Amoris laetitia, Francisci familia Pontificis decretum Synodi

AMORIS LÆTITIA, SANCTI PATRIS FRANCISCI DE SYNODO documento familiae

.

Fundamentales veritates fidei ratione confirmat illa exhortatio, ad matrimonium et familia, Quod in proposito habet, proprietatibus, et propositis ad itemque velle et creator, quibus, per missionem et opus Christi, Et donavit Ecclesiae et societatis civilis legibus moderati in pressius, secundum temporum rerumque, attenta humana fragilitate peccatis, et inde ex originale peccatum, ut quantum fieri potest ut familiae in tuto collocaretur ipsa maximam virtutum exercitatio, super omnia est caritas, in frondens germinis laetitia amoris.

.

.

Author Cavalcoli OP
auctor
Giovanni Cavalcoli OP

.

.

.

carus lectores.

Nos inducere vos would amo ut antiqua disputationes theologicæ speculationis mechanism, de quibus facta sunt "cogito», «inquam», quod theologia non est propria ratio ideologica inter causas quaerere eGO, sed quaero humilem et denuntiatio et archanorum Domini. Haec ratio est cur pater Ioannes Cavalcoli poposcit articulus est quod ad highlight positivum omnis facies ab post-synodalis; et de patris nostri seniores’Insula, quæ appellatur Patmos factum est ita. Il tutto per offrire un quadro variegato attraverso più scritti redatti da sacerdoti e teologi diversi, introducendo i lettori in quelle che sono le dissertazioni teologiche riassumibili a loro modo con questo esempio: iterum, speculativo sicut in agro, Ego interrogavit scribere studium in quo omnia in luce ponere “positivae” cum Luthero cogitatio; et cum quaesivit a me abhorrere cognitis quae circa me sunt cogitationis. Alterum fratrem meum, qui vero secundum hanc haeresiarcha mollissime, a studio petitum est in quo omnia in luce ponere aspectus negativi Lutheri. Haec exercitiis gemmas pretiosas, nisi intenderit theologorum doctrina quae sui centeredness, oggi sono caduti in disuso, coi risultati spesso prodotti al presente da non pochi teologi chiusi nella difesa del proprio iocentrismo sostituito da tempo al Deus, centrism.

S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

.

 

Amoris Laetitia 6
post Synodum Episcoporum de signature Amoris laetitia

Et post Synodum Episcoporum Amoris Laetitia of Franciscus Pontifex est summa Christianae doctrinae actionisque pastoralis sollicitudo de familia, et comprehensionem locupletem, completa e ben ordinata dell’attuale pensiero della Chiesa sull’argomento. Hoc confirmare cupit praecipuas fidei rationis et fidei,, ad matrimonium et familia, Quod in proposito habet, proprietatibus, et propositis ad itemque velle et creator, quibus, per missionem et opus Christi, Et donavit Ecclesiae et societatis civilis legibus moderati in pressius, secundum temporum rerumque, attenta humana fragilitate peccatis, et inde ex originale peccatum, ut quantum fieri potest ut familiae in tuto collocaretur ipsa maximam virtutum exercitatio, super omnia est caritas, in frondens germinis laetitia amoris.

.

Quod etiam similitudinem Papa verum et certum est notiones familia sana ratio eorum, aberrant, et male habitum, et exercitia, hoc conflictu de consilio in creator, femina ius notio, practica jus, in project Christi, quod Ecclesiae ius, ad bonum societatis civilis,, et progressus humani in duobus vera beatitudo, prohibendo iudicatos laetitia amoris. autem, intrantes autem in conspectu multum moralis quaestiones, pastorale,, animi, educational, culturae, ecclesialem, togatos, legalis et spiritualia,, contigua domui, beatus papa ratione accepta ex plumbo procul, hoc est, ab absoluta foundations, inviolabilis et immutabilis, Metaphysicis, disputationem theologicam relatione totius, sine causa prima careret, essential ordinem ad totum, theoretical.

.

amoris laetitia la allegria dell amor
Amoris laetitia

Summus Pontifex, Scit enim optime, Causas malorum invenire curari, quia hodie in domo affligere, mores corrigere error admonitus malis moribus, Corrupti ut perdamus illos, è urgentemente necessario recuperare la concezione realistica della conoscenza [1], ut tutus possit ut ad effectum in re ipsa visione radices, in conceptu hominis, Deo et creaturae, quam nos docuit verbis Concilium Vaticanum, ecclesiali traditione sana philosophia.

.

amoris laetitia 3
Amoris laetitia

In principio scriptum est, Sancti Patris graviter monet his verbis apud nos, prope aditum nobis dat ad mensuram clavis est ad discite a dextris et a significatione removere atque omnibus rebus: «Ne nos inducas in peccatum cadunt ementiendi, ad reponere creator. Nos creaturae, non sumus noster omnipotens. Praecedit donum creatum nobis recipienda. In eodem tempore,, conservare humanitatem vocamur, Et hoc modo primus omnium accipiens, et de eo quod creatum est ' (n.56).

Paucis, densa lineae, meditatur diu et fructuosus, synthesim metaphysicae habemus, theologia, anthropologicae perceptiones, De moribus et gnoseology. Et quidem Romanus Pontifex erat, et quod peccatum originale peccatum quod est ex hodierno atheismo, pantheismi: reponere ad simulare creator. Vel ille qui se agnoscit Deum, et cum eo, aut qui negat Deum, et ponit se in loco,. Multo gravius ​​malum civitatem in utroque casibus,.

.

tum, fateor non esse, verum quod ejus cogitationis ex praesuppositione, re praesupposita, ut ea antecedat, rem, Ergo illi qui non fecit, et creavit illud. Non admittunt, ne fateri Deus est creator, transcendentem Illumque, Et quis creavit hominem. No. Vindicat, qui nihil aliud quam quod cogitatio sit effectus est ergo tam ex cogitatione,, fugiens a Deo suo iure, quod in eo tantum, Subsistens cogitationeque, et ipsa est causa quod bonum volitum, si, a logos divina.

.

amoris laetitia 4
Amoris laetitia

igitur, idem Summus Pontifex nobis, Qui autem considerat ipsum 'omnipotens', creatura non tenet se, non quasi ipse auctor. Qui non accipit donum Dei ab aliqua, quia omnia per ipsum facit,, solum sufficere assuescat, et ipse iudicat omnia, etiam termini humanae naturae, quod certum est figure, objective, atque immutabilis est ratio universal, a Deo ordinatae sunt, ma che invece egli può plasmare e mutare soggettivamente come vuole. Itaque lex moralis est in statuam ad eum. Qui habet laudis in Deum,, vel cui quaerere auxilium misericordiae sive remissionis aut, cum, esse sui iuris sunt,, Non debet quis se rationem reddet ei, sed his omnibus problems solvere poterit est ipse.

.

Et morales, de illis erroribus, maxime in regione vitae sexualis principalem anthropologiae, manifesta autem sunt,. Distinctio sane datur inter virum et mulieris non est integrum inviolatumque, nec a Deo, contingens autem est simplex, qui non excludere, contra possibilitatem recipit formas sexuali, homo creatus a. Hic est ex doctrina genus.

.

Amoris Laetitia 7
Amoris laetitia

Requisitus de osculo, in alia manu, sic aspexerit quod fiat sermo Dei et legis moralis naturalis igitur inviolabilem. In matrimonio praecipies, est enim natura in se pretii, dignitati Christi Sacramentum elevatur. Ecclesiae et rei publicae, quisque in suo ordine, facultatem habere, officium et ius est ad LEGEM FERO, re disciplinari dispensat, sed semper applicationem legum divinarum arcanis. Hi sunt immutabiles, dum humanis legibus, et Ecclesiae et rei publicae, quod possit mutare.

Pontifex nominat Sequitur ad directionem humanorum actus natura moralis et pastoralis,, et non adimpletur: cum abstractione a iure vel vexillum, Perlegi, sed etiam pro concesso sumit aliquam adesse ex circumstantiis,, qui variis casibus simul et conditionum, ordinis statuere ut possis, Caute, caritas et iustitia, quod maxime fieri seu actus concreti.

.

Inter tot operuit topics, Utinam ne induerentur duabus rebus, qui per multos annos fuerunt polarizing ad Ecclesiae operam, episcopis,, expleatis moralistarum, et familias in civili quoque ambitu inveniuntur ipsum: primus, utrum sit an non facile ad communionem eucharisticam in Ecclesia ut det post divortium novam inierunt. Et factum est secunda, il giudizio morale da dare alle unioni stabili di persone omosessuali. Spiritus Sanctus a Patre, n oppido Ahi. 243 E 298, quia loquitur de conditionibus et moralis homo primum coniugationes, sed quaestio ingredi. Quod manifesto est, ut S. Ioannes Paulus II confirmat ea quae in N.. 84 ex quo Litt Familiaris consortio.

.

Amoris Laetitia 8
Amoris laetitia

De Papa volunt malle, in aliis numeris, et quae proponit modum, rerumque earum formas copulat, praecipimus atque pastorum, Episcopi, presbyteri, familiae seorsum et iusto, quam ut irem cum illis in auxilium, et prudentem discretionem corpus iunctura Quiriti, conversionis iter, moralis incrementum poenitentiae et altissimae, sese ac liberorum bonorum operum, ut in servitium Ecclesiae et societatis,, Calpurnius Repentinus, cum vivunt in gratia Dei, quae differentia specifica, licet excommunicati, non sono in piena comunione con la Chiesa.

.

.

Papa qui in his copulat cificat, inaequalis vitae positus, tamen necesse est ut in gratiam, et possunt et accipere a Deo remissionem peccatorum, fieri non licet sacramentum poenitentiae, quibus non est datum, sed effective solum et per se agens in conspectu Domini Dei misericordiae.

.

Amoris Laetitia 9
Amoris laetitia

Respondet ergo difficultas qui suscitavit arguere, versaque statum vitae in peccato, non autem in gratia. A statum vitae, quod Papa dicit,, periculosum esset, Hoc tamen non significat eos qui vivunt in gratia et in ea non potest, in alia manu, proprie reatus peccati diminuere stimulum, excedit, requiritur aliquis actus qui sit nemo praestare fortitudinem eorum.

.

Lex prohibens divortium novas inierunt nuptias ut accedere ad Communionem Eucharisticam, quae est regula supra positum potestate clavium, id est legem ecclesiasticam,, non sequitur ex lege divina sine ambiguitate, et non modo necessaria, sicut fruendum, quasicchè, et quidam credebant, potest emendatione, Cras vel nulla mitigandam papa disciplinam, humano generi dignitate et contumelia legis amátor et Christianae nuptias. Sed contra est, omnia enim in potestatibus eiusdem Summi Pontificis quo ut Pastor Supremus Ecclesiae. Si apta videtur ad id quod non habet, integris lege S. Ioannes Paulus II, ob id dicitur bonum habere, November est scriptor, ut et bonis catholicis, mitis et mansues confidenter receperint sententiis Pontificalis Consilii de vicario totique Christianitati ostendimus.

.

Sed nunc ad secundam quaestionem. Dicit Sanctus Pater:

.

251. Per missionem ad disputandum de dignitate et genere, Patres synodales quod «incepta ad aequationem homosexuales ferarum, ibi est ex similitudine constituendum vel imbuendi, neppure remote, collegiorum et inter homosexuales praesentat matrimonium et familiam ad aedificationem Dei "; et factum est inconveniens 'locorum Ecclesiis, quae sunt in materia et in quae pressura est Consociationum facere pauper financial auxilium de terris temperantur secundum leges introductio ad modum instituti experiantur "nuptias" inter homines eiusdem sexus [278].

.

292. christianae nuptias, draconis ex unio inter Christum et Ecclesiam,, id confirmavit perfecitque per unionem inter virum raptorem et mulierem,, amorem erga liberos dare invicem exclusive, aperta sunt usque ad mortem, et qui pertinent ad propagationem vitae regentes, quæ in eis gratiam contulit personam consecratam per Sacramentum in Ecclesia domestica, ut ipsum constituere possit et in vitam novam societatem fermentum. Aliae formae omnino dissident a communione hoc ire impetu, quod dum aliqua saltem ex parte non modo similis et in. Iure meritoque synodales Patres docent Ecclesia adiutrici non deficere, quanti ea res non est in elementis nondum correspondent seu quae non correspondent ea doctrina de matrimonii. [314].

.

Amoris Laetitia 10
Amoris laetitia

There are no comments, ut hic,, tanto il testo è chiaro. Quello che possiamo auspicare è che tra società civile e Chiesa possa sorgere, hac de re prorsus, fecunda mutua adiutricis, inter parte in re publica, quod expressit hic suscipientes synodalium Patrum, et de consensu summi Pontificis.

rei publicae, pars, Intellegendum est officium, sua cura apud, ne graventur huius rei socialis, quod, maxime manifestum indicium, ne forte sustineant, in detegere, Non vult delere radicitus genus ecclesia, cui Christus promisit aeternum, sed est ipsum grave damnum ad hominum consortium in bono ordine et rei publicae.

Sicut enim ecclesia, pars, hodie magis quam umquam ipsa appellatur et praedicate Evangelium familia, ut reliqua praeteriti vim penes, aut cujusvis Monochrome imponi exemplum vitae et monolithic, nec una contingens, singulorum arbitrio permitti, quasi liberi et non ex amore partum civitatem, quod, in societatem, et in ecclesia, cooperantur in bonum amoris laetitia.

.

.

________________

.

[1] Vide meo studio Ideam rei dependentia papam Franciscus huius Evangelii, in Pontificiae Academiae Theologicae, 2014/2, pp. 287-316 [text, qUI]

.

.

.

..

.

.

.

About John Pater

Giovanni Cavalcoli Dell'Ordine dei Frati Predicatori Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

23 cogitationes on "Amoris laetitia, Francisci familia Pontificis decretum Synodi

  1. etc.. Spaemann risponde:

    Il vero problema, sed, è un’influente corrente di teologia morale, già presente tra i gesuiti nel secolo XVII, che sostiene una mera etica situazionale. Le citazioni di Tommaso d’Aquino prodotte dal papa nella “Amoris lætitia” sembrano sostenere questo indirizzo di pensiero. qui, sed, si trascura il fatto che Tommaso d’Aquino conosce atti oggettivamente peccaminosi, per i quali non ammette alcuna eccezione legata alle situazioni. Tra queste rientrano anche le condotte sessuali disordinate. Come già aveva fatto negli anni Cinquanta con il gesuita Karl Rahner, in un suo intervento che contiene tutti gli argomenti essenziali, ancor oggi validi, Giovanni Paolo II ha ricusato l’etica della situazione e l’ha condannata nella sua enciclica “Veritatis splendor”.

    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/04/28/spaemann-e-il-caos-eretto-a-principio-con-un-tratto-di-penna/

  2. La norma che vieta la Comunione ai divorziati e riposati è IMMUTABILE e NESSUNO la può cambiare come anche il Padre Scalese ha dimostrato citando un documento del Pontifico Consiglio del 2000

    1. Nell’esercizio della libertà dei figli di Dio, gli autori hanno espresso pareri, sollevato domande o avanzato ipotesi. Questo il motivo per il quale abbiamo arricchito L’Isola di Patmos con vari pensieri, sensibilità e pareri.
      Lei tenta invece, come di sua consolidata prassi, di mettere le persone le une contro le altre strumentalizzando gli scritti altrui, già lo fece in passato per più e più volte.
      Sed ut videre potes, le abbiamo dato spazio, non essendo nostro costume censurare, sempre nel riconosciuto esercizio della libertà dei figli di Dio.

  3. Vorrei sapere una cosa: se è vero che l’adulterio è un peccato grave, se è vero che per ricevere l’eucarestia bisogna essere in grazia di Dio altrimenti si commette un sacrilegio, e se è vero che la Chiesa non ha il potere di giudicare in che stato sia la singola coscienza di fronte a Dio (per cui non può sapere con certezza se una persona si trova o no in grazia di Dio), come può un divorziato risposato accedere alla S. Eucharist? Un divorziato risposato che non vive castamente commette adulterio,ovvero un peccato che è intrinsecamente malvagio al di là della responsabilità della coscienza che solo Dio può giudicare. Dunque se è vero che nessuno può sapere davvero se il singolo divorziato risposato sia o meno in grazia di Dio, la Chiesa se la sente di rischiare di dare da mangiare e da bere ai propri figli la loro condanna? Credo che la Chiesa, sospendendo il giudizio su ciò che solo Dio può giudicare, debba condurre gli uomini alla salvezza guidandoli sulla via della santità e difendendoli dal peccato. Come potrebbe allora permettere ad una persona che commette adulterio di accostarsi al Santissimo Sacramento?

  4. Chiedo scusa per il doppio commento, ma leggo che più avanti Padre Cavalcoli scrive, nel suo commento del 18 January 2016 omnia 21:58:

    “La novità sul tema, si aliquid,, è data dalla nota 351, dove è chiaro che il Papa, parlando al condizionale, non enuncia una nuova legge, ma fa presente la sua facoltà, sub potestate clavium, di mutare legge, ove un domani lo ritenesse bene, conveniente od opportuno.”

    prorsus: se c’è davvero una novità sul tema, allora prima la norma era considerata immutabile, come si può ora insegnare che è mutabile?

    Se la norma fosse derubricata da immutabile a mutabile, già solo questo fatto in sè (a prescindere che vi sia o non vi sia stato mutamento) introdurebbe un principio di contraddizione nel Magistero che sarebbe dirompente.

    1. Caro Claudio,

      Alla nota 351 il Papa accenna alla possibilità o all’eventualità che i divorziati risposati ricevano i sacramenti. autem, queste parole non vanno interpretate come se il Papa muti la legge stabilita da Santo Pontefice Giovanni Paolo II al n.84 della Familiaris consortio. Se avesse voluto farlo, e in forza del potere delle chiavi, avrebbe potuto farlo, non si sarebbe espresso al condizionale, perché una legge non viene espressa in questa forma, sed modo indicativo et imperativo.

      Avrebbe detto qualcosa del genere: “Abrogo il divieto voluto da San Giovanni Paolo II e concedo i sacramenti ai divorziati risposati ”. sed, da come si esprime per tutto il corso di Amoris laetitia e come ce lo ha fatto capire, per incarico del Papa, Cardinal. Schönborn nel suo commento ad Amoris laetitia, il Pontefice presuppone continuamente la legge di San Giovanni Paolo II e semplicemente ci dà nuove indicazioni pastorali su come interpretarla ed applicarla meglio.

      La legge divina e la legge naturale sono immutabili e oggetto del Magistero infalllibile della Chiesa. sed, la legge canonica, che è emanazione del potere pontificio giurisdizionale, et sic dictae «Potestas clavium ', per mandato di Cristo stesso a Pietro [“pasci i miei agnelli”, Gv 21,15], non è garantito dall’infallibilità, quamquam, in principium,, va accolto con riverente ossequio ed obbedito.

      Esso riguarda la legislazione canonica, la disciplina ed amministrazione dei sacramenti e il governo pastorale della Chiesa, in applicazione delle leggi divine e della legge naturale, a seconda dei bisogni e delle opportunità dei luoghi, dei tempi, delle situazioni, delle persone e delle circostanze. In questo campo le leggi non sono immutabili, ma il Papa può mutarle o abrogarle o emanarne di nuove.

      Quod cum ita, nessun Papa si sognerà mai di dire che “non è peccato grave qualcosa che naturaliter è peccato grave”, come per esempio l’adulterio o il divorzio, perché qui il potere delle chiavi non c’entra per niente, ma entra in gioco le legge naturale, che non dipende dal Papa, ma dal Creatore.

      Se invece si tratta, pro exemplo,, ut confirmet, a seconda delle situazioni e dei casi, chi può fare o non fare la Comunione, a che età, con quale frequenza, a quali condizioni, come e dove e simili circostanze, queste cose sono di competenza del Papa. E la questione dei divorziati risposati rientra in questa competenza, dove un Papa può cambiare quello che ha fatto uno precedente, oppure egli stesso può mutare delle direttive da lui stesso emanate.

      nunc, l’esclusione dei divorziati risposati dalla Comunione certamente discende dalla legge divina del Matrimonio e dell’Eucaristia. Ma non è detto che anche la concessione della Comunione ai divorziati risposati, in certi casi e in certe situazioni, alla luce di differenti considerazioni, non possa essere un modo diverso di rispettare gli stessi valori divini. E’ a ciò che il Papa accenna con la nota 351.

  5. Egregio Padre Cavalcoli, le chiedo gentilmente di indicare quando e in che contesto il Magistero ha definito mutabile, sebbene non ancora mutata, la norma in questione.
    Io sapevoma io sono un semplice laico fedele, un discente, ben lieto di correggermi dinanzi all’evidenzache la Chiesa ha sempre insegnato che la norma è immodificabile, perché sia di diritto divino sia di diritto naturale (haec. catechismo n. 1650 “La Chiesa sostiene, per fedeltà alla parola di Gesù Cristo…”, n:. 2384 “Il divorzio è una grave offesa alla legge naturale…” ).
    Il potere delle chiavi ha limiti oggettivi, non può dire che non è peccato grave qualcosa che naturaliter è peccato grave. Il Vicario di Cristo non può contraddire Cristo e neppure può cambiare la natura umana.
    Il punto è fondamentale, perché tocca un problema di principio. Se la Chiesa muta qualcosa che era immutabile, la sua credibilità cola a picco: qualsiasi cosa dica oggi, ci sarebbe sempre il dubbio che domani o tra un secolo possa rimangiarselo. E allora che voce di Dio è?

    La prego di fare chiarezza su questo punto perché ne va della credibilità della fede cattolica.

    gratias ago

  6. Grazie ai Padri dell’Isola di Patmos e alla redazione per questo momento di riflessione comune su Amoris laetitia, oramai (fin troppo) sulla bocca di tutti.

    La lettura di questo bell’articolo di Padre Cavalcoli, seguita dalla lettura dei commenti precedenti il mio, mi ha però fatto sorgere alcune domande. Nel n. 84 autem Familiaris Consortio infatti leggo:

    "Quod ecclesia, autem, Suumque item quod practice, Sacris Scripturis innixum, quibus agimus non admittendi ad Communionem Eucharisticam. Nequeunt admittendi, cum status eorum et condicio vitae obiective dissideant ab illa amoris coniunctione inter Christum et Ecclesiam,, Eucharistia significatur et peragitur. Est alia peculiaris ratio pastoralis: Hi admissi Eucharistiae, i fedeli rimarrebbero indotti in errore e confusione circa la dottrina della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio".

    Circa quest’ultimo motivo pastorale a mio dire si è proceduto con AL ad un rimodellamento di un nuovo “pregiudizio” pastorale, come se l’accesso alla comunione non fosse più cagione di scandalo per il fedele ne di errore circa l’indissolubilità dell’unico matrimonio, e ci può stare come scelta. Sul primo motivo del n. 84 di FC invece non ho risposta e non riesco a trovarne in questo scritto del Padre Cavalcoli OP. Se davvero Papa Francesco non ha voluto cambiare “la norma” dunque necessariamente egli deve pensare (AL,, non sull’aereo son d’accordo!) che “il loro stato e la loro condizione di vita contraddicono oggettivamente a quell’unione di amore tra Cristo e la Chiesa, significata e attuata dall’Eucaristia”. Questo da un lato significa che non possono avere l’assoluzione nonostante vivano da fratello e sorella (o ci provino)? Dunque come possono accedere alla Comunione se non hanno assoluzione, devono procedere per grazia ulteriore che può agire anche in situzioni prossime al peccato (e in effetti chi non è molto e spesso “prossimo al peccato” in questo periodo storico…) e comunque sono in uno stato che contraddice l’Eucarestia stessa?

    A me pare che logicamente almeno questa idea debba essere variata, saltem implicite,. Cosa che – mi insegnate – Pietro può fare, non discuto. Però la domanda resta: è variata questa idea? Cioè io posso insegnare (non solo pensare in foro interno) che una seconda unione possa essere considerata in modo diverso rispetto ad essere situazione prossima al peccato da condannare prudenzialmente in foro esterno?

    addo,: mi è stato fatto notare su Croce-via un possibile mio misunderstanding. Lo scritto di Padre Cavalcoli semplicemente dichiarebbe che AL non permette in nessun modo la comunione, questo perché in effetti tutto si basa su una nota marginale (351) che dice tutto e nulla a seconda dei lettori (quanta verità nel vostro denunciare il “clericalese” dell’Esortazione). Comprendo quindi le argomentazioni sopra riportate di Fabrizio, non perché l’intervista in aereo valga più di AL, ma perché nella prassi (che Padre Scalese ricorda non essere più ortoprassi) multis, già prima dell’intervista volante, la pensano come Monsignor Carrara di Bergamo

    Grazie ancora per il vostro servizio a noi fedeli e alla nostra Chiesa.

    Mauro

    1. Caro Mauro.

      maybe, o almeno in gran parte, il Padre Giovanni Cavalcoli ha risposto a molti dei suoi quesiti, nella risposta data sopra a Fabrizio e pubblicata poco prima che ci giungesse questo suo commento.

      1. Grazie della pubblicazione!
        In effetti Padre Cavalcoli risponde per gran parte delle mie domande. Rimane aperta una questione che mi sembrava di sollevare: dando per scontato che con AL non ha variato la prassi voluta dai precedessori, in caso il Papa voglia con altro atto estendere/cambiare la modalità di comunicarsi, come è possibile per un divorziato risposato accostarvisi se esso non può avere l’assoluzione completa? Sbaglio a pensarlo perché in realtà l’assoluzione in sede di confessione è possibile? Ma come è possibile se chi si confessa dichiara di non voler cambiare il suo stato risposato che viene classicamente categorizzato come “adulterium”? E se non è possibile, come può prendere alla leggere la comunione? E’ maxime “illi ignoscas” mediante il ricorso all’ignoranza volontaria? Ma allora che cammino è un cammino che prevede di far restare la persona nell’ignoranza dottrinale così che non si configuri il peccato mortale in mancanza della piena consapevolezza? Sono forse troppo legalistico?
        Scusate la confusionesarò ottimista, ma forse questo scritto ha il potere di chiarire molte cose dottrinali per molti sempre rimaste sfocate, in me in primis.

        1. Stante l’attuale norma dell’esclusione dei divorziati risposati dai sacramenti, essi possono avere l’assoluzione completa dai loro peccati confessandosi direttamente a Dio senza passare attraverso il Sacramento della confessione.

          Per perdonare il divorziato risposato tutte le volte che pecca, Dio gli chiede che gli esprima la sua volontà di abbandonare il suo stato di divorziato risposato. Senonché, sed, esistono dei casi di divorziati risposati, quod, per seri motivi, potes, in tempore, come ha fatto osservare il Papa [n.298], abbandonare il loro It was inordinati. In his casibus,, siccome nessuno è tenuto all’impossibile, Dio si accontenta della buona intenzione, anche se il divorziato risposato non ha la possibilità di realizzarla.

          Il sacerdote o l’educatore o il formatore deve istruire il divorziato risposato sul fatto che il suo stato è l’effetto di un peccato di adulterio [n.291, 292] et quod, ita, tale stato è molto pericoloso per la sua anima, perché induce facilmente al peccato mortale, quamquam, quod Papa dicit [nn.301-303], possono esserci delle attenuanti. autem, il divorziato risposato va stimolato al pentimento [n.300] et ad conversionem [n.297], quod, quantum fieri potest,, dandosi alle opere buone (n.299), possa mantenersi in grazia [n.297, 299].

  7. Vorrei chiedere un chiarimento a questa frase:

    «La norma che proibisce ai divorziati risposati di accedere alla Santa Comunione, quae est regula supra positum potestate clavium, id est legem ecclesiasticam,, non sequitur ex lege divina sine ambiguitate, et non modo necessaria, sicut fruendum, quasicchè, et quidam credebant, potest emendatione, Cras vel nulla mitigandam papa disciplinam, humano generi dignitate et contumelia legis amátor et Christianae nuptias. ” non è forse in contrasto con quanto è scritto nella Familiaris Consortio, ad numerum 84: “Quod ecclesia, autem, Suumque item quod practice, Sacris Scripturis innixum, quibus agimus non admittendi ad Communionem Eucharisticam. Nequeunt admittendi, cum status eorum et condicio vitae obiective dissideant ab illa amoris coniunctione inter Christum et Ecclesiam,, significata e attuata dall’Eucaristia»?

    Le due affermazioni mi sembrano in contrasto: da un lato si dice che la prassi di cui si parla non discende dalla legge divina, dall’altro che è fondata sulla Sacra Scrittura. Potete aiutarmi a capire meglio?
    Grazie di una vostra gentile risposta!

    Francesco

  8. Quanto mai opportuna la premessa di Don Ariel per comprendere l’ottima riflessione di p. Cavalcoli su vari passaggi positivi dell’esortazione A L, dai più scarsamente considerati, rispetto al tema focale dell’ammissione ai sacramenti delle “coniuges irregularis”.
    post “sorprendente per alcuni, scontata per altririsposta fornita in aereo dal Papa, forse serve una nuova messa a punto in particolare sul controverso capitolo 8, “illogico e incoerenteriguardo alla forma legis e alcuni pensanoerroneonella dottrina.
    Papa, in evidente impaccio come colto di sorpresa, forse perché stanco, ha invitato a leggere il testo letterale dell’A L, integrato dalla nota in calce ed anchela presentazione fattadal card. Schoenborn, dopo averne citato titoli e credenziali., quasi trincerandosene dietro le sue ali protettive. Troppo complicato e contorto,
    La Chiesa non dovrebbe parlare il linguaggio dei semplici e dei piccoli, seguendo la parola e l’esempio di Gesù? In buona sostanza, cosa rimane fermo e cosa cambia nelle regole che deve osservare il buon cristiano?

    1. Cari Fabrizio ed Ettore.

      Rispondo con piacere ai vostri commenti e quesiti.

      riguardo alla questione dei sacramenti ai divorziati risposati, sia quanto il Papa ha detto ai giornalisti in aereo, sia il commento del Card. Schönborn, va interpretato alla luce del testo della Amoris Laetitia, in particolare il cap.VIII, testo dal quale, come ho già detto nel mio commento apparso su questo sito, appare evidente che il Papa non muta quanto San Giovanni Paolo II ha disposto al n. 84 autem Familiaris consortio.

      in facto,, se il Papa avesse voluto cambiare, lo avrebbe fatto capire, enunciando una legge diversa da quella stabilita da Giovanni Paolo II, Quod non faciunt.

      Il fatto stesso che egli non entri nell’argomento, è chiaro segno che suppone valida la norma stabilita dalla Familiaris consortio.

      La novità sul tema, si aliquid,, è data dalla nota 351, dove è chiaro che il Papa, parlando al condizionale, non enuncia una nuova legge, ma fa presente la sua facoltà, sub potestate clavium, di mutare legge, ove un domani lo ritenesse bene, conveniente od opportuno.

      1. Cari Padre Cavalcoli e Padre Ariel, intanto ringrazio per la pazienza.

        In summary, quod sit intelligere,: state dicendo che l’autorevolezza del Papa mentre scrive AL è diversa da quella del Papa mentre rilascia l’intervista in aereo, anche se sta commentando quel documento? È quel che capisco dall’esempio disanTonino Bello. tum, dal momento che il Papa non dice “bianco” in AL, il fatto che lo stesso Papa lo dica in aereo non completa in nessun senso il contenuto del documento?

        gratias ago.

        1. carissimi Fabricio.

          Come ti ha già accennato, pater Arihel, con l’esempio di Mons. bello, certamente chiarisce che l’autorevolezza del Papa nell’intervista è inferiore a quella dell’Amoris laetitia. Però il Papa, per una retta interpretazione, cita la presentazione del Card. Schönborn.

          Papa, alla domanda del giornalista che gli chiede se con l’Amoris laetitia è cambiato qualcosa, dice «potrei di sì», rimandando alla presentazione del Cardinale, senza tuttavia ignorare la nota 351, dalla quale si evince con evidenza che il Papa nella questione dei divorziati risposati, fa riferimento al potere delle chiavi, per il quale il Papa ha la facoltà di legiferare e disciplinare l’amministrazione dei sacramenti e, nella fattispecie, il sacramento dell’Eucaristia, ossia di fissare, fretus in leo, dei luoghi e delle persone, le condizioni canoniche per potere ricevere l’Eucaristia.

          Facciamo qualche esempio. Chi conosce la storia della liturgia, sa che la Comunione ai bambini fu voluta da San Pio X. All’epoca di Santa Teresa d’Avila, in sec. XVI, la Comunione non si poteva ricevere più spesso di ogni quindici giorni. La possibilità della donna di distribuire la Comunione è un’innovazione dalla riforma voluta dal Concilio Vaticano II. La possibilità di far la Comunione due volte in un medesimo giorno è un’innovazione introdotta dalla Chiesa da appena qualche decennio.

          Il Papa viene quindi a dire, sia alla nota 351, che nella risposta al giornalista, che un domani, se vuole o lo ritiene bene od opportuno o conveniente, può mutare la norma fissata dal n.84 della Familiars consortio.

          Direi dunque che il Papa nell’intervista non dà un vera e propria spiegazione, sed, ut dixi,, rimanda sia al suo testo che al Card. Schönborn.

  9. “Papa qui in his copulat cificat, inaequalis vitae positus, […]”

    Cari Padri di Patmos, mi sembra che purtroppo questo contributo è arrivato un po’ overtime: infatti il Santo Padre, in aereo, ha chiarito che le disposizioni sui sacramenti sono effettivamente cambiate e ha indicato di far riferimento al discorso del card. Schoembern per capire il senso della AL: quod, arbitror, tra le altre cose ha anche detto che non è più il caso di far distinzioni tracoppie regolari” E “coniuges irregularis”…

    1. carissimi Fabricio.

      Alcuni di noi sono sacerdoti dacinque papi“, altri dadue papi“.
      Abbiamo acquisito prezioso insegnamento dal magistero di tutti i Sommi Pontefici.
      Nel corso di questo ultimo pontificato, abbiamo però imparato più che mai a non prendere per buono ciò che dicono o che riportano i giornalisti, specie in materia di dottrina e di fede.
      Esaminando in modo approfondito il testo di questa esortazione, non appare sancito il cambiamento di alcuna dottrina. E se non è sancito da un documento firmato dal Santo Padre, non può esserlo certo per la risposta riportata da un giornalista.

      La invitiamo pertanto a non leggersi sunti o presunte dichiarazioni riportate a destra ed a sinistra, le quali non fanno testo e meno che mai dottrina, ma piuttosto, come abbiamo fatto pazientemente noi, a leggere tutto quanto il documento, incluse alcune centinaia di note.

      Temiamo infatti che questo documento corra il rischio di essere troppo commentato e troppo poco letto.

      1. contristatus, ma non sonoalcuni giornalisti”: è riportato dal comunicato ufficiale della Sala Stampa Vaticana.

        http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2016/04/16/0275/00626.html

        Quanto al documento, lo sto leggendo. Intanto ho letto i punti controversi, e sono più di uno: non sto a ripeterli perché sono stati già riportati e commentati praticamente ovunque. In questo articolo non sono stati analizzati. Che altre parti del documento siano ok non li annulla. Mons. Livi, autem, su La Nuova BQ ha parlato di evidenti contraddizioni presenti nel testo. “Troppo complicato e contortodice giustamente il signor Ettore.

        1. carissimi Fabricio.

          Pater Arihel, nel suo articolo, ha sollevato il problema del linguaggio, inteso non come stile, ma come mezzo e strumento di efficace comunicazione, senza entrare nel merito delle questioni strettamente dottrinali, che sono tutte quante da vedere, proprio perché il testo, almeno alla prima lettura, non è molto chiaro; o come dice giustamente Antonio Livi «troppo complicato e contorto».
          Il barbabita Giovanni Scalese, ha sollevato tutta una serie di domande; Dominican Giovanni Cavalcoli, ha cercato di individuare e indicare gli elementi positivi dai quali partire per cominciare adistricareil cosiddetto filo della matassa di un testo indubbiamente lungo e molto articolato.

          che l’intervista a cui lei si riferisce sia riportata da un comunicato della Sala Stampa Vaticana, nulla conta.
          La Sala Stampa della Santa Sede è preposta a riportare e dare resoconto su incontri, discorsi ufficiali, risposte date, saluti formali e saluti informali del Santo Padre, appuntamenti in agenda ecc.. Ma la Sala Stampa, nell’adempiere a questo suo compito, non svolge ad alcun titolo le funzioni della Congregazione per la dottrina della fede, quod, su mandato del Sommo Pontefice, interviene, pro exemplo,, con un documento di chiarificazione o con delle precise indicazioni.

          Se non si riescono a fare queste ovvie distinzioni, si rischia di cadere (ma questo non è il caso suo) Nell’opinionismo selvaggio di molti blogger che sentenziano su questioni di enorme portata e gravità sulla base delTizio ha detto”, “Caio ha scritto”, “Sempronio ha riferito” …

          E questa nostra è unInsula abitata da sacerdoti e teologi, non la cuccia di un cagnolino più o meno goliardico.

          1. Il punto non èCaio ha detto”. Factum est “Papa Francesco ha detto”. C’è anche il video, chiarissimo (in momento 17:30 in):

            https://www.youtube.com/watch?v=FCpruhfRX80

            Sono le sue testuali parole, non i commenti più o meno fantasiosi di chicchessia.

            qui dixerunt, non vedo l’ora che la CDF, o chi mi insegnerete ha autorità di precisare e spiegare meglio, intervenga, e che lo faccia al più presto. Ma non si può far finta di ignorare che Francesco ha detto chiaramente “Etiam, la disciplina è cambiata”. E ha detto di far riferimento all’intervista di Schoembern per conoscere dettagliatamente il modo corretto di interpretare la AL.

          2. carissimi Fabricio.

            Lei sa benissimo che una volta, Nec vero Summi pontifices, parlavano solo attraverso discorsi ufficiali o attraverso locuzioni scritte contenute in testi altrettanto ufficiali, molto raramente parlavano brachium e quando lo facevano erano misuratissimi. Ma soprattutto non parlavano con i giornalisti. Mai s’era visto prima d’oggi un Pontefice intervistato dai giornalisti a questo modo e con questa frequenza, et omnia quae in ea, anche e soprattutto di male, vale a dire di distorto.

            Le ribadisco che a me non interessa cosa il Sommo Pontefice abbia detto rispondendo ad un giornalista, «dal minuto 17,30 in poi».

            Ciò premesso le rispondo ancora – spero autem – in modo chiaro e dottrinalmente logico: se parlando a braccio, Sancti Patris, dice che Tonino Bello è un santo vescovo, io che cosa devo fare? etiam, in fondo l’ha detto il Sommo Pontefice parlando dal minuto 12,51 rispondendo ad una giornalista. Lì c’è la sua faccia, la sua voceinsomma c’è il documento, quindi se ne può desumere che il Sommo Pontefice ha canonizzato seduta stante il Bello durante un viaggio di ritorno da Palma de Majorca mentre era intento a rispondere ai giornalisti.

            Bene, se il giorno dopo, un gruppetto di fedeli, nella chiesa dove io celebro la Santa Messa, portasse una statua di Tonino Bello per collocarla in una cappella laterale, giacché il Sommo Pontefice, rispondendo a una giornalista, ha detto che era un santo vescovo, io fracasserei la statua in testa agli improvvidi fedeli, poi direi loro: «E adesso prendete ramazza e sacco, raccogliete i pezzi e portateli pure al Santo Padre».

            E gli intimerei appresso: «fino a quando non ci sarà stata una canonizzazione, per me, Tonino Bello, non sarà mai un santo né un modello di eroiche virtù, a prescindere da ciò che il Sommo Pontefice può avere detto e risposto ad una giornalista mentre era in viaggio di ritorno da Palma de Majorca».

Comments sunt clausi.