Questa volta, in Italia, davanti a un Draghi un San Giorgio non basterà. Anche perché Draghi è reale, San Giorgio solo una leggenda

+ posts

Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini
Presbitero e Teologo

( Cliccare sul nome per leggere tutti i suoi articoli )

— attualità ecclesiale —

QUESTA VOLTA, IN ITALIA, DAVANTI A UN DRAGHI UN SAN GIORGIO NON BASTERÀ. ANCHE PERCHÉ DRAGHI È REALE, SAN GIORGIO SOLO UNA LEGGENDA

.

Abbiamo assistito alla politica dell’Anti-qualcosa. Una politica di questo genere ci ha abituato a vedere sorgere astri come novelli messia che avrebbero dovuto risolvere i problemi del Paese ma che poi sono tramontati nell’abisso del nulla assoluto. Spesso negli anni recenti abbiamo assistito a varie riedizioni de La Fattoria degli Animali di George Orwell, dove si parte col grido rivoluzionario «Tutti gli animali sono uguali» e si finisce per sancire «… ma alcuni sono più uguali degli altri».

.

Autore
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

.

PDF  articolo formato stampa

.

.

.

 

cliccare sull’immagine per aprire la sigla musicale

Stiamo vivendo ore di trepidazione in attesa che il Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi accetti l’incarico proposto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di creare un nuovo esecutivo per poter iniziare a governare. Le consultazioni sono già state fatte, ora è tempo di scoprire le carte e di cercare la fiducia.

.

Come cattolico una politica di questo genere non riesce ad appassionarmi, non ci trovo nulla di affine, neppure sforzandomi. Non sono mai stato un cattolico adulto sul modello Romano Prodi o Rosy Bindi. Non sono nemmeno mai stato un ciellino, di quelli che hanno battagliato contro i movimenti studenteschi di sinistra al liceo o all’università, o contro le politiche liberticide dei Radicali, salvo invitare anni dopo Emma Bonino al loro meeting di Rimini, dimenticando che la Signora è solita indicare l’aborto come «una grande conquista sociale». Ciò che di politico ho potuto conoscere, fin dalla mia giovinezza, mi ha permesso di starmene il più lontano possibile, al fine di salvaguardare la mia salute fisica e la mia integrità intellettuale.

.

Forse sarò limitato ma non riesco ad immaginare oggi l’esistenza di un politico cristiano, meno che mai cattolico. Certamente non un politico cattolico alla Joe Biden. E le ragioni stanno nel ritenere che Dio è Dio e resta sempre più autorevole e importante di qualunque Cesare. Così, prima o poi, bisogna arrivare a una scelta a schierarsi, o si serve Dio o si serve Mammona:

.

«Nessuno può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro, o preferirà l’uno e disprezzerà l’altro: non potete servire a Dio e a mammona» [Mt 6, 24].

.

Dopo la catastrofe di tangentopoli a inizi anni Novanta e il crepuscolo dei vecchi partiti storici italiani, abbiamo attraversato anni di politica take away che non ha formato politici di razza e men che meno cattolici ma solo demagoghi pronti a cavalcare l’onda utile del sentimentalismo e dell’insoddisfazione. Abbiamo assistito alla politica dell’Anti-qualcosa. Una politica di questo genere ci ha abituato a vedere sorgere astri come novelli messia che avrebbero dovuto risolvere i problemi del Paese ma che poi sono tramontati nell’abisso del nulla assoluto. Spesso negli anni recenti abbiamo assistito a varie riedizioni de La Fattoria degli Animali di George Orwell, dove si parte col grido rivoluzionario «Tutti gli animali sono uguali» e si finisce per sancire «… ma alcuni sono più uguali degli altri». Dunque non solo, si è omesso di perseguire l’interesse e il bene della polis come avrebbero voluto i nostri padri greci, ma si è addirittura bistrattata la tanto decantata democrazia oggi non più tale, perché non governa più e tanto meno lo fa a nome del Popolo al quale appartiene la sovranità che concede in delega ai propri governanti con il meccanismo delle libere elezioni [cfr. Art. 1 della Costituzione Repubblicana].

.

Da un tipo di politica e di politici di questo genere, se è impossibile aspettarsi anche un pallido bene per il Paese è quasi utopico sperare in un qualche generico bene per l’uomo. Solo uno sciocco non si accorgerebbe delle politiche antiumane che gli ultimi governi hanno portato avanti, sempre e di prassi con la benedizione di una certa sinistra ecclesiastica avanguardista.

.

L’uomo vive nella contingenza e nella contingenza ha diritto di trovare quella mercede che non dovrebbe mai mancare a nessun figlio di Dio: lavoro, salute, sicurezza e libertà. Capisaldi societari per poter realizzare una esistenza dignitosa e tranquilla. L’illusione del Nuovo Umanesimo e della resilienza oppositiva alla catastrofe Covid-19 importata dal governo Conte ha condotto l’Italia a essere disumanizzata e cinica in molti ambiti della vita sociale. Una disumanizzazione che abbiamo potuto sperimentare anche nelle nostre Chiese, nei volti dei nostri pastori, in quella Chiesa in uscita che non riesce più a trovare la via di ritorno a casa. Una Chiesa ospedale da campo nella quale, se ti presenti come ferito grave al pronto soccorso, non ti prestano assistenza di alcun genere, anzi non ti fanno neppure entrare, se non esibisci la carta di credito del progressismo cattolico politicamente corretto.

.

Qualunque umanesimo fa riferimento a una antropologia ben definita, da cui poi è possibile partire per costruire un modello di uomo concreto. Per noi cristiani l’antropologia si definisce nell’evento Cristo, il Ecce Homo che ha sbaragliato il saggio governatore Pilato e che con la sua vita ha divelto i giochetti del tradizionalismo religioso e politico. Forse, a voler fare fanta-teologia, se Cristo oggi avesse un partito suo, avrebbe solo lo zero zero virgola …

.

Con l’arrivo della figura di Mario Draghi sembrano essersi riaccesi gli entusiasmi di tutti, sia in Italia che in Europa e anche all’interno della Chiesa. Rottamato l’avvocato del popolo devoto a padre Pio e discepolo del Cardinale Achille Silvestrini a Villa Nazareth si è portato lo sguardo al nuovo messia della Banca Centrale Europea che possiede un pedigree di tutto rispetto e che può vantare il sigillo di garanzia dato dalla Compagnia di Gesù, o come da anni ironizza Padre Ariel S. Levi di Gualdo «… la nuova Compagnia delle Indie».

.

Tacitata l’analisi schietta del picconatore Francesco Cossiga, oggi si guarda a un Draghi diverso, quasi a un distillato di attese fauste e speranza realizzate per tante persone. Sarà veramente così? La Civiltà Cattolica, così come il megafono di Santa Marta, il poliedrico Padre Antonio Spadaro tessono lodi di Draghi in modo così sperticato da suggerire l’uso di una pomata cortisonica. E se il buon gesuita Spadaro è il primo in pole position nel lodare Mario Draghi ― ricordando anche la nomina pontificia a membro ordinario dell’accademia delle scienze sociali nel luglio 2020 ― Famiglia Cristiana, giornale ribattezzato dieci anni fa Fanghiglia Cristiana dal già menzionato Padre Ariel, non si lascia sfuggire l’occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa con il pungente articolo del teologo Pino Lorizio.

.

Insomma, un laico questo Draghi dal cattolicesimo laico che o lo si ama alla follia o lo si odia alla follia. Staremo a vedere nei prossimi tempi quanto starà caro all’uomo Jorge Mario Bergoglio e se da bravo ex allievo gesuita riuscirà con parresia nel tentativo di conciliare gli opposti, di quadrare il cerchio e di creare oro dal vile piombo.

.

Sul web sotto l’hashtag “#quellavoltacheDraghi” è possibile trovare divertenti siparietti in cui si attribuiscono a Draghi ogni sorta di stravaganze, così come gli si attribuiscono poteri mistici e virtù taumaturgiche. È questa una bizzarria tutta italiana che invece di prendere consapevolezza del disastro che incombe preferisce trovare una vena comica e sdrammatizzare. Concludo perciò dicendo che rimango piuttosto amareggiato da una politica che ancora una volta si è dimostra lontana dalla gente, che non si concepisce più come servizio ma come privilegio di casta, che non è più lì per ascoltare ma preferisce imporre. Proprio così, imporre alla fine che «… ma alcuni animali sono più uguali degli altri». Imporre un governo invece di dare voce alla democrazia, imporre un’agenda che resta ai più sconosciuta ma notissima all’oligarchica cerchia di detentori del potere che si tutelano a vicenda. Una imposizione che non risparmia neanche i luoghi più sacri del vestibolo e dell’altare e che non si perita di scantonare in ambiti che non gli appartengono è dimostrarsi ahimè molto più superiore e autorevole di tanti ministri della Chiesa che ormai, come un grammofono rotto, ripercorrono le stesse vecchie tracce. 

.

Forse il nuovo governo sarà di tutto rispetto, si dimostrerà degno dell’opera di Soloviev I racconti dell’Anticristo, con i quali fu inaugurata alla fine del 2014 L’Isola di Patmos, dedicando a questo racconto profetico uno dei primi articoli [vedere, QUI]. Nell’insieme sarà un governo perbene, plurititolato, filantropo, pacifista, vegetariano, animalista, esegeta, ecumenista ma in fondo così profondamente antiumano. E quel che è peggio noi faremo a gara a salutare questa anti-umanità come la salvezza a lungo desiderata. Mi piacerebbe sbagliarmi, ma credo che questa volta in Italia davanti a un Draghi un San Giorgio non basterà. Anche perché Draghi è reale, San Giorgio è solo una leggenda.

.

Laconi, 12 febbraio 2021

.

.

NOTA DELLA REDAZIONE

Quella di San Giorgio è considerata dagli storici della Chiesa una figura mitologica mai esistita nella realtà. Pur nella totale assenza di documenti e fonti storiche che ne attestassero l’esistenza fu canonizzato dal Sommo Pontefice Gelasio I nel 496. Più che un Santo realmente esistito, Giorgio di Cappadocia è frutto della leggenda e della fede popolare, ma soprattutto è metafora preziosa e pedagogico paradigma dell’eroico cavaliere di Dio che libera gli uomini dai pericoli generati da un terribile e temibile mostro, in questo caso un drago.   

.

Cari Lettori,

abbiamo aperto la pagina Facebook delle Edizioni L’Isola di Patmos sulla quale vi invitiamo a mettere 

Potete aprirla direttamente da qui cliccando sul logo sotto:

.

.

.

.

«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:









oppure potete usare il conto corrente bancario:

intestato a Edizioni L’Isola di Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118

CODICE SWIFT:   BAPPIT21D21
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ [email protected] ]

 

 

Avatar

About Padre Ivano Liguori

Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Cliccare sul nome per leggere tutti i suoi articoli )

15 thoughts on “Questa volta, in Italia, davanti a un Draghi un San Giorgio non basterà. Anche perché Draghi è reale, San Giorgio solo una leggenda

  1. Reverendo Padre Ivano,

    questo articolo mostra la crisi che attanaglia la Chiesa che sta apostatando dove “i draghi” vengono osannati e definire Biden cattolico è una bestemmia, come Prodi che è uno che ha svenduto l’Italia ai poteri delle elites o il cattolico Monti. Ma cosa possiamo fare quando un Papa definisce la Bonino, nota anticlericale abortista e per l’eutanasia e le droghe una “grande italiana”? O viene esaltato dalla massoneria che è una invenzione di Satana? Per l’enciclica Fatelli tutti ,https://www.grandeoriente.it/massoneria-chiesa-la-fratellanza-valore-massonico-e-la-fratellanza-secondo-papa-francesco-in-un-articolo-su-erasmo/o Il culto di San Giorgio solo leggenda, spero che Gesù ci salvi.

  2. Grazie Padre Ivano! A riprova che siete tre presbiteri equilibrati e molto preparati che da un’Isola il cui nome è tutto un programma, attraverso quella sapienza che è dono dello Spirito Santo, ci stimolano alla speranza, anzitutto e soprattutto proprio quando tutto sembrerebbe perduto.
    In questo sta la grandezza della vostra opera, per chi vuol capirla ed è in grado di capirla.

    1. Gran bella persona Padre Ivano, lo intravidi a Napoli per l’incontro di pastorale sanitaria tre anni fa, e mi bastò intravederlo per capire che c’era molta sostanza.

  3. Rev. Padre Ivano Liguori,

    sono un amico romano del toscoromano padre Ariel, e per 9 anni e 7 mesi sono stato tra la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica, prima deputato poi senatore.
    Sono laico e non credente ahimè! Ma preciso sempre … “per adesso”, perché un giorno potrei perfino giungere a scoprire e/o percepire che il futuro e l’eterno sono veramente nelle mani di Dio.
    Non entro nel politico e neppure nel tecnico, posso solo dire: orrore!
    Caro Padre, conosco persone che vivono nella politica da decenni ma che purtroppo non sono capaci a fare una analisi intelligente come la sua. Per questo oggi ci ritroviamo confermati Di Maio e Speranza da Dragon Ball.
    Detto questo chiudo con un deferente saluto a lei, Padre Ivano, e agli altri Padri, incluso il mio amico Ariel.

    Un senatore a riposo

  4. … ho capito! Una isoletta con tre preti fascistelli affogati d’odio per la sinistra che devono spingere le pecorelle verso Giorgia la fascistissima

    1. Rispondo al suo commento postato in fondo all’articolo del mio confratello Padre Ivano perché in esso ci tira in ballo a tutti e tre, quindi nella mia qualità di direttore responsabile posso rispondere a nome di tutti.

      1. Di preti fascisti in questa isola non ve ne sono, come non ve ne sono di comunisti e via dicendo, essendo noi tre preti di tutti a servizio di tutti, non certo preti di “alcuni” o di “qualcuno”.

      2. Le pecorelle italiane sono abituate a votare chi vogliono sin dall’avvento dello Stato liberale e l’entrata in vigore nel 1848 dello Statuto Albertino, per seguire appresso con la Repubblica e la Costituzione Repubblicana.

      3. Non so lei chi sia, Primula Rossa, ma di certo non proviene dalla vecchia tradizione comunista italiana, caratterizzata da menti intelligenti e brillanti che hanno percorso la storia patria italiana da Antonio Gramsci sino a Enrico Berlinguer. Purtroppo lei si palesa non intelligente e non brillante, pertanto non giochi a una sinistra storica post-comunista che non le appartiene e che forse non sa neppure che cosa sia.

      1. Cari Padri tutti dell’Isola di Patmos, sono le vostre menti libere e senza pregiudizi che vi rendono delle grandi e belle persone come uomini e come preti, ed è di questo che noi “pecore sempre più smarrite” abbiamo bisogno.

  5. Vorrei sapere chi sarebbero questi famosi “storici della Chiesa” che considerano quella di San Giorgio una leggenda, quando è notoria la presenza di fonti storiche antichissime che attestano la sua esistenza e il suo culto. Grazie

  6. Articolo serio e ben scritto, complimenti a p. Ivano. Il suo intervento a me suscita una domanda: quale giudizio dare, alla luce dell’oggi, alle generazioni di sinceri credenti che – con sensibilità anche molto diverse tra loro – hanno investito tempo, fatica ed energia per una politica cristiana? Penso alla lunga parabola che va dall’Opera dei congressi al codice di Camaldoli e a personalità come Sturzo, De Gasperi, Dossetti, il giovane Montini, Fanfani e (con qualche riserva) Moro; senza dimenticare alcuni spunti di don Giussani. Per farla semplice: furono maestri inascoltati o tutto sommato si spesero, con le migliori intenzioni, in una battaglia perduta in partenza?

  7. Mi ha colpito la parte che riguarda i politici cattolici. Con un certo orrore, è un po’ che penso che l’ultimo presidente del consiglio che si sia dichiarato ateo e anticlericale fu Giovanni Spadolini e che l’ultimo che si comportò da cattolico fu Amintore Fanfani… Gli altri si sono tutti detti cattolici o interessati al mondo cattolico e hanno sempre governato sicut Deus non daretur….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri ancora disponibili

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.