De theologia et iure canonico gratis latrinariam: turkeys ac ineptias sensationales circa invaliditatem renuntiationis Summi Pontificis Benedicti XVI

- Ecclesia nuntium -

THEOLOGIA ET JUS CANONICORUM LIBERI CULTUS PAPER: TURKEYIS ET LINGUIS CLAMORIS DE INFIRMITATE RENUNCIATIONIS MAGNI PONTIFICIS BENEDICTI XVI.

.

Si electio etiam per simoniam facta, hoc est per commutationes pecuniae vel alia bona vel beneficia, excommunicationis incurrant qui omnia loco posuerunt latae sententiae, sed, de electione Romani Pontificis, quamvis per huius gravissimi criminis perpetrationem a pluribus conciliis ecclesiasticis et legibus ecclesiasticis iam damnatis acciderit, non invalidus censetur, sed in quolibet casu legitimus. Sic scriptum est, sine poena negationis, nella costituzione apostolica Universi Dominici Gregis Sancti Ioannis Pauli Secundi.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

Libere fiat et rite manifestetur …

Si quis Catholic! incertum an legere Manifesto autem, historic communistarum diurna condita in 1971 Rossana Rossanda et Lucio Magri, egregie intellectualium et exquisitorum stylorum diurnariorum Italicorum, aut diurna liberi, fondato da quel simpatico gagà di Vittorio Feltri e diretto oggi da quella faccia da becchino depresso di Alessandro Sallusti, prima sine haesitatione legunt, et ne secunda quidem ut turpia vasto discidii ponunt. in facto,, Haec diurna sine pudore et ludibrio per menses amplum spatium dedit diurnario, qui insanas theses in infirmationem renuntiationis a sacro sede Summi Pontificis Benedicti XVI reddit.. Et cum dixisset, debet ius cogitationis declarari, verbum et expressio ius manipulation confundi non potest, ad mystificationem et gravem offensionem directam ad Pontificem hodie regnantem et ad annos et annos regimen pastorale universalis Ecclesiae..

.

Q,eius diurnarius dat uisibiliter ad characteres ex statera, sicut presbyter archidioecesis Panormitanae, qui per annos catholicos simplicissimos et fragilissimos veneficii theoriis insanis per cotidianos speculationes directus est. Facebook. Priusquam valet qu&, tum respondeo et negare, Quid hac de re iam dixit per quattuor annos:

.

1. Benedicto XVI renuntiatio invalida est quia vi coactus, Ergo legitimus Summus Pontifex esse perseverat;

2. Quod "Papa Franciscus" appellatur, non est, est antipapa, usurpator, emissarius satanae, Unde omnes actus eius gubernationis sunt, eius documenta et institutiones invalidae sunt;

3. Electio “falsum papam” Jorge Mario Bergoglio orchestratus est a coetu cardinalium qui notus erat The St. Gallen mafia, qui magnis viribus et Freemasonry internationali laboravit ut Benedictum XVI dimitteret et eum eligeret;

4. Jorge Mario Bergoglio est satanica destructor Ecclesiae et doctrinae catholicae, haereticus est;

5. Omnes sacerdotes qui sanctam Missam celebrant in communione cum illis “falsum,” papa invasor et haereticus missas irritas celebrant, quidem satanae massae;

6. Fideles qui a presbyteris in communione cum falso papa sanctissimam Eucharistiam recipiunt, sanctissimum corpus Christi non recipiunt, sed corpus Antichristi., eodem modo irrita sunt omnia sacramenta ab eis administrata;

7. Quando Conclave celebrabitur morte usurpatoris antipapae, et quidem irritum erit, quia procedent ad electionem successoris cardinalium ab antipapo creati, tunc eligent alium antipapam.

.

Etiam puer qui catechismum cum dedicatione studuit, ad Primam Sanctam Communionem praeparandam, veras ineptias intelligeret.

.

nihil, comprehendo coniurationis nuntius liberi et sectatores huius pauperis sacerdotis, mirari debet si auctor talium propositionum primo suspensus est a divinis, tunc excommunicatus, tandem, ultimus actus, dimissus e statu clericali, obstinata pertinacia et ferocia odii seminat in populo, sectatores suos in fanaticos convertentes, qui vicissim odium fanaticum erga « ecclesiam falsam » diffundunt., il «falso papa» e il Collegio Sacerdotale composto a loro dire da «vigliacchi che tremano dinanzi all’antipapa usurpatore».

.

Cum quaestio Nunc ad disputationem de diurna claudamus liberi procedere gravioribus dissertationibus: quod ex titulo ephemeride editores in suis sententiis liberum se declarant, voluerint easdem columnas dare spatium notario , qui similiter in contritionem prolatus est, ad menses et menses, Absurdissimas perniciosas ac molestissimas opiniones contra Mattheum Salvini Senatorem Honorabilem Giorgia Meloni? uel, modo voluit facere, esset proiciendi ilico in primo conatu aliquid edendi simile? E con questo abbiamo chiarito quanto sia davvero libero questo quotidiano diretto da quella faccia da becchino depresso di Alessandro Sallusti. Quia pro his subiectis, libertas tantum videtur consistere in remittendis quibusdam diurnariis libere iactandi scopas de stercore in Ecclesiam catholicam et in Papatum.. Sed numquam permittebant flamenco saltatorem rosam iactare in populari iure sic dicto in fine saltationis eius.. Haec libertas notitiarum, hoc est libertatem suam. Ideo invitationem tibi commendo: catholici, emere ac legere Manifesto autem, sed non emere nec legere liberi.

.

in socialis instrumentis, quae numquam debet minoris aestimari cum spiritu intellectualium snobbery, sunt catholici sui dicti qui a recto tramite desciverunt ab his nuncii deformatoribus convincuntur eorum absurdis theoriis., vicissim in disseminatores veritatum sensualium;. ita, spiritu sustentantium Latio pro Roma vel vice versa, anxia levitate affirmant:

.

« Constat nunc Benedictum XVI renuntiando ministerium papatu non renuntiasse. ergo est Summus Pontifex, usurpator Jorge Mario Bergoglio antipapa tantum est ac insuper etiam haereticus ".

.

Lets 'satus per hoc respondendo prorsus extra omnem theo- logicam et legem. Hoc ut facias, primum te ipsum interroga: Quid sibi quidam iaculo gurus significat? munus E ministerium quod attinet ad Romanum Pontificem Romanum Pontificem? quod munus Romani Pontificis Sacramentum indelebile non est, sicut consecratio episcopi vel consecratio presbyteri, Petrina una tantum iurisdictionis primatus. Abrenuntiationis actus non est Summus Pontifex Benedictus XVI, servato primatu apostolico huius officii, quia electio in Conclavi electum indelebili sacramento non notat, quod etiam post renuntiationem mansura sit., sicut accidit in episcopis, cum suae dioecesis regimine renuntiant et episcopi emeriti fiunt, sed semper manentibus episcopis, qui sic renuntiaverunt ministerium, quamquam quod munus indelebilis coniunctus cum sacramento indelebili.

.

Fundamentalis gradus quae quosdam theologiae cultores effugit fai te, da,, sacerdotibus excommunicatis qui se biologorum indixit et pauperibus diurnariis cum periculosis amat, liberae coniurationis, Papatus non est Sacramentum, tum munus non est indelebilis. Sunt theologi et canonici. ludis bar id non intellegunt ac putant se in gradu theologico et canonico disserere de argumentis valde implicatis, solum fiet ut primum se confundat, tunc omnes simplices homines, qui pro nobis audientes sacerdotes ac theologos solidae formationis, penitus bibunt ad dementiam irrationalium harum inaequalitatum..

.

Summo Pontifici , qui renuntiat ministerium ergo manet munus episcopalis, non munus papatus. Sacramentum plenitudinis Sacerdotii manet, episcopatum, quod munus quod provenit ex sacramento quovis modo cassari non potest. Hoc eodem modo me numquam cedere munus sacerdotalem, Exercitium ministerii sacerdotalis cedere potui, sed non al munus. Vel quasi baptizatus volens sacro Baptismo renuntiare, quod est sacramentum indelebile. Non potest facere. Si vult, baptismum suum negare potest ac declarare se non baptizatum sentire nec ad Ecclesiam catholicam pertinere., Sacramentum autem quod accepit in substantia et forma, nemo poterit auferre. Sed aliud exemplum: Cardinalis dignitate privari potest, quia est purum honorificum ecclesiasticum. Cardinalis dignitas, non sacramentum. Sedente Episcopo vel presbytero qui episcopali consecratione et sacerdotali consecratione percepit sacerdotium ministeriale Christi et plenitudo sacramentalis sacerdotii apostolici., quae episcopatum ac presbyteratum inferunt, onera et honores, si voluerint, renuntiare, sed non cessabunt numquam esse episcopos et presbyteros, quia tales erunt in aeternum. Eodem modo quo Episcopus vel presbyter excommunicatus et etiam extremo actui dimissionis e statu clericali subiectus, numquam desinant esse Episcopi et Presbyteri.

.

Pontificatus iuridice acquiritur et non per sacramenta. Unde Benedictus XVI, abrenuntiationis actu renuntiavit ministerium et custodivit munus episcopali ad quem, ei sicut episcopus, numquam deficere, cur munus episcopale — id dixi, sed iterum repeto ad praecipua capita dura — ex indelebili sacramento haurit, papatum non.

.

Id quod secum fert Romani Pontificis renuntiatio. Infeliciter, quidam pauperes et bonos homines, plus minusve Catholic, vere colossas ineptias sumendi sunt committuntur ad faciem valorem, ad punctum obstinate audire peritos. In hoc loco difficile est eis discere quomodo res se habeant in ambitu dogmaticorum sacramentalium et disciplinae canonicae Sacramentorum.. Dum restat fere impossibile est nos eos movere, quia non sunt, theologia et ecclesiastico iure caret, ut ... exponere nobis quomodo res sint (!?).

.

Liberum diurnarius stultus uno modo, excommunicatur et hodie aliter e statu clericali, cum stylo celeberrimi Doctoris Dulcamara Codicem Iuris Canonici ut invictis probationibus citet. Non magnopere utiliter eam in quandam "maturam supercazzolam cum scapellatione dextra" transforment., ut dicatur saga amici mei, gratias quod hodie, verbum supercazzola Lexicon philosophicum ingressus est ad designandum prorsus inanis sententia vel expressio. Quod suus 'dignitas, sed, est, quod citans canonem ex Codice Iuris Canonici idem facit, quod mirabiles Reliquias Fratris Cipolla a Ioanne Boccacio in quibusdam ignotis plebeiis prodit.. Et sic, stultus diurnarius et sacerdos hodie excommunicentur e statu clericali, solemniter affirmant:

.

« Benedictus XVI semper est legitimus Summus Pontifex, quia id quod in canone fecit, non fecit 332 sectioni 2 requirit ".

.

ita, quorum tuba card et ineluctabile ineptiarum argumentum affirmant esse illum Codicem Iuris Canonici, quem in rerum probatione ne legere quidem sciunt.. Eamus et legamus ea quae in hoc canone scripta sunt 332 distingue 2, haec:

.

«In casu quo Romanus Pontifex suo officio renuntiat, ad validitatem requiritur, ut renuntiatio libere ac rite manifestetur, loco non requiritur ut aliquis recipiat eam”;.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, postquam renuntiationis suae die 11 Februarii 2013, usque in diem 28 eiusdem mensis aliquotiens plenam libertatem, qua venerat maturanda, repetiit. Hoc iteravit in oratione ad cardinales, in oratione ad clerum Romanum, in duobus audientiis generalibus et in variis publicis salutationibus publicis. deinde, post electionem Summi Successoris, factum est ut repetere iterum, ut affirmet non solum electionem suam prorsus liberam esse et consideratam, sed, si quis adfuisset, eum emitteret, numquam pro aliqua causa.

.

ut clarius pateat? Utique non, sed absurde, ex his clarissimis et incunctantibus verbis, quidam manipulators aedificare turres harenae ad subsidium:

.

"Haec verba argumentantur eum magnis angustiis pressum ac nuntium Benedictum XVI coded ipsum post haec verba eius interpretandum esse". (!?).

.

ubi ait:: si res ita se habeat ut a stulto diurnarius et sacerdos excommunicatus hodie e statu clericali exoneratur, Benedictus XVI esset maximus mendax et ignavissimus in tota historia papatus, uel?

.

Adversus has controversias the characters in question begin play on elements that would be comic in themselves, si prior ille, non animi clades ipsi in errorem trahunt. Exempli gratia:

.

"In eius" declaratio a Benedicto XVI conscripta, numerosos errores fecit. Et quoniam hoc unum declaratio oportet quod sit perfectus in figura, hi errores syntaxis latini irritum faciunt. Hoc est quod Benedictus XVI bene noverat, sed coactus abdicationis, opus formale composuit, onerans invaliditate ob errores in syntaxi latino, quos scienter voluit "..

.

Cuius evidentiam lets ': si Benedictus XVI rem talem fecisset, fastidium etiam pessimos in hominum historia excitaret. ubi ait:: support talia, quae lectionem etiam intimae conscientiae aliorum ac propterea ineptarum iudiciorum celebrationem cum intentionibus occultissimis secumferunt, aequivalet ut petens praesentiam alieni invisibilium in tellure Terrae planetae descendisse et apud nos homines absconditam. Sed longius abeamus:

.

"Benedictus XVI se signare continuavit nomen suum sequens P.P." Quid est hoc pontifex pontificum!».

.

Sic tonat per aliquot annos in directum Facebook ignarus sacerdos excommunicetur et hodie e statu clericali emittitur, qui in omni parte gloriatur se duos laureas theologicas consecutos. Ex quo patet quod doctores numquam in mediocribus mediocribus intelligentiam indiderunt, qui natura carent, et quae numquam scientiae et sapientiae cautio fuit.. in facto,, bidottore pro haeresi et schismate excommunicatus, in historia ecclesiastica adeo ignarus est ut ne initiales quidem noverit, all'origine, natus est primis in magnis Conciliis dogmaticis in Oriente celebratis ad designandum Episcopum Romanum Pater Pauperum, quae ad litteram translates: Pater pauperum, o pater parvulorum, simplicium. Hoc Acronym, , Episcopus Romanus, eam temporibus assumpsit, cum nondum Summi Pontificis vel Romani Pontificis titulus exstitit. Quomodo ergo?, quod Acronym, medium Pontifex Pontificum, come afferma da anni l’ignorantissimo bidottore? Et assumpsit eam, hoc Acronym, elegantem lectionem - alapam legere - Patriarchae Constantinopolitano, qui viginti fere titulis sonantibus gloriabatur. Haec est vera et originalis significatio illius Acronym, asinum haeretici ianitorem ad insaniam convertunt Facebook in venatione animarum ruere!

.

Non reddere omnino, de stultus diurnarius liber et sacerdos bidoctor excommunicentur et hodie e statu clericali absoluti in sophismatum in exegesim Novi Testamenti immittunt.. Sumunt duas sententias in Evangeliis textibus contentas, et deinde dicunt, quod in eis non est scriptum:

.

« Discrimen est quod munus est auctoritas Summi Pontificis, "Tu es Petrus" (Cf.. Mt 16, 18), dum ministerium est eius progressus: " Pasce agnos meos " ; (Cf.. Gv 21, 15).

.

Discrimen munus E ministerium et vice versa,, de quibus stultus diurnarius et excommunicatus loquatur, est pura distinctio logicae formalis, seu rationis, quae adhibenda sunt in specialibus manualibus et libris in quibus progredimur - et in quibus progrediendum est - hypotheses etiam absurdissimas, ut omnia undique necessaria ad rectam cognitionem et competentiam subiecti possint intelligere et declarare.. Instrumentum speculativum est a nuper scholasticismo adhibitum a Gulielmo Ockham usque ad excessum subiectivisticum "terministicum", qui fundamentum dedit sententiae iurisperiti Iesuitae Francisci Suarez., quod utendum cum grano salis a peritis peritis. Non obstat quod mediocre et limitatum medicus sacerdos excommunicatus est ruffapopoli, qui bidoctor gloriatur., sed quod si e camera sua filming pro directo exiret Facebook, ubi cingitur caregivers eius adorans, publice opponere specialist, intra quinque minuta, huic magnifico Turcia, ne stylus quidem ei adhaesit. Omnes quod, cheus instrumenta speculativa in certis circumstantiis academicis in disputationibus philosophicis adhibebantur, theologica et iuridica in qua i . exordium, hoc est, introductiones specificas historico-criticas exposuerunt, in gradu mere paedagogico et logico, quomodo status hodiernus quaestionis ac propterea vexata quaestio. Olim hae partes, quae introductio et explicatio inserviebat, omissa sunt, tantum studia certa themata et expositiones syntheticae vel etiam eclecticae relinquebantur, solum ad veritatem scribendi confirmandam intendebant.. ubi ait:: qui non habent — ut hic bidoctor sacerdos excommunicatus — aptam philosophicam et theologicam institutionem, quae ex solido scholastico fundamento incipit ac solida aeque scientia artis rhetoricae et speculationis theologicae philosophicae.; qui gloriantur traditionalistae, sed quod revera haeretici modernistae omnino ignorantes sunt, quia non sunt, ne hi quidem textus legere et intellegere poterint, sed injicientes manum suam in illud confundent illos, tandem in eis se reperisse credent, quod numquam in alterius oculos per saecula desiluit.

.

Explicans illud providimus etiam probationem implicitam huius accessionis speculativae defectus, heri, et hodie. Quia homines non sunt rite parati flumine, in altum et solidum modo, credent se posse suam sensationalem inventionem vel interpretationem induci, ut centra omnia verbo tenus ab complexu separato, praeter omnem viam historicam, theologica et iuridica quae certitudinem post eas occultant disputationes theologicae et singulae partes iuris canonici. Haec omnia pro simplici et tristi facto: quia nesciunt rem, ac ne sciunt quidem quam certae academicae controversiae instituantur, legere et ferri de. Non accipies verbum paulo, eam extrahunt, postquam totum contextum intellexerunt vel non intellexerunt, et superinponunt in eo veritates absurdas, quae tunc sunt inexpugnabiles..

.

In quibusdam speculationibus et dissertationibus academica plerumque in principiis classicis scholasticismi, quaedam themata ferebantur ad incredibilem, il cosiddetto paradoxa (paradoxon). Olim Cicero, in arte rhetorica latinae linguae paradoxon. Etiam ipse B. apostolus Paulus in expositione sua περβολήν (hyperbole est), quae fuit propria Graecae rhetoricae. Reapse, sed, hae distinctiones tantum non sunt, sunt sicut rhetorica seu thematic paradoxa, hyperbolen vel in quolibet casu excessuum qui intendunt creare rationem speculativam etiam in hypothesibus maxime improbabilibus et absurdis. exemplum: iterum, cum nonnullis etiam in theologis dogmaticis et historicis dogmatis exercitatis disserens, gravi modo — non quod altos in alcohole et hashish essemus — coepimus disputare hypotheticam existentiam aliorum vitarum in mundo et planetarum extra systema solarem.. Ad hoc nosmet ipsos interrogavimus: si alias formas vitae fuisse, quomodo re-legere mysterium creaturae hominis, sed ante omnia incarnatio Verbi Dei et sacrificium per eius salutiferam mortem in redemptionem hominum factum? Dissertatio medica, Hoc velut paradoxum, hyperbolica, pushed ad extremum paradoxon. Maybe quamquam, si liber diurnarius et sacerdos bidoctor excommunicantur aderant, tulit et intellexerunt quattuor verba, extunc illi vitam darent aliena theologia.

.

Ad hoc nullus canon, usque hodie, curo ut hoc deinceps flatus vocis sine conceptu vel re, sicut invalida electio Romani Pontificis aut actus renuntiationis ex altera parte. propter hoc, in realem mundi, veri theologi longe aliud sunt quam practica, amantes et auto-dicti hostiarii, nedum eos qui eos sequuntur, quique in quattuor epistulis lauream in dogmatibus sacramentalibus et in iure canonico obtinuerunt. Facebook E Instagram.

.

Nos qui veri theologi sumus, imprimis quia in oboedientia Ecclesiae eiusque auctoritatibus legitimis et quia a sapientibus magistris nostris mentes rationales et speculativas esse educati sumus., loquimur secundum id quod est et quod factum est, hoc est: BENEDICTUS XVI, legitime et valide Cathedrae Petri renuntiavit, confirmans et reiterans plenam libertatem actus eius renuntiationis. Omnia alia theologia et lex canonica de latrina cotidiano charta liberi et vecors ineptiis exclamavit pauper extra libram sacerdos, qui in emissationibus vivis delirat Facebook, unde suos discipulos commemorat, omnis tres ineptias iecit temere, qui duos doctores tenet et bis medicus ... bis medicus est! Nisi paulo post affirmans Deum se revelasse pauperibus et ignaris, quamvis doctis et sapientibus prorsus.

.

Sophistication about munus Non est super ministerium, aut etiam invent Benedictus Code, sicut fecit stultus diurnarius gratis in columnas telematicas liberi, significat facere phantasiam-theologiam et ius canonicum, inhaerens verbis libellis et distinctionibus quibusdam cum ne spiritu quidem sophistico, sed sicut inconveniens et irrationale, quaero aliquid quod non est sed quod quidam, illis animi vel incommodo spirituali, volunt eam esse omnibus modis. In illo loco quid non est, si fingunt, dare verba aliud significatio vel immutatio documentorum Ecclesiae per manipulation, exempli gratia Constitutio Apostolica Universi Dominici Gregis Sancti Ioannis Pauli Secundi, de Apostolicae Sedis vacante et Romani Pontificis electione. in facto,, pauperem janitor, semper speciales in documentis faciendis quae dicunt non dicunt, Ne notasse quidem videtur quae haec Constitutio in cap. VI scribit, n:. 78:

.

"Si in electione Romani Pontificis - Quod Deus avertat - crimen simoniae" perpetratum est, delibero e dichiaro che tutti coloro che se ne rendessero colpevoli incorreranno nella scomunica latae sententiae e che è tuttavia tolta la nullità o la non validità della medesima provvista simoniaca, qua de causa — uti Decessores Nostri iam statuerunt — electionis Romani Pontificis validitas non impugnatur »..

.

Quid est illud medium? Evidenter scriptum est: si electio etiam per simoniam facta sit, hoc est per commutationes pecuniae vel alia bona vel beneficia, excommunicationis incurrant qui omnia loco posuerunt latae sententiae, sed, de electione Romani Pontificis, quamvis per huius gravissimi criminis perpetrationem a pluribus conciliis ecclesiasticis et legibus ecclesiasticis iam damnatis acciderit, non invalidus censetur, sed in quolibet casu legitimus. Sic scriptum est, sine poena negationis.

.

Fratres karissimi sectatores excommunicatorum hereticorum ut surculos ineptias in adsensu succlamatum esset Facebook ostendens vobis, auditorium eius, de miris reliquiis Fratris Cipolla. Ad te, nos pastores in animarum cura recuperare omni modo de errore et deceptione eripere cupimus, Adloquor me cum invitatione ad meditandum de hoc elementum inconspicuo: ex documento articulata ut haec Constitutione, Duo verba non possunt interficiam, eas ex toto contextu segregare et deinde documentum dicere quid in eo scriptum sit. Etiam, hoc n *. 79 eiusdem capituli civitatibus:

.

« Decessorum quoque praescripta confirmans, Interdico quis, etiam si dignitate cardinalatus, pacisci, vivente Pontifice, neque consulto, de electione successoris sui, seu promissionem suffragiorum, vel de hoc in privatis conventiculis decernendi ".

.

Attende: hoc precise et decretorium prohibitio, iam in similibus documentis ab aliis Summis Decessoribus Sancti Pontificis Ioannis Pauli II promulgatis, etiamsi a cardinalibus prorsus violatum est, absolute poenam invaliditatis et nullitatis electionis non considerat. Documentum dicit ita, Satis esset iustus lego ut, pro auro puro accipere quod abhorret affirmat quosdam Turcos qui clamoribus in vita transmissionibus vivunt Facebook. igitur, comparari ad ea quae modo relata et explicata sunt, An tu vere perseveras huic miserabili subjecto fidem dare, qui tibi per annos renuntiavit electionem Pontificis regnantis irritam esse, quia orchestrata fuit a coetu Cardinalium, qui "Mafia S. Galli" appellatus est.? Quaeso rationem, maxime legere: electio Romani Pontificis irrita et irrita reddita, si nec electio per turpis simoniae crimen facta reddat, et irritam., An tu censes talem effici posse Cardinales, qui passim occurrerunt in Helvetia, ut una simul et inter se colloquerentur.? ratio: idem scriptum est, quae ex altera parte damnat omnes pactiones prae-conclavis, sed simul non dubitat de legitima et valida electione eius qui hoc etiam modo electus est. Cogita et ante omnia documenta legere, non audiunt quid fingit Turcus rugiens se facere dicens, quaedam documenta quae numquam dixi et scripsi.

.

Sic dictus "Mafia S. Galli". Iocus simplex facetus factus est a nuper Cardinale Godfried Maria Jules Danneels ad diurnarium, cui dixit, in tantum iocari sono, omne interdum, coetus cardinalium, inter ipsum, in Helvetiorum oppido convenerunt. Et ridens, ait:: "Nos eramus paulum sicut mafia collectio". Theoria coniurationis hoc ioco aedificata est, quae Benedictum XVI cum coactione et violentia psychologica resignare cogeret ut in eius locum Cardinali Jorge Mario Bergoglio iam praeparatum eligeret., hoc confirmatur Cambrica mafia, validis viribus et internationalis Freemasonry, sicut excommunicatus clamans sacerdos per annos dixit.

.

mi, Rogo te in voce pro divina charitate, quae vel maxime limitata capacitate praeditus est, saltem partialis, intelligere et velle: quomodo potes fidem dare talibus, facta negatum, legibus ecclesiasticis et Constitutione Apostolica, quae electionem Romani Pontificis moderetur? Tomne hoc solum ad negandum, cum inconveniens et irrationali obstinatione, quod vere factum est: BENEDICTUS XVI, legitime ac valide ministerium Petrinum renuntiaverunt et aliqui errores grammaticales certe non reddent eius renuntiationem formalem irritam. Qui id negant, veritatem hyperuranium in vivis esse negant.

.

Pro omnibus nobis sacerdotibus et theologis nos totam exsistentiam nostram Ecclesiae et Sancto Populo Dei tribuimus, re vera contristare conetur contra homines in errore ineptissimo demersos, qui nullam correctionem non recipiunt, quia duces et magistros videre nolunt in nobis. His in adiunctis molestis, tremenda verba prophetica a beato apostolo Paulo ad Timotheum discipulum suum, in cordibus nostris personant pastores in cura animarum.:

.

"In die,, in facto,, Non sustinent sanam doctrinam,, sed, prurientes auribus, Eam coequare sua desideria coacervabunt sibi magistros adfectionibus, audiat avertent ad fabulas veritati. Sed vigila, sustinetis, et opus vestrum quasi annuntiator Evangelio, ministerium tuum imple " (II Tim 4, 1-5).

.

Hodie servi Ecclesiae et sanae doctrinae omnes in certamine sentimus Timotheum, quae est saepe inutilis contentio contra socordiam, quae mentibus inconvenientibus et irrationalibus inducit, quae multas animas ad interitum trahunt.. Et quod irascantur, verbo nos impugnant et nos graviter offendunt, si modo conamur eos ad rationem reducere. Duris temporibus hodie pro sacerdotibus et theologis, praesertim pro pastoribus in cura animarum alta fide animatorum, Qui propterea officium vehementer sentiunt populum Dei quoquo modo a lupis rapacis et Fratre caepe defendendi, qui populari credulitate abutuntur miras reliquiarum ostentatione..

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 23 November 2021

.

.

LECTIONEM VIDEO-REM priorem refero ad eos, qui plura de themate HIC cupiunt.

.

.

 

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About pater Arihel

S Arihel. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

15 cogitationes on "De theologia et iure canonico gratis latrinariam: turkeys ac ineptias sensationales circa invaliditatem renuntiationis Summi Pontificis Benedicti XVI

  1. pulchra articulum, stupenda confutazione di una colossale sciocchezza che circola ormai anche fuori dal Web e, parlando fuori dai denti, mi fa inc….re di brutto perché manca totalmente di rispetto nei confronti di un grande uomo come Joseph Ratzinger – Benedict XVI.
    Ma se dovessimo fare l’elenco delle stupidaggini che circolano mietendo vittime fra le persone più ingenue all’interno del Popolo di Dio, non ne usciremmo più vivi.
    Io stesso ho litigato su FB con una tipa che passa il suo tempo a perorare la causa della separazione fra uomini e donne nelle liturgie, con la riesumazione dell’uso del velo per le donne, arrivando al punto di inscenare vere e proprie battaglie di principio per imporlo. O altri esaltati che sostengono che le messe Novus Ordo, Quod ut 'incredibile iudicatur, non sono valide perché il diavolo è attratto dall’uso dell’italiano, mentre la preghiera eucaristica in latino lo fa scappare (sic!). Badate bene che non sto affatto esagerando, mi consta in prima persona.
    Tornando ad argomenti più seri, mi permetto di invitare alla lettura di questo articolo con un illuminante commento di Mons. Giuseppe Sciacca, segretario della Segnatura apostolica e uditore generale della Camera Apostolica. Le sue conclusioni sono argomentate a partire dal diritto canonico, come è normale che sia considerando l’ufficio che ricopre, ma in ogni caso l’articolo di padre Ariel ho provveduto a stamparlo e metterlo da parte per approfondirlo, merita di essere meditato per bene!

    https://www.lastampa.it/vatican-insider/it/2016/08/16/news/sciacca-non-puo-esistere-un-papato-condiviso-1

    1. Caro Salvatore,

      ha fatto bene a postare l’articolo di S.E. Mons. Giuseppe Sciacca, che conosco bene, ma che purtroppo mi ero dimenticato, pur avendolo letto con molto interesse a suo tempo, di segnalare ai nostri Lettori.
      A mio parere del tutto personale, ma ritengo fondato, dopo il Cardinale Mario Francesco Pompedda (1929-2006) credo che sia uno tra i migliori canonisti che abbiamo oggi a livello mondiale.

    2. Condivido appieno le tuearrabbiature”, proprio perché tratti di situazione che vivo anch’io nei confronti di un familiare irrecuperabile.

      Anni addietro ero affascinata dalla sua religiosità, dal suo fervore nel pregare, dalla sua umiltà. Ma ecco che nel periodo del lookdown si aprono impensabili scenari, “divoratori” in virtute, che mi hanno fatto percepito la chiara sensazione che unsecondo terribile virussi stesse accanendo contro gli uomini. Serpeggia da allora la convinzione che il vaccino è opera del maligno e modifichi il nostro DNA, che la Messa sia valida solo se in latino, che la Comunione debba essere accettata solo attraverso la bocca, che il nostro amato papa Francesco debba essere dileggiato e temuto in quanto antiCristo, come tutti noi suoi seguaci discepoli di un eretico.

      Lascio immaginare gli sterili tentativi di convincimento ed i dissapori nel contesto familiare. Provvidenzialmente trovo in questa sede, nella frase del Vangelo di Matteo ripropostoci da padre Ariel la più adeguata soluzione:

      “'Quisquis autem civitatem aut castellum intraveritis, Si quis est homo indicant me dignus, et manent ibi usque ad occasum quando egressus es. Intrantes domum, salutaret eius. Si fuerit domus illa digna, ………”

      Grazie per il commento segnalato di Mons. Sciacca

  2. Pater, Le chiedo la gentilezza, di aprire anche un Canale Telegram dove io sono molto seguita per l’opera di evangelizzazione con le mie pubblicazioni e di valutare seriamente le grandi opportunità che offre questa Applicazione. Può anche interagire con noi. Il Canale può essere privato e vi ha accesso solo chi ha un numero di telefono che sia ben visibile. Mi piace tanto quanto scrive e sa essere veramente esplicativo nei video che pubblica, anche se non in elenco, su Youtube. Potrebbe anche qui aiutare tante anime confuse che stanno abbandonando Facebook e altre piattaforme Social. Prego affinchè il Signore La illumini in tal senso.

    Che il Signore La benedica grandemente per questo articolo scritto da Lei e che, se non tutti, almeno qualcuno sta cominciando a ragionare!

    1. Cara Simona,

      le assicuro che parlerò con gli altri Padri e i collaboratori de L’Isola di Patmos per prendere molto seriamente quanto di opportuno lei ci suggerisce.
      Cercheremo di fare in modo e maniera di entrare sul canale Telegram.

      Con sincera gratitudine

      1. patrem, un invito saggio quello di Simona, che ha posto bene in luce come attraverso le Sue parole, lo stile virtuoso delle Sue esposizioni, l’attualità dei temi ed ancor più la dialettica (cuius, confesso, vorrei possedere poche briciole), ci vengono trasferite conoscenza e tanta Verità. Io personalmente ero paurosamente a digiuno del significato di specifici termini, della loro origine e/o modificazione nel corso della storia della Chiesa. Quindi mi ripeto spesso se non sia un vero peccato che tanta generosa ricchezza e formazione rimanganoracchiusenell’ambito della rivista, eligere pauca, e non si tentino invece più ampi e portentosi canali di comunicazione e scambiabilita’. Etiam, c’è lo spazio televisivo, ma molto raro e limitativo. Questo Suo ultimo articolo, pro exemplo,, di una tale capacità di analisi, che si è contrapposta egregiamente allavaghezzadi contenuto di quello “liberaliter” giornalistico in questione, nel quale per caso mi ero imbattuta appena pubblicato, Bene, il Suo ultimo articolo ho ritenuto condividerlo immediatamente con diversi amici che ancora non La conoscono e nulla sanno opporre alle sapienti frottole che circolano.

  3. Carissimo e Preclaro Padre,

    purtroppo ieri ho avuto una conferma delle sue parole. autem “fidata” E “provataamica, che non sentivo da tempo e che sapevo non essersi vaccinata per le solite ragioni, al mio invito cuore in mano a provvedere, al mio intento di accompagnarla di persona al centro vaccinale nonché alla mia profferta di aiuto in caso di reazioni avverse dopo la solita tirata sul Grande Reset, sui poteri occulti e sui giornali comprati dal ministro Speranza (???), ecco tirere fuori che il nostro Santo Padre felicemente regnante è un demonio, che il vero papa è Benedetto XVI e che Maria Radio suus 'verum.

    Non le dico il dolore, l’angoscia e l’incazzatura che tali bestemmie mi hanno apportato. Sono rimasto basito e muto. vos (aetate?) una cara persona, un po’ materiale e individualista, ma credente e, in itinere suo, ligia ai precetti di Santa Madre Chiesa. Troppo incline ai miracolismi e al culto mariano più introverso, quod sic;.

    eGO, in conscientia, non mi sento di lasciarla così, ma non so proprio per che verso prenderla.

    Buona serata e grazie per le conferme che mi da, e sempre attinenti ai dubbi più impellenti.

    1. John carissimi,

      quando certe persone si chiudono alla ragione, rigettano la realtà e si rifiutano di fare ragionamenti logici basati sul comune buon senso, aiutarli è sempre molto difficile, a volte appare quasi impossibile.

      Se bonariamente si cerca di farli ragionare, si sentono sfidati o peggio aggrediti, per non dire come reagiscono se uno cerca di dimostrargli che sono in errore, peggio che mai.

      In queste situazioni ci possiamo solo limitare ad ascoltare la persona, evitare di contraddirla, ed attendere con sapiente pazienza che apra anche un minuscolo spiraglio.

      Se la persona rimane ostinata, la massima evangelica ci dice con chiarezza che cosa fare:

      'Quisquis autem civitatem aut castellum intraveritis, Si quis est homo indicant me dignus, et manent ibi usque ad occasum quando egressus es. Intrantes domum, salutaret eius. Si fuerit domus illa digna, pacem ei superveniet; sed si dignus sit, pax vestra revertetur ad vos. Et quicumque non receperit vos, neque audierit sermones vestros:, exeunte foras de domo vel de civitate excutite pulverem de pedibus tuis ' (Mt 10, 11-14).

      1. La ringrazio di vero cuore per i suoi preziosi insegnamenti. La seguo sempre con vivo interesse e la prego di continuare atuonarecome è solito fare.
        A presto e che la Madonna ci accompagni.

  4. Come pecorella smarrita non posso che darle ragione. Questioni teologiche così importanti dovrebbero essere trattate in ambienti ad alto livello, da studiosi competenti e da teologi illuminati da una fede ardente.

    Purtroppo l’attuale Chiesa Cattolica è lacerata da derive di ogni genere come i vescovi tedeschi inclini alle derive protestanti, che si dibattono tra preti sposati e “mulieres sacerdotes”, non parliamo poi dell’omosessualità dilagante nelle fila dei consacrati, idoli in Vaticano, comunione ai risposati, amuchina al posto dell’acqua santa, Eucarestia in mano, abolizione di fatto della messa vetus ordo, etc etc..

    Per ultimo il video in cui Bergoglio confessava di non sapere il perché Gesù ha dovuto subire il martirio della Croce.

    Noi pecorelle siamo sempre più smarrite e attendiamo ancora una risposta ai “dubia” autem 4 alti prelati ormai dimenticati.

    Come mai il vescovo Viganò non viene scomunicato mentre i preti subiscono la sanzione per meno di un decimo delle sue affermazioni?

    Prego il Padreterno che mandi al più presto l’Apocalisse, così smetteremo di litigare e la verità trionferà.

    Benedictus Iesus Christus,. Adoramus te, Christe, et benedicimus tibi. Quia per sanctam crucem tuam redemisti mundum.

    1. Caro Gian,

      per quanto la cosa sia “emotivamente” comprensibile, a volte taluni tendono ad affrontare certi problemi, indubbiamente molto gravi, come se la Chiesa Cattolica avesse solo un presente, quam 2000 anni di storia alle spalle e destinata, secondo la promessa di Gesù Cristo, a sopravvivere fino alla fine dei tempi. Come sopravvivrà non sappiamo, ma sappiamo che sopravvivrà perché lo ha detto Cristo Dio.

      Nel XV secolo i vescovi della attuale Germania facevano cose molto peggiori dei dibattiti tra “preti sposati” e “donne prete” e diversi di loro non erano pastori in cura d’anime ma dei potenti feudatari.

      maybe, il problema dell’omosessualità fosse una novità che segna il declino e la decadenza che la Chiesa sta vivendo oggi. Perché anche questa è storia vecchia, lo dimostra il Liber Gomorrhianus del Cardinale Pier Damiani, et postea sanctus Doctor Ecclesiae, che lanciò tuoni e fulmini contro la sodomia diffusa nel clero già nel lontano XI secolo.

      Come presbitero e teologo ho il dovere di informarla che la Chiesa non ha mai concesso la Santa Comunione ai divorziati risposati e chi attribuisce questa “concessa facoltà” o questo “sovvertimento della dottrina” alla esortazione apostolica post-sinodale Amoris Laetitia, evidentemente non ha letto quel documento, nel quale non è assolutamente stabilita alcuna norma in tal senso. Per quanto riguarda i divorziati risposati resta in vigore la disciplina racchiusa al n. 78 autem Familiaris Consortio Sancti Ioannis Pauli Secundi, che nessuno sino a oggi ha abrogato.
      In Amoris Laetitia si raccomanda la cura pastorale delle persone divorziate risposate e si invitano i pastori a valutare caso per caso le diverse situazioni. Cosa peraltro che la Chiesa fa da sempre e non certo da otto anni a queste parte. E questo glielo dico come confessore, pro exemplo,: i gravissimi peccati contro la vita, tale è per esempio l’aborto, non sono affatto tutti uguali gli uni agli altri, perché diverse sono le situazioni e diverse le condizioni e i fatti che possono avere spinta una donna ad abortire, rendendo così questo peccato, in sé gravissimo, diverso in gravità da persona a persona. Possono esistere persino casi eccezionali nei quali, un simile e gravissimo peccato mortale, in una particolare e specifica situazione può persino ridursi a peccato veniale, per esempio nel caso di una donna costretta con la coercizione o di una donna priva della reale consapevolezza di ciò che veramente faceva. O alla base del peccato non c’è forse la libertà, la consapevolezza e il deliberato consenso?

      Tutte queste sono forse invenzioni della “Chiesa misericordista del nuovo corso”? No, è l’insegnamento di uno tra i più grandi dottori della morale cattolica, anch’esso proclamato Santo e Dottore della Chiesa, S. Alfonsus Maria de 'Liguori.

      Idoli in Vaticano? A me, che pure gli spazi del Vaticano li conosco e li frequento a volte anche con una certa assiduità, accedendo anche a quegli spazi non consentiti ai visitatori, non risulta che nella cappella del Santissimo Sacramento della Papale Arcibasilica di San Pietro abbiano tolto la riserva eucaristica e l’abbiano sostituita con qualche idolo, né mi risulta che abbiano sfrattato le reliquie del Beato Apostolo Pietro da sotto l’altare della confessione per sostituirle con un idolo pagano.

      Se l’Autorità Ecclesiastica stabilisce che si prenda con riverente devozione l’Eucaristia in mano, perché porgendola alla bocca, in tempo di pandemia da Covid-19, si può rischiare di trasmettere infezione da un fedele all’altro, ci si attiene a quello che la Chiesa ha disposto, senza gridare al sacrilegio, laddove sacrilegio non c’è. Questo detto da un prete che la Comunione in mano ha sempre evitato di darla, ma che si attiene con scrupolo a quanto i vescovi hanno stabilito, perché i maestri e i custodi apostolici della fede sono loro. Questo senza che certi fedeli che ritengono di saperla più lunga dei Successori degli Apostoli si stracciano le vesti per ogni nonnulla e che, credendo di rispettare meglio di altri il Santissimo Sacramento, non trovano di meglio da fare che contestare i vescovi.

      Sono molto felice che siano state poste delle restrizioni alla celebrazione della Santa Messa con il vetus ordo, perché è il caso di dire: chi è vittima del suo male pianga se stesso. È infatti cosa appurata e documentata che una frangia esaltata di fedeli tutt’altro che minoritaria, per anni ha usato quel venerabile rito contro un intero concilio della Chiesa e contro la riforma liturgica del Santo Pontefice Paolo VI. Ciò che mi dispiace è che non siano giunti a questa decisione molti anni prima, evitando tanti problemi ai vescovi e a noi sacerdoti da parte di quei non pochi fedeli che avevano istituito il cosiddetto Partito della Vera Tradizione e che usavano la sacra liturgia per muovere gravi e pesanti contestazioni alla Chiesa, al concilio e alla riforma liturgica.

      I Cardinali “dei dubia” li ho conosciuti, uno in modo particolare, Cardinal Carlo Caffara. E proprio questo Cardinale le avrebbe risposto spiegandole che il Sommo Pontefice non è tenuto a rispondere alle suppliche a lui rivolte, per esempio in forma di dubia. Se poi non risponde, non può essere per questo nemmeno giudicato, perché il Romano Pontefice non è soggetto al giudizio di alcuna autorità umana. Ma badi bene, non da otto anni a questa parte, sed semper.

      Le spiego subito perché il confuso e confondente Arcivescovo Carlo Maria Viganò non viene scomunicato. Per questo semplice motivo:

      1. Non ha mai detto che questa è una Chiesa falsa e satanica, una multinazionale della menzogna governata dall’Anticristo;
      2. Non ha mai dichiarato che il Pontefice regnante è un antipapa eletto in modo illecito e invalido;
      3. Non ha mai dichiarato che tutti noi che celebriamo i sacri misteri in comunione con lui celebriamo Messe invalide e amministriamo Sacramenti invalidi e anziché nutrire i fedeli con il Corpo di Cristo li nutriamo con il corpo dell’Anticristo e che le nostre celebrazioni sono messe sataniche;
      4. Perché non ha mai detto che alla morte del Pontefice regnante sarà eletto un altro antipapa in quanto i cardinali non possono eleggere un legittimo pontefice suo successore;
      5. Ecc… ecc …

      Ecco perché questo Arcivescovo non è mai incorso in scomunica.

      Io non invocherei, baldanzosamente come fa lei, l’imminente giudizio universale, perché penso che forse il primo a essere giudicato potrei essere proprio io. quia non videt, plerumque, il giudizio universale, lo invocano sempre e di prassi quelli convinti che Dio giudichi sempre e solo gli altri, mai loro, ma soprattutto che li giudichi come loro ritengono che li debba giudicare e che debbano essere giudicati.

      La benedico e le auguro ogni bene e grazia dal Signore e, soprattutto … avanti con Maria!

    1. Cara Simona,

      assieme ai miei confratelli Ivano Liguori e Gabriele Giordano M. Scardocci, cerchiamo di fare quanto più e quanto meglio possibile informazione cattolica, in modo del tutto particolare quando certi pericolosi arruffapopoli confondono le pecore del gregge che Cristo Dio ha affidato a noi pastori.
      Questo è lo scopo della nostra missione sacerdotale, questa la finalità de In insula, quæ appellatur Patmos,.

      Ut benedicat tibi et de corde

  5. Certo son tempi duri per alcuni buoni pastori, ma sono altrettanto duri per le pecorelle che vagano smarrite …. a tal punto confuse e disorientate dai tanti falsi richiami.
    Pecorelle belanti che non sanno più riconoscere la voce rassicurante che le riconduce in salvo all’ovile ….
    Il grande divisore (Graeco diabolos) è sempre all’opera nel seminare zizzania e confondere le menti e le anime, dentro e fuori dalla Chiesa.

Leave a Reply

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.