Irrationalism ferendum patiens irrationalism atheis initium sumit ex Musulmanis Occidentem tantum opponitur;

DE PERSONIS IN INPATIENS irrationalism ISLAMICS gens Occidentalium adversatur, SED QUOD DE PATIENS irrationalism athei

 

[ Equitius Marinus, ab rettulere TELEMATIC magazine Et BENOIT ME ]

qUI

 

Unde non potest esse contra Occidentem ad irrationalism de doctrina moralis ex Alcorano sine minus philosophicis et theologicis et intercessionis - sic ignorando legem naturalem - alterum genus irrationalism, quod per "secular" leges sine Deo et sine legis naturalis, quae ipsa lex Dei aeterna.

 

Author: Antonio Livi
auctor
Antonio Livi

 

Charlie Hebdo, video nova emerserit: fugam ad caedem
Click in imagine videre ab impetu video virgam Dei in editorial Charlie Hebdo

Et quoque loqui de lugendis eventis illis Ianuarias 2015 Paris (et scelus islamica fanatici homines, et simul cum iis ad manifestationem de editors Charlie Hebdo editores ut sententiam de alia aliorum In insula, quæ appellatur Patmos,. Non licet hoc online eros lectores minus diversitas hoc scandalizantur, Semper enim nos, quia dixit, quod deducere volebat quemquam hodierno ad quaestionem de principiis et vera Ecclesiae doctrinam, quia est dogma,, illustrandam non tamen ea quae naturaliter sunt videre regionem applicatarum sententiam, ubi communis consensus requiritur necessario sententia. Ad aliquam occasiones recordatus sum senex Patrum motto: "In necessariis, unitas; in dubiis, ibis; in omnibus, caritas".

igitur, wanting in caritas non deficere, Gratis profero. Esse ut quam maxime perspicue totidem disertis, Ego enuntiant trium punctorum:

1) Primum, Existimo enim 'tristis certe' tanto scelus islamica fanaticos loquitur quantum ad spectaculum magnum in mutua hominum necessitudine rei publicae Gallico by editors Hebdo Charlie de ducibus pluribus et aliis Western regionibus. Facta utrumque - militum et in notionibus reponitur - sum judex est gravitas moralis immanem circumplica, sed in eo quod est tertia, qui dedit hoc in ortum usque ad alia duo, publication et tunc pertinaciam fovit, id quod aliquis irreverenter se in profundum abominationum et cartoons in Islam (cum duae galeae totae propheta Mahumedes) et dies christianum (et ex repraesentatione `sancta Trinitate blasphemantes, Domini nostri Iesu Christi et Mater Immaculata).

2) Esset reactionem ad quod horum cartoons, per quinquaginta quinque Islamistas,, autem indignatio furore,, praesertim ad prophetam caricatures de Mahumede,, Credo quod si quis non fingenda; maxime infestantibus, non eventis, in Gallia terrorism sunt interiora tua iniquitate, et fluctus novum vitam pro Christo amittentes (quaeque passim conscios "magnalium satanas", hoc est, ad Occidentem) in Medio Oriente et Africa, et in comminatione usque per "bellum Sanctum" ut sit semper magis expressa totum donaret occidentem:, immo Romae, centrum, quibus christianismus diffusus.

3) Reactionem est ad superbiam, quinquaginta quinque Islamistas, ab occidentalibus, Erat enim promiscua libertas ista exaltatio de anti-religiosis satura, ad punctum qui evitat divinam irreverentiam cartoons possent ab universis terris, non solum eximia edition Charlie Hebdo (nuper in septem miliens, et extra Gallia distribui, in Italia quod cotidie) sed etiam ad conterendam organa reproduction per informationem Catholico, qui Christianorum omnium maluit quam contra lego purus Islam in Parisiensi fecit caedem. Magazine-politica et culturae Studies, dirigi a religionis Societatis Iesu, sub obtentu lectorem obtulit eis volens ostendere quod non absurde "fundamentalists" et ipsi respiciunt quomodo «libertatem satura", sponte sua instituta irridentes legationibus. etiam In insula, quæ appellatur Patmos,, non permitteret consulitur meam illud, putavit quoque se referunt ad anti-Christiana horum cartoons horrendo comitatu signati a Patre optimum articulum de re Ioannes Cavalcoli. Existimo enim quod journalistic arbitrium - obstante valde bona voluntate, inter quae facta documenting negotiorum gravitas id de quo loquimur - a elegit iniuriam, quod materialiter est opus a "cooperatio ad malum", peccatum vero castrum involun-, quod in hac causa - Sequens versus dicitur in nomine Domini - et hoc est gravissimum peccatum.

libertatem Verbum DeiQuam quaestionem libertatis ostendere conciliare sententiam de institutis religiosis omnino secundae res notas prae se admissum piaculum factum est in blasphemiam, secundum quod est offensa a Deo. Ob res loquimur, homine iudicium, et magis considerantur a theologo, sed ne nunc euoluam cumulare tot socialium et culturalium incomparabiliter gravius ​​ceteris: infamis est quam purus Charlie Hebdo quae, inter tanta scandala omnes abominationes tuas et profanatis - Miserabilis prorsus omnium rerum - in sensu proprio et blasphemias:, id est, nominis Dei profanatio sanctorum, Et hoc proprie in se et directe per "refert" gravis valde peccatum illius quod Deus in se omnes homines monet secundum praeceptum decalogi;.

libertate 1
nec libertatem loquendi impetum?

Melius explicare ad me:, Meminisse non debet, "blasphemiam", etimologicamente, quod genus "iniuria". nunc, ubi est victima de injuria est tantum homini, quartus et quintus vadit et in præceptis, iniquitatem magis minusve gravia, secundum laesi hominis dignitate; sed, injuriam quando directe ordinatur secundum propriam rationem, ut nefas sit Deus.

Sarracenis loquuntur de «blasphemia» sicut etiam cum aliquis Mahumedes represents, considerans autem prophetam suum Deus non esse, sed tantum. Itaque vere blasphemia est, quod Christiani Nominis, derisus ex repraesentativis in Ecclesiasticae Hierarchiae, papa includi. Non autem quod finitum aliqua tolerabili: et polluant institutions sunt actiones, contra populum qui repraesentant vera religio, se continet a Christo institutus. Sed - et rursus iterare – quod gravitas peccatorum non harum non omnino comparatum est cum gravitas in peccato blasphemiae, quod culpa est eorum, qui peccant in Patre, filium Jesum Christum, et Spiritus Sancti (et non recordabor, unio in virtute si vidisti, et in zelo ante Dominum nostrum Iesum, Cassii Dionis Mater, efficit veram blasphemiam).

libertate 2eGO, Cum puer eram,, Tantum passus sum propter blasphemiam et audivi circum - Et quoniam Tusci ego audivi multum -, portavit te obiurgationibus quodam modo invidiam sacrilegii. tum, da sacerdos, EGO had contentus ut ad quietiorem asseveraverit:, mansuetudinem imitantes Iesu. Sed publico nomine eius offensa est Deo illata violando Beati mater ejus, et duxit me est semper in altum dolor et Ecclesiae experientiam mihi notum factum est actus expiationis multi personaliter facere,, praeter orationes sunt in Veteri Testamento quae mala sunt, recitavi eucharisticam proferentis exponit. Primum reactionem est ad animis propter blasphemiam finali obsolescit, quidem etiam illud non esset ultra. Orationis etiam obiectum, postulantes ipsum Deum, non accipere in propter peccatum eorum,, "Quod sint qui non sciunt quid faciunt". in brevi, blasphemiæ in faciem meam, hominem conscientia boni patiatur a blasphemia propter quod Deus sciat non solum nullo digna causa, tum assidue Gestibus adorationis et gratiarum actio ex parte de omnibus. Non refert, Christiano sensu communi praeditus, qui est ad fidem etiam ante, hoc dolet quod blasphemia in amore sui, et non personaliter se videt scandalizabantur in his quae pertinent ad religionem. Quod realiter refert,, adveniens blasphemiam, et animi sensus non est vita, sed etiam subiectiva, obiectivam et moralis unum. Quod potissimum est peccatum blasphemia sit peccatum, de gravissimis, quod directe contra secundum praeceptum Decalogi, Robertus Benigni ut prodatur in, qui quasi de Prato et non facit ea, quae can, quod pauperes,, sed etiam audire vult nimium nimiumque pecuniae rationes theologice rident homines.

libertate 43
sanguinem atramento …

Et hoc est nomen abstractum et vaniloquia: ut serves quod factum purgare satis fere omnes catholici in suis portavit; et facta est coniunctum infortunatus per "blasphemis cartoons", quia semper et non tantum respectu loquebatur enim de religionibus, sectatores, et pro insignibus. eg, et Serenissime, Titus Monsignore Zenti, Episcopus dioecesanus in suo articulo published in weekly, dicas Veronam fidelis, cuius est titulus "blasphemias et quomodo datur, reconciliat se popularis instantique saecularismo?", non solum deprecates "et culturae aeris 'qui fieri potest, in publicum factum per" blasphemis cartoons ": a tempestate, dat speciem prelato, quae est «ut barbariei, in quibus non est de iure civitatis et quantum ad sensum humanum vel religiosum eorum ' [videre qui]. alium, Patriarchae Venetiarum Franciscus Moraglia, loquebatur autem dixit Iudaeis: "Non sunt themata, quae locum non habet, ut cum ironia litteraria, praesertim cum ferox: cum sit publicum officium, nostris verbis omnia graviora sunt lapides ' [videre qui]. Reperit minus, dico. Magis gravis est nec indigentiam 'et quantum ad sensum humanum vel religiosum eorum', et gravius ​​etiam quam offensam Dei minister, ipse est primario offensio Dei, et non est Deus quasi homo aliquis ideam Dei vel aliquid aliud signum.

quod
operimentum de Daily

Ne pater Ioannes Cavalcoli, facta est autem in comment Charlie Hebdo, ut videtur ex consideratione defecit in facto undique in verba blasphema exemplarium milia, sed potius commendandum maiores colloquium christianismo Islam, Deus ab Abraham communem fidem mutuam observantiam. Etiam Pater Sancti, in sermone de re, reactionem est neces - humana ratione comprehendi potuerunt nisi quam definit quod iniquum est - qui non expectata cum offendendo hominem, exempli gratia detrahentes matri suae [videre qui]. sed, inquam, hic per "horizontalem" rationes inter homines societatis humanae sunt at in veru, et per "verticalis" necessitudinem hominum cum Deo. Si permanseris in "horizontalem" Quomodo rectae atque solum iter instituens iura tueatur dignitatem alicuius rei, in uniformis, usque ad Occidentem, ut typical mentis islamicae, ibi omne est rei publicae, sed lex positiva nec ab arbitrio civitatum.

economist
oeconomus, referre rem de Macometi in Europa

Unde non potest esse contra Occidentem ad irrationalism de doctrina moralis ex Alcorano philosophicam et theologicam disciplinam nullo non minus etiam intercessionis - sic ignorando legem naturalem - alterum genus irrationalism, quod per "secular" leges sine Deo et sine legis naturalis, quae ipsa lex Dei aeterna. In Occidente, inermem atque omni dicendi libertate sententiam satira, quod vellent agere ex militari violentiam et quinquaginta quinque Islamistas ulciscaris sana doctrina violentiam satirarum de diurna - dixit omnis: "Charlie ego sum"-. tum, ut diximus movetur a re contingente speculantur per "dextram" ut insultet omnis religio - sed potissimum christianae religionis, praeter sane est Islam -, prædicans in "ius blasphemia» vel «ius ad blasphemiam", Gallico Praeses inter Belgio est inclusa, ut iure civili et ad Occidentem, ut libertas parta est, quam ex novis proficiscentium. quidem, est mere historicam ex parte culturae,, Belgio est: apud Catholico-anti sunt angustiae coepit Quod illustratio, quarum tamen non se atheos (nec Cicero). Quod illustratio fecit in Civitatibus Foederatis - Quod illustratio plus incommodi in Catholico, Neapolitani legati inter habens intellectualium, Giambattista et sanctus Alphonsus Maria de 'Liguori - reponere ad cultum Dei est de virtute politica cultu. ita, in solemnitate laetificas sedem in Gallia Jacobins concipiuntur dea est imago ratio in Notre Basilicae conficitur in Paris, non tamen erectio domus Dei moliri res thought. ita, in the United States, Peregrinorum ex Deo patrum vexillum affectantibus independentiae ab Ecclesia Anglicana, Rex autem qui in Anglia, Seneca scripsit autem et qui unum 'In deo speramus". Post duo saecula, neo-paganus pugnae retinentes proeliis nec paroeciales sententia Germani imperatores: "Nobiscum deus!"… Finitione, historia ostendit nobis impellente cursu et doctrinarum operatio saeculo faventem, non tantum ad altitudinem Dei cognovissent non iure naturali rationis fundamentum iuris possessor omnium adorationem, non est enim veritas et negavit in ipso. Ut hoc postea, cum testimonio absolutus est ex ratione humanae naturae infixa est, Quod illustratio a ABSURDUS culturae recentioris ac recentissimae magna operated in procedere, facta all'idolatria, et divinizatio per "elementis hujus mundi:" et Apostolus dicit eis.

idola
Baal in Deo sunt populi Chananeorum

Ante societas christiana coluerunt idola nationum historia societatum (Orientis antiqui) aut cultu dux militum (quod Divus Caesar Imperium Romanum, quibus Christiani nollet sacrificare). Modernly, Romans saeculi semel et iterum volebat politica potestate, dictussay, (statum", quod "gens" seu per "populus"). Hanc multam Christo, saeculo verbis sacris alienus a Christianismo, qui se facit sensus, cum non referendo ad Deum,: Ecce in "civilis religionis" theorized by Jean-Jacques Rousseau; Ecce altare patriam volens post captam utique Romam a Sabaudia; Hic «sacra terminorum 'patriae; hic cultus martyrum memorias (viginti annorum erat in Disputatio de "fascist Martyrum ', statim post "martyres Repugnantia"); hic "apostolica libertatis" (Mazzini); hic autem per "peregrinationum" Lenin et de Mausoleo condiderunt atque in. Quod evenit sacri sensus amissio, omne in rei publicae oratio: sacris germanam, de sacra potissimum, id est, deus, et non est ulla in re publica esse, quam ut in se. Si summonitus, non solum describere per "sensus religionis" de coetus ex civibus quosdam, status quo cultus libertatem largiri digneris.

Quod cum ita, parum, dixi, iusta iudicet iudicium, in satura blasphemantes of Western ephemerides, quodCharlie ego sum iura subiectiva verecundia qui credunt in Deum,, et hoc eo fine tantum praestare nequit socialis pace. eg, Daily est in Compass 18 January legi in articulus inscribitur by Ettore Malnati "offensionis est sensus religionis convictum efficiunt, perferre non auxilium" [videre qui]. Et rursus iterare: reperit minus! Haec est circa honorem Dei, quod utique falsum est quod dicit si status saecularis, quod «non appareat". Nam status saecularis vitae, anti-religiosis satura, inter blasphemiam, non nisi de legitimo modo, exprimendo affectum rationis criticae de rebus inexplicabilis. Sed verum est quod blasphemia iniuriam, moralis sit inordinatio (quod est pietatis) et gravitas absoluta, Quid est, quod violare, primum, qui jus habet prima est Deus bene velle queat, Ad honorem et adorationem. ut proponere, quo factum, quod status sanctiones ad esse "dextra blasphemiæ dies 'implicita est equivalent ad formalising praemissa de Deo tollendo saeculari statu attingendam, et "materiam Constitutione": expressis verbis ad publica expectat reddere - sine ulla auctoritate, nec moralis, nec rationis -, quod Deus non est, quidam quod "Deus" non solum privatim rebus tolerabile rationem meriti publico praesidio. Dum aliae notiones sunt, ut dignus honore ratione aestimamus hilaris. Quapropter uel reprehenderet says offendi omnino non (scelus "homophobia") Deus autem non potest esse offensum,, quia non est deus. sed, Caput imperii contempti crimen offendere, quia caput est civitas, Novit sane publica et. Haec ratio orationis, si ea ratione hoc. De ratione autem rei non est ex parte qua sola superbia, ut virtus, iter illud oportet inponere humanitatis doctrinarumque. Quae est absoluta auctoritate publica et ad arbitrium constituta,, ut tam expressis verbis considerandum est fons omnis veritatis Metaphysicas et moralis, igitur iure ac (qui est et qui non facit ius habeatis).

iure naturali,Et positivae legis legitimam rationem habet tantum si non sit procedens processione et legis moralis naturalis in honorat, Consuetudinis magna vis est animi quam a Deo, causa prima et novissima finem omnia, et quod ante mundum igitur legislator. primus, de offensione estote sancti nomine domini, Primus et secundus sum loqui ad mandata tua. Et haec sunt praecepta Decalogi ab aliis, quae non est alia quam legis moralis naturalis ad ecclesiasticarum legum codicem Vetus Testamentum. Quod continet in se omnem hominem probe intellegi possint normae morales praecipuae via sua sponte esse gratum, et sciat esse servandam., quam docuit in hac traditionis philosophicae etiam religio christiana Sacra Scriptura magna. Non est opus ut sciam dispositionem et legem Mosi, Epistolam S. Pauli ad Romanos, ut honos et amor, Deus creator est et legislator. ita, hodie, non oportet quod sit societas civilis ius positivum, non opus est ut non moriatur. quidem, de re publica occidentis modern, gloriosus et promissa non "secular", Non solum autem illa blasphemia quae contra leges non ut antea sunt enuntiata in variis itineribus, et sic erit usque ad imponeret adversantur legi incommodum "dextra blasphemiæ dies iste '.

Statism
burocratica instantia et Statism

Agere debemus, ad quem vocant statistic, fructus qui est acerrimus idealismum memento quod et in re publica magis illo non est: pro viris et mulieribus ad hanc civilem societatem sunt, gentis uirorum mulierumque civium semetipsos propria vel legitimo publicis institutis accepimus (imperium, iustitia, defensionis, et ad tributum auctoritates), munera publica civium inter quos quidam. Unum, alterum (publicis et privatis) qui est intellectus, et conscientia, Quae res omnium est et scitis, Et ab hac doctrina praecipue (quae in philosophia dicitur «communi sensu") imperitioribus opiniones suas persuadent formatae sunt,, et in libertatem,, in rebus contingentibus. Ius positivum ratione conpingantur ossa in diversas vias multi ex consensu omnium communis est quod in sensu, verum nisi in concordia voluntatis cum popularibus, sed super omnia et super omnia legis moralis naturalis apud.

cogitare
capitibus cogitandi …

Qui tamen habet ad facultatem cogitare sibi et factum est ut homo sciat illa metaphysica et moralis vero rationem obtinet, cum non sit secundum usus et etiam immediata et universali in discrimine cogitandi (ad philosophiam), quae postea in acceptatione divina revelatione rationes praemissas. Quod attinet ad indoctrination athei iactari de civitate: et nos debemus ad id quod in Deo existit, etiamsi nolunt cognoscere publicam gubernantes. Philosophiae sensus communis et agnoscis,: neminem, atheismum verus philosophus est professa (Gilson demonstratum est difficilis huius libri cum atheismo dimanare), physicus fuit et est semper potest demonstrare contendit cum Deo, et non est inquisitio organa ad canendum. Haud dubio auctore philosophus Italica, operis in in sixties ultima saeculo, ille scripsit:

'Homo' s iter sistitur Deus ut durissimo et maxime urgeat. Nam sine Absolutum bonis omnibus suspensum manet constans periculo expositum est temporalis et questus perdidit obrui contingenter accidunt. In variis conatus evadere quod de Deo quaestionem multifaceted atheismus ipse secundum formas usque in formis, sic dicitur «theologia de Deo, de morte", dialecticum praestare nihil proposuisses Sancti mirificam drachmas qui heic Dei possidere non possunt niti, dum semper quodammodo sentit se non potest esse sine Deo " (Cornelio Fabro, Hominis et Dei periculo).

videlicet atheismus anthropocentricus
Missa Unionis athei et Rationalist Agnostics (UAAR)

rei publicae atheismum, sicut se ipsum, quod est impositum ad Occidentem, credibile est in institutum modo politica horizon: sed non quantum ad rei publicae potestatis exercitatio est instituta a iustitia criteria pro communi bono, sed magis de rei publicae interest quam ad capiendam, sive ex conflictu sustentationem a quadam ideologia, potestas ex vi, oeconomicas et militari. Tales enim turbulentis contionibus consilium quaerit vulgaris et communis, praesertim ad sensum neque ad cives de conscientia; E, cum in fines, Unde in ordine sociali funditus est compromised propter leges absque nexu cum lex naturalis. Nonne leges contra praecepta legis naturalis, moralis non habent valorem, sed ad elationem, in tyrannide, suetus. Non refert, ex hac parte, utrum sit absoluta an specie popularis imperii: De administratione et utrinque est sciendum quod potentia (civilibus, imperium, concilii) politica iuris naturalis causa, quare ignoratur templum esse reparandum genus consociatio ad criminalibus (magnum latrocinium), De transitu in tempore iam inter Romanum barbara regna.

consciousness 1nunc, hominis conscientia donatus, iustus, et conscientia, et ea de causa eum Deus bene conversari, tum privatim publiceque, quia in uno sensu seu legum vinculis et non opus aliud. Ex parte autem personalis conscientiae, non est dubium. Quaestio oritur ex propria conscientia tendit ad assequendum aliquid quod ad rem ut est in rem publicam et leges iniquas et stabis in faciem. In facto, ibi sunt vias ad consistendum: formatio opinio interuentu suo activo, cum diversis formis, et social criticism (docens, usum Missa Media), cum exempli gratia personalis, quae est recta, aut non e observe, res patitur ferat suffragium, ut ope probatus est aut non est, si iam probatus est, non tollenda. Multa fecisti hodieque faciunt, exempli gratia cum de abortu, (quaestio de iure condito) aut honores qui homosexualitate collegiorum (quaestio de iure condendo).
Sed contra est quod vix credibile facies 'status saecularis vitae "Absolutum, quod, id est, deus, non est ipsa consideretur, dum ad statum, cum idea cognata, ea ipsa consideretur. omnia ratione relativa perpendit, absoluta autem negaverit quis - quam potest hoc ad fundamenta rationis - et sic tandem instat irrationalistic solipsism. Typical of irrationalism dicendique sit jugiter et in contradictio (quod ego sermonem denegando,), eoque magis proprie stulte iniuriam, authentici sunt nugis. Quod "status saecularis vitae," quod promittit irrationalism quod per "islamicae statu", hoc est, in politica Islam, quem vocant religiosis denunciari Ratisbonae habita Benedictus XVI in oratione.

About Padre Antonio

Antonio Livi ( 1938-2020 ) Et presbyteri theologi ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

54 cogitationes on "Irrationalism ferendum patiens irrationalism atheis initium sumit ex Musulmanis Occidentem tantum opponitur;

  1. Pater, pretiosa, sono commossa per il suo scritto. gratias ago, gratias ago, gratias ago. Lei ha tanti argomenti, e li sa esporre così bene.

  2. Dio la benedica per la presa di distanza da quello pseudo prete del levi di gualdo teologo-modernista-giudeo-massone-donnaiolo-infiltrato nella chiesa per distruggere la sua Santa Tradizione e che come lei giustamente scrive è specializzato a cooperare con il male (“cooperatio ad malum”), come ha di recente mostrato con un suo articolo di delirio dove piglia le difese dell’antipapa Bergoglio verso il quale pretende addirittura un atto di “fede cieca” e attacca indecentemente i tradizionalisti. Ributtante anche il padre Cavalcoli [lectus]. Siete rimasti in pochi a difendere la Morale e la Tradizione, solo lei e Monsignor Gherardini, e naturalmente i santi preti e i santi vescovi della FSSPX.
    Viva Gesù Viva Maria!

    ___________________________________________

    care Lector.

    Io rispetto la libertà di opinione anche quando è insultante nei miei riguardi, non posso però pubblicare gli insulti da lei rivolti al teologo domenicano Giovanni Cavalcoli, perché non sono disposto ad approvare commenti nei quali si manca di rispetto ad un mio confratello anziano che io venero per saggezza e anzianità di ministero sacerdotale come da sempre venero e rispetto tutti i membri anziani del clero secolare e regolare. Su di me si senta invece libero di scrivere quello che vuole.

    S Arihel. Levi Tadinensis

  3. padre Cavalcoli ha taciuto e si è sciroppato tutte le vignette del “levita sacrilego” che gioca al giovanneo sull’Isola di Patmos ma che è una quinta colonna di Satana, mentre il grande Livi ha risposto con una splendida messa cantata.
    Bravo monsignore!

  4. Monsignore lei non si è limitato a dir quel che pensa ma ci ha spiegato che gli altri due (Cavalcoli & Levi Gualdo) pensano proprio male. Lo abbiamo capito da tempo ma ci fa immenso piacere che a dirlo sia lei, complimenti e grazie.

  5. Grande mons. Livi !! e chi deve capire (O Ariel) intellegite, però non è detto che capisca perché per capire occorre l’intelletto che lui non ha per capire il necessario capibile
    Ad maiora!

  6. è stata aperta una petizione per il trasferimento forzato di Levi e Cavalcoli dall’Isola di Patmos all’isola di Montecristo assieme ai loro amici modernisti, assistiti dal coro angelico dei defunti redattori di Charlie Hebdo.
    Un caloroso grazie a mons. Livi.

  7. Articolo stupendosolo un piccolorimproveroa monsignor Livi per essere stato troppo tenero a commentare le vignette sacrileghe inserite da un “sacerdos” che nei fatti è un rabbino infiltrato, Sua Ecc. Lefevre (leggasi Sant’Atanasio) non lo avrebbe fatto avvicinare nemmeno al sagrato della chiesa mentre la chiesa del postconcilio li fa preti, se sono preti

    1. ti sbagli. Tutti quelli ordinati dopo il CV2 non sono veri preti validi ma potrebbero esserlo se si fanno riordinare da vescovi validi della FSSPX dopo avere rinnegato tutte le eresie del conciliabolo, gli incontri di assisi, i baci al corano giovampaolisti, ego “Ego sum qui est iudicare” bergogliani ecc..

  8. Oggi è ilgiorno della memoria”; ………. e pensare che se non ci fossero stati Ariel Levi in mezzo ai piedi a fare gli infiltrati potevano essere anche di più

  9. faccio copia-incolla di un post spassoso che ho trovato qua http://www.riscossacristiana.it/bestiario-rubrica-cura-dellavvocato-julo-alberto-junior-scopetani/#wp-comments

    Bruno scrive: 27 January 2015 omnia 11:26

    Chi paga il prezzo più alto è la cara isola di Patmos, un vero paradiso, abitato un tempo dall’Aquila Giovanni Evangelista.
    La grotta dell’Apocalisse è un luogo pregno di presenza divina, lo si può paragonare a Fatima o a Monte Sant’Angelo.
    D. Ariel e le sue conigliette traslocassero altrove……Magari a Las Vegas.

    Raffaele scrive: 27 January 2015 omnia 18:08

    probably, caro Bruno, QUESTA “Patmos” cibernetica coincide con la splendida Fontanellato (parmae), ove padre G.Cavalcoli si trova relegato dai Superiori.
    C’è un meraviglioso Santuario della Madonna con convento domenicano, ma il luogo è irraggiungibile senza un’auto.
    Dopo averlo “avvertito” più volte che stava esagerando nella sua militanza solitaria e nella sua denuncia dei gravi sbandamenti della Gerarchia (lo scrisse lui su questo sito), i Superiori lo trasferirono lì dal convento fondamentale di Bologna (nell’adiacente Basilica riposa il corpo di San Domenico)

  10. Spero che la redazione cessi di pubblicare questi insulti e semmai li cancelli perché non credo giusto che i padri Ariel e Giovanni Cavalcoli debbano pagare questo prezzo salato per consentire a certi soggetti “rectus” di libera espressione, ammesso sia libera espressione.

  11. Perché mai, claudia? Sono proprio un esempio lampante e istruttivo dell’irrazionalità ideologica di cui parla Don Livi nel suo eccellente articolo; commentano parlando di tutt’altro (fissati sul dito) e tralasciando l’essenziale, cioè che DIO ESISTE E VA ONORATO LODATO E ADORATO, QUINDI LA BESTEMMIA EIL PECCATO PIUGRAVE. Penso che la redazione abbia intenti didattici pubblicandoli, un monito ad usare in modo appropriato la ragione che Dio ci ha dato. 😉

    1. Mons. livi è rimasto imbarazzato perché un prete cialtronesco che si presenta con una rassicurante talare per fregare certi tradzionalisti ingenui che ci cascano ha dimostrato di essere un satanasso che fingendosi scandalizato mette sotto gli occhi una bestemmia alla vergine santissima immacolata. ma siccome livi è un uomo di carità ha versato una lacrima di dolore invece di far piangere il prete-rabbino. insomma un signore (livi) e lo zotico (levi). dubito che monsignore rimanga su questa isola che non è di patmos ma di pantegane.

  12. Eccellente articolo ecellente sberla. Di certo lei ha letto l’articolo odioso del prete modernista mascherato da conservatore (Arihel) che nella fulminosa fede bergogliana ha scoperto come fare carriera, a quando vescovo? mi domando in nome di quale carità cristiana o santa pena accetta il florilegio di questo oscuro personaggio che ha attaccato uomini e donne di Dio come De Mattei che è un baluardo, Gnocchi che è un alfiero della verità, la Sicardi e la Guarini che sono teologhe straordinarie, il Manetti che ha reso pubblica la verità sulla persecuzione dei francescani dell’immacola portata avanti dall’usurpatore del seggio di pietro assieme ai suoi sicari. Può un teologo internazionale come lei confondersi con certa gente? Glelo chiedo molto umilmente.

    1. diventerà vescovo dagli anglicani concelebreràmessesacrileghe con le sacerdotesse allegre e preparerà i sermoni prendendo spunti dagli articoli di playboy. Questi preti vaticansecondisti sono tutti della stessa pasta, prima ti illudono facendo i finti tradizionalisti e poi ti affondano il coltello nella schiena. La verità è che hanno taroccato il vero secreto di fatima perchè lì si parlava della apostasia della chiesa per colpa del CV2 ee i papi ereticali successivi che la chiesa del conciliabolo ha fatto tutti santi e beati, bella roba !!

      1. Alex90 vorrei chiederle come è riuscito a conoscere l’arcano mistero del segreto di Fatima? io veramente non conosco la sua fonte e penso che essa possa essere trovata solo in qualche blog apocalittico o millenarista
        Una cosa è chiara: per lei la figura sacerdotale non ha niente di sacro o di fede e non va oltre l’immagine di attore di teatro classico, cioè qualcuno che riporta al fascino del passato. Ma il teatro è una finzione

  13. Segnalo che il Levi è incardinato nella diocesi di San Marino-Montefeltro. Sul suo profilo facebook, che non poteva mancare, dice di sé di lavorare presso Bonanno editore, Romae, oltre che in ambito ecclesiale.

    nunc, premesso che nell’annuario del vicariato dell’Urbe non compare il suo nome, nemmeno nel clero foresto che sta a Roma, pregasi di dare un’occhiata qui sotto:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Bonanno_Editore (Bonanno, di ascendenze laiciste e risorgimentaliste, è ora editore specializzato in esoterismo: che ci fa un prete qui? o è una copertura?)

    A causa di don Gallo e delle critiche portate a Bagnasco, allorché comunicò il transex Luxuria, il Levi ha subito una ramanzina dal suo “vescovo” conciliare Negri, per motivi che fanno onore al primo e ben poco al Negri, è da credere:

    http://www.diocesi-sanmarino-montefeltro.it/pennabilli-28-maggio-2013-circa-lintervento-di-don-ariel-levi-di-gualdo/

    Per questo risulta tanto più inaspettato, oltre che intinto nel fango e intriso di passioni sregolate e di volgarità gratuite, il suo attacco ai tradizionalisti. Purtroppo la crisi nella Chiesa è la crisi dei preti, ed è crisi di Fede. Ma per entrare nella Gerusalemme celeste serve la stessa fede dei nostri Padri e della Chiesa. Il passaporto falso di quella conciliare, oscena caricatura della prima, non satis, non vale.

    Colpendo modernisti e tradizionalisti, Levi e soci terzaforzisti avrebbero potuto difendere il perenne Magistero, la Tradizione e la Chiesa dai tanti nemici che l’insidiano, a cominciare da Jorge Mario e dalla nidiata dei suoi predecessori conciliari, tutti “santi” ovviamente, ratione conciliaboli. Invece hanno miseramente finito per adeguarsi e riversarsi nel nuovo corso vaticanosecondista, del quale non sono divenuti che un insignificante torrentello, finendo così per disgustare tutti: a Dio spiacenti e a’ nimici sui … (Inferno, cantus III, 63).

    I conti si fanno alla fine, con la Chiesa e con Dio: quando la restaurazione ci restituirà la Santa Chiesa non più sfigurata dai traditori, vi sarà bene da ridere (aliquamdiu) e da tremare (per altri).

    http://www.agerecontra.it/public/press40/?p=13981

  14. Grazie alla redazione di pubblicare tutti gli insulti. Mi fanno capire come certi ‘cattoliciimpugnano il magnifico rito antico e la grandiosa tradizione della Chiesa per fini ideologici. Come sarebbe che i la Santa Chiesa Cattolica é eretica, o che questa coincida con la sola fsspx?! Cosa sono questi insulti satanici contro dei sacerdoti e contro i papi?! Sembra di sentire degli scismatici ortodossi! Mi auguro che siate una minoranza fra la fsspx, altrimenti la vedo dura con la ‘piena comunionedi cui ho sempre sperato. Ve lo chiedo in ginocchio: smettete di peccare con insulti e iniziate a pregare che il Signore vi illumini sulla Verità e vi doni umiltà.

    1. ut. loannes, conosco preti della diocesi del “prete” Levi e non volevano che fosse ordinato e so che viene da una famiglia con soldi e … con i soldi si fa tutto. E’ una ordinazione comprata ergo resa invalida dalla simonia. Ita factum est,, ci sono le prove.

      1. Ho avvicinato tre anni fa S.E. Luigi Negri a un meeting di Rimini e gli dissi di aver letto un libro di don Ariel. Qui responderunt: “è un ottimo prete di retta vita, sana e profonda dottrina”. E aggiunse che con quel libro (Et venit Satanas et trinus,) aveva ” reso un gran servizio alla Chiesa”. Dubito che parlasse in quel modo a … “pagamento” (!?).

        P.S. in una rettoria a me affidata ho cessato di celebrare con il vetus ordo missae quando mi trovai con un’assemblea formata in gran parte da gente come “kattolico” e “Gianlub1″. Certi tipi purtroppo non sono affatto personaggi “isolati”, capisco molto bene quello che scrive don Ariel in certi suoi articoli e lo approvo in tutto e per tutto.

        1. forse il reverendo ha cessato di celebrare la vera Messa di Sempre con l’immutabile Messale di San Pio V perché rende meglio celebrare per i neocatecumenali che pagano la decima.
          Anche Giuda aveva ricevuto il sacerdozio e anche lui tradì Gesùe lo tradì con un bacio!

        2. Caro don Paolo, frequento normalmente la Messa n.o., ma quando ne ho l’occasione vado volentieri a quella in rito Tridentino. So bene che vi si trova di tutto: persone intelligenti e persone sciocche, quelli in buona fede e quelli in malafede, quelli che sono aiutati da quel rito e quelli “pizzi e merletti”, quelli pieni di carità e quelli che si fermano davvero alla forma: quelli che frequentavano la sua Messa non avranno fatto eccezione. Ora si fermi un attimo a considerare quale profondo dispiacere può aver causato alle buone pecorelle l’essere private di questo grande aiuto. Riprenda a celebrare, Please: lo faccia per amore delle buone pecorelle e non faccia caso agli sciocchi. Semmai abbia pietà di loro, e con tanta carità e pazienza e con l’aiuto di Dio li educhi, sono quelli che hanno più bisogno. Non sono anche loro una “periferia esistenziale”? Non fugga dall’ingrato compito: la carità darà i suoi frutti, sia fiducioso. Anzi inviterei tutti i sacerdoti a celebrare almeno una volta a settimana in v.o. e ad invitarvi anche i fedeli che normalmente frequentano la messa nuova. Superare le barriere è anche questo.

      2. sibi. Kattolico: non ho capito se l’ordinazione di don Levi sia invalida per simonia o per essere stata conferita dopo il CVII…. Se per lei é così e tutti i preti sono invalidi non é comunque un buon motivo per diffonderne maldicenze dietro l’anonimato del web. Io credo nella Santa e Unica Chiesa Cattolica Apostolica guidata dal Papa Vicario di Cristo e successore di San Pietro, e da tutti i vescovi e sacerdoti in comunione con lui. Se ora il Papa é imprudente e sbaglia, ciò non cambia le cose. Se un concilio contiene frasi ambigue, ciò non cambia le cose. Con umiltà abbiamo il dovere di obbedire e alzare critiche con carità per amore della Verità senza peccare o peggio cadere nella scomunica. Se lei crede in un’altra religione (falsus) kattolica- lefebriana sedevacantista mi dispiace, spero e prego nella sua conversione.

  15. Tutta la mia stima a mons. Livi e la mia stima al Padre Levi di Gualdo che si è preso questi insulti e ha risposto solo per spiegare di avere tolto insulti diretti al Padre Cavalcoli dicendo: “a me potete insultarmi, e i vostri insulti a me saranno pubblicati, ma a questo sacerdote e teologo anziano no”. Qualcuno dovrà rispondere con pratico, umano e terreno “sensum communem”, si voluerit,.
    Questi soggetti con i loro commenti hanno dichiarato antipapa Francesco, hanno dichiarato validi solo i sacerdoti lefebviani e quelli della FSSPX, si sono staccati da Roma, da Pietro e dal Concilio Vaticano II; e tutto questo perché l’unica cosa necessaria è difendere la “tradizione” liturgica e linguistica (cioè gli accidenti) e buttare via il primato il Pietro, la sacralità dei sacerdoti, etc. (cioè la sostanza); per me questo non è LA VERA UNICA CHIESA VOLUTA DA CRISTO MA è una SETTA CHE DICE DI ESSERE CATTOLICA.
    Si deve riconoscere che mons. Livi è un ottimo professore perché (usando la sua espressione “cooperatio ad malum”) il suo articolo è stato causa, ragione e scusa non solo per insultare e rifiutare il ministero di altri due sacerdoti, ma pure del Papa.
    A questo punto mi chiedo cosa ci fa mons. Livi in questa rivista e cosa vuole difendere se il suo scritto genera o permette questi commenti?
    Mons. Livi scrive contro l’illuminismo anticattolico sorto dalla Rivoluzione Francese, ma gli è mancato di fare altrettanto contro il clericalismo ateo dei tradizionalisti che hanno sostituito la fede nella Chiesa per un volontarismo e un pietismo irrazionale e clericalista basato e finalizzato solo alla … “traditionem,” (eorum).
    La cosa che mi stupisce da parte della redazione e di molti lettori è un fatto che a molti sembra passato inosservato: gli autori di questi commenti e di quelli fatti sui blogs tradizionalisti hanno attaccato il Padre Levi di Gualdo per le origini ebree del suo nome, non conosco bene la vicenda del Padre Ariel , però ieri abbiamo commemorato il giorno della memoria, e allora mi chiedo cosa è cambiato? la destra più di sessanta anni fa mandava ai forni milioni di persone per una “genus” e oggi dai loro scritti appare che sono rimasti della stessa intenzione e convinzione, come ha ben espresso poco sopra Gianlub1 in un post.
    Adesso pubblicamente domando a Mons. Livi: lei è dalla parte di queste persone che di fatto sono una setta all’interno della Chiesa? Domanda questa da fare anche a Siccardi, Guarini, de Mattei&Company: questa gente costituisce il pubblico dei vostri seguaci?
    E’ consapevole mons. Livi che la sua firma e il suo nome sono su questa rivista sulla quale scrive il Padre Ariel definito da questa gente come unaquinta colonna di Satana”, quindi per implicita deduzione logica anche lei rischia di essere unaquinta colonna di Satanase non prende le distanze?

  16. Carissimi padri Ariel , Giovanni Cavalcoli e Antonio Livi che bello leggere i vostri scritti
    Ho scoperto da poco questa “Insula” e ne sono felice.
    Da voi imparo molte cose che confusamente sentivo ma non trovavo parole per esprimerle .
    Grazie spero che nonostante gli insulti che ricevete da quattro fanatici voi continuiate questa santa missione.

  17. Carissimi dovete bannare questi troll che infangano questa bellissima rivista. Io sono riconoscente verso tutti voi per il sapere che mettete a disposizione e sento di averne tanto bisogno.
    E’ bello confrontarsi con carità ed eventualmente correggerci ma l’insulto gratuito e la maldicenza non devono trovare posto qui.

    1. Gentilissima Antonella, mi perdoni ma debbo dirle che il troll di questa rivista è il giudeo levita uscito dal conciliabolo vaticansecondista che 1. presenta l’antipapa bergoglio come dogma di fede cieca 2. bestemmia la Madonna pubblicando le vignette di quelli che adesso bruciano all’inferno 3. insulta il mondo della vera Tradizione che si oppone all’apostasia con la immutabile Messa di Sempre in opposizione al messale luterano di Paolo VI (per gli amici Wanda), scritto dal massone bugnini ….

      1. Alessandro Gazzaneo, lei come reagirebbe, e come reagirebbe il mondo della “vera tradizione che si oppone alla apostasia” se in nome della “vera fede” qualcuno paragonasse papa Pio XII a una velina di striscia la notizia come lei ha paragonano il beato Paolo VI a una certa Wanda? Per quanto riguarda i vignettisti di Charlie io mi sento di dire che hanno fatto male, che hanno commesso più peccati mortali, che hanno bestemmiato Dio la Madonna e soprattutto oltraggiato il Padre il Figlio e lo Spirito Santo, ma non affermerei mai che sono all’inferno, perchè se lo facessi pronuncerei una bestemmia peggiore delle bestemmie dei vignettisti di Charlie: mi sostituirei all’autorità e al giudizio di Dio, e questa è una bestemmia peggiore.

        1. bèh, posso reagire dicendo che lei è un eretico petecostale al seguito dell’antipapa bergoglio infiltrato in quella che non è più la chiesa cattolica (la vera sopravvive solo nella FSSPX) … come reagirebbero gli altri non lo sodeve chiederlo a loro

      2. quod “massone Bugniniè la stessa persona che fece la riforma della Settimana Santa, con l’approvazione di Pio XII.

        tum, vogliamo dare dell’antipapa-eretico-apostata-modernista pure a Pio XII?

  18. Metto anche qui la risposta che ho dato sull’articolo di P. John Cavalcoli (lo leggo da tanti anni, da quando scriveva su Divinitas) e mando un saluto tanto caro a don Antonio Livi (lo vidi tanti anni fa a Prato con suo fratello, di nascita sono pratese anch’io ma sono sacerdote dell’arcidiocesi di Firenze).

    Si ex aliquo usu esse possunt,: Ego sum unus de sacerdotibus his, qui de quibus (paene dimicatione) Ariel apud Patrem. in facto,, autem, Et locutus est de blasphemantes sacrilegos harum horum cartoons, Ego autem orabat eum dicens ei, Tusco claudimur Tusco, sumus primum est (Infeliciter) impietatis et blasphemiae solent, etiam affectus nostri homines, semper, quod tamen Christiana et anti-anti-Catholico. E gli ho detto che “è dalla fine dell’ottocento che fanno vignette contro la chiesa, i santi e i preti”. Itaque conatus sum mitigare. Et vidi, cum imaginibus, le didascalie … oh, Domine Deus! dixi: et hi daemones!!
    In mea sententia,, Arihel, Ad secundum dicendum quod ad illarum imagines publish, quia, et alii plures populus similis mei, Et non vidistis, non animadverto, magis, inquam: tantum digne proseeutus,, ma propendevo a dire “non ti curar di lor ma guarda e passa”, autem, sunt quidam de, Non pertransibit eam.
    Florence ex salvete omnes.

  19. Scusi Alessandro mi può spiegare perché io sono a suo giudizio un eretico pentecostale?
    Lei pensa con il suo cervello o come un buon pappagallo ripete quello che hanno scritto gli altri riguardo a Papa Francesco? e come mai il suo interesse oserei dire morboso verso una realtà che lei stesso non considera cattolica? se lei è così convinto che il piccolo gruppo della sua setta è l’unico centro della verità (dico setta perché la parola chiesa e una cosa seria per ridurla al vostro circo) perché perde tempo tra noi poveri “haeretici” a dibattere con chi crede a papi che in realtà sono antipapi, che ascoltano preti che non sono preti validi, che seguono un magistero (quello conciliare) che è una colossale apostasia?

  20. Un breve commento per assicurare nella nostra preghiera Don Ariel per l’arlecchinesca campagna denigratoria che sta avendo luogo in questo periodo su questa splendida rivista telematica.

    A tale proposito abbiamo voluto anche noi dire qualcosa a riguardo sul blog cui mi diletto scrivere.
    Naturalmente Don Ariel sa difendersi da solo, e alla grande, per quanto ovviamente ci si possa difendere da una ignoranza cieca e sorda ma non muta. Non posso infatti che ringraziarlo per i sorrisi sardonici che ci ha donato durante gli alterchi presenti nei vecchi commenti.

    Pertanto non potevamo pensare didifenderloda quelle che non sono nemmeno accuse nel nostro articolo, quanto puntare a sensibilizzare i nostri lettori nei confronti di quel che qui sta accadendo, perfetto emblema di tutte le ragioni di Don Ariel, e soprattutto spronarli a fare una offerta verso di voi!

    Che dal male inutile nasca un bene utile insomma.
    http://pellegrininellaverita.com/2015/01/29/solidarieta-con-lisola-di-patmos/

    Buon lavoro a tutti: ut 3 sacerdoti in prima linea naturalmente, a colui che oggi è sotto il fuoco di paglia incrociato soprattutto.

    1. RINGRAZIAMO gli amici Pellegrini della Verità
      che dal blog CROCE-VIA hanno voluto donare un
      messaggio di soliderità all’Isola di Patmos

      Vedere link

      http://pellegrininellaverita.com/2015/01/29/solidarieta-con-lisola-di-patmos/

      ____________________________________________________


      Con l’occasione inseriamo una nota

      carus lectores,

      abbiamo scelto di non pubblicare risposte a questi post e ci siamo limitati a pubblicare anche messaggi gravemente insultanti per lanciare i quali è stato preso a pretesto un articolo magistrale di uno dei padri dell’Isola di Patmos, il filosofo e teologo Antonio Livi che offre una lettura molto pertinente e profonda dei fatti ai quali l’articolo è riferito e nel quale è distillata la sua scienza filosofica e teologica assieme al suo sentimento pastorale e sacerdotale.
      Gli autori di diversi di questi post hanno tentato di “esaltare” Antonio Livi usandolo come “clava” contro gli altri due padri, i quali sanno da sempre tutti e tre che il Demonio cerca anzitutto di seminare discordie e divisioni.
      I padri dell’Isola sono persone di età diversa, di sensibilità diversa e di carattere diverso ma tutti e tre sono uniti tra di loro dall’amore verso Cristo e la sua Santa Chiesa, dall’ossequio alla Verità e dalla devota obbedienza alla legittima Autorità Apostolica.
      Tentativo dunque maldestro, quello di seminare discordia fra tre uomini uniti anche da stima e da profondo affetto reciproco.
      Parlandosi tra di loro i padri sono stati concordi – come peraltro quasi sempre sono, pur nella diversità di alcune vedute formali e non certo sostanziali – circa la necessità di raccomandare certe persone alla misericordia e alla grazia di Dio, perché dinanzi a personaggi che con sentimenti di cieco fondamentalismo esaltano l’ingiuria al Sommo Pontefice, lo sprezzo della dottrina della Chiesa ed un intero Concilio Ecumenico; che si arrogano il diritto di lanciare accuse di eresia e di apostasia a Pontefici, Vescovi e Sacerdoti in nome di una loro non meglio precisata “Veritas” e “Traditio” … dinanzi a tutto questo i padri non possono far altro che assicurare le loro sincere preghiere a beneficio di queste anime, affinché possano convertirsi e credere al Vangelo , perché in caso contrario, cras, il giudizio di Dio – “lento all’ira e grande nell’amore” – potrebbe essere anche severo.

      1. Padre Cavalcoli dice che il CVII è infallibile; Mons Livi nega che sia infallibile;
        Mons Livi stima le persone che Don Ariel attacca indecentemente insultandole (Roberto De Mattei, Cristina Siccardi, Mons Gherardini ecc). Mons Livi riconosce che la S Messa Vetus Ordo ha origine Apostoliche mentre Don Ariel insulta questa S Messa dicendo che non proviene da nessuna Tradizione Apostoclica. Queste sono differenze sostanziali di conoscenza della Dottrina Cattolica.

        1. Gentile gianlub1.

          La redazione ha ricevuto precisa disposizione dal Padre Ariel dipubblicare qualsiasi commento che lo riguardi con qualsiasi genere di eventuale insulto in esso contenuto senza replicare in alcun modo“; ed a nessuno è stato infatti replicato.
          nunc, non che lei meriti la replica non data a molti altri, voluntatem “passi l’insulto“, è però difficile far passare la deliberata e gratuita menzogna infamante.

          igitur:

          1. Riguardo i padri professori Livi e Cavalcoli che lei vorrebbe malignamente porre in lizza tra loro, la risposta è semplice: San Tommaso d’Aquino e San Bonaventura di Bagnoregio avevano opinioni teologiche talvolta discordanti in ambiti strettamente dogmatici e sono tutti e due santi e dottori della Chiesa.

          2. Il Padre Ariel non hainsultato indecentementele persone che lei cita, se qualcuno è stato insultatoda voiquesti è stato il Padre Ariel al quale è stato chiesto su quale marciapiede lavorasse sua madre, al quale è stato dato del donnaiolo e del lascivo, del massone, dell’eretico modernista, etc.. al quale sono stati imputati tutti e sette i peccati capitali, sino a giungere all’accusa che la sua ordinazione sacerdotale sarebbe avvenuta per simonia. Alle persone da lei citate e da esso mai insultate, egli ha posto solo delle domande alle quali nessuno di loro ha dato risposte, pur avendo tutti i mezzi per farlo.

          3. Lei non può e non deve infamare un degno sacerdote che celebra ogni giorno il Sacrificio Eucaristico affermando che egliinsultaquella Messa che il Padre celebra devotamente sia con il nouus che con il vetus ordo missae; né può affermare il falso accusandolo di avere dichiarato che il Messale di San Pio Vnon proviene da nessuna Tradizione Apostolica“, perchè il Padre, per conoscenza e per cultura liturgica, non direbbe mai una simile assurdità.

          qui dixerunt, Egregio Signor Gianluca Bazzorini (detto gianlub1), lei è per adesso ammonito e formalmente diffidato dal seguitare a spargere in giro per la rete deliberate infamie sul Reverendo Sacerdote Ariel Stefano Levi di Gualdo; infamie già riprese da altri siti e blog cosiddetti “traditionalistae” ed a loro volta diffuse per la rete telematica.

          Possa Dio avere pietà di lei.

          Il Segretario di Redazione

          1. Solidarietà a Gianlub1 e a tutti gli altri. Il falso “sacerdos” levidigualdo è un apostata in quanto eretico e modernista. forse non è iscritto alla massoneria ma celebra con il messale protestantico di Paolo VI, l’apostata beato, e lo esalta, accusando la Tradizione e i difensori della Tradizione, quindi il “sacerdos” vaticansecondista-bergogliano levidigualdo è di fatto e peggio degli altri preti conciliari scomunicato, perchè gli altri stanno almeno szitti lui invece esalta la aapostasia. la nota della redazione è patetica, i veri difensori della fede, non hanno risposto, perche il prete-giudeo-infiltrato non merita risposta perchè loro sono in cielo e lui già a riscaldarsi all’inferno, se non si pente delle sue eresie. Così è se vi pare

    2. Grazie caro Minstrel , aggiungo anche questo mio commento.

      Questi insigni “studiosi” (!?!) o presunti tali devono aver confuso la curva sud della Roma o la curva Fiesole di Firenze con una rivista giovane e di breve corso ma già di attuale e di profonda dignità teologica, al punto da essere divenuta subito un grande punto di riferimento per molti. Io invito pertanto questi signori a trovare altri luoghi più consoni alla loro natura triviale, offensiva e soprattutto lesiva alla dignità di tre ottimi sacerdoti che stanno facendo ciò che Cristo gli chiede di fare: “Chi mi testimonia dinanzi agli uomini io lo testimonierò dinanzi a Dio”. Tuttavia ciò che mi addolora non è la gazzarra che hanno suscitato questi anonimi maleducati (attaccando il Padre Ariel nel personale in modo volgare), ma lo spaventoso e rumoroso silenzio di coloro che stanno alle loro spalle e che li caricano con i loro libri, le loro conferenze, i loro articoli e le loro “pie” fondazioni divenute per questa gente un vero e proprio ricettacolo di raccolta e di reclutamento per questa fattispecie di fondamentalisti in pietosa versione “cattolica”, posto che il loro agire e interagire è la negazione di tutte le … Radici Cristiane.

      1. ma veda di curarsi delle radici sue radicate negli errori della “Ecclesia,” apostatica dove si rende culto al demonio col messale satanico-massonico di Bugnini. Di certo,lei, è in buonafede, e non dice certe cose per colpa sua, ma perché così vi hanno cresciuti nella “Ecclesia,” del conciliabolo, dove durante gli incontri ekumenici ad assisi (cioè lucifereschi), sugli altari di alcune chiese hanno messo le statue di budda, e in un altra hanno sgozzato un paio di polli. quia caritas, mica dico che la sede sia vacante, dico che i papi da GXXIII fino al VdR, che oggi è Pampero I (Bergoglio), non sono validi, perché con il CV2 la chiesa è diventata apostatica.Non sono validi i vescovi conciliaristi perchè ordinati in apostasia, non lo sono i preti ordinati da vescovi di una “Ecclesia,” apostatica, perche tutta è una catena. Tutto questo può, sed, essere sanato se la chiesa nega l’apostazia, ciò nega il CV2, e se il VdR si fa ordinare vescovo valido dai vescovi della FSSPX, poi lui riordina i vescovi conciliaristi (che intanto hanno abiurato le eresie del CV2), e tutto torna nella tradizione della vera CHIESA.
        Se vuole scoprire le radici cristiane vere, primum, scopra chi ha salvato un piccolo gregge dall’apostasia, quello che la dr.ssa CRISTINA SICCARDI paragona, recte, ai grandi Santi Padri della Chiesa. S.E. il Santo Vescovo Lefebvre.
        http://www.gloria.tv/?media=119233
        poi si colleghi a questo sito
        http://www.sanpiox.it/public/
        e veda, nelle sue vicinanze, dove trovare una cappella della FSSPX, e avvicini uno dei loro sacerdoti, validi e cattolici, e si salverà l’anima.

        1. Esimio Signore.

          Mi dispiace non comprendere questo suo sermone ricco di ammonimenti e lectio riguardo alla validità di ordinazioni episcopali e sacerdotali. Su questi suoi insegnamenti che paiono usciti da un film di Stephen King, voglio volutamente sorvolare; tuttavia le rispondo riguardo al cercare delle cappelle con dei sacerdoti della Fraternità Sacerdotale San Pio X: Bene, ho conosciuto molte persone che provengono da certe realtà, anche vicine alla mia persona, e in verità le dico che ne sono uscite turbate, nella migliore delle ipotesi in una profonda crisi di fede per colpa di personaggi che come asserisce sacrosantamente il Padre Ariel nei suoi articoli, manderebbero all’ergastolo un giovane e una giovane che si danno un bacio ma non riescono a scorgere il pilone di cemento che hanno nell’occhio.
          Queste povere persone uscite da certi ambienti hanno poi ritrovato un po’ di ristoro e di fede proprio nella Chiesa che lei ereticamente definisce apostatica, grazie a sacerdoti come il Padre Ariel, al quale sono stati sferrati degli attacchi indecenti, tutti mirati sul personale e profondamente ingiuriosi.
          Ad majora!

          P.S.
          E si ricordi che in quel … “secretum testimonii” c’era anche Lefebvre che ha firmato le due costituzioni dogmatiche.

        2. ma lei lo sa o no che ai tempi di san Pio X alla Siccardi non sarebbe stato concesso di aprir bocca neppure per cantare nel coro parrocchiale, nedum rebus ecclesiasticis aperto ore pontificatum?

          Tu vere volo facere dura-core traditionalistae? recte, tunc incipiet tibi dicere ad prohibere in uincla coniectis, de rebus Ecclesiae Siccardi, dacché come dice l’Apostolomulier taceat in Ecclesia“.

  21. Carissimi patres Island, ma non sarebbe meglio per tutti abolire la possibilitadi commentare i vostri articoli? Perchedare spazio ai seminatori di zizzania, i quali turbano i lettori per bene?

  22. A leggere certi commenti ho l’impressione che i fanatici non siano solo quelli dell’Isis. Pensare di far ragionare costoro e cercare un dialogo credo serva a poco. Semplicemente credono di essere assistiti direttamente dallo Spirito Santo e di avere la Verità in tasca. Grazie Don Ariel per il suo impegno.

  23. Monsignor Livi, i fondamentalisti “catholici” dell’Isis, come giustamente li chiama vincenzodatorino, stanno postando commenti infami su un suo fratello sacerdote, e tutto questo prendendo a pretesto i commenti a un suo articolo, e a fronte di questo ancora non ho letto un suo commento di risposta.
    Se qualcuno avesse gettato su mia sorella minore simili cose, io avrei risposto, e anche con un certo tono.

    1. Per Garofalo: Guardi che Mons Livi è critico nei confronti di Don Ariel per l’articolo che quest’ultimo ha scritto insultando Cristina Siccardi ed altri. Inoltre Mons Livi è un’amico del prof Roberto De Mattei.

      1. Che il rev. Mons. Livi sia critico, questo lo afferma lei, perché il diretto interessato da lei più volte citato da ciò che io ho letto non ha mai esternato rimostranze o dissociazioni, igitur, lei insiste ad affermare cose non suffragate da alcuna prova oggettiva. Come professionista che esercita l’avvocatura da 25 anni posso invece dirle che il rev. padre Levi di Gualdo di cui io ho letto i libri e di cui leggo da alcuni anni gli articoli, nei suoi scritti non ha mai insultato nessuno e l’unico che in questo speficifico frangente è stato aggredito con insulti violenti e gravi configurati come tali dalla fattispecie del reato di diffamazione per mezzo di strumenti telematici di pubblica diffusione e dominio, questi è lui. E’ un fatto provato dai post pubblicati in questa pagina.

        1. Per Garofalo: Se vuole le mando l’email di risposta che mi ha mandato Mons Livi a me, in cui conferma le critiche all’articolo di don Ariel.

          1. Editor scriptor Note

            Gentile gianlub1.
            Le saremo molto grati se volesse postare direttamente qui questa email alla quale lei fa riferimento e che sarà nostra premura pubblicarle, a prova che lei afferma il vero, altrimenti abbia per cortesia la bontà di tacere e di evitare di spargere “verum” affermate e di rigore mai provate.

  24. se i tradizionalisti sono quelli che danno del “modernistae rationalismum et individualismo” a don Ariel, adesso capisco perché i modernisti (quelli veri) hanno stravinto, e continuano a stravincere.

    continuate pure ad azzannarvi e sbranarvi come cani, continuate pure a seminare discordie e divisioni (questo fa Satana), e vedrete che oltre le cappelline fsspx non arriverete mai più lontano.

  25. Gent.mo Padre Livi , anche io sono nata nel famoso ” triangulus rubeus “( nel mio caso Terni e provincia ) dove purtroppo la bestemmia fa parte dell’intercalare locale . Al pari di lei ne ho molto sofferto . Maggiore sofferenza la pativo in casa perchepurtroppo mio padre , pauperibus , inscius , si portava dietro questo esempio .
    Salvo poi riempirsi gli occhi di lacrime quando ,mostrando la immagine della Madonna del Ponte , che conservava nel taschino interno della giacca , affermava con assoluta certezza che solo grazie a Lei era tornato in Patria dopo i tre anni di internamento nello Stammlager XIII D . Leggendo il suo articolo mi sono ricordata di essere stata attirata da un link che pubblicava le vignette in questione ed io , stupida , sono andata a vederle ! Come avvinta da questo male guardavo una vignetta dietro l’altra senza avere la forza di interrompermi . Mi sono fermata quando mi sono resa conto che, immagine dopo immagine , i miei occhi bestemmiavano e perpetuavano l’orrore provato ! Le migliaia di pubblicazioni hanno il chiaro intento di bestemmiare Dio e la Sua Madre SS. L’ispiratore eil solito orgoglioso . patrem , una Ave Maria per il mio genitore.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.