Über “geschieden und wieder verheiratet”. Die Kraft von Christus dem Petrus gegeben “Krawatte” und “"Streuen"”

ÜBER “GESCHIEDEN UND VERHEIRATET“. DIE KRAFT, DIE VON CHRISTUS AN PETER «TIE» UND «LÖSEN»

.

Es gibt Fälle von Priestern, die ohne Unterlass, so wird die Befreiung von der aktiven Ausübung der heiligen Ministerium und Entlassung aus dem geistlichen Zustand erhalten, ottenuta la quale possono anche sposarsi e ricevere il Sacramento del matrimonio. In altri tempi ciò non era possibile né previsto dalle discipline ecclesiastiche, anzi era proprio impensabile.

.

..

Vater Ariel Autor
Autor
Ariel S. Levi Gualdo

..

«A te [Peter] darò le chiavi del regno dei cieli, und was auch immer du auf Erden binden, werden im Himmel gebunden werden, und was auch immer Sie auf Erden verlieren werden im Himmel gelöst sein» [MT. 16,19]

.

.

.

Ariel evangeliario
Ariel S. Levi di Gualdo che porta in processione l’Evangeliario durante una solenne celebrazione presieduta da un Vescovo

In 2011, in una sperduta cappella di campagna fuori Roma celebrai alle 7 del mattino di un lunedì le nozze di un uomo che in modo improprio potrebbe essere definitoex prete“, per non parlare del termine popolare dispregiativo dispretato“. Alla sacra celebrazione non erano presenti né amici né parenti, solo quattro testimoni e la bimba di cinque anni della coppia, nata da questa relazione clandestina due anni prima che il sacerdote — all’epoca parroco — avanzasse richiesta di rinuncia all’esercizio del sacro ministero sacerdotale, spinto in tal senso da me, appena divenuto suo confessore, in modo deciso e anche pressante.

Sorvolo sul modoindecente nel quale ho visto nel corso degli anni diversi vescovi gestire situazioni più o meno analoghe. Prendo allora un esempio tra i tanti, quello del classico sacerdote mal formato, proveniente da una situazione di disagio e di povertà di un paese in via di sviluppo, ordinato ad appena 24 anni in Italia da uno dei nostri vescovi privo di aspiranti alla vita sacerdotale e per questo particolarmenteaffamato di preti”. Tra una scappatella e l’altra il giovane prete finisce con l’instaurare una relazione stabile con una sua parrocchiana, che rimane appresso incinta e dà alla luce una creatura. La preoccupazione dell’allora vescovo diocesano, in seguito del suo successore, fu quella di allontanare il prete mandandolo in giro per il mondo, con risultati tutt’altro che positivi, perché se il prete non è statogenerato” vor, difficilmente può esserlo dopo, specie dinanzi al sopraggiungere di certi guai sempre parecchio difficili da gestire. Inzwischen, l’amante del sacerdote, si reca dal Vescovo e lo informa che la creatura venuta alla luce è di un suo prete e che lei ha bisogno dei necessari mezzi economici per mantenerla e crescerla. Appurato attraverso esame del DNA che la creatura era veramente del prete, la Diocesi se ne fece discretamente carico; spero non attraverso i fondi dell’Otto per Mille versato dai nostri fedeli per il sostentamento della Chiesa e dei suoi sacerdoti, non per quello delle amanti e della prole di taluni presbìteri. Se infatti qualcuno doveva provvedere di propria tasca a riparare i danni di quel prete, questi era il vescovo che lo aveva ordinato, che in quanto a riempirsi le tasche non c’era andato tra l’altro piano nel far man bassa. Il nuovo vescovo si accorda col vescovo di un’altra diocesi distante centinaia di chilometri e sistema il prete altrove. Perché questo è spesso il “klug” und “kluge” agire di molti nostri vescovi: non affrontare il problema alla radice marisolverlospostando il prete problematico da una parte all’altra. Tutt’altra storia rispetto al modo in cui io, mosso da diversa misericordia e comprensione, ma anche agendo su severi imperativi di coscienza, nella mia veste di confessore imposi al confratello poc’anzi narrato di lasciare quanto prima l’esercizio del sacro ministero sacerdotale e di assumersi tutte le sue responsabilità di genitore. Grazie a Dio io non sono però un vescovo “kluge” und vor allem “klug” che parla dei supremi e intangibili valori politisch della famiglia e dei figli in casa degli altri, salvo fare però disastri in casa propria.

Questi due esempi diversi per far notare come a volte la Chiesa risolva le situazioni di alcuni di coloro che sono stati segnati col carattere indelebile ed eterno del Sacro ordine sacerdotale, presupposto del quale è anche la solenne promessa di mantenersi celibi. Aber, al di là del celibato, resta il fatto che questo sacro ordine imprime un nuovo carattere dal quale ne consegue una trasformazione ontologica. E sia chiaro per inciso che il celibato non è, come certi pseudo-studiosi vanno cianciando da tempo in giro, una «mera legge ecclesiastica codificata solo dal Concilio di Trento» (!?), perché il celibato è una tradizione che affonda le proprie radici sin dalla prima epoca apostolica. Il primo esempio di celibato, o il farsi «eunuchi per il regno dei cieli» [CF. MT 19, 11-12], ci viene dato da Verbo di Dio Incarnato. È vero che diversi degli apostoli, fatta eccezione per i giovani, erano sposati, ma è anche vero che per seguire il Signore Gesù lasciarono le proprie famiglie, le proprie ricchezze e il proprio passato; non a caso la svolta radicale di diversi di questi Apostoli fu segnata anche dal cambio del loro stesso nome, a partire da Pietro e Paolo, nati rispettivamente Shimon e Shaul. Coloro che come l’Apostolo Giovanni non erano sposati, non si sposarono mai. È vero che in passato, nei primi secoli di vita della Chiesa, c’erano sacerdoti detti impropriamentesposati”, ma si dimentica che per ricevere il sacro ordine dovevano seguire l’esempio dei Beati Apostoli: «lasciato tutto lo seguirono» [CF. LC 5, 1-11]. Deshalb, questi uomini sposati, per divenire sacerdoti lasciavano le proprie famiglie, purché esse fossero munite dei necessari mezzi di sostentamento. E per ricevere il sacro ordine l’uomo sposato, oltre a lasciare la propria famiglia, doveva avere il consenso dato liberamente dalla moglie; proprio come avviene oggi quando la Chiesa ordina diaconi permanenti degli uomini sposati.

Esistono però casi di sacerdoti che senza cessar d’essere tali ricevono la dispensa dall’esercizio attivo del sacro ministero e la dimissione dallo stato clericale, ottenuta la quale possono anche sposarsi e ricevere il Sacramento del matrimonio. In altri tempi ciò non era possibile né previsto dalle discipline ecclesiastiche, anzi era proprio impensabile, perché solo uno era il modo per dimettere un sacerdote dall’esercizio del sacro ministero: la scomunica irrogata dall’Autorità Ecclesiastica per ragioni connesse a gravissimi motivi di ordine morale e dottrinale; e ai sacerdoti scomunicati e dimessi dallo stato clericale, in passato non era consentito sposarsi, a volte neppure civilmente. L’articolo n. 5 del testo del vecchio Concordato stipulato tra Stato e Chiesa nel 1929 [CF. Wer] prevedeva in accordo con l’Autorità Civile alcune limitazioni che parlano da se stesse e che sono proprio frutto di questo antico retaggio:

.

«Nessun ecclesiastico può essere assunto o rimanere in un impiego od ufficio dello Stato italiano o di enti pubblici dipendenti dal medesimo senza il nulla osta dell’Ordinario diocesano. La revoca del nulla osta priva l’ecclesiastico della capacità di continuare ad esercitare l’impiego o l’ufficio assunto. In ogni caso i sacerdoti apostati o irretiti da censura non potranno essere assunti né conservati in un insegnamento, in un ufficio od in un impiego, nei quali siano a contatto immediato col pubblico».

.

È presto detto quale misera fine era riservata a quei sacerdoti che abbandonavano il ministero senza avere alle loro spalle una famiglia in grado di sostenerli, o se con premeditato calcolo non avevano prima sottratto alle parrocchie a loro affidate il necessario danaro per potersi sostenere, sempre ammesso che fossero stati parroci o rettori di chiese dove circolava danaro. Questo il motivo per il quale in passato le situazioni di concubinato dei chierici erano in parte conosciute e in parte tollerate, perché un presbìtero non più in grado di sostenere gli impegni assunti attraverso la sacra ordinazione, o viveva in uno stato di grave irregolarità, oppure si sarebbe condannato alla morte civile e ad una vita miserabile, anche perché in certe situazioni passate di cosiddetto cesaropapismo, alla dura scomunica che avrebbe colpito il sacerdote fuggitivo avrebbe fatto seguito la durezza politica ancora maggiore del braccio secolare.

Qualcuno potrebbe obbiettare che il Sacramento dell’Ordine e il Sacramento del Matrimonio sono due Sacramenti diversi regolati come tali da due diverse discipline, ed è vero, basti solo pensare che il primo, imprime un carattere indelebile ed eterno che comporta una trasformazione ontologica; il secondo non imprime invece un nuovo carattere e non è eterno perché dura per tutta la durata della vita degli sposi.

Se secondo le discipline attuali un uomo sposato, con moglie e figli, non può essere ordinato sacerdote poiché privo del requisito dello stato celibatario, viceversa un sacerdote non può ricevere il Sacramento del Matrimonio, da “non compatibile— sempre secondo le attuali discipline canoniche — col Sacramento dell’Ordine, salvo dispensa data dalla Sede Apostolica e come tale regolamentata da precise leggi ecclesiastiche, l’ultima in ordine di serie la Costituzione Apostolica Anglicanorum Coetibus del Sommo Pontefice Benedetto XVI [CF. Wer]. Esistono infatti casi rari e molto particolari che come tali richiedono sempre di essere trattati a sé. Proprio quel concetto che oggi spaventa tanto certi rigoristi e legalisti quando viene fatto cenno al fatto che non esiste la casistica monolitica dei divorziati risposati“, denn oft, ciascuna di queste situazioni umane, è una situazione tutta quanta a sé, non trattabile come tale secondo gli schemi rigidi e ben definiti delCodice della strada”. O come di recente ho risposto ad un nostro lettore: «Dinanzi a certi problemi, non si può installare l’autovelox e poi dire: il limite era 130, tu stavi andando a 140, quindi sei in torto, ti prendi la multa, la paghi e chiusa la questione. Nella morale cattolica e nella disciplina dei Sacramenti, le cose non funzionano propriamente così; e se così qualcuno pretende di farle funzionare, in tal caso va applicata la saggia massima che qualsiasi rigorismo applicato con rigore matematico rende disumana e immorale la morale e la legge».

Cos’è accaduto quando qualche sacerdote fuggitivo ha contratto matrimonio religioso cattolico senza avere ricevuto la prevista dispensa e nascondendo il proprio Status di chierico? Il matrimonio è stato dichiarato invalido, come invalide sono state dichiarate le sacre ordinazioni sacerdotali ed episcopali di uomini sposati fatte da qualche vescovo uscito dalla Comunione ecclesiale, come nel recente caso di Emmanuel Milingo, già Arcivescovo di Lusaka; e ciò al di là della validità delle sue potestà apostoliche. Merita infatti ricordare che questo anziano vescovo scomunicato per le sue svariatestravaganze”, rimane comunque un vescovo dotato di tutte le potestà sacramentali proprie dell’episcopato; potestà il cui esercizio gli è stato interdetto prima con la sospensione a divinis e poi con la scomunica, ma la sacramentale pienezza del sacerdozio apostolico ricevuta rimane un sigillo indelebile che nessuno gli può togliere.

La sacramentaria è da sempre uno dei rami più complessi e delicati delle discipline dogmatiche e chiunque desideri essere serio non si lancia in certi temi portando a suffragio delle proprie opinioni peregrine stralci del Catechismo e brandelli male intesi estrapolati dal Magistero della Chiesa, a partire dal pluri citato n. 84 von Familienunternehmen, meno che mai citando come verbum Dei articoli di giornalisti aventi come supremo merito un ferreo spiritoAnti bergogliano“, che li ha fatti ormai sprofondare nel più penoso e pietoso sedevacantismo, a difesa non si sa bene di quale fede e di quale Chiesa [CF. articolo di Giovanni Cavalcoli, Wer].

L’accademico pontificio Giovanni Cavalcoli, con tutta la sua autorevolezza, io con autorevolezza parecchio minore, abbiamo scritto e parlato di queste tematiche di straordinaria delicatezza dottrinale e disciplinare dalle colonne dellPatmos, ottenendo due diversi risultati: le persone predisposte all’ascolto, hanno ragionato e trovato spesso risposta ai loro quesiti. Le persone chiuse all’ascolto, quindi alla possibilità di qualsiasi discussione, ci hanno invece bollati come eretici, modernisti e traditori, salvo poi lanciarsi in autentici sproloqui derivanti da una “Glauben” mutata in Ideologie Politik, o presumendo di poter praticare agevolmente deiterreni minaticosì delicati da spaventare anche teologi valenti ed esperti, ma non particolarmente addentro a queste specifiche e delicate questioni. E proprio dinanzi a complessi temi dottrinali e giuridici così delicati, lo stesso Pietro ha reputato opportuno convocare un apposito Sinodo sulla Famiglia, per ascoltare il parere di una congrua rappresentanza dell’episcopato mondiale.

In einer konziliaren Versammlung oder Synode, come da settimane vanno ripetendo i Padri dellPatmos su queste colonne, Sie müssen überprüft werden, und untersucht alle Möglichkeiten, selbst die absurdesten; auch solche, bündig mit Ketzerei, perché discutere non vuol dire affattosancire”,”stabilire”, “modificare”, “negare” die “löschen” in alcun modo delle discipline, geschweige denn beeinflussen das Dogma oder die Substanz der Sakramente.

Noto invece con profondo e autentico dolore che un esercito di laici in vena di puri scontri politisch portati avanti dietro falsi pretesti dottrinali, si muovono con incredibile sicumera come elefanti dentro una vetrina di cristalli, lanciando moniti, lezioni e richiami ai Vescovi, ma soprattutto al Romano Pontefice. Perché quando in uno scritto vergato da due stolte auto-elettesi supremi difensori della vera fede, si legge «Il Papa deve imparare che» quindi «se non ha imparato è bene che impari», purtroppo il discorso è tristemente chiuso nel microcosmo di tutte le loro stoltezze pseudo-teologiche e psuedo-dottrinali. Non chiuso da me o da chicchessia, ma chiuso dalla volontà di persone che in nome di una non meglio precisata “Glauben” si rifiutano di ragionare, non cogliendo così il basilare elemento filosofico e metafisico di fides et ratio, ed appresso vantandosi pure di non voler usare alcuna Verhältnis e anteponendo la frase: "Darüber gibt es keine Frage,!». E detta in termini sia teologici sia pastorali, il tutto costituisce una pericolosa chiusura alle azioni della grazia di Dio.

Cari cattolici e cattoliche in vena di scontri politici su pretesti dottrinali, vi rendete conto che se molti dei Padri riuniti a Nicea e appresso negli altri grandi concilî dogmatici della Chiesa, sie sagten,: "Darüber gibt es keine Frage,!», Daher ist es durch entsprechend zu handeln, heute würden wir nicht haben, Ich sage nicht, die Entwicklung der Disziplin der Sakramente die Jahrhunderte hatte über, würden wir hatten nicht einmal die korrekte Wahrnehmung der Menschwerdung des Wortes, die göttliche und menschliche Natur Christi Gott [Hypostase]? Aber es gibt mehr: wir würden nicht einmal Christen, bensì solo unasètta ereticadi ebreo-gesuani sviluppatasi nell’antica Giudea e poi diffusasi in giro per il mondo.

Di recente ho scritto un lungo articolo nel quale indico quelli che a mio parere sono certi difetti umani dell’uomo Jorge Mario Bergoglio [CF. Wer], ma ribadendo che certi suoi difetti umani non intaccano in alcun modo quelle che per mistero di grazia sono le sue potestà di Romano Pontefice, di roccia sulla quale Cristo ha edificato la sua Chiesa, dando ad esso una gravosa funzione vicaria legata a uno degli elementi fondanti del Glaubensgut. Ein Pietro, il Verbo di Dio ha dato potere di «legare» e di «sciogliere» [CF. MT 16, 13-20], pertanto il problema non dovrebbe essere la ipotesi stolta, oltre che impossibile, del Sommo Pontefice che cade in eresia o in apostasia dalla fede; il problema dovrebbe essere invece la docilità delle pecore verso il Pastore, assieme alla certezza di fede che per quanto difettoso il Pastore possa essere, in certi suoi atti di magistero e di governo gode di una speciale assistenza dello Spirito Santo. Il problema dovrebbe esser quindi il rifuggire l’eresia da parte di certe pecore pompate da certi teologi rigoristi che non distinguono il dogma dalle leggi umane e dalle loro stesse opinioni, la sostanza inalterabile dei Sacramenti dalla disciplina dei Sacramenti ripetutamente modificata nel corso dei secoli. Sono quindi certi teologi e certe pecorelle smarrite che rischiano seriamente di scivolare in un’eresia generata peraltro dal primo dei peccati capitali, perché pensare superbamente di poter sindacare ciò che eventualmente Pietro potrà decidere di «legare» o di «sciogliere», oppure cosa lasciare legato e cosa non sciogliere mai, è in sé e di per sé empietà, ed a volte anche eresia, perché neppure l’opinione di un concilio ecumenico è superiore alla volontà e alle decisioni di Pietro, alla cui volontà e decisione l’assemblea conciliare o sinodale deve sempre sottostare, und heute, il nostro Pietro, è il Santo Padre Francesco.

È pertanto cosa penosa e stolta che certi rigoristi scrivano trionfanti: «Quellafrase ambiguaè passata al Sionodo per un solo voto!». Und achten Sie auf gut, ad attaccarsi avoti” und “maggioranzesono proprio i rigoristi, quelli che in pectore risognano le glorie del vecchio Stato Pontificio, la tiara, la sedia gestatoria ed i flaubelli, il connubio trono e altare, ma pur malgrado ignorantemente dimentichi che Pietro ascolta chi vuole e se vuole, decidendo a prescindere dai voti e dalle maggioranze, perché lui ha una speciale grazia di stato derivante da un potere vicario che ad esso perviene da Cristo Dio in persona, non dai voti di maggioranza o di minoranza delle assemblee. Il Santo Padre potrebbe alzarsi domani mattina, prendere un tale che passa per la strada e consacrarlo vescovo e conferire poi la dignità cardinalizia a Sor Romoletto che vende cicoria in Campo dei Fiori. Potrebbe canonizzare seduta stante la defunta Sora Lella, ex venditrice di arachidi in Trastevere, senza seguire alcuna delle procedure fissate dal Codice di Diritto Canonico e senza chiedere conto alcuno alla Congregazione per le cause dei santi. E nessuno potrebbe invalidare il suo operato, perché il tutto rientra in quelle sue potestà non soggette come tali a sindacato alcuno. Ma tutto questo, i rigoristi, sembrano esserselo dimenticato.

Tutt’oggi taluni mi rimproverano di essere stato «irriverente» nei riguardi del Cardinale Raymond Leonard Burke. Freundlichen Grüßen, più che irriverente sono stato severo, perché un porporato che si presta a essere strumentalizzato da certi circoli dialabardieri tradizionalistiche lanciano critiche inaccettabili all’operato del Sommo Pontefice, verso il quale mettono in scena persino illogici processi alle sue intenzioni, non è né prudente né sapiente; e come tale e in quanto tale non merita d’esser preso sul serio, ma solo d’esser preso allegramente, assieme a tutti i suoi sostenitori ed i suoi ricchi benefattori dell’ultra destra americana che urlano «all’eresia, all’eresia!», «allo scisma, allo scisma!». Non giriamo quindi le carte sul tavolo mutando gli offensori di professione in vergini vilipese, perché sono loro, scritto dietro scritto e conferenza dietro conferenza a mancare gravemente di rispetto alla Somma Autorità del Principe degli Apostoli, non sono certo io a mancare di rispetto a un Cardinale che lasciandosi invitare, intervistare ed elevare a vessillo dell’opposizione verso un Sommo Pontefice che starebbe niente meno «guidando la Chiesa verso la deriva dottrinale» — ed il tutto senza mai una sua chiara smentita in proposito riguardo certa gente che a tal fine lo usa in opposizione al Santo Padre —, si palesa di fatto per quello che è: un imprudente irresponsabile.

dass .

Wo Peter, Kirche gab es.

Amen!

.

.

.

Über isoladipatmos

8 thoughts on "Über “geschieden und wieder verheiratet”. Die Kraft von Christus dem Petrus gegeben “Krawatte” und “"Streuen"”

  1. A me personalmente questo suo articolo, caro P. Ariel, ha fatto capire molte cose. Sulla scorta delle sue riflessioni, ho visto che, zB, anche per il Sacramento della Riconciliazione c’è stato lungo i secoli un cambiamento di DISCIPLINA. Anche allora certamente qualcuno avrà pensato che, dando la possibilità di confessarsi più volte nella vita, si sarebbe contravvenuto a una legge divina (risalente all’epoca apostolica), incentivando così a peccare. Tatsächlich, oggi diciamo grazie a Dio per il dono della Confessione frequente. Sicher, poi uno ne può abusare, come per la Comunione, ma questa è questione del segreto dei cuori. Nochmals vielen Dank!

  2. Cito il pezzo dell’articolo dove scrivi:

    Cari cattolici e cattoliche in vena di scontri politici su pretesti dottrinali, vi rendete conto che se molti dei Padri riuniti a Nicea e appresso negli altri grandi concilî dogmatici della Chiesa, sie sagten,: "Darüber gibt es keine Frage,!», Daher ist es durch entsprechend zu handeln, heute würden wir nicht haben, Ich sage nicht, die Entwicklung der Disziplin der Sakramente die Jahrhunderte hatte über, würden wir hatten nicht einmal die korrekte Wahrnehmung der Menschwerdung des Wortes, die göttliche und menschliche Natur Christi Gott [Hypostase]? Aber es gibt mehr: wir würden nicht einmal Christen, sondern lediglich eine "ketzerische Sekte" von jew-gesuani im alten Judäa entwickelt, und dann auf der ganzen Welt zu verbreiten.

    Hier, io credo che solamente un sacerdote molto sensibile e un teologo molto raffinato possa in poche righe dire tutto quello che c’è da dire con tale chiarezza.
    Es ist klar,: non esistono persone critiche verso i preti come noi preti!
    Aber, quei … “politisch” che non vogliono ragionare, pur messi dinanzi alla chiarezza, continueranno a non ragionare, leider.

  3. Umdrehung. Vater,
    certamente ogni mattina anche Lei dà un’occhiata alle notizie dei giornali.
    Oggi un’esaustiva rassegna stampa è fornita dai titoli qui citati: http://www.lanuovabq.it/it/articoli-corvi-in-vaticano-avvoltoi-e-iene-nei-giornalida-repubblica-a-libero-una-chiesa-di-malfattori-14302.htm
    Alcune citazioni tra le tante:
    Una grande operazione di discredito: il diavolo stringe d’assedio il cuore della Chiesa
    Ci vendono paccottiglia mezza vera come strumento di lotta al vertice perché la chiesa non è più retta con autorità e potere. Se c’è un complotto (ma non c’è), l’hanno messo in piedi i pasdaran bergoglisti
    Il romanzo vaticano ha trovato il suo uomo nero: George Pell
    Vater, una devastazione generale dove è difficile riconoscere non solo chi crede in Dio e vive evangelicamente, ma anche chi èbonus pater familias, chi è ladro, chi figliol prodigo
    Quanti talenti senza frutti.

    1. Liebe Ettore.

      La prima cosa che faccio la mattina è di ringraziare Dio e recitare poi la liturgia delle ore, le lodi mattutine.
      Sono stato anni senza televisore in casa, poi una coppia di sposi me ne ha regalato uno, che mi capita di accendere un giorno sì e tre no per 30/40 Minuten.
      Fosse stato per me, sarei diventato sacerdote ritirandomi in una clausura di stretta osservanza, quando però prospettai la cosa, degli anziani ed esperti formatori mi risero prima in faccia, poi mi dissero che ero nato «per fare i fuochi di artificio» e non per il silenzio del chiostro.
      E sicuramente avevano ragione.

      Non ho letto i giornali e ascoltato i telegiornali, ho appreso comunque notizia
      Posso rispondere ripetendo quello che già ho detto in privato a diverse persone: i giornalisti fanno il loro lavoro, a volte forse anche sporco, ma fanno il loro lavoro. Mentre noi preti, dal canto nostro, non facendo spesso il nostro santo lavoro, gli forniamo tutto ilmiglioremateriale, per fare certi loro sporchi lavori.

  4. Caro Don Angelo.

    Mi ricollego al suo (o meglio se permetti “Ihre”) commento per dirti in poche parole ciò che richiederebbe, vielleicht, un libro.
    Io sono il sacerdote dimesso dallo stato clericale al quale accenna P. Ariel nel suo articolo. E Ariel, in quanto a paternità, è un padre davvero, per questo viene spontaneo, anche se membro del clero secolare, chiamarlo padre.
    Quando mi ha chiesto se in maniera anonima poteva far cenno al mio caso in un suo articolo, ho detto subito sì. Però lui ha saltato (volutamente), il passaggio fondamentale, che cercherò di raccontare io.
    Seguendo il suo suggerimento ( quello di P. Ariel, che era mio confessore), andai a parlare con il mio vescovo, e gli esposi la cosa. Avevo sbagliato, sicuro, il mio errore era grave, sicuro, und vor allem, da esso, non si poteva tornare indietro.
    Der Bischof (stessa storia di sempreincorreggibili!) mi disse che poteva parlare subito con il vescovo di qualche diocesi a “klug” gran distanza dalla nostra, tipo al capo opposto d’Italia, “togliermi dall’impiccio” (usò proprio il termineimpiccio”), e sistemarmi altrove.
    Io mi trovai tra questa soluzione prospettata dal vescovo, e la soluzione del P. Ariel che mi aveva in pratica quasi imposto di chiedere la dispensa dal ministero, la dimissione dallo stato clericale, e di assumermi le mie responsabilità di genitore.
    Ci tengo a precisare che ho lasciato l’allora mia parrocchia senza portarmi dietro un euro, lasciai i conti in attivo e i soldi in cassa, per essere chiari, e se non avessi avuto il sostegni iniziale dei miei genitori, di mia sorella maggiore, dei genitori di colei che poco dopo è divenuta mia moglie, non so come me la sarei passata.
    Forse è bene precisare che l’amministratore parrocchiale che prese il mio posto (non essendo cittadino italiano non poteva essere nominato parroco, ma amministrare), dopo due anni di mal gestione lasciava le casse prosciugate, und, schlechter, i debiti da pagare!
    Lla mia vicenda non nasce da una crisi vocazionale, ma da un errore che possiamo chiamareincidente di percorso non riparabile”, e davanti al quale mi sono assunto le mie responsabilità. Amo Cristo e la Chiesa, sono cosciente che non cesserò mai di essere sacerdote, ma ho dovuto scegliere di fare il genitore e il marito. E facendo questo non ho agito perriparare un danno”, perché amo mia moglie e mia figlia.
    E un giorno, come mi ha detto spesso P. Ariel a voce e per iscritto: “capirai quale utilità, nei progetti di Dio, avevi anche tu, nella economia della salvezza”.
    Ho avuto un secondo figlio, ein Männchen,oggi ha un anno e mezzo, e ho capito, al suo battesimo, che cosa provavano i genitori quanto io, all’epoca parroco, battezzavo i loro bambini. La mia prima figlia nata, nella situazione di allora, non fu difatti battezzata in mia presenza.

    Ho dedicato tutta la vita che mi resta da vivere a pregare per i sacerdoti.

    1. Caro amico e “Priester in Ewigkeit”, credimi non è retorica, dire che … “ad andarsene via sono i migliori”.
      Sono sacerdote da 18 Jahre alt, ed ho assistito in questi 18 Jahre alt, nella mia diocesi, alla rinuncia al ministero sacerdotale di quattro sacerdoti. Uno, era un sacerdote straniero, dass, visto il benessere e raccattati i necessari soldi, si è dato ad altra vita. Gli altri tre, stattdessen, erano i migliori sacerdoti che avevamo. E non hanno fattoun passo indietro”, li hanno messi, nella condizione obbligata di farlo.
      Una preghiera e una benedizione per i tuoi figli.

      1. Lieber Bruder.

        Sono diversi i sacerdoti di mia conoscenza che si sono rivolti a me come confessore o come direttore spiritualenon avendo trovato purtroppo di meglio sulla piazzai quali vivono situazioni veramente drammatiche, all’interno di presbitèri letteralmente inquinati, dove i pochi buoni preti che grazie a Dio ci sono, vengono spesso messi in condizioni di vera e propria invivibilità. Una volta chiesi di ciò seriamente conto a un vescovo che mi dette testuale risposta: «Non posso mettermi contro trenta preti, con tutto ciò che questo comporterebbe, per proteggere tre buoni sacerdoti. Se sono buoni sacerdoti, cosa che di certo sono, che allora si proteggano da soli, io non sono in grado di farlo».
        Reputo superfluo aggiungere altro.

    2. Lieber Bruder in Christus.

      La tua risposta mi onora, mit freundlichen Grüßen, e mi commuovee mi induce a riflettere che forse eri un sacerdote più buono e sensibile di me. Na und, perché tu? Ma questa si, che è una domanda retorica, addolorata, ma retorica. Come la nonna disperata, ultraottantenne, che pochi giorni fa, mentre seppellivamo suo nipote di appena 30 Jahre alt, mi domandava “da, der Herr, non ha preso me?”.
      Einmal, Vater Ariel, in uno dei nostri colloqui privati, mi fece riflettere dicendomi: “Il signore della morte è l’uomo, non è Dio”. E mi parlò in profondità del “Erbsünde” come non mi era capitato di sentir parlare, denn es ist wahr,: la morte l’abbiamo inventata noi (non noi direttamente, offensichtlich!), e come tale la subiamo, specie quando ci appare particolarmenteingiusta”.
      Mi è difficile dirti qualche cosa, ma mica perché sono imbarazzato dalla tua vicenda (figuriamoci!), ma perché sono imbarazzato dalla mia inadeguatezza di fronte al mistero, di fronte al quale viene umanamente da chiederci: “perchè i buoni e non i cattivi?”.
      E in Cristo troviamo la risposta.

Lassen Sie eine Antwort