El Sínodo Pantedesco escondido detrás del Sínodo Panamazzonico: ese viejo deseo de dar a su esposa los sacerdotes en una iglesia ciega y visible excelente no quiere aprender de los errores de la historia y de los errores ajenos

- actualidad eclesial -

IL SINODO PANTEDESCO CELATO DIETRO AL SINODO PANAMAZZONICO: Que la esposa VIEJO QUIERE DAR A LOS SACERDOTES, MAGNÍFICO EN UNA IGLESIA VISIBLE E ciega que no quiere aprender de los errores de la historia y de los errores del OTROS

.

En conclusión: si può essere così empi da usare come pretesto l’Amazzonia per celebrare un Sinodo il cui unico scopo è di portare a compimento l’ennesimo colpo di stato di quella frangia di episcopato tedesco che di cattolico, ya, ha solo il nome? La cosa è infatti a tal punto evidente nella propria palese sfacciataggine, che due sole sono le soluzioni: o abbiamo a che fare con ingenui, oppure — Dio non voglia! — con autentici delinquenti. Perché a chi davvero non fosse chiaro è bene ricordare che questo non è il Sinodo Panamazzonico, bensì null’altro che il Sinodo Pantedesco che, usando a pretesto l’Amazzonia e la rassicurante formula para experimentar, vuol dare l’ennesimo colpo di grazia all’intera Chiesa universale.

.

Autor
Ariel S. Levi di Gualdo

.

.

PDF artículo para imprimir
.

.

.

il dittatore della Corea del Nord Kim Jong

Tra la fine del 2019 y principios 2020 si terranno due grandi eventi: desde el 6 al 27 de Octubre del 2019 il Sinodo Panamazzonico, desde el 21 al 26 febbraio il carnevale di Rio de Janeiro. Considerando che in Brasile il sincretismo religioso è ufficiosamente riconosciuto, ci si potrebbe attendere una sintesi di unione tra questi due eventi.

.

con respecto a l’uso che da alcuni anni s’è cominciato a fare dei sinodi, il quesito lo posi già in un mio articolo pubblicato nell’ottobre del 2018, dove domando:

.

«Se infatti la Corte de los Milagros, como lo llamo, o el Círculo mágico, como él lo llama el cardenal Gerhard Ludwig Müller, Él ya ha preparado una agenda con toda una serie de cuestiones ya establecida, ma soprattutto e di fatto già approvare, debido a convocar sínodos? Tal vez para dar la apariencia de la colegialidad de la misma manera en la que el joven dictador de Corea del Norte, Kim Jong, Él quiere dar una apariencia de democracia parlamentaria? Y lo que sucedió con los disidentes de Corea, sono forse finiti legati sulle testate dei missili, poi lanciati appresso per le prove sperimentali?» [cf. ver artículo, AQUI].

.

Se possiamo facilmente presumere la fine che hanno fatto i dissidenti della Corea del Nord, meno facilmente possiamo immaginare quella riservata ai dissidenti all’interno della Chiesa. De todos modos, ciò che cambia sono solo le forme, perché la sostanza è quella: nella Corea del Nord i dissidenti sono giustiziati, en la Iglesia visible de hoy, i dissidenti sono invece misericordiati. Nella Corea del Nord, ogni forma di pacato dissenso è bollata come azione operata dai nemici asserviti al potere liberal-capitalista; nella Chiesa visibile, ogni forma di pacato dissenso è bollata dal Círculo mágico, o Corte de los Milagros, come «ostilità dei nemici del nuovo corso della Chiesa», il tutto attraverso le trombe di un giornalismo schierato che ha rinunciato da tempo immemorabile alla verità.

.

Il Sinodo Panamazzonico — attraverso il quale l’equipollente clerico-parlamento della Corea del Nord pare intenzionato a sdoganare il sacerdozio per gli uomini sposati —, è proprio giocato tutto su questo: sulla pressoché totale falsificazione storica e su quella emotività che non ragiona, perché non impara dagli errori del passato, ma vive un presente cieco, senza prospettiva futura, nel quale ciò che solo conta è il tutto e subito. Solo con queste chiare premesse potremmo parlare di quel fenomeno di sincretismo che darà vita ad un pericoloso connubio tra questo Sinodo e il Carnevale di Rio de Janeiro.

.

Se nella Corea del Nord il parlamento serve per dare esecuzione a quanto stabilisce e vuole Kim Jong, nella Chiesa visibile i sinodi servono ormai per dare esecuzione a quanto stabilisce e vuole il nostro Kim Jong. Con todo y esto, También en este caso, la differenza e ancóra una volta sostanziale: mentre tutti sappiamo che la Corea è governata da Kim Jong che impone le proprie decisioni, per quanto ci riguarda noi sappiamo sì, chi governa la Chiesa Cattolica universale, ma non sappiamo però chi è o chi sono i vari Kim Jong che impongono le loro decisioni, servendosi dei sinodi nello stesso modo in cui questo giovane dittatore si serve del Parlamento della Corea.

.

Prendiamo come esempio l’ultimo Sinodo sulla Famiglia: entre el 5 y el 19 octubre 2014 si tenne una assemblea generale per discutere sulle «sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione», il tutto per raccogliere testimonianze e proposte. Del 4 al 25 octubre 2015 si svolge il sinodo ordinario incentrato su «La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo», scopo del quale era ricercare e poi tracciare nuovi modelli pastorali della persona e della famiglia. entonces, el 19 marzo 2016, è pubblicata la esortazione apostolica post-sinodale Amoris Laetitia.

.

Cuando entre la 2014 y el 2015 si incominciò a percepire verso che cosa miravano alcune frange di episcopato tramite i propri rappresentanti al sinodo, non si è tardato ad assistere a vere e proprie levate di scudi, ma soprattutto a decise opposizioni da parte dei rappresentati di altre e ben più maggioritarie frange di episcopato. entonces, entre el 2015 y el 2016, nella Chiesa in dialogo, Abierto, que acoge e incluye todo, s’è assistito a diversi lanci di missili, sulle testate dei quali erano stati legati — in modo tanto fraterno quanto misericordioso —, uomini di profonda e solida dottrina come il compianto Cardinale Carlo Caffarra e il Cardinale Gerhard Ludwig Müller, mentre sul missile di lancio campeggiava da cima a fondo la scritta: Misericordia.

.

A riguardo delle scritte su missili e bombe merita ricordare che durante la Seconda Guerra Mondiale, quando sugli aerei i prodi Alleati caricavano le bombe da sganciare sulle città d’Europa per distruggere vite umane di civili inermi assieme a opere d’arte d’inestimabile valore, i buoni soldati liberatori scrivevano varie dediche sulle bombe, solitamente omaggi ironici ad Adolf Hitler e al Nazismo, per esempio quando rasero inutilmente al suolo Dresdren e München nel febbraio del 1945, perché la Germania era già sconfitta, non occorreva decimare le popolazioni di queste due Città e distruggerne ricchezze storiche e artistiche di inestimabile valore. Come non era necessario che degli ufficiali britannici legati da affiliazione alle logge massoniche più esasperatamente anti-cattoliche della Gran Bretagna distruggessero l’Abbazia di Montecassino, la quale non fu affatto ricostruita coi soldi degli americani, che offrirono sì contributi, ma a patto però che l’Arciabate cassinense mentisse dichiarando che dentro il perimetro del grande monastero si trovavano truppe tedesche. L’Arciabate si rifiuto di affidare un falso alla storia, Así, la storica abbazia, fu sì ricostruita, ma coi soldi del Governo della Repubblica Italiana, sólo para ser claros.

.

Quando dopo i massicci bombardamenti sinodali la Chiesa dovrà essere ricostruita, la grazia di Dio metterà sulla nostra strada un uomo giusto e veritiero che negherà di affidare alla storia una menzogna, proprio come fece l’Arciabate cassinense; e la Chiesa sarà ricostruita sopra le macerie coi soldi dei fedeli, vale a dire con la fede autentica dei credenti.

.

Dopo il Sinodo sulla Famiglia, tra bombardamenti e missili caduti che recavano sopra la scritta «misericordia» e «tenerezza», si è andato formando un episcopato molto debole, anche perché alla data del 2013 l’età media dei vescovi sparsi per il mondo era piuttosto elevata e nel corso degli ultimi sei anni sono stati rinnovati con centinaia di nomine i vescovi di molte diocesi del mondo.

.

A giorni di distanza dalla sua pubblicazione, il breve, conciso e drammatico documento del Cardinale Walter Brandmuller sullo herramienta de trabajo del Sinodo panamazzonico è passato del tutto sotto silenzio [véase el texto, AQUI]. Compatta più che mai, la cosiddetta “stampa di regime” ha taciuto. Un silenzio che ricorda quello della stampa comunista e dei grandi partiti e circoli ad essa legati, Cuando se encuentre en 1968 i carri armati russi invasero la Città di Praga, dopo i moti di liberazione della cosiddetta Primavera di Praga. E si tratta di un silenzio insolito, quantomeno assordante, perché l’anziano Cardinale, considerato uno tra i più grandi storici della Chiesa ed ecclesiologi al momento viventi, non ha mosso semplici e ordinarie critiche, ma ha spiegato che il testo contiene delle eresie che costituiscono un atto di apostasia dalla fede cattolica. Inutile commentare il tutto, basta prendere il testo del Cardinale Walter Brandmuller e leggerlo, perché chiunque non consideri la teologia un’emozione, un sentimento soggettivo e una poesia, non potrà che dargli ragione: quel testo è una istigazione alla apostasia dalla fede cattolica.

.

Sorge adesso una domanda a dir poco legittima: perché mandare avanti un lucido e determinato Cardinale novantenne? Capisco che nessun cardinale elettore gradisce correre il rischio di decadere da questo diritto prima ancora del compimento dell’80° anno di età; capisco che i vescovi diocesani non gradiscono correre il rischio di essere rimossi dalle loro cattedre episcopali. Per seguire con un esercito di presbìteri che non vogliono correre il rischio di essere rimossi dai loro incarichi pastorali, per seguire con tutti quei laici impegnati all’interno delle strutture ecclesiastiche che con la Chiesa non si limitano a mantenere la famiglia, ma con essa si arricchiscono, sino a risultare per questo più pavidi ancòra degli ecclesiastici stessi.

.

Tempo fa cercai di spiegare il tutto con la tragica — ma penso realistica — immagine delprocesso di Norimberga” [ver artículo AQUI]. Da tempo temo che abbiamo a che fare con un esercito di cardinali, vescovi e preti che pensano di superare domani il grande esame del giudizio di Dio affermando in serena coscienza, come i gerarchi nazisti, di avere solo ubbidito a ordini superiori. Sempre ammesso che credano alla verità di fede che il giudizio di Dio sarà immediato dopo la nostra morte, poi universale alla fine dei tempi, quando il Cristo tornerà nella gloria per giudicare i vivi e i morti.

.

Il fatto provato, doloroso e realistico, come a volte molto dolorosa è la realtà, ormai dovrebbe brillare alla luce del sole, fatta unicamente eccezione per chi decide di non vedere il sole che brilla nel cielo: partecipare ai Sinodi dei Vescovi vuol dire fare da comparse a una tragedia classica, oppure a una commedia comica del cinema italiano degli anni Settanta, dove i tre o quattro protagonisti principali che reggono tutta la sceneggiatura hanno bisogno di un certo numero di figuranti. In questo genere di rappresentazioni teatrali o filmiche, le comparse hanno un’unica utilità: porre in risalto gli attori principali. Che si tratti del giovane Vittorio Gassman che recita per due ore il Prometeo di Eschilo a testa all’ingiù nel teatro greco di Siracusa, o che si tratti del non meno grande Alberto Sordi nel film satirico Vacanze intelligenti, il principio che regge il tutto è lo stesso. Dicho esto: lata, comparse o figuranti, incidere in qualche modo? No, perché il loro ruolo è silenzioso e limitato a una pura presenza, finalizzata in un modo o nell’altro a far risaltare l’attore od i due o tre attori principali.

.

Abbiamo capito da tempo che i Sinodi servono a far risaltare un pastoralismo divenuto ormai “pastoralismo selvaggio”, ed assieme ad esso quel cosiddetto conciliarismo che sin dalla stagione del post-concilio ha perduto ogni genere di parentela, persino alla lontana, con el Concilio Vaticano II. E l’operazione, in corso da anni, oggi non è neppure più evidente, ma decisamente sfacciata: la dottrina non si tocca, sin embargo, pur lasciando inalterata la dottrina, si muta la prassi pastorale. O per meglio chiarire il tutto con un esempio: la carrozzeria della Ferrari rimane tale e quale, nessuno la tocca e la modifica, sin embargo, dal suo interno, si toglie il motore sostituendolo con quello della nuova Fiat 500. Luego, se qualcuno solleverà proteste, si risponderà che la carrozzeria della Ferrari è rimasta tal quale. Ovviamente c’è una domanda che dinanzi a questo dovrebbero porsi tutti: ma una Ferrari, esiste in quanto tale per la sua carrozzeria, o per il motore che racchiude dentro? E dinanzi a questa operazione evidente, anzi sfacciata, chi rimane dietro le quinte e manda avanti a sollevare quesiti un Cardinale novantenne, dovrà risponderne veramente, ma soprattutto molto seriamente davanti a Dio.

.

Il Sinodo Panamazzonico servirà per sdoganare in qualche modo il clero sposato. Puede Ser, in questa assenza sempre più inquietante di memoria storica, pochi ricordano che l’attore principale di questo Sinodo, il Cardinale tedesco-brasiliano Clàudio Hummes, voluto e nominato Prefetto della Congregazione per il Clero dal Sommo Pontefice Benedetto XVI nel 2006, appena giunto a Roma dichiarò che il celibato è una disciplina ecclesiastica, non un dogma della fede cattolica. Cosa vera, anzi ovvia. Ma siccome il tutto fu espresso in un certo modo, ossia nel modo ambiguo tipico di queste persone, sulla stampa internazionale si ingenerarono numerosi dibattiti. Así, unos días después, lo stesso Prefetto chiariva e smentiva, dando implicita colpa ai giornalisti bisognosi di lanciare sempre sulla stampa titoli a effetto [ver AQUI]. In ogni caso il messaggio era stato lanciato, il Cardinale Clàudio Hummes doveva solo pazientare altri sette anni, per poi poter dire al nuovo eletto al sacro soglio nel 2013: «Non dimenticare mai i poveri!» [cf. vídeo AQUI]. Quindi agire di conseguenza, con tutta la fiducia ed i benefici che già i cardinali delle famiglie Orsini, Colonna e Farnese riconoscevano ai propri fedeli elettori in conclave. Il tutto con buona pace di chi non perde occasione per disprezzare Roma, la sua storia ed i suoi personaggi, salvo però comportarsi nei concreti fatti tal quale, si no peor. De hecho, gli Orsini, i Farnese e i Colonna, Roma la amavano, basti vedere come l’hanno arricchita d’opere d’arte di valore inestimabile, non hanno certo trasformato il colonnato del Bernini in dormitorio per barboni, i dintorni di San Pietro in un pisciatoio a cielo aperto e le chiese storiche in osterie gestite dai radical chic dalla Comunità di Sant’Egidio [cf. Véanse los artículos anteriores, AQUI, AQUI].

.

Il Cardinale Clàudio Hummes e gli altri sodali, hanno avuto la pazienza davvero ammirevole di attendere anni. Allo stesso modo in cui i modernisti hanno avuto la pazienza di avere atteso per dei decenni, lavorando frattanto in modo sottile e accorto. Giunto infine il momento propizio, con la scusa della Regione del Rio delle Amazzoni, ecco sortire fuori confezionata a meraviglia l’idea dei fuentes tratan: uomini adulti sposati scelti e consacrati sacerdoti per zone nelle quali c’è molta penuria di clero. Y como, certe radicali rotture con l’antica tradizione della Chiesa, nella quale il celibato affonda le radici sin dalla prima epoca apostolica, vanno quanto più possibile mitigate, ecco servita la rassicurazione … tranquilli: todo, sólo para experimentar!

.

Gli ultimi cinquant’anni di storia della Chiesa ci insegnano in modo esauriente che cosa accade quando si parte col concetto para experimentar, basti prendere la sacra liturgia nella quale, quelli che mezzo secolo fa erano considerati gravi abusi, oggi sono elementi non solo intangibili, ma da molti considerati indiscutibili molto di più delle fondamentali verità della fede. De hecho, per cercare di sanare degli abusi gravi, si ricorse alle concessioni para experimentar de modo que, quegli stessi abusi, fossero corretti. En lugar, quegli stessi abusi, sono finiti dogmatizzati. Un ejemplo entre muchos: l’abuso della ricezione della Comunione sulle mani, a cui riguardo rimando all'opera di un mio confratello canonista e storico, Federico Bortoli [ver el vídeo AQUI] che in un suo libro spiega e chiarisce come il tutto nasca da un abuso e come non sia affatto vero che questo modo di ricevere la Santissima Eucaristia fosse la prassi nella Chiesa delle origini [cf. tarjeta libro, AQUI].

.

Se questo sinodo, coi suoi attori principali e le sue silenti comparse, stabilirà il tutto para experimentar per la Regione del Rio delle Amazzoni, entro breve questo experimentum sarà esteso alla Germania, Francia, all’Olanda, al Belgio … Quindi, come avvenuto in passato per vari altri generi di abusi, anche in questo caso ci ritroveremo in siffatta situazione: sarà possibile salire sulla cattedra di una università pontificia e definire come elemento allegorico la risurrezione di Cristo e la sua ascesa al cielo, ma non sarà possibile discutere sulla disastrosa inopportunità d’aver dato vita a un clero sposato, che in modo appunto disastroso sarebbe destinato a sovvertire radicalmente la struttura pastorale stessa della Chiesa.

.

Perché un clero sposato è da evitare? Se i teologi e gli ecclesiologi del para-concilio, dal quale nacque il post-concilio, fossero onesti, dovrebbero ricordare che sia gli scismatici Ortodossi sia gli scismatici Anglicani, invitati assieme ad altre Comunità Cristiane separate dalla comunione cattolica come osservatori al Concilio, quando alcuni periti sfiorarono solo questo argomento, en respuesta, ed in specie gli Ortodossi, replicarono: «Voi che avete il celibato sacerdotale, tenetelo e conservatelo». Quindi procedettero a spiegare, a quanti intendevano rifare la Chiesa Cattolica attraverso trasformazioni radicali, che cosa comportava per loro, come vescovi di chiese autocefale, dover gestire, con gravi difficoltà, il clero sposato. Gli Anglicani fecero invece presente: «Se voi deste vita al clero sposato, vi ritrovereste come noi a dover fare i conti con ecclesiastici che avranno come prima priorità la cura delle loro famiglie e la crescita e la sistemazione dei loro figli, dedicando alle comunità un tempo limitato ai servizi domenicali di culto. Luego, se nella famiglia di un prete vi fossero problemi, il tutto si ripercuoterà in modo negativo sulla comunità ed i fedeli ch’egli dovrebbe curare e accudire». Nessuno ricorda proprio questi discorsi e queste esortazioni, avvenute durante la celebrazione di quello che taluni definiscono come il più grande concilio dell’intera storia della Chiesa? Evidentemente, anche dai cosiddetti “fratelli separati”, si tende a prendere solo ciò che si vuole, operando a volte vere e proprie manipolazioni della realtà. De hecho, la lezione delle loro esperienze e ciò che ci dissero durante la assise del Concilio Vaticano II, è stata talmente recepita che mezzo secolo dopo, alguien, ha persino deciso di istituire una commissione di studio per valutare la opportunità di una qualche forma di diaconato femminile, il tutto mentre il ripristinato diaconato permanente dei fuentes tratan è di fatto ormai fallito, nonché divenuto in molte regioni del mondo, a partire dalla stessa Diocesi di Roma, un appannaggio e una egemonia della setta para-cattolica dei Neocatecumenali. Asi como lo leen: in molte diocesi non si riesce a diventare diaconi permanenti se non si fa parte della setta dei Neocatecumenali, che gestiscono questo ministero riproducendosi tra di loro.

.

Anglicani e protestanti, con la istituzione delle “donne-prete” e delle “donne-vescovo” si sono ulteriormente fratturati. Y, pur essendo in profonda crisi e con una vera e propria emorragia di fedeli in corso dagli anni Sessanta, con queste trovate liberal-femministe hanno solo perduto ulteriori fedeli. Perché non dire quanto numerosi furono gli anglicani che dopo la istituzione delle “donne-prete” e delle “donne-vescovo” entrarono nella Chiesa Cattolica? O forse si dimentica che il Sommo Pontefice Benedetto XVI pubblicò a tal fine nel 2009 la lettera apostolica Anglicanorum coetibus [cf. AQUI] per dettare le necessarie norme utili al rientro degli anglicani che, sempre più numerosi, chiedevano di essere ammessi alla comunione cattolica, dopo la carnevalata liberal-femminista della donne-prete e delle donne-vescovo?

.

Gli anglicani che chiedevano di entrare nella comunione cattolica, da quali ragioni erano spinti? Forse da ragioni che non sono state spiegate bene e per tempo dal Cardinale Walter Kasper al Pontefice regnante, prima che Sua Santità partisse per Lund dove nel 2017, proprio nel centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima, si è recato ad abbracciare una donna mascherata da arzobispo mujer durante i festeggiamenti dei cinquecento anni della pseudo-riforma di Martin Luther, che lungi dall’esser tale — vale a dire una riforma — fu un drammatico scisma, con tutte le peggiori conseguenze religiose, teologiche e infine anche politiche.

.

Anziché un discorso di carattere teologico, a tutti quei laicisti che non conoscono neppure la preghiera del Padre nuestro, che sono distanti dalla vita ecclesiale e sacramentale, ma ai quali tanto preme dare moglie e figli ai preti, desidero fare un discorso di carattere molto pratico, a partire da una domanda: al mantenimento di questi nuclei familiari, intendono forse provvedere loro? Perché forse è il caso di chiarire che la Chiesa Cattolica universale non è la opulenta e ricca Chiesa catto-protestante tedesca, que con la impuesto eclesiástico – la tassa di culto – giunge a incamerare circa dieci miliardi di euro, oltre a tutte le proprietà e quote di partecipazioni aziendali e bancarie di cui essa beneficia. en Alemania, sono stipendiati anche i catechisti ed i membri dei consigli pastorali delle parrocchie, mucho que entenderse. La Chiesa Cattolica universale, non è però tutta quanta una grande Germania: in molte parti del mondo ci sono preti che per potersi sostenere devono lavorare. Por ejemplo, in varie regioni dell’America Latina possiamo trovare preti di varie zone — che io stesso ho conosciuti —, dediti a vari lavori o piccoli commerci: dal parroco che alleva le galline e vende uova, al parroco che coltiva il terreno di proprietà della parrocchia e vende ortaggi al mercato della frutta. C’è il parroco che ha acquistato, o avuto in dono quattro o cinque vacche e che vende latte, il parroco che fa lezioni private agli studenti, quello che lavora come traduttore e via dicendo. In questi contesti, i preti più fortunati — ma sono invero pochi — sono quelli che sono riusciti ad avere un posto come insegnanti nelle scuole, dopo avere conseguito, oltre ai titoli di studio ecclesiastici, anche dei titoli di studio civili nelle varie discipline. Posto quindi che la Chiesa Cattolica universale non è affatto una grande, opulenta e ricca Germania, a preti che già vivono in queste condizioni e che per sostentarsi ed esercitare il loro sacro ministero devono cercare di sbarcare il lunario, vogliamo forse dare anche il gravame di una famiglia, ma soprattutto di figli da cresce e mantenere?

.

Obviamente, io non sono stato invitato al Sinodo, sono un prete fedele alla dottrina e al magistero della Chiesa, non sono né un eretico come Enzo Bianchi né tanto meno sono la suorina pace&amar che vive di surrealismo, mentre la sua congregazione ridotta ad un manipolo di quattro vecchie litigiose, grazie a Dio si sta estinguendo. Con todo y esto, se fossi un partecipante al Sinodo, soprassedendo del tutto dal piano teologico, ecclesiologico e anche pastorale, porrei una domanda molto pratica, puntando anche i piedi e battendo i pugni sul tavolo affinché mi sia data una risposta. Perché proprio da questa Chiesa visibile ormai specializzata nelle non risposte o nelle risposte del tutto evase, una risposta chiara la esigerei: ma le famiglie, ed in particolare i figli, a los sacerdotes, chi glieli mantiene? E aggiungerei anche una seconda domanda: in contesti culturali molto delicati come quelli di certi Paesi dell’Africa o dell’India, dove sono sempre forti certe antiche tradizioni locali, vogliamo per caso creare, sullo stile dei vecchi capi tribù o su quello dei bramini, una casta sacerdotale che finirebbe trasmessa e tramandata di padre in figlio, dopo essere divenuta prerogativa di certi gruppi e famiglie?

.

En conclusión: si può essere così empi da usare come pretesto l’Amazzonia per celebrare un Sinodo il cui unico scopo è di portare a compimento l’ennesimo colpo di stato di quella frangia di episcopato tedesco che di cattolico, ya, ha solo il nome? La cosa è infatti a tal punto evidente nella propria palese sfacciataggine, che due sole sono le soluzioni: o abbiamo a che fare con ingenui, oppure — Dio non voglia! — con autentici delinquenti. Perché a chi davvero non fosse chiaro è bene ricordare che questo non è il Sinodo Panamazzonico, bensì null’altro che il Sinodo Pantedesco che, usando a pretesto l’Amazzonia e la rassicurante formula para experimentar, vuol dare l’ennesimo colpo di grazia all’intera Chiesa universale.

.

A queste domande molto concrete, nessuno risponderà, perché a partire dal Cardinale Clàudio Hummes, per seguire col Cardinale Lorenzo Baldisserri, questi personaggi vivono nel mondo dell’irreale. Y, come purtroppo sappiamo, nel mondo dell’irreale hanno la meglio le ideologie, o quelle che il Beato Apostolo Paolo chiamava favole per le quali, ed in nome delle quali, si voltano le spalle alla verità [cf. II Tm 4, 1-5] mentre la superbia cala sui nostri occhi un velo che impedisce di vedere:

.

«Ma le loro menti furono rese ottuse; de hecho, sino al giorno d’oggi, quando leggono l’antico patto, lo stesso velo rimane, senza essere rimosso, perché è in Cristo che esso è abolito. Ma fino a oggi, quando si legge Mosè, un velo rimane steso sul loro cuore; però quando si saranno convertiti al Signore, il velo sarà rimosso» [II Cor 3, 14-16].

.

Devono convertirsi al Signore, aquí está la cosa. Desafortunadamente,, Por ahora, stanno però dimostrando di essersi invece convertiti al Principe di questo mondo, che li ha resi ciechi e quindi terribilmente dannosi.

.

desde la Isla de Patmos, 3 De julio 2019

.

.

Ahora está disponible el primer libro de Ediciones La isla de Patmos, visite nuestra página de la tienda AQUI

 

.

.

«Conoceréis la verdad, y la verdad os hará libres» [Juan 8,32],
llevar, difundir y defender la verdad no sólo tiene de
riesgos sino también costos. Ayúdanos apoyando esta isla
con sus ofertas a través del sistema seguro de Paypal:









o podéis utilizar la cuenta bancaria:

a nombre de Ediciones de la isla de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
en este caso, nos enviáis un correo electrónico de alerta, porque el banco
no proporciona vuestro correo electrónico y nosotros no podemos enviar una
acción de gracias [ isoladipatmos@gmail.com ]





avatar

Acerca de La Isla de Patmos

7 comentarios sobre "El Sínodo Pantedesco escondido detrás del Sínodo Panamazzonico: ese viejo deseo de dar a su esposa los sacerdotes en una iglesia ciega y visible excelente no quiere aprender de los errores de la historia y de los errores ajenos

  1. Gentile padre Ariel.

    Alabado sea Jesucristo.

    Leggo sempre con un grande piacere ciò che Lei, ed i suoi collaboratori, scrivono. Luego, mi scuso per il mio italiano: 15 anni d’assenza dall’Italia non dà un buon risultato nella dimestichezza con la lingua.

    Sono un sacerdote cattolico-bizantino, lavoro in Siberia (Rusia), sono il parroco della comunità bizantina e latina dei cattolici.

    Mi permetta due pensierini; non vedo nessun disastro se i preti saranno sposati, oficialmente. Io e mia moglie siamo andati in Siberia, dalla San Pietroburgo, perché da lì sono scappati i religiosi. nosotros, preti sposati, più spesso andiamo là, ove non tutti religiosi vogliono andare. Con tutto il rispetto, obviamente.

    No se, magari non sarà così male? Anche gli apostoli erano sposati e sono riusciti a portar avanti la Chiesa.
    Per esempio adesso, siam venuti in Italia, finalmente (Italia, quo vadis?, ma è unaltro discorso), e celebro le Sante Messe sia in rito latino, che in bizantino. Eppure sono, repito nada, sposato.

    De todos modos, Reverendo padre, riceva i miei più fervidi ringraziamenti per il suo lavoro svolto in internet.

    Chiedo di ricordarmi nelle sue preghiere

    1. Siempre sea alabado!

      venerado hermano,

      come capirai il discorso è molto complesso, specie se affrontiamo le tematiche della Chiesa cattolica di Oriente e Occidente, non a caso abbiamo, per l’una e per l’altra, due diversi diritti: il Diritto Canonico Romano e il Diritto Canonico delle Chiese Orientali. Abbiamo anche due diversi riti e via dicendo

      Su una cosa dobbiamo essere d’accordo, perché è un fatto storico contenuto nella rivelazione: los Apóstoles, per seguire il Cristo, lasciarono non solo le reti da pesca, ossia le loro imprese, ma anche le loro famiglie. Gli Apostoli che non erano sposati, non si sono mai sposati. Ecco perché possiamo dire che il celibato, che non è un dogma di fede ma una disciplina ecclesiastica, affonda comunque le proprie radici nella prima epoca apostolica.

      Sai altresì molto bene, per il tuo ministero e per avere vissuto in certe regioni del mondo, che il discorso sarebbe davvero complesso a livello soprattutto storico, de hecho, la piccola parte, da sempre molto minoritaria, di preti cattolici sposati che noi abbiamo, appartengono ad antiche Chiesealcune delle quali anche di fondazione apostolicache dopo lo scisma del 1054 rimasero con la Chiesa d’Oriente. Successivamente diversi di essi chiesero di rientrare in comunione con Roma, che gli riconobbe il privilegio di poter avere, nel loro diritto e nel loro rito, sia i preti celibi che i preti sposati. E come da sempre avviene tra gli ortodossi, i preti sposati non avrebbero però potuto assurgere all’episcopato.

      Il tutto si è ripetuto nel 2009 col Sommo Pontefice Benedetto XVI attraverso la lettera apostolica Anglicanorum coetibus.
      Gli anglicani, per quanto da taluni teologi cattolici maldestri siano chiamati “CHIESA”, assieme alle varie denominazioni protestanti, anch’esse maldestramente chiamate “iglesias”, non sono affatto una chiesa, dopo che Lutero, Zuinglio e Calvino si sono messi a riscrivere i Sacramenti, abolendo quelli che a loro dire erano invenzioni politiche del cattolicesimo. Quindi non hanno il sacerdozio.

      Che le ordinazioni fatte nella Comunità Anglicana non siano valide in quanto manca la successione apostolica, lo sancì il Sommo Pontefice Leone XIII.

      De todos modos, come accadde in passato per più volte, Benedicto XVI, accogliendo gli anglicani che nella loro comunità avevano rango di sacerdoti, ante todo, ha provveduto che questi ricevessero una autentica e valida ordinazione sacerdotale nella Chiesa Cattolica, quindi ha lasciato che rimanessero uomini sposati, concedendo loro il sacro ordine sacerdotale, vero e cattolico, come uomini sposati.

      Del tutto diverso dalle comunità anglicane e protestanti il discorso della Chiesa Ortodossa.
      Gli ortodossi sono scismatici, ed al proprio interno mantengono non pochi errori dottrinali, ma sono una chiesa ed hanno la successione apostolica, quindi i loro sacerdoti sono scismatici ma sacerdoti, i loro vescovi sono scismatici ma sacerdoti, ed i loro sacramenti “ilegales” ma validi.

      Saprai bene altresì che per secoli, i sacerdoti sposati appartenenti al rito orientale, non potevano esercitare il ministero nei territori delle diocesi di rito latino, il tutto al sapiente fine di evitare confusione nel Popolo di Dio, ossia quel Popolo di Dio che oggi si cerca di confondere in ogni modo.
      Así, se dei preti sposatiuniati”, i cattolici della attuale Ucraina, si trovavano in territori e diocesi di rito latino, non potevano celebrare la Santa Messa e amministrare i Sacramenti.

      Oggi che sono in corso le prove generali per creare il clero sposato, il primo che ha accolto a Perugia due preti di rito orientale sposati e con famiglia è stato proprio il Cardinale Gualtiero Bassetti Arcivescovo di Perugia, il quale è tra l’altro il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

      Tu e io sappiamo bene che pensare al clero sposato come soluzione alla crisi di vocazioni sacerdotale, è veramente un mentire sapendo proprio di mentire, perché sia gli ortodossi, sia tutte le varie denominazioni cristiane che hanno ministri di culto sposati, hanno molta più crisi di vocazioni di quanta ne abbiamo noi cattolici tenuti per adesso al celibato.

      E lasciamo perdere il discorso assurdo che il clero sposato sarebbe un deterrente per la piaga della pedofilia, che investe da sempre una minoranza sparuta e molto esigua di preti, a meno che non si faccia il gioco davvero sporco di chiamare pedofili coloro che sono solo e null’altro che omosessuali, i quali hanno i loro rapporti sessuali con giovani ampiamente post-puberi, quindi si tratta di ordinaria omosessualità e non di pedofilia.

      Se andiamo nei grandi aeroporti della civilissima Germania, proprio quel Paese che a noi italiani non perde occasioni per elargire lezioni di civilità, scopriremo che essa detiene il primato mondiale dei pedofili praticanti; e andando a vedere scopriremo tra di essi non tanto uomini soltero, bensì un esercito di pedofili che sonobravipadri di famiglia che partono con i voli charter per andare a fare dei fine settimana in Thailandia a base di bambini e bambine; e quella si, che è pedofilia!

      En conclusión: Creo – ma il mio pensare lascia tutto il tempo che trovache proprio in questo momento di crisi e confusione, dare vita a un clero cattolico sposato, non potrebbe che aumentare la confusione e lo smarrimento dei fedeli.

      Imploro la grazia del Signore su di te, la tua famiglia ed il tuo sacro ministero.

  2. Temo che l’abolizione del celibato sacerdotale non sia davvero l’unico obiettivo.
    Ho letto decine di testi partoriti dalle menti diaboliche che diffondono dottrine new age e diavolerie simili. Rispetto a questi testi, che celano il loro veleno somministrandolo molto ben nascosto in mezzo ad asserti scientifici e idee buone e condivisibili, ho l’impressione, dal poco che ho letto del documento, che in questo caso non sia stato fatto sforzo alcuno per nascondere la matrice naturalistico-massonica di un pensiero sostanzialmente anti-Cristico.

    Ritengo che i problemi connessi all’attuale “administración” umana della Chiesa di Cristo siano passibili di risoluzione meramente Soprannaturale. Dunque tali devono essere le armi da usare per combattere la Battaglia contro le forze del Male nella Chiesa: Certamente il Rosario ma, insieme a questo, urge la necessità di promuovere Adorazioni Eucaristiche. In ginocchio, come è giusto che sia. Non sentire la necessità di restare un poin ginocchio davanti a Gesù Eucaristico è diabolico in sé.

    Se non ci mettiamo in ginocchio davanti all’Eucaristia, davanti a chi ci inginocchieremo?

  3. Querido padre Ariel,
    di cosa si duole? ya, después 6 anni hanno tirato giù tutte le cose più importanti e vuole che il celibato sacerdotale non faccia la stessa fine? Dopo essere stato definitoun dono per la Chiesada colui che si fa chiamarevescovo di Romaè sicuramente destinato ad essere minato alla base. Ufficialmente i principi vengono solennemente affermati, nella pratica sovvertiti. Non usano la bomba atomica, bastano poche mosse: non ti inginocchi davanti all’Eucarestia e lo fai davanti agli uomini (migranti o politici sudanesi) e hai distrutto la cristologia.

    Lodi la Bonino o lasci che un monsignore di paglia lodi Pannella? Nobiliti aborto e omosessualità. Basta una noticina in un capitolo di Amoris letizia e distruggi l’indissolubilità del matrimonio.

    Adesso mi aspetto che qualcuno affermi che l’area del Santo Sepolcro non era vide-sorvegliata.

    Dopo la bravata di un cardinaletto è fesso chi paga i sevizi.

    Due soli comandamenti non hanno ancora toccato: i 9° perché la maggior parte di loro le donne non le hanno mai desiderate e l’ultimo perché i dittatori veri aspirano al potere e se ne fottono della roba degli altri.

    Mi sento come Pinocchio nel Paese degli asini

  4. (Dante, Inf.XXVII) Guido da Montefeltro si era fidato d’El Papa pro-tempore, ma non aveva pensato che El Diabloloico fosse”.

Deja un comentario

su dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

 caracteres disponibles

Este sitio utiliza para reducir el spam Akismet. Aprender cómo se procesa sus datos comentario.