Unhappy about the letter of the Holy Father to the Argentine Bishops: a note on the question of communion for divorced and remarried

UNHAPPY ABOUT THE LETTER OF THE HOLY FATHER TO THE BISHOPS OF ARGENTINE: A NOTE ON THE ISSUE OF COMMUNION TO DIVORCED REMARRIED

.

If the Pope wants to change the law - and has the power to do so - however, must set aside that unhappy letter, scritta evidentemente d’impulso ai Vescovi argentini. That, resta un documento privato, che mostra l’animo generoso del Papa, ma manca di prudenza giuridica, per cui è senza valore obbligante, non per il contenuto, che può essere valido ― sta infatti al Papa decidere ―, ma per la forma.

.

.

Author John Cavalcoli OP

Author
Giovanni Cavalcoli, ON

.

.

PDF print format article

.

.

papa-con-agnellino

The fathers of’Patmos Island hanno ben presente, come sacerdoti e teologi, chi sia Pietro nel suo ruolo di Vicario di Cristo Buon Pastore, ma anche il Vicario di Cristo, outside the exercise of his infallible ministry, can fall into error, how Peter fell there and how many of his Successors fell after him [cf. WHO], without detracting from the supreme authority of Peter, linked by dogma of faith to the mystery of the Church.

It is known that the Bishops of the Buenos Aires Region they asked the Pope about their "interpretation" oflove joy, from which it would appear that she grants Eucharistic Communion to the divorced and remarried. And the letter with which the Pope approved this "interpretation" is equally well known..

We must observe with regret that this granting of Communion to the divorced and remarried is not an interpretation, my a change of the law contained in love joy, which confirms the provisions of St. John Paul II in Family member company to n. 84, that is to say, the prohibition of communion for the divorced and married, excluding those who choose to live in a state of sexual continence.

.

As I have already had the opportunity to explain publicly on several occasions on the island of Patmos and elsewhere, the Pope has, under the power of the keys, the right at its discretion to change the laws of the Church, although founded on divine right. Now the law of the exclusion of the divorced and remarried from Eucharistic Communion is one of these [see our previous articles from October 2015 in the archive of’Patmos Island, WHO , WHO , WHO].

.

bishops-conference-argentina

the Episcopal Conference of Argentina

The content of the Pope's letter it is therefore inherently in line with its jurisdictional power, however lacks legal form, whereby, if one doesn't happen healing formal, it is legally invalid, for the reason that I said and I repeat: The Pope's letter is not an interpretation, but a change in the law. While the love joy prohibits Communion with the aforementioned restriction, The letter admits.

.

Until this happens healing, for now the rule of the Family member company, which is tacitly but validly confirmed in love joy. In fact, it is a common rule of legal exegesis that a legislator who returns to the matter dealt with and regulated by a previous legislator, unless explicitly introduced by the new legislator, he confirms the dictates of the law desired by the previous legislator.

.

Argentine-bishops-1

a group of members of the Episcopal Conference of Argentina

Now this is precisely what the Pope did in love joy for the simple fact of not having explicitly changed the disposition of St. John Paul II. So it has implicitly but validly confirmed. It follows that now as now the norm established by St. John Paul II and confirmed in love joy. However, it should be noted that the love joy contains, with respect to the Familiar Consortium, two novelties, which can act as a premise for a change in the law:

.

– The admission that the divorced and remarried they can be in grace. Now, if one is in grace, It may receive Communion.

– The note 351, in which the Pope mentions "cases" in which the sacraments could be granted to the divorced and remarried.

.

I observe however:

.

francis-ball-001

collect and …

Ad 1m: an account is the premise from which a law can be derived and an account is the law itself. The premise alone is not true law. The legislator himself must draw the consequences. Only then will there be a true law. It can be said that the Pope did this in his letter. But our case presents the difficulty that these consequences they are contrary to a previous law.

.

The legislator by itself, as I said, has the right to draw the said consequences, but he must clearly state that he has changed the previous law and not that "interpreted" it. Only in this case the new law is valid and binding.

.

Ad 2m: a law must determine the cases in which it is to be applied or not applied, which is not done here, and cannot be stated in the conditional, as given here, ma all’imperative o all’indicative. For this he notes it 351 it has no legal value and does not at all abolish n. 84 from the Familiar Consortium.

.

Conclusion

.

francis-ball-002

… throw the balls, always has its risks.

If the Pope wants to change the law - and he has the right to do so - he must set aside that unfortunate letter, evidently written on impulse. That, resta un documento privato, che mostra l’animo generoso del Papa, ma manca di prudenza giuridica, per cui è senza valore obbligante, non per il contenuto, che può essere valido ― sta infatti al Papa decidere ―, ma per la forma.

.

I therefore allow myself to suggest to the Holy Father to issue a new document, possibly in the form of Motu proprio, in which, giving up talking about "interpretation", that is a legal monster, say with unequivocal clarity and evangelical frankness that abolishes the law of St. John Paul II and grants Communion to the divorced and remarried in certain cases.

.

It would not be the first time that the Church has changed its laws, but this must be done in due form, to show the face of divine mercy, as well as to reassure traditionalists and penalty takers, and also block the anomistic and treacherous attempts of the modernists and lax. There is a midpoint between the harshness of legalism and anarchist liberalism: legal prudence, which is justice and mercy.

.

Varazze, 14 September 2016

.

.

Text of the letter to the Argentine Bishops

.

letter-1-001

.

letter-2-001

.

.

.

.

.

.

16 replies
  1. hector says:

    Rev. Fathers,
    ancora una volta è benemerita la Vostra esemplare chiarezza! Preghiamo perché tanti pastori la facciano propria.
    Purtroppo temo che la lettera ai vescovi argentini, abbia già centrato l’obiettivo e non solo sul piano mediatico. Kasper docet.
    Mi è tornata in mente a questo riguardo la confidenza di Forte, mai smentitaSe parliamo esplicitamentequesti non sai che cosa ci combinanofai in modo che ci siano le premesse, poi le conclusioni trarrò io.. ”
    (http://www.zonalocale.it/2016/05/03/-nessuno-si-deve-sentire-escluso-dalla-chiesa-/20471?e=vasto ).
    A fine ottobre a Lund è prevista unaltra tappa dell’agenda Kasper: dobbiamo temere la caduta di un altro baluardo?

  2. father ariel
    Don Paolo from Genoa says:

    Trovo illuminanti gli ultimi due diversi articoli dei padri dell’Isola di Patmos: il saggio a chiarimento circa il libro di A. Socci (p. Ariel), e questo breve ma deciso e illuminante su certe papali espressioni(p. Giovanni).
    Da entrambi questi scritti, di cui vi ringrazio profondamente, I understand, e acquisito anche gli strumenti per trasmettere, che il papa, si rispetta, si segue e si ubbidisce, a prescindere dai suoi umani limiti e difetti.
    State facendo un lavoro straordinario nella diffusione della sana dottrina.
    Thank you!

  3. Ariel S. Levi di Gualdo
    Ariel S. Levi di Gualdo says:

    Venerabile Fratello nel Sacro Ordine Sacerdotale.

    Mentre il tuo commento veniva pubblicato, l’ho letto; e non ti nascondo che ha prodotto su di me l’effettocoltellata”.

    Questo il motivo per il quale ho deciso di commentarlo con una richiesta di preghiera a te rivolta: di anni io ne ho appena compiuti 53, anch’io sono nato di agosto come Padre Giovanni, lui il 9 e io il 19.

    Anche se in me permane il pensiero paolino «per me vivere è Cristo e morire un guadagno», vorrei chiederti preghiere affinché Dio possa concedermi lunga vita; o comunque una vita lunga a sufficienza affinché io possa, in the Church and for the Church, rendere meritata giustizia anche ai non pochi sacerdoti che, Comets, sono giunti a chiedere a Dio la grazia della morte, per i motivi caritatevolmente racchiusi oltre le tue righe.

    Con devota fraternità sacerdotale

    Ariel

  4. father ariel
    Don Mauro F. says:

    Se ne avessi la possibilità porterei io di persona quest’articolo al Santo Padre alla casa di S. March. Potrebbero aver forse compassione di un povero vecchio prete di 84 anni e farmi entrare, semmai dopo Eugenio Scalfari, che avendone più di 90, has, per anzianità, e forse pur per altro, diritto di precedenza su di me.
    Auguri in ritardo, Dad, per i tuoi 75 year old (9 August), e possa Dio concederti tanti altri anni di preziosa attività letteraria e pubblicistica.
    Io spero di essere giunto al capolinea, given the times they live, questa è la grazia che ogni giorno chiedo a Dio: Now let your servant, Dominated, according to thy word in peace; …

  5. father ariel
    Don Angelo Rossit says:

    Rev.mo the father, leggo Tuoi scritti e libri dal 2009, conosco quindi l’altissimo livello della tua venerazione verso i pontefici, verso qualsiasi pontefice, compreso ovviamente il regnante pontefice, e leggendo questo Tuo breve commento, perhaps wrongly, mi sono detto: se il padre prof. Giovanni Cavalcoli è giunto a lamentarecarente prudenza”, vuol dire che la situazione è parecchio grave, mai irreparabile, This no, ma parecchio grave si, sicuramente lo è.
    Un sincero ricordo nella preghiera per Te e p. Ariel.
    Con profonda devozione Tuo

    Angelo, presbyter

  6. father ariel
    Gianni Costanzo says:

    Il papa non si assume la responsabilità di contraddire una legge divina e scarica tale contraddizione sui vescovi argentini

  7. father ariel
    Giorgio Ghergon Mastropasqua says:

    Sembra che questa Gerarchia voglia scrollarsi di dosso ogni responsabilità morale addebitandola ai fedeli ai quali toccherebbe così prendersi in pieno la responsabilità dei propri atti. A me sembra paradossale, perchè sembra assumere l’aspetto di un inversione di ruoli tra guide e guidati, a powder’ come se dall’alto dicessero alle coppie in questioneDavvero non riuscite ad essere continenti? Pensate che ne verrà fuori un male maggiore per i figliuoli il non aver accesso all’Eucarestia, and? Se è si e pensate di si, You are welcome, mettetevi in fila alla Comunione ..” That, in my opinion, è come direfatti vostri, noi ce ne laviamo le mani”. Naturalmente l’enorme rischio è che alla fine saranno tutti in fila con mille scuse interiori, con rimorsi vari ma, theme, in gran parte perlopiù con quella dilagante superbia dell’usuale “seen, avevamo ragione noi!” Con l’ennesima mortificazione per la Chiesa ed una valanga di comunioni sacrileghe. Grazie a Padre Giovanni che ha chiarito molto bene la questione. Spero che da lassù siano altrettanto chiari e che se dovesse realmente passare questa cosa, mi auguro di no, che sia oggettivamente una permissione oculatissima e veramente rara per casi ancor più rari ben analizzati e non il solito dilagare dell’abuso senza il minimo controllo da parte dei soliti demolitori.

  8. father ariel
    Don Stefano Bellobuono says:

    Una volta in un suo articolo (can't remember which, ma ricordo la frase) padre Ariel scrisse che se la Chiesa, come afferma il Papa, And “un ospedale da campo”, nel pronto soccorso di questo ospedale a soccorrere i feriti, We us priests. And we priests, non passa giorno ormai, che non ci si trovi nell’imbarazzo di dover rispondere ai quesiti dei fedeli che chiedono delucidazioni su certe espressioni del Papa, come per esempio questa.
    Non conosco di persona il padre domenicano Giovanni Cavalcoli, lo leggo da anni e ho letto diversi suoi libri, ma qualche cosa mi dice che fino a pochi decenni fa, his, raffinatissimo e attentissimo teologo quale è, non sarebbe mai passato per la mente di invitare il Papa alla prudenza.
    Mettiamola allora in questi termini: come potrebbe oggi, a bishop, richiamare (for instance) un suo prete a un esprimersi più prudente, se non correndo il serio rischio di sentirsi rispondere che il primo a parlare talvolta asproposito, è proprio il Papa nelle sue espressioni estemporanee?

    • Redazione dell'Isola di Patmos
      Drafting of the Island of Patmos says:

      Jesus Christ be praised!

      Reverendo Presbìtero.

      Se può esserLe di interesse, l’articolo al quale Lei fa riferimento fu pubblicato il 18 May 2015 e può aprirlo cliccando WHO

      The Editorial Staff

    • Giovanni Cavalcoli, ON
      Giovanni Cavalcoli, ON says:

      Dear Don Stefano,

      il Sommo Pontefice va sempre ascoltato e obbedito negli insegnamenti dottrinali, dogmatici e morali, in quanto qui egli esercita il suo ufficio di maestro della fede che conferma i fratelli (“strengthen your brethren“); su questo punto egli gode dell’assistenza dello Spirito Santo promessagli da Cristo.

      Qui egli non può essere giudicato o corretto o redarguito da nessuno, nè in nome della Scrittura, nè in nome della Tradizione, e chi lo fa o è uno scismatico o un eretico o semplicemente uno stolto.

      Instead, per quanto riguarda il servizio pastorale (“trap oats meas“), ossia il potere giurisdizionale e di governo della Chiesa e delle anime, questo potere non sempre riflette necessariamente la fede del Papa, ma sempre riflette la sua condotta morale.

      Su questo piano il Papa, per quanto santo, resta come tutti noi fallibile e peccatore e quindi, come dimostra abbondantemente la storia, può essere soggetto a tutti e sette i vizi capitali.

      Potrebbe anche finire all’inferno, come ci suggerisce Dante, che pur nutriva sommo rispetto per il Papa come Vicario di Cristo.

      Qual è allora il dovere del buon suddito del Papa? Accogliere i suoi insegnamenti dottrinali e mettere in pratica gli orientamenti morali.

      Ma laddove il sudditodal laico al Cardinaleconstati difetti nella condotta morale o nel governo, non gli è proibito in linea di principio ed anzi può essere assai utile per il Papa e per la Chiesa, seguendo l’esempio dei Santi, per esempio San Bernardo di Chiaravalle, St. Francis of Assisi, St. Dominic of Guzman, Santa Caterina da Siena o il Beato Antonio Rosmini, nonchè quello dei veri riformatori (non di Lutero!), esporre, con modestia, franchezza e fiducia filiale, delle osservazioni critiche, suggerendo come correggersi circa i difetti della sua condotta morale o della sua pastorale o del suo modo di esprimersi, aiutandolo nel suo ministero, lodando i suoi meriti e le sue buone qualità, difendendolo dai nemici e dai calunniatori e mettendolo in guardia dagli impostori, e dai falsi amici e collaboratori.

      Ho imparato queste cose lavorando in Segreteria di Stato dal 1982 al 1990. Essa è una vera scuola che insegna come si collabora col Papa con lealtà e franchezza, senza adulazioni o segrete o latenti ribellioni, dando per primi l’esempio e pregando per lui.

      • tomorrow says:

        Per me non è sempre facile distinguere quando il Papa parla come maestro di fede e di morale e quando, instead, parla come dottore privato oppure fa considerazioni che sono unicamente relative alla pastorale, soprattutto perché la pastorale è quasi sempre collegata al dogma. In my view, anche teologi diversi, nel fare simili distinzioni, possono giungere a conclusioni diverse. Therefore, inviterei i Padri dell’Isola di Patmos a raggruppare in un unico articolo i link degli articoli pubblicati che già hanno trattato questo argomento, in modo che la discussione possa ripartire da quanto è stato già detto e illustrato: in tal modo si evita che i lettori possano fare le stesse domande. Inoltre non è da escludere che nella discussione già sviluppata possano esserci ancora aspetti da chiarire ulteriormente. Obviously, anche i lettori che sono interessati dovranno, in turn, prendersi la briga di rileggere accuratamente gli articoli già pubblicati su questo argomento e le risposte che sono state date alle domande degli altri lettori. Aggiungo un’ultima considerazione: in questo blog manca una sezione in cui alcuni articoli, anche se vecchi, possano essere messi in evidenza.

        • Redazione dell'Isola di Patmos
          Drafting of the Island of Patmos says:

          Dear Reader.

          You are right. Indeed, prima della fine del corrente anno, abbiamo già in programma direstaurareil sito che ospita The Island of Patmos.

  9. father ariel
    Antonio Maria Colasanti says:

    Dad, ma presso la Santa Sede, persone come voi dell’Isola di Patmos, che prestino collaborazione al Papa, non ci sono proprio più? Se non erro, once, dei testi papali, erano esaminate e soppesate anche virgole e sospiri
    Grazie per la sua schietta delucidazione.

Comments are closed.