Aperto il processo di beatificazione della piccola eretica Carmen Hernandez. È già stato accertato il primo miracolo: la guarigione di un uomo affetto dalla patologia del micropene congenito

—  Attualità ecclesiale — 

AQUI VERSION EN ESPAÑOL

APERTO IL PROCESSO DI BEATIFICAZIONE DELLA PICCOLA ERETICA CARMEN HERNANDEZ. È GIÀ STATO ACCERTATO IL PRIMO MIRACOLO: LA GUARIGIONE DI UN UOMO AFFETTO DALLA PATOLOGIA DEL MICROPENE CONGENITO 

.

«Se hanno aperto il processo di beatificazione della prima Santa Eretica, allora possiamo aprire anche quello di Pietro Pacciani e dopo averlo canonizzato promuoverlo santo co-patrono degli innamorati assieme a San Valentino. Tanto, da quelli della Congregazione delle cause dei Santi, ormai non c’è niente di cui stupirsi».

.

Autore
Ariel S. Levi di Gualdo

.

.

PDF  articolo formato stampa
.

.

.

La setta neocatecumenale

Sono venuto a conoscenza della apertura del processo di beatificazione di una piccola eretica del Novecento, Carmen Hernández Barrera (Ólvega, 24 novembre 1930 – Madrid, 19 luglio 2016), co-iniziatrice con Kiko Argüello del peggior movimento para-cattolico ed eterodosso della storia del Novecento: il Cammino Neocatecumenale. E dico “piccola” perché l’eresia è una cosa molto seria. Nel corso della storia della Chiesa, i grandi eretici sono stati delle personalità dotate di intelletto sopraffino e di rare doti filosofiche, teologiche e speculative. Carmen Hernández era invece una povera e tronfia ignorante che mescolava l’emotività pseudo-poetica a una disastrosa teologia fai-da-te, che in mezzo secolo ha prodotto danni immani in un esercito di soggetti altrettanto emotivi e fragili che si sono messi al seguito suo e del suo sodale Kiko Argüello. Pertanto, nel definirla eretica, come teologo dogmatico e storico del dogma mi corre l’obbligo, per dovere e onestà intellettuale, di chiedere anzitutto perdono a delle menti speculative eccelse tali furono quelle di grandi eretici del calibro di Ario e Pelagio.

.

In occasione della commemorazione dei defunti, un conoscente che fa il becchino mi ha cercato con urgenza e tremore per chiedermi lumi. Era molto spaventato, il poverino, dopo avere udito ripetutamente rumori nel cimitero provenienti da due tombe all’interno delle quali riposano le mortali spoglie di due santi sacerdoti: il Servo di Dio Pier Carlo Landucci, presbitero romano, ed Enrico Zoffoli, presbitero romano dell’Ordine dei Passionisti. Due autentici santi, cosa di cui era a conoscenza anche il becchino, uomo timorato di Dio, che con grande sconcerto mi ha posto un quesito:

.

«Si nun reposeno ‘n’pace n’a a’schiera de b’beati ‘sti du santi sacerdoti, chi mai ce potrebbe da riposà?».

.

Mi sono recato di persona al cimitero e appena alle tombe mi sono avvicinato io, i rumori sono divenuti più forti ancora. Rassicuro il becchino:

.

«Zi’ Remoletto, nun te devi da spaventà, me sa’ che ce vonno comunicà quarcosa, mo’ me metto a ‘ndagà e poi te fo sapè».

.

Per scoprire e poi comprendere l’origine di questo fenomeno, è necessario pensare alla vita e alle opere di certe persone defunte. È infatti accaduto che Pier Carlo Landucci nel 1983, Enrico Zoffoli nel 1990, lanciarono un grave allarme sulle pericolose eresie del Cammino Neocatecumenale, denunciando e documentando anni e anni di catechesi formative grottescamente eterodosse tenute dai due iniziatori di questa congrega ai loro mega-catechisti. Analisi e denunce che i due santi sacerdoti e teologi fecero alle competenti Autorità Ecclesiastiche e che io conoscono molto bene, perché sono stato il terzo a tornare sull’argomento ad anni di distanza, raccogliendo l’eredità dei loro studi e ampliando l’analisi sul fenomeno neocatecumenale allo stato in cui si trovava un trentennio dopo. Anche per questo, in segno di indelebile gratitudine alla scienza teologica e al coraggio di questi due uomini di Dio, il mio libro La setta neocatecumenale l’ho dedicato alle loro venerabili memorie.

.

Non seguo i vari bollettini della Santa Sede e relativi siti ufficiali o ufficiosi, perché per un po’ la commedia comica mi diverte con tutti i suoi nani, ballerini e ruffiani, ma a lungo andare mi stanca, infine mi irrita. Finché un amico vescovo mi lancia una provocazione:

.

«Che ne pensi dell’apertura della fase diocesana del processo di beatificazione di Carmen Hernández, svoltasi con una cerimonia in pompa magna nella cattedrale di Madrid?».

.

Prendo il tutto come una battuta di puro umorismo ecclesiastico, perché non poteva essere diversamente. Quindi convinto che stesse scherzando ribatto:

.

«Vogliono fare beata la Santa del Cazzo? O forse vogliamo ignorare che la parola “cazzo” era quella che Carmen pronunciava come colloquiale intercalare persino durante le loro lunghe ed esotiche liturgie neokatekike?».

.

L’amico vescovo ride, capendo che non avevo preso il tutto per vero e che pensavo si trattasse di una battuta satirica. Al che ribatte che sta parlando sul serio. Prontamente sbotto:

.

«Se hanno aperto il processo di beatificazione della prima Santa Eretica, allora possiamo aprire anche quello di Pietro Pacciani e dopo averlo canonizzato promuoverlo santo co-patrono degli innamorati assieme a San Valentino. Tanto, da quelli della Congregazione delle cause dei Santi, ormai non c’è niente di cui stupirsi e possiamo aspettarci di tutto».

.

L’amico vescovo mi invia due notizie ufficiali sulla cronaca dell’evento. Su Vatican News il giornalista Salvatore Cernuzio [vedere QUI, QUI] sfoggia tutta l’ignoranza tipica dei nostri avvilenti vaticanisti italiani, mostrando anzitutto di non sapere neppure distinguere una causa di beatificazione, attraverso la quale si giunge a proclamare un beato, da una causa di canonizzazione, attraverso la quale un beato, che come tale è già stato beatificato, viene invece proclamato santo. E nel luglio del 2021 questo ignorantissimo vaticanista annuncia l’apertura della «causa di canonizzazione»:

.

«Questa sera sarà presentato all’Arcidiocesi di Madrid il Supplex Libellus, la richiesta di apertura della fase diocesana per la causa di canonizzazione, della quale sono attori i membri dell’équipe internazionale di questa realtà ecclesiale ramificata nei cinque continenti, ovvero Kiko Argüello, padre Mario Pezzi e Maria Ascension Romero. Al vescovo della diocesi in cui il candidato è morto, sarà consegnato un fascicolo che raccoglie scritti, documenti e testimonianze che attestano, appunto, quelle “virtù eroiche” necessarie a stabilirne la santità di vita» [vedere QUI].

.

Dicendo che un vescovo non è obbligato ad aprire un processo di beatificazione, in quando non si tratta affatto di un atto dovuto, con questo si è detto tutto, a partire dal livello del vescovo in questione. In molti ci stiamo domandando ― e ce lo domandiamo “seriamente” si fa per dire ―, quali possano essere le “virtù eroiche” di una donna che ha fatto scempio della dottrina cattolica, della sacra liturgia e della storia della Chiesa, che assieme a Kiko Argüello ha dato vita a un movimento pseudo-cattolico che nel mio saggio critico definisco con queste parole precise e sino a oggi mai smentite da nessun richiamo delle competenti Autorità Ecclesiastiche:

.

«Il Neocatecumenato è una comunità di matrice ebraico-protestante che ha di cattolico solo l’involucro esterno svuotato al proprio interno di quelli che sono gli elementi fondanti del Cattolicesimo» [cfr. pag. 100 della citata opera].

.

Ai candidati alla beatificazione è richiesto un miracolo accertato, fatta eccezione per i martiri, perché la Chiesa considera il martirio già un miracolo in sé legato all’azione della grazia di Dio. Ebbene ho indagato ulteriormente e scoperto che la commissione scientifica incaricata dall’Arcidiocesi metropolitana di Madrid ha già sottoposto al vaglio dei più insigni clinici urologi e andrologi europei il miracolo che sarebbe avvenuto per intercessione di questa candidata alla beatificazione.

.

Il miracolato si chiama Armando Bronca Segura, un giovane di Madrid dell’età di 25 anni. Il meglio della scienza clinica europea è stata unanime nel dichiarare che non c’è spiegazione scientifica al fatto. Il giovane soffriva di una patologia vissuta da molti uomini con sofferenza e umiliazione: l’ipoplasia peniena, nota anche come micropene congenito. La commissione scientifica ha spiegato che questa patologia comporta per l’uomo che ne è affetto un organo di normale morfologia e con sbocco del meato uretrale esterno in sede, ma che presenta alla nascita una lunghezza inferiore a 2,5 centimetri. Gli urologi attestano che considerate le deviazioni standard alla media si può dire di trovarsi in presenza di un micropene quando la lunghezza alla nascita è inferiore a 1,9 centimetri. Le cause di micropene sono attribuibili a un deficit di secrezione di androgeni durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza.

.

Dopo avere conosciuto alcuni mega-catechisti ed essere entrato depresso nel Cammino Neocatecumenale, appena Armando Bronca Segura fu scarnificato nella più profonda coscienza con quegli scrutini che da sempre nascondono vere e proprie forme di confessioni pubbliche, vuotò il sacco narrando il suo vissuto. Quindi l’insicurezza, la vergogna che provava negli spogliatoi maschili, il dolore sofferto quando fu soprannominato Pollicino da coetanei insensibili e irridenti. I mega-catechisti non indugiarono oltre a comandargli di rivolgersi alla pia intercessione di Carmen Hernández. E così, un mattino, destandosi, notò che tra le proprie gambe aveva … e tutti i vicini udirono le urla di una voce maschile che strepitava «milagro milagro!».

.

Poche settimane dopo Armando Bronca Segura ha mandato tutto il Cammino Neocatecumenale a farsi benedire con i suoi mega-catechisti, cambiando completamente vita. Oggi lavora nel mondo del porno, dove è uno tra gli attori più pagati. Il suo primo film intitolato El semental de Vallecas, disponibile in versione italiana con il titolo Lo stallone di Vallecas, ha segnato uno strepitoso successo internazionale.

.

Non è affatto irriverente indicare a futura memoria Carmen Hernández come La Santa del Cazzo, perché in questa espressione non c’è nulla di volgare, al contrario c’è tutto di vero, tutto di storico e di documentato. Tutt’oggi sono sani e vegeti numerosi testimoni oculari, ecclesiastici e laici di tutte le nazionalità, che durante numerosi contesti pubblici l’hanno udita intercalare: «… e cazzo … e cazzo!». Una volta, quella pia donna di Chiara Lubich, che era amabile e delicata come una bambola di porcellana, trovandosi con Luigi Giussani a un incontro al quale erano presenti tutti i fondatori e le fondatrici dei movimenti laicali in occasione del grande Giubileo del 2000, stava per svenire a terra, udendo a poca distanza da lei, la futura Santa Carmen Hernández, che tra una sigaretta e l’altra colloquiava intercalando «… e cazzo … e cazzo!».

.

Se dunque questo nobile organo è un elemento che affiora usualmente sulle bocche delle candidate alla beatificazione, viene quanto meno da chiedersi … ma che cazzo fanno, coloro che lavorano all’interno della Santa Chiesa con le cause dei Santi? O forse, dinanzi all’apertura del processo di beatificazione di un soggetto a dir poco improponibile come Carmen Hernández, dobbiamo anche prenderli sul serio? No, purtroppo non ci resta che prenderli per il culo, non abbiamo altra idonea arma di difesa, se non la sapiente e caritatevole presa di culo verso chi pensa di poter trasformare la Santa Chiesa di Cristo in un grottesco e squallido teatrino del ridicolo, mutando la eroicità delle virtù, ossia la santità, in un premio conferito persino a eretici e a sguaiate cazzare spagnole.

.

Tutto questo a perenne vergogna del Cardinale Carlos Osoro Sierra, al quale forse nessuno ha mai detto che il Collegio Spagnolo di Roma, promotore all’epoca di una causa aperta nel 1953 sotto gli auspici dell’Arcidiocesi di Madrid, sta facendo marcire in uno scantinato i documenti del processo di beatificazione del Cardinale Rafael Merry del Val, uno dei nostri grandi giganti del Novecento, figlio illustre del sangue di Spagna. Sempre ammesso che qualcuno, all’Arcivescovo metropolita di Madrid, che ad appena cinque anni di distanza dalla morte apre la buffonesca fase diocesana del processo di beatificazione di Carmen Hernández, abbia spiegato chi era e che cosa è stato per la Chiesa del Novecento un gigante come Rafael Merry del Val y Zuleta. Perché potrebbe anche non conoscerlo, pur conoscendo semmai, forse anche bene, quel Pedro Almodovar che la Chiesa Cattolica spagnola, per com’è ridotta, si merita tutta quanta, dal suo primo al suo ultimo film anti-cattolico.

.

dall’Isola di Patmos,  18 novembre 2021

.

.

.

 

.

«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:









oppure potete usare il conto corrente bancario:

intestato a Edizioni L’Isola di Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About Padre Ariel

Ariel S. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Cliccare sul nome per leggere tutti i suoi articoli )

10 thoughts on “Aperto il processo di beatificazione della piccola eretica Carmen Hernandez. È già stato accertato il primo miracolo: la guarigione di un uomo affetto dalla patologia del micropene congenito

  1. Come poter accettare la beatificazione di una donna tanto speciale e virtuosa da non aver saputo rinunciare e “far morire in sé stessa” una semplice dipendenza da fumo? Tanto docile, umile e candida, col suo sovente parlare “da dolce stil novo”, da far arrossire uno scaricatore di porto? Mi lascia inorridita la sola lontanissima percezione che un suon di bustarelle sia più che sufficiente ad accompagnare la Hernandez agli onori degli altari…, che la mia Chiesa mi possa imporre questo “raro esempio di virtù”. Non male l’idea di incatenarsi in opposizione alla deprecabile celebrazione di una oscenità

  2. Se siete riusciti a canonizzare chi ha fatto peggio in tema di dottrina e liturgia come Paolo VI o Giovanni Paolo II, non capisco perché scandalizzarsi proprio ora. 😂

    1. … beh, come insegnano i saggi: «Non è mai troppo tardi».
      Frase spesso detta da noi confessori a penitenti bisognosi di essere consolati, dopo avere acquisita la consapevolezza di averne combinate di cotte e di crude nel corso della loro intera esistenza.

  3. Questo incredibile articolo sembra una novella del Boccaccio! Chissà come l’avrebbero rappresentata Giulio Romano e Pietro Aretino rispettivamente con pennello e penna d’oca, tanti secoli fa!!

  4. Buongiorno padre Ariel,

    vivo a Roma e mi piacerebbe poterla incontrare.

    Per quanto riguarda Carmen Hernandez bastano due parole, estratte dai cosiddetti mamotreti che in segreto loro mandavano in giro per poi smentire che esistessero, centinaia di pagine piene di eresie, per le quali dovevano essere messi sotto processo.

    Tra queste la Carmen insegna, in queste pagine che venivano ripetute a pappagallo e che io stesso posso testimoniare, che se Gesù avesse voluto essere adorato (ricordiamo che loro non riconoscono la permanenza di Gesù nelle specie eucaristiche dopo la Messa), si sarebbe fatto presente in una pietra che a differenza del pane non va a male.

    Questo secondo me basta e avanza. E speriamo nessuno si permetta (e sto sentendo che viene stretto in questo senso il controllo) di mandare avanti con donazioni un processo che non doveva nemmeno cominciare se non per dichiarare l’eresia e la scomunica.

    1. Caro Antonio,

      le ho inviato con una email privata il mio contatto. Attualmente sono fuori Roma, ma quando rientro possiamo tranquillamente incontrarci.

      La ringrazio per questo suo commento, posso solo dirle che oltre alle documentazioni raccolte tra il 1982/1983 dal presbitero romano Pier Carlo Landucci e quelle successivamente raccolte tra il 1985 e il 1990 dal presbitero passionista Enrico Zoffoli, a mia volta ho raccolto testimonianze e documentazioni veramente raccapriccianti, soprattutto per quanto riguarda catechesi, conferenze e pubbliche affermazioni di Carmen Hernandez che farebbero impallidire Ario e Pelagio, per i loro contenuti eterodossi. Eresie allo stato puro spacciate da una ignorante arrogante al di sopra di ogni misura, tale appunto era Carmen Hernandez.

      Non pochi uomini ai più alti vertici della Santa Sede e della Diocesi di Roma, incluso il Cardinale Camillo Ruini, che in oltre vent’anni di esercizio dell’ufficio di Vicario di Sua Santità per la Diocesi di Roma favorì l’inquinamento di oltre il 50% delle parrocchie metropolitane da parte dei gruppi Neocatecumenali, dovranno rendere seriamente conto a Dio per i gravi danni che hanno recato con le loro omissioni e con le loro accondiscendenze, favorendo lo sviluppo di questo cancro.

      A Roma si può mettere in dubbio che lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio, senza che nessuno ti dica o ti faccia niente, ma non si può mettere in discussione l’operato di un cardinale, dinanzi al quale nessuno osa fiatare. Però, quando saremo sottoposti al giudizio immediato subito dopo la morte, scopriremo che Dio non ha alcun “sacro timore” per una porpora cardinalizia. Anzi, con certi soggetti, a partire dai cardinali politicanti come il Ruini, sarà particolarmente severo, se è vero che sui Santi Vangeli sta scritto:

      «A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più» (Lc 12, 48).

      Quando io leggo questo passo del Santo Vangelo, tremo, pensando a ciò che Dio mi ha affidato con il Sacramento dell’Ordine. Altri però, forse, non si creano tanti problemi, lo dimostra il modo in cui hanno vissuto e agito.

    2. Sono in linea con te, Emilio, l’ironia è una efficace e temuta arma, specie da chi abbondi di superbia ed orgoglio ma ha chiara la consapevolezza di non possedere proprio quella. La quale, tra l’altro, espressa dal padre con elegante stile. È percio che sono convinta che voci così coraggiose vadano sostenute con ogni mezzo, specie quando si “oda” di accuse ed ingiurie che vorrebbero sopprimerle. Come può, la Chiesa a cui voglio ancora appartenere, fingere di non vedere e non udire le falsità che questo pseudo movimento persiste nel divulgare? E sì che dall’alto di noti vertici si continua a mostrare ipocritamente amarezza nel constatare lo svuotamento delle Chiese o, ancor peggiore, il dirottamento dei fedeli verso “credi surrogati”.

  5. Tutto il mio apprezzamento per lo spiritosissimo articolo di Padre Ariel.
    Purtroppo ha mille ragioni.

    A questo punto c’è da aspettarsi la beatificazione di Lutero e di Giuda Iscariota, nonché la riabilitazione di Lucifero (che in fondo cosa voleva, poverino? solo un po’ più di posto al sole).

    Contro questo sfacelo l’arma più sicura è la preghiera, in particolare a S. Michele Arcangelo, il più grande esperto di come condurre il cosiddetto “dialogo”.

    Ma anche l’ironia è un’arma efficace, molto temuta dai tiranni (vestiti di rosso o d’altro colore), quindi forza e avanti senza paura.

  6. La pazzia sta dilagando nel mondo, la Chiesa terrena non è esente, anche al suo interno e sempre più spesso tanti esponenti altolocati della Chiesa in uscita che abbraccia il mondo … sembrano uscire di senno.
    Leggi di un processo vaticano teleguidato, preconfezionato….

    Qualche presunto colpevole è già stato mediaticamente esposto alla gogna, pubblicamente esecrato, sottoposto a un processo in cui non è chiaro chi siano gli imputati, quali le colpe e quali siano i capi d’accusa contro di loro, in cui le prove presunte non vengono portate a conoscenza degli accusati e dei loro difensori … Si vorrebbe quasi fare giustizia sommaria, senza alcun rispetto per i diritti della difesa, …. In realtà, qui si fa strame di elementari principi giuridici, che nemmeno ai tempi dell’inquisizione laica …. Altro che giustizia e misericordia…..
    Nemmeno fossimo tornati all’epoca dei barbari, dei tiranni ….

    Leggi di una recente proposta di canonizzazione avanzata in Spagna …..
    La notizia circolava da tempo sul web, Padre Ariel l’ha commentata solo ieri, dopo che l’apertura della positio è stata ufficializzata. L’ha commentata a modo suo, con la consueta vis polemica….

    Il mondo va sempre più alla rovescia… ormai tutto è inflazionato, anche il percorso per il riconoscimento ufficiale delle virtù di santità…

    Nella mia mente ristretta e nei miei ricordi appannati, ricordo che un tempo esisteva la figura dell’Avvocato del Diavolo, ricordo d’aver letto anche un libro che aveva tale titolo, e ne hanno tratto anche un film.
    Tale figura legale assumeva il ruolo di promotor fidei, era cioè incaricato di apportare argomenti che mettessero in discussione le virtù e i miracoli dei candidati alla canonizzazione, durante il processo d’indagine.

    Un ruolo proprio che sembra calzare a pennello per Padre Ariel

  7. Io la Cara Estinta “Santa Carmen” (leggasi Sora Carmen) me la ricordo.

    Nonostante abbia mandato tutti a quel paese e me ne sia andato dal Cammino (per questo sono stato trattato da “apostata”) onestà vuole che io confermi in tutta coscienza il carisma della Cara Estinta S. Carmen (leggasi Sora Carmen): è stata veramente una Santa del c****!!!

    Posso andare a testimoniarlo se mi vogliono.

    Prometto, sempre per amore della verità, che se dovessero mai farla beata mi incatenerò all’obelisco di piazza San Pietro con un cartello al collo, che illustri tutte le sue virtù cristiane: arroganza, spocchia, superbia, prepotenza, ignoranza e chi più ne ha più ne metta …

    Siccome serviranno parecchie “regaline” (come chiamava lei le bustarelle) per mandare avanti la causa, suggerisco a Kiko di aggiungere al già ricco campionario di obbligatori e costosi gadget neocat anche una nuova marca di sigarette, le “Sora Carmen Filter”. Era una tabagista cronica, ci starebbe bene pure la sua foto sui pacchetti.

    Curioso, però. Sul sito ufficiale del Cammino fino a un po’ di tempo fa c’era il racconto della Cara Estinta S. Carmen (leggasi Sora Carmen) che narrava di aver visto la Madonna e da Lei essere stata chiamata “Benedetta tu fra le donne” ricevendone l’incarico di “rifondare la Chiesa”. Ma, dopo che se ne parlò sul sito Osservatorio sul Cammino Neocatecumenale (con relativi commenti) la pagina è stata fatta sparire.

    Perché? Santa umiltà o coda di paglia? Ora sarebbe il momento giusto per divulgarlo: “Fatela Beata, è lei che ha rifondato la Chiesa Cattolica”!
    Che aspettano?

Comments are closed.