Os cânceres mais terríveis, e difícil de curar são as doenças que nos impedem de ser testemunhas de Cristo [objeção reflexão: "A falta de perdão"]

visite o blog pessoal de Padre Ivano

- Ministério da Saúde -

CÂNCER MAIS TERRÍVEL e são difíceis de curar doenças que impedem a ser testemunhas de Cristo

[ IIIª REFLEXÃO: A falta de perdão ]

.

Vamos começar com uma constatação trivial: porque sentimos ressentimento e não perdoamos? Semplicemente perché riviviamo interiormente il male che ci è stato fatto, rimuginandolo nel nostro cuore. La memoria dell’offesa arrecata — in questo caso — non lavora più affinché si giunga a una risoluzione ma lavora per reiterare l’offesa, che nel tempo cronicizza e resta calcificata come ossessione nel nostro animo.

.

Autor
Ivano Liguori, ofm. Capp.

.

.

PDF artigo formato de impressão

 

.

.

le vignette di Gioba [Giovanni Berti, presbìtero veronese] originale in gioba.it Quem

La terza patologia espiritual che tratterò è legata alla tendenza a non concedere il perdono facilmente, ed è assai diffusa. Essa non risparmia i fedeli laici come i consacrati. Assim, da sacerdote dedito al ministero di confessore,spesso mi trovo a sondare questo aspetto all’interno della vita dei penitenti che s’accostano al prezioso Sacramento della riconciliazione.

.

Assisto così il più delle volte ad una sorta di schizofrenia spirituale, de fato, se da un lato si vuole ottenere il perdono di Dio a qualunque costo — dato il proliferare delle tendenze misericordiste — questo desiderio non corrisponde però ad una concessione di perdono altrettanto voluta verso gli altri. La ricerca del perdono e la rigidità nel concederlo costituisce certamente un paradosso nella vita di molti uomini e donne che vivono la fede.

.

Da confessore, devo ammettere che la realtà più dolorosa consiste nel prendere atto di come la mancanza di perdono difficilmente viene percepita come peccato da confessare, e a volte non viene neanche recepita come conditio sine qua non che rende conformi all’immagine di Cristo [CF. 1Pt 2,23]. Ogni giorno recitando la preghiera del Padre Nostro, siamo messi davanti a una clausola di perfezione ascetica che chiede a Dio di rimettere le nostre mancanze, nella misura in cui noi ci facciamo portatori di perdono verso coloro che ci hanno offeso. Dunque cerchiamo di stare attenti a ciò che chiediamo in preghiera, difatti Dio prende sul serio queste parole che non sono dell’uomo ma di Cristo, cosa questa che c’insegna la versione del Padre Nostro nel Vangelo di San Matteo che dice così: «Rimetti a noi i nostri debiti, come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori» [CF. MT 6,12], quella del Vangelo di San Luca invece: «Perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore» [CF Lc 11,4]. Le differenze sono minime, ma la sostanza non cambia: il cristiano si riconosce da come perdona, cioè dal modo in cui esercita la propria giustizia non secondo la logica del mondo ma secondo la logica del Vangelo [CF. Catecismo da Igreja Católica n. 2838; Compendio n. 594].

.

Il Padre Nostro è da sempre una preghiera problematica — è stato così per Sant’Agostino — ma tale problematicità non è sinonimo di impossibilità a realizzare ciò che chiede, semmai di resistenza alla grazia, ovvero indice di un cuore umano ammalato.

.

Ci sono tante persone che dicono: «Io non perdono» oppure «Io perdono ma non dimentico». Sono frasi estrapolate dal loro contesto e dalla carica emozionale con cui vengono pronunciate, ma che racchiudono realmente una profonda verità. E con questa mia riflessione voglio cercare di rispondere proprio a queste due obiezioni.

.

Eu. DIO PERDONA, IO NO: UN TRAGUARDO CHE SUPERA L’UOMO.

.

Che l’uomo fosse un disastro nel perdonare lo aveva ben capito il Beato apostolo Pietro [CF. MT 18,21-22], quando rivolgendosi a Gesù domanda fino a quante volte è lecito perdonare il proprio offensore. Pietro interroga Gesù sulla liceità di un atto morale previsto dalla legge, ma il maestro risponde capovolgendo in positivo la cifra della vendetta di Lamec [CF. GN 4,23-24]: «Non ti dico fino a sette volte, ma a settanta volte sette». Con questa risposta spiazzante Gesù — tenendo presente tutta la valenza simbolica dei numeri sette e settanta — vuol far capire a Pietro che il perdono non è un atto morale che tocca l’obbligatorietà giuridica ma la grazia. La parabola successiva del servo spietato, illustra molto bene la problema superação e la corretta ermeneutica del pensiero di Gesù espresso a Pietro [CF. MT 18,23-35].

.

Il perdono insegnato da Cristo ai discepoli raggiunge il suo vertice sul Calvario e vive della mistica dell’incontro col Padre autore della grazia e quindi del per-dono [CF. LC 23,34]. Perdonare significa ritornare a Dio, permettere che lui ci renda nuovi. Il santo re Davide, consapevole di questa necessità di conversione e di rinnovamento nello spirito che indirizza verso il perdono, nel Miserere si fa portatore di una richiesta precisa «Crea in me, ou Dio, un cuore puro rinnova in me uno spirito saldo» [CF. Vontade 51,12].

.

Il ricorso alla conversione, necessario per essere docili alla grazia e ammorbidire il cuore, ci permette di essere perdonati e di perdonare a nostra volta. Colui che perdona, de fato, è un graziato ed è consapevole di dover vivere in un perenne desiderio di conversione. Non basta una generosa volontà di sapore pelagiano per attuare pienamente il perdono. L’esperienza quotidiana insegna che, nella maggioranza dei casi, posso tentare di isolare l’offesa e l’offensore, forse anche tentare di dimenticare, ma questo non significa ancora perdonare.

.

Sono solito dire ai penitenti che perdonare vuol dire avere, verso coloro che ci hanno offeso, il medesimo sguardo che Dio Padre ha verso di noi quando ci inginocchiamo davanti al sacerdote confessore. Significa fare l’esperienza autentica del Padre Misericordioso di Luca [CF. LC 15,11-32], che concede il perdono, visto quasi come impossibile dal figlio minore, senza indugiare sulle motivazioni del ritorno e senza la costrizione di un ritorno stabile nella casa paterna. È proprio questo il modo corretto di esercitare il perdono cristiano, tanto da rafforzare la credibilità della nostra fede e della proposta che Gesù fa ad ogni discepolo [CF. (C). Theobald, Il cristianesimo come stile. Un modo di fare teologia nella postmodernità, -II, Bolonha, EDB, 2009]. Non posso che condividere, Neste ponto, l’ottimo pensiero di Alessio Rocchi, quando afferma che:

.

«Avere viscere di misericordia non significa essere smidollati, ma piuttosto disporre di un supplemento di forza (o di grazia, ed). In questo senso il perdono è redenzione, non negazione o riduzione del male ma sua revisione. Non è miracolo non azione priva di fatica compiuta da un potente mago o da un onnipotente dio, ma dura prova di esistenza terrena, attraverso sguardi che (Rei)inseriscono in una relazione, mediante parole che (Rei)integrano in una storia» [CF. Para. Rocchi, Il tempo del perdono, Aporie del perdonare tra filosofia e teologia, p. 97, IUSTO – Studi e ricerche, 2015].

.

Proprio perché il perdono è un momento redentivo che riconduce a una relazione intima e nuova, esso si colloca come luogo teologico in cui è possibile vivere la novità promessa da Dio per bocca del profeta Isaia [CF. É 43,19]; cioè vedere nascere una strada nel deserto in cui è possibile percorrere nuove situazioni, e in cui l’uomo può muoversi in piena comunione con il Padre senza la paura di sentirsi vulnerabile o nudo [CF. GN 3,11].

.

Perdonare significa costruire vie nuove, perciò il rapporto che si crea tra offeso e offensore non ha nulla a che fare con la relazione precedente il torto, ma è un rapporto trasfigurato in cui Dio si rivela. Studiando la dinamica del perdono a cui Dio invita l’uomo, siamo così ricondotti alla riflessione sulla dinamica escatologica della vita oltre la vita.

.

Nel mio ministero di cappellano ospedaliero è prassi comune assistere i morenti e le loro famiglie. Il nodo più doloroso che il malato morente deve recidere prima del congedo definitivo è quello di concedere il perdono o di accettare il perdono. Una prova simile deve essere affrontata anche dalla famiglia del malato. Tralasciando in questa sede, le motivazioni e le cause scatenanti i debiti da condonare prima della morte, è necessario soffermarsi sul bisogno che il morente ha di morire riconciliato. Riconciliato con Dio e quindi riconciliato con i fratelli che ha offeso o che sono stati per lui motivo di sofferenza.

.

L’episodio del Buon Ladrone detta il nostro approfondimento. I vangeli testimoniano come Gesù sia stato crocifisso tra due ladroni [CF. MC 15,27]: sappiamo come il termine greco λήστοι [lèstoi] individui un criminale politico — oggi diremo un terrorista — piuttosto che un ladro o un delinquente generico. La situazione che si presenta sul Calvario agli occhi dei romani è chiara: l’esecuzione di due prigionieri politici insieme a Gesù visto come un sobillatore e un sovvertitore del popolo d’Israele. Ma ecco che nel pieno dell’agonia, uno di questi nemici di Roma, ormai prossimo alla fine, si rivolge a Gesù e — riconoscendo in lui il Signore e insieme bisognoso di conversione e rappacificazione per una vita di delitti, odi e rancori — esclama: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno» [CF. LC 23,42].

.

Queste parole che ci permettono di capire come

.

«Il perdono venga – ancora una volta – insieme richiesto e offerto. A leggerle e rileggerle suonano come tre grazie. Obrigado, ti peço Obrigado, ti chiedo perdono perché la mia vita non è stata un granché. Obrigado, ti faccio Obrigado, ti perdono per la tua impotenza, per il tuo non scendere dalla croce, per il tuo non farmi scendere insieme a te. Ti grazio e ti accetto per quello che sei, mettendo da parte la mia delusione nei tuoi confronti. Ti faccio la grazia di non chiederti un miracolo, di non imprecare – e ne avrei molti motivi – sulla mia e sulla tua sorte. Questo malfattore crocifisso chiede di essere perdonato attraverso la domanda di un ricordo, parece perdonarsi attraverso il riconoscimento della propria pena, decide di perdonare tacendo le proprie legittime maledizioni e zittendo le rivendicazioni miracolistiche del compagno condannato» [CF. Para. Rocchi, Il tempo del perdono, Aporie del perdonare tra filosofia e teologia, p. 95, IUSTO – Studi e ricerche, 2015].

.

Il dialogo del ladrone pentito con Gesù si colloca nell’orizzonte della vita che non tramonta, di una speranza escatologica molto netta, di cui tutti abbiamo bisogno. È evidentissimo il desiderio che questo condannato ha di vivere, ed è altrettanto evidente in lui la consapevolezza che il morire senza chiedere e concedere il perdono, pregiudica la vita futura con l’aggravante della conclusione di una vita terrena dentro una tragicità non necessaria. L’unica speranza per non morire eternamente — nell’oblio, tra i fantasmi di una storia personale che dice violenza, distruzione e odio — è la benedizione che giunge con il perdono. Sebbene la morte si atteggi a signora — così come ricorda il cantautore Branduardi in una sua famosa ballata [CF. vídeo Quem] — il perdono prima dell’addio vince sulla morte, e può essere già caparra di eternità, riscatto di un’esistenza rovinata, garanzia di guarigione verso se stessi e verso il prossimo. Del resto sarebbe paradossale che il cristiano iniziasse la nuova vita in Paradiso con diverse pendenze a suo seguito. Una vita piena [CF. GV 10,10] è il sinonimo di una vita pienamente riconciliata, una vita a metà è al contrario l’espressione di un rallentamento che ci priva della comunione con Dio e con i fratelli, una frizione che dovrà essere ricomposta o espiata in altro modo.

.

(II). BUONA MEMORIA PER PERDONARE

.

Siamo sinceri, dopo aver ricevuto un’offesa è difficile metterci una pietra sopra. Molti desidererebbero mettere una pietra sopra l’offensore, ma questo non è civilmente e cristianamente accettabile. Esistono poi le persone che ci invitano a dimenticare e a far finta di niente. Costoro finiscono per essere consolatori inopportuni come i tre amici del saggio Giobbe [CF. Gb 3,ss], e non ci arrecano nessun buon servizio. Per questo motivo — come detto in precedenza — abbiamo bisogno della grazia di Dio insieme a una richiesta di preghiera costante ed esplicita, affinché il Signore guarisca la nostra ferita e ci doni il tempo necessario per giungere convertiti al perdono. Ma il raggiungimento del perdono include la capacità di una buona memoria, infatti dimenticare completamente l’offesa — opzione improbabile — ci priverebbe della possibilità di concedere il perdono e quindi di raggiungere la pace e quella benedizione che è garanzia per un nuovo inizio di vita.

.

Vamos começar com uma constatação trivial: porque sentimos ressentimento e não perdoamos? Semplicemente perché riviviamo interiormente il male che ci è stato fatto, rimuginandolo nel nostro cuore. La memoria dell’offesa arrecata — in questo caso — non lavora più affinché si giunga a una risoluzione ma lavora per reiterare l’offesa, che nel tempo cronicizza e resta calcificata come ossessione nel nostro animo.

.

Uno dei sintomi di coloro che non vivono il perdono è la sensazione di avere un peso nel cuore, e tale sensazione spesso viene trascinata per anni. Il filosofo Paul Ricoeur diceva:

.

«l’autentico perdono non implica l’oblio degli eventi stessi, ma un modo diverso di significare un debito [...] che paralizza la memoria e di conseguenza la capacità di ricreare noi stessi in un nuovo futuro» [CF. R. Kearney M. Dooley, Questioni di etica: dibattiti contemporanei in filosofi, Armando Editori, 2005, p. 40; a completamento del pensiero cf. anche P. Ricœur, Ricordare, dimenticare, perdonare. L’enigma del passato, The Mill, Bolonha 2004].

.

Questa fissazione della memoria sull’offesa è deleteria, quando la memoria deve concentrasi sull’offesa è solo per avviare un processo di liberazione che condoni, pezzo per pezzo, il torto subito.

.

Alcune volte, per vincere l’ossessione insieme all’ansia del perdono non concesso, si ha la tendenza a sostituire il rancore con l’indifferenza, ma ciò è un falso rimedio. La medicina de «l’occhio non vede, cuore non duole», non solo non è cristiana ma diventa una modalità sottile e tremenda per condurre a morte il fratello esiliandolo dalla propria esistenza.

.

L’insieme dei processi appena descritti ci aiutano a capire nell’insieme la frase: «non riesco a perdonare!». Realmente la persona è impossibilitata a perdonare, perché tale offesa si è indurita, sclerotizzata, non bastano più le medicine tradizionali ma urge l’intervento chirurgico. L’intervento d’urgenza consiste nell’associare la memoria alla presenza di Dio. Una parola che ricorre molto nell’Antico Testamento è «ricorda», il verbo che si collega direttamente alla memoria delle persone, delle cose e degli eventi. Ma per l’agiografo biblico, il ricordare si traduce in memoriale. Detto semplicemente il memoriale è il ricordare insieme a Dio.

.

Fare memoria di quelle situazioni e di quegli eventi in cui Dio si è rivelato — e ancora si rivela — nella sua potenza, tanto da operare meraviglie a beneficio dell’uomo. Il memoriale perciò è più che far memoria, è ricordare attraverso la fede, ripristinare una ben definita identità teologica, che vede in Dio il riscattatore e nell’uomo una creatura da riscattare e redimere.

.

Per perdonare da cristiano devo fare memoriale, cioè ricordare insieme a Dio, vedere con nitidezza le offese e le ferite, affinché si formi uno sguardo provvidenziale all’interno del quale lo Spirito di Dio — memoria viva della Chiesa [CF. GV 15,26] — lavori affinché ogni offesa e ferita si traduca in occasione di lode. Facendo memoriale vedo nella persona che mi ha ferito, i lati positivi, le buone intenzioni realizzate, i propositi di bene naufragati, le immancabili contraddizioni e incoerenze. Riesco a vedere nell’offensore non più un nemico da combattere ma una persona bisognosa di aiuto perché anch’essa ferita e assetata di redenzione. Nel memoriale percepisco bene anche le mie responsabilità, mi assumo la consapevolezza di aver forse agevolato determinati comportamenti nell’altro e ridimensiono la tendenza a vedermi come capro espiatorio.

.

Il memoriale è l’esame di coscienza com o qual, come per Abramo, Dio mi permette di diventare intercessore verso chi si è reso ostile [CF. GN 18,20-32], senza chiudere gli occhi davanti al male inferto e ricevuto e con la tendenza a far trionfare la giustizia misericordiosa di Dio.

.

[fine della IIImeditação ª]

.

Cagliari, 10 Março 2019

.

.

.

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:



ou você pode usar a conta bancária:
Eram TI 08 (J) 02008 32974 001436620930
neste caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

 

.

.

.

Avatar

Acerca de isoladipatmos

2 thoughts on "Os cânceres mais terríveis, e difícil de curar são as doenças que nos impedem de ser testemunhas de Cristo [objeção reflexão: "A falta de perdão"]

  1. Interessante esposizione. Lei accenna che il perdono va offerto, e anche ricevuto. Mi sembra di capire che nell’economia del perdono, all’azione di colui che perdona i torti ricevuti, deve ( obbligatoriamente) corrispondere l’accettazione del perdono, ovvero il riconoscimento dei torti fatti: cosa accade se la persona autrice dei torti, davanti all’offerta di perdono, si rifiuta comunque di riconoscere queste sue cattive azioni e quindi di fatto rifiuta quest’offerta di pace? Cerco di immaginare la scena del Padre che offre il suo perdono al figliol prodigo, magari in punto di morte, e costui gli risponde: non ho niente da farmi perdonare.

  2. Sono entrato in questo spazio commenti per ringraziare l’autore di questo scritto che finalmente mi ha aiutato a fare luce sulla mia impossibilità di perdonare e di essere perdonato.

    Mi permetto una riflessione su quello che scrive Alessandra.
    Secondo me affronta il problema dalla parte sbagliata.
    Nell’articolo nessuno dice che, chi ha subito offesa deve andare a chiedere perdono all’autore dell’offesa.
    Tanto meno ha senso nella parabola del figlio prodigo che il padre offra il suo perdono al figlio.
    Offrire il proprio perdono a qualcuno è un modo molto contorto di esprimere una richiesta di perdono.
    Non vedo di cosa deve offrire il suo perdono il padre.
    Il padre ha aderito ad una richiesta esplicita del figlio di avere in anticipo il 50% della futura eredità paterna .
    Il figlio ha buttato via questa eredità e ha fatto ritorno al padre con le ossa rotte e strisciando per terra per ottenere un posto da salariato.

    Quindi il figlio, anche se non lo chiede espressamente, trasuda pentimento anche dai pori della pelle, ed è talmente convinto di avere torto marcio che non osa neanche chiedere perdono al padre.
    Il figlio torna dal padre senza la più pallida idea di quello che farà in presenza del padre e senza la più pallida idea di come il padre affronterà il suo ritorno.
    Il padre risolve interamente la questione, anticipando l’evidente richiesta di perdono del figlio ed evitando la sua umiliazione.
    Il padre capisce tutto al volo perché legge l’anima del figlio e senza chiedergli nulla lo accoglie e lo perdona per tutto il male che ha ricevuto dal figlio.
    Fa festa per il suo ritorno a prescindere da quello che succederà dopo e a prescindere dalla decisione futura del figlio.

    Questo è il perdono senza condizioni di cui parla l’autore dell’articolo, il perdono che pulisce l’anima, il perdono che rinnova il cuore, quel perdono incondizionato che io non riesco a concedere ai miei nemici che forse non sarebbe di grande aiuto a loro ma che farebbe benissimo a me.

    LUCA

Deixe uma resposta

seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *

 caracteres restantes

Este site usa Akismet para reduzir o spam. Saiba como seus dados comentário é processado.