"Patefacio Ecclesia" part III - Edited by Zanchii: in tempore gravis subitis: sacerdotes tui, etiamsi sola, Missae Sacrificium eucharisticum celebrare pergunt oblationem corporis et animae salutem

- quod Sancti Patres Patmos Island prope fidelium in quarentenam -

"PRINCIPIO Ecclesiae» (episode III) - by John Zanchi: IN HOC TEMPUS morborum gravium EMERGENCY sanctior sacerdotum,, CUM TANTUM, SEGUITANO A CELEBRARE LE SANTE MESSE OFFRENDO IL SACRIFICIO EUCARISTICO PER LA SALUTE DEI CORPI E DELLE ANIME

.

Iste tertius et gemmas pretiosas videos Offerimus nostris legentibus Venerabilis Frater Noster Ioannes Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium, ut etiam pro remedium efficax omnes sapientes dolor, tum praecipuae fuerunt leuaretur, Et nihil melius facere quam causam, et in dura saepe agere, contra decisiones nostrae in causas episcoporum ad salutem publicam salutem praesidio: et in multis casibus suspendat commemorationum sacrarum claudere ecclesiis doceo. Quaesivi quem diligit ecclesia, in angustiis et necessitatibus, Hoc est non servatae sunt in controversia fidelium in omnium illorum qui ad tempus stare omnium fidelium vel de auro purissimo, sed unit. Aliquis scripta sunt dies, ut «ab Episcopis in Ecclesia quin mortem sibi conscisceret Italiae '. Infeliciter non est intelligere aliquid de essentia fidei, de Catholico: Ecclesia, “Si mortem” impetum episcopis,, non tam subito eos persequendos experimento.

.

.

Video transversis et coetibus ab issuer TELESANDOMENICO (AREZZO)

.

.

.

TEXTUS Video

.

In Johannem texts ex Patre Zanchii, emendator Centrum de Cultu Divino Spirituali de Catholico Romana Dioecesi, Arretium, Cortona Sansepolcro, Non illi intelliguntur, sed ut audio, ut vasa narratio texts. Nos processerunt nobis Latin text audio transcribere.

.

John Zanchii

Benvenuti alla III puntata di aperta ecclesia!

In diebus illis difficile est in Italica llateres et lapides templa patefactis, Ecclesia inest signum inter plebem et acri (Episcoporum conferentia demandato tuscanicis generibus cfr, 14 March 2020), etsi publice ponantur ecclesias patefactis. Manere in locis apertis, tamen certe cum sacerdotibus, quotidie Missam permanserint, etiamsi sola. VI Apostolus docet quamvis celebretur sacerdos solus, Missae Sacrificio, "agens est magna detail, presbytero ad utilitatem, tum fidelium et omnis ecclesia, immo in totum mundum ' (Mysterium fidei 33).

.

Inter ampliori spiritus gratia inde quoque est quam dat missa sancti in suffragium defunctorum transferant. Parliamone brevemente. Ad caelum ire non sufficit mori in gratia Dei et propter peccata ergo est absque culpa; ad caelum oportet quod a poena temporali pro peccatis suis; gratiam Dei, quæ est in mortem anima eorum sententias sed etiam servivit ut propter peccata purgari post mortem, justitiæ Dei: quod sancti Ecclesia purgatorium vocat.

.

Iam separari, animabus prodesse sibi non potest,, ma possono pregare per noi ancora viventi sulla terra e possono ricevere il nostro aiuto spirituale per abbreviare la loro purificazione e giungere all’eterna beatitudine in Dio. Sunt multa opera bona, ut non ad auxilium offerre Deo in animabus mortuorum, sunt,: formam poenitentiam eleemosyna, veniarum, praesertim celebrationis Sacrificii eucharistici orationem.

.

Patriarcha in ecclesiis et sacerdotibus nostris, aperi nobis solum continue quotidie Missam celebraturus pro spirituali salute vivorum et mortuorum tum. Etiam domos parva sunt "domus Ecclesiarum" sint ad orationem et obsecrationem ac postulationem intersit, ut ante Deum pro omnibus indigentibus,, tam vivorum et mortuorum.

.

In hoc tempore quadragesimam Sancta Ecclesia nos invitat ad conscientiam reserant indignitatis nostrae commitment in intestinum jejunum, orationi instantes, sunt in eleemosynam:. Elemosinae nostrae, id autem opus est nostra caritas etiam animabus mortuorum, praecipue propter illos qui mortuus est plaga.

.

Fortuna omnia curant medicinae virgam et omnibus aliis quorum interest ad bonum sociale; i defunti finiscono invece per essere considerati solo un numero che incute timore. Morte usque ad centum nunc coronavirus; ex illis sunt solum orci conditionibus, sine consolatione in Sacramento familiaris coniunctissimus,. Et certe sepultura eius comitetur sacerdotes molestum, sed potest esse sine exsequiis celebramus.

.

Ne auferas a nobis defuncti haec quoque orandi pro animabus suis. vos nunc urgente nostra Christiana auxilio suffragari, quia non solum est vita; corpus perit, ma l’anima vive immortale. Animae mortuorum urgente necessitate adiumento esse, tantum Christiani statuemus. Quod caritas Ecclesiae tam magna et tam potens est ut non solum adiuvet ad animam, sed etiam in mortuo; Ecclesiae caritas est tam magna et tam potens poterit agere, ut non solum in hoc mundo sed etiam in altera.

.

Discimus ex maiorum: per buried tempus mortuorum non solum calamitatem civitati, Orante autem animas desiderantium: ipsas ecclesias iustum MCMLIX adhuc recordabor eius in Italia. De animabus mortuorum anxietas propter ciuitatem pestilentia esse, vel etiam utor nobis: Facit nos Deo merendum vitam aeternam ut et docet nos facere nunc paenitentiaque movemur, per farne meno dopo la nostra morte. Quod si eruat in ciuitatem pestilentia esse ecclesiam tempore non solum vivis sed etiam mortuis veritatem de Ecclesia, quod sit aperta.

A cras indignatio novum pensionem aperta ecclesia.

.

Sansepolcro (Arretium), 16 March 2020

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

Avatar

About isoladipatmos

6 cogitationes on ""Patefacio Ecclesia" part III - Edited by Zanchii: in tempore gravis subitis: sacerdotes tui, etiamsi sola, Missae Sacrificium eucharisticum celebrare pergunt oblationem corporis et animae salutem

  1. Grazie davvero per aver segnalato questi video, almeno fanno chiarezza sulla situazione. Purtroppo in questo momento vedo che buona parte dei commentatori cristiani un po’ magis “undergroundimpegnano il tempo libero gridando all’apostasia manifesta; c’è persino una petizione tristemente firmata da Marco Tosatti e da altri che invoca la ripresa della partecipazione pubblica ai sacramentinel rispetto delle misure messe in atto dal governo” (la modalità effettiva e con quali sacerdoti attuarla è rimessa alla fantasia della CEI).

  2. Ma figuriamociche assurdità chiedere la ripresa della partecipazione pubblica ai sacramenti “nel rispetto delle misure messe in atto dal governo”, vero?
    Noi siamo assetati di Cristo, e chiederemo insistentemente che ci venga ridato ciò di cui abbiamo bisogno, nell’ambito dell’umanamente possibile.
    E non è tristezza, ma la gioia di aver incontrato Qualcosa di più grande, oltre la fallacia degli uomini!
    Si guardi cosa sta succedendo in Polonia ed altri paesi

    1. Se è veramente assetato di Cristo come scrive, incominci a seguire ciò che i Pastori della Chiesa hanno deciso in questi momenti di emergenza, perché sono loro che Cristo ha costituito come apostoli e guide.
      E non confonda lasete di Cristocon la gratuita polemica, Please.

      https://isoladipatmos.com/il-coronavirus-ha-suggellato-il-fallimento-delleuropa-chiudono-le-chiese-mentre-gli-lbgt-fanno-feste-orgiastiche-al-muccassassina-si-fanno-disegnare-ai-bimbi-arcobaleni-al-grido-ce-la-faremo/

    2. Alla sua domanda devo rispondere si, lo rintengo vero, primo perchè non è specificato il modo: si dicevano dei vaghimantenere le distanze” E “moltiplicare le messee io vorrei sapere con quali protezioni mediche che già scarseggiano e con quali sacerdoti si potrebbe fare.
      Secondo perchè il pubblico che partecipa alle Messe è esattamente la fascia più a rischio, per non parlare dei sacerdoti stessi la cui età media non è certo bassa.
      Terzo perchè le disposizioni della Chiesa sono queste, e se si può non apprezzarle bisognerebbe almeno cercare di capirle nel contesto anomalo in cui avvengono prima di urlare al tradimento (ed è per questo che aggiungevotristemente” omnia’ aver assunto questa posizione da parte di un commentatore solitamente lucido come Tosatti)
      Per il resto la invito a riflettere su quel “nos”, che ha usato e sull’implicito delle sue parole, ovvero che chi non chiede questa ripresa dei sacramenti immediata non è veramente cristiano e non ha incontrato quel Qualcosa; spero non fosse il senso in cui lo intendeva.

  3. contristatus, qui la polemica non la faccio io.
    Piuttosto ho l’impressione che state etichettando come facinorosi quelli che vogliono un ritorno non dico alla normalità, ma quanto alla libertas ecclesiae.
    E non mi pare proprio che mi sia stato risposto nel merito ma solo conLei non sa chi sono io” E “Non seccare e stai chino”.
    Allora vi pongo alcune domande (per le quali naturalmente, vista la vostra sapienza, avrete tutte le risposte).
    1. Dove sono i vescovi, gli illuminati vescovi italiani, per quei sacerdoti denunciati, vilipesi mentre facevano la Messa da soli (vedi Cerveteri), con tanto di profanazione e abuso contro il Concordato?
    2. Perché in Polonia, invece di rinunciare alle messe pubbliche, le hanno raddoppiate, per mettere d’accordo prudenza e esercizio della fede? Forse perché i vescovi polacchi sono dei criminali, e da noi sono saggi?
    3. Perché state facendo una serie reiterata di articoli per difendere le scelte dei vescovi, raccontando anche situazione negli ospedali che, ingenue, in prima linea (Lombardia, Veneto) sono amarcord? Lì i cappellani li tengono ormai solo in anticamera o nell’obitorio.

    Grazie per ogni vostra risposta

    1. E meno male che lei non fa polemica, figurarsi se la facesse.
      primum, invocare la “polluerent eam” del Concordato, è una espressione talmente roboante e fuori logica dinanzi alla quale morirebbero letteralmente dalle risate teologi dogmatici, ecclesiologi e canonisti.
      Comunque le rispondo in merito alla questione polacca facendole qui copia/incolla di un commento di spiegazione che ho pubblicato ieri sulla mia pagina Facebook:

      LE COLOSSALI BUFALE DEI GIORNALISTI E BLOGGHETTARI “CATTOLICI”: «IN ITALIA NON SI CELEBRANO PIÙ SANTE MESSE IN PUBBLICO A CAUSA DEL CORONAVIRUS MENTRE IN POLONIA I VESCOVI LE AUMENTANO A CAUSA DEL CORONAVIRUS»

      se i numeri non sono un’opinione

      Un affezionato lettore de L’Isola di Patmos mi ha posto questo quesito interessante: «La Conferenza Episcopale Polacca, per ottemperare alle logiche e dovute misure di sicurezza e di prevenzione della diffusione del virus, sembra abbia deciso di intensificare il numero delle messe per dar modo che pochi fedeli per volta riescano a parteciparvi».

      Ciò è vero, i Vescovi polacchi hanno agito così e ciò ha fatto dire ad alcuni giornalisti cattolici di lungo corso, oggi specializzati nel tiro al bersaglio sui vescovi e sul clero italiano, che «mentre in Polonia si aumenta il numero delle Sante Messe, in Italia si chiudono le chiese».

      Unum ex duobus: o questi soggetti ridotti ormai a vecchi avvoltoi e cecchini non conoscono le situazioni ecclesiali dei vari Paesi, oppure non sono neppure in grado di leggere i numeri. Perché la risposta è proprio scritta nei numeri, nimirum haec:

      I cattolici polacchi sono 35 milioni circa e il loro clero è composto da 31.442 sacerdoti secolari e 8.412 sacerdoti regolari (“sacerdoti regolari” sono i religiosi dei vari ordini maschili). Il numero delle parrocchie è pari a 10.379.
      L’età media del clero polacco è pari a 44,08 aetate.
      Dividendo il numero delle parrocchie per il numero dei soli sacerdoti secolari, il risultato è che per ogni parrocchia polacca ci sono 3,04 sacerdotes,. ego iterare: il tutto senza contare i religiosi, ossia i membri del clero regolare.

      In Italia la popolazione cattolica è pari a 47.021.200, le parrocchie sono 25.741, i membri del clero secolare sono 34.121 e i membri del clero regolare 9.112.
      L’età media del clero secolare italiano è pari a 67, 09 aetate.

      Simpliciter dixit:: noi abbiamo 1,02 sacerdoti per parrocchia, con una differenza di non poco conto: una media di età superiore di 23,01 anni rispetto a quella media del clero polacco.

      Ergo, giornalisti cattolici di lungo corso e blogghettari cattolici all’arrembaggio, stanno scrivendo e sostenendo delle cosiddette grandi ed emerite cazzate, se cortesemente mi passate il termine aulico.

      Corpus S Arihel. Levi Tadinensis
      24.03.2020

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.