LIBRI IN VENDITA

IL NOSTRO NEGOZIO LIBRARIO

Leonardo Grazzi

ARIANESIMO

Una eresia antica e oggi molto presente

I edizione 2013 – II edizione in stampa a agosto/settembre 2019

L’argomento di base e la stessa materia della indagine teologica è il Verbo Incarnato e la sua Chiesa. Dunque questa indagine, per essere presa per ciò che realmente è, richiede la fede nella divina rivelazione, che ci permettere di conoscere i misteri soprannaturali, a cominciare dal Mistero per antonomasia, che è appunto il Verbo Incarnato.

Dalla presentazione di Antonio Livi

L’arianesimo è come un virus che attraverso i tempi si trasforma, adattandosi ai diversi corpi e alle diverse condizioni climatiche. Al problema dell’eresia ariana l’Autore offre una risposta già nel titolo del libro, dove indica l’arianesimo «ieri e oggi» come una «tentazione antica e presente».

Con dovizia storica e agevole narrativa queste pagine ci guidano all’interno delle vicissitudini storiche e delle lotte teologiche del grande Padre della Chiesa Atanasio Vescovo di Alessandria, che per tutta la vita si oppose all’eresia ariana professando e diffondendo il Credo del Concilio di Nicea, dove i Padri dettero la prima grande definizione a un mistero che regge la fede dell’intero essere ed esistere cristiano: la divinità di Gesù, vero Dio e vero Uomo.

Attraverso la figura di Sant’Atanasio, le vicende della sua vita di lotte, incomprensioni e di ripetuti esili dalla sua amata Alessandria, è chiarito al lettore in che misura l’arianesimo non abbia mai cessato di vivere in certe frange di Chiesa, rigenerandosi di secolo in secolo, forse persino più forte e più insidioso di prima.

Leonardo Grazzi (Firenze 1981, naturalizzato a Poggibonsi) ha conseguito la licenza teologica a Siena presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Santa Caterina Dottore della Chiesa” presentando una tesi sull’arianesimo e successivamente la licenza specialistica a Roma presso il Pontificio Ateneo Regina Apostolorum. Appassionato di Storia della Chiesa Antica, è docente incaricato per l’insegnamento della religione cattolica presso un liceo.

Marcello Stanzione

SUL SENTIERO DEGLI ANGELI

Verso il cammino di una teologia angelica

I edizione 2013 – II edizione in stampa a luglio/agosto 2019

Perché gli angeli? Angeli come messaggeri celesti, guide, custodi e consolatori degli uomini. Gli angeli, relegati sino a poco tempo fa nelle tenere fiabe per bambini, tornano a essere figure protagoniste del mistero della creazione, dell’incarnazione del Cristo Dio che prende avvio da un dialogo struggente tra l’Arcangelo Gabriele e la Vergine Maria: «Ti saluto piena di grazia, il Signore è con te». E l’Angelo, messaggero del Signore e custode devoto della libertà che promana dal Creatore, attese trepidante la risposta. Fiducioso, attese il libero “sì” di Maria da portare dinanzi al trono dell’Eterno.

Oggi più che mai, la Chiesa intesa come sacramento di salvezza, sembra avere particolare bisogno di una profonda teologia angelica, per il mistero di grazia che incarna e per la sua cristologica missione tra gli uomini.

Marcello Stanzione (20.03.1963) è presbitero della Arcidiocesi di Salerno dove svolge dal 1990 il ministero sacerdotale. È riconosciuto tra i massimi esperti italiani di angeli. È autore di 40 pubblicazioni edite dal 1993 al 2010 da varie case editrici, tra cui la Libreria Editrice Vaticana e il Gruppo Rizzoli. Alcuni suoi libri sono stati tradotti all’estero. Tiene frequenti conferenze e nel corso degli anni è stato invitato come esperto di angelologia a vari programmi delle reti televisive Rai e Mediaset.

Ariel S. Levi di Gualdo
LA SETTA NEOCATECUMENALE

L’eresia si fece Kiko e venne ad abitare in mezzo a noi
I edizione settembre 2019

Due sono le principali eresie del Cammino Neocatecumenale: una percezione calvinista dell’Eucaristia e la confusione tra il sacerdozio comune, al quale partecipano tutti i battezzati, ed il sacerdozio ministeriale di Cristo, al quale partecipano solo i ministri in sacris.

Colpendo il Sacerdozio e l’Eucaristia, strettamente connessi l’uno all’altra, si colpisce la Chiesa al cuore attraverso alcune delle più antiche eresie di ritorno.

Di fatto, i Neocatecumenali, costituiscono una setta di matrice ebraico-protestante, che di cattolico ha solo l’involucro esterno svuotato all’interno degli elementi fondanti del Cattolicesimo.

Il riconoscimento amministrativo a loro concesso dal Pontificio Consiglio per i laici, non obbliga affatto vescovi, sacerdoti e fedeli cattolici a una adesione di fede nei riguardi del Cammino Neocatecumenale, che non è certo un dogma, bensì un tumore con metastasi, diffuse all’interno della Chiesa anche a causa della debolezza mostrata dagli ultimi Sommi Pontefici.

Ariel Stefano Levi di Gualdo (19.08.63), presbítero e teologo. Dirige dal 2014 la rivista di teologia ecclesiale L’Isola di Patmos, da cui nascono le omonime edizioni. È autore di centinaia di articoli di carattere teologico storico e socio-ecclesiale. Tra i suoi libri:Erbe Amare (2006) Nada Te Turbe (2009), E Satana si fece trino (2011) Prete disoccupato (2012), Quanta cura in cordibus nostris (2013).

Ariel S. Levi di Gualdo
E SATANA SI FECE TRINO
Relativismo individualismo disubbidienza
Analisi sulla Chiesa del terzo millennio
I edizione 2011 – II edizione: maggio/giugno 2019

Quando il fumo di Satana penetra all’interno della Chiesa non andrebbe temuta la sgradevole verità ma la gradevole menzogna, consapevoli che saremo chiamati a rendere conto a Dio non solo di pensieri, parole e opere, ma soprattutto di omissioni.
Caduti come pioggia cinque decenni di bizzarrie dottrinali e di stravaganze liturgiche, i risultati si sono infine dischiusi: il clero cattolico è travolto da gravi scandali morali, mentre la Chiesa è condizionata al proprio interno da una potente lobby gay che determina nomine, carriere e riforme.
Quella della Chiesa odierna è una crisi originata da una profonda decadenza dottrinale che ha generata una grave crisi morale, alla base dell’una e dell’altra c’è la distruzione del principio di autorità, dal quale ha preso vita il golpe della peggiore risma di dittatori: gli eretici al potere.

Ariel Stefano Levi di Gualdo (19.08.63), presbítero e teologo. Dirige dal 2014 la rivista di teologia ecclesiale L’Isola di Patmos, da cui nascono le omonime edizioni. È autore di centinaia di articoli di carattere teologico storico e socio-ecclesiale. Tra i suoi libri: Nada Te Turbe (2009), E Satana si fece trino (2011) Prete disoccupato (2012), Quanta cura in cordibus nostris (2013).

Aprite le pagine sotto per visionare i titoli e per ordinare i nostri libri: