Et necessitates Fidei: et quod de subitis ut coronavirus, in fine subitis immutare non possunt futura libertas Ecclesiae, et ejus fidelis

- Ecclesia subitis coronavirus et gravi -

NECESSITATE ET DE FIDE ET RERUM: Si quid intervenerit coronavirus eius ut Libani, IN FINE ECCLESIAE, ET DE LIBERO SIT FUTURUM EMERGENCY prohibere non valeo cuius utique fidelis.

.

[…] Sic enim alia exempla, sed satis ad animadverto quod potest non vivere solo pane vivit homo, sed opus est dare aditum aliis resources, in qua est fides, ut imminenti. Nos autem loquimur de fide et familiarissimus perspective invent, SENSUALIS et ex palliativa pulchritudo villam anima mea, sed sicut intelligentia opus et donum dei, qui mundum non intellexerunt: dat sapientiam et intellectum coram salutari suo. Fidei ius est homini, Respicit personam deliberandi libertatem et (magis) defensum a Constitutione De Publica Italica [artem. 19].

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

 

.

.

 

 

Te potest emere LIBER Bookshop AT NOSTRI: qUI

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

About Pater Ivanum

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

3 cogitationes on "Et necessitates Fidei: et quod de subitis ut coronavirus, in fine subitis immutare non possunt futura libertas Ecclesiae, et ejus fidelis

  1. Pater.
    Grazie per i l suo modo pacato di esprimere le cose di Dio e le cose della terra. E’ un dono che le invidio. Mi permetta di esprimere un parere da Cristi fidelis laicus (rectus?). I provvedimenti di Stato che coerciscono le persone sono illegittimi ancorchè legali. Essi sono un abuso di potere contro la libertà di Religione, di pensiero e della persona. Ma noi siamo in piena statolatria pagana. (vedi PIO XI).
    Lei invoca la Costituzione italiana, la quale quello che afferma qua, se lo rimangia più avanti.
    L’art. 13, abbastanza chiaro nella sua formulazione, stabilisce l’inviolabilità della libertà della persona: le restrizioni sono ammesse solo per atto motivato dal giudice, nel caso di aggressione all’altrui incolumità.
    Ma interviene l’art.16 sul diritto di circolazione del cittadino, il quale sarebbe stato superfluo se non per abrogare a se stessi, burocrati e politici di turno, il diritto di stabilire quando e come muoversi , per motivi di sanità e sicurezza.
    Non mi dilungo di più. La rimando ad alcuni siti web Lord Acton.org di padre Sirico ed altri (Catholico), agli ottimi interventi di Alessandro fusillo su Movimentolibertario. Benedicat mihi.

    1. care Lector,

      siamo commossi!
      Se le ci invia le sue generalità, quanto prima possibile daremo avvio a una petizione per proporla come Presidente della Suprema Corte Costituzionale.

Comments sunt clausi.