Et anti-covid vaccines19. Et quod moralis Christiana his turbulentis proruerent ut ignotum caritas ones “antivax catholici” piscatoribus tanquam clamans ad socialis media in loci foro

- Ecclesia nuntium -

PRO-COVID VACCINES19. QUELLA MORALE E QUELLA CARITÀ CRISTIANA IGNOTA A QUEI TURBOLENTI “CATTOLICI ANTIVAX” CHE URLANO SUI AMICABILITER INTERVENTUS COME PESCIVENDOLI AL MERCATO RIONALE

.

Quod est contra officium est Catholico adepto vaccinated ex sensu officii circa hominibus altum est, eo quod non hominum tantum respicit suum protegat, quin diligat sicut seipsum. Quid caeci et hebetes in rebus est difficile intelligere eorum qui secundum doctrinam scientific anti-ante omnia in ipso manifesto inlicita pro alio, sive singulos sive totius orbis terrarum sit civitas scientific. Et similes habitus,, a Catholico, penitusque vere peccatum.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Print PDF

.

.

.

.

intensive cura

Ad haec difficilior dE patres In insula, quæ appellatur Patmos, in temptant dicata sunt,: Orientalium Ecclesiarum coronavirus. In subtilissima de libro est emblema: «Inter supercazzole et fidei probat. Et apostolatus de sanctorum Patrum In insula, quæ appellatur Patmos, SUMMUS temporibus ", in quibus natus est ex reflexione foramen M Dominican theologian Gabriele Giordano. Scardocci significatio enodatur eius supercazzola, Lexicon philosophicum terminus capta per vices suas, ut indicant sensu verborum. Tres omnium cogitationum, Minorum Capuccinorum ab ipso inter pretiosas tuas doctoris Ivanum Maria de 'Liguori, qui sunt in magno hospitium servientes laicis vitam interiorem suam spent annis clam,, in contactum cum cotidiana vita hominum, et languorem mortem.

.

Si ante non-esse oportet meminisse nostrum opus ficta, quam sincere laudare Lectio, Nunc opus est dictu est praemissa, ipsa cogitatione antequam aperire.

.

Est motus, ut dicitur in antivax ita se habet admodum acrem in partibus nostris etiam catholicas, tamen suo modo catholicos. Denique persuasum vagarentur millenarian catastrophists diabolica illa fornicati sunt infantes vaccines quod commixtum fetibus abortivus (!?). Sequantur qui eandem ill vaccini caracterem bestiæ, quae apparet in quibusdam indiciis signorum et in tempore RETRACTUS narrationem in Apocalypsis Ioannis apostoli et alii Beati qui loquuntur ad supremum certamen, ut imminenti videbis triumphi de sententia definitiva, Foederatio Immaculati Cordis Mariae.

.

Si singula novax extremistis Ecclesia catholica observat fai te, da, spieghi che la Santa Sede non ha tardato a chiarire la moralità dei vaccini rispondendo anzitutto alla bufala dei feti di bimbi abortiti frullati al loro interno [vedere documento della Congregazione per la Dottrina della Fede], la risposta del catto-idiota integralista antivax non si farà attendere: «La Santa Sede ha ormai smarrito gli autentici valori del Vangelo e si è sottomessa ai poteri forti mondiali». Appresso seguono poi le contumelie sul Pontefice regnante da parte di molti appartenenti a questi gruppuscoli pseudo-cattolici che risolvono il problema alla radice mettendo direttamente in dubbio la validità della sua elezione al sacro soglio. Rifacendosi, Et in hoc casu,, a tutte le bufale che circolano da anni sulla fantastica invalidità dell’atto di rinuncia del Sommo Pontefice Benedetto XVI.

.

Gli antivax che ritengono di essere cattolici sono tra tutti i peggiori, quia ratio et supernaturali tolerare prodigiosum, cum saecularibus tumultibus antivaxes innititur manifestum psychotic, et orta insidiarum in fantasy-, quin molesta est Dei Patris, ad Verbum Dei, Beati ante Dominum nostrum Iesum et in Apocalypsis Ioannis apostoli.

.

Fiat experientiae, inde a temporibus his pandemic doceri, et mihi conservis editors, loquitur enim frustra antivax, quia clausi in discrimine sensum et rationem et ut. Si possono portare tutte le più logiche ragioni scientifiche, che egli rifiuterà sempre e comunque, sostenendo teorie assurde variabili dai complotti planetari sino alla inesistenza del Covid-19 chiamato ironicamentepandemenza”, senza alcun rispetto per i vivi che si sono salvati e per la memoria di tutti coloro che sono morti e le loro famiglie ancora sofferenti per la perdita dei loro cari.

.

L’antivaccinista ha però una risposta assurda sempre pronta: non est qui negant esse multa decies funera per orbem terrarum, XIX, Covid gigni negat et mortuus est, quia secundum argumentum habemus. Admonere opus est de eo 793 mortuus est in die una die 21 March 2021 e la triste fila di camion militari che trasportavano le salme fuori Bergamo dove non c’erano più luoghi di sepoltura e cremazione, anti-vaccinist respondere paratus est, quia hoc etiam: "Hoc non probatur quod a Mortuus Covid XIX-sunt, facere, quia corporum autopsia". Versisque cum simili responsum fundatur granitic convenit fidei et anti-scientific, explicari possit quod non potest facere si autopsia numero mortuorum corpora eodem temporis momento nova qualis in nostra 2020, exploding in hospitalium et medicorum virgam in fine vires suas? Aut quod maybe, sed salva animam viventem, autopsia agi mortuis? O che forse si è smarrito il ricordo di medici ultra ottantenni rientrati in servizio perché, a partire dai medici, il personale sanitario era stato messo fuori combattimento dal virus che aveva colpito anzitutto medici e para-medici? Spiegare tutto questo non serve purtroppo a niente, proprio perché l’antivax ha una risposta di smentita irrazionale pronta per tutto, mentre l’antivax pseudo cattolico ancora di più e ancora di peggio. Gli uni per un verso, gli altri per altro verso, ad coniungere se illis locis conspiratio confidebat et diaria et bibere, et quod omnia data mihi sunt ut anseres ut sal in cibum grana congesserunt.

.

Haec opinio est impossibilis scabere uitalem, Quidem tristitiam haberem usus referre habemus sacerdotem? Etiam, et ego feci, exponere, ut omnia summa cura unitas intensum ut intraret cautiones quia amicus medicus, 52 annorum, periculo mortis erat. Et pro desiderio, sciens morti proximum, inquit de me. Collegarum exceptio facta est, propter hoc super omnia et loco et nomine homunculus hospitium. Ego non rem ad interiorem, overalls autem opertum, in larva, caestus, et oculi BUCCULA, Vidi supra vitrum dimidium metri. Ab intus, in latere uno et misit massam Writers lecto ad vitrum duobus activated speakerphone sui in telephono mobili ab intus, Apud eundem, Ego feci meus. Itaque ut ridens eum amici mei nuntiavit: «Omnipotens et misericors Deus tu vis petere quod est in corde tuo quia peccata tua?». Bis tellure recludit: «… et quod ... ". Eleuatis manibus in fronte speculum recitavi: «Ego, facultate mihi ab Apostolica Sede tributa, et remissionem omnium peccatorum tibi concedo. In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti» (Nam mihi facultates a Sede Apostolica data est mihi det tibi remissionem omnium peccatorum …). Dum ergo coepi in eam: «Per sacrosancta humanae reparationis mysteria, remittat tibi omnipotens Deus omnes praesentis et futurae vitae poenas, paradisi portas aperiat et ad gaudia sempiterna perducat». Rursus coepit oculos volve cyanotic. Nutrices pushed in lectulo suo situ et vidit nihil nisi de tergo duo tres alius medicinae virgam quae est in membris currit.. Postquam ab eo paulisper fregerunt, quassans caput eorum ad me. In hoc puncto meus amicus vidi iacebat in lectulo eius cum ore suo labefactare atque infirmare oculis apertis. Et mortuus est, hinc vitri, soffocato.

.

Hoc dixi, ut aliqua res antivax quae viget in insidiarum circa, et non aptissimus “pandemenza” XIX de Covid,? quidem, et ego feci, sed illis proventibus: certo certius asserens quod mihi uni cum probatum sit quod occisum est intubations, nam si mortui non fuerant adtributi artificio evacuatione. Un altro mi rispose che quelle erano delle morti causate volutamente per creare una grande instabilità socio-politica e per metterci tutti sotto controllo con una vaccinazione a tappeto. Ad vitare non amplius sunt apud absurdum, quod responsa data est mihi,, super omnes homines quantum expertes pro vivis et mortuis. Quid autem horum inlotis? Ex quo surrexit in granite sunt veritates? simplex, mittunt de blog blog, anti-inter coniurationes vindicavit, et scientific theoriis, quis non potest quin eos ad scalpere, quia est ibi ut securitatem suam. Numquid dixi eis consilium videre Fusce mollis tristique sem Salutem ex Ministerio seu quod Agency conficiendi medicamenta? Sic utique, sed in illa solum antivax iacebat in periculo verba illius everteretur Stefano Montanari et ex illius verecundiam Italica Antonius Pappalardo, qui se ab stationibus pro duce Carabinieri ad contumeliam iudicium pro seu dicti Officiales. Haec de historia tristi moralis: Frustra quidam loquendi, invitare rationis audire periti qui sententias, minime falli, qui certe sciunt quam sine pedibus inlotis ad antivax, causa est quia in omni quod erit continue in imparibus ductos vescerentur socialis instrumentis. Ergo superfluum est loqui conatus duobus consistit: necessarium est primo conatus est, ut irascatur, tunc necesse est ut leniret descendit conatus est,.

.

Est interesting quod neurotic necessitudo horum cum hominibus quaerere interrete, ibi invenio quid vis ut apparet solum et praecipue auxilio sunt in imperitioribus opiniones suas persuadent, omnibus requiem non est. Et adfligebant inludentes accusare virologists - quod inde sine dicens sine quid scientias pertinentium agere tam -, tacciandoli di essere servi dei poteri occulti o sul libro paga di quelli forti e manco a dirsi delle multinazionali farmaceutiche, sed nemo umquam legere non sunt antivaxes scientific vasa sua, mutant nuntiavit aut lectiones audiebat. Quae creavit orbem terrarum ex clausa Antivax a quibus et procaciter sustinet anti-scientia diffunditur,, reprehendo anti-cruda scientia scientiae eiusque viae, Post omnes negat legere, audire et perpendere consectaria quae causa scientia ut brings, regionesve delata est quia in mundo inter pressius Stefano Montanari Antonius Pappalardo, venena duos locos de quibus diximus,.

.

Quod cum conatur antivax è come voler parlare di rispetto per le diverse culture religiose con un fondamentalista islamista dell’Isis. Primo debere tractari credebantur antivaxes veraque, Sicut bonus naturedly nempe bonum vexantur naturedly Animadverte quid respuat conantur inducere prodigiosum putant extra studiis scientiae et opinionis. Sed hoc fuit error, a psychiatra peritis aliqui factum fuisset satis ad note quod fanaticus pro duce revelasti habiti a fanatici furoris publicae, vel peius vel etiam religiosis motibus pseudo-religiosis, et insuper non habeat irrisorie iocosa modum ipse se omnino sine ironia. Sicut ipse habet unicam tantum parte referat ad verum videbatur et in malleis formavit illud, et circa quod non est intentio pertractare, praeterquam etiam acrior atque infestus.

.

Ego uti, exempli gratia, memoria retinentes quoniam per disciplinam et instructus sum dogmaticus de historiam dogmatum. Patet nimirum quanti momenti mihi esse in dogmatibus fidei nostrae columnis urbe condita. Sed Ive 'nunquam habuit a forsit et scholarium commercio cum hominibus, qui dogma considerans sit pura et simplex humana inuenta., Aedificavit cordatos et definita, vel coetus Episcoporum totius populi intelligentes - cum primis ingenti incipiens a Concilio Nicaeno anni 325 - ut recta ratio custodi fides catholica quidam qui non credere scholarium,, atheus sim, inculper, planius iudicant discumbentium. Ut cum Christiana libenter ab eo feliciter egit Constantinus Imperator quarto, qui fuit late et via sua creator, Non solum enim patronum ad utilitates dumtaxat politica,. In hoc facies, et, quod ego pluribus theologorum et theologiae sacerdotes qui sunt confratres cordi meo, isti autem nunquam habuit a forsit habentem deponit? magis, inter ipsum et humana amicitia degunt fere aliter nati, etsi alii aliis credimus et negare opinionem tuam. Invenerunt qui morabantur Purum utrinque fieri numquam clausa, apice obtusa et angusto animo habitus lectio fundamentalistica. Antivax in alia manu, clausa est imago est homo, qui ea compages utrinque subjectivas angusti animi affectu animi formas periculosis integralism.

.

Cur de us Patribus In insula, quæ appellatur Patmos, statim got ut vaccinated modo nostram veniunt rursus? Sunt duae autem maxime causae: primum, fieri potest, ut in Vaccinum solum propter scientiam indicavit remedium derivantur vel aliter circumscribere ad virum effectis. Et non ex nobis habemus scientia, artes et scientiae ut possis dicere nefas est,, unde sequitur, omnis ut faceret, in consilio Domini et studiosorum hominum scientiam. Secundum, nam quod ad curam animarum pastores atque theologi sunt, et non vivunt, interius et exterius, in substantia et forma,, et ubi conscientia propriorum officiorum in hominibus. postulant: scientia et de scientia hominum, possunt peccamus? quidem, contigit aliquoties quod etiam futurum, sed, si vere volo ut det nobis in bonum ex errore hominum, Melius est scientia praestiterunt sapientum quaerentium animas salvare, superbus est dare beneficia quam quidam ignorantes habeat basic fundamenta quaedam scientiae medicinae. Et hac ratione dicitur, suus 'vocatur sensus communis, et reipsa etiam absens fere doctrinarum antivaxes magisque multitudo magna FRUSTUM.

.

Rationem non possis antivaxes, et quomodo sustinebis faciem penitus, nisi aliqua ratione statutum est a Covid damnum ratio ad redigendum XIX, quod vaccination de universitate populi, ut quicquid dixeris? Quaestionem iuris quod usque status saecularis vitae est, moralis de testatur fides nostra.

.

Sit scriptor committitur cum status saecularis vitae: vidimus coetibus exaltatum antivaxes clamabant «libertatem,, libertatem!»De vias eorum petendi" dextra "est non dicere in Vaccinum. Primum est haec quaestio sufficienter interrogavit: ad gentem, Quae libertas? Eamus exemplis: forte volumus accersere voluit duo coeundi in frequenti foro in litore obscena publicum in foro? Quia mutuo amant facere libere statuere ideo amare, amant enim et amor iure, uel? Quo modo est in eo 2021 et regressus est ratio quod audet dicere severiorum “obscoena” duo ad libertatem amant? Ita facile est dicere: ad articulum 527 Code in vero poenalia praesentialiter ut non sit simpliciter decriminalized, sed solum proponimus ut figuram destruxit quidem crimen. Sicut tu ipse domine perspicis omnia, quae conceptum et libertas est, potest inclusum, Ex duobus autem copulati in ius in loco publico et absolutum ius inalienabile, et mulier a puero usque ad privata fetu suo, haud minus perfecto ad usum sequi defenditur. Omnes tempore, variis in orbis terrarum regionibus, convertere volebant humanae vitae, sed aliorum omnium suae, per praesto bonum, quod semper fecit a duobus verbis clamantes: 'Rights "et" libertatis ". patet,, in oratione, neque defenditur neque agitur abortum, sed ut intellexerunt salutem cura collective. a articulum 32 Publica Italica plurimum manifestum est ex huius Constitutionis praeceptis ditescit:

.

"In Republica praecipuum ius protegit salutis, ut singula, et ut cura collective, cura liberam praestat indigentibus '.

.

In situ a pandemic, qui nocere potest in tutela sanitas in civitatem suam: quia in causis mere muta, anti-scientific penitus abjeci vaccination vel ideologicis particularibus,? In eodem articulum 32 Ceterum continuo specificat:

.

«Nemini idcirco licet sit propria medicinae curatio gratum ad nisi per legem. Lex non violant, communemque causam ullo respectu ad fines, quos statuunt humana persona ".

.

Nostrum patet absque errore Constitutionem hoc enim indicant sanitas est bonum collective, sed quod non possit simul esse coactus ad specifica valetudo curatio, nisi ad normam iuris. Duo puncta utrumque immoti rigent. Et in his habet locum quaestio: nimirum qui non satis constare debet tantum in ratione causae vaccination, anti-scientific vel ideologicis particularibus,, radicati et ignorantia invincibilis vel formas, ad grave dampnum totius civitatis possunt hoc ipsum facere. Sed cum valde stricta via quae debet haberi in habitudine causae et effectus,, satis esse potest invocare divinum officium quod non virtute liberales terra, et vere popularis civilibus rebus quae non concedendum quod male idea de "libertatem" non facere grave dampnum totius populi. Personaliter - sed mihi cogitandi, quidem, et relinquit videtur quod sit tempus et invenit -, credo che nella situazione attuale potrebbero ricorrere tutti gli elementi giuridici per imporre l’obbligatorietà della vaccinazione. Repetere quod, quamvis omnia sit, manifestandum est in parte in iure gravissima quidem fieri potest modo,, ita fugientibus vivificans, aliter, in qua sede periculosam imitationem exempli cuiusdam puerum natum et passum donor In syndrome potest declarari crastinum incuratus.

.

Per quod bonum et in exemplum pater familias, non poterant esse rei publicae est aliquantulus quasi parens, qui habent officium maxima familiae praesidio, non detrimento esse ullo modo sineret aliquid est causa omnium aliorum. Certe in re publica infirma, et quod spinas non potest agere sicut qui in omnibus et per patrem et filium suadere non nocere aliis irrationabiliter et contentiose egistis cum risu ad eius faciem doleo., praesertim cum id non istud damnum sed ad exercitium ius liberum sui. Potest ergo illi unum moneo, alterum, autem tertio dixit ad exercere suam potestas et in via coercere debet facere cogeretur omnibus iniuriam ne.

.

Status nostra, maximeque civilibus formatae per esurientem, quia sunt voraces quasi suffragiorum bulimics, paratus ut obliviscatur de Antonio Gramsci, Henricus enim Palmiro Togliatti Berlinguer qui suspectam infamemque magnificae et Reliquit dicitur Italica, ut oretur pro eo, sicut quidam pauper sine litteris, potentiam Sententiarum reperiendum quendam intra motum decies duodecim sectatores. apud, trans, ut aiunt consilium rectum populari menses utero calidissimum quadrati et augeri placere studeant quomodo electorum consensu in posterum, quod aliquis videt alto statu boni agat sapientiam pater familias?

.

Ego vere in noster stupet praeses Reipublicae et civilibus omnes qui ad invitare minus quam officiosi novax et magnificant fimbrias, quod esset quaerentem sicut palpare solet caecus aut surdus homo bene legere via signa vox Mater Maria Callas. Quare cur non communiter de summa re publica reipublicae frustra moror haec exhortationibus, ut dicunt,, Haec sola possunt effectus etiam absurdum fimbrias. In sententiam meam humilem, decretorium actio legum opus est,. Non satis est quod sine viridis saltus non potest introire in foro, igitur subiecta circumscriptiones seriem. Magis opus est,: cum necesse sit constituere precise ac iure sententiae opponitur, quod vaccination de usurpationis ideologicae rationes rationalis, a gravibus contracti virum in specie, ut sanitas costs erit omnibus reddere a novissimis usque ad primos, quia, impensa cura adhibetur infirmo, constat ex nationum conventu publico de ipsius fisci redditores 2.000 Euro diurno hospitalization. Ita arbitrium non sit utilis et aliter possunt vitare nec omnino improbabilis socialis iniustitias, exempli gratia, quae hominem non potest eum cui ministratur a Vaccinum et universa debitum ad gravi morbo, infectas, quae tunc est apud antivax nosocomio in intensive cura et inpensa civitatem, dum aeger non erit locus detur vaccini hospitalization. Antivax eveniet diligenter conservet intensive insidiis potenter loqui, quid, si illud etiam doctoribus qui testimonium perhibeo de hoc colore, “pandemenza” fecit ut damnum viscera eius, Cum aeger moritur vaccini administrare posset, quia antivax impius, rapinamque reddiderit, in intensive cura locus eius.

.

Haec ideologues irrationale sit: et interrogavit postulavit consistency, Si autem contrahunt virum “pandemenza”, esse duarum solutionum: aut aliter agere cum suo exaltabor medicinam, cum naturopathy, et ego homeopathy cocktail et amino acida et vitamins, aut clamorem reddunt consequatur «libertatis, libertatem!»Teneantur dare hospitium omnes expensas. postulant: potes, honestum, curatio et ICU negare admissionis ad hominem, qui non potest reddere quia? Cogito ergo sum, immo credo quod non fieri potest nisi esse, sed rem videmur peropportunam, Hoc tempus sufficeret qualiter finis impositus Sardinia kidnappings Calabriam. Clausus ab bonorum familiae Dei et comprehenderunt eum posse reddere faciens redemptiones. Donec furto aliquid aut numquam rediit cadaveribus reperti, Sed tandem finito tempore rapta. semper, Infeliciter, non tantum, dicitur enim Eccli, sed etiam quaedam humanae cupidinis opportuniusque sacrificare refe- mortis periculo liberaret mille. Inter haec ratio videtur inhumanum et crudele Intellexi ex historia senior mulieris iudaeae nineties, Pueris mater, ubi ab Attica, quae latebat in altera filii tres teenage filius Vidit Paravit illa cibos in via, uscito per degli approvvigionamenti — perché essendo adolescente destava minore sospetto — catturato dalle S.S. in hieme 1943. Quid fecisti? Et in platea currit clangore “da mihi revertere fili mi!”, ita et alia tria caperent, vel etiam ex relictis tribus filiis desinit solo patre dictum? Quæ habitas in animis iuvenum et iudicia quae nascuntur ex pura animi motus exprimunt, quod logica solution, Vestibulum ante daret rationalis tali?

.

Nos nunc concludere pessimus: novax qui cogitant ex Catholico sunt, et qui dici esse jus ipsorum via Catholico, quod quidem in formis ab fundamentalists amet. Primum omnium, quid sibi vult:

.

"Pretiosa in conspectu Domini mors sanctorum eius est"? [autem 115, 15].

.

Potest intelliguntur multa, neminem ex occasione, posuit illud in pravas opiniones doctrinae nimio periclitari vita fidelium, tam honorabilis factus es in oculis meis ab Domini. Et iterum::

.

«Da mihi intelligentia et custodivi legem tuam; Ego hanc profitentur fuerit iudicatus ex toto corde,. Domine deduc me in semita mandatorum tuorum:, quoniam gaudium meum in ea et invenietis " [autem 119, 34-35].

.

Quid his verbis fit unum qui cum, ut illi pseudo-Catholico Fondmentalist antivax, in loco, qui detrectat quod stultum se habet intelligentia ad sollicitandos pastores praemisit incognitum voluit, ad portum se in lege? Anche l’ultimo degli integralisti pseudo-cattolici convertito alla moderna religione pagana dell’antivaccinismo ― salvo sentirsi cattolico integrale duro e puro ― è capace a recitare come una tiritera la frase impressa nel Libro del Levitico e poi riportata anche per bocca di Cristo Dio nei Santi Vangeli:

.

«Non odierai tuo fratello nel tuo cuore; rimprovera pure il tuo prossimo, ma non ti caricare di un peccato a causa sua. Non ti vendicherai e non serberai rancore contro i figli del tuo popolo, ma amerai il prossimo tuo come te stesso. Io sono il Signore» [Lv 19, 17-18].

.

Il cattolico fanatico convertito alla religione pagana dell’antivaccinismo, le parole delle Sacre Scritture e dei Salmi non è proprio in grado di recepirle. Se poi le legge, non riesce purtroppo a comprenderle. Il fratello è indubbiamente il nostro simile in carne e ossa, ma è anche un grande contenitore all’interno del quale sono racchiuse tutte le specie di fratellanza: fratello è il personale medico e paramedico che ha svolto il proprio lavoro in un grande momento di crisi sanitaria. Fratello sono i virologi che anziché andare in televisione ― checché se ne dica, perché li ho incontrati negli studi di Mediaset e più volte ci ho parlato ―, avrebbero preferito rimanere nei loro ospedali e nei loro laboratori di ricerca. Difficilmente però, a fare informazione in un momento di emergenza da pandemia poteva provvedere l’Associazione Nazionale dei Parrucchieri o quella delle Estetiste, l’Ordine Nazionale degli Avvocati, quello degli Ingegneri o quello degli Architetti. Et si nihil,, per andare a fare informazione, loro che erano gli unici in quel momento qualificati a farla, hanno sacrificato il poco tempo disponibile che gli restava per stare una o due ore con le loro mogli e i loro figli.

.

Negli scritti, nei messaggi, nelle dichiarazioni degli antivax cattolici serpeggia un disprezzo sarcastico intollerabile che denota una mancanza pressoché totale di carità cristiana, basta leggere certi blog o riviste telematiche per comprendere e toccare con mano il loro infimo livello umano. Parole intrise di rancore, dense di minacce e di giudizi morali che non stanno cristianamente né in cielo né in terra.

.

'Diliges proximum tuum sicut te ipsum " vuol dire anzitutto proteggerlo e tutelarlo, perché non esiste ragione soggettiva, basata sulle emozioni fondate sulla anti-scienza, in nome della quale si possa recare gravi danni ai propri simili, a partire dal rifiuto della vaccinazione.

.

Come cittadino della Repubblica Italiana, sacerdos et theologus affermo che rifiutare in questo momento la vaccinazione, dopo che le migliori conoscenze della scienza moderna mondiale l’hanno indicata come unico rimedio per evitare, o almeno per ridurre di molto i danni del Covid-19, è cosa moralmente inaccettabile, vale a dire peccaminosa, in quanto peccato contro la carità. E lo è perché l’intera narrazione vetero e novo testamentaria mi dice esattamente il contrario di quello che scrivono certi poveri sciagurati qualificandosi come “veri cattolici” e come “vero pensiero cattolico”.

.

Grazie a Dio non sono membro della Conferenza Episcopale Italiana, se lo fossi non esiterei a proporre a tutti gli altri fratelli vescovi l’adozione di una decisione drastica: sine green-pass non si entra in chiesa. Ce lo impone l’amore per il prossimo e il nostro rifiuto deciso e totale verso ogni forma di idolatria, inclusa la moderna religione pagana degli antivax basata sul culto di una non meglio precisata medicina alternativa, della naturopatia e della omeopatia. Soggetti ai quali puoi mettere sotto gli occhi le persone che muoiono soffocate per mancanza di respirazione, ma che senza rispetto alcuno per i morti e per i vivi ti diranno che non è vero, che è tutta quanta unapandemenza”. Verum est,, est “pandemenza”, per l’esattezza lapandemenzaideologico-irrazionale e antiscientifica degli antivax, ignari che i dementi affetti dapandemenza” Non enim est, sono loro!

.

Quod est contra officium est Catholico adepto vaccinated ex sensu officii circa hominibus altum est, eo quod non hominum tantum respicit suum protegat, quin diligat sicut seipsum. Quid caeci et hebetes in rebus est difficile intelligere eorum qui secundum doctrinam scientific anti-ante omnia in ipso manifesto inlicita pro alio, sive singulos sive totius orbis terrarum sit civitas scientific. Et similes habitus,, a Catholico, penitusque vere peccatum.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 29 July 2021

.

In postilla finale chiarisco: nell’era dell’analfabetismo digitale un numero elevato di persone, oltre a non avere la capacità di comprendere quel che leggono, hanno difficoltà a capire il significato delle parole di cui ignorano radice ed etimo. E dopo avere letto titolo e sottotitolo di uno scritto articolato come questo testé proposto all’attenzione dei nostri Lettori, l’analfabeta digitale, letto solo il titolo e forse il sottotitolo, comincia a impazzare sui socialis instrumentis offendendo e attribuendo all’Autore ciò che mai ha pensato, detto e scritto. Credo di avere spiegato a sufficienza che certi soggetti sono irrecuperabili poiché chiusi a meccanismi anche elementari di ragionamento. Per scrupolo di chiarezza preciso che non ho mai sostenuto l’obbligo alla vaccinazione, ma solo sostenuto e chiarito, da un punto di vista giuridico e da un punto di vista morale, il dovere alla vaccinazione. E per chiunque conosca la lingua italiana — eccezion fatta per gli analfabeti digitali —, sermo “officium” E “obbligohanno due diversi significati nell’ambito del diritto e nell’ambito della dottrina cattolica, quindi due diversi modi di applicazione.

.

.

carus lectores,

obsecro legi scriptum articulum a Praeside nostro edition [hic], nel quale avevamo chiesto un sostegno per il fondo delle mie spese processuali dopo che fui reso oggetto di una querela che, sed pedetemtim cauteque concludam, tamen meo iudicio defendere eoque postulat agere debeo impendere legum feodis. Ratio patet: colpirne uno per spaventarne e metterne a cuccia mille. Sino a oggi abbiamo raccolto quasi il necessario.

Per questo ringrazio coloro che sino a oggi hanno inviato un contributo per il atrium autem cibus costs e ai quali ho inviato in privato un messaggio di ringraziamento. Purtroppo ad alcuni non ho potuto rispondere, perché assieme alla loro donazione non hanno inviato un messaggio con la loro email, quindi è stato impossibile anche e solo ringraziarli. Confiteor versibus tam, dispiaciuto per non avergli potuto inviare un messaggio.

 

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About pater Arihel

S Arihel. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

245 cogitationes on "Et anti-covid vaccines19. Et quod moralis Christiana his turbulentis proruerent ut ignotum caritas ones “antivax catholici” piscatoribus tanquam clamans ad socialis media in loci foro

  1. Le consiglio di cambiar nome alla sua testata, inappropriato; se fossi in lei sceglierei il nome di una delle sette chiese. Quale preferisce? E’ eius!

  2. Avevo postato due messaggi nei giorni scorsi che non sono stati pubblicati. novis, ma tutto può accadere, speriamo non sia censura.

  3. quidem, perchè io diversamente e personalmente ho denunce da decine di persone che lamentano gravi disturbi insorti dopo somministrazione del vaccino

    1. Abbiamo semplicemente chiuso i commenti perché molte persone, inter vos, ripetono come un mantra le stesse identiche cose postando collegamenti a link e filmati di YouTube di cui sono autori soggetti che non hanno alcuna seria formazione scientifica e alcun serio approccio scientifico al delicato problema.

  4. Proprio in questi giorni il Papa ha ribadito come il vaccinarsi sia un gesto di generosità, ma presumo che per i cattolici-fai-da-te che hanno commentato qui la cosa sia indifferente, se non indisponente, visto che la loro guida sono i gruppi social o le pagine web di qualche balordo che si improvvisa esperto di tematiche di cui non ha alcuna conoscenza specifica.

    Tutto ora si basa sulla narrazione che il covid è una malattia seria se non curata ma basterebbe dare le cure giuste subito e il problema sparirebbe, prima si diceva che il covid era solo un’influenza, prima ancora che non esisteva. L’importante è negare l’esistenza di una realtà scomoda, che non si desiderava.

    E intanto io continuo a vedere novax ricoverati in ospedale o in terapia intensiva, mentre non sono a conoscenza di casi di reazione grave ai vaccini. E si che ormai, nella mia cerchia di conoscenze, sono molti di più i vaccinati rispetto a quelli che hanno passato il covid. Ma si vede che frequento delle persone strane con reazioni anomale rispetto alla vulgata dei social.

  5. Verbum Caro Factum patrem,, stimo ciò che scrive ma questultimo articolo mi ha messo in disaccordo. A ben vedere non era specificatamente rivolto al mio caso ma anche io non ho aderito alla campagna di vaccinazione. Questo non perché sono unno vax”, ma perché ritengo sia lui a non essere un vaccino. Infatti è un vaccino sperimentale. E non mi pare corretto dover rischiare affidando la protezione della mia salute a un farmaco genico che col tempo potrebbe rivelarsi diverso da quello che le scarse ricerche non hanno potuto evidenziare. Evidenze comunque preoccupanti viste le reazioni avverse già note, otre a quelle che hanno successivamente obbligato le case farmaceutiche produttrici a dover aggiornare ibugiardini “( quia. alcuni ultimi studi avrebbero sottolineato il rischio di cardiotossicità e neurotossicitadella proteina spike, da cui le miocarditi giovanili tristemente famose per l insolito numero di morti improvvise registrate ). Avessi la consolazione non dico di non infettarmi ( la mia fascia d età ha comunque una minima probabilità di ammalarsi gravemente) ma almeno di non essere infettivo! Invece sarei forse più pericoloso davaccinato” quod, in caso di infezione, camufferei la mia alta carica virale, e diventerei potenzialmente produttore di varianti. Allo stato attuale, per il mio stile e la mia aspettativa di vita ritengo sia un atto di carità evitare quel rimedio, che potrebbe rivelarsi peggiore del male stesso. Sto resistendo pensando ai miei figli e mia moglie E se non potremo andare da Gesù Lo pregherò affinché venga Lui da noi.

  6. Esistono vaccini etici e non etici.
    – E’ compito di chi ne ha l’autorità, decidere se approvvigionare ed usare vaccini etici o non etici.
    Come si comprendevano coloro che bruciavano incenso all’imperatore quando a rischio era la loro vita, così si comprende chi accetta i vaccini non etici quando uno stato (Vaticano compreso) non mette a disposizione i vaccini etici.

  7. Dopo l’articolo venefico che prendeva come esempio positivo Burioni nei mesi passati (peraltro mi sembra sia stato pure cancellato), oggi ripasso nel sito e trovo questa somma di stupidaggini che provengono da un sacerdote che dovrebbe avere luce per guidare un popolo….
    Che tristezza fa la crassa ignoranza di chi parla di cose che non conosce ma sulle quali è convinto di essere esperto.
    Non vale la pena neanche di replicare
    Giusto accettare la Sua sentenza: i non vaccinati non devono essere curati negli ospedali se si ammalano. Ma per equità lo stesso divieto va posto nei confronti di chi si vaccina e poi si ammala gravemente, dato che suberbia merita pena. Poi non vanno curati neanche i fumatori per i danni che derivano da tale vizio, perchè nessuna ignoranza può essere oggi giustificata al riguardo. Poi non curiamo in ospedale neanche gli obesi perchè è risaputo che se uno si ingozza poi si ammala gravemente (lo dice sempre la tivvù!)
    E chi si suicida con le droghe? Ammazziamolo subito senza possibilità alcuna.
    Caro padre delle colline di Genzano, ha passato anni a dipingere il potere ecclesiastico come tana di pederasti e corrotti (compreso il povero vicario del pope che ci dice essere peggio di Vallini) e i lettori oggi dovrebbero avere fiducia nel parere di comitati ecclesiastici che in privato giocano a trastullarsi con i birilli del vicino di letto??
    Pensi a salvare le anime che quando esce dal Suo apostolato fa danni incalcolabili
    Con rispetto del Suo abito

    1. Ha mai conosciuto un fumatore che afferma che il fumo fa bene e che non causa danni ai polmoni e che anzi favorisce le vie respiratorie?
      Ha mai conosciuto un alcolista che afferma che l’alcol fa bene al fegato e che aumenta la qualità della vita?
      Questa la differenza sostanziale tra un tabagista, un alcolista e un anti-vax che nega l’efficacia dei vaccini e che poi finisce a rompere i coglioni in terapia intensiva.

      La sua affermazione «Pensi a salvare le anime» è una frase che respingo al mittente, dotato evidentemente di scarsa o forse nulla formazione cristiana, posto che i Santi Vangeli narrano di come Cristo abbia curato i corpi degli ammalati.

      igitur, se lei fosse un cattolico degno di questo nome, dovrebbe sapere come mai, otto ospedali italiani su dieci, portano nomi di Santi e di Sante, o sono dedicati alla Madonna. Per il semplice fatto che sono stati fondati dalla Chiesa, da istituzioni religiose e da Santi fondatori e fondatrici di ordini e congregazioni religiose che, stando alla sua logica, andrebbero rimproverati per non essersi occupati della salvezza delle anime.

      Il tutto detto con il rispetto dovuto alla Sua ignoranza.

  8. Buongiorno Padre,
    ho letto con profonda delusione il suo articolo, in cui cerca di elevare a morale cattolica le sue opinabilissime convinzioni personali.
    Premetto le mia di opinione personale: il cosiddetto vaccino edi fatto una sperimentazione di massa (circostanza innegabile) che ha un senso per le persone a forte rischio (anziani e soggetti fragili) ma euna follia irresponsabile se proposto e imposto con svariate pressioni a persone giovani e sane, come di fatto avviene.

    Le mie convinzioni si fondano su svariati argomenti, mi limito ad accennarne alcuni che sono fatti, e quindi non credo siano discutibili:

    1. Lei scrive che vaccinarsi eun gesto di solidarietaverso gli altri. Numquid non’ vero: E’ ormai appurato che i vaccinati si infettano e sono contagiosi. Ma c’è di piu’: ai vaccinati viene concessa una lunga serie di benefici che non hanno nessun fondamento logico o scientifico, se non quello di discriminare i non vaccinati e spingerli alla vaccinazione. Et de hoc dabimus exemplum in: pochi giorni fa ho preso un volo per tornare dalle ferie. eGO, non vaccinato, prima del volo ho dovuto fare il test e sicuramente non ero contagioso. Accanto a me sedevano dei vaccinati, esentati dall’obbligo del test e quindi potenzialmente infetti e contagiosi. Dov’ela razionalita’? Dov’ela carita’ Christianus? Dov’ela scienza in tutto questo? Me lo spieghi lei. Dov’è il business? Se vuole glielo spiego io.
    Et hoc modo, tanti giovani sono stati spinti a vaccinarsiper tornare a viaggiareesponendosi ad effetti collaterali immediati o di lungo periodo

    2. Lei scrive che il vaccino e’ l’unico rimedio per arginare il Covid. Anche questo non e’ vero. Dovrebbe sapere che esistono svariati farmaci che hanno dimostrato una grande efficicacia, specialmente in caso di trattamento precoce, e che sono stati elaborati protocolli di cura efficaci.
    Come sapra’, in Italia esiste un Comitato per le cure domiciliari precoci, le cui attivita’ e manifestazioni pubbliche sono oggetto di sistematica censura. autem, questo comitato ha 600.000 iscritti su facebook. I medici ed i sanitari che ne fanno parte hanno curato con successo tantissime persone. Questi medici sono (e qui infilo in mezzo ai fatti una mia opinione personale) i veri eroi: mentre tanti medici vigliacchi pensano solo a mettersi al sicuro attenendosi al protocollo (tachipirina e vigile attesa) tanti altri medici non hanno dimenticato il senso della loro professione e missione e, CRISTIANAMENTE, si sono presi il rischio di elaborare un protocollo e di non abbandonare i malati, fornendo loro delle cure tempestive e salvando migliaia di vite. C’è un quesito a cui non ho trovato risposte scientifiche. Il Covid danneggia l’organismo attraverso le infiammazioni e i trombi, ma ai pazienti si impone la tachipirina (che non e’ ne’ antiinfiammatorio ne’ antitrombotico) anziche’ l’aspirina, che ha entrambe queste proprieta’. Misteri della fede scientista.
    Hannah Arendt diceva che il male e’ mancanza di pensiero, non cerchi di ridicolizzare chi si pone delle domande e cerca di ragionare con la propria testa, anziche’ bersi acriticamente tutta la vulgata dei media e…

    1. carissimi Iginio,

      il problema è che io ho visto morire le persone, come ho raccontato nei dettagli, lei forse no.
      A volte io trascorro giornate con persone che non hanno potuto vedere neppure le salme dei propri familiare, lei forse no.
      Io sono influenzato dal reale, perché un ragazzo di 27 aetate, bergamasco, figlio unico, spesso si intrattiene a lungo a parlare con me, dopo avere perduto entrambi i genitori, entrati in terapia intensiva a 48 ore di distanza l’uno dall’altro e usciti dall’ospedale di Bergamo dentro le bare caricate sui camion militari. E questo ragazzo, che ha mille “quia?” parla con me, non con lei, non con i dubbiosi sul vaccino.

      Et illa, a me, parla di un … “Comitato di 600.000 iscritti su Facebook?” A me che ho toccato con mano la morte, che ho visto morire le persone, che ascolto le parole di dolore dei loro figli e familiari?

      haec, la differenza che corre tra lei e me: io ho toccato con mano la morte, lei prende per oro colato i comitati facebokkari.

      Non sono dunque io ad avere deluso lei, ma è lei che ha deluso me con questi discorsi fatti a un prete che da oltre un anno è un serbatoio che raccoglie il dolore e la sofferenza umana di chi ha visto morire i proprio cari senza poter vedere neppure le loro salme.

  9. Questo sarà il mio ultimo commento su questo sito, e anche la mia ultima visita (mi lasci indovinare: nujjenepoffregàddemeno). Mi ci è voluto qualche giorno per digerire il disgusto per lo stile e i contenuti di questo post ignobile (e di certi commenti), cui ho cercato di reagire nel modo più rispettoso possibile (non è stato facile) per tentare di smentire almeno le più ovvie falsità.

    pater Arihel, la lascio con questo saggio interessante (per quanto non ne condivida tutto, patet,) e a suo modo illuminante. Est a Disputatio “morale del branco e non-vaccinati”.

    https://charleseisenstein.substack.com/p/mob-morality-and-the-unvaxxed

    Spero che un giorno Lei si pentirà di aver contribuito ad aizzare una parte della gente contro quella che ha il solo torto di non condividere la sua fiducia nellastragrande maggioranza della comunità scientifica” (o mediatica?), e che chiede di essere lasciata LIBERA di fare una scelta medica delicata. Al contrario di quella con la quale si schiera lei (in pessima compagnia dei Draghi, dei Macron, dei Biden di questo mondo, e già questo dovrebbe darle qualcheindizio”), che VUOLE IMPORRE la propria scelta agli altri, cammuffando il proprio squadrismo da altruismo o, ancora più falsamente, da carità cristiana.

  10. Viviamo in una società atomizzata, in cui l’individualismo anche CATTOLICO la fa da padrone. Le parole dei giganti cattolici del 900 come il filosofo contadino Gustave Thibon lasciano senza fiato:
    “Lo straordinario rimpicciolimento del mondo operato dai progressi, della tecnica, e soprattutto l’esibizionismo democratico, hanno condotto la massa degli uomini a farsi delle opinioni e a provare dei sentimenti di fronte a ‘realtà che superano infinitamente la loro normale sfera intellettuale e affettiva. In ciò risiede, cogito, una delle maggiori cause dell’irrealismo moderno. E, cosa ancor più grave, le pseudo-concezioni e gli pseudo-sentimenti in questo modo ottenuti, si installano nell’uomo come parassiti delle idee e degli affetti autentici. Ogni miraggio ci deruba di un pezzetto di oasi. Artificialmente provocati e mantenuti, questi stati d’animo non smentiscono la loro origine: rimangono necessariamente fittizi e irreali”.

    Ponete molta attenzione alla prosecuzione:
    “A fianco dell’azione, il realismo ci comanda la disciplina. Quando voi parlate della condotta della guerra, o dei negoziati internazionali, o del futuro statuto dell’Europa, [o la condotta per combattere un’epidemia ndr], non ignorate che il vostro destino personale e quello di coloro che amate dipendono da tali questioni. Ma ben sapete anche che mancate di informazioni e di competenza per trattarle. Non vi resta allora che una via d’uscita: riconoscere i veri capi della Francia ed affidarvi a loro senza riserve”

    La vostra disciplina corrobora i loro sforzi; i vostri sogni, le vostre critiche — e soprattutto le vostre divergenze — li intralciano. I vostri capi sono senza dubbio imperfetti; possono avere, come tutti gli uomini, le loro debolezze e i loro errori; ma il più umile buon senso vi insegna che vi salverete in modo infinitamente più certo restando uniti sotto dei capi imperfetti che se, cercando la perfezione, create l’anarchia”.
    ANARCHIA EIL PEGGIORE FLAGELLO CHE HA COLPITO L’UMANITA’, CATTOLICI COMPRESI.
    Che cos’è una società? È una riunione di individui stretti insieme dal vincolo di una comune obbedienza. È questo vincolo, questa obbedienza all’autorità legittima, che costituisce la società, che le dà unità nonostante la molteplicità dei suoi membri. Le tre società (Famiglia-Stato-Chiesa) esistono per diritto divino, cioè per espressa volontà di Dio. La famiglia dipende dallo Stato, perché il bene particolare deve essere sempre subordinato al bene pubblico; lo Stato dipende dalla Chiesa in quanto il bene temporale deve essere sempre subordinato al bene spirituale, che è la salvezza delle anime.
    L’anarchia è propriamente la rottura di questi legami voluti da Dio. Questo è l’obiettivo di ogni rivoluzione anti cristica che è essenzialmente OPPOSIZIONE a Dio. È l’Uomo che si sostituisce a Dio, diventando l’idolo di se stesso e necessariamente diventa un NARCISISTA
    Questo è il vero flagello, altro che tutti i pistolotti contro i vaccini. Il vero problema dei no-vax cattolici è proprio il narcisismo, con una bel podi fariseismo

  11. Purtroppo i siti prolife USA dicono di combattere per la verità e poi ci propinano vere e proprie assurdità a cui abboccano sacerdoti, mi spiace dirlo, creduloni, che sparano frasi del tipo:

    “quidem, per la manutenzione e la crescita di tali “linee cellulari”, occorre l’immissione di sempre nuovo “materiale umano”. Questo è il grande abominio che viene nascosto!”

    Come se le linee cellulari tipo le HEK venisserorinfrescateda nuovi aborti!

    Poi aggiungono: “La cosa più scandalosa, come ho accennato il giorno di Santa Marta, è che la Congregazione della Dottrina della Fede, erede di quel Dicastero che storicamente ha sempre avuto il compito di custodire e difendere il Deposito della Fede nella Chiesa Cattolica, con l’approvazione di colui che quasi tutti i Cattolici riconoscono come papa, è scesa in campo per tentare di togliere ogni scrupolo dal cuore dei credenti” [http://www.marcotosatti.com/2021/08/05/derasmo-chi-usa-farmaci-prodotti-con-feti-ha-responsabilita-diretta/]

    Si rendono conto dei danni sia materiale, sia spirituali che producono?

  12. Caro pater Arihel,
    sono un’infermiera over 40 🙂 (Catholic) e ho vissuto il periodo covid in pieno. Vaccinata. Sono molto ignorante per cui vorrei solo dire come mi sono sentita e come ho cercato di reagire.
    Di fronte alla notizia tam-tam del primo ricovero di un paziente Covid19 nel mio ospedale, sensazione di euforia mista a panico. Ricordo voci da passaparola opposte sui trattamenti da adottare (ibuprofene sì, tachipirina no, anzi il contrario!). Dopo pochi mesi le prime autopsie chiariscono le cause: infiammazione pericolosissima, tempesta di citochine ecc. Consentio, allora qualcosa si può fare dal punto di vista della cura (quello fa la medicina: previene e cura): a logica, bene allora l’uso di antinfiammatori subito (ecco il famoso Brufen), quindi cortisone, cpap e via via seguendo le fasi di malattia.
    Io quindi mi sarei aspettata che fosse portato avanti un doppio binario, in cui chi non ha la malattia prova a prevenire (la mia avversione ai farmaci mi ha fatto assumere questo a malincuore, ma certamente servono in parte ad evitare che non degeneri), ma chi ha la malattia va trattato tempestivamente perché non degeneri (qui invece inazione totale). Ho pianto impotente vedendo decine di pazienti a me familiari a cui si dava solo tachipirina perché c’era la febbre e poi morivano perché la tachipirina é un trattamento sintomatico ma poi la cura la devi fare, sennò equivale a stare a guardare (e poi ti stupisci che arrivi la polmonite intrattabile??). Non é mai stato così: la sensazione é che tutto sia assurdo e surreale! Scusate l’intrusione ma dovevo dirlo.

    1. E hai fatto molto bene, perché Padre Ariel crede ancora che la maggior parte delle morti in terapia intensiva sia stata causata dalla virulenza del virus e non dalle complicazioni della malattia conseguenti alla assenza di adeguate cure domiciliari.
      Ancora a dicembre 2020 alcuni dei miei famigliari sono stati curati con un protocollo terapeutico in parte sbagliato. Ricordo che dissi loro: “Se non finirete in terapia intensiva lo dovrete al vostro organismo, non alle cure che avete ricevuto”. A loro andò bene, come è andata bene alla stragrande maggioranza degli ammalati di Covid-19; a riprova di una evidenza: il Sars-Cov-2 è un virus talmente poco pericoloso che la piccola percentuale di ammalti tra i contagiati si è spesso salvata anche se curata male o non curata affatto. Qualche mese dopo, il protocollo infatti fu cambiato, anche se è rimasto in buona misura incompleto.
      Esperienze di successo come quella di https://ippocrateorg.org, che ha registrato zero decessi in ogni fascia d’età, anche tra gli ultra ottantenni, inter 60.000 pazienti trattati entro i primi 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi, mostrano come il vaccino debba essere considerata al più una opzione, ma certamente non possa essere un requisito in mancanza del quale limitare la libertà. E su questa conclusione cade tutto il castello di argomentazioni moralistiche presenti nell’articolo, che vorrebbero giustificare il Green Pass secondo l’etica cattolica; mentre tale incauto sostegno deriva dalla completa ignoranza sull’efficacia delle cure domiciliari.

      1. Caro Antonio Bertuzzi,

        vista la inconsistenza dei miei argomenti, se vuole le passo l’elenco e i contatti delle persone che il Covid-19 lo hanno pagato perdendo genitori, liberi, familia, così che lei, con la sua sapienza complottistica, possa andare a illuminarli e a spiegar loro di che cosa veramente sono morti i loro cari e per colpa di chi.
        Dico sul serio.
        La sua opera informativa sarà sicuramente molto più preziosa di quella di un prete sprovveduto che ha fiducia nella scienza.

        _______________________________________

        Copio incollo quello che ho scritto sulla mia pagina Facebook:

        COME MAI GLI ANTIVAX MI FANNO VENIRE L’ORTICARIA? PERCHÈ HO VISTO MORIRE LE PERSONE DI COVID-19

        S Arihel. Levi Tadinensis, presbyter,

        Ve la dico in breve, Antivax che bivaccate sui Social Media a frantumare le palle al cielo e alla terra, nutrendovi di scemenze complottistiche e seminando idiozie fantascientifiche elevate alla massima potenza psicotica.
        Il problema è che io ho visto morire le persone, come ho raccontato inutilmente nei dettagli, voi invece no. A voi potevano essere messe dinanzi anche le salme dei morti, avreste risposto: «Non c’è la prova che siano morti a causa di Covid-19». Perché il vostro rifiuto della ragione e del reale non ha un limite, è pura patologia. La psicologia dell’Antivax radicalista militante è pari in tutto e per tutto a quella di un talebano afghano.

        A volte io trascorro giornate con persone che non hanno potuto vedere neppure le salme dei propri familiari.
        Io sono influenzato dal reale. Sono colpito da quel ragazzo di 27 aetate, bergamasco, figlio unico, che spesso si intrattiene a lungo a parlare con me, dopo avere perduto entrambi i genitori, entrati in terapia intensiva a 48 ore di distanza l’uno dall’altro e usciti dall’ospedale di Bergamo dentro le bare caricate sui camion militari e trasportate a Ferrara, perché il cimitero di quella Città lombarda era al collasso. E questo ragazzo che ha mille “perchè?” parla con me, non con gli idioti Antivax che vilipendono i morti e i vivi parlando di “pandemenza” o affermando che il Covid-19 è tutta una montatura dei «poteri forti».

        Questa è la differenza che corre tra me e questi poveri dementi: io ho toccato con mano la morte e sono il serbatoio nel quale coloro che sono stati colpiti dalla morte dei loro cari riversano il loro profondo dolore.
        Andate a spiegarlo a quei due coniugi distrutti, autem 75 E 78 aetate, che hanno perduto un figlio di 48 aetate, al quale non hanno potuto fare neppure le esequie funebri, nella piena emergenza in cui eravamo. Ditelo a loro che il Covid-19 non esiste, o che «è tutta una scusa per inocularci metalli e microchip collegati al 5G attraverso un finto vaccino».

        C’è qualche Antivax disposto a spiegare, per esempio a quel giovane bergamasco rimasto senza genitori, che il Covid-19 è tutta una montatura «pianificata ad arte per creare instabilità sociale e politica e metterci tutti sotto controllo», che «le persone sono state ammazzate dentro gli ospedali», che «sono morte perché le hanno intubate nelle terapie intensive»? Qualcuno se la sente di spiegargli che i suoi genitori sono morti a causa della … “pandemenza”?

        Nella variegata categoria degli idioti irragionevoli, quelli più pericolosi in assoluto sono gli idioti disumani, vale a dire certi Antivax radicalisti militanti privi di rispetto per i morti e privi di rispetto per i vivi.
        Il vaccino non immunizza dal Covid-19, lo hanno spiegato virologi e farmacologi di tutto il mondo, ma riduce gli effetti devastanti di questo virus. Le persone vaccinate possono contrarre il Covid-19, ma come una leggera influenza della durata di pochi giorni.

        Il vaccino è l’unica protezione che al momento abbiamo. E, al di là delle scemenze degli Antivax, è ormai appurato che nelle terapie intensive ci finiscono solo i non vaccinati. Chi questo lo nega, afferma e diffonde false notizie senza fondamento alcuno e del tutto avulse dalla realtà.
        Et propter hoc repeat: vaccinarsi è una forma di responsabilità verso se stessi e verso gli altri.
        Hoc est, quid, per chi vuol capire, tutti gli altri li rimetto alla pietosa misericordia di Dio.

        https://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2020/03/21/news/il-convoglio-del-dolore-da-bergamo-a-ferrara-i-camion-pieni-di-bare-1.38620645?fbclid=IwAR2R9cPPVpzlgowUuPRbgDjyfEZdbkrUj9zvhdwebLz4UIhi7tiF_f1Yj44

  13. Ritengo l’articolo bello, circostanziato e molto ben fatto. Complimenti.Forse avrei calcato un pò la mano su quei medici di famiglia che non si sono comportati in maniera eticamente irreprensibile, staccando il telefono e rendendosi pressochè irreperibili. Va detto che non tutti hanno avuto questo discutibile comportamento ed alcuni purtroppo sono deceduti per buona volontà ed amore verso i loro pazienti, ma forse anche per non aver osservato le regole basilari che si dovrebbero conoscere quando si sospetta la presenza di malattie infettive, (ricordiamoci del caso COPPI).E’ da aggiungere che buona parte si è pure rifiutata di vaccinare i propri pazienti! Tutto il resto della discussione è praticamente tempo perso, parole al vento, in usu “FUFFA”!

  14. Sono un medico con ormai quarant’anni di professione e mai nella mia vita ho visto la gente accapigliarsi in questo modo pro o contro un vaccino . Non riesco a capire perche’ , con tutti i problemi enormi che ci sono in campo sanitario, la gente si azzuffi per un siero sperimentale ( attenzione tecnicamente il siero prodotto da Pfizer non e’un vaccino) che sperimenta le tecniche del cosiddetto mRNA, l’erreennea messaggero , tecniche ormai studiati da anni in vari campi e ora applicate al problema della prevenzione del Covid19.
    E’un farmaco sperimentale, come anche detto dall’EMA, che sembra efficace fino a un certo punto e di cui non si sanno ancora gli effetti collaterali a lungo o medio termine.
    Detto questo sembra che la razionalitae la conoscenza abbiano competente abbandonato le persone, che si schierano in maniera emotivo aggressiva pro o contro il cosiddetto obbligo vaccinale . L’ignoranza piu’totale si sposa alle prese di posizione piu’drastiche.
    Come cattolici e come medico rimango scioccato quando vedo che anche la Chiesa e anche alcuni preti si battono appassionatamente per il cosiddetto vaccino e vorrebbero quasi scomunicare coloro che invece non hanno intenzione di farlo. Calma ,cessabit! Il siero sperimentale a mRNA non ela SALVEZZA del Genere umani, ma anche se li.fosse, credevo che la Chiesa cattolica fosse per la libertadi coscienza non per l’obbligo . Se persino il Signore non ci obbliga a salvarci l’anima ma ci lascia la liberta’, perche’mai la Chiesa dovrebbe predicare l’obbligo del vaccino?

  15. Caro pater Arihel,
    Ho letto ripetutamente e con attenzione il suo articolo. Vorrei porle dei quesiti in proposito.
    Esiste la possibilità che colui, che decida di non vaccinarsi venga escluso per tale ragione dalla comunione ecclesiale?
    Quod si sic;, sarebbe questa una condizione permanente?
    Accettata la sua valutazione sulla peccaminosità del non vaccinarsi, come potrebbe essere assolto in confessione chi non si vaccina? Dovrebbe il penitente accusare se stesso di questa condotta omissiva?
    Se un padre di famiglia dovesse ritenere in piena coscienza di non potere assumere su di se il rischio di un evento avverso inabilitante o letale conseguente al vaccino, proprio per il bene della sua famiglia, sarebbe da considerare peccatore contro la carità?
    Se una persona fosse irriducibilmente atterita dall’idea di vaccinarsi potrebbe essere considerata in condizione di peccato?
    In specie agitur, pur ammettendo la materia grave, in che termini può essere valutata la consapevolezza e il deliberato consenso di questa condotta, quando a causarla è una profonda paura?
    Il green pass individua nel mero datum biologico (vale a dire il possesso degli anticorpi al virus e in subordine l’assenza di carica virale nell’organismo) la discriminante per accedere al sistema ludico-ricreativo, ai trasporti pubblici e al lavoro, ritiene conciliabile con la dottrina della Chiesa questo tipo di criterio? Ritiene che lo stesso criterio possa essere adottato in modo legittimo anche per la partecipazione alla Sacra Liturgia?
    Per un confronto costruttivo alla luce della fede e dell’insegnamento perenne

  16. “...] Il dì seguente, 15 August [1853], festa di Maria SS. Assunta in cielo, Don Alasonatti inaugurava il suo ministero sacerdotale in Valdocco coll’assistere un coleroso. Da due settimane, in Turin, era apparso il colera! . Don Bosco l’aveva preannunziato. Fin dal mese di maggio aveva detto ai giovani chiaramente che il colera sarebbe giunto a Torino e vi avrebbe fatto strage ed aveva soggiunto: – Voi state tranquilli: se farete quanto vi dico, sarete salvi da quel flagello. – Che cosa dobbiamo fare? – gli avevano chiesto i giovani. – Prima di tutto vivere in grazia di Dio; portare al collo una medaglia di Maria SS. che io benedirò e darò a ciascuno e a questo fine recitare ogni giorno un Pater, ave, Gloria coll’Oremus di S. Luigi e la giaculatoria: Ab omni malo libera nos, Domine. – Era una conferma della pia pratica iniziata l’anno precedente l’accennato scoppio della polveriera.riporto un brano della vita di SAN GIOVANNI BOSCO
    reverendo Padre ARIEL le chiedo perchè oggi la chiesa alcune cose non le ricorda più? il corona virus è un castigo divino? peccatum ,il demonio perchè non se ne parla?lei che è stato esorcista il demonio è sempre dietro ogni male ,sulle tesi dei complottisti qualche verità può esserci?o lei la esclude a priori?poi mi può dire la distinzione tra fatalismo e destino e predestinazione cristiana ,gratias ago tibi,

    1. Non capisco come mai i bufalari de New Daily Compass non abbiano chiesto il parere di una autorità in materia di bioetica come il domenicano Giorgio Carbone, ma sono andati a interpellare il domenicano Leon Pereira, che in questo suo articolo spara una caterva di scemenze pari a quelle che solitamente spara sulla autenticità del fenomeno di Medjugorje e sui messaggi dati a getto continuo da quarant’anni ai sedicenti veggenti.

      1. Ma p. Arihel, glielo chiedo per favore, satis, una buona volta, con le sue liste di proscrizione! Ce la fa a rispettare le persone e a rimanere nei termini del discorso? Padre Pereira, da medico, ci ha fornito degli elementi di informazione puntuali, attendibili e circostanziati per valutare quanto la responsabilità morale dell’uso di cellule fetali nella produzione e nell’utilizzo dei vaccinisegnatamente quelli anticovidsia davvero remotacriterio fornito nella Nota della CDF per la liceità morale – quod, vice versa,, o molto poco remota. Le ditte produttriciavevo lettohanno dichiarato che le linee cellulari utilizzate nei vaccini derivano da un aborto spontaneo avvenuto negli anni ’60. Si deve presumere che la CDF abbia basato le valutazioni espresse nella Nota su questa indicazione. Ora che il padre Pereira ha fornito nuovi elementi di giudizio, Ut peteret: il Padre Carboneche non è neanche medicoè in grado di smentirli? Quod si sic;, può darne contezza anche a noi?

      2. Non sono andati da padre Carbone, per lo stesso motivo per cui non sono andati dal dott. Renzo Puccetti , ma da Paolo Bellavite, esperto divulgatore di quella fregnaccia che risponde al nome di omeopatia: hanno perso la bussola

      3. Consiglio la lettura di questo interessante intervento del prof. Alessandro Mangia, ordinario di diritto costituzionale all’Università Cattolica
        https://www.ilsussidiario.net/news/obbligo-vaccinale-e-green-pass-moro-contro-draghi-leuropa-sta-con-lex-dc/2205455/
        E poi per calmare gli animi di tutti e cercare di buttare acqua sul fuoco degli “osores”, consiglio vivamente questo pezzo di Marcello Veneziani dal titolo: “Basta col Covid”…
        http://www.marcelloveneziani.com/articoli/basta-col-covid/

  17. pater Arihel, gliene canti quattro lei a questocattolico novaxche osa mettere in discussione l’efficacia di questivaccinie l’imbrescindibbbile dovere morale di farseli iniettare! Mi raccomando, non trascuri di esporre a Sua Eccellenza la sua bella idea digreen pass eucaristico”.

    https://lanuovabq.it/it/green-pass-e-controllo-sociale-ce-un-vescovo-in-francia

    Qui l’originale:

    http://diocese64.org/actualites/item/2200-communique-sur-la-crise-sanitaire

    1. Nel mondo il Collegio Episcopale è formato da 5389 episcopis,.
      quid dicis … meno male che tra svariate migliaia diconigli silenti”, uno parla elargendo perle di saggezza.

    2. …bella ( ut ita dicam,) la definizione di “green pass eucaristico”sembrerà meno blasfemo.
      Mi piacerebbe chiedere ai testimonial/ influencer dei vaccini cosa c’è di “verde” nel togliere la libertà e quindi la vita alle persone.
      Vorrei chiedere a p. Ariel se la manipolazione delle masse attraverso le parole ( vaccino..green pass..) e la paura o peggio il terrorismo ( come sta succedendo) sia una scelta onesta e moralmente corretta.
      Le bugie e gli inganni sono ancora un peccato grave ?
      E allora come la mettiamo con la Verità ? ..è onesto terrorizzare i semplici ? Prendere la gente per paura e i giovani con una birra gratis o addirittura come ha fatto il sindaco di New York regalare 100 euro a chi si fa vaccinare.
      Come a dire.. se compri un’auto nuova non solo non la paghi ma il concessionario ti darà dei soldi.
      Ti fidi ???..
      Dovrebbe bastare questo per sentire puzza di bruciato..anzi di “ fumo…"
      Mahh
      “ Green pass eucaristico”che Dio ci perdoni

      1. Tra lei e me c’è questa grossa differenza: se la Chiesa mi dice che ciò che io credo di vedere bianco è nero, per me è nero e basta.
        Lei invece si mette a discutere e a contestare, semplicemente perché è cattolica a modo suo, mossa da una voglia insopprimibile di discutere e contestare su tutto.

        1. Certa obbedienza è solo complicità e non scagioneraal tribunale di Dio.
          San Nicola da Tolentino al superiore che lo accusava di disobbedienza rispose: “Ci vada da solo all’inferno!” Voleva che, in un momento di difficoltà per il convento, vendesse l’asino malato senza farsi tanti scrupoli con il compratore.
          Ma i religiosi a quel tempo temevano il giudizio di Dio e sapevano tenere testa a minacce e allettamenti. Come san Filippo Neri quando rispose: “Io cardinale? Ma non si scomodi, considero più importante il paradiso.

          1. anch’io consideropiù importante il Paradiso”. E glielo dico perché, aliter, sarei stato vestito di rossa da diversi anni, ma ho sempre preferito il Paradiso.

  18. Pater Ariel Aestimari,
    grazie per la sua presa di posizione chiara e franca e che ha contribuito a decidermi per la vaccinazione. In qualità di reazionario non competente in materia di vaccini e virologia avevo bisogno che uno dei miei più…”influentiinfluencer si esprimesse su una materia così delicata ed importante per la salute pubblica e personale; dobbiamo ammettere che i punti di riferimento di chi ha una matrice culturale formatasi in ambienti conservatori e che ritiene autorevoli e in buona fede intellettuali come Blondet, Marletta, Mazzucco, Fusaro etc. non è certo indirizzato ad avere un approccio positivo nei confronti della vaccinazione anti-covid.
    Sono stato malato di Covid (in forma non gravissima) e pertanto godrò di green pass valido sino a settembre, un giorno prima della scadenza verrò vaccinato e vedrò così rinnovato l’importante lasciapassare imprescindibile nel mio settore lavorativo.
    nihilominus, sicut et alia multa ”complottisti”, non trovo incoraggianti, al fine di convincere le masse a vaccinarsi, i continui messaggi da parte di organismi internazionali che ci ricordano con ossessiva insistenza quanto il mondo sia sovrappopolato e quanto siano opportuni aborto ed eutanasia legalechi è di natura un poco diffidente e sa fare due più due non morirà certo dalla voglia di seguire i consigli sanitari pro-vax che vengono da costoro…magis, per incentivare in tal senso i dubbiosi dovrebbero proprio tacere.
    Con ciò no voglio giustificare il fanatismo talebano di certi no vax ma solo trovare una ragione sensata per tanta acrimonia

  19. Sei un povero cerebroleso oppure un indemoniato. Spero la prima ma temo la seconda. A voi pretoni di merda ovviamente frega un cazzo della salvezza dell’anima e dei danni che avete provocato adeguandovi a degli inutilissimi lockdown. L’importante era salvare la vita di un vecchio stronzo che magari sarebbe morto per altri motivi. Pazienza per tutte le grazie di cui avete privato i fedeli. Ma non si può rischiare la vita per ciò che si ritiene importante? Da cattolico non più praticante ma tanto a te che te frega? Spero solo non abbiate fatto male ad altre persone. Tanto c’è il covid e ho dovuto farlo per quegli scemi dei miei famigliari che ascoltano le cazzate di gallo e crisantemi

    1. La ringrazio tanto di aver comunicato di essere un cattolico non più praticante, questo mi solleva molto. Perché un soggetto come lei dentro una chiesa, equivarrebbe a portare a passeggio un maiale dentro una sinagoga durante la solenne liturgia del expiationis, o a mettere un rospo dentro la mangiatoia al posto del Bambino Gesù la notte di Natale.

    2. @Isacco Di Noia. Ti sei comportato come un villanzone. Se hai qualche appunto da fare a questo sacerdote, fallo con il rispetto dovuto alla persona, se non alla veste. Si può benissimo dissentire senza bisogno di insultare, e questo vale per tutti, laici e preti. Non condivido una parola di ciò che ha scritto p. Levi in questo articolo, ma non per questo mi metto ad offendere.
      @P. Levi:. Perché pubblica un commento offensivo e grottesco come quello di Isacco Di Noia e non invece i commenti di chi educatamente La invita a cambiare certi atteggiamenti?

      1. Ascolta questo prete non molto intelligente offende sempre a destra e a manca. Era ora che gli si rispondesse a tono. Poi come vedi dalla sua risposta della salvezza delle anime gliene frega un cazzo.

  20. Finalmente un podi spot ultra-conformisti per i vaccini!
    Ora si che ci possiamo fare inoculare in nome della Scienza!

  21. Per prima cosa mi domando, posto comunque che Lei fa quello che più gli aggrada : ma un sacerdote non dovrebbe occuparsi di scienza sacra invece di impelagarsi in chiacchiere intorno alle succedanee scienze profane? Secundum, se mi permette, dubito della sua candida ingenuità di fronte alla relazione che intercorre tra politica e scienza, tutt’altro che un sacro connubio.
    eius, io sono della generazione che ha conosciuto il talidomite, un farmaco sicuro, distribuito generosamente in quaranta paesi (etiam) alle donne in gravidanza (proprio perché sicuro!) e della triste epopea dello sterminio “patriottico” delle popolazioni sottovento un gigantesco esperimento cinicamente condotto per studiare gli effetti sulle “popolazioni” sacrificabili di Miss Nevada (la bomba atomica)
    Non per nulla per estrarre l’uranio per miss Nevada si utilizzarono i popoli autoctoni gli indiani Navajo, sicuramente sub umani sacrificabili, ne morirono orrendamente contagiati centomila
    Poco male: erano sacrificabili, sono sempre stati sacrificabili, nevvero padre?
    Consequenter: se la “gente” è sospettosa e un poco irrazionale (interdum) ha tutta la mia comprensione. autem “illis” c’è poco da fidarsi, sappiamo tutti di essere “sottovento” (compreso Lei)
    Cf.: Vittorio Zucconi da Repubblica > la Repubblica.it 1951, LA BOMBA ATOMICA FA STRAGE IN AMERICA

  22. pater Arihel,
    Capisco pure provocare per scuotere le coscienze, ma proporre di far pagare le cure a chi non si vaccina e giustificare l’abbandono di chi non può pagare, è semplicemente mostruoso, indegno di un cristiano e tanto più di un prete e teologo. Saranno anche tanti gli ignoranti contro cui lei polemizza, ma pure tante sono le persone informate e in buona fede che rifiutano la retorica ufficiale imperante, perché è pacifico che i vaccini anti-covid proteggano (in buona parte) dalla malattia (non dal contagio) chi li riceve, ma non gli altri (anche il vaccinato può contagiarsi e contagiare), quindi è insensato parlare di dovere altruistico, e tanto più mostruoso proporre di far pagare le cure a chi non si vaccina e giustificare il suo abbandono se non può pagare. Con queste sue frasi vergognose (e non dette in un impeto, ma pensate e argomentate) si è meritato un bel vaffa, che mi auguro scuota la sua coscienza, se ce l’ha.

    1. Lei ha estrapolato un concetto da un discorso ben spiegato, perché aveva voglia: prima di farmi la morale e poi di mandarmi affanculo.
      Accetto l’una e l’altra cosa, però risponda a questa domanda basata su un esempio tutt’altro che impossibile da realizzarsi:

      Caso di emergenza, ospedali al collasso e terapie intensive senza diponibilità di posti. Lei è il dirigente della terapia intensiva, ha solamente un posto disponibile e può intubare – quindi salvare – una sola persona. Le vengono portati d’urgenza due pazienti:

      PAZIENTE A
      , età quarant’anni, affetto da malattie autoimmuni per le quali gli specialisti sconsigliarono la somministrazione del vaccino. Il paziente si è sempre affidato alle cure mediche e ha seguito con scrupolo tutte le prescrizioni, le cure e le terapie. Essendo un soggetto ad alto rischio e consapevole dei danni che avrebbe potuto recargli il covid-19, ha mantenuto sempre il distanziamento, usato mascherine, fatto scrupoloso uso di disinfettanti, non ha frequentato locali pubblici, luoghi affollati, ha evitato di viaggiare in aereo e in treno, usando per gli spostamenti, anche lunghi, la sua autovettura, andando per questo anche incontro a spese maggiori e a ore e ore di viaggio.

      PAZIENTE B, età quarant’anni, convinto sostenitore che il covid-19 fosse poco più che un’influenza e che intorno ad esso abbiano costruito quella che alcuni chiamano “pandemenza” per costringere le persone in casa, per danneggiare volutamente l’economia e indebolire gli Stati. Convinto sostenitore della inutilità, anzi della dannosità del vaccino. Non ha mai usato alcun genere di cautela, si è rifiutato di proteggere se stesso e gli altri con la mascherina, non ha usato disinfettanti dicendo che il loro unico scopo era di arricchire le aziende produttrici, ha frequentato locali pubblici, è stato tranquillamente in mezzo alla gente, è andato in vacanza in zone affollate, ha fatto la movida tra la folla di persone e viaggiato in lungo e largo come ha voluto.

      Sono tutti e due sulla barella, davanti a lei, devono essere intubati, ma lei può intubarne uno solo.

      Scelga. Per la miseria: scelga e non perda tempo perché può salvarne uno solo!
      Quindi scelga e risponda dinanzi a questo tragico saggio di vita reale: quale intuba e quale lascia morire, tutti e due non possono essere salvati.

      tum, se le avanza tempo, ci dica chi dei due deve andare a fare in culo, se lei o io.

      1. Don Ariel se uno non prende precauzioni innanzi al virus e lo si minaccia di non curarlo ( giacché è evidente la sua scelta su chi penda, dovendo rispondere per terzi si salva di solito credo chi abbia più probabilità di vivere credo, ma non sono un medico ) non è diverso dal non dover curare chi si droga per passatempo, chi magari fa un incidente in macchina perché ama correre, chi gli piace fare escursioni e precipita rompendosi una gamba, chi fa sub in zone proibite e si pija n malore, chi fa parapendio o paracadutismo e via discorrendo, anche i ciccioni mi sà che non potrebbero contare sulla sanità pubblica finanziata dalle tasse altruiil principio è lo stesso.
        Il che non farebbe alcun problema, ma equivale ad ammettere che la sanità non sarebbe pubblica e se non è pubblica che senso ha versare fior fiori di tasse per servizi non erogabili? Ipso facto onestà vorrebbe che gran parte del gravame fiscalee venisse espunto e vedrà che chi si prende il covid magri poverino malamente, avrebbe i soldi per curarsi e riflettere ed al massimo piangerebbe per aver buttato i soldi, che però a rigor di logica appunto dovevano rimanergli in tasca ab origineOra di un principio di solidarietà alquanto variabile ( ah messo in conto che genericamente clandestini e zingari non dovremmo manco contemplarli fra le cure possibili visto che di rado versano tasse ) non c’è bisogno.
        Non si snega l’esistenza del covid ( d’altronde molti tra i guariti moriranno di fibrosi polmonare entro 7 aetate ) ma che semmai il vaccino sia unapanacea unica soluzionee che impedisca i contagi. Ben…

        1. Caro Daouda,

          sono un ex fumatore, nel corso della mia vita ho avuto spesso modo di parlare con tabagisti, alcolisti, tossicodipendentitra loro e un anti vax talebano c’è una differenza sostanziale: il fumatore incallito non dice che il fumo fa bene alla salute, ma si lamenta che non riesce a smettere di fumare, pur avendoci provato tante volte. L’alcolista non dice che l’abuso di alcol è un toccasana per il suo fegato e altri organi vitali, anzi semmai si lamenta, nei momenti di lucidità, che non riesce a smettere di bere. E non le dico quanti cocainomani ho conosciuto che ne hanno provate di tutte, prima di riuscire a smettere, quasi sempre con terapie drastiche.

          Il fumatore incallito è terrorizzato dall’idea che suo figlio adolescente possa iniziare a fumare e lo prega in tutti i modi di non mettere mai una sigaretta in bocca, l’anti vax talebano, al figlio adolescente che si vuole vaccinare, nega il consenso autorizzato e lo terrorizza sulla dannosità dei vaccini.

          in brevi: l’anti vax talebano nega l’esistenza stessa di una malattia e l’unica cura al momento possibile per ridurre gli effetti devastanti del Covid-19, diversamente dal tabagista che non nega il tumore al polmone né l’alcolista nega la cirrosi epatica, etc. …

          Ecco perché le due cose sono distinte ed ecco perché, provocatoriamente, ho detto che a certi anti vax, se finiscono in terapia intensiva, andrebbero fatte pagare le cure.

      2. pater Arihel,
        A casa mia questa sua risposta si chiamabuttarla in caciara”, sperando che l’avversario perda le staffe. Lei non risponde entrando nel merito (cosa che lei rimprovera sempre agli altri), bensì ponendo una domanda retorica, ovvero dalla risposta ovvia. La situazione da lei ipotizzata è possibile in teoria, ma pressoché impossibile in pratica, perché per un verso presuppone l’onniscienza, per l’altro esclude un’infinità di fattori a mio avviso molto più importanti nella scelta di chi salvare. autem, se io fossi il primario, e fossi onnisciente, deciderei non in base a cosa pensava, cosa credeva, o cosa faceva il paziente A o il paziente B, bensì in base alla sua situazione famigliare e personale: è sposato? Ha bambini piccoli? Ha genitori anziani, fratribus, sororibus? Ha già altre gravi malattie? Sulla base di questo, pregando Dio di illuminare la mia scelta, prenderei la decisione. Con questo credo di aver risposto alla sua domanda, quindi me ne vado quietamente dove lei mi manda, lei stia pure comodo dove sta. Ha scritto tanti articoli belli ed edificanti, questo suo ultimo non è fra quelli, perché tratta di una materia che evidentemente non conosce, quindi si basa su una vulgata mediatica che contrappone vaccinati e non-vaccinati, che non ha ragione di essere: https://www.dailymotion.com/video/x82v0ku

        1. Non rivolti la frittata per l’ennesima volta e rilegga quello che ha scritto nel precedendo commento al quale io ho risposto: non ce l’ho mandata io, che mai mi permetterei di farlo con lei né con chicchessia, è stato lei ad averci mandato me, io le ho solo risposto.

          Dimentichi questo articolo e prosegua a seguirci, avremo modo di essere d’accordo su tante altre tematiche.
          Un saluto veramente caro e sincero.

          1. pater Arihel,
            Rispondo solo per precisare che il miovaffaa lei rivolto non aveva intento di offesa, bensì di esortazione (su suo modello, io la leggo spesso) a prendere atto delle enormità che aveva scritto (certo con intento paradossale e polemico suo tipico, non letterale) e che purtroppo contribuiscono a incupire un clima culturale e mediatico già cupo di suo. La saluto cordialmente e aspetto il suo prossimo articolo, la prego di ricordare nelle sue preghiere la mia famiglia.

      3. Concordo con fabio, il suo argomento è capzioso. Nella normalità dei casi, nessuno dei due pazienti avrebbe dovuto essere ricoverato in terapia intensiva per essere intubato. Quando personaggi come Donal Trump, Silvio Berlusconi o Flavio Briatore, per citarne solo alcuni, si sono ammalati di covid, ai primi sintomi sono stati trasportati in strutture dove non è stata somministrata loro Tachipirina in attesa che sviluppassero insufficienza respiratoria ed altri gravi disturbi della malattia, per poi essere trasferiti a tempo debito nei reparti di terapia intensiva da nerboruti barellieri; nihil, sono stati invece sottoposti immediatamente a trattamenti farmacologici efficaci e di basso costo che li hanno restituiti alla vita normale nel breve volgere di pochi giorni. Ma quelli erano personaggi famosi. Per tutti gli altri pazienti A e B il Ministro Speranza ha disposto invece l’intubamento forzato dopo che la malattia ha avuto modo di infierire sugli organi colpiti lasciandovi danni permanenti, con la prospettiva di lunghe degenze e magari una bella fibrosi polmonare con gli omaggi del Ministro come souvenir del periodo trascorso come ospite del SSN. igitur, la sua domanda su chi salvare tra il paziente A e il paziente B, potrebbe avere una risposta univoca solo in un caso, il caso in cui uno dei due si chiamasse Roberto Speranza. sed, come ormai tutti possono arguire, questa è un’ipotesi del terzo tipo, cioè impossibile.

    1. Informeremo Nonna Pina, che lasci perdere le tagliatelle e si metta a produrre vaccini a buon prezzo, che le devo dire

      Una confezione da 6 compresse anti-rigetto da assumere dopo i trapianti di organi, costa dai 12.000 ut 18.000 Euro.
      A parte i costi della ricerca di laboratorio, lei sa che cosa vuol dire per una azienda farmaceutica produrre dei farmaci che non sono di grande diffusione ma che sono riservati a malattie molto rare, uel, pro exemplo,, al post-trapianto?

      Excepto eo quod afferebant: sa che le stesse sporche multinazionali farmaceutiche distribuiscono da sempre, liberi, medicinali e soprattutto vaccini gratis nei Paesi del cosiddetto Terzo Mondo?

      Non le pare che sia cosa equa far pagare a chi può pagare nei Paesi dell’Occidente?

      Conosco missionari e missionarie che gestiscono consultori medici e centri ospedalieri sparsi per tutta l’Africa, parli con loro, le confermeranno che le Big Pharma gli forniscono da sempre gratuitamente i medicinali, i vaccini, i medicamenti.

      1. Ego sum placuit. Mi vaccinero quando I protocolli di produzione e. Componenti dei cosiddettivaccinisaranno desecretati e resi pubblici e dunque valutati da competenti.
        Inoltre quando come è scritto nel consenso che si chiede di firmare a me vaccinando il medico avrà ben illustrato tutti i rischi essendo cardiopatico e anche tutte le terapie alternative (ma credo che su questo vi sia latitanza in quanto. Medici e operatori sanitari ricevono un compenso pecuniario in base al numero dei vaccinati).
        Con stima e amicizia

      2. Ariel domne
        cosa fa mi difende le multinazionali del farmaco’?https://abruzzolive.it/chi-e-davvero-la-pfizer-la-vera-storia-del-contenzioso-di-kano-contro-la-big-pharma/ conosceva questa storia?che forniscano vaccini gratuiti ai paesi poveri è il minimo che possano fare dato che fanno utili da miliardi di dollari e non pagano tasse https://valori.it/levasione-uccide-37-miliardi-di-big-pharma-nascosti-nei-paradisi-fiscali/ conosceva ?e non pensi che voglia essere irriverente contro di lei ,salutem

        1. Quindi mi spieghi: se un multimilionario che ha una disponibilità di danaro liquido depositato nelle banche per decine di milioni di euro, dona 500.000 euro a un ente benefico di pubblica assistenza, non compie una preziosa opera di bene, semplicemente perché, a fronte di quella che è la sua ricchezza, 500.000 euro sono per lui una bazzecola?

          1. certo che sono una bazzecola, mi meraviglio ,mi permetto di ricordarle L’obolo della vedova,fanno filantropia e non carità cristiana ,anche se le buone azioni son sempre benvolute,absit

          2. Non dovrebbero esserci accumuli di danaro che eccedano la decenza. Come dice? Qual è il limite della decenza? Per esempio disporre di un patrimonio privato pari al prodotto interno lordo di intere nazioni.

        2. Signor Fabio se è per questo in Kenya qualche anno fa la campagna di vaccinazione non ricordo contro quale malattia fu un flop totale perché dei medici cattolici denunciarlo o che quei vaccini erano sterilizzati, la Chiesa cattolica si espose contro il prosieguo della campagna, non ricordo quale ente internazionale scagiono il vaccino in questione ma il sospetto atroce rimase, D ‘ altronde qualche decennio fa in Perù e più recentemente Canada(nativi) e Romania( rom) con la scusa di interventi per altre situazioni sono state sterilizzate migliaia di donne. Eh no, come lei anchio non mi fido a priori dei medici esistono infatti medici corrotti, figurarsi degli imprenditorifinanzieri delle multinazionali del farmaco. E spero solo che questa fiducia della Chiesa nel vaccino non si tramuti in unaltro boomerang, già in questi giorni la Chiesa sta pagando a caro prezzo laver avallato il genocidio perpetrato dal governo canadese sui nativi attraverso le famose scuole, già perché la colpa adesso ricade sulla Chiesa mica sui ministri canadesi criminali che hanno ideato il genocidio….. Have a nice day

          1. Non c’è stato nessun genocidio in Canada. Le epidemie allora non curabili mietevano morti. E’ ridicolo credere che anche nel passato si vivesse come viviamo noi oggi. Lo sbaglio dei canadesi fu imporre di togliere i bambini ai genitori per farli vivere in collegio in modo che diventassero come i bianchi. Però era assimilazionismo, non razzismo né genocidio.

  23. Uno dei suoi virologi di fiducia (per la fede c’è Bergoglio con la [lectus]

    ______________

    Se vuole insultare o insolentire il Sommo Pontefice, deve andare su altre pagine, dove più viene insultato, più si sentono “que vere catholicos” coloro che lo insultano. qui, su queste nostre pagine, non c’è posto per quelli come lei.

    S Arihel. Levi Tadinensis

  24. Se l’efficacia del vaccino dovesse risultare scarsa o addirittura pressoché nulla, cadrebbe il presupposto di tutte le sue argomentazioni. Rimango colpito da due cose, tum: la caricatura che fa del “hostium”, la sua riduzione a macchietta subumana (questa è carità cristiana?) e la leggerezza con cui afferma essere lecito negare le cure a chi non le può pagare; praticamente una condanna a morte. dies unus – e mi fa strano che non veda questoci sarà un Green Pass “adversus” i cattolici e per chi pensa certe cose su certi argomenti che io e lei, catholici, pensiamo. La saluto e le auguro che un giorno, quando si ammalerà (tutti prima o poi ci ammaliamo e muoriamo), lo stato garantirà ancora cure a chiunque, senza discriminazioni ideologiche.

    1. Affermare che attraverso il vaccino ci inoculano un microchip per poi controllarci attraverso il 5G e che i vaccini contengono sostanze che in futuro faranno sviluppare nei vaccinati varie forme di tumori affinché le sporche multinazionali farmaceutiche possano speculare e arricchirsi ancora di più sulle cure sul cancro, non è secondo lei, per se, una caricatura messa in piedi non da me, ma dalle stesse persone che sostengono queste cose? E se lei si mette a girare per internet scoprirà che questi materiali sono molti e coloro che hanno pubblicato su YouTube video dove sostengono queste tesi fanta-complottiste hanno centinaia di migliaia di visualizzazioni.
      igitur, di che cosa stiamo parlando?

  25. I mercanti sono entrati nel tempio e preti come lei li accolgono, ne fanno idoli e portano le pecorelle al macello. Lo sa che Pfizer stessa dichiara un eventolife threatening” quisque 1000 somministrazioni nei giovani? Mi fa pena.
    Confidi nella pietà divina.

    1. Le ho mai chiesto soldi?
      Le ho mai prospettata l’assoluzione dai peccati previo pagamento?
      Mi sono presentato mai davanti a lei avenderleil premio della vita eterna?
      Nescio.
      Quindi taccia e non dica scemenze.

  26. Io sono imbarazzato per lei.
    Leggendo commenti e articolo iniziale.
    Lei si è comportato come uno sprovveduto e rischia di sprovvedere anche altri.
    La sua affermazione sul greenpass in Chiesa si commenta da sola e la dipinge per quel che è.
    Siate prudenti come serpenti
    Sia più cauto, molto più cauto, estremamente più cauto.
    Rettifichi l’articolo, rimandi a dubbi e opportunità del tutto, i commenti non vengono letti come si dovrebbee l’articolo è quantomeno sbilanciato.
    Non ascolti l’orgoglio.

    Ah, btw, se non potrò entrare nelledificio, ascolterò fuori.
    vale.

      1. Può darsi, ma passare al contrattacco non sana il vizio dell’orgoglio. Né quello, pur meno grave, dell’incontinenza verbale.

        1. Lei si permette di dare giudizi morali che mai e poi mai, neppure il più severo dei confessori si sognerebbe di dare durante la confessione sacramentale al peggiore dei peccatori.
          Questa la differenza che corre tra un prete come me e uno che gioca malamente con le parole come lei.

  27. Caro Pater Arihel,

    Sono totalmente d’accordo con la sua analisi. Di fronte ad un novax non avrei parole da spendere perché non saprei cosa dire perché il grado di ignoranza è cosi profondo che bisognerebbe trovare le cause nel percorso formativo.

    Nessuno è tenuto a conoscere la biologia o la chimica ma tutti sono tenuti ad avere strumenti logici adeguati per capire l ABC del vivere civile, per sé, per la propria famiglia e per la società di appartenenza.

    Mi permetto di ricordare la figura del Beato Giacomo Cusmano il cui apostolato fu decisivo per la ripresa della Palermo dell’800. Cusmano però non era soltanto un santo che aiutava i poveri ma seppe avvalersi degli studi medici per rendere efficace il suo apostolato e tentare di curare i malati con quelle poche conoscenze di cui si disponeva all’epoca.

    Dalle biografie dei santi mi sembra adì capire che la conoscenza può invece essere strumentale per la gloria di Dio

    1. bonum vesperum, non capisco perché a priori una persona che matura una scelta diversa dalla sua debba essere per forza ignorante.
      Io ho scelto di non aderire alla campagna divaccinazioneper una mia scelta libera e ponderata, rispetto chi ha deciso di aderire e non apostrofo come ignorante nessuno, gradirei però lo stesso rispetto da parte vostra, visto che in questo caso parlare di scelta responsabile o morale sia tutto da dimostrare vista la dubbia efficacia del prodotto su larga scala (vaccinati con doppia dose e cmq contagiati) . E poi mi scusi, se lei è vaccinato ed è certo dell’efficacia del prodotto di cosa ha a tenere rispetto chi non l’assume? Lei ha assunto il rischio di aderire ad una campagna ancora in fase sperimentale (lo dicono le stesse case farmaceutiche) firmando il consenso informato e mallevando le case farmaceutiche, medici, e somministratori dagli eventuali effetti avversi ? Buon per lei. Io ho valutato per la mia età rischi e benefici e ho detto no grazie, se lei l’ha fatto immagino che abbia ponderanto bene la sua situazione, rispetti dunque chi ha scelto diversamente. tandem: ciascuno ripone la fiducia in chi gli ha dimostrato di aver ragione. Io nei governanti, nelle istituzioni, e negli scienziati che fin qui hanno gestito l’emergenza ripongo zero fiducia, visto che dati alla mano siamo stati i peggiori per numero di morti e distruzione dell’economia dell’intero pianeta (si vada a vedere i numeri)

    2. Grazie per avermi aperto gli occhi. Di sicuro nel mio percorso formativo (un dottorato in Italia e Francia e una discreta carriera all’estero) qualcosa è andato orribilmente storto. Anche in quella del dott. Luc Montaigner probabilmente: poraccio!

      Interrompo qui per amor di carità il sarcasmo che la stupidità della sua osservazione merita. Siamo nell’ambito di un dibattito scientifico, e se qualcosa ci insegna la scienza, è che le certezze di oggi (anche quelle sostenute dallamaggioranzadegli scienziati, per lo meno quelli che passano in tv) sono gli abbagli di domani. Senza contare che in questa storia ci sono colossali interessi economici e geopolitici che falsano ampiamente l’equilibrio della discussione.

      haec, tutti dovrebbero essere liberi di scegliere come agire in questa situazione, senza essere trattati da fanatici, ignoranti o peggio. Da una parte o dall’altra. Soprattutto in ambito cattolico.

      1. Scusi se mi intrometto: l’anziano e alla prova dei fatti non più particolarmente lucido Monsieur Luc Montaigner è stato insignito del Premio Nobel, su questo non c’è dubbio. E lo ha ricevuto perché indubbiamente lo meritav.
        mirantibus: dopo un dottorato in Italia e in Francia e una discreta carriera all’estero, lei pensa che un Premio Nobel conferisca patente di infallibilità a chi lo ha ricevuto per il tutto il corso della sua vita futura sino alla morte?
        In aliis verbis,: una persona che in precedenza ha ricevuto questo Premio, è immune da errori? Non può, post haec, dire o affermare cose sbagliate?
        A me risultama lei vive in Francia ed è molto più informato di meche l’Accademia di Francia, proprio valutando il pregresso prestigio di questo studioso, è alquanto imbarazzata per le sue affermazioni e più volte, Sic in nobis summa gracilitas, ha fatto allusioni alla “aetate” et “lucidità”.

        Per autentica e doverosa venerazione verso le loro memorie ometto i nomi, ma posso dirle che abbiamo avuto casi, recens etiam, di teologi di grande fama che giunti all’anzianità sono stati colpiti da demenza senile. Quod ecclesia, nel caso di membri del clero secolare, o gli Ordini religiosi, in caso di membri del clero regolare, hanno cercato diisolarliper proteggere la loro fama e tutto ciò che di grande avevano fatto nelle loro esistente, evitando che con degli sproloqui fatti in pubblico lasciassero di sé l’immagine deifuori di testache dicevano cose palesemente assurde.

        Due soli esempi: abbiamo avuto il caso di un grande mariologo che negava il dogma dell’Assunzione, alla cui definizione partecipò come teologo di fiducia di Pio XII e un santo teologo domenicano, il più grande neotomista del Novecento, che a Roma i suoi confratelli dovevano tenerlo in angoli del convento dai quali i visitatori non potessero udire la sua voce, perché quando si arrabbiava bestemmiava come uno scaricatore di porto, colpito come era da una forma devastante di demenza senile.

        1. Il mio intervento era una reazione all’insulto gratuito di Attilio Sacco suinovax” (immagino che l’etichetta sia per quelli che rifiutano le attuali terapie geniche), che sarebbero tutti ignoranti con un problemadi percorso formativo”. Non sto affatto dicendo che il mio dottorato sia sinonimo di autorità in quest’ambito: sto dicendo che ci sono persone perfettamente in grado di ragionare che rifiutano questo vaccino, non particolarmente ignoranti o stupide. Il riferimento a Luc Montaigner era un altro esempio di taliproblemi di percorso formativo” (potrei citare decine di medici e scienziati riconosciuti che condividono gli stessi dubbi).

          Uno scienzato puoaver ragione su argomento e torto su un altro, ma trattarlo da demente solo per avere un’opinione divergente, è procedimento degno dei migliori anni del regime sovietico, e mi fa specie che anche Lei ricorra a questiargomenti”.

          Che l’accademia di Francia sia imbarazzata, questo è un suo (dell’Accademia) quaestio. Nessuno scienziato serio dovrebbe essere imbarazzato dalle affermazioni (vere o false, comunque scientifiche) di un collega che ha meritato unacertacredibilità.

          Queste istituzioni sono totalmente succube di un potere ormai fuori controllo, e lo testimoniano l’avallo che danno a politiche deliranti come quella sulle donne incinte del mio intervento precedente.

          Consiglio a tutti di studiare la triste storia di Semmelweis, come monito sulle certezzericonosciute dalla stragrande maggioranza del mondo scientifico”.

          https://it.wikipedia

  28. pater Arihel,

    non sottovaluto la covid19 e credo che i vaccini siano farmaci in grado di salvare vite.
    Però i dati al momento ci dicono che gli italiani si stanno vaccinando e che il contagio non viene fermato, quindi mi chiedo: c’è bisogno di puntare così tanto l’attenzione sui novax? C’è bisogno di un provvedimento illiberale come il green pass? Sono necessarie le minacce del tiponon ti vaccini, ti paghi le cure”? È necessario vaccinare i giovani, addirittura i minorenni?
    bonum Solis, Paulus

    1. carissimi Paulum,

      et locutus sum, io ho scelto di vaccinarmi per un libero senso di fiducia nei riguardi di ciò che indicano al momento la scienza e gli uomini di scienza.
      Avere fiducia, o sforzarsi di averla, seguendo consigli e indicazioni farmacologiche che al momento sono indicate come le uniche possibilipoi domani chissànon vuol dire compiere unatto di fede”, ma appunto di fiducia.

      Agli altri quesiti io non sono in grado di rispondere, perché non ho elementi scientifici e specialistici per poter dire se è necessario vaccinare i giovani o no. Io posso dirle se è bene o no battezzare i bambini, ma non posso dirle se è bene o no vaccinare i bambini, per questo secondo problema devo per forza affidarmi alla scienza.

      Seguo le indicazioni della scienza, non certo perché infallibile o esente da errorila scienza ha sbagliato tante volte -, sed quid, io che non sono ad alcun titolo competente, sicuramente compirei errori di valutazione, o errori su me stesso e gli altri, sicuramente molto maggiori e molto peggiori.

      Da questo il mio atto di fiducia che, patet,, spero sia ben riposto. Quod, ne pagherò tutte le conseguenze.
      sed, se qualcuno deve proprio sbagliare su di me, preferisco sia un chirurgo oncologo che non riesce a effettuare con successo un intervento per l’asportazione di un cancro, anziché concedere il beneficio dell’errore a un naturopata o omeopata che mi offrisse cure sicure per il cancro con pillole omeopatiche.

      La scienza non è affatto infallibile, ma di chi altri fidarsi, et in hoc tempore?

      1. Don Ariel ma lei segue solo la scienza dei conflitti di interesse o pilotata? Basta poco per rendersi conto che la retorica vaccinista non sta molto in piedi, dati scientifici alla mano, quei dati però non pompati, quei dati che non si basano sui complotti che anzi abilmente li sfruttano per patinarsi di legittimità che non potrebbero mai avere ( d’altronde quando mai un complottista è stato mai autonomo e nona stipendio? ).
        Non serve poi una scienza ( in questo caso di acume personale )per sapere che partecipare allavaccinarain realtà favorisce lo smantellamento della sanità pubblica su cui strumentalizzando il vaccino non si agisce, pro exemplo,. Non è colpevole questo?

        E’ poco aggiornato don Ariel perché dovrebbe ormai sapere che ivacciniin questione non hanno alcuna afferenza con l’utilità sociale perché se pur vero è che unvaccinato” ( bah io sono ancorato ai vaccini vecchio stampo, quelli che erano tali, ossia immunizzanti e sterilizzanti, o bene ) si evita di ammalare gravemente e dunque non intasa le terapie intensive, se pur vero è che CONTAGIA ANCHE LUI ma il 50% in meno, dobbiamo considerare che il vaccinato suo malgrado crea le varianti resistenti che si ripercuotono anche su tale categoria.
        Charamente queto è falso no?
        Evabbè, patientia.

        A lei le debite conclusioni e deduzioni

        p.s. i grandi network che cita, e ormai dovrebbe conoscerne il modus operandi, bazzicandoci, ridicolizzano e derubricano e reinterpretano quello che non possono ignorare. Di Ioannides su La7 sono riusciti a far dire il contrario di quel che sostenne. die,…

        1. Non basta distruggere e direnon devi crederelei deve indicare a chi bisogna credere.
          Quindi lei che cosa consiglia, di ascoltare come Verbum Dei i video di Stefano Montanari?
          Cosa consiglia, per sapere come stanno veramente le cose?
          Dia delle indicazioni precise:

          1. a chi bisogna credere?
          2. a chi bisogna affidarsi?
          3. chi bisogna seguire?

          Ad quod respondendum est, tutto il resto è retorica fine a se stessa.

          1. Abbiamo 3 linee guida: rerum, la logica, ed il buon senso che in ogni caso si basa sulla prudenzialità.
            Non serviva un genio per sapere che un supposto vaccino mRna avrebbe creato delle varianti e ci avrebbe in ogni caso costretto alla vaccinazione perpetua , bastava informarsi sulle dinamiche della mera influenza stagionale.

            Ad ogni modo la risposta è : sempre la scienza/arte medica, magari però basantesi su questi 3 linee guida e non su quello che complicisticamente si propaganda in televisione. quod, si badi non significa che ogni cazzaro no-vax non sia tale. L’evidenza del sabotaggio di cure alternative, ricerche specifiche, interventi domiciliari e soprattutto la costatazione che AL PROSSIMO AGENTE PATOGENO VIRALE SI SARAPEGGIO DI OGGI proprio grazie alla scusa “vaccinum” visto che non si è imparato nulla e non si agisce sulla sanità ( che a quanto pare frega ben poco ), sono cose che solo un cieco non vuol vedere, e la cui analisi sarebbe fondamentale. anche per capire perché le ovvietà scientifiche vengono omesse o derubricate.
            Il lasciapassare sanitario si basa o non si basa sull’evitamento del contagio? E’ o non è stto spacciato per una messa in sicurezza per ripartire? Eppure anche i vaccinati contagiano…magis, con le nuove varianti la carica virale è quasi identica, il problema è chiedersi come siano nate le varianti resistentima la colpa è chiaramente dei non vaccinati.

      2. Del buon senso, pro exemplo,. Quel buon senso che ci dice, pro exemplo,, che se ci vogliono 9 mesi per fare un bambino, è attualmente impossibile avere una qualsivoglia ragionevole sicurezza scientifica sul fatto di vaccinare una donna incinta sia esente da rischi per il bambino. E quindi se in Francia le si vuol imporre un green pass (come sta succedendo) questo è semplicemente criminale.

        E se uno stato, con la complicità di organi scientifici istituzionali e le opportune benedizioni dei variscienziati mediatici”, lo impone con una superficialità che è sempre più difficile credere in buona fede, molto probabilmente sta mentendo anche su molte altre cose (efficacia di mascherine all’aperto, clausura, assenza di terapie alternative per contrastare l’epidemia). E quindi è totalmente comprensibile, e perfettamente legittimo, nutrire dubbi su talivaccini”, e sarebbe opportuno astenersi dall’insultare quanti non condividono lo stessoatto di fiduciache Lei ha compiuto, ed aizzare l’odio e il disprezzo verso gli stessi, come già fanno cosibene tv e politici.

        E’ anche terribile leggere che Lei sarebbe pronto ad imporre il green pass anche in chiesa, dopo aver apertamente ammesso di basare le sue considerazioni sul suo rispettabile, ma personalissimoatto di fiducia”. quod, inter alia,, contraddice platealmente tutti i suoi discorsi sulpersonalismo fai da tedei famosi cattolici ideologici, che il più delle volte non sono che padri e madri di famiglia, dilaniati tra la necessità di mantenere un posto di lavoro, e piegarsi ad un obbligo imposto

      3. pater Arihel, ha scatenato più commenti ora che con i neocat ed effettivamente i novax sono una piccola minoranza molto rumorosa. Però da lettore affezionato mi permetterà una battuta: molte parti di questo articolo me le aspetterei sui giornali del gruppo gedi o sul domani di De Benedetti più che sull’isola. Capisco l’appello a vaccinarsi, i miei genitori lo sono ed io sono felice abbiano fatto questa scelta, ma per il loro bene, non per altro! Credo tra l’altro che sia giusto farlo dopo aver consultato il proprio medico di base più che dopo aver sentito i prof Burioni o Brusaferro.
        Inoltre la scienzaQuante opinioni discordanti ci sono state in questo anno e mezzo? Il lockdown non era previsto da nessun piano pandemico, l’uso delle mascherine prima sconsigliato, poi reso obbligatorio, etc. etc..

        Dove voglio arrivare? Capisco gli appelli, ma sono convinto che ci voglia molta prudenza e il quadro mi pare complesso, che non sia soltanto una questione di novax e provax, che le limitazioni alle libertà personali che si continuano a mettere siano pericolose e che dare tutto questo potere allacomunità scientificasia molto pericoloso, perché oggi l’emergenza è il virus, domani il clima, dopodomani chissà.
        Una preghiera e sia lodato Gesù Cristo.

    2. e aggiungoÈ necessario che un prete, (nella persona di p. Arihel ) auspichi l’impedimento all’accesso alla Santa Messa per le persone non vaccinate quando le norme di prudenza (distanziamento ..gel disinfettante
      mascherina anche sul naso..Comunione solo in bocca e tassativamente solo in piedi….) senza arrivare agli eccessi di certi parroci che impediscono di inginocchiarsi anche durante la Consacrazione …etc.)
      È necessario ?? che un prete auspichi questo ???

      1. Non cesseremo mai di ringraziare Dio per il fatto che, pur essendo tutti noi degli autentici disastri di preti e delle immani vergogne del sacerdozio, possiamo però beneficiare della sapienza e dei preziosi consigli dei nostri fedeli, che oggi più che mai pretendono da parte del prete l’esercizio di tutte quelle sante virtù che non solo, loro mariti, mogli, figli e figlie non esercitano affatto, ma ci ridono addirittura sopra, alle virtù di vita cristiana. Forse è per questo che si pretende che il prete sia perfetto? Ovviamente e di rigore perfetto come noi lo vogliamo?

        A una tizia che aveva una figlia che sin dall’età di 13 anni saltava da un letto a un altro e che dinanzi a un meritato rimproverò osò dirmi di imparare a fare il prete e a non impicciarmi delle sue faccende familiari, per tutta risposta le dissi: «E lei che si ritrova con una figlia non ancora diciottenne che è giù una sgualdrina fatta, absoluti et perfecti, non pensa di dover imparare a fare la mamma, prima di insegnare ai preti come fare i preti?».

        1. etiam, le due cose non si escludono. Quella signora può benissimo non avere imparato a far la mamma e Lei può benissimo non avere imparato a fare il prete.

          1. et, però a lei sfugge una cosa fondamentale: esiste una sola persona che ha l’autorevolezza e l’autorità per dire a un presbitero che deve imparare a fare il prete, ed è il vescovo. Una intimazione del genere non può essergli rivolta né dalla comare né dal compare.

            autem, viviamo in un mondo nel quale tutti sono virologi, tutti specialisti in economia internazionale, tutti specialisti in politologia, tutti allenatori di calcio, tutti teologi e soprattutto tutti quanti intelligenti come lei

            in brevi, lei non è affatto un sagace spiritoso che sbatte a terra l’interlocutore con colpi d’acume e memorabili frasi telegrafiche tipo quelle di Ennio Flaiano. Molto più semplicemente lei non conosceo forse non vuole accettareche esistono ruoli, competenze e autorità preposte ben precise.

            Dunque la suasagaciaè pari a quella del tizio che si siede al bar e spara le soluzioni o le sentenze mordaci più improbabili su tutto e su tutti.
            Una volta si chiamava bar, oggi si chiama internet.

        2. ma cosa c’entra p. Ariel questa sua risposta sulla pretesa di esigere preti perfetti..cosa c’entra la mamma con la figlia prostituta..( anche lei ogni tanto va fuori tema)
          Almeno con questi preti se si ubbidisce ai loro folli dicktat si può assistere alla Santa Messa ..
          Lei che ha evidentemente una grande autostima e un grande egoauspicando addirittura l’espulsione dalle chiese e quindi dalle S. Messe e dai Sacramenti per chi decide di non fidarsi di farsi inoculare un vaccino che non è vaccino ( giocano con le parole ma non tutti sono scemi) da virologi che si contraddicono a giorni alterni, a media tutti allineati nel diffondere terrorismo.. tra quali preti si colloca ??
          Il Dio vaccino ora viene prima del Sacrificio della Messa ?..
          A quando la cartella medica per dimostrare che non abbiamo malattie contagiose ? ..anche solo una influenza
          Ok..ditelo..
          Cercheremo una chiesa con un prete che non ci discrimina..
          Intanto lei potrebbe anticipare affiggendo fuori dalla chiesa,dove lei celebra, un bel cartello : “ IN QUESTA CHIESA NON SONO GRADITI COLORO CHE NON SI SONO ANCORA SOTTOMESSI AL VACCINO”..(so che sta già succedendo)
          Il vaccino ci salverà…amen.
          Che Dio ci aiuti e la Madonna ci protegga !

          1. Lei ha una competenza psichiatrica al tal punto profonda a livello scientifico da diagnosticarmi affetto da «grande auto-stima» e «grande ego»?
            eius, sono due psicopatologie legate principalmente a forme di psicosi più o meno gravi o a forme di narcisismo ipertrofico.
            autem, con due click su intertet, “omnes” diventano medici, psichiatri, sociologi, politologi, theologia …
            Siamo messi male, Hodiernis in Ecclesiae, ma benedicendo Dio ancora, et nos sacerdotes,, non dobbiamo fare i conti con Vescovi che ragionano con la leggerezza sua, altrimenti non ci resterebbe che chiedere la dimissione dallo stato clericale.

  29. Vorrei chiedere alla dottissima redazione se è a conoscenza che, riguardo ai vaccini non etici, quelli che vengono definiti aborti non sono aborti, ma esseri viventi uccisi in conseguenza del prelievo volontari delle loro cellule ancora vitali.
    Gli aborti sono infatti feti che muoiono naturalmente o che vengono uccisi: le loro cellule non verranno mai usate nelle linee vaccinali per il semplice motivo che sono cellule morte o poco vitali e che quindi non servono allo scopo.
    Le cellule vitali dal cervello sono solitamente prelevate da feto vivo risucchiando con cannula il cervello del feto quando è ancora nel ventre della madre.
    Le cellule vitali di reni, cor meum, fegato, occhi, pellevengono invece prelevato da bambino nato con parto procurato: il prelievo avviene per squartamento del bambino senza alcuna anestesia.

      1. Sono seduto in un bar del centro. Si avvicina un uomo di colore pervendermi “autem “librorum”. Mentre cerco due euro dicendogli: “libri non ne viglio, ma ti offro un caffègli chiedo, con la massima gentilezza, “cortesemente, potresti indossare la mascherina?” avendo visto che la ha sul collo. E che ho detto? Prima ha preso i soldi, poi mi dice con tono alto, forte e arrabbiato: “Io no paura, io no paura”… e si allontana scocciato.

        Ecco la perfetta sintesi di quanto non si vuole capire: le misure anti-covid sono un atto di rispetto, oltre che un dovere morale.

        È diventato un peso così insopportabile portare rispetto agli altri?
        O tempora, o mores! Cicerone mi scusi. Buon pomeriggio.

        1. John carissimi,

          e le è andata bene, avrebbe potuto beccarsi del razzista su due piedi da qualche vicino di tavolo.

          Attualmente mi trovo nell’Ortigia di Siracusa, da dove poi tornerò a Roma e mi sposterò in varie parti d’Italia tra settembre e ottobre, sperando che non si finisca di nuovo chiusi grazie a quegliimmortali” quod – Et factum est verbum – se ne fottono alla grande di tutte le misure di prevenzione e sicurezza alle quali lei ha accennato, tavoli dei bar pieni di gente senza mascherine, spiagge affollate, locali gremiti, movida e via dicendo

          Ieri mattina sono andato al mercato della frutta a far spesa e davanti all’antico Tempio di Apollo (piazza nel cuore della città antica), un negretto, o meglio un negrone, è sfrecciato con la bicicletta zigzagando tra le persone che si sono spostate. Poche decine di metri più avanti si è fermato a parlare con altri suoi compari, io lo raggiungo e gli dico:

          «Figliolo, che lei sia nero e che viva in un Paese nel quale tutti sono terrorizzati dall’idea di potersi sentir dare dei razzisti, sino a permettervi di poter fare di tutto e di più, non la autorizza a mettere a rischio la sicurezza delle persone passando in una piazza pedonale in bicicletta a questo modo»

          Alle mie spalle la classica – Et factum est verbum – fighetta cinquantenne con il capello bianco corto e la scrittasinistra politicamente correttastampata sulla faccia, interviene dicendomi: «Lei come prete si dovrebbe vergognare

          La ignoro e mi rivolgo di nuovo al negrone dicendogli:

          «Senta, le chiedo un favore: se in questi giorni becca per strada il padre o la madre di questa signora, gli vada addosso a tutta velocità e li lasci paraplegici sulla sedia a rotelle, tum, se la Signora protesta, ci penso io a dirle di vergognarsi per avere protestato».

          E sa, Conticuere omnes intentique ora, il negrone che cosa ha detto? Incredibile, sed est verum:

          «Signora, il Padre ha ragione, non dovevo passare velocemente in bicicletta, ha ragione lui …».

          Al mercato della frutta saluto il mio mitico pusher fiducia, un ghanese di una simpatia fuori dal comune:

          «Ciao negretto mio, sei più nero del solito, hai preso il sole o sei nero arrabbiato? Se sei arrabbiato dimmelo subito che mi allontano, con cotesti occhi da assassino che ti ritrovi mi fai paura. magis, dammi un golfino di cashmere che già sento freddo dalla paura».

          e lui, che credo mi aspetti apposta per fare quattro risate con me, si mette a ridere a crepapelle.

          O non vado a beccare anche lì un’altra della sinistra politicamente corretta che si trovava alle mie spalle, che aveva appena pagato e che se ne stava andando? Ma prima di andarsene mi dice in tono di disappunto:

          «Mi stupisco di lei, Si enim dixeris, … “persona di colore”, dovrebbe saperlo».

          La ignoro e mi rivolgo al mio amabile pusher nero di verdure:

          «Dimmi un poMamadù, se in Ghana tu devi indicare me alle persone, mi indichi alla gente comeil mio amico biancooppure comeil mio amico senza colore”?»

          Appena la Signora è andata via, lui ha seguitato a ridere e poi, in perfetto dialetto siciliano ha detto: «…lu caldu male assai fa, anche idda scattiata è» (il caldo fa male, anche questa è fuori di testa).

          Dopo aver pagato mi dice:

          «Ciao prete senza colore, torna presto
          et ego:
          «Vaffanculo Mammadù».

          mah, chissà come mai queste persone mi voglio un bene a volte davvero esagerato, aliqua …

          1. Perché lei giustamente non si ferma alle apparenze che apparenze sono e nient’altro. Le persone del politicamente corretto non hanno proprio nulla di corretto. Scusi l’incursione Padre, torno a vedere un film interessante ( First Reformedla Creazione a rischio) vediamo come finisce. ? ???

          2. Quod, Pater, pretiosa, che splendido quadretto mi ha dipinto! E del tutto realistico!

            Tragedia e farsa intrecciate in maniera irrimediabile! Purtroppo sono appena rientrato in Veneto dalla nostra Siracusa (da come l’ho trovata, più Beirut.. parlo dei quartieri della terraferma dove vive mia madre) e anche questa estate non avrò il piacerone di incontrarla in piazza Pancali, in corso Matteotti o in via Roma (a Tubba, x gli autoctoni).

            Ho presente tutti i luoghi da lei citati, i e “types” descritti. Oggi bisogna stare attenti a parlare e ad agireio spesso mi sento disarmato! E mentre leggo che il tasso di positività è al 3,2 temo che presto, a causa dei soliti irresponsabili sapientoni premi Nobel e solipsisti, torneremo a dover stravolgere le nostre vite.

            Grazie del bell’affresco.

        2. La psicologia dei no-vax, così come quella dei no-mask, è in fondo la stessa degli abortisti e dei sostenitori dell’eutanasia: c’è un qualcosa che da fastidio (indossare una mascherina, sottoporsi ad un vaccino, prendersi le responsabilità di una gravidanza indesiderata o cura di una persona non autosufficiente) e ci si inventa delle battaglie civili che liberino dalla seccatura. È per questo che mi fa strano che nel caso del covid ci siano così tanti cattolici che sono caduti in questo meccanismo psicologico, quia, seguendo il messaggio cristiano, dovrebbero essere piùvaccinatisu questa tentazione rispetto al resto della popolazione.

          1. carissimi Henrici,

            poco fa mi sono stati segnalati una raffica di articoli di un giornalistache fu vaticanista di ottimo livello sino a un decennio fanei quali spiega la illegittimità dell’ultimo Motu proprio Francis of Pope, Traditionis Custodes.

            Se dei giornalisti facenti parte di certi circoli di cattolici turbolenti, giungono non solo a porre in discussionecosa già in sé molto gravela legittima autorità del Sommo Pontefice, ma a sindacare i suoi atti e documenti e a rigettarli senza esitazione dopo averli giudicati illeciti e contrari alla Traditio Catholica, che cos’altro possiamo aspettarci da questo genere di cattolici?
            Possiamo metterli tranquillamente in compagnia dei terrapiattisti, di coloro che credono agli alieni, di quelli che sostengono che col vaccino ci inoculano il microchip per controllarci attraverso il 5G e via dicendo a seguire.

          2. Eh già, ci sono cose che cidanno fastidio” (tipo obbligare i nostri figli ad un trattamento sperimentale sviluppato in qualche mese e che si sospetta stia provocando aumenti anomali della mortalità tra i giovani in Francia), itaque, per passare un po’ tempus, ci inventiamo delle battaglie civili. Per viam, ci facciamo anche licenziare, o allontanare dagli ospedali (per i quali comunque continuamo a pagare tramite le nostre tasse, come dicevano i latinipecunia novaxorum non olet!”): ita’ per divertirci.
            E’ tanto bello giocare al bastian contrario!

          3. Personalmente non ho mai parlato di vaccinazioni ai minorenni e non mi sembra neanche fosse il focus dell’articolo che stiamo commentando. Ma qui si tirano in ballo i minorenni per giustificare la mancata vaccinazione di 50-70enni che se si pigliano il covid hanno discrete possibilità di finire in ospedale. Oh yeah, quod est verum,, quelli sono cavoli di infermieri e medici che sono pagati e devono pur lavorare 24 ora vobis 24, 365 giorni all’anno se c’è n’è bisogno.

          4. Ah, i minorenni non erano ilfocus” ? A me pare che il focus dell’articolo sia un attacco alla cieca tramite insulti e caricature (perfettamente in linea con tutte le tendenze mediatiche e politiche attuali, in Italia o in Francia) eorum “rumorosi novaxche invece di andare a manifestare per chiedere la LIBERTADI DECIDERE se vaccinare o no se stessi e i propri figli, dovrebbero stare buoni buoni sul divano di casa ad aspettare che i carabinieri vengano a prenderli per vaccinarli di forza, loro e i loro figli minorenni. Ah, oblitus, lei sui minorenni lei non è d’accordo (o forse si? quis novit… Non est “il focus”): etiam bonum!

            Quanto al suo patetico riferimento aipoveri medici e infermieri che lavorano tanto tanto”, venga un poa spiegare la sua dotta teoria sullapsicologia novaxai migliaia di infermieri (eroi un anno fa, carne da macello farmaceutico oggi, pena licenziamento) che si stanno mettendo in sciopero contro l’obbligo del “vaccinum” anti-COVID in tutta la Francia, ai medici che si vergognano del green pass in ospedale come ad una violazione infame del giuramento di Ippocrate (perché da domani, se mia figlia si rompe una gamba non posso accompagnarla all’ospedale senza unpass sanitaire”).

            Vergogna a lei, che osa comparare quelli che vivono con angoscia decisioni dittatoriali che mettono a repentaglio la salute della propria famiglia, a dei sostenitori dei crimini infami dell’aborto e dell’eutanasia.

      2. Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose?
        “Perforavano il sacco amniotico di una donna incinta di 14-16 settimane, afferravano la testa del bambino con una pinza, tiravano la testa verso la cervice, facevano un buco nella testa del bambino e collegavano una macchina di aspirazione per rimuovere le cellule cerebrali. Tra le 16 quod 21 settimane, eseguivano un aborto con prostaglandine in cui una sostanza chimica è iniettata nell’utero provocando un mini-travaglio e l’espulsione del bambino. in 50% dei casi, il bambino nasceva vivo, ma questo non li fermava. Semplicemente facevano un taglio nell’addome del bambino senza anestesia ed estraevano fegato e reni, ecc.” (Dr Peter McCullagh, The Fetus As Transplant Donor: Scientific, Social and Ethical Perspectives. John Wiley and Sons, 1987).
        Cerca in rete: WI-38, WI-26, WI-44, MRC-5, MRC-9, IMR-90, IMR-91, Lambda.hE1, HEK-293, PER.C6, RA 27/3, WALWAX 2.

    1. Lorenzo Grazie per il commento. Le informazioni che ho ricavato corrispondono a quello che dici tu, sono informazioni date da medici come Silvana De Mari e per sapere queste cose non c’è bisogno di essere virologi, però ripeto non so qual è la verità. Speriamo che padre Ariel questa volta pubblichi il mio commento. È la terza volta che scrivo che come diceva Giulio Andreotti a pensar male a volte si fa bene ed è la terza volta che scrivo che In Matteo 10,16 dicit Iesus: “Ecco: Et ego mitto vos sicut oves in medio luporum; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe”. Essere prudenti come i serpenti: è necessario non essere sempliciotti, ma circospetti. Essere semplici come le colombe: agire con purezza d’intenzione, senza falsità. Il tutto va bene applicato alla nostra realtà. il Vangelo è un insegnamento perenne. Lorenzo dove ci sono i soldi ci sono anche più imbrogli. Fidrsi al 100% dello Stato dopo tutto quello che si sente e che si vede soprattutto in ItaliaE poi c’è la questione rischio, come ha detto anche il dottor Pregliasco volto conosciuto provax spesso in televisione aStasera Italiasu Rete 4″, riportando ciò che è scritto nel bugiardino: chi si vaccina può morire esistono reazioni avverse non in gran numero statistico ma esistono”. E allora se permettete a me fa paura il Covid ma fa paura anche vaccinarmi e poi dal medico ci vado quando sono malato non ci vado adesso per farmi iniettare una sostanza che non so quali effetti avrà sul mio organismo! Quasi mezzo stipendio lo pago di tasse! E adesso dovrei fare da cavia?

      1. Gentile Giovanni,

        le rispondo con un esempio del tutto pertinente da prete e da teologo. Non posso fare diversamente, perché contrariamente a certi commentatori che si lanciano in discorsi per i quali non hanno alcuna competenza scientifica, io non sono uno specialista in malattie infettive e in virologia e non è mia abitudine, contra legem, smentire i comitati scientifici di tutto il mondo per avere semplicemente letto le amenità scritte dal Dottore Silvana De Mari e Affini sui loro blog.

        L’esempio pertinente è questo.

        Nella Chiesa si sono celebrati 21 concilio, diversi dei quali hanno definito verità che sono dogmi della fede cattolica. I concili sono presieduti dal Collegio degli Apostoli riuniti sotto l’autorità di Pietro, ossia il Sommo Pontefice. Ciò che un concilio stabilisce, che sia la definizione di dogmi o che siano dottrine o linee pastorali, è vincolante per tutta la Chiesa universale.

        Bene, poniamo che io, quod sacerdos, mi opponga all’autorità di un concilio, che ne rigetti le definizioni, in doctrina, le riforme e le linee pastorali.
        dica mihi: quia eius, sarei un prete e un teologo eroe da portare come esempio e come modello o invece un prete eterodosso che rigetta l’Autorità della Chiesa?
        Se la sentirebbe di affermare che io ho ragione e che tutti i vescovi del mondo riuniti in assise con il Romano Pontefice hanno sancito cose del tutto sbagliate?
        Se la sentirebbe di affermare: meno male che c’è il Padre Ariel che ha smascherato gli errori e gli interessi occulti di tutti i vescovi del mondo?

        Lei potrebbe obiettarmi che i comitati scientifici internazionali non hanno definito dogmi e dottrine, cosa questa sulla quale siamo tutti d’accordo. Infatti ho detto e ribadito nel mio articolo e nelle varie risposte appresso date che verso la scienza si può compiere un libero atto di fiducia, ma non certo un atto di fede basato su verità dogmatiche. L’ho detto e ripetuto, liquet?

        Lei insiste e persiste a dire che di fatto, i comitati scientifici sono formati da incompetenti, o da prezzolai dai poteri forti, o da multinazionali farmaceutiche e via dicendo, però ci sono delle persone veramente illuminate che non temono la verità che invece tutti questi disonesti prezzolati tengono nascosta, ossia le varie Silvana De Mari, il defunto De Donno e via dicendo.

        Lei sta di fatto affermando che noi tutti siamo a livello mondiale dentro un colossale inganno mosso da non meglio precisati interessi occulti, che gli scienziati di tutto il mondo stanno mentendo e che si sono resi complici della inoculazione di unvaccino sperimentalepotenzialmente dannoso, o nella migliore delle ipotesi inutile. sed, grazie a Dio ci sono i vari De Mari e De Donno che hanno smascherato tutti questi sporchi giochi e che noi tutti dovremmo seguire come dei novelli messia liberatori del popolo ridotto in psico-schiavitù mediante clausura mirati presumibilmente alla costruzione di un nuovo ordine mondiale.

        Si rende conto di ciò che sta affermando di emotivamente illogico?
        Se ne rende conto o no?

        Inutile che lamenti «non mi pubblicate», è lei che solleva questioni e che poi, quando le viene ribattuto, cambia discorso e va a parare su altro. E facendo in questo modo perde tempo lei e lo fa perdere agli altri.

        Adesso risponda a ciò che di chiaro le ho domandato, senza sollevare altri discorsi o cambiare discorso:

        la scienza e gli scienziati di tutto il mondo ci stanno ingannando mentre solo la De Mari e De Donno hanno detto la verità e ci portano verso la verità?

        Dica sì o dica no, non metta in piedi un’altra questione che non sta né in cielo né in terra.
        Si o no?

        Risponda a questa precisa domanda: responsum, responsum, responsum!

        1. Caro Padre rispondo ora perché quando apro il blog non ho la cronologia esatta della pubblicazione dei commenti e ho sempre difficoltà ad individuare chi ha risposto a chi e quali sono gli ultimi commenti. Alla sua domanda diretta io non posso rispondere. Come faccio a sapere se la sanità mi sta ingannando e invece la dottoressa de Mari e gli altri mi stanno dicendo la verità in merito alla questione. Ho spiegato in molti commenti anche quelli non pubblicati la mia posizione. Ho paura del Covid si, ma ho anche paura delle conseguenze della vaccinazione e di qualunque altro farmaco che dovrei prendere per altri motivi perché esistono delle reazioni avverse. Non mi arrogo il diritto di dire che questo mio discernimento mi è suggerito dallo spirito santo, ma mi sembra un approccio più equilibrato il mio. E tantomeno sto cambiando argomento nei miei commenti, sempre di Covid stiamo parlando, magari in riferimento anche all’etica ma quello è. Avrei paura anche se fossi certo che la sanità italiana agisce in buona fede. Però ritengo di esercitare il discernimento anche io come lo esercita ogni altra persona. Lei forse non ricorda che, prima che la bravissima dottoressa Grazia Pertile le salvasse l’occhio anche lei non aveva avuto buone esperienze nella sanità con i dottori che l’avevano preceduta. E allora si capisce che è tutta un’incognita. Non le posso rispondereSi o No” , posso solo dire che a livello logico uno dal dottore ci va quando è ammalato. Visto le tasse che pago è un mio diritto o non lo è fare in questo modo? Poi quando sarà obbligatorio lo

  30. Caro Pater Arihel , approfitto di questo articolo oracaldoper porle un quesito che mi piacerebbe che lei trattasse in una video lezione o più semplicemente rispondendo al mio commento.

    Ovvero come si pone la chiesa cattolica nei riguardi della teoria dell’evoluzione?
    Ricordo che aveva citato questo argomento in una delle sue video lezioni , loquitur “sfide anche per la scienza moderna”.

    Un cattolico deve aderire a teorie di questo tipo? Sono questo tipo di teorie compatibili con quanto rivelato nella genesi?

    Apparentemente può magari sembrare una domanda banale o di poco conto , ma per mia esperienza questo è uno dei temi forse più spinosi nell’epoca moderna per un uomo di fede.

    Ora premesso che si tratta al momento ancora di una teoria e non di un dato di fatto (correggetemi se sbaglio) vorrei il suo parere in proposito e una sua opinione su come dovrebbe quanto meno relazionarsi un fedele in merito a questo argomento.

    Grazie e un ringraziamento per tutto il lavoro di divulgazione che fate per noi!

    1. Antonius Verbum Caro Factum,

      nel periodo autunnale faremo qualche cosa su questo tema, che più di una volta c’è stato suggerito, adesso anche da lei, prima dell’autunno/inverno non sarà però possibile.

      1. Attendo anch’io di leggere qualcosa su questo argomento (l’evoluzione) molto delicato e spesso mal dibattuto, in particolare in relazione alla questione del peccato originale.

  31. Comune di 10000 populus, vaccinati 6000 o poco più. La vicina di tomba morta di moderna dopo 9 giorni di problemi comparsi appena dopo l’assunzione di vaccino; il figlio dubita che sia stato segnalato come decesso causa vaccino. Signora di 73 anni di mia conoscenza senza problemi di salute morta improvvisamente di infarto qualche settimana dopo la vaccinazione. Qualche dubbio c’è anche su altre morti, ma non dobbiamo vedere nero dappertutto. Una cugina della madre dell’amica di mia sorella- esce pertanto dal computo dei concittadini- muore improvvisamente la sera dopo la somministrazione ( temo che anche in questo caso non sia fra le morti sospette). Posso avere delle ritrosie a evitare un vaccino sperimentale? Conosco così così il dott. montanari, ma proprio un cialtrone non mi sembrerebbe. Spero non abbia la stessa opinione del dott. Di Donno: al di là della morte- difficile sia suicidio, autem- è stato ostacolato in tutti i modi dai cossiddetti medici “scientists” e dal solitico sicario comunista coperto di sangue- mi rifiuto da laureato in fisica di parlare di scienziati medici: ripetono sempre che la medicina non è estta, a differenza del loro conto corrente, Ut addere- e questo dovrebbe far riflettere sulla credibilità di cts, min salute, virologi da tv….

    1. Contatti in Kenya uno stregone vodoo e faccia ricorso agli antichi e innocui metodi naturali che lui le suggerirà, vista la moria di vaccinati che a suo dire c’è in Italia.
      Lei dovrebbe ricordare il famosoMetodo di Bellaper la cura contro il cancro.
      Un comitato scientifico indipendente incaricato dall’allora Ministero della Sanità giunse a dichiararne l’inefficacia.
      Sono passati trent’anni e tutt’oggi si seguita a dire che è stato un boicottaggio da parte dei poteri forti occulti e delle multinazionali farmaceutiche che dovendo speculare sul cancro affossarono in tutti i modi quella cura.
      Stesso identico copione si sta ripetendo oggi dopo la morte del Dott. Di Donno.

      Neppure io dogmatizzo la scienza, minimus omnium, sed, la stregoneria di complottisti, negazionisti e irrazionali vari.

      1. I risultati del dott. Di Bella sono comunque riconosciuti a livello internazionale. Pur non avendo parlato di moria da vaccinati, a luglio in Ue c’erano 17000 morti e 850000 reazioni avverse; i dati credo siano su un bollettino che ha un nome tipo vaers, ma non ricordo esattamente. Ho letto qualche giorno fa che AIFA segnala quasi 500 mortuus est, numeri non in proporzione con i 17000 in ue in base alla popolazione. In genere gli statistici-ho letto più volte- affermano che i danno ufficiali sono sottostimati. Ovviamente non ci sono stragi, ma problemi sì; difatti due vaccini non sono più usati. Come diceva poi un mio antico i medici , i vaccini influenzali si fanno fare alle persone deboli- ma non troppo, patet- e i sani casomai prendono la malattia. La campagna va violentemente in altra direzione, anche sui ragazzi e anche se c’è proporzionalità diretta tra vaccinati e aumento di contagi. Abito nella provincia di De Donno e conosco persone da lui guarite. Credo a lui e non al cts o a burioni &c. la realtà non è la propaganda dei giornali e tv. Re optimus.

        1. primus: Non est enim, il metodo Di Bella non è stato riconosciuto internazionalmente ma definito inefficace da più comitati scientifici internazionali indipendenti.

          Secundum: e dopo questo … “famam bellum” lei cosa propone?
          Perchè abbiamo bisogno di proposte, non di dati statistici di morti e reazioni avverse peraltro non corrispondenti a quanto la … “propaganda di regime vaccinistava dicendo in giro.
          A suo statistico e scientifico parere, bisogna vaccinarsi oppure rifuggire dal vaccino come un potenziale e dannoso pericolo?
          Questo è ciò a cui dovrebbe rispondere, dando diverse e scientifiche soluzioni rispetto a quelle ad oggi proposte dai governi mondiali e dagli uomini di scienza.
          Bisogna vaccinarsi o no?

  32. in pratica si afferma che per evitare la probabile morte di una categoria di persone (quella dei fragili che non si possono vaccinare) bisogna esporre alla probabile morte un’altra categoria (quella di chi non vuole farsi vaccinare) imponendo loro il vaccino (con il rischio dei suoi effetti collaterali), e tanto meglio se tale imposizione poi coincide con gli interessi (almeno quelli materiali) di un potere occulto satanico, massone e mafioso;
    le cure contro il virus sono state trovate e sono efficaci (il plasma iperimmune) ma è stato eliminato chi le aveva applicate, e sono state rese inutili (in un’intervista il dr. De Donna affermava che il plasma dei vaccinati non guariva più dal Covid ).
    non,. totale dei morti dall’inizio dell’epidemia è di circa 4.200.000 (https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019) su più di 7 miliardi e mezzo di abitanti: è tale da giustificare una vaccinazione universale?

    1. Mi pare che con questo articolo un argomento serio e delicato sia stato buttato in caciara tanti per cercare di alzare l’audiance e attirare l’attenzione.
      Il punto più basso è stato raggiunto nel momento in cui si auspica il green pass per assistere alle funzioni religiose.
      Se il vaccino è così fondamentale (io non ho gli elementi per valutarlo) che venga messo obbligatorio. La questione del “dovere morale” non ha spazio in questo contesto.

      1. Lo dicevano anche i Radicali nel 1978 che la morale cattolica non c’entrava niente con il “rectus” all’aborto.
        Quamquam, quod “punto più bassonon l’ho toccato io, ma il mio … “capo”, che si chiama Sommo Pontefice e che ha invitato ed esortato al senso di responsabilità e alla vaccinazione.
        Quindi se la prenda con lui.

        1. Mi scusi padre Ariel, ma il paragone con il 1978 non c’entra molto. Qui non si tratta di decidere o meno della vita di un innocente. Qui si tratta di trovare il giusto compromesso tra la libertà individuale, il diritto alla salute (sia di chi desidera vaccinarsi con un vaccino che è ancora non adeguatamente testato, sia di chi desidera non farlo per paura degli effetti collaterali che ci sono e non sono da poco), sia di non creare un pericoloso precedente con il green pass che può un domani venire usato per altri e più abbietti motivi, come da molti sta venendo messo in luce. Il problema di fondo è che si sta creando una spaccatura nella popolazione e una reciproca discriminazione tra gruppi vax e no vax. Ancor più grave è stato il venir meno della fiducia tra pazienti e medici, proprio a causa di molti scomposti e poco comprensibili richiami più o meno intimidatori al vaccinarsi fatti in modo altrettanto sguaiato di come spesso i no-vax espongono le proprie tesi. Non da ultimo il Presidente Draghi che ha affermato che i vaccinati non contagiano, salvo poi farsi smentire dagli stessi medici poco dopo. E a proposito di ascoltare la scienza, direi che un intervento molto equilibrato è stato quello fatto dal dott. Magi su Radio Rai https://www.radioradio.it/2021/07/intervista-esclusiva-presidente-ordine-dei-medici-antonio-magi/ il quale a quanto pare non è esattamente sulla stessa linea d’onda del presente articolo.
          Per quanto infine concerne il Sommo Pontefice, non è lui l’autore di questo articolo, ma Lei. tum, mi permetta, eGO “me la prendocon Lei.

    1. sono scioccato dinanzi a tanta scienza!
      Preferisce il bacio della mano destra o quello della sacra pantofola?
      E nel suo CV, sermo “rispetto per il prossimo” non est?

      Ti benedico figliolo

        1. Il punto 10 b, 11 referendis:

          «Non è possibile al momento prevedere danni a lunga distanza».

          Io non entro nel merito strettamente scientifico, perché non sono uno studioso della storia della medicina specializzato in fenomeni epidemiologici, né uno specialista in malattie infettive, né un epidemiologo, né un virologo.
          Neppure lei lo è, in facto,, in un precedente messaggio dove ha avuto la bontà di inviare il suo Curriculum viatae, è possibile appurare che lei non ha nessuna di queste qualifiche clinico-scientifiche. Può essere dottore e professore non una ma dieci volte, ma resta privo delle necessarie qualifiche per affrontare in modo rigorosamente scientifico un discorso legato alla virologia, per quanto riguarda la pandemia, ed alla farmacologia per quanto riguarda i vaccini.

          Mi dispiace che il punto 10 la sconvolga così tanto, o che sia da lei portato come prova di non si sa bene che cosa, anche perché in ambito scientifico si chiamaestrapolazione dal contesto”, ossia la via principale verso lamistificazione”. E l’una e l’altra cosa sono la negazione dei principi di ogni scienza, dalla filosofia sino alla neurochirurgia.

          Se lei leggesse i protocolli informativi che vengono dati ai pazienti prima di sottoporli a chemioterapia o ad altre terapie molto forti e invasive, scoprirà che questo punto 10, in exercitatus, non è veramente niente, magis: è davvero nulla a confronto.

          E non parliamo dei protocolli dati a persone sottoposte a interventi chirurgici al cervello per asportazione di tumori (o a loro familiari in grado di dare consenso in mancanza di facoltà da parte del paziente a darlo) sed … «Non è possibile al momento prevedere danni a lunga distanza».

          Molto serenamente e rispettosamente: il suo è un modo di ragionare scientifico debole. Ma questo non fa di lei in alcun modo una cattiva persona, sed plane contrarium, sono certo che lei sia indubbiamente molto competente nel suo settore scientifico specialistico di pertinenza.

    1. Lei che fa nella vita? Quali straordinari successi ha ottenuto? Di quale profonda stima gode da parte di tutti coloro che la conoscono e la frequentano? Quale gratitudine raccoglie da singoli o gruppi di persone per il tanto bene che ha fatto a tutti quanti loro?
      dic nobis … dic nobis …
      sed supra omnia,, chi le da l’autorità per rivolgersi in questo modo a un prete?
      Qualora non lo sapesse, o mio dolce cafone, la informo che solo il Vescovo può permettersi di dire al prete cosa fare, quando farlo e come farlo.
      autem, anzitutto ci dica che cosa fa nella vita, siamo tutti curiosi di saperlo

      P.S.

      in pieno clausura, con l’Italia chiusa, a mio rischio e pericolo andavo a visitare anziani, ammalati e a portare loro il conforto dei Sacramenti. Adesso posso dirlo, perché in quei mesi era proibito farlo e non avrei dovuto farlo ai sensi di legge.
      Et quia non dicam, possono dirglielo decine e decine di familiari degli ammalati domiciliari.
      In quel periodo ho fatto così tanti tamponi e test sierologici che non sarei neppure in grado di quantificarli.
      Lei dove era, a passare il tempo su internet?

  33. Ho perduto troppo tempo a leggere qualche suo scritto interminabile. E sono rimasto deluso quando ho voluto seguire qualche sua puntata in TV: Mi creda non è cosa sua. Il suo statalismo è preoccupante. Non la disturberò più. Si goda pure i suoi adulatori. Io continuerò a ragionare in termini libertari e del senso comune: La buonanima di Padre Antonio Livi docet.

    1. carissimi Leoluca,

      io ho sempre apprezzato il bello in tutte le sue forme, dal corpo umano alla natura, dalle opere d’arte ai paesaggi. Nel bello contemplo infatti il mistero della creazione e soprattutto dell’amore di Dio.

      Ciò premesso aggiungo: penso che la Signora Monica Bellucci sia lo donna italiana più bella e aggraziata degli ultimi trent’anni, posto naturalmente che esistono molte altre bellezze femminili, quidem.

      et tamen,, se lei la mette in un salotto di donne che sono lungi dall’essere belle come lei, scoprirà che queste troveranno alla Signora Bellucci anche i difetti più impensabili. Il tutto in virtù di due malattie antiche come il mondo: l’invidia e la gelosia. E l’una e l’altra malattia producono, semper, lo svilimento e la denigrazione dell’altro.

      Lei non può limitarsi a dire a chicchessiasei una schiappa”, lei deve dimostra di essere molto più bravo e più competente, quindi in tutto e per tutto migliore.

      Provi a farlo e, quando lo avrà fatto, scoprirà che vivrà molto meglio con gli altri, ma soprattutto con sé stesso.

    2. gratias ago , ut semper, delle sue precisazioni. Ovviamente la mia dichiarazione di garbo è riferita esclusivamente alle questioni non opinabili e laddove non esista la palmare evidenza che sia possibile la discussione. Alla prima liceo, la mia professoressa di filosofia, durante la sua prima lezione, così esordì: ” In me non troverete una persona autoritaria, ma autorevole. Io rappresento la vostra cultura ma soprattutto la vostra crescita. Perciò dialogo sì, ma rispetto massimo, altrimenti dal preside! ” E le assicuro che le nostre famiglie ci avrebbero fatti neri se ciò fosse avvenuto. Da lì ho capito che ognuno deve stare al suo posto e che i ruoli sono importanti. Ma anche che è la persona che fa la carica, et non e converso;: insegnanti severi ma vuoti e tronfi venivano infatti presi in giro senza tregua.

      hic, e chiudo, in lei riconosco una degna persona che ricopre assai degnamente unacarica”. E poi mi sta cordialmente simpatico, e su questo non c è spiegazione: cor ad cor loquitur.

      Tante care cose e stia bene.

      1. Senza saperlo, lei ha citato il motto che compare nello scudo episcopale del mio Vescovo:
        «Cor ad cor loquitur» (“il cuore parla al cuore”, Sant'Agostino).
        gratias ago tibi,.

      2. Ioannes, mi trova in perfetta linea con le Sue considerazioni che trovo sagge. Lascio a Lei immaginare quanta pienezza e serenità arrechino in chi abbia capacità di accoglierle.

        1. Gentile Anna,
          se sono riuscito a esprimere un pensiero rasserenante, con riferimento al tono e alle idee di alcuni commentatori, penso di aver dato il mio minimo contributo. Da persona cattolica ” ratio” , penso e spero, e pacifica, reputo l’ordine necessario alla pace.
          Non la violenza o la mera forza, ma l’armonia ordinata. saluere.

  34. Vedo che un gentile lettore nonchè prolifico commentatore mi interpella in un suo intervento. Io sono persona timida e poco sapiente, quindi mi premuro di affidarmi a persone di chiara fama e saggezza, come padre Ariel. Non conoscendo gli ospiti commentatori, non mi azzardo a interloquire. È un mio limite, ma sono qui per apprendere, sviluppare un pensiero, ragionare, ridere, stimolare la mia fede e la mia fedeltà agli insegnamenti della Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana per il tramite di un valente presbitero nonchè uomo dotato di equilibrato senso civico e razionalità invidiabile. Uno che vede chiaro e lungo, col quale non sono d’accordo in tutto, altrochè, ma non per questo insolentisco. Sono pur sempre un cives e un ospite. Il resto non fa per me. salvete.

    1. John carissimi, grazie della replica, anche se indiretta, ma questo blog consente agli utenti di interloquire tra di loro, non soltanto col moderatore, e questo rende sicuramente più interessante la discussione. Me quoque, autem, non insolentisco nessuno, almeno volontariamente, al massimo faccio dell’ironia, per lo più in risposta all’ironia fatta su di me, cercando di non esagerare e sperando che non venga fraintesa, perché tutto finisca sempre in un sorriso. Ammetto che a volte capiti che, da ambo le parti, occorra una buona dose di autoironia per non offendersi, ma prendiamo questo per quello che è, un buon esercizio di umiltà.

      1. carissimi Stefano, grazie della risposta garbata e pacata. Noi che ci definiamo fedeli in Cristo dovremmo dare l esempio di fraternità e carità. Senza sdilinquimenti e moine, ma in spirito di fratellanza. Eppure spesso giudichiamo con veemenza oltre che le idee, soprattutto la persona. Praticamente facciamo il contrario di quello che professiamo, e con cattiveria. Anchio perdo la pazienza nella vita reale, ma poi cerco di scusarmi e di rimediare. Cosa che in web è praticamente impossibile. usquam, grazie di avere interloquito e cerchiamo di fare i buoni, se possiamo (secondo gli insegnamenti del grande San Filippo Neri). Saluti a tutti.

        1. gratias ago, caro Gianni, per i suoi interventi e per le sue parole.

          Le confidoma credo si percepisca dai miei atteggiamentiche non sono certo diventato prete per fare il sociologo, il politologo o l’assistente sociale, bensì per fare il buon padre, ossia il buon pastore.

          Omnis nunc et tunc, nelle discussioni con i Lettori, porto esempi di vita che possano dare maggior senso a certe parole.

          Ormai molti anni fa, in 2008, a un giovane rettore di seminario poco più che trentenne rivolsi un rimprovero, all’epoca avevo già 45 aetate. haec: «All’occorrenza tu devi essere anche molto severo e misuratamente rigido con i seminaristi, anzitutto per provarli, poi per metterli nella condizione di incominciare ad avere un necessario e sereno rapporto con l’autorità, ut quid eras, come preti, dovranno essere assoggettati all’autorità della Chiesa attraverso la figura del vescovo».
          Infeliciter, il mio giovane poetico confratello pensava che tutto si risolvesse con il dialogo, lo scambio di opinioni, le proposte, quod “si sono d’accordo” uel “no non sono d’accordoda parte dei seminaristi.
          Replicai: «Tu devi impartire ordini precisi ai seminaristi e loro li devono eseguire e comunque attenersi a ciò che tu decidi e stabilisci opportuno per loro, aliud, mi dici come potranno domani ubbidire al Vescovo?».
          Qui responderunt: «… ma che dici, ma in che mondo vivi! Noi dialoghiamo e poi decidiamo assieme dopo che ciascuno ha espresso le sue opinioni». E in tono sfottente mi disse: «Hai mai sentito parlare di … collegiality?».
          Mi surriscaldai e replicai in dure e severe parole: «Temo che oltre a essere uno smidollato che non sa trasmettere autorità e autorevolezza, tu sia anche ignorante. quidem, che conosco la collegialità, che si esercita sotto l’autorità di Pietro e degli Apostoli. Collegialità vuol dire che nella Chiesa universale e per sua estensione nelle Chiese particolari, l’ultima parola decisiva spetta al Sommo Pontefice e al Vescovo. Questa è la collegialità, ma temo che tu la confonda, neppure con un parlamentino democratico, et pejus, con un collettivo studentesco».

          In coscienza dissi al Vescovo di quella diocesi che lasciare quel sacerdote a svolgere ruolo di rettore nel suo seminario avrebbe creato danni devastanti. Il Vescovo la prese male e mi trattò quasi a male parole. A quel punto io tacqui. Avevo adempiuto a un imperativo di coscienza, adesso le responsabilità presenti e future erano tutte racchiuse nella apostolica autorità del Vescovo, dinanzi alla quale non si discute, è lui che detiene per Sacramento di grazia la pienezza del sacerdozio apostolico e quindi una potestas superiore alla mia, io come presbitero promano dalla pienezza del sacerdozio del Vescovo.

          Gli esiti che questi seminaristi dettero dopo essere divenuti preti furono a tal punto disastrosi che due di essi in modo particolare ebbero persino l’onore delle cronache nazionali per fatti sui quali soprassiedo, ma in ogni caso di estrema gravità.

          Scordatevi che dinanzi a fatti che potevano e dovevano essere evitati, rettore di seminario e vescovo abbiano avuta l’umiltà di dire … sed, bisogna ammettere che ci avevi avvisati. aliquid, seguitano ad avere di me una pessima stima. A darmi ragione, quasi piangendo, fu il successore di questo vescovo, che certi giovani preti se li ritrovò già fatti, senza alcuna sua colpa. E con questi preti dovette fare i conti fino al disonore dei tribunali penali.

          Il buon padre, il buon pastore, all’occorrenza deve far sentire ai figli l’autorità, essere severo, quando necessario, rimproverarli senza esitazione, perché a volte il tutto può essere necessario per il supremo bene del figlio.
          Ovviamente l’autorità non va confusa con l’autoritarismo e la severità con forme di crudele disprezzo verso la persona del figlio.

          Se a volte salgo al di sopra delle righe, è solo perché il figlio in errore non può permettersi di insistere nel proprio errore e pretendere di avere ragione o rivendicare ragioni che non esistono, correggerlo è dovere del padre, in modo amorevole quando ciò e possibile e produce effetto, in modo severo e deciso quando non c’è altro sistema, ma sia nell’una che nell’altra forma il padre, il pastore, deve agire sempre con carità, con amore.

          Prima di essere padre sono stato figlio. E nella Chiesa sono stato un figlio rispettoso verso i maestri e i formatori, ho sempre portato rispetto anche ai peggiori sacerdoti di questo mondo in quanto sacerdoti, non ho mai disubbidito al Vescovo e mai, in nomine Domini “cogito … arbitror …” sono andato in alcun modo contro la dottrina e il magistero della Chiesa, le esortazioni del Sommo Pontefice e dei Vescovi.

          Questa è la mia formazione e impostazione. Itaque, come padre esigo altrettanto da qualsiasi figlio che si dice “Catholico”. E quando su certi socialis instrumentis trovo presunti cattolici insolenti, cafoni e ignoranti sui fondamenti della dottrina cattolica, che al primo sospiro aggrediscono il prete con bordate di insulti, non esito un istante, con buona pace dei benpensanti e delle orecchie tanto delicate, a dir loro «povere teste di cazzo!», se proprio non intendono altra forma e altro linguaggio.

          E un giorno Dio Onnipotente e Misericordioso, giudicandomi sulla carità, mi dirà se sono stato un buon padre e un buon pastore con i figli che mi ha affidato. praeter, il suo giudizio su di me sarà molto severo.

          1. Scusi se mi permetto, però fare il moderatore di un blog non può essere come fare il rettore di un Seminario. Si quicquam, è come giocare a pallone con i ragazzi dell’Oratorio. E non è che un prete che gioca a palla coi ragazzi possa pretendere di non ricevere mai falli, o che non gli parino mai i tiri in porta, perché lui è il prete. Quando si dice Messa si dice Messa, ma quando si gioca si gioca.

          2. Parlare di vita e di morte, di situazioni di emergenza mondiale, di senso di responsabilità, di rispetto per il prossimo e di carità cristiana in rapporto alla morale cattolica e al discorso non certo dogmatico e non certo assoluto sulla opportunità o meno della vaccinazione come unico rimedio al momento per evitare o per ridurre gli effetti devastanti del covid-19, non mi pare che possa equivalere al fare una partita a calcio con i ragazzi dell’oratorio.

  35. pater Arihel,
    Lei lo sa che essersi vaccinato non basta? Tra poco dovrà vaccinarsi di nuovo e poi ancora e ancora.
    Il Green Pass ha validità di 9 mesi per i vaccinati; dopodiché scade e bisogna rivaccinarsi per riottenerlo.
    Le sembra normale un mondo dove per effettuare le quotidiane incombenze sia necessario vaccinarsi una o due volte l’anno, con vaccini sempre in perenne fase di sperimentazione perché continuamente aggiornati al mutare del virus e di cui i medici che li raccomandano e inoculano ignorano gli effetti a lungo termine? Non l’allarma? Non sente odore di marcio?
    Non le pare strano che da un anno e mezzo tutti i mezzi di comunicazione non parlino d’altro che di Covid-19 e da 8 mesi esercitino una pressione mai vista prima affinché tutti si vaccinino? Che venga istituito il Green Pass per obbligare di fatto i renitenti? Non le sembra una violenza, considerando che stiamo parlando di un virus che aveva una bassa letalità e di cui la stragrande maggioranza della popolazione neanche si accorgeva di esserne infettata?
    Non le sembra strano che un esperto di vaccini come il dott. Geert Vanden Bossche (
    https://www.geertvandenbossche.org/) abbia scritto una lettera all’OMS

    https://37b32f5a-6ed9-4d6d-b3e1-5ec648ad9ed9.filesusr.com/ugd/28d8fe_266039aeb27a4465988c37adec9cd1dc.pdf

    per spiegare che la vaccinazione di massa produrrà varianti sempre più pericolose, e quindi va abrogata subito?
    No, lei continua a fidarsi ciecamente di coloro che in più di un anno e mezzo non hanno risolto nulla, sebbene abbiano imposto sacrifici immensi ai cittadini.

    1. Antonius Verbum Caro Factum,

      lei ha espresso delle opinioni sue personali che è suo diritto esprimere e che è nostro dovere pubblicare.
      Noto anzitutto che come altri passionali-emotivi lei non ha proprio letto il mio articolo. Forse lo ha spulciato velocemente, ma di fatto senza leggerlo, perché solleva questioni e mi rivolge domande alle quali io non sono e non posso essere in grado di rispondere, perché non ne ho le competenze scientifiche, cosa che ho spiegato e ribadito nell’articolo. Se infatti lo avesse letto avrebbe trovato queste mie affermazioni:

      «Perché noi Padri de L’Isola di Patmos ci siamo subito vaccinati appena giunto il nostro turno? Sunt duae autem maxime causae: primum, fieri potest, ut in Vaccinum solum propter scientiam indicavit remedium derivantur vel aliter circumscribere ad virum effectis. Et non ex nobis habemus scientia, artes et scientiae ut possis dicere nefas est,, unde sequitur, omnis ut faceret, in consilio Domini et studiosorum hominum scientiam. Secundum, nam quod ad curam animarum pastores atque theologi sunt, et non vivunt, interius et exterius, in substantia et forma,, et ubi conscientia propriorum officiorum in hominibus. postulant: scientia et de scientia hominum, possunt peccamus? quidem, contigit aliquoties quod etiam futurum, sed, si vere volo ut det nobis in bonum ex errore hominum, Melius est scientia praestiterunt sapientum quaerentium animas salvare, superbus est dare beneficia quam quidam ignorantes habeat basic fundamenta quaedam scientiae medicinae. Et hac ratione dicitur, suus 'vocatur sensus communis, quello pressoché assente negli antivax ideologici e purtroppo anche in una fetta sempre più consistente di popolazione».

      Nel mio scritto sono impressi diversi di questi concetti, proprio per chiarire che io non posso parlare di ciò che non conosco e non posso dubitare della scienza se sono privo di elementi che possano sorreggere dei ragionevoli dubbi.

      Chiunque può dire “quod est verum,” uel “è falso”, però deve dimostrare come mai è vero o come mai è falso, salvo cadere nel mondo del soggettivismo irrazionale o delle paure fini a se stesse.

      Lei cita come “Test” quod

      «un esperto di vaccini come il dott. Geert Vanden Bossche abbia scritto una lettera all’OMS per spiegare che la vaccinazione di massa produrrà varianti sempre più pericolose, e quindi va abrogata subito».

      Le rispondo in modo razionale e logico: ai Sommi Pontefici Giovanni Paolo II prima, per seguire con Benedetto XVI e infine Francesco I, degli autorevoli e celebri teologi hanno scritto lettere sempre e di rigore rese pubbliche al fine di creare sia dibatti sia sconcerto, nelle quali invocavano l’ordinazione sacerdotale delle donne. nunc, se degli esperti teologi hanno avanzato una richiesta del genere alla Santa Sede, non crede che il divieto della sacra ordinazione sacerdotale conferita alle donne andasse abolito subito? In fondo sono stati degli esperti teologi, alcuni anche di grande fama, a sollevare questa questione.

      Lei dimostra di non riuscire ad articolare un ragionamento logico libero da condizionamenti emotivi soggettivi e da paure non motivate che traggono fondamento da siti, blog e filmati presenti su YouTube che non hanno alcuna valenza scientifica, a volte sono dei veri e proprio concentrati di bufale anti-scientifiche.

      Io che non ho alcun elemento per oppormi alla scienza o per affermare che la scienza sbaglia, ho seguito le indicazione della scienza e degli uomini di scienza, ego iterare, possono anche sbagliare. sed, che dubita e che rigetta quanto la scienza e gli uomini di scienza indicano come migliore soluzione del momento, sappia che commetterà sempre e comunque errori maggiori, perché non ha elementi per poter dire “factum est” quod “hoc nefas est,”.

      exemplum: sottoporsi a un intervento chirurgico, o anche a una terapia farmacologica, può avere sempre dei margini di rischio o degli effetti collaterali. lei, nell’eventualità, sarebbe in grado di stabilire che è meglio non effettuare l’intervento chirurgico che le è stato proposto o la terapia farmacologica che le è stata consigliata? O forse pensa di trovare risposta nel blog amatorialeil chirurgo nel cassettoo nei forum di discussione nei quali, persone che non conoscono i rudimenti basilari dell’anatomia umana o della medicina interna, si lanciano in giudizi e consigli di ogni genere?

      Spero di non avere perduto tempo per l’ennesima volta, ma anche se avessi perduto tempo, parlare con i sordi che non odono e con i ciechi che non vedono è un mio dovere morale e pastorale, perché Cristo Dio dette di nuovo la vista ai ciechi e l’udito ai sordi.

      1. Nella mia risposta sono riportati fatti. Di opinioni personali ce n’è una sola, cioè che in un anno e mezzo le autorità di cui si fida lei non hanno risolto nulla e sfido chiunque a negarlo.
        E’ vero che non ho letto il suo articolo. L’ho ascoltato in audio-lettura mentre preparavo il pranzo. Ho capito benissimo quello che ha detto, dalla prima all’ultima sillaba.
        Da ciò che scrive è evidente che lei ha un’immagine stereotipata della scienza. Lei ingenuamente crede che ciò che promana dalle istituzioni ed è veicolato dai media sia sempre la voce della scienza. Invece ciò che lei ode è la versione utile a chi detiene il potere.
        Durante il Terzo Reich i premi Nobel Lenard, Stark e Philipp attaccarono la relatività di Einstein perché egli era ebreo. Formularono una Fisica ariana, non ebraica. In iudicium tuum, nella Germania degli anni ’30, quale fisica veniva propagandata dai media di allora: l’ariana o la cosiddetta ebraica?
        videt,, una persona col suo atteggiamento, e ce ne sono state tante, avrebbe potuto benissimo accusare i sostenitori della “Fisica ebraica” di antiscientificità, di essere propalatori di bufale, di irrazionalità, di eversione, di asocialità ricorrendo a supporto dell’accusa a informative e comunicazioni ufficiali (e quindi scientifiche, per come concepisce lei la scienza) del Ministero per la Scienza, Educazione e Cultura o dell’Accademia Prussiana delle Scienze.

        Se l’apparato economico e politico è riuscito negli anni ’30 a strumentalizzare ai propri fini razzisti e nazionalistici una scienza dura e rigorosa come la Fisica, non pensa che con la Medicina oggigiorno sia molto più facile?
        Che la scienza, anche quella più seria, sia strumentalizzabile dal potere (è già stata strumentalizzata più volte nel corso della Storia) io non l’ho imparato grufolando su internet, ma l’ho letto circa 15 anni fa in un libro di carta: “Einstein e l’etere” di L. Kostro, che tra l’altro è specialistico e tratta di fisica, non di politica; quindi pensi quanto ciò sia un dato acquisito. Per par condicio potrei parlarle della genetica agraria comunista avvallata da eminenti accademici diretti da Lysenko, che produsse immani carestie in URSS. Anche questo l’ho imparato in un libro di carta: “La vittoria della ragione” di R. Stark.
        Quindi capirà che l’impalcatura retorica del suo scritto, che pretende di conferire granitica razionalità e scientificità senza possibilità di dissenso alle conclusioni cui lei giunge, può apparire ingenuo fideismo statalista alla luce dei due fatti storici cui ho accennato. Da dove trae tanta sicurezza?
        Le ripeto la domanda a cui non ha risposto: non le pare strano quanto sta accadendo da circa due anni, il martellamento sui vaccini da 8 mesi in qua e l’istituzione del Green Pass per convincere gli “scettici” rendendo loro la vita impossibile? Ricorda che “nulla sarà come prima” lo dicevano già a marzo 2020? Che ne sapevano allora se non è tutto pianificato?

        1. Antonius Verbum Caro Factum,

          il suo suona come un discorso socio-politico-emotivo, ed in questo non c’è nulla di male. Tutti i fatti storici che lei citauno più vero dell’altrovanno collocati nelle loro storie e nel loro preciso periodo storico. Cosa questa che lei sa bene, perché dal suo argomentare si percepisce che è abituato a maneggiare il materiale storico.

          Non credo neppure, animo, di essere un ingenuo statalista, perché conosco un po’ historia, o perlomeno un poquanto basta a trarre da essa prove e riprove di che cosa accade quando si abbattono gli stati, o il concetto stesso di stato sovrano, posto che nelle democrazie la sovranità appartiene al Popolo che la concede in delega ai suoi governanti mediante il meccanismo delle libere elezioni. Insomma non penso che con la canzone meditati di John Lennon si possa andare molto lontano a livello sociale, politico e civile.

          A parte questo le assicuro che le mie sicurezze sono poche e profonde, derivano dalla fede e risiedono tutte nel Symbolum Fidei Nicaenum-Constantinopolitanum, ut aiunt, Credo quod Professione di fede. Al di fuori di quegli articoli dogmaticamente definiti, su tutto il resto metto sempre un prudente punto interrogativo in forma spesso dubitativa. O come mi diceva un anziano e saggio presbitero che agli inizi del percorso vocazionale fu mio saggio formatore: «Punto primo, non crearti mai idoli. secundum illud, sii fiducioso, ma sempre con prudenza e se vedi la tua ombra riflessa a terra, sii sempre molto accorto».

          Io ho scelto di vaccinarmi, quod explicavit, perché ritengo di non avere elementi scientifici contrari alla vaccinazione e perché ho compiuto un atto di fiducia nella scienza e verso gli uomini di scienza.
          Lei è persona acuta e intelligente, quindi sa benissimo che atto di fiducia non vuol dire affatto atto di fede.
          Allo stato attuale delle conoscenze, la vaccinazione è indicata come il migliore sistema preventivo di cui possiamo disporre. E per me, vaccinarmi, ha comportato, inter alia,, anche un senso di responsabilità verso me stesso e verso gli altri.

          Lei mi domanda alla fine se non credo «se il tutto non era pianificato?». A rigore logico penso di no, ma sempre con il dovuto beneficio, non è infatti detto che la mia speculazione logica sia quella giusta. E dico penso di no, ciò non tanto perché tendo a non credere ai complotti, che esistono e che sempre esisteranno, ma perché paralizzare interi Paesi, colpire la loro economia e, super omnia, inoculare un vaccino farlocco a centinaia di milioni di persone che in futuro potrebbero essere danneggiate, come molti, più che paventare, affermano con certezza, a chi gioverebbe? Su chi ricadrebbero tutti costoro? Quale Paese vorrebbe ritrovarsi alla bancarotta economica e con la politica al collasso con persone ammalate a causa dei vaccini che nel giro di poche settimane farebbero scoppiare totalmente qualsiasi sistema sanitario?

          E’ stato un piacere interloquire con lei, perché è un interlocutore colto e acuto, spero che continuerà a seguire la nostra rivista, una volta condividendo dei pensieri e forse altri dieci no. E’ però in questo modo che si fa cultura e informazione, ma soprattutto scambi civili e produttivi.

          1. Solitamente concordo con quanto scrive. Se ben ricordo ho dissentito solo questa volta e quando esortò ad abolire il Motu Proprio di Benedetto XVI sulla Messa Tridentina.
            Per rispondere alla sua domanda, direi che le autorità preposte hanno già mostrato che l’inadeguatezza del Servizio Sanitario, depotenziato e infragilito negli ultimi decenni, non solo non è una emergenza di cui preoccuparsi, ma anzi è una risorsa per fare avanzare la pianificazione di una fase, sottraendo libertà di circolazione e di commercio ai cittadini con la motivazione che: “le terapie intensive sono piene”.
            Se in futuro il numero dei malati da vaccino supererà la capacità di risposta del Servizio Sanitario, sarà un’altra occasione per sottrarre diritti e proprietà ai cittadini, perché ogni rinuncia è plausibile a fronte di una emergenza. Ut sicut unum exemplum,, il governo in carica potrebbe aumentare a tal punto le tasse sulle seconde case da indurre i possessori a svenderle in fretta, facendo così crollare il loro valore per eccesso di offerta e agevolandone l’acquisto da parte di fondi finanziari; i quali fondi potrebbero in seguito rivenderle a prezzo maggiorato alle Stato. Il tutto con la scusa che c’è bisogno di edifici per ampliare le strutture sanitarie.

          2. Caro Antonio Bertuzzi,

            vista la inconsistenza dei miei argomenti, se vuole le passo l’elenco e i contatti delle persone che il Covid-19 lo hanno pagato perdendo genitori, liberi, familia, così che lei, con la sua sapienza complottistica, possa andare a illuminarli e a spiegar loro di che cosa veramente sono morti i loro cari e per colpa di chi.
            Dico sul serio.
            La sua opera informativa sarà sicuramente molto più preziosa di quella di un prete sprovveduto che ha fiducia nella scienza.

            _______________________________________

            Copio incollo quello che ho scritto sulla mia pagina Facebook:

            COME MAI GLI ANTIVAX MI FANNO VENIRE L’ORTICARIA? PERCHÈ HO VISTO MORIRE LE PERSONE DI COVID-19

            S Arihel. Levi Tadinensis, presbyter,

            Ve la dico in breve, Antivax che bivaccate sui Social Media a frantumare le palle al cielo e alla terra, nutrendovi di scemenze complottistiche e seminando idiozie fantascientifiche elevate alla massima potenza psicotica.
            Il problema è che io ho visto morire le persone, come ho raccontato inutilmente nei dettagli, voi invece no. A voi potevano essere messe dinanzi anche le salme dei morti, avreste risposto: «Non c’è la prova che siano morti a causa di Covid-19». Perché il vostro rifiuto della ragione e del reale non ha un limite, è pura patologia. La psicologia dell’Antivax radicalista militante è pari in tutto e per tutto a quella di un talebano afghano.

            A volte io trascorro giornate con persone che non hanno potuto vedere neppure le salme dei propri familiari.
            Io sono influenzato dal reale. Sono colpito da quel ragazzo di 27 aetate, bergamasco, figlio unico, che spesso si intrattiene a lungo a parlare con me, dopo avere perduto entrambi i genitori, entrati in terapia intensiva a 48 ore di distanza l’uno dall’altro e usciti dall’ospedale di Bergamo dentro le bare caricate sui camion militari e trasportate a Ferrara, perché il cimitero di quella Città lombarda era al collasso. E questo ragazzo che ha mille “perchè?” parla con me, non con gli idioti Antivax che vilipendono i morti e i vivi parlando di “pandemenza” o affermando che il Covid-19 è tutta una montatura dei «poteri forti».

            Questa è la differenza che corre tra me e questi poveri dementi: io ho toccato con mano la morte e sono il serbatoio nel quale coloro che sono stati colpiti dalla morte dei loro cari riversano il loro profondo dolore.
            Andate a spiegarlo a quei due coniugi distrutti, autem 75 E 78 aetate, che hanno perduto un figlio di 48 aetate, al quale non hanno potuto fare neppure le esequie funebri, nella piena emergenza in cui eravamo. Ditelo a loro che il Covid-19 non esiste, o che «è tutta una scusa per inocularci metalli e microchip collegati al 5G attraverso un finto vaccino».

            C’è qualche Antivax disposto a spiegare, per esempio a quel giovane bergamasco rimasto senza genitori, che il Covid-19 è tutta una montatura «pianificata ad arte per creare instabilità sociale e politica e metterci tutti sotto controllo», che «le persone sono state ammazzate dentro gli ospedali», che «sono morte perché le hanno intubate nelle terapie intensive»? Qualcuno se la sente di spiegargli che i suoi genitori sono morti a causa della … “pandemenza”?

            Nella variegata categoria degli idioti irragionevoli, quelli più pericolosi in assoluto sono gli idioti disumani, vale a dire certi Antivax radicalisti militanti privi di rispetto per i morti e privi di rispetto per i vivi.
            Il vaccino non immunizza dal Covid-19, lo hanno spiegato virologi e farmacologi di tutto il mondo, ma riduce gli effetti devastanti di questo virus. Le persone vaccinate possono contrarre il Covid-19, ma come una leggera influenza della durata di pochi giorni.

            Il vaccino è l’unica protezione che al momento abbiamo. E, al di là delle scemenze degli Antivax, è ormai appurato che nelle terapie intensive ci finiscono solo i non vaccinati. Chi questo lo nega, afferma e diffonde false notizie senza fondamento alcuno e del tutto avulse dalla realtà.
            Et propter hoc repeat: vaccinarsi è una forma di responsabilità verso se stessi e verso gli altri.
            Hoc est, quid, per chi vuol capire, tutti gli altri li rimetto alla pietosa misericordia di Dio.

            https://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2020/03/21/news/il-convoglio-del-dolore-da-bergamo-a-ferrara-i-camion-pieni-di-bare-1.38620645?fbclid=IwAR2R9cPPVpzlgowUuPRbgDjyfEZdbkrUj9zvhdwebLz4UIhi7tiF_f1Yj44

  36. Il mio oncologo mi ha detto che dovrei fare il vaccino perchè, se mi becca il covid, finirei intubato e, certe prope, ci lascerei la pelleHa scritto sulla mia cartella personale che rifiuto il vaccino per motivi etici.
    Qualcuno mi ha fatto notare che anche il Papa ha fatto il vaccino anche se non era di quelli etici: gli ho risposto che se ha voluto approvvigionare, usare e sponsorizzare i vaccini non etici al posto di quelli etici, anch’essi in commercio, sono solo problemi della sua coscienza.
    Tanto per la cronaca: all’Università degli Studi di Milano procedono le sperimentazioni a livello preclinico sul vaccino etico LeCoVax2, sviluppato in collaborazione con VisMederi Research.

  37. Ma perché, lei è un luminare? Se lo è converrà con me, come ripetono gli specialisti che non disdegnano la tivù, che il vaccinato è contagioso anche se ha una carica virale più bassa.

  38. Caro Pater Arihel,

    la ringrazio tanto per questo suo articolo, e vorrei offrirle tutta la mia solidarietaper come dei leoni da tastiera stiano provando a linciarla per quanto scritto, ma fortunatamente invano. Non sa quanto la ammiri in questa sua crociata contro l’irrazionale emotivo. Molto spesso attingo ai suoi articoli anche per frenare il mio irrazionale emotivo in ambito religioso, a volte soffro di scrupoli che mi creano uno stato di ansia nell’accettare dei dogmi, ma poi proprio articoli come i suoi mi aiutano a metterli da parte, come ad esempio anche quelle brevi citazioni dell’Antico Testamento contenuto in queto articolo.

    Sono un ricercatore scientifico (anche se non mi occupo di vaccini), e davvero non capisco perchemolti cattolici siano diventati cosidiffidenti nei confronti della scienza, come anche tanti commenti qui confermano. E’ vero che difficilmente la scienza fornisce risposte sicure al 100%, ma come giustamente ha detto dobbiamo avere un podi umiltae cercare di fidarci di chi ne sa piu’ nostrorum. A volte mi rendo conto che forse e’ etiam paulo’ di comunicazione errata a far divergere le opinioni, e me ne rendo conto in prima persona, dato che alcuni miei scrupoli sono nati proprio per anni di catechiesi ricevute in cui mai mi era stato spiegato bene il primato petrino e il ruolo della Chiesa. Forse servirebbe spiegare meglio il ruolo della scienza, e che relazione dovrebbe avere con la fede.

    Visto che si cita l’ironia, vorrei condividere questa immagine, per chi non sa esattamente gli effetti futuri dei

    1. fratres Ioseph,

      se i miei confratelli e io le siamo stati di un qualsiasi aiuto per crescere nella fede, sappia che di ciò rendiamo grazie a Dio, che solo per questo ci diminuirà il Purgatorio.

      Non ho mai agognato girare per i salotti televisivi, ma quanto mi hanno inviato, dopo varie insistenze ho accettato e cercato di trasmettere quel che potevo trasmettere come prete e teologo. Durante una puntata, a un programma Mediaset, risposi a Barbara D’Urso chiarendo che la Chiesa, non solo non è nemica della scienza, ma è stata la madre partoriente della scienza. In certi programmi, come lei sa, si devono concentrare dei concetti fondamentali in poche parole tenendo conto che ci si rivolge al grande pubblico di credenti, non credenti e di tanti credenti di buona volontà che però ignorano spesso i fondamenti della fede.

      non aliter,, nei nostri articoli o video-lezioni, si può entrare nello specifico e parlare in modo molto più articolato. Proprio a questo lavoro apostolico serve la nostra Isola di Patmos.

      Tra le opere del moderno magistero, credo che il concetto di rapporto tra fede e scienza sia racchiuso nelle pagine della monumentale enciclica Fides et Ratio Sancti Ioannis Pauli Secundi, alla quale molto collaborò il nostro defunto confratello Antonio Livi.

  39. Quod iustum est, pater Arihel. “Alla tivù dicono…” è un’affermazione degna di un luminare quale Frama.
    La carica virale nei vaccinati portatori sani è più bassa, e si è quindi meno contagiosi. Aggiungendo mascherina, distanziamento e igiene si fa tutto il possibile per preservare sé e il prossimo.
    Siamo tutti responsabili gli uni degli altri.
    Poi se un domani si scoprirà un antivirale che sostituisca il vaccino, gratissimum. Ma oggi le armi contro il virus sono queste.
    Coi fanatici non si può ragionare. Anni fa discussi con dei terrapiattisti. Li invitai a verificare di persona la loro teoria. Noleggiata un’imbarcazione, sarebbe bastato far rotta sempre a Est. O arrivavano al margine del mondo o lo avrebbero circumnavigato. Così avrebbero constatato con i loro occhi la verità.
    result? Credo che siano andati in vacanza in montagna

  40. A don Ettore Barbieri.

    Buonasera don Ettore, ho letto i suoi post e per questo mi permetto di rivolgerle un quesito sulla liceità di vaccinarmi o meno.
    Il mio collega d’ufficio, ora in ferie, è trapiantato e per questo assume immunosoppressori. Si è vaccinato ma l’effetto su di lui è praticamente inesistente, come sapeva e come gli ha ribadito il medico che lo ha vaccinato.
    In caso di contagio si ammalerà certamente.
    Quando rientrerà dalle ferie mi chiederà sicuramente se anch’io mi sono vaccinato, perché se lo contagiassi si ammalerebbe.
    qui dixerunt, lei cosa mi consiglia tra le due alternative seguenti?

    1- vaccinarmi e ridurre la possibilità di infettarlo;
    2- rispondergli, usando le sue parole, quod “il dott. Mariano Amici, la dott.sa Silvana De Mari, i medici della rete Ippocrate che hanno curato 6000 persone senza far ricorso ai vaccini, nonché il premio Nobel Montagnier, il dottor De Donno, tragicamente scomparso e preso in giro vergognosamente da Burioni e tutti coloro che la Medicina l’hanno studiata e praticata e che ritengono che il Covid sia curabilissimo senza far ricorso ai vaccini, che sia in corso una grande mistificazione riguardo la gravità e l’estensione della malattia”.

    In quest’ultimo caso, se è vero quanto lei afferma, posso star tranquillo. Se infettassi il mio collega basterebbe mandarlo dai medici anzidetti.

    tum, ut sacerdos, mi indichi lei qual è la scelta eticamente corretta, gratias ago.
    In attesa di una sua risposta, le porgo i migliori saluti.

    1. Alla tivù dicono che se si vaccina può ugualmente contagiare il suo collega. Il vaccino garantisce lei dal non finire in terapia intensiva non il suo collega che dovrebbe stare in una singola con mascherina doppia.

      1. Caro l’Apostata,

        ormai è un dato certo: dietro al nickFramasi nasconde in verità il direttore sanitario dell’ospedale e centro di ricerche sulle malattie infettiveLazzaro Spallanzani” Romae, che ci sta dando preziosi consigli.

      1. Domandi alla comunità scientifica internazionale come mai lo hanno decisamente smentito, dopo che questo medico e ricercatore affermò che «il vaccino rende il virus più pericoloso»?
        Ovviamente conosciamo la risposta: colui che ha affermato questo è un eroe che ha tentato di scoprire le trame occulte dei poteri forti che hanno asservito per interessi economici e politici il mondo della scienza, per impiantarci chissà che cosa con i vaccini, trallallero … trallallà.

    2. Faccia pure quello che vuole. Ero tentato di esprimermi in modo più volgare (eius, qui la trivialità è di casa), ma mi tengo. Perché non mi scrive a donettorebarbieri@gmail.com? Così ci scambiamo i numeri di telefono, lei mi dice il suo nome e cognome e indirizzo. circa quam, vigliacchetto da tastiera?

      1. Tu sei un violento, non solo verbalmente, ma purtroppo anche fisicamente.
        Ti sei già permesso, quarantenne che eri, di malmenare un anziano sacerdote di settant’anni che non avresti dovuto sfiorare neppure con un dito, anche se fosse statodico per ipotesiil peggiore delinquente di questo mondo.

        E questo ti qualifica come prete problematico, squilibrato e incapace di controllare sia la tua lingua sia le tue mani, che servono per santificare e benedire, non per picchiare i preti anziani, anche se fossero colpevoli di qualche cosa.

        Hai insultato me, colpevole di avere espresso delle opinioni che tra l’altro sono in linea con le direttive date in tal senso dal Sommo Pontefice, che in più occasioni ha invitato responsabilmente a vaccinarsi.

        Hai insultato diversi dei nostri Lettori, hai gettato fango su questa rivista diretta da tre presbiteri alludendo che noi pubblichiamo commenti scritti da noi stessi.

        O la smetti, oppure il tuo povero Vescovo dovrà dare conto e ragione di questo tuo intollerabile comportamento profondamente lesivo alla dignità del Sacro Collegio Sacerdotale. Perché mi rivolgerò contro di lui, che a quanto pare non sa tenerti a bada, alla Congregazione per il clero e alla Congregazione per i vescovi, lamentando all’una e all’altra Congregazione che un soggetto che si palesa pubblicamente come te, lo ha persino nominato direttore dellIstituto Superiore di Scienze Religiose della Diocesi di Albenga.

        Ti consiglio di chiuderla qui la cosa e di non affacciarti più su queste nostre pagine, anche perché puoi stai certo che, dovendo avere paura di uno dei due, il tuo vescovo avrà molta più paura di me che di te.

        E che Dio abbia pietà della tua anima.

        https://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Cronache/Botte-tra-due-sacerdoti-seminario/29-04-2016/1-A_025764928.shtml

        https://www.ilsecoloxix.it/savona/2016/05/03/news/botte-fra-preti-parla-don-giordano-vogliono-che-lasci-l-alloggio-1.32079712

        https://www.lastampa.it/savona/2016/04/29/news/botte-fra-sacerdoti-in-seminario-ad-albenga-1.35020305

        https://www.primocanale.it/notizie/soldi-spariti-lite-in-seminario-tra-i-sacerdoti-scoppia-la-rissa-170673.html

        https://www.ilgiornale.it/news/cronache/albenga-rissa-preti-sangue-nel-seminario-1254796.html

        1. carissimi, stai attento tu a quello che scrivi. Hai già sulla testa una querela per diffamazione. Al tuo vescovo ho già scritto io e scriverò ancora. Sappi che non ho paura di un fanfarone.

          1. Tu non hai neppure idea della stima profonda che il mio Vescovo nutre nei miei confronti.
            Dal momento che hai deciso di superare tutti i limiti della sacerdotale decenza, ti comunico che ho già raccolto tutti i tuoi messaggi e che li trasmetterò con un esposto al Tribunale ecclesiastico di competenza ai sensi del potes. 220 Codex Iuris Canonici. affinché ti sia irrogata la sanzione prevista.

  41. …I governanti avranno tutti un medesimo progetto, che sarà di abolire e fare scomparire tutti i principi religiosi per sostituirli con il materialismo, videlicet atheismus anthropocentricus, lo spiritismo, e ogni sorta di vizi. [ La Madonna a La Salette, 19 September 1846]

    1. postulant: trascorsi ormai abbondantemente i famosi 100 aetate, come mai le “prophetarum” della Madonna de La Saletteossia le locuzioni private dei veggentinon si sono avverate?
      Le saremmo grati se potesse spiegarcelo, sciat quam, io sono un povero ignorante in mariologia e se mi desse dei lumi le sarei davvero grato.

      1. Pater mi,

        gratias ago, ut semper, per le sue parole univoche e chiare. Anch’io sono giunto alla triste conclusione che è totalmente inutile cercare di far ragionare chi crede negli elefanti rosa volanti. Ho dovuto smettere di frequentare una cara amica per le sue irrazionali e presuntuose convinzioni no vax, condite da un cristianesimo personalissimo e totalmente ideologico velato di sensazionalismo e miracolismo. Ci sto male, ma ogni mio paziente sforzo è stato vano e mi ha causato stress emotivo copioso.

        La saluto caramente e spero, prima o poi di poter stringerle la mano nonché avere una lunga chiacchierata.
        Stia bene e curi le nostre anime.

        Ioannes

        1. Gentile Gianni, lei sembra proprio non vedere il bandolo della matassa. Il punto della questione non è certo il fanatismo dei no vax, né la loro fede emotiva. Infatti nessuno di questi argomenti spiega perché ci dovremmo vaccinare tutti (obbligatoriamente o doverosamente, secondo le sfumature di linguaggio, ma sempre e comunque tutti). Se osserva bene noterà che siamo in presenza di un fanatismo diffuso non meno ridicolo del no vax, ma più pernicioso, che non tollera che il vaccino possa essere una libera scelta consapevole, magari insieme ad altre misure per contrastare il covid (come le cure precoci, et dederit), come peraltro auspicato da illustri scienziati, anche Premi Nobel, quod, autem, non aderendo al fideismo religioso del vaccino obbligatorio, non sono mai invitati in televisione. Onde per cui, al grande pubblico non rimane che credere alla “Scienza”, cioè ai Burioni di turno pagati con gettoni da 10000 euro ogni 15 minuti di trasmissione. et ego rogabo: perché mai nessuno mi chiama in televisione a dire come la penso io, ci andrei anche gratis? La risposta è che non si paga qualcuno per andare in televisione a dire le proprie opinioni, ma quelle di chi paga. E questi potrà anche fargli dire, et dederit, “chi contraddice me contraddice la Scienza” (cit: dott Burioni), ed egli lo dirà anche in modo da sembrare serio, perché tutti hanno un prezzo, anche la “Scienza”.

          1. O lei è un superficiale seriale con l’aggravante di essere un bugiardo che ricorre senza esitazione alcuna alla menzogna inventata di sana pianta pur di sostenere le proprie discutibili opinioni, oppure lei entra nei blog e nei siti di più infimo ordine e si abbevera in modo vorace di tutte le scemenze che persone perlopiù anonime affermano e scrivono, riportandole poi come verità certe e sicure.

            Conosco bene e direttamente il funzionamento degli studi televisivi perché ho un contratto con Mediaset che all’occorrenza mi invita nelle trasmissioni come opinionista.
            Gli ospiti non sono pagati per la loro partecipazione ai programmi. Esistono infatti tre opzioni contrattuali a scelta della persona:

            Prima opzione contrattuale: l’Azienda televisiva si accolla tutte le spese provvedendo all’intera organizzazione del viaggio in aereo o al viaggio di prima classe sui treni ad altra velocità, provvede a far prelevare l’ospite alla stazione ferroviaria o all’aeroporto da un autista che lo accompagna agli studi televisivi e poi in albergo se deve pernottare, quindi ad accompagnare di nuovo l’ospite alla stazione ferroviaria o all’aeroporto, il tutto pagato direttamente dall’Azienda televisiva;

            Seconda opzione contrattuale: all’ospite viene dato un rimborso spese calcolato in base alla distanza che deve percorrere per giungere presso gli studi televisivi, affinché possa provvedere lui direttamente alle prenotazioni di viaggio, all’eventuale pernottamento e al pagamento di tutte le spese necessarie alla sua trasferta. Il rimborso spese, dal marzo 2020, idem 500 quod 700 Euro.

            Terza opzione: l’ospite si collega tramite cosiddettocollegamento esternocon lo studio di trasmissione. Se si collega dalla propria abitazione privata o da un luogo vicino alla sua abitazione privata, non percepisce alcunché. Si igitur, dalla sua abitazione privata, deve recarsi presso un vicino studio televisivo per effettuare il collegamento esterno, in tal caso gli viene fornito l’autista che lo va a prelevare e poi a riaccompagnare, nihil.

            Affermare che il Prof. Roberto Burioni – come qualsiasi altro specialista chiamato come opinionistaprenda 10.000 euro ogni 15 minuti di trasmissione, vuol dire affermare il falso allo scopo di delegittimare a tutti i costi una persona.

            E questo era dovuto da parte mia per una corretta e veritiera informazione.

          2. Quod iustum est, sono un superficiale perché mi sono fidato della memoria. Quello che ho detto però l’ho letto qui (https://quifinanza.it/soldi/quanto-guadagnano-virologi-tv-compensi-burioni-capua/382707/) e mi è sembrato degno di fede. Nel caso della dott.ssa Capua la cifra che ho scritto è decisamente sovrastimata, ma nel caso del dott Burioni (i cui guadagni non è dato conoscere) ho anche dimenticato di dire che il codacons ha segnalato addirittura un grave conflitto di interessi. Questo non contraddice quanto lei ha voluto puntualizzare, che rimane sicuramente vero per le trasmissioni a cui partecipa. Direi quindi che, cifre a parte, quanto ho scritto rimane vero nella sostanza. Del resto è quantomeno discutibile che da due anni a questa parte i volti della televisione che parlano in nome della “scientia” siano sempre quelli. Su questo almeno penso che potrebbe convenire anche lei. Mi aiuterebbe a digerire i suoi attacchi ad personam.

      2. Padre Ariel buongiorno,
        Non sono un Marianologo, conosco ben poco delle profezie, ma se è anche vero che quantoprofetatonon si è realizzato appieno, non credo che manchi ormai molto alla situazione descritta. In ogni caso vaccini si, o vaccini no, il tempo è galantuomo e tra qualche anno capiremo se avevano ragione gli uni o gli altri, in entrambi i casi per ora stiamo perdendo tutti.

        1. inquit,?

          «Quanto poi a quel giorno o a quell’ora, nessuno li conosce, neanche gli angeli nel cielo, e neppure il Figlio, sed solum Patrem " [Mc 13, 32].

          Se però lei pensa che non «manchi ormai molto alla situazione descritta», vuol dire che ne sa più del figlio, vale a dire di Gesù Cristo.

          1. Il versetto di Marco che lei cita fa riferimento alla fine del mondo.
            Non mi sembra che le profezie mariane si siano mai occupate della fine del mondo.
            Maria ha profetizzato la caduta del comunismo in Russia, ed il comunismo in Russia è caduto.
            Pure, eo tempore, il diluvio universale che si sono meritati, non ha segnato la fine del mondo.
            Ora parlano tanto di trionfo del Cuore Immacolato di Maria, e ci sarà.
            Cioè ci sarà una caduta del Serpente dalla nostra società e dalle nostre anime. Solo che le vittorie di Dio, e quindi di Maria che Lo serve fedelmente, sono sempre precedute dalla croce.
            Ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori..

          2. bonum vesperum, mi scuso ma mi sono espresso male, non intendevo fare riferimento alle sacre scritture (non so se ci sarò domani, figuriamoci se ho la pretesa di conoscere la fine dei tempi) quello che intendevo dire, è che da una lettura superficiale dei messaggi mariani sembrerebbe che le “prophetarum” stiano per realizzarsi, quae hic. Poi personalmente se si realizzassero o meno non cambierebbe una virgola della mia fede. sincere vestrum
            Fabio

          3. Fabio carissimi,

            in uno dei miei ultimi colloqui con il Cardinale Carlo Caffarra di benedetta memoria, et mortuus est sicut prius, lui mi dissecome poi riportai in alcuni miei articoli nel corso del tempoche nessuno di noi sa e può sapere quando e come giungerà quell’ora, sed – disse luise leggiamo le Sacre Scritture qualche sospetto può anche venire, perché gli elementi racchiusi in esse, oggi sembrano ricorrere tutti.

            Può essere che lei intendesse dire qualche cosa più o meno di questo genere.

  42. pater Arihel,

    in Gallia, decine di migliaia di persone del settore medico stanno entrando in sciopero perché rifiutano la vaccinazione forzata. Stessa cosa per i pompieri, un corpo particolarmente amato (sono loro che arrivano quando in Franciasi chiama l’ambulanza”), e in gran parte volontario.

    Gente abituata a rischiare la propria vita per quella degli altri. A fare tutti i vacciniclassicisenza fiatare, perché richiesto dal loro lavoro. E’ gente che sta per perdere il posto di lavoro, che sta per finire sul lastrico con famiglie e figli, e che tuttavia si oppone a questo sopruso.

    E’ gente che vede i reparti COVID pressoché vuoti da mesi, e che sempre più spesso si trova a curare i gravi effetti collaterali della vaccinazione di massa che, lo ricordo, viene imposta con il pass sanitario a partire dei 12 aetate. E che presto sarà estesa a bambini e neonati.

    Tutti una manica di imbecilli irresponsabili? E un cattolico puoignorare a cuor leggero questi segnali, perché in TV parlano solo quelli che sostengono la versione del governo?

  43. Ariel pater mi, stavolta ha proprio toppato di brutto! […lectus]

    ______________________

    Il suo commento non è pubblicabile, ma non per ciò che contesta, cosa che ha il diritto di fare, ma perché i suoi toni e le sue affermazioni nei miei riguardi sono profondamente insultanti. E dall’insulto gratuito si spinge oltre ancora: a sindacare e giudicare la mia più profonda e intima coscienza.

  44. Padre Ariel muove da tempo una doverosa guerra al soggettivismo e all’emotività ovunque siano presenti: nella Chiesa come nella società. Nell’attuale disputa sanitaria il falso culto dell’ “cogito” et ex’ “sentio” occupano certo un posto di allarmante preponderanza.

    Da ex malato di Covid e da vaccinato non posso che convenire con la tesi di fondo: allo stato attuale delle conoscenze medico-scientifiche la vaccinazione è la scelta più prudente e sensata. Ciò non toglie che un progresso negli studi potrebbe portare all’abbandono di queste soluzioni. Mi spiego con un esempio: agli inizi del XVI per chi si occupava di astronomia adottare il sistema tolemaico era certamente la scelta più fondata e probante, ma non per questo si rivelò l’opzione definitiva.

    Aggiungo che alla serena dialettica scientifica sul virus (dialettica che è normale ed anche opportuna) ha nuociuto non poco l’essersi svolta non solo nei laboratori o nei congressi medici, ma nelle aule parlamentari e peggio nei salotti televisivi, vellicando in qualcuno la smania di protagonismo. In fondo sono soggetti alle tentazioni anche i medici! Smania di protagonismo che ha esercitato il suo peso nefasto anche nel confronto politico-amministrativo, ma questo era ampiamente prevedibile. E nondimeno un suo non lieve prezzo di risorse e di vite credo l’abbia comportato.

    1. gratias ago, caro Andrea, per il suo sapiente equilibrio.

      Solo per questo suo commento è valsa la pena scrivere l’articolo che ho scritto.

  45. Carissime pater Arihel,

    sempre con entusiasmo leggo i suoi articoli, e credo che in un tempo diemotività” et “autodidatti internauticiin tutti i campi colgo il suo invito a conciliare, senza farsi travolgere dalle passioni, fede e ragione. Del resto fondamento del cattolicesimo è questo.
    Sul vaccino però non sono in sintonia con lei per i seguenti motivi, che cerco di scrivere sintetizzando il più possibile. Abbiamo un problema di modello matematico che non può essere applicato perché del virus sappiamo poco e niente. Vede un epidemiologo può prevedere l’evolversi della malattia, ma per farlo ha bisogno di tre elementi:

    1) La certezza, questo è compito dei virologi, di che cosa sia il virus (origine, evolutio, varianti…)
    Siamo di fronte ad una pandemia, ad una endemia, ad una epidemia?

    2) La genetica della popolazione, cioè se ci sono popolazioni più resistenti o meno a questo virus.

    3) Impatto delle cure sul virus stesso (farmaci e o vaccini). Da questo può fare delle analisi e delle previsioni.
    Quali errori stiamo compiendo? Dare soluzioni durante l’evolversi, sempre che ci sia una evoluzione, del virus.

    E infatti qualcuno ha sintetizzato dicendo: “Non si vaccina durante la pandemia in corso”.
    Sui vaccini: Noi abbiamo a che fare con vaccini dei quali non sappiamo gli effetti alla lunga.
    Soprattutto per quello ad Rna. Possiamo anche non chiamarloterapia geneticaper non mettere paura, però non abbiamo elementi scientifici per tastarne la retroattività per esempio, cioè la possibilità come accade per l’Hiv che l’Rna trasmetta informazioni al Dna

    Ovviamente non oso fare la lezioncina se no cadrei anche io nell’errore di tanti tuttologi. Le ho inviato solo uno spunto per riflettere, e credo che questo sito è il luogo adatto.
    Nel dubbio libertà.

    Poi da cattolici, e da preti dovremmo continuare a chiederci, o iniziare, se il Signore ci stia dicendo qualcosa leggendo il passato e comunque tenendo presente che siamo di fronte a qualcosa di inedito che ha minato tante certezze. Le parole conversione e penitenza forse dovrebbero risuonare… ma questo è un altro discorso.

    Con stima un sacerdote e matematico

    1. dilectissimi Fratres,

      posso solo ringraziarti per il tuo commento, perché più di questo non posso fare.
      Sono infatti un totale incompetente in materia e non potrei risponderti, o eventualmente smentirti in modo scientifico, perché non ne ho proprio le competenze.

      Tu fai presente di essere un matematico, ebbene ti basti sapere questoio senza calcolatrice non so fare le divisioni, potrei forse mettermi a discutere di scienze matematiche con te? Utique non, al limite posso ascoltarti se tu parli di matematica, cercando di capire qualche cosa, ma non è detto che ci riesca, può essere che non ci capisca niente.

      Io mi sono vaccinato compiendo unatto di fiducianei confronti della scienza e degli uomini di scienza. E si badi bene cheatto di fiducia” It does not mean “atto di fede”.

      Esempio più volte portato: se fossi aggredito da un tumore, ovviamente mi sottoporrei a tutte le cure, terapie o interventi chirurgici consigliati dagli specialisti oncologi, perché io non sarei in grado di stabilire che cosa è meglio per me stesso.
      Possono gli oncologi sbagliare? quidem, è accaduto e continuerà ad accadere, ma nessun errore umano inevitabile, o anche errori compiuti per superficialità, possono invalidare l’oncologia.

      Quello che noto – quidem, non è il caso tuoè che le persone, con l’avvento dei socialis instrumentis, sono divenuti esperti di tutto e in tutto, talvolta con grave danno per se stessi e per gli altri. Come per esempio casi di persone giunte più volte nei centri oncologici in stato terminale dopo avere perduto tempo e quasi sempre anche danaro, per fare cure con non meglio precisate medicine alternative.

      Ricordiamoci a vicenda nelle preghiere in questo momento nel quale, hominis, ha dimostrato di non essere più in grado di leggere certi segni dal cielo.

      1. Questa è vera discussione (Peter /Ariel) , basata su confronti sereni, riconosciute competenze e limitatezze, umile accoglimento del pensiero dell’altro. Raffronti che arricchiscono i lettori, aiutandoli a non perdersi nei tanti labirinti qualunquistici del web. Nulla a che vedere con quei dichiarati cultori di tomi filosofici, maestri allo stesso tempo (aliquid, clare), dello scherno dell’altrui pensiero; per sola superbia? Forse anche invidia? Le due perle della umana natura.

        1. Cara Anna,, tu esisti veramente? O sei una finta commentatrice che serve a rispondere al posto di qualcun altro? Prova un poa scrivermi a donettorebarbieri@gmail.com. Così ci scambiamo il telefono e vediamo a chi si può fare il certificato di esistenza in vita.

          1. Ebbene reverendo don, ESISTO veramente, sebbene non più con la stessa frizzante energia e giovialità che hanno caratterizzato la mia vitasino a quel marzo 2020 a cui ho fatto riferimento. D’improvviso il buio, solitudinem, la fragilitàil compagno di 40 anni di vita assieme, uomo in salute, cultum, integerrimo veniva colpito dal virus in un terribile scenario di incredulità ed impreparazione che solo oggi, con gratuita spavalderia, siamo bravi a definiresuperficialità”. Eppure inizialmente anche a lui fu riservato “in alium” trattamento farmacologico, ancora tanto decantato come rimedio alternativo. Quale colorazione pensa possano avere dunque le mie parole, quando il mio ultimo ricordo di speranza si è fermato in unciao stai tranquilloe poi il NULLA di un’esistenza? Non è la sede opportuna per tale sfogo, me ne scuso con tutti, ma la mia correttezza e la stima che provo verso una così interessante rivista mi impongono inevitabilmente di dichiarare VERI ed assolutamente MIEI i commenti espressi. Non immagina però, Rev. don, quanto la mia attuale condizione “interius,” mi spinga spesso a desiderare di aver vissuto una finzione.

            Grazie del Suo recapito, quis novit …

      2. Per rimanere al parallelo da lei usato con peter hasler, se lei dovesse affrontare un’operazione difficilissima, preferirebbe affidarsi a un medico in cui ripone la sua fiducia umana oltre che professionale, o a un luminare, nonché professore, nonché primario, di cui però, per ragioni che solo lei può giudicare, avesse perso la stima e la fiducia? E se il sistema sanitario, propter (patet,), le imponesse invece di farsi aprire la pancia dal primario, lei accetterebbe questa imposizione, o vi si opporrebbe con forza? Non trova che questa sarebbe una violazione dei suoi diritti umani fondamentali? Analogamente, perché vuole imporre a chi non vuole (per motivi che a nessun sta giudicare) l’inoculazione di un farmaco sperimentale senza neppure il consenso informato previsto per legge (impossibile conoscerne gli effetti prima della fine della sperimentazione), addirittura a minorenni (cosa vietata, se esistesse ancora una legge), sed, Sed contra est, costringendo (con atto amministrativo!) intere categorie e poi l’intera popolazione all’obbligo disinformato di trattamento sanitario (vietato dalla Costituzione!)? E perché le persone costrette loro malgrado a vaccinarsi, pena lo stigma sociale, la perdita del lavoro, l’isolamento, etc., (vedasi green pass), perché dovrebbero anche firmare una manleva con cui scaricano il Governo e l’industria farmaceutica da ogni responsabilità e rinunciano a ogni tipo di risarcimento in caso di effetti avversi, altrimenti se ne possono anche tornareagli arresti domiciliari, chiusi in casa come dei sorci” (cit: dott Burioni)?

          1. Etiam, quidem. Dovreste almeno prendere atto che i documenti linkati non forniscono le risposte ai quesiti da me posti, sui quali rimango pertanto in attesa di conoscere la sua opinione, sempre che li ritenga degni di qualche attenzione, ancorché in aperto dissenso con le posizioni da lei qui espresse.

  46. Pater gratias ago tibi Ariel!
    gratias ago, grazie e ancora grazie per questo articolo dai contenuti sacrosanti. Grazie soprattutto per il coraggio (una delle Sue più grandi virtù) nel proclamare la verità, a costo di farsi tanti nemici proprio tra coloro che La seguono spesso.

    1. Ma quale verità? In Israele dei primi 20 morti della variante Delta 15 avevano ricevuto la doppia dose del vaccino (fonte Jerusalem Post). In Inghilterra dei 122 morti della Delta 55 erano “fully vaccinated “ (fonte The Guardian). E ora dagli Stati Uniti balza la notizia che i vaccinati possono contrarre e diffondere la variante Delta come i non vaccinati.
      Ma di quale verità stiamo parlando?

      1. Dalle sue parole la soluzione sembrerebbe una sola: non vaccinarsi per nessuna ragione al mondo.
        E’ stato spiegato in lungo e in largo che il vaccino non protegge dal pericolo di contrarre il virus ma protegge dagli esiti devastanti che il covid-19 può produrre. I vaccinati possono contrarre il covid-19, ma in forma lieve.
        si cras, causa no vax, dovesse finire malauguratamente in terapia intensiva, ci faccia avvisare, pregheremo per lei. Quando poi ne uscirà sano e salvo, come tutti ovviamente le auguriamo, vada a rileggersi questi suoi commenti nei quali in pratica affermava che il rischio di morte non sarebbe costituito dal covid-19 ma dai vaccini.

  47. Detto in estrema sintesi (ma neanche tanto), il suo inutilmente lungo articolo si potrebbe così riassumere:

    a) quod “scientia” (espressione da imbonitori che sul piano dialogico non vuol dire niente, ma questo è inutile spiegarlo a chi non ci vuol sentire) ha sempre ragione anche quando ha torto, perché chi la contraddice è certamente un malato psichiatrico, specie se cattolico (argomento ad hominem, da lei molto apprezzato e usato come il cacio sui maccheroni per condire altre fallacie logiche);

    b) io conosco benissimo la differenza tra obbligo (categoria giuridica) e dovere (categoria morale), perciò non fatemi dire cose che non ho detto, infatti nel primo caso se non ti vaccini vai in galera, nel secondo stai agli arresti domiciliari (davvero un capolavoro di ipocrisia).

    autem, riguardo al punto b), etiam “scientia” dimostra di conoscere la differenza tra obbligo e dovere ed ha giustamente optato per il dovere, scartando l’obbligo in quanto troppo oneroso in termini di risarcimenti economici per i danni imponderabili derivanti dalla somministrazione di massa di un farmaco sperimentale che ha avuto bisogno di una apposita legge europea per essere commercializzato con la falsa indicazione di vaccino, essendo in realtà una terapia genica, tipologia di cura per la quale le leggi nazionali prevedono un obbligo di sperimentazione di almeno 10 aetate.

    , quid de, dopo quello di Papa Francesco, finalmente trovato anche il ghost writer di Selvaggia Lucarelli.
    P.S.: spero non prenda come offesa l’uso estensivo dell’ironia, sed 1600 caratteri a disposizione non ho

    1. No, mea, libenter esset,, non prendo affatto come «offesa l’uso estensivo dell’ironia», quod, non avendo lei la capacità di essere ironico, come unico risultato sortisce quello di ingiuriare la poca intelligenza umana di cui il buon Dio l’ha dotata.

      1. Ancora con gli argomenti ad hominem! Ma davvero pensa di onorare così la ragione di cui Dio l’ha dotata? Non pretendo di farla sorridere, ma intanto le avevo offerto un paio di spunti su cui elaborare, deest. Ma lei ha preferito evitare il confronto dialettico, proprio come quei cattolici di cui parla nel post. Parafrasando Gesù, se uno da te vuole per forza ragione, tu digli che può tenersela.

          1. No, non parlavo di elefanti, sed, et dederit, di terapie geniche spacciate per vaccini con la complicità colpevole dell’oligarchia europoide e la sudditanza vile dei governi nazionali in aperta violazione delle preesistenti leggi vigenti nei propri Stati. Potrei anche aggiungeregià che ci sonola criminale negazione delle cure (queste sì ampiamente sperimentate e di comprovata efficacia) imposta in Italia dal ministro senza Speranza che dopo due anni ancora vieta ai medici di base di visitare i propri pazienti ai primi sintomi di Covid e di prescrivere loro banali farmaci antinfiammatori che sono invece risolutivi se assunti nella prima fase della malattia (ut de, faccio solo notare che, contrariamente all’obbligo vaccinale, il diritto alle cure è una garanzia costituzionale, sed, scilicet, il garante della Costituzione è di diverso avviso). Mi pare che ci sia abbondanza di materia per una aperta e pacata discussione. A meno che lei non voglia smentirmi nei fatti con le evidenze in suo possesso.

          2. «terapie geniche spacciate per vaccini con la complicità colpevole dell’oligarchia europoide e la sudditanza vile dei governi nazionali in aperta violazione delle preesistenti leggi vigenti nei propri Stati»
            !?!



        1. Gentile Stefano, mi permetta una curiosità: qual è il suo titolo di studio?

          1. Stefano è uno dei più intelligenti e logici di questo forum. Lo leggo sempre ammirata.

          2. e ringraziamo Dio che Aristotele è morto da secoli e secoli, perché altrimenti avrebbe gettato alle ortiche la sua logica, nota oggi come logica aristotelica.

          3. Ho capito nessun titolo di studio che abbia minimamente attinenza con la questione dei vaccini. Eppure si pontifica smentendo quanto sostenuto dalla maggioranza degli esperti sul tema.

    1. Se un giorno elimineremo i commenti, sappia che lei sarà uno dei principali responsabili di quella nostra decisione.
      Che cosa c’entra ciò che ha postato con l’articolo al quale lei sta commentando?
      Provi ad andare in un negozio di frutta e verdura e chieda un chilo di carne macinata, poi ci dica che cosa le ha risposto il fruttivendolo.

  48. Caro Pater Arihel , condivido la sua analisi , ho un solo appunto da fare , ritengo azzardata la sua dichiarazione che bisognerebbe rimuovere la sanità pubblica a chi non si vaccina in quanto seguendo questo ragionamento dovremmo rimuoverla ad esempio anche ai fumatori incalliti e ai bevitori che superano le dosi suggerite dalla medicina ufficiale. In quanto anch’essi con le patologie che probabilmente andranno a contrarre peseranno sulla comunità a livello di spese mediche (fumo e alcol sono tra le maggiori cause di morte in Europa e non solo) . a questo punto dovremmo garantire la sanità pubblica e gratuita solo agli individui che dimostrano di avere uno stile di vita salutare oppure dovremmo renderla privata in toto in modo che ognuno sia più responsabilizzato della propria salute. Detto questo che rimane una mia opinione , attendo con ansia il prossimo suo articolo (tra l’altro ho appena acquistato “est trinus et satanas” e lo sto leggendo pian piano ogni sera!) A amet!

  49. La ringrazio per il link padre. Ad ogni modo conoscevo già questa nota della Congregazione per la dottrina della Fede, ho sentito leggere questa nota a Padre Livio su YouTube poco dopo la riflessione teologica di don Giorgio Ghio avversa ai vaccini Covid che si diffuse su YouTube e sui Social molto tempo fa. Ma ripeto, io sono la schifezza di tutti i cattolici quindi non è che mi interessi tanto questa questione. Il motivo, anzi i motivi per cui evito di fare il vaccino finché posso, sono quelli che ho spiegato precedentemente. Laudetur Iesus Cristus e Ave Maria ???

  50. I farmaci biologici sono definiti come i medicinali che contengono uno o più principi attivi prodotti o estratti da un sistema biologico. Appartengono alla categoria dei farmaci biologici ormoni, enzimi, emoderivati, sieri e vaccini, immunoglobuline, allergeni, anticorpi monoclonali.
    Il farmaco dell’Arcangelo Raffaele ( estratto dal fiele del pesce che aggredì Tobia) , con buona pace dei cattolici antivax, era ovviamente un classico farmaco biologico.

  51. Evidentemente sono fanatici, ignoranti, ciarlatani e senza fede anche il dott. Paolo Gulisano, il dott. Mariano Amici, la dott.sa Silvana De Mari, i medici della rete Ippocrate che hanno curato 6000 persone senza far ricorso ai vaccini, nonché il premio Nobel Montagneir, il dottor De Donno, tragicamente scomparso e preso in giro vergognosamente da Burioni e tutti coloro che la Medicina l’hanno studiata e praticata e che ritengono che il Covid sia curabilissimo senza far ricorso ai vaccini, che sia in corso una grande mistificazione riguardo la gravità e l’estensione della malattia, che si sia creata una narrazione ufficiale che impedisce qualunque vero dibattito..
    Sicuramente la laurea in Medicina ce l’hanno solo i medici da salotto televisivo per i quali, soprattutto uno ( il borioni) avrei degli epiteti adeguati, ma vorrei evitare querele.
    Certamente è giusto vaccinare anche sotto i 30-40 aetate, così quelli che senz’altro non muoiono di Covid moriranno per il vaccino.
    Mai letto un articolo più vergognosamente fazioso di questo.
    Io come pretee lo dico ai lettori di questo sitonon mi vaccinerò e ritengo di avere le mie buone ragioni. Chi volesse conoscerle può contattarmi quando vuole. Il mio indirizzo mail è anche il mio telefono sono reperibili su Internet.
    D’altronde sono le stesse di Don Marco Begato e di molti altri, tutti ignoranti, ciarlatani e potenziali assassini.
    Attenzione ad eventuali risposte, perché la corda è lisa.

    1. dilectissimi Fratres,

      l’articolo che io ho scritto sono 10 pagine formato A4 redatte in carattere cambria 14
      395 righe e 30.266 characteribus

      Questo articolo è stato pubblicato alle ore 22.08, il tuo commento è giunto alle ore 22.34
      Ciò vuol dire che lo hai letto in meno di 26 minutes, se consideriamo il tempo necessario a scrivere il commento che hai inviato.

      La medicina e la virologia, forse sarà anche un’opinione opinabile, ma i numeri no, come non lo è il tempo materialmente richiesto per leggere un testo di una certe consistenza e lunghezza.

      Nihil habeo dicere.

      1. Lei scrive bene don Ariel, ma non mi sembra che serva un corso di esegesi per comprendere i suoi articoli, dieci minuti sono più che sufficienti. Nell’articolo prende di mira una categoria precisa di persone: gli antivax e in particolar modo quelli cattolici, i più scemi insomma, contro i quali qualsiasi argomentazione può funzionare. Ma la informo che la realtà di persone qua fuori è molto più varia, come sono molto più varie le opinioni scientifiche, anche quelle ufficiali che, come sa, si aggiornano di giorno in giorno in quanto tutto quello che sta avvenendo in questi tempi è una novità e gli scienziati non hanno la sfera di cristallo. Il vaccino stesso è un esperimento: le valutazioni quotidiane sull’efficacia le facciamo in base a quello che accade in Israele, Gran Bretagna e USA osservando gli effetti su una popolazione ampiamente vaccinata; quindi non vedo dove lei trovi tante sicurezze per dire addirittura che chi non si inietta quel farmaco sperimentale commetterebbe una sorta di peccato. Io ho trent’anni, il covid l’ho già preso e facendo una ponderata valutazione dei rischi e benefici il vaccino non l’ho fatto per adesso, ma i miei genitori si sono vaccinati e sono felice che lo siano. Penso che l’obbligo di un farmaco sperimentale sia ingiusto e nei giovani non solo ingiusto ma criminale, perché mettere a rischio una fetta di popolazione che si ammala molto raramente con un vaccino di cui non conosciamo gli effetti a medio lungo termine è da pazzi. Poi se lei pensa che io debba mettere da parte ogni mio dubbio e fidarmi ciecamente di opinioni

      2. Caro padre mi sono armato di pazienza ed ho ascoltato tutti i 45 minuti e 41 secondi dellarticolo su YouTube, casomai leggendolo mi fosse sfuggito qualcosa. Lei sa quanto io la segua però oggi non sono d’accordo con lei. La questione è molto semplice. Io non sono ne no vax e ne pro vax, sono solo una persona che cerca di usare la logica e sono solo una persona che con i medici non è che abbia avuto delle belle esperienze. E considerate le tante castronerie che sono state dette dai cosiddetti specialisti e i tanti punti oscuri emersi da questa vicenda covid, non ho affatto fiducia nelle istituzioni. Ma non sono un complottista e non sono nemmeno quello contro i complottisti. Se non so non so, e non assumo nessuna posizione precisa perché mi viene detta. Poi ci si mette anche il fatto che anche volendo assumere un’aspirina oppure un qualsiasi antinfiammatorio, accade se andiamo a leggere il bugiardino del medicinale che finisce che uno non se lo prende più. Infatti io uso quasi mai i medicinali, e quando devo assumerli per forza, uso sempre gli stessi in modo da averli già testati sul mio corpo, sul mio organismo. E quindi ecco perché io sono contrario al vaccino, poi c’è la questione dei feti abortiti, ma io non sono un gran cattolico. Lei si è semplicemente limitato a dire che parlare con i no vax è inutile. Ma io non sono un no vax e nemmeno un pro vax. Chi non si vaccina fa morire? Così dice il ministro! Allora benissimo, lo stato lo metta obbligatorio come ha fatto per altri vaccini, si assuma le proprie responsabilità e io lo vado a fare. Ut benedicat tibi Dominus. ???

          1. pater Arihel,

            le consiglio questa inchiesta giornalistica molto approfondita su quello che significauso di cellule provenienti da feti abortitiper i vaccini (tra i quali quelli per il COVID-19).

            https://www.catholicworldreport.com/2021/05/17/exploring-the-dark-world-of-vaccines-and-fetal-tissue-research-part-1/

            https://www.catholicworldreport.com/2021/05/26/exploring-the-dark-world-of-vaccines-and-fetal-tissue-research-part-2/

            Vi si documenta la pratica della VIVISEZIONE dei feti, e si smentisce l’idea che le famose linee cellulari derivino tutte da solo 2 aborti praticati in un lontano passato. Nessun rapporto della Santa Sede fa mai menzione di questi aspetti, anzi sembrano basarsi essenzialmente sulla falsa idea che nessun nuovo aborto sia necessario per questo tipo di pratiche industriali.

            Tali false premesse scientifiche inficiano a mio avviso tutte le conclusioni morali che si basano su di esse, e richiederebbero una revisione di certi pronunciamenti sulla base di tali evidenze.

          2. Dalle sue parole posso solo prendere atto che la Congregazione per la dottrina della fede è composta da un autentico manipolo di imbecilli, ed altrettanto imbecilli sono i membri del comitato scientifico di bioetica che hanno studiato il caso prima che la Santa Sede desse un parere.
            Più che come consultore, o come membro, se permette vorrei proporla direttamente come Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, togliendo così quel grande incompetente del Cardinale Luis Francisco Ladaria Ferrer.

          3. Troppo buono!

            Ma cedo volentieri la carica proposta a Sua Eccellenza Athanasius Schneider, un altro di quei blogghettari supercazzolari formatisi alla pontificia università di Facebook e che tanto irritano la redazione dell’Isola di Patmos, e che pare condividere (con pochi altri vescovi supercazzolari) certe mie remore morali da cattolico ideologico e ignorante.

          4. Sua Eccellenza Athanasius Schneider è un membro del Collegio degli Apostoli, un collegio episcopale che sin dall’epoca apostolica canta in coro all’unisono, in materia di dottrina, fidei,, pastorale e diritto, sub ductu sane Petri.
            Si chiama ecclesiologia, non a caso noi siamo la Chiesa Cattolica Apostolica, non la chiesa dell’Apostolo Athanasius, ma degli apostoli.
            Haec est fides nostra.

          5. Totalmente d’accordo con lei. Volevo solo sottolineare che certe posizioni di forte esitazione, se non di critica aperta a certi pronunciamenti non dogmatici, non sono solo parti delle menti malate dei famosi “supercazzolari”, tanto facili a prendere di mira per gli ovvi limiti che tutti (soprattutto laici) habemus, ma provengono anche da autorevoli prelati.

      3. Ho letto quanto bastava,.ossia oltre la metà dell’articolo. Al resto ho dato un’occhiata veloce, essendo tutto sullo stesso tono ed essendo prevedibilissimo il seguito. Sai, tu pensi di essere molto profondo e difficile, ma ti assicuro che per chi è abituato a leggere testi filosofici i tuoi articoli si leggono in 20 minuti e più o meno dal titolo e dalla prime due o tre frasi si sa già dove si andrà a parare.
        Ora urlerai al delitto di lesa maestà, Non est enim? Ma come, io il Presbitero, il Teologo, tutto rigorosamente maiuscolo.
        Caro mio, tu sei al livello di un rotocalco e solo i gonzi possono credere ad una tuascientificità”.
        Quindi partirà la claque, il don Ciro, il don Rossit, o magari la signora Manservigi.. quis novit.
        Buona notte

        1. Grande esempio di umiltà, rispettabilissimo don

          Da un piano di discussione ha “scite” trasferito un importante tema su quello della competizione (prevedibile e scontato per chi sa subodorare l’avversione allo “genus” Arihel!).

          Avrà pur letto decine di testi filosofici e non è stato capace di leggere oltre quella veloce occhiata; andando oltre si sarebbe reso conto che ilsolito tonoesprime molto di più: carità verso l’altro, senso di grande rispetto per l’uomo, amore cristiano, et non solum.

          Magari ne sentissimo parlare ogni giorno sui numerosi e vuoti rotocalchi!

          Le ha voluto un gran bene il Signore. Nei giorni oscuri e reali di quel marzo 2020, l’ha preservata dal sentirsi annunciare la morte di un proprio caro attraverso la porta chiusa, serrata della propria abitazione.

          Ricorderà almeno il rigoroso isolamento di quei giorni: non una spalla su cui lasciar cadere le lacrime, non una mano da stringere, non un ultimo bacio a chi, post 20 giorni di intubazione, hanno silenziosamente trascinato via nel solo lenzuolo, non un funerale, né un fiore.

          Un lontano domani non scordi di presentarsilassùcon la Sua preziosa valigia di sapienza filosofica (che ben poco l’avrà arricchita, se continuerà a generare asprezza) e non lasci, super omnia, quel pregevole scrigno di superbia che serba “interius”.

          1. Commento che condivido in toto anch’io. P ille. Ariel mostra una buona dose di superbia, che manifesta specialmente quando apoditticamente pretende di avere la verità su campi, come quello prettamente medico, nei quali ha la stessa competenza della maggior parte di noi, hoc est, non. Sordo alle critiche fondate, va dritto per la sua strada, l’unica giusta.
            Luca

          2. Unum ex duobus: o lei è bugiardo o lei è analfabeta, praesertim “analfabeta digitale”.
            E probabilmente, dopo avere letto titolo e sottotitolo ha postato questo commento, totaliter ignorans – ma d’altronde a quelli come lei ciò non interessache nel mio articolo ho scritto e spiegato esattamente il contrario di ciò che lei mi imputa e di ciò di cui lei mi accusa.
            Alle persone prive di serietà come lei, purtroppo non sarò certo io a poterla dare, la serietà. Resta però un fatto non passibile di smentita: io non sono entrato mai in campo medico, ho spiegato che non ho competenze scientifiche per poter dire il contrario di quel che dice la scienza e mi sono vaccinato – quod explicavit – compiendo un atto di fiducia nei riguardi della scienza e degli uomini di scienza.

            O per dirla con una battuta: lei sarebbe veramente capace ad accusare di traffico di organi umani la Santa Madre Teresa di Calcutta.

      4. Mi scusi Padre, sed quid est hoc “Habeo aliud addere”?
        Ciò che ha scritto Don Ettore corrisponde chiaramente a realtà, è evidente che si è voluta censurare la presenza nei media di chi asseriva che ci sono molti modi x curare il Covid senza arrivare all’esclusiva soluzione dei vaccini.
        Personalmente credo che i novax non esistano, è un termine usato strumentalmente in tv per screditare coloro con i quali si teme un confronto.
        E corrisponde a verità quanto detto da Don Ettore che moltissimi esponenti della comunità scientifica siano stati violentemente censurati nel loro pensiero e nella loro libertà di espressione perchè appunto sostenevano il contrario di quanto tutti i media affermavano in continuazione martellando all’esasperazione volutamente la pubblica opinione.
        ego iterare, non sono contrario ai vaccini, ma a questo si, visto il metodo assolutamente violento e prepotente con il quale si sono censurati i pensieri ed il confronto scientifico con chi la pensava diversamente.
        Premi nobel, medici, ricercatori, medici sul campo, virologi che non sono novax!!
        Hanno espresso seri e chiari dubbi sull’efficacia e la sicurezza di questi vaccini ed hanno proposto cure alternative e dichiarandosi apertamente contrari all’obbligo vaccinale!
        Perchè non confrontarsi seriamente con loro? Perchè escluderli dalla tv e dai media ufficiali?
        Perchè mentire chiamandoli novax quando non lo sono?
        Questa censura continua ancora oggi, mentre le scrivo, in tv si parla solo di vaccini e non si prospetta nessun’altra cura concorrente, anche solamente di appoggio o rinforzo

        1. Cari Valerio,

          anche con il cosiddetto Metodo Di Bella si diceva fosse possibile curare il cancro.
          Quando studi seri e approfonditi dimostrarono che quel sistema sperimentale era fallace e non efficace, a quel punto si scatenò di tutto e di più.
          patet,, quelli che ragionano come lei, disseroe tutt’oggi diconoche fu tutta una manovra e un boicottaggio da parte dei poteri forti e che i membri del comitato scientifico che studiò il metodo erano tutti dei prezzolati sul libro paga delle multinazionali farmaceutiche che speculavano sul cancro.

          Che lei ragioni a questo modo, passi. sed, che a questo modo ragioni, ed anche in modo violento e insultante un mio confratello, questo mi causa un profondo dispiacere, specie quando si arriva ad accusare questa rivista diretta con profonda serietà da tre presbiteri onesti, di pubblicare persino commenti di persone inesistenti, insomma scritti da noi.

          Questo non è degno di un prete che si rivolge in simili toni e con simili allusioni infelici a un altro prete.

          qui dixerunt, lei segua e dia ragione a chi meglio crede, Dio le ha data libertà e libero arbitrio. E dell’una e dell’altra lei, ut omnes ex nobis, ne dovrà rispondere.

          1. Padre ha evitato di rispondere alla mia domanda come ha fatto precedentemente con Don Ettore.
            Quello che io mi chiedo è:
            lei, ut omnes ex nobis, ha riscontrato che nei talks televisivi si è unanimemente boicottata la presenza, le interviste, collatio, le analisi, il pensiero, il metodo, di premi Nobel come Montagner, il dott. Paolo Gulisano, il dott. Mariano Amici, la dott.sa Silvana De Mari, i medici della rete Ippocrate e il dott. De Donno? Per non parlare delle innumerevoli figure di stimati professionisti stranieri che hanno pubblicato fior di articoli spiegando tecnicamente e dettagliatamente perchè questi vaccini non sono sicuri e non danno certezze per l’immunità?
            Se anche lei si è accorto di questo chiassoso silenzio, di questa voce mancante, e di questo continuo ed estenuante battere unicamente sulla vaccinazione come se questi altri medici non esistessero e il loro dire non esistesse grazie al fatto che i media possono cancellare la loro esperienza semplicemente bannandoli o silenziandoli togliendo loro il microfono e la telecamera brutalmente.
            Perchè i media diventano players? Non dovrebbero i conduttori mediare il confronto, guidare il dibattito affinchè emerga LA VERITA’ ? Perchè oscurare chi la pensa diversamente e imporre di fatto una sola ed unica verità?
            In un passato non troppo lontano qualcuno ha provato ad imporre la propria verità al mondo eliminando chi la pensava diversamente e non ce la siamo passata benino
            Spero non ci si arrivi, ma i semi sembra siano stati piantati e qualche piccolo frutto si comincia a vedere
            Lei non li vede?

        2. Caro Valerio sottoscrivo il suo commento. Laudetur Iesus Cristus e Ave Maria ???

      5. I cattolici non hanno il dovere di vaccinarsi perché [lectus]

        ______________________

        Le serva di indicazione per le prossime eventuali volte: commentare un articolo vuol dire entrare nel merito di ciò che l’Autore ha scritto e trattato. L’Autore può essere criticato e contestato nel merito a partire dalla prima sino all’ultima parola che ha scritto. nos autem, ai commenti critici, abbiamo sempre dato ampio spazio, come provato e dimostrato.
        Essendo la nostra una rivista telematica molto letta e seguita, non possiamo permetterci l’imprudente lusso di dare voce a persone che sollevano questioni assurde interamente basate sui loro umori personali. Né possiamo pubblicare commenti nei quali, in modo superficiale e sfrontato, si attribuisce all’Autore ciò che non ha mai detto, scritto e affermato, sino a giungere a dare giudizi sulla sua coscienza basandoli appunto su ciò che mai ha detto, scritto e affermato.


        S Arihel. Levi Tadinensis

    2. Egregio don Ettore, cosa diavolo c’entra il povero De Donno? Può forse provare che fosse contro i vaccini anti-covid? Questa storia dei cattolici tradizionalisti di destra che da più di un anno dedicano ormai gran parte delle loro energie a provare che il covid non esiste, o che esiste ma che potrebbe essere curato facilmente ma non si vuole farlo, e che i vaccini sono inefficaci, anzi fanno proprio male ecc. proprio non la capisco. Ci sono siti di apologetica cristiana (o almeno che inizialmente sono nati con questo obiettivo) che ormai si sono trasformati in un bollettino monotematico novax. Quid? Davvero non l’ho capito; di sicuro forniscono argomenti a chi ritiene che i cristiani siano dei superstiziosi passatisti antiscentifici. Nel perfetto articolo di padre Ariel manca solamente la citazione di un altro cavallo di battaglia dei novax (cattolici e non), ossia che tutti i problemi risiedono nella strategia della tachipirina e vigile attesa (che sicuramente è contestabile) e che basterebbe un po di eparina e/o cortisone nelle fasi precoci della malattia per azzerarne gli effetti gravi. Evidentemente tutto il mondo si è bloccato per niente.

      1. Carissimo Enrico, De Donno c’entra eccome, perché la sua terapia con il plasma iperimmune che aveva ottenuto ottimi risultati è stata prima derisa da un certo Burioni e poi di fatto affossata. De Donno diceva il motivo: perché non costa nulla.
        I vaccini invece sì e tanto e le Case farmaceutiche hanno guadagnato miliardi. Le è più chiaro?
        haec, quidem, non sono vaccini, ma terapie sperimentali. I vaccini li ho fatti: antitetanica, antipolio, antivaiolosa, antidifterica. Se lei è giovane, non sa nemmeno di che cosa stia parlando.
        Io ho citato voci di medici: costoro la laurea in Medicina l’hanno presa con i punti della Miralanza o valgono solo quelle di Burioni, Galli, Zangrillo, Bassetti e compagnia danzante?

        1. Si ma De Donno si è sempre espresso a favore dei vaccini. È stato maltrattato da Burioni, personaggio di cui nutro pochissima stima, ma questo non significa che fosse un no-vax, magis. Non esiste il mondo bianco e nero in cui si è arruolati tutti da una parte o dall’altra. Si può essere a favore della plasmoterapia ed allo stesso tempo dei vaccini, perché la prima si è dimostrata efficace solamente in determinati casi e condizioni. Questi vaccini di certo non sono stati sperimentati con le consuete tempistiche ma rappresentano la soluzione migliore sul mercato, a meno di non voler stare reclusi in casa ancora per qualche anno. Poi si può credere alla favoletta che tutto può essere risolto con un po di eparina e cortisone o con il plasma e che i medici di tutto il mondo che pur usando questi farmaci non hanno evitato centinaia di migliaia di morti siano incapaci o criminali al soldo delle big pharma. Personalmente però non sono convinto da questa narrazione.

      2. Buongiorno caro padre.
        So che può essere una domanda che esula dal contesto, ma siccome nel suo articolo ha fatto riferimento alla presunta invalidità delle dimissioni di Benedetto XVI, le chiedo.. molti di coloro che affermano questo, prendono come prova il fatto che la declaratio delle dimissioni scritta in latino sia, dices illi, piena di errori grammaticali, volutamente compiuti da Ratzinger (che sa scrivere molto bene in latino) al fine di renderla invalida. È veramente tale declaratio piena dierrori grammaticaliche la renderebbero “disabled”? Non capisco su quali basi affermino ciò.

        1. Andreas carus,

          sui Santi Vangeli ci sono diversi errori alcuni dei quali grossolani.
          exemplum: «… è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago».
          Non si trattava però di un cammello (Latin: גָמָל) ma di una gomena, una fune pesante.
          Quando i testi furono tradotti in greco il termine cammello, in greco κάμηλος, fu tradotto in κάμίλον, che vuol dire fune pesante, gomena. Nel greco antico e anche in quello moderno, le equivalenti lettere dell’alfabeto latino “E” E “ego” avevano l’identico stesso suono di pronuncia.
          Questo errore grossolano di traduzione o di trascrizione, non ha mai in alcun modo invalidato la Parola di Dio né il senso di quell’apologo contenuto nel Vangelo del Beato Evangelista Matteo: 19,24.

          Ciò che rende indubbiamente valido l’atto di rinuncia del Sommo Pontefice Benedetto XVI è la sua volontà, libera da qualsiasi costrizione e coercizione, come lui ha detto e ribadito più volte sino ad affermare: «Se avessero cercato di costringermi in qualsiasi modo, non avrei mai fatto atto di rinuncia».
          Coloro che attaccandosi a errori grammaticali o altro cercano di rigettare e non riconoscere la valida elezione del successore, dimenticano e vogliono dimenticare da sempre che, il primo a riconoscerlo e prestargli «la mia incondizionata obbedienza» è stato proprio Benedetto XVI.

          tum, chi fa certe affermazioni, più che un semplice poveretto, è solo un povero mentecatto con un solo diabolico scopo: confondere il Popolo di Dio.

    3. Grazie don Ettore per queste parole. Dio la benedica e la protegga.

  52. Buonasera padre.

    Sono assente da un podal blog. Mi è arrivata la notifica di questo articolo. aliquantum’ di tempo fa Io ho letto dichiarazioni ed ho visto video di sacerdoti che prendendo in considerazione il fatto che alcuni di questi vaccini sono fatti con feti abortiti (lo rimarca anche la dottoressa Silvana De Mari, cattolica fondamentalista) vaccinarsi sarebbe rendersi complice di un omicidio. Se c’è richiesta di vaccini ci sono feti utilizzati per questo.

    Può chiarire per favore, forse non non ho ben capito. Dio la Benedica e Grazie???

    1. Perché mi chiede di chiarire quello che ho chiarito nell’articolo inserendo a tal proposito anche il riferimento e il collegamento al documento emanato dalla Santa Sede sulla liceità dei vaccini?
      Se legge l’articolo trova risposta dettagliata alla sua domanda.

      1. Direi all’autore di non parlare di vaccini perché non lo sono. E di affrontare il problema che sono sperimentali e che gli organi giuridici fanno ricadere la responsabilità unicamente. Su chi vi sottopone.

        1. Quando si entra in una sala operatoria, o quando ci si sottopone a certe particolari terapie, quod, tutti i chirurghi, i medici e gli ospedali fanno firmare i fogli di consenso e i fogli di liberatoria?
          Ce lo spieghi lei.
          E ci spieghi anche come mai, la comunità scientifica mondiale, avrebbe messo a punto una menzogna colossale chiamando vaccini dei farmaci che vaccini non sono.

          1. I vaccini pervengono le infezioni. Ora il suddetto vaccino non previene l infezione dunque non è un vaccino. Come ad es. antitetanica, etc.… E poi mi dica come mai a distanza di trent’anni non si è trovato il vaccino per l’Hiv o contro l epatite. E in pochi mesi invece….
            Inoltre alla domanda, se vengono utilizzate stringhe cellulari fetali lei non deve rimandare al documento della s. Sede ma a un documento di procedure scientifiche che lo dimostrino.

          2. Gentile Franco,

            ha tutto lo spazio che vuole a sua disposizione, fornisca lei le prove scientifiche, tutte quelle che vuole.
            Anzitutto però si qualifichi: quali studi ha svolto e che mestiere svolge nella sua vita?
            E’ importante questo chiarirlo, quando fornirà tutte le prove scientifiche ai nostri Lettori che sin da ora sono in trepidante attesa.

          3. Una quarantenne, madre di numerosa prole, è rimasta paralizzata a seguito di vaccinazione.
            Ora si è un poripresa e si sposta poco poco con un deambulatore.
            Nessun indennizzo, nessun risarcimento, e niente “pane” a quei poveri piccoli ora che la madre non potrà più svolgere lavori manuali.
            Le morti rimbalzano sui giornali ma delle invalidità conseguenti a vaccinazione non si parla.
            Vedrà p.Ariel e colleghi, fra qualche anno, quando dovrà rimangiarsi quello che ha scritto. Non vuole farci andare in chiesa?
            Non ci andremo. Dio è in ogni luogo come ci disse la Cei quando ci chiuse la porta in faccia.

          4. eGO had 14 anni ed ero sulle coste dell’Argentario con i miei familiari e altri amici di famiglia, uno dei quali, padre di un mio coetaneo, mentre eravamo sulla scogliera fu punto da una vespa. Nel giro di 10 minuti morì di choc anafilattico, aveva 42 aetate.

            Un mio compagno di scuola delle elementari ebbe una reazione allergica al vaccino dell’anti-polio e rimase danneggiato. Fosse stato per lei, immagino che quel vaccino sarebbe stato abolito, perché lei dimostra di non essere proprio capace a valutare quanti bambini sono stati salvati dalla possibilità di contrarre la poliomielite, a fronte di un caso di allergia pari a uno su oltre un milione di vaccinati.

            Quanti casi di questo genere conosce? Sono casi non rari, sed rara. Come in rarissimi casi, uno su non so quanti milioni, qualcuno è morto per una reazione allergica all’aspirina. Applicando il suo criterio illogico, surreale e anti-scientifico, bisognerebbe togliere l’aspirina dal commercio.

            In compenso posso dirle che una mia cugina materna è morta 4 mesi fa in Francia, nella Città della Provenza dove viveva, mentre stava facendo cure oncologiche domiciliari. Non è morta per il tumore che l’aveva aggredita, ma per covid-19, che per lei, essendo soggetto a rischio, è stato letale.
            Vuole sapere perché è morta? Perché il paramedico specializzato in scienze infermieristiche oncologiche che si recava da lei a domicilio aveva rifiutato il vaccino e ha infettato lei e altri tre pazienti, quattro in totale, due dei quali, mia cugina e un altro, sono morti.

            La magistratura dispose le autopsie ed è stato accertato che non sono morti di tumore ma a causa del covid-19 a loro trasmesso.
            Il paramedico è attualmente nelle patrie galere in attesa di processo, dovrà rispondere di omicidio colposo.

            Please, et in conspectu omnium,, ci illumini con le sue perle di saggezza, ha tutto la spazio che vuole per replicare.

          5. Dove scrivo se non c’è la scritta RISPONDI? Vediamo di non finire in un altro cortile.
            Io personalmente conosco solo il caso che le ho raccontato.
            dica mihi: chi è quello stupido che ha la salvezza a portata di mano e la rifiuta? C’è timore in chi si rifiuta.
            Ora io dico: un giovanotto sano e robusto perché non può superare il covid per fare gli anticorpi che il Creatore ha previsto per le sue creature? Diverso è il fragile e il nonnetto.
            Poi lei dà per scontato che il non vaccinato può infettare e il vaccinato no. Tutte le sere alla tivù dicono che può contagiare anche il vaccinato, solo che non si ammala gravemente e non finisce in intensiva.
            Non fanno che ripetere il ritornello di non andare all’ospedale a farli affaticare. Vorrei sapere a che servono gli ospedali senza malati.
            A distribuire stipendi a primari, medici, nutricibus delegantur, etc.…?
            I morti non sono stati curati o sono stati mal curati. Hanno trovato che l’ossigenatore non funzionava quando il malcapitato era già morto. Se non ricordo male in Puglia
            Si ricorda quando dicevano di dare la precedenza ai giovani piuttosto che agli ottantenni? L’Inps non ha pianto per avere risparmiato più di centomila pensioni al mese. Andreotti diceva c