"Centesimo earum sic fit, tunc homo est idem peccatum fateor, ut illam, se cogitat, quod non sit ibi maybe “lactentem” paulo?». Saeculorum decursu, ex confessione sacramentali innotuerunt, qui has mutationum maximi momenti, quod perpessa es ignarus de multis, genus I. “magnis doctoribus theologis” De Facebook et Twitter

- Ecclesia nuntium -

"Quod autem aliquis super hundredum TEMPUS EST PECCATO ea confiténtium, Ne putes quod animam FORTE EST “PACIFICATOR” PAULLUM?». Decursu temporum eorundem sacramentalem confessionem mutationum maximi momenti, subiecit: Multi DISSIMULO, GENUS magna “DOCTORS theologists” DE Facebook E MINURRIO

.

Gratias Amicabiliter interventus multis, magis densum legionum iras quarum amentibus, sed multo pejus quam biblicae potissimum lucustae tumultus, Ita fere propriae formae: Primum colligunt ex blog alium, et ipsi experiri manus suas in quorum etymologiam vocabuli significatione uti palea lemmate sunt, ne quidem sciunt - sed est supra omnem intellectum in dictionibus philosophicis, metaphysicis, ac theologico-dogmaticus -, postremo ut in cathedra Dei sunt, Facebook uel Twitter Lectiones ad rectam doctrinam nobis a theologis, sagittam dirigens bullshit adsensu succlamatum esset in una cum altera quam credi potest violentiam, irascibilis. Non autem semper,, Infeliciter, verba ridete delirant penitus theologorum.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

.

Frater Minorum Capuccinorum et Confessoris; (Photo by Lancioni)

Con il quesito che ha posto, un Lettore mi ha ispirato questo articolo che potrebbe risultare utile a molte persone:

.

«Quod Christus sit verus et vituperare contrarias non peccat peccator. Sane peccator veniam septuagies septies, igitur semper,. Et in tempore illo centum de ea hominem fit, idem peccatum fateor, ut illam non cogitat, maybe eam praebeat "virginem lactantem unum 'parum nobis? Si recte memini ostendit priscarum christianarum communitatum est deinde quod veni ut ita legitur apud iudicem et peccator, post peccatum, non bastava la contrizione del cuore e prima di essere riammesso nella comunità doveva passare sotto le forche caudine pubbliche. Probabiliter mihi mens est delicto oriuntur masochism ...? Videtur etiam mihi semitam apostolica verba canonicos habeatur ".

Gianbattista, 11 July 2021

.

Questo quesito offre l’opportunità facere aliquam sacramentalem re dogmatica, cui dedimus in una re multum historiam dogmatum. Sed primum principium, tantum paululum effugiunt ab aestu Goliardic in medio mensis Julii in tenebras, in quo saepe modo quo est grave praecipue inducere themata. In tempore tristem confusumque credatur in sumus, uates ac theologos si minus antea expertus est veritas est "" vndique a aesthetic ad magica, maxime vero et vulgus hinc fideismus. Gratias Amicabiliter interventus multis, magis densum legionum iras quarum amentibus, sed multo pejus quam biblicae potissimum lucustae tumultus, Ita fere propriae formae: Primum colligunt ex blog alium, et ipsi experiri manus suas in quorum etymologiam vocabuli significatione uti palea lemmate sunt, ne quidem sciunt - sed est supra omnem intellectum in dictionibus philosophicis, metaphysicis, ac theologico-dogmaticus -, postremo ut in cathedra Dei sunt, Facebook uel Twitter dare Lectiones de rectam nobis doctrinam theologorum, sagittam dirigens bullshit adsensu succlamatum esset in una cum altera quam credi potest violentiam, irascibilis. Non autem semper,, Infeliciter, verba ridete delirant penitus theologorum. interdum etiam, alii faciunt.

.

Hic est a typicam exemplum de vero et vulgus hinc fideismus fundatur in magica, aesthetic, ex serie ... Abracadabra fit amet! Una puella litigavit mihi de me page Facebook che «le preghiere recitate in latino sono potentissime e il Demonio proprio non le sopporta», non metuere quia.

.

Nam etiam apparet paedagogia, super omnibus caritas debet vere Christianam, talis populus non contemnitur, Haberi debet ascendere. Quid aliud decet fieri a subditis rostrata socialis instrumentis cogitant quod loqui possit de divina gratia ad Dei mysterium, quae in sacramentis - qui est maxime genere et universa re dogmatica - et Disciplina Sacramentorum, cum levis ease possit de quo cum shamist cine est in camera scriptor published circa articulum tardus TABULETTA Novella2000?

.

Tum quod eo loco intellegis, intendebant asino confusione plena conculcata sunt, et maxime populus est maxime opportunitate tamen Christiana et paedagogica exercens actum est caritas. tum, si vocare vobis "Sacerdos vulgari," nam dixit in se parum dicere malum verbum, genus bullshit quod Da pacem,, quaestionem in eis, quia, si ibi est aliquid quod facit eam rem vulgarem, id sane praesumtio imperitorum ferox, vehemens certo scire et docere, vel potius nos,amentis metaphysicum, che oltre a presumere di sapere presume anche di dare lezioni a teologi di lungo corso. Haec sunt quae potest pervenire ad extrema, necesse dicere "statur, quia realiter fregit omnium balls: in caelum, super terram, et sub terra ", altro non è che un pedagogico atto dovuto. Quod et gravis et deformem esse indoctius fit, anti-anti-theologicae doctrinae actionisque, quanti debeat privari. Et pressius plurimum telum est ex charitate, et prudens Irrisivum et pullos kicking.

.

haec, ut non domine transferre poterit utique etiam fere simplex lineae primae De bello Gallico sed qui vocat iste "magicis verbis," quod diaboli est ad terrendosque metu,, Respondi cum Italicis Eucharisticum sacrificium peragant, cum aut quem ad modum dicimus Dominus vobiscum dicimus, Dominus vobiscum, perdidit in risus enim diaboli est,, non sentendosi colpito attraverso il magico latino che lo stende invece a terra all’istante spaventato e tramortito.

.

Haec praemissa est universa partim calor aestas et ex parte contritum spiritu et dicere goliardic, quando intelligentes esse interrogavit quaestiones, ut Lector ex uno hoc a nostrum, quasi liberi et non accipit donum,:

.

"Centesimo earum sic simul hominem qui in ea est idem peccatum fateor, ut illam non cogitat, maybe eam praebeat" virginem lactantem unum 'parum nobis?».

.

pertinet interrogatio, quoniam in his casibus potest pressius videamus quantum per gratiam Dei illuminavit autem prudens confessarius. Omnium primum liberos esse ut Christi inputatur, divina in caput anguli, quod chose Petri ad aedificationem Ecclesiae: et imperium ejus, (Cf.. Mt 13, 16-20). Et omnium apostolorum est maxime fragile, et excelsum, ut saepe demonstrandum, ignavis et simul. Necessitate Confusus, anceps ambigua doctrinalium. Et Galilæus esset parvulus enim piscatores, Æquum erat valde bona desideria et uitae. Et quia intelligentia non lucere, minimum est omnium cultura. Hoc itaque satis sit factum est quanta deminutione facta sunt Antiochiæ ​​nigrum Beati ab Apostolo Paulo, etiamsi cum Collegii Capite ac reverentia primatus Apostolorum. E adesso ripercorriamo la vicenda di Antiochia narrata dallo stesso Apostolo:

.

"Ma quando Cefa venne ad Antiochiam, mi opposi a lui a viso aperto perché aveva torto. in facto,, prius enim quam venirent quidam ab Iacobo, quam solebat, cum gentibus edebat:; sed, Post adventu eorum, subtrahebat et segregabat se, ne circumcisio. Alii eadem simulatione Iudaei, tanto che pure Bàrnaba si lasciò attirare nella loro ipocrisia. Ma quando vidi che non si comportavano rettamente secondo la verità del Vangelo, dixi Cephæ coram omnibus: "Et te, esse Iudaeum, gentiliter et non iudaice vivis quomodo Iudaeorum, Quomodo tu vivis quomodo gentes cogis judaizare?". nos, quia ex Iudaeis sumus peperit, et non est paganus peccatorum, sapendo tuttavia che l’uomo non è giustificato per le opere della Legge ma soltanto per mezzo della fede in Gesù Cristo, et nos in Christo Jesu credimus, ut justificemur ex fide Christi et non ex operibus legis,; quia ex operibus legis non justificabitur, quis erit umquam. Si igitur in Christo inventi iustitiam quaerunt aliorum, Forsitan enim Christus peccati minister? potest! Infatti se torno a costruire quello che ho distrutto, mi denuncio come trasgressore. In realtà mediante la Legge io sono morto alla Legge, ut Deo vivo. Et simul crucifixus est Christus, e non vivo più io, sed vivit in me Christus;. Et vitam, quod in corpore vivant, In fide vivo Filii Dei qui, che mi ha amato e ha consegnato se stesso per me. Dunque non rendo vana la grazia di Dio; in facto,, Si autem sit iustificatio legis fit ex, Christus frustra mortuus est "" (Gal 2, 11-21).

.

In hoc autem totum factum est disputandum, qui sunt Antiochiae, Beati ab Apostolo Paulo in theologia atque doctrinam enuntiat gratiae et justificationis. Frater Augustinus praeclare quid umquam captus Germanorum, Puto autem quod dicitur Martinus Lutherus, fingunt ingenti damnum productum in ecclesia circa 16a century, quantum ad quaedam ex toto tempore quo hodie in sermone adulationis Catholico ut indicat ipsum "corrector" et schismaticos suos vocat haereticum: "reformatas" decennio. Inter alia, quia est ex historic Ordinis S. Augustini, quem dicta suo de nomine auctoris, qui fuit Dei De natura et gratia, minus potuisset si fuisset damnum maxime Benedictini Miss, monasteria secundum temporum numero frequentare abbatias, quae magis rara merx videtur male testosterone.

.

Exempla semper ordine hyperbolica: quam conclave est si enim tenuit Post mortem Iesu Christi, Quot quot Petri et Pauli fuisset voted? Quod autem sit, altum videtur interest inter Petri, Iacobum fratrem Iohannis Majoribus, indicavit a Christo Deo quae cognominatur hebraice autem "filii tonitrui" - boanèrghes -, litteris Graecis confectae et nuntiavit in βοανηργες (Cf.. Mc 3, 16-18). Si comparentur ad figuras, quae Apostolorum Petri et Pauli, ut Ioannes, differentia distinguens inter plaga currere posset qualis fere respiciat Alvarus Vitali et Marcello Mastroianni, inter Roberto Benigni et Gregorius Peck. Sed Christus, qui elegit eum involvit nostri omnes humanos errores alentium,, dabo claves regni potestatem ligandi solvere (Cf.. Mt 16, 13-19), il tutto pur avendo avuto elementi di gran lunga migliori tra i quali scegliere il Capo del Collegio degli Apostoli. Deinde experior et rogare te: quod chose Petri, nec alios?

.

Angelus, qui non est de peccatis absolvat, ut duc exercitum in ecclesia Christi non erat in princípio,, et de sacerdotibus, autem alteri Christi agens in persona Christi quod saepe fieri non potest et prae omnibus Galilaeis peccatores unus cui non det gratiam per sacramentalem absolutionem et indulgentiam divinam: 'Cui autem peccata solventur ... " (Gv 20, 22-23).

.

theologia, certo modo sacramentali in re dogmatica, nequeat separari historiam dogmatum, quod in decursu duos annos mille passus Disciplina Sacramentorum nunc mutationum maximi momenti,, annuo partu fructus sacramenti cognitionem acquirendam prout ipsis sacramentis. Aut fortasse aliquis cogitat, quod Christiani qui perceptionem habent, quod sanctissimam Eucharistiam hodie? Aut quod sermones suos intra in tabernaculum cum Sanctissimo Sacramento adorationis eucharisticae, praxi a sacro cultum Sanctissimi Corporis Christi, qui venit ut vitam nisi per circuitum 1300 mortem et resurrectionem suam post annos verbum Dei? Uti primaevorum Christianorum libris cuncta devotatio, et quæ in Missali Romano apostolica aetate, cum ipsi sancti Missam celebratur, si placet nobis aut per ridiculum aliquid temporis, quod appellant ... quod Missam de Omnia Tempus? Impellimur primis christianis ad orationes ante Dominum nostrum Iesum fortasse recitavi? Duodecim Apostolorum: et cantabant canticum congregentur Gloria gregorianis in conspectu Dei mater Dei gloriam eius, quæ est in Jerusalem, et moratur in Epheso? Et timentes quidem Divorum reliquiis? Veniam ad sanctuaria peregrinationem profecti profici posse, uel euocati montem ubi Fafá sarcina completum itinerantur et conversionem est fides, praeter - scilicet - Madonna certam speciem? vel maybe, February post Edict of Milan 313, Christiani exclamavit voce magna, invasit neocatechumenal style: ... «Non enim ... probatus est agnita et sancita,! Non ergo nobis dicere potes de ea et nihil: probati sumus! Qui est contra nos imperatores Constantinum et Licinium Qui probatus est in augustam nobis … probatus!»? Et post haec semper edicto, veterum Christianorum forte dedit basilicas Romanitas cum senatu antiqui honoris Romanoque Pontifici reservatur? Ego vere esset similis quid scientia ficta movies aliqui vidistis, Scire interesting esset saltem titulo.

.

Simpliciter dixit:: et semel peccatum commisit peccatrix est 48 aes, ergo ad Dei gratiam petere, et propitiatio,. Manifesto ut diu ut pœnitentiam agente et "victima" infirmitatibus meis, ut a fragilitate et a administrare non possit superare et ad momentum. Aliud est, si peccat idem librarius usque peccator ignavia peccatum, desidia aut sui solius amans vult infirmum ac fragile sit, et non ullo modo reflecti ad in animo infirmitatibus et errores alentium, quibus non est in loco agere, vel, quod peius arguere possit ".... o bene, Et tune ad confessionem '. In hoc casu,, nam bonum quod poenitentia tactus est, et non negavit posse absolutionem imponebantur. Posso però garantire che soggetti di questo genere è difficile ― mi verrebbe da dire quasi impossibile ― che vadano avanti e indietro dal confessionale a chiedere perdono per lo stesso peccato.

.

Qui legit in præceptis continuo nuntius:

.

«Primum Communitates Christiano, si bene memini, non ita legitur quod went in iudicium et peccator, post peccatum, Parum est cordis contritio et sub publica resque esset consociatur Furculas ".

.

Verum est,, Nos autem non in primo limine experientia in Christiano, tempus in quo multi multa contigit nondum tamen omnium quae ad humanitatem Calvariae resurrexit et in caelum ascendit ad sepulcrum. Aliter enim Christiani illius, duo sunt praecipua: Nicaenae ex Jesuitis, scilicet Christum Judaeis sectandus placuit sermo admodum affici Rabbinic Judaismo et legem, Unum ex maxime Pharisaeorum, de cuius ipse Apostolus (Cf.. In 23, 6), et ipse quoque populus gentium quae pertinent ad filios populi Graecorum et Latinorum. Ut manifeste patet ex fidei per 'incident "Antiochia inter Apostolos Petrum et Paulum, circumcisio et praeputium et permutationis cum intensa. Et cum omni confusione, qui saepe secutus erat, num Christiani circumcisionem ex ritu permanere. Multi intellexerunt per celebrationem Eucharistiae Domini paschae sciens (paschae) erat autem semel in anno celebrat semel in hebdomada pro quo. Denique recordari sufficeret exinde duobus saeculis fere capiet dogmaticam definitionem concilii Nicaeni primis in 325, tunc apud Constantinopolim 381, mysterium quod de natura atque persona Christi. Cum essent numero finiunt nec lexical, Patrum Ecclesiae coacti terminologies horum mutuo postulaverit, et flectere se in Graecum Lexicon philosophicum ad definitionem hanc ineffabilem mysterium.

.

In principio ad me “oriantur e sacramentorum theologia doctores” specialized in Academia Facebook et Twitter - de qua refertur ad librum Doctores insula quae appellatur Patmos: Orientalium Ecclesiarum coronavirus — quelli da prendere per il culo per imperativo di coscienza e soprattutto per carità cristiana, pronti a lanciarsi in temi per i quali spesso, fere solet nisi, presbiteri sessantenni con trent’anni di ministero sacerdotale alle spalle, prima di aprire bocca domandano spiegazioni a qualche confratello teologo, semmai di vent’anni più giovane di loro, prima di addentrarsi in certe disquisizioni molto complesse sul piano teologico, che di riflesso comportano tematiche altrettanto complesse sul piano storico. Immo potest intelligere quod non est Disciplina Sacramentorum, si aliquis nesciat quod bene historia et profundum.

.

Verum est,, ostendit priscarum christianarum communitatum habebat omnino aliter rerum in remissionem peccatorum, illud sufficiat dicere ad sacramentum paenitentiae revelari potuit nisi semel in vita recipi potest, Episcopus autem duce itineris paenitentialis. Cum autem ipse sumpserit hoc sacramentum fideli: peccatum autem non poterat, nisi vestro periculo, quia nunquam recipiat. Septingentis absolutionem a peccatis considerandum est de «non-iterabilem« sacramentum. Ideo Christus voluit prius absolutionem, vel in aliquo casu est in senectute. Mortuus est sine multa et accipientes eum.

.

In prima haec quaestio est universa in saecula puer. Latine ad verbum quod est terminus 'defluxit', indicant ad Christianos, qui in persecutionibus, in III et IV inveniebatur facitis sacrificaverunt diis paganus est actus latriae ad eos:. Sed quia hoc non ex opinione, denuntiatur illis mors, metu mortis soli. Etiam antequam casus puer Tenetur unrepeatability poenitentiae disciplinam. De nova de Dei puer credentes autem inventus est in Ecclesia ipsum primis in Community divisa inter Cornelio current, et electus episcopus Romae 251, intendit accipere remissionem, Novati asseclas negavit eum et presbyter et denique cretionem Romana synodo excommunicatus. Ex ipso natus est hodie notum hodiernam haeresim, ut Novatiano, qui sectatores aliquot saecula continued invenire. Memorabile la battaglia teologica condotta contro i novaziani da Ambrogio vescovo di Mediolanum, quarto post quem composuit De poenitentia, quo refellitur opus in duos libros divisus: in primo, in opinionibus considerari sectatores, qui a Novatiano mortale peccatum remissibile, non peccata, et opus procedat ex novo baptisma in suae haeresis sectatores; secundum quod praebet poenitentiae et altissimae conceptum didicit Dissertatio medica de modo in qua illud esse administratum. Refellit Ambrósii epíscopi, ut Deo necessitudinis admonitos Novatianos misericordiae eius dedi omnes peccatores paenitentes dat gratiam. Sic analogice fundamenta confirmat, postremo confirmare cupit unrepeatability inter Baptismum et poenitentiam et de his Sacramentis, et generate substantialis transmutatio in quis est qui agat pœnitentiam pro peccato, qui cum illis est causa quia mala et aliis. Et Novatiani invitare petita ex una parte Confitemini Domino, ex altera vero negavit dimittetur illi, confidebant in voce omnipotentem summum rigorem animadvertat, non quidem spernendo, Dei gracia et remissio in corde eorum caeca durities. Ne me evaluate, quis est qui legit et arietibus pauci theologi cujusdam sui Internet-dictus fai te, da,, si forte non unam ex uno loco sumpsit Novatus ex variis haeresibus reversus nunc nostrae.

.

Cum missiónem barbaros septemtrionis ab Europa - Paulo uero postea Qui convertit ad Christianismum, illi in solidum teneri magnum durum et virile est figuras quorumdam episcoporum et Ecclesiae Patribus dici potest -, hypothesi quod hoc sacramentum non iterabile faciendi iter, ut per conversionem in Christiana vita, et minus sunt gentes esse coeperunt usque ad ventilari.. Hypothesi pro quo plures Patres et theologi de haeresibus simul clamantium! scilicet, horum, ipsumque Ambrosium fuisset, quas commemoravi respondebo, che tre secoli prima ribadì la irripetibilità della penitenza in una sua celebre opera teologica.

.

Quia ipse quoque populus apud barbaros pastorale opus fuerit ad hoc sacramentum iterabilem? Quod praeter voluntatem, eorum vita et mores et consuetudines quæ erant tam ..., Numquid gratiam in barbaros, si hoc sacramentum non necesse est iterabilis. Septima erat in saeculum privata usu sacri Paenitentiae introduced, cosa che dobbiamo ai monaci irlandesi vissuti ai tempi di San Colombano che fondò il monastero di Bobbio agli inizi del VII secolo e che concorse a ridare a vita alla pratica di questo Sacramento mediante una dimensione privata improntata sulla espiazione dei peccati. ita, haec monachis, Europae regionibus septentrionalibus Italiam descendit consuetudinem adduxerunt sacramentalis "confiteri" presbyterum ita peccata poenitentiam accipiendi, haec solvit paenitentiam. Et hie dicendum, quod solvit paenitentiam dicimus quod genus peccati poenitentia imponatur correspondebat. Hunc primum fieri coeptae introduci séptimo orbis monasticam, dein multam post diffusio circumstanti populo. Nos igitur debere et ad Hibernica S. Columbani et repeatability de hoc sacramento illustrantes monachis, pro eo accipere non potuit semel in vita sua. Et paenitentiae iter Nos debere eum ad secretum servandum de loco ac publicam rationem.

.

Ducentis annis VIIII sequentibus saeculis inter, ego Actus poenitentialis Books et applicationem latissime diffusa iam magna sunt,. quod rates ieiuniis et imposuit eis maxime conclusa, secundum quod gravitas peccati poterat interdum novissimo dierum, alia temporibus anni. Ignominiam volebant - id quod fuit in re -, quod Actus poenitentialis Books quae in illis, commutationibus quia licet peccator in jejunio commutandi piacularis opera sua vel per alios, omni pecunia, celebrationes sanctae Missae, donations terram, similiter ecclesiis seu monasteriis in casibus praecipue est ex constructione opulentos peccatorum. Tunc venit ad quos uicinus, Hoc modo ad certum punctum meminisse ut pergeret cum in historia, qui de Certaldo, Loannem Boccacium natus est aliquid nisi forte quarto decimo in saeculum et in aliquibus sunt brevis tabulatorum, sed phantastica facta, nihil artis inventa,. Ita relinquo qui legit, ut autumare, frustra ingressus turpem singula sine, abutitur, quod quidam originated commutationibus et quam multa "sancti" quod adeptus monachis monasterii constructione per magno vendere in frutex enim peccati eradicabitur in realium illustrent, certa dominorum principum et potentum asperitate poenitentiae subiiciatur et salutantes suis fidelis in loco poenitentiae (!?). Non etiam causa erit, Si autem ecclesiam multa consilia acriter turpia damnat crimen simoniae, ex quorum etymo fabula Apostolis Simoni pretium temptatus dona per impositionem manus Spiritum Sanctum (Cf.. In 8, 18-19).

.

Deinde, Sacramenti Paenitentiae in usus multiplicia nova reperta et instituit inter theologos Caroli noni ac decimi initium efficitur a saeculis in expiationem peccatorum accusationem peccatorum, toto corde poenitentiam veram reputare processus. Sine vera poenitentia et satisfactione paenitentiae venia nullum periculum esse in seipso.. Qui eo ad Concilium Tridentinum transmisso 1563 cum normas statuit confessionis propria sententia,, constructione et disciplinam canonicam reformidant sacramenti hujus sacramenti ut nosti quia hodie,. Post Tridentinum in aetate congrua spatia locorum creata administrandi Sacramentum, per esempio le penitenzierie all’interno delle grandi cattedrali e basiliche, Unde et usum sacris Confessionibus excipiendis, creatus est inter finis 16 et initium 17 century ut videat sua separantur, informius secreto inter paenitentem et confessarium instructae, et quod confessio se ad robora. Neminem esse comfortable, fortasse etiam mulieres viris, accusatis peccata vestra ut sits in conspectu Dei vos homo, qui spectat ad faciem sicut loqui tibi. Est digna sacris Confessionibus excipiendis, quae repertae sunt a Jesuitis, qui eodem medio et fine lxx sexagesimo primo saeculi vicensimi tollere eos in multis ecclesiis Basements, aut vendere negotiantes ad antiquae, si dare pauperibus, non sapiunt! in facto,, Societatis enim ratio casuistic, aut per se bonum est, o in ogni caso lo diventa attraverso la manipolazione.

.

Quod peccator non est verum 'Ante cum Lucanis resque repetendas in conventu publico apud furcas Caudinas deducto autem eum transire per ". Sed quosdam ea scribere, molti lo leggono in giro e prendono simili asserzioni per vere diffondendole poi come tali. Qui est confessio peccatorum non fuit ex publico, sed status poenitentium designatur, Etiam ea, quae facta est publica. pænitentes, fere semper in coetus congregentur, penitentiales re propria facere habuerunt semita sub Episcopi regimine ad, certe neque absconditum, sed etiam peccata eorum, adeo ut Sanctus Leo Magnus,, il lungo pontificato del quale durò dal 440 omnes 461, adulteri et non contra prohiberetur et confessiónis apostolicam normam ipsos:

.

"Nos autem absit ut scripturam hanc occasionem ut in quo publice legere in peccatis suis quae enumerantur in detail. Nam sufficit uni Episcopo vitia reveletur, in secretum " (letter 168).

.

Omnia haec Ab notas historical Sacramentum Poenitentiae sciendum, sicut ab se sacramenta consuluit, Maior est subierunt mutationes in tempore, interdum vero radicale. Cum semper ab omni debito, ut qui loquitur Missam de Omnia Tempus et doctrina, semper et praecepta disciplinis et omnino immutabilis, haud multum sigillum «hoc fieri semper decursu!». Amentis est soleat proprium mutationum ignorat rerum quae saeculorum decursu, perché si è creato un passato che non è mai esistito, allo scopo di rendere irreale il presente.

.

Concludemus ironia tactu cum de Mega-narrantes baptismus confert catechista Et Neocatechumenal sectæ Nazarenorum fece uno sproloquio kikian carmeniano, in primis originibus apostolicis Ecclesiae opus redire. E qui è necessario precisare che la mega-catechista faceva i cosiddetti scrutini — vale a dire che indagava le coscienze — non solo dei laici, ma persino dei sacerdoti e, quando si tenevano le loro assemblee nelle chiuse salette, lei parlava e sproloquiava eresie a tutto spiano, mentre il sacerdote presente sedeva in silenzio vicino a lei tacendo, a vergogna di sé stesso e della dignità sacerdotale. A quel punto le citai alcuni passi della Sacra Scrittura in cui il Beato Apostolo Paolo non si limita a esortare, ma rivolge delle vere e proprie severe intimazioni:

.

"Non omnis mulier liceat docere, nec homo legem imponere; immo, maneat tranquillitas " (I Tim 2, 12) "Communitates, ut omnium fidelium, mulieres in ecclesiis tacent quod non licet loqui; pro se obsequentes, sicut et lex dicit. Si quid autem volunt discere:, domi interrogare viros, quia turpe est enim mulieri loqui in ecclesia " (I Cor 14, 34-35).

.

Dinanzi a quei passi così chiari, le dissi che il suo compito era di tacere e basta. E detto questo le domandai se intendeva tornare alla Chiesa delle origini e applicare alla lettera certi comandi e precetti, mostrando così di anelare per davvero e fino in fondo all’auspicato ritorno alle origini. Non sapendo cosa rispondere, la povera ignorante, paradigma di ciò che di fatto sono i mega-catechisti neokatekiki, sbroccò letteralmente affermando: "Bene, si sa da sempre, che San Paolo era un misogino». Bene, anche se non è questa la sede, penso sia opportuno chiarire in breve che il Beato Apostolo, haud sane misogynist, cum haec locutus cum incolae sunt sanctiores, società tendenzialmente matriarcale nella quale le donne erano solite condizionare gli uomini con forti influenze e pressioni. Verum ubi facere conati sunt eodem in christiana tum Communitate, quaerit pedes eorum posuit in capitibus episcopis et presbyteris dictum, ut Apostolus ad. igitur, et admonitionem pii "Si quid autem volunt discere:, Interroget domi viros suos ", maxime peteret praecise de episcopis et presbyteris prioribus uxoribus plagae, inde patet quod aliud deinde dicit discipulo Timotheo ad locum Epistolae:

.

«[…] Episcopum esse sine crimine sunt, unum virum, sobrii estote,, circumspectus, dignitate, hospital!, posse docent,, non vinolentum, non percussorem sed modestum, non litigiosum, detinet pecuniam. Et domui bene praepositum filios habentem subditos sciat omnis dignitas, si quis autem domui suae praeesse nescit, Quomodo hoc curam Ecclesia Dei " (I Tim 3, 2-5).

.

Quod est quaestio ex una parte habemus magis minusve peculiaribus favere partibus falsi nominis catholici ut reditus qui invocant origins et qui sciat non solum pro incipiens evolutionis constituunt, cui nucleo certe est reditus non oportuerit, quia sicut in exitu currus reversusque ante inventionem rotam. Contra nos falsi Catholici qui condidit olim tradita nunquam specificati, Beati Petri celebratur pro certo habentes ab Apostolo Missam de Omnia Tempus per solennes indutus vestibus indutus est in presbyterorum assistentium sicque positis pluuialibus et indutus gradum in liciis texere dalmaticas baroque. Scilicet cele - quod inde sine dicens, vanum es dicere,! - in magica perfectum et latine, terret et diabolus mittit illam, ut physicus, ut quidam scripsit ad me page Facebook. Et certe Simon Bar Iona, qui cognominatur Petrus: et in nomine eius “sanctus” quod “Beatissimo Padre”. Denique ut milites in Appia Via adprehendimus Vaticani ubi crucifixus, iubent eum: «Altolà, Apostolica Ecclesia Catholico Romano Pontifice Maximo;, Divinum Officium tuum est per comprehensionem!». Et trahebatur ad cruciatu, dare animam suam probationem in fine usque ad heroicam naturam virtutum ejus, et mori ad gratiam dei et martyris.

.

Non tulit Petri vita sua ad martyrium, aliquotiens fuga, ut paulo ante obitum suum ultimum in serie, Nerone patiuntur, cum termino qui sub regno ceperat fugientem in cruce Christi usque ad Romanos primo humido et palustri ualitudinis coro extra urbem metropolim: in Vaticano agitasse dirutis. Quae trahunt aliquid ex nomine Vagitano, paganus divinitatis protegit modo geniti infantes rationale primum clamorem et dederunt vocem suam;. Alii autem inde trahunt forecaster, quod est Latine "predict", Quod igitur in partibus earumque ad professionem fecerunt veteres Etrusci haruspices iam aetate. Quicquid vero ex significatione verbi, quod superest, ubi est amor pietasque Vaticani fidem crucis super efficitur, cum homines antiquis temporibus, sicut in mundo huius temporis.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 14 July 2021

.

.

.

carus lectores,

de “radicitus homosexualists”, obsecro legi scriptum articulum a Praeside nostro edition [hic], in quibus et nos petere auxilium meum fiscus ad atrium costs. Et factum est in subiecto, ut a causa, sed pedetemtim cauteque concludam, tamen meo iudicio defendere eoque postulat agere debeo impendere legum feodis. Ratio patet: colpirne uno per spaventarne e metterne a cuccia mille. Per questo confido tanto sul vostro prezioso aiuto.

Et gratias ago illis qui missus est usque ad conlationem atrium autem cibus costs, quem misit clam ad actiones. Infeliciter, ut quidam, Non responde pro me, perché assieme alla loro donazione non hanno inviato un messaggio con la loro email. Confiteor versibus tam, Paenitet me esse non potest mittere nuntius ei gratias ago tibi,.

 

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About pater Arihel

S Arihel. Levi di Gualdo Presbitero e Teologo ( Omnia vasa ejus in nomine Click to read )

18 cogitationes on ""Centesimo earum sic fit, tunc homo est idem peccatum fateor, ut illam, se cogitat, quod non sit ibi maybe “lactentem” paulo?». Saeculorum decursu, ex confessione sacramentali innotuerunt, qui has mutationum maximi momenti, quod perpessa es ignarus de multis, genus I. “magnis doctoribus theologis” De Facebook et Twitter

  1. La confessione sacramentale so che è valida anche se il sacerdote vive nel peccato o conduce una vita immorale, ma tutti cercano santi sacerdoti pieni di Spirito Santo. Qual è il motivo ?

    1. più o meno lo stesso motivo per il quale tutti gli uomini vorrebbero come moglie Monica Bellucci e tutte le donne Sean Connery come marito, sed, nella concreta vita reale, spesso si sono dovuti accontentare di Tina Pica e di Bombolo

  2. Questo articolo come gli altri fa scendere il fedele dal piedistallo e lo porta con i piedi per terra (primo per me).
    A proposito di confessioni vorrei raccontare questo, un giorno un sacerdote quando un fedele in confessionale gli disse: padre lei mi dice sempre le stesse cose il padre caro figliolo cambia peccati e io cambio discorsi(raccontata dal sacerdote)
    Padre Ariel Levi Di Gualdo buona giornata e mi benedica.

  3. Ariel domne

    vorrei domandarle quando c è confessione sacrilega?quando si omette di dire al sacerdote un peccato mortale?poi al momento della comunione il sacerdote può ricordare il monito Paolino 1 corinzi 27 Omnis ergo qui indigne manducaverit panem vel biberit calicem Domini, reus erit corporis et sanguinis Domini. 28 quisque, igitur, Probet autem seipsum homo, et sic de pane illo edat et de calice bibat; 29 Qui enim manducat et bibit non diiudicans corpus, et bibit indigne iudicium. o non è previsto ?gratias ago tibi,

    1. Fabio carissimi,

      quando il penitente si accosta al sacerdote per celebrare il sacramento della Riconciliazionedopo essere stato accolto in confessionale secondo quanto prevede il ritoinizia il momento in cui si manifesta al confessore la propria condizione spirituale. Per condizione spirituale non si intende solo l’accusa di tutti e singoli i peccati ma anche la manifestazione di ciò che il Signore sta operando di buono in quell’anima. Questa si chiama Confessio Laudis, che abitualmente nessun penitente fa davanti al sacerdote, perché spesso siamo portati a vedere il Sacramento della Riconciliazione come un tribunale in cui un sacerdote peggiore di noi si fa i fatti nostri e ci giudica. Questo purtroppo denota mancanza di fede nel Signore e di conoscenza della dottrina della Chiesa in materia sacramentale.

      Davanti al sacerdote confessore la misericordia divina ci viene amministrata non solo per rimetterci le colpe commesse ma anche per sperimentare quella grazia divina che ci fa vivere bene e ci permette di prevenire le cadute nel peccato. Siamo lì in ginocchio per chiedere perdono è vero, ma se c’è un riconoscimento di colpa ci deve essere un riconoscimento di grazia e di lode che apre il nostro cuore alla speranza e alla fiducia. Dopo la Confessio Laudis si arriva alla Confessio Vitae cioè la presa di coscienza di che cosa nella mia vita non va in relazione alla persona di Dio, dei fratelli e di me stesso. Fatta questa premessa necessaria, secondo l’insegnamento della Chiesa il penitente nella Confessio Vitae riconosce e confessa tutti i peccati mortali definendoli in numero, specie e circostanze, dopo aver compiuto un diligente esame di coscienza che ha il compito di individuare anche i peccati più segreti o nascosti. La fase dell’esame di coscienza è fondamentale e delicatissima e deve occupare molto tempo al penitente se si desidera fare una buona confessione, cioè una confessione non sacrilega che mortifica e svilisce quello che si sta compiendo. E’ necessario dire quante volte siamo caduti in peccato: diverso è cadere una o due volte, che cadere venti volte nello stesso tipo di peccato. Dire la specie del peccato: cioè sapere se è un peccato che ha interessato Dio, me stesso o il mio prossimo? Sapere se è un peccato che ha interessato la vita cristiana, la sessualità, le relazioni pubbliche o private, le cose create, il patrimonio, i sentimenti…etc. tandem, dire la circostanza che ha provocato il peccato o l’ambito in cui si è realizzato: diverso è confessare di aver rubato per fame che aver rubato per invidia o per ingordigia.

      Se il penitente si confessa in questo modo, al meglio delle sue possibilità e restando in un atteggiamento di apertura allo Spirito Santo nella preghiera e nell’umiltà fa senza dubbio una buona confessione. Se però il penitente è frettoloso, pressapochista, omette di confessare volontariamente i peccati che risultano per lui più vergognosi o non confessa quelli chepur essendo peccati mortalinon sono da lui reputati tali, corre il rischio di cadere nel sacrilegio. Fiat mihi explicate, se il penitente non considera un peccato grave non andare a Messa la domenica e pur avendo mancato qualche volta di andarci, omette di proposito nella confessione queste mancanze perché sporadiche, sta facendo male la sua confessione. Il sacerdote si basa sull’accusa dei peccati per esortare e aiutare il penitente ma può essere facilmente da lui ingannato con malizia o furbizia omettendo dei peccati, delle circostanze o dei particolari importanti. La responsabilità di una buona confessione è del penitente che dovrebbe conoscere il monito paolino che hai richiamato e dovrebbe farsi aiutare dal sacerdote a fare una buona confessione. Per quanto riguarda il sacerdote al momento della comunione non può dare nessun monito perché non è quello il momento. Esistono momenti più opportuni per esortare i fedeli in tal senso come ad esempio la catechesi o la predicazione. Anzi il sacerdote non può neanche rifiutarsi in pubblico di dare la comunione a un peccatore, a meno che questo non sia un peccatore pubblico che palesemente e sfrontatamente si accosti alla comunione come gesto di sfida o di dileggio. Oppure nel caso in cui lo stato di colui che si avvicina alla comunione sia incompatibile con la ricezione del sacramento come ad esempio l’alterazione da alcool o da droga. Una cosa però il sacerdote la può fare, può chiamare la persona in disparte ed invitarla, se è a conoscenza di motivi sufficientemente gravi e ragionevoli, ad evitare di accostarsi alla comunione.

      1. Ivano pater mi,

        la ringrazio per la risposta che mi ha dato, ma le devo dire che le cose che ha scritto molti sacerdoti almeno quelli di mia conoscenza non me le hanno mai dette, alcune cose le conoscevo perchè leggo padre Bellon, lei confessa con il confessionale, lo sa che nelle chiese moderne non si usa più? E non vedo nessuno che va a confessarsi, ma la comunione la fanno ugualmente, poi oggi con l’imposizione della comunione in mano si desacralizza e non ci si accorge che si profana il Santissimo Sacramento perchè cadono frammenti e questo non sembra interessare molto ai sacerdoti. Meglio una volta alla messa in latino che ho potuto conoscere con il summorum pontificum, una volta un sacerdote mi ha rifiutato la comunione perchè mi voleva imporre la comunione alla mano però prima della pandemia, oggi l’abuso (indulto) è diventato regola perchè la CEI l’ha imposto e invece si potrebbe darla alla lingua con la pinza e il piattino e in ginocchio, ma la comunione ai politici che hanno approvato l’aborto e il divorzio perchè la chiesa la dà loro?

        1. Fabio carissimi,

          la mia risposta non è farina del mio sacco ma dell’insegnamento della Chiesa Cattolica che già dal Concilio di Trento insegna queste cose. Da ultimo, basta leggere i Praenotanda al rituale del Sacramento della Riconciliazione e il Catechismo della Chiesa Cattolicanella sezione specifica che tratta dei Sacramentiper trovare le cose che ho detto.

          Quanto al confessionale il can. 964 del Codice di Diritto Canonico stabilisce le sedi e i luoghi propri per ricevere le confessioni sacramentali dei fedeli. Il §3 del suddetto can. 964 raccomanda chenon si ricevano le confessioni fuori del confessionale, se non per giusta causa”, questa precisazione si può agevolmente capire in un contesto particolare come quello pandemico che stiamo vivendo. Per ulteriori approfondimenti circa il luogo deputato all’ascolto delle confessioni si tenga presente anche la lettera apostolica in forma di MOTU PROPRIO DATAE Ioannes Paulus II, Misericordia Dei al n.9.

          Queste cose i sacerdoti dovrebbero saperle molto bene e – nisi – la colpa è da ricercarsi in due motivazioni: la crassa ignoranza nelle scienze sacre e la fantasiosità liturgica che poggia sul narcisismo del prete.

          Circa la modalità della ricezione della S. communio, non ravviso nessun abuso, nella Chiesa Cattolica attualmente è prescritta la possibilità di riceverla in boccasia in piedi che in ginocchioma anche sul palmo della mano secondo la lettera di Giovanni Paolo II Dominicae Cenae n:. 11 quod 24.02.1980.

          evidenter, a prescindere dal modo con cui si riceve la S. communio, sono necessarie tutte le accortezze del caso per fare una comunione devota, decorosa, rispettosa e fervente. Non c’è bisogno di scomodare il Vetus Ordo Divini Officii Recitandi per avere la sensazione epidermica di ricevere +Comunione o +Messa quasi a scimmiottare quelle persone che vogliono, desiderano e votano +Europa.

          Nel caso di quei politici che sono pubblicamente e dichiaratamente per l’aborto, per il divorzio e professano altre realtà decisamente in contrasto con il Santo Vangelo e con la Chiesa Cattolicase non pentiti e confessatinon possono accostarsi a ricevere la S. communio. in facto,, qualora si presentassero davanti al sacerdote valgono le indicazioni e risposte che ho dato per la precedente domanda.

          1. Nel caso di quei politici che sono pubblicamente e dichiaratamente per l’aborto, per il divorzio e professano altre realtà decisamente in contrasto con il Santo Vangelo e con la Chiesa Cattolica – se non pentiti e confessati – non possono accostarsi a ricevere la S. communio. in facto,, qualora si presentassero davanti al sacerdote valgono le indicazioni e risposte che ho dato per la precedente domanda.( Pater Ivanum )

            --

            Perfettamente d accordo.
            E che dire però dei vescovi americani che giustamente vogliono negare la comunione a politici come Joe Biden cattolico (???!!!!) pro aborto ( se non erro pro aborto sino al 9 mese …cioè praticamente la possibile uccisione del bambino praticamente formato anche fisicamente) e della “ Santa Sede” romana ( sempre meno Santa…in questi tristi tempi…) che invia in controtendenza un altro tipo di segnale di comunque non negare i sacramenti….
            E noi poveri fedeli più o meno ignoranti dinanzi a questo cosa dobbiamo pensare?
            Idem per i sacerdoti tedeschi che benedicono a centinaia le coppie gay ( peccato non solo grave … ma che addirittura da qualche parte è scritto che grida vendetta al cospetto di Dio) e Santa Romana Chiesa bypassa … con addirittura un Santo Padre che incoraggia tramite letterina il gesuita James Martin pro LGBT
            Noi poveri fedeli ignoranti ( quod 90% dei cattolici … ) cosa dobbiamo pensare ?
            1- che al vertice della Santa Romana chiesa attualmente ci sta un impostura anticristica ( e allora capisco…Pachamamma compreso )
            2- oppure che il vertice sia legittimo ..e sta tradendo Cristo….diversamente non capisco …

          2. quod ( ottime e preziosissime) spiegazioni sulla confessione date da Padre Ivano NON LE HO MAI SENTITE DA NESSUN SACERDOTE IN VITA MIA .
            La confessione mi è ora molto ma molto più chiara ….ho il sospetto che sempre il 90% dei cattolici sia nella stessa mia condizione . Una spiegazione del genere dovrebbe essere esposta scritta in ogni confessionale ….

  4. Riguardo alle “commutationibus”, presero piede anche presso il tribunale dell’inquisizione.
    Ne è un esempio Galileo che, condannato alcarcere formale”, scontato nella villa di Arcetri, E “per tre anni a venire dichi una volta la settimana li sette Salmi penitentiali”, li fece recitare in sua vece dalla figlia primogenita suor Maria Celeste, al secolo Virginia.

      1. Quanto riempiono i Suoi approfondimenti, patrem!
        Se solo se ne avesse una piccolissima parte nelle omelie domenicali… .quod (è con grande vergogna che lo confesso) mi impegno di ascoltare senza però restarne appagata.
        ego iterare, ho vergogna a dirlo perché capisco da sola che non si possa pretendere di avere sempre dinanzi il Cardinal Comastri, Mons. Cantalamessa (li stimo entrambi tantissimo) o Lei p. Arihel, e perché sono certa che ogni sacerdote, anche se troppo giovane, possieda delle preziosità da donare. Allora cerco di indagare dentro di me per capire che non sia proprio io l’incapacelettricedi quei messaggi, all’apparenza semplici, “off topic”, ovvi.

        1. Cara Anna,,

          non si deve affatto vergognare, siamo noi preti che bisognerebbe seriamente interrogarci. Durante le omelie ho sentito di tutto, dalle eresie al racconto di barzellette.
          in 2013 pubblicai una raccolta di omelie che tra un podi mesi stamperemo in seconda edizione. Nel retro del libroper ribadire appunto quanto non debba affatto vergognarsiriportai le frasi di due cardinali, uno dei quali, RATZINGER, eo tempore Praefectus Congregationis pro Doctrina Fidei,, alterum, il Cardinale Tomas Spidlik.

          Afferma il Cardinale Joseph Ratzinger:

          In «Pedes, et confirmatio fidei in deos, viene dal fatto che sopravvive ogni domenica a qualche milione di omelie»

          Afferma il Cardinale Tomas Spidlik:

          «La Chiesa ha posto la Professione di Fede dopo l’omelia per esortarci a credere malgrado ciò che abbiamo appena ascoltato».

  5. valde interesting, gratias ago. Che ne direbbe, patrem, di raccogliere in un libro una serie di articoli sui sacramenti come questo, comprensibili anche a chi come me non ne sa nulla?

    Sull’andarecento volteper lo stesso peccato a confessarsi di cui ha scritto un altro lettore, credo che non si possa entrare da contabili nella coscienza delle persone. Me lo spiegò un confessore tanti anni fa, l’importante è un sincero pentimento e il desiderio di non ricaderci, poi ognuno ha le sue fragilità legate alla propria condizione umana.

    Confermo per esperienza tutte le balordaggini impartite dai catechisti neocatecumenali, illustrate con tanto di disegnini. Per loro da Costantino al Vaticano II è stata solo terra bruciata, con buona pace di santi e dottori della Chiesa.
    E che dire del disprezzo di Carmen per i confessionali, che chiamavacasette”?
    O di Kiko, che riteneva la presenza in comunità sufficiente per il perdono dei peccati, possibly “sigillato, se lo vorraiun domani con una confessione?

    Quello che mi ha sempre fatto rabbia però, è il silenzio di preti, episcopos et cardinales,. Nessuno ha mai aperto bocca per correggerlo.
    Mi rammento un filmato nel quale si vanta di esorcizzare città intere e cacciare demoni davanti a decine di preti, e nessuno dice mezza parola. magis, tutti lì giulivi a battere le mani. Quid?

    A proposito del latino antidiavolo, io a scuola lo odiavo il latino, vuol dire che sono indemoniato?
    Quasi quasi vado dallesorciccio Kiko a farmi liberare

    gratias ago, a lei e a tutti i padri per il bene che ci fate.

  6. La ricostruzione storica dei mutamenti occorsi al sacramento della riconciliazione è assolutamente ineccepibile, mi ha riportato indietro agli anni in cui studiavo all’istituto di scienze religiose. E malgrado il caldo padre Ariel continua ancora grazie alle sue proverbiali invenzioni retoriche a tagliare carne e ossa!

Comments sunt clausi.