O sussurro das virgens difamadas que se esquivam do mosquito e engolem o camelo. O rabino israelense Rasson Arousi acusa o Sumo Pontífice de ter proferido sentenças depreciativas na Torá

- Notícias da igreja -

IL SUSSURRO DELLE VERGINI VILIPESE CHE SCANSANO IL MOSCERINO E INGOIANO IL CAMMELLO. IL RABBINO ISRAELIANO RASSON AROUSI ACCUSA IL SOMMO PONTEFICE DI AVERE PRONUNCIATO FRASI DISPREGIATIVE SULLA TORAH

.

Questa garbata nota di protesta del Rabbino Rasson Arousi ci riporta ai tempi e alle situazioni nelle quali Cristo Dio tuonava: «Guide cieche, que coe um mosquito e engolir um camelo!» (MT 23, 24). Mentre sui testi talmudici si rivendica il “sagrado” diritto a oltraggiare nei peggiori modi Gesù Cristo, la Vergine Maria e la Cristianità.

.

Autor
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

PDF artigo formato de impressão

.

.

.

.

l’opera di Ariel S. Levi Gualdo, Ervas Amare – O século do sionismo, Iª edizione Roma 2006, ristampa Roma 2021 a cura delle Edições A ilha de Patmos

Su certe tematiche ho scritto un corposo saggio nel 2006 che mi impegnò per cinque anni di ricerche meticolose e approfondite. Mi riferisco al mio libro Erbe Amare – Il secolo del Sionismo, edito in ristampa dalle Edições A ilha de Patmos em 2021.

.

Veniamo al fatto di attualità: alcune autorità religiose ebraiche del divin-sionistico e paradisiaco Stato d’Israele hanno lamentato che il Sommo Pontefice, nella meditazione durante l’udienza dell’11 agosto, avrebbe espresso un invito a superare la Legge ebraica giudicandola obsoleta. Si tratta di una interpretazione ardita delle vergini vilipese che ha quasi il sapore del processo alle intenzioni.

.

Il comitato verginale ebraico ha scritto al Cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani e responsabile della Commissione per i Rapporti religiosi con l’Ebraismo. Em sua carta, il Rabbino Rasson Arousi, Presidente della Commissione del Gran Rabbinato d’Israele per il Dialogo con la Commissione cattolica preposta al dialogo con l’Ebraismo, esprime preoccupazione per le parole del Sommo Pontefice, che a suo dire avrebbe presentato la fede cristiana come un superamento della Torá, sostenendo che quest’ultima «non dà più vita, e ciò implica che la pratica religiosa ebraica nell’era attuale è obsoleta».

.

Cosa ha espresso veramente il Sommo Pontefice? Di fatto sarebbe “culpado” d’aver commentato in questi termini la Lettera ai Galati del Beato Apostolo Paolo:

.

«[…] l’Apostolo spiega ai Galati che, em realtà, l’Alleanza con Dio e la Legge mosaica non sono legate in maniera indissolubile e la Legge non è alla base dell’Alleanza perché è giunta successivamente, era necessaria e giusta ma prima c’era la promessa, l’Alleanza. Sono fuori gioco quanti sostengono che la Legge mosaica sia parte costitutiva dell’Alleanza. Não, l’Alleanza è prima, è la chiamata ad Abramo. La Torah, La legge in effetti, non è inclusa nella promessa fatta ad Abramo. Non si deve però pensare che san Paolo fosse contrario alla Legge mosaica. Não, la osservava. Repetidamente, nelle sue Lettere, ne difende l’origine divina e sostiene che essa possiede un ruolo ben preciso nella storia della salvezza. La Legge però non dà la vita, non offre il compimento della promessa, perché non è nella condizione di poterla realizzare. È un cammino che ti porta avanti verso l’incontro» [Testo integrale della catechesi].

.

Se sulle parole di questa esegesi impeccabile le vergini si sono sentite violate, è solo perché non conoscono i Santi Vangeli e non intendono conoscerli e studiarli, bensì solo usarli nelle loro yeshivot ortodosse (escolas rabínicas) per rivolgere ogni genere di insolenza al Cristianesimo e a quel grande ממזר (mamazer, filho da puta) di Gesù di Nazareth, nato da una prostituta che se l’era spassata con un soldato romano. Perché questo è ciò che insegnano le vergini vilipese nelle scuole rabbiniche della rigida ortodossia, in particolare in quelle delle comunità dei Kassidim (cf.. Kallah, 1b-18b, Sanhedrin 67uma, Chagigah 4b, Beth Jacobh, fol 127, Sanhedrin 103uma, Sanhedrin 107b.).

.

Come spiego nel mio saggio, judaísmo, come l’Islam, non sono dei fenomeni unitari ma estremamente frammentati, composti da comunità e scuole di pensiero in perenne lotta tra di loro. Basti dire che alcune comunità ortodosse non consumano i cibi dichiarati כַּשְׁר (kasher, consentiti, puri) dai rabbini ortodossi di altre comunità, o le carni degli animali macellati secondo la שחיטה (Shecḥitah) la macellazione degli animali le cui carni sono consentite.

.

Quando certi soloni romantici della Santa Sede mi hanno detto «abbiamo dialogato con l’Ebraismo». Per tutta risposta ho sempre chiesto: «Con quale tra i tanti ebraismi del mondo pensate di avere dialogato? Perché si va dagli ortodossi divisi in sette agli ultra-ortodossi più divisi ancora al loro interno; dalle comunità conservative a quelle riformate, dagli ebrei liberal judeus ultra-liberal che hanno rabbine lesbiche che uniscono in matrimonio coppie gay. Portanto, con quale Ebraismo pensate di avere dialogato?». Porque esse é o ponto: certi cattolici, soprattutto ecclesiastici e biblisti onorici, ormai ubriachi di non meglio precisati dialoghi, pronti a dialogare con tutto fuorché con ciò che è cattolico, perdono da sempre di vista che l’Ebraismo non ha una autorità centrale e una interpretazione univoca della Torá e Talmud.

.

Chiarito il tutto è presto detto: i giornali che oggi titolano che il mondo ebraico ha sollevato una protesta, forse pensano che il papato ebraico con sede nel divin-sionistico e paradisiaco Stato d’Israele abbia fatto sentire la propria voce? In verità si è levata solo la voce di un rabbino che rappresenta la propria setta facente parte della variegata galassia del frammentato e litigioso mondo ebraico. Volete una prova di tutto questo, legata proprio al divin-sionistico e paradisiaco Stato d’Israele? Logo disse: ci sono sette ebraiche legate perlopiù all’ortodossia più rigida che questo Stato non lo riconoscono, ma considerano la sua fondazione una autentica blasfemia. Tra i diversi di questi gruppi cassidici noti come haredim, i più accaniti sono i נטורי קרתא (Neturei Karta), che pur vivendo al suo interno e beneficiando di tutte le prebende che la legislazione di quel Paese riconosce ai religiosi, inclusa l’esenzione dal servizio militare obbligatorio, non ne riconoscono in alcun modo la legittimità e l’esistenza.

.

Speriamo che il Cardinale Kurt Koch non sortisca fuori, em resposta, con un messaggio improntato sulle scuse, perché se lo facesse offenderebbe i cattolici, quindi noi presbiteri e studiosi che abbiamo dedicata la nostra esistenza allo studio per istruire, formare e illuminare il Popolo di Dio sempre più allo sbando.

.

La garbata nota di protesta del Rabbino Rasson Arousi ci riporta ai tempi e alle situazioni nelle quali Cristo Dio tuonava:

.

«Guide cieche, que coe um mosquito e engolir um camelo!» (MT 23, 24).

.

Proviamo adesso ad accennare a qualche cammello, porque, a parte Gesù Cristo presentato nel libello delle Toledot Yeshu come un bastardo nato dall’atto impuro di una prostituta, la figura del nostro Divino Redentore è variamente vilipesa in vari passi del Talmud Babilônico, con le vergini illibate vilipese che certe pagine le insegnano nelle Scuole rabbiniche ortodosse a sommo spregio della Cristianità. Mas há mais: dopo che nei secoli passati il Talmud fu dato varie volte alle fiamme per certi suoi contenuti blasfemi, i Rabbini purgarono nelle successive edizioni certe espressioni rendendole vaghe e rimandando le spiegazioni dettagliate all’insegnamento dato a voce. Poco dopo la nascita del divin-sionistico e paradisiaco Stato d’Israele, quelle espressioni blasfeme furono tutte ripristinate nella forma originaria e tutt’oggi sono fonte di insegnamento e trasmissione da parte delle principali scuole dell’ortodossia ebraica. A este respeito,, il Rabbino Rasson Arousi ha da dirci e spiegarci niente, mentre è intento a gemere per l’oltraggio alla verginità?

.

Le vergini vilipese romane ― per passare a un altro cammello, tutto nostro, nostrano ― che tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del Duemila dirigevano il mensile ebraico Kshlom della Comunità Ebraica di Roma, hanno massacrato in modo metodico e continuato nel tempo la figura del Sommo Pontefice Pio XII (cf.. Erbe Amare – Il secolo del Sionismo, CIT. uma vez. 279-365), pubblicando e diffondendo falsi storici a tal punto grotteschi che diversi storici ebrei di chiara fama e reputazione scientifica intervennero da varie parti del mondo, per prendere le distanze da certe notizie nate da pura e umorale invenzione, ou melhor: da palese odio verso la Cristianità. Na Italia, tra i vari ebrei che intervennero a difesa della figura di Pio XII, basti menzionare Paolo Mieli, che senza esitare dichiarò: «I miei morti non li metto in conto a un non colpevole» (cf.. «In difesa di Pio XIILe ragioni della storia», L'Osservatore Romano, edição 14 Junho 2009).

.

Passiamo a un altro cammello partorito e poi ingoiato dalle vergini vilipese: em 2007, S.E.. Mons. Antonio Franco, Nunzio Apostolico nello Stato d’Israele, annunciò con un comunicato ufficiale che «non avrebbe partecipato a una celebrazione sulla Shoah presso il Museo Yad Vashem dove si trova collocata una foto di Pio XII con una didascalia che lo colloca tra i principali Capi di Stato razzisti» (Ver. Erbe Amare – Il secolo del Sionismo, CIT. uma vez. 359).

.

In conclusione affermo, in scienza e coscienza, che il Rabbino Rasson Arousi è semplicemente un ignorante nel senso etimologico del termine, ou seja,: ignora e, talvez, intende anche ignorare l’intera letteratura evangelica, tanto pare impegnato a filtrare il moscerino e ingoiare il cammello. La risposta alle sue risibili proteste è infatti racchiusa nel passo del Santo Vangelo dove Cristo Dio afferma:

.

"Você não acha que eu vim abolir a Lei ou os Profetas; Não vim para abolir, mas para cumprir " (MT 5, 17).

.

Questo è esattamente ciò che il Sommo Pontefice ha ricordato facendo l’esegesi di un’epistola paolina.

.

Solo un ignorante arrogante può vergare note di protesta considerandoci colpevoli di credere per fede che Cristo verbo di Dio incarnato nel ventre della Beata Vergine Maria, morto e risorto il terzo giorno, asceso al cielo e assiso oggi alla destra del Padre, sia per noi il compimento, sia per noi l’inizio, il centro e il fine ultimo escatologico del nostro intero umanesimo. La nostra fede in Cristo non può costituire un insulto per gli ebrei permalosi, specie per coloro che nella loro letteratura e nei loro insegnamenti dissacrano la Cristianità in ogni modo e in ogni forma.

.

A chiunque voglia approfondire questo complesso discorso rimando alla mia opera Erbe Amare – Il secolo del Sionismo.

.

a Ilha de Patmos, 27 Agosto 2021

 

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:









ou você pode usar a conta bancária:

a pagar a Editions A ilha de Patmos

IBAN TI 74R0503403259000000301118
neste caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

Acerca de Pai de Ariel

Ariel S. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Clique no nome para ler todos os seus artigos )

39 thoughts on "O sussurro das virgens difamadas que se esquivam do mosquito e engolem o camelo. O rabino israelense Rasson Arousi acusa o Sumo Pontífice de ter proferido sentenças depreciativas na Torá

  1. Reverendo p. Ariel,

    non conoscevo il suo testo “Erbe Amaree cercando su internet ho visto che l’aveva già pubblicato alcuni anni fa e mi sembra anzi di aver letto che lei si era convertito all’ebraismo prima di farsi prete. E’ verdadeiro? Come ha potuto convertirsi all’ebraismo dati i presupposti di cui ci parla nel suo articolo?

    Obrigado,

    Nicola

    1. Caro Nicola,

      la mia biografia è questa Quem
      non posso purtroppo rispondere di quello che alcuni hanno scritto su di me, vários deles, contra a outra, anonimi.

      1. Reverendo p. Ariel,

        grazie per il suo riscontro. Le porgo le mie scuse se per caso l’ho infastidita [N.d.R. etc. … etc. … segue il messaggio del Lettore che rivolge altre domande]

        _____________________________

        Caro Nicola,

        lei non mi ha assolutamente e in alcun modo infastidito, per questo le avevo risposto in privato con una email, visto che le sue domande vertevano un posul personale. Nella mia risposta le ho quindi precisato che certe notizie non erano corrispondenti a vero.

        Purtroppo lei manda i commenti da una emailfarlocca, creata presumibilmente per rivolgere in pubblico domande personali che non mi turbano ad alcun titolo, non avendo scheletri da nascondere. Como resultado, la email di risposta che io le ho inviato è tornata indietro, semplicemente perché l’indirizzo da lei indicato non esiste proprio, come lei stesso può verificare:

        nicolad@yahoo.it (nicolad@yahoo.it)
        Non è stato possibile recapitare il messaggio. Quando Office 365 ha tentato di inviare il messaggio, il server di posta elettronica esterno ha restituito l’errore riportato di seguito.

        Credo di averle detto tutto.
        La saluto con molta cordialità,

        Ariel S. Levi Gualdo

  2. Sarebbe più interessante capire di che “lei” parli di volta in volta Paolo piuttosto che appioppare tutto sulla Torah, e cercare di comprendere le ragioni per cui rispettava i precetti della stessa, circoncise Timoteo, e fece voto di nazireato su pressione di Giacomo e perché ulteriormente distingueva proprio se si riferiva alla legge ebraica e non ad altre leggi, le opere della legge rispetto la legge. Perché che la legge non salvi né giustifichi siamo d’accordo, ma che non sia necessaria un po’ menos. D’altronde il dibattito più comico che può susseguire il discorso giusto ma banale del Papa, é: “e allora i comandamenti?” D’altronde dice l’apostolo cheTutta la legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: amerai il prossimo tuo come te stessoche dunque la legge non sia necessaria, essendo essa attuabile solo nella Carità del Tripersonale Unico Uno? Tanto vale dire che la Grazia non serveoppure il sugo del discorso era presto dettoInfatti neanche gli stessi circoncisi osservano la legge, ma vogliono la vostra circoncisione per trarre vanto dalla vostra carne”.

    De.

    Fors eun pocome quando per certi peccati fu prescritta penitenza e poi nulla, oppure riduzione allo stato laicale od addirittura scomunica ed invece nulla. Ecco perché abbiamo preti che non dovrebbero essere chierici anche negli alti gradi che non dovrebbero rimanere tali o non sarebbero mai dovuti divenire tali e non si fa nulla, come ugualmente abbiamo laici che cianciano invece di venire scacciati ed anatemizzati e non si fa nulla. La legge non è necessaria…é…

    1. Le risposte ai suoi quesiti riguardo la Legge e il rapporto tra Cristo e la Legge e viceversa sono date dal Beato Apostolo Paolo in:


      II Lettera ai Corinzi

      Carta aos Romanos 7, 1-6

      Mas, acima de, il concetto «Tutta la legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: amerai il prossimo tuo come te stesso» che lei cita, è una estrapolazione fatta da un testo molto complesso e articolato, tal è la Lettera ai Galati, nella quale il Beato Apostolo spiega anzitutto la dimensione cristologica e cristocentrica, come in altre sue epistole (in Fil 2, 6-11 e in Ef 1, 3-12), mutando il precetto del Libro del Levitico dadesiderio” em “amore cristologico”. De fato, negli antichi testi biblici, non si parlava di “amor ao próximo” mas de “desiderio/rispettoe la fedele traduzione dall’ebraico sarebbe: «Desidererai/desidera per il tuo prossimo ciò che desideri per te stesso» (Lv 19, 18).

      1. E chi lo spiega adesso all’evangelista Matteo che ha sbagliato a mettere in bocca a Gesù, quando risponde al dottore della legge, o verbo “ἀγαπάω

          1. Ringrazio per la traduzione di quei passi del Primo Patto che spiegherebbe molte cose, ma spero vivamente anche la LXX greca si esprima allo stesso modo visto che il testo masoretico oltre ad essere inaffidabile è alquanto recente.

            Proprio alla lettera ai romani mi riferivo, che è la lettera peggio intepretata di Paolo appunto.

            La cosa triste è invece che non si smascherino i giudei. Almeno il tipo su cui fa la reprimenda si è esposto, e fa parte di una scuola riconoscibile. Dovremmo tutti sapere che nell’ebraismo, da cui siamo nati noi, la matrilinearità se mai avesse avuto senso, non la ha mai avuta in senso biologico ( in realtà la matrilinearietà ha valevolezza solo in quanto la nascita da un’ebrea di Fede è nel fattoche il figlio non sia un bastardo ed il padre un’apostata ).
            Perché questa soggezione contro chi si appella ebreo e neppure segue la sua religione rabbinica che è più giovane del cristianesimo?
            Carnali? Torniamo all’origine, siamo circondati da edomiti, e non credo solo fra i giudei.

          2. Chiedo scusa e cerco di spiegarmi meglio.
            Nella risposta al dottore della legge, Gesù usa un un termine che significavolere bene/amare profondamente”.
            Se l’interpretazione corretta di quel termine della Legge fosse stata “desiderio/rispetto”, il dottore della legge lo avrebbe certamente fatto notare a Gesù.
            – E’ assai probabile che, essendo giunta lapienezza del tempo”, talune correnti dottorali e rabbiniche, già fossero giunte ad interpretare quel termine nel modi indicato dal Cristo.

          3. Caro Orenzo,

            ci siamo intesi, mi spiego meglio anch’io.
            Le scuole bibliche rabbiniche hanno sempre avuto problemi a tradurre il passo del Levitico in questione facendo uso della parola “amo”.
            Due esempi riportati nei dettagli nel mio libro Erbe Amare che qui le riproduco:

            ________________

            De “ervas amargas” uma vez. 372-373 – Gli ebrei conoscono tutt’oggi ulcerazioni prodotte da rabbini che non esitano a sostituire la parola amare con dei verbi meno pericolosi. Anche se l’amore percorre la letteratura religiosa ebraica non manca qualche mente beata che lo teme. L’amore costituisce da due millenni il cavallo di battaglia che si sono appropriati i cristiani, meglio dunque non confondere le idee a quegli ebrei che devono mantenere spiegato al vento il vessillo dalla loro suprema diversità.
            Nei primi anni del XX secolo un Gran Rabbino italiano della scuola tardo ottocentesca traduce così il celebre passo del Levitico: “Amerai il tuo prossimo come te stesso” (Rav. Dante Lattes: Apologia dell’Ebraismo [Formiggini Editore. Modena, 1923]). Trascorsi alcuni decenni un maestro della scuola novecentesca traduce così lo stesso passo: “Desidera per il tuo prossimo come per te stesso” (Rav. Elia Artom: La Vita di Israele [Roma, 4ª edizione riveduta e aggiornata nel 1993]).

            Nel corso del tempo diversi rabbini hanno silenziosamente sostituito il verbo amare…

            Nei testi della Bibbia in lingua francese, Inglês, italiano, spagnola e tedesca in uso nella Chiesa Cattolica, nella Chiesa Cristiana Ortodossa, nella Comunità Anglicana e nella Comunità Luterana, il passo in questione (Lv 19, 18) fa riferimento all’amore verso il prossimo, senza alcuna incertezza.
            Nella Bibbia adottata dalla Conferenza Episcopale Italiana , come nella Bibbia concordata e nei testi biblici usati dalle varie Comunità protestanti, incluse le Comunità cristiane di più recente nascita, dai mormoni ai Testimoni di Geova, senza pena d’equivoco si parla d’amore per il prossimo. Anche nella versione araba del Pentateuco in uso nelle Scuole religiose musulmane si parla d’amore. Proprio perché tutti gli altri parlano d’amore, nella Torah in uso da quasi mezzo secolo nelle Comunità Ebraiche d’Italia l’amore s’è mutato in un desiderio alquanto oscuro:

            «Non vendicarti e non conservar rancore verso i figli del tuo popolo, e desidera per il tuo prossimo quello che desideri per te» (La Bibbia Ebraica, a cura di Rav. Dario Di Segni. Levitico: 19, 18. [Ele. La Giuntina, 1995]).

            Amare il prossimo è un precetto che vincola tra loro solo gli israeliti? Nient’affatto. Poche righe avanti compare un chiaro riferimento al goy, allo straniero, il non ebreo:

            «[...] il forestiero che dimorerà tra voi, deve essere come uno dei vostri nativi, e tu lo amerai come te stesso» (Dai testi biblici in lingua francese, Inglês, italiano, spagnola e tedesca, in uso nella Chiesa Cattolica, nella Chiesa Cristiana Ortodossa, nella Comunità Anglicana e nella Comunità Luterana. Con riferimento al Libro del Levitico, 19: 33-34).

            Per la Torah il prossimo da amare è dunque il non ebreo quanto l’ebreo, quindi questo secondo verso può apparire più pericoloso del primo. Ecco dunque com’è stato mitigato:

            «Il forestiero dimorante con voi dev’essere per voi uguale a un vostro indigeno, ed amerai per lui quel che ami per te» (La Bibbia Ebraica, a cura di Rav. Dario Di Segni. Levitico: 19: 33-34 [Ele. La Giuntina, ristampa 1995]).

            Sfogliando l’edizione in uso sin da metà Ottocento nelle Comunità d’Italia si scopre che nello stesso passo il verbo amare era bellamente usato:

            «Non far vendetta né serbar odio alle genti del tuo popolo; pelo contrário, ama il tuo prossimo come te stesso» (Torah con testo italiano a fronte. Data di stampa: Roma, 1872 [Ital. & Heb. Pent.]. L’antica copia del testo reca il bollo di proprietà del Tempio Ebraico di Roma. Si trat-ta del testo ufficiale approvato dall’Autorità rabbinica e adottato dal popolo per segui-re le liturgie sinagogali).

            Nel versetto successivo, quello più pericoloso in cui si esorta ad accogliere e amare lo straniero, il testo ottocentesco non invita ad amare blandamente per lui quel che si ama per noi stessi, al contrario recita:

            «Sìavi lo forestiere, che dimorerà con voi, come uno di voi che sia natìo del paese, dunque amalo come te stesso» .
            Il Gran Rabbino della tarda scuola ottocentesca poc’anzi citato, non traduce invitando a desiderare per gli altri quel che si desidera per sé e neppure invita ambiguamente ad amare per gli altri quel che generalmente si ama per noi stessi:
            «E quando emigrasse presso di te uno straniero nella tua terra, non gli fare ingiustizia. Lo straniero che dimori con voi, sarà per voi come un cittadino dei vostri, e tu lo amerai come te stesso» (supra).

            Lei è persona intelligente, caro Orenzo, portanto, con questo copia/incolla tratto da un mio libro che le suggerirei di leggere, ha capito benissimo che cosa intendo dire tra le righe.

          4. Sapendo che laSeptuaginta”, datata a circa la metà del II° secolo a.C., era utilizzata dai cristiani per testimoniare che Gesù era il Messia atteso, gli Ebrei, dopo la caduta del Tempio, iniziarono a mettere per iscritto il testo Masoretico, lavoro ultimato nel X° secolo d.C..
            Dito, ho trovato molto istruttiva la seguente lettura, anche perché chiarisce bene il rapporto tra San Paolo e la Legge: https://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/pcb_documents/rc_con_cfaith_doc_20020212_popolo-ebraico_it.html

  3. MAh. La catechesi del Papa l’ho letta integralmente e l’ho trovata davvero edificante. Quale sarebbe lo scandalo nel dire che la legge funge da pedagogo, e che da sola non basta per la salvezza, per l’incontro con Dio? Quale scandalo nel dire che Cristo è il compimento della Legge e dei Profeti? vontade. Gran parte delle lettere paoline sono incentrate su tale questione, passaredalla legge alla grazia”, che la legge dà soltanto la conoscenza del peccato, ma non salva. In pratica secondo tale rabbino dovremmo buttare al secchio buona parte delle lettere di San Paolo? vontade. Il Papa ha detto delle ovvietà così ovvie.. MAh

  4. Chi ha orecchi da intendere, pretende:
    Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, Ele pediu: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: não mate, não cometa adultério, não roube, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre». (MC 10.17-19)
    – "Mas, pai, algo: questo vuol dire che se io prego il Credo non devo osservare i Comandamenti?". Não, i Comandamenti hanno attualità nel senso che sono dei “pedagoghi” che ti portano all’incontro con Gesù. (UG 11-08-2021)

    1. Però il rabbino di turno dovrebbe prendersela più che con il Papà con il profeta Geremia che affermava in nome di D. : ” gli esperti della Torah non mi hanno mai conosciuto”(boné 2).

      1. VEJA Quem la citazione del nostro Lettore

        acrescento:

        se è per questo, gli antichi israeliti, dopo essere stati sfamati nel deserto con la manna, si lamentarono del fatto che Dio gli facesse piovere solo la manna dal cielo.
        Tali padri, tali figli

        VEJA AQUI

      2. Identificare la Torah, con la Legge e la Legge con il Decalogo, significa non aver capito nulla della Torah, che potrebbe meglio essere tradotta con: educação, insegnamento, guida, doutrina, educação, via sapienziale, tradição…
        Mi domando inoltre quale cattolico, che abbia almeno una minima infarinatura del cattolicesimo ed un briciolo di razionalità, possa chiedersi: “se io prego il Credo non devo osservare i Comandamenti?”

  5. Esimio p. Ariel,
    se la prende col Talmud e non con Celso che queste cose le ha scritte prima di tutti?
    GG

  6. Grazie per l’istruttivo articolo caro Padre.
    Solo due riflessioni. O primeiro: i poveri tradi protestanti sono sempre pronti a dare contro al Santo Padre per ogni cosa, ma quando dice bene tacciono. Eppure il cattolicesimo ci insegna che a chiunque dica bene vada dato sempre plausomacché invece loro zitti. Dimostrazione della loro orrida malafede.
    Segundo: agli ebrei convinti sarebbe bastato negare l’esistenza di Cristo come fanno tanti atei e tanti nemici della Chiesa, mas não…seppur insultandolo lo confermano storicamente. Gesù è esistito, e se lo dicono loro con la loro lunga storia biblica, allora la sua veracità è certa. Che dire allora?
    DEO GRATIAS. Grazie Gesù che ti fai confermare daifratelli maggioriin continuità della vera storia dell’uomo e della sua salvezza.

  7. Pai. È la seconda volta che non mi trovo d’accordo in merito a ciò che lei scrive in un articolo. E questo mi preoccupa. Come fa a non vedere che Bergoglio passo dopo passo sta rendendo la chiesa Cattolico-cristiana a livello di quella protestante? È così abile nei suoi discorsi astrusi che temo che non sia lui a partorire ciò che dice nelle sue catechesi. Secondo me qualcuno lo guidaMamma mia, adesso anche in questo caso qualcuno mi darà del complottista ?

    1. Non possiamo fare a meno di Pietro, Quem quer que seja.
      Il protestantesimo è nato da Lutero che ha ritenuto si potesse fare a meno di Pietro.
      nós, Peter, não podemos, non dobbiamo e non vogliamo fare a meno, Quem quer que seja.

      1. Però padre mi consenta, questa sua risposta è generica. Ho capito che non si può fare a meno di un Papa ma in merito a quello che lei ha scritto in questo articolo, non trova d’accordo nemmeno [CENSURADO]

        1. Si tolga serenamente dalla testa di poter usare gli spazi de A ilha de Patmos , che vanta peraltro una media di 20 milioni di visite all’anno, per pubblicizzare complottisti, anti-papisti e video pubblicati su YouTube da fuori di testa vari nascosti dietro l’anonimato, ma se lo tolga proprio di testa.

    2. dear John,
      il complottismo di per sé è nulla rispetto alla sua matrice: ignorância. E non lo dico per offenderla, ma perché molte volte si seguela voce di popolo”, senza in realtà studiare o approfondire le varie tematiche.
      Bem, se lei avesse all’incirca 2000 anos, saprebbe che la Sacra Tradizione “imutável” e “eterno”, che tanto viene difesa dai cosiddetti “Tradicionalistas”, non esiste nei termini in cui viene presentata, se non per quanto riguarda il magistero infallibile e certo, cioè i dogmi di fede. Tutto il resto può essere soggetto alla riflessione teologica, con prudenza e pazienza, sempre sulla base delle Sacre Scritture e della Tradizione.
      Para dar um exemplo, mi aiuti a credere, se puder (con fonti certe ed attendibili), che l’apostolo Pietro ed i suoi immediati successori (per tutto il primo millennio) fossero i monarchi assoluti di tutta la Chiesa Cattolica (in occidente ed oriente). claramente, come la Chiesa mi propone di fare, io credo al primato del Papa, ma perché me lo chiede di fare la Chiesa in comunione con il successore di san Pietro, tralasciando quello che presumo di sapere e cercando di essere il più docile possibile. Per accogliere il Vangelo bisogna farsi ignoranti. No fondo, quanto grandi possono essere anche le più gravi preoccupazioni, se il centro e la nostra guida è il Signore Gesù? Hail.

      1. Caro Vicente,

        mi unisco alla sua risposta data al caro Giovanni aggiungendo semplicemente questo: il Concilio di Nicea dell’anno 325 fu sotto molti aspetti il più importante Concilio della Chiesa, assieme al successivo Concilio di Costantinopoli. In questo concilio furono solennemente definiti i fondamentali dogmi cristologici e da questi due concili nacque il Símbolo de fé, detto Niceno-Costantinopolitano, ou seja, o Acredito che tutt’oggi recitiamo nelle chiese.

        E ainda, certi tradizionali de noartri, parlano come se la Chiesa, nel III/IV secolo fosse stata tal quale a quella di Pio VII agli inizi del 1800. Con rara ignoranzaintesa come totale mancanza di conoscenzaignorano purtroppo che a questi due grandi e fondamentali concili il Sommo Pontefice non era neppure presente. incidentalmente, tempo, non si chiamava ancora Sommo Pontefice, titolo che entrerà in uso attorno al VI secolo.

        La Chiesa d’inizi IV secolo non era certo quella del Sommo Pontefice Paolo III che nel 1545 convocò il Concilio di Trento, né quella del Sommo Pontefice Pio IX che nel 1869 convocò il Concilio Vaticano I, né quella del Sommo Pontefice Giovanni XXIII che nel 1962 convocò il Concilio Vaticano II. Lo dimostra il fatto che il Concilio di Nicea e quelli successivi, fino al IX secolo, furono convocati e formalmente presieduti dall’imperatore d’Oriente, l’ultimo in ordine di serie dall’imperatrice Irene l’Ateniana. A Nicea e Costantinopoli, quello che all’epoca era noto e indicato come il Vescovo di Roma, non fu neppure presente a questi due concili che definirono i dogmi fondamentali della fede, fu rappresentato, narrano le cronache, da due presbiteri, ma molto più probabilmente da due diaconi, nemmeno fu rappresentato da due vescovi.

        Bisognerà giungere a Leone I (440-461) e a Gregorio Magno (590-604), affinchè il Vescovo di Roma assumesse un ruolo di guida della cristianità d’Occidente, colmando con le loro iniziative anche politiche il vuoto creato dalla crisi e poi dalla scomparsa dell’Impero romano d’Occidente.

        Le confesso la mia profonda frustrazione, che cerco spesso di rifuggire attraverso l’ironia e la jack ass de determinados assuntos. Sono anni che cerco di trasmettere, assieme ai fondamenti della fede e alla sana dottrina della Chiesa, anche chiari e comprensibili elementi di storia della Chiesa e di storia del dogma, per far capire chi siamo e da dove veniamo, per far comprendere come si è evoluta la Chiesa in cammino sin dalla prima epoca apostolica. Infelizmente,, immancabilmente, sortisce fuori la pia donna reduce da una chiacchierata con la sciampista nel salone del parrucchiere, oppure l’analfabeta digitale di turno che pensa d’aver capito tutto della Chiesa leggendo gli sproloqui in bilico tra politica e gossip pubblicati sui blog di certi giornalisti-vaticanisti in pensione, che dall’alto della sua cattedra eretta su internet agita il ditino e dice … “io non sono d’accordo … não, Não é tão, perché la Madonna di Medjugorje, i messaggi di Garabandal, della Madonna di Anguera, dicono che …”.

        Alcuni mi accusano di dire parolacce, ebbene le dico che oggi, per fare i preti e per fare i teologi non basta avere tanto fegato, occorrono dei coglioni oltre ogni misura, perché il prete e il teologo si deve misurare giornalmente con l’ignoranza e l’arroganza di tanti presunti cattolici che versano in condizioni di analfabetismo digitale e che a volte risulta impossibile guidare e formare, perché sono chiusi a ogni genere di richiamo e di corretto insegnamento.

        Ho usato il paradigma del fegato e dei coglioni semplicemente per dire che oggi, per fare il prete e il teologo, occorre una profonda fede, molto solida e motivata, che non era richiesta invece nel XIX secolo, quando dinanzi alle parole espresse anche dall’ultimo dei curati di campagna, nessun fedele avrebbe osato sospirare. mas hoje, persone che non conoscono i fondamenti della dottrina cattolica, al termine della Messa ti arrivano in sacrestia, ti puntano il dito e ti contestano l’omelia dicendo: “… io non sono d’accordo, perché secondo me … Eu acho …”. E se gli fai una domanda sul più semplice rudimento del Catechismo della Chiesa Cattolica non sanno che cosa rispondere.

        Verrebbe da dire: dovreste provare a mettervi per un mese al posto nostro e vedere poi l’aria che tira.

        La ringrazio per il suo commento intelligente e cattolico.

        1. Caro pai Ariel, se questa è la Fede Cattolica, interpretabile, e se questa è una risposta intelligente e Cattolica appunto, allora ciò che dicono altri sacerdoti nel merito della questione posta nel suo articolo, come don Curzio Nitoglia che non è l’ultimo arrivato, il quale dice il contrario di quanto dice lei e Vincenzo, allora non essendoci una Verità certa ma interpretabile per molte delle questioni Cattoliche, bè allora mi faccio Buddista. Obrigado.

        2. Condivido tutto. Obrigado, Pai Ariel.
          Il Signore è accanto a lei. Coraggio e avanti.

      2. Grazie Vincenzo. Allora è tutta una barzelletta questa Fede Cattolica poiché molto, molto interpretabile. Padre Ariel dice una cosa, don Curzio Nitoglia un altra, como bonito, sembra un gioco. Ma se voglio giocare gioco a Dadi. Meglio diventare Buddisti.

        1. Lei ha appena confermato la sua decisa, totale e assoluta determinazione a non ascoltare tutto ciò che in breve, di storicamente e teologicamente ineccepibile le è stato appena spiegato nello scambio intelligente e cattolico tra Vincenzo e me.

          Portare come esempio e modello il presbitero Curzio Nitoglia è come pretendere che la Congregazione delle cause dei Santi accetti di portare avanti il processo di beatificazione di Moana Pozzi.

          Il Reverendo Curzio Nitoglia ricevette l’ordinazione sacerdotale, in modo valido ma illecito, dal Vescovo scismatico Marcel Lefebvre, poi abbandonò la Fraternità Sacerdotale di San Pio X per forti dissidi con i superiori della stessa.

          Allo stato attuale è unchierico vagantenon appartenente ad alcuna diocesi e non incardinato in alcun Ordine, Congregazione religiosa, Fraternità sacerdotale. Non ha quindi un vescovo, né un superiore religioso, insomma è ciò che in linguaggio secolare si è soliti definire “canhão solto”.
          Provi a domandarsi come mai, nessun vescovo del mondo, ha accettato di accoglierlo nel suo presbiterio.

          Diversamente io sono un presbitero incardinato in una diocesi, sottoposto all’autorità di un vescovo e in piena comunione e obbedienza con il mio vescovo, il quale mi concede di svolgere i diversi ministeri che svolgo a servizio della Chiesa, compresa l’attività pubblicistica e la pubblicazione di libri.

          Il suo paragone tra me, presbitero inperfetta regola” e um “presbitero totalmente irregolarepotrebbe suonare quasi offensiva nei miei riguardi, se non fosse che lei si esprime per crassa ignoranza.

          Se poi desidera diventare buddista e liberare in tal modo della sua presenza la Chiesa Cattolica, sappia che farà cosa gradita a tutti i credenti che vivono la fede e le prove che la fede comporta, ora con profonda gioia ora con profonda sofferenza, non certo facendo puerili e sciocchi capricci come lei.

          Eu te abençoo de coração.

          1. Spiacente ma non libererò la Chiesa dalla mia presenza, anche se a lei farebbe piacere e già questo presupposto è sbagliato per un Prete e la dice lunga, rivelandolo per quello che è, forse lei ha dimenticato che un sacerdote non deve parlare in questo modo. Alla faccia della evangelizzazione che fa, parabéns. Lei fa proprio tutto il contrario, chi non è d’accordo con lei lo butta fuori. Ma certamente sarò io a liberarmi della sua presenza seguendo soltanto sacerdoti riconosciuti dalla chiesa (non scomunicati) ma che non oserebbero mai fare le sue affermazioni. a saudação.

          2. Se così stanno le cose, ha il dovere morale di prendere anzitutto quel che lei ha scritto pubblicamente, quindi ciò che io le ho risposto e presentare una nota di protesta all’Autorità Ecclesiastica, alla quale però dovrà spiegare se è stato lei a paventare provocatoriamente la sua eventuale conversione al buddismo, oppure se sono stato ioa suo dire prete indegnoa suggerirle in modo improvvido di diventare buddista.

            E’ lei che ha lanciato una provocazione, io ho solo risposto a tono alla sua provocazione. O vuole forse affermare, pur dinanzi alla prova provata dei fatti, che sono stato io a provocarla di punto in bianco senza motivo?

            Si accomodi, ha il dovere morale di fare ciò che le ho detto, visto e considerato che un prete indegno come me potrebbe recare danni gravissimi alla Chiesa e al Popolo di Dio.

        2. dear John,
          basta andare alle fonti (a tutte, e non solo a quelle degli ultimi secoli) per comprendere chi abbia ragione, se don C. Nitoglia o la Chiesa Cattolica.

          1. Lei sta affermando che la Chiesa, Mater et Magistra, sbaglia grossolanamente in materia di dottrina e di fede?
            Ma lei è un cattolico, o un appartenente a qualche setta che si infiltra tra i discorsi spacciandosi per cattolico?
            De qualquer maneira, grazie per le risate che ci dona.

        3. Prendi in mano i Vangeli e leggili alla luce del retto Magistero, cioè del Catechismo della Chiesa Cattolica (usa la vecchia edizione), e non lasciarti sviare da chi insegna ideologie in contrasto col CCC.

  8. Complimenti per l’articolo!
    Sono un sacerdote francescano e ho scoperto delle discendenze ebraiche nella mia famiglia. Leggo l’ebraico e lo parlo abbastanza bene, ma il dialogo con i tanti ebraismi che ho incontrato lungo il mio percorso è stato quasi sempre una passeggiata di notte, da ubriaco, in un campo minato.

    1. Querido irmão,

      tu sai e tu m’insegni, proprio come presbitero di un glorioso Ordine mendicante, che noi cattolici abbiamo al nostro interno molte espressioni diverse che costituiscono preziosi carismi, dono di grazia dello Spirito Santo. Por exemplo: Domenicani e Francescani costituiscono i due grandi Ordini mendicanti, eppure nel corso dei secoli, entre eles, sono emerse nette differenze e modi diversi di intendere e affrontare certe questioni teologiche, ma gli uni e gli altri, caratterizzati da impostazioni di vita religiosa diversa, concorrono a formare la preziosità della unità cattolica.

      Abbiamo anche scuole di pensiero diverse che affrontano in modo a volte persino opposto le grandi tematiche teologiche, ma queste correnti e pensieri, anche quando tra di loro sono in contrasto, costituiscono il prezioso patrimonio della sola e unica Chiesa Cattolica.

      Con questo nostro vissuto, con questa nostra impostazione, quelli che tra di noi non hanno avuto modo di approfondire veramente la storia e la realtà dell’Ebraismo, tendono nella massima buona fede ad affrontarlo nel modo più sbagliato, biblisti d’alto rango in testa a tutti. Porque, come giustamente tu dici, si finisce per dialogare con tanti ebraismi che non portano all’unità ma alla più dispersiva frammentarietà, quindi «il mio percorso è stato quasi sempre una passeggiata di notte, da ubriaco, in un campo minato».

      Concludo con un esempio: per estrarre dalla Haron-ha Kodesh (per chi ci legge: il grande tabernacolo della sinagoga) o Sefer Torah (per chi ci legge: il rotolo, la grande pergamena della Torah) occorre un cosiddetto minian de 10 maschi adulti, que é 10 post puberi. Ci sono però sette ebraiche che non accettano di includere nel conteggio degli ebrei, a tutti gli effetti tali per la Halakah (per chi ci legge: la legge rabbinica ortodossa) perché non appartengono alla loro aggregazione. Cose queste che molti nostri cattolici appassionati di dialogo con l’Ebraismo non conoscono, assieme a molte altre cose a loro del tutto ignote.

      E’ presto detto: sarebbe pensabile che io, trovandomi di passaggio in un vostro convento francescano, non sia ammesso alla concelebrazione eucaristica, o peggio ancora alla celebrazione eucaristica, perché membro del clero secolare, quindi non riconosciuto, como sacerdote, dai presbiteri della Famiglia Francescana? óbvio, che per noi una cosa del genere, oltre a essere impensabile, nel caso accadesse scatenerebbe le ire immediate dei vescovi diocesani e dei superiori maggiori dell’Ordine Francescano.

      Em vez, all’interno dei variebraismiframmentati e litigiosi, dove le comunità si sconfessano le une con le altre e dove i rabbini non riconoscono di prassi l’autorità dei rabbini di altre comunità, questa è la normale amministrazione.

      E certi nostri cattolici romantici pensano che avendo parlato e fatto un incontro con un Gran Rabbino, hanno dialogato “com” judaísmo.

      Con poche e sapienti parole hai dipinto in modo chirurgico quella realtà che certi nostri romantici ed entusiastici maestri cattolici del dialogo a tutti i costi e costi quel che costi, purtroppo non sono proprio in grado di cogliere.

      Con profonda fraternità sacerdotale,

      Ariel

      1. Quanta e quale conoscenza ci ha donato anche questa volta, padre.! Ho ascoltato l’audio e sono certa che solo un sordo possanon percepirel’essenzialitadelle Sue riflessioni, perfetto frutto di una fede austera ed inattaccabile. Certezza da molti smarrita o confusa con bizzarre e spicciole verità di questo ns infausto tempo.

  9. è da un paio di giorni che mi chiedo : ma cosa ha detto di così grave papa Francesco? ma ormai ogni occasione è buona per regalarsi un podi notorietà….

  10. Caro padre mi deve scusare ma io non sto più tanto seguendo a queste questioni di chiesa. Ma comunque spinto dalla curiosità dopo avere visto un video che ne parlava, andai a sentire che cosa aveva detto il Papa all’udienza del giorno 11 este mês. Io ho capito bene ciò che dice Bergoglio però chiude male. In effetti Bergoglio conclude dicendo che l’incontro con Gesù è più importante di tutta la legge e che la legge mosaica, è semplicemente un mezzo per arrivare a Gesù, per conoscerlo, poiché l’alleanza del popolo di Dio, la promessa fatta da Dio è in base alla Fede e non alla legge mosaica che è venuta 450 anni dopo Abramo e che invece fu colpa dei missionari infiltrati tra i Galati sostenere la inviolabilità della Legge Mosaica, perché per combattere il paganesimo e la idrolatria di quel tempo, sostennero che la Legge Mosaica fosse costitutiva dellalleanza con Dio. Insomma loro fecero capire che senza osservare la Legge Nosaica non ci si salvavaAlla fine di questa spiegazione, Bergoglio mette sempre in risalto la parola Amore. In questa udienza generale mi è sembrato meno criptico delle altre volte il caro Padre, ma però io direi a Bergoglio: ” ma scusi Santità, ma perché oggi non siamo forse in un’epoca di Idrolatria e di Paganesimo?” Ma certo che sì!!! Então o que???
    ???

Os comentários estão fechados