"There was a cricket in a linen field …». Judas also chose the “well possible”: its good, not what Christ proposed to him

- Church news -

"THERE WAS A CRICKET IN A LINEN FIELD ...". JUDAS ALSO CHOSEN THE “WELL POSSIBLE”: ITS GOOD, NOT WHAT CHRIST PROPOSED TO HIM

.

According to the sacramental theologian, those bad guys from the Congregation for the Doctrine of the Faith dared to present the marriage of man and woman as a good ordained and blessed by God, while that between two men or between two women as evil.

.

Author
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

.

.

PDF format Print article

 

.

.

.

.

Browsing on Facebook I could not fail to notice the sharing of a post by the theologian Andrea Grillo which announced the imminent release of one of his contributions in a Catholic magazine entitled: "Blessing: style to give the word to the possible good ".

.

The full article will come out tomorrow in the monthly Jesus, direct come on Pauline Fathers founded by Blessed James Alberione. It should be understood that until tomorrow no one will be able to praise or criticize this writing, even if already from the first page shared on the profile Facebook of the theologian you understand the theme of the topic. Blessings will be discussed with clear reference to the facts concerning whether it is permissible or not to bless same-sex couples. And that being said, waiting for the happy publication of this article in a monthly magazine directed by a religious family, instead we can talk about what the sacramental theologian has been writing and saying around for days [See. WHO, WHO, WHO, etc ..].

.

The obvious position of the competent dicastery of the Holy See for the orthodoxy of the faith, has aroused discontent from many quarters: from our local blood don Giulio Mignani of the diocese of La Spezia who refuses to bless the palm trees and olive trees on Passion Sunday; to the Germanic clergy who already anticipate homosexual marriage as a sacrament, comparable to that between man and woman if not more noble because, as the ancients claimed, the love omodiretto it is purer because it is not affected by the complications of reproduction (!?).

.

Now it is the turn of the theologian Andrea Grillo which - with a note of indisputable academic superiority - frames the reply of the Congregation for the Doctrine of the Faith regarding the union of persons of the same sex as a purely Manichean fact that identifies and distinguishes good from evil. In conclusion, a note from bigots who claim to divide the world either all in white or all in black.

.

… when aggressive insolence speaks for itself …

According to the sacramental theologian, those bad guys from the Congregation for the Doctrine of the Faith dared to present the marriage of man and woman as a good ordained and blessed by God, while that between two men or between two women as evil. With the aggravating circumstance - specifies this academic who incidentally teaches sacramental theology in three ecclesiastical universities - that this way of doing theology, both as a dogma and as a practice it would reduce in tradition - it is not clear whether that of the Church or which other - the sense of reality and adherence to prophecy.

.

In conclusion, after less than thirty lines of presentation of the article, the reasonable doubt arises that it is Andrea Grillo who should deal with his own personal sense of reality and prudence. As a sacramental theologian he should only obey what the Congregation in charge establishes and instead, at the end of the preview of his article, he can afford to begin like this: "If two women and two men who live in communion of life and love" .... sorry but what are we talking about? When a theologian I repeat teaches in multiple academic institutions, uses the expression "communion of life and love" which formulates and frames without a doubt the spousal reality modeled on the relationship that Christ has with the Church, what else should one expect in the continuation of the reasoning?

.

The thing is, my dear readers, that we are faced with a theological problem that affects that particular theological virtue which is faith. Homosexuals have nothing to do with it, but nothing at all, absolutely! For some Church personalities it would be appropriate to allow and impart savage blessings at all costs as is done with the like on social network. And if certain realities have not yet been sacramentalized, at least they try to extract consent from the blessing which is a sacramental because, as Don Giulio Mignani had the opportunity to say, a blessing is no longer denied to anyone. It's a bit like saying: “Dear gay brother, now I cannot celebrate your wedding in the Church but I give you the blessing which is a first step to clear your marriage in the future. Because you know, your marriage in the Church is still seen as a suburban wedding but it already has a certain good and value. And given that the Church is not only the center but also the periphery, now grit your teeth and hope for better times ".

.

… when aggressive insolence speaks for itself …

I repeat it once again, the problem is not given by people with homosexual orientation, who are dear people, perhaps even better in some cases than many practicing Christians; better than some bishops and many of us priests. The problem is God, which places - He yes - the boundary between good and evil, between holiness and distance from holiness.

.

I fear the problem of certain theologians lay o bosomes it is accepting a God who treats us as adults, also placing before us the choice of stumbling "life and death, the blessing and the curse " [cf. Dt 30,19] and who through his Son calls man to the definitive and exclusive choice without deceit:

.

"Holy Father, keep those you have given me in your name, so that they are one, like us. When I was with them, I kept in your name those you gave me and I have kept them; none of them have been lost, except the son of perdition, for the Scripture to be fulfilled " [cf. GV 17,11-12].

.

In these days of Holy Week and of Passion we tragically relive the story of the man Judas, who did not choose the good that Christ proposed to him but preferred his personal good. An understandable and shareable good, humanly possible, understood as salvation and redemption within the reach of the man in the street, obtained perhaps with the support of the Sanhedrin and some condescending official of the Roman Empire. I am sure that if Judas were to go to trial today he would be acquitted, any lawyer bumblebee would be able to save him because he is basically human, indeed too human.

.

Paolo Poli, nursery rhyme The Cricket and the Ant

It is of a human salvation that today we want to be satisfied, a redemption capable of not displeasing anyone and bringing everyone closer, only to fail miserably as it happens when everyone is right.

.

We leave the blessings to the Church, to that sacral area that speaks to us of God and that accompanies him. Sweet and precious blessings that flow from a right understanding of sacramental grace and that through it men are willing to receive the main effect of the sacraments and are sanctified in the various circumstances of life [cf. SC, 60; CCC, 1667 e Can. 1166]. Blessing is equivalent to sanctifying, sanctifying is equivalent to seeking the Saint, God, who calls everyone to a common conversion and a just resolution of detachment from sin.

.

Get blessed without this desire she has fallen into superstition that someone will perhaps be able to help, but not to find God, at least the God incarnate in Jesus, only begotten son of God, who is one with the Father and the Holy Spirit.

.

Laconi, 31 March 2021

Holy Week

.

.

Dear Readers,

we opened the Facebook page of Editions The island of Patmos on which we invite you to put

You can open it directly from here by clicking on the logo below:

.

.

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure system PayPal:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118

CODICE SWIFT: BAPPIT21D21
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ [email protected] ]

 

 

About Father Ivano

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Click on the name to read all its articles )

8 thoughts on ""There was a cricket in a linen field …». Judas also chose the “well possible”: its good, not what Christ proposed to him

  1. Dear Father Ivano,
    “What to do?”
    E pongo questa domanda da padre cattolico che cerca ogni giorno di mantenere viva la fede dei propri figli.
    Il tempo attuale è davvero difficile. Difficile spiegare con ragione chi è nel vero e chi non lo è. E ciò perché il dissidio e la lotta si sono fatte intestine al corpo della Chiesa. E la dimensione di questo orrore è oggi davvero impressionante. Mi rendo conto che la Chiesa è già passata attraverso questi momenti, ma una cosa è studiare l’evento come fatto del passato, altra cosa è viverlo nel presente e scoprire di essere quasi senza difesa. Vengono meno i riferimenti ed è terribile.
    Come posso, indeed, indicare la strada ai miei figli, se i teologi dell’Isola propongono un insegnamento e il teologo Grillo ne propone un altro? Come posso discernere correttamente tra il contenuto del recente documento della CDF e le posizioni di sacerdoti e vescovi che invocano la misericordia divina per giustificare ciò che l’autorità della Chiesa vieta? E questo è detto solo a titolo di esempio, per tacere del resto.
    Chi è dunque nel giusto? Ubi est veritas?
    E infine resta la domanda “What to do?”.

    1. Dear Luca, «ubi est veritas

      A questo tuo interrogativo, desidero aggiungere quello del governatore Pilato: «Quid est veritas?» che in questa Settimana Santa risuona come monito potente davanti ad ogni credente. Dove è la verità? Che cosa è la verità?

      La risposta è fin troppo semplice, la verità è Cristo, the crucifix, il risorto che vive in eterno. Tutto quello che viene detto, pensato o fatto al di fuori di Cristo e della sua persona esula dalla verità oppure è verità ingannevole.
      Il bello è che – come accadde a Pilatospesso abbiamo la Verità davanti e non riusciamo a riconoscerla. Un inganno diabolico che ci porta a rifiutare il vero per scegliere il falso. Ma Cristo ci ha dato il rimedio a questo male.

      Dopo la sua risurrezione dona lo Spirito Santo agli apostoli affinché sia per loro maestro di verità nel ministero, sia nelle parole così come nelle opere.
      La Chiesa è sempre assistita dallo Spirito Santo affinché mantenga la verità nella misura in cui la sua fedeltà a Cristo è stabile. Di questi tempi possiamo anche utilizzare la parola eroica, perché non basta più mantenersi fedeli, occorre farlo da veri coraggiosi, da eroi.

      Già caro Luca, oggi dal semplice fedele al Papa, tutti necessitano di essere confermati dallo Spirito Santo nella verità di Cristo che oggi si può esercitare solamente in grado eroico, visti i numerosi attacchi che Cristo e il suo insegnamento subisce non solo dall’esterno della Chiesa ma soprattutto dall’interno così come hai avuto modo di notare.
      Il nostro tempo non è fatto per i deboli ma è fatto per gli eroi, per coloro che hanno intenzione di vivere la loro fedeltà alla verità di Cristo rimettendoci di persona, magari mortificandosi con il silenzio, oppure insegnando ai propri figli quello che dalla maggior parte delle persone – credenti compresiè considerato folle.

      Ecco perché dobbiamo invocare con forza “I came Regina”, lo spirito di verità che ci insegna ogni cosa e ci convince della bruttezza e della falsità dei frutti del peccato.

      Nel caso di specie, relativo al mio articolo, la disciplina teologica circa l’istituto del matrimonio tra uomo e donna, elevato da Cristo Signore a sacramento, è fin troppo chiara. Non ci possono essere fraintendimenti sia per quanto concerne la Sacra Scrittura (insegnamento veterotestamentario e neotestamentario), sia per quanto concerne il magistero bimillenario della Chiesa.

      La verità sul matrimonio è una, se la rifiutiamo tradiamo Cristo e la verità non è in noi. La verità sul matrimonio tra uomo e donna è stabilita da Dio e nessun uomo, anche se chierico, laico titolato o teologo, può mutarla in alcun modo. Perché spetta solo a Dio rendere in una sola carne, un uomo e una dona (cf. MC 10,8) attraverso Cristo. Tutte le altre unioni non sono e non possono essere considerate o configurate al pari del matrimonio cristiano, ne ordinate a un bene paragonabile a questo.

      Ti gioverà riprendere il monito paolino che troviamo in Galati 1,8: «se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, let him be accursed!». Bisogna fare discernimento e separare tutto quello che ci allontana dalla Verità, preoccupandosi di conservare tutto quello che in ogni luogo, sempre e da tutti è stato creduto.

      Ti benedico e nell’imminenza della Pasqua ti auguro ogni bene.

  2. Dear Father Ivano,

    Non solo le sue parole mi hanno rinfrancato come sposo e padre cattolico, ma hanno anche dato nutrimento a quella fede in cui il Signore, per grazia, mi ha chiamato a vivere insieme con la mia famiglia.

    Perché di questo abbiamo un infinito bisogno: di essere continuamente confermati nella fede, soprattutto in tempi come questi, in cui i laici fedeli a Cristo sono piuttosto lasciati da soli ad attraversare i deserti del mondo con tutte le loro malizie. Trattati con troppa indifferenza, spesso proprio da coloro i quali hanno il mandato divino di guidarli.

    Ecco perché le sue parole risplendono oggi di una chiarezza speciale: perché ridanno senso all’eroicità dell’essere cristiani, come lei ha ben espresso.

    Fanno cioè sperimentare nell’intimo il sentire di Pietro quando afferma: “Solo Tu hai parole di Vita eterna.
    Ancora grazie e felice Pasqua di Risurrezione a lei e a tutti i Padri dell’Isola.

  3. Articolo illuminante e fonte preziosa di spunti per noi sacerdoti, dear father Ivano.
    Sappiamo però anche quale è la situazione di impotenza alla quale siamo non costretti ma obbligati. Example: nel mio territorio parrocchiale c’è un monastero di monachelle tutte provenienti (a eccezione di due anziane) dal cammino neocatecumenale. Siccome non gli ho mai permesso di occupare la parrocchia e di rivoluzionare la chiese per le loro liturgie, hanno trasformata la chiesa del monastero in loro centro di culto, facendo venire preti compiacenti che celebrano e amministrano sacramenti senza la prevista autorizzazione canonica del parroco e del vescovo o di chi per lui. Tutti tacciono sul fatto che le monachelle hanno invitato il semi-ateo Enzo Bianchi per attingere alle vere sorgenti della salvezza, e hanno invitato il Grillo più volte per istruirle sulla vera liturgia. Una autentica apoteosi quando durante una liturgia celebrata da un prete neocatecumenale, dopo introduzioni e monizioni di un paio di catechisti, dopo la proclamazione del Vangelo l’omelia fu fatta dal Grillo.
    E il vescovo e chi per lui sapevano.

    Per concludere dirò che il mio vescovo si chiama Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio, quello che tempo fa voleva che noi parroci prendessimo una famiglia di immigrati per ogni parrocchia, without imagining, nelle parrocchie dell’urbe sempre più vuote, quali problemi dobbiamo affrontare, inclusi gravi problemi economici.

    Ed eccoci allora ostaggi delle monachelle, dei neocatecumenali, dei Bianchi (oggi caduto in disgrazia dopo decenni di danni consumati) e dei Grillo, mentre i nostri vescovi tacciono, a partire dal mio, che è il vescovo di Roma e capo del collegio apostolico.

    A Roman presbyter
    (Letter Signed)

    P.S. non cesserò mai di render grazie a padre Ariel per il libro che ha scritto sula setta neocatecumenale”, leone di nome e di fatto!

    1. Mi associo e mi unisco (unfortunately) dal geografico nord, dove cambiano solo i personaggi, ma la situazione resta la stessa.
      e ovviamente ringrazio P. Ivano per questo articolo

  4. Ve le ricordate le esortazioni di Giovanni Paolo II nella Pastores dabo vobis? [N.d.R. stars WHO]. Ormai L’Isola di Patmos è diventato un centro per la formazione permanente dei sacerdoti mollati allo sbando dai nostri vescovi, gli stessi vescovi che invitavano quel Bianchi che oggi fingono di non ricordare, gli stessi che seguono Grillo e che storcono il naso sul card. Sarah, gli stessi che sbuffano dinanzi a noi preti rimasti saldi sui fondamenti della dottrina cattolica.
    Tutto questo mi spaventa molto più del Vesuvio al momento dormiente che ho sopra la testa.

  5. Father Ivano, riapro L’Isola dopo una Pasqua di corsa, ho tre piccole parrocchie sparse nell’arco di 18 km in tre paesi, lascio immaginare. Trovo diversi nuovi articolo dei padri, meditazioni e omelie. Thanks!

    Dear Father Ivano, 12 anni fa il vescovo mi mandò a fare la specialistica in sacramentaria al Sant’Anselmo. Udite per un trimestre le lezioni del prof. Cricket, a Natale tornai in diocesi e dissi al vescovo: “vuoi un prete licenziato in liturgia a prezzo della corruzione della fede o un prete che salvaguarda la sua fede?”. Giacchè tanto ci teneva che facessi un ciclo specialistico in sacra liturgia, ci pensò un poe mi fece poi iscrivere alla pontificia università della Santa Croce. Era nelle sue intenzioni mi occupassi dell’ufficio liturgico, delle celebrazioni in cattedrale, che curassi la formazione liturgica dei nostri pochi seminaristi (time 6 today 1) e che insegnassi all’ISSR [N.d.R. Higher Institute of Religious Sciences]. Ultimata la formazione il vescovo fu spostato alla sede metropolitana, il suo successore fu proprio un liturgista santanselmiano. Tre mesi dopo mi revocò questi incarichi adducendo che, causa nostra penuria e anzianità di clero, aveva bisogno di un sacerdote giovane in grado di occupasi di tre parrocchie senza parroco. La vera ragione era che non tollerava un liturgista formatosi presso l’università del “terrible” Opus Dei. E fu così che prima di Pasqua venne il prof. Grillo invitato dal vescovo a istruire il clero sulla cena pasquale. Forse dal luogo in cui si trova (ovviamente non sappiamo se inferno o purgatorio), Calvino disse … “Hat! Io non avrei potuto fare di meglio!”.

  6. sono un appassionato di liturgia, e cerco di acculturarmi leggendo libri sul tema (soprattutto inglesi)
    da profano mi sembra che il Grillo sia asceso alla fama non tanto per la profondità delle sue riflessioni, ma per il suo ardore polemico, or better, il suo ardore politico: non per niente la sua pagina fb tempo fa era tutta una denuncia contro un certo politico italiano e un certo partito, e il toni di questi interventi partitici era un tutt’uno con il tono dei suoi interventi liturgici
    se queste sono le promesse è meglio che il suddetto studioso raffreddi i bollenti spiriti

    for the rest, volendolo giudicare nel merito, si era già capito che si stava arrampicando sugli specchi dopo che ha pubblicato questo articolo, perfetto esempio di ‘prendo un documento riferito a un ambito preciso e lo applico in un contesto che non c’entra niente per fargli dire quello che voglio iohttps://www.cittadellaeditrice.com/munera/cosi-antica-e-cosi-attuale-esperienza-della-anafora-di-addai-e-mari-di-stefano-sodaro/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.