«Surrexit Dominus vere, et apparuit Simoni» Auguri dei Padri de L’Isola di Patmos ai Lettori

«SURREXIT DOMINUS VERE, ET APPARUIT SIMONI». AUGURI DEI PADRI DE L’ISOLA DI PATMOS AI LETTORI

.

.

.

Roma, febbraio 2019 – Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minverva: i Padri de L’Isola di Patmos

Cari Lettori,

il mistero della Pasqua che tra poche ore rivivremo durante la veglia in cui risuonerà l’annuncio del Cristo Risorto, è racchiuso a suo modo in una breve frase del Beato Apostolo Paolo:

.

«[…] se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede» [cf. Ef 15, 14].

.

Cristo Dio non è risorto metaforicamente, come purtroppo si afferma in questi tristi momenti di grande crisi ecclesiale e dottrinale anche attraverso le bocche di certi teologi. La risurrezione del Cristo non è un evento simbolico e spirituale, ma è un evento reale, storico e fisico.

.

Tutt’oggi il suo Corpo Glorioso, a immagine del quale un giorno anche il nostro corpo mortale sarà trasformato, seguita a portare impressi su di sé i segni indelebili della passione.

.

A tutti i nostri Lettori auguriamo ogni sincero bene e grazia dal Signore nel giorno in cui la Chiesa celebra il mistero che è centro e fondamento della nostra fede: la risurrezione, fisica e reale, del Verbo di Dio fatto Uomo.

.

Vigilia della Pasqua di Risurrezione 2019

.

.

.

.

.

«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:



oppure potete usare il conto corrente bancario:
IBAN IT 08 J 02008 32974 001436620930 
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

..

.

Avatar

About isoladipatmos

15 thoughts on “«Surrexit Dominus vere, et apparuit Simoni» Auguri dei Padri de L’Isola di Patmos ai Lettori

  1. Auguri per una vera Santa Pasqua faccio a voi, carissimi Padri che seguo con attenzione da poco tempo, e faccio a me che, dopo varie vicissitudini vissute all’interno della Chiesa, avrebbe tanto bisogno di uno spirito nuovo, da risorto per l’appunto.
    Che la Chiesa risorga, finalmente, assieme al suo unico vero risorto, e sappia condurci già da adesso, da viventi, nella vera essenza del cristianesimo.
    Grazie a voi, cari Padri, per ciò che fate e per le argomentazioni davvero fondanti che esponete in questo blog.

  2. Cari confratelli,

    auguri a voi nel gioioso mistero del Cristo risorto, e grazie, sincere e profonde grazie per tutto ciò che fate per noi con i vostri scritti, sia a beneficio dei laici che a beneficio di noi sacerdoti.

  3. …e dei benefici davvero grandi !
    Se nel 2017 non avessi trovata questa isola cattolica e grazie a essa chiarite tante cose, avrei preso una brutta strada, convinta di fare la cosa giusta. Invece mi fu chiarito, prima con molti scritti, poi con diversi scambi privati, che cosa è la grande prova di fede che stiamo vivendo e, soprattutto, come le grandi prove di fede vanno vissute.
    Grazie a voi e tanti auguri.

  4. Auguri. Buona Pasqua a tutti voi, nella perfetta letizia e vera Pace del Cristo Risorto che vive per sempre perche’ ha vinto la morte e ci ha dato la vittoria.

  5. Cristo risusciti in tutti i cuori, Cristo si celebri, Cristo si adori. Gloria al Signor! Buona Pasqua a voi tre, Dio benedica il vostro operato.

  6. io e mio marito volevamo esprimere profonda gratitudine ai Padri Domenicani del convento della Minerva dove abbiamo partecipato alla messa del giovedì santo e alla liturgia del venerdì santo.
    A celebrare c’erano anche i padri Ariel e Gabriele che non abbiamo potuto salutare dopo le celebrazioni, ma ci sarà altra occasione.
    Siamo rimasti toccati e edificati dalla predica fatta il venerdì santo dal domenicano che ha presieduto il santo rito e che ha parlato della vera misericordia, e chi ha voluto intendere ha inteso …
    in un periodo nel quale sempre di meno si inginocchiano,siamo rimasti toccati quando i celebranti hanno fatto per primi l’adorazione alla croce andando davanti al crocifisso a piedi scalzi, inginocchiandosi due volte e poi sdraiandosi a terra la terza volta.
    Grazie padri per queste celebrazioni.

    Lucia e Andrea Trasciatti (Roma)

    1. Gentili Lucia e Andrea,

      siamo di Torino ma ci troviamo a Roma per motivi di lavoro.
      Noi siamo andati il giovedì in una certa parrocchia dove siamo stati assordati da chitarre mal suonate, da bonghi ritmati da giovani che parevano appena usciti da una tribù della foresta pluviale …
      … soprassediamo sulla omelia politica, in pratica il giovedì santo è stato presentato come la giornata del migrante e Gesù come un lavatore di piedi per extracomunitari … ma soprassediamo, soprassediamo …
      Mio marito è musicista, docente di conservatorio e violinista in una grande orchestra sinfonica nazionale, e sottoporre proprio lui, a questa “liturgie da pub” o da “disco dance“, è problematico, perché per lui, quel genere di messe, si trasformano in sofferenza, e varie volte è uscito dalle chiese durante le celebrazioni.

      Per la veglia di Pasqua siamo andati anche noi dai domenicani della Minerva, avendo saputo, il sabato mattina, che due dei padri dell’Isola di Patmos avrebbero celebrato lì le liturgie pasquali.
      Una liturgia celebrata veramente in un angolo di paradiso!
      I padri sul presbiterio ci hanno fatto entrare profondamente nel mistero pasquale. Abbiamo perduta la cognizione del tempo, saremmo rimasti per ore senza neppure accorgercene.

      Quando al termine delle sette letture il coro dei cantori (bravissimi coro e organista!) hanno intonato dall’ Exultate Jubilate di Mozart l’Alleluja, mio marito, che è un grande mozartiano, si è commosso [NdR. la lettrice fa riferimento a questo brano riprodotto QUI].

      Dopo quel tristissimo giovedì e venerdì santo, è stata per me una gran gioia, e durante tutta la giornata di oggi, mio marito mi ha ringraziata per averlo portato per la veglia nella chiesa dei domenicani.

      Anche per la veglia di Pasqua il predicatore (non so se era lo stesso al quale vi riferite voi, noi venerdì non eravamo in quella chiesa), ha fatto una bellissima omelia sul vangelo della risurrezione.

      Un saluto e un augurio riconoscente ai Padri e buona prosecuzione di lavoro su questa Isola di Patmos a noi preziosa, perché sopra di essa c’è un faro di luce.

    2. Anch’io ho partecipato il venerdì santo e poi questa mattina per la Messa di Pasqua.
      Venerdì la chiesa della Minerva era piena è la celebrazione è stata molto bella e toccante, parecchio bella anche l’omelia del padre domenicano sulla autentica misericordia fatta il venerdì santo.
      Beh, almeno sappiamo dove trovare una … messa cattolica e delle omelie cattoliche!

    3. Chi vive la fede celebra con fede, trasmette la fede e alimenta la fede.
      Ma per quanto elementare sia da capire, molti vescovi e preti si ostinano a non volerlo capire.
      Risultato?
      Fedeli scontenti e chiese sempre più vuote.
      Auguro ai padri e confratelli dell’Isola di Patmos una felice Ottava di Pasqua.

  7. Cari Padri,
    quella bella fotografia mi ha fatto venire in mente questi versi:
    La provedenza, che governa il mondo
    con quel consiglio nel quale ogne aspetto
    creato è vinto pria che vada al fondo,
    però che andasse ver’ lo suo diletto
    la sposa di colui ch’ad alte grida
    disposò lei col sangue benedetto,
    in sé sicura e anche a lui più fida,
    due principi ordinò in suo favore,
    che quinci e quindi le fosser per guida.
    L’un fu tutto serafico in ardore;
    l’altro per sapïenza in terra fue
    di cherubica luce uno splendore.
    Certamente li conoscete molto meglio di me. Ma mi sono sembrati il modo migliore per farvi i più cari auguri per una Santa Pasqua ed esprimere l’apprezzamento per quello che fate.

  8. Auguri di cuore cari Padri. Buona Santa Pasqua a tutti voi. Grazie infinite per il vostro servizio alla Verità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri ancora disponibili

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.