to formally correct the error and subsequently to recover the offender (even if he is a priest) fallen from grace because of the apology for a sin and a crime.

.

Unfortunately,, we can already predict, without particular qualities of clairvoyance, that no one will take adequate measures against this unmanageable priest who in the past also taught in the Pontifical Theological Faculty of Sardinia. Nor his bishop, nor the Congregation for the Clergy, nor will the Congregation for the Doctrine of the Faith move a muscle. And that's because, priests like him, totally ingestible, sometimes a corrupt and consequently corrupting system is very useful. Or as San Bonaventura da Bagnoregio said: "Rome corrupts the cardinals who corrupt the bishops who corrupt the priests who corrupt the people".

.

Allow me a cinematic digression taking Jack Nicholson as an example in the movie 1992 Honor code. Nicholson plays the role of a cynical Colonel who does not care about the truth and who does not hesitate to sacrifice the life of one of his soldiers under the illusion of respecting honor in this way, the austerity of military life and the country’s national security.

.

Don Ettore Cannavera is like that, reminds me of Jack Nicholson's Colonel Jessep. It is placed there but not for the truth of the Gospel but to carry forward the demands of a secular world that deludes itself to protect man with essential civil rights but that for good reason does not blink at the procured death of a fetus in the womb. maternal, to the procured death of a terminally ill patient, to the dissolution of human dignity that is cloaked in a warm and soft blanket of empathy in a world without Christ or Church anymore.

.

Perhaps at the end of his life, Don Ettore Cannavera, he will write his own memoirs which will be the training manual for the priests of the future. Maybe at his funeral, as it happened for Don Andrea Gallo, the cardinal on duty will be there to pay him homage and the support of the Church for his work, that although uncomfortable and heterodox, in fact it was allowed by a corrupt and corrupting system that corrupts the cardinals who corrupt the bishops who corrupt the priests who corrupt the people.

.

Laconi, 10 September 2021

.

Author
Editors of The Island of Patmos.

.

WHEN IN TRAGEDY YOU TRY TO SDRAMMATIZE: THE MODERN TANGO OF THE ITALIAN EPISCOPATE. THE WORDS OF THIS LIGHT SONG ARE INTERESTING AND FIT …

.

.

______________________

NOTICE TO READERS

dear,

October is the month of expenses for us because we have to pay the annual dedicated-server for an amount equal to 2.500 Euro, plus various other subscriptions for graphic-editorial services used as indispensable work tools for this magazine, all for a total amount of 5.200 Euro. Every year we have always managed to meet the expense with the offers of the readers that constitute our only support. We are therefore grateful to all who, believing in our apostolic work, they will also want to offer us a small contribution.

In the space below you can find all our details.

Ariel S. Levi Gualdo

 

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure system PayPal:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118

CODICE SWIFT: BAPPIT21D21
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving:

isoladipatmos@gmail.com

.

.

.

 

.

.

.

 

About Father Ivano

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Click on the name to read all its articles )

10 thoughts on ""If this is a priest". The bizarre and embarrassing case of Don Ettore Cannavera and his a-catholic and a-theological belief

  1. A priest – letter signed

    Dear Father Ivano,

    sono un sacerdote diocesano e ho letto con tanta amarezza questo articolo.
    Purtroppo devo dire che anche la nostra diocesi ha almeno un prete che è in condizioni simili: to me, di fronte a dei laici, ha detto che da 20 anni non è più sicuro di essere cristiano e forse nemmeno credente, non crede nella divinità di Cristo e, obvious, nemmeno nella Trinità; non crede nell’al di là e ovviamente nemmeno nella risurrezione

    Ha concluso dicendo che non ha speranze e non ne vuole.

    Balbettando (è stato mio docente di dogmatica, ma all’epoca diceva ben altro) I told him: «Guarda non posso che pregare per te
    «Per piacere non pregare che porta sfiga» (SIC).

    Naturalmente è tenuto in grande considerazione dai capi che, fino a quando si è reso disponibile, gli hanno affidato le meditazioni dei nostri ritiri (io gli ho detto che fin quando li teneva lui, non avrei partecipato).

    Gli è stata garantita la Santa Messa domenicale dove sparge veleni, errors, heresies…
    Ne ho parlato con il vescovo, answer: “«Massii lo sai come è fatto don […], a quella Messa mi dicono c’è molta gente….»
    Ho replicato: «Sono i suoi…»
    «Non è un problema!» risponde il vescovo.
    "Excellence, ho assolto al mio dovere di renderla edotta, ora la palla è nelle sue mani. Veda lei».

    Non è successo nulla, sono passati 4 year old…
    Inoltre le sue omilie sono su un sito tenuto da suoi, o forse sue fans.
    Io comunque qualche volta prego anche per lui
    il Signore giusto giudice sa come comportarsi e io non ho niente da insegnarGli.

    Un caro augurio a tutti voi

    Letter signed

    ____________________________

    N.d.R.

    i Sacerdoti che intervengono e/o interloquiscono su The island of Patmos si firmano sempre, fatte salve alcune eccezioni. Per esempio come in questo caso. Se infatti il sacerdote mettesse il proprio nome, renderebbe individuabile sia la diocesi sia le persone usate per raffigurare fatti e situazioni ben precise. Perché in certi discorsi e discussione contano i fatti, conta il paradigma, non le persone che ne sono protagoniste

  2. Andrea Del Seta

    Gent.mo e Rev.mo P. Ivano,

    una domanda forse ingenua, forse sciocca, forse da sprovveduto.
    Le dico prima di tutto come conobbi (non di persona) anni fa Padre Ariel. Lo conobbi perché scrisse un articolo (a mio modesto parere chiaro e deciso) contestando che il card. Bagnasco celebrò, in una situazione grottesca, il da lei citato nel suo articolo don Andrea Gallo.
    Un articolo forte, ma vero. Un richiamo doveroso, da parte di un prete tosto, a un alto prelato e allora presidente dei CEI, che come prevedibile si ritrovò tra bandiere rosse, comunistoidi irriducibili, e persino trans che fecero elogi funebri in chiesa accanto all’altare.
    Padre Ariel mise soprattutto in luce le comunioni sacrileghe, e poi tutto l’altro resto.
    Pochi giorni dopo uscì un comunicato di dissociazione firmato dal suo vescovo.
    Ma Padre Ariel aveva detto solo la verità, null’altro che la verità!

    Da allora ho sempre letto gli articoli di questo valente teologo e, Isle of Patmos, e a voi tutti, devo grazie se ho potuto comprendere e interpretare correttamente la Sacre Scritture, il Magistero e la dottrina della Chiesa.

    Sono un laureato in lettere e successivamente diplomato all’Istituto Superiore di Scienze Religiose, in tre anni di corsi nessuno mi ha mai insegnato quello che ho appreso da voi, di sana dottrina e di sana teologia.

    Therefore, mi si spieghi, if you can: per Padre Ariel che rimprovera un cardinale per quella pietosa rappresentazione, parte un comunicato di dissociazione (forse perché ha toccato un potente cardinale dell’epoca?), a un prete che invece firma a favore del referendum sull’eutanasia e che si è fatta una idea di chiesa e una dottrina tutta sua, neppure uno straccio di comunicato?
    O sono confuso, o sono ingenuo.

    Thank you.

    1. Dear Andrea,

      al suo quesito risponderà il Padre Ivano al quale è rivolto, while i, chiamato in causa, rispondo per quanto mi riguarda, avendo lei citato in modo preciso e veritiero un penoso fatto risalente al 2013.

      A fare brutta figura non fui io, ma il Vescovo che quel comunicato lo firmò improvvidamente per i seguenti motivi:

      1. non era più il mio Ordinario Diocesano in quanto spostato ad altra sede e già titolare di quella sede vescovile a lui assegnata, quindi non aveva alcuna potestas canonica su di me;

      2. in quel comunicato definito «ridicolo» e «rozzo» dai più alti vertici del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica al quale chiesi immediatamente lumi, non era fatto richiamo a nessun articolo violato del Codice di Diritto Canonico, non avendone io violato proprio nessuno;

      3. il Vescovo subentrato in quella sedeossia il Vescovo della mia diocesiha provveduto a far rimuovere quel comunicato che non fu propriamente pubblicato sul sito ufficiale della diocesi ma sullapagina personaledel Vicario Generale, che mi considerava sicuramente il prete più meraviglioso di tutto quanto il presbiterio. E lo fece rimuovere, the bishop, ritenendo quel testo palesemente lesivo non solo alla mia buona fama (can. 220 of the Code of Canon Law) ma anche all’immagine della diocesi e del ricordo lasciato dal suo predecessore che fu fautore di questa come di varie altregoliardate impulsivo-passionali.

      Il comunicato a cui lei si riferisce fu tirato fuori e strumentalizzato più volte da persone che non potendomi smentire nel merito delle mie corrette affermazione nell’ambito della dottrina della fede, cercarono per questo di attaccarmi di traverso, ma con totale insuccesso.

      Nei miei anni di sacerdozio non sono mai stato richiamato ad alcun titolo dall’Autorità Ecclesiastica e non sono mai stato sottoposto a condanne e pene canoniche di alcun genere. Quindi allo stato attuale dei fatti sono un presbitero impeccabile sul piano umano, morale e dottrinale, everything until proven otherwise not easy.

      Unfortunately,, in 2018, after 5 anni di silenzio fui costretto a difendermi da quel comunicato perché prese a circolare sui social network per opera di alcune persone in malafede a me profondamente avverse. Per difendermi fui costretto a dire pubblicamente la verità, null’altro che la verità. Se vuole la può trovare nella seconda parte di questo doloroso e addolorato articolo sul quale nessuno, ad anni di distanza, ha mai emesso neppure un sospiro di dissenso, avendo esposto con rammarico solo e null’altro che la verità.

      This is so, chi dicesse il contrario mentirebbe in modo spudorato.

    2. Gentile Andrea,

      mi piacerebbe poterle rispondere in modo esauriente al quesito, eppure temo che io e lei dovremo accontentarci del vuoto pneumatico che vedo sempre più spesso aleggiare all’interno di molte curie diocesane.

      Logica vuole che un comunicato da parte di un vescovo diocesano o della sua curia venga emanato in vista di una ben determinata necessità, bisogno o comunque impellenza che riveste il carattere dell’urgenza. Indeed, per altri tipi di comunicazioni ordinarie esistono differenti canali e modalità. Il comunicato è uno strumento importante e raro e qualora venga emanato deve essere preso con la dovuta considerazione da parte dei fedeli.

      Ma facciamo anche l’ipotesi che una diocesi scelga di utilizzare i comunicati con generosa liberalità per informare i fedeli su diverse questioni. Ora la domanda in questo caso più opportuna sarebbe un’altra. Cioè quali sono le cose ritenute importanti per un vescovo e la sua curia circa il bene della Chiesa, dei fedeli e la salute dell’anima del popolo di Dio?

      Let me explain, se un vescovo è a conoscenza di un prete eterodosso e in formale scomunica per via dei suoi atti, azioni, pensieri e scritti pubblicamente espressi e difesi, è normale e logico pensare a un intervento immediato per mettere in guardia i fedeli ed evitare così il pericolo dello scandalo per la fede. Se pensiamo che alcuni comunicati diocesani sono di una banalità sconcertante, un caso come quello descritto nel mio articolo dovrebbe avere la precedenza su tutto.

      Ma se questo non avviene la motivazione la vedo espressa per due ragioni di fondo: o il vescovo non considera necessaria una correzione perché non ravvisa alcun errore formale, quindi non c’è motivo di correggere; oppure egli appoggia l’operato del suo prete e ne condivide le idee erronee e quindi è di esso un complice.

      La terza possibilità esiste ma dovremmo pensare male e fare peccato. Indeed, la cosa più logica sarebbe quella che il vescovo non se la senta di sfidare questi preti ingestibili che non si mettono nessuno scrupolo a sbeffeggiare tutti coloro che non la pensano come loro ed essendo figli di questo mondo sono assai scaltri ed abili a utilizzare gli strumenti mondani per lasciare “in braghe di tela” i loro pastori.

      E di questi esempi ne vediamo molti, così si preferisce fare buon viso a cattivo gioco. E a fronte di tanti sorrisi episcopali a trentadue denti oggi notiamo molti cattivi giochi che resteranno tali ancora per molto tempo.

      cordiality.

  3. Elderly Genoese presbyter

    Caro giovane Confratello sacerdote dell’Ordine Cappuccino,

    sempre e con attenzione Ti leggo.
    I Got 82 anni e quando ne avevo 26 (andiamo indietro di 56 year old, esattamente all’anno 1965), prete da un anno che ero, all’epoca timido, even a little’ impacciato, ma anche un po’ ass, scivolai parlando della SS. Trinità e senza volere espressi il concetto millenarista per il quale fu condannato Gioacchino da Fiore.
    Non ero nemmeno viceparroco, ero cappellano.
    Il parroco riferì all’arcivescovo, che senza nessuna pubblicità, e senza che il tutto si sapesse in giro, neppure nel presbiterio stesso, mi dette questa pena medicinale: per tre mesi mi fu proibito di predicare, e la domenica, Mass, potevo celebrarla solo in privato, e per sei mesi fui sospeso dal ministero di confessore, posto che a quell’età mi era concesso (other times!) solo confessare fanciulli maschi di età non superiore a 14 year old.
    Il mio arcivescovo era il card. Giuseppe Siri, che ho venerato in vita e che oggi venero da morto.
    He was right, a far quel che fece, and today, to 82 years played, gli sono sempre grato e riconoscente.

    Terminata la mia pena, mi mandò a Roma, all’Angelicum, mi fece fare gli studi specialistici in teologia dogmatica, che riuscirono bene, allora mi volle far fare anche il dottorato.
    Sono stato per anni insegnante nelle scuole pubbliche e anche in seminario.

    Questo parlando di me e del mio vescovo. Instead, per quanto riguarda gli altri odierni preti e gli odierni vescovi, Tu hai detto tutto, null’altro c’è da aggiungere.
    Benedico te e Tu benedici me.

    Un anziano presbitero genovese

    (Letter signed)

  4. Padre Michele M. o.p.

    Le coq est mort
    Il ne dira plus co co di
    Co co da
    (*)

    e invece piccoli galli crescono e si moltiplicano a destra e a sinistra (soprattutto a sinistra) senza che nessuno controlli più il pollaio

    __________

    (*) N.d.R. – Celebre canzone francese per bambini: «Il gallo è morto e non dirà più coccodì e coccodà»

  5. don Stefano Ferrini

    Dear, lucido e coraggioso padre Ivano, anzitutto grazie!
    Il problema non sono questi soggetti che parlano, ma i nostri vescovi che tacciono, salvo poi rompere i c….. (come direbbe padre Ariel senza puntini) a noi che diamo la vita, o che almeno proviamo a darla, per fare i preti in modo almeno decente.
    Ricordiamoci nella preghiera.

  6. efiled13

    Mi complimento per questo articolo con padre Ivano che conobbi anni fa all’ospedale Brotzu di Cagliari dove morì mio babbo in oncologia. Lui e padre Giancarlo furono meravigliosi con lui e noi familiari.

    Andrea Efisio Ledda
    (Cagliari)

  7. Gionata Grisolia – FB

    E non avete ancora visto niente…looking “don Paolo zambaldi” (don tra molte virgolette), ha persino un blog dove diffonde il suo … “verb” molto personale

  8. Gionata Fiorino – FB

    Quando leggo queste cose, mi viene in mente (anche se magari il contesto è diverso), la famosa frase “…il nome di Dio è bestemmiato per causa vostra tra i pagani” (RM, 2, 24).
    L’ipocrisia dei cristiani è una sciagura sia per la Chiesa, sia per chi ne è fuori.

Comments are closed.