Et sublata est de Motu proprio a Benedicto XVI intimaque fruitur familiaritate eius, ostendit quod aperuisset: infelix, inconueniens et nocivis

— I video delle lectiones magistrales —

ABOLET Justitia SIA MOTU PROPRIO DATAE XVI Missam in excelsis, Probassent temptare VERITAS: INFORTUNATUS, Et INDIGNUS INIMICUS

.

A triginta sacerdos accipit qui autem faciunt traditionalist Tridentinum, quod trahit ex essentiali, ubi educata erat neque culturae celebraturi apud Missalis sancti Pii V? Simpliciter dixit:: sacerdos celebraturus qui volebant de Missalis sancti Pii V deberet studere quod in structuram ritus et annos pro annis, secretum theologicum sensum suum, et evolutione eius in saecula; ritus ecclesiastici ac pastoralis quia dimensio non est in. Alioquin non erit in pejus quam quidam a ABSURDUS sacerdotes qui faciunt adprobata sunt dicta sunt typicam Missalis Romani a Sancti Pauli VI.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

in hoc Lectio Spero autem et explicare cur Scaeuola pontifex maxime, ut procedamus ad usum Missalis sancti Pii V concessa 2007 col Motu Proprio Summorum Pontificum Benedictus XVI liturgia romana.

.

Muovendomi in Oretanos Carpetanosque historico-theologice, Et explicare quae prius erant in fines liturgicam renovationem a Vaticano II. Emendatio quae in Ecclesiae opus, sed eventus cuius, hodie, Non est multum ut de.

.

egoNemo sine acceptione personarum discretione, quod analyze ut sisterent modo explicare non posse assumere reditus ad praeterita quaedam, quae ex eo neque mutabunt. In eodem tempore,, sed, Ego explicare quid sit urgere ut remedium pone manum tuam, facta est reformationem liturgicam instaurationem respicientia de sacra Liturgia pro fecundos fructus protulit est theatrum RIDICULUS de rebus et personis celebrantium, hoc trahunt donee discordes declinantur, loco entis alicuius demonstrationis orantis simul expressio ratio universalis Ecclesiae per Christi ipsius sacrificium Domino qui renovatur in agnitionem secundum Missam Sanctus.

.

De Insula Patmos,, 7 May 2020

.

.

.

.

DE YOUTUBE CANALE Insula quae appellatur Patmos

.

DE VIA insula quae appellatur Patmos

.

Audio MP3 modo video

 

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
.1

ad reddendas Editionibus Pathmos insulam

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Quid vis ut faciam tibi ?

mail novum

Avatar

About isoladipatmos

115 cogitationes on "Et sublata est de Motu proprio a Benedicto XVI intimaque fruitur familiaritate eius, ostendit quod aperuisset: infelix, inconueniens et nocivis

  1. Patres referri de In insula, quæ appellatur Patmos, in editis semper probaverunt et ipsi legentibus 'comments, ut permanere autem publish. Infeliciter, locis praesertim cum philosophiae, historical, theologicas nec non pastorales, pugnantis expugnabuntur a ventura est nuntia scripsit pugnae aviditate quod, etiamsi careant basic doctrina catholica fundaverunt, dici acroasis “vera theologia”. Respondeo dicendum quod nostra pastoralis nos cor est semper ducitur ad hoc praecipue genere legentibus, sperans se intelligere mentem inducere male conceptus paenitentiam. Propter, ultro contumelias nuntiis missis plerique portavit. quod, sacerdotum, ex diebus nostris nos Deo ad causa, constituimus abiicias omnes comments irrelevant, commentaria in memoria sunt,:

    1. comment in hoc articulum de merito, quod est in;
    2. quaeritur de iudicio ferendo;
    3. criticum iudicium pertinere dicunt omnino etiam negativus, dum fit praecise et reverentior via evadendi sterile studium controversiam unum propter finem contentionibus ipsam.

    Quoniam praesto sunt a comment 1800 characteribus. Omnia videre lusorem in frusta misitque in tres partes, et cujuscumque contentus iacto.

    Editorial et virgam, quæ appellatur Patmos Island

    1. A vere interesting video. Ego admirator antiquae liturgiae, circa quos ordinaverunt partem studiorum iuxta ritum Ambrosianum. Bene, Fateor multa tam de simplici accedentes antiquum exoticism, alia desiderantur (Et itur ad Missam, quia antiqui non est LEPIDUS,), gustus praeteriti (non quod amor est pugnans Traditionis) et quasi elementum simplex quippe est ponderis historical (Ordo Divini Officii Recitandi Missa celebratur ad videre vetus, quae fere nullus respondet ad castra X participat et pie vivamus). Credo quod est participare in sacra Liturgia in antiquorum opiniones doctrinales modo a non-, ut vivi mortuos aliquam fidem,, sicut impetus aquarum flumine veterum adoratio non quo iam cinis (idealized, recte dicit, sicut Pater Ariel) quod est super

    2. Pater gratias ago tibi Ariel, quae tandem tua lectio explicat. Impetus a Catholicis pati clavi quadam mente turbida, quae orientationem reiciat quae vult et vocavit traditionalist liturgicae reformationis et ad Concilium Oecumenicum Vaticanum II,, et adtende ne impetus generis sollicitationes Missam Sanctus (Novus Ordo Missae) in parochiis, ut esset, “haereticus”, Tetenderunt ergo haeresis non eris cum tumultu. gratias ago

    3. Gratulationes cara Rabbi Levi. Iudaei intellexerunt quod ex omni occasione faceta. Et bene sit. Secundum eius enim ergo a nativitate seminarian qui natus est de causis non intellego non enim religionis munus tempus prope plene viget monitio Pauli Mesto? Deinde in Traditione transmittit FFSPX seminaria fieri non?
      Quam ob rem prohibitae sunt ad eam invitare TV … Congruentem fovet removere vestem talarem, et mutavit aspersione pulveris os ex vagabundos inruisse in theologia, quae exhibet quod vos non intellegetis ea ….

      1. Pater, ut dicitur Ariel, et quoque confirmat quod Magisterii Pontificii, Vivit virtus Traditionis. Non Traditione traducitur in Seminariis Fraternitas Sacerdotalis Sancti Pii X., sed "ratio inperfecta, quia non satis ex naturae viventis Traditionis, quod – sicut Concilium docuit Vaticanum II docuit evidenter – illa trahit originem inde ab Apostolis traditam, in auxilium Spiritus Sancti in Ecclesia proficit ad: intellectus quidem, tum rerum ac verborum traducitur, crescit et fidelium studio meditationis, qui fecit mirabilia in terra in cordibus suis, tum de intelligentia, quod pertinet experiri spirituales sunt abyssi, cum ordine episcopali qui praedicationem charisma veritatis certum acceperunt. Sed supra omne, quod opponitur pugnans Traditionis notio est universale Magisterium Ecclesiae, Corpus Episcoporum Episcopus Romae amet[…]" [Motu proprio "Ecclesia Dei", Datum 2 July 1988 a S. Ioannes Paulus II]. Ego certe Pater non quasi Ariel theologus, hic autem Ecclesia est Papa per evidenter, etiam, Ut addere, problems et provocationes, qui sunt in ecclesia habitat in praesenti non solvitur per dreamlike et se abdiderit in praeteritum idealized, quod, recordatus est in Patre quod ab Ariel erat lectio sine problems et abusus. Fabula de saeculorum mundi quinque Ascraeumque cano descripsit per "opera et dies" non applicantur ad ecclesiam, quibus, de aetate aurea, Nos denique aetas ferrata dolor…

    4. Et quod ignotum est genuisse reticentur Missalis sancti Pii V adhibetur ut pick: necessarium commemorare nomina historicis et Theologi,, studiorum universitatum doctores, auctores, diurnariis, bloggers, secundum quod est ecclesia, quae falsa per haec Nobis occurrit esse quod factum est, Turbati perderent? Cum Júbilo, peius a tergo, commotus his quasi de, in aliam, Nuntius qui sunt propria revelationists caelestis: cum ab hoste non conteram in Ecclesia Christi, (habemus promissum tuum), qui persuaderet eam verberare pro nocte et Papam, episcoporum, in sacerdotes, et fidelis. Humilitatem posse simulari, obedientiam costs - constare potest,- fatigatis aptum

  2. O Ariel Caro,

    quod ego didici, Oecumenitum Concilium Vaticanum Secundum has adducti Rahner: subscriptionis cum non sit, sententiae ianuae Basilicae reliquit; quo in tempore fuisset transgressus per sectatores illius thought. An magis iure humano habet tamen condicionibus idolatriae nolle adquiescere pro multitudine et doctrinae catholicae quoque Ecclesiae duces ducens ad relativize etiam verba Iesu, ubi ad quandam in dextera Dei misericordiae, ut salvet nisi quisque lucifer (etiam nunc).

    Haec formula pro consecratione vertit deflexionum perspiciantur “omnia solvit” quam mutatio in nostra ad Patrem eo eliminating “iudicii / temptationem” narravit ergo iudicium tollere possibills. Ut intellegant qui haec sciunt antiquo ritu magis instat et egisse, haec, non ante sacrum confugiant trudunt, Et relicto gentilitatis ritu, meretur illud sine dubio habet in Italian.

    Nam sibi fraternitatis in amore autem habeo,, Et invitare vos ad coniungere vestrum conditione hodie apud Ariel, apud Esaiam, 29.

    Fraterni saluti

  3. E. g Ariel Patris,

    Et non audiebat ad rem non pertinent ad illos qui amant quod video Vetus Ordo Missae.

    iudicans sine simulatione, Fateor me non dissentio cogitationes tuae. Sed contra est quod video mundum “traditionalist” Ego semper offendit ones ut saltem inconueniens. Quid, si quidem bene finditur in istis “Missam de Omnia Tempus” aut in “Protestantes a Paulo VI exaratum Missam”, et non invenietis in ambitibus in his omnibus haeresibus quae devastant Ecclesiam rebus horrendis concitus tergum sursum ad ecclesiam paroecialem domum.

    Manifestum est quod non sunt difficultates, sed ita ut insuperabilis est sperare iuberet MOTU PROPRIO DATAE? Puto magis historicae potius hac rerum theologica auxilium vincere maior concordia defuisse quin praesenti vivere cogi posuere aliquam “coetus paroeciae” aut quod peius est igitur theologiae annos blasphemor pro te.

    De abusu, Si primis decades 900 Spargitur Late abusu liturgico (ut exposui antea) et consentire per se dicentes quia hodie sunt sancti Pii V et missa optime est tandem celebratur!

  4. Necessarium videtur meminisse MOTU PROPRIO DATAE id est simul et per remotionem ad et a communione Lefevrians.

    Tunc volumus quod voluit Pontifex sic excommunicatio non ad ritum (tunc a daemonio vexatur); cum sibi nova Ecclesia communionem suscipere possunt, quicumque volebat, exstat oblatam occasionem pulchritudinem Missalis priore. In facto, Pontifex, quod est specificare, nullo modo possunt in usum orationis Ecclesiae, quae volvente millennio potest considerari a medium per legem, praesertim si autem non est rogarentur abrogarenturue curare decuit.

    Animo certe nulla est in praeterito XVI, sed melius est recuperatio praeterita futuris electionibus cito sepultus. Fortasse ita est indicere et dirigere ad reformationem liturgicam instaurationem respicientia desideravit, quae non est launched. Et post Concilium Vaticanum electiones falsus propter nefanda pressius seu ad hermeneuma pertinere ad saltum inter pre nimietate post Concilium expleti et in ecclesia.

    De fama est valuable Fr.. Ariel, tamen EGO iustus non intellego cur ratio parum studiosi exaltatum est omnino reprehendere solebat facultatem celebrandi in veteris ritus. Eadem ratio est deroganda Missali VI longe pluribus actibus liturgicis abusus fanatici ex altera. Si quicquam, pro eo quod postulat veteris ritus et alta praeparatur celebrantibus eo quod fidelis, satis apta ad participationem liturgicam commendetur praeparatoria cursus.

  5. Ariel pater mi,

    Saepe ego non concordant cum views, sed non oportet quod hoc quod est vendere. Ego plene conveniunt cum id quod scripsit vobis,,quod Summorum Pontificum ideam esse malus, Dico enim hoc non obstante habens infinitam habet aeternitatem estimate Papa hn XVI.

    Missale Romanum a Paulo VI promulgatum non exstant, apte componendas cum praedictum Pii V, et si hae ad illas non iam nunc aboletur. Quod non aboletur, sed etiam in desuetudinem abiit, et viventem per traditionalist coetus tenentur induratus, sed, mihi iam non est presentable in hodiernae societatis,. quod Summorum Pontificum, nati sunt communionis et solvere difficultates vitare Lefebrvians in fragmenta dissolutionem et in ecclesia, quae utrimque a defuit, quam iam partum discidium.

    Pius V Missale Ecclesia reformata est ergo deponere Ecclesiae,Ecclesia enim graditur, perge, doctrinae stabilis manens, tradito continentur et fidei,.

    Omnis relinquens sicut est hodie, Missale facit Pium nihil iniquius redigit illud vexillum doctrinae.

    Euge tibi adsentior, O Scaeuola pontifex maxime Summorum Missalis Pii V posuit Atticum.

    1. Dicens es qui pergit cum deflated tres rotae et ipsi labio coronam in terra sit solum dimittant: parce, quia rota est aliquantulus’ impolverata.
      Et ego non sum traditionalist nunquam Attendi autem Veteris massa Ordo Divini Officii Recitandi (Ut ne quidem scire ubi ire), sed,

      a) Ego enim non invenio in eo pulchra vocatio traditionalistae qui facere voluerunt (Thesauri ecclesie necesse est non esse a daemonio vexatur;
      b) licet aliquo modo debemus moribus quominus quicquam arcent);
      c) quae quamdiu ibi est reformationis liturgicae reformationis est, maxime sapiens ut veteris Missalis ad vivere, nec dolet, ut dilatare signum falsum impressionem animarum.

      Quae nocent, qui est ex fide est damnum consequitur est pollutio liturgiae.

      1. carissimi Stefano

        si ego intelligo suam metaphorice, repraesentantur tres Lectiones VI deflated rotae;in rota non pulvere impleat tumet Missalis Pii V?

        E’ certus quod ita se res habeat, et vere sic erat perfectum Missalis Pii V scriptor? Missa vero hanc et Missali VI heresum et errorum? Medium vero puto nescio: cur ita semper ac peremptorio extremistas?

        Primum omnium Interrogabo vos et ego: Atque illud Concilium Tridentinum erat implemented statim, vel aliquo tempore Tulit? Et accepit meam humilem opinio fuit quod sensim et sic quod perfectum petita est,, nisi quinquaginta annis post renovationem a Vaticano II? Nos ergo certa sint qui in praeteritis, et sacram Liturgiam tam perfectum, impeccabilem,quam vellem credere,? De S. Alfonsus Maria de libello legere’ Maria de 'Liguori,qui inscriptus Missam et officium diripienda Contra dici. S.Alfonso, libellus in eo, querelam de abusu, neglegunt, Stabat masculum etc celebramus.

        In meam humilem opinionem, si ecclesia habetur quod religionem instaurant: appropriare, est quia illa non esset ipsius Pii V ritum suum satis idoneam, mutat et prohibere societatis tiens quasi civitas quae vastatur. Ne nos oblivisci quod ignorabas tu et patres Consilii ad Missale praedictum Pii V bene, sed etiam delictis suis. Et participes explicatione by Ariel celebrántes Coram Deo E ad orientem, ita etiam celebrentur ad orientalem persolventes coram populo. Et Missale praedictum Pii V usus est, sicut a quadam ideologia, qui cogitant vexillum, quod est ecclesia…

        [N.d.R. nuntius venit ad finalem damnationem cum mutila,, maybe a word is missing, et hoc modo dat speciem nemo Conscidisti]

        1. quaerere, coloris ex notionibus vexillorum. Sententia, sicut unum, ut sic crescerem ad ineptias editiones eiusdem liturgici operis tandem cessaverunt ab correpta sacerdos super fidelium, uel, qui et recubuit massa utrem invicem aspiciemus. Volo ut vivat in mundo (in Ecclesia,) hi repetere coactus est, non credunt, et homines in quibus ineptias. Sicut enim vocationem non-polluat ritus sacerdotes qui, et antiquae unus, etiam, Iesus diceret “vos estis in medio eorum semper habetis”.

          1. Neque tamen interim obliviscamur, quae cum multis de liberi ipsae current et successoribus nostris de abusibus, factum est ante Concilium: exempli gratia, in iure canonico ipsum ieiunium et dixerunt omnia quae vertitur in usu slurred, missa ad singula prope, ex EP II (qui dicitur fieri sicut etiam ieiunium) pro altera orationis Eucharistic
            et prudentia abusus ex defectu provenit Mysterii eucharistici institutio pauperibus (et saepe etiam iniuriam)
            etiam, II conatum fuisse antequam sacram Liturgiam fideles doceant, post haec (e andando contro Sacrosanctum Concilium) relinquitur quod tota, quia non ita sunt pro certo habentes, cum in vulgarem, Intellexit profecto quae fidelium! Quod ita completum est prorsus falsum esse.
            et etiam magis in mea sententia est hallucinating ut fidelis quis in Liturgia participate nisi ea Italica (tum vero passive) qui fidelis est ei qui do idem latine.

            fidelium participatione tamen ignorantibus fuit extraordinarium in liturgiis intelligamus paulo’ obstrepentes, et haec forma habet comparari potest ipse Ordinarius me experior, ut trudi intelligere significatione, quae est a celeberrimis quibusdam, legere multum (vel certe non ab auctoribus traditionalist) Itaque melius participare F.O. (EGO plerumque participare)
            ni copia tamen obvius F.S. (ubi occurrit multis vitae orationis, qui me in mercimoniis) Hoc autem numquam

  6. cara lectores,

    anch’io come Padre Ariel sono un prete cinquantenne e posso dire che purtroppo non sempre le persone comprendono le sofferenze alle quali noi preti siamo sottoposti.

    Quelli della nostra fascia d’età, quod Motu proprio lo accolsero così: una fascia di preti con profondo disappunto (al punto da dichiarargli subito guerra), una fascia di preti con profondo favore, dandosi da fare nel favorirlo e, Fas est dicere,, anche con l’appoggio di molti vescovi diocesani, quorum aliqua, dopo la sua promulgazione si dettero subito da fare a cercare tra i loro presbiteri dei sacerdoti, ovviamente perlopiù anziani, in grado di celebrare con quelvecchio ritoda loro celebrato prima della riforma liturgica.

    Credo di poter dire, senza voler parlare anche per un confratello, che entrambi, p. Ariel e io, siamo sempre appartenuti a questa seconda fascia, lo prova non ultimo il fatto che siamo in grado di celebrare in modo più che buono con il Messale di San Pio V, conoscendo il latino, sapendo come questo messale si articola, conoscendone il senso storico, teologico e liturgico.

    Purtroppo gli entusiasmi si sono stemperati quando, in breve tempo, ci siamo ritrovati con gruppi di fedeli ideologizzati e bellicosi che pretendevano di usare questo messale, quindi noi preti, esattamente per ciò che p. Ariel ha ottimamente illustrato nella sua lezione veramente ed equilibratamente magistrale: per dare contro alla riforma liturgica e a un intero concilio.

    Gli amanti di questo rito rispondono sostenendo che quelli da noi lamentati sono solo casi limite e che il grosso è costituito da persone che desiderano partecipare a una S. Messa molto raccolta nella preghiera e improntata sulla più genuina spiritualità.

    Siccome a celebrare siamo però noi preti, non invece questi difensori, la domanda che essi dovrebbero porsi è semplice ed è la seguente: perché numerosi preti hanno poco dopo riposto questo Messale nella biblioteca liturgica e si sono rifiutati di tirarlo fuori mai più, dopo essere rimasti profondamente bruciati e amareggiati da questa gente in cerca di divisioni e di lotte, corrispondente a numeri per nulla esigui?

    Abbiamo riposto quel Messale nella biblioteca liturgica proprio per i motivi spiegati da p. Arihel, e si tratta di motivi che costituiscono casi per niente limite ma purtroppo numerosi.

    Dispiace udire laici che dicono a noi preti e a noi celebranti che le cose stanno invece in altro modo. Se però come loro asseriscono le cose stanno in altro modo, allora noi, con chi ci siamo ritrovati ad avere brutte esperienze sino a rinunciare a queste celebrazioni? Perché come dice giustamente p. Arihel, noi viviamo nel mondo del reale. Non è che invece, chi vive nel mondo “eius” o nel mondo dell’irreale, vuol dare a intendere a noi come vanno le cose?

    1. Caro don Claudio, io penso che lei ed altri abbiate fatto la cosa giusta a riporre il vecchio messale nello scaffale se la vostra esperienza non ha prodotto i frutti auspicati. Altro, sed, è richiedere l’abolizione del MOTU PROPRIO DATAE obbligando tutti a farlo e negando in principio che tali frutti siano possibili, e dando quindi ragione a chi sostiene che quella sia roba intoccabile e inguardabile da cui può solo scaturire il male. Io questo non lo posso accettare, mette in crisi la mia fede.

  7. O Ariel Caro.
    Spiacente ma dissento, poichè mi sa di autoreferenzialismo
    Sono contraria ad abrogare il motu proprio, non è la soluzione per i problemi. È già una dichiarazione di guerra. Oltre ciò, il marasma di pregiudizi che hanno preti come lei, sul mondo “trad”, mi paiono assurdi.

    La Messa riguarda Dio, Non est homo, mi pare Sacrosanto essere rivolti “ad orientem”.
    Bugnini ha proposto qualcosa di totalmente discostato dal Concetto Cattolico Romano, non può negarlo. La Santa Messa è un Dogma, che va trattata Santamente.

    Vero è però che le riforme post Concilio hanno germinato folli e irresponsabili per “sacerdotes,”. qui, infatti sono d’accordo ad una riforma della riforma. Il canone del Concilio di Trento, anatemizza chi modifica nel senso di stravolgere il significato dei Riti e chi vuole totalmente abrogare la Lingua Latina. tum, penso che semplicemente si poteva fare benissimo una Versione con più Italiano dello stesso messale di San Pio V, lasciando allo stesso tempo la messa interamente in latino, che male c’è?

    Trovo cattivo e disgustoso il comportamento di certi ecclesiastici anche nel passato di demonizzare addirittura e perseguitare chi dice Messa in Latino.

    Questa cosa, non è un punto a favore della Chiesa e della sua unità, ci sono molte differenze tra Veteris E Novus, differenze, che si ripercuotono sulla Fede. Infatti il disastro morale viene da lì.
    Perchè a coloro che sono venuti dopo il 69 si sono visti negare questa Bellezza Liturgica? Ricordo che Cristo venne a dividere la Verità dalla bugia, questo scatena le ire. Aboliamo il Vangelo? Secundum…

    1. Cara Annamaria,

      quando non si conosce, a quel punto sarebbe bene domandare, ascoltare e imparare. Lei invece non pare propensa ad ascoltare, ma in parte a insegnare e in parte a dare giudizi di una severità terribile. Peraltro lei insegna a chi ne sa parecchio più di lei; ma non solo perché celebra i sacri misteri, ma perché conosce la dogmatica sacramentaria e la storia della sacra liturgia con tutte le sue articolate e complesse evoluzioni e variazioni avvenute nel corso dei secoli nell’ambito della disciplina dei Sacramenti.

      Lei mi accusa di avere pregiudizi? Ebbene io le replico di avere rivolto questa accusa a una persona che ha dedicata tutta la prima parte della sua trattazione a spiegare i limiti della riforma liturgica ed i problemi che ne sono conseguiti nel post-concilio.

      Lei confonde poi la posizione ad orientem con la posizione coram Deo. in facto,, escludendo cappelle private od oratori interni, per esempio alle case religiose, semmai ricavate da un locale dello stabile, tutti gli altari delle basiliche, chiese parrocchiali e rettorie, sono volti ad orientem.

      Sappia pertanto che si può celebrare da sempre ad orientem volti coram populo.
      Et non sapiunt, Ideo dico: lo dice l’architettura delle chiese più antiche, a partire proprio dalle basiliche maggiori romane. O non ha forse mai visto come sono posizionati gli altari della Cattedrale di San Giovanni in Laterano, della Basilica di Santa Maria Maggiore, della Basilica di San Paolo Fuori le Mura, o della Papale arcibasilica di San Pietro con il suo altare della confessione? Su tutti questi altari, già secoli e secoli prima della riforma liturgica degli anni Sessanta, si celebrava ad orientem volti coram populo.

      Bene, quello basilicale è l’altare più antico del quale abbiamo tracce, prove e testimonianze archeologiche che risalgono alla prima epoca apostolica, lo provano le catacombe e le prime basiliche paleocristiane.

      Tacciando di «comportamento cattivo e disgustoso» certi ecclesiastici, et ego, che a suo dire «demonizzano la Messa in latino», lei fornisce ulteriore riprova di commentare in toni acidi ciò che proprio non ha ascoltato, infatti io faccio presente e ho auspicato il ritorno all’uso della lingua latina. Quod si lex, prima di sparare a raffica avesse appunto ascoltato, sul finire del video avrebbe trovato tutte le mie spiegazioni in tal senso.

      Sempre a triste prova che non si è nemmeno premurata di ascoltare il video che pure commenta in siffatti toni severi, lei fa un uso improprio e disinvolto del termine “dogma,”. Allora le ricordo ciò che nel mio video spiego con ineccepibile rigore teologico sin dall’inizio: “dogma,” non sono tutti gli accidenti esterni o le forme esteriori, ma la sostanza della Santissima Eucaristia istituita da Nostro Signore Gesù Cristo. Lei confonde invece l’elemento accidentale esterno con la sostanza immutabile e intoccabile del dogma, cosa questa gravissima che denota una mancata percezione di quelli che sono i fondamenti sostanziali della fede.

      E qui mi fermo e concludo dicendole: lei Signora è un’ignorante nel senso etimologico del termine – quod: colui che ignorae come tale non può dare lezioni di dottrina e di sacra liturgia né a me né ai miei confratelli. Et hoc, non glielo dico per reagire in modo stizzoso a ciò che ha scritto, minimus omnium – Dio non voglia! – per offenderla, ma solo per correggerla, perché ho l’obbligo pastorale di farlo, ossia invitarla a ravvedersi da certi evidenti, palesi e gravi errori.

      Ribadisco infine: lei è parte di un nutrito esercito di persone che, a me come a molti altri miei confratelli, tutt’altro che prevenuti, ci hanno indotti a tenerci lontani dall’usoperlomeno pubblicodel Messale di San Pio V, per evitare di dare appoggio, voce e pretesti di lotta proprio alle persone che ragionano in modo sbagliato come lei e che pretenderebbero di usare un Messale e una Santa Messa in cosiddetto rito tridentino, per rigettare di fatto la riforma liturgica e un intero concilio della Chiesa. E nessun sacerdote, che sia un autentico pastore in cura d’anime fedele servitore della Chiesa, può mai prestarsi a nulla di simile.

      1. Caro Pater Arihel.

        Rispondo che ho visto il video.
        Pur avendo parlato con vari sacerdoti a riguardo. Nella versione San Pio V, il fatto che il Sacerdote da le spalle al popolopreservadalle distrazioni per principio, a differenza di come celebra lei. È un aiuto ad evitare distrazioni, uno tra i vantaggi. tum, prima cosa ancora, aiuta la concentrazione al Sacrificio.

        Le ho detto di avere pregiudizi, per rispondere al fatto che lei nel video ha detto che nel gruppo della messa di sempre c’è gente che pensa sia tutto puro e spirituale. Oppure ha definitoi celebranti del mistero buffoi sacerdoti che celebrano tale messa.

        Ho visto il video e come lei si è posto.
        Ma va da sé che sono iol’acida”, sapessi quante volte me lo hanno detto. Ma sorvolo sopra.
        Se sono acida, Veniam in me, cercherò di essere più diplomatica.
        Nam cetera, togliendo queste cose sono in gran parte d’accordo sul fatto di avere una riforma della riforma.

        Ma di certo, non comprendo il motivo per cui la Messa in Latino debba sparire, per giunta quella cantata.
        Quid suus 'iniuriam? Obiter, lei ha una bella voce intonata.
        tum?

        Bisognerà cercare di rifare tutto d’accapo e meglio.
        Non comprendo il motivo di tutti questi cambiamenti. Infatti i Papi che hanno modificato nell’epoca, non hanno mai cambiato la posizione del celebrante. Caso? Obiter, la liturgia so bene che prima del 1500 era diversa, ma bisogna contestualizzare. La liturgia si è perfezionata nei secoli, solo dal 69 ad oggi l’hanno degradata. Non potete cancellare oltre 1000 historiae annorum.

        😊

        1. Cara Annamaria,

          sono veramente dispiaciuto che lei fraintenda, per questo ritengo opportuno spiegarmi: proprio perché lei ha frainteso.
          Il video in questione è un documento non passibile di smentita, ante quem, ancòra una volta, lei mi attribuisce ciò che io non ho detto. magis: lei mi imputa l’esatto contrario di quello che ho detto, prendendo una mia frase, capovolgendola e indirizzandola a chi mai io l’ho indirizzata.

          «[…] ha definito “i celebranti del mistero buffo” i sacerdoti che celebrano tale messa».

          Non igitur, lei stravolge totalmente le mie parole, perché testualmente ho detto:

          «[…] certi miei confratelli sono passati dagli abusi liturgici a buffonerie filmate, documentate e messe in circolazione nella rete telematica per far ridere le persone su questi preti giunti a mutare il sacro in un teatrino. E per caso vi risulta che qualcuno di questi sia mai stato sospeso a divinis dal suo vescovo e mandato per un anno in un monastero di clausura, con l’obbligo di studiare i fondamenti della sacra liturgia, prima di tornare a celebrare la Santa Messa? Utique non! Semmai quel vescovo se l’è presa con me quando gli ho detto: “Voi vescovi non potete lasciare certi preti liberi di scandalizzare il Popolo di Dio trasformando i sacri misteri nel “Mistero buffo” di Dario Fo” [Cf.. Mistero Buffo, opera teatrale satirica del 1969]. Con la differenza che “Mistero buffo” è un’opera d’arte, al di là di certi eccessi satirici, mentre le buffonerie fatte all’altare da certi preti, sono dissacrazioni grottesche e spesso ridicole».

          Io sto rivolgendo, per perspicue totidem disertis, in tutta la prima parte del video, delle critiche a quei miei confratelli che con il Messale di San Paolo VI fanno abusi liturgici rasenti purtroppo, interdum, le vere e proprie buffonerie. Non imputo ai celebrati con il vetus ordo missae di celebrare il mistero buffo. quia, in tutta questa prima parte, Ex reformatione liturgica perceperunt quod loquor, non omnino persuasum et designandum quod et factum est post liturgicam emendationem consilium,.

          nunc, si continued verba mea, et illam imputare et vehementer angebat quod neque non dicunt,, omnia a me testamentum cum optima, dica mihi: quid dicere?

          1. Et ego veniam.
            autem, Et dico, quod non est solutio ad peto Achaei, quod Motu proprio datae.

            Sic quidam errores sciendum est,.
            Figi adhibeant expediuntur.
            😊
            Si forte faciat titulum video in pota excitet,In mea sententia,, quoniam seductio.

  8. Dic veritatis Patrem
    quae est a interfectorem professional

    Post Gospari et traditionalistae et occidit sunt 😂😂

    quaestione gravi…:
    Graeca lingua sed non ex Evangeliis?
    Et Massa “semper”
    quod si non celebrentur in Graeca?
    Peto ad amicum

    ps:
    Ariel habet suavi dulcique sono canitur
    😂😂

  9. Claudio: O pretiosa,

    Intelligo te invitare eius ad eam et amaritudinem accipere a propinquus inviso eorum quae credit amaritudinem “vultus parumper acies, contentionibus”; Sed etiam accepit ut essem tunc in doctrinalibus drifts progressus quasi procedentes a Deo concessa et quae tantum non possunt sanationem mali Socialistae.

    quod Vetus Ordo Divini Officii Recitandi sicut anchoram habemus in oculis capto, ita quod non potest gravari vena praeceps citato modernismi via est sed foras mittetur qui habet ianuam sed ex omnibus quae reddidit fenestra. Non est Ira justificandi viderit afflictionem illorum qui non ita intelligo, quod hoc scelus ut recedamus a violentiæ, cunctorum hominum, qui, ex eo quod in hoc casu non ignoro.

    Et regnum pacem nobis promissa est, in Vetus et Novum Testamentum, etiam antequam in Medjugorie et inveniam illum nimis sacerdotes qui resistunt veritati reginae et pacem, primum quidem certe spectris autentica cognitarum. Sed quis usquam ventura praescivit et omne genu flectere ad te in nomine Domini.

  10. Servatis omnibus,Nitor intelligere autumant accidisse, qui potius Pii V missa est scriptor. Nescio, quid non invenio?
    Pium missa saepius obivi, Et quaererem intelligentiam istas rationes laudantium, sed modo poterat, sic erit mihi certe erit finis.

    Quid nunc tibi ut sacrae liturgiae, Latine? De situ coram Deo? Gravis vestimentorum liturgicorum orna- mentorumque? In ritu Liturgiam curare? Ego vere non intelligere,. Ego puto hoc est in praesumptione, Ignosces enim patiar, sed quod volebant constituere Iesu?

    Detracta est ad plenam vocis Spiritus Sanctus Pius V, quantum ad id quod institui volebat Iesu? mea impressionem, participating in salutári tuo, qui erat ex rituali de elementis, quae movetur per se in luce collocari, ut de Luthero est respondebit, presbyteratus constituti et negatione transubstantiationis, sacrificali Missæ, quemadmodum est saepius negavit quod ab haereticis. Quod erat rectum in hoc saeculo XVI, et catholicae Ecclesiae discrimen, in medio, et cum valefecissemus invicem ascendimus, Transierunt annos centum quinque,, mutatis vicibus, periti nos Concilii Vaticani II quod in lumine collocaverunt ecclesiologiae communionis, secundum magis et ad testimonium hac fraterna communione et missa est.

    Protestantes dialogo quem nobis separati communionem fratrum,quia essentia, quibus christianismus diffusus est caritas

    1. Solum vero in christiano cultu evenit inter res perditas est Iesus.
      qui dixerunt, quod est inconveniens dicere,, idest ad Protestantes salutári inventa, et quod, e conuerso, Nunc eam abrogari oporteat eos reconciliet. Nam praeterquam quod iam est praedominantibus Protestantium ecclesiam in fide et vita, ut multi catholici videlicet theismum practical sicut haeretici fratribus, Iam ipsa sua persona Ecclesiae ideoque, aut quæ societas non potest esse nisi donum vitae sacramentalis largitus foras? Si fieri potest, verae communionis manifestatio non solum reditus e protestantium numero sacramentorum, hic non catholicis desertio.

    2. Argumentum ad fssto allegata non videtur mihi esse gratum. Ipsum massa Piana, sicut quod est celebrentur in paroecia , non multo magis requirere quam molem celebrentur in paroecia hodie. Et omne debitum respectu ad Gregorianists , et raro usus est cantus stabilis. Et factum est, cum saepe legere missa celebratur “cum canticis” (hoc est obedientiam, et devotionem carmina, qualis non semper est optimum). . Just imaginari aliquid quod non praeterita meminisse, quod hodie.
      Non ita aestimabit sed ad querimoniam ut in variis contextibus eo tenditur hodie ostentationem ad gustum “loaded” Neque alienum est, si improprium, magis quam vim facit. Fortunate, illic est nemo, qui de cleri penuria incitati atque coetibus sequi gravissime a sanus statera.

  11. Caro Pater Arihel,

    Misi ergo eam privata email ad magis ei qui me admonere.
    Neapoli Romam quando ibam ad laborem, Missa celebratur in die autem illa tempora aliquot ego participatur in a ecclesia in Piazza della Repubblica, Et locutus est ei fere 10 years ago, E, saepe, Et factum est et confitemini illi.
    Postquam prima qui stabant in ministerio celebratur missa quae (Ego memini erat in November Lunae 2010), molem fere 40 minutes, ad considerationem temporis spatia silentii, Oratio et gratiarum actio, Et factum est, ut doceretur miles esset Disputatio ad eam nobis, Neapoli, hinc inter nos disceptationem et choro bongos Neocatechumenals, Et hinc qui transfert nostalgics habuimus annorum circulis rite praeclara studia pseudo-, nostalgic pro regno Borboniorum, amantes antiquae gustum, etc. …
    Et indicat mihi duobus Neapolitano de sacerdotibus qui noverant eam in ecclesiis ego sum est iens ut iam annis, et sacerdotes, qui sunt bene celebramus, studium sacrae, ut.
    In quo percussit quidam interpretes negant sum in testimonio, illam iniuriam facebook eius usque in page, sed puto quia digitus non est negando quod ipsa recta, et adhæsit precise in vulnere: praeter plura bona, multos ex eis, nisi quod interim exclusus ab luxuries quidam ex sacerdotibus, ministrantibus massae molem, Sunt qui odio Missale valida, liturgicae concilium. Quare iidem qui non sentit, tum, negare habent eam!
    Unus de sacerdotibus bonum,, optimum praecipuus liturgus, concionatoris et confessarii, decorum tuae intentae sint ad sanam liturgicos determinaverunt, adtende mihi Neapoli, Eadem eisdem dixit, id est populum Romanum non aliquam excusationem ut a proeliis “sacrilega messa bugniniana” et “Synodo Ecclesiae origo omnium malorum”.
    Hic est sacerdos, non motu progressivo, Sicut sis in optimatium tuae intentae sint ad doctrinam sacrae liturgiae et. Hoc est quare ego quae dico, si contra te usu huius Missalis statutae sunt, quia, aliqui, pro culminibus crepitant, ut quod non postulatis … haec autem sacerdotes, che non sono prevenuti e contrari per partito preso, se proprio loro sono contrari, può essere che in questo motu proprio ci sono state cose che non hanno funzionato? Costa tanto a certa gente farsi questa domanda? O sono troppo impegnati a far credere che nel loro piccolo mondo tutto è sacro, puro, perfetto e più cattolico del cattolico? in brevi, sed paululum’ di sana autocritica no, proprio nessuno di loro riesce a farla?

    1. carissimi Alessio,

      mi ricordo benissimo di lei e le ho risposto in privato.
      La ringrazio per il suo messaggio, mi saluti i miei confratelli che frequenta nelle loro parrocchie di Napoli e che da tempo non vedo, anche se periodicamente li sento.
      Soprattutto tanti auguri e benedizioni per la nascita del suo terzo figlio.

  12. Si puoessere d’accordo con certe critiche puntuali su questo o quel difetto “typical” De euntibus “missa latine”, qua uoce magna et pestilentiae remorantur describis, propagata abundanter, et hi fanatici “latinorum”. Qui autem non est ex culpa remitti non possit Latina qui a Gallicano studio in re dogmatica annis et sacramentali colligatas, (ceteri ignorent Christianos pauci sescenti), sed ipsi in “missa latine”, refugium ab inundatione obscenitatis omiserit, irreverences, quibus exulceratae subjiciuntur paroeciae “genus” Dies nostri, ex utraque parte liturgicus pastoralisque antecesserat.

    In tempore exitus ecclesiae meae parochialis “pes sacerdotum,” invenies antiquis, in psalmis et iuvenes adultorum, qui non pulvere impleat ovilis uniusque Pastoris, sed certe spem in spem verae superno, ex Gallia revertitur “Ecclesia filiam primogenitam” (ah, hoc derat? rigidism!), che portano sulle spalle o per mano numerosi figli che accolgono con coraggio e gioia, e che sanno di avere appena accolto nei loro cuori, non un simbolo, non un ricordo, ma la Presenza Reale, Corpo, Anima, Sangue e Divinità del Dio che hanno accolto in ginocchio con tutta la riverenza della quale le nostre povere nature umani sono capaci.

    Spiace sapere che Lei sarà tra quelli che gioiranno il giorno in cui queste persone saranno private anche di questo porto sicuro, nel nome di una fantomatica “reformationem liturgicam instaurationem respicientia” che si farà attendere per anni, mentre i loro figli saranno abbandonati a catechesi ambigue e banali, sentimentali o,…

  13. Caro Pater Arihel,

    le dico subito che non ho ascoltato il suo video, perché per motivi personali non ho tempo di ascoltare alcun video.
    Quindi lei potrà tranquillamente censurarmi come O.T.

    Tuttavia nell’introduzione lei afferma almeno due cose discutibili:

    a) che possa celebrare in forma straordinaria solo chi abbia anni e anni di studio teologico – quia, celebrare in forma ordinaria autorizza ad essere ignoranti e sciatti?

    b) che siccome lei è dotto e competente teologo, può censurare a ragione un decreto pontificio infelice inopportuno e dannoso.

    Dopo di che, vedo commenti di lettori che, come da molti anni generalmente succede, non sanno dire nulla sui meriti del Nuovo Ordine (nome tristemente evocatore), ma sanno parlar male malissimo delle persone e delle intenzioni di chi si azzarda a desiderare il rito straordinario.

    Perché proprio adesso, proprio in un periodo particolarissimo, lei sceglie di cavalcare questo argomento, mettendosi al fianco di altri cavalieri che da anni fanno i grilli parlanti, e soprattutto sparlanti ? Pure quelli sono dotti e competenti teologi?

    Non sarà che dovendo mettere la liturgia nelle mani di Conte e Lamorgese, la CEIP preferisce semplificare la vita a sé e ai nuovi padroni?

    1. E’ molto difficile, per non dire assurdo, discutere su una esposizione articolata di 50 minuti che l’interlocutore non ha ascoltata, come lei premette, anche perché potrebbe essere che, se oltre a titolo e sottotitolo, lei ascoltasse tutta la dissertazione, potrebbe anche essere d’accordo su quanto ho esposto.

      Le rispondo ai suoi punti “a” E “b”.

      1. Se un sacerdote celebra ciò che non conosce e ciò che non comprende, questa non sarebbe sacra liturgia, ma pura e autentica magia. et dolor,, come spiego nella mia Lectio, molti dei giovani sacerdoti che celebrano con questo rito non conoscono il latino, quindi non sono in grado di comprendere ciò che leggono nelle collette, nei prefazi, nelle antifoneSe quindi da una parte c’è un prete che legge ciò che non comprende, dall’altra dei fedeli che non conoscono quel rito, ma che si sentono emotivamente attratti da esso per ragioni varie, il tutto equivale veramente ad andare nello studio del mago, dove ciò che conta sono le potenti e arcane formule magiche.

      2. Io esercito il diritto di critica entro i limiti concessi e consentiti dalla Chiesa e dal Codice di Diritto Canonico che recita:

      «Can. 212 – §1,. I fedeli, consapevoli della propria responsabilità, sono tenuti ad osservare con cristiana obbedienza ciò che i sacri Pastori, in quanto rappresentano Cristo, dichiarano come maestri della fede o dispongono come capi della Chiesa.
      § 2.. I fedeli hanno il diritto di manifestare ai Pastori della Chiesa le proprie necessità, praesertim spirituales, e i propri desideri.
      §3. In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l’integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l’utilità comune e la dignità della persona».

      non pensa che io possa rientrare nel §3 di questo canone 212?

  14. In realtà la posizione ad orientem è preferenziale ma affatto unica in quanto le chiese erano antiche orientate anche all’equinozio d’autunno e ai solstizi seguendo una tradizione talmente vetusta che si perde addirittura nella preistoria (da Aldo Tavolaro Le favole del cielo ). L’orientamento più frequente nelle costruzioni sacre è quello Est-Ovest perché nell’antica liturgia era previsto che il sacerdote officiante fosse rivolto, sia con il viso che col palmo delle mani levate, verso il sorgere del Sole equinoziale. Di conseguenza nelle chiese paleocristiane, quando l’altare non era addossato alla parete, ma posto tra il sacerdote e i fedeli (come adesso dopo la riforma conciliare) l’Est coincideva con l’ingresso della chiesa cioè la facciata come la basilica di S. Pietro a Roma.

    Quando la posizione dell’altare mutò e fu addossato alla parete, le chiese furono costruite con la parte posteriore verso Est, per cui il sacerdote voltava le spalle ai fedeli e quindi all’ingresso della chiesa, ma continuava a volgere il viso e il palmo delle mani verso il sorgere del Sole. In altre parole il sacerdote rimase fermo, ma si spostò la chiesa nel senso che s’invertì la posizione della facciata e delle absidi. Quamquam, constat, l’orientamento rimase equinoziale.

    Ciò non toglie che esistono chiese costruite sull’asse solstiziale, come la chiesetta rurale romanica (XI sec.) S. Giorgio nel comune di Bari (rectus) che è orientata con l’abside verso il punto dell’orizzonte in cui sorge il Sole al solstizio d’inverno o la chiesa di S. Maria e S. Giacomo sull’isola di S. Nicola delle Tremiti che rivolge l’abside verso il sorgere del Sole al solstizio d’estate. Va ricordato che il nucleo originario di questa chiesa è anteriore al Mille.

    Ma se l’orientamento secondo l’asse Est-Ovest, ossia in direzione dei punti sull’orizzonte in cui sorge e tramonta il Sole soltanto alle date degli equinozi di primavera e d’autunno, è il medesimo in tutte le parti del mondo, l’orientamento solstiziale richiede un calcolo (o un’osservazione) particolare per ogni luogo che si trovi su diversi paralleli. pro exemplo,, la chiesetta di S. Giorgio, orientata verso il sorgere del Sole al solstizio d’inverno, apre con l’asse Est-Ovest un angolo di 32° circa, ma se fosse costruita a Torino (latitudine 45°) l’angolo sarebbe di oltre 34°. Se sorgesse a Londra (latitudine 51°) l’angolo dell’amplitudine massima sarebbe di oltre 39°. Se ne deduce che l’orientamento solstiziale era più elaborato, ancorché discendesse da una osservazione diretta consentita soltanto da un orizzonte non impedito da montagne, colline o altri ostacoli.
    Nel seguente articolo sono ben spiegate le influenze sugli orientamenti dell epoche precedenti il cristinesimo Cosmogonia ed archetipo della Gerusalemme Celeste in Santa Maria dei Cerei a Rometta.

  15. @Nomessatridentina

    lei però parte da una supposizione falsa: che il Rito di San Pio V sia un rito creato per rispondere a Lutero, cosa quasi del tutto falsa: essenzialmente è la Messa che veniva celebrata dalla Curia Romana nel XV e XVI secolo, che è estremamente simile alla Messa celebrata a Roma nel XIII secolo.

    I cambiamenti furono soprattutto a livello di qualche rubrica e frase dell’Ordinario (per esempio a livello di inchini ed elevazioni alla Consacrazione o modificando la frase dell’immixtio) e eliminando un certo numero di santi dal Proprio
    nel resto dell’occidente ogni diocesi, metropolia o ordine religioso aveva un suo messale, che comunque avevano tutti (eccezion fatta per il rito di Toledo) la quasi totalità dell’Ordinario e gran parte del Proprio in comune con il Messale Romano.

    Facendo una valutazione generale dell’opera di Pio V si può dire che in generale si limitò a lasciare le cose come le aveva trovate, anche se esse non erano più capite: pensiamo per esempio al venerabile Canone, l’antica preghiera eucaristica della Chiesa Romana (minimo IV secolo nelle parti più antiche), che in quell’epoca non era più capito e considerato solo come una serie di preghiere che contornavano la consacrazione, ma che anche se considerato di fatto ‘inutilenon si osava toccare appunto perchè risaputo antico.

    I riformatori protestanti invece resero liturgia le idee teologiche nate in epoca bassomediovale, ritenendo ‘corruzione medioevaletutta una serie di elementi molto antichi. pensiamo all’idea scolastica della consacrazione di una sola specie al di

    [N.d.R. nuntius venit ad finalem damnationem cum mutila,, maybe a word is missing, et hoc modo dat speciem nemo Conscidisti]

  16. Caro Pater Arihel,

    forse la mia sarà una domanda banale, forse persino sciocca, ma vorrei chiederle: gli apostoli e i primi cristiani, come celebravano la S. commissio?
    Sicuramente non con il messale di S. Pio V e non con il messale di S. Paulus VI,.
    sed, certe, la celebravano.
    Thanks for omnia.

    1. Gli apostoli non avevano bisogno del messale perché in loro la memoria di Gesù crocifisso e risorto era ancora viva e presente, magis, loro stessi erano la memoria viva e presente del sacrificio di Cristo. Il messale, di qualunque epoca, dovrebbe consentire di fare la stessa cosa, cioè fare della messa un memoriale rendendo attuale il sacrificio di Cristo.

      1. Aggiungo a tal proposito che Gesù disse “Hoc facite in meam commemorationem”, quindi senza il “fate”, cioè senza la propria partecipazione consapevole, il messale da solo può poco. Certo però che una messa brutta non aiuta.

  17. AKITA apparizioni approvate dalla Chiesa Messaggio del 13 October 1973 (terza e ultima apparizione)

    Mia cara figlia, ascolta bene ciò che ho da dirti. Ne informerai il tuo superiore”.

    Dopo un attimo di silenzio la Madonna continua dicendo:

    Come ti ho detto, se gli uomini non si pentiranno e non miglioreranno se stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del Diluvio, tale come non se ne è mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e spazzerà via una grande parte dell’umanità, i buoni come i cattivi, senza risparmiare né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così afflitti che invidieranno i morti. Le sole armi che vi resteranno sono il Rosario e il Segno lasciato da Mio Figlio. Recitate ogni giorno le preghiere del Rosario. Con il Rosario pregate per il Papa, i vescovi e i preti.

    L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi. I sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli…chiese ed altari saccheggiati; la Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi e il Demonio spingerà molti sacerdoti e anime consacrate a lasciare il servizio del Signore. Il demonio sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumenteranno in numero e gravità, non ci sarà perdono per loro…”

    Credo che siamo in piena profezia
    Tutti contro tutti

    1. Non capisco la sua risposta caro Padre
      Il post non è contro di lei
      In uno precedente lo elogiata come serialKiller
      Ho solo postato un messaggio dato dalla Vergine a suor Agnese riconosciute dalla Chiesa .Non ho parlato di rivelazioni
      “..Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi…..(capre contro capre..) ”
      Lo so che ci sono sempre stati gli scontri
      se non fosse cosi non si spiegherebbero scismi..eresie..etc
      So anche che per la fede non ho bisogno di apparizione (non ho mai creduto a Gospe e veggenti fai da te)non sono ne teologo ne studioso ma neanche uno stupido.
      Vorrei solo capire
      Oggi dopo aver visionato il suo video(usque ad consummationem saeculi)YouTube mi consiglia la visione di un altro video prete don Alberto Secci sui 50 anni ad certo punto
      (Non ricordo il minuto ma lascio il link https://youtu.be/0HPeC_lq0nM) alea
      Io celebro la messa di sempre..
      Ed è lì che mi sono ricordato del messaggio di Akita.Questi due video mi hanno fatto arrivare ad una riflessione e conclusione
      Da ora in poi in qualsiasi canale o blog smetterò di postare.Lascio voi studiosi e teologi (come giusto che sia )discutere di vetusmotu..etc etc.
      Io da parte mia andrò come sempre a Messa (messale San PaoloVI).
      Mi raccomando solo di non provocare altri scismi o eresie….
      ps:ho notato che ha eliminato il post (se sbaglio mi corregga)della medaglia data all’influencer Burioni La prossima volta dica a Bubù (tra accademici) che non si deve confrontare con le capre come me
      Ma con altri scenziati

      autem…

  18. carissimi Paulum,

    tutt’altro che banale e tutt’altro che sciocca la sua, che invece è una la domanda che dovrebbero porsi molti di coloro che presumono di conoscere la sacra liturgia, anche se poi di fatto la conoscono a tal punto bene da limitare le loro conoscenze a “heri”, immobilizzando il “omnia” in quel “heri” fisso e statico che non deve mutare e passare.

    patet,, come ben comprenderà, le fornirò una risposta a cosiddette linee generali, non potrei fare diversamente su un tema così complesso e articolato.

    Nella mia lectio ho spiegato che nell’ambito della dogmatica la sacramentaria è una delle branche a suo modo più complesse e anche difficili, perché l’evoluzione attraverso i secoli della disciplina dei Sacramenti richiede di necessità delle solide e profonde basi storiche.

    Presumiamo che la celebrazione degli Apostoli e dei primi cristiani fosse divisa in un rituale di offerta dei doni, il pane e il vino, simile al rituale dell’offerta al Tempio secondo il rituale ebraico; seguiva poi il memoriale, ossia la ripetizione di quanto compiuto da Cristo Signore durante l’Ultima Cena. E una cosa è indubitabile: il tutto non si svolgeva certo in lingua latina, illa pro certo est scriptor, modo magis explicito,.

    Nella Chiesa delle origini, l’annuncio del Vangelo e la sua predicazione alle genti non faceva parte della stessa azione liturgica, anzi possiamo presumere, leggendo soprattutto l’epistolario del Beato Apostolo Paolo, quod “annuncio del Vangelo” E “Eucharist”, fossero due azioni diverse e distinte.

    Et de hoc dabimus exemplum in: molti gesti, segni e sacramentali che oggi fanno parte dell’azione liturgica, all’epoca apostolica e nei primi secoli a seguire, erano del tutto sconosciuti, a partire da quello che oggi è il segno distintivo più diffuso: il segno di croce, o la benedizione impartita dal Vescovo o dal Sacerdote che traccia sul popolo o su un singolo fedele la santa benedizione. in facto,, i Beati Apostoli benedicevano imponendo le mani sulla testa, mentre il segno di croce col quale i fedeli si segnano con la mano, nasce attorno al X secolo e si diffonde universalmente nell’XI secolo.

    La prima struttura di quella che nei secoli futuri e mediante progressiva evoluzione, sarà la Santa Messa, comincerà a prendere vita tra la fine del III e gli inizi del IV secolo, quando si delinea un rito che comprende l’annuncio del Vangelo (Liturgiam verbi,), offerta dei doni (offertorio) memoriale (Preghiera Consacratoria), rendimento di grazie.

    Per avere il primoscheletrodi un rito più o meno simile a quello celebrato oggi, bisognerà giungere al VII / VIII secolo. Se però dalloscheletrovogliamo giungere invece a qualche cosa di simile alla odierna Messa, in tal caso bisogna arrivare al X / XI secolo.

    I soggetti che io ho descritto nella mia lectio, i cosiddetti e impropriamente detti tradizionalisti, coloro che basano le loro asserzioni su un rigidismo immutabile, ignorano totalmente, solo per dirne una, che se i vescovi dei primi secoli avessero visto le persone andare a confessarsi con assiduità, avrebbero urlato al sacrilegio e all’eresia. ita, perché solo tra il VII e l’VIII secolo il Sacramento della Penitenza, confessio, diventa un Sacramento ripetibile. Prima di allora poteva essere amministrato e ricevuto una sola volta nella vita e mai più. igitur, chi guarda fisso al passato e chi lamenta la riforma liturgica e il Messale di San Paolo VI, dovrebbe ragionevolmente asserire che avere resa ripetibile la confessione che per secoli poteva essere amministrata una sola volta e mai più, è stato un sovvertimento di qualche cosa di immutabile.

    Non entro neppure in quella che è stata la evoluzione del Sacramento del matrimonio, perché lì la questione si complicherebbe parecchio di più.

    Dinanzi a una simile evoluzione della disciplina dei Sacramenti, attraverso questi pochi esempi lei comprende bene che pretendere di rimanere fissi su un Messale dato nel 1570 – etiam, quod explicavit, modificato più volte nel corso dei secoli successivivuol dire in parte non conoscere, in parte negare il dato di fatto che per giungere alla struttura di una liturgia eucaristica simile a quella oggi celebrata, sono occorsi mille anni.

    La disciplina dei Sacramenti e con essa i sacri riti, sono sempre stati soggetti a continue e anche radicali riforme, perché la Chiesa ha avuto periodicamente necessità di adattare i riti alle nuove o diverse esigenze pastorali, mantenendo sempre intatta e inalterata la sostanza, quod trahit ex Eucharistia. Nel tempo mutano infatti le forme esteriori, rimanendo intoccabile e inalterata la divina sostanza di ciò che Cristo Dio ci ha donato istituendo il memoriale della sua passione, Mortem et resurrectionem.

    1. io contesto fortemente questa sua ricostruzione della storia della Santa Messa:
      infatti già san Giustino Martire, nella sua Prima Apologia, nei capitoli 65 E 67, mostra già un’eucarestia costituite da letture (Vecchio e Nuovo Testamento) seguite da un’omelia, una preghiera dei fedeli, una sorta di processione offertoriale, la preghiera eucaristica proclamata da colui che presiedeva, una frazione (perlomeno utilitaria) e la comunione
      questa testimonianza è databile durante il regno di Antonino Pio (è riporta comunque una forma rituale già esistente da tempo), quindi entro il 161 A.C.. e non verso il III-IV secolo. durante quell’epoca abbiamo soltanto le prime testimonianze, principalmente attraverso le catechesi mistagogiche, che ci mostrano riti già strutturati con a volte già una discreta complessità, e con elementi che sono poi rimasti fino ad ora (per esempio sia Cirillo di Gerusalemme che Ambrogio di Milano hanno riportato testi di anafore tuttora in uso)

      poi a mio avviso tentare una ricostruzione di come si celebrasse la liturgia apostolica è folle, i dati sono scarsi, inoltre probabilmente non esisteva neanche un’unica forma di celebrazione, quod, avendo ereditato il modello rituale ebraico, che era suddiviso in varie modalità rituali (sinagogale, conviale, domestico etc) vi erano grandi differenze, che si possono vedere ancora oggi nelle varie liturgie

      di una cosa però siamo sicuri: i cristiani dell’Antica Roma e delle Chiese che da essa ricevevano luce non celebravano usando la preghiera eucaristica II

    2. Condivido completamente quanto lei ha scritto, nei primi secoli l’Eucarestia era qualcosa di molto semplice, la liturgia è cambiata veramente con S.Gregorio Magno, assumendo quel fasto che poi è passato nel rito Tridentino e che deriva dalle usanze della corte dell’Impero Romano.

      La Messa è cominciata ad essere, come noi la conosciamo dopo l’anno mille. Nei primi secoli, pro exemplo,, la comunione si faceva sul palmo delle mani. La comunione sulla lingua è iniziata dopo l’anno mille. Inoltre si faceva la comunione sotto le due specie, ci si comunicava poi in piedi, non in ginocchio, dato che il canone 20 del Concilio di Nicea lo impediva, gli inginocchiatoi infatti sono apparsi dopo il Concilio di Trento.

      Molto opportunamente qualche liturgista ha definito il rito Tridentino un rito moderno e infatti lo è dato che è nato nella età moderna, cioè nel cinquecento, non nell’antichità. La bolla quo primum Domine di Pio V, afferma che la Messa era stata portata allo splendore degli antichi padri, cioè sostanzialmente a rito di Gregorio Magno, saltando quindi quasi il primo millennio. Qualcuno invece è convinto che la Messa Tridentina derivi pari pari dall’ultima cena e questo è un falso storico. C’era qualcuno che sosteneva addirittura che Gesù avesse imboccato gli apostoli, per giustificare la comunione sulla lingua, ritengo questa una bufala.

      L’Eucarestia è stata istituita all’interno del Pesach ebraico, la pasqua ebraica, nostro Signore è nato nel popolo ebraico ed era ebreo. Il rito Tridentino peranto, come ho già detto è moderno non antico anche se non gli voglio mancare di rispetto.

      1. Veramente il ‘fastoè in gran parte dovuto alla commistione con i riti gallicani e alla spiritualità ‘espansivadei popoli germanici
        San Gregorio fece varie modifiche al rito, come spostare il Padre Nostro, ma non arrivo a creare un rito totalmente nuovo (o che perlomeno gli vengono attribuite, cosa che probabilmente è la verità, per giustificare l’adozione del rito romano al posto dei riti gallicano-ispanici)

        Il rito ‘tridentinoè moderno nel senso che è frutto di un’evoluzione storica in cui a elementi primitivi (Canone, riti di frazione etc) sono stati aggiunti elementi successivi (come le apologie sacerdotali). Come già detto Pio V si limitò a congelare la situazione che trovò a Roma
        In compenso il Messale di Paolo VI non so come sia definibile, in quanto è un tentativo di riportare il Rito Romano a una condizione primitiva (che spesso era più un’invenzione di qualche liturgista convinto che la cosiddetta ‘Tradizione Apostolicarappresentasse una fotografia della liturgia apostolica) coniugato al volerlo rendere ‘moderno
        Paradossalmente la riforma liturgica ha fatto saltare (per legge o di fatto) molti elementi veramente primitivi, come il Canone Romano (di fatto caduto in disuso) o la comunione portata al Papa in sede durante la Messa in San Pietro (relitto della più venerabile antichità, di un’epoca in cui nemmeno il Papa poteva prendere l’Eucarestia da solo, perché era un dono)

  19. Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto: nel nome mio scacceranno i demòni; parleranno in lingue nuove; prenderanno in mano dei serpenti; anche se berranno qualche veleno, non ne avranno alcun male; imporranno le mani agli ammalati ed essi guariranno

    MMò come la mettemo. Ancora a ffà polemica?

  20. p mi. Arihel,
    questa discussione aveva senso quando si è introdotta la riforma liturgica, attuata già dal 1964, prima della fine del concilio, e le persone hanno subito un cambiamento (positivo, o un trauma negativo) rispetto a una tradizione in cui erano cresciuti. Lei forse ha letto di Guareschi Don Camillo e don Chichì (uscito per censura come Don Camillo e i giovani d’oggi nel 1966, ora ripristinato). Lì si vede.
    Ma in 55 anni è cambiata la percezione dello spazio sacro, uditiva (microfoni), visiva (lumina,). Ho visto qualche messa col vecchio ordo, niente di male, ma è cosa per pochi.
    Più attualmente: i fautori della riforma temevano quello che è accaduto: la devastazione delle chiese per malinteso fervore liturgico, che continua. In un volume della Treccani per il 150° dell’Unità d’Italia ne ho fatto un sunto. ideam L' “nostalgicadi una (presunta) chiesa primitiva ha eliminato altari, gli odiati apparati barocchi o rinascimentali (“moderni”, sec. XVI-XVIII), ha disperso statue e dipinti con danni irreparabili. Chiese antiche sono deturpati da presbitèri spaventosi, con lo stato che vilmente non si è opposto, pur avendone la competenza (eh sì, ce l’ha). I documenti della CEI sono terribili, i vescovi ignoranti, preti e frati peggio, fidelium, aiuto!
    Se è anacronistico fingere di vivere nel XIX secolo, è delittuoso e stupido deturpare chiese edificate in quel tempo con la creatività di architetti ignoranti al servizio di vescovi analfabeti. Ogni volta che entro (saepe) in una chiesa piango non per il rito, ma per lo scempio, passato, presente e futuro.

  21. O Ariel Caro,

    baa, questo video non fa che aumentare la mia confusione, sono stato a messa in mezza Europa, non c’è una messa uguale all’altra, le parrocchie sono un deserto spirituale se non eretiche, il catechismo inesistente, frasi e gesti dei fedeli e talvolta dei religiosi fanno dubitare della loro fede.

    Con i sacerdoti ICRSS ho trovato uniformità cura pastorale e serietà, le chiese piene di fedeli di ogni età non i soliti vecchietti.
    Che tutto ciò non dipenda dal rito?

    Inoltre nel rito tridentino mi è sembrato subito evidente la centralità di Cristo e il suo sacrificio, cosa che non ho mai compreso bene nel nuovo rito (nato dopo la riforma) nonostante le numerose messe a cui ho partecipato.

    Le posso inoltre garantire che i culti protestanti sono praticamente identici alla nuova messa.per quanto riguarda i massoni, dices illi, Giovanni XXIII era massone iniziato, mentre Giovanni Paolo II, ha avuto rapporti con la massoneria senza però essere mai iniziato.

    Penso che la deriva della chiesa da Cristo sia tale da temere un naufragio, non sono convinto che proibire una liturgia che pone Cristo al centro sia la soluzione.
    Benedictus Iesus Christus,.

    1. Uno che accusa due Santi Pontefici di essere: unum, un massone iniziato, l’altro in rapporti con la massoneria, sinceramente non merita risposta.
      Pertanto seguiti pure a difendere la emotività estetica del suo rito, perché è del tutto inutile spiegare, a uno come lei, quod Christus, che è pietra angolare, la sua Chiesa l’ha edificata su Pietro.
      Spiegarle il tutto sarebbe solo tempo perso.
      igitur: buonamessa estetica”, ego “frutti spiritualiprodotti dalla quale, li ha ben illustrati in questo suo commento nel quale attacca il Vicario di Cristo in terra per difendere il suo soggettivo ed emotivo … “cogito … sed ego sentio, …”.

    2. Emanuele D', è cosa nota, oltreché ovvia, che quando la massoneria vuole screditare qualche personaggio noto o potente che non intende iniziarsi, diffonde la falsa notizia che il malcapitato è o era un affiliato.

      1. prorsus
        Infatti chi dice che Giovanni XXIII era massone e che Giovanni Paolo era aderente in qualche modo ad una sorta di para massoneria?
        Lo dice Gioele Magaldi nel suo libro best seller intitolato “Massoni” sulle Ur Lodges cioè le Supermassonerie internazionali.
        E chi è Gioele Magaldi?
        Un massone proveniente dal Grande Oriente d’Italia poi dissociato che ha fondato Il Grande Oriente Democratico di cui ne è tuttora Gran Maestro.
        Dice di averne le prove (se le ha sono “prove fatte in casa” cioè prove di un affiliazione prodotte da loro stessi (tipico dei massoni costituzionalmente falsi come Giuda) id est, fake (le tirino fuori).

        Un altro che adombra qualcosa di simile è il famoso Gesuita Malachi Martin che fu presente alla lettura del terzo segreto di Fatima con il Cardinale Bea dinanzi a Giovanni XXIII. Dopodiché chiese e ottenne la dispensa dal ministero sacerdotale e divenne famoso negli Stati Uniti. Al netto dello “spessore” di Malachi Martin, ovviamente su quella insinuazione non ci credo.

  22. Egregio Gsimy,

    quello che a me interessava dire è che l’Eucarestia o alcune sue parti, come ha detto giustamente Don Ariel, è cambiata lungo i secoli più volte. Se tornassimo alle celebrazioni della Chiesa primitiva troveremmo delle messe semplici, non esisteva nemmeno l’altare in pietra, ma un semplice tavolo di legno.

    Mi sembra di aver visto un affresco che raffigura l’Eucarestia della prime comunità cristiane, erano tutti seduti attorno a tavolini in pratica somigliava ad una normale cena. Credo che la Chiesa primitiva volesse imitare esattamente ciò che Gesù e gli apostoli avevano fatto nell’ultima cena, Gesù ha istituito l’Eucarestia nel contesto della cena pasquale.

    Non voglio dire certo che dovremmo tornare a quello, mi preme solo dire che la Messa è cambiata in continuazione, pertanto chi chiama la Messa di Pio V “semper”, fa un torto a questo Messale, mitizzandolo e peccando di demagogia. Vorrebbe esaltarlo ma in realtà lo rende odioso, perchè ne fa una bandiera, un simbolo, costruito su argomenti falsi che non hanno riscontro nella storia.

    Chi può negare che l’introito non derivi dalla cerimonia di ingresso dell’imperatore e la corte di Roma? Come si può negare che tutto il fasto, la sontuosità dei paramenti e della liturgia tridentina, che a me non dispiace affatto, fu introdotto nel medioevo, ma era sconosciuto nell’epoca antica?

    La comunione sulla lingua poi, si sa che era sconosciuta almeno fino al IX secolo, alle porte dell’anno mille, mentre la comunione si distribuiva solo sul palmo delle mani a forma di croce.
    Si dice che si celebrasse con pane azzimo ma anche

    1. mi interesso molto di liturgia antica, ma è la prima volta che sento parlare di un affresco raffigurante l’Eucarestia primitiva. se esiste, ce lo mostri

      per il resto le uniche due fonti che descrivono la liturgia primitiva sono:
      Didachè 9-11 (e il suo parallelo successivo in Costituzione Apostoliche 7) che mostra quello che probabilmente delle paleo-anafore con brevi indicazioni rituali
      la summenzionata Prima apologia, che fa due brevi descrizioni di due eucarestie (una post-battesimale e una domenicale) da cui possiamo vedere che lo scheletro della struttura dell’Eucarestia era già quello che conosciamo oggi

      se accettiamo la datazione della cosiddetta Tradizione Apostolica al III secolo, vediamo che la struttura si è fissata ed è rimasta

      da queste fonti (a altre) possiamo vedere che le prima comunità non interpretarono il ‘Questo fate in memoriale di me!’ come la ripetizione dell’Ultima Cena, ma come il ripetere i gesti rituali fatti da Gesù, ovvero prendere il pane e il vino, fare un rendimento di grazie (che era un preciso tipo di preghiera nell’ebraismo, una sorta di dichiarazione d’alleanza, la toda), spezzare il pane e dare gli elementi dichiarando che essi erano il Corpo e il Sangue.

      poi in realtà il processo di ‘complessizazioneè discutibile come unica chiave di lettura, per esempio sappiamo che nel VI -X secolo i riti gallicano-mozarabici avevano frazioni complesse, che sono state ridotte. o i riti di comunione hanno perso dettagli arcaici (come il divieto per il celebrante principale di prendere la comunione da sè) per esigenze

    2. autem, visto che il ritornello è ‘la liturgia è sempre cambiataverifichamolo almeno per quella romana:
      il Canone Romano in forma arcaica esiste almeno dal IV secolo (ce lo testimoniano il de Sacramentiis di Ambrogio e una lettera di vescovi nordafricani) e in forma attuale almeno dal VI secolo. nella FO c’è ancora, ma di fatto è ampiamente in disuso ed ha cessato di essere l’unica preghiera eucaristica del Rito, come era da quando abbiamo fonti documentate (e in un modo che non esiste in nessun altro rito
      il Libera nos esiste nella forma della FS già nel Sacramentario Gelasiano, ma è stato modificato
      il rito di frazione anticamente era subito dopo il Per ipsumprima di essere interpolato dal Padre Nostro. il nuovo rito lo ha portato ancora più lontano dall’anafora, in un momento in cui nessuno presta attenzione perchè impegnati a stringersi le mani
      la preghiera della benedizione dell’acqua della FS si ritrova in forma un posemplificata nel Gelasiano, e nella forma attuale nelle fonti successive. nella FO è stata sostituita da preghiere totalmente composte ex novo

      quindi la riforma liturgica ha eliminato (di fatto o per legge) anche tutta una serie di elementi di venerabile antichità, che sul serio non erano mai cambiati

      1. Rispondo a lei e a vari altri con un esempio, che poi è un fatto: nei giorni feriali, se devo celebrare in suffragio dei defunti, ho sempre usata perlopiù la III Preghiera Eucaristica, all’interno della quale è contenuta una bellissima preghiera di suffragio. Il sabato, la domenica e per tutte le festività, ho sempre usato il Canone Romano. Quando mi è capitato di celebrare per assemblee all’interno delle quali erano presenti adolescenti e giovani, ho usato la IV Preghiera Eucaristica, all’interno della quale è contenuta una vera e propria splendida catechesi che parte dal mistero della creazione del mondo sino al sacrificio della croce; perché la sacra liturgia è anche questo: elemento di alta catechesi.

        Non ho mai usato, da quando sono prete, la II Preghiera Eucaristica, quella che molti miei confratelli usano, come suol dirsi acolazione, prandium et prandium. Come infatti sappiamo è la preghiera più breve; e mi limito solo albreveper non aggiungere altro. Come infatti si sa, certi preti la domenica hanno bisogno di brevità, perché dovendo poi sproloquiare per 30/40 minuti di omelia, su tutto il resto bisogna sbrigarsi. in facto,, se l’omelia dura di media mezz’ora, se poi prima della fine della Messa domenicale ci sono 7/8 minuti di annunci parrocchiali, con tanto di battute spiritose e saluti a presenti e assenti, sul resto bisogna restringere i tempi, uel?

        exemplum: un parroco di lunga esperienza, ricoperto dal suo vescovo d’incarichi d’ogni genere a livello diocesano, distribuì così il tempo alla Messa domenicale in una delle parrocchie storiche più popolose di quella diocesi: homilia 32 minutes, comprese due clamorose eresie nell’ambito della cristologia e della pneumatologia pronunciate nei primi quattro minuti; annunci parrocchiali a fine Messa, inclusi saluti e battute spiritose, 8 minuti e mezzo; recita della II Preghiera Eucaristica da dopo il Sanctus alla dossologia per ipsum 3 minuti e mezzo, tempo per la consacrazione delle sacre specie del pane e del vino 1 minuto e 3 secondi.

        Qual parroco, habentem 2 Messe feriali e 4 domenicali, mi chiese anni fa se potevo celebrarne una nella feria e una di domenica, cosa che accettai ben volentieri. post 10 giorni mi mosse queste contestazioni:

        1. per celebrare una Messa feriale impieghi 35/40 minutes, è una enormità di tempo, diverse delle persone che vengono alla Messa alle 8 del mattino alle 8.30 devono entrare a lavoro;
        2. non è necessario fare una pausa di silenzio dopo la proclamazione del Vangelo e dopo la Comunione, soprattutto nei giorni feriali;
        3. una messa feriale non può durare più di 15 minutes;
        4. è bene usare la II Preghiera Eucaristica, perché è laantica preghiera apostolicae poi è la più breve e incisiva;
        5. non è necessario che ti porti dietro il piattino per la Comunione perché ormai non si usa più da tanti anni ed è un accessorio superato;
        6. la Comunione deve essere data sulle mani e tu, pur di non darla sulle mani e darla sulla bocca, distribuisci apposta la Comunione sotto le due specie, questo non va bene perché Cristo disseprendete e mangiate” et ait: “prendete e imboccate”;
        7. non usare più il Canone Romano perché è lungo e ampolloso, è una creazione barocca post-tridentina;
        8. l’ultima domenica ti sei permesso di dire all’assemblea, prima della benedizione, che nessuno doveva muoversi dalle panche fino a che il celebrante non era rientrato in sacrestia perchè non stava bene che le persone scappassero appena data la benedizione mentre il sacerdote baciava l’altare; la gente è libera di andare e venire quando vuole e non è il caso che tu gli insegni il galateo;
        9. dopo la Comunione ti detergi le dita dentro il calice bevendo una prima e una seconda volta, tum “sciacquettiil tutto come una casalinga che deve far brillare le stoviglie;

        Premetto che questo prete fu il responsabile, annis, dell’ufficio liturgico; e lasciamo perdere di quale diocesi, non curae sibi est.

        Prima di commentare devo rispondere a uno a uno a tutti e nove questi punti:

        1. quando a San Pio da Pietrelcina rimproverarono che eranotroppo lungonella celebrazione della Santa Messa, lui rispose: «Non sapevo che sul Calvario avessero messo l’orologio !?»;
        2. gli spazi di silenzio per la meditazione, la preghiera e il ringraziamento, sono fondamentali nella sacra liturgia, perché come insegna il mistero della rivelazione, sia nell’Antico che nel Nuovo testamento, il silenzio è quello spazio privilegiato nel quale Dio parla all’uomo;
        3. nessuno può né mai ha stabilito untempo canonicoper la durata di una Santa Messa;
        4. la II Preghiera Eucaristica non è assolutamente la «preghiera più antica», è stata creata a tavolino in tempi recenti, Si enim dixeris, – e pare sia anche attendibileche fu scritta al tavolo di un’osteria romana a fine pranzo da alcuni liturgisti durante l’assise del Concilio Vaticano II;
        5. l’uso del piattello per la Comunione non è più obbligatorio ma è vivamente raccomandato, ed a tal proposito è menzionato al n. 118 dell’Ordinamento Generale del Messale Romano;
        6. senza contravvenire alle disposizioni date dalla Conferenza Episcopale Italiana, non ho mai data la Santa Comunione sulle mani a nessuno, avvalendomi della facoltà pienamente concessa dall’apposito decreto dei Vescovi d’Italia di poterla dare sotto le due specie, ossia intingendo la sacra ostia nel Sangue di Cristo e porgendola alla bocca del fedele dicendoil Corpo e il Sangue di Cristo”, quindi sono nel pieno rispetto delle regole e delle disposizioni date dai Vescovi circa la direttive date sulla distribuzione della Santissima Eucaristia;
        7. il Canone Romano non è unaampollosa creazione barocca post-tridentinama è la preghiera eucaristica più antica pervenuta sino ai nostri giorni;
        8. educare il Popolo di Dio e le assemblee liturgiche, è un dovere e un obbligo al quale il sacerdote non può e non deve sottrarsi, igitur, a chi non fosse stato educato a dovere, è bene ricordare che i fedeli non devono muoversi verso l’uscita della Chiesa fino a che il celebrante non ha lasciato il presbitèrio, se poi è eseguito un canto finale, in quel caso non ci si muove dalle panche verso l’uscita fino a che il canto non è terminato;
        9. detergersi le dita nel calice vuoto dopo essere venuti a contatto con la Santissima Eucaristia e berne poi il contenuto, è una forma di sacrale rispetto verso il Corpo di Cristo; i vasi sacri si chiamano appunto “sacris” in funzione del mistero che racchiudono e per questo non sono certo paragonabili a stoviglie, la loro adeguata purificazione è importante perché hanno contenuto il Corpo e il Sangue di Cristo e nessun frammento deve mai rimanere al loro interno.

        In seguito fui chiamato presso il competente ufficio di quella diocesi dove il monsignorotto già catechizzato da questo parroco mi domandò: « … senti, mihi autem, quanto tempo impieghi per celebrare una Messa feriale? respondi: «… sinceramente non lo so, perché non ho mai misurato il tempo, piuttosto dimmi invece tu: Christus, quanto tempo ha impiegato per morire e risorgere dai morti?».

        Premesso che non ho raccontato affatto una delle esperienze peggiori, perché le peggiori preferisco tenermele per me ed evitare di disseminare ulteriore sofferenza e scandalo tra i fedeli, miror: volete che io non comprenda certi fedeli che dinanzi a casi più o meno di questo genere vanno alle celebrazioni con il Vetus Ordo Missae?

        Comprendo sia l’amarezza sia la reazione, sed, mentre questi soggetti parlano e agiscono da emotivi, io parlo e agisco da prete, triste vale: tutti questitridentinonicatapultatisi nellasantissima messa di sempre”, non solo ai preti come me non li hanno mai sostenuti e protetti, ma quando siamo rimasti vittime di ingiustizie, angherie e anche di vere e proprie persecuzioni, loro non sono corsi affatto in nostro soccorso, hanno fatto spallucce, se ne sono bellamente fregati e hanno fuggito sia la realtà sia le loro responsabilità di laici cattolici andando a cercarsi un mondo che di fatto – aut non placet – non esiste più. E a noi ci hanno lasciati in pasto alle belve, perché era molto più facile andare a inebriarsi di latinorum, anziché sostenere quei sacerdoti che, uno modo vel alio, sempre a loro rischio e pericolo, hanno cercato di opporsi allo sfacelo che oggi abbiamo sotto gli occhi.
        Hoc iterum: a certa gente, una Messa con il Messale di San Pio V, non gliela celebrerei manco morto, considerando che proprio loro, sulle bastonate che noi abbiamo ricevuto, hanno aggiunta la loro totale e insensibile indifferenza, dum nos, ingobbiti dalle legnate, camminavamo zoppi e doloranti, mentre loro facevano finta di non vedere e voltate le spalle andavano a inebriarsi di antico, emotivo ed estetico latinorum.

        La realtà non sempre è bella, così come la verità non è sempre piacevole, ma questa è la realtà, questa è la verità. Et cum, il sacro ministero lo svolgo io, non chi una volta alla settimana va a inebriarsi di tridentinismi, spero che nessuno abbia l’ardire di replicare … nihil, nihil! Le cose non stanno a questo modo! Series: si eviti di aggiungere bastonate alle bastonate e di cospargere di sale le ferite di molti preti che sanguinano, mentre i fedeli prendono la strada più emotiva, facile e de-responsabilizzante ritenendosi nel giusto che più giusto non si può.

  23. Quando la messa era in latino le persone semplici che avevano e elementari, mentre il prete diceva messa, pregavano per conto loro, oppure recitavano il Rosario, e si fermavano solo alla Consacrazione, predica e benedizione finale.
    La Nuova Messa serve a far partecipare meglio i fedeli alla celebrazione!
    È Vero che la Messa attuale in Certi momenti andrebbe migliorata, però Benedetto XVI ha sbagliato a fare questoregaloai Lefbvriani, e ai loro simpatizanti, visto che il loro astio, più che alla messa, è verso il Concilio Vaticano II.

    1. E lei sbaglia a ritenere che fu un regalo ai lefreviani. Era doveroso liberalizzare il Vetus Orso dopo la rimozione della scomunica ai lefreviani, unde manifestum est quod cum excommunicatio secuti ritum liturgicum. ritus liber sane existimandus (parenthesi notatis) ne transgrediaris terminos antiquos ritus fuit, sed Ordinarius qui ante reformationem liturgicam abjecerunt.

      1. carissimi Stefano,

        Excommunicatum vero iam remota Lefebvrians, sed se expellunt ab ecclesia omne tempus, quod Concilium Vaticanum Secundum autem dicunt esse haereticum,.
        Magis quam necessarium! “vetus autem Ordo MOLLESCO”, ut melius esset eos esse cavere quomodo eam ordinet, exire in medio tot haereses sedevacantist.

        1. quidem, CVII Sicvi hoc est haereticum dicere est haereticum auto-ludum. Sed hoc non est iustus a ineptias, et general error sit, plane rudi et indocto, qui STRABO Concilium prae oculis habitis circumvicinis laboraverunt qui sponte haereses sola interemisti in Ecclesia temporis post Concilium.

          rectus, qui locuti sunt in hoc modo se improbare, Quid est inurere Vetus Ordo Divini Officii Recitandi? E’ thesaurus Ecclesiae! Quomodo autem dereliqueris illum damnatio memoriae similiter molem traditionalists, et inane desiderium Dell’vetus regimen immutata, qui se nullis imperitorum?

          Quia ecclesia non debet eam, maybe magis homines invitant ut dependeat in eo cum manum eius, Extenuant modo retrahitur rusticorum sub nasum fetore calculis? Quare fortasse non enim occurrerant facere in San Pietro in uno vel pluribus occasiones per annos singulos?

          Hanc divisionem haereticorum factionibus inter hereticos et iris erat vestibus et pigtail et ora certe opus est diaboli. L’abito della Sposa ne esce lordato e lacerato, e il suo volto deturpato in misura tale che fa male al cuore.

          1. Stefano,

            io non condanno il vetus ordo a priori, ma la maggior parte di fedeli che seguono questo rito è fermo al catechismo di San Pio X e considerano il magistero della Chiesa concluso con la morte di Pio XII.
            quod Vetus Ordo Divini Officii Recitandi in sé non è un male, ma viene strumentalizzato dai cattofarisei (traditionalistae).

          2. Michael conphilosophe,

            mi inserisco nella discussione tra lei e Stefano: figurarsi se sono contrario io! Come ho spiegato in una mia lunga risposta sotto, inter 2010 et 2011 ho insegnato a diversi sacerdoti italiani e stranieri a celebrare con ilmessale tridentino”.

            Tutto ciò che viene stabilito e dato da un Sommo Pontefice, in qualsiasi materia, che costui si chiami Pio XII, Benedetto XVI o Francesco I, per me è elemento da accettare e diffondere.

            non solum, i Vescovi, non hanno male accolto quel Motu proprio, quia, come già ho spiegato, diversi di essi si affrettarono anche a cercare nei loro presbitèri dei sacerdoti anziani in grado di celebrare con quel Messale, avendovi celebrato in precedenza ed essendo stati formati in quel rito e consacrati sacerdoti in quel rito.

            Per qualsiasi sacerdote non cresciuto e non formato in quel rito, celebrare con il Messale di San Pio V non è infatti cosa facile, soprattutto se non conosce bene il latino. in facto,, come ho spiegato nella mia Lectio, quel rito si colloca in una dimensione ecclesiale e soprattutto pastorale che oggi non esiste più. E se non conosci la storia, la dimensione ecclesiale e pastorale che ha prodotto quel rito, anziché celebrare rischi solo di mettere in piedi una recita di basso e infimo livello.

            Quod pro me, me quoque natus est in 1963 Paulus VI in erexit Missale 1969, pro propinquis ritus esset qui fieri potest, cum? Nam quod simplex dedimus multum temporis studia ad altius quam in re dogmatica generatim, maxime quidem sacramentali dogmatica historia theologiae dogmaticae sacramentale, ergo scirem, linea recta, a title mutatio ed datum a generatione in generationem, quod erat V Sancti Pii missale celebranda.

            Benedictus XVI voluntate boni sint e quaestione, quemadmodum illi qui susceperunt sacerdotes et episcopos et Motu proprio, sed, quod vidimus et in publico discrimine generis et divisiva subiecto, ei que bouis Missali, ut dictum mi varius aliquot responsa, Is confestim posuit eam super nos bibliothecam PLUTEUM.

            Et quod dico – qui mecum certasse cum honore – re plures Episcopi et sacerdotes fiunt, tutt’altro che prevenuti, confirmare possunt.
            Im 'non jacentis, pro illis qui sunt non amo intellego, quae circum “messa tridentina” congregate ad sacra orationis fidelium sitienti, aspiciens autem iuvenes et cum serenum est … mendacium, mendacium, mendacium! Dico plus ego in eo: ceperunt knowing quandam doctrinam neque adstat se dicere falsum,, quod ii qui sonituum dederint, infelici egestate certantes me, Posito inexistent mira coetus vestri, id relinquit, et Missam intrare primum sunt sancta contemnens committat inlicita Sanctus Pontifex Paulus VI, liturgicam instaurationem respicientia, et omnia “hereticam concilio” Concilium Vaticanum II.

            Et sicut factum est tibi, documentis probatum, cur tam 18 Ego sum qui possunt confirmare quod ad amen dico tibi, quod et frequenter, ut cum dico angry, Et relinquam in memoria. Contigit autem,, in 2012, Qui cum interrogaretur O utinam celebratis comitiis, et accepit.
            igitur …

            1. ego debitum “altare” Duo iuvenes fecisse putatus est gere curam mei finis “insanus reginae“, Pono duobus quidem verum sweethearts; et sincere – sed facere pacem et non erat quisquam qui debebat offendere: – Non possum fidei in una mecum ad altare, debitum “insanus reginae” Music fracti sumus desideraretur ;

            2. non dico vobis quia ego tecum efferens insolenter,, aliud advenit ex bulla, locuples, prospere cessere legis sexaginta duos annos post divortium actuosam sociam iunior novum illo tempore etiam “theatrum repraesentativum”, Qui quaerit in sono terminum peremptorium a me non quia vidistis ut si certo cognovero conpletam petasum. respondi “Quippe!” Et respondi: “quaerere, Ego autem solus castorea Saturnia, donum homini in carissimi, labore et terque quaterque solum ubi frigidior hieme anni. Non enim alia cremari”. et respondi: “eH, sed non est bonum!”. In iratissmus modo, ut indicat ei, ut iuxta editionem typicam Missalis Romani a 1962 praecepta non ad altare celebrans providere capite, quod officium est ut petasum abolitae. Ad quod respondet,: “Ah, sed hoc est typicam Missalis Romani a B. Ioannis XXIII, O iam haereticus qui, utimur prior edition”.

            Bene, respondit quid vis ut faciam? ut prorsus: “bene sentiunt, advocatus mi, adesso lei si prenda sottobraccio questi due frocetti già vestiti con la vestina nera e la cotta di pizzo merlato e assieme a loro veda di andare affanculo!”. E detto questo per inciso mi scuso con i Lettori, però mi sentirei a dir poco un ipocrita a scrivereaffan….”, perchè non gli dissiaffan ” E “quattro puntinigli dissi proprio affanculo e come la dissi la riporto.

            Il tutto espresso col massimo rispetto per i gay, che tra di loro non esitano a darsi dei fags, a partire dal mio grande e compianto amico Paolo Poli che a certi tipi li chiamavafroce isteriche” … e se non era un gay fatto, finito e rifinito questo grande maestro del teatro italiano, non saprei proprio chi mai potesse esserlo.

            E in quel 2012 cessai di celebrare pubblicamente con quel Messale, analogamente a molti altri miei confratelli che si sono ritrovati in situazioni analoghe che non sono affatto né casi limite né casi isolati. Questo senza nulla togliere alle molte brave persone che perlopiù amareggiate dai preti che scempiano la liturgia nei peggiori modi, tra stravaganze e abusi rasenti a volte il sacrilegio, cercano rifugio in quel rito; e li capisco, come ho detto e ripetuto.

            in brevi: certe persone dovrebbero ascoltare e far tesoro delle esperienze di noi Sacerdoti, quia, a celebrare, siamo noi; quindi siamo noi che non poche volte ci siamo ritrovati in situazioni di questo genere, ed ancora ripeto non poche volte.

  24. Mi è capitato solo una volta di partecipare, onestamente per curiosità, ad una messa tridentina tenuta nella mia diocesi. Nei miei limiti, non ci ho visto niente ma proprio niente che non potesse essere presente in una messa regolare se solo fatta come si deve. Io capisco perfettamente che di fronte a messe rovinate da musiche raccapriccianti, con ritmi e testi da canzonetta italiana romantica, o sciatterie liturgiche varie, uno provi l’istinto di rifugiarsi in un rito che pone l’enfasi sulla forma e il raccoglimento, ma ci sono dei problemi palesi anche il quel rito e il più evidente è quello del linguaggio. Se per scappare da una estetica oggettivamente spesso brutta ci si rifugia in un’estetica retrò si rimane sempre nel campo dell’apparenza , e non so quanto ci si avvicina maggiormente alla sostanza. Faccio un esempio visto in quella celebrazione, senza voler condannare in nessun modo le persone dell’esempio, perchè sono due atteggiamenti di cui sono stato in modi vari colpevole anch’io. Nella panca accanto erano presenti una madre ed una figlia, entrambe con velo tradizionale: la prima ha passato tutto il rito in una sorta di passione mistica struggente e molto esteriorizzata, la seconda a controllare il cellulare. ego iterare, non è un puntare il dito, ma voglio solo dire che le debolezze umane sono più potenti di qualsiasi forma rituale; forse alla fine è meglio cercare tutti di rendere onore a Dio con un unico rito imperfetto piuttosto che creare uno spazio in cui per presunzione di perfezione si possano incistare più facilmente certe naturali (ma deleterie)…

  25. Guardi che il 90% delle persone che partecipano al Rito Antico se ne infischia di quella che fosse la messadelle origini”. Sono fedeli, non studiosi o archeologi. Quello che apprezzano è la solennità, l’ordine, la compostezza di gesti codificati che comunicano rispetto e adorazione a Dio. Tutto qui.

    lei, come Don Ariel, preferisce attaccare dei tradizionalisti che esistono più nella vostra immaginazione che nella realtà, E, nel nome della critica (legittima) a certi loro difetti idiosincratici (quod “grupponon ne ha?) , godrà nel vederli privati anche di questo dono, e costretti a girovagare da una parrocchia all’altra alla ricerca di un prete che non li ammorbi di prediche moderniste e li violenti con liturgie sciatte.

    Un sondaggio recente ha mostrato che il 70% dei cattolici americani non crede alla Presenza Reale. Vuol provare a fare lo stesso sondaggio tra i fedeli del Vetus Ordo? In Francia il 2% della popolazione va a messa tutte le domeniche. Vuol conoscere le percentuali tra i fedeli Vetus Ordo?

    Ma di tutto questo, a lei e a Don Ariel, non importa nulla. Quid, clare, il problema della Chiesa d’oggi è ilrigidismo”. Come no.

    1. … tum, quando io nel corso degli anni ho udito numerosie ripeto molto numerosifrequentatori di questo venerabile rito i quali asserivano come dischi rotti incantati cose del tipo:

      1. La Messa di Paolo VI è una falsa Messa costruita per compiacere modernisti e protestanti;
      2. la Messa di Paolo VI ha abolito l’aspetto dell’Eucaristia come sacrificio ;
      3. il Concilio Vaticano II è l’origine di tutti gli attuali mali della Chiesa ;
      4. chi vuole partecipare alla vera Messa può solo partecipare alla “Missam semper” ;
      5. i preti che celebrano con il vetus ordo missae hanno veramente fede quelli che celebrano con il novus ordo missae nihil ;
      6. etc. … etc. …

      dovrei dedurre che tutte le numerose persone che mi hanno detto e ripetuto cose di questo genere nel corso degli anni, esistono solo nella mia fantasia, ut assent?
      forte, mi sta dando forse del bugiardo?

      Cave: se io, che pure ho insegnato tra il 2010 et 2011 a diversi sacerdoti italiani e stranieri a celebrare in modo adeguato con il Messale di San Pio V, dopo avere conosciuto e toccata con mano la natura e l’astio di gran parte dei fedeli che partecipano alla Messa celebrata con questo rito, sono giunto a invocare che il Motu proprio che ne consente l’uso sia revocato, non crede che abbia conosciuto molte e molte persone che hanno prodotto in me numerose esperienze negative? E le assicuro che sono in grado di distinguere i “singulis casibus,” o i “in confinio casibus,” da un pensiero, uno stile e un costume diffuso che lei ostinatamente nega, ossia il disprezzo da parte di queste persone verso lanuova Chiesa nata dal conciliabolo”, come loro lo chiamano.

      Non crede che le persone che usano questo rito per rigettare la riforma liturgica e un intero concilio, siano apparse ai miei occhi così numerose e dannose al punto da portarmi a certe ovvie conclusioni e auspici?

      Se lo domandi, prima di dire che certe persone e situazioni esistono solo nella mia fantasia.

      Aggiungo e concludo: lei non immagina neppure quanti e numerosi messaggi abbiamo cestinato presso la nostra redazione, scritti da persone che da una parte magnificavano questo rito santissimo, dall’altra parte gettavano valanghe di odioso letame su Giovanni XXIII, Paulus VI,, Ioannes Paulus II … e non parliamo di Francesco I.
      hic, sono tutte persone che ogni domenica vanno a inebriarsi dimagico latinorum tridentino”, dopo avere disprezzata la Chiesa, i Pontefici, i Vescovi e i Sacerdoti checelebrano con il messale massonico bugniniano”. autem … EH, però ricevono il Santissimo Corpo di Cristo inginocchiati alla balaustra, questo è ciò che conta: la forma esteriore che tanto emoziona.

      1. etiam, Messa protestante, per quanto espressione più giornalistica che scientifica, indica non solo o non tanto le affinità della forma della Nuova Messa con alcuni riti protestanti, quanto le intenzioni da cui è nata:

        Il Padre Annibale Bugnini, esecutore della riforma liturgica, ha chiaramente confessato che di questo si è trattato: per facilitare ai nostri fratelli separati il cammino dell’unione, scartando ogni ostacolo che avrebbe potuto costituire anche solo l’ombra del rischio di una pietra d’inciampo o di un dispiacere.

        Paolo VI stesso ha confidato al suo amico, lo scrittore Jean Guitton, che la sua intenzione di cambiare la Messa veniva dal desiderio di un riavvicinamento con i protestanti. Guitton testimonia:
        L’intenzione di Paolo VI su ciò che è comunemente chiamata la Messa, era di riformare la liturgia cattolica in modo tale che potesse coincidere con la liturgia protestante. Vi era in Paolo VI l’intenzione ecumenica di togliere, o almeno di correggere, o almeno di affievolire, ciò che era troppo cattolico in senso tradizionale nella Messa e, ego iterare, avvicinare la Messa cattolica alla Messa calvinista”.
        http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV1976_Le_Sel_Messa_di_Lutero_7.html#14_

        O queste affermazioni sono fake?

  26. Riporto questa spiegazione

    È opportuno distinguere fra la celebrazione dell’agape il pasto fraterno e quella dell’eucaristia, che originariamente seguiva l’agape e più tardi la precedette. Ho trattato il problema in dettaglio nella mia opera Beracha.

    Nei primi secoli, quando il numero dei membri della comunità era ancora ristretto, si era conservata a fedele imitazione dell’Ultima Cena la medesima disposizione dei posti, tanto più che essa corrispondeva alle usanze dell’epoca.

    Diverse chiese domestiche della Chiesa primitiva, di cui si sono trovate le fondamenta nelle regioni alpine, lo provano chiaramente. Al centro di un locale relativamente piccolo – circa 5 x 12,5 metri –, si trova un banco in pietra semicircolare, capiente da quindici a venti posti. Nelle città, dove il numero dei fedeli era più elevato, si era costretti ad aggiungere dei tavoli supplementari. Il vescovo e i presbiteri stavano seduti a uno di questi, i fedeli negli altri, uomini e donne separatamente.

    Nella Lettera ai Galati (2,11-12), l’apostolo Paolo rimprovera all’apostolo Pietro di avere preso cibo con i giudei convertiti, evitando i pagani convertiti. Mentre per i pasti in comune, le agapi, si stava seduti a delle tavole, per la celebrazione dell’eucaristia ci si alzava e ci si andava a porre dietro il celebrante.

  27. O Ariel Caro,
    ho un commento sull’argomento che ha analizzato nel suo video. Ho sempre desiderato che l’omelia del celebrante aiutasse i fedeli a comprendere la Parola di Dio ma anche a passare alla celebrazione della liturgia eucarestica proprio facendo comprendere le parole delle anafore dal momento che anche la Liturgia è considerata in qualche modo uno dei rivoli della Rivelazione.
    Purtoppo pochissimi sacerdoti lo fanno. Consideriamo ad esempio la seconda Preghiera Eucaristica. Perchè non commentare mai l’espressione : ” e Ti rendiamo grazie per averci ammesso alla Tua Presenza a compiere il servizio sacerdotale ” uel “celebrando il memoriale della morte e resurrezione del tuo Figlio “? Penso che approfondire queste espressioni e altre delle quattro preghiere eucarestiche aiuterebbe moltissimo i fedeli ad entrare nel mistero dell’Eucarestia. Lei che ne pensa a proposito?

  28. Ha fatto bene p. Ariel a ricordare che la riforma varata da S. Paulus VI,, per quanto migliorabile, conserva la sostanza del Sacramento. Circa l’uso del messale di S. Pio V (nella versione del 1962) condivido le sue severe critiche alle distorsioni ideologiche che hanno creato il mito della “Missam semper” e l’anti-mito della “Mass protestantica”. E ben fanno i sacerdoti che rifiutano la messa antica in contesti inquinati da rancore verso la Santa Sede o da vuoto estetismo. Celebrare in questi casi sarebbe veramente danzare attorno al vitello d’oro.
    Mi permetto di dissentire (sperando di poter restare ugualmente sull’Isola di Patmos) circa il rimedio proposto: perché negare il VO a chi desidera accostarsi ad esso con l’intento di santificarsi con questa lex orandi? Si quid est, non indiget motu proprio datae sunt ingenia, depinxit oculos sapientium custodiunt, qui in sinu custodes illum diuina temerantem, liceat mihi dicere, Ordinarius est melius coordinentur cum in forma. Quod vere non potest ad minus participatur a calendar?
    tandem, O te puto quod tangit finem huic difficili dichotomia. E, si ego intelligo , habuimus in Paulinis receptam elementa traditionis Missali. Erat per ideam Ratzinger ante pontificatum, cum vellet motus novi liturgici. Vereor nullus suus 'classic solution qui would amo ut caecus: quidam indiscretis vocibus perstrepere Tridentini restituti, alii, ut in Missali desit consilium de proditione. Quod locus ad timeret muliere litigiosa et in tali Ecclesia Sancta Sedes (See Germaniae)?

  29. Obiective est implicatum; (inquam: dictum) verrat in unitate dissitis participating in hisce massis,, quam sana doctrina theologica,. Sed implicite dari series scismatici possederis quod opponitur illi qui ab ecclesia (et per sacram Liturgiam), venit Cardo Lercaro, Dossetti (domestica etiam gloria autem orientatur cum voto sui consilii ad rem liturgicam constituit cum experientia agens ad oratorum popularium; quia scriptum est:), et quicquid dictus Bughini [N.d.R. BUGNINI], et nepotum tuorum Alberigo, Melloni, Bianchi. Et quod Ecclesia ideologized “collectiones publica” a sinistro. Nam ea, quae est doctrina, (Vanum est objective Cardo Lercaro, Dossetti scripsisse texts).

    Non quaero, quaeque in liturgiam Catholico in_Civitatibus_Foederatis. In quo motus magis est in septemtrionis Europae liturgicorum Catholico laeua ad populares sententiae haud laetabundus. Ceterum doctrina feminist Europam advenit septemtrionis, qui ad id pervenit:, et post liturgiam. Tu tamen aliquid non videtur,: Et habebant officium est ad Muenster Domplatz et vidi in Münster Katholikentag 2018 nice quod cum episcopus perficere Swedish. Hinc (erit verified; et ego operor) enim ordinis est pugillo inter Vetus et politica ius. p mi. Arihel, Et cupit nimis, sana doctrina consentire duobus extremis adæquetur theologia: Romans curis de theologia. Et qui scribit circa quod Ecclesia est, sicut in mane: quod? in nuce Ecclesia in superius cubiculum post celebrántes Resurrectiónis, sed inclinavit super gentes quasi non Catholico, deiecto praesidio scire philosophiae Graecae, iuris romani, quod…

    1. De schismaticis vein praesens sit in quibusdam hominum coetibus vel aliqualiter, sed perperam secum proficisci per solam participationem exacerbating suggerente spiritus ritui paraliturgicas schismatici actus schismaticus.
      Contra, anxietas de implicatione ad prodecessoris sui Iohannis coetus minori curae est, qualis wanting sine eiiciam festucam et trabem. An sub terra esse schisma in ecclesia peragitur, quia in tempus post Concilium, (ut ipsa quoque animadvertit) qui dilatavit tectonicas limitum culpa qui aperuit dramatically apud saeculum in novissimis modernistae rationalismum et individualismo haeresim. Si autem ecclesiam non scit quomodo se acies ab recompose (et quae confitetur ut non possit facere) in statum missa susciperentur ab ipso Christo.

      1. Haec eius, non est simplex sensus communis, MA «… sapientia quae ex ore Altissimi prodisti» (sapientia, quae ex ore Altissimi prodiisti est)

  30. O Ariel Caro, Ego sum simplex iacebat fidelis (sine theologie) qui non attendit ad S. Nam antiqui ritus prorsus missa est in decem annos EGO can dico vobis quia ego vere similis hoc videtur mihi quod maius est sensus litterae sacrae maximeque in homilia me audiebat (nunc etiam de sacerdotibus fraternitatis S. Pius X,, stabant autem numquam) EGO vere vultus amo illos quoniam ipsi impellunt ad aliquid habere apertum in superno, potius quam de re sociali quaestiones tempestivo (Nullam ut, pretium oleum et tomatoes: mihi credite,, Non ludens loqui). Etiam si reperire excessum eius rogationem, Wisi enim ad stimulum reflectunt. Animadvertit quoque quod valde dolendum non data ut iidem fideles ut Missae intererant, qui mecum sunt, “durum probat” E, da un punto di vista umano, non mi ci sono trovato bene e non è nata nemmeno una vera amicizia. Questo un pomi ha deluso. maybe, quando sarò un popiù libero dal lavoro, mi piacerebbe scriverle un’email in privato. La ringrazio di nuovo e prego per i sacerdoti come lei, affidandoli a S. Michele Arcangelo e ricordandoli in una decina del Rosario.

  31. Consiglierei al signornomessatridentina” – che si diletta nel copiaincollare da riviste oscene senza citarne né il titolo né l’autoredi risparmiarci le fantasiose ricostruzioni storiche dei cattivi maestri Carmen Hernandez e Pedro Farnes e la pseudo teologia sacramentaria del falso profeta Kiko Arguello.
    ille, da buon neocatecumeno, è assolutamente inconsapevole di ciò che scrive, ripetendo a pappagallo i medesimi concetti espressi dal primo dei volumi, ispirati parola per parola dal diavolo, degliOrientamenti alle equipes dei catechisti per la fase di conversione”.
    Non sono certo l’avvocato difensore di Don Ariel, ma dubito fortemente che abbia proposto l’abolizione del Motu Proprio Summorum Pontificum sulla base delle argomentazioni esposte dal kikiano figuro.
    Torni pure a predicare il seder pasquale nei meandri della sua setta gnostica-giudeo-luterana, ricettacolo dei peggiori sacrilegi contro il Corpo di Nostro Signore Gesù Cristo.

    1. Lungi da me ergermi a moderatore, ma potrei umilmente consigliarle di non trasformare i commenti in attacchi personali? Glielo chiedo per l’edificazione di tutti noi.

      1. Caro Stefano cosa ci vuole fare? Deve essere la conseguenza del lockdown e non solo quello dovuto al Covid19. Certe persone sono incapaci di dialogare pacatamente, non sanno fare altro che essere violenti, aggressivi.
        Stendiamo un velo di misericordia e di pazienza!

        1. Mi dispiace e le chiedo sinceramente scusa. Non era mia intenzione polemizzare ma sono stato tratto in inganno da alcuni concetti da lei espressi che mi ricordavano la catechesi di Carmen Hernandez sull’Eucaristia. Infeliciter, avendo trascorso parecchi anni all’interno del Cammino, faccio fatica a moderare il linguaggio quando penso di aver a che fare con uno di loro, ripensando alle tante umiliazioni subite.
          Sono mortificato per il frainteso e mi scuso nuovamente.

  32. Qualcuno per cortesia, può spiegarmi cosa significa che nella Messa Tridentina c’è più senso del sacro? Cosa si intende per senso del sacro? I canti gregoriani forse? A dire il vero si possono cantare anche nella Messa di Paolo VI.

    I paramenti pesanti? Se non erro si possono usare anche nella Messa di Paolo VI, in linguam Latinam?
    Anche la Messa di Paolo VI si può celebrare in latino.

    De situ coram Deo? Io ho assistito a una Messa di Paolo VI ad un altare ad paretes,nella quale il sacerdote celebrava coram Deo.

    Quindi qualcuno mi spieghi, Please, in che senso ritiene la Messa di Pio V trasmetta più sacralità?

    Io penso che i due riti siano molto simili,anzi lo stesso rito, ma quello di Papa Paolo VI è più idoneo alla ecclesiologia e alla cultura e mentalità attuale.

    Ho piuttosto la sensazione che la Messa Tridentina, aliquamdiu, sia piuttosto una moda, come quei giovani sacerdoti vestiti con la berretta tricorno. E’ un desiderio di novità, non di ritorno all’antico.

    1. Se sono lo stesso identico rito, provi a mettere a fianco i due ordinari e vedere quanto sono simili. poi faccia lo stesso anche con il temporale e valuti.

      poi se sono lo stesso identico rito, come fa a dire che la Forma Ordinaria è più idonea ai tempi attuali. se sono lo stesso rito, sono tutti e due idonei

      Poi personalmente io sono il più grande fautore della “reformationem liturgicam instaurationem respicientia” almeno per quello che riguarda l’Ordinario, e la Forma Straordinaria guadagnerebbe soltanto da avere cose come la possibilità di avere le orazioni cantate e le letture in italiano, una preghiera dei fedeli, una terza lettura, e la Forma Ordinaria ci guadagnerebbe dall’avere un ciclo delle letture annuale e non triennale, una maggiore ‘fissitànell’uso delle preghiere eucaristiche, il vecchio offertorio e il vecchio rito di frazione, un maggiore uso del canto di letture e preghiere etc..

  33. E’ un copia e incolla

    “è vero che il messale in uso fino alla riforma postconciliare è stato codificato da san Pio V (sextus decimus saeculum), ma l’ordo, cioè la struttura e i testi, della messa tradizionale risale a san Gregorio Magno (VI secolo) tanto che essa può a giusto titolo essere chiamata anche messa gregoriana”. Si può provare invece, con i dati storici in mano, che l’ordinario della messa di Paolo VI somiglia più all’ordinario della messa in uso nel tempo di Gregorio Magno di quanto somigli ad esso l’ordinario della messa di Pio V.

    Anche se è difficile determinare in concreto quali riforme liturgiche Gregorio Magno (590-604) abbia realizzato, alcuni dati sull’ordinario della messa nei secoli VI/VII li abbiamo. Se ci soffermiamo sul cuore della messa, la cosiddetta liturgia eucaristica, notiamo che fino al secolo VIII nell’offertorio della messa troviamo una sola orazione alla fine del rito: l’orazione super oblata, detta più tardi secreta. Nel Messale di Pio V, l’offertorio contiene numerose orazioni, 8 nell’edizione del 1962, senza contare le 4 che accompagnano l’incensazione nelle messe solenni (Suscipe, sancte Pater; Deus, qui humanae substantiae; Offerimus tibi, Domine; In spiritu humilitatis; Veni, sanctificator; Lavabo inter innocentes; Suscipe, sancta Trinitas; Orate, fratres; Secreta). Il Messale di Paolo VI conserva

    [N.d.R. nuntius venit ad finalem damnationem cum mutila,, maybe a word is missing, et hoc modo dat speciem nemo Conscidisti]

    1. è discutibile dire che l’Ordinario della Messa all’epoca di Gregorio Magno fosse più simile a quello di Paolo VI (per legge o di fatto). pro exemplo,:

      non c’era il Gloria nella domeniche, eccetto che nelle messe pontificali;
      non era recitato il Credo;
      la preghiera dei fedeli era discretamente fissa e la risposta era standardizzata, quod Kyrie eleison (altro che la variabilità assurda attuale!);
      c’era una solo preghiera eucaristica, il Canone, con alcune parti molto variabili, come il prefazio (ve ne erano più di 100), quod communicantes et L’hanc igitur (che cambiavano a seconda della festa celebrata, e non a piacere), più il memento dei morti da inserire nelle messe per i defunti.

      Il Messale di Pio V ha sempre il Canone, ma più fisso (solo 11 prefazi, 6 communicantes, 3 hanc igitur) ma la situazione è più simile a quella gregoriana di quella di adesso con le 4 e più preghiere eucaristiche che un sacerdote può scegliere praticamente a piacere più un numero di prefazi incontabile e di qualità spesso bassa ;
      per la questione dei riti di frazione ne ho già scritto in un commento precedente e non mi ripeterò

      Pax et bonum,

  34. Buon giorno Padre Ariel,

    poiché nel mondo dei tradizionalisti, quelli più radicali continuano a predicare la dubbia o certa invalidità del nuovo rito di S. Paulus VI, (oggi in un sito cattolico ho visto che era in corso una conferenza dal titolo la Messa di sempre non è la nuova Messa etc.) avendo presente che la Chiesa esercita l’infallibilità anche nel mantenere immutata la sostanza di tutti i Sacramenti come nel caso di riforme della liturgia, si può dire che tutti quei cattolici che la pensano diversamente pecchino anche di eresia?

    1. carissimi, Vincenzo,

      è sempre un piacere leggere i commenti dei nostrivecchilettori che ci seguono sin dagli inizi del nostro cammino su In insula, quæ appellatur Patmos,.

      La Chiesa non può alterare la sostanza dei Sacramenti, come lei ricorda a chi ci legge, perché dei Sacramenti di grazia è attenta custode e fedele dispensatrice, dominus, in quando, Sacramenta, non sono beni disponibili.

      Quod ecclesia – e la Chiesa solaper il mandato dato da Cristo Dio a Pietro e al Collegio degli Apostoli da lui presieduto, può stabilire nuove discipline nelle varie materie, compresa la sacra liturgia. E ogni volta che la Chiesa, attraverso un atto di magistero, stabilisce ciò, i fedeli devono aderire con fede, proprio perché si chiamano “fidelium”, che non a caso vuol dire: fedeli all’insegnamento della Chiesa.

      Rifiutare gli insegnamenti della Chiesa e le discipline da essa date in materia di dottrina e di fede, di morale o anche di sacra liturgia, può comportare, secondo la gravità, il rischio di incorrere nei cosiddettidelittidi eresia o di scisma.

      Sono il primo a dire e sostenere, con ragionevoli motivi e prove di carattere scientifico, che quella che doveva essere una necessaria riforma liturgica, animata da tutte le migliori intenzioni, nella stagione del post-concilio ci ha portati a non poche forme di abusi arbitrari che hanno generato un vero e proprio caos liturgico, sed, a porvi rimedio, può provvedere solo la Chiesa. Rationem reddent episcopi, i sacerdoti e i teologi, possono avanzare perplessità, fare studi e auspicare e supplicare che si corra quanto prima ai ripari, per esempio con una riforma della riforma, ma chi deve riparare è appunto la Chiesa.

      In caso contrario si corre il rischio che certi soggetti si ritaglino la Chiesa che a loro piace o il rito che più li emoziona. Quid ergo, Si enim expectamus, è di questo che si tratta: di emozioni soggettive, non di fede.

      1. prorsus!!
        Se mi sbaglio mi corregga, ma l’atteggiamento di alcuni tradizionalisti, non voglio generalizzare, c’è molta brava gente tra chi segue la Messa Tridentina, somiglia a quello di Lutero e dei protestanti. Anche Lutero voleva salvare la Chiesa, la voleva riformare, pensava che la Chiesa sbagliasse completamente e quindi era da correggere, da riportare sulla retta strada. Anche lui era convinto di agire per il bene della Chiesa, voleva migliorarla. Ad un certo punto, non riconobbe più l’autorità del Papa, voleva correggere anche lui, facendo dei grossi errori e provocando uno scisma, che ancora oggi subiamo.

        et Lutherus,, con argomenti diversi,voleva purificare la Chiesa, ma a modo suo e per questo, non riconobbe più l’autorità del Papa e dei Vescovi, facendo di lui stesso il centro di tutto, dimenticando che il potere delle chiavi, Christus, lo ha dato a Pietro e ai suoi successori e che la Chiesa si basa su colonne che sono gli apostoli ed i loro successori.

        1. Tutto storicamente e dottrinalmente giusto.

          Posso solo aggiungerle a titolo di cronaca la mia esperienza sacerdotale: il ministero di confessore e di direttore spirituale, lo esercito perlopiù con sacerdoti. I penitenti che si avvalgono di me come confessore, sono infatti più sacerdoti che laici.
          Una volta un giovane e splendido confratello di 32 aetate, bravissimo sacerdote, ben formato e preparato, molto attento alla dottrina e al sacro decoro liturgico, mi narrò che il vescovo lo aveva nominato parroco di una popolosa parrocchia. Quindi mi narrò che la prima domenica era rimasto pressoché sconvolto:

          1. una assemblea scomposta e male educata ;
          2. canti inadeguati accompagnati da chitarre suonate male e tamburelli vari ;
          3. laici che si muovevano sul presbiterio come fosse spazio loro ;
          4. animatrici liturgiche che quasi avrebbero detto al celebrantespostati che mi fai ombra” ;
          5. ministri straordinari della Comunione che pretendevano come una sorta di diritto acquisito di distribuire l’Eucaristia pur non avendo il celebrante bisogno di essere aiutato perché impiegando solo alcuni minuti in più poteva fare lui ;

          etc. … etc. …

          Si trattava della classica parrocchia che, i suoi due precedessori, avevano interamente appaltata a uno dei vari movimenti laicali che l’aveva trasformata in una sua proprietà, liturgia inclusa.

          Alla richiesta di consiglio risposi: metti in conto che così stando le cose dovrai patire per un paio d’anni, forse procacciandoti la gastrite e i calcoli al fegato. in facto,, il bravo sacerdote, i fedeli li corregge con pazienza e dando soprattutto l’esempio, non rivoluzionando tutto, fosse anche a fin di bene, appena arriva, perché in quel caso le persone possono irritarsi molto, quando credono di agire nel giusto e necessitano di essere educate, non messe in riga dalla sera alla mattina. tum:

          1. se tu passi dieci volte dinanzi al tabernacolo nello spazio di cinque minuti, inginocchiati per dieci volte, se non oggi domani o domani l’altro, vedrai che raccoglierai frutto ;
          2. fingi di non udire chitarrine e tamburelli, isola le orecchie e celebra come sai fare il Sacrificio Eucaristico con sacra devozione, vedrai che raccoglierai frutto ;
          3. non prendere di petto le cosiddetteanimatrici liturgicheche ti hanno riempito il presbitèrio di cosiddette altare puellis, fingi di non vedere tutte queste bambine messe a servire inopportunamente attorno a quell’altare che da sempre è stato luogo del tutto privilegiato per le vocazioni al sacerdozio, ma stai vicino il più possibile ai fanciulli, quia, proprio perché fanciulli, riescono a percepire nel sacerdote la dimensione del sacro, se tu gliela trasmetti, vedrai che raccoglierai frutto ;
          4. fingi di non comprendere che le catechiste sono delle emerite ignoranti non in grado di preparare i bimbi a ricevere i Sacramenti, ma soprattutto lasciale tutte al loro posto evitando guerre inutili, però tu, durante le lezioni di catechismo, fatti vedere e di volta in volta spiega qualche cosa ai bimbi, dicendo alla catechista che è bene che vedano e ascoltino un poanche il Sacerdote dal quale poi riceveranno i Sacramenti, vedrai che raccoglierai frutto ;
          5. non ti curare degli ultra sessantenni ex sessantottini ed ex figli dei fiori, perché tanto quelli sono pressoché persi e irrecuperabili, hanno sempre in testa Che Guevara e la canzone Mortuus est Franciscus Guccini, cura invece quanto più possibile adolescenti e giovani, perché quelli possono essere ancòra recuperati, vedrai che raccoglierai frutto ;
          6. vesti sempre la talare in chiesa e nei locali parrocchiali, affinché gli adolescenti e i giovani comprendano che quell’abito nero corrisponde alla persona che sei e alla scelta di vita che hai fatto, vedrai che raccoglierai frutto ;
          7. non andare con i giovani in pizzeria, od al bar a prendere un aperitivo, perché tu sei il loro pastore, tu sei sacro, non sei un loro compagnuccio Brigadier, fagli sempre capire che li ami come dei figli ma che come un padre li attendi sempre a casa. Il buon padre non va a in giro a giocare all’amico del figlio, perché è il suo pilastro, la sua fonte di autorità e di autorevolezza, vedrai che raccoglierai frutto ;
          8. se in estate li porti alla colonia marina, tu non indossare il costume da bagno e non andare a fare in bagno con loro, rimani in pantaloni e possibilmente neppure con una maglietta, ma con le braccia coperte da una leggera camicia fino al polso, affinché comprendano che la tua vita comporta anche delle felici rinunce, cosa per la quale ti apprezzeranno, vedrai che ne raccoglierai frutto ;
          9. Non permettere mai a nessun giovane e soprattutto a nessuna giovane, a collaboratori parrocchiali, catechisti o catechiste, di chiamarti per nome e di darti del “tua”, perchè tu meriti tutto il rispetto dovuto alla tua sacra dignità sacerdotale, che deve essere percepita e come tale venerata dai fedeli, perchè sei un alter Christus, vedrai che raccoglierai frutto.

          Trascorsi nemmeno due anni mi invitò nella sua parrocchia a predicare per l’Ottava di Pasqua, hoc est, quid:

          fui servito all’altare da 12 chierichetti che parevano soldatini ;
          giunsi all’ambone per la proclamazione del Santo Vangeloscortatoda quattro chierichetti, due dei quali reggevano i lumi, altri due il turibolo e la navicella ;
          il più piccolo di tutti non mi fece allungare neppure una volta la mano sul messale, perché per tutta la celebrazione fu lui a gestire il messale, voltare le pagine e aprirlo al segno giusto ;
          durante la Preghiera Eucaristica tutta l’assemblea era inginocchiata ;
          distribuii la Santa Comunione scortato da quattro chierichetti, due reggevano i lumi e altri due porgevano i piattelli sotto il mento dei fedeli ;
          fu eseguito in gregoriano il Gloria Kyrie, quod Sactus, l’Agnus Dei e dei canti classici durante la Santa Messa accompagnati dal suono d’organo e per il canto di Comunione e il Canto finale all’organo si unirono un violino e un flauto.

          Trascorsi così alcuni giorni in quella parrocchia a udire dai parrocchiani quanto stupendo e meraviglioso fosse il parroco che il vescovo gli aveva mandato e quanto loro ne fossero fieri e contenti.
          Quei quattro sessantottini rimasti fermi a Che Guevara e a Mortuus est Franciscus Guccini, senza che nessuno dicesse loro niente emigrarono spontaneamente in un’altra parrocchia, dove qualche parroco settantenne loro sodale faceva le catechesi stile collettivo Lotta Continua e durante le omelie predicava contro populisti e brutti ceffi della Destra.

          Ogni tanto mi domando che cosa insegnano ai loro preti i vescovi, sempre più simili a burocrati, a prefetti cattolici ammantati oggi di socialità e di pauperismo. Non perdo però tempo a cercare risposta, perché ho molto di meglio da fare: conosco infatti le miserie e, haec … duc in altum ! [«Prendi il largo e calate le reti per la pesca» (Lc 5,4)]

          1. Caro Pater Arihel, sfonda una porta aperta,tante delle cose che lei ha denunciato, le ho notate e denunciate anche io, ma invano.
            Del resto il caos,l’anarchia che domina nelle parrocchie è sotto gli occhi di tutti. La responsabilità di questa situazione è di tutti, sacerdotes,, motus, parochiani, sine exceptione.

            Nella mia esperienza noto una anarchia, et inordinatio,incredibili. La tirannia di alcuni parrocchiani è davvero insopportabile, la fanno da padroni e sono degli autentici despoti, i parroci debbono adattarsi a loro. Però diciamola tutta, questa situazione fa comodo anche ai sacerdoti, che delegando ai laici, possono liberarsi di tante seccature per fare la bella vita.

            Io non biasimo le tante persone che scappano dalle parrocchie, almeno nella mia esperienza, non mi meraviglio che tanti se ne stiano alla larga, io vedo un’ambiente è poco sano, pieno di assetati di potere, persone venali interessate, disadattati che cercano la loro dimensione per paura di affrontare la vita. Insomma non è un ambiente piacevole .

            Confusione liturgica, catechetica, pastorale,, un circo un baraccone,che va avanti, quasi in modo inconsapevole. Sacramenti dati alla carlona a persone, in cerca solo di un motivo per fare festa. Potrei raccontare delle tante idiozie,comportamenti squallidi, che si vedono nelle messe parrocchiali, omelie interminabili e incocludenti, patris nostri,, mani nelle mani etc. Anche sui canti e le chitarre sono d’accordo, non mi piacciono, come non mi piace vedere gli abusi liturgici continui.

            C’è una grande ignoranza,dei preti ma anche dei laici impegnati. La colpa è un poco di tutti.

        2. il problema di Lutero non era quello di rifiutare l’autorità del Papa e dei Vescovi, come la sua intenzione di riformare/purificare la Chiesa.

          Lui si era convinto di una specifica dottrina della grazia, del Sacrificio Redentore, della condizione umana posteriormente alla caduta etc e questa per lui era divenuta centrale, quindi tutto il resto è stato modificato a seconda di questa dottrina e le autorità ecclesiastiche venivano mantenute a seconda se si opponevano o meno a Lutero
          lo si vede anche dal fatto che la gran parte della comunità luterane hanno mantenuto almeno una sorta di episcopato, visto che molti vescovi aderirono alla sua eresia.

          Mirabiliter si Romanus Lutheranismi transisse, fortasse servasset Lutheranos quasi primatum Romani Pontificis.

    1. Marcus Tullius sincere gratias ago tibi quia ego intellegam tu quid Bonini de hoc mirabilis respondere, quanto magis potui, quam semper facere articulate.

      et non, O Ariel,, Im 'non pateris, fecit tibi mendax. Iustus ut diagnosi’ pars, ideoque plane deesset, justo’ communia. Tu accusas, tute in speciem irae aduersus “certi” quae minime defensatur adiunctis certis fidelibus, si quis affirmare, insinuat quod aliqua “objective digeruntur,” magis serviant ponere sub praemissa, quod utique in tenebris lumen quaerentibus.

      lei, sed, videtur mihi non est dubium in his quae mihi quasi mendacium (del respondendum eidem Michaeli 10 Ut apud 19h02), ex hoc enim expertus Defensa, Verum quam quod sui. Just partiales, certe, sed si consideretur ostentans merito ridentur publico fidelium. Itaque cum benigne remittere iniuriam.

      qui dixerunt, Et accipe bonum, quod non est accipere in sua reprehensione, redigendi omnia tam certe doctrina est enim periculum praesens. sed (Ego sum iterare), Hoc non est periculum,, semper, unusquisque Evangelii iota?

      1. D. Roberto,

        Non autem potest negare mundi traditionalist quod est proprium esse ex repugnantia mobilis ad celebratum Concilium Vaticanum II, in Novo, et post Concilium Vaticanum Summorum Pontificum. Sicut scitis, reformationem 55 et saepe sentiunt inhonestum appareat enim artifex docuit et novum fastis ad reigning Papa.
        Puto quod remedium mali est disciplina magis magisque per sequens textus Concilii Patres Concilii alitur exemplo gravi propiores Concilium oboedientiam.
        Siri est Bagnasco Card card dicitur quod saepe rogavi, ut legitur in Concilii textu flectebat genua sua,, Panormi formam ex Ruffini Card Recordatus est, ut qui eam sine problems Concilium applicari.
        Infeliciter, traditionalismus Lefebvrian seditionis respicit et nihil aliud., certe nondum!
        Quae non concordant cum cogitatio ejus, Apoc Ariel solution et in diagnosis et verum ducit ad denegando observatio in pulvis in tapete.

  35. O Ariel,,

    fidelis autem multi ex eis modo perturbatur falsis lectionis, ex auctoribus sedevacantist. Abolendi relinqui sola esset in salutári orthodoxiam vel Sedevacantism. Et hoc habitus caritatis non videtur ad me ipsum. Sacerdotes non opus est formatorum congruenter, ut.

  36. Caro Pater Arihel,
    ut habeatis ad eos, qui me adducere, Fateor, me non invenient mihi quod ingentibus iram suam, in quaestione de Apostolicis Motu proprio datis, duabus sententiis plerumque verae habes eversores respondentia eodem nomine et loannis Massimo Faggioli Moretti…hum, veniam, Andrea Grillo.
    Io sono solito udire la Santa Messa nella forma straordinaria presso la Chiesa dei Santi Michele e Gaetano di Firenze, retta dall’ICRSS, e le posso assicurare che mai mi è capitato di incontrare, tra i parrocchiani, settari incattiviti, “cristiani ideologici” (come s’usa dire adesso) o pseudo-dandy affascinati dalla maestosità del rito.
    Vi ho sempre trovato tante belle famiglie, giovani devoti ed anziane signore che ogni domenica si prodigano in complimenti al mio bellissimo bambino di due anni e mezzo, che mia moglie (giapponese di religione buddhista) ipse habet, bontà sua, accettato senza problemi che educassi secondo la Religione Cattolica.
    I sacerdoti che vi officiano i sacri riti, a cominciare dal Rettore (che ha preparato me e mia moglie al matrimonio), pur giovani d’età, theologicae habent infinitam culturae background, alios cum magna humilitate et promptitudinis.
    Si hoc esset misericordia perierat.
    Et aliquis dicat alicui quod illa Ecclesia rediit, intendite, quoniam hoc per exemplum horum verum esset nobilitatis viri Dei,.

  37. Diem bonam, omnes. Sicut etiam non est hic Disputatio (patet,) Concilium II ab Vaaticano vellem scire si quis habet legere librum “iota unum. De studere mutationes in Ecclesia Catholico Vicesimo hoc saeculo” Romano et ab impressionibus Amerio. A me, ex simplici laicorum, Concilium vehementer nimis dubitata queruntur.

  38. V. Ego autem sum fanaticus, sed cum attenderint V. Ego sum potior quaedam res sunt, quae dicere. Et ex significatione global datur convergentia ad eucharistici Sacrificii celebrationem. In isto aspect nulla est evident.
    1. Et nefarium est SPq? In mente ad SP quad non est reversus ad quod praeteritum, et aperire reformationem liturgicam instaurationem respicientia ad disputandum est.
    2. Si pastoralis CVII Sicvi, deinde quid 2 constitutiones dogmaticae,?
    3. Et documentis forsit est non plene viget monitio, sed application? Ego simpliciter dubitans,. In la CT “utrem verbum” et aequantur in usu iam est “mensam eucharisticam” et haec est una principalis puncta ad esse difficultates gignit pro me ad NO,: quod litteras mitte aequo Eucharistia. Hoc est, illud potest esse, maximum gradum debet Eucharistiam.
    5. Nulla alia de causa missas et non solum secundum quod sunt sacerdotes celebramus, ipsa Ecclesia est Ecclesia a sacerdotibus, sed longe aliter est;. Quo modo conceptum unitatis in mediterranea deferendi, et non pervenerunt usque ad sacerdotes, si sint qui ab Ecclesia sunt alii? Confusa idea tantum importent referendo liturgicorum.
    6. Quod capit eo perducta usque ad annos studiis rite celebrabitis VO. Unde patet quod nulla esset non esse necessarium in. Maybe suus 'minus amet?
    7. Si significatione sacrificium quae manserunt in eodem, cur 90% frequentabat aliqui credere, quod est memoriale coenae?
    8. Et sacerdos in persona Christi celebrat? non Ma, et Praeside Conventus!
    9. Petrus non agens”introibo”? Non…

  39. Credo autem habuerit maculam et in numero characteres ut possit imponi in comment. Et ratio sino vos ad inserere illos 1600, deinde litteras mittens secat ultima.
    Educite super puno 9 comment est prior quam verisimile consequuntur Conscidisti:
    9. Petrus non agens”introibo”? Non dicere volo: est psalmus David!

      1. novis, vos have problems in locum maybe. Aut erat forsit iunctio meus “more freti volubilis”. Antequam revelaretur malitia tua quia bis editis 😂😂😂

        1. et, Donec erat elit paucos dies cumulatur, praesertim tempore aliqua foramina, quod maxime clausa in domo populi erant iunctus ut penitus, quod saepius occurrit slowed et ad network “technica errores” nunquam antea.

      2. Dum potes, responde mihi, et 9 quaestiones? Et praecipue curant de loco 9.
        aliud… Te confirmare ut in Latinam versionem in missali a Paulo VI est “non sum dignus ut intres sub tectum meum” quam pro Italicis erat cum illis supervenit “participate in CAUPONA”? Cur talem translationem brevitatis causa vocabo?

        1. carissimi Antonellus,

          non est dicere tantum, docuitque cum declarasse, inter versiones in linguam Latinam typicam Missalis Romani a text of S. Pauli VI, est unus of pessimus Italiae est semper Translations. In hoc Circa, et merces mea propria experientia sum, quod explicavit, non enim provinciae parochum paroeciae non celebrandi comitia, Semper uti Latina editione Missalis Romani a Paulo VI exaratum, cur illud, etiam alibi in, est fidelis.
          Cur autem ita facta translatione, quibus autem cognita est et nota quae ritu Germanicos Calvinista, EGO pia do not know, sed, Infeliciter, translatione enim est, sine dubio mala, quod factum est.
          Omnes quod magis spero, ut salva erit in coeundo conferundoque cum in remedium quoque intersit ad aliquas sententiarum collationes, autem, ego iterare, Certatim sunt in ecclesia.

          1. Ariel Pater gratias ago pro responso genus suum. Certe quaedam increpatio est munus Ecclesiae perficiebat. Ecce modo paulo faciemus’ Multum nam impedit tractatus. Quo modo enim propositus sit, tamen, ut in textu originali et in multo fidelis est? nunc, semper agens pourparler, In Italia cum interpretatione patet 'non sum dignus ut intres sub tectum meum "bene sonant. Si potrebbe certamente rendere con «non son degno che tu entri nella mia casa», ma si perderebbe una sfumatura di significato che invece nell’originale rimane più evidente. Il discorso è un polungo e articolato, ma in sintesi possiamo dire che «non entri sotto il mio tetto/nella mia casa» non vuol dire «non sono degno di ospitarti» come potrebbe sembrare oggidì. Il rimando è alla coabitazione nuziale. Gesù si presenta come sposo di Israele e quindi di tutti coloro che l’accolgono. Nel vangelo di Giovanni ciò è evidente, negli altri vangeli forse meno, ma il fatto che la tematica nuziale sia sparsa un podappertutto nei Vangeli (richiamando anche la stessa immagine usata dai profeti di Dio sposo fedele di Israele infedele) credo ci possa portare a pensare che effettivamente, inter alia,, Gesù si sia presentato anche così: come sposo. Haec omnia in lucem, la traduzione che mi sentirei, ovviamente indegnamente, di proporre non è tanto «che tu entri nella mia casa» (che è comunque molto meglio di partecipare alla tua mensa), ma «che tu entri sotto la mia tenda». In tal modo si manterrebbe ciò che probabilmente era evidente a chi ascoltò e pronunciò quelal frase 2000 years ago, ossia l’allusione alla chuppah. Che ne

          2. La frase conclusiva del messaggio precedete che è rimasta tagliata è:
            «Che ne pensa

  40. V. Ego autem sum fanaticus, sed cum attenderint V. Ego sum potior quaedam res sunt, quae dicere. Et ex significatione global datur convergentia ad eucharistici Sacrificii celebrationem. In isto aspect nulla est evident.
    1. Et nefarium est SPq? In mente ad SP quad non est reversus ad quod praeteritum, et aperire reformationem liturgicam instaurationem respicientia ad disputandum est.
    2. Si pastoralis CVII Sicvi, deinde quid 2 constitutiones dogmaticae,?
    3. Et documentis forsit est non plene viget monitio, sed application? Ego simpliciter dubitans,. Nella SC la “mensa della parola” viene già equiparata in pratica alla “mensa eucaristica” e proprio questo è uno dei principali punti che mi crea problemi nel NO: quod litteras mitte aequo Eucharistia. Hoc est, illud potest esse, maximum gradum debet Eucharistiam.
    5. Nulla alia de causa missas et non solum secundum quod sunt sacerdotes celebramus, ipsa Ecclesia est Ecclesia a sacerdotibus, sed longe aliter est;. Quo modo conceptum unitatis in mediterranea deferendi, et non pervenerunt usque ad sacerdotes, si sint qui ab Ecclesia sunt alii? Confusa idea tantum importent referendo liturgicorum.
    6. Quod capit eo perducta usque ad annos studiis rite celebrabitis VO. Unde patet quod nulla esset non esse necessarium in. Maybe suus 'minus amet?
    7. Si significatione sacrificium quae manserunt in eodem, cur 90% frequentabat aliqui credere, quod est memoriale coenae?
    8. Et sacerdos in persona Christi celebrat? non Ma, et Praeside Conventus!
    9. Pietro non recitava”introibo”?

    1. Va beh, vedo che non mi risponde. Mi interessava almeno un’opinione sul mio messaggio relativo al “ut intres sub tectum meum” perchè da lí vorrei tentare un riaggancio al “dio che allieta la mia giovinezza” che anche quello potrebbe, sempre a mio modesto avviso, avere una sfumatura di significato nuziale (non entro nei dettagli al momento). In quel caso le due frasi rappresenterebbero una correlazione di apertura e chiusura molto significativa della messa, come momento di donazione nuziale di Cristo (che comprenderebbe quindi il significato di sacrificio perchè è un’offerta totale di sè, e del banchetto in quanto non banchetto conviviale ma nuziale). Su questo aspetto forse si potrebbe intavolare un vero discorso ecumenico della messa. Poi ci mancherebbe, è una mia mezza idea che puó essere benissimo campata in aria.

      1. Ovviamente visto che Gesù e gli apostoli citavano la 70 (che in dio che allieta la mia giovinezza traduce diversamente l’originale) e che il l’immagine nuziale di cristo e chiesa è tipica soprattutto del 1 secolo (vedasi apocalisse) era per quello che mi permettevo di provare a sostenere che introibo ad altare deifosse un salmo piazzato lì nella messa sin dall’epoca apostolica. Sarebbe interessante capire che uso del salmo 42 si fa/si faceva nella liturgia in ambiente giudaico. Ha qualche notizia in merito?

    1. … iam!
      C’è a chi rode, a chi brucia e a chi prude.
      Sono problemi clinici di vario genere, dall’odontoiatra al gastroenterologo al ginecologo.
      Ogni giorno porta la sua pena.

      1. Noto la totale mancanza di osservazioni nel merito.
        In ogni caso è vero: ogni giorno porta la sua pena!
        Purtroppo ci son giorni che oltre alla solita pena, portano in dono anche uno struzzo: pena su pena, se lo struzzo è in talare.
        Perchè i seminari restano vuoti, se non si segue il rito antico.
        E per capire questo, basta saper sommare.
        Ma cosa è la matematica di fronte all’ideologia?
        nihil!
        Infatti se 2+2 fa 4 e non può che far 4 allora la si manda in cagnara: si inventano discorsi medici di infimo grado.
        Comportamento da struzzo, Dico.
        A ciascuno la sua pena, ma anche al sua gioia.
        A chi gioisce nel seppellir la testa, mi permetto di ricordare che lo struzzo quando nasconde al testa, finisce sempre per scoprire le pudenda.

        1. domina,

          che lei non sia uno storico della Chiesa mi è chiaro, ma che lei pretenda di dare a me, che la Chiesa la vivo e la studio da alcuni decenni, di queste amene lezioncine sotto forma di interrogativi, questo proprio non posso consentirglielo.

          Visto che ama tanto l’antico, ha idea che cosa le sarebbe accaduto se leiperaltro una donnasi fosse permessa di rivolgersi in questi toni a un prete di 60/70 years ago, di quelli che celebravano con il messale santissimo di San Pio V? Glielo dico io come avrebbe reagito il prete tridentino: o l’avrebbe coperta di contumelie o avrebbe chiamato suo marito affinché il consorte provvedesse a prenderla lui a legnate. Se per tanto vuol fare l’antica, la faccia fino in fondo: le donne per così dire tridentine, al prete parlavano a due metri di distanza, a testa china e a bassa voce, gli baciavano la mano e rispondevano solo quando erano interrogate. E’ infatti in questo contesto socio ecclesiale ben preciso, che si colloca il santissimo messale da lei osannato. ita, del tridentino, lei non può prendere solo il messale, deve prendere tutto, assieme ad esso.

          E’ noto invece che quelli come lei, dell’antico, manco a dirsi prendono solo quello che gli fa comodo, o quello che oggi, dell’antico mai esistito di ieri, si sono inventati.

          Dunque le sia chiaroe questo lo dimostrano i fatti e non le mie paroleche la crisi vocazionale è cominciata prima del Concilio Vaticano II all’epoca in cui si celebrava con il messale santo, anzi santissimo di San Pio V.
          A metà anni Cinquanta la popolazione italiana era in forte aumento e le ordinazioni sacerdotali in calo.

          Questi sacerdoti a suo dire eccezionalmente ben formati, in quanto vigeva il messale santissimo di San Pio V, non so proprio dove lei se li sia inventati, perché negli anni Cinquanta avevamo un clero che era imbarazzante, per la sua scarsa formazione. Poi c’erano le punte di diamante destinate a ruoli di governo, a ruoli d’insegnamento accademico, alla cosiddetta carriera ecclesiastica e via dicendo, ma il grosso del nostro clero era formato da sacerdoti di scarsa preparazione.
          Ne vuole forse una prova non passibile di smentita? Ebbene si legga la enciclica scritta nel 1935 a Pio Papa Undécimo, AD CATHOLICI SACERDOTII

          http://www.vatican.va/content/pius-xi/it/encyclicals/documents/hf_p-xi_enc_19351220_ad-catholici-sacerdotii.html

          per capire a quali bassi livelli era ridotto il nostro clero, pur potendo beneficiare del messale santo, anzi santissimo di San Pio V.

          Quando tra fine anni Sessanta e inizi anni Settanta si assistette a una vera e propria fuga dal sacerdozio, con migliaia e migliaia di domande di dispensa e di dimissione dallo stato clericale, con alcune diocesi italiane nelle quali gli abbandoni giunsero a sfiorare persino la punta del 50% in alcuni presbitèri … Bene, sappia che tutti quei preti datisi alla fuga al primosole di libertà” uel “rivoluzione sessuale”, erano stati tutti formati nei vecchi seminari e avevano celebrata per anni la Santa Messa con il messale santissimo di San Pio V.

          Non si azzardi a dire, Please … “per forza, c’era stato il famigerato Concilio, ecco il motivo degli abbandoni”. Perché le risponderei che un sacerdote non abbandona, per così poco, la propria santa sposa, per correre dietro alla prima femmina che gli ha fatto vedere una minigonna e sentire una canzone dei Beatles, sicut manifestum fieri.

          Lei parla quindi di una Chiesa mai esistita, come spiego nel mio video riguardo coloro che, non riuscendo ad affrontare il presente, si gettano in un passato che non è mai esistito e che si costruiscono a proprio uso e consumo, pur di non fare i conti con la realtà.

          Et placet,: se vuole fare un discorso serio, non citi a me, come fonte, il blog Messainlatino, come ha fatto nel precedente messaggio, perchè a me deve citare i Santi Padri della Chiesa, i grandi teologi e gli atti del Magistero perenne, perché sono un prete serio, non un prete dagossip istericoall’insegna dipizzi e merletti” genus Messainlatino, dietro il quale si celano, etiam, non pochi maschietti con inquietante carenza di testosterone, come spesso capita in tutti gli ambienti affascinati dal barocco.

          1. Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non iniziasse con una vanitosa ruota da tacchops struzzo.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non trascurasse Matteo, 11 25-26.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non fosse rivolta a chi è nella Chiesa da quando è battezzata, ossia dal giorno stesso della nascita.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non fosse rivolta a chi si vanta di essere pietra viva di questa Chiesa Santa Cattolica ed Apostolica.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non fosse altro che un nuovo meschino tentativo per far cagnara, per non occuparsi nel merito delle fonti da me indicate e dei numeri li riportati.
            Che dotta risposta!
            La si può lodare, per la rinuncia a una ironia, invero da stitici risultati.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non avesse sostituito l’ironia con un attacco ad personam che mi rifiuto di considerare meschino, tanto è puerile.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non accusasse puerilmente di passatismo chi è nata nell’anno dei tre Papi, nel giorno dell’Ascensione.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non accusasse puerilmente di passatismo chi MAI ha fatto paragoni con il passato e si è semplicemente limitata a CONSTATARE LOGGI,
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non accusasse puerilmente di passatismo chi si limita a costatare quali siano le chiese e i seminari OGGI affollati.
            Che dotta risposta!
            La si potrebbe lodare, se non avesse citato la santa memoria, PIUS XII,. Per circa dieci mesi, nell’arco

          2. domina,

            lei ce l’ha un marito?
            Perché un uomo costretto a sopportare una donna arrogante, irriverente, litigiosa e attaccabrighe come lei, andrebbe proclamato santo martire direttamente in vita.
            La ringrazio per avermi fatto apprezzare più che mai il celibato e la castità.

  41. Lancio un appello pubblico a Padre Ariel: la prego mi risponda! Mi offenda, mi dia dello sciocco, faccia lei, ma la prego risponda, anche pubblicamente, alla mail che le ho inviato circa la Messa Tridentina e la Chiesa post-conciliare! Io mi impegno, sin da ora, a non entrare in polemica con lei. Mi faccia sapere però come la pensa, anche se dovesse pensare che io sia poco intelligente.

    1. William carissimi.

      grazie del messaggio, perché così mi da modo di chiarirmi.
      Alle email io rispondo sempre privatamente, si aliquid,, interdum, impiego diversi giorni prima di farlo, ma lo faccio sempre.
      Il problema è che non mi è giunta la sua email, ho guardato anche se per caso fosse finita nell’antispam.
      Sia così gentile da inviarmela di nuovo.
      gratias ago tibi,.

      isoladipatmos@gmail.com

  42. Padre la ringrazio per questo video e per la sua esposizione chiara e puntuale. Ascoltandola mi è sorta più di una domanda: per quale motivo si è scelto un linguaggio “romantico” in vece di un linguaggio dogmatico? Possibile che nessuno si sia interrogato circa la possibilità che un tal modo di esprimersi avrebbe potuto aprire la strada (o meglio le strade) alle più svariate interpretazioni? Se il compito della Chiesa di Cristo è quello di menare il gregge di Dio per la via diritta perchè si è scelta una scrittura che invece di dare certezze ha aperto ad una selva di incertezze? Non ho ancora letto i documenti del concilio ammetto, soprattutto per il loro numero e per la loro mole, ma ho avuto modo di leggere il libro-intervista “Rapporto sulla Fede” di Vittorio Messori, dove l’allora cardinale Ratzinger prese la posizione che è anche la sua: il concilio è in linea con la Tradizione, a non esserlo sono state alcune sue interpretazioni. Attualmente per questioni di praticità e per il grande rispetto che nutro per Benedetto XVI, come uomo di cultura e di lettere (sed non tantum,), prendo per buone queste considerazioni e mi limito a chiedere ai detrattori del concilio spiegazioni circa le loro opinioni MASe anche all’interno dei documenti del concilio non si palesassero errori dottrinali, haereses,, apostasie (come invece alcuni sostengono), questo linguaggio “liberty” CUI PRODEST? Sentire le sue parole sul Vaticano II mi ha riportato al clima di sospensione ed incertezza che mi ha avvolto mentre leggevo il capitolo I di Amoris Laetitia, quando pensai esattamente le stesse cose

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.