Dum omnia tacere in ecclesia, conventu esset communionis et Liberatio igitur Arimino, Diabolus re vera fit symbolic: Praeposito Generali summarium catholicae doctrinae Iesuiticae societatis continues ad RESCRIBO

– ecclesiales locales –

OMNI MODO IN ECCLESIA tace, CONGRESSUS DE pluries hominibus obtulisti RIMINI et VINDICTA, Vera diaboli SYMBOLICUS: Superior Generalis JESUIT continues to auto catholicis dogmatibus institutus

.

quod felix culpa quod mater Ecclesia cantat in nocte Paschae in Preconio, quia Christus irrevocabiliter sanctiones triumphi de morte peccatoque victoriam, qui arma iniustam causam omnium malorum origo: in diaboli. Vel maybe Iesu Christi exaudi nos in cruce moreretur fabula, de symbolo, ex forma vitiatam psychism? Sit scriptor esse grave nam et quondam,, hoc est caritas non accipimus eo pertinens ad ecclesiam de nobis, hac gravitate,.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

… non sic;, ut inculturate omne quod non est Catholico! picta: Sosa patre Arturo, Praeposito Generali Ordinis Fratrum Indiae Orientalis in versione Sandokan

al foederis esset communionis et liberatione ab Arimino Ea posteaquam numerata est Superior Generalis Congregationis de Societate Iesu, Sosa patre Arturo, magni casus recipere: laude, fauore, micante gradus febris, et corda morae ad illa, de quibus supra potius quam paterni muneris nigrum papam et disseruit de re: Disce oculis intueri mundum per beati Francisci ministerii Summi Ecclesiae Pastoris. Inter multas quaestiones, quae est subiecta fuit pater Arturus Sosa quae ad exsistentiam unius diaboli:

.

"Pater, Diabolus est??»

.

responsum a Generali Praeposito Societatis Iesu fui in hoc superior:

.

'In diversas vias. Oportet intelligi talis elementorum culturalium referre. In verbis Sancti Ignatii est spiritus mali sunt qui faciunt contra est quod ducit ad Deum spiritu. Vel sterilitas malum non existit, ut in structuris, sed alia in populo, quis enim non, malefaciendi est via. Et hominem non sicut homo est homo. Est via mala, ut non praesens est in vita hominibus. Bonum et malum sunt in in certamen humanae constant, et nos in via hisce quaestionibus expediendis. Occasione autem accepta, Deo bonum,, omnino bonam. Veritas enim signa pars, et quasi in figura nobis re vera ut existat diaboli, non in re propria " [Cf. qUI].

.

Et non necesse esse theologus, et gente de Monte. Renzo Lavatori TOLLO et responsum est contra frusta concisam cum denudatur a quo bases illius basic parte dicta theologia dogmatica angelologiam E demonology, satis sequi doctrinam Ecclesiae bismillenaria.

.

Sosa patre Arturo, Praeposito Generali Ordinis Fratrum Indiae Orientalis

Ego autem legentibus relinquam illam quærentibus autem In insula, quæ appellatur Patmos, hoc opus, ad optimum librorum ope ab Msgr. Renzo Lavatori et patribus Patris Francisci Dermine, Francesco Bamonte e Cesare Truqui.

.

Est enim intentio non ita disseruit:, sed secundum intentionem omnibus Catechismum Catholicae Ecclesiae sana solidaque Parochus necnon omni studio erga fideles singuli Superiori Generali faceret. etiam, antiquitus, In insula, quæ appellatur Patmos, Simili modo egit aliud nisi, semper coniunctus est Superior Generalis Congregationis de Societate Iesu, signatum per articulum ab Ariel, et patres Cavalcoli Iohannes S. Levi Tadinensis [videre qUI].

.

Ad quae respondere datum est foederis, quae positis omnibus gratia dei foris, quod est de actu qui de quibus auctoritatem addidit sicut locutus est ad elementum sui genii addens. Non sunt historic de universis sacerdotibus et religiosis a Praeposito Generali Ordinis Fratrum Ordinis qui ab officio constituat summo sui primigenii charismatis elementis adhaeret de quinta essentia orthodoxissimus receptus est, et conditor, in specie de S. Ignatio de Loyola.

.

Volo cogitare nolueris categorice ut sancto Ignatio de Loyola, quorum nuperius heroicam virtutem quae nota est:, considerandum est quod Diabolus non esse rem aut personam malum rationis non fabuloso symbolic. in facto,, qui autem defined as "fabulosa, symbolic translationem antiqui hominis ex timoribus paterna ', post viam actually Rudolf Bultmann, erat quidem Iesuita, sed non Sancti proprii Fundatoris Societatis Jesu, bensì Karl Rahner [cfr Ioannes Cavalcoli, kar Rahner, Concilium prodiderat, 2009].

.

Sosa patre Arturo, Praeposito Generali Ordinis Fratrum Indiae Orientalis

Impius sum,, Non lacerare vestes,, Clamo ad te erit in scandalum! Etiam d quoniamhaec semper, infuso decedit decadent pervenit in quibus, quod non amplius alicui usui sunt. Occorre invece correre ai ripari per salvaguardare quella poca credibilità che ancora noi sacerdoti possediamo verso il popolo di Dio e che ci consente di essere maestri affidabili della Tradizione della Chiesa in vista della salvezza delle anime.

.

Sciens autem mea conditio, ut peccator, atque inolita cuti, Ego non judico pater Arturus Sosa in animo eius fides vel sententia eius. Tantum postea intellexerit quam illum haud dubie habet fidem, quae vero est maxime ipsius fidei,. In eodem tempore,, verisimile, Difficultas autem aliquis habeat sentire cum Ecclesia.

.

Praeterea meminisse omni theologo, Magistri persona geritur, cum exercens, parere necesse est quod regulae de fundamentalem: non ad proprii ingenii fidei suae ministerium, quod positus sit ad sensum genuinum opus, sed Dei auxilio fidelium altius intellegere et exitum annuntiet depositum fidei sine nova [Cf.. J. XVI,, fama fidem, p 71]. quidem, ita facis, Pontifex Franciscum intra actionem pastoralem considerationem theologicam, locus haud parum. personaliter, ad munus Romani Pontificis,, Ut ANXIUS sentiunt, quod sciat unam confratres cordi meo, sicut actio pastoralis laudat, Lapsus autem theologica simul et huiusmodi, palam neges quod diaboli est homo, docet quod pro catholicis dogmatibus institutus, non dubiam sententiam, quod in certitudine fidei fundatur. Hic igitur referunt verba illius sanctus vir Papa VII:

.

'Omnes, qui credit iam dictum quod non traditur nisi id quod maxime videtur esse quisque debet servanda est vera' [Cf.. VII, Litterae Encyclicae Est institutum ecclesiasticum,].

.

autem, Sicut sis Christiana, quod sacerdos Necessario agnoscis me fas est in Ecclesia, quae est de necessitate salutis et nuntius depositum fidei quod non potest neglecta, contraffatto o mercanteggiato. hodie, manifestum est fides, secundum Credo ecclesia, et saepe intitulatum ut dictum est nimis fundamentorum studiosi, cum pene lenimento, et gooders of facere- misericordismo pushed, est enim periculum, ibi est aliquantum captae in Christiano fideli conscientia, anche a rischio della loro salvezza eterna. Vos volo et huius exempli gratia? Audivimus de te hodie de quibus conciones, homilias de subiecto vel in Conferentiis statuetur Novissimi: mortem, judicium, caelum et infernum,? nihil, vero? Forsitan aliqui sunt qui super septuaginta sacerdotes, qui tamen patienter sustinens destinavit facere. Infeliciter, averitas, investigationem de consensu primum locum obtinet relate, ego similia, ego selfies, cupiens vitare argumenta, quietis cupidine famae suae quaerere, uisibiliter et televisionem media, bonum ut in summa campester naturedness pushed.

.

Praeposito Generali Societatis Iesu, Sosa patre Arturo, et videtur conatur legere et intelligere sunt Catechismus Catholicae Ecclesiae, Hic textus incognita ... magnum,!

quod politice rectam ita in mutat recte pieque, immo in dogmatizare quae includit omne verum, excipit atque in campestribus quoque et viduis diviserunt Credo sed ubique innocens expertes, quae facit ipsam soteriologicam tensio, quae nos fortiter affirmant quod apparuit Filius Dei, ut dissolvat opera Diaboli in hoc mundo [Cf.. 1Gv 3,8]. Nam hae rationes, Christiani fratres nostros ad summum ius habet videre in nobis hac aetate sacerdotes, qui indicant verum, doctrinam Ecclesiae genuinam vocamur et sana, così come è stata trasmessa e custodita fin dalle origini in comunione con l’Apostolo Pietro e il Collegio Apostolico. Et propter hoc,, et statim iterum nos insistere in genuino traditional fide Ecclesiae, ut supra dictum traditur nobis a Christo et ab apostolis. Fidei est non nostrum sed est donum a Deo, sacra tradita nobis Revelatio est adnuntiatio quam acceperant, et ideo non oportet determinare velimus eam detorquent.

.

Quintus Septimius Florens Tertullianus iam dictum: 'Et nos fas sit quicquam est inducere ad nostrum arbitrium «est; haereticis et referendo« unumquodque ad voluntatem figurans doctrinalis patrimonii accipit' [Cf.. Quintus Septimius Florens Tertullianus, De Praescriptione Haereticorum, NOS, 3 et XLII Periocha,7]. qui dixerunt: sQui vivis et regnas in credentibus lets 'patet a ventis falsa quoad doctrinas, et aperire ipsi et Spiritus Sancti, l’unico vento salubre e maestro spirituale che opera un vero e autentico discernimento nella Chiesa a partire da ciò che ci è stato tramandato. Traditio est thesaurus occultus quae data est nobis facit, ut nos dives coram Patre et salus est in tuto collocetur.: quod integrum restitui vocamur nepotibus nostris. Et propter hoc traditur ut salvet, Christo veluti centrum ponit et fulcrum urgeri, necessarium est scire bene, et opus Salvatoris.

.

Arthurus Sosa patre non recordabor certe ut primum adversarius Dei et opus eius Filius enim hominis non est nisi diaboli, qui in paradiso terrestri, in amplexus suos conciuit ac publicum ministerium maiorum Salvatoris evidenter expressit ipsum:

.

«Quid vultis a nobis, Iesus Nazarenus? Vos have ut nos in conspectu eius? Scio qui sis Sanctus Dei: tu es Christus Filius a Deo ' [Cf.. Lc 4,34].

.

quod felix culpa quod mater Ecclesia cantat in nocte Paschae in Preconio, quia Christus irrevocabiliter sanctiones triumphi de morte peccatoque victoriam, qui arma iniustam causam omnium malorum origo: in diaboli. Vel maybe Iesu Christi exaudi nos in cruce moreretur fabula, de symbolo, ex forma vitiatam psychism? Sit scriptor esse grave nam et quondam,, hoc est caritas non accipimus eo pertinens ad ecclesiam de nobis, hac gravitate,.

 

Carali,, 23 August 2019

.

.

Visit our libro tabernam: qUI

 

.

 

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





About Pater Ivanum

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

12 cogitationes on "Dum omnia tacere in ecclesia, conventu esset communionis et Liberatio igitur Arimino, Diabolus re vera fit symbolic: Praeposito Generali summarium catholicae doctrinae Iesuiticae societatis continues ad RESCRIBO

  1. ma che quale chiesa è quella che descrivete? veramente pensate che le cose stiano così?

  2. Padre Sosa è del tutto coerente: il diavolo è una rappresentazione simbolica perché a sua volta Dio è un mito, la raffigurazione umana degli archetipi ancestrali. Come si può rimproverare a chi ha perso la fede di non conformare le sue opinioni al catechismo? Gli si dovrebbe chiedere piuttosto di lasciare l’abito.

  3. Ivano pater mi, un conto è essere peccatori incalliti come te e me, altro conto è essere apostati e atei dichiarati.
    Se del Male esiste solo un simbolo da noi creato, perché non dire altrettanto del Bene, mitizzato nella nostra fantasia col nome di Dio ?

  4. Pater Ivanum,

    bell’articolo!
    Papa Clemente XIV era un francescano come te, non un cappuccino, ma un frate minore conventuale.
    E’ falsum,, storicamente falso affermare che questo Papa abbia soppressa la Compagnia di Gesù per compiacere diversi sovrani europei che avevano in odio i gesuiti.
    L’interpretazione dello storico Ludwig von Pastor che definisce la soppressione del 1773 come gesto di estrema resa alle corti borboniche, è cosa falsissima! Li soppresse per i gravi problemi che stavano creando e per le forti influenze anche politiche che stavano esercitando, perché ormai la pianta era già marcia, e al tempo stesso loro erano una influente potenza numerica e economica.
    Le prove? Basta vedere i risultati prodotti nei paesi evangelizzati da francescani e domenicani e nei paesi evangelizzati dai gesuiti.
    Nei paesi evangelizzati dai gesuiti troviamo: sincretismo nei paesi dell’oriente, ostacoli di ogni genere alla creazione di episcopati locali, perché i gesuiti, nei paesi asiatici, avevano in mano tutti i vicariati apostolici, commistioni con i governanti del luogo, spesso figure anche molto violente e sanguinarie, etc. …
    tum, in America Latina? Commistioni tra vangelo e marxismo, appoggi alle guerriglie, diffusioni di dottrine eterodosse, theologiae liberationis, etc. … etc. …
    et hodie?
    Oggi abbiamo una Compagnia di Gesù (o come dice padre Ariel “Indiae Orientalis”) infarcita delle peggiori eresie, che diffonde eresie, che si getta a gamba tesa nelle politiche della sinistra internazionale, che non mette a tacere gentaglia come James Martin che augurafelice gay prideai sodomiti orgogliosi, che ha come superiore generale un tizio che più e più volte è scivolato sulle basi fondamentali del catechismo
    E a che cosa dobbiamo assistere?
    Al commissariamento di istituti religiosi che non si sognerebbero neppure, di fare, e solo in piccolissima parte, quello che hanno fatto e che stanno oggi facendo i gesuiti.
    Dio ci liberi presto da questo cancro!

    1. Io penso che tutto questo sia un castigo di ordine spirituale per aver disatteso i richiami del messaggio di Fatima. Ciò vale sia per i chierici di alto e basso rango, sia per i fedeli battezzati che, per la maggior parte, a partire dagli anni sessanta, hanno cominciato ad abbracciare la vita mondana, trascurando ciò che la Madonna aveva invitato a praticare: la preghiera e la penitenza, con la rinuncia a tutto quello che avrebbe allontanato le anime da Dio.

  5. Sono una semplice fedele, moglie e mamma.
    Vorrei esprimere quello che sento riguardo a questo tema, che trovo in qualche modo collegato al precedente articolo di Padre Ariel.
    In una famiglia c’è necessità che i figli abbiano a riferimento i genitori, figura determinante nell’educazione, nella trasmissione dei valori, per un sano modo di crescere.
    Oggi i genitori non sono più genitori ma “amicis,”, interlocutori alla pari, risultano famiglie deboli.
    Il figlio ha bisogno di una guida sicura, fortis, amorevole, “genitoriale”. Ha bisogno anche di “nihil”.
    Nella Chiesa mi pare succeda un pocome nella famiglia: si è persa la guida, tutti possono fare tutto (tranne amministrare i sacramenti, spero autem), tutti possono dire tutto e il contrario di tutto, la figura del “patrem” (non a caso anche i sacerdoti si chiamano “patribus”), ha totalmente perso la sua dignità, il suo ruolo specifico, il suo essere riferimento per i “liberi” spiritualis.
    Frutto della modernità.
    O non piuttosto frutto di questa impersonificazione del male che va a minare proprio i capisaldi, le figure di riferimento, nella famiglia come nella Chiesa?
    L’attacco mi pare al “patrem”, sia esso laico che religioso.

    1. et, negli ultimi due articoli Padre Ivano scrivendo sul superiore generale dei gesuiti e Padre Ariel scrivendo sul caso del card. George Pell hanno trattato due argomenti diversi, ma uniti da un unico comune denominatore: la totale alterazione della realtà.
      La realtà non è qualche cosa di oggettivo ma qualche cosa che si crea, secondo le esigenze e le circostanze.
      Ne consegue che si finisce col creare una fede secondo le proprie esigenze.
      Iam praeterita, il gesuita Sosa, si era dichiaratoallergico alla dottrina”, memento?
      Come cattolica, io rivendico invece il sacrosanto diritto di essere allergica a gente come lui, come Spadaro e … E … lasciamo perdere il resto!

  6. «… è lo spirito cattivo che ti porta a fare le cose che vanno contro lo spirito di Dio… non è una persona, è una maniera di attuare il male… Il bene e il male sono in lotta permanente nella coscienza umana, et nos in via hisce quaestionibus expediendis. Occasione autem accepta, Deo bonum,, omnino bonam. Veritas enim signa pars, et quasi in figura nobis re vera ut existat diaboli, non in re propria "
    Se pertanto si afferma che:
    lo spirito cattivo è contro lo spirito di Dio,
    il bene e il male sono in lotta permanete,
    Dio è buono e il diavolo è realtà simbolica,
    –>bisogna logicamente concludere che anche Dio è realtà simbolica in quanto è la personificazione del bene!!!
    Ma il Sosa si accorge che attraverso la sua bocca parla Satana in persona?

    1. Ho avuto la sensazione che Sosa parlasse di Dio come simbolo del Bene. Quod si ita, non si tratta solo di eresia, ma di apostasia e la conclusione è che l’uomo diventa Dio e determina ciò che è bene e ciò che è male.

  7. 15 November 1972 Udienza generale piazza San Pietro Papa Paolo VILiberaci dal Male

    ………Il peccato occasione ed effetto di un intervento in noi e nel nostro mondo di un agente oscuro e nemico, in diaboli. Il male non è più soltanto una deficienza ma un efficienza , un essere vivo, spiritualis, pervertito e pervertitore.Terribile realtà. Misteriosa e paurosa.
    Esce da quadro dell insegnamento biblico ed ecclesiastico chi si rifiuta di riconoscerla esistente.
    Ovvero chi ne fa un principio a se stante,non avente essa pure, come ogni creatura origine da Dio.
    Oppure la spiega come una pseudo-realtà ,una personificazione concettuale e fantastica delle cause ignote dei nostri malanni………………..

  8. Salve vorrei domandare i santi pontefici del concilio e post, dove erano quando il modernismo penetrava nella Compagnia di Gesù, e perché non è stata sciolta?
    gratias ago tibi,.

Comments sunt clausi.