Fertile Grazia silentii servari oculus quindecim ad Cor Negrar, ut theologus cum meditatus sum: quae ad indigentiam possunt humilitate faciam in hominibus scientiam?

- migratorum curae pastorali SUPREMI salutem -

DUE SETTIMANE DI SILENZIO E UN OCCHIO SALVATO DA GRAZIA PERTILE AL SACRO CUORE DI NEGRAR, MENTRE COME TEOLOGO MEDITAVO: COSA PUÒ CAUSARE LA MANCANZA DI UMILTÀ NEGLI UOMINI DI SCIENZA?

.

Di questo rendo grazie a Dio come uomo di fede, sacerdote e teologo: avermi fatto sperimentare direttamente sulla mia pelle quanto sia veramente alta la virtù dell’umiltà cristiana. L’ho capito mentre imparavo a memoria il Messale Romano in italiano e in latino, spaventato dal fatto che, se anche nell’occhio sano fosse sopraggiunta analoga patologia, i due amatissimi gatti di Jorge Facio Lince e miei, Ipazia e Bruno, che vivono in casa con noi, avrebbero dovuto imparare a convivere con un pastore tedesco, che avrebbe indossato una fascia con la croce rossa, portandomi in giro per la strada con un bastone bianco.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

 

.

Corpus S Arihel. Levi di Gualdo all’ingresso dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar dinanzi al mosaico raffigurante San Giovanni Calabria, fondatore dell’opera

Hoc articuli avrei potuto titolarlo: Riflessioni sulla mia pelle. In fondo le migliori, perché un conto è contemplare con surreale fideismo un bel crocifisso d’avorio che fa così arte e inutile tenerezza emotiva, un conto finire partecipi, anche in piccola parte, alla crocifissione del Cristo, unica via per vivere la vera fede, che non è sentimentalismo emotivo, basterebbe intendere le parole del Divino Maestro che insegna: "Si quis vult post me venire, negare se ipsum, tollat ​​crucem suam cotidie et sequatur me » (Lc 9, 23).

.

Negli ultimi due anni sono stato attivo su tutti i fronti: ho scritto molti articoli su In insula, quæ appellatur Patmos,, pubblicato dei nuovi libri (Cf.. qUI), prodotto video-conferenze, dominus lectiones (Cf.. qUI), partecipato a programmi televisivi sulle Reti Mediaset. Ultimo in ordine di serie Zona Bianca quod 19 maggio condotto da Giuseppe Brindisi (videre qUI in momento 01:35 ut sequitur,), dove sarò di nuovo ospite il 9 June. et tamen,, dietro a tutta questa iper attività, c’era qualche cosa di grave, al punto da indurmi a pensare che dovevo produrre più possibile, perché forse un giorno non avrei potuto più fare certi lavori. Ho persino memorizzato l’intero Messale Romano in duplice lingua, italiana e latina, casomai un giorno non fossi stato più in grado di leggere …

.

Cosa è accaduto? haec: nel mese di luglio del 2019 appare una lesione alla retina del mio occhio destro. Si sarebbe dovuti intervenire con un immediato “cerchiaggio”, ma credendo di farmi del bene mi praticarono una ricucitura col laser. Trascorso un mese si verifica un distacco totale della retina e l’occhio rimane completamente cieco. Si procede così chirurgicamente d’urgenza a riattaccare la retina, dopo che il chirurgo consigliato e scelto m’informò: «In una scala di rischio da zero a dieci, lei è a rischio undici».

.

la chirurgo e ricercatrice sulla retina Grazia Pertile, direttore del reparto di oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, Fondazione San Giovanni Calabria

L’intervento riesce bene, pure se eseguito ― cosa che scoprirò un anno dopo ― con una tecnica ormai superata, ma non per questo inefficace. Tutt’oggi sono grato al chirurgo che mi rincollò la retina. quidem, pur avendolo effettuato in regime privato avvalendomi della mia polizza assicurativa sulla salute, fui operato su una specie di “poltrona” con anestesia locale praticata attraverso una puntura nell’occhio che non auguro neppure a uno scafista che trasporta esseri umani dall’Africa alle coste italiane con grave rischio per la vita di donne e bambini. Così credevo però funzionasse, al punto che non mi curai di domandare: … ma in questa splendida clinica privata stile hotel a cinque stelle, non avete neppure uno straccio di anestesista? I soldi, li spendete tutti negli arredi interni per gettare fumo negli occhi alle Signore e ai Signori della bella società che vengono a farsi i ritocchi di chirurgia estetica?

.

Illustrato a grosse linee il fatto, a nulla serve dettagliare l’iter clinico, perché di ben altro intendo parlare. Preciso soltanto che il tutto fu aggravato da una emorragia nell’occhio sopraggiunta per cause naturali durante la seduta operatoria, che causò il danno dei fotorecettori, ossia le cellule della retina che permettono la messa a fuoco. Con l’occhio destro, col quale vedevo solo ombre storte, non potevo leggere e scrivere. Il tutto peggiorato ulteriormente da una «estesa membrana» che si formò pochi mesi dopo sulla retina.

.

Il chirurgo che mi aveva operato e riattaccata la retina, salvandomi indubbiamente l’occhio dalla totale cecità, si guardò dall’espormi il mio stato, che per quasi due anni ignorai, dopo essere stato liquidato con un verdetto sul quale mi ero fatto una serena ragione: «Più di così l’occhio non potrà recuperare».

.

la chirurgo e ricercatrice sulla retina Grazia Pertile, direttore del reparto di oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, Fondazione San Giovanni Calabria

Un amico carissimo, uno tra i diversi clinici romani con i quali sono in stretti rapporti di amicizia, uomo di grande scienza ed esperienza, mi accompagnò egli stesso da una autentica autorità internazionale nel campo della chirurgia della retina. Dopo una serie di esami approfonditi l’eminente clinico esaminò il mio occhio con la lente manuale per circa mezz’ora e in modo pacato e impietoso mi fece tutta la cronistoria: dalla ricucitura laser da evitare sino all’intervento effettuato bene, la sopraggiunta emorragia che mi era stata taciuta e via dicendo. Concluse il grande esperto in chirurgia della retina: «Personalmente in quest’occhio già molto trattato non ci metterei mano, perché meno si tocca e meglio è, però …».

.

Supervacuum dicere,: un eminente studioso della retina e grande caposcuola, poteva dirmi davanti a un paio di chirurghi suoi allievi che qualche altro poteva essere in grado di fare ciò che per comprensibile prudenza loro non avrebbero osato fare? Quel semplice «però …» fu sufficiente a lasciarmi capire indirettamente quel che non sempre si può dire direttamente. etiam, sono pur sempre allievo anche di un diplomatico di lungo corso nel servizio alla Santa Sede, che nel campo della diplomazia mi ha istruito a dovere in lunghi anni di filiale rapporto.

.

Ex tempore il marito della mia odontoiatra mi aveva parlato in toni di meraviglia del Dottore Grazia Pertile, direttore del reparto di oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, Fondazione San Giovanni Calabria, in provincia di Verona (Cf.. qUI). Questa insigne specialista e nota ricercatrice di fama europea, gli aveva salvato l’occhio dopo 7 interventi chirurgici effettuati in modo disastroso da chirurghi di fama, o perlomeno di fama sulle carte … politiche. E i danni che gli furono recati risultarono tali che dalla sera alla mattina lo operò d’urgenza, mentre l’occhio stava ormai per andare in necrosi. Mi decido, salto in macchina e nel mese di giugno del 2020 mi reco a Negrar dove effettuo una visita col Dottore Mauro Sartore, che mi si palesa dinanzi come un angelo di Dio e che dopo tutti gli esami necessari mi dice che il danno ai fotorecettori è al momento irreversibile, ma rimuovendo la estesa membrana retinica e correggendo l’intervento precedente la vista può notevolmente migliorare. Nel mese di ottobre vengo visitato dal Dottore Grazia Pertile che ribadisce la diagnosi del suo collaboratore e mi prospetta l’intervento, anche perché in caso contrario, l’occhio, sarebbe stato destinato alla totale cecità in un lasso di tempo di pochi o più anni.

.

Mauro Sartore, chirurgo retinico dello staff di Grazia Pertile, reparto di oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, Fondazione San Giovanni Calabria

quod 24 May ho effettuato il pre-ricovero, quod 25 sono stato operato e il 26 renuntiavit,. Mi sono poi recato sul Lago Maggiore dagli amici de In insula, quæ appellatur Patmos, Enrico e Liliana, che mi hanno regalato dei giorni di splendida convalescenza nella loro villa. Scrivo questo articolo oggi, nella mia camera d’albergo nella Valpolicella, dopo avere effettuato il controllo post-operatorio questa mattina col Dottore Mauro Sartore.

.

Quando sono entrato in sala operatoria a Negrar, dinanzi ai miei occhi si è presentata una equipe al completo composta da svariate persone, con buona pace del fumo senza arrosto di una clinica privata che nella cornice esteriore pareva un hotel a cinque stelle, dove però mi spararono una puntura in un occhio per farmi una anestesia locale. Tutt’altra storia al Sacro Cuore di Negrar, dove sdraiato sul lettino, non su una specie di poltrona, non mi si è avvicinato un punturatore selvaggio, ma l’anestesista che mi ha fatta l’anestesia totale, durante la quale sono stato anche intubato. Ricordo di essermi addormentato recitando: Confiteor Deo omnipotenti et vobis, fratres, quia peccavi nimis cogitatione, verbum, operibus, et omissione ... (Confesso a Dio onnipotente e a voi fratelli, che ho molto peccato in pensieri, fidem, opere e omissioni …) e di essermi risvegliato dicendo «Laudetur Jesus Christus» (Benedictus Iesus Christus,). E pochi giorni dopo ho compreso fino in fondo quanto dovevo lodare Gesù Cristo.

.

A pochi giorni dall’intervento, con l’occhio ancora appannato, già vedo tutte le linee e i contorni perfettamente diritti. Distinguo e leggo i caratteri delle lettere grandi, quelle dei cartelloni, delle insegne e delle copertine dei libri, che prima non vedevo né leggevo.

.

Il Dottore Grazia Pertile è una donna molto riservata, pronuncia poche parole. Il suo è un lavoro che non si fa con le parole, utili e indispensabili per altri generi di pratiche scientifiche. È un lavoro, eius, di pura azione, un autentico mostro da sala operatoria con una manualità più unica che rara. E proprio io che da sempre sono a stretto contatto con le sfere più delicate dell’essere umano, ho subito compreso il genere di angelo dagli occhi azzurri che avevo davanti. Così mi sono limitato a giocare sul suo nome, tirando fuori dall’Ave Maria due sole ma incisive parole: «Gratia Plena» (plenus gratia). Etiam, ti saluto Donna piena di grazia, capace a mettere veramente a frutto la grazia straordinaria che Dio ha posto nelle tue mani.

.

Ingresso dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar con la statua di San Giovanni Calabria

La nostra Insula, quæ appellatur Patmos non ha pubblicato articoli nelle ultime settimane perché in concomitanza con me, anche il nostro redattore cappuccino Padre Ivano Liguori ha avuto problemi di salute che hanno comportato quindici giorni di ricovero. Un mese e mezzo fa fu colpito da una algia emicraniale destra con parestesie formicolari omolaterali e ptosi all’occhio destro, che ha richiesto ricovero in neurologia per accurati accertamenti, essendo paziente affetto da due malattie autoimmuni da circa quattro anni, una ai reni (una nefrite interstiziale) e una al fegato (una colangite biliare primitiva). ita, Padre Ivano e io, da un capo all’altro d’Italia siamo stati assorbiti da vicende sanitarie. Intanto che Padre Ivano continuava per giorni gli accertamenti neurologici per tenere sotto controllo la ptosi all’occhio destro, migliorata ma non ancora risolta del tutto, io mi accingevo a effettuare l’intervento alla retina dell’occhio destro, avvenuto attraverso un ricovero di soli due giorni e mezzo, che hanno però comportato una preparazione e una convalescenza. Questa è stata la nostra situazione nelle ultime settimane, ve la rendiamo pubblica oggi per chiarire il nostro silenzio, aggiungendo al tutto un dato molto positivo: nel mese di maggio dedicato alla Beata Vergine Maria sono stati superati gli ottanta milioni di visite alla nostra rivista nel corso degli ultimi quattro anni di attività pubblicistica ed editoriale. Ut etiam amplius, non pensate che il Diavolo ci doveva mettere in qualche modo lo zampino?

.

Raccontare questa mia vicenda ha comportato quasi una violenza esercitata su me stesso. Ognuno di noi ha diritto alla propria riservatezza. Questa mia storia è però paradigma di un dramma umano molto antico col quale tutti dobbiamo fare i conti sin da quando Adamo ed Eva commisero il peccato originale, che ricordo fu un peccato di superbia, a tal punto grave da alterare l’equilibrio perfetto del mondo creato da Dio, ma soprattutto dell’uomo stesso, fatto a immagine e somiglianza del Divino Creatore, che in precedenza non conosceva il decadimento fisico, in morbo, in dolore, la vecchiaia e la morte, tutte conseguenze di quel grande peccato di ribellione, di quella superbia di cui la mancanza di umiltà è da sempre la figlia prediletta.

.

le ricerche sulla retina artificiale condotte da Grazia Pertile

Dal muratore al progettista, dall’idraulico al falegname, a sit amet allo archimagirus e suvvia a seguire, quando l’uomo si trova dinanzi a qualche cosa che non è in grado di fare, spesso esordisce dicendo: 'Tu non potes, non si può fare». Non dico quasi sempre o di prassi, ma spesso chi risponde a questo modo sa benissimo che certe cose sono possibili da farsi. Ma per nessuna ragione ammetterebbe che altri sono capaci a fare ciò che lui non è in grado di fare. quidem, per quanto gravi possano essere, i danni o le incapacità di certi artigiani e tecnici sono quasi sempre circoscritti. Quando però atteggiamenti di simile superbia generanti cieca mancanza di umiltà sono posti in essere da un oncologo o da un chirurgo, quid fiet? Il nostro redattore cappuccino Padre Ivano Liguori, specialista in pastorale sanitaria, che per anni ha svolto il ministero di cappellano in un grande ospedale, il nostro giovane redattore domenicano Padre Gabriele Giordano M. Scardocci, grande studioso sul piano teologico ed ecclesiologico del problema delle disabilità, quanti casi sfociati nel disastro hanno conosciuto? Mi ci metto anch’io, che come sacerdote sono da sempre vicino e dedito all’assistenza di malati terminali e disabili, ribadendo a ogni piè sospinto che proprio noi presbiteri cimentati negli studi di ricerca e nelle alte speculazioni teologiche dobbiamo avere a che fare più che mai col materiale umano, salvo generare in caso contrario mostri di disumanità che vivono nell’iperuranio delle università ecclesiastiche, annegati nel mondo dell’irreale e nella spasmodica ricerca dei successi di carriera e di auto-affermazione.

.

Quando parliamo della virtù dell’umiltà cristiana, noi presbiteri e teologi non intendiamo certo la beghina o il cattolico onirico a collo torto che finge di non sentirsi degno o all’altezza. Ben altra è l’umiltà: è la virtù dei grandi. Solo i grandi possono confrontarsi ogni giorno con i propri limiti umani, fuggendo in tal modo le forme più nocive di disumanità, quelle che portano il proprio egocentrismo o il proprio narcisismo ipertrofico al di sopra del valore stesso della vita umana. Ecco allora il cardiochirurgo che pur conoscendo perfettamente l’esistenza di un collega particolarmente bravo e da anni specializzato in quella specifica malformazione al cuore, preferisce dire «non si può fare altro … non si può fare più di questo … fatevene una ragione …», pur di non dire che da altre mani il paziente potrebbe essere salvato. Altrettanto vale per certi oncologi, o per certi specialisti nella chirurgia della retina e via dicendo a seguire.

.

lo staff di oculistica di Grazia Pertile, Ospedale Sacro Cuore di Negrar

E vogliamo parlare dei baroni clinici che di prassi si circondano di mezze tacche, dovendo brillare di luce propria? O dimenticare altrettante mezze tacche piazzate come assistenti di insigni clinici su suggerimento di aziende e banche che finanziano fondazioni e istituti di ricerca? Cosa accade poi, ai malati attratti dal miraggio del gran luminare, quando si recano nel suo reparto dove finiscono operati da qualcuno dei suoi mediocri assistenti? Tutt’altro il mondo della clinica, della chirurgia e della ricerca del Dottore Grazia Pertile, che non teme ombre sulla stella che lei è ma che ha formato uno staff di chirurghi che sono tutti quanti molto bravi. Altro mondo, in mezzo a tante cose cliniche dell’altro mondo che spesso ti tolgono con decenni di anticipo alla vita di questo mondo terreno.

.

Di questo rendo grazie a Dio come uomo di fede, sacerdote e teologo: avermi fatto sperimentare direttamente sulla mia pelle quanto sia veramente alta la virtù dell’umiltà cristiana. L’ho capito mentre imparavo a memoria il Messale Romano in italiano e in latino, spaventato dal fatto che, se anche nell’occhio sano fosse sopraggiunta analoga patologia, i due amatissimi gatti di Jorge Facio Lince e miei, Ipazia e Bruno, che vivono in casa con noi, avrebbero dovuto imparare a convivere con un pastore tedesco, che avrebbe indossato una fascia con la croce rossa, portandomi in giro per la strada con un bastone bianco.

.

Sul mio cammino, tra tanta scientifica e omissiva arroganza e superbia, ho però conosciuto la mia Ave Maria, la Donna plenus gratia, il Dottore e ricercatore sulla chirurgia della retina Grazia Pertile. E ho capito fino in fondo il valore teologico e salvifico dell’umiltà cristiana, quella che ti rende grande e che ti salva l’anima dalla dannazione eterna.

.

da Negrar in Valpolicella, 3 June 2021

.

.

GRAZIA PERTILE SPIEGA I TRATTAMENTI DI AVANGUARDIA PER LE PATOLOGIE DELLA RETINA

.

.

..

.

.

Visita nostrae paginae libri tabernam qUI et emebant et sternebant in nostris libris tolerandum edition.

.

 

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ [email protected] ]

.

.

.

.

.

About pater Arihel

S Arihel. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

19 cogitationes on "Fertile Grazia silentii servari oculus quindecim ad Cor Negrar, ut theologus cum meditatus sum: quae ad indigentiam possunt humilitate faciam in hominibus scientiam?

  1. Auguri di buona convalescenza, pater Arihel! Un mio amico lavora come radioterapista all’ospedale di Don Calabria. Anche a me è capitata una storia simile alla sua, grazie al cielo molto meno grave, per un problema a un occhio. Per non parlare dei miei genitori, entrambi mancati ed entrambi curati da dottori che li hanno trattati come pratiche da sbrigare, non come persone da aiutare. Riposino in pace!

  2. Intanto fa sempre piacere che qualcuno riesca a risolvere un grave problema di salute. Se poi si viene da Roma in Veneto per curare ciò che a casa è stato maltrattato … quod’ diciamo che la mia identità di veneta, pur a metà, l’altra è mista friulana-albanese, non può che godere.
    Auguri di veloce ripresa.

  3. Caro Pater Arihel,

    adesso mi spiego come mai questo rallentamento dell’attività sul vostro sito. Il suo problema di salute e quello di padre Liguori. E mi spiego anche come mai l’altra volta (io che sono un buon osservatore) assistendo al suo intervento nella trasmissione su Rete 4 Zona Bianca dove sicuramente la rivedrò il giorno 9 June, avevo notato che spesso lei chiudeva un occhio, in brevi, avevo notato una anomala contrazione sul suo viso

    È vero quando si sperimenta sulla propria pelle è tutta un’altra storia. Un mio caro amico a causa della retina che si è distaccò da un occhio anni fa, lo ha perso, da quell’occhio non vede più. Io e lui viviamo in Campania, Neapoli, e da quello che ho capito io non è stato seguito bene.

    Quando nel suo articolo, patrem, ho letto il nome della dottoressaGraziaanche io ho pensato che deve essere stata proprio una grazia incontrarla.

    Le faccio i miei migliori auguri di piena guarigione. Ad maiorem Dei gloriam🙏

    p.s. desidero informare che l’audio lettura non è disponibile, quando clicco sul play si apre la pagina YouTube sulla quale però viene indicato che il video è privato. p.p.s. sono felice per i gatti, anche a me piacciono molto 😁 🙏🙏🙏

    1. Thanks for omnia, caro Giovanni, anche per avere segnalato l’assenza di audio, dovuta a un errore di chi lo ha caricato lasciandoloprivatoanzichè renderlo “publicae”, come era ovvio fare.

  4. Mi auguro, pater Arihel, che possa riprendersi completamente, insieme a padre Liguori. Mi scuserà dell’invito più che scontatoprendetevi anche il riposo necessario.

  5. Bel post….prima due palle co st’occhio poi (come da tradizione) chiedi un po di soldini e poi ci sfracassi con i post a seguire….
    SIGNOREEEEE SALVACI DA STO IMBECILEEEEEEEEE

    1. Domine mi,

      come si dice a Romaglielo dico però in modo castigato – lei “me pare confonna er deretano coll’acqua santa“.
      Nel ringraziarla per la sua pregevole sensibilità, le faccio presente che lei mente in modo spudorato accusandomi dichiedere soldi.
      In fondo alle nostre pagine ci sono da sempre gli estremi del nostro conto affinché chiunque voglia liberamente contribuire alla nostra opera possa farlo.
      Non sono stati chiesti soldi a nessuno.

      Et dixit quod ego addam: se lei è così rammaricato per i miei buoni esiti chirurgici, può sempre assoldare uno stregone voodoo del Kenya affinché mi faccia una macumba per procurarmi un cancro incurabile.
      Ma io sono rivestito della suprema grazia sacerdotale, con me il Demonio non attecchisce. Perché è in questo che lei e quelli come lei credono: nelle macumbe, nascondendosi però con rara cattiveria dietro a Cristo e ai Santi.

      Lei ha usato un nikname falso e un indirizzo di posta elettronica inesistente per mandare ciò che ha mandato. E da buon neocatecumenale ha cercato di sviare l’attenzione tirando in ballo Lefebvre. videt,, mea, da voi io ricevo insulti terrificanti da quanto pubblicai il mio libro Et Neocatechumenal sectæ Nazarenorum

      [videre http://www.amazon.it/setta-neocatecumenale-Leresia-venne-abitare/dp/8894463281/ref=as_sl_pc_tf_til?tag=isoladipatmos-21&linkCode=w00&linkId=bc3789b094484283d1c4b26fa2aafae9&creativeASIN=8894463281]

      Siete banali e ripetitivi, nella vostra feroce cattiveria, vi fate riconoscere subito. Come però può vedere, noi non censuriamo nessuno, neppure gli insulti, se sono rivolti a noi Padri de L’Isola di Patmos. Li cancelliamo e non li pubblichiamo se gli insulti sono rivolti ad altre persone.

      + Benedicat te Deus, + la preservi dal male + la conduca redento alla vita eterna

      1. hic “isolatala VERITÀ…… . in una non sottile distinzione tra chi si affatica a vomitare insulti e menzogne, a ridicolizzare le sofferenze altrui e chi invece implora la benedizione divina, invoca la liberazione dal male, e la giusta via, per colui dal quale tanta cattiveria origina.

  6. Carissime pater Arihel,

    anch’io mi ero sinceramente preoccupato per la sua assenza. Ora è tutto chiaro. Domani sera la seguirò sulla TV. Certo che mi deve spiegare che metodo ha usato per imparare a memoria il Messale … (chissà che riesco a rallentare il degeneramento della mia memoria 😩)

    L’ospedale di Negrar lo conosco e devo sottolineare, come lei ha già fatto intendere, che trattandosi di fondazione religiosa questa clinica è privata, solo che a differenza delle cliniche private palancaie che pullulano in questa povera Italia, è una no profit, Un esempio di organizzazione e qualità professionali, umane e perché no anche spirituali, fuse insieme. Una speranza di come dovrebbe tentare di essere l’assistenza medica ospedaliera fondata sull’amore e la scienza.

  7. Salve, pater Ariel. Pensi quanti catechisti neocatecumenali, illuminati e discernenti, avranno approfittato dei malanni di padre Ivano Liguori e suo.

    Li conosco fin troppo bene. Me li immagino strillare ai malcapitati adepti cheDio vi ha mandato disgrazieper convertirvi, quali nemici del cammino.

    Quanto al fasullo “Lefevre obedientes SRC” e vero neocatecumenale insultante, quid de?
    Dimostra da bravo neocatecumeno amore al nemico, pronto a porgere l’altra guancia e a non resistere al male, e prega per chi lo perseguita.
    Un vero cristiano adulto nella fede!

    Euge cometichiami, continua così e vedrai dove ti porta il cosiddetto cammino.

    A lei e a padre Ivano Liguori i migliori auguri di ogni bene. In famiglia abbiamo avuto situazioni drammatiche di mala sanità, e so cosa significa incapparci e subirne conseguenze irreversibili.

    L’apostata (dal kikianesimo)

    1. Caro Pater Arihel. Purtroppo ho constatato che non era presente il giorno 9 c.m. negli studi televisivi Mediaset, ho potuto apprezzare soltanto gli interventi di Mario Adinolfi e soprattutto quelli del Professore Alessandro Meluzzi, i quali si sono battuti strenuamente contro latrappoladel ddl Zan. Auspicando che la sua assenza sia stata dovuta a motivazioni effimere, la saluto cordialmente augurandoci di rivederla quanto prima in TV. Anche lì c’è bisogno della sua autorità in materia clericale. Dio la Benedica 🙏

  8. Ariel pater mi,

    mi ero appunto chiesta come mai, proprio dopo averLa “inventa” causa est, quia, fortunatamente, attraverso questa Sua rivista ed uno dei Suoi libri recentemente acquistato, non trovassi più alcun altro Suo articolo. Le auguro di cuore che possa presto riacquistare la più appagante funzionalità visiva. Provvidenziale, seppure nella intuita sofferenza, l’esperienza di rara umanità ed umiltà che ci ha trasmessa. Ha donato, a non pochi di noi, un esempio di vera fede facendoci capire come in quel Confiteor Deoha saputo affidare tutta la Sua vita nelle mani divine, ad altri ancora, una meravigliosa speranza racchiusa in un nome soave, in tanta “Sancta Maria gratia”. Mi ha riportata ai miei 22 aetate (diversi anni fa) quando il primario otorinolaringoiatria di un noto ospedale di Roma, percepita la grave e non più gestibile patologia che mi aveva colpita, con ammirevole umiltà ed intimamente toccato dalla mia giovane età, mi affidò personalmente alle mani miracolose di un noto neurochirurgo di Zurigo che misalvò”, dopo sei ore di intervento. Etiam, preziosi indimenticabili incontri. Colgo l’occasione padre per confidarLe quanto trovi piacevole, nonché particolarmenteeleganteil modo con cui espone i suoi punti di vista, le Sue riflessioni ed ancor più interessanti i contenuti (sebbene a volte opportunamente e necessariamente caratterizzati da coraggiosa risolutezza), che per molti aspetti trovo rivelatori. Lo sono per me, in un particolare momento di vita che mi porta a constatare con amarezza, dopo lunghi ed impegnativi anni di lavoro, quanto poco tempo, ed infruttuoso, abbia dedicato alla cura della mia anima.

    Grazie dunque delle preziosità che ci trasmette.

    Ora mi permetta di regalarLe uno spazio musicale emozionante ed intenso che potrà ascoltare in momenti di riposo; sono certa che gradirà, dovrà ascoltarlo tutto ponendo più attentamente l’orecchio negli andanti con moto I n. 3 in C-Sharp Minor op 10. e II, di Charles Valentin Alkan (pianista G. Bellucci)

    Auguro tanto bene a Lei ed al Suo confratello padre Ivano Liguori.

    https://youtu.be/0vqxCC7DBMY

    amf

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.