"Non fuit in linteo cricket agri …». Stabat autem et Judas quod chose “tum maxime”: ejus bonum,, Non enim Christus propositus est ei

- Ecclesia nuntium -

"Quaestio erat in agro CRICKET in panno lineo ...". Stabat autem et Judas elegit “POSSIT BONUM”: DEQUE eJUS BONUM EST, Christus non est ei

.

Secundum theologiae sacramentalis, illi malos guys ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei ad praesentem ausus est matrimonium inter virum et mulierem ordinatum ad bonum, et per benedixitque Deum,, dum inter viros vel mulieres malum.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

.

Autho Facebook Non posset non auxilium sed ad animadverto participationem post studia theologica Andrea Grillo quo nuntiatum de imminenti release qui inscribitur magazine sui contributions apud Catholico: "benedictio: style ad verbum potest ad bonum ".

.

Articulus in plena veniet et cras in menstrua Iesus, venire in directum Pauline Fathers ab Beati Iacobi Alberione. Ita sane, ut nullus se poterit usque in crastinum aut laudamus aut carpimus scripturam hanc, lam si in primo folio participatur profile Facebook in praesenti condicione theologo topic intelligere thema. De quibus manifesta sunt beneficia et ad licite, vel facta ne benedicat circa idem, sexus copulat. Et illud quod ait:, expectantes beatam release huius articuli in menstruam magazine a et dirigi familiam religiosam, pro quo loqui non possumus dicere et scribere sacramentales, circa dies fuit theologus [Cf.. qUI, qUI, qUI, etc ..].

.

Positio euidenti a Dicasterio competenti Apostolicae Sedis ipsius nuntii orthodoxia de fide, erexit inpatientiae multorum ex quarteria: Vivamus loci sanguinem nostrum de Iulii Mignani Sanctiandree diocesis, qui Spedia denegat benedicere ea palmas et quasi oliva arboribus in passione domini ultimo; iam prior ad clerum Germanicarum homosexualitatis matrimonium sacramentum, nisi inter similes femina praestantior, quia ab antiquis petita, diligitis omodiretto quia est purius, non affectus ad bonum prolis inpedimenta (!?).

.

Nunc est theologus vertente Andreae Grillo quod - cum ex certa nota academic excellentia - ad continendas tabulas responsum ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei et de unio autem sicut homines eiusdem sexus mere idest Manichaeis, quod identifies, distinguens inter bonum et malum. in brevi, qui urgere penitùs videntur dici annotare, ex toto sive in albis sive in mundum ut dividant omnes nigrum.

.

… quando loquitur superba ferox et ipsum …

Secundum theologiae sacramentalis, illi malos guys ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei ad praesentem ausus est matrimonium inter virum et mulierem ordinatum ad bonum, et per benedixitque Deum,, dum inter viros vel mulieres malum. Cum autem circumstantia aggravans - dat speciem quae est per accidens, docet academic trium sacramentorum theologia et in ecclesiasticis universitatibus - hoc modo facere theologia, tum ut usu esset minuere dogmate, cumque consortibus pro traditione - non liquet si vel quo alio quam de ecclesia - de re sensus, et conversio ad prophetiae.

.

in brevi, secundum lineas minus triginta articulus ex ipsius rei, rationabile dubium esse debet cum Andrea Grillo sensu re propria prudentia. Ut theologus cum sacramentali modo parere oportet quod loco Congregationis, habitis annis crimen et statuit, quod patet ex fine praevisum, et sic potest esse incipere: "Si duo homines et duo mulieres qui vivunt in societate vitae amoris, et" .... quid ergo dicemus quod doleo, sed de? Ubi docet apud plures theologi non repetere Studiis academicis,, utitur hac voce, 'amoris et vitae coniunctionem haberet, "qui erunt sine dubio enuntiat atque recludit re aedificatum ad similitudinem huius necessitudinem cum Ecclesia, quod est Christus, quid aliud sperare in continua ratione?

.

Quod sit aliquid, mi legentibus, haec Nobis occurrit quaestio quae est virtus theologica institutione theologica virtus est, quae motum, quae est fides. Homosexuales suscipiendi sunt cum eo quidquam facere, sed nihil omnino, omnino! Alii immani ecclesiae beneficiis hominum et dare oporteret ut cum refertur utcumque tamquam in socialis network. Et si nos nondum pervenit ad aliquarum rerum Sacramentorum ministratio, consensus tamen elicere conantur pro benedictione sacramentale, O quam habui occasionem ut diceret Iulius Mignani, bonum est non negavit, ut quis. Suus 'aliquantulus similis dicens: "O frater gay, Non possum nunc celebramus tuam in ecclesia nuptialem sed det tibi benedictiones quae est primus gradus est patet in futurum matrimonium vestrum. Quia tu nosti, nuptias in ecclesia tuas suburbanas adhuc nuptias non videtur quod aliquis a bono, quod iam cuiusdam pretii. Et datum est, quod Ecclesia non solum, sed etiam centro ad peripheriam, nunc spero melius stridor dentium ".

.

… quando loquitur superba ferox et ipsum …

Quondam iterum repetere non sum, quaestio non est a populus cum opinantur propensionem homosexualem, qui populo carus, multa fortasse etiam magis quam officia assidue observant in quibusdam casibus,; quatenus peculiari peritia quam plurimi et sacerdotes de nobis melius. Et est quaestio Deus, qui locos - sic non - terminus est inter bonum et malum, inter sanctum et sanctum ab.

.

Timeo quaestio ex quorundam theologorum o lay in sacris accipiens enim a Deo nobis qui medicatur et adultorum etiam prolatis in nobis elegit offensionis, "vita et morte, et benedic tio et maledictio " [Cf.. Dt 30,19] et per Filium hominis, ut extremam atque vocat exclusive arbitrium absque dolo:

.

"Sancte Pater, serva eos in nomine tuo, quos dedisti mihi:, ut unum, sicut et nobis,. Cum essem cum eis,, Et in nomine tuo quos dedisti mihi custodivi et non custodistis; nulla fuisset, nisi filius perditionis ut scriptura impleatur, quia scriptum est oportet impleri Scripturam ' [Cf.. Gv 17,11-12].

.

In illis diebus Hebdomadae sanctae, et Passionis, tragice vivere rursus fabulam viri Juda magnificati, qui non eligere bonum quia Christus propositus est ei sua propria bona, sed malle. Condicio simul bona et partibilis, eumque colant, ut salutis et redemptionis in plateis intra semoto, forsitan cum auxilio adeptus producas in concilium quasi aliquid donante et publica Imperii Romanorum. Certus sum, quod si ille hodie Iudam et ad iudicium non potest justificari,, bumblebee quis advocatus esse possit illum salvum facere quod hominem radicaliter, immo etiam homo.

.

Lætatusque est Paulus, seminarium rithimus In Australia et V.

De salute hominum est ut hodie si impleri volo, et redemptio: Non potest quis malum in oculis omnis adductum propius, ut fit ubi deficiunt misere omnes recti.

.

Derelinquas nos ad beneficia in ecclesia, sacra, quae regio, quae in nobis loquitur, et Deum in illo. Praecipuum odorem bona fluunt per gratiam sacramentalem intellegentur uiros volenti principale cultus varia vitae adiuncta sanctificantur sacramentorum [Cf.. CT, 60; CCC, 1667 e can. 1166]. Benedictio est equivalent ad sanctitatem adducendi, est equivalent ad sanctitatem adducendi S. est quaeritis, dedit, Omnis enim quicumque invocaverit componendas communem libertatis conversionis peccatoris.

.

Get benedixitque et hoc absque desiderio ad superstitionem lapsus, quod tibi fortassis aliquis possit Auxilium, Deus autem non invenies, certe enim compar utriúsque virtus Jesu, Deum nemo vidit umquam unigenitus Filius, qui est unum cum Patre, et Spiritus Sancti.

.

Laconi, 31 March 2021

Epiphania,

.

.

carus lectores,

aperientes Facebook page Editionibus Pathmos insulam quod ad te inuitamus

It strepitando in recta aperire potes hinc deorsum logo:

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118

CODICE PRAECEPS: BAPPIT21D21
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ [email protected] ]

 

 

About Pater Ivanum

Ivano Liguori Dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

8 cogitationes on ""Non fuit in linteo cricket agri …». Stabat autem et Judas quod chose “tum maxime”: ejus bonum,, Non enim Christus propositus est ei

  1. Pater mi Ivanum,
    “Quid faciam?”
    E pongo questa domanda da padre cattolico che cerca ogni giorno di mantenere viva la fede dei propri figli.
    Il tempo attuale è davvero difficile. Difficile spiegare con ragione chi è nel vero e chi non lo è. E ciò perché il dissidio e la lotta si sono fatte intestine al corpo della Chiesa. E la dimensione di questo orrore è oggi davvero impressionante. Mi rendo conto che la Chiesa è già passata attraverso questi momenti, ma una cosa è studiare l’evento come fatto del passato, altra cosa è viverlo nel presente e scoprire di essere quasi senza difesa. Vengono meno i riferimenti ed è terribile.
    Come posso, in facto,, indicare la strada ai miei figli, se i teologi dell’Isola propongono un insegnamento e il teologo Grillo ne propone un altro? Come posso discernere correttamente tra il contenuto del recente documento della CDF e le posizioni di sacerdoti e vescovi che invocano la misericordia divina per giustificare ciò che l’autorità della Chiesa vieta? E questo è detto solo a titolo di esempio, per tacere del resto.
    Chi è dunque nel giusto? Ubi est veritas?
    E infine resta la domanda “Quid faciam?”.

    1. carissimi Luca, «ubi est veritas

      A questo tuo interrogativo, desidero aggiungere quello del governatore Pilato: «Quid est veritas?» che in questa Settimana Santa risuona come monito potente davanti ad ogni credente. Dove è la verità? Che cosa è la verità?

      La risposta è fin troppo semplice, la verità è Cristo, crucifixum, il risorto che vive in eterno. Tutto quello che viene detto, pensato o fatto al di fuori di Cristo e della sua persona esula dalla verità oppure è verità ingannevole.
      Il bello è che – come accadde a Pilatospesso abbiamo la Verità davanti e non riusciamo a riconoscerla. Un inganno diabolico che ci porta a rifiutare il vero per scegliere il falso. Ma Cristo ci ha dato il rimedio a questo male.

      Dopo la sua risurrezione dona lo Spirito Santo agli apostoli affinché sia per loro maestro di verità nel ministero, sia nelle parole così come nelle opere.
      La Chiesa è sempre assistita dallo Spirito Santo affinché mantenga la verità nella misura in cui la sua fedeltà a Cristo è stabile. Di questi tempi possiamo anche utilizzare la parola eroica, perché non basta più mantenersi fedeli, occorre farlo da veri coraggiosi, da eroi.

      Già caro Luca, oggi dal semplice fedele al Papa, tutti necessitano di essere confermati dallo Spirito Santo nella verità di Cristo che oggi si può esercitare solamente in grado eroico, visti i numerosi attacchi che Cristo e il suo insegnamento subisce non solo dall’esterno della Chiesa ma soprattutto dall’interno così come hai avuto modo di notare.
      Il nostro tempo non è fatto per i deboli ma è fatto per gli eroi, per coloro che hanno intenzione di vivere la loro fedeltà alla verità di Cristo rimettendoci di persona, magari mortificandosi con il silenzio, oppure insegnando ai propri figli quello che dalla maggior parte delle persone – credenti compresiè considerato folle.

      Ecco perché dobbiamo invocare con forza “Veni Sancte Spiritus", lo spirito di verità che ci insegna ogni cosa e ci convince della bruttezza e della falsità dei frutti del peccato.

      Nel caso di specie, relativo al mio articolo, la disciplina teologica circa l’istituto del matrimonio tra uomo e donna, elevato da Cristo Signore a sacramento, è fin troppo chiara. Non ci possono essere fraintendimenti sia per quanto concerne la Sacra Scrittura (insegnamento veterotestamentario e neotestamentario), sia per quanto concerne il magistero bimillenario della Chiesa.

      La verità sul matrimonio è una, se la rifiutiamo tradiamo Cristo e la verità non è in noi. La verità sul matrimonio tra uomo e donna è stabilita da Dio e nessun uomo, anche se chierico, laico titolato o teologo, può mutarla in alcun modo. Perché spetta solo a Dio rendere in una sola carne, un uomo e una dona (Cf.. Mc 10,8) attraverso Cristo. Tutte le altre unioni non sono e non possono essere considerate o configurate al pari del matrimonio cristiano, ne ordinate a un bene paragonabile a questo.

      Ti gioverà riprendere il monito paolino che troviamo in Galati 1,8: «se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, Christum sit anathema maranatha!». Bisogna fare discernimento e separare tutto quello che ci allontana dalla Verità, preoccupandosi di conservare tutto quello che in ogni luogo, sempre e da tutti è stato creduto.

      Ti benedico e nell’imminenza della Pasqua ti auguro ogni bene.

  2. Pater mi Ivanum,

    Non solo le sue parole mi hanno rinfrancato come sposo e padre cattolico, ma hanno anche dato nutrimento a quella fede in cui il Signore, per grazia, mi ha chiamato a vivere insieme con la mia famiglia.

    Perché di questo abbiamo un infinito bisogno: di essere continuamente confermati nella fede, soprattutto in tempi come questi, in cui i laici fedeli a Cristo sono piuttosto lasciati da soli ad attraversare i deserti del mondo con tutte le loro malizie. Trattati con troppa indifferenza, spesso proprio da coloro i quali hanno il mandato divino di guidarli.

    Ecco perché le sue parole risplendono oggi di una chiarezza speciale: perché ridanno senso all’eroicità dell’essere cristiani, come lei ha ben espresso.

    Fanno cioè sperimentare nell’intimo il sentire di Pietro quando afferma: “Solo Tu hai parole di Vita eterna.
    Ancora grazie e felice Pasqua di Risurrezione a lei e a tutti i Padri dell’Isola.

  3. Articolo illuminante e fonte preziosa di spunti per noi sacerdoti, Ivano pater mi.
    Sappiamo però anche quale è la situazione di impotenza alla quale siamo non costretti ma obbligati. exemplum: nel mio territorio parrocchiale c’è un monastero di monachelle tutte provenienti (a eccezione di due anziane) dal cammino neocatecumenale. Siccome non gli ho mai permesso di occupare la parrocchia e di rivoluzionare la chiese per le loro liturgie, hanno trasformata la chiesa del monastero in loro centro di culto, facendo venire preti compiacenti che celebrano e amministrano sacramenti senza la prevista autorizzazione canonica del parroco e del vescovo o di chi per lui. Tutti tacciono sul fatto che le monachelle hanno invitato il semi-ateo Enzo Bianchi per attingere alle vere sorgenti della salvezza, e hanno invitato il Grillo più volte per istruirle sulla vera liturgia. Una autentica apoteosi quando durante una liturgia celebrata da un prete neocatecumenale, dopo introduzioni e monizioni di un paio di catechisti, dopo la proclamazione del Vangelo l’omelia fu fatta dal Grillo.
    E il vescovo e chi per lui sapevano.

    Per concludere dirò che il mio vescovo si chiama Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio, quello che tempo fa voleva che noi parroci prendessimo una famiglia di immigrati per ogni parrocchia, sine imaginatione, nelle parrocchie dell’urbe sempre più vuote, quali problemi dobbiamo affrontare, inclusi gravi problemi economici.

    Ed eccoci allora ostaggi delle monachelle, dei neocatecumenali, dei Bianchi (oggi caduto in disgrazia dopo decenni di danni consumati) e dei Grillo, mentre i nostri vescovi tacciono, a partire dal mio, che è il vescovo di Roma e capo del collegio apostolico.

    Un presbitero romano
    (signati litteris)

    P.S. non cesserò mai di render grazie a padre Ariel per il libro che ha scritto sula setta neocatecumenale”, leone di nome e di fatto!

    1. Mi associo e mi unisco (Infeliciter) dal geografico nord, dove cambiano solo i personaggi, ma la situazione resta la stessa.
      e ovviamente ringrazio P. Ivano per questo articolo

  4. Ve le ricordate le esortazioni di Giovanni Paolo II nella Pastores dabo vobis? [N.d.R. stellae qUI]. Ormai L’Isola di Patmos è diventato un centro per la formazione permanente dei sacerdoti mollati allo sbando dai nostri vescovi, gli stessi vescovi che invitavano quel Bianchi che oggi fingono di non ricordare, gli stessi che seguono Grillo e che storcono il naso sul card. Sarah, gli stessi che sbuffano dinanzi a noi preti rimasti saldi sui fondamenti della dottrina cattolica.
    Tutto questo mi spaventa molto più del Vesuvio al momento dormiente che ho sopra la testa.

  5. Pater Ivanum, riapro L’Isola dopo una Pasqua di corsa, ho tre piccole parrocchie sparse nell’arco di 18 km in tre paesi, lascio immaginare. Trovo diversi nuovi articolo dei padri, meditazioni e omelie. gratias ago!

    Pater mi Ivanum, 12 anni fa il vescovo mi mandò a fare la specialistica in sacramentaria al Sant’Anselmo. Udite per un trimestre le lezioni del prof. Grillo, a Natale tornai in diocesi e dissi al vescovo: “vuoi un prete licenziato in liturgia a prezzo della corruzione della fede o un prete che salvaguarda la sua fede?”. Giacchè tanto ci teneva che facessi un ciclo specialistico in sacra liturgia, ci pensò un poe mi fece poi iscrivere alla pontificia università della Santa Croce. Era nelle sue intenzioni mi occupassi dell’ufficio liturgico, delle celebrazioni in cattedrale, che curassi la formazione liturgica dei nostri pochi seminaristi (tempus 6 hodie 1) e che insegnassi all’ISSR [N.d.R. Institutum Superius Scientiarum Religiosarum]. Ultimata la formazione il vescovo fu spostato alla sede metropolitana, il suo successore fu proprio un liturgista santanselmiano. Tre mesi dopo mi revocò questi incarichi adducendo che, causa nostra penuria e anzianità di clero, aveva bisogno di un sacerdote giovane in grado di occupasi di tre parrocchie senza parroco. La vera ragione era che non tollerava un liturgista formatosi presso l’università del “horribilis” Opus Dei. E fu così che prima di Pasqua venne il prof. Grillo invitato dal vescovo a istruire il clero sulla cena pasquale. Forse dal luogo in cui si trova (ovviamente non sappiamo se inferno o purgatorio), Calvino disse … “hat! Io non avrei potuto fare di meglio!”.

  6. sono un appassionato di liturgia, e cerco di acculturarmi leggendo libri sul tema (soprattutto inglesi)
    da profano mi sembra che il Grillo sia asceso alla fama non tanto per la profondità delle sue riflessioni, ma per il suo ardore polemico, sive meliorem, il suo ardore politico: non per niente la sua pagina fb tempo fa era tutta una denuncia contro un certo politico italiano e un certo partito, e il toni di questi interventi partitici era un tutt’uno con il tono dei suoi interventi liturgici
    se queste sono le promesse è meglio che il suddetto studioso raffreddi i bollenti spiriti

    nam cetera, volendolo giudicare nel merito, si era già capito che si stava arrampicando sugli specchi dopo che ha pubblicato questo articolo, perfetto esempio di ‘prendo un documento riferito a un ambito preciso e lo applico in un contesto che non c’entra niente per fargli dire quello che voglio iohttps://www.cittadellaeditrice.com/munera/cosi-antica-e-cosi-attuale-esperienza-della-anafora-di-addai-e-mari-di-stefano-sodaro/

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.