Episcopus moralem obligationem habet ut respondendi infelicis positio Majoris Pergami subscribere in favorem abrogativae referendae de euthanasia legali.

- Ecclesia News -

EPISCOPUS MORALIS OBLIGATIO RESPONDENDUM HABET DESERTUM MAJORIS BERGAMI POSITIONEM IN GRATIA ABROGATIVI REFERENDUM DE LEGALIBUS EUTHANASIA subscribere.

Il Sindaco di Bergamo sull’eutanasia: «Per ultimis paucis septimanis hanc subscriptionem diu meditatus sum, quam fidenter et fidelem apponi.. Non puto subscriptionem et fidem religiosam contradicere "

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

Marcus Cappato (de Luca Coscioni Association) apud Bergomum Majorem Giorgio Gori ad convivium signandum pro referendo in euthanasia [a picture Corriere di Bergamo, edition 2 September 2021]

Cum politicus se profitetur fidelem et in omnibus suis formis peccati manifestationem superbe defendit, non solum non potest se ipsum existimare fidelem, ma neanche mantenersi all’interno di quella comunione ecclesiale cattolica tanto spesso millantata su giornali e televisioni per imbonire gli sprovveduti elettori cristiani.

.

Recens historia Majoris Pergami Giorgio Gori videtur sensational, non tam ad statum rei publicae, clarissimum et evidens omnibus, sed pro certo loco eius tamquam fidelis, qui vindictam clamat coram Deo et communi sensu catholico. Maior narravit notarios cum aliqua superbia et claris verbis:

.

«Per ultimis paucis septimanis hanc subscriptionem diu meditatus sum, quam fidenter et fidelem apponi.. Non puto subscriptionem et fidem religiosam contradicere " [videre: qUI, qUI].

.

Quidam ex sphaeris eminentibus ecclesiasticis tacitis sic dictis, quia, ut videtur, sola vestimenta evellere possunt pro pauperibus illegalibus immigrantes, qui in aquis Maris Mediterranei moriuntur, cuius nos omnes christiani doloris poenitet., respondeat sine ulteriori dilatione huic tumultuario "fideli";. in facto,, logicam suam similiter affirmare posset: ut fidelis non possum quin alia perceptione vitae abortum habeat. Non possum prohibere mulieri prostituere se, neque iis qui officia sexualia acquirunt ad fovendam fornicationem hoc modo, inter quae minorum. E perché impedire di assumere sostanze stupefacenti? Ut fidelis, gratis sum in gratiam medicinae. Aut non gratis, aliquis, di drogarsi come e quando vuole? His propositionibus, quae omnino logicae esse intenduntur, et iustificationes quas sequuntur. Sed hae sunt iustificationes quae in gradu logico non consistunt, ut istas: licitum abortum prohibet abortus clandestina. fornicatio licite auferet negotia inferorum. Et similiter, cessionis medicinae, magna materia prima adimetur mafias. Mirum sane invenio neminem adhuc operarium emisisse: euthanasia cessione prohibebit varias Dj Fabo quominus in Helvetiam ad clinic clinic et magnam pecuniae summam solvet propter "finem vitae".

.

sed, si quietam civis qui est in casa sua dormiens cum uxore et liberis, Cum furibus in domo media nocte se inveniens et cum licentia regulari sclopetis haberet, ignem aperit et mortuum humi in exedra relinquit., eo in casu, voces excitantur consonantes ad rectam politicam quae laudat "furem pauperem"!». utcumque, quid illi accidere potuit, patri familiae et filiorum?, et non solum ut mitterent, quia furem intra domum non occides, sive meliorem: nonnisi in quibusdam ideologicis casibus vita sacra est, scilicet quod furem, non tamen abortivi. Furi, qui incorrigibili et periculoso viam sceleris commisit, pro vita et salute aliorum, potest solum dicere, cum a risus, dicitur in feria IV Cinerum in liturgia: "Convertimini et credite evangelio".. Si autem noluerit converti, senza esitare tramortirà il padre di famiglia e il figlio a suon di percosse, deinde rapere uxorem cum aliis complicibus. Quae pluries acciderunt et narrantur per nuntios et documenta iudicialia [videre qUI]. Hi sunt casus ante quos unanimi chorum "Noli occide" semper surgit, idem chorus, qui tamen ante centra consiliorum non oritur, ubi catenae abortus exercentur.

.

Caecitas moderni Moderati Totalitarismi Legi potest in omni sua perniciosa nequitia his verbis Maioris Bergomensis qui confusam et sanam fidem ostendit ad commendandum abrogativum referendum de legali euthanasia, quae est contra revelationem tam divinam quam Ecclesiae Magisterium.. Caecitas hominis qui se « credit esse » existimat, at cuius symbolum profecto non est Domini vitae.. Caecitas cuiusdam "fidelis" cuius fides magis assimilatur liberalismo Augusti Comte cum contumeliosa illustratione clamatio homini divina privilegia dandi., sive socialismi Henrici de Saint-Simon, qui in fide positivistica videt salutem saecularem, quae Deum abstulit..

.

haec, Sed de Patribus In insula, quæ appellatur Patmos,, pro facultate nostra ut sacerdotes et theologi rogamus H.E.. Rev.ma Monsignor Franciscus Beschi: potest esse fidelis qui non audit Sacram Scripturam et vocem Magisterii [quod in Litteris Apostolicis expressum est Samaritanus Bonus et in Encycl Evangelium Vitae] dirsi ancora tale, tanto da rappresentare uno scandalo per la fede di tanti fratelli cristiani deboli e confusi? Vos can, ante tam superbum et pertinax peccati manifestatio, fortiter non ap- paret, fortasse etiam cum actione canonica disciplinari, quae excommunicationem viderit tamquam iustam poenam medicinalem pro peccatore, qui humane personae occisionem favet et sustinet., sic suam dignitatem et observantiam violantes Deo vivo et Creatori? [Cf.. Catechismus Catholicae Ecclesiae, nn. 2276-2279].

.

Hoc momento rectum et rectum esset hanc publicam rationem et rationem petat, qui culturam mortis impudenter sustinet et fidelem se praedicat. Velut consolatio est audire a Pastore Ecclesiae qui est in Bergomo verbum magnae damnationis et dissociationis a verbis fidelium., ex altera parte proclamat se talem, ex alia vero parte, gravem incurrit errorem et crimen, qui multos peccato exponit.

.

quis novit quot Bergomi catholici?, propter haec verba a Majore suo dicta, "Credens" et "Catholicus";, hortabuntur ut ante praesepia mercatus vel in officiis singulorum municipiorum subsignent hanc legem approbantes? Quis scit quot, in hac die, venient ad sacram Communionem recipiendam, Christum qui in aegro euthanasia coactus adhuc in cruce brachia extendet et peccato hominis laceratus se tamquam victimam Patri offeret ut nos a satanica deceptione liberaret. facere sine Deo? primum, inter has sacrilegas communiones, Major ipse Pergami posset, "Credens" et "Catholicus" in favorem euthanasiae?

.

Episcopus Bergomensis de eo cogitare debet, praesertim quod Beati Alexandri martyris, patronus dioecesis, testimonium in martyrio pro Christo non abstulit. Episcopus igitur pastoris testimonium non detinet et ecclesiam suam a lupis rapacis, quod non solum smugglers qui immigrantes turpis, de quibus pluribus infeliciter moriendum in aquis. Lupi rapaces sunt etiam quidam Primi cives, qui se in signum mortis culturae extollunt, et qui post hoc se credentes praedicant.. quidem, et smugglers, fideles se non praedicant neque suam actionem religioni religiosam non contradicunt.

.

Laconi, 4 September 2021

.

.

______________________

Vivamus in eorum Lectorum

carissimi,

mensis Octobris est expensarum nobis pro annuo solvendo dedicavit-servo nam quantum ad * 2.500 Euro, plus variae aliae subscriptiones pro servitiis graphico-editionalibus adhibitis ut instrumenta laboris necessarii huius magazine, Omnes enim summa copia 5.200 Euro. Singulis annis semper potuimus occurrere cum oblationibus legentium qui unicum subsidium nostrum sunt. Grati sumus igitur omnibus qui, credens in opere nostro apostolico, etiam parvam contributionem nobis offerre volent.

In spatio infra invenire potes omnes terras nostras peregrinas.

S Arihel. Levi Tadinensis

 

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118

CODICE PRAECEPS: BAPPIT21D21
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur:

isoladipatmos@gmail.com

.

.

.

 

.

.

.

 

About Pater Ivanum

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

21 cogitationes on "Episcopus moralem obligationem habet ut respondendi infelicis positio Majoris Pergami subscribere in favorem abrogativae referendae de euthanasia legali.

  1. Eh no, Ariel, pater mi, la mia fonte non è un articolo del QN, ma è mons Paglia in persona, a cui il QN ha pubblicato un’intervista molto più articolata della stringata dichiarazione del povero sindaco Gori; quod, per quanto ci riguarda, è racchiusa in quel finale (“Non ritengo che la firma e il credo religioso siano in contraddizione”) che presumibilmente è alla base della richiesta di intervento del Vescovo di Bergamo da parte dell’autore dell’articolo. Ma il fatto incontrovertibile è che quella frase sintetizza magnificamente anche la posizione espressa da mons Paglia, e dunque anche di quell’Istituzione della Chiesa Cattolica competente in campo etico che dal suo stesso nome ha per finalità la Vita. in facto,, depenalizzare attraverso un referendum il suicidio assistito o volerlo regolamentare attraverso una legge votata a larga maggioranza, infligge nel corpo sociale esattamente lo stesso vulnus morale, con in più, in secundo casu,, l’aggravante del concorso benedicente della Chiesa. Ragion per cui le ripropongo la mia domanda iniziale: davvero pensa che chiamare in causa il vescovo di Bergamo sia risolutivo? E aggiungo: davvero pensa di salvaguardare la Chiesa proteggendo l’indifendibile mons Paglia?

    1. Non so quanti anni lei abbia, suppongo però sia molto giovane.
      La Chiesa Cattolica italiana, non mediò forse, eo tempore, in omnibus, con le forze politiche che volevano la legge sull’aborto?
      Stefano, quale è il suo concetto dimediazione”?
      Lo spiegai anche a un programma televisivo condotto da Giuseppe Brindisi la differenza sostanziale che corre tramediazione” E “compromesso”.
      hic, lei confonde la mediazione con il compromesso, semplicemente perché non conosce, alla base, il senso delle parole nell’ambito del diritto, delle scienze politiche e anche del diritto ecclesiastico.

      Sono a tal punto stanco di dibattere con persone che non vogliono intendere, ad punctum illud, d’accordo con i Padri, la nostra webmaster sta lavorando per togliere il forum dei commenti. Appurato che sono una inutile perdita di tempo con persone che battono e ribattono fuori tema e che pretendono di avere conto e ragione pure se tu gli spieghi che non conoscono neppure il significato delle parole che usano e sulle quali sollevano questioni.

  2. Caro Padre nessun intento di denigrare il vs preziosissimo lavoro e tantomeno di lanciare frecciate o peggio schizzi, ma seguendola con passione da anni e avendo e letto le sue pubblicazioni (non tutte), l’ultima recentemente in vacanza la riedizione aggiornata di “Venit satanas cogitetur trinum” mi trova quasi sempre in sintonia con quanto scrive e dice ma sono i toni spesso supponenti che distribuiscono in abbondanza attributi di ignorante (anche se detto nel senso di chi ignora) ed altro che spesso mi mettono a disagio. Non si può essere sempre in accordo e dissentire non è un reato passibile di ingiuria o censura perché pensa non rispetti o peggio denigra il pensiero o il lavoro di una vita. Cito solo (non letteralmente ma solo il significato) una sua, per me, non condivisibile affermazione: il Latino è giusto eliminarlo dalla liturgia della Chiesa in quanto pochi conoscono appieno la lingua e poi i cinesi come fanno a capire un idioma tanto lontano dal loro sentire o capire decisamente meglio nella loro lingua locale. Se così fosse perché affannarci ad imparare l’inglese in quanto usato come lingua internazionale per le relazioni internazionali? Io personalmente abolire il latino la ritengo una sciocchezza, i messali sono sempre stati bilingue, una colonna in latino ed una nella lingua locale. Rimane sempre un arricchimento per chi lo vuole approfondire. Senza astio né rancore o peggio ancora passare per giudice, cosa che non sono, aspicio, medito e registro solo, cordialmente la saluto e le auguro come sempre Buon Lavoro a Lei ed ai suoi valenti collaboratori.

    1. Sia il precedente commento, sia questo commento chiarificatore, che cosa c’entrano con i contenuti dell’articolo di Padre Ivano?
      La nostra webmaster ha già avuto incarico di lavorare a una sostituzione ormai purtroppo necessaria: eliminare lo spazio dei commenti e sostituire il tutto con: “Lettere alla redazione”. Chi vorrà commentare o chiedere spiegazioni a un Autore su un suo articolo, potrà mandare una email.
      Et sic, eliminiamo il problema alla radice.

  3. Caro Pater, fino a poco tempo fa bastava una piccola scala per accedere al suo piedistallo e osare temerariamente di dialogare con lei, oggi vedo che non basta l’auto-scala dei pompieri di Viggiù.
    ex animo

    1. Ne spieghi i motivi e le ragioni, altrimenti è solo una frecciata di veleno fine a se stessa.

      in ogni caso le sono e le siamo grati, ci stiamo infatti convincendo sempre di più che a mettere a disposizione spazi per i commenti, si rischia di dare solo modo e opportunità a numerose persone in vena di sollevare questioni inopportune e non attinenti con gli articoli, di sfogare il meglio di sé, ed ai giudici impietosi come lei di tirare un garbato schizzo di merda su anni e anni di lavoro apostolico svolto da me e dai miei confratelli.

  4. Reverendo padre Ivano

    non mi meraviglio della posizione del sindaco di Bergamo è frutto della confusione dottrinale nella chiesa cattolica che viene favorita dal regnante pontefice che ha impedito alla conferenza episcopale americana di negare la comunione al cattolico Biden che è per l’aborto https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/06/15/vaticano-ai-vescovi-usa-non-negate-comunione-a-biden_4291ae5f-00ef-4cd9-8b48-adb06150442d.h et poterat ire …

    1. Il Padre Ivano è troppo un santo uomo di Dio per dare certe risposte, provvedo allora io, che sono un indegno uomo di Dio e una notoria carogna di prete.

      Le ricordo che in Italia, in 1978, la legge sull’aborto fu approvata sotto un governo democristiano e promulgata da un esercito di politici baciapile capeggiati da Amintore Fanfani e Giulio Andreotti.
      Il governo e i politici della D.C. che firmarono quella legge non furono affatto favoriti «dal regnante pontefice», che all’epoca viveva in Argentina ed era sacerdote da 9 aetate (data della sacra ordinazione 13 January 1969), ma passòripeto sotto un governo democristianoformato per la gran parte da politici che furono allievi e figli spirituali del Santo Pontefice Paolo VI.

      Nel luglio 1975 un politico democristiano, per il quale taluni hanno tentato persino di aprire il processo di beatificazione, dichiarò:

      «[…] la ritrovata natura popolare del partito (N.d.R. la Democrazia Cristiana) induce a chiudere nel riserbo delle coscienze alcune valutazioni rigorose, alcune posizioni di principio che erano proprie della nostra esperienza in una fase diversa della vita sociale, ma che fanno ostacolo alla facilità di contatto con le masse e alla cooperazione politica. Vi sono cose che, iustus, la moderna coscienza pubblica attribuisce alla sfera privata e rifiuta siano regolate dalla legislazione e oggetto di intervento dello Stato. Prevarranno dunque la duttilità e la tolleranza».

      Parole pronunciate da Aldo Moro, che di Paolo VI fu l’allievo prediletto, il gioiello più ben riuscito.

      Le risulta che sia stata negata la Santa Comunione a questi politici che, inquam, hanno materialmente varata la legge legandola ai loro nomi di cattolici, credenti, impegnati e militanti?

      tum, che cosa vadicendo dell’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America, che a partire dal caso dell’Afghanistan pare non ne abbia indovinata una?
      E lei sa chi è stato, in conspectu eius, il precedente Presidente cattolico? Fu il cattolicissimo John Fitzgerald Kennedy, così cattolico da saltare da una puttana all’altra, membro di una famiglia i cui appartenenti, in politica, ne hanno combinate d’ogni sorta, quod … buoni cattolici.

      Et quid vos videtis, anch’io posso concludere dicendo come lei «e potrei continuare …»

      1. Ariel domne,
        vorrei domandarle ma un politico o un semplice cattolico che appoggia un peccato come l’aborto o l’eutanasia o il divorzio, o le unioni civili che poi va a messa e si comunica non compie un sacrilegio? Si o n ?
        gratias ago tibi,.

        p.s questo non viene mai ricordato da molti sacerdoti

        1. quidem, che compie sacrilegio, lo dice il Beato Apostolo Paolo:

          "Unde quicunque indigne manducaverit panem vel biberit calicem Domini, sarà reo del corpo e del sangue del Signore» (I Cor 11, 27).

          Però lei ha tirato in ballo a sproposito il Pontefice regnante, ed a tal proposito io le ho risposto. Quindi adesso non cambi discorso e non faccia finta di non averlo fatto.

          1. Veniam in me, capisco la sua difficoltà, ma se non possiamo tirare in ballo il Pontefice regnante che ci ha fatto sapere tramite l’ineffabile mons Paglia quale dovrebbe essere la posizione della Chiesa e dei politici cattolici proprio sulla regolamentazione dell’eutanasia, allora perché dovremmo tirare in ballo il Vescovo di Bergamo? Non sarebbe più coerente lasciarlo in pace?

          2. E che cosa avrebbe dichiarato il Sommo Pontefice tramite S.E. Mons. Vincenzo Paglia?
            Tiri fuori il documento ufficiale e ce lo mandi.
            Non ci mandi però le confabulazioni di qualche blogghettaro, ci mandi le dichiarazioni ufficiali racchiuse negli Atti della Sede Apostolica, dell’Ufficio Stampa della Santa Sede, del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali e, in hoc casu,, della Pontificia Accademia per la vita di cui Vincenzo Paglia è presidente.

          3. Mi perdoni p. Arihel, a me non piace mettere le persone in un angolo, ma se lei mi chiede documenti ufficiali a riprova di quanto mons Paglia va affermando quotidianamente sui giornali, si pone da solo in una posizione scomoda.
            La dichiarazione del cattolico adulto nonché sindaco Gori circa la sua adesione al referendum radicale è in tutto e per tutto sovrapponibile alle posizioni espressecertamente non a titolo personaleda mons Paglia, fatta eccezione forse per la modalità scelta dal Gori di firmare il referendum per la depenalizzazione del suicidio assistito, quando invece il Presidente della Pontificia Accademia per la Vita gradirebbe di più la via del “colloquium” per giungere ad una legge condivisa da tutti. Qui però la questione non è stabilire se sia meglio chiamare la zuppa pan bagnato evitando di alzare nuovi muri e superando agilmente vecchi steccati, ma capire se la dottrina cattolica ammetta la cooperazione al male e, in caso negativo, se ciò sia classificabile comefurore ideologico”, espressione ormai riservata dalla Chiesa gerarchica solo per squalificare la fede dei piccoli (https://www.quotidiano.net/cronaca/il-vaticano-non-alziamo-muri-serve-una-legge-condivisa-1.6731247).

          4. etiam, la sua fonte su questo tema che definire delicatissimo è puro eufemismo e che sta impegnando il mondo della politica, della scienza e della fede, è un articolo tratto dal Quotidiano Nazionale.
            Nient’altro ho da aggiungere e commentare.

          5. Come sembrano insegnare taluni, un divorziato risposato il cui matrimonio non può essere annullato, può avere rapporti adulterini col proprio partnerper il benessere dei figlied essere senza colpa?

          6. Indichi la frase precisa in cui Padre Ivano tratta la tematica sulla quale lei rivolge questa domanda.
            Gliel’ho già detto in passato, ma inutilmente, quindi glielo ripeto: perché si ostina a entrare dal fruttivendolo a chiedere un chilo di carne macinata?
            pro quo?
            Quando si commenta e si rivolgono domande, lo si fa in base a ciò che l’Autore ha scritto e trattato nel suo articolo.
            Si chiama buonsenso.

          7. Io non ho commentato l’ottimo e condivisibile commento di padre Ivano, ho semplicemente commentato la tua affermazione: “quidem, che compie sacrilegio, lo dice il Beato Apostolo Paolo: "Unde quicunque indigne manducaverit panem vel biberit calicem Domini, sarà reo del corpo e del sangue del Signore» (I Cor 11, 27).”
            Quando si commenta in risposta ad un commento, lo si fa in base a ciò che l’Autore di quel commento ha scritto, non in base a ciò che ha scritto e trattato l’Autore dell’articolo che ha generato il commento.
            Si chiama buonsenso logico.

  5. Come credente e cattolico sono fermamente convinto che la sofferenza sia una grande grazia che Dio spesso offre ai peccatori per la nostra redenzione e salvezza. Preferisco morire soffrendo ed andare a soffrire pene peggiori in Purgatorio ed un giorno vicino o lontano entrare in Paradiso ,piuttosto che farmi praticare l’eutanasia, offendendo gravemente Dio con l’illusione di mettere fine alle mie sofferenze ed invece finire all’inferno in eterno. Quel Sindaco rispecchia ormai il pensiero ateo è pieno di contraddizioni ed ipocrisia della maggioranza delle persone, io ne sono circondato purtroppo. Questo mondo è avvolto dalle tenebre non solo per l’apostasia dei “ cristiani “ laici ma anche per via di quella di diversi consacrati o per lo meno per il loro vile silenzio. Deo gratias, , si possono ancora trovare sacerdoti come voi, spero anche vescovi e cardinali che hanno il coraggio di far risuonare la vera fede in Cristo e il suo vero Vangelo. Per me siete di gran conforto. Nonostante la grave crisi di fede Gesù ha fatto una promessa che tutti noi conosciamo.
    Grazie e che il Signore vi benedica sempre.

Comments sunt clausi.