Roma. Sulle due sedicenni morte sul colpo nei pressi di Ponte Milvio l’ennesimo pianto del coccodrillo di una società civile incapace a domandarsi: dove, noi genitori, abbiamo sbagliato e poi tragicamente fallito?

— attualità e società contemporanea—

ROMA. SULLE DUE SEDICENNI MORTE SUL COLPO NEI PRESSI DI PONTE MILVIO L’ENNESIMO PIANTO DEL COCCODRILLO DI UNA SOCIETÀ CIVILE INCAPACE A DOMANDARSI: DOVE, NOI GENITORI, ABBIAMO SBAGLIATO E POI TRAGICAMENTE FALLITO?  

.

ogni tanto, qualcuno di questi giovani immortali, se tutto va bene muore, perché molto spesso ammazzano invece gli altri senza che loro si facciano un graffio. E quando qualcuno di questi impuniti, invincibili e immortali muore, si piange un paio di giorni, si lanciano palloncini colorati sulle bare, come se la morte fosse un circo, si depongono fiori, cartelli e pupazzetti nel luogo dell’incidente. Poi semmai si assume anche come difensore la celebre e talentata penalista Giulia Bongiorno, perché il genitore disastroso che non educa, non cura, non custodisce e non dà solide regole di vita ai figli, indispensabili a tutelare anzitutto i figli stessi, deve avere sempre ragione, lui non fallisce e non può fallire. Il mondo intero è in errore, lui e suo figlio no, mai!

.

Autore
Ariel S. Levi di Gualdo

.

.

PDF  articolo formato stampa
.

.

Le due giovani sedicenni morte a Roma e l’investitore ventenne [foto tratte dai pubblici social]

La morte di due sedicenni travolte da un’auto a Roma mi induce a narrare un fatto di cui fui protagonista, poiché utile a introdurre un tema complesso e difficile da trattare.

Tre anni fa passavo per la piazza di una certa città italiana, quando degli adolescenti, due maschietti che facevano i galletti con quattro coetanee, al mio passaggio mi fulminano alle spalle con questa frase:

«Questi preti pedofili di merda!».

Mi volto in direzione dei due ragazzi, ed anche se dinanzi a me non avevo uno specchio, immagino che il mio sguardo, in quel momento, avrebbe creato qualche senso di timore persino a una iena affamata. Domando in tono severo ai due maschietti:

«Per caso, ce l’avete con me?».

Con una strafottenza indicibile uno dei due, gonfiandosi dinanzi alle quattro mignottelle in fiore ― poiché tali già fatte, finite e rifinite, dalle minigonne al trucco per seguire con le acconciature da vamp ― replica:

«Sì. E allora? che problemi hai … che cazzo vuoi?».

Sul suono dell’interrogativo «vuoi?», parte dalla mia mano sinistra una sberla volutamente misurata. Se infatti ci avessi messo forza, la testa del ragazzotto si sarebbe staccata dal collo. E se vi fosse rimasta attaccata, avrebbe riportato qualche danno permanente. O per meglio chiarire: quando stringo delle valvole, o quando chiudo la macchinetta del caffè, capita a volte che mi venga chiesto di svitare il tutto, perché, se involontariamente non misuro la forza, capita che altri non riescano poi ad aprire le chiusure …

… dopo qualche secondo di stordimento per la sberla misurata ricevuta, l’aspirante “maschietto duro” corre prudentemente a distanza da me e comincia a urlare:

«Ti denuncio … ti denuncio!».

Con una calma tutta quanta serafica — roba da far impallidire per davvero il Beato Angelico assieme all’intero coro dei Serafini — rispondo:

«Intanto una sberla te la sei presa, adesso vai pure a denunciarmi».

In modo del tutto lecito qualcuno potrebbe domandarmi se non sono stato forse un autentico pazzo imprudente, a mollare una sberla a un minorenne su una pubblica piazza, attorno al mezzogiorno della domenica mattina, il tutto davanti ad alcune decine di testimoni. Quesito più che comprensibile al quale rispondo: nessuna imprudenza mossa da impulso azzardato: lo feci in modo studiato, ma soprattutto per il supremo bene di quel ragazzo, umiliandolo dinanzi all’amico, alle mignottelle in fiore e a una piazza intera che non si riempì di sguardi di disappunto, bensì di compiacimento. Quel tipico compiacimento delle persone che di questi tempi devono subìre con frequenza piccoli mostri e tiranni simili, privi di educazione e del minimo rispetto nei confronti di adulti, adulte, anziani e anziane. E li devono subìre perché questi mostri sono intoccabili, come dimostra la prosecuzione della storia …

… il lunedì mattina mi chiama il comandante della locale stazione dei carabinieri che, conoscendomi, cerca da sùbito di evitare un problema. Dopo un paio di convenevoli mi domanda se posso recarmi presso i loro uffici alle 15.30. Taglio corto e rispondo:

«Capitano, se per caso si tratta della sberla data ieri in piazza al ragazzo, sappia che è tutto vero, perché gliel’ho mollata sul serio. Il resto glielo racconto oggi di persona, quando verrò a farvi visita».

Ecco che cosa era accaduto e perché quell’invito: i carabinieri avevano cercato di frenare il padre del ragazzo, in procinto di compiere 17 anni il mese successivo, che si era recato presso di loro con l’intento di denunciarmi per aggressione e lesioni. In modo conciliante i carabinieri avevano tentato di convincerlo che forse, suo figlio, aveva rivolta qualche provocazione a un prete, sino a fargli perdere le staffe. E pur non sapendo che cosa fosse accaduto, lo rassicurarono che mi conoscevano da anni e che non ero il genere di persona da fare una cosa simile, se non dinanzi a qualche cosa di molto grave. Insomma: lo avevano convinto a parlare con me, che secondo loro mi sarei sicuramente spiegato, semmai chiedendo pure scusa al padre e al figlio e, chissà, forse persino allo Spirito Santo.

Quanto avvenne in quella caserma tra il padre del ragazzo e me, fu poi definita dai carabinieri come «memorabile lezione di pedagogia», ovviamente nei colloqui privati tra di loro, ma prontamente diffusi ― sempre in via privata ―, ai colleghi di tutte le vicine stazioni. Sorrido quindi al padre del ragazzo dipinto di un’aria frammista tra lo scuro e l’inferocito e lo investo con una domanda:

«Lei mi ha fatto chiamare per chiedermi scusa, vero? Sappia dunque sin d’ora che di ciò le sono davvero molto grato».

Sbalordito ribatte lui:

«Sta scherzando, oppure è fuori di testa? Lei prende a schiaffi mio figlio minorenne e mi chiede se sono venuto io a chiederle scusa?».

Avendo già raccolte il giorno prima tutte le più precise informazioni, rispondo:

«E oltre a chiedermi scusa, lei mi dovrebbe ringraziare, perché con suo figlio, indubbiamente minorenne, ma che già da tempo fa uso di alcol e di droghe leggere, che torna a casa a tarda notte, che guida lo scooter in modo spericolato e via dicendo, io ho fatto ciò che lei avrebbe dovuto fare da tempo per il suo bene, ma che purtroppo non ha mai fatto …».

Non potendo dare in escandescenze davanti ai carabinieri il padre cerca le parole, mentre io approfitto del suo silenzio per proseguire:

«… ha idea di che cosa mi avrebbero fatto i miei genitori, o cosa avrebbe fatto qualsiasi genitore degno di questo nome, venendo a sapere che suo figlio sedicenne, su una pubblica piazza, aveva insultato un uomo ultra cinquantenne che sereno e pacifico stava passando? Glielo dico sùbito che cosa mi avrebbe fatto mio padre, che mai ha usata violenza fisica su di me: in quel caso mi avrebbe cambiato i connotati. Poi, appena medicate le ferite, mi avrebbe portato dalla persona da me offesa per chiedere scusa. Il mio era però un vero genitore, mentre lei è un vero fallimento di genitore, pronto a legittimare un figlio del quale si dovrebbe vergognare, perché certi mostri non nascono per caso, sono fabbricati da uomini come lei e da donne come sua moglie».

A quel punto lo informo di che cosa mi aveva detto suo figlio dietro le spalle, insultando me e l’intero Collegio Sacerdotale della Chiesa Cattolica, concludendo infine:

«Detto questo, intende chiedermi scusa e ringraziarmi per la salutare sberla data a suo figlio?».

Anziché cogliere la gravità della cosa, capire che suo figlio aveva insultato un uomo adulto sconosciuto ed una istituzione intera, il genitore tenta di giustificarsi:

«Non è colpa di mio figlio, lo sappiamo bene che cosa fanno i preti, è scritto su tutti i giornali».

Udito ciò e compreso fino in fondo da dove proveniva quel candidato naturale alla violenza ed alla delinquenza tale s’era rivelato suo figlio, lo informo:

«Lei lo sa che a questo mondo ci sono diverse donne che fanno le puttane? Ebbene, se io incontrassi sua madre e sua moglie e le dessi delle puttane sulla pubblica piazza, pensa che poi mi potrei giustificare dicendo “… beh, si sa che cosa fanno le donne, è scritto su tutti i giornali che parlano della prostituzione”. Come se le donne in quanto tali fossero tutte e di rigore delle puttane, incluse ovviamente anche sua madre e sua moglie, o no?».

A quel punto il genitore aveva due soluzioni: o dare in escandescenze, ma come già detto non sarebbe stato opportuno e favorevole alla sua insostenibile causa dentro una caserma dinanzi a quattro carabinieri, oppure abbozzare. Sicché si limitò a dire:

«Io la dovrei denunciare, ma voglio essere buono e mi limito a dirle di non permettersi mai più».

Due anni dopo seppi che presso quella stessa caserma fu portato il figlio di questo gran genitore in stato di arresto, perché in occasione della maggiore età era passato dall’uso di alcol e hashish a quello più adulto e gagliardo della cocaina. I carabinieri lo avevano preso con le mani nel sacco mentre spacciava in un locale a pochi metri dalla porta d’ingresso della caserma, peraltro della cocaina diluita con sostanze tutt’altro che benefiche, allo scopo di ricavare dieci dosi da un quantitativo di cinque. E con ciò è presto detto: uno che detiene e spaccia droga a pochi metri dall’ingresso della caserma dei carabinieri, o è un demente totale, oppure un soggetto che si sente intoccabile, invincibile e quindi impunibile. O per dirla con un esempio decisamente grottesco: sarebbe come se uno entrasse con sicura spavalderia e assoluta certezza di impunibilità dentro una moschea diretta e frequentata da un gruppo di islamisti integralisti con un maiale al guinzaglio, convinto di farla franca e di essere soprattutto più duro e più potente di loro.

.

Il Natale romano è stato insanguinato dalla morte di due ragazze di sedici anni [vedere cronaca QUI], travolte da un ventenne alla guida di un Suv. L’immagine di due ragazze sedicenni morte sul colpo è un fatto che alla gran parte delle persone toglie ogni stimolo all’esercizio del poco che resta dell’umana ragione nella nostra decadente società, per lasciare spazio all’emotivo e al sentimentale. Il tutto anche se tra pochi giorni, all’angolo della strada dove oggi sono stati deposti fiori, cartelloni e pupazzetti, appassiranno in breve i fiori, scoloriranno i cartelloni e spariranno i pupazzetti, senza che nulla cambi nella testa di certi figli e di certi genitori. Senza che alcuna coscienza emotiva e sentimentale si ponga quei quesiti d’obbligo che non sfiorano neppure la mente del nostro esercito di genitori falliti, nonché pericolosi e micidiali fabbricanti di mostri che si sentono intoccabili, invincibili, impunibili e infine immortali.

.

Dalle dichiarazioni del magistrato romano Bernadette Nicotra, giudice per le indagini preliminari, riportate in virgolettato dalla stampa, apprendiamo che «Nel sangue di Pietro Genovese [N.d.A il conducente del Suv] sono state trovate tracce di cocaina e di oppiacei, ma non è possibile stabilire quanto tempo prima siano state assunte le sostanze. E subito dopo l’incidente il giovane era sconvolto, ma non sembrava stordito, tanto che gli agenti della municipale hanno annotato a verbale che aveva solo «un alito vinoso». Nonostante Camilla e Gaia [N.d.A. le due giovani morte sul colpo] abbiano avuto una condotta «incautamente spericolata» e «vietata» ― hanno infatti attraversato quella strada pericolosa con il rosso, scavalcando il guard-rail ―, come specifica il Giudice per le indagini preliminari. La responsabilità di Genovese è stata pesante e ad aggravare la sua posizione ci sono diversi precedenti amministrativi e il rischio di recidiva». Già in precedenza, infatti, al giovane investitore era stata sospesa la patente di guida.

.

Pur piangendo sulle due sedicenni morte e sul giovane investitore che da questa vicenda rimarrà sicuramente segnato per tutta la vita, è lecito domandarsi: dove erano i rispettivi genitori delle ragazze e del giovane conducente del Suv? È lecito domandarsi che cosa facessero due ragazze di sedici anni a tarda notte, il sabato sera, in giro per una metropoli come Roma, nella quale è possibile trovare di tutto e di più, a tutte le ore del giorno e, soprattutto, della notte? È lecito domandarsi perché un ventenne problematico, già reso oggetto di severi procedimenti amministrativi e propenso a violare in modo sprezzante le regole, fosse dotato di un’autovettura e del necessario danaro per darsi alla bella vita spericolata? Chi, lo forniva di danaro, se non i genitori?

.

Comprendo che dinanzi a due bare bianche in cui sono state chiuse due sedicenni durante le festività del Natale, dire l’ovvio e doloroso vero è molto difficile, anzi forse impossibile, ma quasi sempre la verità è proprio quella che nessuno vuol dire e tanto meno sentirsi dire: a condurre quelle due bare verso il cimitero sono stati i rispettivi genitori, gravemente responsabili di avere lasciato due sedicenni andare in giro a tarda notte di sabato per una metropoli. Responsabili sono i genitori per avere cresciute delle figlie che avvolte da quel complesso di invincibilità e di immortalità che caratterizza i nostri giovani, con rara imprudenza hanno scavalcato un guard-rail e attraversata sotto la pioggia battente una strada pericolosa, al buio e con il semaforo rosso [cf. QUI]. Responsabili sono i genitori del guidatore, che pur avendo manifestato tutte le più gravi spericolatezze, tese a mettere a rischio la propria vita e quella degli altri, è stato lasciato libero di seguitare a fare ciò che voleva e come meglio voleva nello sprezzo totale di tutte le regole del vivere civile. E non si giustifichino, i genitori, dicendo che loro figlio ha vent’anni ed è maggiorenne, perché i soldi necessari alle sue condotte di vita disordinata non provengono di certo dal suo lavoro, ma dal portafogli del padre e della madre. A meno che non si dimostri che questo maggiorenne è un manager che ad appena vent’anni guadagna lautamente, potendosi così permettere i vizi e i vezzi che meglio preferisce.

.

Nessuno osa dire il vero, dinanzi alle bare di due sedicenni nei giorni di Natale, ma dietro alla tragedia di queste giovani morte c’è il totale fallimento dei rispettivi genitori che adesso, per sentirsi a posto e per trovare altrove qualche colpevole responsabile, daranno avvio ad una causa legale affidata ai migliori avvocati italiani. Tutto questo pur di non dire: abbiamo fallito come genitori, perché non avendo saputo vigilare sui nostri figli né avendo dato loro delle regole di vita, li abbiamo lasciati crescere nella ferma convinzione che tutto fosse lecito e concesso al di là del bene e del male. Detto questo aggiungo: spero non venga mai assodata come vera l’ipotesi riportata poco dopo l’incidente mortale, circa il fatto che tra i giovanissimi pare in voga il pericoloso gioco del semaforo rosso. Stando infatti a diverse testimonianze pare che tra i giovani che frequentano i locali di Ponte Milvio sia in voga il pericoloso vezzo di correre sulla strada con il semaforo rosso mentre le automobili sfrecciano ad elevata velocità [cf. QUI, QUI]. 

.

Non molto tempo fa, sempre a Roma, una giovane di sedici anni è morta all’interno di uno stabile in disuso occupato nel quartiere di San Lorenzo, dove gli inquirenti hanno in seguito accertato che si fosse recata ― anch’essa a tarda notte ― per cercare sostanze stupefacenti da dei pusher africani. Questa sedicenne trovata poi cadavere con addosso segni di rapporti sessuali avuti con più persone ampiamente adulte, si chiamava Desirèe. Gli africani, inizialmente indagati per omicidio e stupro di gruppo, sono stati poi scagionati da queste accuse. La giovane è infatti morta a causa di una mescolanza di sostanze stupefacenti, non si è trattato di uno stupro, ma di un abuso sessuale su una minore di età che in piena notte, dentro quello stabile, era entrata di sua volontà per cercare droghe da consumare, non vi era stata trascinata con forza e violenza [vedere cronaca, QUI, QUI]. Anche in quel caso abbiamo assistito alla deposizione di mazzi di fiori, di cartelloni e di pupazzetti dinanzi al cancello dello stabile all’interno del quale la poverina fu trovata cadavere. Anche in questo caso la domanda è però a dir poco scomoda, ed in pochi se la sono posta in quel mondo dell’emotivo e del sentimentale che dimentica presto le tragedie per poi vivere altre nuove tragedie: che cosa ci faceva una sedicenne di Cisterna Latina, località distante 70 chilometri da Roma, in giro a tarda notte per i quartieri della Capitale, dopo avere detto con una telefonata alla nonna, come se ciò fosse stata la cosa più ovvia di questo mondo: «Torno a casa domani, stasera rimango da un’amica»?

.

La povera Desirèe morta in uno squallido stabile fatiscente a San Lorenzo, veniva da una famiglia disastrata ed era figlia di due genitori problematici. Le due giovani morte in questi giorni a Roma, non provenivano affatto da contesti disastrati, ma da due famiglie dei cosiddetti “piani alti” della buona società. N’è prova che dietro queste famiglie è uscito immediatamente fuori il nome di Giulia Bongiorno [cf. QUI], una donna annoverata nella rosa dei più grandi avvocati penalisti d’Italia, dotata a tal punto di un talento davvero grande e raro da essere stata, giovanissima che era all’epoca, difensore di Giulio Andreotti in uno dei processi penali tra i più complessi dell’intera storia della Repubblica Italiana.

.

Nutro profonda stima per Giulia Bongiorno, dubito però che persino una penalista di grande talento come lei possa rassicurare i genitori delle due giovani che i responsabili sono altri, tanto difficile è per certuni, dinanzi alla vita e alla morte, assumersi le proprie responsabilità e dire a sé stessi: abbiamo fallito. Un terribile fallimento pagato infine con la sepoltura delle nostre figlie.

.

Conosco la zona di Ponte Milvio, perché ventenne abitai per un periodo di tempo sui Colli della Farnesina. All’epoca quel quartiere residenziale era tutt’altra cosa. Oggi è divenuto un luogo de la movida per giovani fricchettoni che sembrano usciti dal salotto della miseranda quanto pericolosa Maria De Filippi, che sui disastri psicologici e comportamentali che affliggono oggi giovani e giovanissimi, ha le sue non lievi responsabilità, grazie ai suoi programmi televisivi improntati sulla diseducazione e l’edonismo. Detto questo concludo narrando che pochi mesi fa, in quel mio vecchio quartiere di un tempo, salvai un anziano dall’aggressione fisica di un ventenne affetto da delirio di onnipotenza, uno tra i tanti, tra i numerosi …

.

… mi stavo recando per una visita presso la Clinica Villa del Rosario, che si trova in Via Flaminia Vecchia, a poche centinaia di metri da Ponte Milvio, in una zona che oggi brulica di localini molto trendy frequentati da giovani e giovanissimi. Avanti a me, l’anziano che procedeva alla guida di una utilitaria, rimane bloccato all’altezza di uno storico stabile noto ai romani come Il Castellaccio, perché sulla destra e sulla sinistra erano parcheggiate delle “giovanili” Smart che impedivano il transito. Io che procedevo dietro, rimango bloccato a mia volta. A un certo punto l’anziano si mette a suonare il clacson, finché da uno di questi locali esce un ventenne, che seguita per un po’ a parlare con gli amici. Poi, con tutta calma, in modo davvero sfottente e provocatorio, va davanti alla propria Smart. Si potrebbe pensare che sia salito e corso via, giammai! Tira fuori il telefono e si mette a mandare un messaggio. A quel punto l’anziano tira fuori la testa e gli urla dandogli del maleducato. Per tutta risposta il giovane, inferocito come una belva, si precipita verso di lui e strillandogli «testa di cazzo!» agita i pugni e gli intima «vieni fuori … vieni fuori vecchio di merda!». A quel punto salto fuori io dalla mia macchina e mi prendo una caterva d’insulti per essere accorso a difesa dell’anziano, che rischiava seriamente di finire preso a cazzotti. Certo, se avessi seguito il mio più basso istinto avrei cavato fuori il crick dal bagagliaio e gli avrei frantumate le ginocchia, spedendolo per un paio di mesi presso il reparto di traumatologia ortopedica a riflettere sul non-senso della sua vita, a convertirsi ed a pentirsi dei suoi peccati. Ma come risaputo io sono per la pace e per l’amore, in questa società che non può punire perché deve recuperare ciò che è strutturalmente irrecuperabile, non può rimproverare perché deve dialogare. Una società abituata ormai a dire povero assassino anziché povero assassinato, povero aggressore anziché povero aggredito, povero ladro anziché povero derubato …

.

… o vi siete forse dimenticati il prode Marco Pannella che assieme alla «grande italiana» Emma Bonino, negli anni Ottanta intasavano di querele i tribunali contro i responsabili delle comunità di recupero per tossicodipendenti, accusandoli di maltrattamenti e di sequestro di persona? E al tempo stesso volevano la droga libera, come poco prima avevano ottenuto la legalizzazione dell’aborto definendolo «grande conquista sociale», per seguire con il “matrimonio” tra coppie dello stesso sesso. Oggi Marco Pannella è morto, resta però sempre in vita la «grande italiana» che, prima di tirare anch’essa le cuoia, vuol vedere un’altra «grande conquista sociale»: l’eutanasia legalizzata. Quantunque lei, sebbene ultra settantenne e malata di cancro, si è guardata bene dall’andare in Svizzera a farsi sopprimere, avendo forse in programma tanti altri danni ancóra da recare a questo nostro povero Paese, prima della sua felice dipartita verso … beh, che Dio Padre di misericordia abbia davvero pietà della sua povera anima e che come il buon ladrone, questa mammana, possa rubarci a tutti il Paradiso con un suo atto di puro e sincero pentimento espresso nei suoi ultimi due minuti di vita!

.

Questo giovane fricchettone da happy-hour pontemilviano lanciatosi con ferocia verso un anziano e poi insultando in modo indicibile un prete corso in suo soccorso per sventare l’aggressione del poveretto, è il paradigma reale del prodotto di genitori che non sanno dire mai di “no”, che denunciano l’insegnante per avere osato rivolgere un rimprovero a loro figlio, se non si recano direttamente a scuola per picchiarlo! O che dinanzi a una bocciatura scolastica del tutto meritata, subissano il Tribunale Amministrativo Regionale di ricorsi. E quando i loro figli sono fermati dalle Forze dell’Ordine perché trovati alla guida ubriachi e drogati, se la prendono con le stesse intimando: «Prendetevela con i delinquenti, non con i nostri figli!». E giù querele a non finire contro poliziotti e carabinieri, accusati di rigore dai genitori di avere maltrattato i loro figli durante il fermo di polizia, pure se usciti dalle caserme e dalle questure senza neppure un graffio addosso, tanto terrore hanno gli addetti delle Forze dell’Ordine ad alzare loro soltanto un po’ la voce. E ogni tanto, qualcuno di questi giovani immortali, se tutto va bene muore, perché spesso ammazzano invece gli altri senza che loro si facciano un graffio. E quando qualcuno di questi impuniti, invincibili e immortali muore, si piange un paio di giorni, si lanciano palloncini colorati sulle bare, come se la morte fosse un circo, si depongono fiori, cartelli e pupazzetti nel luogo dell’incidente. Poi semmai si assume anche come difensore la celebre e talentata penalista Giulia Bongiorno, perché il genitore disastroso che non educa, non cura, non custodisce e non dà solide regole di vita ai figli, indispensabili a tutelare anzitutto i figli stessi, deve avere sempre ragione, lui non fallisce e non può fallire. Il mondo intero è in errore, lui e suo figlio no, mai!

.

dall’Isola di Patmos, 28 dicembre 2019

.

 .

.

Cari Lettori,

nel mese di dicembre è entrato in distribuzione il mio nuovo libro Nada te turbe, un’opera di spiritualità sul martirio scritta in forma di romanzo storico e ambientata in un’epoca di feroce persecuzione della Chiesa. Ritengo che potrebbe edificare e aiutare molte persone, soprattutto in questo momento. Per questo vi invito ad acquistarlo presso il nostro negozio [vedere QUI] ma soprattutto a leggerlo.

 

 

 

 

 

 

.

«Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» [Gv 8,32],
ma portare, diffondere e difendere la verità non solo ha dei
rischi ma anche dei costi. Aiutateci sostenendo questa Isola
con le vostre offerte attraverso il sicuro sistema Paypal:



oppure potete usare il conto corrente bancario:
IBAN IT 08 J 02008 32974 001436620930 
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ isoladipatmos@gmail.com ]

.1

oppure potete usare il conto corrente bancario:

intestato a Edizioni L’Isola di Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in questo caso, inviateci una email di avviso, perché la banca
non fornisce la vostra email e noi non potremmo inviarvi un
ringraziamento [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

 

.

.

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

Avatar

About isoladipatmos

20 thoughts on “Roma. Sulle due sedicenni morte sul colpo nei pressi di Ponte Milvio l’ennesimo pianto del coccodrillo di una società civile incapace a domandarsi: dove, noi genitori, abbiamo sbagliato e poi tragicamente fallito?

  1. Ottimo articolo don Ariel. Se posso permettermi, avrei una richiesta da farle. Ho notato che spesso nei suoi pezzi accenna al livello da marciapiede cui si è ridotta la donna moderna (paradossalmente mentre la stessa dichiara di voler combattere la presunta oggettificazione cui era sottoposta dal patriarcato). Potrebbe (ovviamente quando ne avrà tempo e voglia) approfondire la questione in uno dei prossimi articoli? Lo chiedo perché sono convinto che nell’ultimo secolo il diavolo abbia utilizzato la stessa tecnica di cui si è servito con i nostri progenitori: corrompere prima Eva e quindi, mediante lei, Adamo.

  2. Riflessione educativa gigantesca del Padre Ariel, su questa tragedia, nel giorno della Festa della Santa Famiglia. Grazie.
    Aggiungo in spirito costruttivo, per dare anche il senso politico della questione, questo contributo odierno di Agostino Nobile su Stilum Curiae, sullo storico disegno politico della demolizione della figura del padre:

    https://www.marcotosatti.com/2019/12/29/nobile-perche-il-sistema-vuole-la-morte-del-padre/

    e, circa la possibile soluzione politica alla questione, tramite l’acquisizione della “sovranità del popolo delle famiglie” (JPII, Lettera alle famiglie, 1994) rispetto a quella attuale dei poteri forti, e quindi il pieno restauro delle figure genitoriali, la spettacolare ipotesi di lavoro della “Società partecipativa” secondo Dottrina sociale:

    https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/i-maestri-2/pier-luigi-zampetti/

  3. Grazie Padre Ariel,
    sempre acuto e veritiero nelle Sue parole! Ho grande stima di lei, il Signore la conservi a lungo!
    Andrea Scasso

  4. caro padre Ariel

    si può dire che dietro lo sfascio delle famiglie e il fallimento educativo c è il demonio?
    e le legioni di demoni?lei cosa ne pensa della demonologia?

  5. Grazie Padre Ariel per le Sue parole scomode e urticanti, perché nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario …

  6. Condivido e sottoscrivo in toto quanto scritto dal Padre Ariel.
    Non solo, ma approvo anche quanto ha fatto il Padre Ariel con i Suoi, altamente pedagogici, interventi concreti e rischiosi di rimprovero verso i due ragazzotti che, sordi ad ogni raccomandazione, avranno continuato, sicuramente e loro malgrado, a sentirsi invincibili ed immortali.
    Sono convinto che le “ramanzine” del Padre andassero fatte comunque, anche se il loro “segno” non sarà immediato nel tempo….

  7. Caro Padre Ariel,

    prudenzialmente metta per cortesia “lettera firmata”, perchè ho un procedimento penale sempre in corso, avendo presentato appello dopo la mia sentenza di condanna del tribunale penale di primo grado.

    Sono suo coetaneo, classe 1963, docente di ruolo da oramai 18 anni.
    Inizialmente, entrando nella scuola, insegnai presso varie scuole medie, poi, a partire da 5 anni dopo, sempre in licei scientifici e classici.

    Sono calabrese e, devo dirle, fui molto contento, quando in seguito a concorso, dalla Calabria mi spostai al nord. La situazione era infatti per me insostenibile quando negli ultimi anni, docente in un liceo classico, ero costretto, assieme ai miei colleghi, a promuovere un considerevole numero di studenti che giungevano alla maturità classica privi totalmente delle basi. Chiarisco: non sto a parlare di lacune, o di formazione deficitaria, ma proprio di carenza di basi.
    Però i genitori di questi studenti avevano deciso che facessero il classico, perché secondo loro “faceva molto fico”.
    Bocciarli? certo, se però lo avessimo fatto avremmo cambiato qualche cosa? No. Niente avremmo cambiato, però avremmo ottenuta l’ira delle famiglie su di noi; un’ira che in alcuni casi, da parte di certe famiglie, può essere anche parecchio pericolosa.
    Forse sono stato per anni complice di diplomi di maturità immeritatamente regalati? No. Come gli altri colleghi eravamo soli, privi di appoggi e protezioni, immessi in una situazione nella quale non potevamo fare niente, ma proprio niente.

    Ammetto che al nord me la sono passata molto meglio, ho trovato studenti più gestibili, genitori più trattabili, degli ambiti scolastici nei quali non sussistevano certi timori, dove all’occorrenza si potevano dare insufficienze e anche bocciare senza correre il rischio molto serio di ritrovarsi con l’auto incendiata, o nella migliore delle ipotesi con le quattro ruote squarciate e la carrozzeria totalmente rigata, compreso cofano e tettino.

    Nella zona del nord dove da anni vivo e insegno, molti dei ragazzi, e rispettive famiglie, erano all’incirca come quelli da lei descritti nel suo articolo, però in una situazione, come dire … gestibile. Ho insegnato in licei classici e scientifici di provincia, gli studenti erano perlopiù figli di famiglie di operai, impiegati o appartenenti alla piccola borghesia dei commercianti.
    Tutto bene. Finché fui spostato in un liceo classico cosiddetto “storico” e cosiddetto “pretenzioso” in pieno centro metropolitano. Lì, gli studenti, provenivano da altri generi di famiglie e ceti sociali. Mai dimenticherò con quale aria di altezzosità e sufficienza, noi insegnanti, eravamo trattati da certi genitori, che erano noti avvocati, notai di fiducia di grandi aziende e industrie, grandi imprenditori e dirigenti industriali. Molti di questi genitori, a ricevimento, mandavano la loro segretaria (!?). Quando convocai uno di questi genitori, per comunicargli sia il pessimo andamento scolastico che il pessimo comportamento del figlio, egli giunse all’ora da lui decisa, obbligandomi a interrompere la lezione, perché se non lo avessi fatto, il problema che ne sarebbe seguito sarebbe stato garantito, con il coinvolgimento del preside ecc … Lui, con aria scocciata, guardò l’orologio e disse: “mi dica pure, ho 5 minuti”.

    Infine il disastro … Durante la lezione, uno studente che era un adolescente viziato, ribelle, privo di rispetto e anche di educazione, seguitava a mandare messaggi con il cellulare. Lo richiamai la prima volta. Poco dopo cominciò di nuovo, e io lo richiamai la seconda volta. La terza volta andai al suo banco, gli presi il cellulare, lo deposi sulla cattedra e gli dissi … “lo potrai riprendere a fine lezione”. Un minuto dopo si alza, viene alla cattedra e, con aria di sfida, si riprende il cellulare e torna al proprio banco. Io gli intimo di rimettere il cellulare sulla cattedra per poi riprenderlo a fine lezione. Al mio secondo invito mi lancia addosso il cellulare colpendomi alla testa. Mi alzo, vado al suo banco, e gli mollo uno schiaffo.
    Pochi giorni dopo fui sospeso in via cautelativa dall’insegnamento.
    Fui denunciato e poi in seguito condannato in primo grado, quindi obbligato a sostenere le spese processuali. Se sarò condannato a rifondere le spese processuali ai querelanti, assistiti da un famoso e costosissimo avvocato, molto probabilmente dovrò, o vendere la casa, o contrarre un mutuo, se la banca me lo concederà. Grazie a Dio non ho famiglia e figli. Grazie a Dio si fa per dire, perché la mia fidanzata, poco prima che ci sposassimo, morì in un incidente stradale, e da allora io non mi sono più “rifatto una vita”, ma questo è altro discorso …
    Il giudice, nella mia sentenza di condanna, specificò che il comportamento del minore era grave e totalmente inqualificabile, ma era altresì grave e inqualificabile che un insegnante gli avesse usata violenza fisica, anziché ricorrere ai provvedimenti disciplinari previsti, a partire dalla sospensione.

    Successivamente fui mandato come insegnante in una scuola media di paese, in un ex contesto contadino, nel quale, però, permane sempre la mentalità contadina. Sinceramente sono stato ben accolto, ben voluto e stimato, sia dai ragazzini che dai loro genitori.

    A tutti i lettori attenti, non è sfuggito, Reverendo Padre, che in modo delicato e sottile, tra le righe, lei indica due diverse problematicità: i problemi derivanti da famiglie chiamate una volta di basso ceto, dove regna a volte ignoranza e incoscienza, specie nella gestione dei figli, e i problemi derivanti dalle famiglie di ceto elevato, dove regna a volte una spocchia e una arroganza terrificante.
    Il primo genere di famiglie, producono casi come quello della giovane Desy morta in uno stabile del quartiere romano S. Lorenzo girando nottetempo per la capitale; il secondo genere di famiglie, producono soggetti come il giovane da lei narrato che, non fosse stato per il suo intervento, avrebbe preso sicuramente a cazzotti un povero anziano.

    Non so, cosa deciderà il tribunale di appello, per adesso posso dire che sono stato condannato in primo grado per avere dato uno schiaffo a un ragazzo di 17 anni che dopo essere stato ammonito due volte, nell’aula davanti a tutti, mi ha lanciato dal banco il suo telefono in testa.

    Per il momento, posso dire solo questo, chiedendole una preghiera per me.

    1. Caro Professore,

      le sono grato a nome dei Padri de L’Isola di Patmos e dei Lettori per queste sue spiegazioni molto importanti, offerte da uno che da anni vive, come lei, la scuola da dentro.
      Vorrei strappare, a lei e ad altri che ci leggono, un sorriso, della serie … come sono cambiati i tempi!

      Avevo otto anni, quindi stiamo a parlare di 48 anni fa.
      E’ bene che ogni tanto faccia questi conti – mi dico tra me – casomai tra un impegno e l’altro mi dimenticassi che sto invecchiando, cosa che reputo peraltro bellissima.

      … dunque dicevo, ad otto anni che avevo, decisi, alla scuola elementare, di fare uno scherzo ad una bambina di rara antipatia. La classica bimba perfetta, dei genitori perfetti, nata dalla famiglia perfetta, destinata alla suprema perfezione e via dicendo a seguire.
      Le cose andarono poi diversamente, in seguito, perché quando appena ventenne fu disintossicata dalle droghe, ad esse, la ex bimba perfetta, sostituì un turbinio di fidanzati, amanti, uomini sposati e via dicendo a seguire. O per meglio dire: a una droga, sostituì un’altra forma di droga. E, da questa vita di “perfezione”, rimase a tal punto segnata che, tre anni fa, incontrandola per caso dopo un trentennio e non riconoscendola assolutamente, potei tristemente verificare che lei sembrava mia madre, io suo figlio, sebbene tutti e due avessimo all’epoca 53 anni.
      Quando mi rivolse la domanda “ma come fai, a mantenerti così in forma?”, credo che le detti la risposta veramente peggiore: “… è la perfetta castità, che mi mantiene in forma!”.

      Divaga che ti divago, torniamo a 48 anni fa, quando durante la ricreazione alle ore 10 nel cortile della scuola elementare in un giorno di primavera io, all’epoca già anima candida e priva di fantasia, catturai tre grilli, rientrai in classe prima degli altri e gli misi gli animaletti dentro l’elegante astuccio delle matite, deposto in modo perfetto, su un banco perfetto e via dicendo.

      Poco dopo la suora maestra ci fa fare un dettato e così, la bimba perfetta, dal suo astuccio perfetto deposto sul banco ordinato e perfetto, apre la cerniera per cavar fuori la penna. Le urla furono tante e tali, quando saltarono fuori i grilli, che accorsero le suore insegnanti dalle altre aule vicine, per verificare se per caso, uno sacerdote della antica religione degli aztechi, si fosse intrufolato nella scuola e stesse scannando una creatura per un sacrificio rituale.

      Qualcuno potrebbe domandarsi come mai, su 18 bimbi e bimbe che eravamo, la suora giunge a colpo sicuro da me e, senza chiedermi nulla, mi mollò due schiaffi, mettendomi poi con le spalle al muro dietro la lavagna.

      Ebbene sapete, quale fu, 48 anni fa, la mia unica e sola preoccupazione? Una ed una sola: che l’insegnante non dicesse niente ai miei genitori.
      E così avvenne.
      Terminate le lezioni, la suora mi disse: «Hai avuto la tua punizione e siccome voglio essere buona con te, sappi che non dirò niente ai tuoi genitori». E io la ringrazia tanto, per avermi concessa quella autentica grazia.

      Solamente molti anni dopo, quando da tempo avevo già finito il liceo, seppi che le suore, tra di loro, si erano letteralmente scompisciate dalle risate e che la mia insegnante, alla madre superiora, aveva detto: «Ben gli è stato, a quella piccola e stizzosa antipatica!».

      Se la suora avesse riferito il tutto ai miei genitori, loro mi avrebbero a propria volta severamente punito, salvo poi, tra di loro, farsi chissà quante risate, che io sarei venuto però a conoscere non prima di vent’anni dopo la consumazione di quel fatto.

      Questo genere di mondo so bene che non esiste più e, da questo, acquisisco anche la serena consapevolezza che sono invecchiato e che mi sto avvinando verso l’anzianità, sempre più vicina. Cosa che, ripeto, mi rende molto felice.

      Vorrei avere vent’anni, oggi?
      Assolutamente no, perché il mio quesito sarebbe: se giungessi all’età media di oltre 80 anni, nei successivi sessant’anni di vita da vivere, che cosa dovrei vedere, in una società sprofondata in una decadenza irreversibile che da tempo ha superata la soglia del non ritorno?

  8. Grazie caro Padre, Lei ha perfettamente ragione, glielo dice un insegnante con 32 anni di esperienza nella scuola superiore statale. Che purtroppo, spesso, non riesce più neanche lei a svolgere la sua funzione educativa.

  9. Caro collega,
    sulla mia preghiera puoi contare. Condivido , per la mia esperienza (32 anni nella secondaria superiore statale), la tua analisi. Sono stato nei licei e nei professionali, in zone di professionisti abbienti e in periferia. Devo dire che comunque preferisco i professionali e la periferia. La spocchia di certi figli di papà mi è insopportabile assai più delle problematicità degli adolescenti di borgata. Ma l’istituzione scolastica, purtroppo, si è calate le braghe. Non so se si riuscirà più a invertire questa tendenza che sta distruggendo la nostra civile convivenza (altro che Educazione alla cittadinanza).

  10. Caro Padre,
    vorrei chiarire, a lei e ai lettori interessati che non conoscano la scuola attuale, come sarebbero andate le cose se il collega avesse seguito la procedura indicata dal giudice, che indiscutibilmente sarebbe stata l’unica corretta. Naturalmente parlo in termini di probabilità, visto che non conosco l’istituto né il suo dirigente, ma conosco la normativa e la prassi diffusa.
    Il collega avrebbe apposto un’annotazione sul registro di classe. Poi avrebbe parlato con il coordinatore e richiesto la convocazione di un consiglio di classe straordinario per motivi disciplinari. È probabile che il coordinatore gli avrebbe chiesto di consultare lui i colleghi della classe per trovare una data e un’ora che andasse bene a tutti. È anche probabile che almeno qualcuno di loro lo avrebbe considerato come un seccatore che li costringeva a sprecare tempo.
    Se tutto fosse andato liscio, dopo una settimana o giù di lì, nella quale il ragazzo avrebbe continuato a venire a scuola e a guardare l’insegnante con aria provocatoria, si sarebbe tenuto il consiglio di classe.

    In questo, con buone probabilità, il dirigente scolastico avrebbe richiamato il collega chiedendogli se avesse posto in atto tutte le opportune strategie volte a far comprendere all’alunno la necessità delle regole per la civile convivenza, o qualche affermazione del genere, mancante del solo Antani. Poi avrebbe richiamato la necessità di provvedimenti che siano sempre rieducativi e mai punitivi e la riunione si sarebbe conclusa, nel più probabile dei casi, comminando tre giorni di sospensione. Ma, si badi, con obbligo di frequenza, perché non si può privare un alunno delle opportunità didattiche eccetera. Quindi qualcosa come un digiuno a base di lasagne e costate fiorentine.
    Con ogni probabilità, la famiglia dell’alunno si sarebbe appellata all’organo di garanzia, che avrebbe dovuto riunirsi convocando il medesimo. L’organo, quasi certamente, avrebbe confermato il provvedimento, ma nel frattempo sarebbe trascorsa – sempre nel migliore dei casi – una ventina di giorni, durante i quali l’alunno in questione avrebbe sempre mantenuto l’aria del vincitore davanti a tutta la classe. Dei tre giorni con obbligo di frequenza molti non si sarebbero neanche accorti.

    Allo scrutinio finale si sarebbe posta la questione dell’eventuale riduzione del voto di condotta. Non certo un 5, che avrebbe portato alla bocciatura (pardon, non promozione) con conseguente ricorso al TAR, ma un semplice 6 o 7. Molto probabilmente avrebbe prevalso il principio di non cercare grane. Su questi voti di condotta persiste una specie di esclusione dipendente dal fatto che, alcune ere geologiche or sono, comportavano appunto la non promozione. Alla fine il ragazzo sarebbe stato promosso con il suo 8 in condotta come molti altri della classe.
    Se qualcuno si stesse chiedendo: ma davvero siamo ridotti così? la risposta è: sì. Questo giustifica un gesto violento? certamente no, secondo le leggi vigenti; ma se a uno gli girano i cosiddetti, posso solo pregare per lui e per chiedere di non trovarmi mai in una situazione simile.

  11. L’anarchia del ’68, applicata con perseveranza generazione dopo generazione. C’è solo da immaginarsi cosa succederà quando questa generazione metterà al mondo e dis-educherà la successiva.

    Ci sarebbe poi da scrivere un capitolo a parte sul lassismo applicato all’interno della Chiesa Cattolica, a furia di “poverini, bisogna comprenderli…” pronunciati da madri-donnette e padri-eunuchi.

  12. Grande analisi della situazione , Padre Ariel
    Vorrei dire che gia’ dalle piu’ tenere eta’ e dalle scuole elementari i genitori abdicano al loro ruolo di educatori dei figli e si mettono sempre a prendere le loro parti, anche quando francamente indifendibili. . Mi ricordo la mamma di un compagno di seconda elementare di mio figlio , lamentarsi con me dell’ insegnante come se tale insegnante fosse un mostro perche’ ’ aveva osato sospendere il figlioletto, il quale angelico pargoletto aveva “ solo” preso a calci negli stinchi la suddetta insegnante e dal banco poi le aveva lanciato un diario copertina rigida che cogliendo sulla fronte l’ insegnante le aveva procurato un taglio, che poi dovette essere suturato con tre punti . Mi ricordo che pensai : se tanto mi da’ tanto, se a otto anni prende a calci e ferisce la maestra, a sedici anni che fara’ , se i genitori lo difendono sempre, diventera’ un serial killer?
    E’ fin dalla piu’ tenera eta’che il familismo immorale genera mostri.

  13. Don Ariel, la sua pedagogia mi ricorda molto quella di don Camillo con Peppone. L’unica differenza è che Peppone, poi, capiva…
    Mi piacerebbe avere almeno la sua prontezza nelle risposte con i genitori di certi miei alunni che pretendono di determinare loro il voto dei figli.

  14. Ok. Tutto condivisibile. (A parte le digressioni finali su Pannella, Bonino ecc. sulle quali si può discutere in un altro momento.)
    Quindi cosa facciamo?
    Una nuova legge sulla responsabilità penale dei genitori diseducativi?
    Cosa facciamo?
    Ci mettiamo a dare sberle a dritta e a manca?
    Mi spiace ma siamo tutti responsabili, con la nostra indifferenza politica, e civile; responsabili di questo disastro, progettato attraverso una scuola senza risorse, una televisione lobotomizzante e un mondo di SlotMachines.

  15. Ho insegnato nel liceo dove, a quanto leggo, andavano le due ragazze. Quasi tutte le classi piene di ragazzotti e ragazzotte viziati, che non avevano né voglia di studiare né le basi per affrontare un liceo (erano i genitori ad averli mandati lì), ma che in ogni caso venivano promossi. In qualche classe avevano un comportamento chiaramente arrogante e maleducato, non in senso violento ma comunque facendosi gli affari propri durante la lezione (lezione per modo di dire). A me che obiettavo che in una classe di terza liceo molti ignoravano il significato di termini come artiglieria, intrinseco, fallace, la preside disse di non pormi “idealtipi troppo elevati”. Non a caso in quel liceo capitavano diversi bocciati da altre scuole. Ma non è che altrove sia meglio. Non parlo p. es. di una scuola media a Monteverde dove i ragazzini maleducati e viziati erano quasi sempre spalleggiati dai genitori, fossero distinti professionisti o ignorantoni energumeni. Taccio poi di realtà di provincia anche al Nord, dove capita di sentirsi dire che vanno a scuola per fare un favore ai professori. Evviva il Progresso!

  16. Tutto verissimo. Ma anche tutto ovvio, perché se non esiste Dio non esiste nessuna autorità. Omnis potestas fit a Deo, ma oggi ciò è declinato in Non avrò altro dio all’infuori di me.

  17. Schiatteranno, o se schiatteranno! la vita è, tutto sommato, abbastanza lunga e questi personaggi sono, in larga parte, destinati al disastro. Il problema è: quante sofferenze infliggeranno nel frattempo al loro prossimo (ove per prossimo intendesi: i loro figli, tutti quelli che verranno in contatto con loro o i loro figli, la comunità stessa che si troverà ad interagire con loro ed i loro figli)? Proviamo a tenere conto che in quelle classi, bastano un paio di questi elementi per apportare danno anche a tutti gli altri.
    Un grazie per esserci padre Ariel.

  18. @Jack

    per non piangerci addosso e basta, si potrebbe cominciare col darci da fare per l’effettiva libertà di educazione, tramite il buono-scuola a costo standard. Il “Popolo della Famiglia” ce l’ha nel suo programma politico: http://ilpopolodellafamiglia.net/programma/
    Così, intanto, cominceranno a essere scuole dove i prof. potranno fare sul serio il proprio lavoro, supportati a casa dalle famiglie che vorranno che i loro figli non vadano a male, come quelli descritti in questo articolo.
    Poi, da cosa nasce cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri ancora disponibili

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.