Che cosa sta accadendo al Sommo Pontefice Francesco? Mai come oggi Satana aveva insidiato il Papato

CHE COSA STA ACCADENDO AL SOMMO PONTEFICE FRANCESCO? MAI COME OGGI SATANA AVEVA INSIDIATO IL PAPATO

.

Non si può escludere, al riguardo, che Papa Francesco attualmente sia tentato dal Demonio, maestro di quella superbia che porta all’eresia. Ciò potrebbe spiegare i frequenti richiami del Papa alla lotta contro il Demonio, cosa inusuale nei Papi, almeno degli ultimi secoli, soprattutto per le istruzioni concrete che il Pontefice impartisce, cosa che fa pensare che egli parli per esperienza diretta. Ciò è particolarmente notevole nell’Esortazione Apostolica Gaudete et exultate.

.

.

Autore
Giovanni Cavalcoli, O.P.

.

.

PDF  articolo formato stampa

.

.

.

Illustrazione da Lucifero. Poema di Mario Rapisardi. IV Edizione illustrata da 40 disegni di Gino De’ Bini. Roma, Edoardo Perino editore, 1887

Se una persona che stimiamo e amiamo comincia a dar segni di infedeltà nei confronti di quei valori per i quali la stimiamo e la amiamo, ovviamente non possiamo non preoccuparci, domandarci da cosa può dipendere questa decadenza e cosa possiamo fare per rimediarvi. Sentimenti simili proviamo noi cattolici nei confronti del Santo Padre, che con un certo crescendo, dà segni preoccupanti di non compiere il proprio dovere di Sommo Pastore della Chiesa.

.

Comportamento e idee di Papa Francesco oggi piacciono a grandi folle, pastori e teologi attaccati a questo mondo e ad un cattolicesimo sedicente progressista, ma in realtà modernista, nonché ad ambienti non cattolici.  

.

Non che il Papa insegni l’eresia, ma tuttavia egli cammina sul ciglio del burrone. Ma che cosa gli è successo? La risposta è semplice: si è lasciato prendere dal gusto del potere. Tutto il mondo, quindi, sembra dover dipendere dalla sua parola e dalla sua volontà. I suoi fans vorrebbero convincerlo che non c’è dogma, non c’è sacramento, non c’è tradizione, non c’è legge morale, non c’è istituzione della Chiesa e dello Stato, che egli non possa cambiare a sua volontà, ritenendosi sempre sotto l’influsso dello Spirito Santo.

.

Un caso mai successo nella storia della Chiesa

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Ma dov’è il Papa custode, interprete e difensore del deposito della fede, supremo annunciatore del Vangelo, Sommo Sacerdote dispensatore dei sacramenti, zelante padre, giudice e medico delle anime, guida nelle vie della santità verso il regno dei cieli, garante dell’ordine, del diritto, della giustizia, della libertà, del progresso e della pace nella Chiesa, luce delle genti e salvezza del mondo?

.

Non si può escludere che Papa Francesco sia tentato dal Demonio, maestro di quella superbia che porta all’eresia. Ciò potrebbe spiegare i frequenti richiami del Papa alla lotta contro il Demonio, cosa del tutto inusuale nei Sommi Pontefici, almeno degli ultimi secoli, soprattutto per le istruzioni concrete che il Pontefice impartisce, cosa che fa pensare che egli parli per esperienza diretta. Ciò è particolarmente notevole nell’Esortazione Apostolica Gaudete et exultate [testo QUI].

.

In realtà è mia convinzione che mai nella storia Satana abbia sferrato contro il papato un attacco così violento e insidioso, e proprio riguardo l’ufficio più importante del Papa, che è la custodia della dottrina della fede. Tale attacco contro Papa Francesco è il culmine di un’azione che Satana ha istigato nella Chiesa a partire dall’immediato post-concilio, col suscitare un rinnovato modernismo, soprattutto nel rahnerismo, sotto pretesto del rinnovamento conciliare. 

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

E così il potere delle tenebre ha ingannato l’episcopato, instillando in esso la illusoria convinzione che non fosse più necessario vigilare contro le eresie, e che il tempo delle eresie e della loro relativa condanna fosse cessato grazie al clima di dialogo avviato dal Concilio ed alla messa in opera della raccomandazione di San Giovanni XXIII di cercare ciò che unisce e non ciò che divide. Senonché, tale utile avviso, che serve a creare la pace e la concordia, fu inteso come invito a disinteressarsi delle eresie, dalle quali appunto nascono le divisioni. L’esortazione del Santo Pontefice a non dividere fu intesa come incitamento a non tener conto e quindi a non eliminare ciò che divide.

.

In tal modo il rinato modernismo, non represso per tempo dai vescovi, in questi cinquant’anni si è accresciuto continuamente, fino a penetrare negli anni Ottanta nelle Facoltà Pontificie e, con Papa Benedetto XVI, nella stessa Santa Sede. In questo periodo di tempo il papato si è visto progressivamente eroso e indebolito nella lotta al modernismo per il mancato appoggio dei vescovi, tra i quali cominciò a penetrare l’astuto rahnerismo, finto sostenitore dell’episcopato, mentre in realtà lo mette contro il Papa e lo asservisce alle voglie del laicato. In tal modo, nonostante il valente Cardinale Josef Ratzinger alla Congregazione per la dottrina della fede, critico personalmente di Rahner, questa stessa Congregazione non ebbe mai la forza di condannarlo. Solo San Giovanni Paolo II nel 1993 nell’enciclica Veritatis Splendor [nn. 65-67, testo QUI] riuscì a condannare la sua dottrina morale, ma solo la sua dottrina morale.

.

Un Papa peccatore ma non eretico

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Diciamo però con chiarezza: non può verificarsi il caso di un Papa eretico. Qualunque cattolico, dal Segretario di Stato in giù può essere eretico, all’infuori del Papa. L’esistenza, quindi l’essenza della Chiesa, sacramento universale di salvezza, nella sua propria immutabile ed indistruttibile identità e santità voluta e garantita da Cristo, dipende originariamente in ultima istanza dall’insegnamento dogmatico del Papa. Per questo il Concilio di Firenze del 1442 insegna che chi disobbedisce o si ribella al Papa va all’Inferno. Non aveva torto Bonifacio VIII nel dire che l’autorità del Papa è la suprema fra tutte quelle che esistono nella terra, comprese quelle temporali, in forza del detto di Cristo «ogni potere mi è stato dato in cielo e in terra» [Mt 28,18].

.

Al riguardo, però, un Pontefice può peccare di temporalismo o attaccamento al potere in due modi: o con la pretesa di dirigere politicamente dall’alto del suo potere spirituale gli affari temporali, intromettendosi in essi e togliendo ai governanti politici la loro autonomia, oppure impostando l’intero ministero pontificio su di una linea meramente temporale o politica, o al massimo antropologica, lasciando in ombra il ministero apostolico e spirituale. E questo, purtroppo, è il difetto di Papa Francesco.

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Non è mai successo in tal misura nella storia della Chiesa sia la presenza in essa di eretici che restano impuniti, sia la persecuzione dei fedeli da parte di queste correnti ereticali occupanti posti di potere. Certo nella Chiesa gli eretici ci sono sempre stati, ma essi venivano regolarmente espulsi o essi stessi dichiaravano francamente di non considerarsi più cattolici.

Il Papa non dovrebbe offendersi per le critiche a lui rivolte. Volendo rifarsi, sembra, all’esempio di Cristo, che venne criticato dai farisei, egli con troppa facilità si sente in ciò simile a Cristo considerando senz’altro farisei quelli che lo criticano e giunge quasi a vantarsi di esser criticato. Sì, certo, c’è un certo farisaismo nelle critiche che gli fanno alcuni. Tuttavia, egli dovrebbe saper distinguere le critiche malevole basate su ingiusti pregiudizi nei suoi confronti, da quelle giuste e ragionevoli, delle quali invece dovrebbe tener conto, per non mostrarsi orgoglioso e permaloso.

.

Ma la grazia, comunque, in questa emergenza drammatica, raggiunge tutti nella Chiesa, vescovi e Papa compresi, per mezzo dei laici, semplici fedeli, giornalisti, intellettuali, uomini politici, scrittori, filosofi, teologi, profeti e mistici. Non mancano presbìteri e religiosi. Tuttavia, la Chiesa è indistruttibile, nonostante le potenze dell’Inferno si accaniscano continuamente contro di essa. Se le cose continuano così, dobbiamo attenderci la conversione del Papa e dei vescovi grazie all’azione ed alla preghiera del Popolo di Dio.

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Tutti i membri della Chiesa terrena, il Papa incluso, finché vivono quaggiù, per quanto santificati nella Chiesa, corrono sempre il rischio di perdersi. Essi, per santificarsi, devono essere in comunione con la Chiesa, compreso il Papa, perché essa è santa e sorgente della santità, animata dallo Spirito Santo. Il Papa fruisce di quella santità della Chiesa che egli stesso amministra nei sacramenti per mandato di Cristo. E il piccolo esercito dei laici profetici, che salverà la Chiesa, dovrà anch’esso ovviamente alimentarsi ai sacramenti, nella amministrazione dei quali il sommo sacerdote è il Papa.

.

Comunione con la Chiesa dunque vuol dire comunione col Papa, anche se questi può essere in peccato mortale e come tale interiormente fuori della Chiesa. Eppure il Papa, anche in queste deprecabili condizioni, resta sempre come Capo della Chiesa, principio della comunione ecclesiale, almeno giuridica.

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Sbagliano pertanto quelli che parlano di un Papa ”scismatico”. Si vede che non sanno che cos’è uno scisma. Esso è sì il separarsi dalla Chiesa, ma con ciò stesso dal Papa. Ora, il Papa evidentemente non si può separare da se stesso, né può scomunicare se stesso. Il Papa è l’unico cattolico che non può essere scomunicato. Qui però si tratta di un fatto giuridico di foro esterno. Ciò non impedisce che un Papa sia fuori della Chiesa in foro interno, in quanto in stato di peccato mortale. Se la Chiesa è santa, chi non è santo non può appartenere alla Chiesa nell’anima, ma semmai solo col corpo. O semmai per un mero fatto giuridico-funzionale. Può continuare a fare il Papa, ma certo non lo farà come deve.

.

È possibile che queste considerazioni abbiano condotto Papa Francesco ad un serio esame di coscienza e ad un inizio di ravvedimento, dal quale sono scaturiti due importanti documenti, quasi programmatici, che sembrano il segno di una risalita. In questi due documenti, il primo della Congregazione per la dottrina della fede, la Lettera Deo placuit, [testo, QUI] il secondo la Costituzione apostolica Gaudete et exultate [testo QUI], sembra di dover rintracciare addirittura una nuova partenza o una nuova impostazione del pontificato di Papa Francesco, più aderente ai suoi doveri specifici ed insostituibili.

.

Lucifero, disegni di Gino De’ Bini

Par di cogliere in Francesco I una chiara e decisa presa di coscienza. Si ha l’impressione ch’egli cominci ad afferrare sul serio e con decisione il senso autentico ed originale del suo essere Papa. Si ha come l’impressione di leggere nei due documenti i tradizionali “propositi” al termine di un corso di esercizi spirituali; e qui appare il Gesuita. Come se Francesco dicesse a se stesso: “adesso voglio cominciare a fare sul serio”. Un discorso che Francesco fa più per la sua anima di Successore di Pietro che non per la Chiesa sua Sposa, oggi cosi sofferente per i tradimenti dello Sposo. Un discorso programmatico per il Maestro [Deo placuit] e per il Pastore [Gaudete et exultate].

.

Preghiamo per lui, perché, come dice il Papa nella Gaudete et exultate, siamo sempre in tempo a darci completamente a  Dio.

.

Varazze, 24 aprile 2018

.

.
.
«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:



oppure potete usare il conto corrente bancario:
IBAN IT 08 J 02008 32974 001436620930 
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

Cari Lettori,

come i nostri affezionati sanno, L’Isola di Patmos ha dei costi di gestione che da sempre sostiene con le vostre offerte.

Cogliamo anzitutto l’occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto e permesso sino ad oggi di coprire queste spese vive, in particolare tutti coloro che, mensilmente, ci inviano sempre il loro contributo. 

A quanti avessero intenzione di offrire il loro prezioso sostegno per la nostra opera apostolica, proponiamo di fare una sottoscrizione mensile a favore de L’Isola di Patmos, anche per pochi euro, usando il comodo e sicuro sistema Paypal

Dio ve ne renda merito.

.

.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

About isoladipatmos

8 thoughts on “Che cosa sta accadendo al Sommo Pontefice Francesco? Mai come oggi Satana aveva insidiato il Papato

        1. Caro Blas,

          come ha visto, al Padre Ariel piacciono le battute. Ma non se la prenda, voleva solo sdrammatizzare una cosa di cui ben conosciamo la serietà. Per questo siamo convinti che le farà bene continuare a seguirci.

          Avrà allora da me avrà una risposta dettagliata.

          Riguardo dunque alle parole del Papa circa la questione della figliolanza divina, Le propongo le seguenti considerazioni.

          Affermando che tutti gli uomini, di qualunque religione, sono figli di Dio, anche indipendentemente dal Battesimo, il Santo Padre ha inteso riferirsi al fatto che tutti gli uomini ricevono la grazia per salvarsi, dato che Dio vuol salvi tutti gli uomini. Si tratta di quella misteriosa luce del Logos, della quale parla San Giovanni, il Logos che illumina ogni uomo [Gv 1,10].

          Il Battesimo, comunque, è il sacramento col quale, come insegna il Catechismo [n.1213] sulla scorta di I Gv 3,1-2, noi diventiamo figli di Dio, ossia, come dice Gesù a Nicodemo «nasciamo dall’alto» [Gv 3,3], vale a dire che nasciamo dal Padre, ad immagine del Figlio, nato dal Padre.

          Quindi, come Cristo è nato due volte: nel tempo, da Maria, come uomo; e dall’eternità è nato dal Padre, come Dio, così il cristiano partecipa in certo modo di questa doppia nascita: dai propri genitori in senso biologico, e da Dio in senso spirituale.

          La capacità di discernere il bene dal male, della quale parla il Papa, è poi già una capacità propria della ragione naturale, che appartiene a tutti gli uomini in quanto uomini, ancor prima e indipendentemente dall’aver ricevuto la grazia battesimale. Il battesimo rafforza questo discernimento, aggiungendo al semplice lume della ragione naturale la luce della fede, la quale illumina la mente sui doveri della vita cristiana.

          Il battesimo, propriamente, non aumenta una figliolanza di Dio preesistente, ma la istituisce. Il Papa allora parla di questa «figliolanza» in un senso lato, metaforico, in quanto anche la creatura umana in questo senso può esser chiamata «figlia di Dio».

          Infatti, nell’Antico Testamento esiste già l’espressione «figlio di Dio», ma è usata solo in quel senso metaforico. Così Israele, gli angeli e i re sono detti «figli di Dio». Ma è chiaro che solo Cristo è Figlio di Dio in senso proprio, e per conseguenza è figlio di Dio per partecipazione solo il battezzato.

          Tuttavia il Papa, con l’uso così esteso del termine «figlio di Dio», intende riferirsi al fatto che è solo la grazia ad essere la cosa essenziale per la salvezza, ancor più che il battesimo, al quale non tutti e non per colpa loro, possono accedere. E’ la grazia santificante, che invece Dio dona a tutti, a meno che non sia il soggetto stesso a perderla col peccato. Il che non toglie che chi conosce il comando di Cristo di battezzare o farsi battezzare, sia tenuto ad obbedire, sotto pena di condanna eterna [cf. Mt 28,19-20].

          Ma se già basta la grazia per salvarsi, allora perché la figliolanza divina prodotta dal battesimo? Il battesimo, col dono dello Spirito Santo, come dice il Papa, aumenta la grazia e rende più sicura e facile la salvezza.

          1. “… Il battesimo, col dono dello Spirito Santo, come dice il Papa, aumenta la grazia e rende più sicura e facile la salvezza…”
            Mi faccia capire: Lei dice che la salvezza è più sicura e più facile per un cristiano (per un cattolico ancora più sicura e più facile?), per un musulmano o per un ebreo o per un buddista la salvezza è invece più difficile (o meno facile) e meno sicura (o più incerta). Un Dio siffatto non mi sembra il massimo della giustizia e della bontà…

            “… come Cristo è nato due volte: nel tempo, da Maria, come uomo; e dall’eternità è nato dal Padre, come Dio, così il cristiano partecipa in certo modo di questa doppia nascita: dai propri genitori in senso biologico, e da Dio in senso spirituale”
            Mi faccia capire: l’uomo è nato dai propri genitori in senso biologico, da Dio in senso spirituale; ma Cristo? dai propri genitori in senso biologico? Da Giuseppe no, da Maria? non mi pare: all’origine di Cristo non c’è un gamete femminile fecondato, o sì? sono curioso di sapere la sua opinione…

    1. Be’, io direi che la frase potrebbe anche avere una sua “poetica” giustezza, essendo rivolta ad una bambina. Il problema è che il Papa tende troppo spesso a parlare in questa maniera e quindi continua da un lato a generare ambiguità e dall’altro ad offrire il destro alle strumentalizzazioni. Se l’avesse fatta Benedetto XVI una affermazione del genere rivolgendosi ad una bambina, visto il contesto avremmo soltanto sorriso senza alzare il sopracciglio.

  1. non ho sentito parlare prima di Deo Placuit e ora non posso leggerla, lo farò in seguito; speriamo che sia davvero cattolica. Quanto a Gaudete … solo una domanda: come pensa che possiamo santificarci, parlando dei Sacramenti e della grazia sacramentale molto al disotto del minimo sindacale ?

    1. Caro Lettore,

      il documento Gaudete et exultate è di alta qualità spirituale e teologica. Non mi pare il caso di scherzare sul magistero del Sommo Pontefice Francesco in questo campo.
      Se poi, anziché scherzare Lei dice sul serio, allora si squalifica ancora di più.

Lascia un commento